CATALOGO Dal 1980 la qualità italiana nei trattamenti per l acqua LE SOLUZIONI PIÙ SEMPLICI, SICURE ED EFFICACI PER TRATTARE BENE L'ACQUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO 2015. Dal 1980 la qualità italiana nei trattamenti per l acqua LE SOLUZIONI PIÙ SEMPLICI, SICURE ED EFFICACI PER TRATTARE BENE L'ACQUA"

Transcript

1 IDRACLEAN Dal 1980 la qualità italiana nei trattamenti per l acqua PULIZIA, PROTEZIONE E SANIFICAZIONE IMPIANTI TERMICI CIVILI IDRATERM CATALOGO 2015 IDRAFOS LE SOLUZIONI PIÙ SEMPLICI, SICURE ED EFFICACI PER TRATTARE BENE L'ACQUA IDRASOLAR

2 PER EVITARE GLI SPRECHI ENERGETICI NEGLI IMPIANTI TERMICI QUALSIASI TIPO DI ACQUA, PRELEVATA IN QUALSIASI PARTE DEL MONDO, DURA O ADDOLCITA, IN UN CIRCUITO TERMICO CORRODE e INCROSTA. L acqua messa in un contenitore con scaglie di ferro, alluminio e rame in poche settimane forma ossidi metallici. Negli impianti a bassa temperatura si sviluppano colonie batteriche e biomasse. Le corrosioni avvengono sui metalli nell impianto. Le incrostazioni avvengono dove c è l aumento della temperatura (in caldaia). Nell impianto si formano melme e depositi (anche più di 1 kg all anno in 100 litri di acqua). In presenza di alluminio si forma gas. Negli impianti a bassa temperatura si sviluppano anche colonie batteriche. LA CALDAIA "SUBISCE I PROBLEMI CAUSATI DALL ACQUA DELL IMPIANTO LA MAGGIOR PARTE DELLE ROTTURE E GLI SPRECHI ENERGETICI IN UNA CALDAIA DIPENDONO DALL ACQUA. PER PULIRE BENE GLI IMPIANTI ED EVITARE CHE SI RIFORMINO INCROSTAZIONI OCCORRE USARE PRODOTTI CHIMICI EFFICACI E SICURI. 2

3 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO NORME TECNICHE COME TRATTARE L ACQUA NEL RISPETTO DEL D.P.R. n 74/2013 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO FINO A 100 KW MENTO Il LAVAGGIO FINO A 100 DELL IMPIANTO KW è raccomandato in tutti gli impianti NUOVI o MODIFICATI o con SOSTITUZIONE del generatore o dove risulta necessario (presenza di ferro superiore a 0,5 p.p.m.). * Il ph dell acqua deve essere sempre maggiore di 7 e minore di 8 in presenza di alluminio e leghe leggere. CARATTERISTICHE DELL ACQUA Durezza totale da 15 a 35 F Durezza totale superiore ai 35 F TRATTAMENTI OBBLIGATORI CONDIZIONANTI CHIMICI Condizionante chimico protettivo Impianto alta temperatura IDRATERM P100 Impianto bassa temperatura (pannelli radianti): IDRATERM P140 o IDRATERM P Condizionante chimico protettivo Impianto alta temperatura: IDRATERM P100 Impianto bassa temperatura (pannelli radianti): IDRATERM P140 o IDRATERM P TRATTAMENTI OBBLIGATORI APPARECCHIATURE Filtrazione Addolcitore NEW STAR Per evitare l installazione dell addolcitore e per evitare la formazione di incrostazioni da sali di calcio introdurre IDRATERM 200 Filtrazione Addolcitore NEW STAR IMPIANTO DI RISCALDAMENTO SOPRA I 100 KW Il LAVAGGIO DELL IMPIANTO è raccomandato in tutti gli impianti NUOVI o MODIFICATI o con SOSTITUZIONE del generatore o dove risulta necessario (presenza di ferro superiore a 0,5 p.p.m.). * Il ph dell acqua deve essere sempre maggiore di 7 e minore di 8 in presenza di alluminio e leghe leggere. CARATTERISTICHE DELL ACQUA Durezza totale superiore ai 15 F TRATTAMENTI OBBLIGATORI CONDIZIONANTI CHIMICI Condizionante chimico protettivo Impianto alta temperatura: IDRATERM P100 Impianto bassa temperatura (pannelli radianti): IDRATERM P140 o IDRATERM P TRATTAMENTI OBBLIGATORI APPARECCHIATURE Filtrazione Addolcitore (NEW STAR) COSA PREVEDE LA NORMA UNI 8065 PER GLI IMPIANTI TERMICI CIVILI 5.5 RISANAMENTO IMPIANTI I trattamenti elencati hanno lo scopo di mantenere l acqua negli impianti nelle condizioni ottimali di esercizio In caso contrario, va previsto un preliminare trattamento specifico di risanamento da parte di personale specializzato. 6.1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO AD ACQUA CALDA TRATTAMENTI PRESCRITTI Per tutti gli impianti è necessario prevedere un condizionamento chimico CARATTERISTICHE DELL ACQUA DI RIEMPIMENTO E RABBOCCO Aspetto: limpido / Durezza totale: minore di 15 F *in impianti sotto i 100 kw, se l acqua ha una durezza inferiore a 35 F, l addolcitore può essere sostituito da un idoneo prodotto antincrostante CARATTERISTICHE DELL ACQUA DEL CIRCUITO Aspetto: possibilmente limpida / ph: maggiore di 7 (con radiatori ed elementi di alluminio o leghe leggere il ph deve essere anche minore di 8). / Condizionanti: presente entro le concentrazioni indicate dal fornitore. / Ferro (come Fe): minore di 0,5 ppm (valori più elevati di ferro sono dovuti a fenomeni corrosivi da eliminare) / Rame (come Cu): minore di 0,1 ppm (valori più elevati sono dovuti a fenomeni corrosivi da eliminare). 3

4 IDRATERM...e sei al sicuro fino a 5 anni! LA MIGLIOR PROTEZIONE PER QUALSIASI TIPO DI IMPIANTO TERMICO I protettivi IDRATERM sono: semplici da controllare proteggono gli impianti fino a 5 anni non modificano il ph naturale dell acqua quando si esauriscono, possono essere reintegrati senza vuotare l impianto fanno risparmiare combustibile IDRATERM P100 IDRATERM P140 IDRACLEAN CALDAIA IDRACLEAN F900 Ventilconvettori IDRATERM 200 IDRATERM 280 Caldaia IDRATERM 500 Pompa di calore Geotermia IDRATERM G. ECO Radiatori IDRATERM 400 IDRATERM 240 Impianto a pavimento IDRATERM 415 IDRATERM 700 I prodotti IDRATERM possono essere usati in tutti i tipi di impianti 4

5 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PROTEZIONE IDRATERM P100 evita i fenomeni corrosivi causati dall acqua su tutti i metalli (acciaio - rame - alluminio); previene le incrostazioni e la formazione di gas; stabilizza il ph a un valore neutro. Protettivo per impianti ad alta temperatura o di condizionamento IDRATERM P100 Il prodotto contiene specifici protettivi per l alluminio e antincrostanti per il calcare per acque con durezza massima di 25 F. Per durezze superiori, in impianti con grande contenuto d acqua, aggiungere IDRATERM 200. Utilizzo: il prodotto va aggiunto nella quantità da 0,5 a 1 kg ogni 100 litri di acqua presente nell impianto. Il dosaggio allo 0,5% garantisce una protezione totale almeno per 2 anni; all 1% fino a 5 anni alle normali condizioni di esercizio. Verificare ogni anno e dopo ogni applicazione la presenza della giusta quantità di protettivo con l apposito TEST KIT. Confezioni: bottiglie da 1 kg - taniche da 5 kg o 27 kg. IDRATERM P140 evita i fenomeni corrosivi causati dall acqua su tutti i metalli (acciaio - rame - alluminio); previene le incrostazioni e la formazione di gas; limita la crescita di colonie batteriche; stabilizza il ph a un valore neutro. Protettivo per impianti ad alta e bassa temperatura (pannelli radianti) IDRATERM P140 Il prodotto contiene antincrostanti per il calcare per acque aventi una durezza massima di 25 F. Per durezze superiori, in impianti con grande contenuto d acqua, aggiungere IDRATERM 200. Utilizzo: il prodotto va aggiunto nella quantità da 3 a 5 kg ogni 100 litri di acqua presente nell impianto. Il dosaggio al 3% garantisce una protezione totale almeno per 2 anni; al 5% fino a 5 anni alle normali condizioni di esercizio. Verificare ogni anno e dopo ogni applicazione la quantità di protettivo presente e l assenza di carica batterica con l apposito TEST CULT. Confezioni: taniche da 5 kg o 27 kg. 5

6 LA PROTEZIONE DAL GELO NEGLI IMPIANTI TERMICI NEGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO O DI CONDIZIONAMENTO, A VOLTE, C È LA NECESSITÀ DI PROTEGGERE DAL GELO Il prodotto che viene comunemente usato è il glicole; sul mercato sono disponibili: il glicole etilenico (nocivo per ingestione; non può essere scaricato in fognatura) il glicole propilenico (atossico). L utilizzo di soluzioni acqua e glicole richiede però degli accorgimenti, in quanto la soluzione è instabile perché i glicoli tendono naturalmente a degradarsi, per reazione con l ossigeno presente, formando degli acidi. La formazione di questi acidi conduce ad un abbassamento del ph e quindi favorisce i fenomeni corrosivi. CH2 OHOH2 OH CH2 OHCOOH + CHOOH glicole etilenico acido glicolico acido formico CH3 CH2 OHOH2OH CH3 CH2 OHCOOH + CHCOOH glicole propilenico acido lattico acido acetico La problematica è accentuata dall alta temperatura, che porta alla rottura delle molecole di glicole, che si rendono quindi ancor più disponibili alle reazioni con l ossigeno. IN POCHE DECINE DI SETTIMANE IL GLICOLE SENZA ADEGUATI PROTETTIVI DIVENTA ACIDO GRAFICO: Degradazione del glicole e variazione del ph. N.B.: Il nostro glicole è atossico e non deve essere sostituito ogni due o tre anni ma bisogna reintegrare il glicole o il protettivo all'occorrenza (normalmente dopo 5 anni). I prodotti IDRATERM sono formulati ad un ph tra 7 e 8, contengono specifici inibitori di corrosione per tutti i metalli, inibitori dell ossigeno e battericidi. Questo garantisce che non si possano sviluppare fenomeni corrosivi e incrostanti dovuti ad ossidi metallici o biomasse. I protettivi presenti nei prodotti IDRATERM sono controllabili con il TEST KIT IDRATERM P; quando al controllo annuale il protettivo risulterà insufficiente, basterà reintegrare il solo protettivo come in un normale impianto. Aggiungendo l IDRATERM P 100 se l impianto è ad alta temperatura o l IDRATERM P 140 se l impianto è a bassa temperatura (25-40 C) si eviterà la decomposizione del glicole lasciando inalterata la capacità di protezione al gelo, che va comunque verificata con un rifrattometro. QUESTE SOLUZIONI RISULTERANNO PIÙ SICURE E, NEGLI ANNI, MENO COSTOSE. 6

7 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PROTEZIONE IDRATERM 500 è glicole propilenico (atossico), con specifici inibitori di corrosione a ph neutro, per circuiti multi-metallici, ricircolati chiusi, caldi e/o freddi, idonei a prevenire gli attacchi corrosivi tipici delle soluzioni acqua/glicole, oltre a quelli tipici dell acqua. Idoneo anche per impianti con alluminio. Utilizzo: il prodotto va immesso nei circuiti puliti, non contenenti depositi organici o inorganici, quindi possibilmente nuovi o risanati. Il prodotto va miscelato in acqua (anche parzialmente), prima di essere immesso nel circuito, per avere una corretta diluizione in impianto. La protezione dal gelo sarà in funzione della percentuale del prodotto in acqua, come da tabella presente nella confezione. Consigliamo comunque di verificare la concentrazione del prodotto in impianto dopo almeno un ora di circolazione, o con densimetro, o con un rifrattometro specifico per l uso. Il protettivo presente nel prodotto può garantire, alle normali condizioni d uso, un adeguata protezione fino a 5 anni e manterrà inalterate le caratteristiche del glicole. Ogni anno vanno verificati: il grado di protezione al gelo e le quantità di protettivo residuo con il KIT IDRATERM P. In caso di necessità: reintegrare IDRATERM 500 o aggiungere il protettivo IDRATERM P100 o P140, per evitare i fenomeni corrosivi e/o la decomposizione del glicole. Confezioni: taniche da 5 kg o 25 kg. IDRATERM 545 è glicole propilenico (atossico) premiscelato per protezione fino a -25 C, con specifici inibitori di corrosione a ph neutro, per il riempimento dei circuiti termici. Idoneo anche per impianti con alluminio. Prodotto pronto all uso (già diluito). Utilizzo: il prodotto va immesso nei circuiti puliti, non contenenti depositi organici o inorganici, quindi possibilmente nuovi o risanati. La concentrazione del prodotto va controllata ogni anno (la protezione al gelo con il rifrattometro e il protettivo con l apposito test kit) ed eventualmente reintegrato. Il prodotto deve essere introdotto direttamente nell impianto avendo cura di verificare che il circuito sia perfettamente pieno. Il protettivo presente nel prodotto può garantire, alle normali condizioni d uso, un adeguata protezione fino a 5 anni e manterrà inalterate le caratteristiche del glicole. In caso di mancanza del protettivo aggiungere IDRATERM P100 o P140, per evitare i fenomeni corrosivi e/o la decomposizione del glicole. Confezioni: taniche da 5 kg e 25 kg. IDRATERM G.ECO Antigelo ecologico (glicole propilenico atossico) specifico per impianti geotermici, con protettivi antincrostanti e anticorrosivi. Il prodotto non contiene fosfati, metalli, nitriti e ammine. Utilizzo: il prodotto va immesso in un punto qualsiasi dell impianto. Contiene uno speciale pacchetto di inibitori di corrosione polimeri disperdenti e antincrostanti, che proteggono i circuiti in materiale ferroso, rame o sue leghe, dagli attacchi acidi tipici dei sistemi contenenti soluzioni glicolate ed evita le incrostazioni calcaree. La protezione anticorrosiva si mantiene fino a quando il ph rimane sopra a 8. Quando il ph scende al di sotto di questo valore reintegrare il prodotto o sostituire completamente la soluzione. Prima di immettere il prodotto in un impianto si raccomanda di pulire il circuito con il prodotto IDRATERM più indicato. Diluire il prodotto dal 20 al 30% (non scendere mai al di sotto del 20%) e controllare annualmente il grado di protezione dal gelo e reintegrare se necessario. Confezioni: taniche da 25 kg. 7

8 IDRATERM LA PIÙ EFFICACE PULIZIA PER QUALSIASI TIPO DI IMPIANTO TERMICO Rispetto ai migliori prodotti presenti sul mercato IDRATERM consente di : portare in sospensione fino al doppio di quantità di ossidi metallici mantenere in sospensione per tempi molto più lunghi lo sporco rimosso anche senza agitazione Ferro disperso Rame disperso Fe Cu IDRATERM 240 Concorrenza 1 Concorrenza 2 tempo (min) tempo (min) Ossido sedimentato Ossido sedimentato (%) tempo (min) LA GAMMA DI PRODOTTI PIÙ COMPLETA PRESENTE SUL MERCATO, CHE CONSENTE DI INTERVENIRE CON PRODOTTI SPECIFICI PER OGNI ESIGENZA: CON SEMPLICITÀ: è sufficiente lasciare circolare i prodotti nell impianto CON I TEMPI DISPONIBILI: in fretta (2 ore con l IDRAFLOW); con calma (fino a un mese con il circolatore dell impianto) CON IL GIUSTO DOSAGGIO: con il conducimetro è possibile verificare la concentrazione dei prodotti IDRATERM 240 e 280 IN QUALSIASI MOMENTO: possono essere usati a caldo e a freddo CON QUALSIASI TIPO DI IMPIANTO: prodotti specifici per alta e/o bassa temperatura CON LA MASSIMA SICUREZZA: non modificano il ph naturale dell acqua, quindi non intaccano mai nessun tipo di metallo o materiale plastico L'USO DEI TRATTAMENTI DI PULIZIA È PRESCRITTO DALLE NORME TECNICHE UNA BUONA PULIZIA DELL'IMPIANTO EVITA L'INTASAMENTO E LA ROTTURA DI: scambiatori, circolatori, detentori, contabilizzatori ecc.. 8

9 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PULIZIA L IMPORTANZA DELLA PULIZIA DEGLI IMPIANTI Pulire un impianto in esercizio da più anni vuol dire ripristinare un corretto scambio termico, una circolazione ottimale, quindi ridurre i consumi energetici. Installare una nuova caldaia su un impianto senza aver effettuato una corretta pulizia può causare problemi di funzionamento anche in poco tempo. COME AGISCONO I PRODOTTI IDRATERM PER LA PULIZIA DEGLI IMPIANTI I prodotti di pulizia IDRATERM agiscono sugli ossidi di ferro e le melme, con la semplice circolazione dell acqua, anche non in continuo, disperdono i depositi e mantengono in sospensione le particelle rimosse. Ciò permette la facile eliminazione dello sporco scaricando e risciacquando bene il circuito. IDRATERM 415 (o IDRATERM ) PER LA PULIZIA DEGLI IMPIANTI A PAVIMENTO O A PANNELLI RADIANTI Il problema negli impianti radianti a bassa temperatura è la crescita di colonie batteriche che formano biomasse, le quali si sviluppano soprattutto alla temperatura tra i 25 e i 40 C. Il problema non è causato solo dalla loro crescita nelle tubazioni, ma soprattutto dai batteri presenti nell acqua che quando arrivano in caldaia a temperature superiori a 50 C muoiono e si attaccano alle pareti dello scambiatore, causando incrostazioni. IDRATERM 415 o sono prodotti specifici per affrontare questa problematica, in quanto contengono biocidi con biodisperdenti che consentono di uccidere e rimuovere le forme batteriche e le biomasse. Con il TEST CULT sarà possibile verificare l efficacia della pulizia. AL TERMINE DI OGNI PULIZIA SARÀ FONDAMENTALE EFFETTUARE UN RISCIACQUO ACCURATO PER PORTARE FUORI DALL IMPIANTO TUTTO LO SPORCO RIMOSSO. L uso del gruppo di lavaggio IDRAFLOW consente di ridurre i tempi di lavaggio e risciacquo. L efficacia dei prodotti IDRATERM dipende dal giusto tempo di circolazione nell impianto e dalla giusta concentrazione. I tempi di permanenza non devono superare i 30 giorni, dosaggi inferiori a quanto indicato non consentono di ottenere risultati apprezzabili. Eventuali sovradosaggi non comportano problemi. 9

10 IDRATERM 400 è un formulato per la pulizia degli impianti nuovi di riscaldamento e/o di condizionamento. Rimuove gli ossidi metallici presenti nei radiatori e nelle tubazioni, portandoli in sospensione nell acqua permettendone la rimozione attraverso il risciacquo. Il prodotto non modifica il ph, non contiene E.D.T.A. e non ha alcun effetto corrosivo su nessun metallo e sulle materie plastiche. Non contiene sostanze tossiche o nocive. Utilizzo: il prodotto va immesso nell impianto nella quantità di 1 kg ogni 100 litri di acqua presente e fatto circolare per un minimo di 2 ore con una pompa esterna (IDRAFLOW), o può anche essere fatto circolare con la pompa della caldaia, anche a caldo, per almeno 3 giorni. L impianto va comunque risciacquato bene entro un mese fino ad ottenere un acqua limpida e poi riempito con acqua trattata con il protettivo IDRATERM P100 per evitare corrosioni e sprechi energetici. Confezioni: bottiglie da 1 kg - taniche da 5 kg. IDRATERM 240 è uno specifico formulato idoneo a rimuovere dagli impianti vecchi le melme e gli ossidi metallici che determinano una limitazione di circolazione e/o una riduzione di scambio termico. Utilizzo: il prodotto va immesso nell impianto nella quantità da 3 a 5 kg ogni 100 litri di acqua presente, in funzione della quantità di sporco presente, e fatto circolare per un minimo di 2 ore con una pompa esterna (IDRAFLOW), o può essere fatto circolare con la pompa della caldaia, anche a caldo, per almeno 3 giorni. L impianto va comunque risciacquato bene entro un mese, fino ad ottenere un acqua limpida e poi riempito con acqua trattata con il protettivo IDRATERM P100 per evitare corrosioni e sprechi energetici. Il prodotto non modifica sostanzialmente il ph, non contiene E.D.T.A. e non ha alcun effetto corrosivo su nessun metallo e sulle materie plastiche. Non contiene sostanze tossiche o nocive. Metodo di controllo del dosaggio: al 3% la conducibilità aumenta* di circa 1500 micro/s cm; al 5% la conducibilità aumenta* di circa 2500 micro/s cm. * rispetto al valore rilevato dell acqua di rete. Confezioni: taniche da 5 kg e 27 kg. IDRATERM 280 è uno specifico formulato idoneo a rimuovere le incrostazioni di ferro misto anche a calcare nella caldaia, le melme, le scaglie e gli ossidi metallici dagli impianti vecchi, che determinano una limitazione di circolazione e/o una riduzione di scambio termico. L uso è consigliato per ripristinare le corrette condizioni di scambio termico negli impianti di riscaldamento e di climatizzazione. Il prodotto non modifica il ph, non contiene E.D.T.A. e non ha alcun effetto corrosivo sui metalli e sulle materie plastiche. Non contiene sostanze tossiche o nocive. Utilizzo: il prodotto va immesso nell impianto nella quantità da 5 a 10 kg ogni 100 litri di acqua presente, in funzione della quantità di sporco presente, e fatto circolare con la pompa della caldaia, a caldo o a freddo, per almeno 3 giorni. L impianto va comunque risciacquato bene entro un mese, fino ad ottenere un acqua limpida e poi riempito con acqua trattata con il protettivo IDRATERM P100 per evitare corrosioni e sprechi energetici. Metodo di controllo del dosaggio: al 5% la conducibilità aumenta* di circa 5000 micro/s cm; al 10% la conducibilità aumenta* di circa 8000 micro/s cm. * rispetto al valore rilevato dell acqua di rete. Confezioni: taniche da 5 kg e 27 kg. 10

11 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PULIZIA IDRATERM 415 è un formulato idoneo a rimuovere le biomasse e gli ossidi metallici all interno degli impianti di riscaldamento a bassa temperatura anche con scalda salviette. Contiene biocidi specifici e disperdenti in grado di eliminare a fondo ogni deposito di natura batterica ed eventuale presenza anche di ossidi metallici. Il prodotto non modifica sostanzialmente il ph e, alle condizioni d uso, non ha alcun effetto corrosivo sui metalli e sulle materie plastiche. Utilizzo: il prodotto va aggiunto nella quantità di 5 kg ogni 100 litri di acqua presente e va fatto circolare per almeno 3 giorni con il circolatore della caldaia o almeno 2 ore con pompa esterna (IDRAFLOW). L impianto va comunque risciacquato bene entro un mese e fino ad ottenere un acqua limpida e poi riempito con acqua trattata con il protettivo IDRATERM P140 per evitare corrosioni, crescite batteriche e sprechi energetici. Dopo ogni applicazione verificare il risultato con l apposito TEST CULT. Confezioni: taniche da 5 kg e 27 kg. IDRATERM 700 è un battericida, biocida con biodisperdenti, idoneo a prevenire e/o rimuovere colonie batteriche e biomasse negli impianti di riscaldamento e/o di climatizzazione, con sistemi radianti a bassa temperatura. Il prodotto trova applicazione nella pulizia di impianti misti con radiatori e con pannelli radianti a bassa temperatura, perché può essere immesso nell impianto abbinato con IDRATERM 240 o 280, per rimuovere, con la stessa operazione (contemporaneamente), sia le biomasse, che le melme e gli ossidi metallici presenti nell intero impianto. Utilizzo: il prodotto va sempre usato abbinato con IDRATERM 240 o 280 per la pulizia di impianti misti ad alta e bassa temperatura dosato allo 0,5 1% in funzione dell entità del problema. Può inoltre essere usato abbinato a IDRATERM P 100, come protettivo antibatterico dosato allo 0,5% negli impianti misti ad alta e bassa temperatura o come integrativo, qualora ce ne fosse l esigenza, a trattamenti con IDRATERM P Il prodotto non va mai miscelato puro con gli altri prodotti, ma sempre immesso nel circuito in presenza degli altri prodotti IDRATERM. Dopo ogni applicazione verificare il risultato con l apposito TEST CULT. Il prodotto ha un ph neutro, non contiene sostanze ossidanti o composti cloro derivati. Confezioni: bottiglie da 1 kg taniche da 5 kg. IDRATERM 200 è un prodotto antincrostante e risanante per sali di calcio, ad effetto antirumore per i circuiti primari delle caldaie da riscaldamento. È un antincrostante polimerico, a ph neutro, che riesce sia ad effettuare la rimozione del deposito di carbonato di calcio (purché non dovuto a perdite), in pochi giorni di funzionamento dell impianto, sia ad evitare la sua precipitazione. La sua azione preventiva risulta particolarmente importante in acque ad elevata durezza. Utilizzo: il prodotto va immesso nell impianto nella quantità di 1 kg ogni 100 litri di acqua presente nell impianto, o al riempimento come prevenzione, o all occorrenza per la rimozione del deposito esistente. Il prodotto ha un effetto permanente e non deve essere scaricato. Confezioni: bottiglie da 1 kg taniche da 5 kg. 11

12 SCHEMA UTILIZZO PRODOTTI PER LA PULIZIA E LA PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLA CALDAIA IMPIANTI ESISTENTI A RADIATORI O VENTILCONVETTORI PROBLEMA PULIZIA PROTEZIONE Scarsa circolazione IDRATERM 240 IDRATERM P100 Caldaia rumorosa IDRACLEAN CALDAIA IDRATERM P100 Basso scambio termico oppure Pompa e/o scambiatori intasati IDRATERM 280 Caldaia rumorosa IDRACLEAN CALDAIA IDRATERM P100 Scarsa circolazione + IDRATERM 240 Radiatori freddi oppure IDRATERM 280 IMPIANTI ESISTENTI A BASSA TEMPERATURA (O MISTI, ANCHE CON RADIATORI) PROBLEMA PULIZIA PROTEZIONE Scarsa circolazione IDRATERM 415 IDRATERM P140 Basso scambio termico oppure oppure * possono essere utilizzati insieme * IDRATERM IDRATERM P100 + IDRATERM Caldaia rumorosa IDRATERM IDRATERM P140 Basso scambio termico * IDRATERM 280 oppure Scaglie di ferro oppure IDRATERM P100 + Scarsa circolazione * IDRATERM Radiatori freddi + IDRACLEAN CALDAIA VOLUMI INDICATIVI DI ACQUA PRESENTI NEGLI IMPIANTI 1 - IMPIANTO TRADIZIONALE (radiatori + tubazioni in rame o multistrato): 1 litro per 1 m 2 di superficie 2 - IMPIANTO A PAVIMENTO da 1 a 1,5 litri per 1 m 2 di superficie 3 - IMPIANTI TRADIZIONALI VECCHI (radiatori + tubazioni in ferro): 1,5-2 litri per 1 m 2 di superficie 4 - IMPIANTI A CIRCOLAZIONE NATURALE (anche EX): 2,5-3 litri per 1 m 2 di superficie Appartamento 100 m IMPIANTO TRADIZIONALE * * 2 - IMPIANTO A PAVIMENTO 3 - IMPIANTI TRADIZIONALI VECCHI 4 - IMPIANTI A CIRCOLAZIONE NATURALE 100 litri litri 150 litri litri Villetta a schiera 200 m 2 Casa singola m litri litri 300 litri litri 400 litri litri 600 litri litri 12

13 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PULIZIA SCHEMA UTILIZZO PRODOTTI PER LA PULIZIA E LA PROTEZIONE DEL SOLO IMPIANTO IMPIANTI NUOVI A RADIATORI PULIZIA DOSAGGIO PROTEZIONE DOSAGGIO IDRATERM kg per 100 l di acqua IDRATERM P 100 0,5-1 kg per 100 l di acqua IMPIANTI VECCHI A RADIATORI PULIZIA DOSAGGIO PROTEZIONE DOSAGGIO IDRATERM kg per 100 l di acqua IDRATERM P 100 0,5-1 kg per 100 l di acqua IMPIANTI NUOVI O VECCHI A PAVIMENTO CON SCALDASALVIETTE PULIZIA IDRATERM 415 DOSAGGIO 5 kg per 100 l di acqua DOSAGGIO PROTEZIONE IDRATERM P 140 o IDRATERM P IMPIANTI NUOVI O VECCHI A PAVIMENTO E CON RADIATORI PULIZIA PROTEZIONE DOSAGGIO 3-5 kg per 100 l di acqua DOSAGGIO IDRATERM IDRATERM 700 3% + 1% IDRATERM P 140 o IDRATERM P kg per 100 l di acqua L'USO DEL CONDUCIMETRO SERVE A: controllare il corretto dosaggio dei prodotti IDRATERM 240 e 280 controllare se il risciacquo è avvenuto correttamente. La conducibilità dell'acqua nel circuito deve essere uguale o simile (max +100 micro/s cm) a quella dell'acqua di rete. CONDUCIMETRO cod. COND1 verificare che nell'acqua dell'impianto non siano già presenti altri condizionanti chimici (la conducibilità dell'acqua nel circuito non deve essere significativamente più alta di quella di rete) N.B.: NON IMMETTERE MAI UN PRODOTTO CHIMICO IN UN CIRCUITO DOVE È GIÀ PRESENTE UN ALTRO PRODOTTO. 13

14 IDRAFLOW...il massimo dell'efficacia! GRUPPO DI LAVAGGIO PER IMPIANTI TERMICI E RIEMPIMENTO IMPIANTI SOLARI IDRAFLOW 2 Controllo pressione Filtro in aspirazione Scarico serbatoio IDRAFLOW 2 CARATTERISTICHE: telaio in acciaio verniciato con ruote gonfiabili da 200 mm serbatoio da 30 litri con scarico di fondo e filtro in aspirazione elettropompa in acciaio inox manometro e valvole di intercettazione attacchi a bocchettone in ottone da ¾ per: mandata - ritorno, riempimento - scarico n. 4 tubazioni da 5 m in materiale plastico PN 6, con porta gomma in ottone potenza installata: 0,6 kw portata max: 80 l/min a 1 bar portata min: 10 l/min a 4,5 bar dimensioni max dell impianto: 400 litri Ruote da 200 mm Collettore ritorno-scarico Interno scarico serbatoio New IDRAFLOW 10 CARATTERISTICHE: telaio in acciaio verniciato con ruote gonfiabili da 200 mm serbatoio da 50 litri con scarico di fondo e filtro in aspirazione pompa in acciaio inox da 1,1 KW manometro e valvole di intercettazione attacchi mandata e ritorno da 1'' attacchi riempimento e scarico da 3/4'' portata max: 120 l/min a 2 bar portata min: 17 l/min a 5,5 bar dimensioni max dell impianto: litri ADAT Adattatore da applicare al posto del circolatore per collegare le tubazioni della pompa IDRAFLOW direttamente alla caldaia. 14

15 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO ACCESSORI PULIZIA IMPIANTO CON POMPA IDRAFLOW ritorno impianto acqua di rete scarico fognatura Y mandata impianto Lava un impianto FINO A 400 o 1000 litri di acqua! Facendo circolare i prodotti di pulizia IDRATERM con la pompa IDRAFLOW si rimuove lo sporco presente in un impianto IN SOLE 2 ORE. IDRAJET Contenitore da 2 o 6 litri pressurizzabile fino a 2,5 bar con tubazionee rubinetto, per il caricamento dei prodotti in impianto. DECAL: ADDOLCITORE PORTATILE PER IL RIEMPIMENTO DEI CIRCUITI TERMICI Realizzato con contenitore in acciaio inox e monovalvola per la rigenerazione manuale, completo di tubi di collegamento e valvole di intercettazione. modello dimensioni autonomia resine/litri rapportata alla durezza dell acqua DECAL 8 DECAL 12 Ø 180 x 440 H Ø 180 x 560 H 20 F F F OPTIONAL: contalitri da ½ a lettura diretta con scala di litri. 15

16 COME SI CONTROLLANO I PRODOTTI IDRATERM KIT IDRATERM P PER LA VERIFICA DEL GIUSTO QUANTITATIVO DI PROTETTIVO Per assicurare un efficiente programma di controllo delle corrosioni e delle incrostazioni negli impianti è necessario mantenere un adeguata concentrazione di protettivo all interno del circuito. La verifica della corretta concentrazione si fa con l apposito test kit IDRATERM P. La presenza di colorazione e la sua intensità ci indicheranno sia la presenza o meno del protettivo che la giusta concentrazione (il test è idoneo anche per la verifica dei prodotti SENTINEL X 100 e FERNOX F 1). TEST CULT PER IL CONTROLLO DELLA CARICA BATTERICA Per il controllo degli impianti a bassa temperatura. Indica il livello di crescita delle colonie batteriche (biomasse). a) b) c) N.B. L acqua per il controllo deve essere prelevata direttamente nel circuito a bassa temperatura (collettore di zona), dove l acqua non è andata oltre i 40 C. Test sviluppati che mostrano: a) stick nuovo b) media contaminazione batterica c) elevata contaminazione batterica ph-metro phc5 Strumento idoneo a controllare il valore del ph e della conducibilità RIFRATTOMETRO PER ANTIGELO Rifrattometro per il controllo della percentuale di antigelo presente nell'acqua e della temperatura di congelamento 16

17 RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO ACCESSORI IDRABAG Valigetta contenente i test di analisi acqua impianti tecnici per la verifica di: - Durezza - Protettivo - Ferro - Fosfati - ph - Carica Batterica IDRABAG 2 Valigetta con strumenti e kit per le analisi: - ph-metro e conducimetro portatile - Test KIT IDRATERM P - Kit durezza - Kit ferro - Kit fosfati - 5 Test Cult - Rifrattometro TEST KIT PER PROTETTIVI Test kit per il controllo dei protettivi IDRATERM P P TEST FERRO IN SOLUZIONE Test kit del ferro in soluzione per la verifica dei fenomeni corrosivi KIT DUREZZA IN F Kit durezza in F per verifica capacità incrostante TEST CULT PER CARICA BATTERICA Test cult per il controllo della carica batterica negli impianti a bassa temperatura (pavimento) CONDUCIMETRO COND1 PORTATILE DIGITALE (con soluzione STD) STRISCE INDICATRICI DI ph Per controllare istantaneamente il ph dell'acqua 17

18 La corrosione sui metalli (causata dalle condense acide), i residui della combustione (es. odorizzanti), le polveri sottili e altri inquinanti atmosferici creano incrostazioni tenaci sulle superfici metalliche delle camere di combustione che, con il calore della fiamma, si induriscono sempre più riducendo le sezioni di passaggio e lo scambio termico, perciò vanno rimosse ad ogni intervento di manutenzione, prima che sia troppo tardi. IDRACLEAN F 900 A e B PER DISGREGARE LE INCROSTAZIONI NELLE CAMERE DI COMBUSTIONE DELLE CALDAIE A CONDENSAZIONE IN ACCIAIO O LEGHE DI ALLUMINIO IDRACLEAN F900 A è un prodotto liquido per pulire le camere di combustione in acciaio e alluminio, da spruzzare sulle incrostazioni fino a bagnare completamente lo sporco e lasciare reagire per alcuni minuti (da 5 a 15), poi sciacquare e spazzolare. NUOVA FORMULAZIONE ANCORA PIÙ EFFICACE Confezioni: taniche da 10 kg - bottiglie da 1 kg PER RIDURRE GLI SPRECHI ENERGETICI DOVUTI ALLE INCROSTAZIONI NELLE CALDAIE I PROBLEMI DI PULIZIA DELLE CAMERE DI COMBUSTIONE NELLE CALDAIE A CONDENSAZIONE IDRACLEAN F900 B è un prodotto da applicare dopo IDRACLEAN F900 A, nelle caldaie in alluminio e all'occorrenza anche in quelle in acciaio, per passivare le superfici e favorire la fuoriuscita dei residui dal collettore di scarico delle condense. Lasciare reagire per alcuni minuti (5-10), poi risciacquare con acqua fino alla totale fuoriuscita dello sporco dal collettore di scarico della condensa. Attenzione: questo prodotto può danneggiare il materiale refrattario. Confezioni: taniche da 10 kg - bottiglie da 1 kg IDRACLEAN F900 A IDRACLEAN F900 B 18

19 RISCALDAMENTO PULIZIA CALDAIA I prodotti IDRACLEAN F900 vanno applicati, con lo scambiatore freddo, bagnando bene lo sporco con il prodotto uno per volta (prima F900A, poi F900B ), lasciati reagire per qualche minuto (da 5 a 15) e poi risciacquati (ad ogni applicazione) abbondantemente. Quando con una sola applicazione non si riesce a rimuovere tutto lo sporco ripetere l operazione, se rimangono ancora depositi, far funzionare per alcune ore il bruciatore e poi riverificare la situazione. N.B.: Per una questione di sicurezza non utilizzare mai i prodotti IDRACLEAN F900 con irroratori pressurizzabili. IDRANET A e B per l applicazione dei prodotti IDRACLEAN F900 A e B. Nebulizzatori con pompa a leva, ad azionamento manuale, con irroratore dotato di prolunga da 30cm, orientabile e a getto regolabile. Al primo utilizzo assicurarsi che la ghiera di regolazione del getto posta all'estremità della prolunga non sia troppo o completamente chiusa. Nel caso che la ghiera sia troppo avvitata, allentarla il più possibile per evitare di dover applicare una forza eccessiva sulla leva della pompa, perchè questo può portare alla rottura del perno, quindi dell'intera pompa. Al termine di ogni utilizzo chiudere la ghiera per evitare lo sgocciolamento del prodotto. Non invertire mai il tipo di prodotto nello stesso contenitore, utilizzare sempre: IDRACLEAN F900A con IDRANET A IDRACLEAN F900B con IDRANET B IDRANET A - IDRANET B Contenitore da 1 litro per spruzzare i prodotti IDRACLEAN F900 A e B 19

20 LA CORROSIONE DEI METALLI, LA PROLIFERAZIONE DI BATTERI E LE BIOMASSE SONO LA CAUSA DI INCROSTAZIONI NELLA CALDAIA CHE RIDUCONO LO SCAMBIO TERMICO, CREANDO RUMOROSITÀ E FORMAZIONE DI SCAGLIE. IDRACLEAN CALDAIA LA SOLUZIONE PIÙ SEMPLICE, SICURA ED EFFICACE (più di un acido corrosivo) CHE RIPRISTINA IL CORRETTO SCAMBIO TERMICO NELLE CALDAIE MURALI O A BASAMENTO CON BASSO CONTENUTO D ACQUA Una soluzione semplice ed efficace per eliminare la rumorosità, la mancanza di scambio termico e la presenza di scaglie all interno delle caldaie. Con poche ore di circolazione (almeno 2, ottimale 4, max 8) viene ripristinato il corretto scambio termico, anche nelle caldaie a condensazione con scambiatori della Giannoni France. Con la stessa operazione si puliscono tutti gli altri componenti della caldaia (scambiatore secondario valvola deviatrice circolatore ecc.) Controllando la temperatura dei fumi della caldaia (a parità di CO 2 ) prima e dopo l operazione potrete verificare il risultato. L uso del CLEANTANK limita la presenza dell operatore presso il cliente solo al tempo necessario agli allacci e riempimenti idraulici. IDRACLEAN CALDAIA è un prodotto appositamente formulato per la rimozione di incrostazioni da ossidi metallici, anche con presenza di calcare. La sua specifica formulazione consente di rimuovere più deposito che con un acido aggressivo. In una caldaia murale con 5 kg di IDRACLEAN CALDAIA, diluito con 7-10 litri di acqua, con 4 ore di circolazione si rimuove fino ad 1 kg di deposito. In presenza di quantità maggiori di deposito o di saturazione della soluzione può rendersi necessario un secondo lavaggio. Il prodotto va usato diluito in acqua dal 20 al 50%. Il prodotto non contiene E.D.T.A. e non ha alcun effetto corrosivo su nessun tipo di metallo e sulle materie plastiche. Non contiene sostanze tossiche o nocive. Confezioni: taniche da 5 kg e 27 kg. PULIZIA CALDAIA MURALE CON CLEANTANK Con 5 kg di prodotto miscelato in 10 litri di acqua, da una caldaia con modulo a condensazione della Giannoni France sono state rimosse tutte le incrostazioni (800 g) con 4 ore di circolazione. SENZA CLEANTANK - Per eliminare la rumorosità Immettere 1 kg di prodotto nella caldaia e far circolare (funzione "produzione acqua calda") per minuti, poi scaricare. In questo modo si rimuove dal 10 al 20% dello sporco e scompare la rumorosità della caldaia. IDRACLEAN CALDAIA CLEANTANK 20

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri 1 Pacchetto Solare INOX SOL 200 TOP (cod. 3.022124) 1 Collettore Piano + boiler INOX 200 litri +

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

DOMESTIC SOL 550 TOP Pacchetto solare combinato con 4 Collettori Piani CP4 XL e Unità Bollitore da 550 litri

DOMESTIC SOL 550 TOP Pacchetto solare combinato con 4 Collettori Piani CP4 XL e Unità Bollitore da 550 litri DOMESTIC SOL 550 TOP Pacchetto solare combinato con 4 Collettori Piani CP4 XL e Unità Bollitore da 550 litri 1 Pacchetto Solare DOMESTIC SOL 550 TOP (cod. 3.022131) 4 Collettori Piani + bollitore combinato

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus Pensili a condensazione VICTRIX Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna con potenzialità di 26 kw e 32 kw che, grazie alla tecnologia della condensazione, si caratterizza per l'elevato

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

ZEUS Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili con boiler

ZEUS Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili con boiler 1 CARATTERISTICHE ZEUS Superior kw Pensili con boiler Nuova gamma di caldaie pensili a camera stagna e tiraggio forzato con bollitore in acciaio inox da 60 litri disponibili in tre versioni con potenza

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Note tecniche per l installazione

Note tecniche per l installazione Mod. 24 SE EST 28 SE EST Note tecniche per l installazione Importante Il libretto... L installazione... deve essere letto attentamente; si potrà così utilizzare la caldaia in modo razionale e sicuro;

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE DAL DEGAN 0 MANUALE USO E MANUTENZIONE POMPE A MEMBRANA SERIE DL DL DL DL 0 DL 0 DL DL DL 0 DL 0 DL 0 LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DI USARE LA POMPA IDENTIFICAZIONE COMPONENTI DL DL DL DL 0

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

EOLO Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili istantanee

EOLO Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili istantanee Pensili istantanee EOLO Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna e tiraggio forzato omologata per il funzionamento sia all'interno che all'esterno in luoghi parzialmente protetti; per

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

IL RADIATORE LINEE GUIDA edizione 2009

IL RADIATORE LINEE GUIDA edizione 2009 IL RADIATORE LINEE GUIDA edizione 2009 TIPOLOGIE E COMPLEMENTI DEI RADIATORI p a g. 4 IL RADIATORE TESI p a g. 7 Volume m 3 21,6 x Watt 50 = Watt 1080 LE TIPOLOGIE DI IMPIANTO p a g. 1 0 LA BASSA TEMPERATURA

Dettagli

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8" 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 RFAR0011 10

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2 12,93 RFAR0011 10 VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 10,23 R0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 R0011 10 DIRITTA 3/8" 12,87 R0031 10 DIRITTA 1/2" 13,98 R0041 10 VALVOLA TERMOSTATIZZABILE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 15,36 R0031

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE Pagina. M 1 Cronotermostati M 3 Termostati.. M 4 Centraline climatiche M 4 Orologi M 6 Accessori abbinabili a centraline Climatiche e termoregolatori M 7 M 01

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore sensonic II Contatori di calore 2 Indice sensonic II Tecnologia innovativa orientata al futuro 4 Scelta del contatore versione orizzontale 6

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Rossana Prola Valter Rapizzi LA MANUTENZIONE DELLE PISCINE PUBBLICHE E PRIVATE Dario Flaccovio Editore A mio padre, che crede ancora che io abbia sprecato una laurea per fare l idraulico. Rossana Prola

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli