LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO"

Transcript

1 D. Pesaresi e R. Console Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO Riassunto. L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) è stato designato dall Autorità Nazionale italiana per la CTBTO (Comprehensive Nuclear Test-Ban-Treaty Organization, Organizzazione per la Verifica del Trattato per il Bando Totale dei Test Nucleari) presso il Ministero degli Affari Esteri, quale Centro Dati Nazionale (NDC) italiano per la CTBTO stessa. L NDC italiano sarà pertanto in grado di ricevere e analizzare i dati di 170 stazioni sismiche, 60 stazioni infrasoniche e 11 stazioni idroacustiche sparse per tutto il mondo. Esempi d analisi dati condotte presso l NDC italiano includono il confronto m b -M S per la discriminazione tra eventi naturali e artificiali e il confronto dei bollettini prodotti dal Centro Dati Internazionale (IDC) della CTBTO e i bollettini prodotti dalla Rete Nazionale italiana gestita dall INGV. THE INTERNATIONAL MONITORING SYSTEM OF THE CTBTO: THE ITALIAN NATIONAL DATA CENTER ACTIVITIES Abstract. The Italian National Institute for Geophysics and Volcanology (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, INGV) has been nominated by the Italian National Authority for the Comprehensive Nuclear Test-Ban-Treaty Organization (CTBTO) in the Italian Minister of Foreign Affairs, as the Italian National Data Center (NDC) for the CTBTO. The Italian NDC will consequently be able to receive and analyze data from 170 seismic stations, 60 infrasound stations and 11 hydroacustic stations situated all over the world. Examples of data analysis conducted at the Italian NDC include m b -M S comparison for explosions versus earthquakes discrimination and NDC-IDC bulletins comparison. INTRODUZIONE Il problema principale del controllo delle esplosioni nucleari sotterranee non consiste tanto nel rilevamento delle esplosioni, ma nella discriminazione tra queste ed eventi sismici naturali. La distinzione fra esplosioni e terremoti è basata innanzi tutto sulla precisa localizzazione ipocentrale: esistono inoltre svariati metodi, in particolare quelli basati sul contenuto spettrale delle onde sismiche, che permettono di distinguere tra sorgenti artificiali e sorgenti naturali. La comunità sismologica internazionale è stata chiamata a fornire un supporto tecnico-scientifico ai negoziati per il trattato per la proibizione totale delle esplosioni nucleari (CTBT), attraverso la creazione di un gruppo di lavoro specifico (Gruppo di Esperti Scientifici - GSE), presso la Conferenza del Disarmo di Ginevra, fin dal Il trattato (firmato nel 1996) prevede la creazione di un'apposita Organizzazione degli Stati Firmatari che si occupa di sovrintendere all'esecuzione degli obblighi previsti dal trattato stesso: la CTBTO (Comprehensive Nuclear Test-Ban-Treaty Organization) che ha la sua sede centrale presso il Centro Internazionale di Vienna facente parte dell'organizzazione delle Nazioni Unite. Il Gruppo di Lavoro B della CTBTO, proseguendo l attività iniziata dal GSE, dovrà mettere a punto il complesso sistema di verifiche previste dal trattato, incentrato su un regime ispettivo e su un Sistema Internazionale di Monitoraggio (IMS), costituito da una rete di stazioni di rilevamento su scala globale, i cui dati afferiscono ad un unico Centro Dati Internazionale (IDC). Il Centro Dati Nazionale (NDC) italiano è collegato con l IDC di Vienna tramite il Sistema Globale di

2 Comunicazione (GCI). Tra le attività del NDC italiano ci sono il ricevimento e l analisi dei dati a forme d onda delle stazioni sismiche, infrasoniche e idroacustiche dell IMS: tali stazioni sono principalmente dedicate per rilevare esplosioni nucleari rispettivamente nel sottosuolo, nell atmosfera e negli oceani. RACCOLTA DATI La raccolta dati provenienti dal Centro Dati Internazionale (IDC) di Vienna avviene attraverso il Sistema Globale di Comunicazione (GCI) satellitare della CTBTO con tecnologia VSAT. Fig. 1 - Schema di interconnessione dati del Centro Nazionale Dati italiano per la CTBTO. Come illustrato in Fig. 1, i dati ricevuti dal terminale satellitare presente presso la sede di Roma dell INGV sono elaborati da una prima workstation SUN di tipo ULTRA 60, dove gira il software commerciale della Kinemetrics Antelope. Tale software comprende un sistema di acquisizione dati in tempo reale, un database relazionale integrato e un sistema di picking automatico nel caso di ricezioni dati sismici di una rete omogenea. Presso il Centro Dati Nazionale (NDC) italiano è presente anche un altra workstation SUN Ultra 60 collegata alla rete Internet tramite uno dei firewall dell INGV: il compito di tale workstation è di ricevere e analizzare i dati ricevuti dalle stazioni non CTBTO tramite Internet. Le due workstations sono collegate sia attraverso il secondo firewall di protezione dell INGV, sia attraverso un apposita scheda di rete esclusivamente dedicata, per mantenere una configurazione il quanto più standard possibile del secondo firewall. Il software utilizzato permette l acquisizione sia dei dati in tempo reale delle stazioni sismiche, infrasoniche e idroacustiche del Sistema Internazionale di Monitoraggio (IMS) della CTBTO tramite l uso dell apposito protocollo di comunicazione CD-1, sia dei bollettini prodotti dal Centro Dati Internazionale (IDC) tramite messaggistica secondo la standard AutoDRM.

3 ANALISI DATI Il processo di integrazione dei dati provenienti dalle diverse tecnologie dell IMS presso l IDC è raffigurato dalla Fig. 2. Fig. 2 - Schema di flusso analisi dati e produzione bollettini integrati presso il Centro Dati Internazionale (IDC) della CTBTO di Vienna. I primi dati ad arrivare presso l IDC sono quelli relativi alle stazioni sismiche primarie e, dopo circa un ora, quelli delle stazioni idroacustiche negli oceani. Entro le prime due ore dall evento in questione è quindi prodotto un primo bollettino automatico denominato SEL1. Successivamente sono interrogate le stazioni sismiche ausiliarie e nel frattempo arrivano i dati relativi alle stazioni infrasoniche. Entro sei ore dall evento è quindi prodotto il secondo bollettino automatico dell IDC denominato SEL2. Dopo una ulteriore analisi del software è prodotto, a circa 10 ore dall evento un terzo bollettino automatico denominato SEL3. A questo punto interviene il lavoro degli analisti dell IDC che rivedendo i dati producono i bollettini denominati REB e SEB entro un giorno. Applicando poi procedure standard per la discriminazione dell evento quali ad esempio la localizzazione, la profondità, il confronto m b -M S e l integrazione dati sismici e idroacustici, si arriva alla produzione del bollettino SSEB entro due giorni dall evento. Nell arco di due settimane arrivano poi i dati delle stazioni radionuclidiche, relativi agli eventuali isotopi trasportati dal vento, e prodotti i bollettini di fusione FPEB e il sommario finale ES. Come si vede dalla Fig. 3, dal semplice confronto tra il segnale sismico prodotto da un esplosione nucleare (A) e da un evento sismico è difficile discriminare tra cause naturali e artificiali. Tra i metodi discriminanti generali segnaliamo il luogo dell evento, la profondità, la complessità della forma d onda e la durata del segnale. Tra le discriminanti spettrali segnaliamo invece il rapporto m b -M S, il rapporto spettarle

4 SR, il terzo momento della frequenza TMF, il contenuto in frequenza del segnale e il frazionamento spettrale. Tra le discriminanti legati al meccanismo focale della sorgente ci sono il primo impulso dell onda P, il meccanismo focale e l eccitazione relativa delle fasi sismiche. Infine, vale la pena citare altri discriminanti quali la frequenza di taglio, le onde P a larga banda, le onde di Love, le onde S e i discriminanti regionali. Fig. 3 - Esplosione nucleare sotterranea (A) effettuata il 14 luglio 1984 nel Kazakhstan e terremoto (B) avvenuto il 5 ottobre 1985 nel Canada occidentale, ambedue registrazioni della stazione sismografica di Castello Tesino (TN) facente parte della Rete Sismica Nazionale dell INGV. Fig. 4 - Confronto tra esplosioni ed eventi naturali, m b /M S.

5 Il metodo più efficace tra quelli sopra elencati è probabilmente il confronto m b - M S. Tale criterio è fondato sull osservazione che per un evento di data magnitudo m b delle onde di volume (calcolata sulle onde P), le esplosioni sono caratterizzate da un valore di magnitudo M S delle onde superficiali (calcolata sulle onde di Rayleigh) molto più piccola di quella dei terremoti, come mostrato nella Fig. 4. Fig. 5 - Confronto tra esplosioni ed eventi naturali, m b /M S. Come si evince dall analisi della Fig. 5, riportando la frequenza delle esplosioni (in alto) e dei terremoti (in basso) su un istogramma M S -m b, il metodo appare assai significativo. Un altra attività svolta presso il Centro Dati Nazionale italiano per la CTBTO è il confronto tra i bollettini sismici prodotti dal Centro Dati Internazionale (IDC) di Vienna della CTBTO e dal centro dati della Rete Sismica Nazionale italiana gestita dall INGV. Nell anno 2000 nell area italiana il Centro Dati Nazionale italiano ha riportato 1369 eventi di magnitudo M L o M d maggiore di 2.5. Nello stesso periodo e nella stessa area l IDC riporta 81 eventi nei bollettini di tipo REB, tutti riportati anche dal NDC italiano.

6 La maggior parte degli eventi non riportati dai bollettini REB dell IDC sono di piccola magnitudo. Questa caratteristica è illustrata chiaramente dalla Fig. 6, che mostra la distribuzione di tutte le magnitudo M L del NDC italiano in grigio e le rispettive associate dell IDC in nero. Fig. 6 - Distribuzione in magnitudo degli eventi registrati dal NDC italiano (in grigio) e degli eventi registrati dall IDC associati (in nero). Fig. 7 - Percentuale cumulativa degli eventi del NDC italiano riportati nel bollettino REB dell IDC per magnitudo.

7 La Fig. 7 illustra la percentuale degli eventi del NDC italiano riportati nei bollettini REB dell IDC per classe di magnitudo. Per il set di dati utilizzato, la soglia minima di rilevamento al 90% è 3.6, mentre la soglia minima relativa al 50% è 3.2. La Fig. 8 riporta gli epicentri con relativa ellisse di errore di tutti gli 81 eventi localizzati dal NDC italiano. Risulta che tutte le localizzazioni del NDC italiano rientrano all interno della rispettiva ellisse di errore della localizzazione dell IDC. Fig. 8 - Localizzazioni dell IDC con ellisse di errore e distanza dalle corrispondenti localizzazioni del NDC italiano. L evento nel Tirreno del Sud, avvenuto il 14 agosto alle 22:10, è quello caratterizzato dall ellisse di errore più grande e dalla localizzazione più discordante fra NDC e IDC. Per questo evento lo NDC italiano ha stimato una profondità di 152 km, mentre nel bollettino REB dell IDC la profondità è fissata a 0 km. È infatti procedura standard degli analisti IDC fissare la profondità a 0 quando la determinazione della stessa non possa essere effettuata con sufficiente precisione: questo per evitare di scartare possibili esplosioni in base al criterio della profondità. Tuttavia, il notevole errore di localizzazione verso sud è proprio una conseguenza della forte correlazione con la profondità, dovuta alla mancanza di copertura delle stazioni dell azimut verso sud. L evento è stato quindi considerato naturale, non per la profondità, ma per la localizzazione in mare!

8 CONCLUSIONI Il Centro Dati Nazionale (NDC) italiano è attualmente collegato in tempo reale via satellite con il Centro Dati Internazionale (IDC) di Vienna della CTBTO. Attualmente l analisi dati si concentra più sulla tecnologia sismica, mentre per il futuro si prevede di sviluppare maggiormente le relative competenze per le tecnologie infrasoniche e idroacustiche, eventualmente con collaborazioni esterne. BIBLIOGRAFIA Console R.; 1994: Planning and Procedures for GSETT-3. Annali di Geofisica, 37, 3, pp Boschi E. e Console R.; 1995: Underground Nuclear Explosions and Seismology. International Seminars on Nuclear War and Planetary Emergency, 19th Session, Erice, August 1994, Console R.; 1995: Underground Nuclear Explosions and Environmental Problems. In: Console R. and Nikolaev A., eds. Earthquakes Induced by Underground Nuclear Explosions, NATO ASI Series 2-4, Springer, pp Lay T. e Fallace T.C.; 1995: Modern Global Seismology. San Diego, Calif. Academic Press. Console R. e Pesaresi D.; 1999: The Highest Seismological Station in the World, Eos, Transactions, AGU Volume 80, Number 46, November 16, 1999 Pesaresi D.; 1999: Parent Network Institutions and stations located in Host Countries: control, access and operation. CTBT/WGB-8/IT/1 Console R.; 2001: Statistical comparison of NDC and IDC seismic bulletins in the Central Mediterranean region. CTBT/WGB-14/IT/2 Mancini C.; 2001: Approccio Bayesiano alla Discriminazione tra Terremoti ed Esplosioni Nucleari sotterranee. Tesi di Laurea, Corso di Laurea in Fisica, Università degli Studi di Roma Tre, Anno Accademico

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Lorenzo Amato Istituto di Metodologie per l Analisi Ambientale (IMAA)

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

Allegato 1 tratto da: An appraisal of underground gas storage technologies and incidents, for the development of risk assessment methodology Prepared by the British Geological Survey for the Health and

Dettagli

UN SISTEMA DI ACQUISIZIONE E CONDIVISIONE DEI DATI SISMICI TRA L INTERNATIONAL MONITORING SYSTEM DEL CTBTO E LA RETE NAZIONALE CENTRALIZZATA DELL INGV

UN SISTEMA DI ACQUISIZIONE E CONDIVISIONE DEI DATI SISMICI TRA L INTERNATIONAL MONITORING SYSTEM DEL CTBTO E LA RETE NAZIONALE CENTRALIZZATA DELL INGV UN SISTEMA DI ACQUISIZIONE E CONDIVISIONE DEI DATI SISMICI TRA L INTERNATIONAL MONITORING SYSTEM DEL CTBTO E LA RETE NAZIONALE CENTRALIZZATA DELL INGV Alfio Messina, Valerio Materni, Lucio Badiali Istituto

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

ISTITUZIONE DI UNA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS IN UMBRIA

ISTITUZIONE DI UNA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS IN UMBRIA ISTITUZIONE DI UNA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS IN UMBRIA Fabio RADICIONI*, Aurelio STOPPINI* * Università degli Studi di Perugia, D.I.C.A., Via G.Duranti 93-06125 Perugia Tel. 075/5853765 - Fax

Dettagli

FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico. FAAS: an automatic system for seismic alerting

FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico. FAAS: an automatic system for seismic alerting Bragato P.L., Govoni A. Dip. Centro Ricerche Sismologiche di Udine Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico Riassunto. FAAS (Friuli Automatic Alert

Dettagli

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento.

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento. Assessorat des Ouvrages publics, de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Presidenza della Regione Direzione Protezione

Dettagli

I. IL TRATTATO SULLA MESSA AL BANDO TOTALE DEGLI ESPERIMENTI NUCLEARI

I. IL TRATTATO SULLA MESSA AL BANDO TOTALE DEGLI ESPERIMENTI NUCLEARI Senato della Repubblica - 5 - Camera dei deputati I. IL TRATTATO SULLA MESSA AL BANDO TOTALE DEGLI ESPERIMENTI NUCLEARI A. Precedenti storici e diplomatici Il Trattato costituisce il risultato di un lungo

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana INGV DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software Il calcolo di questo parametro dinamico può essere effettuato attraverso le classiche prove sismiche in foro del tipo DOWN-HOLE oppure con metodi innovativi indiretti.

Dettagli

Laboratorio di monitoraggio Cavone

Laboratorio di monitoraggio Cavone Laboratorio di monitoraggio Cavone Sulla base dell accordo per la prima applicazione delle Linee Guida del 23/07/2014 è stata elaborata la presente nota per valutare in modo preliminare l evento sismico

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento Paolo PLINI, Rosamaria SALVATORI, Sabina DI FRANCO, Valentina DE SANTIS Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

IL LABGIS@INGV DI GROTTAMINARDA, ATTIVITA' E PROSPETTIVE

IL LABGIS@INGV DI GROTTAMINARDA, ATTIVITA' E PROSPETTIVE IL LABGIS@INGV DI GROTTAMINARDA, ATTIVITA' E PROSPETTIVE Maurizio PIGNONE (*), Raffaele MOSCHILLO (*) (*) ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, Centro Nazionale Terremoti Via Castello D Aquino,

Dettagli

2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007. http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis

2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007. http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis Database geografici e report di eventi sismici 2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007 Maurizio Pignone http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis Premessa Progetto CESIS LABGIS INGV Grottaminarda

Dettagli

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni F. Gallo 1, G. Jona Lasinio 1, A. Orasi 2 1 Università di Roma La Sapienza, Roma 2 Università degli

Dettagli

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami A. Armigliato (1), S. Tinti (1), G. Pagnoni (1), G. Mastronuzzi (2), C. Pignatelli

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche Alex Manzo CILEA, Roma Abstract Nell ottica di un potenziamento e arricchimento dei dati dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

Dettagli

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica a cura di Giovanna Cultrera, Antonella Cirella, André

Dettagli

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 30 convegno Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 F. Sansivero, G. Vilardo, P. De Martino, G. Chiodini

Dettagli

La nuova rete accelerometrica della Svizzera

La nuova rete accelerometrica della Svizzera La nuova rete accelerometrica della Svizzera La rete accelerometrica della Svizzera nel 2019 Blu: prima fase del progetto (2009 2013), 30 stazioni installate. Rosso: seconda fase del progetto (2013 2019),

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO IN ALASKA: LA RETE E LA SUA PERFORMANCE DI LOCALIZZAZIONE

IL MONITORAGGIO SISMICO IN ALASKA: LA RETE E LA SUA PERFORMANCE DI LOCALIZZAZIONE questa rete (arco vulcanico Greco e isola di Creta). L analisi statistica dei tempi residui riportati nel catalogo HUSN ha permesso di determinare delle leggi empiriche che legano la varianza dei tempi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 MASW (Multichannel

Dettagli

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2009_Numero 112 apporti tecnici Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT) Sara

Dettagli

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE INDICE CONTENUTI Pag. PREMESSA 1 Cap. 1 I TERREMOTI 2 Cap. 2 STRATEGIE 4 2.1 Abaco storico delle osservazioni sismiche 5 2.2 Il territorio di CAGNANO VARANO 7 2.3 Storicità degli eventi sismici 9 Cap.

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale

Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale ACCORDO DI PROGRAMMA per la realizzazione del progetto Studio riguardante il

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

Validazione del software NDA Professional per la compensazione di reti di stazioni permanenti GNSS

Validazione del software NDA Professional per la compensazione di reti di stazioni permanenti GNSS Validazione del software NDA Professional per la compensazione di reti di stazioni permanenti GNSS Marco Fermi (*), Stefano Caldera (**), Massimiliano Chersich (***), Marco Osmo (***) (*) Galileian Plus

Dettagli

Mod. DOC/RET/M/2 Rev. 0 del 01/03/2008

Mod. DOC/RET/M/2 Rev. 0 del 01/03/2008 Mod. DOC/RET/M/2 Rev. 0 del 01/03/2008 PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA _ BOLLETTINO SISMICO IBLEO _ numero 2 _ anni 2010-2011 BOLLETTINO SISMICO IBLEO _ numero 5 _ anno 2014 Provincia Regionale di Ragusa

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità Introduzione 1 Metodologia

Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità Introduzione 1 Metodologia Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità A. Rebez Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, Trieste (e-mail: rebez@ogs.trieste.it) Introduzione Un'informazione

Dettagli

11/5/2015 Segnalazione di eventi/boati in zona Vittorio Veneto Pieve di Soligo

11/5/2015 Segnalazione di eventi/boati in zona Vittorio Veneto Pieve di Soligo 11/5/215 Segnalazione di eventi/boati in zona Vittorio Veneto Pieve di Soligo Sgonico, 11 maggio 215 Ore 18: A seguito di una richiesta di approfondimento da parte della Centrale di Stoccaggio di Collalto

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

LA RETE SISMICA DEL MONTANA (U.S.A.): PERFORMANCE DI LOCALIZZAZIONE E MAGNITUDO DI COMPLETEZZA

LA RETE SISMICA DEL MONTANA (U.S.A.): PERFORMANCE DI LOCALIZZAZIONE E MAGNITUDO DI COMPLETEZZA Pettenati F., Sirovich L., Sandron D. and C. Papaioannou (2010). Earthquake sources retrieved from intensities: seven successes in Greece. Proc. 14ECEE, Ohrid, Macedonia, Aug. 30-Sept. 3, 2010. CD Paper

Dettagli

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network

Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Giovanni PUGLIANO (*), M. Elizabeth CANNON (**), Gérard LACHAPELLE (**) (*) Università degli Studi di Napoli

Dettagli

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano La piattaforma GEOSIS E uno strumento di sintesi e di consultazione rapida di informazioni relative agli eventi

Dettagli

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR Lo scopo di questa indagine è la caratterizzazione sismica del sottosuolo e, in particolare, l individuazione delle discontinuità sismiche

Dettagli

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV 1 Monitoraggio sismico a scala Nazionale: La rete sismica nazionale 2 Monitoraggio sismico

Dettagli

PALERMO 2010: CAMPAGNA DI MONITORAGGIO SISMO-ACUSTICO SOTTOMARINO DELL AREA EPICENTRALE DEL TERREMOTO DI PALERMO DEL 6 SETTEMBRE 2002

PALERMO 2010: CAMPAGNA DI MONITORAGGIO SISMO-ACUSTICO SOTTOMARINO DELL AREA EPICENTRALE DEL TERREMOTO DI PALERMO DEL 6 SETTEMBRE 2002 Valensise G. and Pantosti D., (2001). Database of potential sources of earthquakes larger than M 5.5 in Italy. Ann. Geofis., suppl. vol. 44 (4), 797-964, con CD-ROM. Zeiler C. and Velasco A.A., (2009).

Dettagli

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte)

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte) MONITORAGGIO DEL PROCESSO EVOLUTIVO DEL TERRITORIO DI UN'AREA PROTETTA CON IL TELERILEVAMENTO: ANALISI MULTITEMATICA E MULTITEMPORALE DELL'USO DELLE TERRE E RELATIVA INDIVIDUAZIONE E APPLICAZIONE DI INDICI.

Dettagli

Quarant'anni fa ad Ancona

Quarant'anni fa ad Ancona Che cosa accadde: il punto della situazione Quarant anni fa, il 25 gennaio 1972, iniziò ad Ancona un lungo periodo sismico. Le prime registrazioni della sequenza in corso furono effettuate da due stazioni

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli PAS Progetto Antenne Sismiche Manuale tecnico a

Dettagli

Eliosismologia. Marco Potenza. Planetario di Milano 30 maggio 2006

Eliosismologia. Marco Potenza. Planetario di Milano 30 maggio 2006 Eliosismologia Marco Potenza Planetario di Milano 30 maggio 2006 Elio-sismologia = studio dei terremoti sul Sole o meglio: Studio del Sole mediante l analisi delle sue oscillazioni Guardiamo da vicino

Dettagli

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Presso la sede INGV si riuniscono i responsabili dei task del progetto S4. Sono presenti Luca Malagnini (INGV, coordinatore) Daniele Spallarossa (DIPTERIS,

Dettagli

Le potenzialità del World Wide Web nello studio del fenomeno meteorico

Le potenzialità del World Wide Web nello studio del fenomeno meteorico Le potenzialità del World Wide Web nello studio del fenomeno meteorico Mario Sandri mario.sandri@katamail.com Gruppo Ricerca Radioastronomia Amatoriale Trentino Abstract L avvento di Internet ha certamente

Dettagli

Prospettive dei servizi di posizionamento

Prospettive dei servizi di posizionamento Politecnico di Milano Polo Regionale di Como Prospettive dei servizi di posizionamento Ludovico Biagi, Stefano Caldera, Fernando Sansò Presentazione della Rete di Stazioni Permanenti GNSS dell Emilia Romagna

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) INGV Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

DOSSIER RISCHIO MAREMOTO PROTEZIONE CIVILE

DOSSIER RISCHIO MAREMOTO PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO MAREMOTO PROTEZIONE CIVILE Introduzione A tre mesi dal terremoto e dallo tsunami che hanno colpito il Giappone, pubblichiamo un dossier che inquadra il fenomeno del maremoto nel Mediterraneo

Dettagli

LA RETE GPS PERMANENTE INGV

LA RETE GPS PERMANENTE INGV LA RETE GPS PERMANENTE INGV SECONDA RELAZIONE sullo stato di avanzamento a cura di: M. Anzidei, G. Casula, A. Galvani, G. Pietrantonio e F. Riguzzi U.F. Laboratorio di Geodesia e Telerilevamento Sezione

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE NEL CAMPO DELL ENERGIA NUCLEARE. Prof. Maurizio L. CUMO Ordinario di Impianti Nucleari Università Sapienza

LA RESPONSABILITA CIVILE NEL CAMPO DELL ENERGIA NUCLEARE. Prof. Maurizio L. CUMO Ordinario di Impianti Nucleari Università Sapienza LA RESPONSABILITA CIVILE NEL CAMPO DELL ENERGIA NUCLEARE Prof. Maurizio L. CUMO Ordinario di Impianti Nucleari Università Sapienza Concetti di base L energia nucleare ha da sempre dimostrato di avere un

Dettagli

Terremoti a cura di Francesco Speciale

Terremoti a cura di Francesco Speciale Terremoti a cura di Francesco Speciale Il terremoto o sisma viene definito come una rapido e violento scuotimento del suolo dovuto a improvvise lacerazioni che si manifestano a grandi profondità nelle

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA REALIZZATA PRESSO LA SEZIONE DI CATANIA DELL INGV

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA REALIZZATA PRESSO LA SEZIONE DI CATANIA DELL INGV SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA REALIZZATA PRESSO LA SEZIONE DI CATANIA DELL INGV Emilio Biale, Massimiliano Cascone, Salvatore Mangiagli, Emilio Pecora INGV Sezione di Catania Piazza Roma, 2, 95123 Catania,

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion.

Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Elenco dei partecipanti Responsabile: Paolo Augliera - Primo Ricercatore INGV. Ezio

Dettagli

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + ATTIVITÀ DELLA RETE SISMICA MOBILE (RSM) La RSM nasce nei primi anni 70 come struttura finalizzata

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica ed Astrofisica Applicazione del metodo Non Negative Least Square alla Full Spectrum Analysis

Dettagli

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 terremoto (evento n. 3891) Data: 15/9/1928 terremoto (evento n. 3893) Data: 25/12/1930 terremoto (evento n. 10841) Data: 19/2/1932 1935/12/ Varie Sismicità del

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

Vs e Vs30 NON sono misurabili con errori inferiori a 20% con nessun metodo

Vs e Vs30 NON sono misurabili con errori inferiori a 20% con nessun metodo Vs e Vs30 NON sono misurabili con errori inferiori a 20% con nessun metodo Please take your copy! Array sismico zampigitale (con proboscide) Francesco Mulargia Dipartimento di Fisica Università di Bologna

Dettagli

La ricerca universitaria, uno strumento scientifico al servizio della sicurezza delle reti Luca Spalazzi

La ricerca universitaria, uno strumento scientifico al servizio della sicurezza delle reti Luca Spalazzi La ricerca universitaria, uno strumento scientifico al servizio della sicurezza delle reti Luca Spalazzi Università Politecnica delle Marche sommario Sommario Linee di ricerca Comunità scientifica Università

Dettagli

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE Committente: Ottobre 2008 I geologi Marco Catalano Francesco Cuccurullo

Dettagli

RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO

RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO Giuseppe Borriello, Ciro Buonocunto, Marco Capello, Giovanni

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV

L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV Gianpaolo Cecere Istituto sede di Grottaminarda (AV) Nasce verso la fine del 2004 da un progetto finanziato

Dettagli

Sismicità indotta in Italia: prospettiva storica e problemi di comunicazione. Marco Mucciarelli

Sismicità indotta in Italia: prospettiva storica e problemi di comunicazione. Marco Mucciarelli Sismicità indotta in Italia: prospettiva storica e problemi di comunicazione Marco Mucciarelli Sismicità indotta da attività antropiche: all'estero è notizia comune per la stampa... All'ultima conferenza

Dettagli

Prevenzione Formazione ed Informazione

Prevenzione Formazione ed Informazione Il Rischio Sismico Prevenzione Formazione ed Informazione Giuseppe Licata Esperto in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento. Laureando in Scienze Geologiche, curriculum rischi geologici Il

Dettagli

Carte di controllo (Shewhart): monitoraggio della precisione e della giustezza dei risultati di prove chimiche M. BETTINELLI - UNICHIM

Carte di controllo (Shewhart): monitoraggio della precisione e della giustezza dei risultati di prove chimiche M. BETTINELLI - UNICHIM Carte di controllo (Shewhart): monitoraggio della precisione e della giustezza dei risultati di prove chimiche M. BETTINELLI - UNICHIM Milano, 4-5 novembre 014 1 Le carte di controllo Le carte di controllo

Dettagli

1 INTRODUZIONE...pag. 3 1.1 Analisi dei microtremori...pag. 4 1.2 Descrizione, in ordine cronologico, delle varie fasi operative...pag.

1 INTRODUZIONE...pag. 3 1.1 Analisi dei microtremori...pag. 4 1.2 Descrizione, in ordine cronologico, delle varie fasi operative...pag. Comune di SCANDIANO (RE) Quadro o conoscitivo o geolog eologico, idrogeolo eologico e sismico a supporto del Piano Struttur utturale Comunale ai sensi della L.R. n. 20/2000 e s.m. della Circolar colare

Dettagli

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Enrico Priolo Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Centro

Dettagli

POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON)

POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON) POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON) D. Contini Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, ISAC-CNR, Lecce, Italy www.programmemed.eu

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

COMUNE DI VALLESACCARDA

COMUNE DI VALLESACCARDA Dott. Geologo Marco Catalano - Dott. Geologo Francesco Cuccurullo Viale Mazzini 83, 80045 Pompei (Na) - tel. 081 / 856.70.66 - cell. 349.15.76.598 COMUNE DI VALLESACCARDA PROVINCIA DI AVELLINO RELAZIONE

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA Giovanni Iannaccone Osservatorio Vesuviano (Napoli) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Requisiti tecnici

Dettagli

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte (segue dal precedente) Nei paragrafi successivi del Piano sono esposti gli obiettivi principali da conseguire

Dettagli

La Gestione del ciclo delle acque in Regione Piemonte: l esperienza del SIRI Sistema Informativo Risorse Idriche

La Gestione del ciclo delle acque in Regione Piemonte: l esperienza del SIRI Sistema Informativo Risorse Idriche La Gestione del ciclo delle acque in Regione Piemonte: l esperienza del SIRI Sistema Informativo Risorse Idriche Giuseppe AMADORE (*), Mauro VASONE (**), Luca VIARENGO (**) (*) Regione Piemonte, via Principe

Dettagli

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma t Anno 2009_Numero 116 apporti tecnici Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli SARis Sismica ad Alta Risoluzione Manuale tecnico

Dettagli

Attività antropiche: attività umane.

Attività antropiche: attività umane. A Acque di strato (o di produzione): sono le acque associate agli idrocarburi nei giacimenti e, quindi, estratti insieme ad essi. Le loro proprietà chimico fisiche variano a seconda della localizzazione

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2015

Bollettino di Sorveglianza Vulcani Campani Gennaio 2015 Via Diocleziano, 328 80124 NAPOLI - Italia Tel.: (39) 081.6108111 Telefax: (39) 081.6100811 email: aoo.napoli@pec.ingv.it website: www.ov.ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione

Dettagli

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte 42 L VLIDZIONE UTOMTI DEI DTI METEOROLOGII Maria Elena Nicolella SI (onsorzio Sistemi Informativi) Piemonte Riassunto L obiettivo del lavoro è quello di descrivere una procedura per il controllo di qualità

Dettagli

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399. Dipartimento di Energia Sezione Elettrica Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.8566 CALCOLO DEL PERFORMANCE RATIO E DEL FATTORE DI TRASPOSIZIONE DELL

Dettagli

I dati statistici si distinguono per:

I dati statistici si distinguono per: Fonti ufficiali I dati statistici si distinguono per: Fonte Istituzionale Non-istituzionale Finalità fini amministrativi fini conoscitivi Modalità di rilevamento continua periodica a campione per sondaggio

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Università degli studi Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Candidato: Luca De Francesco Relatore Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore Ing.

Dettagli

Previsione probabilistica operativa dei terremoti: stato delle conoscenze e linee guida per l utilizzo

Previsione probabilistica operativa dei terremoti: stato delle conoscenze e linee guida per l utilizzo Previsione probabilistica operativa dei terremoti: stato delle conoscenze e linee guida per l utilizzo COMMISSIONE INTERNAZIONALE SULLA PREVISIONE DEI TERREMOTI PER LA PROTEZIONE CIVILE Executive summary

Dettagli

Progetto SDT: Stato d Avanzamento e possibili sviluppi

Progetto SDT: Stato d Avanzamento e possibili sviluppi Progetto SDT: Stato d Avanzamento e possibili sviluppi a cura di: riccardo rossi - iv3nqs Premesse: Il progetto SDT Segnali dalla Terra Progetto per la realizzazione di una rete di monitoraggio dello spettro

Dettagli

Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR. Periodo 2008 2009.

Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR. Periodo 2008 2009. Prot. Int. n UFVG2009 / 61 Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR Periodo 2008 2009. Daniele Armando Randazzo La

Dettagli

PUBBLICAZIONE IN TEMPO REALE DI EVENTI SISMICI IN FORMATO SAC (RT_TWF2SAC) Remo Moro

PUBBLICAZIONE IN TEMPO REALE DI EVENTI SISMICI IN FORMATO SAC (RT_TWF2SAC) Remo Moro PUBBLICAZIONE IN TEMPO REALE DI EVENTI SISMICI IN FORMATO SAC (RT_TWF2SAC) Remo Moro remo.moro@ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione CNT - Roma Introduzione...5 1. Specifiche

Dettagli

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS)

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) M.Stella Giammarinaro Dipartimento di Geologia e Geodesia-Università di Palermo Introduzione La crescente vulnerabilità delle

Dettagli