Dal collocamento obbligatorio all inserimento mirato un percorso di coerenza che ha radici lontane e che guarda avanti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal collocamento obbligatorio all inserimento mirato un percorso di coerenza che ha radici lontane e che guarda avanti."

Transcript

1 Introduzione Dal collocamento obbligatorio all inserimento mirato un percorso di coerenza che ha radici lontane e che guarda avanti. Se è vero che nessuna legge arriva per caso, quella sul diritto al lavoro e recante norme sul collocamento mirato degli invalidi civili non poteva trovare terreno più maturo e porsi in linea stretta colla riforma del mercato del lavoro che ha trasferito alle Province la competenza dell incontro domanda-offerta di lavoro. Con una contestualità più che ragionevole la Provincia si è vista attribuire dallo Stato ed in un solo anno, le competenze di politica attiva del lavoro che ha registrato l organizzazione dei Centri per l Impiego e, con essa, il compito di favorire il diritto di cittadinanza ed al lavoro anche a fasce di cittadini sino allora considerati piuttosto eleggibili di provvidenze assistenziali che di partecipazione attiva. Nel nostro territorio la legge che sancisce il diritto-dovere, per tutti e quindi anche per il disabile, a lavorare sembra essere arrivata nel giusto momento, quasi a conclusione di un percorso che prima la Provincia e subito dopo i servizi socio assistenziali e sanitari, avevano intrapreso per i clienti loro da almeno vent anni. I numeri ed i dati che seguono offrono una rappresentazione più che confortante sia dal punto di vista numerico che sulla qualità dei risultati e ne è riprova e conferma la oramai consolidata assegnazione di un Premio di Qualità Solidale, in cui la qualità, cioè la capacità a lavorare anticipa la solidarietà e la rende più credibile. Per comprendere quanto sta succedendo occorre partire dalle origini e fare un piccolo passo indietro. Per il territorio della nostra provincia la legge 68 sembra aver preso atto e beneficiato del grande lavoro di ricerca di alternative alla risposta 1

2 strettamente assistenziale da parte di tutti gli attori impegnati nella riabilitazione e nell inserimento sociale delle persone a rischio di emarginazione. Essa ha segnato un punto di convergenza dei servizi, ma anche di ragionamento di molte aziende soprattutto artigiane già interpellate da operatori intenzionati a superare le barriere della custodia, che avevano per così dire preparato il terreno in modo tale che il portatore di handicap trovasse ragione di inserimento non già in virtù di una norma di legge ( una sorta di tassa sociale), ma corrispondenza in una sufficiente capacità di governare la sua presenza attiva e produttiva nel circuito del lavoro. Non va dimenticato e nemmeno misconosciuto a questo fine, il ruolo per certi versi anche un poco pionieristico messo in moto proprio dalla Provincia attraverso i Centri di Lavoro Protetto: cinque realtà che per prime hanno intrapreso negli anni settanta il sentiero della formazione in situazione finalizzato a promuovere, seppure in un contesto non pienamente ed efficacemente integrato, lo sviluppo delle capacità al lavoro ed alla produzione, ma anche il rafforzamento della autostima. Piccoli prodromi che hanno cominciato a far affacciare, presso le Aziende, la dimensione della disabilità come capacità, diritto e non solo quale tassa sociale o, peggio ancora, imposizione. Se merito i Centri di Lavoro Protetto hanno avuto, oltre ad aver la Provincia immaginato e fornito risposte per più di trent anni, senza averne obbligo o competenza, a bisogni cui nessun altro allora provvedeva, è stato quello di aver dato la direzione delle risposte assistenziali verso il lavoro, con una produzione che stesse sul mercato. Merito conseguente la capacità dei Servizi Socio Assistenziali e, poi, dei Servizi di Salute Mentale e dei Sert, di intraprendere sistematicamente il processo di posizionamento all esterno, cioè nelle aziende, dei loro clienti, di aver promosso sistematicamente l inserimento nel contesto lavorativo: va rilevato in questo contesto l apporto formativo e di inserimento dato dalle Cooperative Sociali di tipo B. Siamo cresciuti tutti su questa lunghezza d onda: 2

3 i disabili, handicappati, diversamente abili, abilmente diversi persone che, con i loro familiari, in molti casi non si ponevano neppure il pensiero di poter accedere al lavoro.. che non sapevano dirimersi tra la garanzia di un contributo pseudo- pensionistico ed il rischio di una calata nella dimensione del quotidianità attiva, con tutti i rischi e le incertezze che la caratterizzano. I servizi: che hanno individuato la dimensione lavorativa quale volano formidabile nel percorso verso la autonomia e la partecipazione attiva nel sociale. Non essersi lasciati fagocitare dalla lettura statica della malattia ma affascinare dal poter essere altro che animatori-custodi: questo il grande merito degli Operatori. Ecco allora la formazione, la ricerca di strumenti alternativi quali le borse lavoro, la ricerca e la valorizzazione ove non l assedio agli imprenditori che dimostravano di crederci.. non già per pietà o per pietismo, ma perché il benessere de la persona giusta al posto giusto, cominciava a dare risultati non solo sulla produzione, ma sul fronte della vivibilità interna all azienda oltre che esterna. La trasmissione e la trasferibilità delle esperienze ricondotte nel Coordinamento Provinciale dei Servizi Inserimento Lavorativi hanno fatto da volano nella rete fra attori istituzionali. Quanti mal di pancia in meno rispetto alla frustrazione della imposizione della 482!!.. di rapporti già erosi all inizio, fra parti che la norma stessa viveva piuttosto come belligeranti anziché attori di un percorso, entrambi portatori di specificità.. ove il diritto od il dovere non stava a favore dell una o dell altra parte. Le Aziende, che, lungi per natura istitutiva, dall aver plaudito alla nuova legge che aumentava il tasso di adempimento abbassando la soglia della ottemperanza estendendola a realtà con 15 dipendenti, hanno dato, nel complesso, prova di responsabilità e di coerenza, traendo dall accompagnamento dei servizi, dalle gradualità offerte dalle Convenzioni e dalla possibilità di scelta nominativa, opportunità per meglio guidare la fase della assunzione. E, per quanto c è di vero nel fatto che una corretta informazione aiuta, il lavoro dell Ordine Provinciale dei Consulenti del Lavoro è stato sinergico, coerente e corretto, al pari delle Associazioni e delle Unioni rappresentative delle Aziende. 3

4 In genere in queste occasioni ci si lascia prendere la penna e la ragione per confondersi nell autocompiacimento; se i numeri che seguono potrebbero ben motivare la soddisfazione che conferma il cambio di rotta apportato dalla legge 68 e dà ragione di risultati che in un lasso di tempo così breve ha fornito percorsi altrettanto significativi, questo primo report vuole invece dare voce a tutti gli attori che hanno contribuito a questo processo e d accompagnato il percorso, ma anche indicare i punti e le zone d ombra che esistono. Fra i punti di forza: la concertazione, metodo di lavoro dell Assessorato e del Settore; basata sulla consapevolezza della norma e della necessità di ottemperarvi. Concertazione condivisa fra le parti sociali, le Aziende dirette o rappresentate, i Consulenti del Lavoro, la Direzione Provinciale del Lavoro, le Associazioni degli Invalidi Civili, i Servizi Sociali e Sanitari del Territorio, i Servizi di Medicina Legale delle ASL: un dialogo interlocutorio istituzionalmente rappresentato in seno alla Commissione Tripartita ed al Comitato Tecnico. Il Servizio Inserimento Mirato ha fortemente giovato, per sensibilità ed esperienza al raccordo con gli attori, al monitoraggio del processo ed alla garanzia di omogeneità di criteri applicativi; merito altrettanto significativo l aver innescato il processo di decentramento verso il territorio della domanda-offerta di opportunità lavorativa, ora di squisita pertinenza dei Centri per l Impiego per le insite ragioni di rappresentanza-risposta delle istanze di lavoro rappresentate da ciascun bacino. La gradualità introdotta dallo strumento delle Convenzioni: un patto tra persone, consapevoli e (quasi sempre!!) responsabili che ha sostanzialmente dato soddisfacimento alle rispettive peculiarità, sia delle Aziende nell ammortizzare nel tempo i numeri della ottemperanza che dei disabili e dei servizi territoriali, al punto che abbiamo registrato e stiamo contando significativi numeri di assunzioni effettuate da ditte ed aziende non tenute all obbligo. 4

5 L accompagnamento informativo e la ricerca delle soluzioni che, nel rispetto della norma, hanno promosso consapevolezza e consenso reciproco, definendo margini di competenza ma sempre meno confini. Le zone d ombra non mancano, ovviamente la consapevolezza di aver posti giusti sempre meno sufficienti per fasce di bisogno sempre più difficili da soddisfare.. la resistenza pervicace di alcune Aziende, sia pubbliche che private, ed il fatto che anche qui si registrano i soliti pochi furbi ; la inadeguatezza delle sanzioni, la insufficienza del Fondo per la fiscalizzazione.. il divario tra le attese di molti disabili e le opportunità del mercato, le difficoltà di spostamento e di trasporto le sofferenze, l angoscia di quei familiari che vorrebbero, di più di ogni altro genitore, chiudere gli occhi sapendo il proprio ragazzo/a il meno esposto possibile alle intemperie della vita e con un lavoro che gli/le dia garanzia e sostegno..la fatica per entrambi gli attori nel coniugare quotidianamente i rispettivi interessi e diritti. Resta in capo al Settore il potenziamento di un Monitoraggio che accompagni le difficoltà distinguendo tra chi ottempera e chi fa finta o neppure quello: per dovere per giustizia verso i disabili e verso le ditte pubbliche e private che alla legge danno ottemperanza. In un lasso di tempo ragionevolmente breve siamo riusciti, insieme, a dare risposta ad un numero significativo non di casi, ma di persone, di cittadini e di imprenditori, abbiamo percorso una strada ragguardevole di produzione, ma ancor più di partecipazione, di integrazione.. Buon proseguimento a tutti.. Giuseppe Viada Dirigente Area Servizi alla Persona 5

6 Premessa Questo lavoro nasce da un approfondimento personale di tre prospettive con le quali ho esaminato l applicazione della Legge 68/99: L operatività quotidiana che comprende colloqui con disabili, preselezione e matching nei Centri per l Impiego e nel Servizio Inserimento Mirato; l analisi delle statistiche relative alla Legge 68/99 nei quattro anni di applicazione; un sondaggio effettuato tra le ditte che hanno presentato il prospetto informativo al Servizio Inserimento Mirato. Il sondaggio consiste in un questionario distribuito alle 719 aziende che hanno inviato il Prospetto informativo annuale. L esito (vedi pag.36) fornisce una base statistica dalla quale emergono elementi relativi alla percezione che gli imprenditori soggetti all obbligo dell inserimento di lavoratori disabili, traggono dall applicazione della Legge 68/99. Tale sondaggio non offre un campione rappresentativo dell intera provincia di Cuneo, visto lo sbilanciamento delle risposte, che provengono in grande maggioranza dal bacino di Alba- Bra. Tuttavia, la lettura di questi dati, comparati con le statistiche operate annualmente dal Servizio Inserimento Mirato, offre un quadro sufficientemente oggettivo dell andamento della legge nella provincia di Cuneo. Un margine di soggettività è introdotto dalla personale lettura dei dati, che risponde all approccio legato alla mia formazione e all agire quotidiano nei Centri per l Impiego. Ho avuto l opportunità di conoscere diversi bacini rispondenti a diversi Centri per l Impiego nella fase di transizione della gestione della legge da un livello centralizzato ad uno periferico; ciò mi ha aiutato a vedere i dati statistici anche alla luce delle diverse microculture che compongono la provincia di Cuneo. Questo fattore non è approfondito in questa sede, ma consiglio di tenere sempre presente l eterogeneità dei territori, per non cadere in troppo facili giudizi di valore nel leggere le diversità. Le diversità sono il terreno che ha stimolato l elaborazione di una legge come la 68/99 e non deve, certo, prescindere da esse, la rilettura della sua applicazione. 6

7 Cuneo, 15 marzo 2004 Roberto Marchetto 7

8 1.1 Disabilità; rete; coordinamenti provinciale e di zona Per definire un quadro, all interno del quale intrecciare diverse osservazioni sull andamento della Legge 68/99, prendiamo ciò che l Organizzazione Mondiale della Sanità definisce come disabilità cioè qualsiasi restrizione o carenza della capacità di svolgere un attività nel modo o nei limiti ritenuti normali per un essere umano, individuando tra le caratteristiche scostamenti per eccesso o per difetto nella realizzazione di compiti e nell espressione dei comportamenti rispetto a ciò che sarebbe normalmente atteso. Sappiamo che tali scostamenti non sono immediatamente accettati dalla società, che si basa sull idea di norma, entro la quale riconosciamo i nostri simili e, di riflesso noi stessi. In verità, le istituzioni sociali si attivano per rispondere al bisogno dell'individuo di differenziarsi, di riconoscersi nella propria unicità, fornendo un'identità intesa come ruolo sociale. La struttura sociale, peraltro, tiene saldi i propri limiti, al di fuori dei quali si è emarginati. Ma «...I cosiddetti emarginati non sono mai stati fuori di. Sono sempre stati dentro di. Dentro la struttura che li trasforma in esseri per l altro. La loro soluzione, allora, non consiste nell integrarsi, nell incorporarsi dentro questa struttura, [...] ma nel trasformarla per divenire esseri per sé». Forse quest affermazione forte non era nei pensieri del legislatore, ma tant è, fornisce un senso a tanti operatori che operano nel mondo degli inserimenti lavorativi e una chiave di lettura: come viene percepita la legge 68/99 e l applicazione della stessa? La percezione delle cose varia dal punto di vista in cui ci si trova. Vediamo che spesso il mondo del lavoro è proposto dai mass media e/o vissuto dai singoli, come una giungla dove per contare si deve prevalere e per prevalere si deve lottare. Il più delle volte chi si sente svantaggiato in partenza, rinuncia a partire, se la prospettiva è di soccombere; poco importa se l invalidità è fisica, psichica o sensoriale, categorie che, certo, servono a noi, operatori del settore, per individuare con maggior chiarezza ogni P. FREIRE, LA PEDAGOGIA DEGLI OPPRESSI, Mondadori,

9 opportunità lavorativa: al di là delle abilità possedute chi è diverso si sente, abitualmente, escluso e solo, ai margini di una società che corre, quando egli, a volte, non può nemmeno camminare. Così tenta di raggiungere un mondo che gli sfugge sempre più e per questo vive un senso di solitudine. Pertanto può reagire in diversi modi: sottomettendosi alla sorte con un senso di rassegnazione alla diversità come fattore negativo, oppure con forme di esasperazione che portano quasi all arroganza, per sfidare o provocare il mondo nel quale non riesce a trovare una collocazione. Tale reazione difensiva è assunta dall individuo come anche dai familiari e dagli amici più vicini. Generalmente ci si difende quando non si ha coscienza dei propri mezzi per affrontare relazioni costruttive. Oppure quando non si conoscono le risorse che il nostro interlocutore ci offre. La reazione può essere costruttiva, portando il singolo a valorizzare la propria individualità. È a questo livello che si pongono le basi della legge: uno stimolo verso la conoscenza delle potenzialità di ogni lavoratore e le possibilità di occupazione presenti nel territorio. Nel focalizzare l obiettivo per una valutazione qualitativa della legge, qui si individua il primo risultato nell esperienza attuativa della Legge 68/99: la costruzione di una rete di informazione, sostegno ed accompagnamento, dimostra di non abbandonare chi si trova in situazioni di svantaggio nella ricerca di un lavoro. D altro canto è indispensabile sostenere la crescita di una cultura che riconosca il valore dell unicità di ogni individuo, piuttosto che rifuggire le differenze. In questo senso il lavoro è uno strumento di collegamento con il mondo, non uno spauracchio che ci allontana da questo; è una possibilità di dimostrare la propria dignità, oltre che le capacità di ognuno. È importante ribadire i fattori fondanti di un lavoro di rete, cioè lo scambio di informazioni, sostegno reciproco, il credito ed il rispetto del lavoro di tutti gli elementi che contribuiscono all efficienza della rete stessa. Questo aspetto propone come modello la fiducia che può crescere dal disabile verso i servizi e tra i servizi stessi, in questo caso i servizi per l impiego provinciali e i servizi socio sanitari territoriali. Nondimeno è da ricercare la consapevolezza della rete da parte di tutte le componenti. Questo perché può succedere di inciampare casualmente in 9

10 una buona scelta di metodo. L importante è rendersene conto e far tesoro del caso. In altre parole la rete deve essere riconosciuta e sostenuta. A questo proposito, un sondaggio effettuato tra le ditte soggette all obbligo di assunzione ci dà un primo riscontro della presenza di una rete. In relazione alla modalità del reperimento di personale disabile da inserire in azienda, circa i due terzi di un campione significativo delle ditte coinvolte dalla legge affermano di aver usufruito del Servizio Inserimento Mirato dei Centri per l Impiego della Provincia di Cuneo come anche di altri enti territoriali, quali i Dipartimenti di Salute Mentale di diverse ASL, i Servizi di Inserimento Lavorativo dei diversi Consorzi socio assistenziali, Comunità Montane e anche singoli comuni. Questi enti confluiscono nel Coordinamento Provinciale dei Servizi di Inserimento Lavorativo e in tavoli territoriali di zona: sono gli spazi nei quali si definiscono maggiormente le linee operative della rete. Spesso, in considerazione dell attività instaurata, chi si è occupato del reperimento di personale disabile non è stato un unico attore; anzi, al di là della separazione che appare dal grafico, il più delle volte si sono sviluppate interazioni proficue. ricerca autonoma 37,6% Altro 62,4% tramite i servizi provinciali 49,8% tramite i servizi territoriali 12,7% modalità di reperimento aziendale del personale disabile Non si evidenzia (anche per difetto di metodo del sondaggio) che parte della rete sono o possono essere le aziende stesse, i consulenti del lavoro, le associazioni di categoria e le parti sociali. La percezione di essere lontani, a volte addirittura opposti spesso è falsata da un pregiudizio e rimuovere 10

11 quest ultimo può essere un elemento importante del percorso da intraprendere. Così come il Coordinamento Provinciale dei S.I.L. è riuscito a delineare linee operative analoghe in tutta la provincia, nella salvaguardia della storia e della specificità di ogni servizio, si può ipotizzare che una maggior integrazione tra aziende, servizi per l impiego, servizi socio-sanitari e agenzie formative possa stimolare nuove idee per le situazioni vissute ora problematicamente. 11

12 1.2 Iscrizioni e colloqui di approfondimento In ottemperanza al principio di sussidiarietà enunciato dalla Legge 59/97, la gestione della legge 68/99 mette in evidenza, tra gli altri, il fattore della vicinanza geografica dei servizi all utenza, elemento non indifferente nella Provincia di Cuneo, molto estesa territorialmente. Per questo, è stata una priorità portare il servizio vicino a chi ne usufruisce. autocandidatura ENTI PUBBLICI Invio prospetto informativo Richiesta personale disabile AZIENDA SERVIZIO INSERIMENTO MIRATO assunzione DISABILE iscrizione CENTRO PER L IMPIEGO Incontro domanda/offerta di lavoro tirocinio iscrizione AGENZIE FORMATIVE tutoraggio SERVIZI TERRITORIALI SOCIO SANITARI Il diagramma di flusso indica i percorsi propedeutici all incontro domanda/offerta di lavoro, così come previsti dalla legge e attuati in questi anni in provincia di Cuneo. Il progressivo processo di decentramento delle mansioni relative all inserimento mirato al lavoro, e l integrazione sempre maggiore con i servizi 12

13 disabili iscritti Maschi Femmine totale legge 482/68 legge 68/99 socio sanitari del territorio hanno favorito un numero sempre maggiore di disabili che, per le loro caratteristiche individuali, possono accedere ai servizi del Centro per l Impiego. Non è un caso che si riscontri un consistente incremento delle iscrizioni, oltre all abituale crescita demografica dei disabili appartenenti alle Categorie Protette della Provincia di Cuneo. Alcuni sono stimolati a intraprendere un percorso lavorativo dagli operatori dei servizi socio sanitari territoriali; altri rimuovono le resistenze dovute al fatto di essere stigmatizzati socialmente come disabili e riconoscono nella legge 68/99 il valore di strumento per favorire la propria integrazione sociale attraverso il diritto al lavoro. disabili iscritti per Centro per l'impiego saluzzo mondovì fossano cuneo alba 13

14 È pur vero che non tutti gli iscritti sono immediatamente disponibili per un occupazione lavorativa: infatti, l iscrizione alle Categorie Protette è anche uno tra i requisiti per percepire la pensione di invalidità. Ciò nonostante, notiamo una crescita delle iscrizioni per il legittimo diritto al lavoro. Un dato interessante si ricava dalle disponibilità del 2002, che mostra un apparente flessione, nonostante l aumento delle iscrizioni: in realtà, questo dato, rilevato al , coincide con un boom di nuove assunzioni nello stesso anno, in particolar modo femminili (come vedremo in seguito). disabili disponibili Maschi Femmine totale Non manca chi, pur non offrendo la disponibilità al lavoro nel momento dell iscrizione, effettuata perlopiù con l intenzione di percepire la pensione, in seguito si propone agli operatori del CPI per la ricerca di un lavoro, giungendo alla conclusione che uno stipendio guadagnato lavorando, oltre ad essere un indubbia gratificazione, solleva anche da un apatia che è un disagio aggiunto a quello portato dalla condizione invalidante. Come è sempre stato, si incontrano disponibilità anche solo parziali, per gli enti pubblici piuttosto che per le aziende, per il part-time o per il tempo pieno, per zone geografiche, per settori professionali e così via. Per evidenziare ogni caratteristica personale, la Provincia di Cuneo ha avviato una fase di trasformazione nel rapporto con i disabili iscritti: inizialmente attraverso la consulenza di due psicologi, si è intrapreso l approfondimento individuale delle propensioni e delle abilità degli iscritti disponibili. 14

15 Questa attenzione al particolare è un fattore all apparenza semplice, ma, soprattutto nella relazione con il disabile, porta con sé una serie di implicazioni: gli operatori del Centro per l Impiego creano un rapporto di fiducia con l iscritto ed acquisiscono una serie di informazioni, presupposto per effettuare la ricerca di un adeguata posizione lavorativa. Inoltre, nel far questo il disabile accantona poco a poco i timori e le perplessità relative alle proprie capacità, smussa se non risolve del tutto, l imbarazzo legato ad un immagine di sé strutturata nel tempo, che lo vede inadeguato al mondo intero, perciò anche alle relazioni con gli altri. Così facendo, il disabile stesso chiarisce motivazioni e aspirazioni che possano condurlo verso il mondo del lavoro con un identità lavorativa più definita, riconoscendo allo stesso tempo che l aspetto lavorativo può essere una parte della propria vita, non la vita intera. MONDOVI' 15% FOSSANO 23% CUNEO 22% SALUZZO 15% ALBA 25% colloqui di approfondimento: percentuale dei singoli CPI sul totale di iscritti disponibili nella Provincia di Cuneo I cinque Centri per l Impiego, Alba, Cuneo, Fossano, Mondovì, Saluzzo, con i relativi sportelli, presentano diversità per ampiezza demografica e geografica; anche le storie dei diversi territori sono differenti: prima della Legge 68/99 l inserimento lavorativo dei disabili è stato affidato qui alle ASL, là ai servizi socio assistenziali, altrove anche a iniziative private legate alla cooperazione sociale. Ora, pur conoscendo, di fatto, buona parte dei disabili iscritti, per quanto riguarda il rapporto disabile/mercato del lavoro, le competenze nei Centri per l Impiego si sono costruite solo in questi ultimi anni. Infatti, solo 15

16 con la legge 68/99 si parla di inserimento mirato in funzione di ogni singola persona. In questi tre anni nei CPI si sono approfondite le situazioni di oltre 1200 disabili, con uno o più colloqui, in rapporto alle esigenze individuate di ognuno. Per far questo si è resa indispensabile l elaborazione di strumenti per una raccolta ed una gestione funzionale delle informazioni. In base all esperienza acquisita e ad un gruppo di lavoro regionale si è predisposta una scheda operativa contenente informazioni che, come del resto prevede la legge, vanno ad aggiungersi ai dati rilevati dalla Commissione Medica Integrata i, istituita presso le ASL, con l intervento dei rappresentanti dei servizi sociali territoriali. In particolare le informazioni raccolte presso il Centro per l impiego consentono di predisporre un profilo lavorativo, che, integrandosi con i dati socio-sanitari, consente di attuare per ogni disabile un incontro con le informazioni provenienti dalle aziende con obbligo di assunzione. Quando, come succede, l incontro non è immediatamente proponibile, è cura degli operatori del CPI fornire indicazioni al disabile circa possibili corsi di formazione oppure azioni di orientamento, realizzate, rispettivamente, da agenzie formative e servizi sociali. L acquisizione delle informazioni è realizzata anche in modo di proporre condizioni sempre migliori per l elaborazione informatica, per gestire agevolmente i numeri sempre crescenti relativi all incontro domanda/offerta di lavoro. 16

17 disponibilità per categorie fisici - sensoriali psichici La Legge 68/99 definisce alcune priorità per le agevolazioni alle aziende, qualora queste assumano disabili con invalidità di tipo psichico, ritenendo che quest ultima implichi maggiori difficoltà di integrazione. Anche per questo motivo vediamo una crescita progressiva delle iscrizioni degli appartenenti a questa categoria. Tuttavia il divario tra tipologie di caratteristiche invalidanti, se da un punto di vista strettamente medico può essere definito con relativa certezza (e non sempre è così), al momento dell entrata nel mondo del lavoro non è così limpido e pone alcune perplessità. Ad esempio, in qualche caso chi possiede una certificazione di invalidità fisica in seguito ad un grave incidente traumatico, ancor più se avvenuto sul lavoro, non sarà certo facilitato ad intraprendere nuovamente un attività lavorativa. L individuo porta con sé un disagio psicologico che non compare nel verbale di invalidità, ma che, a volte, è più limitante dell invalidità stessa. Inoltre, si incontrano disabilità legate ad un pesante velo di pregiudizio comune a tanti imprenditori, operatori dei servizi per l impiego e ai medici stessi. Qui,oltre a diagnosi psichiatriche, incontriamo deficit immunologici e neurologici, perciò fisici, come anche problemi di dipendenza correlati sempre a disturbi fisici; questi creano attorno all individuo un alone di imbarazzo o rifiuto, contrario all integrazione sociale e lavorativa. Un altra circostanza si riscontra nella ciclicità delle manifestazioni invalidanti, come nella grande maggioranza delle patologie psichiche. Ciò significa che le possibilità lavorative dell individuo variano di periodo in 17

18 periodo. Per questo potrebbe non essere il caso di insistere su di un lavoro a tempo indeterminato, oppure su una stessa mansione. Sono solo esempi della molteplicità delle caratteristiche incontrate che, se da un lato creano ogni giorno condizioni nuove, non sempre facili da affrontare, dall altro arricchiscono il bagaglio di ogni operatore impegnato. Tali sfaccettature del lavoro quotidiano richiedono di sviluppare una buona elasticità mentale, per rimanere nell ambito della legge, in modo da non fossilizzare gli interventi. Per questo, nel lavoro congiunto regionale (che peraltro prende ispirazione dal programma Match, della Fondazione Don Gnocchi di Milano) si propone di segnalare una diagnosi primaria, una secondaria e altre concause non accertate all interno del verbale di visita collegiale, ma che influenzano l individuo. Ne consegue che non è il caso di affidarsi ad un unico modello operativo, perché non sempre i singoli individui sono comparabili tra loro. Invece, è auspicabile crescere nella capacità di andare incontro a situazioni nuove con nuovi strumenti, nella speranza che le azioni intraprese oggi diventino bagaglio di esperienza per affrontare problemi di domani. * * * 1.3 Aziende, convenzioni, tirocini Dal disabile all azienda Nel momento in cui la Commissione Medica Integrata fornisce gli elementi relativi alle abilità residue, l operatore del Centro per l Impiego, in possesso del profilo socio-lavorativo, richiede alle ditte un supplemento di indicazioni relative alle condizioni lavorative dell azienda. Si valutano la presenza di eventuali barriere architettoniche, la presenza o meno di servizi di trasporto e, più nello specifico, le indicazioni relative alle singole mansioni nelle quali si ipotizza l impiego dei disabili. 18

19 In alcuni casi, sono gli imprenditori stessi a richiedere anche una visita in azienda per approfondire le opportunità che non emergono con una conoscenza condizionata da una visione abitudinaria dei cicli produttivi. Il passo successivo consiste nella preselezione dagli elenchi delle categorie protette di una rosa di nominativi, rispondenti alle caratteristiche richieste; ne segue la presentazione ai responsabili aziendali dei disabili selezionati. Nel caso tra questi si trovino soggetti seguiti da servizi sociosanitari del territorio, si contattano gli operatori di riferimento, perché possano contribuire allo sviluppo del miglior percorso formativo e lavorativo dell individuo. Tale procedimento contribuisce a rafforzare una dimensione culturale che attraversa i diversi settori sociali coinvolti, collegandoli, oltre che con un linguaggio soprattutto con un senso comune. In questi anni, ogni momento di preselezione ha consentito agli operatori dei Centri per l Impiego, e non solo, di approfondire ulteriormente la conoscenza sia dei disabili che delle aziende, nonché di orientare gli uni e le altre verso prospettive più realistiche. Infatti, non bisogna mai dimenticare che il disabile, in quanto tale, ha dei vincoli; per le aziende è necessario tenerlo presente nel formulare l offerta. Sembra la cosa più scontata, ma la pratica quotidiana evidenzia che è un fattore spesso trascurato nel momento della ricerca del personale. Di fatto, insorge uno strano stupore quando emergono i limiti del lavoratore. D altro canto, quando il singolo individuo non si attiene ad un piano di realtà nella ricerca del lavoro, si imbatterà in difficoltà che esulano dal proprio stretto handicap. * * * Il sondaggio effettuato con le ditte che hanno presentato il prospetto informativo al Servizio Inserimento Mirato ci aiuta a capire come l imprenditore vede i passi di applicazione della Legge (vedi pag.36 e 37). 19

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL)

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Per lungo tempo il problema dell inserimento lavorativo del disabile non è stato affrontato in modo sistematico: sia per le difficoltà

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO 1 INDICE Art.1 Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 Strumenti

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

COLLOCAMENTO LAVORATIVO DISABILI: IDONEITÀ E COMPATIBILITÀ

COLLOCAMENTO LAVORATIVO DISABILI: IDONEITÀ E COMPATIBILITÀ Dipartimento di Prevenzione U.O. Medicina Legale Dr. Stefano Lelli Dr. Anna Maria Lupi ASL 5 di Pisa COLLOCAMENTO LAVORATIVO DISABILI: IDONEITÀ E COMPATIBILITÀ 1 Pagina 2 COLLOCAMENTO LAVORATIVO DISABILI:

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova PROVINCIA DI GENOVA Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione Professional AREA 10 A-Servizio Formazione Professionale Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa Promuovere l occupazione delle persone disabili significa accrescere il benessere socio-economico dell intera collettività. Su questo

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

LE ADOZIONI LAVORATIVE

LE ADOZIONI LAVORATIVE LE ADOZIONI LAVORATIVE Il lavoro acquista sempre più rilievo nella vita dell uomo fino a diventarne l essenza stessa. L identità personale passa attraverso il ruolo che il singolo ha rispetto al contesto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio I prerequisiti dell inserimento d lavorativo: la funzionalità del metodo di Anffas Trentino a cura di Linda Pizzo Responsabile del Servizio Inserimenti Lavorativi di Anffas Trentino Onlus Da alcuni anni

Dettagli

Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Settore Lavoro

Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Settore Lavoro Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Settore Lavoro CRITERI ATTUAZIONE CONVENZIONI CON LE AZIENDE PRIVATE ------------ P R E M E S S A Nel disegnare queste linee guida per la stipula delle Convenzioni

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

"La tutela dei diritti, la salvaguardia dell'immagine" Ct 24.04.2012 Rosa Zito

La tutela dei diritti, la salvaguardia dell'immagine Ct 24.04.2012 Rosa Zito "La tutela dei diritti, la salvaguardia dell'immagine" Ct 24.04.2012 Rosa Zito Forse sarei più sola senza la mia solitudine Emily Dickinson Scrittrice statunitense (1830-1886) APPROFONDIMENTI SU: SOLITUDINE

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

CHIEDO ALLA REGIONE LAZIO IL MIO PROGETTO INDIVIDUALE

CHIEDO ALLA REGIONE LAZIO IL MIO PROGETTO INDIVIDUALE CHIEDO ALLA REGIONE LAZIO IL MIO PROGETTO INDIVIDUALE Che cos è la disabilità Può apparire ridondante ed inutile ritornare su questo concetto. Crediamo, invece, che non lo sia perché condividerne la definizione

Dettagli

Via G. Capponi 178 00179 Roma www.fishonlus.it

Via G. Capponi 178 00179 Roma www.fishonlus.it Via G. Capponi 178 00179 Roma www.fishonlus.it Proposte di emendamenti al decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria) avanzate dalla Federazione Italiana

Dettagli

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità.

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Le organizzazioni affiliate alla FETBB sono ben consapevoli delle sfide presenti e future per riuscire ad attuare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE:DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI PROVINCIA DI SONDRIO Settore Formazione, Lavoro e Politiche sociali Servizio Mercato del Lavoro U.O. Ufficio Provinciale per il diritto al lavoro dei disabili PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO

Dettagli

Gestione attiva dei sinistri. Datori di lavoro e dipendenti Helvetia: una comunanza di destini, anche in caso di necessitá.

Gestione attiva dei sinistri. Datori di lavoro e dipendenti Helvetia: una comunanza di destini, anche in caso di necessitá. Gestione attiva dei sinistri. Datori di lavoro e dipendenti Helvetia: una comunanza di destini, anche in caso di necessitá. La Sua Assicurazione svizzera. 1/8 Helvetia Gestione attiva dei sinistri Opuscolo

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA AREA 10 Politiche Formative e Istruzione Servizio Formazione Professionale Ufficio Programmazione

PROVINCIA DI GENOVA AREA 10 Politiche Formative e Istruzione Servizio Formazione Professionale Ufficio Programmazione PROVINCIA DI GENOVA AREA 10 Politiche Formative e Istruzione Servizio Formazione Professionale Ufficio Programmazione Documento sulle attività formative, per allievi disabili, previste dalla Legge Regionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino)

Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino) Applicazione della tecnica del focus group: l esperienza realizzata con il progetto Torino Domiciliarità. ( a cura di Maurizio Marino) Il progetto Torino Domiciliarità Il progetto Torino Domiciliarità:

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO

SERVIZIO INTEGRATO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO (Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone) SERVIZIO INTEGRATO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO Il Gruppo di lavoro interistituzionale sul tema dell Inserimento Lavorativo: Tecnico

Dettagli

I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE I Cemea, da molti anni sono impegnati anche nel campo dell assistenza domiciliare ritenendola una scelta importante e significativa per incrementare i processi

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: RIAVVICINIAMOLI AL SAPERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: E - Educazione e promozione culturale Area di intervento: 08 - Lotta all

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

CARTA DEI PRINCIPI PER LA SALUTE MENTALE

CARTA DEI PRINCIPI PER LA SALUTE MENTALE CARTA DEI PRINCIPI PER LA SALUTE MENTALE PREMESSA Il concetto di salute formulato nel 1948 dall Organizzazione Mondiale della Sanità è ancora oggi alla base della definizione ufficiale del termine "salute",

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

Inserimento lavorativo delle fasce deboli: esperienze regionali

Inserimento lavorativo delle fasce deboli: esperienze regionali Forum70gen 21-01-2009 14:49 Pagina 9 Inserimento lavorativo delle fasce deboli: esperienze regionali A cura di Paola Mainini e Matteo Pasetti Agenzia Liguria Lavoro Clara Rela: le tappe dell inserimento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese -

S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese - S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese - CHE COS E IL SIIL Il SIIL, Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo, è un servizio organizzato, dal 1998,

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano QUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI COLLOCAMENTO MIRATO DELLE PERSONE CON DISABILITA Responsabile: Cognome:_BORELLINI Telefono: 059-209051 Nome:LUCIANA E-mail:

Dettagli

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. Sede in Milano Capitale Sociale 17.609 BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 ASPETTI GENERALI In relazione all art. 3 dello statuto si conferma che i criteri che hanno guidato

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI CARTA DEI SERVIZI II SETTORE SOCIO-CULTURALE Anziani Minori Disabili Casa Donne Inclusione sociale IL COMUNE

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Settore Servizi alla Persona e Sviluppo Socio Economico Servizio Politiche del Lavoro e Coordinamento Provinciale Ufficio Inserimento Mirato Linee guida per la stipulazione tirocini

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva PROGETTO INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI L Istituto da parecchi anni rappresenta un importante centro di riferimento e polo progressista nelle tematiche sulla disabilità. Anche quest anno la nostra

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

CODICE ETICO CSS IL SORRISO

CODICE ETICO CSS IL SORRISO CODICE ETICO PREMESSA La Comunità Socio sanitaria Il Sorriso è una struttura residenziale, che accoglie persone disabili, impossibilitate a restare nel proprio nucleo familiare o prive dello stesso, fornendo

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali PROGETTO IL PONTE PROTOCOLLO OPERATIVO PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE DEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO E DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA DEI SOGGETTI CON DISABILITÀ MENTALE LIEVE E MEDIO LIEVE Obiettivi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: TI REGALO UN SORRISO SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: A - Assistenza AREA DI INTERVENTO: 01 - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Questo

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

Il reinserimento degli infortunati Ridurre le assenze e i casi di rendita. Informazioni e consigli per il datore di lavoro

Il reinserimento degli infortunati Ridurre le assenze e i casi di rendita. Informazioni e consigli per il datore di lavoro Il reinserimento degli infortunati Ridurre le assenze e i casi di rendita Informazioni e consigli per il datore di lavoro Indice La collaborazione 04 Il datore di lavoro 06 L infortunato 08 I familiari

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Il 26/11/1999 diventava operativo il trasferimento delle competenze in

Il 26/11/1999 diventava operativo il trasferimento delle competenze in PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRESENTAZIONE Il 26/11/1999 diventava operativo il trasferimento delle competenze in materia di collocamento e di politiche del lavoro dal Ministero del Lavoro alle Province.

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli