Principali Paesi d Origine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali Paesi d Origine"

Transcript

1 Progetto di massima La Mediazione Interculturale Interaziendale: per non sentirsi estranei nella rete dei servizi sanitari e sociosanitari Sandra BOMBARDI - Paola CASTAGNOTTO dipende da come una comunità accoglie un nuovo membro o se ne separa, che importanza dà al corpo e alla salute, quando considera un membro malato e come si rapporta a lui, che si misura il grado di civiltà e cultura raggiunta. Introduzione Razionale del Progetto Il Territorio e la Popolazione In Ferrara e Provincia, secondo il rapporto 2006 dell Osservatorio Provinciale sull Immigrazione, le presenze dei cittadini stranieri rilevate dalla Questura di Ferrara sono passate dalle del 2004, alle del 2005 (+18,8%), confermando un trend di crescita superiore alla media regionale. Alla fine del 2005 gli stranieri a livello provinciale rappresentano il 3,8% della popolazione complessiva (nel 2004 erano il 3,25%) con punte che superano il 5,0% in alcuni territori comunali (Argenta e Cento 5,6%, Portomaggiore 6,6%). Nella Provincia di Ferrara le prime 10 nazionalità di provenienza dei cittadini stranieri sono: Marocco, Albania, Ucraina, Pakistan, Romania, Cina Pop. Polonia, Moldavia, Tunisia, Nigeria. La distribuzione territoriale, in % e per paese di provenienza, nelle 5 aree della Provincia è riassumibile nella seguente tabella: Area Territoriale % cittadini stranieri % sul totale popolazione residente Principali Paesi d Origine Ferrara 42,2% 3,8% Marocco, Albania, Cina, Tunisia, Pakistan, Ucraina, Romania, Polonia, Moldova, Nigeria Cento 23,1% 5,4% Ucraina, Albania, Marocco, Moldova, Romania, Cina, Tunisia, Polonia, Nigeria, Pakistan Argenta 15,8% 5,5% Pakistan, Marocco, Ucraina, Albania, Romania, Cina, Polonia, Tunisia, Moldova, Nigeria

2 Codigoro 11,5% 2,3% Albania, Marocco, Romania, Ucraina, Cina, Moldova, Polonia, Nigeria, Tunisia, Pakistan Copparo 7,4% 2,6% Marocco, Ucraina, Albania, Cina, Romania, Moldova, Nigeria, Polonia, Tunisia, Pakistan Una caratterizzante del territorio provinciale è dovuta alla migrazione femminile; le donne risultano il 54,4% del totale degli stranieri, gli uomini il 45,6%, di età prevalente riconducibile ai giovani adulti (20-40 anni). Il settore che offre maggiori opportunità di lavoro è quello domestico/assistente familiare, segue il settore edile/cemento ed il settore metalmeccanico. Inoltre, riguardo ai bambini, gli alunni stranieri nelle scuole ferraresi, alla fine del 2005 risultavano n (+ 25,1% rispetto al 2004). La domanda di Salute dei cittadini stranieri I potenziali utenti stranieri dell Azienda USL di Ferrara, regolarmente registrati all anagrafe dei Comuni della Provincia, passano dagli del 2004 ai del 2005 (pari a + 19,0%). Il rapporto tra stranieri residenti e stranieri iscritti all Anagrafe sanitaria, considerate le disposizioni amministrative in vigore che comporta la cancellazione automatica allo scadere del permesso di soggiorno, si mantiene basso: iscritti, pari al 60,8% della popolazione straniera residente. Nel 2005, come illustrato nella seguente tabella, i cittadini stranieri dimessi dai Presidi Ospedalieri del territorio ferrarese sono complessivamente n. 944 e gli accessi in P.S. sono n. 409 per un totale di n contatti con utenti stranieri. Stabilimento Ospedaliero N. cittadini % Cittadini N. Accessi PS % Accessi PS Stranieri Stranieri cittadini Stranieri cittadini Stranieri Lagosanto , ,9 Comacchio 34 3, ,6 Argenta , ,9 Cento , ,2 Bondeno 37 3,9 13 3,2 Copparo 24 2,5 17 4,2 Casa di Cura Quisisana 29 3,1 Casa di Cura Salus 74 7,8 Totale % %

3 Il presidi ospedalieri di Comacchio e Lagosanto accolgono il 42,6% del totale della popolazione straniera, seguito da quello di Cento 28,1%, Argenta 14,9%, Bondeno 3,7%, Copparo 3% e per finire le case di cura Quisisana e Salus, presenti in centro città, nel 2005 hanno fornito assistenza al 7,6% dei cittadini stranieri. Le principali provenienze dei cittadini stranieri, che accedono ai rispettivi presidi ospedalieri sono: Lagosanto/Comacchio Romania, Polonia, Moldavia, Ex.Jugoslavia, Rep. Ceca, Marocco, Ucraina; Argenta Marocco, Romania, Pakistan, Ucraina, Moldavia, Albania, Polonia; Cento Marocco, Albania, Romania, Cina, Tunisia, Pakistan, Ucraina; Copparo Ucraina, Moldavia, Romania, Marocco, Ex Jugoslavia; Bondeno/Quisisana/Salus Ucraina, Moldavia, Marocco, Albania, Tunisia, Romania, Cina; Un altro settore di prestazioni di particolare rilievo è quello relativo all attività del Dipartimento di Salute mentale (anno 2005). DSM. CONSULENZE N. Totale M. F. PROV.PREVALENTE ETA MEDIA EST EUROPA 33 ANNI DSM ACCESSI EST EUROPA 40 ANNI AMBULATORI D. CENTRO-NORD 23 D. OVEST 7 D.SUD-EST 19 RICOVERI SPDO SPDC LA LUNA EST EUROPA 36 ANNI Un altro settore fondamentale nella rete dei servizi è dato dalle funzioni attinenti al Dipartimento di Sanità Pubblica. Dati di utenza significativi possono essere desunti dalle attività di: Ambulatorio vaccinazioni e viaggi internazionali Ambulatorio screening antitubercolare Ambulatorio patenti e certificazioni monocratiche

4 Settore Igiene edilizia Servizio medicina del lavoro Servizio Igiene alimenti e nutrizione Al momento attuale non sono sistemicamente organizzati tutti i dati delle singole attività. Questo rappresenta un obiettivo di progetto vista la importanza del Dipartimento. A titolo indicativo di una tendenza da analizzare, si riportano i dati relativi ad un triennio delle persone straniere che si sono rivolte al solo ambulatorio vaccinazioni di Ferrara ( le vaccinazioni escluse l antinfluenzale) anno Totale vacc. Extra %vacc. a exta Extra % test Mantoux Extra % sul totale test comunitari. comunitari Comunit.con su totale extra comunit.con Mantoux in test Mantoux comunit. ritorno alla extra comunitari lettura Mantoux Circa 3% ,2% 30 22,5% Circa 4% ,5% 44 31,8% ,50% % circa 37 20,40% La maggior parte dei servizi non usufruisce di un azione sistemica di mediazione culturale. In questi ultimi anni hanno affrontato le emergenze stabilendo rapporti di collaborazione episodici con l ufficio accoglienza dell Azienda Ospedaliero- Universitaria e altri soggetti territoriali. L Azienda USL di Ferrara risponde con un servizio di mediazione interculturale alla domanda di salute delle cittadine e cittadini stranieri, con modalità strutturata e continuativa, nelle seguenti strutture: Cento Distretto Ovest Ostetricia e Ginecologia dell Ospedale di Cento (40 ore mese) svolto in collaborazione con il Comune di Cento Servizio Stranieri; Portomaggiore Distretto Sud Est Salute Donna e Pediatria di Comunità (16 ore mese) svolto in collaborazione con il Comune di Portomaggiore e il Punto d Ascolto per l Immigrazione; Ferrara Distretto Centro Nord Salute Donna e Pediatria di comunità (46 ore mese) svolto da un ostetrica di origine Rumena, in collaborazione con il Comune di Ferrara,. I dati 2005 con particolare riferimento alla gravidanza e IVG, presentati nella relazione richiesta dalla FP CGIL, riportano un totale di n parti svolti nei tre punti nascita della provincia così distribuiti: - Ospedale Delta-Comacchio 21,7% - Ospedale di Cento 25,2% - Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara 53,1% Le donne straniere, sul totale delle donne che hanno partorito, risultano il 13% (n. 348). Nelle donne straniere gli aborti spontanei sono stati 152 pari al 28% del totale, le IVG sono state 213, pari al 26% del totale.

5 DISTRETTO Sud-Est (Sedi di Argenta, Codigoro, Comacchio, Mesola, Migliarino, Portomaggiore) La sede che presenta il maggior numero di accessi di donne straniere è Portomaggiore con n. 31 gravidanze seguite, n. 43 Visite IVG con certificazione e n. 8 Visite IVG senza certificazione. Segue la sede di Argenta, Comacchio, Codigoro, Mesola e Migliarino. Il Consultorio di 1 livello per donne immigrate del Distretto Sud Est, attivato il 16/6/05, a fine dicembre 2005 ha accolto 44 donne: 52,3% Pakistane, 25% Marocchine, 6,8% Rumene, 6,8%Polacche, 4,5% Tunisine, 4,5% Moldave. I problemi principalmente affrontati, in ordine di frequenza, riguardano: disturbi ginecologici, interventi sulla contraccezione, problematiche ostetriche, e informazioni per IVG. DISTRETTO Ovest (Sedi di Cento, Sant Agostino, Bondeno) Complessivamente le donne gravide prese in carico sono state n. 220, le donne straniere risultano il 29,1%. Le certificazioni per IVG sul totale di n. 19, per donne straniere sono state n. 7. L attività del distretto ha visto l importante presenza di donne straniere nell accesso alle visite ginecologiche, e ginecologiche per contraccezione oltre che nei corsi di accompagnamento alla nascita (n. 4). Inoltre, è significativa la presenza di utenza straniera presso lo Spazio Giovani, fruibile con accesso diretto. DISTRETTO Centro-Nord ( Sedi di Ferrara n. 4 e Copparo) Le donne straniere seguite in gravidanza sono state 248, pari al 28,3% del totale delle gravide seguite, le visite ostetriche n. 892, pari al 20,1% del totale delle visite, le certificazioni per IVG n. 144, pari al 34% delle certificazioni. Infine, il dato più critico in difetto riguarda le visite per contraccezione in donne straniere n. 124, pari all 8,7% del totale. Nella rete dei servizi interessati alla popolazione immigrata, risultano fondamentali le funzioni afferenti al Dipartimento di Sanità Pubblica, che, organizzato in diverse articolazioni tematiche, opera in termini di prevenzione e di vigilanza. I dati di affluenza dei cittadini immigrati non sono, per la maggior parte rilevati routinariamente. Ciò ha comportato una raccolta dedicata, peraltro decisamente parcellizzata, e che necessiterebbe di una sistematizzazione, aspetto che potrà costituire obiettivo di progetto interno al Dipartimento. Al di là dei più noti ambulatori Vaccinazioni (e viaggi internazionali), Screening antitubercolare e Medicina del lavoro, di cui si esporranno a titolo d esempio dati d attività, esistono importanti ambiti quali l Ambulatorio patenti e certificazioni monocratiche e il Servizio Igiene alimenti e Nutrizione i cui dati non sono a oggi a disposizione per considerazioni specifiche riguardanti gli immigrati. Non è sufficientemente nota, inoltre, l importanza strategica degli Uffici di Igiene dell edilizia a cui le persone immigrate si rivolgono per l ottenimento dell autorizzazione dell abitazione ai fini del ricongiungimento familiare. Questo, se compreso nella funzione di snodo di servizio, comporterebbe la conoscenza anticipata della popolazione in particolare infantile e femminile di prossimo arrivo. Per quanto attiene l attività del Settore Medicina del lavoro risulta di particolare interesse il seguente dato, che evidenzia la complessità dell accoglienza :

6 Richiesta di idoneità fisica al lavoro per soggetti apprendisti 1 Anno 2005, totale richieste circa 600, di cui 55 extracomunitari appartenenti a 22 nazionalità e così suddivisi : 1 Persona per ciascuna di queste nazionalità: : Camerun, Croazia, Colombia, Germania, Israele, Filippine, Iran, Rep. Dominicana, Tunisia 2 Persone per ciascuna di queste nazionalità : Brasile, Moldavia, Polonia, Nigeria, Grecia, Libano, Russia 3 Persone dalla Bielorussia, 4 Persone dall Albania, 5 Persone dall Ucraina, 6 Persone da ciascuna delle seguenti nazionalità: Cina, Romania 8 Persone dal Marocco Gli Ambulatori vaccinazioni, viaggiatori internazionali e screening antintubercolare sono utilizzati anche per le persone immigrate, in base anche al protocollo riferito ai rifugiati politici ed al controllo di salute degli ospiti di strutture d accoglienza. I dati d attività consentono di considerare diverse opportunità di azione preventiva e valutazione di stato di salute delle persone immigrate Persone straniere che si sono rivolte all ambulatorio vaccinazioni dell Azienda USL di Ferrara 2 Anno Totale vaccinazion i ambulatori o di cui a soggetti Extracomunitar i % di vacc. effettuate a extracom un.. Extracom con Test Mantoux % Test Mantoux su totale extracomunitari Extracom. non ritorno alla lettura Mantoux % su totale Test Mantou xin estraco m circa il 3% ,2% 30 22,5% circa il 4% ,5% 44 31,8% ,50% %circa 37 20,40% 1 FonteAUSL Ferrara- Dipartimento Sanità Pubblica Fulvia Signani, Odilia Gavioli 2 Fonte AUSL Ferrara- Dipartimento Sanità Pubblica Marisa Cova. I dati sono riferiti solo all Ambulatorio di Ferrara città e solo a vaccinazioni diverse dall antinfluenzale

7 Dati che testimoniano come sia importante educare alla necessità di monitoraggio della tubercolosi. I non ritorni alla verifica del test Mantoux per esempio potrebbero nascondere persone malate che poi non si curano con effetti negativi per sé e per gli altri. Risultano infine di indubbio intresse i dati riferiti alle malattie infettive. Dati il cui significato, anche per considerazioni pratiche è in fase di elaborazione. Malattie infettive riscontrate in persone immigrate afferenti agli Ambulatori di Igiene Pubblica dell AUSL di Ferrara. Anno Malattie Infettive 4 Persone Immigrate Totale popolazione % Immigrati Malaria , 5 % Epatiti , 11 % Malattie diarroiche/ salmonellosi ,7 % Scabbia % Pediculosi ,1 % Tubercolosi ,3 % La politica della AUSL nei confronti dei cittadini stranieri prevede interventi a gestione diretta e interventi in collaborazione con altri soggetti, principalmente i Comuni e la Provincia. Vanno ricordate : le azioni previste dai PSZ le azioni comprese nel PPS Fonte Dipartimento Sanità Pubblica Marisa Cova 4 Dati del Distretto di Ferrara salvo diversa indicazione 5 Dato Aziendale

8 L Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara risponde con continuità alle domande d aiuto degli utenti stranieri dal 1 settembre 2004 attraverso l Ufficio Accoglienza e Mediazione. Come illustrato nel materiale informativo, l ufficio fornisce attività di mediazione interculturale con n. 26 ore settimanali (104 ore mensili), attraverso tre modalità: mediazione in attività ordinaria, mediazione programmata, mediazione urgente. La missione dell ufficio è quella di contribuire alla realizzazione di un progetto d accoglienza transculturale in sanità, che ha alla base il riconoscimento dell altro e la sua variabilità culturale, la dignità della persona e la necessità di costruire un percorso condiviso. Fornisce aiuto nel realizzare percorsi non condizionati, ma arricchiti, dalle differenze culturali e linguistiche, per tutti coloro che hanno bisogno di cura, assistenza ospedaliera, sostegno sociale. Crede in percorsi di miglioramento condivisi e partecipati, attuati mediante alleanze strategiche tra operatori, cittadini e forze sociali. È un nodo di rete che si caratterizza come strumento di informazione e divulgazione, mezzo di promozione e di facilitazione. È una risorsa a disposizione degli operatori, dell ospedale, dell azienda sanitaria territoriale, delle associazioni legate al mondo dell immigrazione e di quelle socio sanitarie. La presenza dell utenza straniera in ospedale è aumentata progressivamente, per presentare un incremento importante tra il n. dei ricoveri del 2004 e quello del Nel 2004 gli stranieri ricoverati in ospedale sono il 2% del totale dei ricoveri, nel 2005 sono il 4,7% Numero di ricoveri di stranieri day hospital ordinari

9 Un aspetto interessante, a sostegno della caratterizzante di genere del tipo di migrazione presente sul nostro territorio, è che nel 2004 le Donne straniere ricoverate nel Reparto di Ginecologia e Ostetricia sono il 9% del totale delle donne, nel 2005 le donne straniere, sul totale delle donne, sono il 16% Donne ricoverate in Ostetricia e Ginecologia (anno 2004) Straniere 9% Donne ricoverate in Ostetricia e Ginecologia (anno 2005) Straniere 16% Italiane 91% Italiane 84% I nati da donne straniere nel 2005 sono il 16,3% del totale, a differenza dei nati nel 2004 che sono il 6,6%. Un ulteriore dato che risulta interessante è quello riguardante le IVG. Il ricorso all IVG da parte delle donne straniere nel 2005 è risultato il 43% del totale, a fronte del 25,2% nel Il problema è che a fronte di una graduale diminuzione del ricorso all IVG delle donne italiane, le donne straniere presentano un trend di crescita importante. Nei grafici seguenti, oltre ai dati fin qui esposti, sono riportati i principali paesi di provenienza delle donne che fanno ricorso all IVG. 35 NUMERO DI IVG PER PAESE DI PROVENIENZA - ANNI NUMERO DI IVG donne straniere donne italiane ROMANIA MOLDAVIA UCRAINA NIGERIA ALBANIA CAMERUN JUGOSL. (SERBIA- MONTE.) CINA MAROCCO

10 È interessante notare la differente distribuzione degli accessi ai reparti di degenza tra maschi e femmine. Difatti l accesso dei maschi si distribuisce abbastanza uniformemente, mentre è nettamente preponderante il rivolgersi all area dell Ostetricia/Ginecologia da parte delle donne straniere. MASCHI PER REPARTO DI RICOVERO (DEGENZA ORDINARIA) valori assoluti FEMMINE PER REPARTO DI RICOVERO (DEGENZA ORDINARIA) valori assoluti MED. D'URGENZA CLIN. PEDIATRIA OSTETRICIA GINECOLOGIA CLIN. PEDIATRIA DIV. PEDIATRICA I DIV. MEDICA MAL.INFETTIVE AUDIOLOGIA DIV. NEUROCHIRURGIA CLINICA CHIR. MED. D'URGENZA DIV. PEDIATRICA IST. MEDICINA INTERNA I I DIV. MEDICA CLINICA CHIR. CHIRURGIA PEDIATRICA AUDIOLOGIA OTORINOLARINGOIATRIA DIV. ORTOPEDIA IST. MEDICINA INTERNA I IST. CHIR. GENERALE CHIRURGIA PEDIATRICA A Marzo 2005 è stata formalmente attivata la Funzionalità di Mediazione (convenzione con cooperativa CAMELOT). Da marzo a dicembre 2005 i casi seguiti dalle mediatrici sono stati N. 316, gli interventi di mediazione N La domanda di Mediazione Interculturale è stata richiesta prevalentemente in caso di accoglienza di utenti provenienti dall Ucraina, Marocco, Romania, Tunisia, Romania, Nigeria e Moldavia. Le motivazioni della richiesta di mediazione riguardano: bisogno d informazione, sostegno sociale, consenso alle cure e percorso IVG. I dipartimenti che hanno richiesto maggiormente il servizio di mediazione sono stati: Riproduzione e Accrescimento, Emergenza, Patologia e Oncologia. Per gli altri dipartimenti le UU.OO. maggiormente coinvolte sono state l Ematologia, Malattie Infettive, Radiologia e Servizi quali l Anestesiologia e Assistenti Sanitarie.

11 Ricorrente, e comune per tutte le nazionalità di provenienza, è il bisogno di informazione, sia di contenuto sanitario (stato di salute, consenso informato alle cure), sia di carattere legislativo/amministrativo (posizione rispetto all iscrizione al SSN), nonché di accesso alla rete dei servizi sul territorio (AUSL, Servizi alla persona, volontariato). Ore di Mediazione per Tipo d'intervento Accompagnamento cartella clinica Dimissione Informare sostegno cina marocco moldavia nigeria pakistan romania tunisia Ucraina Ucraina, Marocco e Nigeria sono le provenienze con cui l Ufficio è più a contatto attraverso la funzionalità di mediazione. Ciascuna di queste provenienze presenta ricorrenti difficoltà in specifici percorsi di cura. L intervento del mediatore si connota nel facilitare la fruibilità della rete interna dei servizi. Ucraina Marocco Nigeria D.H. Ematologia Ginecologia medicina Oncologia Ostetricia Pronto 0 Clin. Ematologia Ginecologia Neurochirurgia Neurologia Oncologia Ostetricia pediatria 0 D.H. Ginecologia Ginecologia Mal. Infettive Med. D'urgenza Ostetricia Ginecologia interna Soccorso Pediatrica

12 Il processo di accoglienza e mediazione è documentabile attraverso: - Presenza della network dei Facilitatori dell Accoglienza - Presenza delle Procedure di mediazione - Presenza della Scheda d Accoglienza e della Scheda di Mediazione - Realizzati n. 3 eventi formativi: 1. Accogliere in Ospedale la transcultura al servizio di tutti (3 edizioni); 2. Ri-Conoscere: Emarginazione e Solitudine; 3. Workshop "L'altro diritto di cura - Presenza del Libretto informativo "Sono incinta" tradotto in 8 lingue: Inglese, francese, rumeno, albanese, cinese, russo, pakistano, arabo Complessivamente la maturità raggiunta dal processo di accoglienza e mediazione, secondo il Process Maturity Model P.M.M, è di livello 2 (processo ripetibile e passi del processo documentati) in migrazione verso il 3 con la relativa codifica aziendale della procedura da parte dell Ufficio Qualità. L analisi dei dati conoscitivi sulle modalità assistenziali delle due Aziende Sanitarie e la valutazione condivisa della crescita progressiva del fenomeno migratorio nel territorio ferrarese, rendono opportuna una metodica di lavoro a proiezione pluriennale, a forte integrazione delle competenze decisionali e delle competenze professionali, per superare la cultura della sola gestione delle emergenze o dei problemi attuali. I fondamenti possono essere: consolidamento del coordinamento delle diverse prestazioni e servizi forniti dalla AUSL consolidamento delle strategie di accoglienza, accompagnamento, presa in carico della Azienda Ospedaliero-Universitaria con condivisione del know-how, in fatto di competenza, conoscenza ed esperienza documentata e progettata. condivisione di un progetto permanente interaziendale, finalizzato al miglioramento dell accesso ai servizi sanitari da parte dei cittadini stranieri e alla piena fruizione dei diritti e delle tutele del SSN, in un ottica di continuità assistenziale territorio-ospedale/i. consolidamento delle collaborazioni con tutti i soggetti istituzionali e associativi che, a vario titolo, si occupano di politiche migratorie locali Assumendo questi obiettivi generali, le Aziende Sanitarie della provincia di Ferrara, anche in coerenza agli obiettivi posti dal PSN 2006/08, dal primo Piano Regionale Sociale e Sanitario, dal Piano Per la Salute provinciale, dai Piani Sociali di Zona , approvano il progetto interaziendale che, trova la sua razionalità nel proporsi di affrontare i seguenti problemi: Gap tra iscrizione alle anagrafi dei Comuni e anagrafe sanitaria con accesso tardivo al Servizio Sanitario Nazionale Mancanza/scarsa informazione e formazione sull accesso e fruibilità dei servizi; Elevato ricorso all IVG per le donne straniere; Scarso ricorso agli sceening oncologici; Incidenza di patologie oncologiche specifiche tra le donne dei Paesi dell Est Europa, in particolare Ucraine; Incomprensioni e inadeguata compliace: gravidanza, parto, educazione alla salute e terapeutica

13 Parziale integrazione delle funzioni del Dipartimento di Sanità Pubblica con le politiche assistenziali territoriali e ospedaliere, e con le politiche sociali territoriali; Parziale continuità assistenziale e discontinua integrazione fra ambito ospedaliero e territoriale. Problemi organizzativi: - Disagio vissuto dagli operatori: mancanza/scarse conoscenze riguardo le risorse in servizi presenti nel territorio; - Assenza di una rete formale e di strumenti di comunicazione (mancanza di sinergia tra le diverse risorse); - Assenza di un monitoraggio, di una valutazione e di un piano d azione coordinato. L idea di gestire e di leggere in forma organica e sistemica la domanda di salute dei cittadini stranieri presenti sul territorio ha posto le basi per una progettualità interaziendale riguardo il fenomeno migratorio e l interculturalità. Il progetto riteniamo possa essere facilitato anche dal fatto che i numeri delle presenze dei cittadini stranieri non presentano carattere emergenziale nei riguardi delle politiche sanitarie e socio-sanitarie, ma permettono, pur nella complessità della domanda d aiuto (clinica, assistenziale e relazionale), di pensare a forme di accoglienza e di accompagnamento nel circuito locale socio sanitario, di tipo sistemico. Obiettivi del progetto Obiettivo Generale Implementare un Servizio Interaziendale di Mediazione Interculturale che permetta di condividere e integrare strategie di miglioramento per l accesso e uso della rete dei servizi sanitari e sociosanitari da parte dell utenza straniera. Obiettivi Intermedi Condividere le conoscenze e le esperienze tra operatori delle aziende sanitarie rispetto l immigrazione, la transcultura e l intercultura. Implementare il lavoro di rete tra gli operatori, i servizi e le aziende quale metodologia facilitante l inclusione degli utenti stranieri nei percorsi d aiuto, ed equità nell utilizzo delle risorse. Realizzare una presa in carico e fornire risposte d aiuto all utente straniero non condizionate dalle differenze culturali e linguistiche affiancando il mediatore interculturale al team assistenziale. Realizzare interventi rivolti agli immigrati per facilitare l accrescimento delle competenze personali e di piccolo gruppo riguardo la salute/stili di vita e uso dei servizi Monitorare la domanda e il lavoro svolto, produrre una reportistica che faciliti una lettura organica del profilo di salute dell utenza straniera e la realizzazione di azioni coordinate e condivise.

14 Realizzazione del Progetto Un territorio, e una rete dei servizi sanitari e sociosanitari, che mette al centro la persona, la sua storia e la sua cultura diviene luogo ed occasione per favorire processi di integrazione reale. La necessità di definire un progetto organico interaziendale di mediazione interculturale è data dall esigenza di superare la frammentazione delle iniziative gia presenti, dalla necessità di dare risposte con continuità agli operatori e agli utenti che ne fanno sempre più domanda, e di garantire un servizio sanitario interessato e ispirato alla rete integrata delle prestazioni, delle professionalità e delle opportunità. La complessità relazionale dell attuale utenza presuppone la capacità di comprendere un modo diverso di essere, diverse abitudini, diverse interpretazioni di un malessere, dando in tal modo all utente sicurezza e fiducia nel raccontare la propria vita e le proprie tradizioni in modo verbale o in modo non verbale, attraverso il corpo, il gesto, l acconciatura, gli oggetti personali, il vestire. Questa capacità di lettura di valori culturali che proprio nel momento di fragilità, determinato dalla malattia, emergono con forza nel pensiero e nel comportamento di una persona, è richiesta non solo dinanzi ad uno straniero ma anche nell incontro con i connazionali. Il progetto è guidato dai seguenti principi: Continuità assistenziale, Valutazione della domanda d aiuto, Risposta appropriata al grado di competenze della persona migrante, Valutazione e Programmazione. Quello che si vuole realizzare è l implementazione di una rete, nel territorio provinciale, di n. 5 postazioni, diversificando l offerta di mediazione interculturale a seconda delle caratterizzanti del territorio, del tipo di competenza linguistica e del tipo d intervento richiesto. Nell allargare e qualificare l offerta sanitaria ai cittadini stranieri, non si intende realizzare una risposta d aiuto parallela, ma fornire un servizio per tutti, arricchendo le competenze degli operatori attraverso il valore aggiunto dato dalle sinergie professionali oltre che organizzative, e affiancare a questi o a servizi già esistenti strategie culturalmente sensibili. Il contenuto del servizio potrà allora risultare sostanzialmente analogo a quello erogabile a un utente autoctono, o potrà invece presentarsi come sensibilmente diverso in quanto propone l approccio transculturale. La presente azione progettuale interaziendale può facilitare percorsi di miglioramento continuo della qualità, e può inserirsi tra le proposte delle buone pratiche in sanità, mettendo al centro il cittadino-cliente e, rafforzando garanzie e diritti, permettendo il passaggio da un modello centrato sulla funzione di tutela advocacy - ad una funzione di valorizzazione delle capacità e delle abilità - empowerment. La figura del mediatore interculturale svolge una funzione ponte tra utente ed operatore, facilitando la risoluzione del problema e le connessioni tra diversità rendendo possibile uno scambio costruttivo rispettoso delle singole peculiarità, nato dal confronto, che genera una terza via, accettabile per entrambi. La Funzionalità di Mediazione Interaziendale prevede la messa in rete di n. 5 Postazioni (nodi di rete) con Presenza fissa dei Mediatori Interculturali: Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara, Salute Donna e Pediatria di Comunità di Ferrara ( in rete con il Dipartimento di Sanità Pubblica), Salute Donna e Pediatria di Comunità di Portomaggiore, Ospedale di Cento ( in rete con Salute Donna ), Ospedale del Delta ( in rete con Consultori del Distretto).

15 PROGETTO DI RETE INTERAZIENDALE Azienda USL di Ferrara Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Salute Donna e Pediatria di Comunità di Ferrara Salute Donna Portomaggiore Ospedale del Delta Ospedale di Cento Ufficio Accoglienza Mediazione La Mediazione Interculturale in Presenza fissa è il riferimento locale della Funzionalità di Mediazione e può soddisfare bisogni di informazione, ascolto, accompagnamento e facilitazione amministrativa, gestione degli interventi di mediazione su appuntamento, consulenza telefonica, mediazione linguistica e culturale a richiesta degli operatori dei servizi /reparti/ambulatori. Ogni postazione potrà servire una definita area territoriale e dovrà essere dotata di PC, telefono fisso con segreteria telefonica e cellulare aziendale o cercapersona. L Ufficio/Servizio, ove presente la postazione fissa, è sede lavorativa del Referente d Area che, in possesso del documento dell intero repertorio mediatori, svolge funzioni di raccordo coi servizi di riferimento e di organizzazione delle attività. Durante le ore di apertura della postazione fissa gli operatori presenti nell area territoriale, possono far riferimento a questa struttura per contattare la mediatrice, inoltrare richieste di mediazione, richiedere consulti telefonici e richiedere brevi traduzioni. I Referenti d area affiancati dai responsabili dei servizi e direttori di osservatori privilegiati comporranno il Gruppo Tecnico Interaziendale. Salute Donna e Pediatria di Comunità di Ferrara e Salute Donna di Portomaggiore fornisce un servizio di Mediazione Interculturale di 1 livello, l Ospedale del Delta, Ospedale di Cento e Ufficio Accoglienza e Mediazione dell Azienda Ospedaliera di Ferrara fornisce un Servizio di 2 livello. Le Azioni Progettuali che s intendono realizzare nel periodo di sperimentazione, in quanto risultati problemi prioritari, sono: - Formazione del personale - Intervento di Medicina preventiva e mediazione interculturale per una nuova offerta sanitaria (Vedi Progetto allegato I servizi sanitari di fronte al fenomeno dell immigrazione massiva : medicina preventiva e mediazione culturale in un nuovo progetto di offerta sanitaria proposto dall Università degli Studi di Ferrara-Dipartimento di Medicina, sezione di Igiene e medicina del lavoro e dal Dipartimento di Sanità Pubblica)

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli