LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA"

Transcript

1 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c' ω ψ θ θq θ ' ' λ λ ' θ ' fiur fittizi simile ' λ ' θ Q ' ' Q' Q ' ' Q'

2 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI REMESSE INTERSEZIONI L determinzione plnimetric di un rete di ppoio può essere eseuit pplicndo il procedimento dell trinolzione, dell trilterzione oppure il metodo misto derivnte dll contemporne misur di noli e lti. Si può nturlmente procedere nche medinte polionli eodimetriche. Spesso è necessrio ricorrere lle intersezioni per:. ORIENTRE UN RILIEVO, HE UÒ ESSERE UN NUOV RETE D INQUDRMENTO, IN UN RETE ESISTENTE;. INSERIRE I UNTI DI DETTGLIO NEL SISTEM D INQUDRMENTO, RRESENTTO D TRINGOLZIONI, TRILTERZIONI E OLIGONLI. L scelt dell tipoloi dell intersezione dipende dlle condizioni di ccessiilià e visiilità dei punti del rilievo, si di dettlio che d inqudrmento. I punti trionometrici del 4 ordine dell IGM ed i punti di dettlio del tsto sono stti ottenuti per intersezioni, ppoindoli d ltri punti trionometrici di ordine superiore e di posizione not. Dl punto di vist opertivo si us clssificre le intersezioni in DIRETTE ED INDIRETTE O INVERSE. NELLE INTERSEZIONI DIRETTE le misure nolri necessrie per l definizione dei punti isolti sono effettute fcendo col teodolite su lmeno uno dei punti di coordinte note. NELLE INTERSEZIONI INDIRETTE le misure nolri sono effettute fcendo sul punto inconito isolto. ome ià premesso, l scelt di un metodo d intersezione piuttosto che un ltro dipenderà dlle confiurzioni morfoloiche del terreno, dll disponiilità e dll visiilità dei vertici di coordinte note, nonché dlle precisioni che occorre rispettre. oiché le intersezioni dirette richiedono lo stzionmento nei punti di coordinte note ( per esempio vertici dell rete eodetic ed essendo questi ultimi perlopiù in posizioni inccessiili ( m collimili per un intersezione invers, diviene spesso necessrio eseuire L STZIONE FUORI ENTRO, che costituisce un compliczione non indifferente nell procedur. l contrrio, le intersezioni inverse richiedono lo stzionmento del teodolite sui punti inconiti, spesso definite dl toporfo nelle posizioni meno difficoltose, perciò, in definitiv, esse risultno più convenienti rispetto le intersezioni dirette, nche se lo sviluppo numerico ppre più complesso. In relzione l NUMERO delle misure nolri effettute le intersezioni si possono ulteriormente suddividere in : SEMLII, se le misure nolri sono quelle strettmente necessrie (isosttiche; MULTILE, se le misure sono sovrondnti, permettendo di eseuire compenszioni empiriche o riorose (ipersttiche. Le intersezioni trdizionli prevedono unicmente misure nolri (LETTURE ZIMUTLI, mentre oiiorno si v estendendo l misur linere di lcune distnze che intervenono nello schem opertivo. INTERSEZIONI DIRETTE INVERSE SOLUZIONI Intersezione in vnti semplice Grfo-nlitic Intersezione in vnti multipl Grfo-nlitic Doppi intersezione in vnti (prolem dell distnz inccessiile Grfo-nlitic Intersezione lterle semplice Grfo-nlitic Intersezione lterle multipl Grfo-nlitic Intersezione rdile Grfo-nlitic L fuori centro nelle intersezioni dirette Il prolem di Snellius-othenot (intersezione invers o ll indietro Risoluzione rfic Il metodo dell nolo usilirio. Il metodo rfico-nlitico di ssini Risoluzione rfic di ollins Intersezione multipl ll indietro Grfo-nlitic Il prolem di Snellius-othenot mplito Risoluzione rfic punti Il metodo dell nolo usilirio. Il prolem di Hnsen Il metodo dell se fittizi (doppi intersezione invers Il metodo dell nolo usilirio.

3 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI INTERSEZIONE IN VNTI SEMLIE SHEM Lo schem dell intersezione in vnti semplice viene usto per determinre le coordinte di un punto isolto m visiile d due punti e di coordinte note e che loro volt devono essere visiili reciprocmente. L intersezione in vnti viene ust in enere qundo il punto d determinre è inccessiile. ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE ( ;Y ( ;Y, ( ;Y θα θαβ O punto collimto inccessiile θ θ Si ricord che, se non fosse possiile fr su e su, occorreree fr fuori centro. Inoltre, per eliminre l miuità conness ll posizione del punto rispetto l lto, occorre stilire d che prte si colloc, se ll sinistr o ll destr di un osservtore posto in che osserv. I punti e di coordinte note possono pprtenere ll rete d inqudrmento IGM o ctstle, oppure possono essere stti definiti in operzioni d inqudrmento precedenti. Quest intersezione present limitte possiilità di controllo sulle operzioni di misur ( per questo è dett semplice che sono in numero strettmente indispensili. oordinte polri di rispetto d : x rct y x y pplicndo il teorem dei seni: sen sen[ 00 ( + ] sen sen[ 00 ( + ] ± 00 x x sen sen sen( + sen sen( + RIORD: N D + + no noli di direzione: + Si noti che li noli di direzione cmino l cmire delle posizioni reciproche di, e ; per cui è necessrio oni volt eseuire un diseno orienttivo dl qule risulterà chir l relzione fr li noli di direzione con e. x oordinte crtesine del vertice ssndo dll : ssndo dll : x + ( x p x x + sen x x + ( x p x x + sen y y + ( y p y y + cos y y + ( y p y y + cos 3

4 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI oordinte del vertice nel sistem di Guss o ssndo dll : ssndo dll : E E + ( E p E E + sen N N N + cos N + ( N p E E + ( E p E E + sen N N + ( N p N N + cos Le intersezioni sono un prolem essenzilmente plnimetrico, tuttvi, conoscendo l quot di lmeno di uno dei due punti e, è possiile determinre nche l quot del punto inconito. Di solito l distnz tr i punti noti e quello inconito sono elevte, per cui spesso si richiede un livellzione trionometric d un estremo. k Q Q + Q + [ cot + h l + ] R ONFIGURZIONE ONVENIENTE Si noti che l misur deli noli e deve essere eseuit con molt cur, perché l precisione che si ottiene nell determinzione delle coordinte di dipende strettmente dll precisione con l qule sono stti misurti questi due noli. Si potree dimostrre che l precisione nell determinzione delle coordinte di dipende nche dll confiurzione eometric del trinolo e precismente dll mpiezz dell nolo ˆ 00 ( + Le condizioni miliori sono quelle in cui l mpiezz di questo nolo è compres tr 0 e 30. INTERSEZIONE IN VNTI MULTIL SHEM L intersezione in vnti semplice non consente di eseuire un controllo delle misure ftte, essendo queste in numero strettmente indispensile perché il punto d rilevre si univocmente definito. Spesso perciò si ricorre ll intersezione multipl in vnti che consiste nel determinre l posizione di un punto fcendo in n vertici,, 3, n-, n. Questo schem offre nzitutto l possiilità di un controllo sull vlidità delle misure stesse. Un volt esclus l presenz di errori inccettili nelle misure, occorre procedere ll compenszione, onde iunere ll individuzione univoc dell coppi dei vlori che rppresentno le coordinte del punto. N punto collimto inccessiile λ n δ γ γ δ n- O E 3 Nell prtic opertiv è ene fr in tre punti,, secondo lo schem seuente: 4

5 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE ( ;Y ( ;Y ( ;Y,, γ, γ ( ;Y O γ γ punto collimto inccessiile er l misur deli noli,, γ (come differenze di letture zimutli occorre fre per oni nolo lmeno tre strti di misur. Note le distnze,, si scelie quell miore ( nell esempio. Se si vuole che le coordinte ino un precisione di cm, l errore nolre dovrà essere dell ordine di: 0,0 rct d ε dove d mx è l distnz miore tr, e. mx Se d mx 5 km si h: ε 0,0 rct 0, Stilit l precisione necessri per il tipo di operzione, si può determinre il numero di REITERZIONI richieste per le misure nolri. Qundo si us un teodolite con l sensiilità di 0,000 on (decimillesimo di on non sinific che un misur nolre effettut medinte l ppliczione dell reol di essel permett di riunere quest precisione. Di solito, si per l imperfezione delle rettifiche nell mess in dello strumento, si per le condizioni tmosferiche, si per i limiti dell opertore nell eseuire le letture, si può riunere un precisione di circ 0,0005 on, cioè cinque volte miore dell sensiilità nominle del teodolite. Volendo ottenere nell misur deli noli un precisione di 0,00055 on, ricordndo dll teori deli errori che l errore qudrtico medio dell medi è dto d: sinol misur. In questo cso il numero delle REITERZIONI sono: µ ± m µ dove µ è l pprossimzione teoric di oni n µ 0,0005 µ m n 4strti n µ 0,00055 µ m Sono note le coordinte crtesine delle stzioni,,. e venono misurte li noli,, γ come differenze di letture zimutli. Si hnno così tre schemi d intersezione in vnti semplice:,,. Risolti i tre schemi si otterrnno tre vlori delle coordinte del punto collimto : x, x, x 3 e y, y, y 3. Se tli vlori sono di poco diversi uno dll ltro (poche decine di cm, si ssumono come coordinte definitive di le medie ritmetiche. x + x + x3 x 3 y + y + y3 y 3 5

6 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI DOI INTERSEZIONE IN VNTI (prolem dell distnz tr due punti visiili m non ccessiili Il metodo di rilievo dell distnz inccessiile, dett nche doppi intersezione in vnti, permette di determinre l distnz fr due punti inccessiili, fcendo con il oniometro in due punti usiliri ccessiili, di quli sino visiili li estremi dell distnz inconit. Il prolem è riconduciile quello dell intersezione in vnti, che può essere pplicto seprtmente per i punti di e D. O punto collimto inccessiile γ δ punto collimto inccessiile δ γ D ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE Se non si può misurre l distnz γ, γ toporfic D, occorre conoscere δ, δ Distnz toporfic le coordinte dei punti di : Distnz toporfic D ( ;Y ; ( ;Y Teorem dei seni l trinolo D: D sen sen 00 ( Teorem dei seni l trinolo D: D sen sen 00 ( Teorem di rnot (o del coseno l trinolo : γ + [ γ γ δ + [ δ δ ] ] D senγ sen ( γ + γ D senδ sen ( δ + δ + cos( γ δ Ovvimente li noli γ, γ, δ, δ sono ottenuti d differenze di letture zimutli: γ l D - l γ l D - l D δ l D - l δ l D - l D l l ld ld ld ld D 6

7 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI INTERSEZIONE LTERLE SEMLIE SHEM Questo metodo d intersezione viene impieto nell determinzione di un punto che deve essere ccessiile, vendo disposizione due punti e di coordinte note, reciprocmente visiili e, d lmeno uno dei due, si visiile ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE ( ;Y ( ;Y ε, (o in lterntiv si misur ( ;Y : punto di θα punto collimto O θαβ ε θ θ In effetti nell intersezione lterle semplice occorre eseuire l su un sol punto di coordinte note e quindi, l proilità di dover ricorrere ll fuori centro si riduce rispetto ll intersezione in vnti. Su quest intersezione non si possono effetture né controlli né compenszioni. oordinte polri di rispetto d : x x x x rct pplicndo il teorem dei seni: noli di direzione: [ 00 ( ε + ] y y ± 00 sen sen senε senε sen sen( ε + sen[ 00 ( ε + ] senε senε + oordinte crtesine del vertice ssndo dll : ssndo dll : x x + ( x x x + sen x x + ( x p x x + p Occorre fre su per misurre l nolo ε (ttrverso l differenz di letture zimutli e su uno dei due punti di coordinte note, nel nostro cso, per misurre l nolo. onseuentemente: 00 (ε+ questo punto lo sviluppo divent identico quello dell intersezione in vnti semplice con l fcile determinzione delle coordinte crtesine del punto di. L ver differenz con l intersezione in vnti è nel lvoro di cmpn. sen y y y + cos y + ( y p y y + ( y p y y + cos 7

8 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI Si potree dimostrre che, nell determinzione delle coordinte di un punto, è più conveniente, in termini di precisione, l intersezione in vnti per i punti vicini e quell lterle per i punti lontni. er definire melio tle ffermzione, pensimo di trccire un circonferenz con centro in e rio. Si dimostr che i punti che sono dentro ll circonferenz si determinno melio con l intersezione in vnti, mentre, per quelli esterni ll stess circonferenz, risult più conveniente l intersezione lterle. Tle ffermzione definisce unicmente un criterio di convenienz in termini di precisione, in reltà l scelt dell uno o dell ltro tipo d intersezione srà fortemente condiziont dlle situzioni loistiche e morfoloiche dei punti sui quli occorrerà eseuire le stzioni. on ciò si ricord che, nelle ordinrie operzioni toporfiche, verrà dottto quel metodo d intersezione con il qule si possiile misurre li noli senz ricorrere procedure prticolri, come le stzioni fuori centro, che comunque sono qusi sempre necessrie qundo si deno misurre li noli di vertici trionometrici. punto collimto ε punto collimto "IN VNTI" "LTERLE" INTERSEZIONE LTERLE MULTIL SHEM Questo metodo d intersezione viene impieto nell determinzione di un punto che deve essere ccessiile, vendo disposizione tre punti, e di coordinte note, reciprocmente visiili. Inftti, per poter rendere l struttur eometric controllile, occorre vere disposizione lmeno un terzo punto di coordinte note (punto collimile d. Si f quindi in, dove si misurno li noli orizzontli ε e δ, e nel punto, dove si misurno li noli e. ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE ( ;Y ( ;Y ( ;Y, δ, δ ( ;Y : secondo punto di 8

9 O θ punto collimto θ δ lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI θ δ punto collimto θ θ θ INTERSEZIONE RDILE L risoluzione di ciscun trinolo fornirà un coppi di coordinte (nevitilmente diverse per li errori di misur deli noli, δ nel primo trinolo e, δ nel secondo trinolo: l loro medi ritmetic fornirà il vlore definitivo delle coordinte del punto. SHEM L impieo dei distnziometri d onde modulte o delle stzioni totli permette l determinzione rpid e molto precis di un punto misurndo le distnze di esso di due punti e dei quli sino note le coordinte crtesine. Inoltre non è necessrio che i punti e sino visiili tr loro, st che lo sino d. ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI ELEMENTI LOLTI INOGNITE ( ;Y ( ;Y Distnze toporfiche e. noli orizzontli e ( ;Y : Dll conoscenz delle coordinte crtesine di e si ricvvno, come nell intersezione semplice, le coordinte polri di rispetto d : RIORD: x x N D x x rct ± no y y sen Fcendo in si misurno le distnze toporfiche &. on le formule di ris si ricvno li noli &. θα punto collimto rct ( p ( p c p ( p punto collimto O θαβ c θ θ rct ( p ( p c p ( p dove p è il semiperimetro. In lterntiv lle formule di ris si può pplicre l relzione invers del teorem di rnot. 9

10 Noto o si ricv l zimut θ oppure θ. lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI + c + c c cos rccos c + c + c c cos rccos c + oordinte crtesine del punto di ssndo dll : ssndo dll : x x + ( x x x + sen x x + ( x p y y + cos y + ( y p y y y + ( y p p x y x y + sen + cos L STZIONE FUORI ENTRO NELLE INTERSEZIONI DIRETTE Le intersezioni dirette (in vnti e lterle sono più ffidili, in termini di pur precisione, rispetto lle intersezioni inverse. Tuttvi, le intersezioni dirette sono spesso, nelle operzioni di cmpn, più complicte d eseuire, perché tlvolt richiedono l esecuzione di STZIONI FUORI ENTRO, llo scopo di misurre li noli in corrispondenz dei punti noti. Supponimo di dover determinre le coordinte crtesine del punto inccessiile con un intersezione in vnti semplice di due vertici trionometrici e di coordinte note, sui quli tuttvi non è possiile fr con il teodolite. Si frnno perciò due stzioni fuori centro, l prim sul punto prossimo d (eccentricità e e l second sul punto prossimo (eccentricità e. ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI ELEMENTI LOLTI INOGNITE Dll : l - l - l ( ;Y Dll : l - l - l noli: ( ;Y Eccentricità: e - e orrezioni nolri: 3 4 ( ;Y : Distnze e Dll si collimno i punti, ed e si fnno le corrispondenti letture l.o. Dll si collimno i punti, ed e si fnno le corrispondenti letture l.o. ison conoscere le distnze e che enerlmente non sono note. er determinrle isoneree conoscere li noli e. Si suppone, in un primo momento, che le letture ftte in e sino poco differenti d quelle ftte in e. Si ricvno perciò i seuenti vlori: ' l ' l' ' l ' l' Servendoci di questi vlori pprossimti di e, si clcolno con il teorem dei seni le distnze e, per le quli si otterrnno vlori pprossimti, m molto vicini quelli reli. x x x x rct ± 00 y y sen pplicndo il teorem dei seni: sen sen( + sen sen[ 00 ( + ] sen sen[ 00 ( + ] sen sen( + Riduzione l centro delle stzioni: l l - l l + 3 l l - l l + 4 0

11 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI fuori centro ' ' punto collimto inccessiile ' fuori centro ' Un volt determinte le correzioni nolri pplicndo quttro volte il teorem dei seni i trinoli dei fuori centro e ponendo rd 00 sen 00 π π, si ottenono le letture l.o. che si sreero vute se si vesse potuto fr in e. Si clcolno i vlori veri deli noli e. on questi ultimi risultti si possono poi riclcolre nuovmente le distnze e. Seue il clcolo delle coordinte di come nell intersezione in vnti semplice. 4 noto 4 noto e ' ' e e ' 3 noto 3 ' e noto

12 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI IL ROLEM DI SNELLIUS-OTHENOT (intersezione invers o ll indietro Nelle intersezioni dirette si è visto che i metodi di rittcco, pur richiedendo un semplice lvoro di tvolino, risultno ssi scomodi nel lvoro di cmpn. Inftti occorre fre su lmeno uno dei punti i quli si rittcc e tli punti di solito coincidono con vertici trionometrici individuti d cmpnili o d prti di fricti per i quli risult difficile l relizzzione dell. Rion per cui risulteree en più comodo determinre l posizione del punto inconito senz ver l necessità di fr sui vertici trionometrici, m fcendo un sol sul punto d determinre e collimndo tre punti noti. Questo procedimento di rilievo, conosciuto sotto molte denominzioni, è stto storicmente proposto dl fisico e eodet olndese Willerord Snell vn Royen melio conosciuto con il nome umnistico di Snellius (58? 66 che fu nche l idetore dell trinolzione. Snellius fu il primo che pplicò il metodo dell trinolzione in occsione dell misur di un rco di meridino vicino Leid. Snellius indicò un soluzione dell intersezione invers di tipo rfico verso il 600: Trium locorum intervllis inter se dtis, qurti distntim omnius unic definire. Fr i principli studi su questo prolem, si ricordno quelli di ollins (680, di othenot (69 e di Jcques ssini ( rii, ollins propose ncor un soluzione rfic. Fu poi othenot che sviluppò un procedur nlitic conenile l clcolo loritmico. L stronomo e crtorfo frncese di oriine itlin Jcques ssini sviluppò un soluzione rfic che, solo recentemente, è stt ripres come se di un clcolo nlitico fcilmente estiile dlle moderne clcoltrici. SHEM Dte le posizioni di tre punti, determinre l posizione di un qurto punto, medinte l misur deli noli che formno tr di loro le tre visuli condotte d questo i tre punti dti. ll semplificzione delle misure rispetto lle intersezioni dirette, corrisponde, nelle intersezioni inverse, un mior complessità dello schem eometrico e dei reltivi clcoli, che tuttvi è preferiile rispetto lle più semplici operzioni di cmpn. ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE ( ;Y ( ;Y ( ;Y, ( ;Y : punto di SOLUZIONE GRFI DI OLLINS Fr le soluzioni rfiche del prolem di Snellius othenot, prticolrmente rillnte, per rpidità ed efficci, ppre quell propost d ollins. Sino, e i punti noti. Si coniune con e, su si riport in l nolo ed in l nolo, trccindo le semirette r ed s. L intersezione M delle rette r ed s viene dett UNTO DI OLLINS. Si trccino li ssi dei sementi M ed M che si intersecno nel punto O: centro dell circonferenz circoscritt l trinolo M. L coniunente M con (o il suo prolunmento incontr l circonferenz nel punto, che è quello cercto. Inftti ˆ ˆ M perché insistono sullo stesso rco M e nlomente M ˆ Mˆ perché insistono sullo stesso rco M. oiché vede e sotto li noli e, esso è il punto che s intendev determinre l posizione.

13 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI r M unto di ollins O s 00 t O r O r s 00 SOLUZIONE GRFI DI SSINI ssini propose l soluzione rfic dett nche delle due circonferenze. Quest eometri servirà poi per impostre un soluzione numeric che si prest l clcolo con l clcoltrice tscile. Dl punti strcci l rett t che form un nolo con l distnz. Si trcci l sse del semento ed in l perpendicolre t. Il punto d incontro O è il centro di un circonferenz che pss per e per e risult tnente ll rett t. Tutti i punti di quest circonferenz compresi nell rco dll prte di fnno vedere il semento sotto noli uuli di mpiezz. on procedimento del tutto nloo si trcci l second circonferenz di centro O pssnte per i punti e. I punti di quest second circonferenz, compresi nell rco dll prte di, fnno vedere l cord sotto l nolo, pertnto il punto dovrà trovrsi nche su quest second circonferenz. L INTERSEZIONE DEI DUE ERHI INDIVIDU L OSIZIONE DI. Le due circonferenze pssno entrme per e s incontrno in un secondo punto che è il punto cercto. Esso ode inftti dell proprietà di fr vedere simultnemente il semento sotto l nolo e quello sotto l nolo. SOLUZIONE NLITI DLLO SHEM DI SSINI In pssto il clcolo numerico er condizionto dll ricerc di espressioni in form loritmic. Oi, con l uso delle clcoltici tscili, viene mncre il condizionmento di rrivre d un espressione loritmic, dndo spzio soluzioni più lineri sotto l spetto eometrico e semplici d memorizzre. lcolo dei lti e e dei reltivi zimut θ e θ : x x x x y rct ± 00 oppure y y y sen cos rct x y x y ± 00 x x sen oppure y y cos 3

14 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI θ 00 O 00 θ d O d on riferimento ll soluzione rfic delle due circonferenze, si prolun il rio O fino d intersecre in l prim circonferenz dove è il dimetro. Similmente si prolun il rio O fino d intersecre in l second circonferenz dove è il dimetro. lcolo delle coordinte polri di rispetto d e quelle di rispetto. Si osserv che i trinoli e sono rettnoli, perché inscritti in un circonferenz con l ipotenus uule l dimetro e sono risolviili. cot cot oordinte crtesine di : + sen + cot sen( + 00 Y Y + cos Y cot cos( oordinte crtesine di : Ricordndo le funzioni trionometriche tr i vri qudrnti: sen(θ + 00 cosθ cos(θ sen θ + sen + cot sen( 00 sen(θ cos θ cos(θ - 00 sen θ Y Y + cos Y cot cos( + 00 Ricordndo le funzioni trionometriche tr i vri qudrnti e che i lti e possono essere espressi come Y Y Y e Y, le coordinte crtesine dei punti usiliri e si cos cos trsformno secondo le successive espressioni. 4

15 oordinte crtesine di : + cot cosθ lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI Y Y Y Y cos Y cot ( Y + sen cosθ oordinte crtesine di : Y Y Y Y + cot ( cos Y Y + cot ( sen cos cos Semplificndo si ottiene qunto seue. oordinte crtesine di : + ( Y Y cot Y Y ( Y Y cot t oordinte crtesine di : ( Y Y cot Y Y + ( Y Y cot t oiché t e Y Y t si ottenono le relzioni finli di Y e Y. Y Y oordinte crtesine di : oordinte crtesine di : + ( Y Y cot Y Y ( cot ( Y Y cot Y Y + ( cot Osservndo l fiur si not che i trinoli e sono rettnoli in, perché inscritti in un circonferenz con l ipotenus uule l dimetro. Dunque i punti, e sono llineti ed il semento risult perpendicolre ll rett che pss per e nel punto. er clcolre le coordinte del punto si trtt di risolvere il prolem del clcolo delle coordinte del piede delle perpendicolre (punto. ( ( Y Y + ( Y Y ( OEFFIIENTE INTERMEDIO: Ω ( + ( Y Y OORDINTE DEL UNTO DI STZIONE : ( Y Y Ω Y Y + ( Ω 5

16 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI METODO DELLE ERENDIOLRI (Soluzione nlitic dllo schem di ssini propost d Selvini θ 00 ω γ 00 O ψ θ O d d Mentre il metodo precedente proponev un soluzione nlitic dtt per le clcoltrici tscili prormmili, questo metodo proposto dl rof. Selvini del olitecnico di Milno permette di clcolre le coordinte del punto di in modo rionto, percorrendo psso per psso un semplice percorso. Si s sempre sull intuizione rfic di ssini ed è detto METODO DELLE ERENDIOLRI. lcolo dei dimetri: d sen d sen d sen d sen nolo ˆ γ γ ω ω ( 00 (00 ω er il teorem di rnot: d + d d d cosγ re del trinolo : S d d senγ S d d senγ L re del trinolo si può nche esprimere in form semplice come: S e ricvre ssndo d si pplic il teorem dei seni l trinolo : sen sen sen sen S sen rcsen 6

17 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI sen( + sen[ 00 ( + ] sen sen ssndo sempre d si clcolno le coordinte crtesine di : + sen( + Y Y + cos( + ssndo d si pplic il teorem dei seni l trinolo : sen sen ψ senψ sen sen ψ rcsen sen( ψ + sen[ 00 ( ψ + ] sen sen ssndo sempre d si clcolno le coordinte crtesine di : + sen( ψ Y Y + cos( ψ Le coordinte definitive del punto di si ottenono, se poco differenti come dovree essere, fcendo l medi ritmetic tr quelle pssndo d e le corrispondenti pssndo d. SOLUZIONE DI OTHENOT (Metodo dell nolo usilirio SEMISOMM: + ψ + + ω 00 θ θ θ ω θ θ ψ θ NGOLO USILIRIO: SEMIDIFFERENZ: sen λ rct sen ψ + ψ rct [ t t(50 λ] Sommndo e sottrendo si h: + ψ ψ + + ψ ψ ψ 7

18 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI OSSERVZIONI SUL ROLEM DI Snellius-othenot SO DI INDETERMINZIONE: SITUZIONE RITI er il prolem di Snellius othenot esiste un cso di INDETERMINZIONE in corrispondenz del qule tutte le soluzioni, si rfiche che nlitiche, non sono in rdo di definire il punto inconito. Se l somm dei tre noli noti, (misurti e ω ( dto come differenz di noli zimutli è uule d un nolo pitto ( + + ω 00 SIGNIFI HE IL QUDRILTERO E INSRITTO IN UN UNI IRONFERENZ; IL QUDRILTERO RISULT ILIO. Oltre l punto, nche tutti li infiniti punti situti sull circonferenz vedono li rchi e sotto i medesimi noli e, poiché li noli ll circonferenz sottesi d uno stesso rco sono uuli. Dl punto di vist prtico questo cso non permette di risolvere il prolem perché, viste le infinite soluzioni, non è possiile rislire l punto dl qule si sono misurti li noli e. oiché il prolem si determinto deve essere: + + ω ω 00 è ssi remot. Tuttvi è molto temiile Nturlmente l proilità che si relizzi e critic l seuente situzione: se l somm dei tre noli + + ω non si discost decismente (lmeno di 5 0 d 00, il prolem, nche se non più indeterminto, fornisce però soluzioni imprecise, perché piccoli errori nell misur deli noli e cusno rndissimi errori nelle coordinte di. ertnto, qundo è possiile, l scelt dei punti noti, e deve essere effettut in modo d rimnere en lontni dll situzione critic. Risult evidente che l precisione otteniile per le coordinte plnimetriche del punto dipende unicmente dll ontà dell misur deli noli e. Volendo vere un controllo per tli noli misurti in cmpn, occorre vere disposizione, oltre i punti,,, nche un qurto punto D. Questo schem eometrico risult IERDETERMINTO e viene chimto INTERSEZIONE INVERS MULTIL. INTERSEZIONE INVERS MULTIL (Intersezione multipl ll indietro L intersezione invers multipl o intersezione multipl ll indietro permette di definire le coordinte del punto in quttro modi diversi. Si risolvono le quttro intersezioni di Snellius usndo preferiilmente IL METODO DELL NGOLO USILIRIO. Nturlmente queste quttro soluzioni di srnno diverse. Un volt controllt e verifict l ccettilità di questi vlori, si ssumernno come coordinte del punto l medi ritmetic dei quttro risultti Y Y + Y + Y 4 + Y 3 4 8

19 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI e d c D SNELLIUS n. ω ψ SNELLIUS n. ω c γ ψ D SNELLIUS n. 3 ω 3 3 d ψ 3 D γ e ω 4 c + γ 4 ψ 4 D + γ SNELLIUS n. 4 SNELLIUS n. SEMISOMM: + ψ + + ω 00 NGOLO USILIRIO: sen λ rct sen SEMIDIFFERENZ: ψ + ψ rct [ t t(50 λ SNELLIUS n. 3 SEMISOMM: + ψ γ + 00 NGOLO USILIRIO: sen( + γ λ3 rct d sen SEMIDIFFERENZ: ψ ψ 3 rct [ t t(50 3 ω3 3 λ3 ] ] SNELLIUS n. SEMISOMM: + ψ + γ + ω 00 NGOLO USILIRIO: senγ λ rct c sen SEMIDIFFERENZ: ψ + ψ rct [ t t(50 λ SEMISOMM: SNELLIUS n. 4 + ψ γ ω4 NGOLO USILIRIO: SEMIDIFFERENZ: e senγ λ4 rct c sen( + 4 ψ ψ 4 rct [ t t(50 λ4] ] 9

20 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI IL ROLEM DI SNELLIUS-OTHENOT MLITO UNTI (risolto con il metodo dell nolo usilirio SHEM Il prolem di Snellius othenot mplito DUE UNTI può essere così sintetizzto: si conoscono le coordinte di tre punti,, e si voliono determinre le coordinte di due punti e Q, REIROMENTE VISIILI, nei quli si f per misurre i seuenti noli: ˆ ˆ Q Q Q ELEMENTI NOTI ELEMENTI MISURTI INOGNITE ( ;Y, ( ( ;Y ;Y :, Q( ( ;Y Q ;Y Q : ˆ ˆ θ ω ' ω θ c' ω ψ θ θq Dl punto si devono vedere, e Q; dl punto Q si devono vedere, e. ome nel prolem di othenot storico risolto con il metodo dell NGOLO USILIRIO, tutt l risoluzione del prolem è st sull ricerc deli noli e ψ. SEMISOMM: + ψ ω ψ ω θ NGOLO USILIRIO: Q lcolo deli noli e ψ : Dl trinolo si ricv : Dl trinolo Q si ricv Q : SEMIDIFFERENZ: + ψ ψ + ψ ψ + ψ dove: 00 ω ( + senω sen Q dove: 00 ω ( ψ + senω sen sen sen λ rct sen sen ψ + ψ rct [ t t(50 λ] Seue il clcolo delle coordinte dei punti di e Q: 0

21 lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI + sen( + Y Y + cos( + + Q sen( ψ Y Y + Q cos( ψ Q Q RISOLUZIONE GRFI DEL OTHENOT MLITO O O ( ' Q' Q ( Sino,, i tre punti noti e supponimo d qule prte si trov e Q rispetto i punti noti predetti.. Si trcci con l solit costruzione l circonferenz con centro O e l circonferenz con centro O D si trcci l semirett ' che form un nolo con l direzione. D si trcci l semirett Q ' che form un nolo con l direzione. Restno così individuti i UNTI USILIRI e Q. oniunendo con Q e prolunndo, d un prte e dll ltr, sino d intersecre le due circonferenze, restno determinti i punti di e Q.

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1 Prolemi e rppresentzione di prolemi di geometri dello spzio - ludio ered ferio 00 pg. onvenzioni di disegno e di rppresentzione Nel corso dell trttzione si dotternno le seguenti convenzioni simoliche:

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione.

Introduciamo il concetto di trasformazione geometrica prendendo come esempio una rotazione. Le trsformzioni geometriche ITL 7 TERI Letture llo specchio! Ingegni, ossesso, nilin: tre esempi di plindromi, ovvero di prole che si possono leggere si d sinistr verso destr, si d destr verso sinistr.

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1 Didttic 3. Il clcolo scuol (2): l uso dell clcoltrice 1 Ginfrnco Arrigo 57 1. Clcoli con un sol operzione L prim cos d insegnre d un giovne llievo che voglimo educre ll uso corretto dei moderni mezzi di

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Teoremi di geometria piana

Teoremi di geometria piana l congruenz teoremi sugli ngoli γ teorem sugli ngoli complementri Se due ngoli sono complementri di uno stesso ngolo α β In generle: Se due ngoli sono complementri di due ngoli congruenti α γ β teorem

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Gioco Interno Tipologie e Norme

Gioco Interno Tipologie e Norme Gioco Interno Tipologie e Norme Per gioco interno si intende l misur complessiv di cui un nello si può spostre rispetto ll ltro in direzione oppost. E necessrio distinguere fr gioco rdile e gioco ssile.

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI Pgin di 7 Rel. ermic soli Fscicolo tecnico per il clcolo delle prestzioni energetiche di soli lstre trliccite ( predlles ) IN ACCORDO ALLA NORMA UNI EN ISO 6946:008 0 07.0.00 Rev. Dt Descrizione Redtto

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

La Logica BAN. Formalismo

La Logica BAN. Formalismo Network Security Elements of pplied Cryptogrphy nlisi e progetto di protocolli crittogrfici L logic N Principi di progettzione Csi di studio: Needhm-Schroeder, Otwy- Rees; SSL (old version); 509; GSM Il

Dettagli

Scale con rampe diritte. Scala rettilinea a una rampa. Scala rettilinea a due rampe. Scala destra a una rampa a chiocciola (con un quarto di giro)

Scale con rampe diritte. Scala rettilinea a una rampa. Scala rettilinea a due rampe. Scala destra a una rampa a chiocciola (con un quarto di giro) 0.0 Scle di legno 9 0.0 Scle di legno Le scle servono superre le differenze di ltezz. Nelle cse unifmiliri sono sovente costruite in legno. Un scl è definit tle se formt d lmeno tre sclini consecutivi,

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Cinematica Moti unidimensionali Moti nel piano 1. Moti unidimensionali

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Cinematica Moti unidimensionali Moti nel piano 1. Moti unidimensionali Problemi di Fisic Moti unidimensionli Moti nel pino. Moti unidimensionli Problem N. Rppresentre grficmente le seguenti leggi del moto rettilineo uniforme e commentrle: ) S 0 -t ) S 5t 3) S -0 + 3t 4) S

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Edizione dicembre 2010 - Rev 0. Manuale per l applicazione dell immagine coordinata

Edizione dicembre 2010 - Rev 0. Manuale per l applicazione dell immagine coordinata Edizione dicembre 20 - Rev 0 Mnule per l ppliczione dell immgine coordint 1 Mnule per l ppliczione dell immgine coordint 1 Presentzione 2 Elementi bse Logotipo generico 3-4 Logotipo d personlizzre 5-8

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

ELEMENTI DI STABILITA

ELEMENTI DI STABILITA tbilità Per stbilità di un nve si intende, in generle, l fcoltà di conservre l su posizione di equilibrio, cioè l su ttitudine resistere lle forze che tendono inclinrl e l cpcità di rddrizzrsi spontnemente

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO. Coordinatrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO

MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO. Coordinatrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO LICEO SCIENTICO STATALE LEONARDO DA VINCI GENOVA.s.04-5 MODALITA DIVALUTAZIONE DEGLI STUDENTI CON CARENZE NEL SECONDO QUADRIMESTRE ESITO SOSPESO MATEMATICA BIENNIO Coordintrice: Prof. ANTONINA CASTANIOTTO

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Elementi di stereochimica. La simmetria

Elementi di stereochimica. La simmetria Elementi di stereochimic L simmetri Tutto il corso di Stereochimic rgnic verte essenzilmente su due concetti fondmentli che sono quelli di chirlità e di stereogenicità. Prim di rrivre definire, comprendere

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

Satelliti artificiali geostazionari ed orientamento delle antenne (*)

Satelliti artificiali geostazionari ed orientamento delle antenne (*) e s e r c i t z i n i Stelliti rtificili estzinri ed rientment delle ntenne (* prf. in. Nzzren Crilin * Immini trtte d http://www.nuticrtili.lu.it/didttic/estzinri/estzinri.htm IIS Mrcni -Bri / ASI / IM

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale Regime di sconto commercile Formule d usre : S = sconto ; K = somm d scontre ; s = tsso di sconto unitrio V = vlore ttule ; I = interesse ; C = cpitle s t = st i t st = st S t Kst V K st () () ; () ( )

Dettagli

NORME APPLICABILI ALLE ARMATURE 9

NORME APPLICABILI ALLE ARMATURE 9 QUADERNO III Strutture in clcestruzzo rmto e legno CALCESTRUZZO ARMATO Sched N : NORME APPLICABILI ALLE ARMATURE 9 Not generle: le indiczioni nel seguito riportte sono trtte dlle norme frncesi BAEL 91

Dettagli

Le correzioni ai rilievi solari odierni sulla meridiana in S. Petronio

Le correzioni ai rilievi solari odierni sulla meridiana in S. Petronio e correzioni i rilievi solri odierni sull meridin in S. Petronio di Alberto Nicelli Si descrivono le correzioni necessrie per compensre gli errori sistemtici dovuti ll odierno dissesto strutturle dell

Dettagli

Le verifiche finali e le scritture di assestamento

Le verifiche finali e le scritture di assestamento Numero 60/2012 Pgin 1 di 8 Le verifiche finli e le scritture di ssestmento Numero : 60/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prssi : Scric l guid complet sulle scritture di chiusur e il pssggio del bilncio d

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic... 7 8 Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori...

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

CLASSI PRIME 2013/14

CLASSI PRIME 2013/14 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. GRASSI CLASSI PRIME 2013/14 INDICAZIONI DI LAVORO PER LA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO IN FISICA Liceo scientifico e liceo delle scienze pplicte In relzione lle esigenze del secondo

Dettagli

Prova n. 1 LEGER TEST

Prova n. 1 LEGER TEST Prov n. 1 LEGER TEST Descrizione L prov si svolge su un percorso delimitto d due coni, posti ll distnz di 20 mt l uno dll ltro. Il cndidto deve percorrere spol l distnz tr i due coni, pssndo dll velocità

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

Risoluzione. dei triangoli. e dei poligoni

Risoluzione. dei triangoli. e dei poligoni UNITÀ Risoluzione dei tringoli e dei poligoni TEORI Relzioni tr lti e ngoli di un tringolo qulunque (sleno) riteri per risolvere i tringoli qulunque 3 re dei tringoli 4 erhi notevoli dei tringoli 5 ltezze,

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli