Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia"

Transcript

1 Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale Roma - Capitale versato Euro ,00 Tel. 06/ telex BANKIT - Partita IVA

2 Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO Descrizione della fornitura dei collegamenti alla rete SIPN (SWIFT IP Network)

3 AVVERTENZE La pubblicità degli atti di gara è preordinata in via esclusiva a esigenze di imparzialità e trasparenza dell attività amministrativa. È vietato, e sarà perseguito ai sensi di legge, qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del materiale pubblicato, che sia difforme da tale finalità. La pubblicazione dei documenti avviene nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali e dei diritti di privativa. In nessun modo la pubblicazione, infatti, intende costituire violazione dei diritti di privativa da cui sono coperti i prodotti citati negli atti pubblicati, come creazioni intellettuali o invenzioni industriali in uso presso la Banca. Allo stesso modo è vietato, e sarà perseguito ai sensi di legge, qualsiasi utilizzo, totale o parziale, da parte di terzi, del materiale pubblicato, che miri a costituire un vantaggio indiretto o pubblicità ingannevole nei confronti del pubblico ovvero ad appropriarsi della proprietà intellettuale altrui.

4 INDICE GLOSSARIO. 5 INTRODUZIONE 6 1 SEZIONE PRIMA - DESCRIZIONE DEL CONTESTO E OBIETTIVI DEL PROGETTO SITUAZIONE ATTUALE OBIETTIVI 7 2 SEZIONE SECONDA - SOLUZIONE RICHIESTA ARCHITETTURA LOGICA COMPONENTI LOGICI E LORO INTERAZIONE 9 3 SEZIONE TERZA - OGGETTO DELLA FORNITURA CARATTERISTICHE DEI SERVIZI RICHIESTI CUSTOMER PREMISES EQUIPMENT CAPACITÀ DI TRASPORTO DI CIASCUN COLLEGAMENTO (THROUGHPUT) TOLLERANZA AI GUASTI ULTIMO MIGLIO ACCESSO ALLA RETE SIPN SERVIZI DI CABLAGGIO SERVIZI SERVIZI RICHIESTI DURANTE LA FASE DI PREDISPOSIZIONE E DI RILASCIO IN ESERCIZIO Kick-off meeting e piano integrato delle attività Analisi, progettazione e pianificazione Consegna, installazione e configurazione SERVIZI RICHIESTI DURANTE LA FASE DI ESERCIZIO Servizi di monitoraggio Servizi di manutenzione correttiva Servizi di manutenzione evolutiva Incontri periodici a cadenza trimestrale LIVELLI DI SERVIZIO (SLA) TEMPI DI ATTIVAZIONE DEI COLLEGAMENTI DISPONIBILITÀ DEI COLLEGAMENTI SERVIZIO DI MANUTENZIONE CORRETTIVA MODALITÀ DI PAGAMENTO PENALI TEMPI DI ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DISPONIBILITÀ DEI COLLEGAMENTI SERVIZI DI MANUTENZIONE 20 4 SEZIONE QUARTA - COLLAUDO 21 5 SEZIONE QUINTA MODALITA DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA 22 3 di 22

5 FIGURE Figura 1 la fornitura di collegamenti oggetto del capitolato. Figura 2 interazione tra i collegamenti delle due forniture. Figura 3 protezione nell'ultimo miglio. Figura 4 condivisione delle infrastrutture. TABELLE Tabella 1 capacità nominale dei collegamenti oggetto di fornitura. Tabella 2 obiettivo sulla disponibilità di ciascun collegamento. Tabella 3 obiettivi sui tempi di riparazione dei guasti. 4 di 22

6 GLOSSARIO. Termini tecnici utilizzati nel capitolato AS Bursting CDM CDR Collegamento a SIPN Connect Gold CPE Dual-H domestiche Largo Bastia Network Partner POP Req. Rete lunga distanza SIPN SSP SWIFTNet TARGET2 TPS Ultimo miglio WDM Accesso alla rete SIPN. E il punto di accesso alla rete di servizi della società SWIFT E il parametro descrittore del traffico che indica il rapporto tra gli istanti di trasmissione dei dati e gli istanti di assenza di trasmissioni, in un intervallo di osservazione. Centro Donato Menichella. E il centro elaborativo della Banca sito in L.go Guido Carli,1 Frascati. Committed Data Rate. E il parametro descrittore del traffico che indica le risorse che il fornitore si impegna ad assicurare. Collegamento tra la VPN box di SWIFT e il punto di accesso alla rete della società SWIFT (SIPN ) Connect Gold è una soluzione di connettività di rete (network connectivity pack) a standard SWIFT. La soluzione fa impiego di due (2) linee di collegamento di pari capacità di trasporto. Customer Premises Equipment. E il dispositivo di terminazione del collegamento presso la sede del cliente. Per la fornitura dei collegamenti alla rete SIPN si fa riferimento al router da installare presso i centri elaborativi della Banca. Dual-H è una soluzione di connettività di rete (network connectivity pack) a standard SWIFT. E stata sostituita dalla soluzione Connect Gold. Si fa riferimento alle esigenze della procedura della Banca d Italia che consente il colloquio tra le procedure utenti e il sistema di regolamento lordo TARGET2 E il centro elaborativo della Banca sito in Largo Bastia 35, Roma Partner della società SWIFT per la fornitura delle linee di collegamento alla rete SIPN. Point Of Presence. E la sede del fornitore dove terminano le infrastrutture di ultimo miglio. Requisito obbligatorio. E la porzione dell infrastruttura di rete del fornitore tra il POP e il punto di accesso alla rete SIPN. SWIFT IP Network. Single Shared Platform. E la piattaforma tecnologica che eroga i servizi di regolamento lordo in tempo reale europeo. Le banche nazionali di Italia, Germania e Francia ne curano l esercizio. Rete di servizi di messaggistica finanziaria erogati dalla società SWIFT Sistema di regolamento lordo in tempo reale europeo. Transaction Per Second. Storicamente la banda della soluzioni di accesso alla rete SIPN è stata espressa in Transaction Per Second, al fine di legare meglio le caratteristiche tecniche dei collegamenti alle esigenze di business. Ipotizzando un Committed Data Rate pari al 70%, una Transaction Per Second corrisponde a circa 32 kbit/s di banda. E la porzione dell infrastruttura di rete del fornitore tra il POP e il centro elaborativo della Banca. Wavelength-division multiplexing 5 di 22

7 INTRODUZIONE La Banca d'italia è collegata alla rete dei servizi di messaggistica finanziaria erogati dalla società SWIFT per lo svolgimento dei compiti istituzionali del sistema dei pagamenti, ossia: per le esigenze di esercizio della piattaforma europea di regolamento lordo in tempo reale TARGET 2 Single Shared Platform (di seguito, SSP); per i compiti di gestione operativa relativi alla partecipazione della Banca e della piazza finanziaria italiana ai sistemi di pagamento europei (di seguito, esigenze domestiche). In previsione delle scadenze contrattuali e in considerazione dei cambiamenti nei volumi dei messaggi finanziari scambiati, la Banca ha avviato un progetto di rinnovo dei collegamenti alla rete IP della SWIFT (di seguito SIPN, SWIFT IP Network), sia per le esigenze SSP sia per le esigenze domestiche. I collegamenti di accesso alla SIPN possono essere forniti dai Network Partner della SWIFT (cfr. ovvero dai fornitori che commercializzano i servizi dei Network Partner, in base ad accordi commerciali con i Network Partner e/o con la società SWIFT. La Banca intende acquisire due forniture di collegamenti alla rete SIPN per ridondanza. A tal fine: la Banca aggiudicherà una fornitura dei collegamenti descritti nel presente capitolato al primo classificato e aggiudicherà una ulteriore fornitura dei collegamenti descritti nel presente capitolato al primo concorrente che segue in graduatoria, che abbia proposto collegamenti di un diverso Network Partner rispetto al primo; ciascuna delle due forniture sarà aggiudicata ai rispettivi prezzi offerti in gara; la classifica dei fornitori sarà definita sulla base del criterio del prezzo più basso. Si precisa che, al fine di assicurare l efficacia della ridondanza, lo stesso concorrente non potrà aggiudicarsi entrambe le forniture. 6 di 22

8 1 SEZIONE PRIMA - DESCRIZIONE DEL CONTESTO E OBIETTIVI DEL PROGETTO 1.1 Situazione attuale Presso il centro elaborativo primario (CDM, Centro Donato Menichella) la Banca dispone dei seguenti collegamenti: collegamenti alla rete SIPN in configurazione Dual-H per le esigenze SSP; collegamenti alla rete SIPN in configurazione Connect Gold per le esigenze domestiche; collegamenti alla rete SIPN in configurazione Connect Gold per i test degli ambienti domestici. Presso il centro elaborativo secondario (Largo Bastia) la Banca dispone dei seguenti collegamenti: collegamenti alla rete SIPN in configurazione Dual-H per le esigenze SSP; collegamenti alla rete SIPN in configurazione Connect Gold per le esigenze domestiche. 1.2 Obiettivi L obiettivo del progetto è acquisire nuovi collegamenti di accesso alla rete SIPN, in sostituzione di quelli esistenti. 7 di 22

9 2 SEZIONE SECONDA - SOLUZIONE RICHIESTA 2.1 Architettura logica Ciascuna fornitura è costituita dai seguenti collegamenti: 1. 3 (tre) collegamenti di accesso alla rete SIPN presso il sito elaborativo primario (CDM - Centro Donato Menichella, sito in Largo Guido Carli 1, a Frascati) come di seguito specificato: a. un collegamento a 20 Mbit/s per le esigenze SSP; b. un collegamento a 8 Mbit/s per le esigenze domestiche; c. un collegamento a 64 kbit/s per le esigenze di test degli ambienti domestici; 2. 2 (due) collegamenti di accesso alla rete SIPN presso il sito elaborativo secondario (Largo Bastia, sito in Largo Bastia 35, a Roma) come di seguito specificato: a. un collegamento a 20 Mbit/s per le esigenze SSP; b. un collegamento a 8 Mbit/s per le esigenze domestiche. Nella figura 1 è rappresentata graficamente la fornitura dei collegamenti. Figura 1 la fornitura di collegamenti oggetto del capitolato. 8 di 22

10 2.2 Componenti logici e loro interazione Ciascuno dei collegamenti di accesso deve essere collegato a una VPN box fornita dalla SWIFT, come previsto dallo standard SWIFT Connect Gold. Nella figura 2 è schematizzato il modo in cui interagiranno i collegamenti dei due distinti lotti di fornitura, al fine di realizzare la configurazione Connect Gold per le esigenze SSP, domestiche e test degli ambienti domestici, sia presso il centro elaborativo primario (CDM) sia presso il centro elaborativo secondario (Largo Bastia). Figura 2 interazione tra i collegamenti delle due forniture. 9 di 22

11 3 SEZIONE TERZA - OGGETTO DELLA FORNITURA La società deve fornire i collegamenti di accesso alla rete SIPN. Req. 1 Fornitura Il fornitore deve fornire i collegamenti elencati nel Caratteristiche dei servizi richiesti Customer Premises Equipment La fornitura di ciascuno dei collegamenti alla rete SIPN include il rispettivo router di terminazione (CPE, Customer Premises Equipment), ma esclude la VPN-box. Req. 2 CPE Ciascun collegamento deve essere corredato del relativo router Capacità di trasporto di ciascun collegamento (throughput) Sulla base della stima del volume di transazioni al secondo (TPS, Transactions Per Second), la Banca ha valutato la capacità nominale dei collegamenti in bit/s, assumendo che il Committed Data Rate (CDR) dei collegamenti sia pari al 70% della capacità nominale e che il bursting possa raggiungere il 100% della capacità nominale (1 tps equivale a circa 32 kbit/s). Nella tabella 1 sono indicate le stime della Banca in termini di transazioni per secondo e capacità nominale, per ciascuno dei collegamenti richiesti. N.ro Da centro elaborativo Quantità TPS da sostenere Capacità nominale (Throughput) 1 CDM Mbit/s 2 CDM Mbit/s 3 CDM kbit/s 4 Largo Bastia Mbit/s 5 Largo Bastia Mbit/s Tabella 1 capacità nominale dei collegamenti oggetto di fornitura. Qualora i collegamenti forniti siano caratterizzati da differenti parametri di traffico (CDR), il fornitore deve adeguare la capacità nominale dei collegamenti in modo da assicurare i TPS (Transactions Per Second) da sostenere. 10 di 22

12 Req. 3 CDR Il fornitore deve confermare che il CDR sia pari al 70% oppure deve adeguare la capacità nominale dei collegamenti in modo da assicurare il volume di TPS, sulla base delle norme tecniche emanate dalla società SWIFT Tolleranza ai guasti Nell ambito della fornitura, il corretto funzionamento di ciascun collegamento non deve dipendere dallo stato di funzionamento del collegamento caratterizzato dalla stessa capacità nominale. Req. 4 Diversificazione dei collegamenti di pari capacità Con riferimento ai collegamenti di pari capacità, il fornitore deve assicurare la diversificazione dei percorsi Ultimo miglio Nell ultimo miglio devono essere adottate soluzioni di trasmissione in doppia via. Ciascuna via, rappresentata in figura 3 con linea tratteggiata, deve afferire al centro elaborativo della Banca attraverso una distinta adduzione (dual entry). Si precisa che la linea tratteggiata evidenziata in figura 3 rappresenta la soluzione infrastrutturale prescelta dal fornitore: ad esempio anello SDH o anello WDM o collegamenti Ethernet o collegamenti IP, etc.. Req. 5 Protezione nell ultimo miglio Le soluzioni di trasmissione impiegate nell ultimo miglio devono essere protette (doppia via e dualentry) Sull infrastruttura di trasmissione sono configurati i collegamenti oggetto di fornitura, come schematizzato in figura di 22

13 Figura 3 protezione nell'ultimo miglio Accesso alla rete SIPN È richiesta la diversificazione dei punti di accesso alla rete SIPN per i collegamenti caratterizzati dalla stessa velocità, come schematizzato nella figura 4. Req. 6 Attestazione a SIPN I due collegamenti caratterizzati dalla stessa capacità nominale (throughput) devono terminare su distinti punti di accesso alla rete SIPN. 12 di 22

14 Figura 4 condivisione delle infrastrutture. 3.2 Servizi di cablaggio Il fornitore deve farsi carico dei cablaggi fino al CPE. In fase di preparazione dell offerta, per valutare la distanza tra l apparato trasmissivo e il CPE, il fornitore può chiedere di effettuare un sopralluogo. Le richieste di sopralluogo devono essere trasmesse per posta elettronica alla casella funzionale non oltre il decimo giorno lavorativo antecedente il termine di presentazione dell offerta. Non è richiesta la fornitura dei telai per l alloggiamento dei CPE. I telai per alloggiare i router sono già disponibili presso i centri elaborativi della Banca. È richiesta la fornitura degli alloggiamenti per eventuali dispositivi di trasmissione, dove terminano le fibre provenienti dall esterno (es. Add Drop Multiplexer, Multiplexer WDM). Req. 7 Cablaggio La fornitura dei collegamenti include il cablaggio fino al CPE e gli armadi per alloggiare i nodi di trasmissione. 13 di 22

15 3.3 Servizi Servizi richiesti durante la fase di predisposizione e di rilascio in esercizio Kick-off meeting e piano integrato delle attività Entro 5 giorni lavorativi dalla sottoscrizione del contratto, si deve tenere il primo incontro (kick-off meeting) tra i rappresentanti della Banca e i rappresentanti della società aggiudicataria della fornitura. La società deve presentare il piano integrato delle attività: la data del kick-off meeting sarà assunta come Data di Inizio Lavori (DIL);. il piano integrato delle attività deve concludersi entro 100 (cento) giorni lavorativi dalla DIL 1. Req. 8 Termini di consegna dei collegamenti I collegamenti devono essere consegnati entro 100 (cento) giorni lavorativi dalla data di inizio lavori (DIL) Analisi, progettazione e pianificazione La società aggiudicataria ha l onere di redigere, con il supporto del personale della Banca, il progetto esecutivo. Dovrà altresì fornire per ciascun componente da installare presso i centri elaborativi della Banca la documentazione delle specifiche tecniche: Altezza (cm); Larghezza (cm); Profondità (cm); Spazio minimo (anteriore e posteriore) richiesto per le attività di manutenzione; Peso (kg); Alimentazione (kva); Raffreddamento (BTU/ora); Temperatura operativa (min-max). 1 La pianificazione terrà conto dell aspettativa della Banca di utilizzare i nuovi collegamenti a partire dall inizio del mese di marzo di 22

16 Il progetto esecutivo dovrà essere presentato in bozza entro 20 giorni lavorativi a partire dalla data di inizio lavori (DIL). L architettura e le configurazioni definite e documentate nel progetto esecutivo saranno oggetto di verifica da parte della Banca. Entro i successivi 10 giorni lavorativi dalla consegna della bozza, la Banca e il fornitore si impegneranno ad apportare eventuali modifiche/integrazioni e ad approvare la versione finale del progetto esecutivo. Si specifica che il progetto esecutivo dovrà includere un piano dettagliato delle attività (WBS Work Breakdown Structure) comprensivo delle fasi di installazione, configurazione, test, collaudo. Per ciascuna delle fasi dovrà essere presentata una scheda dettagliata comprensiva delle seguenti informazioni: obiettivo; responsabilità; prerequisiti; tempi di esecuzione; potenziali disservizi e criticità; risorse impiegate; potenziali rischi e loro impatto (disservizi, ritardi, etc ). Il piano dovrà essere fornito anche in rappresentazione di Gantt al fine di avere un quadro immediato dei parallelismi e delle dipendenze tra le diverse attività. Il Gantt dovrà essere aggiornato su base bi-settimanale, durante la fase esecutiva, per evidenziare eventuali scostamenti dalle stime iniziali (baseline). Inoltre la società si impegna a nominare, entro 5 giorni lavorativi a partire dalla data di inizio lavori, un responsabile tecnico (di seguito, Project Manager), incaricato di curare il coordinamento tecnico delle prestazioni in fase di realizzazione, nonché di svolgere la funzione di unico referente nei confronti della Banca. In particolare, al Project Manager fanno capo, tra gli altri, gli adempimenti di seguito indicati: coordinare le relazioni con la Banca; assicurare il rilascio nei tempi previsti di tutta la documentazione di progetto; assicurare la disponibilità delle risorse e del personale specializzato per le attività di realizzazione; coordinare tutte le comunicazioni previste dal contratto; controllare le scadenze sulla base delle pianificazioni concordate; rappresentare il fornitore nelle riunioni di avanzamento e di coordinamento lavori nelle fasi di realizzazione. Preliminarmente all inizio dei lavori il fornitore deve presentare alla Banca - unitamente ai documenti attestanti la conformità delle componenti del sistema sotto il profilo della sicurezza elettrica - il Piano per la sicurezza fisica dei lavoratori. 15 di 22

17 L eventuale nomina di un nuovo Project Manager in sostituzione del precedente deve essere comunicata alla Banca con un anticipo di almeno 10 (dieci) giorni lavorativi rispetto alla data di attuazione del provvedimento Consegna, installazione e configurazione La società aggiudicataria dovrà procedere alla fornitura dei collegamenti richiesti entro la data pianificata, non oltre i termini massimi specificati ( ). La consegna degli apparati (apparati trasmissivi, router) dovrà avvenire presso i due siti elaborativi della Banca: i materiali per l imballaggio devono essere smaltiti a cura del fornitore. Sono a carico della società aggiudicataria l installazione e la configurazione di tutte le apparecchiature fornite. Sono a carico della società aggiudicataria i cablaggi, presso ciascun sito, secondo quanto indicato in 3.2. Nel piano d installazione sarà facoltà della Banca stabilire le priorità d installazione e potrà essere richiesto di espletare alcune attività in orari notturni o pre-festivi o festivi entro un massimo di 5 giorni. Al termine della configurazione dei collegamenti, saranno svolti i collaudi di accettazione, sulla base di quanto indicato nel 4. In caso di mancato superamento, il fornitore si impegna ad attuare le modifiche necessarie per il superamento dei collaudi. Il superamento dei collaudi sarà riportato in un apposito verbale, che fissa la data di consegna dei collegamenti Servizi richiesti durante la fase di esercizio Servizi di monitoraggio Per ciascuno dei collegamenti, la Banca richiede il servizio di monitoraggio per le seguenti finalità: misurare il volume di traffico dati IP (bit/s) scambiato attraverso ciascun collegamento alla rete SIPN; rilevare eventuali condizioni di guasto; attivare e coordinare gli interventi tecnici per il ripristino del corretto funzionamento dei servizi. Le misure di traffico devono essere prelevate con cadenza pari a 5 minuti. Le misure devono essere rese disponibili alla Banca, attraverso interfaccia web, via Internet. 16 di 22

18 L accesso alle misure deve essere protetto da autenticazione e autorizzazione basate su username e password Servizi di manutenzione correttiva Il fornitore deve erogare i servizi di manutenzione corrente finalizzati a ripristinare la regolare funzionalità dei collegamenti oggetto di fornitura, qualora essi siano affetti da guasto. Gli interventi di manutenzione possono essere attivati: - dal fornitore medesimo; - dalla società SWIFT; - dalla Banca d Italia. Req. 9 Sistema di trouble ticket Il fornitore deve mettere a disposizione un sistema di trouble ticket affinché la Banca possa segnalare i guasti attraverso il canale telefonico. Per la segnalazione dei guasti, oltre al canale telefonico, il fornitore ha facoltà di proporre anche soluzioni basate sulla posta elettronica o sull interfaccia web accessibile via Internet. Req. 10 Procedura di escalation Il fornitore deve concordare con la Banca una procedura di escalation, nella quale siano indicati i punti di contatto in base alla gravità e ai tempi di disservizio. Con cadenza mensile il fornitore deve produrre e consegnare in formato elettronico alla Banca un rapporto dettagliato relativo: alle cause dei guasti, all indisponibilità dei collegamenti, alle attività di manutenzione correttiva effettuate. Tale rapporto dovrà contenere almeno le seguenti informazioni: numero progressivo della segnalazione; descrizione dei guasti; servizi/componenti affetti dal guasto; livello di gravità (bloccante, non bloccante); data e ora di apertura della segnalazione; data e ora di chiusura della segnalazione; descrizione dell intervento effettuato; 17 di 22

19 durata totale del guasto Servizi di manutenzione evolutiva Le attività di manutenzione evolutiva (cambiamenti) devono essere preventivamente concordate con la Banca e, di norma, annunciate nel corso degli incontri periodici (cfr. paragrafo seguente) Incontri periodici a cadenza trimestrale Su base trimestrale, il fornitore si deve rende disponibile a effettuare, su richiesta, incontri con la Banca (anche in videoconferenza), per verificare congiuntamente che vengano garantiti nel tempo gli obiettivi di qualità, ridondanza, diversificazione e il rispetto degli SLA (cfr. 3.4). 3.4 Livelli di servizio (SLA) Tempi di attivazione dei collegamenti Il fornitore si impegna a fornire i collegamenti nei tempi indicati nel piano di dettaglio delle attività di cui al e Disponibilità dei collegamenti Ogni collegamento deve funzionare 365 giorni all anno, 24 ore su 24. L obiettivo di disponibilità su base annua di ciascuno dei collegamenti, a eccezione del collegamento di test, è indicato nella tabella 2. Disponibilità di ciascun collegamento (*) su 99,5% base annua (*) Nota: l obiettivo di disponibilità non riguarda il collegamento per l ambiente test. Tabella 2 obiettivo sulla disponibilità di ciascun collegamento. La disponibilità deve essere calcolata su base annua, escludendo dal computo gli intervalli di tempo interessati da attività di manutenzione programmata, sia ordinaria sia straordinaria, purché tali intervalli siano concordati con la Banca. Sono pure esclusi dal 18 di 22

20 computo eventi dovuti all indisponibilità di apparecchiature non oggetto di fornitura (ad es. VPN box della SWIFT, etc.). L obiettivo di disponibilità riguarda: - ciascuno dei due collegamenti a 20 Mbit/s per SSP; - ciascuno dei due collegamenti a 8 Mbit/s per esigenze domestiche Servizio di manutenzione correttiva Ai fini della definizione dei livelli di servizio, si distingue tra i seguenti due tipi di guasto: - standard: il guasto interessa un singolo collegamento; - urgente: il guasto inficia contemporaneamente il corretto funzionamento dei collegamenti caratterizzati dalla stessa capacità nominale. In caso di guasto, il fornitore deve intervenire per la riparazione e il ripristino del corretto funzionamento con gli obiettivi specificati nella tabella 3. Guasto standard Guasto urgente Obiettivi di riparazione dei guasti (*) Entro 16 ore Entro 8 ore (*) Nota: Il tempo di riparazione è misurato a partire dalla comunicazione del guasto e registrato dal sistema di trouble ticket. Tabella 3 obiettivi sui tempi di riparazione dei guasti. Il fornitore deve assicurare il servizio di ricezione delle richieste di intervento da parte della Banca (cfr ) sette giorni su sette, ventiquattro ore al giorno (24x7). 3.5 Modalità di pagamento Le modalità di pagamento sono specificate nel contratto. 19 di 22

21 3.6 Penali Tempi di attivazione dei servizi In caso di ritardi sui tempi di attivazione previsti (cfr ), sarà applicata, per ciascun giorno di ritardo, una penale pari allo 0,3 per mille dell ammontare netto contrattuale per i sei anni del periodo base Disponibilità dei collegamenti Qualora non sia rispettato l obiettivo di disponibilità definito nel 3.4.2: per ciascuna linea a 8 Mbps sarà applicata una penale pari allo 0,3 per mille dell ammontare netto contrattuale per i sei anni del periodo base per ogni giorno o frazione di giorno di disservizio eccedente l'obiettivo di disponibilità (cfr. tabella 2); per ciascuna linea a 20 Mbps sarà applicata una penale pari allo 0,9 per mille dell ammontare netto contrattuale per i sei anni del periodo base per ogni giorno o frazione di giorno di disservizio eccedente l'obiettivo di disponibilità (cfr. tabella 2); per le linee di test non si applicano penali Servizi di manutenzione Qualora i tempi di ripristino del corretto funzionamento di un collegamento guasto eccedano l obiettivo indicato nel 3.4.3: per ciascuna linea a 8 Mbps sarà applicata una penale pari allo 0,3 per mille dell ammontare netto contrattuale per i sei anni del periodo base per ogni giorno o frazione di giorno eccedente l'obiettivo temporale di ripristino (cfr. tabella 3); per ciascuna linea a 20 Mbps sarà applicata una penale pari allo 0,9 per mille dell ammontare netto contrattuale per i sei anni del periodo base per ogni giorno o frazione di giorno eccedente l'obiettivo temporale di ripristino (cfr. tabella 3); per le linee di test non si applicano penali. 20 di 22

22 4 SEZIONE QUARTA - Collaudo Sarà cura del fornitore predisporre dettagliate schede di collaudo che permettano di verificare: 1. l attuazione delle diversificazioni e delle ridondanze, attraverso l analisi della documentazione di progetto su: o percorsi dei collegamenti nell ultimo miglio; o ridondanze e diversificazioni nella transito sulla lunga distanza; o accessi alla rete SIPN; 2. il corretto funzionamento dei collegamento alla rete SIPN; 3. le prestazioni dei collegamenti in termini di capacità di trasporto, sulla base dell effettivo Committed Data Rate. Ciascuna scheda di collaudo deve indicare obiettivi, procedura da eseguire, strumenti necessari all esecuzione, risultati attesi. Limitatamente ai tempi di esecuzione dei test, il fornitore si impegna a fornire gli eventuali strumenti di test, qualora necessari. Le schede di collaudo devono essere sottoposte alla preventiva approvazione della Banca. 21 di 22

23 5 SEZIONE QUINTA MODALITA DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA La Relazione tecnica e l Offerta economica andranno predisposte secondo le istruzioni contenute nel disciplinare di gara e relativi allegati. 22 di 22

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1. guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9

GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1. guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9 GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1 guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9 INTRODUZIONE Dopo aver utilizzato internamente per alcuni anni il nostro software di Ticketing, abbiamo deciso di metterlo a disposizione

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli