progetto axé italia Roma, 12 dicembre 2013 Oggetto: Relazione sul Progetto Adotta un Educatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "progetto axé italia Roma, 12 dicembre 2013 Oggetto: Relazione sul Progetto Adotta un Educatore"

Transcript

1 Oggetto: Relazione sul Progetto Adotta un Educatore Roma, 12 dicembre 2013 In 23 anni di attività Projeto Axé è diventato un punto di riferimento per le fasce più svantaggiate e vulnerabili di Salvador, in particolare per i bambini e giovani in condizioni di miseria che vivono abbandonati sulle strade e sono privi dei loro diritti fondamentali. Nella strada e in altre situazioni di miseria, i bambini si sono abituati a non sperare, a vivere senza un futuro; per questo Projeto Axé, da 23 anni, dà loro un motivo per vivere di nuovo: grazie al grande potere dell arte insegna ai giovani a desiderare. I bambini, che sulla strada non avevano nulla da perdere, scoprono l'arte e la bellezza, e imparano a sognare di nuovo... Il recupero avviene dunque attraverso l ArtEducazione, che si esplica nelle attività svolte nelle 2 Unità/edifici di Accoglienza dell Axé (nel Pelourinho e in Baixa do Sapateiros), ovvero nelle attività centrate sulla musica, la danza, la capoeira, le arti visuali, la moda ed i tessuti. L Arte è una potente scelta pedagogica per lavorare con i giovani in difficoltà: l arte è di per sé educazione, e non rappresenta solo un mezzo per educare. Axé preferisce allora definirla ArtEducazione : una parola unica, senza trattino tra arte e educazione. Si tratta di un approccio originale che considera l arte non come mero intrattenimento o come terapia 1 bensì come qualcosa di più globale: come una vera e propria educazione. Oggi non c è nessuno che non riconosca che il processo educativo senza la partecipazione dell Arte è praticamente sterile, anche perché esclude la dimensione indispensabile del PIACERE. Una scuola che non genera nell alunno un movimento interiore di piacere, è una scuola che non produce conoscenza, ma soltanto nozionismo. Quando invece il sapere viene insieme all estetica, alla bellezza, in definitiva al piacere, il bambino allora apre le sue finestre sull universo. Solo l Arte ha questa capacità reale e misteriosa di spalancare le vetrate sugli immensi orizzonti dell universo. E così che tutti i linguaggi artistici (musica, danza, capoeira, arti visive, creazioni di moda, ) sono generatori al tempo stesso di conoscenza, di educazione e di piacere spirituale. L obiettivo di Axé non è ovviamente quello di formare milioni di artisti, bensì di fare di migliaia di bambini dei cittadini sensibili, consapevoli della loro missione nella costruzione di un mondo più giusto e accettabile, attraverso un processo educativo che, invece di far loro piangere di rabbia e di rigetto, li fa sorridere per la gioia e il piacere. La strategia educativa di Projeto Axé mira dunque alla trasformazione della storia personale di ciascun bambino e ragazzo socialmente escluso e basa i propri principi nell ETICA DEI DIRITTI UMANI, nell ESTETICA, nell ARTE e nella CULTURA; secondo questi principi, le azioni portate avanti nell ambito di questo progetto sono state rivolte alle fasce di popolazione meno abbienti e più vulnerabili, ossia quei bambini e quei ragazzi che vedono quotidianamente negati i loro 1 Anche perché i giovani emarginati ed esclusi non sono dei malati.

2 diritti; quell infanzia a cui viene impedito lo sviluppo delle potenzialità biologiche, psichiche, sociali, culturali o spirituali caratteristiche di ogni essere umano. Ci sono infatti bambini e ragazzi che non hanno nulla da perdere, che non sognano e desiderano come invece sarebbe loro diritto sognare è un diritto dell infanzia. Dove sono i diritti di questi ragazzi emarginati, violati, abusati? Come riportare alla vita questi bimbi? Solo un educatore appassionato può ridare dignità a questi bimbi. E può farlo solo attraverso l arte. così come può farlo solo se è un educatore competente: il lavoro di educatore non si può portare avanti con la sola buona volontà, servono competenza e serve formazione. Il lavoratore ha il diritto fondamentale alla formazione. E i bambini hanno il diritto fondamentale ad essere educati da professionisti competenti: solo professionisti qualificati sono la garanzia per un'azione di integrazione sociale e di educazione di qualità rivolta a chi non ha nulla o ha comunque meno di altri. Il presente progetto ha dunque finanziato nel 2013 il lavoro di 10 di questi professionisti, che si sono dedicati a circa 30 bambini e ragazzi ciascuno, e ciò grazie al prezioso contributo: - derivante dalla raccolta fondi pervenuti tramite sms nella campagna dal 19 marzo all 8 aprile 2012 ( , di cui utilizzati per il pagamento degli stipendi di tali 10 educatori in Brasile e utilizzati in Italia vedi relazioni raccolta fondi 2012 pubblicata sul sito - della Spett.le Tavola Valdese, Ufficio OPM ( ) - dello Stato di Bahia (Brasile) In particolare, con i fondi raccolti con la campagna di SMS solidale e con i finanziamenti della Tavola Valdese e dello Stato di Bahia, l Axé è riuscito a stipendiare le attività dei seguenti 10 educatori: ANTONIO LOPES: educatore di strada CAMILA MENDES: educatrice di strada EDENILDES DOS SANTOS CRUZ: educatrice di strada CARMELIA SAMPAIO: educatrice settore famiglia FABIO BASTOS: educatore arti visive Stampaxé HOSANA LUCIANA VALADARES REIS: educatrice gruppo infantile (8-12 anni) LEOMAR DOS SANTOS DE OLIVEIRA: educatore di strada JOSEMEIRE DE JESUS: educatrice Modaxé MONIQUE SANTOS GONÇALVES: educatrice di Danza ROBSON RICARDO SILVA DA CONCEIÇÃO: educatore di strada Mentre la Spett.le Tavola Valdese OPM ha contribuito a rendere possibile il lavoro dei 10 educatori per i mesi di aprile, maggio, giugno, agosto e parte di settembre, grazie al supporto finanziario del Governo dello Stato di Bahia e di centinaia di privati italiani (che hanno inviato il loro aiuto tramite sms nel 2012) si è potuto finanziare il lavoro dei 10 educatori per tutto l anno 2013, potendo pertanto garantire ai bimbi e giovani accolti da Projeto Axé un anno pieno di 2

3 attenzione ed educazione, sia sulle strade ( educacao de rua ) che nei due centri di accoglienza dell Axé. L Educazione di Strada Nei primi anni dell Axé, gli interventi avvenivano solo in strada. Gli educadores de rua ( educatori di strada ) lavoravano direttamente nelle aree dove esisteva una maggior concentrazione di meninos de rua ( bambini di strada ) e li aveva inizio l intervento pedagogico. Col tempo, l esperienza della strada e l incontro con i bambini portò alla necessità di creare spazi fissi che potessero complementare l azione pedagogica degli educatori di strada: nacquero così 2 Unità (Centri) di Accoglienza, quella Educativa del Pelourinho, dove si studia musica, arti visuali, moda e tessuti, e la Scuola di Danza e Capoeira di Baixa dos Zapateiros. Attraverso queste 2 Unità, l Axé ha accolto fino ad oggi oltre ragazzi, vittime dell esclusione sociale. Il primo grande passo di ogni intervento dell Axé resta comunque quello sulla strada: l incontro col bambino e la capacità di interagire e dialogare con lui (e con la sua famiglia). Nel 2012, ben 1092 bambini e giovani sono venuti a contatto con gli educatori di strada dell Axé (49% da gennaio a maggio e 51% da giugno a dicembre). Nel 2013 continua l accoglienza di numerosi ragazzi da parte del dipartimento di Educazione di Strada (ad esempio, nel mese di maggio sono stati 923 quelli registrati, dei quali 300 sono saliti e hanno partecipato alle attività arteducative tenute sull Unità mobile AxéBuzu 2 ). La proposta del dipartimento Educazione di Strada dell Axé consiste nell approccio, accoglienza e incamminamento di bambini e adolescenti a rischio che vivono nelle strade di Salvador in condizioni di esclusione sociale. L obiettivo è quello di creare condizioni efficaci che facilitino il processo di reinclusione e di accesso all educazione, alla cultura e ai diritti di base attraverso la partecipazione dei minori ai laboratori di arte- educazione dell Axè (ad esempio, nel mese di maggio, 4 dei 923 ragazzini sono stati indirizzati verso l Unità Axé di Danza & Capoeria, mentre 2 sono stati indirizzati verso l Unità Axé del Pelourinho). Nel 2013 l Educazione di Strada ha realizzato le sue attività attraverso 11 educatori ed un educatore- gerente in 8 aree urbane della città di Salvador: Piedade, Barra I e II, Calçada I e II, Comercio I e II, Centro Storico. La metodologia dell azione si compone sempre da 3 fasi: Corteggiamento pedagogico, innamoramento pedagogico e intimità pedagogica. I processi che emergono da queste tappe è ciò che trasforma i bambini, gli adolescenti e i giovani a rischio sociale, in educandi con un enorme chance di superamento di questa condizione nella società e nella vita. Le attività arteducative 1. laboratori musicali Il progetto Adotta un Educatore ha sviluppato le attività pedagogiche, Arte- Educative e di professionalizzazione con adolescenti e giovani tra gli 8 e i 25 anni, con l obiettivo di facilitare il processo educativo degli educandi ed offrire loro un educazione musicale di qualità che 2 L AxéBuzu è un pullman colorato e dipinto come un pagliaccio, pieno di libri, pennelli e colori, video, etc. una ludoteca mobile a disposizione dei bambini e ragazzi di strada di salvador. 3

4 contribuisca alla loro formazione di cittadino. 116 sono stati i ragazzi accolti nel 2012 dagli educatori di musica, che anche quest anno si stanno dedicando ad un numero simile di educandi (a maggio 2013, erano 138 gli iscritti ai laboratori musicali). Gli educandi dell Axé rappresentano la parte più drammaticamente povera della piramide sociale brasiliana. La loro condizione sociale li esclude dai benefici della società e dall accesso a un educazione di qualità, provocando in loro l idea della sconfitta e una forte demotivazione a frequentare la scuola. Questa realtà rende ancora più importante e urgente l intervento di Projeto Axé e la sua idea di un educazione migliore per i più poveri. L universo a cui si rivolge l Axé conosce una violenza reale e simbolica di un Brasile che priva storicamente le classi subalterne dei loro diritti fondamentali. L aggravamento progressivo di questa violenza colloca Salvador al primo posto nella scala delle capitali più violente del paese (relativamente al numero di abitanti). La gravità di questa situazione si riflette sulla vita degli educandi dell Axé e sulle loro famiglie. Questa realtà di povertà e criminalità viene fronteggiata dall Axé anche attraverso la musica: la scelta della musica come strumento di recupero per i ragazzi è infatti motivata non solo dal grande potere della musica come aggregante della gioventù ma soprattutto come attività capace di grandi risultati di diminuzione della violenza, in quanto la musica stimola l aggregazione e la socializzazione dei ragazzi in modo pacifico. Attraverso la musica, si lavora affinché i ragazzi comprendano i concetti d impegno e di appartenenza ad un gruppo, che rafforzino i valori di solidarietà e responsabilità, e soprattutto che acquistino consapevolezza rispetto ai pericoli delle droghe e della violenza. Lo sviluppo del talento musicale non è quindi l obiettivo principale del progetto: il suo obiettivo è piuttosto lo sviluppo sociale e umano attraverso l educazione musicale, infondendo ai bambini e ai ragazzi nozioni come responsabilità, impegno, sacrificio, rispetto e pace. Il programma mira a che tali qualità si diffondano a tutti gli altri aspetti della loro vita, incluso l impegno scolastico. I ragazzi entrano nell Axé generalmente attraverso gli educatori di strada o presentandosi spontaneamente alle Unità. La scelta della disciplina da seguire avviene dopo una visita a tutte le Unità di Accoglienza e agli ambienti di produzione, in modo da poter scegliere l attività in cui più s identificano. Le attività arteducative 2. laboratori di arti visuali, moda e stampa Il dipartimento di Arti, Moda e Tessuti ha realizzato attività pedagogiche di Arte- Educazione e di professionalizzazione con l obiettivo di minimizzare i meccanismi che rendono inaccessibile l educazione dei ragazzi di strada e di quelli più poveri, offrendo loro una educazione alternativa di qualità e a tempo integrale (considerando che l Axé educa i giovani per metà della giornata e per l altra metà li accompagna alla scuola pubblica), consolidando il ruolo dell arte nell educazione e più specificamente delle arti visuali, della moda e della stampa. L intenzione di queste attività è stata quella di formare persone coscienti, ben strutturate e consapevoli dei valori e del significato del significato di cittadinanza. Seguendo il suo principio/credo La migliore educazione per i più poveri, l Axé con i suoi laboratori di Arti Visuali, Moda e Stampa utilizza le attività Arte- Educative come modello artistico- pedagogico per rendere possibile agli educandi la comprensione della propria posizione 4

5 nel mondo e la coscienza delle forme di sfruttamento alle quali si espongono. Le attività seguono percorsi specifici, basati sull esperienza più generale delle arti visuali che, nel caso della Stampa, passano attraverso lo studio della composizione dei tessuti, della loro proiezione tridimensionale e delle tecniche ad essi applicabili. Nel caso della Moda, questa attività è sviluppata all interno di un nucleo pedagogico iniziale fino ad arrivare ad una sua elaborazione professionale, pensata in modo da rappresentare una strategia di sostenibilità del progetto. I giovani che scelgono questa attività a livello professionale avranno infatti la possibilità di creare una linea indipendente di prodotti o di aprire un franchising di ModAxé 3. La realizzazione di tale obiettivo dipenderà dalla capacità di coordinare le varie fasi di creazione, produzione e commercializzazione del prodotto, preparandosi ad affrontare un mercato come quello del turismo, in grande crescita a Salvador. Questo progetto, come ogni azione Arte- Educativa, ha il merito di sviluppare negli educandi degli strumenti attivi di lettura, di creazione e di formazione individuale e collettiva che stimoli una crescita cosciente, responsabile e partecipativa rendendo visibili i risultati socio- educativi. Nel 2012, i ragazzini accolti dal dipartimento di Arti Visuali, Moda e Tessuti sono stati 136: di cui 60 nella sperimentazione visuale (90% maschi), 27 nei tessuti (89% maschi) e 49 nella moda (95% femmine). Quest anno la partecipazione sembra in aumento, ad es. nel mese di maggio gli iscritti ai laboratori di arti visuali erano 71, a quelli di tessuti 30, e a quelli di moda 53 (totale 154). Le attività arteducative 3. laboratori di danza e capoeria Il Progetto proposto ha realizzato attività pedagogiche di arte- educazione e di professionalizzazione in danza e capoeira con oltre 100 giovani (nel 2012 sono stati 102 i ragazzi accolti, mentre a maggio 2013 gli iscritti risultavano 138), con l obiettivo di formare persone coscienti, ben strutturate e consapevoli dei valori e del significato dell essere Cittadini. Infatti, investire nei bambini e nei giovani usando l arte come strumento di educazione può portare alla formazione di capoeiristi, ballerini e musicisti che, oltre ad apprendere una professione valida nel mercato del turismo culturale e dello spettacolo, potranno incontrare in queste attività un modo di riconoscersi nella propria cultura di origine. Il modo in cui queste attività stimolano l autostima degli educandi, potrà portarli a desiderare un maggiore impegno a scuola, per colmare le lacune accumulate nel tempo. Investire in questi giovani significa quindi investire nella costruzione di una nuova generazione alla quale viene finalmente data la possibilità di un futuro migliore, in cui la passione, l autostima e lo studio possano prendere il posto della brutalità della violenza a cui questi giovani sono abituati. L idea è quella di realizzare un lavoro corporale, facendo interagire queste attività con la scuola e con altre iniziative dell Axé nel tentativo di costruire un possibile progetto di vita legato a queste attività artistiche. I laboratori di danza e di capoeira agiscono come elementi di stimolo di un processo educativo che contribuisce all inserimento di questi giovani nella loro comunità. Ciò avviene di forma consapevole e finalmente dignitosa. 3 L Axé ha inaugurato un negozio monomarca (ModAxé) nel centro storico di Salvador, nel Pelourinho, dove si vendono al pubblico i capi di abbigliamento e gli accessori disegnati nel laboratorio Axé (e confezionati da terzisti esterni, spesso giovani che hanno terminato il corso di studi all Axé) 5

6 Da sempre l arte e la cultura si sono dimostrati efficaci mezzi di rintegrazione dell uomo, e nel nostro caso viene confermato il loro grande potere: l esperienza collettiva di lavoro e di apprendimento diventa la base di una nuova forma di inserimento sociale e familiare che per gli educandi significa una nuovo sguardo verso la vita. Le attività con le famiglie Gli educatori dell Axé che lavorano nel dipartimento Famiglie e Comunità hanno l obiettivo di sviluppare attività socioeducative e culturali con le famiglie degli educandi (circa 320 nel 2013), in modo da contribuire al rafforzamento dei rapporti familiari e rendere così effettivo il diritto previsto dal Piano Nazionale di Protezione e Difesa dei diritti dell Infanzia e dell Adolescenza e della Convivenza Familiare e Comunitaria. All Axé la partecipazione della famiglia rappresenta una componente essenziale dell intero percorso educativo, pertanto si sviluppa un grosso lavoro con le famiglie, finalizzato a ricostruire, reintegrare e fortificare i vincoli affettivi. Tale lavoro prevede: - Visite al domicilio della famiglia : le visite sono realizzate dall educatore Axé e sono parte integrante del processo di accompagnamento familiare, il quale vuole garantire una costruttiva partecipazione delle famiglie alla vita degli educandi; spesso, sono anche dettate dalla necessità di aiutare la famiglia a risolvere specifiche difficoltà. - Riunioni collettive con la famiglia degli educandi: sono riunioni realizzate sistematicamente con le famiglie degli educandi con il duplice obiettivo sia di informare i familiari rispetto al percorso di crescita degli educandi, sia di educare le famiglie stesse (ad es. discussioni di tematiche importanti quali la violenza familiare, la disoccupazione, il diritto ai sussidi, i diritti dei bambini, l educazione scolastica etc.). E importante lavorare con le famiglie perché la famiglia, indipendentemente dalla sua condizione sociale, può rappresentare un luogo di affettività e sicurezza ma anche di paura, incertezza, violenza e rifiuto. D altra parte, la situazione delle famiglie riflette i problemi sociali e spesso subisce gli effetti del non rispetto dei suoi diritti, dello sfruttamento, delle barriere economiche, sociali e culturali che gli sono imposte e che impediscono lo sviluppo armonioso dell insieme dei suoi componenti. Per questo motivo, conoscere le sue difficoltà e la natura dei suoi desideri e delle sue speranze aiuta a conoscere meglio i nostri educandi. Queste informazioni diventano infatti preziose per la valutazione dell esito delle nostre azioni e per identificare e costruire proposte che si adeguino alle realtà vissute dagli educandi in casa. Conoscere le famiglie, ci aiuta a capire i nostri limiti e a costruire un rapporto e un dialogo educativo in cui l ascolto delle parti possa creare una complicità che aiuterà profondamente il nostro lavoro. Ringraziamenti Restiamo ovviamente a disposizione per ogni eventuale chiarimento e ulteriore informazione, e approfittiamo per ringraziare infinitamente, una volta di più, tutti gli italiani che hanno inviato il loro contributo tramite sms solidale dal 19/3 al 8/4 del 2012, le compagnie telefoniche che hanno 6

7 permesso la realizzazione di tale campagna (Coopvoce, Fastweb, Postemobile, Telecom Italia, Teletu, Tim, Tiscali, Vodafone e Wind), le reti Mediaset e LA7 e le numerose riviste e quotidiani che hanno donato spazi gratuiti per la messa in onda e/o pubblicazione della campagna di SMS solidale, la Tavola Valdese Ufficio 8x1000, lo stato di Bahia: a tutti Voi grazie per la fiducia e il prezioso supporto, GRAZIE DI CUORE da tutti i grandi e i piccini di Progetto Axé!! Roberta Giassetti Responsabile esecutivo Associazione Progetto Axé Italia Onlus 7

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 10/11

Riassunto delle ammissioni programma talenti SMS anno scolastico 10/11 Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 0/ Classi di prima Richiesta di documentazione all'uefs 75 Domande accettate secondo i criteri previsti 5 68.0% artisti 9 ( 8 musica,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli