SISTEMA FONOLOGICO DELL INGLESE MEDIO VOCALISMO. Anteriori Posteriori Anteriori Misti Posteriori. Medi /ei/ /eu/ /oi/ /ou/ CONSONANTISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA FONOLOGICO DELL INGLESE MEDIO VOCALISMO. Anteriori Posteriori Anteriori Misti Posteriori. Medi /ei/ /eu/ /oi/ /ou/ CONSONANTISMO"

Transcript

1 SISTEMA FONOLOGICO DELL INGLESE MEDIO Data la forte frammentazione dialettale e la mancanza, fino a tarda epoca, di una norma ortografica comune, è impossibile rappresentare in maniera compiuta e coerente il sistema fonologico, nonché ortografico, dell inglese medio. Nelle tabelle seguenti si cerca di tener conto, nei limiti del possibile, delle caratteristiche fonologiche e ortografiche prevalenti nell intero periodo medio-inglese (XII-XV sec.), rinunciando a rappresentare le varianti dialettali più rare e periferiche. VOCALISMO VOCALI DITTONGHI Anteriori Posteriori Anteriori Misti Posteriori Alte /i/ /ī/ /u/ /ū/ Alti /iu/ /ui/ Medioalte Mediobasse /e/ /ē/ /o/ /ō/ / / / / Medi /ei/ /eu/ /oi/ /ou/ Basse /a/ /ā/ Bassi /ai/ /au/ N.B. Nei dialetti sud-occidentali sono presenti anche vocali anteriori arrotondate, sia brevi che lunghe (alte: /y/ / / edi -alte: /ø/ / /), che negli altri dialetti hanno perso il tratto della rotondità. La loro rappresentazione grafica è molto variabile. Es.: fu(i)r [fy:r] = fir [fi:r] fuoco, eorþe [ørðə] = erþe [erðə] terra etc. CONSONANTISMO Occlusive (+ affricate) Labiali (+ labiodentali) Dentali Alveolari Palatali (+ palatoalveolari) Velari (+ glottidali) /p/ /b/ /t/ /d/ /č/ /ǧ/ /k/ /g/ Fricative /f/ /v/ 1 /θ/ /ð/ 1 /s/ /z/ 1 /š/ /h/ Liquide /l/ /r/ Nasali /m/ /n/ Semivocali /w/ /j/ 1 L pp sizi ne sorda/sonora nella serie delle fricative è solidamente attestata solo per le labiodentali (/f/ /v/; es.: fin [fi:n] fine, elegante vs. vine [vi:n(ə)] vigna ); per le dentali (/θ/ /ð/) e le alveolari (/s/ /z/) la sua esistenza è rilevabile solo indirettamente (sorde e sonore, per queste due serie, non vengono differenziate nella 1/5

2 scrittura), soprattutt attravers la pr nuncia dell inglese dern (es.: þis [ðis] quest vs. is [iz] è ), e dunque si tratta in pratica di allofoni (varianti combinatorie) di uno stesso fonema. N.B. Anche se nella scrittura n n è infrequente l us di c ns nanti d ppie (denotanti reali consonanti geminate), la loro presenza è, nella maggior parte dei casi, legata al contesto fonetico e quindi non è rilevante dal punto di vista fonematico: una consonante doppia, infatti, può comparire soltanto dopo vocale breve (es.: făllen, rĕnnen, sĭtten etc.), mentre dopo vocale lunga si può avere solo una consonante semplice (kēpen, mīn, nāme etc.). RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI FONEMI VOCALICI Fonemi (+ allofoni) /i/ 1 /ī/ /e/ 1 [e] [ə] 2 /ē/ Grafemi i, y i, y e e, ee / / e, ea, ee 2/5 Esempi in [in] in, winnen [winnən] ttenere, bodi [ˈb di] c rp citee ~ cytee [ˈsite:] città idel [i:dəl] vu t, min [mi:n] mio, finden [fi:ndən] tr vare ile ~ yle [i:l(ə)] is la erþe [erð(ə)] terra, tellen [tellən] narrare, men [men] uomini drinken [drinkən] bere, time [ti:m(ə)] tempo ere [e:r(ə)] recchi, felen [fe:lən] sentire, we [we:] n i feet ~ fet [fe:t] piedi, beutee ~ beute [ˈbeute:] bellezza eten [ε:tən] angiare gret [grε:t] grande se ~ sea ~ see [sε:] are /a/ a atter [attər] velen, fallen [fallən] cadere, man [man] uomo /ā/ a /u/ 1 u, v, ou, o /ū/ u, v ou, ow aken [a:kən] d lere, taken [ta:kən] prendere, name [na:m(ə)] n e up ~ vp [up] su, ful ~ fvl [ful] pien emperour [ˈe perur] i perat re, commoun [ˈkommun] comen ~ cumen [kumən] venire ure ~ vre ~ oure [u:r(ə)] n str, hus ~ hvs ~ hous [hu:s] casa, þu ~ þv ~ þou [ðu:] tu, stunde ~ stvnde [stu:nd(ə)] te p tun ~ toun ~ town [tu:n] fatt ria /o/ 1 o oft [oft] spess, fox [foks] v lpe, God [ɡ d] Di /ō/ o, oo oðer [o:ðər] altr, gos ~ goos [ɡ :s] ca, to [t :] a / / o, oo, oa /ei/ 3 /ai/ 3 ei, ey ai, ay so [s :] c sì, non [n :n] nessuno, old [ :ld] vecchi ok ~ ook [ :k] quercia, lore ~ loare [l : r(ə)] d tttrina þei [ðei] essi, seien [seiən] dire wei ~ wey [wei] via faier [faiər] bell, dai [dai] gi rn trauail ~ trauayl [ˈtravail] fatica, viaggi /iu/ 4 iw, iu triwe ~ triue [triu(ə)] fedeltà, riwle ~ riule [riul(ə)] reg la /eu/ 4 ew, eu ewe [eu(ə)] pec ra, newe [neu(ə)] nu v fewe ~ feue [feu(ə)] p chi

3 /ui/ 5 oi, ui uil ~ oil [uil] li, puint ~ point [puint] punt /oi/ 5 oi, oy coin [koin] neta, ioie [ʤoi(ə)] gi ia roialme ~ royalme [ˈroialm] regno /ou/ 6 ow growen [grouən] crescere, rowe [rou(ə)] fila /au/ 6 au, aw auk [auk] sinistr cause [kauz(ə)] causa sawle [saul(ə)] ani a, straw [strau] paglia 1 È assai probabile che le vocali brevi avessero, c e nell inglese dern, un artic lazi ne più rilassata, e quindi una pr nuncia più aperta, delle corrispondenti vocali lunghe, cioè: /i/ = [ɪ], /e/ = [ε], /u/ = [ʊ], /o/ = [ ] (es.: winnen [wɪnnən], erþe [εrðə], ful [fʊl], fox [f ks] etc.). Tuttavia qui, per semplicità, usiamo la stessa notazione sia per le vocali brevi che per quelle lunghe. 2 In posizione post-tonica il fonema /e/ assume un valore indistinto, [ə], e, specialmente in fine di parola, tende a scomparire del tutto. Quest ulti fen en è indicat, nella trascrizione fonetica degli esempi, ponendo [ə] tra parentesi tonde; es.: time [ti:m(ə)] = [ti:mə] > [ti: ] te p. 3 I dittonghi /ei/ e /ai/, foneticamente molto vicini (/ai/ doveva avere un valore prossimo a [æi]), vengono spesso confusi nella scrittura. Possiamo così trovare, anche in uno stesso testo, sia dai che dei per gi rn, sia seien che saien per dire etc. Nell inglese moderno confluiranno entrambi in [ei] (ai, ay) 4 I dittonghi /iu/ e /eu/ tendono ad essere confusi nella scrittura. Possiamo così avere riule e reule per regola, newe e niwe per nuovo etc. Nell inglese dern c nfluirann entra bi in [ju:] (ew). 5 Il dittongo /ui/ tende ad essere confuso, nella pronuncia come nella scrittura, con il dittongo /oi/ (si vedano, per quest ulti, gli ese pi più avanti). Entra bi c nfluirann, nell inglese dern, in [ i] (oi, oy) 6 I dittonghi /ou/ e /au/ tendono a confondersi, sia nella pronuncia che nella scrittura (es.: sawle e sowle ani a, knawen e knowen c n scere ). Tuttavia i l r esiti nell inglese dern s no perlopiù ben differenziati (straw, cause etc. con [ :], grow, row etc. con [əʊ]). RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI FONEMI CONSONANTICI Fonemi (+ allofoni) Grafemi Esempi /p/ p pund [pu:nd] libbra, open [ :pən] apert, up [up] su /b/ /t/ /d/ /č/ /ǧ/ b t d ch g, i biten [bi:tən] mordere, noble [n :bl(ə)] n bile, lamb [lamb] agnell tellen [tellən] racc ntare, haten [ha:tən] chia are, þat [ðat] quell don [do:n] fare, porre, wilde [wi:ld(ə)] selvaggi, flod [flo:d] fiu e chese [ʧe:z(ə)] formaggio, techen [tε:ʧən] insegnare, riche [riʧ(ə)] ricc, potente gentil [ˈgentil] gentile, large [larʤ(ə)] ampio, brigge [bridʤ(ə)] p nte iournei [ˈʤurnei] gi rnata, Iohn [ʤon] 1 Gi vanni 3/5

4 /k/ /g/ [ɡ] [ɣ] [x] c, k, q cold [k :ld] fredd, miracle [ˈmirakl(ə)] irac l, necke [nekk(ə)] c ll, boc [bo:k] libr king [kiŋg] re, knowen [knouən] c n scere, þenken [θeŋkən] pensare, werk [werk] pera quick [kwik] viv questioun [ˈkwestjun] d anda, qweðsipe [ˈkweθˌʃip(ə)] cattiveria gandre [ɡandrə] paper, Englisch [eŋɡliʃ] inglese, dogge [doɡɡ(ə)] g, ȝ 2 cane fuȝel uccello [fuɣəl], folȝen [folɣən] seguire, burȝ [burx] f rtezza /f/ f ful [ful] pien, oft [oft] spess, lof [l :f] pagnotta /v/ v, u vessel ~ uessel [vessəl] recipiente raven ~ rauen [ravən] c rv /θ/ [θ] [ð] /ð/ /s/ [s] [z] /z/ /š/ /h/ [h] [x] [ç] þ, ð, th þ, ð, th s, c z, s sch, sh, ss, s h, ȝ, g, gh þing ~ ðing ~ thing [θiŋɡ] cosa oþer ~ oðer ~ other [o:ðər] altr baþ ~ bað ~ bath [baθ] bagn þat ~ ðat ~ that [ðat] (?) quell wiþ ~ wið ~ with [wið] (?) c n, c ntr sunne [sun(nə)] sole, asken [askən] d andare, hus [hu:s] casa risen [ri:zən] alzarsi husebond [ˈhu(:)z(ə)ˌbond] c ntadin citee [ˈsite:] città, condicioun [konˈdisjun] c ndizi ne zodiac [ˈz :diak] z diac, Zephirus [ˈzefirus] Zefir his [hiz] (?) suo, was [waz] (?) era schame ~ shame ~ ssame ~ same [ʃa:m(ə)] vergogna wischen ~ wishen ~ wissen [wiʃən] augurare fisch ~ fish ~ fiss ~ fis [fiʃ] pesce herte [hertə] cu re, hweel ~ wheel [hwe:l] ru ta noȝt ~ nogt ~ noght [n xt] niente, furȝ ~ furg ~ furgh [furx] s lc liȝt ~ ligt ~ light [liçt] luce /l/ l land [land] terra, fele [fe:lə] lt, al [al] tutt, /r/ /m/ /n/ [n] [ŋ] r m n riȝt [riçt] giust feren [fε:rən] viaggiare der [de:r] bestia moneþ [mo:nəθ] ese demen [de:mən] giudicare warm [war ] cald nose [n :z(ə)] nas wenen [we:nən] supp rre, ben [be:n] essere hunger [huŋɡər] fa e, drinken [driŋkən] bere, long [l ŋɡ] lung /w/ w 3 wel [wel] bene, swimmen [swimmən] nu tare, qween [kwe:n] d nna, regina /j/ ȝ, i, y ȝelden ~ ielden ~ yelden [jeldən] ric ȝung ~ iung ~ yung [juŋɡ] gi vane biȝonde ~ biyonde [biˈjond(ə)] ltre pensare 4/5

5 1 In questo nome la h, un residuo grafico della forma antico-inglese Iohannes, è priva di valore fonetico. 2 Il nome convenzionale di questa lettera è yogh. Essa era tipica della scrittura anglosassone, dove veniva utilizzata indistintamente per indicare il fonema /g/. Si veda anche più avanti, a proposito dei fonemi /h/ e /j/. 3 In alcuni testi più antichi, come per esempio nel manoscritto Arundel 292 del Bestiario medio-inglese (tardo XIII sec.), il fonema /w/ è rappresentato per mezzo della lettera ƿ ( wyn ), tipica della scrittura anglosassone. N.B. Ai grafemi presenti nella tabella va aggiunta la lettera x, utilizzata fin dall ep ca angl sass ne per esprimere la sequenza fonematica /ks/ (es.: oxe /okse/ bue, fox /foks/ v lpe etc.). 5/5

Cenni sulla pronuncia dell antico francese

Cenni sulla pronuncia dell antico francese Cenni sulla pronuncia dell antico francese Questa guida si riferisce alla pronuncia dell antico francese intorno ai secoli XII e XIII, periodo in cui la lingua era in evoluzione e dunque non facilmente

Dettagli

1. Fonetica e fonologia. La fonetica studia le caratteristiche fisiche dei suoni linguistici

1. Fonetica e fonologia. La fonetica studia le caratteristiche fisiche dei suoni linguistici Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Fonetica e fonologia La fonetica studia le caratteristiche

Dettagli

La fonologia. (5) esempi di due fonemi dell italiano individuati tramite una coppia minima

La fonologia. (5) esempi di due fonemi dell italiano individuati tramite una coppia minima LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada Valentini Mat. 4 La fonologia (1) Fonologia: si occupa dei suoni usati sistematicamente nelle l. naturali per comunicare significati, ne studia

Dettagli

Fonetica e Fonologia

Fonetica e Fonologia Fonetica e Fonologia Fonetica: studio concreto delle proprietà fisiche (fonetica acustica) e fisiologiche (fonetica articolatoria) dei suoni del linguaggio. Fonologia: studio astratto delle rappresentazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO DIPARTIMENTO DEI LINGUAGGI, DELLA COMUNICAZIONE E DEGLI STUDI CULTURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO DIPARTIMENTO DEI LINGUAGGI, DELLA COMUNICAZIONE E DEGLI STUDI CULTURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO DIPARTIMENTO DEI LINGUAGGI, DELLA COMUNICAZIONE E DEGLI STUDI CULTURALI Sociolinguistica A2 (codice: 37089) Ada Valentini Esercitazione n. 1: fonetica e fonologia L esercitazione

Dettagli

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it i www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: trascrizione e pronuncia ii Indice 1 La trascrizione

Dettagli

Facoltà di Lettere efilosofia, Cagliari

Facoltà di Lettere efilosofia, Cagliari L alfabeto greco L alfabeto greco consta di 24 lettere: 7 vocali e 17 consonanti. Maiuscola Minuscola Nome della lettera Trascrizione latina Pronuncia Α α Alfa a [a] es. amico Β β Beta b [b]es. base Γ

Dettagli

Scuola superiore per mediatori linguistici Carlo Bo di Roma

Scuola superiore per mediatori linguistici Carlo Bo di Roma Scuola superiore per mediatori linguistici Carlo Bo di Roma IL CONSONANTISMO ITALIANO 1 Com e si è già detto le consonanti differiscono dalle vocali per la presenza di qualche form a di ostacolo nelle

Dettagli

Il sistema Wade-Giles è stato il sistema di traslitterazione fonetica più utilizzato nel XX secolo ed è tutt ora in uso a Taiwan.

Il sistema Wade-Giles è stato il sistema di traslitterazione fonetica più utilizzato nel XX secolo ed è tutt ora in uso a Taiwan. Pinyin Breve introduzione Il pīnyīn ( 拼 音 ) è il sistema di trascrizione ufficiale del cinese standard. Con il Movimento del 4 maggio 1919 nasce in Cina tra i giovani studenti e i moderni letterati dell

Dettagli

Facoltà di Studi Umanistici Cagliari Riallineamento Greco

Facoltà di Studi Umanistici Cagliari Riallineamento Greco Bibliografia utilizzata e consigliata per il corso. A.SIVIERI P.VIVIAN, Grammatica greca, Messina-Firenze 1994 A.SIVIERI P.VIVIAN, (a cura di S. Corbinelli), Grammatica greca, Messina-Firenze 2006 A.SIVIERI

Dettagli

- talvolta, una stessa lettera rappresenta due foni (o anche fonemi) diversi in parole diverse: stella vs medico casa vs cima gatto vs giostra

- talvolta, una stessa lettera rappresenta due foni (o anche fonemi) diversi in parole diverse: stella vs medico casa vs cima gatto vs giostra L IPA e l ambiguità dei sistemi di trascrizione tradizionali Elenchiamo alcuni problemi che si riscontrano con l alfabeto italiano utilizzato come sistema di trascrizione fonetica: - talvolta, una stessa

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV Regole variabili e Scale implicazionali 1 Regole variabili La regola variabile rappresenta il versante descrittivo (punto di vista esterno) della variabilità linguistica

Dettagli

Introduzione alla storia della lingua gaelica

Introduzione alla storia della lingua gaelica Introduzione alla storia della lingua gaelica Anna Fattovich EUT Edizioni Università di Trieste ISBN 978-88-8303-316-2 Sommario Introduzione allo studio della lingua gaelica 4 Proto-celtico 9 Stadi della

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Suono Trascrizione: pos. atona pos. tonica

Suono Trascrizione: pos. atona pos. tonica 118 3. LA LINGUA PIEMONTESE Trascrizione ufficiale (ortografia) Parlando della storia del p. abbiamo già spiegato come si produsse la sua ortografia. Si noterà che affrontiamo la trascrizione dei suoni

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale Ratto al ballo Esecuzione di Eva Tagliani Colleri (PV), 1984 registrazione di Aurelio Citelli e Giuliano Grasso Maggio 2005 Temi/Aspetti 3 Personaggi 5 Luoghi 7 Storia 9 Trascrizione fonetica 11 Esercizi

Dettagli

EL ABECEDARIO /L ALFABETO. A si legge a come in italiano J si legge jota suono di gola R si legge erre. B si legge be K si legge ca S si legge ese

EL ABECEDARIO /L ALFABETO. A si legge a come in italiano J si legge jota suono di gola R si legge erre. B si legge be K si legge ca S si legge ese EL ABECEDARIO /L ALFABETO L alfabeto spagnolo è formato dalle seguenti lettere: A si legge a come in italiano J si legge jota suono di gola R si legge erre B si legge be K si legge ca S si legge ese C

Dettagli

L'ALFABETO ALBANESE. Patìtucci - CastroviUari 1968

L'ALFABETO ALBANESE. Patìtucci - CastroviUari 1968 L'ALFABETO ALBANESE 0 Tip. Patìtucci - CastroviUari 1968 Alfabeto Albanese L' alfabeto albanese ' consta di 36 lettere in quest' ordine di successione : a, b, c, Q, d, dh, e, é, f, g, gj, h, i, j, k, 1,

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Suoni diversi in lingue diverse. Tra fonetica, fonologia e simboli grafici.

Suoni diversi in lingue diverse. Tra fonetica, fonologia e simboli grafici. Suoni diversi in lingue diverse. Tra fonetica, fonologia e simboli grafici. di Cristina Lavinio Introduzione 2 Fonetica e foni, fonologia e fonemi..4 Fonologia e fonematica..5 Fonetica articolatoria..7

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

Introduzione alla fonetica inglese

Introduzione alla fonetica inglese Introduzione alla fonetica inglese Vi è un solo modo per imparare con sicurezza la pronuncia inglese, e consiste nell apprendere la pronuncia di ogni singolo vocabolo, allo stesso modo che se ne impara

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

X congresso nazionale A.I.R.I.P.A. sui disturbi dell apprendimento Repubblica di San Marino 19-20 0ttobre 2001

X congresso nazionale A.I.R.I.P.A. sui disturbi dell apprendimento Repubblica di San Marino 19-20 0ttobre 2001 X congresso nazionale A.I.R.I.P.A. sui disturbi dell apprendimento Repubblica di San Marino 19-20 0ttobre 2001 APPLICAZIONE DI UN PROTOCOLLO PER IL RECUPERO DIDATTICO DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTO-SCRITTURA

Dettagli

INDICE. Ringraziamenti 11 CAPITOLOI INTRODUZIONE 12. 1.1. Oggetto di studio 12. 1.2. II sangiovannese nella classificazione dei dialetti calabresi 13

INDICE. Ringraziamenti 11 CAPITOLOI INTRODUZIONE 12. 1.1. Oggetto di studio 12. 1.2. II sangiovannese nella classificazione dei dialetti calabresi 13 INDICE Ringraziamenti 11 CAPITOLOI INTRODUZIONE 12 1.1. Oggetto di studio 12 1.2. II sangiovannese nella classificazione dei dialetti calabresi 13 1.3. San Giovanni in Fiore 14 1.4. Raccolta e presentazione

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

Le regole fonologiche nella fonologia segmentale/lineare

Le regole fonologiche nella fonologia segmentale/lineare Le regole fonologiche nella fonologia segmentale/lineare Nella teoria segmentale della fonologia, la rappresentazione consiste in una sequenza lineare di segmenti (consonanti, vocali ed approssimanti)

Dettagli

2 Come consueto in letteratura, si distinguono terminologicamente i casi nei quali

2 Come consueto in letteratura, si distinguono terminologicamente i casi nei quali STUDIO SULL APPRENDIMENTO DEL CONSONANTISMO SPAGNOLO DA PARTE DI ITALOFONI Emanuela Colonna, Barbara Gili Fivela Università degli Studi di Lecce coleman2078@yahoo.it; gili@sns.it 1. SOMMARIO In questo

Dettagli

LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada Valentini Mat. 3. La fonetica

LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada Valentini Mat. 3. La fonetica LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada Valentini Mat. 3 La fonetica (1) Fonetica: studia i suoni del linguaggio dal punto di vista della loro materialità fisica ( sostanza del significante

Dettagli

Parte 1. Biiettività fonematica

Parte 1. Biiettività fonematica 53 Rapporti tra lingue e matematica: Esperanto e oltre Parte 1. Biiettività fonematica Ce s c o Re a l e Associazione Mondiale di Esperanto, rappresentante ONU Festival di Giochi Matematici (www.tuttoenumero.it)

Dettagli

Tengwanda Fëanaro. L alfabeto di Fëanor

Tengwanda Fëanaro. L alfabeto di Fëanor Tengwanda Fëanaro L alfabeto di Fëanor ndice ntroduzione... 3 ntroduzione alle Tengwar... 3 Pronuncia... 4 Riguardo alla trascrizione... 5 Regole morfo-sintattiche... 5 Quenya (Alto Elfico)... 6 Tengwanda

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Classificazione dei sistemi di scrittura

Classificazione dei sistemi di scrittura Linguistica Generale (cod. 24169) Modulo 2, a. a. 2015-16 Prof. ssa Federica Guerini Materiale 2 Classificazione dei sistemi di scrittura A- Basi fonetiche inesistenti o parziali (plerematiche) (1) pittografia

Dettagli

Principi di Fonologia

Principi di Fonologia Marco Svolacchia PREMESSA Lo scopo di questa trattazione è di descrivere, con il minor grado di convenzionalità e autoreferenzialità possibile, le fondamenta su cui la teoria e la pratica fonologica poggiano.

Dettagli

La fonologia e l apprendimentol della lingua scritta

La fonologia e l apprendimentol della lingua scritta La fonologia e l apprendimentol della lingua scritta Claudio Turello Formazione Miur - Abruzzo 2007-1 Fonetica e fonologia La fonetica è la scienza che studia i suoni del linguaggio articolato ( detti

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

Dalla Competenza Linguistica all Abilità di Scrittura

Dalla Competenza Linguistica all Abilità di Scrittura Dalla Competenza Linguistica all Abilità di Scrittura Struttura del linguaggio orale e acquisizione della scrittura Dr.ssa Silvia Alessandri Logopedista alessandrisilvia@yahoo.it Cosa è necessario al fine

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

QSO E TRASCRIZIONE FONETICA Domenico Felaco - IK6QGE

QSO E TRASCRIZIONE FONETICA Domenico Felaco - IK6QGE Il QSO in lingua straniera QSO E TRASCRIZIONE FONETICA Domenico Felaco - IK6QGE Quando faccio un QSO in lingua straniera, trovo utile avere a portata di mano uno schema con le espressioni che probabilmente

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

Esistono vari argomenti a favore dell'ipotesi innatista:

Esistono vari argomenti a favore dell'ipotesi innatista: La linguistica e l ipotesi innatista La linguistica è la scienza che studia le proprietà del linguaggio umano. Secondo la cosiddetta ipotesi innatista la lingua è il prodotto di un sistema cognitivo codificato

Dettagli

IMPARARE A LEGGERE E SCRIVERE IN ITALIANO L2

IMPARARE A LEGGERE E SCRIVERE IN ITALIANO L2 Arcangela Mastromarco IMPARARE A LEGGERE E SCRIVERE IN ITALIANO L2 Centro COME 2002 Centro COME, Farsi Prossimo Onlus www.centrocome.it 1 Presentazione IMPARARE A LEGGERE E SCRIVERE IN ITALIANO L2 La declinazione

Dettagli

L INSEGNAMENTO DELLA LETTO SCRITTURA LA LINGUA ITALIANA PRESENTAZIONE ISOLATA DI FONEMI PRIMA ELEMENTARE

L INSEGNAMENTO DELLA LETTO SCRITTURA LA LINGUA ITALIANA PRESENTAZIONE ISOLATA DI FONEMI PRIMA ELEMENTARE dott.ssa Damian Elisa, Logopedista L INSEGNAMENTO DELLA LETTO SCRITTURA PRIMA ELEMENTARE LA LINGUA ITALIANA L italiano è una lingua trasparente, presenta poche variazioni tra il codice verbale e il codice

Dettagli

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Rassegna Stampa Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Roma, Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Videoconferenza e medicina: nasce Romeo, network per la ricerca in radioterapia oncologica

Dettagli

Breve introduzione alla fonetica

Breve introduzione alla fonetica Massimo Prada Breve introduzione alla fonetica La fonetica acustica e la fonetica articolatoria Sommario Sommario...2 La fonetica...4 La fonetica articolatoria...5 L apparato fonatorio...5 Il meccanismo

Dettagli

ALFABETO EBRAICO BIBLICO

ALFABETO EBRAICO BIBLICO ALFABETO EBRAICO BIBLICO Dario Giansanti LINGUA E LETTERATURA EBRAICA L'ebraico è una lingua appartenente al ramo semitico della grande famiglia afroasiatica. È inoltre la lingua della Bibbia, e solo per

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

seitec srl Il sistema a torri dissipative

seitec srl Il sistema a torri dissipative seitec srl UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA PROTEZIONE SISMICA DI SCUOLE E OSPEDALI: LE TORRI DISSIPATIVE La Seitec srl ha messo a punto un sistema innovativo di adeguamento sismico degli edifici esistenti,

Dettagli

CONSIDERAZIONI TEORICHE E PROPOSTE APPLICATIVE

CONSIDERAZIONI TEORICHE E PROPOSTE APPLICATIVE CONSIDERAZIONI TEORICHE E PROPOSTE APPLICATIVE SULL ACQUISIZIONE DELLA FONOLOGIA NELL INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DELL ITALIANO L2 Eliana Mastrantuono 1. INTRODUZIONE Quali fattori devono essere tenuti

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

L.R. n. 29/2007 art. 5 comma 2-bis. Adozione della grafia delle varianti della lingua friulana. IL PRESIDENTE

L.R. n. 29/2007 art. 5 comma 2-bis. Adozione della grafia delle varianti della lingua friulana. IL PRESIDENTE D.P.Reg. 7 marzo 2013, n. 041/Pres. ( 1 ) L.R. n. 29/2007 art. 5 comma 2-bis. Adozione della grafia delle varianti della lingua friulana. IL PRESIDENTE VISTO l'articolo 5 della legge regionale 18 dicembre

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 58 del 21/04/2016 Proposta N. 561/2016 OGGETTO: RISANAMENTO CONSERVATIVO DELL'EDIFICIO DENOMINATO EX CASA DEL POPOLO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

escludendo in questa fase tutte le regole ortografiche relative alla punteggiatura, apostrofi, accenti, particolarità, doppie.

escludendo in questa fase tutte le regole ortografiche relative alla punteggiatura, apostrofi, accenti, particolarità, doppie. SCREENING 1 ELEMENTARE Il dettato delle 16 parole Il dettato di 16 parole consente di verificare la prima acquisizione della fase alfabetica (sillabe piane) e l inizio della fase ortografica (lettere ponte,

Dettagli

risultato indicatore composito 93,20% 79,60%

risultato indicatore composito 93,20% 79,60% PDR 2010 INDICATORI QUOTA NAZIONALE MARGINE OPERATIVO LORDO (a criteri IAS) RICAVI PRO CAPITE (a criteri IAS) risultato indicatore composito erogazione 93,20% 79,60% PDR 2010 QUOTA REGIONALE Accordi regionali

Dettagli

Classificazione e intervento sugli errori di scrittura. Silvia Alessandri Logopedista Centro F.A.R.E. Perugia

Classificazione e intervento sugli errori di scrittura. Silvia Alessandri Logopedista Centro F.A.R.E. Perugia Classificazione e intervento sugli errori di scrittura Silvia Alessandri Logopedista Centro F.A.R.E. Perugia QUALI LE CAUSE DEGLI ERRORI DI SCRITTURA? Difficoltà ad effettuare una adeguata segmentazione

Dettagli

I suoni della lingua ebraica

I suoni della lingua ebraica Capitolo 1 I suoni della lingua ebraica La lingua ebraica si scrive da destra a sinistra. Tutte le lettere ebraiche indicano consonanti. Ognuna di esse è un unità fonologica 1 separata. 1. Le consonanti

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Sistemi Naturali per sfioratori di reti fognarie miste Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Iris

Dettagli

Progetto di training fonetico fonologico

Progetto di training fonetico fonologico Progetto di training fonetico fonologico Home Indice Lettura e scrittura La scrittura alfabetica Presentazione del progetto Svolgimento del progetto Conclusioni Alfabetiere Schede di lavoro Esempi Bibliografia

Dettagli

Processi cognitivi nell apprendimento della lingua scritta. Aspetti della clinica dei disturbi di apprendimento

Processi cognitivi nell apprendimento della lingua scritta. Aspetti della clinica dei disturbi di apprendimento Processi cognitivi nell apprendimento della lingua scritta Aspetti della clinica dei disturbi di apprendimento Martini Alberto seminari a Carrara ottobre-dicembre 2012 l apprendimento è una delle espressione

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

L analisi di una pratica di insegnamento:

L analisi di una pratica di insegnamento: Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 L analisi di una pratica di insegnamento: il dettato nelle classi prime della Scuola Primaria Elisa Farina farina.elisa@hotmail.it Contestualizzazione

Dettagli

PER UNA TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI SCRITTURA SPONTANEI IN AREA ROMANZA

PER UNA TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI SCRITTURA SPONTANEI IN AREA ROMANZA PER UNA TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI SCRITTURA SPONTANEI IN AREA ROMANZA Gabriele IANNÀCCARO Università di Milano-Bicocca Vittorio DELL AQUILA Università di Vasa / Vaasa 0. Si è affermata ormai da qualche

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

indice 7 Introduzione 9 CAP. 1 Lo sviluppo del linguaggio 13 CAP. 2 L articolazione verbale 19 CAP. 3 Le difficoltà di articolazione verbale

indice 7 Introduzione 9 CAP. 1 Lo sviluppo del linguaggio 13 CAP. 2 L articolazione verbale 19 CAP. 3 Le difficoltà di articolazione verbale indice 7 ntroduzione 9 C. 1 Lo sviluppo del linguaggio 13 C. 2 L articolazione verbale 19 C. 3 Le difficoltà di articolazione verbale 35 C. 4 Le immagini articolatorie 39 Bibliografia 41 SZ. 1 mmagini

Dettagli

Specifiche per l'etichettatura dei livelli segmentali

Specifiche per l'etichettatura dei livelli segmentali Specifiche per l'etichettatura dei livelli segmentali a cura di Renata Savy Il documento fa parte del progetto CLIPS- Corpora e Lessici di Italiano Parlato e Scritto, finanziato dal MIUR ex lege 488 (Progetto

Dettagli

FONOLOGIA E ORTOGRAFIA

FONOLOGIA E ORTOGRAFIA FONOLOGIA E ORTOGRAFIA 1. SUONI E SEGNI 1.1 LINGUA PARLATA E LINGUA SCRITTA Ogni uomo ha la necessità di usare il codice lingua per comunicare con i propri simili. Il codice che inizialmente viene appreso

Dettagli

Non-corrispondenza. 1 fonema 2 o 3 grafemi. / ts k dz g / c-ci c-ch-q g-gi g-gh. /N S L / gn-gni sc-sci gl-gli

Non-corrispondenza. 1 fonema 2 o 3 grafemi. / ts k dz g / c-ci c-ch-q g-gi g-gh. /N S L / gn-gni sc-sci gl-gli CONSIGLI PER L APPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA (a cura della Dott.ssa Allamandri Valeria) Si consiglia di utilizzare il materiale Imparo a leggere giocando Ed.Esperienze 0172-646321, www.esperienzeditrice.it

Dettagli

SAN MARINO 16 SETTEMBRE 2006

SAN MARINO 16 SETTEMBRE 2006 1 SAN MARINO 16 SETTEMBRE 2006 PAMELA KVILEKVAL Differenze essenziali nell istruzione terapeutica per la rieducazione dei dislessici italiani e dei dislessici di madre lingua inglese. La presentazione

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

E-mail : ddleno@ddleno.com - E mail ddleno@ddleno.pec.provincia.bs.it. sito internet : www.ddleno.com. Diario di bordo

E-mail : ddleno@ddleno.com - E mail ddleno@ddleno.pec.provincia.bs.it. sito internet : www.ddleno.com. Diario di bordo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO DI LENO Via De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia ) Tel 030.9038250 Fax 030.9068974 C.F. 88004450172 E-mail : ddleno@ddleno.com -

Dettagli

Transfer linguistico. La contrastività italiano-inglese. inglese. Cenni storici. Analisi comparativa/contrastiva

Transfer linguistico. La contrastività italiano-inglese. inglese. Cenni storici. Analisi comparativa/contrastiva La contrastività italiano-inglese inglese Matteo Santipolo Università di Padova Cenni storici Anni 50: Ipotesi contrastiva (interferenza pesante delle abitudini linguistiche della L1 sull acquisizione

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012 Prima di arrivare ai DSA Modulo letto-scrittura Dr.ssa Laura Landi Psicologa dell Apprendimento Dr.ssa Maria Carmela Valente Logopedista Insegnante per l Infanzia Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV),

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

VNÉ MEI VOÛ A MËNÂ LA BARTAVÈLLË DISPENSE

VNÉ MEI VOÛ A MËNÂ LA BARTAVÈLLË DISPENSE VNÉ MEI VOÛ A MËNÂ LA BARTAVÈLLË DISPENSE ANNO 2005 LA GRAFIA: COSTRUIRE UN SISTEMA. LA TRASCRIZIONE FONETICA. IL SISTEMA GENRE. A CURA DELLA DOTT.SSA MONICA CINI Il problema della rappresentazione grafica

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. -

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. - KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS VDS-EX4 VDS-EX8 Istruzioni INSTALLAZIONE Ma nua le n 17540 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

Le domande sui dati personali. Particella interrogativa + verbo To Be + soggetto +?

Le domande sui dati personali. Particella interrogativa + verbo To Be + soggetto +? Beginner - Lesson 2 Le domande sui dati personali Di regola, quando dobbiamo compilare un questionario, così come è accaduto alla nostra Alice, ci vengono richieste molte informazioni di carattere generale.

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

Lezione 2. Chiavi degli esercizi. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Lezione 2. Chiavi degli esercizi. Coordinatrice didattica: Paola Baccin Lezione 2 Chiavi degli esercizi Coordinatrice didattica: Paola Baccin LA PRONUNCIA In italiano le parole si scrivono praticamente come si pronunciano, e non come avviene per l inglese o per il portoghese

Dettagli

Lezione 2. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Lezione 2. Coordinatrice didattica: Paola Baccin Lezione 2 Coordinatrice didattica: Paola Baccin LA PRONUNCIA In italiano le parole si scrivono praticamente come si pronunciano, e non come avviene per l inglese o per il portoghese stesso. Quindi, attenzione!

Dettagli

Gli obiettivi della scuola

Gli obiettivi della scuola L'acquisizione della scrittura: dall'ortografia alla produzione del testo scritto Valentina Gattini logopedista, psicopedagogista cell. 347.5388479 gattini_valentina@tiscali.it Gli obiettivi della scuola

Dettagli

Lo stress lavoro-correlato: esperienze di valutazione nel settore del credito

Lo stress lavoro-correlato: esperienze di valutazione nel settore del credito Lo stress lavoro-correlato: esperienze di valutazione nel settore del credito S e b a s t i a n o B a g n a r a U n i v e r s i t à d i S a s s a r i - A l g h e r o S t e f a n o G u i d i U n i v e r

Dettagli

3. La rappresentazione del suono linguistico

3. La rappresentazione del suono linguistico 3. La rappresentazione del suono linguistico 3.1. Fonetica L oggetto di studio della fonetica sono i suoni del linguaggio, precisamente come sono fatti fisicamente i suoni di cui la lingua si serve. I

Dettagli

4-TABELLA DELLE CORRISPONDENZE TRA GRAFEMI E FONI.

4-TABELLA DELLE CORRISPONDENZE TRA GRAFEMI E FONI. 4-TABELLA DELLE CORRISPONDENZE TRA GRAFEMI E FONI. La seguente tabella ha lo scopo di riunire in un unico luogo tutte le definizioni dei grafemi presenti nelle Guide alla lettura delle pubblicazioni archiviate

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

Lidia Calabrò. come pronunci? Eserciziario di fonetica italiana per italiani e stranieri. Livello intermedio e avanzato (con CD audio)

Lidia Calabrò. come pronunci? Eserciziario di fonetica italiana per italiani e stranieri. Livello intermedio e avanzato (con CD audio) Lidia Calabrò E tu come pronunci? Eserciziario di fonetica italiana per italiani e stranieri Livello intermedio e avanzato (con CD audio) (Prefazione, Introduzione e CD a cura di Antonio Romano ) Edizioni

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli