IL MENSILE DEL FOTOVOLTAICO. PPVX, l indice azionario del fotovoltaico la mappa della radiazione solare. Il sole in mano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MENSILE DEL FOTOVOLTAICO. PPVX, l indice azionario del fotovoltaico la mappa della radiazione solare. Il sole in mano"

Transcript

1 7/2010 Luglio IL ENSILE DEL OLTAICO PPVX, l indice azionario del fotovoltaico la mappa della radiazione solare Alpi tecnologiche Come il fotovoltaico garantisce energia sul onte Rosa EDIZIONE SPECIALE: TEST DELL'INVERTER OLTAICO IG TL 5.0 DI RONI Smart Grid Spagna Il sole in mano Paraguay Il fotovoltaico non può attendere la «rete intelligente» Incombe ancora la scure della retroattività Panoramica dei radiometri solari portatili Sole a iosa, ma neanche un impianto connesso in rete Laboratorio PHON statistiche eventi bandi seminari tirocinii indirizzi

2 Ricerca e tecnologia Test inverter Ottimo debutto Test dell inverter IG TL 5.0 di ronius Verena Körfer / photon-pictures.com (3) Il retro dell «IG TL 5.0», che ospita l alloggiamento dei collegamenti di potenza e lo slot per la scheda di comunicazione, si fissa alla parete, con il box dell inverter vero e proprio agganciato. Durante il funzionamento, le temperature dei componenti interni hanno raggiunto valori rientranti nella norma. Se è del giugno del 2009 la presentazione alla fiera Intersolar da parte dell azienda austriaca ronius International GmbH del suo primo inverter privo di trasformatore, ci sono voluti altri sei mesi perché i primi modelli della seria «IG TL» arrivassero in commercio. Secondo la spiegazione ufficiale, era ancora in corso la «fase sperimentale», ma il sospetto è che il produttore si trovasse anche lui in difficoltà per la penuria di componenti essenziali. Ad ogni modo, l «IG TL 5.0» messo a disposizione del Laboratorio PHON a marzo di quest anno, nell ambito dell abituale accordo specifico siglato per il test, è uno dei primi della sua serie. Così si è aggiunto un altro produttore alla cerchia dei fabbricanti che offrono apparecchi privi di trasformatore. A parte questo, la principale innovazione presentata dalla serie è la struttura suddivisa in due, che consente di rimuovere il blocco frontale con tutta l elettronica di potenza, senza dover smontare il retro, con i collegamenti CA e CC: un idea inconsueta. Poiché, inoltre, i valori indicati in scheda tecnica erano ottimi, grande era la curiosità nel vedere come se la sarebbe cavata il nuovo arrivo. Struttura Oltre al modello da watt di potenza nominale CA, la gamma comprende gli IG TL «3.0» da watt, IL ENSILE DEL OLTAICO 96,2 % radiazione elevata ottimo 7/2010 «3.6» da watt e «4.0» da watt e i quattro apparecchi basati su uno schema elettrico privo di trasformatore per l isolamento galvanico dei circuiti CC/CA risultano assai simili per struttura, dimensioni e peso. La struttura dell inverter testato appare ordinata e progettata in maniera efficace, dal punto di vista della como- IL ENSILE DEL OLTAICO 95,9 % radiazione media* ottimo 7/2010 * La misurazione con potenza crescente (si veda il paragrafo «Efficienza PPT») ha rilevato un efficienza PHON leggermente più bassa, pari al 95,7 per cento, il che corrisponde comunque al giudizio «ottimo». Appena dopo il lancio sul mercato, ronius ha consegnato al Laboratorio PHON un esemplare della sua prima serie di inverter privi di trasformatore «IG TL 5.0», che ha fornito risultati di buon livello. 40 PHON Luglio 2010

3 » 57,8 57,8 62,8 62, dità costruttiva. La prima caratteristica di spicco per l utente è ovviamente l inconsueta soluzione del supporto a parete con collegamento di potenza integrato sotto forma di morsettiere, mentre la controparte di questi blocchi si trova sul lato inferiore del box dei componenti di potenza. Per il montaggio, prima viene fissato il supporto a parete e poi vengono serrati i collegamenti di potenza ai morsetti del supporto, mentre l inverter vero e proprio è alloggiato in un box da inserire tramite quattro guide nel supporto a parete, incastrandolo nelle morsettiere. Infine, le due parti sono fissate con sei viti, con una soluzione che dovrebbe facilitare l assistenza e la manutenzione, perché per la maggior parte degli interventi, la parte centrale dell apparecchio potrà essere comodamente rimossa dal suo supporto e rimpiazzata da un blocco sostitutivo (in cui, ad esempio, è già integrata una nuova scheda). Il box con l unità centrale dispone di una copertura a parte che, una volta rimossa, consente l accesso all interno, in cui si nota, nella parte inferiore, la scheda di filtro che alloggia collegamenti di potenza, filtri antidisturbo sui lati CC e CA e sei coppie di fusibili di stringa. La scheda si collega, 90 verso l alto, con quella vera e propria dei componenti di potenza, sistemata 83 nella parte superiore e contenente, fra l altro, l unità di controllo. Sotto la scheda, un modulo di transistori saldato scarica le alte temperatu- 76 re, grazie a una piccola alettatura di dissipazione 68 sotto il box. Le bobine del convertitore buck e del filtro sinusoidale sono racchiuse in un proprio 60 involucro, sulla scheda dei componenti di potenza, all interno del box. Al livello 52 delle schede, è posizionata una ventolina alimentata a corrente continua per la convezione del calore 44 all interno del box. Sul lato inferiore dell apparecchio, cioè sul retro fissato alla 36 parete, è montato un sezionatore CC, accanto allo slot per la scheda di comunicazione. 28 Lo scatolato è composto quindi da tre parti: supporto a parete, box centrale 20stampato in plastica e relativa copertura in lamiera d alluminio. L apparecchio soddisfa il grado di protezione IP 55 ed è quindi idoneo anche per il montaggio in ambienti esterni riparati. In caso di guasto, sia la ventolina interna che quella dell alettatura di dissipazione sono facilmente smontabili e sostituibili; quest ultima, però, essendo esposta agli agenti atmosferici, in luoghi particolarmente polverosi, rischia di otturarsi e bloccarsi. Sei linee di stringa e i tre cavi della rete elettrica sono condotti nello scatolato e inseriti direttamente nelle morsettiere. L intero cablaggio è serrato in fermacavi per lo scarico della trazione. La sicurezza è affidata a un sistema di sorveglianza provvisto di dispositivo di protezione differenziale sia per la componente in CA che per quella in CC e di un monitoraggio dell isolamento sul lato CC conforme alla norma DIN VDE Il sistema controlla l impedenza, la tensione e la frequenza di rete, così come la componente CC della corrente CA, mentre il monitoraggio della corrente di guasto è eseguito in base a valore assoluto e ampiezza di variazione. Un test di isolamento del generatore controlla, prima di ogni inserimento in rete, la resistenza tra i collegamenti del generatore e la terra. Caratteristica insolita dei modelli di questa serie è il continuo bilanciamento e l analisi delle correnti di tutte le stringhe collegate. I condensatori elettrolitici impiegati nei componenti di potenza appartengono alla classe di temperatura 105 C e sono quindi progettati in modo soddisfacente in rapporto alla temperatura ambiente. Grazie a tre LED e al display, il gestore può controllare lo stato di funzionamento dell apparecchio, dotato di interfaccia B, uscita di segnalazione a dodici volt, nonché ingresso e uscita «Solar Net». Il software è aggiornabile comodamente, caricandone l ultima versione dal sito Internet del produttore su una chiavetta di memoria, per poi trasferirla all apparecchio tramite porta B. I collegamenti «Solar Net» sono destinati all integrazione nel sistema «Datcom» di ronius: ad esempio per la comunicazione con altri inverter o con i sensori di irraggiamento e di temperatura della Sensorbox. L uscita di segnalazione a dodici volt (contatto di chiusura) può servire per il collegamento di avvisatori acustici, spie di segnalazione o relè di installazione. Configurazione e utilizzo L apparecchio viene consegnato al cliente ben imballato e protetto da due semigusci in polistirolo. Il fissaggio a parete del supporto che ospita l area di connessione e l inserimento dei componenti di potenza non pongono problemi di sorta. Con i suoi 19,1 chilogrammi di peso, il dispositivo si rivela piuttosto leggero. Una volta dimensionato correttamente il generatore fotovoltaico è dopo aver inserito l interruttore CC interno, l inverter è pronto per il funzionamento. Trascorsi i 52 secondi circa che gli occorrono per effettuare diversi test, il dispositivo inizia a immettere corrente. Il display, a filo con la copertura frontale, è retroilluminato di luce arancione e ben leggibile e per i messaggi, sono disponibili l inglese e il tedesco, ma è prevista l aggiunta di altre lingue. Il visore si attiva non appena l inverter è sotto tensione e si disattiva dopo due minuti di stop. Nel menu delle impostazioni, è offerta la possibili- PHON Luglio

4 Ricerca e tecnologia Efficienza di conversione η áåb s NK VR L inverter raggiunge i valori massimi dell efficienza di aáéëéåqéñíìåççéåo~üãéåê~ìëåéüãéåkaéêo~üãéåáëínniqåãäêéáíi~äëçëçäêéáíïáéçáé S conversione con livelli bassi di tensione PP: al di UR Opé~äíÉåáãeÉÑíìåÇáåÇáÉëÉêdê ÉëçääÇ~ëaá~Öê~ãã~ÄÖÉÇêìÅâíI~äëçÇ~ëaá~Öê~ããåáÅÜíòççãÉå Q sopra dei 424 volt, l efficacia di funzionamento risulta TR O attenuata dall inserimento del convertitore buck. N O P Q R S NN NO O Q S U N NO ât B SU SU VR VT QR QR PR PR N O P Q R S NN NO TR UR VR BéçíÉåò~åçãáå~äÉEm jmm η áåb áås Efficienza PPT (livelli di potenza decrescenti) Se si forniscono livelli di potenza in ingresso progressivamente decrescenti, il risultato si mantiene quasi costantemente al di sopra del 99 per cento. áås SU QR PR VV N O P Q R S NN NO BéçíÉåò~åçãáå~äÉEm jmm B Efficienza complessiva (livelli di potenza decrescenti) Grazie al lavoro costante del tracciatore dell PP, l andamento dell efficienza complessiva è solo lievemente inferiore a quello dell efficienza di conversione. áås η pìã áåb s NK VR S UR Q TR O N O P Q R S NN NO O Q S U N NO ât SU QR PR VR VT N O P Q R S NN NO BéçíÉåò~åçãáå~äÉEm jmm SU QR PR TR UR VR η pìã áåb B 42 PHON Luglio 2010

5 » áås SU QR PR VV N O P Q R S NN NO BéçíÉåò~åçãáå~äÉEm jmm B Efficienza PPT (livelli di potenza crescenti) Se si forniscono livelli di potenza in ingresso progressivamente crescenti, il tracciamento dell PP risulta notevolmente meno preciso, soprattutto con bassi valori di potenza e tensione; con tale procedura del test, l efficienza PHON risulta leggermente più bassa. tà di accendere o spegnere permanentemente l illuminazione del display. Attraverso quattro tasti di comando, possono essere effettuate diverse impostazioni. Differenti valori di misurazione sono comodamente visualizzabili e, oltre a diversi messaggi sullo stato di funzionamento o di errore, tutta una serie di altri valori. In modalità di visualizzazione «Now»: potenza immessa, tensione di rete, intensità di corrente in uscita, frequenza di rete, tensione e intensità di corrente del generatore, nonché data e ora (in combinazione con la «Sensor Box» di ronius, inoltre, temperatura ambiente e dei moduli, oltre che valore di irraggiamento). In modalità di visualizzazione «Today»: durata di funzionamento, energia immessa, resa in denaro e stima del risparmio di CO2, nonché i valori massimi di potenza in uscita, tensione di rete e tensione del generatore (con la «Sensor Box», inoltre, la massima e la minima della temperatura ambiente e dei moduli, così come il valore massimo di irraggiamento). Documentazione L apparecchio è accompagnato da un ricco manuale d istruzioni per l uso molto informativo. Il manuale è valido per l intera serie «ronius IG TL» e contiene, oltre ai dati tecnici e alle informazioni generali, le istruzioni per l installazione, la messa in funzione e l utilizzo dell inverter, così come le indicazioni per la risoluzione degli errori e la manutenzione. Il manuale d istruzioni per l uso può essere scaricato dal sito Internet del produttore nelle seguenti lingue: italiano, inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo e ceco. Le schede tecniche sono disponibili inoltre in greco e portoghese. Design dei circuiti Lo schema circuitale dell inverter è di tipo bistadio, privo di trasformatore per l isolamento galvanico dei circuiti CC/CA ed equipaggiato di un unico tracciatore PP per tutte le stringhe di moduli. La corrente fotovoltaica, dopo aver attraversato un filtro per le interferenze elettromagnetiche (EI), raggiunge un convertitore buck che fungendo da convertitore CC/CC, abbassa la tensione CC a un massimo di 440 volt e alimenta un circuito intermedio, a cui è collegato il ponte di conversione. Nell intervallo di tensione PP compreso tra 350 e 440 volt, il convertitore «bypassato» da un relè consente di conseguire miglioramenti dell efficienza di conversione da 0,7 a 1,4 punti percentuali, a seconda della potenza. Tramite un filtro di output a valle, il ponte di conversione trasforma il treno di impulsi di onde quadre ad ampiezza variabile nella tensione di uscita sinusoidale da immettere in rete. I semiconduttori di potenza sono tutti sistemati in un modulo semiconduttore. Un dispositivo di sezionamento automatico, composto da quattro relè di uscita CA (una coppia in serie per il conduttore di fase e l altra per quello di neutro), scollega, conformemente alla norma, l inverter dalla rete non appena la tensione, l impedenza o la frequenza della rete si scostano dai valori massimi predefiniti, nonché al verificarsi di una corrente di guasto sui lati CC o CA. Le radiointerferenze sono filtrate da un filtro di output situato direttamente davanti ai morsetti di rete. isurazioni Le misurazioni riportate di seguito si riferiscono tutte a una tensione di rete di 230 volt. La massima tensione CC è di 850 volt, la potenza nominale CC è di watt e l apparecchio è in grado di assorbire una potenza massima del generatore di watt. A seconda che la potenza CC fosse fornita in modo crescente o decrescente, si sono riscontrate differenze nel tracciamento dell PP. Le variazioni lievi ma significative che ne risultavano influivano anche sull efficienza PHON, motivo per cui sono stati documentati entrambi i casi. Individuazione dell PP: prima di iniziare le misurazioni, le sezioni in CC e in CA erano disattivate. A inizio test, l inverter è alimentato dal nostro simulatore fotovoltaico con una curva caratteristica corrente-tensione I-V predefinita con potenza pari alla potenza nominale e tensione V PP di 515 volt. In queste condizioni, l apparecchio impiega 52 secondi per inserirsi in rete. Trascorsi ulteriori 53 secondi, l inverter raggiunge l PP. La commutazione da 515 a 497 volt viene completata in 61 secondi, mentre quella in- PHON Luglio

6 Ricerca e tecnologia Efficienza ponderata Lungo l intero intervallo dell PP, l efficienza «europea» e quella «californiana» si attestano a livelli ugualmente elevati; l inserimento del convertitore «step-up», però, comporta un evidente flessione della curva. bññáåáéåò~éçåçéê~í~η bìêç Iη`b`áåB η bìêçç~íççéäéêççìííçêé ZVTIPB bññáåáéåò~éìêçéé~ bññáåáéåò~å~äáñçêåá~å~ η bìêçj~ñ ZVTIQB η`b`j~ñ ZVTIRB PR QR SU áås Efficienza complessiva per diverse tensioni V PP L inverter si dimostra a proprio agio con valori bassi piuttosto che alti di tensione; nel complesso, però, l andamento delle curve è come dovrebbe essere: in ripida ascesa e poi costantemente su livelli alti (il grafico riporta l andamento della misurazione con livelli di potenza decrescenti). bññáåáéåò~åçãéäéëëáî~η pìã áåb ZPRIsEãáå ZIsEã~ñ bññáåáéåò~åçãéäéëëáî~ãéçá~ η pìãj~ñ η mãéç ZVRIVBIη müáöü ZIOB η pìãj~ñ ZVTIVTB η pìãj~ñ ZVRIB η^îöpìãj~ñ ZIRQB R N NR O OR P PR Q QR R RR S SR TR UR VR NR NN NNR NO BéçíÉåò~åçãáå~äÉEm jmm versa a 533 volt ne richiede 77. Intervallo PP: l intervallo PP da 350 a 700 volt corrisponde a quello di un inverter con ampio «range» di lavoro. La distanza del valore superiore dalla massima tensione CC di 850 volt non è del tutto sufficiente. Efficienza di conversione: nell intervallo di tensione PP compreso tra 350 e 700 volt, l inverter funziona al 100 per cento della potenza nominale. L efficienza è stata perciò rilevata in questo intervallo. Nel relativo diagramma tridimensionale a colori, la sottile area tratteggiata dal basso verso l alto indica le limitazioni all intervallo di tensione PP per l impiego di moduli cristallini, mentre quella contrassegnata da tratteggio opposto si riferisce al film sottile, con limitazioni dovute alla distanza insufficiente tra la massima tensione PP e la massima tensione CC. Tra il 25 e il 105 per cento della potenza nominale, l area corrispondente ai valori più alti dell efficienza forma un plateau che raggiunge una tensione PP di 424 volt. Con valori più elevati di tensione, si inserisce il convertitore buck e l efficienza di conversione subisce una riduzione compresa tra 0,7 e 1,4 punti percentuali. 44 PHON Luglio 2010

7 » La linea di sezione verticale passante per il 60 per cento della potenza nominale e quella di sezione orizzontale a V PP 350 volt s incrociano nel punto di massima efficienza del 98,0 per cento. La massima efficienza dichiarata dal produttore del 97,7 per cento è stata dunque ampiamente superata. Con valori più alti della tensione PP, la massima efficienza di conversione si riduce di circa 2,1 punti percentuali. Con livelli bassi di potenza, inferiori al 15 per cento della potenza nominale, l efficienza scende di un valore compreso tra cinque e otto punti percentuali. Alla potenza nominale, il fattore di potenza cos ϕ è di circa 1. Efficienza ponderata: l efficienza «europea» massima del 97,4 per cento, raggiunta con valori di tensione PP bassi, supera l indicazione del produttore (97,3 per cento). La differenza tra massima efficienza di conversione e massima efficienza «europea» è di appena 0,6 punti percentuali. L efficienza «californiana» raggiunge invece un picco del 97,5 per cento, anche in questo caso con valori di tensione PP bassi. Nel relativo diagramma, è evidente la flessione della curva nel momento dell inserimento del convertitore buck. Efficienza PPT: con potenza decrescente, la misura risulta assai elevata e costante lungo l intero intervallo di lavoro, eccezion fatta per lievi oscillazioni con livelli di potenza bassi e di tensione PP corrispondenti all inserimento del convertitore buck; per il resto, la potenza PP si mantiene sempre al di sopra del 99 per cento della potenza disponibile. Con una potenza crescente, invece, l efficienza PPT ha un aspetto un po meno regolare: si verificano dei cali con livelli di potenza bassi e in corrispondenza dell inserimento del convertitore buck, nonché con valori di tensione elevati; per il resto, anche in questo caso, i valori si mantengono al di sopra del 99 per cento. Efficienza complessiva: l area corrispondente alla massima efficienza complessiva si colloca su livelli di tensione PP bassi. La linea di sezione verticale passante per il 60 per cento della potenza nominale e quella di sezione orizzontale a V PP 350 volt, ovvero nella parte bassa dell intervallo di tensione PP, s incrociano nel punto di massima efficienza complessiva del 98,0 per cento. Andamenti dell efficienza complessiva, efficienza complessiva media ed efficienza PHON: con la simulazione di una potenza CC decrescente, l efficienza PHON risulta del 95,9 per cento per valori di radiazione medi e del 96,2 per cento per valori di radiazione elevati. Con la simulazione di una potenza CC crescente, il risultato per valori di radiazione medi è inferiore di 0,2 punti percentuali, attestandosi al 95,7 per cento. Immissione della potenza nominale: tra 350 e 700 volt e con una temperatura ambiente di 25 C, l inverter immette in rete il 100 per cento della sua potenza nominale. Potenza in uscita visualizzata: in un ulteriore serie di misurazioni, l inverter è stato alimentato con potenze variabili dal 5 al 110 per cento della potenza nominale, applicando una tensione PP costante di 515 volt, pienamente rientrante nella parte centrale dell intervallo. Confrontando quindi i valori misurati e visualizzati dall inverter con quelli ottenuti da un analizzatore di potenza, si osservano solo lievi scostamenti lungo l intero intervallo di potenza, da più 0,7 a meno 1,4 punti percentuali. L indicatore di potenza possiede pertanto la precisione di un contatore elettrico della classe di precisione B (secondo la norma CEI EN in vigore dal 1 febbraio 2008). Nel manuale di istruzioni per l uso, si fa notare che il dispositivo di misurazione dell inverter, non essendo tarato, può indurre scostamenti dell ordine di grandezza di alcuni punti percentuali: si tratta di una segnalazione auspicabile anche per altri produttori i cui apparecchi, per giunta, non sono spesso precisi come quello in esame. unzionamento ad alte temperature: l ampio intervallo di temperature accettabili per il produttore va da meno 20 a più 55 C, cosicché, anche grazie al grado di protezione IP 55, l apparecchio si presta ad essere montato in luoghi potenzialmente molto freddi o estremamente caldi quali un sottotetto o gli ambienti esterni. A tale riguardo, non va messa in conto alcuna limitazione della potenza: nel punto di lavoro selezionato, con una potenza PCC watt e una tensione V PP 515 volt, fino a una temperatura ambiente di 55,3 C, l inverter immette in rete il 100 per cento della sua potenza nominale, mentre con temperature superiori, anche se esso eroga meno watt, l efficienza scende di appena 0,4 punti percentuali circa. Comportamento in condizioni di sovraccarico: se, con V PP 515 volt e una temperatura ambiente di 27 C, si offre al dispositivo un sovraccarico di watt pari a 1,3 volte la sua potenza CC nominale d ingresso, esso limita la potenza a watt circa che costituiscono comunque un risultato del 10,9 per cento superiore alla potenza CC nominale di watt e appena sufficiente per definire «ampio» l intervallo di sovraccarico dell apparecchio. Per ottenere questa limitazione di potenza, l apparecchio sposta il punto di lavoro sulla curva caratteristica verso livelli più elevati della tensione d ingresso. La tensione CC si porta su un valore di circa 568 volt. Autoconsumo e consumo notturno: l autoconsumo del dispositivo durante le prove ha raggiunto gli 8 watt sul lato CA e i 2,6 sul lato CC (il produttore non fornisce alcuna indicazione a riguardo). Di notte, l inverter assorbe dalla rete circa 0,3 watt di potenza attiva (il produttore ne dichiara 0,2). Termografia: il rilevamento termografico mostra l inverter in funzione a potenza nominale e con una temperatura ambiente di 26 C, ma la struttura a più strati impedisce il rilevamento di parte dei componenti. La termografia mostra temperature fino a 62,8 C sui componenti delle schede a circuito stampato: valori irrilevanti per l elettronica di potenza. I condensatori elettrolitici nella sezione di potenza, in colore blu nella termografia, sono risultati nella norma della scala delle temperature. Conclusioni La struttura dell «IG TL 5.0» appare ordinata e progettata in maniera efficace, dal punto di vista della comodità costruttiva. Il supporto a parete e il collegamento di potenza sono realizzati in base a un concetto insolito che, come per tutte le soluzioni non convenzionali, non è ancora chiaro se riuscirà a imporsi. La massima efficienza di conversione del 98,0 per cento è un ottimo valore, che però è raggiunto solo nella parte inferiore dell intervallo di tensione. L apparecchio privo di trasformatore raggiunge la massima efficien- PHON Luglio

8 Ricerca e tecnologia ıı Precisione del display L indicatore di potenza dell inverter è utilissimo, perché funziona con una precisione costantemente elevata. påçëí~ãéåíçáåb P OU OS OQ OO O NU NS NQ NO N U S Q O JO JQ JS JU JN JNO JNQ JNS JNU JO JOO JOQ JOS JOU JP R N NR O OR P PR Q QR R RR S SR TR UR VR NR NN NNR NO BéçíÉåò~åçãáå~äÉEm jmm za di conversione a tensioni PP comprese tra 350 e 424 volt, ovvero quando il convertitore buck che funge da convertitore CC/CC è «bypassato» da un relè. Con livelli di potenza bassi, l efficienza di conversione scende da cinque a otto punti percentuali, mentre con livelli di potenza alti, di 2,1 punti percentuali. L efficienza «europea» è di appena 0,6 punti percentuali inferiore rispetto alla massima efficienza di conversione. Grazie all efficienza PPT assai elevata e costante, l efficienza complessiva mostra un andamento pressoché identico a quello dell efficienza di conversione. L intervallo di tensione PP dichia- Commento del produttore Le misurazioni dell efficienza corrispondono ampiamente ai risultati dei nostri rilevamenti. Il diverso comportamento del tracciamento dell PP nell intervallo di potenza più basso non si è riscontrato né nel nostro laboratorio né nel corso delle ricerche dell AIT (ex Arsenal Research). Ci riserviamo di risottoporre il risultato del test a un più attento esame e di analizzarlo più in dettaglio. rato dal produttore, compreso tra 350 e 700 volt, presenta una distanza quasi sufficiente rispetto alla massima tensione CC dell inverter di 850 volt che, con il presupposto di un fattore di riempimento del 75 per cento, permette di sfruttare l intervallo di tensione PP fino a 680 volt con moduli cristallini e fino a 629 volt con moduli a film sottile. Se si simula una potenza CC decrescente, l efficienza PHON per valori di radiazione media, pari al 95,9 per cento, risulta assai elevata. Tuttavia, la differenza di 2,1 punti percentuali circa tra la massima efficienza di conversione e l efficienza PHON riflette una dipendenza piuttosto marcata dell efficienza dalla tensione e dalla potenza. L efficienza PHON per valori di radiazione elevati (96,2 per cento) è leggermente superiore. Se si simula invece una potenza CC crescente, l efficienza PPT risulta più bassa con livelli di potenza bassi. Di conseguenza, anche l efficienza PHO- N per valori di radiazione media risulta leggermente inferiore, attestandosi al 95,7 per cento. Il fabbricante starebbe già provvedendo a un analisi dettagliata (si veda il «Commento del produttore»). L efficienza PHON per valori di radiazione elevata era identica anche con livelli di potenza crescenti. Per il dimensionamento dell PP del generatore, si consiglia di prediligere la parte inferiore dell intervallo di tensione: un intervallo in cui anche l efficienza complessiva è massima. Con un risultato del 110,9 per cento, il modello in esame dispone di un ampio intervallo di sovraccarico. La precisione della visualizzazione della potenza in uscita risulta buona lungo l intero intervallo dei valori di potenza. Con 0,4 punti percentuali, la dipendenza dell efficienza dalla temperatura si dimostra bassa. L intervallo di temperatura operativo da meno 20 a più 55 C è ampio, senza dover mettere in conto limitazioni di potenza. Il produttore ha dunque in assortimento un inverter leggero e maneggevole, con un ottimo risultato di efficienza PHON, che occupa un posto nella parte alta della classifica degli apparecchi testati finora. Il modello è adatto per tutti i tipi di moduli (anche a film sottile) che non necessitano di messa a terra. Le relative omologazioni da parte dei produttori di elementi fotovoltaici sono in progetto. Heinz Neuenstein, Jochen Siemer 46 PHON Luglio 2010

SINVERT PVM. Gli inverter SINVERT PVM. Answers for the environment. Test inverter. Articolo estratto dalla rivista di settore PHOTON Febbraio 2011

SINVERT PVM. Gli inverter SINVERT PVM. Answers for the environment. Test inverter. Articolo estratto dalla rivista di settore PHOTON Febbraio 2011 SINVERT P Test inverter Articolo estratto dalla rivista di settore PHOTON ebbraio 2011 Gli inverter SINVERT P Answers for the environment. Ricerca e tecnologia Test inverter Nuovo capoclassifica Test

Dettagli

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA Informazioni generali I moduli di frenatura elettronici Frenomat e Frenostat sono in grado di frenare motori asincroni, sono senza manutenzione e non producono abrasione ed inquinamento. Riducono i tempi

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R

MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R Utilizzo: Le schede di frenatura Frenomat2 e Frenostat sono progettate per la frenatura di motori elettrici

Dettagli

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Serie 2850.. Manuale di installazione e messa in servizio Grazie per aver acquistato questo apparecchio. Leggere attentamente queste istruzioni

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

SolarMax serie HT La soluzione perfetta per impianti fotovoltaici commerciali e industriali

SolarMax serie HT La soluzione perfetta per impianti fotovoltaici commerciali e industriali SolarMax serie HT La soluzione perfetta per impianti fotovoltaici commerciali e industriali Massima redditività Gli impianti fotovoltaici sui tetti delle aziende commerciali e industriali hanno un enorme

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

SolarMax serie P L inverter ideale per gli impianti residenziali in grid parity

SolarMax serie P L inverter ideale per gli impianti residenziali in grid parity SolarMax serie P L inverter ideale per gli impianti residenziali in grid parity IL MENSILE DEL FOTOVOLTAICO 96,7 % radiazione elevata Sputnik Engineering Solarmax 5000P ottimo www.photon.info/laboratorio

Dettagli

DATI GENERALI DELL IMPIANTO

DATI GENERALI DELL IMPIANTO DATI GENERALI DELL IMPIANTO Il presente progetto è relativo alla realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica tramite conversione fotovoltaica, avente una potenza di picco pari a 3 kwp

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A.

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. 1 - Il modello di Manutenzione e Gestione di SIAT Energy S.p.A. I servizi proposti da SIAT Energy S.p.A. hanno l obiettivo di assicurare il programma e le azioni necessarie

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

L inverter SMA, il cuore di ogni impianto fotovoltaico

L inverter SMA, il cuore di ogni impianto fotovoltaico L inverter SMA, il cuore di ogni impianto fotovoltaico L efficienza di un impianto fotovoltaico dipende dall efficienza dell inverter. Il suo compito è di trasformare la corrente continua delle celle solari

Dettagli

Serie MT Nuovi analizzatori di rete

Serie MT Nuovi analizzatori di rete GE Energy Industrial Solutions Serie MT Nuovi analizzatori di rete GE imagination at work Nuovi analizzatori di rete Analizzatori di rete Il continuo aumento dei costi di produzione di energia rende sempre

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

ISMG Inverter Solare. Descrizione Generale. Selezione Modello. Codice d Ordine ISMG 1 50 IT. Approvazioni RD 1663/2000 RD 661/2007 DK5940

ISMG Inverter Solare. Descrizione Generale. Selezione Modello. Codice d Ordine ISMG 1 50 IT. Approvazioni RD 1663/2000 RD 661/2007 DK5940 ISMG 1 60 Descrizione Generale Elevato range d ingresso fotovoltaico (da 100VCC a 450VCC) e controllo MPP Tracking Fino a 2 / 3 MPP Tracking indipendenti controllati da un esclusiva tecnologia Smart MPPT

Dettagli

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3 Indice 1. Descrizione del sistema...1 1.1 Descrizione del sistema...1 1.2 Utilizzo del Monitoring System 1502...1 1.2.1 Modalità seminatrice a grano singolo con trasduttore ottico (conteggio dei grani)...1

Dettagli

SolarMax Serie S. Massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici è semplicissimo.

SolarMax Serie S. Massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici è semplicissimo. SolarMax Serie S Massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici è semplicissimo. La soluzione convincente. Da oltre 20 anni sviluppiamo inverter senza trasformatore. I nostri ricercatori e ingegneri

Dettagli

Manuale tecnico Impianto di alimentazione elettrica T4002

Manuale tecnico Impianto di alimentazione elettrica T4002 Manuale tecnico Impianto di alimentazione elettrica T400 MOZELT GmbH & Co. KG Ai fini della sicurezza, sono assolutamente da seguire le seguenti avvertenze e raccomandazioni prima della messa in funzione!

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Controllo fase Relè di controllo fase monofunzione - 7,5 mm Controllo su reti trifase: ordine di fase, assenza totale di fase Multitensione da x 08 a x 480 V Controlla la propria tensione d alimentazione

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Il pannello FV. Esempi di pannelli al. silicio amorfo di facile integrazione. Esempi di pannelli al. silicio cristallino 41

Il pannello FV. Esempi di pannelli al. silicio amorfo di facile integrazione. Esempi di pannelli al. silicio cristallino 41 Il pannello FV Esempi di pannelli al silicio amorfo di facile integrazione Esempi di pannelli al silicio cristallino 41 IL PANNELLO FV 42 Cassetta di terminazione posta sul retro del modulo tenuta stagna

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Dimensioni massime dell impianto: 15 kwp. Powermanagement opzionale. Possibilità di monitoraggio, ottimizzazione e regolazione dell autoconsumo

Dimensioni massime dell impianto: 15 kwp. Powermanagement opzionale. Possibilità di monitoraggio, ottimizzazione e regolazione dell autoconsumo Dimensioni massime dell impianto: 15 kwp Powermanagement opzionale Display di stato LCD dinamico Possibilità di monitoraggio, ottimizzazione e regolazione dell autoconsumo Solar-Log 300 Per impianti di

Dettagli

INVERTER FOTOVOLTAICO 1,5 Kw - 3 Kw - 4 Kw

INVERTER FOTOVOLTAICO 1,5 Kw - 3 Kw - 4 Kw MANUALE INSTALLAZIONE MANUALE UTILIZZO MANUALE MANUTENZIONE INVERTER FOTOVOLTAICO 1,5 Kw - 3 Kw - 4 Kw Bluenergy srl Via Cesare Sarti, 32 43029 Traversetolo (PR) Tel. +39 0521 342002 - Fax +39 0521 844862

Dettagli

INDICE. 1591016100 XV300K IT r.1.0 03.06.2011.doc XV300K 2/13

INDICE. 1591016100 XV300K IT r.1.0 03.06.2011.doc XV300K 2/13 XV300K INDICE 1 VERIFICHE PRELIMINARI GARANZIA E SMALTIMENTO... 3 2 XV300K CARATTERISTICHE D IMPIEGO... 3 3 SCELTA DEL REGOLATORE CODIFICA... 4 4 CARATTERISTICHE TECNICHE... 4 5 NORMATIVE... 5 6 INSTALLAZIONE

Dettagli

Sunny WebBox. La centrale di comunicazione per la vostra centrale solare

Sunny WebBox. La centrale di comunicazione per la vostra centrale solare Sunny WebBox La centrale di comunicazione per la vostra centrale solare Monitoraggio dell impianto, diagnosi a distanza, memorizzazione e visualizzazione dei dati: il Sunny WebBox è la centrale di comunicazione

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli

Sistema di monitoraggio universale senza fili per impianti fotovoltaici

Sistema di monitoraggio universale senza fili per impianti fotovoltaici Sistema di monitoraggio universale senza fili per impianti fotovoltaici New Da oggi anche: - Monitoraggio da Remoto via Internet - Ottimizzazione dell Autoconsumo - Gestione dello Scambio sul Posto L unico

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA.

PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA. PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA. ASSE II QUALITÀ DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI - OBIETTIVO C Incrementare la

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

PROGETTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO PROGETTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMMITTENTE : CARNAROLI SELVE - BRUSCIA MARIA TERESA BRUSCIA PAOLO EDIFICIO : Civile Abitazione INDIRIZZO : Via delle mura Augustee n. 7-61032

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Fabrizio Bellina Università di Udine Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica via delle Scienze 208, 33100 Udine mailto:fabrizio.bellina@uniud.it 1 1 L emissione

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S

ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S Manuale di prodotto ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S Sistemi di installazione intelligente Questo manuale descrive il funzionamento dei terminali di ingresso binari BE/S. Questo manuale

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

FRONIUS IG DatCom Detail. Istruzioni per l uso. Comunicazione dati 42,0410,1140 012007

FRONIUS IG DatCom Detail. Istruzioni per l uso. Comunicazione dati 42,0410,1140 012007 FRONIUS IG DatCom Detail I Istruzioni per l uso Comunicazione dati 42,0410,1140 012007 Egregio Cliente! Introduzione La ringraziamo per la fiducia dimostrataci e ci congratuliamo con Lei per aver preferito

Dettagli

Esempi di Progettazione Fotovoltaica. Relatore: Ing. Raffaele Tossini

Esempi di Progettazione Fotovoltaica. Relatore: Ing. Raffaele Tossini Esempi di Progettazione Fotovoltaica ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP Radiazione solare ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP DIAGRAMMA DELLE OMBRE ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP INVERTER ESEMPI:IMPIANTO

Dettagli

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO INDICE Il sistema di monitoraggio energia da Fotovoltaico La ditta RASOTTO si propone al mercato con un nuovo prodotto per il monitoraggio dell energia prodotta da un

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35

Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35 Accessori Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35 Scheda tecnica WIKA AC 80.03 Applicazioni Costruzione di macchine e impianti Banchi prova Misura di livello Applicazioni industriali

Dettagli

Foglio dati tecnici VITOVOLT VITOVOLT. Vitovolt 100 Tipo RA1, RB1. Vitovolt 200 Tipo RE2, RF2. Vitovolt 200 Tipo SC2, SD2, SE2, SF2

Foglio dati tecnici VITOVOLT VITOVOLT. Vitovolt 100 Tipo RA1, RB1. Vitovolt 200 Tipo RE2, RF2. Vitovolt 200 Tipo SC2, SD2, SE2, SF2 VITOVOLT Sistemi fotovoltaici Foglio dati tecnici VITOVOLT Vitovolt 100 Tipo RA1, RB1 Vitovolt 200 Tipo RE2, RF2 Vitovolt 200 Tipo SC2, SD2, SE2, SF2 Moduli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni. TROX Italia S.p.A. Telefono 02-98 29 741 Telefax 02-98 29 74 60

Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni. TROX Italia S.p.A. Telefono 02-98 29 741 Telefax 02-98 29 74 60 /./I/ Rivelatore di fumo Typo RM-O-VS-D con sensore di portata per il controllo delle serrande tagliafuoco e tagliafumo Omologato dall Istituto Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni Z-78.-7 TROX Italia

Dettagli

Installazione del quadro di distribuzione

Installazione del quadro di distribuzione 10 Installazione del quadro di distribuzione Dopo aver realizzato l intero impianto, si conosce il numero di circuiti e dei punti di utilizzo. Questo permette di determinare il numero dei dispositivi di

Dettagli

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller.

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. Istruzioni per l uso Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. T( C) Controller B 170 T1 7 4 8 5 9 6 Eurotherm 2132i start

Dettagli

SolarMax Serie MT. Massima potenza per rendimenti elevati.

SolarMax Serie MT. Massima potenza per rendimenti elevati. SolarMax Serie MT Massima potenza per rendimenti elevati. Tre fasi sono il numero perfetto. Da oltre 20 anni Sputnik Engineering produce inverter senza trasformatore. I nostri ricercatori e ingegneri hanno

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

INVERTER SIRIO EASY. 1500W, 2000W e 3000W

INVERTER SIRIO EASY. 1500W, 2000W e 3000W INVERTER SIRIO EASY 1500W, 2000W e 3000W Sirio EASY Semplicità di installazione ed uso Leggerezza, compattezza, facilità di installazione e confi gurazione; queste le caratteristiche peculiari della serie

Dettagli

Fronius IG Plus 35 / 50 / 70 / 100 / 120 / 150. Istruzioni per l uso. Inverter per impianti fotovoltaici collegati alla rete 42,0426,0062,IT 022008

Fronius IG Plus 35 / 50 / 70 / 100 / 120 / 150. Istruzioni per l uso. Inverter per impianti fotovoltaici collegati alla rete 42,0426,0062,IT 022008 Fronius IG Plus 5 / 50 / 70 / 00 / 0 / 50 I Istruzioni per l uso Inverter per impianti fotovoltaici collegati alla rete 4,046,006,IT 0008 Egregio Cliente! Introduzione La ringraziamo per la fiducia dimostrataci

Dettagli

Centralina solare CS1.2. Istruzioni di montaggio ed esercizio

Centralina solare CS1.2. Istruzioni di montaggio ed esercizio Centralina solare CS1.2 Istruzioni di montaggio ed esercizio Indice Avvertenza per la sicurezza... 2 Dati tecnici e sommario delle funzioni... 3 1. Installazione... 4 1.1 Montaggio... 4 1.2 Allacciamento

Dettagli

Energia Solare Fotovoltaica

Energia Solare Fotovoltaica Energia Solare Fotovoltaica Sezione 3 L Inverter Corso di ENERGETI A.A. 2011/2012 Docente: Prof. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche INVERTER (1) CONVERTITORI STATICI

Dettagli

Sorveglianza assoluta dell impianto Voltmetri e amperometri con relè di allarme

Sorveglianza assoluta dell impianto Voltmetri e amperometri con relè di allarme Sorveglianza assoluta dell impianto Voltmetri e amperometri con relè di allarme L evoluzione della specie I nuovi strumenti digitali ABB per controllo e precisione ABB amplia la gamma di voltmetri ed amperometri

Dettagli

Manuale d Istruzione. Pinza amperometrica AC/DC True RMS. Modello 380940

Manuale d Istruzione. Pinza amperometrica AC/DC True RMS. Modello 380940 Manuale d Istruzione Pinza amperometrica AC/DC True RMS Modello 380940 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica / Multimetro Watt True RMS Extech 380940. Questo strumento

Dettagli

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL FOTOVOLTAICO

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL FOTOVOLTAICO il futuro è nelle tue mani GUIDA AL FOTOVOLTAICO soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Enel Green Power, attraverso la Rete in franchising Punto Enel

Dettagli

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL P21 - P22 Sicurgas P21 e P22 è un dispositivo che, mediante una sensibilissima sonda, rivela la presenza di concentrazioni di gas metano (P21) e GPL (P22) in ambienti

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico 16 16 Impianto fotovoltaico totalmente integrato kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico trifase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 15,96kWp. Costruito con numero 12 stringhe

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

CONTROLLO DEL RISCALDATORE THERMOSAFE

CONTROLLO DEL RISCALDATORE THERMOSAFE DISTRIBUTORE PER L ITALIA 23 CONTROLLO DEL RISCALDATORE THERMOSAFE La mancanza di elementi riscaldanti e il totale incapsulamento di tutti i componenti elettrici ha fatto del THERMOSAFE un riscaldatore

Dettagli

FUNZIONE. misura costantemente la luce nella stanza e l applicazione processa tale informazione. Grazie alla sua funzione di regolazione costante

FUNZIONE. misura costantemente la luce nella stanza e l applicazione processa tale informazione. Grazie alla sua funzione di regolazione costante GW 90 783: RILEVATORE PRESENZA PER CONTROLLO COSTANTE LUMINOSITÀ DA INTERNO (10..1000LUX) GW 90 784: RILEVATORE DI PRESENZA (10..1000LUX) GW 90 785: ACCESSORIO PER MONTAGGIO A PARETE FUNZIONE Nota Rilevazione

Dettagli

SolarMax Serie S. Massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici è semplicissimo.

SolarMax Serie S. Massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici è semplicissimo. SolarMax Serie S Massimizzare il rendimento degli impianti fotovoltaici è semplicissimo. La soluzione convincente. Da oltre 20 anni sviluppiamo inverter senza trasformatore. I nostri ricercatori e ingegneri

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E SICUREZZA PER TIGO ENERGY MODULE MAXIMIZER ES, 2ES, J-ES

MANUALE DI INSTALLAZIONE E SICUREZZA PER TIGO ENERGY MODULE MAXIMIZER ES, 2ES, J-ES N/P: 002-00038-00 MANUALE DI INSTALLAZIONE E SICUREZZA PER TIGO ENERGY MODULE MAXIMIZER ES, 2ES, J-ES CONTATTI: 420 Blossom Hill Road Los Gatos, CA 95032, USA +.888.609.TIGO (8446) Tel. assistenza clienti

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Smart-RTC RT Econ U RT Econ A

Smart-RTC RT Econ U RT Econ A Smart-RTC RT Econ U RT Econ A Istruzioni d uso e montaggio Regolatore della temperatura ambiente per il collegamento al programmatore della pompa di calore N. d'ordinazione: 452114.66.73 83288408 FD 9105

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

Impianti Fotovoltaici:

Impianti Fotovoltaici: Impianti Fotovoltaici: mantenimento + sicurezza = CONVENIENZA L impianto fotovoltaico è una centrale elettrica che necessita di manutenzione periodica, per assicurare l efficienza produttiva ottimizzando

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw ALLEGATO A2 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire

Dettagli

MISURATORI RESISTENZA DI ISOLAMENTO

MISURATORI RESISTENZA DI ISOLAMENTO TORI RESISTENZA DI ISOLAMENTO MIS3455 Misuratore resistenza isolamento - 5000V Misuratore digitale della resistenza di isolamento con tensione di prova selezionabile (250/500/1000/2500/5000V) ed ulteriore

Dettagli

PolyGard Single Point Controller SPC-X3-34XX per gas combustibili

PolyGard Single Point Controller SPC-X3-34XX per gas combustibili PolyGard Single Point Controller SPC-X-XX per gas combustibili DESCRIZIONE Centralina di misurazione, segnalazione e comando a base di microtecnologia moderna con sensore integrato e cicalino interno serve

Dettagli

CBA 1000. Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro CARATTERISTICHE

CBA 1000. Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro CARATTERISTICHE CBA 1000 Strumento Prova Interruttori e Microhmmetro Prova interruttori e microhmmetro 200 A in uno solo strumento. Misura dei tempi di 6 contatti principali, 6 resistivi e 4 ingressi ausiliari. Sino a

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Decreto Dirigenziale n. 460 del 17 ottobre 2005 Giunta Regionale della Campania Programma tetti fotovoltaici. Approvazione ed emanazione del secondo bando regionale. Affidamento dell'attuazione alle amministrazioni

Dettagli

Illuminazione autonoma. Guida per Cantoni e Comuni

Illuminazione autonoma. Guida per Cantoni e Comuni Illuminazione autonoma Guida per Cantoni e Comuni Quando l elettricità dalla rete non è disponibile, i fornitori di energia, i Cantoni e i Comuni puntano su apparecchi di illuminazione solari quale soluzione

Dettagli

IL COLLAUDO DELL'IMPIANTO FOTOVOLTAICO

IL COLLAUDO DELL'IMPIANTO FOTOVOLTAICO IL COLLAUDO DELL'IMPIANTO FOTOVOLTAICO Una volta terminata la fase d'installazione dell'impianto, bisogna effettuare il collaudo dello stesso per verificarne il corretto funzionamento. Il certificato di

Dettagli

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale.

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Assicurare la continuità di servizio Per assicurare la continuità di funzionamento di un impianto elettrico,

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI

GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI FILTRI EMC Pagina 1 di 32 Indice per categoria Filtri di rete ( filtri EMI / RFI ).. pag. 6 - Filtri di rete monofase ( 2 conduttori ).. pag. 6 - Filtri di rete trifase (

Dettagli

I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI

I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI CORSO INTRODUTTIVO IL SOLE FONTE DI ENERGIA Nel nucleo del sole avvengono incessantemente reazioni

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. Quaderno applicazione Inverter di stringa per impianti fotovoltaici Moduli cristallini

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. Quaderno applicazione Inverter di stringa per impianti fotovoltaici Moduli cristallini MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Quaderno applicazione Inverter di stringa per impianti fotovoltaici Moduli cristallini Danfoss Solar Inverters Quaderno applicazione Edizione 1 gen. 2011 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

SSL: Laboratorio di fisica

SSL: Laboratorio di fisica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative SSL SSL: Laboratorio di fisica Resistenza nel vuoto Massimo Maiolo & Stefano Camozzi Giugno 2006 (Doc. SSL-060618

Dettagli

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO!

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! LOGO! Avvio alla programmazione Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! [Digitare il testo] [Digitare il testo] [Digitare il testo] CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMI PASSI PER

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici Indice Cos'è un impianto fotovoltaico... 2 Dove puo' essere installato... 5 Quanta elettricità produce... 6 Quanti anni puo funzionare... 7 Autorizzazioni per l installazione... 7

Dettagli

Istruzioni di montaggio e installazione

Istruzioni di montaggio e installazione 1.26 1.45 TIP Aerotermi 1.57 Aerotermo con ventilatore trifase a 2 velocità Custodire con cura per l utilizzo futuro! Leggere con cura prima della messa in servizio! I 369/01/10/1 IT 1.57 TIP Aerotermi

Dettagli

1.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSE Il presente progetto prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico connesso in rete della potenza di 49,536 kwp da installare sulla copertura piana della Palestra Comunale di Misano

Dettagli

allegato 1 SPECIFICHE TECNICHE DI FORNITURA FORNITURA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI

allegato 1 SPECIFICHE TECNICHE DI FORNITURA FORNITURA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI allegato 1 SPECIFICHE TECNICHE DI FORNITURA FORNITURA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Produttore: SOLARWORLD AG Modello: Sunmodule SW205 poly Garanzia sul rendimento dei moduli: 25anni con decadimento delle prestazioni

Dettagli

System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200

System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200 System pro M compact Interruttori sezionatori SD 200 Principali vantaggi La nuova gamma SD 200 estende la ormai collaudata serie System pro M compact con nuovi interruttori sezionatori che forniscono lo

Dettagli

Comune di Arcore Provincia di Monza e Brianza

Comune di Arcore Provincia di Monza e Brianza Comune di Arcore Provincia di Monza e Brianza Servizio: Sviluppo del Territorio Largo V. Vela, 1 Tel. 039 60171 BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE D USO DI SUPERFICI DI PROPRIETA COMUNALE SU CUI INSTALLARE

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli