Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione"

Transcript

1 MEZZI DI TRASPORTO Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dei mezzi di trasporto sta conoscendo da alcuni anni un importante ridimensionamento. Se all inizio degli anni ottanta vi veniva prodotto quasi il 2 per cento del Pil italiano, senza considerare l indotto, negli ultimi anni il peso si è pressoché dimezzato, scendendo a circa l 1 per cento. D altra parte, la dinamica dell attività produttiva si sta muovendo da anni lungo un trend decrescente. Negli ultimi vent anni si è osservato un unico periodo di crescita abbastanza prolungata, tra il 1996 ed il 2000, quando il valore aggiunto è aumentato in media dello 0.8 per cento all anno. All interno del settore è predominante la produzione di autovetture, e nella seconda metà degli anni novanta il ciclo dei consumi di beni durevoli fu relativamente sostenuto, grazie anche al sostegno fornito dagli incentivi alla rottamazione introdotti in quegli anni, che ebbero effetti notevoli sulla domanda. Dall inizio degli anni duemila, invece, l attività produttiva ha ripreso il suo andamento cedente, accentuandolo. Nel periodo tra il 2001 ed il 2005 si è ridotta del 2.7 per cento all anno in media, e altrettanto ha fatto tra il 2006 e il 2011, quando la variazione media annua è stata di -1.3 punti percentuali. Nonostante l introduzione di ulteriori incentivi abbia favorito il settore, con la crisi la produzione è crollata, cadendo di oltre 25 punti percentuali nel biennio La ripresa osservata nel 2010, pari al 7.7 per cento, è risultata del tutto insufficiente a recuperare le ampie perdite, che sembrano pertanto in buona misura permanenti. D altra parte, anche a livello internazionale il settore produttore di mezzi di trasporto è caratterizzato da un eccesso di capacità produttiva. Oltre ad apparire limitati gli spazi per un nuovo ciclo di domanda, il settore è interessato da piani di ridimensionamento strutturale della produzione nazionale a favore anche della delocalizzazione all estero. Nel 2011 la nuova recessione si è rapidamente tradotta in una nuova caduta dei livelli produttivi: in prospettiva, pertanto, ad una tendenza di fondo negativa, nel segno del ridimensionamento, si sovrappone un evoluzione ciclica sfavorevole. Anche una volta superata la fase più critica della recessione il settore non mostrerà una ripresa dell attività produttiva, che dovrebbe solo stabilizzarsi a fine periodo. Per il periodo tra il 2012 ed il 2016 lo scenario di previsione evidenzia un calo medio annuo dello 0.9 per cento. 1

2 Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dei mezzi di trasporto; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto a valori concatenati, ovvero espresso in termini reali (depurato cioè dall inflazione specifica del settore). 1 Valore Aggiunto (*) Variazioni % annue 15,0 10,0 5,0 0,0-5,0-10,0-15,0-20,0-25, (*) A prezzi costanti La produttività del lavoro è un altra variabile di rilievo al fine di cogliere le tendenze di ciascun settore dell economia. Nonostante ampie oscillazioni, la produttività del lavoro 2 nel settore produttore di mezzi di trasporto ha seguito un profilo sostanzialmente positivo. Dopo una ripresa della seconda metà degli anni novanta, però, ha sperimentato una fase di debolezza: tra il 2001 ed il 2005 si è ridotta ad un tasso medio annuo dello 0.8 per cento. Nella seconda metà del decennio si è però osservata una ripresa della produttività nel settore: il tasso medio di incremento annuo è risultato pari a 1.4 punti percentuali. 1 Il valore aggiunto è definito, per ogni impresa, come la differenza tra il valore della sua produzione e il valore dei beni intermedi utilizzati. La somma dei valori aggiunti per le imprese operanti in un determinato comparto produttivo rappresenta il valore aggiunto settoriale. Mediante la tecnica del concatenamento, utilizzata nella contabilità nazionale a partire dal 2005, si è introdotta un indicatore delle variazioni di volume che non tenga conto solo dei valori assunti in due momenti precisi (l anno corrente e quello base), ma che sia in grado di incorporare l andamento complessivo del fenomeno nell intervallo di tempo considerato. 2 La produttività del lavoro è misurata dal valore aggiunto per unità di lavoro. Incrementi di produttività permettono di conseguire determinati livelli produttivi con un minor fabbisogno di lavoro. In altre parole, la produttività aumenta se l occupazione cresce a ritmi inferiori a quelli del prodotto. 2

3 Il risultato medio è la sintesi di un recupero ciclico nella prima parte del periodo, a cui è seguito un crollo, in consonanza con la caduta dell attività. Nel biennio , infatti, la produttività si è ridotta complessivamente del 7.3 per cento. Il settore dei mezzi di trasporto è stato interessato, almeno in parte, dal fenomeno del labour hoarding, come peraltro era capitato in passato: soprattutto nelle prime fasi della recessione, la caduta dei livelli produttivi per effetto della crisi (che si è andata a sovrapporsi ad una tendenza cedente) è stata in parte assorbita da una riduzione della produttività, con un uso meno intensivo della manodopera. Già nel corso del 2009, ed ancora più nel 2010, tale fenomeno è però venuto meno, con una correzione degli squilibri tra produzione e domanda di lavoro. Nel 2010 la produttività ha registrato un rimbalzo importante. Nel 2011, la nuova recessione ha determinato una nuova fase di labour hoarding. Nel medio periodo, però, le esigenze di ristrutturazione si sovrapporranno ad una debolezza di fondo della produttività, il cui miglioramento è previsto restare contenuto. Tra il 2012 ed il 2016 la variazione dovrebbe essere dello 0.7 per cento in media all anno. Produttività del lavoro Livello, 1992=1 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0, Nel terzo grafico si confronta l andamento dell occupazione con quello degli equivalenti a tempo pieno, ovvero le unità di lavoro 3. La domanda di lavoro nel 3 L unità di lavoro rappresenta la quantità di lavoro prestata da un occupato a tempo pieno, oppure la quantità di lavoro equivalente prestata da lavoratori a tempo parziale o che svolgono un doppio lavoro, al netto della Cassa Integrazione. Le unità di lavoro sono dunque utilizzate come unità di misura del 3

4 settore produttore di mezzi di trasporto ha mostrato un trend decrescente, in consonanza con la tendenza al ridimensionamento evidenziata per il settore. Dopo il calo osservato negli anni novanta, tra il 2001 ed il 2005 le unità di lavoro si sono ridotte del 2 per cento all anno, in media. La contrazione della domanda di lavoro si è accentuata nel periodo tra il 2006 ed il 2011, e il tasso medio di variazione annua è stato del -2.7 per cento. Nonostante un recupero nella primo biennio del periodo in esame, la crisi si è tradotta in una caduta complessiva di circa 19 punti percentuali delle unità di lavoro nel biennio La contrazione della domanda di lavoro è proseguita inoltre nel 2010, mentre il 2011, grazie al labour hoarding, è stato un anno positivo per la domanda di lavoro. L andamento dell occupazione è stato più lineare, rispetto a quello delle unità di lavoro, per quanto anch esso calante. Infatti, le oscillazioni cicliche della domanda di lavoro sono state gestite mediante variazioni nelle ore lavorate per occupato, aumentate o ridotte in base alla necessità. Questo è stato particolarmente evidente nel biennio di crisi: la contrazione complessiva del numero di occupati è stata infatti più contenuta di quella osservata per le unità di lavoro e pari a circa il 4 per cento. Dato lo scenario di previsione che suggerisce un ulteriore ridimensionamento del settore, non stupisce che la domanda di lavoro sia prevista ancora in riduzione, dell 1.6 per cento all anno tra il 2012 ed il Nello stesso periodo l occupazione continuerà a contrarsi, ad un tasso medio annuo dell 1 per cento. Nel 2016 gli occupati del settore saranno quasi 13 mila in meno rispetto al livello osservato nel 2011, e la perdita cumulata rispetto alla situazione pre crisi sarà di 37 mila posti di lavoro. volume di lavoro impiegato nella produzione dei beni e servizi; con tale misura si tiene conto delle variazioni dell orario di lavoro. 4

5 Occupati totali - Unità di lavoro Livello, migliaia Unità di lavoro Occupati totali L andamento degli aggregati professionali al 2016 La tabella che segue distribuisce la previsione dell occupazione al 2016 per i Grandi Gruppi professionali della Classificazione delle Professioni ISTAT CP L andamento degli aggregati professionali al 2016 La tabella che segue presenta la distribuzione degli occupati del settore al 2011 e le previsioni al 2016 per i Grandi Gruppi professionali della Classificazione delle Professioni ISTAT CP L'occupazione al 2011 e le previsioni al 2016 GRANDI GRUPPI PROFESSIONALI*** Legislatori, imprenditori e alta dirigenza Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione Professioni tecniche Professioni esecutive nel lavoro d'ufficio Professioni qualificate nelle attivita commerciali e nei servizi Artigiani, operai specializzati e agricoltori Conduttori di impianti, operai di macchinari fissi e mobili e conducenti di veicoli Professioni non qualificate Numero occupati Variazione 2011* 2016** ** Totale occupazione *Dati riproporzionati sui valori di Contabilità Nazionale **Previsioni ISFOL-IRS basate su proiezioni metodo dei coefficienti fissi ***Si riportano i grandi gruppi professionali rlevanti per il settore Fonte: elaborazioni ISFOL-IRS su microdati Istat Forze di Lavoro e previsioni ISFOL-REF 5

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

Le prospettive della domanda di lavoro a medio termine Mario Gatti - ISFOL. 15-16 settembre 2008 Roma, piazza Sallustio 21

Le prospettive della domanda di lavoro a medio termine Mario Gatti - ISFOL. 15-16 settembre 2008 Roma, piazza Sallustio 21 Sistema Informativo Excelsior 2008. Fabbisogni occupazionali e domanda di formazione nei settori economici: previsioni delle imprese e questioni strutturali Le prospettive della domanda di lavoro a medio

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il mercato del Lavoro in Emilia-Romagna Rapporto annuale 2015

Il mercato del Lavoro in Emilia-Romagna Rapporto annuale 2015 Il mercato del Lavoro in Emilia-Romagna Rapporto annuale 2015 Flussi di lavoro dipendente e parasubordinato, forze di lavoro e occupazione, ammortizzatori sociali e mobilità nel periodo 2008-2014 Novembre

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Emilio di Camillo Febbraio 2012 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Febbraio 2012 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 2. Dopo un 29 in progresso rispetto alla caduta della domanda del 28, condizionato però dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi,

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

I professionisti e la crisi: quale futuro ci attende?

I professionisti e la crisi: quale futuro ci attende? I professionisti e la crisi: quale futuro ci attende? Giuseppe Ciccarone Dipartimento di Economia e Diritto, Preside della Facoltà di Economia Fondazione Giacomo Brodolini I PROFESSIONISTI ITALIANI: CHI

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Le forze lavoro in Lombardia al 2020

Le forze lavoro in Lombardia al 2020 Le forze lavoro in Lombardia al 2020 Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Il mercato del lavoro lombardo nel 2011 Il mercato del lavoro in Lombardia. Alcuni indicatori valori % 2007 2011 Tasso di

Dettagli

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015 IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015 2008-2014. In sei anni perso oltre un quarto del mercato, che nella nuova costruzione ha perduto il -50% degli investimenti. Tiene

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

REVISIONE CONGIUNTURALE SPECIALE DEGLI STUDI DI SETTORE PER IL PERIODO DI IMPOSTA 2013 ROMA, 3 APRILE 2014

REVISIONE CONGIUNTURALE SPECIALE DEGLI STUDI DI SETTORE PER IL PERIODO DI IMPOSTA 2013 ROMA, 3 APRILE 2014 REVISIONE CONGIUNTURALE SPECIALE DEGLI STUDI DI SETTORE PER IL PERIODO DI IMPOSTA 2013 TITOLO CONVEGNODELLA UTIFARPRESENTAZIONE Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 ROMA, 3 APRILE 2014 Crisi

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 -

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - L analisi congiunturale di TRENDER: indicatori di domanda fatturato totale - totale settori fatturato interno - totale settori 115 105,00 113,74 102,97 115,55 108,51

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano Settore Formazione e Lavoro LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano 24 giugno 2013 a cura dell Osservatorio Mercato del Lavoro 1 Ringraziamenti Ermes Cavicchini per la stesura

Dettagli

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III.1 L INDEBITAMENTO NETTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Le previsioni di finanza pubblica presentate nell Aggiornamento del Programma di Stabilità del 2008

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 21. Dopo un 29 condizionato dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi, il 21 ci ha fatto riavvicinare, almeno nel caso Italiano,

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni.

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Quali sono le aspettative delle imprese, come le imprese riconoscono e valorizzano la qualità dell'offerta: l'esperienza

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

L impatto economico del credito al consumo in Italia. Sintesi della Ricerca

L impatto economico del credito al consumo in Italia. Sintesi della Ricerca L impatto economico del credito al consumo in Italia Sintesi della Ricerca Novembre 2003 1 ABSTRACT La ricerca si pone l obiettivo di indagare la relazione esistente tra sistema economico nazionale e credito

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

2. L ECONOMIA REGIONALE PRONTA A VOLTARE PAGINA*

2. L ECONOMIA REGIONALE PRONTA A VOLTARE PAGINA* 2. L ECONOMIA REGIONALE PRONTA A VOLTARE PAGINA* 2.1 Nel 2014 la caduta si arresta Il 2014 si era aperto con grandi aspettative. Il tanto sospirato rimbalzo sembrava a portata di mano, ma nel corso dell

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Roma, 1 ottobre 2014 Università La Sapienza

Roma, 1 ottobre 2014 Università La Sapienza Conoscere le professioni dell impresa le principali fonti di indagine, il sistema informativo pubblico, dati e numeri su contenuto del lavoro e prospettive di impiego corso di laurea magistrale Organizzazione

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

La mia pensione sarà adeguata?

La mia pensione sarà adeguata? La mia pensione sarà adeguata? Le risposte dell Inps ex Inpdap per i dipendenti pubblici Relatore: Bernardo Filippello Presupposti Un Istituto Previdenziale, per sua mission, è un ente deputato al Welfare

Dettagli

La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov.

La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov. L ECONOMIA BOLOGNESE TRA IL 2008 E IL 2012 RIFLESSIONI E PROSPETTIVE La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov.it

Dettagli

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 La produzione industriale in Italia cresce del 2,9% ad ottobre 2015. L industria automotive è tra i comparti che registrano la maggiore crescita da inizio anno: +28,5%. Secondo i dati diffusi da ISTAT,

Dettagli

Milano, 11 luglio 2013. Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico

Milano, 11 luglio 2013. Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Milano, 11 luglio nel settore cosmetico Lo scenario macroeconomico BRICS e NEXT 11 trainano l export internazionale; Eurozona in recessione per tutto il Deficit ancora in aumento nel biennio -2014; USA

Dettagli

Sbocchi occupazionali del corso di Laurea in Scienze Sociali Applicate: conoscenze e competenze richieste dal mercato del lavoro

Sbocchi occupazionali del corso di Laurea in Scienze Sociali Applicate: conoscenze e competenze richieste dal mercato del lavoro Sbocchi occupazionali del corso di Laurea in Scienze Sociali Applicate: conoscenze e competenze richieste dal mercato del lavoro corso di laurea magistrale Scienze Sociali Applicate seminario nell ambito

Dettagli

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3.1. L offerta giovanile di lavoro nel lungo periodo Una delle debolezze di fondo che caratterizza l Italia è l evoluzione demografica,

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Gruppo di lavoro sul bilancio e patrimonio pubblico Coordinato dal prof. Piero Giarda

Gruppo di lavoro sul bilancio e patrimonio pubblico Coordinato dal prof. Piero Giarda Gruppo di lavoro sul bilancio e patrimonio pubblico Coordinato dal prof. Piero Giarda Dinamica, struttura e criteri di governo della spesa pubblica: un rapporto preliminare Dinamica, struttura e criteri

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Regione MARCHE PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE 4 Scenari di evoluzione a livel o regionale luglio 2004

Regione MARCHE PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE 4 Scenari di evoluzione a livel o regionale luglio 2004 Regione MARCHE PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE 4 Scenari di evoluzione a livello regionale luglio 2004 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DEL BILANCIO ENERGETICO REGIONALE... 4 2.1 DOMANDA DI ENERGIA NELLA

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO L ALLEVAMENTO OVICAPRINO La fotografia La rilevanza del comparto. L allevamento ovicaprino ha una scarsa rilevanza nell economia agricola nazionale: l offerta di latte e carni ovicaprine incide per circa

Dettagli

La RICA per la descrizione del contesto

La RICA per la descrizione del contesto La RICA per la descrizione del contesto La RICA può essere utilizzata per l importante compito di descrizione del contesto (valutazione exante, relazioni annuali RAE, valutazione intermedia, valutazione

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

,O ODYRUR GRSR JOL VWXGL

,O ODYRUR GRSR JOL VWXGL ,O ODYRUR GRSR JOL VWXGL La domanda e l offerta di laureati e diplomati nel 2010 Questa pubblicazione, realizzata nell ambito delle attività di diffusione previste dal Progetto Sistema Informativo Excelsior,

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DIREZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DIREZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DIREZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AGGIORNAMENTO BANCA DATI SULL ARTIGIANATO ANNO 2013 Luglio 2014 ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (INDUSTRIA,

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Sole24ore Centronord 2 luglio 2008

Sole24ore Centronord 2 luglio 2008 TrendER: Terzo Forum Congiunturale della micro e piccola impresa dell Emilia Romagna. I risultati del 2 semestre 2007: la ripresa rallenta Focus: un sondaggio fra gli imprenditori su costi e funzionamento

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA QUESTA PAGINA È STATA INTENZIONALMENTE LASCIATA BIANCA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA La pubblicazione

Dettagli

Italia: mantenere il controllo

Italia: mantenere il controllo Trimestriale n 14 Luglio 2012 Italia: mantenere il controllo Sottoposta alla pressione dei mercati, l economia italiana si aggrappa all andamento incerto della domanda mondiale per tentare di limitare

Dettagli

Regione Friuli. Venezia giulia

Regione Friuli. Venezia giulia Regione Friuli Venezia giulia Il presente rapporto è stato redatto a cura di Grazia Sartor, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia. Coordinamento e revisione:

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

Previsioni di occupazione a livello nazionale: 2003-2008

Previsioni di occupazione a livello nazionale: 2003-2008 Previsioni di occupazione a livello nazionale: 2003-2008 Il metodo di stima dell occupazione per professioni elaborato da Isfol-Irs 1 si basa sull utilizzo di due elementi: le previsioni dell occupazione

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE - Milano - QUADERNI DELL ISTITUTO DI ECONOMIA E FINANZA

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE - Milano - QUADERNI DELL ISTITUTO DI ECONOMIA E FINANZA UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE - Milano - QUADERNI DELL ISTITUTO DI ECONOMIA E FINANZA Dinamica, struttura e governo della spesa pubblica: un rapporto preliminare P. Giarda 104 settembre 2011 Quaderni

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

3. Analisi quantitativa sezione italiana

3. Analisi quantitativa sezione italiana 3. Analisi quantitativa sezione italiana 3.1. Introduzione e nota metodologica La sezione relativa ai mercati dei beni durevoli in questa nuova edizione dell Osservatorio si arricchisce di nuove categorie

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO. Revisione di metà periodo

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO. Revisione di metà periodo UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA MINISTERO DEL TESORO Regiione Callabrriia Fondii Sttrrutttturrallii 2000 -- 2006 POR Calabria NN 11 99 99 99 I TT 11 66 11 PP OO 00 00 66 A L L E G A T O 3 A n a ll ii s

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

IMPERIA E LA CRISI 2008-2014

IMPERIA E LA CRISI 2008-2014 IMPERIA E LA CRISI 2008-2014 La Priorità al Lavoro Il ciclo 2008-2013, il consuntivo 2013 e le tendenze del 2014 Sala Multimediale CCIAA 23 luglio 2014 1 IL CICLO DELLA CRISI E IL CONTESTO DEL MALESSERE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI Mezzi di trasporto (-43,4 per cento), opere pubbliche (-38,6 per cento) e casa (-31,6 per cento) sono stati i settori più colpiti. ========================================

Dettagli

Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera

Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera Fondazione Impresa + 39 041 614429 +39 339 4458663 www.fondazioneimpresa.it info@fondazioneimpresa.it Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera All interno Focus su andamento Nuova

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli