L affidamento familiare e la filiazione adottiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L affidamento familiare e la filiazione adottiva"

Transcript

1 L affidamento familiare e la filiazione adottiva D ANGIO G., RECCO A., OTTOBRE P., LEGA G. L affidamento familiare L affidamento familiare, così come l adozione, è un istituto disciplinato dalla legge n 149 del 28 marzo 2001 Diritto del minore ad una famiglia, modifica della legge n 184 del 4 Maggio 1983 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori. Come notiamo dal titolo, l interesse è rivolto soprattutto ai diritti dei minori, anche se tali istituti, coinvolgono altri soggetti, in particolare gli affidatari e gli adottandi. L affidamento familiare, consiste nell inserimento del minore in una famiglia diversa da quella di origine, per un periodo di tempo limitato. Presupposto dell affidamento è la temporanea privazione di un ambiente familiare idoneo che, non può assolvere le principali funzioni: istruzione, educazione e mantenimento. E dunque, un istituto parte di quell azione di sostegno ed aiuto alla famiglia di origine, che trova garanzia negli artt.30 e 31 della Costituzione: - È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire e educare i figli Nei casi di incapacità dei genitori la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. - La Repubblica agevola con misure economiche ed altre provvidenze la formazione della famiglia e l adempimento dei compiti relativi Protegge la maternità l infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo. All affidamento, si ricorre qualora gli interventi di sostegno e aiuto, effettuati da Stato, Regioni ed Enti locali, non abbiano avuto esito positivo. La legge n 149 del 2001, pone l accento sul diritto del minore a crescere ed essere educato nella propria famiglia. A tal fine, sono disposti interventi di aiuto e sostegno a favore della famiglia. Da ciò, possiamo osservare che, il diritto del minore alla propria famiglia, non può essere limitato da una situazione di indigenza della famiglia stessa. I soggetti pubblici, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili, dovranno: offrire sostegno economico ai nuclei familiari a rischio perché sia evitato l abbandono dei minori, poiché è diritto di questi crescere nella propria famiglia; promuovere iniziative pubbliche volte a diffondere notizie sull affidamento familiare e l adozione; organizzare corsi di preparazione ed aggiornamento professionale degli operatori sociali; stipulare convenzioni con enti di volontariato per la realizzazione di tali attività.

2 Perché si proceda all affidamento familiare, necessitano determinati presupposti: la mancanza temporanea di un ambiente familiare idoneo; l esistenza di un altra famiglia o di un single in grado di assicurare al minore il mantenimento, l educazione, l istruzione e le relazioni affettive di cui ha bisogno, ove ciò non sia possibile, di una comunità familiare. Il minore, potrà essere affidato ad una famiglia con figli minori, oppure senza figli, ad un single, ad una famiglia di fatto, presso una comunità di tipo familiare o, come ultima ipotesi, un istituto di assistenza pubblico o privato. Tra queste soluzioni, vi è una regola della gerarchia. Per i minori di età inferiore ai sei anni, non è previsto l inserimento presso istituti di assistenza pubblici o privati. Inoltre, il ricovero in tali istituti, deve essere superato entro il 31 Dicembre 2006 per tutti i minorenni, qualunque sia la loro età. Inoltre, si precisa che, le comunità di tipo familiare, devono essere caratterizzate da organizzazione e rapporti interpersonali analoghi a quelli di una famiglia. Non devono ospitare più di otto-dieci bambini, devono permettere un pieno inserimento sociale. L affidamento può essere consensuale o non. L affidamento consensuale, è disposto dal Servizio sociale locale, con provvedimento. Questo è reso esecutivo dal Giudice tutelare del luogo ove si trova il minore. Il Giudice tutelare, potrà svolgere indagini sul caso, per verificare le condizioni di difficoltà o di eventuale abbandono. Il suo controllo, però, non può riguardare la scelta degli affidatari, le modalità ed il programma di affidamento. Se, invece, non c è il consenso dei genitori, è il Tribunale per i minorenni che provvede all affidamento. Il provvedimento, in questo caso, deve essere ben motivato. Dovranno essere trascritte le specifiche ragioni che ne giustificano l emissione, gli interventi a sostegno della famiglia che, hanno avuto esito negativo. Nel provvedimento, dovrà essere indicato il Servizio sociale locale responsabile. In entrambi i casi, il provvedimento di affidamento familiare, dovrà contenere il programma di assistenza, in cui devono essere specificate le ragioni della non idoneità della famiglia e la temporaneità di tale stato. Dovranno anche essere specificati i tempi e modi dell esercizio dei poteri riconosciuto all affidatario e le modalità attraverso le quali i genitori e gli altri componenti del nucleo familiare, possono mantenere i rapporti. Nel provvedimento, si dovrà indicare il periodo di durata dell affidamento che, non può superare i ventiquattro mesi e, può essere prorogato dal Tribunale per i minorenni, qualora la sospensione sia pregiudizievole al minore. La proroga, è possibile con provvedimento del Tribunale.

3 Per mezzo della legge n 149 del 2001, il legislatore ha ampliato i compiti del Servizio sociale che, in particolare, dovrà: verificare le condizioni del minore e della famiglia; elaborare un intervento per il sostegno ed il recupero della famiglia; elaborare un progetto riguardante l affidamento del minore; scegliere una famiglia affidataria per il minore; ascoltare il minore che ha già compiuto dodici anni, o di età inferiore, a seconda della sua capacità di discernimento; accertare, nel caso di affidamento consensuale, l esistenza dell assenso dei genitori o del tutore all affidamento; agevolare i rapporti con la famiglia d origine, servendosi anche di altre strutture presenti nel territorio; verificare che, scaduto il termine, il minore torni nella famiglia d origine; riferire al Giudice tutelare o al Tribunale per i minorenni, ogni evento rilevante per il minore; presentare una relazione semestrale al Giudice tutelare o al Tribunale per i minorenni, sullo svolgimento del programma di assistenza e sull evolversi o meno delle difficoltà della famiglia d origine. L affidamento familiare, termina in seguito al provvedimento emesso dalla stessa Autorità che lo ha disposto. Perché ciò si verifichi, è indispensabile il venir meno della situazione di difficoltà temporanea della famiglia d origine. L affidamento, può cessare anche quando la sua prosecuzione, sia pregiudizievole al minore stesso. Doveri e poteri degli affidatari e degli affidanti Come scritto nell art.5 della legge n 149 del 2001: L affidatario deve accogliere presso di sé il minore e provvedere al suo mantenimento e alla sua educazione ed istruzione, tenendo conto delle indicazioni dei genitori o dell Autorità affidante. L affidatario, dunque, deve provvedere a tutto quanto possa occorrere al minore (assistenza economica), consentirgli una normale vita di relazione e procurare un adeguata assistenza morale. Nella scelta degli affidatari, bisogna cercare una famiglia il più possibile simile e vicina alla famiglia d origine, nella quale il minore dovrà reinserirsi. Scopo dell affidamento, è proprio quello

4 di reinserire il minore nella famiglia d origine, tale rientro, dovrà essere agevolato non solo dal Servizio sociale, ma anche dagli affidatari. Questi ultimi, possono inserire il minore nel loro stato di famiglia ; iscriverlo in un plesso scolastico più agevole; scegliere il medico; percepire assegni familiari e prestazioni previdenziali; inserire i minori in affidamento nella denuncia dei redditi; godere di permessi per malattia e riposi giornalieri così come riconosciuti ai genitori propri; percepire prestazioni di sostegno da parte delle Regioni e degli Enti locali. Gli affidatari, inoltre, sono responsabili dei danni del minore a terzi. Alla loro inidoneità, conseguirà la cessazione dell affidamento. La famiglia d origine, naturalmente, deve rilevare il disagio del minore, preparare il bambino alla nuova situazione, collaborare con il Servizio sociale, attenendosi alle prescrizioni del programma di assistenza. Gli affidanti, dovranno rinunciare agli assegni familiari a favore degli affidatari durante il periodo di affido. Se la potestà degli affidanti è intatta, questi, potranno dare indicazioni riguardo le scelte scolastiche, di lavoro e di vita dei minori. Nel caso in cui tale potestà non sia intatta, è il Giudice, in collaborazione con il Servizio sociale, a determinare le decisioni che possono essere prese dagli affidatari. La filiazione adottiva L adozione, è il rapporto di filiazione giuridica costituito fra soggetti non legati da filiazione di sangue. Permette, dunque, l inserimento di un soggetto in una famiglia diversa da quella d origine. Nel codice civile del 1942, era previsto un solo tipo di adozione, pensata soprattutto per procurare una discendenza a coloro che ne erano privi. Con il trascorrere dei decenni, l attenzione, si è spostata sempre più verso il minore e la sua tutela. Così al suddetto scopo, si sono aggiunti i fini morali: il bisogno di avere un figlio e la possibilità di dare una famiglia a chi ne è stato privato. Con la legge n 341 del 5 giugno 1967, è stata, infatti, introdotta l adozione speciale, diretta a garantire non una discendenza, ma una sistemazione familiare ai minori abbandonati. Attualmente, l istituto dell adozione, è regolato dalla legge n 149 del 28 marzo 2001, modifica della legge n 184 del 4 maggio Con le suddette leggi, riguardo ai minori, non si parla più di adozione speciale, ma legittimante. Soprattutto la legge n 149 del 2001, sancisce espressamente il diritto del minore ad una famiglia, come luogo privilegiato per la formazione e lo svolgimento della personalità individuale.

5 Il minore ha diritto a crescere nella propria famiglia, i cui diritti e doveri, sono sanciti dagli artt Ove ciò non sia possibile, perché sussiste uno stato di abbandono, si può ricorrere all adozione. L adozione, in quanto estremo rimedio ad uno stato di abbandono accertato ed irreversibile, dunque non temporaneo, si distingue dall affidamento. L attuale Ordinamento giuridico, disciplina più tipi di adozioni: adozione legittimante dei minori; adozione internazionale; adozione in casi particolari; adozione di persone maggiori di età. L adozione legittimante Con l adozione dei minori, si intende riconoscere il diritto del soggetto ad una famiglia e si consente ad una coppia di coniugi ritenuti idonei, di mantenere, istruire e educare quei bambini che, altrimenti, non avrebbero conosciuto l affetto di una famiglia. L adozione, dunque, soddisfa due bisogni complementari: quello dei coniugi di avere un bambino e quello del bambino di avere una famiglia, ma non è solo questo. Comporta anche un rapporto tra individui con un loro vissuto reale. Le maggiori difficoltà che insorgono nel rapporto tra genitori adottivi e figli adottati, sono legate all esistenza di un passato difficile da accettare. Presupposti per l adozione legittimante, sono lo stato di abbandono non provvisorio ed il conseguente stato di adottabilità. La segnalazione di situazione di abbandono, può essere effettuata da parte di chiunque alla pubblica autorità (che poi farà rapporto al Tribunale per i minorenni). È obbligatoria per i pubblici ufficiali, gli incaricati di un pubblico servizio, gli esercenti un servizio di pubblica necessità. Nonché per chiunque abbia accolto un minore presso la propria abitazione, stabilmente e per un periodo superiore a sei mesi. Sono dichiarati in stato di adottabilità, i minori privi di assistenza morale e materiale da parte dei genitori o parenti tenuti a provvedervi, purchè la mancanza di assistenza non sia dovuta a causa di forza maggiore di carattere transitorio. Può essere dichiarato lo stato di adottabilità anche quando la famiglia rifiuta, senza alcuna giustificazione, le misure di sostegno offerte dai Servizi sociali locali. L autorità giudiziaria competente è il Tribunale per i minorenni, che si pronuncia con sentenza, sentito il Pubblico Ministero, il rappresentante dell istituto o della casa famiglia presso cui è

6 collocato il minore o la persona cui è affidato. Devono essere sentiti il tutore, ove esista, ed il minore che abbia compiuto gli anni 12 e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento. La nuova legge, prevede che il procedimento debba svolgersi fin dall inizio con l assistenza legale del minore e dei genitori o degli altri parenti entro il quarto grado. Tale principio, vuole essere una garanzia per il minore ed i genitori che, devono essere rappresentati dal difensore di fiducia o, in mancanza, dal difensore d ufficio. La dichiarazione di adottabilità del minore, vi sarà quando i genitori o parenti non si siano presentati senza giusto motivo; quando l audizione degli stessi abbia dimostrato la persistenza della mancanza di assistenza, materiale e morale e la non disponibilità ad ovviarvi. La sentenza definitiva dello stato di adottabilità è trascritta, a cura del Cancelliere del Tribunale per i minorenni, su apposito registro conservato presso la cancelleria del Tribunale stesso. Lo stato di adottabilità, cessa per avvenuta adozione, o per il raggiungimento, da parte dell adottando, della maggiore età. Può cessare, inoltre, per revoca nell interesse del minore. La revoca è pronunciata dal Tribunale per i minorenni, o su istanza del Pubblico Ministero o dei genitori, se sussistono le seguenti condizioni: - venir meno dello stato di abbandono dopo la pronuncia della sentenza di adattabilità; - rispondenza della revoca all interesse del minore; - inesistenza di un affidamento preadottivo in atto. La sentenza di adottabilità, inoltre, può essere impugnata, davanti alla Corte d Appello Sezione per i minorenni-, entro 30 giorni dalla comunicazione, effettuata a cura della cancelleria, dal Pubblico Ministero, dal genitore, dai parenti interessati, dal curatore speciale o dal tutore. La decisione del predetto Organo Giurisdizionale, è ricorribile in Cassazione. I coniugi che intendono adottare un minore, devono presentare domanda in carta semplice al Tribunale per i minorenni. È ammissibile la presentazione di più domande, purchè se ne dia comunicazione a tutti i Tribunali. Nella domanda, si possono indicare le preferenze di età e sesso, che, però, non sono vincolanti, si può specificare la disponibilità a adottare più fratelli, o minori che siano affetti da handicap. La domanda ha una validità di tre anni, ma può essere rinnovata ed il richiedente, può sempre ricevere notizie sullo stato del procedimento. Il Tribunale, riguardo gli adottanti, deve accertarsi dell esistenza dei seguenti requisiti:

7 La coppia deve essere unita in matrimonio da almeno tre anni, senza che abbia avuto luogo, tra gli stessi, una separazione personale, neanche di fatto. Si può computare nel calcolo del triennio suddetto, anche l eventuale convivenza prematrimoniale. La loro età, deve superare di almeno diciotto e non più di quarantacinque, l età dell adottando. Tali limiti possono essere superati se il Tribunale per i minorenni accerti che, dalla mancata adozione derivi un danno grave per il minore. Inoltre, è ammessa l adozione quando il limite massimo di età sia superato da uno solo dei coniugi, in misura non superiore ai dieci anni, quando gli stessi siano già genitori di figli naturali o adottivi dei quali almeno uno in età minore. Quando l adozione riguardi un fratello o una sorella del minore già adottato dagli stessi. Sempre il Tribunale, deve avviare, tempestivamente, adeguate indagini, al fine di accertare l idoneità della famiglia richiedente. Per idoneità, si intende la capacità di educare il minore, la situazione personale ed economica, la salute e l ambiente familiare. Tali indagini sono svolte ricorrendo ai Servizi socio- assistenziali locali, avvalendosi delle competenti professionalità delle Aziende sanitarie locali ed ospedaliere. Queste indagini devono concludersi entro 120 giorni, con una possibilità di proroga per altri 120 giorni, a seguito di provvedimento motivato. Prima dell affidamento preadottivo, il Tribunale, deve procedere ad una valutazione comparativa tra le coppie che hanno presentato domanda, scegliendo quella maggiormente in grado di corrispondere alle esigenze del minore. Una volta scelta la coppia, non interviene subito il provvedimento definitivo di adozione, ma è previsto un periodo di affidamento preadottivo della durata di un anno, prorogabile per un altro anno, con ordinanza motivata. Anche l affidamento preadottivo è disposto dal Tribunale per i minorenni, previa manifestazione di assenso da parte del minore che abbia compiuto 14 anni. L affidamento di cui sopra, può essere revocato dal Tribunale, su istanza del Pubblico Ministero, del tutore o di coloro che esercitano la vigilanza, quando vi sono difficoltà di idonea convivenza non superabili. Sia il provvedimento relativo all affidamento, che quello relativo alla sua revoca, possono essere impugnati, con reclamo alla Corte d Appello. Il Tribunale, poi, vigila sul buon andamento dell affidamento, avvalendosi anche dei Servizi sociali locali. Ove necessario dispone interventi di sostegno psicologico e sociale. Il Tribunale per i minorenni che ha dichiarato lo stato di adattabilità, decorso un anno dall affidamento, sentiti i coniugi adottanti, il minore che ha compiuto gli anni dodici ed il minore

8 di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento, il Pubblico Ministero, il tutore e coloro che abbiano svolto attività di vigilanza o sostegno, verifica che ricorrano tutte le condizioni previste dal presente capo e, senza altra formalità di procedura, provvede sull adozione con sentenza in camera di consiglio, decidendo di fare luogo o meno all adozione. Il minore che abbia compiuto gli anni 14 deve manifestare espresso consenso all adozione nei confronti della coppia prescelta. L intervento dell adozione, produce: un effetto legittimante, il minore acquista lo stato di figlio legittimo degli adottanti (anche sotto il profilo ereditario) e ne assume il cognome; un effetto risolutivo, cessano i rapporti giuridici tra adottato e famiglia d origine, fatta eccezione per i divieti matrimoniali. La nuova normativa, inoltre, riconosce al minore il diritto di conoscere il proprio status di adottato. Il minore, è informato di tale sua condizione ed i genitori adottivi, vi provvedono nei modi e termini che ritengono più opportuni, facendo in modo di non turbare il minore stesso. Il nascondere al minore la sua vera origine, facendogli credere di essere nato da una certa coppia, mentre, invece, in realtà, è stato da questa unicamente adottato, lede il suo diritto all identità personale ed espone il soggetto a gravi traumi psichici, specie nell eventualità che venga a conoscenza della verità a distanza di molti anni. È bene, però, specificare che le informazioni sui genitori biologici, sono rese note al minore e ai genitori adottivi, solo per gravi e comprovati motivi, previa autorizzazione del Tribunale per i minorenni. Dal momento in cui l adottato compie 25 anni, può accedere direttamente ai dati sulla propria origine e sull identità dei genitori biologici ed eventualmente, acquisire copia del fascicolo d ufficio del procedimento che ha portato alla sua adozione. L accesso dell adottato alle informazioni di cui sopra, non è consentito qualora il genitore naturale abbia espresso l intenzione di non voler essere nominato o la madre non abbia voluto riconoscere il bambino. L adozione internazionale A partire dagli anni 80, in Italia, comincia a porsi il problema di una regolamentazione dell adozione internazionale, a causa del moltiplicarsi del ricorso a tale forma di adozione. La legge

9 n 184 del 1983, vuole porsi come strumento a tutela dell infanzia abbandonata. Si assicura al minore straniero, un trattamento analogo a quello assicurato al minore italiano. La legge, infatti, ai fini dell adozione di un minore straniero, richiede gli stessi requisiti indicati per l adozione interna. L accertamento dei requisiti relativi agli adottanti dovrebbe, nell adozione internazionale, essere ancora più rigoroso, soprattutto sotto il profilo psicologico. Tale forma di adozione, comporta una maturità ed un impegno maggiori per i genitori, che dovranno aiutare il minore a superare le difficoltà di integrazione in una realtà per cultura, razza e tradizioni, profondamente diversa dalla sua. È per questo che il Tribunale si avvale dell ausilio dei Servizi sociali che, possono fornire una consulenza sulle capacità educative e sulle motivazioni della coppia a tale tipo di adozione. Con la legge n 184 del 1983, i coniugi potevano recarsi nel paese prescelto, prendere contatto con le famiglie o istituzioni di assistenza, direttamente o magari per mezzo di intermediari. Spesso, poi, il problema era quello dell accertamento dell effettiva situazione di abbandono. A tali inconvenienti, si tenta di porre rimedio con la Convenzione per la tutela dei bambini e per la cooperazione nell adozione internazionale, che costituisce il documento finale approvato all Aja il 29 maggio Tale documento è stato attuato nel nostro paese mediante la legge n 46 del 31 dicembre 1998, che tende ad ovviare alla compravendita dei minori. La suddetta legge, prevede che la Commissione per le adozioni internazionali e gli Enti autorizzati, ricoprano un ruolo fondamentale nello svolgimento della procedura. La Commissione, costituita presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, è presieduta da un magistrato esperto nel settore minorile ed è composta da 10 membri a prevalente nomina governativa. Esercita un ampio controllo sull ingresso del minore straniero in Italia, cura i rapporti con i richiedenti e con lo Stato di origine del minore. I compiti che esplica sono i seguenti: - cooperare con le Autorità centrali degli altri Stati per assicurare la protezione dei minori; - prendere tutte le misure idonee a prevenire profitti materiali indebiti, in occasione di un adozione; - prendere ogni misura idonea ad agevolare, seguire ed attivare la procedura in vista dell adozione; - autorizzare gli organismi ritenuti idonei a curare le pratiche di adozione internazionale e vigilare sulla loro attività; - dichiarare che l adozione curata dall Ente autorizzato, risponda al superiore interesse del minore;

10 - certificare la conformità dell adozione alla Convenzione, affinché essa possa essere riconosciuta di pieno diritto negli Stati contraenti; - autorizzare l ingresso e la residenza permanente del minore a scopo di adozione; - inviare, ogni due anni, una relazione al Presidente del Consiglio dei ministri sull andamento delle adozioni internazionali, sullo stato di attuazione della Convenzione dell Aja e sulla stipulazione di eventuali accordi bilaterali con Paesi non aderenti. Riguardo gli Enti autorizzati, è a questi che, gli aspiranti adottanti, devono necessariamente rivolgersi. Tali Enti, non possono avere scopo di lucro, devono essere composti da persone di provata moralità ed adeguata formazione in materia di adozione. Inoltre, devono avvalersi di professionisti esperti nel settore giuridico, sociale e psicologico ed avere sede in Italia. L Ente autorizzato, ha i seguenti obblighi: - informare e sostenere gli aspiranti genitori durante l intero corso della procedura; - prendere contatto con lo Stato straniero presso cui il minore è cittadino e svolgere le pratiche di adozione; - curare l incontro della coppia con il minore e l ingresso del medesimo in Italia; - richiedere alla Commissione l autorizzazione per l ingresso del minore nello Stato; - attuare misure di sostegno e di controllo per il periodo immediatamente successivo all adozione, in collaborazione con i Servizi sociali. Gli interventi di cui sopra, sono volti al sostegno della coppia aspirante all adozione ed alla garanzia del minore, al fine di garantire un corretto e trasparente svolgimento, contro abusi e comportamenti illegittimi. I coniugi che intendono adottare un minore straniero, residente all estero, devono richiedere una dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i minorenni. Questo, incarica i Servizi sociali locali, di svolgere le indagini per verificare l esistenza dei requisiti che consentono al Tribunale di pronunciare il decreto di idoneità. I presupposti, dunque i requisiti, per l adozione internazionale e nazionale sono i medesimi. Gli aspiranti adottanti che hanno ottenuto il decreto di idoneità, devono conferire l incarico di curare la procedura di adozione ad un Ente autorizzato, il quale svolgerà la pratiche di adozione presso le competenti autorità dello Stato estero. Anche per l adozione internazionale, si richiede che vi sia un minore in stato di abbandono e non sia possibile attivare, nei suoi riguardi, un provvedimento di protezione nel proprio Stato.

11 La Commissione, può comunicare ai genitori adottivi le informazioni che rilevano per lo stato di salute dell adottato. Commissione e Tribunale per i minorenni, conservano la documentazione sull origine del minore, l identità dei genitori biologici e l anamnesi familiare. Se l adozione è stata pronunciata nello Stato estero, prima dell ingresso del minore in Italia, il Tribunale verifica la sussistenza dello stato di adottabilità, l impossibilità di soluzioni alternative e in più, accerta che l adozione non sia contraria ai principi fondamentali del diritto di famiglia e dei minori. Il Tribunale per i minorenni, riconosce il provvedimento straniero come affidamento preadottivo, stabilendone la durata di un anno dall inserimento nella nuova famiglia. Durante tale periodo, i Servizi sociali locali e gli Enti autorizzati, assistono i genitori adottivi ed il minore. Controllano l andamento dell inserimento e segnalano al Tribunale per i minorenni eventuali difficoltà. Al termine dell affidamento preadottivo, il predetto Organo Giurisdizionale, se ritiene che la permanenza del minore nella casa dei coniugi affidatari sia rispondente all interesse dello stesso, emette il provvedimento di adozione. Riconosce, dunque, efficacia al provvedimento emesso dallo Stato straniero e ne ordina la trascrizione nei Registri dello stato civile. Nell ipotesi contraria può revocare il provvedimento a suo tempo emesso e disporre i provvedimenti ritenuti necessari per la protezione del minore. Può allontanare il minore dagli aspiranti adottanti, disporre un nuovo affidamento, oppure il ritorno del minore stesso nel paese d origine. Riguardo ai provvedimenti che dovranno essere emessi nei suoi confronti, l adottando se ha compiuto i 14 anni, dovrà manifestare il suo assenso. Se ha raggiunto 12 anni dovrà essere sempre sentito e se ha un età inferiore ai 12 anni, deve esser sentito ove ciò non alteri il suo equilibrio psico-emotivo, previa valutazione dello psicologo nominato dal Tribunale. Con l adozione, il minore straniero, acquista lo stato di legittimità e la cittadinanza italiana. I provvedimenti per l adozione emessi da Stati che non hanno aderito alla convenzione dell Aja, né hanno sottoscritto accordi bilaterali con l Italia, hanno efficacia a condizione che: il Tribunale per i minorenni accerti che l autorità straniera abbia emesso il provvedimento dopo aver verificato lo stato di abbandono; gli adottanti abbiano ottenuto il decreto di idoneità; le procedure siano state effettuate con l intervento della Commissione e di un Ente autorizzato; la permanenza del minore in Italia sia stata autorizzata dalla Commissione.

12 La pronuncia di adozione da parte dell Autorità centrale di uno Stato straniero, su istanza di cittadini italiani residenti in quello Stato, verrà automaticamente riconosciuta in Italia, con provvedimento del Tribunale per i minorenni e trascrizione nei registri dello stato civile, solo se i richiedenti dimostrano di risiedere continuativamente in quello Stato, da almeno due anni. La legge n 184 del 1983, integrata dalla n 149 del 2001, disciplina anche l adozione del minore italiano da parte di cittadini italiani o stranieri residenti all estero. Gli aspiranti adottanti presentano domanda al Tribunale tramite il Consolato. Il Tribunale, dopo i dovuti accertamenti, effettua l abbinamento e dispone l affidamento preadottivo. Dopo un anno dall affidamento, se l esito è positivo, il Tribunale emetterà il provvedimento motivato di adozione. In caso di esito negativo, il Console darà notizia al Tribunale per i minorenni che, potrà disporre il rimpatrio o l affidamento del minore ad un altra coppia di coniugi che ne abbiano fatto richiesta. L adozione in casi speciali L adozione in casi speciali, è un ipotesi residuale rispetto all adozione legittimante. Riguarda sempre i minori di età ed ha lo scopo di assicurare al minore l inserimento in un ambiente familiare tale da garantirgli l assistenza morale e materiale che, la famiglia d origine non è in grado di fornire. Le caratteristiche peculiari di tale istituto, sono la diversità di requisiti degli adottanti, la semplificazione della procedura, il consenso dell adottando e la revocabilità dell adozione. Questo tipo di adozione è consentita solo in ipotesi tassative: quando il minore sia orfano di entrambi i genitori e l adottante sia un parente entro il sesto grado, oppure, pur non essendo legato al minore da vincoli di parentela, abbia stabilito con quest ultimo un rapporto stabile e duraturo, preesistente alla morte dei genitori; quando l adottante è il coniuge del genitore del minore; quando sia impossibile l affidamento preadottivo; quando il minore sia affetto da handicap. I requisiti degli adottanti, sono meno rigidi rispetto a quelli previsti per l adozione legittimante. Così, non si richiede che gli adottanti siano uniti in matrimonio, ma l adozione è consentita anche al single. Se però l adottante è coniugato e non separato, il minore deve essere adottato anche dall altro coniuge.

13 Non è previsto un limite massimo di età per l adottante, è però necessario che, questi superi di almeno diciotto anni l età dell adottando, eccetto in caso di adozione del figlio del coniuge. È richiesto il consenso dell adottante e dell adottando, se quest ultimo ha compiuto quattordici anni, il consenso è prestato dal legale rappresentante. Se ha compiuto dodici anni, deve essere sentito personalmente; se ha un età inferiore, deve essere sentito in considerazione della sua capacità di discernimento. La protezione dell interesse del minore, deve essere affidata al giudizio obiettivo del magistrato e l intervento del legale rappresentante, viene considerato come parere. Con l adozione speciale, il minore entra a far parte della famiglia dell adottante, ma senza sciogliere i legami con la famiglia d origine. L adottante, ha l obbligo di mantenere, istruire e educare l adottato. Quest ultimo assume il cognome dell adottante e lo antepone al proprio. Riguardo ai principi successori, la posizione ereditaria del figlio adottivo, è equiparata a quella del figlio legittimo. All adottante, invece, non è attribuito nessun diritto di successione nei confronti dell adottato e dalla sua famiglia. L adozione dei minori in casi particolari, si concretizza in un rapporto personale esclusivo tra la persona dell adottato e quella dell adottante. Dunque non produce alcun rapporto civile tra l adottante e la famiglia dell adottato. In situazioni tassative, quando il rapporto adottivo non consente più di perseguire le finalità che ne hanno motivato la costituzione, è ammessa la facoltà di revoca. La revoca opera per indegnità dell adottato o dell adottante, dunque se: l adottato maggiore di quattordici anni ha attentato alla vita dell adottante, del coniuge, dell ascendente e dei discendenti, ovvero si sia reso colpevole verso di loro di delitto punibile con pena non inferiore a tre anni; i medesimi fatti delittuosi siano stati posti in essere dall adottante ai danni dell adottato o del coniuge o dei discendenti o degli ascendenti di quest ultimo. La richiesta di revoca, può essere presentata dall adottante, dall adottato o dal Pubblico Ministero. Il Tribunale, sentite le parti, provvede alla pronuncia della sentenza. Inoltre, può dare provvedimenti opportuni circa la cura del minore, la rappresentanza e l amministrazione dei suoi beni. Conseguenza definitiva della sentenza, è l estinzione di tutti gli effetti sia di natura personale che patrimoniale, scaturiti dalla sentenza di adozione. L adozione dei maggiori di età

14 L adozione dei maggiori di età, è diretta sostanzialmente a tutelare le aspettative successorie. L adottante deve aver compiuto i 35 anni di età e superare di almeno 18 anni l età dell adottato. In casi eccezionali, il Tribunale può autorizzare l adozione se l adottante ha raggiunto i 30 anni. L adottando non può essere figlio adottivo di altra persona e figlio naturale dell adottante. Perché possa aver luogo l adozione, si richiede il consenso dell adottando, dell adottante e l assenso dei genitori e dei coniugi se, non vi è separazione legale. Finché il decreto di adozione non è emanato, il consenso può essere revocato. Il Tribunale, deve accertare che l adozione sia conveniente per l adottando, che sussistano tutte le condizioni volute dalla legge e l esistenza dei consensi e assensi. Se vi sono i presupposti, il Tribunale, con sentenza, disporrà l adozione. Questa diverrà definitiva se non verrà impugnata entro 30 giorni davanti alla Corte d appello. L adottato acquista il cognome dell adottante e lo antepone al proprio; conserva tutti i doveri e diritti verso la sua famiglia d origine; non si instaura alcun rapporto civile tra adottante e famiglia dell adottato, né tra quest ultimo e la famiglia dell adottante, salve le eccezioni stabilite dalla legge. L adozione non attribuisce alcun diritto di successione all adottante. L adottato, invece, acquista i normali diritti successori spettanti ai figli legittimi. Anche questo tipo di adozione, può essere revocata per indegnità dell adottato o dell adottante. Può essere pronunciata dal Tribunale, su istanza dell adottato, dell adottante, dei discendenti o ascendenti. Gli effetti dell adozione cessano quando passa in giudicato la sentenza di revoca. Riferimenti bibliografici Autorino Stanzione G., (a cura di), La filiazione. La potestà dei genitori, in Il diritto di famiglia nella dottrina e nella giurisprudenza Vol. IV, G. Giappichelli Editore, Cenci P., L'affidamento e l'adozione dei minori: dottrina e giurisprudenza, Pirola, Milano, Cendon P., (a cura di), La famiglia, vol. VII, Adozione (tomo primo), di Urso, E., Utet, Torino, De Curtis C., La normativa in materia di adozione e affidamento, in Petruccelli F., Petruccelli I., (a cura di), Argomenti di psicologia giuridica, Franco Angeli, Milano, Lorenzini S., Adozione internazionale: genitori e figli tra estraneità e familiarità, Alberto Perdista Editore, Mari L., Il tribunale per i Minorenni in ambito civile, in Petruccelli F., Petruccelli I., (a cura di), Argomenti di psicologia giuridica, Franco Angeli, Milano, 2004.

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26 aprile 2001) MODIFICHE ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N. 184, RECANTE DISCIPLINA DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO DEI MINORI, NONCHE

Dettagli

Legge 28 marzo 2001 n. 149

Legge 28 marzo 2001 n. 149 Legge 28 marzo 2001 n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile TITOLO I

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI Legge 4 maggio 1983, n. 184 (1) (2) (1/circ) Diritto del minore ad una famiglia 175 TITOLO I PRINCIPI GENERALI (3) Art. 1 1. Il minore ha

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

CODICE CIVILE LIBRO I. Titolo VIII. Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I. Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti

CODICE CIVILE LIBRO I. Titolo VIII. Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I. Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti CODICE CIVILE LIBRO I Titolo VIII Dell'adozione di persone maggiori di età CAPO I Dell'adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti Art. 291 Condizioni L'adozione è permessa alle persone che

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Preambolo...1 Articolo 1...1 Articolo 6...1 Articolo 7...2 Articolo 8...2 Articolo 9...2 Articolo 11...2

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Le Adozioni Affinchè si possa dar luogo all adozione è necessaria: la dichiarazione dello stato di abbandono di un minore l'idoneità dei

Dettagli

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale Caso 5.6 5. L adozione internazionale A quale autorità giudiziaria gli adottanti devono ricorrere qualora, a seguito di una dichiarazione di adozione emessa dallo stato ucraino, gli stessi lamentino che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

Adozione eaffidamento

Adozione eaffidamento Adozione eaffidamento In materia di adozione e affidamento è necessario illustrare separatamente il caso dell adozione internazionale rispetto al caso dell adozione nazionale, sebbene dal punto di vista

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA Prima della firma della Convenzione de L Aja sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (1995), in Polonia l adozione era regolata

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione...

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... openproject RACCONTARE GLI ANELLI DEBOLI Seminario di informazione sui temi sociali per i giornalisti delle Marche Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... 5 Novembre 2010 Comunità di

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VIII Dell'adozione di persone maggiori di età Capo I Dell'adozione di persone maggiori di età e dei

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5. BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5. BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità C i r c o l a r i E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5 BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177

Dettagli

Il percorso di conoscenza e valutazione consiste in alcuni colloqui con l assistente sociale e lo psicologo, ed in una visita domiciliare.

Il percorso di conoscenza e valutazione consiste in alcuni colloqui con l assistente sociale e lo psicologo, ed in una visita domiciliare. L Affidamento Familiare Che cos è l affidamento familiare: L affidamento familiare è un intervento temporaneo di aiuto e di sostegno ad un minore ed alla sua famiglia che si trova a vivere una situazione

Dettagli

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona.

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona. PICCOLO GLOSSARIO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Strumento giuridico di protezione personalizzata della persona maggiorenne non autosufficiente, a seguito di una menomazione o di una infermità fisica o psichica

Dettagli

TAVOLO NAZIONALE AFFIDO

TAVOLO NAZIONALE AFFIDO NOTA del TAVOLO NAZIONALE AFFIDO sul Testo Unificato presentato dalla Commissione Giustizia del Senato della Repubblica inerente il Disegno di Legge S. 1209 (Puglisi) in materia di adozioni dei minori

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

SENTENZA N.385 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

SENTENZA N.385 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA N.385 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente - Fernanda CONTRI Giudice - Guido NEPPI MODONA

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 28 dicembre 2013, n. 154. Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

z âw vxwéççta à Numero 2/2015

z âw vxwéççta à Numero 2/2015 Il diritto di famiglia in Marocco e in Italia La giurisdizione italiana e i rapporti tra le due giurisdizioni La legge italiana sull adozione (l. n. 184 del 1983, modif. dalla l. n. 149 del 2001) prevede,

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura di giudice

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Titolo I - Principi generali art. 1. Titolo I-bis - Dell'affidamento del minore artt. 2-5

Titolo I - Principi generali art. 1. Titolo I-bis - Dell'affidamento del minore artt. 2-5 Diritto del minore ad una famiglia LEGGE 4 maggio 1983, n. 184 (S.O. alla G.U. 133 del 17.05.1983) [coordinata con Legge 28.03.2001, n. 149 che ne ha anche variato il titolo] Titolo I - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N.6

AMBITO TERRITORIALE N.6 AMBITO TERRITORIALE N.6 Comune Capofila Grottaglie, Comune di Carosino, Comune di Faggiano, Comune di Leporano, Comune di Monteiasi, Comune di Montemesola, Comune di Monteparano, Comune di Pulsano, Comune

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con deliberazione consiliare n. del I N D I C E Art. 1. Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE Premessa Art. 1 L affidamento familiare Art. 2 L affidamento familiare e la

Dettagli

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. E questo il senso della riforma che

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido >> Perché l'affido familiare dei minori >> Che cos'é l'affido >> Chi può fare l'affido e come >> Tipologie dell'affido >> Le forme dell'affido >> I soggetti dell'affido >> I soggetti dell'affido Il bambino/ragazzo:

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli