I percorsi di inserimento lavorativo delle persone disabili nella Provincia di Ancona. Criticità Emergenti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I percorsi di inserimento lavorativo delle persone disabili nella Provincia di Ancona. Criticità Emergenti."

Transcript

1 I percorsi di inserimento lavorativo delle persone disabili nella Provincia di Ancona. Criticità Emergenti. A cura di: Stefano Defendi e Marco Giovagnoli (Comitato Scientifico S.L.I.D. Cooperativa Sociale Opera) Maggio

2 Indice Indice pag. 2 Introduzione pag. 3 Definizione del contesto locale indagato pag. 4 -Il contesto geografico ed anagrafico pag. 4 -Il quadro legislativo e la definizione di disabile pag. 5 -Definizione del contesto di indagine pag. 6 Dati pag. 8 -Andamenti pag. 8 -Attivazioni e scoperture pag. 10 -Disoccupazione nelle liste protette della Legge 68/99 pag. 15 -Riflessioni pag. 16 I territori della disabilità. I soggetti in campo tra conflitto e prove di rete pag. 18 Conclusioni pag. 22 Note pag. 27 Bibliografia pag. 31 This document has been produced with the financial assistance of the IPA Adriatic Cross-Border Cooperation Programme. The contents of this document are the sole responsibility of Cooperativa Sociale Opera Onlus (ex Zanzibar) and can under no circumstances be regarded as reflecting the position of the IPA Adriatic Cross-Border Cooperation Programme Authorities. 2

3 Introduzione Il presente lavoro si inserisce in un progetto di matrice Europea dal nome S.L.I.D., acronimo di Social Labour Integration Disabled, a cui la Cooperativa Sociale Opera (1) ha partecipato con altri 11 partner che vivono nelle aree del bacino Adriatico di Croazia, Italia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Albania. Il Progetto S.L.I.D è stato ideato con l'obiettivo generale di contribuire al miglioramento qualitativo della vita di oltre persone con disabilità che appunto vivono nell'area target del progetto, attraverso lo sviluppo di efficaci, innovativi e integrati percorsi di cooperazione transfrontaliera per l integrazione sociale e lavorativa delle persone disabili. Il progetto S.L.I.D. è organizzato in 8 fasi di lavoro definite Work Packages (WP) complementari e trasversali fra loro, per il raggiungimento di più obiettivi specifici riassumibili nei punti seguenti: la realizzazione di nuove collaborazione fra i territori per il miglioramento qualitativo dell'inserimento lavorativo e re-inclusivo delle persone disabili, attraverso lo scambio reciproco di esperienze e competenze tecnico/scientifiche, gestionali e di buone prassi considerevoli tra gli stakeholder; sostenere, rafforzare, migliorare le reti di collaborazione già esistenti nei territori target; migliorare le condizioni di occupabilità delle persone portatrici di disabilità nei Paesi coinvolti attraverso la promozione di un percorso concertato di interventi in grado di stabilire e mantenere reti di promozione dell'accesso al lavoro dei disabili; promuovere un sistema di iniziative e di apprendimento per facilitare l'inserimento delle persone disabili a percorsi di formazione professionale specifici, alle opportunità di lavoro, all'educazione, con l'obiettivo di aumentare il loro livello di occupabilità e competitività nel mercato del lavoro; la diffusione di informazioni per la sensibilizzazione dell opinione pubblica sui temi riguardanti le persone con disabilità e il modello sociale di intervento per creare loro le condizioni più favorevoli alla piena integrazione sociale. Da questo livello di osservazione, quindi, la Cooperativa Sociale Opera Onlus, fra i suoi compiti dislocati nelle varie fasi di lavoro (WP), è stata leader del Work Packages 3 e per conto del progetto S.L.I.D. la stessa ha elaborato un Report dal titolo: WP3 Final Report-Return of research result. Quest'ultimo, ha avuto come risultato la creazione di una base di conoscenze di attività, di buone prassi, di iniziative, di informazioni, di politiche sociali, che possono, a seconda delle necessità dei Partner, essere utilizzate come strumento per un percorso decisionale informato sull'esperienza degli altri Partner, come processo di pianificazione delle azioni e degli interventi futuri attraverso una selezione delle buone pratiche e delle politiche di inclusione sociale e lavorativa degli stakeholder, nei territori target SLID. Sulla base di quanto scritto nelle righe precedenti, la Cooperativa Sociale Opera Onlus, ha raccolto l'opportunità per indagare in maniera più approfondita, attraverso una ricerca di natura quantitativo descrittiva, il fenomeno degli inserimenti lavorativi di persone afferenti gli obiettivi del progetto S.L.I.D. nel territorio locale, ed ha organizzato delle tavole rotonde per discuterne con gli addetti ai lavori su quali potessero essere degli spunti di riflessione per un miglioramento sulla situazione locale emersa in quanto la stessa è risultata significativamente problematica. Gli attori direttamente coinvolti nelle tavole rotonde a discutere dell'argomento sono stati i politici locali, le aziende del territorio ed i quadri dirigenziali delle società a partecipazione pubblica e privata. Concludendo ci è caro ringraziare il Centro per l'impiego e la Formazione della Provincia di Ancona, in particolare nella persona della Sig.ra Morena Morani (2) che oltre ad averci fornito i dati, in valori assoluti, delle persone inserite nel contesto locale, ha contribuito a dare interessanti delucidazioni in merito alla situazione specifica. 3

4 Definizione del contesto locale indagato. La prima azione utile alla realizzazione del presente lavoro, che possiamo definire come un'elaborazione di natura prevalentemente descrittiva (3) del fenomeno dell'inserimento lavorativo delle persone disabili nel contesto locale, è stata quella di dare una definizione a quest'ultimo. In questo senso quindi, gli autori hanno orientato la loro osservazione su 2 aree tematiche, per determinare dei criteri utili alla definizione del contesto locale di indagine. Le aree tematiche analizzate sono: il contesto geografico e demografico, il quadro legislativo e la definizione di disabile. Il contesto geografico e demografico Considerando che i dati sono stati raccolti dalle statistiche del Centro dell'impiego e la formazione della Provincia di Ancona (CIOF), i confini geografici del contesto locale d'indagine sono stati determinati dalla competenza territoriale del suddetto Ente che nella fattispecie corrisponde ai Comuni (4) elencati in tabella 1. Essendo questa ricerca di tipo descrittivo, si è deciso, per una comparazione sugli andamenti degli inserimenti lavorativi nel contesto locale, di includere come indicatore la popolazione residente (5). Quest'ultima è stata calcolata sulla classe di età anni in quanto quest'ultima è rappresentativa del periodo temporale ipotetico in cui una persona in Italia può lavorare. Tabella 1 Residenti classe di età anni divisi per Comune Comune Residenti anni CIOF di riferimento Agugliano 3239 Ancona Ancona Ancona Camerano 4655 Ancona Castelfidardo Ancona Falconara Marittima Ancona Loreto 7915 Ancona Montemarciano 6833 Ancona Numana 2590 Ancona Offagna 1257 Ancona Osimo Ancona Polverigi 2937 Ancona Sirolo 2513 Ancona Totale residenti nella classe di età anni La popolazione residente totale al 01/01/2012 nel territorio sopra descritto nella classe di età anni è di persone. Per onestà intellettuale, si esplicita che sarebbe stato metodologicamente più funzionale all'osservazione del fenomeno per comparare dati più simili, avere a disposizione anche i dati in valori assoluti, nel territorio indagato, della popolazione attiva, definita dall'istat come la somma delle persone occupate, di quelle disoccupate e di quelle impegnate nella ricerca di nuova occupazione e/o prima occupazione (6). Su questo territorio geografico, a puro scopo descrittivo, gli autori hanno approfondito, attraverso una ricerca sulla letteratura riguardante l'analisi statistica della Provincia di Ancona ed altro materiale inerente l'oggetto d'indagine, su quali e quanti altri attori sono presenti nel territorio indagato che sono direttamente e/o indirettamente coinvolti nel fenomeno dell'inserimento lavorativo delle persone disabili. In questo senso quindi, nel contesto geografico elencato sopra, dovrebbero essere presenti (7): -3 Unità Multidisciplinari Età Adulta (UMEA), -3 Centri di Salute Mentale (1 DSM), -1 Centro Impiego Orientamento Formazione (CIOF), -12 Comuni, -3 Ambiti Territoriali Sociali (ATS), -3 Protocolli Area vasta-comuni-ciof (equipe integrate), -1 Servizio Inserimento Lavorativo (SIL), 4

5 -3 Progetti Sollievo, -13 Cooperative di tipo B, imprese attive al 31/12/10 (su tutta la Provincia di Ancona) iscritti al 31/12/2009 alla L.68/99 (su tutta la Provincia di Ancona). Il quadro legislativo e la definizione di disabile La ricerca S.L.I.D., come detto precedentemente, è rivolta all'integrazione sociale e lavorativa delle persone disabili. Nell'uso comune, i termini disabile, invalido, ecc. prendono lo stesso significato e vengono usati come sinonimi anche se in realtà gli stessi indicano condizioni differenti che portano, di conseguenza, al riconoscimento di diritti differenti. In questo senso, in Italia esistono più Leggi che possono coinvolgere la persona disabile nell'integrazione sociale e lavorativa come previsto dal Progetto S.L.I.D.. Di seguito un breve riassunto delle Leggi principali riguardanti la tematica affrontata. Legge 118/71 (Nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili). L'invalidità civile, può essere definita come una condizione clinica, riconosciuta tramite commissione medica specifica, che funge da presupposto per accedere a determinate prestazioni socio sanitarie e per aver riconosciuto degli indennizzi e delle prestazioni economiche. La richiesta di invalidità la possono fare tutti i cittadini e sono considerate invalide tutte quelle persone che hanno avuto una valutazione, da apposita commissione medica, della riduzione della capacità lavorativa uguale e/o superiore al 33.33%. Quando la riduzione supera il 74%, le persone in questa condizione che non svolgono attività lavorativa, per tutto il periodo in cui permane questa situazione, possono usufruire di un riconoscimento economico. In sintesi la Legge sull'invalidità è un indennizzo economico riconosciuto giuridicamente per quelle persone che sono interessate da una minorazione che cronicamente gli impedisce di svolgere le funzioni quotidiane proprie alla loro età. Il riconoscimento della Legge 118/71 è un presupposto (8) per l'iscrizione alle categorie protette della Legge 68/99 di seguito riportata (9). Legge 68/99 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili) Il Diritto al lavoro, per le persone invalide e disabili, in Italia è riconosciuto dalla Legge 68/99 ed ha come finalità la promozione dell'inserimento e della integrazione lavorativa delle persone disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato. Nella suddetta Legge, per collocamento mirato si intende quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto, attraverso analisi di posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione (10). La Legge in oggetto si applica alle persone con invalidità, accertata dalle commissioni competenti che hanno una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% (11). La suddetta Legge è anche rivolta alle persone disabili che sono state riconosciute tali dalle commissioni facenti capo alla Legge 104/92, che regolamenta appunto la materia della disabilità. In sintesi la Legge sul lavoro delle persone disabili, regolamenta l'inclusione all'interno del mercato del lavoro delle persone invalide e disabili, attraverso delle quote di riserva (12) calcolate sul numero dei dipendenti sia di soggetti pubblici sia di soggetti privati. Da questo punto di vista, l'inserimento nel mercato del lavoro dei disabili diviene, in linea generale, obbligatorio, garantendo il Diritto al lavoro delle persone interessate. Legge 104/92 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.) In Italia, la disabilità è regolamentata dalla Legge 104/92 che detta i principi dell'ordinamento in materia di diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata. E' persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà 5

6 di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. In sintesi, in Italia la persona è riconosciuta come portatrice di disabilità solo nel momento in cui la commissione valutatrice determini questa condizione e riconosca alla persona disabile la presente Legge. In linea generale, la Legge 104/92: -garantisce il pieno rispetto della dignità umana e i diritti di libertà e di autonomia della persona handicappata e ne promuove la piena integrazione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella società; -previene e rimuove le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo della persona umana, il raggiungimento della massima autonomia possibile e la partecipazione della persona handicappata alla vita della collettività, nonché la realizzazione dei diritti civili, politici e patrimoniali; -persegue il recupero funzionale e sociale della persona affetta da minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali e assicura i servizi e le prestazioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle minorazioni, nonché la tutela giuridica ed economica della persona handicappata; -predispone interventi volti a superare stati di emarginazione e di esclusione sociale della persona handicappata. Il riconoscimento della Legge 104/92 è un presupposto per l'iscrizione alle categorie protette della Legge 68/99 (13). Legge 381/92 (Disciplina delle Cooperative sociali) La Legge 381/91, introduce per la prima volta la definizione di una nuova impresa, quella sociale. Quest'ultima ha come caratteristica essenziale il perseguimento dell'interesse generale della comunità e dell'integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione di servizi socio sanitari (cooperative di tipo A) o attraverso lo svolgimento di attività diverse (industriali, agricoli, commerciali, servizi, ecc.) con la finalità dell'inserimento lavorativo di persone svantaggiate (cooperative di tipo B). La Legge considera come persona svantaggiata quella con invalidità fisica, sensoriale e psichica, la persona alcolista e tossicodipendente, gli ex degenti di ospedali psichiatrici e individui in trattamento psichiatrico. Inoltre la Legge considera portatrice di svantaggio la persona ex detenuta e condannata a misure alternative, i minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare. Le persone svantaggiate, nella Cooperativa Sociale devono costituire almeno il 30% dei lavoratori dell'impresa e, compatibilmente con il loro stato soggettivo, essere soci della cooperativa stessa. La condizione di persona svantaggiata deve risultare da documentazione proveniente dalla pubblica amministrazione, fatto salvo il diritto alla riservatezza (14). Definizione del contesto di indagine Dal punto di vista legislativo, quindi, nel contesto locale, le persone con problematiche possono essere riconducibili alle Leggi sopra riportate. Gli autori, in questo senso, non avendo a disposizione la possibilità di accedere a delle liste dove poter raccogliere i dati esclusivamente delle persone riconosciute disabili dalla Legge 104/92, hanno deciso di considerare i dati delle persone iscritte alla Legge 68/99 del CIOF della Provincia di Ancona e quindi relative al territorio geografico dei residenti dei Comuni esplicitati nelle righe precedenti. Nella considerazione che in Italia, il cittadino ha diritto a richiedere il riconoscimento o l'applicazione di una o tutte le Leggi di cui sopra, possiamo ipotizzare che i dati delle persone a cui ci si riferisce nel presente lavoro, siano relativi ad invalidi e/o disabili, iscritti nelle categorie protette della Legge 68/99, residenti nei Comuni afferenti al CIOF di Ancona. Da questo livello di osservazione quindi si ipotizza che sono escluse dai calcoli che seguiranno le persone assunte con contratto regolare e le persone assunte con la Legge 381/91 in quanto riconducibile ad uno svantaggio sociale. Concludendo, i dati, le percentuali, gli andamenti, ecc. che seguiranno, sono stati elaborati e confrontati con i seguenti criteri: -Territorio di competenza del CIOF Ancona. 6

7 -Persone iscritte alla L. 68/99 del CIOF di Ancona. -Popolazione residente nei territori di competenza del CIOF di Ancona nella classe di età anni. -Periodo compreso fra il 2003 e il

8 Dati Andamenti I calcoli effettuati e riportati nelle tabelle e nei grafici sottostanti, sono stati elaborati tenendo in considerazione le persone iscritte alla Legge 68/99 del CIOF di Ancona, i residenti nei Comuni di competenza di quest'ultimo nel periodo Nella tabella 2 viene esplicitato l'andamento delle persone iscritte nelle categorie protette della Legge 68/99, sia in valori assoluti che percentuali, confrontato con la tendenza della popolazione residente negli stessi periodi nei Comuni di competenza del CIOF di Ancona. Da quanto elaborato emerge che prendendo come base il 2003, le liste delle categorie protette della suddetta Legge si sono incrementate nell'anno 2011 del 73.11%. Tabella 2 Iscritti Legge 68/99 e residenti (16-65 anni) con base 2003 Anno Iscritti Trend Trend Popolazione Trend Trend Valori /x/ /x/ % /x/ /x/ % (1.12%) (1.07%) (1%) (0.98%) (0.90%) (0.94%) (0.87%) (0.79%) (0.67%) E' utile mettere in evidenza che questa percentuale significativamente alta, dipende da molti fattori, che verranno approfonditi nelle pagine che seguono, ma risulta importante sin da ora chiarire quando le persone perdono il diritto all'iscrizione alle liste protette previste dalla Legge 68/99. In primis, le persone perdono il diritto all'iscrizione negli elenchi, nel momento in cui non è rinnovato il verbale d'invalidità come stabilito dalla Legge, oppure quando la persona interessata accetta un rapporto di lavoro dipendente che gli permetta di avere un reddito superiore gli 8000 euro annui (4800 euro per i lavoratori autonomi). In realtà, quest'ultimo vincolo legislativo, viene vissuto dai diretti interessati come un ostacolo all'inserimento lavorativo in quanto lo stesso interseca i limiti reddituali posti dalla Legge sull'invalidità civile. Molte persone, infatti, anche in condizioni reali soddisfacenti per affrontare un lavoro adeguato, non accettano l'assunzione per evitare la sospensione della pensione d'invalidità civile come previsto dalla Legge 118/71 (15). Questo meccanismo, in base a quanto affermato dagli addetti al mestiere, contribuisce significativamente all'aumento del gruppo delle persone iscritte nelle liste protette della Legge 68/99 e risulta essere una riflessione diffusa nel novero delle persone interessate. Confrontando la serie storica degli iscritti alla Legge 68/99 e la popolazione residente negli stessi anni nella classe di età anni, notiamo delle crescite, in termini percentuali, significativamente differenti. Grafico in valori % della popolazione e de lle iscrizioni L. 68/99 (Trend 2003) ,63 73,11 48,09 53,46 41,16 30,51 35,37 18,92 0 0,48 0,48 0,61 0, 52 1,23 1,93 2,64 3, % Trend % Trend 68/99 Considerando l'anno 2003 come il "momento zero", i residenti hanno un aumento del 3.23% contro un aumento del 73.11% delle persone iscritte alle categorie protette della Legge sul Diritto al lavoro delle persone disabili. 8

9 Proiettando nel futuro questi dati, possiamo ipotizzare che fra 8 anni, cioè nel 2021, avremo un aumento delle liste di altre 707 persone, arrivando ad avere una lista di 2381 persone. Anche confrontando i dati anno per anno, sempre nel periodo indagato e con gli stessi elementi, notiamo che la percentuale rimane comunque alta. Tabella 3 Iscritti Legge 68/99 e residenti (16-65 anni) con base annua Anno Iscritti /x/ /x/ Trend % Trend Popolazione /x/ Trend % Trend Valori /x/(%) /x/ % /x/ /x/ % (1.12%) (1.07%) (1%) (0.98%) (0.90%) (0.94%) (0.87%) (0.79%) (0.67%) Nella tabella è interessante notare l'anno 2008 dove a un decremento del -0.09% (-132 persone) della popolazione residente, sia presente anche un decremento del -4.10% (-56 persone) anche nelle iscrizioni alla Legge 68/99. Questa informazione ci pone nelle condizioni di ipotizzare che gli elementi per indagare il fenomeno indagato sono in correlazione. Grafico valori % Trend iscrizioni L.68/99 e popolazione (Trend annuo) ,92 9,74 8,16 9,4 7,28 4,06 3,63 5,15 0,45 0,02 0,13 0,04 0,71 0,69 0,7 0, % Iscritti L. 68/99 % Popolazione Analizzando brevemente questi dati, emerge sin da subito la presenza di andamenti significativamente differenti fra le iscrizioni alla Legge 68/99 e la crescita della popolazione nei territori target. In questo senso sembra esserci una sorta di "ingolfamento"in uscita che è dovuto, sia a quanto affermato prima sulla decisione dei singoli di non andare a lavorare per il timore di perdere la pensione, sia perchè il momento storico di crisi economica non garantisce il lavoro per tutti e chi riesce ad ottenerlo il più delle volte è assunto a tempo determinato. L'andamento delle iscrizioni, comunque rimane in linea con il contesto italiano. Infatti in 110 Province erano iscritti alla Legge 68/99, nell anno 2008, circa persone con aumento dall anno precedente di persone (15.99%) (16). Nello stesso anno (2008) nel nostro contesto le iscrizioni sono aumentate del 9.40 %. In questo senso, possiamo affermare che il dato è positivo per l'anno 2008 ma rimangono comunque delle percentuali significativamente alte. A titolo puramente informativo, in entrambe le tabelle 2 e 3, nella colonna delle iscrizioni alla Legge 68/99, il lettore avrà sicuramente notato una percentuale fra parentesi. Il dato in questione riguarda la quota percentuale, durante il periodo indagato, delle persone iscritte alle categorie protette della Legge 68/99 sulla popolazione residente nella classe di età16-65 anni. Sempre a puro scopo illustrativo, la percentuale media della quota delle persone iscritte alla Legge 68/99 nella popolazione residente nella classe di età anni è del 0.93%. Questo dato sta a significare che mediamente il 0.93% della popolazione residente nel periodo indagato è iscritta nelle categorie protette della Legge 68/99. Concludendo, per l'anno 2008, la quota percentuale degli iscritti di tutta Italia, sul totale della popolazione nella classe di età anni è dell'1.61% (17), contro uno 0.98% del contesto locale. Anche in questo caso l'andamento del contesto locale risulta essere positivo. 9

10 Grafico della quota % degli iscritti alla L.68/99 sulla popopolazione anni 1,5 1 0,5 0,67 0,79 0,87 0,94 0,9 0,98 1 1,07 1, % Iscritti L.68/99 Attivazioni e scoperture La Legge 68/99 all'articolo 3, esplicita l'obbligo, da parte dei datori pubblici e privati, di assumere ed inserire nel proprio organico, le persone disabili e/o invalide iscritte alle liste protette. Il calcolo delle quote di riserva utili all'inserimento, vengono elaborate nella seguente misura: -7% dei contratti se il soggetto ospitante ha un comparto operativo superiore ai 50 dipendenti, -2 lavoratori iscritti alle liste protette se il datore pubblico e/o privato occupa da 36 a 50 dipendenti, -1 lavoratore iscritto alle liste protette se il datore pubblico e/o privato occupa da 15 a 35 dipendenti. Questi criteri, sono utili per determinare il numero delle quote di riserva,cioè dei ruoli messi a disposizione e riservati, da parte dei datori di lavoro pubblici e privati, per le persone iscritte alle liste della categorie protette della Legge 68/99. I soggetti ospitanti, per non incorrere in sanzioni ed ottemperare a quanto richiesto dalla Legge, all'inizio di ogni anno consegnano al CIOF di riferimento una scheda con la definizione ed il numero dei ruoli disponibili all'interno dei propri comparti lavorativi, dove poter ipotizzare l'inserimento delle persone iscritte nell'elenco. Queste ultime possono essere inserite presso i datori pubblici e privati attraverso delle modalità contrattuali che sono suddivise come da elenco che segue: -assunzione a tempo indeterminato con contratto part time o full time; -assunzione a tempo indeterminato con contratto part time o full time che prevede l estensione del periodo di prova fino ad un massimo di 6 mesi prorogabili di altri 6; -assunzione con contratto a termine part time o full time; -apprendistato; -contratto di formazione part time o full time; -tirocinio finalizzato all assunzione per un massimo di 12 mesi rinnovabili di altri 12. Questo elenco, tratto dal modello di convenzione delle aziende private del CIOF di Ancona, le possiamo definire per semplicità attivazioni, intendendo le stesse come tutte quelle modalità o strumenti che sono utili per inserire una persona invalida e/o disabile nel mercato del lavoro come previsto dalla Legge 68/99. Ai fini della stesura del presente Report, ma soprattutto per effettuare i confronti e comprendere il fenomeno degli inserimenti lavorativi nel contesto locale, è utile dividere tutte queste modalità in due gruppi, che per linearità definiremo contratti e tirocini. Il criterio sostanziale attraverso il quale è stata effettuata la divisione consta nel fatto che i contratti sono economicamente a carico del soggetto ospitante, invece i tirocini sono finalizzati all'assunzione e nella maggior parte dei casi sono svolti gratuitamente dalla persona coinvolta. In alcune situazioni i tirocini vengono riconosciuti alle persone invalide e/o disabili attraverso un rimborso spesa elargito dal soggetto ospitante, ma comunque gli stessi non possono essere considerati come contratti di lavoro stipendiati. Questa differenziazione ci è stata utile per comprendere sul totale delle attivazioni, quante sono arrivate a contratto e quante invece sono rimaste a tirocinio gratuito. A titolo informativo si comunica che il tirocinio finalizzato all'assunzione copre a tutti gli effetti la scopertura delle quote di riserva. Nella tabella 4 che segue, vengono riportate tutte le attivazioni e tutti i ruoli disponibili del CIOF di Ancona, nel periodo

11 Tabella 4 iscritti, scoperture/ruoli disponibili, attivazioni Legge 68/99 Anno Iscritti Scoperture/ruoli Attivazioni Differenza Valori /x/ % /x/ % /x/ % /x/ % N.P N.P N.P N.P N.P N.P Mediamente, ogni anno ci sono a disposizione per l'inserimento lavorativo delle persone invalide e/o disabili iscritte nelle categorie protette della Legge in oggetto 676 postazioni e ne vengono fruiti mediamente 169. Da questa logica si evince che mediamente ogni anno non vengono ricoperti e quindi non usufruiti 507 ruoli lavorativi riservati alle categorie protette. Il grafico di confronto che segue mette in evidenza le differenze, in valori assoluti, registrate annualmente. G rafico in valori /X/ delle scoperture (ruoli disp onibili) e delle attivazioni L.68/ / X/ Scopertu re L.68/99 /X/ Attivazioni L.68/ 99 /X/ Diff erenza I dati contenuti nella tabella 4 e nel grafico sopra riportato evidenziano una distanza significativa fra le scoperture (ruoli disponibili) e le attivazioni (persone avviate al lavoro). Prima di analizzare questa correlazione, occorre però fornire alcuni criteri interpretativi dei suddetti grafici, per una lettura degli stessi. In questo senso quindi, è bene evidenziare alcune indicazioni messe in luce dagli operatori che si occupano della Legge 68/99 durante la raccolta dati a proposito del numero delle persone iscritte e dei ruoli disponibili previsti, da tenere in considerazione durante la lettura dei dati complessivi forniti dall'ufficio 68/99 competente. Un primo aspetto da considerare è quello attinente al fatto che l'incrocio fra la domanda e l'offerta di lavoro è regolato da convenzioni di programma, stipulate fra l'ente pubblico gestore dell'incrocio e l'azienda scoperta alla legge, dove è previsto un frazionamento del numero degli inserimenti su base pluriennale da rispettare. In questo senso quindi, i dati forniti dagli Uffici, che nelle tabelle sopra riportate sono stati elaborati annualmente, andrebbero rivisitati anno per anno di tutte quelle aziende (con ovvie conseguenze sul numero dei ruoli scoperti) che, in conformità con la Legge 68/99, hanno chiesto e ottenuto un esonero, una compensazione, una sospensione relativamente all'obbligo di assunzione. Un secondo aspetto da evidenziare consiste nel fatto che, nel novero degli iscritti alle categorie protette della Legge 68/99, solo una quota di persone ha dato la disponibilità agli Uffici competenti all'inserimento lavorativo presso il settore privato. Le restanti persone disabili iscritte, che hanno formalmente manifestato, attraverso la firma di una dichiarazione, l'interesse a essere inserite solo nel settore del lavoro pubblico, non rilevano nel dato afferente l'incrocio fra la domanda e l'offerta, relativo al lavoro privato. Per i soggetti che hanno manifestato solo l'interesse al settore pubblico, l'effettivo avviamento al lavoro è peraltro condizionato dai limiti che la legge impone a tutte le Pubbliche Amministrazioni in termini di rispetto del patto di stabilità nonchè dall'attivazione di procedure concorsuali di reclutamento. Evidenziato tutto ciò, il paradosso che emerge, fatte salve altre non trascurabili variabili fra cui il momento di crisi economica che ha portato molti soggetti ospitanti nella condizione di esonerarsi dalla 11

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 0 1 1 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

LE ADOZIONI LAVORATIVE

LE ADOZIONI LAVORATIVE LE ADOZIONI LAVORATIVE Il lavoro acquista sempre più rilievo nella vita dell uomo fino a diventarne l essenza stessa. L identità personale passa attraverso il ruolo che il singolo ha rispetto al contesto

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 21.01.2015 ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE Per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate dal 1

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

AREA PORTATORI HANDICAP

AREA PORTATORI HANDICAP AREA PORTATORI HANDICAP PREMESSA La Legge 104/92 all art. 3 comma 2 recita: E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 1 dicembre 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Linee d'indirizzo per la realizzazione di appalti pubblici che facilitino inserimenti lavorativi delle persone in condizione di svantaggio

Linee d'indirizzo per la realizzazione di appalti pubblici che facilitino inserimenti lavorativi delle persone in condizione di svantaggio Linee d'indirizzo per la realizzazione di appalti pubblici che facilitino inserimenti lavorativi delle persone in condizione di svantaggio Premessa La condizione di fragilità occupazionale riguarda fasce

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE

CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE FONDAZIONE UNIVERSITARIA MARCO BIAGI UNIVERSITA DI MODENA E REGGIO EMILIA e DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE. AUSL MODENA. 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Le Cooperative Sociali di tipo B

Le Cooperative Sociali di tipo B Le Cooperative Sociali di tipo B Modalità di collaborazione tra Cooperative B e aziende attraverso la L. 68/99 e la normativa vigente Marta Spadafora - Valentina Tacconi 12 Aprile 2012 1 PIANO LIFT E PROGETTO

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili. Roma, 28 marzo 2012. Modello di Servizio per il Collocamento Mirato La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili Roma, 28 marzo 2012 Modello di Servizio per il Collocamento Mirato Finalità del Collocamento mirato Promozione di politiche attive per accrescere

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Provincia di Roma Dipartimento III - Servizio I Politiche del Lavoro e Servizi per l Impiego - SILD e Dipartimenti di Salute Mentale della ASL della Provincia di Roma e Associazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Descrizione del progetto

Descrizione del progetto Descrizione del progetto Motivazione intervento/rilevazione fabbisogni: Il progetto si rivolge all'area delle "nuove disuguaglianze". Gli anni '90 sono stati contrassegnati da processi sociali, economici

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

Una valutazione dei modelli in uso nei DSM nell inserimento lavorativo dell utenza.

Una valutazione dei modelli in uso nei DSM nell inserimento lavorativo dell utenza. Una valutazione dei modelli in uso nei DSM nell inserimento lavorativo dell utenza. Ricerca sull inserimento lavorativo in Italia: analisi qualitativa R. Bracco, R. Colapietro, R. Mezzina, P. Ridente,

Dettagli

Imprese e cooperative sociali in Italia. Il quadro normativo

Imprese e cooperative sociali in Italia. Il quadro normativo Imprese e cooperative sociali in Italia. Il quadro normativo La legislazione italiana in materia di impresa sociale e di inserimento lavorativo delle persone svantaggiate è quanto mai stratificata e complessa.

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei sistemi produttivi [ ] B: ambiente

Dettagli

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili.

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili. L.R. 21 luglio 2003, n. 19 (1). Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili. Modifiche all'articolo 28 della legge regionale 7 agosto 1998, n. 38 (Organizzazione delle funzioni regionali e locali

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO 1 INDICE Art.1 Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 Strumenti

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

Condizioni e criticità di un progetto di integrazione lavorativa

Condizioni e criticità di un progetto di integrazione lavorativa Patrizia Sartori SIL Azienda Ulss 16 - Padova Condizioni e criticità di un progetto di integrazione lavorativa Padova, 15 novembre 2007 Workshop di progettazione sul tema Avviamento al lavoro o benefici

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI

COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI a cura della COMMISSIONE LAVORO dell UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI DI COSENZA (Carmen Gigliotti, Piero Maccarrone, Luigi Sposato, Sandra Veneziano, Emanuela

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO IN PROVINCIA DI TRIESTE ANNO 2013 Persone in borsa lavoro, soggetti attuatori, tipologie degli strumenti Provincia di Trieste Area Servizi al Cittadino

Dettagli

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Lo stage è un esperienza di durata variabile in un azienda con l obiettivo di formare il lavoratore all attività per cui è

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Progetti di Inclusione sociale e Inserimento lavorativo Sambuca di Sicilia (AG) 23 Marzo 2012 Presentazione Politiche e servizi

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea La cooperazione sociale in Italia Brevi spunti per farsi venire qualche idea Le coop sociali queste sconosciute 1. Quali e quante sono (3-4) 2. La cooperativa in quanto tale (5-11) 3. Che cosa prevede

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

PROGETTO LIBERI DENTRO

PROGETTO LIBERI DENTRO PROGETTO LIBERI DENTRO Premessa Nel corso di questi ultimi anni, il profondo cambiamento dell utenza che afferisce ai servizi, ha spinto le comunità ha modificare in modo profondo le proprie strategie

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 31.03.2015 A cura di Saverio Nicco MICROCREDITO: ISTRUZIONI PER L USO In attesa che il Mise dirami disposizioni operative e modulistica,

Dettagli