L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio ANNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO"

Transcript

1 L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio ANNO

2

3 LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di intervento Funzione di giudizio e di decisione Collocazione stabile Tribunale dei minori (istituzionale) Tribunale di sorveglianza Collocazione temporanea (situazionale)

4

5 Sono esperti nelle scienze umane. IL GIUDICE ONORARIO La composizione mista del Tribunale per i Minorenni assicura una valutazione finale equilibrata e completa, riguardo a tutto ciò che attiene materia di minore. La nuova legge sull adozione, accentua il ruolo del giudice minorile, quale interprete delle norme e garante della loro corretta applicazione. La funzione che svolge non è solo formale, ma di verifica, valutazione ed approfondimento, ogni storia è unica. Di età tra i 30 e i 72 anni; che non abbia riportato condanne. L incarico è triennale.

6 un'«opportunità di dare una famiglia permanente a quei minori per i quali non può essere trovata una famiglia idonea nel loro Stato di origine»

7 Fattori di rischio: Situazioni che interferiscono con il naturale procedere dell iter di crescita ostacolando i percorsi di sviluppo. Fattori protettivi: Individuali Sociali resilienza, capacità di far fronte alle situazioni di stress. sistema familiare e sistema di supporto esterno

8 Il minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo può essere affidato ad un altra famiglia, o ad una persona singola o ad una comunità di tipo familiare che assicuri mantenimento economico e istruzione. Mantenendo il diritto del minore di essere educato nella propria famiglia di origine FIGURE PROFESSIONALI COINVOLTE Assistente Sociale: analizza gli aspetti pratici e materiali della famiglia di origine e di quella affidataria. Psicologo: valuta gli aspetti della sofferenza e le potenzialità psicologiche ed affettive.

9 AFFIDAMENTO FULL TIME PART TIME Intervento del tribunale gravi carenze educative incurie problemi dei genitori (droga, alcool, detenzione, prostituzione, disturbo cognitivo, malattia mentale) Consenso della famiglia di origine: disgregazione familiare precarietà lavorativa disagio abitativo difficoltà economiche.

10 AFFIDAMENTO CONSENSUALE con durata superiore ai 6 mesi i servizi sociali predispongono l affido il giudice tutelare lo rende esecutivo AFFIDAMENTO GIUDIZIARIO con durata superiore ai 6 mesi il Tribunale dei Minori predispone l affido, attraverso un decreto i servizi sociali lo organizzano Sospesa la responsabilità genitoriale vengono nominati : TUTORE PROVVISORIO CURATORE SPECIALE

11 la temporaneità - l'affido familiare non è definitivo e il minore, a differenza dell'adozione, non ha lo status di figlio il mantenimento dei rapporti con la famiglia di origine. rientro del minore nella famiglia di origine al termine della fase che impediva alla famiglia originaria di occuparsi del figlio stesso in maniera adeguata.

12 - Maltrattamento - Abuso sessuale - Trascuratezza - Violenza psicologica Obiettivo Psicologia s.r.l.

13 Un bambino può esser adottato solo dopo che sia stato accertato il suo stato di abbandono

14 Decadenza della responsabilità genitoriale (nell'ipotesi di maltrattamenti e abusi nei confronti del figlio, o in caso di comprovata incapacità di capire i bisogni del minore con coartazione psicologica da parte del genitore) Non riconoscimento alla nascita da parte di entrambi i genitori (30 giorni dalla nascita) Genitori omissivi rispetto al loro ruolo di genitore

15 Il criterio fondamentale alla base dell adottabilità del minore è lo STATO DI ABBANDONO. La famiglia deve essere sostenuta e supportata per evitare l allontanamento dei figli. L 184/1983 e successive modifiche L149/2001: Adozione Nazionale e Internazionale : la valutazione della coppia adottiva viene realizzata di volta in volta rispetto alle esigenze del bambino e in base alla capacità degli adulti di instaurare con lui una relazione

16 La procedura prevede che prima debba essere sentito il minore che abbia compiuto gli anni 12. Anche il minore d età inferiore dovrà essere ascoltato in relazione alla sua capacità di discernimento. Inoltre il minore deve esprimere consenso esplicito all adozione e l eventuale discendente legittimo della coppia adottante deve essere sentito in merito alla domanda di adozione. Il servizio sociale svolge, inoltre, opera di sostegno educativo e psicologico, avvalendosi delle altre strutture specialistiche del territorio. L adulto con l acquisizione della genitorialità assume verso la prole doveri e responsabilità più che diritti.

17 Il soggetto principale è il MINORE e i suoi diritti. Ogni bambino ha diritto di esser amato e di crescere in una famiglia. Ogni bambino ha diritto di esser adottato nel proprio paese d origine. La ricerca della famiglia sostitutiva parte dall esigenza del minore e non dai bisogni di genitorialità. AFFIDAMENTO PRE-ADOTTIVO: periodo di tempo limitato in cui il minore viene collocato provvisoriamente presso apposite strutture o all interno dell ipotetica nuova famiglia.

18 CARATTERISTICA DELL IDONEITÀ GENITORIALE È LA CAPACITÀ DI SAPER ACCOGLIERE COME RICCHEZZA, E NON COME LIMITE, LA DIVERSITÀ CULTURALE DEL MINORE IN STATO DI ABBANDONO

19 Gli adottandi devono essere uniti in matrimonio, da almeno 3 anni, non deve sussistere separazione personale neppure di fatto e devono essere idonei ad educare, istruire ed in grado di mantenere i minori che intendano adottare. Il periodo dei 3 anni può essere raggiunto computando anche eventuale periodo di convivenza pre-matrimoniale more uxorio. La differenza di età tra gli adottandi e l'adottato deve essere compresa dai 18 ai 45 anni. Inoltre potrebbe essere derogato tale limite a patto che i coniugi adottino due o più fratelli assieme o se hanno un altro figlio minorenne.

20 I coniugi devono esser affettivamente idonei e capaci di educare, istruire, e mantenere i minori che intendono adottare. Tali requisiti sono oggetto dell indagine delle équipe territoriali.

21 I SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI: In Abruzzo sono state istituite 12 équipe territoriali per le adozioni internazionali. Sono costituite da un assistente sociale del Comune e da uno psicologo dei Consultori familiari delle ASL. Si occupano: - Informare le coppie sull adozione nazionale e internazionale e sulle relative procedure; - Di formare gli aspiranti coniugi all adozione; - Di valutare i requisiti della coppia ai fini dell idoneità; - Di sostenere la famiglia e i minori per una loro corretta integrazione familiare e sociale.

22 Dichiarazione di disponibilità della coppia all adozione da inviare al tribunale dei Minori che entro 15 giorni dovrà inviare ai servizi territoriali Servizi Territoriali incontrano le coppie che si dichiarano disponibili ad adottare un minore (analizzano la storia familiare, individuale, la relazione di coppia, le motivazioni che spingono alla richiesta di adozione, l eventuale sterilità, fantasie sul bambino, modi di intendere la funzione genitoriale, ) entro 4 mesi dovranno stilare una relazione sull idoneità ad adottare e la invieranno al tribunale M.

23 il tribunale M. ha 2 mesi per pronunciarsi sulla sussistenza dei requisiti richiesti, espletate le sue indagini, chiede il parere del PMM se viene accordato La coppia entrerà nella banca dati del TM dopo l approvazione della C.di C. dopo 3 anni è necessario rifare la domanda Obiettivo Psicologia s.r.l. Camera di Consiglio per l abbinamento di quel minore a quella coppia viene dato 1 anno di affidamento pre-adottivo prima di riconoscere l adozione IL MINORE HA DIRITTO DI CONOSCERE LA SUA REALTA BIOLOGICA al compimento del 25 compleanno, salvo contraria espressione del genitore naturale, tale diritto è anticipato al 18 anno nei casi in cui vi siano gravi motivi di salute psicofisica del ragazzo.(l. 149/01)

24 Se sono presenti gravi motivi (certificati da relazioni da parte degli operatori dei Servizi Pubblici) viene valutato lo stato di abbandono del minore, il Tribunale per i Minori emette il "Decreto di adottabilità" viene fatta una valutazione fra le famiglie che hanno dato la disponibilità all'adozione e che possono esser ritenute abbinabili e compatibili con quel bambino. Il bambino viene collocato provvisoriamente in una di queste famiglie con un decreto di affidamento pre-adottivo temporaneo.

25 Il bambino, abbandonato, viene accolto da una famiglia in affidamento familiare provvisorio durante il tempo necessario al completamento del procedimento per l adottabilità. La fase di rischio giuridico si pone tra la notifica del provvedimento dello stato di adottabilità del minore e la fine dell iter processuale in caso di ricorso da parte dei genitori del minore, del pubblico ministero o dei parenti entro il IV grado. La madre, il padre e i parenti biologici fino al 4 grado che abbiano rapporti significativi col minore, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento di adottabilità, possono procedere con l impugnazione nei diversi gradi di giudizio il rischio giuridico è che di fronte ad un ricorso legale alla dichiarazione di adottabilità il bimbo possa rientrare nella situazione precedente all affido temporaneo.

26 Dichiarazione di disponibilità della coppia all adozione da inviare al tribunale dei Minori che entro 15 giorni dovrà inviare ai servizi territoriali Servizi Territoriali incontrano le coppie che si dichiarano disponibili ad adottare un minore straniero (analizzano la storia familiare, individuale, la relazione di coppia, le motivazioni che spingono alla richiesta di adozione, l eventuale sterilità, fantasie sul bambino, modi di intendere la funzione genitoriale, ) entro 4 mesi dovranno stilare una relazione sull idoneità ad adottare e la invieranno al tribunale M.

27 il tribunale M. ha 2 mesi per pronunciarsi sulla sussistenza dei requisiti richiesti, espletate le sue indagini, chiede il parere del PMM se viene accordato Verrà emesso il decreto di idoneità genitoriale in C. di C. Con tale decreto la coppia potrà rivolgersi ad un Ente e procedere per l adozione internalzionale Il minore ha già ottenuto decreto di adottabilità Che verrà convalidato anche in Italia e verrà trascritto nel registro delle adozioni (quando il minore entra con il decreto di affidamento preadottivo, si procede come l adozione nazionale con 1 anno di aff.pre.adott. Prima della trascrizione al registro adozioni ) IL MINORE HA DIRITTO DI CONOSCERE LA SUA REALTA BIOLOGICA al compimento del 25 compleanno, salvo contraria espressione del genitore naturale, tale diritto è anticipato al 18 anno nei casi in cui vi siano gravi motivi di salute psicofisica del ragazzo (L. 149/2001).

28 C.A.I. Commissione per le Adozioni Internazionali È l autorità centrale italiana referente generale per le adozioni con gli stati esteri: - Controlla le procedure di adozione, collaborando con le autorità degli stati convenzionati; - Autorizza e vigila gli Enti autorizzati, pubblici e privati, attraverso l istituzione di un albo; - Promuove iniziative di formazione, informazione e studio sulle tematiche legate all adozione.

29 La coppia inizia la pratica con l Ente autorizzato L Ente trasmette al paese straniero tutta la documentazione necessaria affinchè le Autorità straniere formulino le proposte di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore L Ente trasmette alla coppia tutte le informazioni che riguardano il bambino da adottare e verifica l effettiva disponibilità ad accogliere la proposta di incontro La coppia si deve recare nel paese d origine del bambino e soggiornare per il periodo richiesto dal singolo Stato Se gli incontri si concludono con parere positivo dell autorità del paese Estero, viene emesso il provvedimento dal giudice straniero alla CAI e al TM

30 La commissione autorizza l ingresso e la residenza permanente del bambino adottato in Italia Dopo il periodo di affidamento preadottivo, per gli stati che lo richiedono, il TM verifica che nel provvedimento di adozione straniero risulti la sussistenza delle condizioni previste dall art. 2 della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia Il TM ordina la trascrizione del provvedimento di adozione nel registro dello stato civile.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Le Adozioni Affinchè si possa dar luogo all adozione è necessaria: la dichiarazione dello stato di abbandono di un minore l'idoneità dei

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

L affidamento familiare e la filiazione adottiva

L affidamento familiare e la filiazione adottiva L affidamento familiare e la filiazione adottiva D ANGIO G., RECCO A., OTTOBRE P., LEGA G. L affidamento familiare L affidamento familiare, così come l adozione, è un istituto disciplinato dalla legge

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione.

Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Premessa Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Il testo fornisce le principali indicazioni relative al procedimento di adozione nazionale ed internazionale

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como adozione e affido come orientarsi, a chi rivolgersi Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell'ambito della propria famiglia. Questo è

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Adozione eaffidamento

Adozione eaffidamento Adozione eaffidamento In materia di adozione e affidamento è necessario illustrare separatamente il caso dell adozione internazionale rispetto al caso dell adozione nazionale, sebbene dal punto di vista

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini e Tamara Zangheri - Azienda Usl di Rimini, S.S. Responsabilità genitoriale

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

Chi può Adottare: Requisiti per l adozione nazionale ed internazionale.

Chi può Adottare: Requisiti per l adozione nazionale ed internazionale. Chi può Adottare: Requisiti per l adozione nazionale ed internazionale. I requisiti per l adozione nazionale ed internazionale sono gli stessi, e sono previsti dall art. 6 della legge 184/83 (modificata

Dettagli

I SIGNIFICATI DELL ADOZIONE

I SIGNIFICATI DELL ADOZIONE Corso di Laurea specialistica (ordinamento ex D.M. 509/1999) in POLITICHE E SERVIZI SOCIALI Tesi di Laurea I SIGNIFICATI DELL ADOZIONE Dal desiderio di un figlio a tutti i costi ad un progetto di tutela

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014 REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Art.1 - FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1 INDICE Prefazione...p. XV La filiazione: profili generali... 1 I AZIONE DI DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ Introduzione... 9 1 Disconoscimento della paternità in caso di mancata prova dell adulterio della

Dettagli

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO 1 ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO Premessa La Convenzione dell Aja (1993) riconosce che l adozione internazionale può offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

L adozione internazionale in 10 domande

L adozione internazionale in 10 domande L adozione internazionale in 10 domande Comune di Olbia Istituto degli Innocenti di Firenze L adozione internazionale in 10 domande L adozione internazionale è un esperienza complessa e delicata insieme,

Dettagli

SCHEDA TEMATICA MISURE DI PROTEZIONE

SCHEDA TEMATICA MISURE DI PROTEZIONE SCHEDA TEMATICA MISURE DI PROTEZIONE Indice tematico: Nota introduttiva 1. Adozioni nazionali ed internazionali 2. Affido familiare 3. Abusi e maltrattamenti sui minori 4. Trattamento dei minorenni sottoposti

Dettagli

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO B53I12000030003 Articolo curato da Patrizia

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

LINEE GUIDA REGIONALI ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Giunta Regionale della Campania LINEE GUIDA REGIONALI ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Delibera n 1666 del 24 aprile 2002 Pubblicato sul Bollettino Ufficiale delle Regione Campania n 29 del 17 giugno

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

Regione Toscana. I percorsi dell adozione in Toscana Documenti, strumenti ed esperienze

Regione Toscana. I percorsi dell adozione in Toscana Documenti, strumenti ed esperienze Regione Toscana I percorsi dell adozione in Toscana Documenti, strumenti ed esperienze I s t i t u t o d e g l i I n n o c e n t i Regione Toscana I PERCORSI DELL ADOZIONE IN TOSCANA Documenti, strumenti

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

Premessa. Servizio programmazione interventi sociali testo esito dell incontro del tavolo tecnico del 15 dicembre 2009. 1

Premessa. Servizio programmazione interventi sociali testo esito dell incontro del tavolo tecnico del 15 dicembre 2009. 1 Protocollo regionale di intesa in materia di adozione internazionale tra Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Aziende per i Servizi sanitari, Enti autorizzati di cui all articolo 39 ter della legge

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ADOZIONI PER UN PERCORSO METODOLOGICO: DALLA FASE PREPARATORIA ALL ABBINAMENTO AL POST ADOZIONE

LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ADOZIONI PER UN PERCORSO METODOLOGICO: DALLA FASE PREPARATORIA ALL ABBINAMENTO AL POST ADOZIONE ALLEGATO D) LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ADOZIONI PER UN PERCORSO METODOLOGICO: DALLA FASE PREPARATORIA ALL ABBINAMENTO AL POST ADOZIONE Premessa La legge n. 184/1983, Diritto del minore ad una famiglia,

Dettagli

Bonus bebè, ecco come fare per ottenere l'assegno

Bonus bebè, ecco come fare per ottenere l'assegno Bonus bebè, ecco come fare per ottenere l'assegno I requisiti, gli importi, le modalità di presentazione della domanda ed esempi pratici nella circolare Inps n. 93 dell'8.5.2015. Con Decreto del Presidente

Dettagli

PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI

PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Con i protocolli contenuti in questa pubblicazione intendiamo formulare risposte innovative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011)

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011) CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI (aggiornamento 28.10.2011) PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono

Dettagli

PRESENTAZIONE. L Assessore alle Politiche Sociali

PRESENTAZIONE. L Assessore alle Politiche Sociali 1 2 PRESENTAZIONE Compito di un Amministrazione è quello di rendere conoscibili e fruibili i diversi servizi offerti sul territorio, ed è appunto in quest ottica che è stata realizzata questa Guida ai

Dettagli

Il Servizio Alto Adige

Il Servizio Alto Adige Il Servizio Adozioni Alto Adige Da giugno del 2010 è attivo il Servizio Adozioni Alto Adige gestito dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano che, su delega della Provincia Autonoma di Bolzano, garantisce

Dettagli

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3)

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3) L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 maggio 1983, n. 133, S.O. (2) Titolo così sostituito dall'art. 1, L. 28 marzo 2001, n. 149. TITOLO

Dettagli

Iter Adottivo Fasi: pre-adottiva e post-adottiva Icompiti del GVS fra compito informativo e compito formativo del GVS. Il compito informativo

Iter Adottivo Fasi: pre-adottiva e post-adottiva Icompiti del GVS fra compito informativo e compito formativo del GVS. Il compito informativo Iter Adottivo Fasi: pre-adottiva e post-adottiva Icompiti del GVS Occorre, in primo luogo, distinguere fra compito esclusivamente informativo e compito più specificatamente formativo del GVS. Il compito

Dettagli

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98)

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) COMUNE DI IMPRUNETA (Provincia di Firenze) Servizio Affari Generali Ufficio Socio Educativo Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

Tutela, affidamento e adozione dei minori

Tutela, affidamento e adozione dei minori 15 gennaio 2002 Tutela, affidamento e adozione dei minori Anni 1995-2000 I dati qui presentati, frutto della collaborazione tra l Istat e il Ministero della giustizia, illustrano le principali forme di

Dettagli

3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF

3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF 3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF Le borse di studio ed i prestiti d onore del Fondo giovani sono concessi a soggetti la cui condizione economica familiare rientra nei limiti stabiliti

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Assessorato al Welfare e Lavoro. Assessore Teresa Angela Migliasso. Direttore Giampaolo Albini. A cura di:

REGIONE PIEMONTE. Assessorato al Welfare e Lavoro. Assessore Teresa Angela Migliasso. Direttore Giampaolo Albini. A cura di: A B C D E L L A D O Z I O N E I n f o r m a z i o n i p e r l e c o p p i e c h e s i a v v i c i n a n o a l p r o g e t t o a d o t t i v o 1 REGIONE PIEMONTE Assessorato al Welfare e Lavoro Assessore

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

UNIONE ITALIANI NEL MONDO

UNIONE ITALIANI NEL MONDO IM UNIONE ITALIANI NEL MONDO CITTADINANZA ITALIANA DIRITTI E PROCEDURE Introduzione Il possesso della cittadinanza italiana indica l appartenenza allo Stato italiano e serve per avvalersi dei diritti

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5 Carta dei Servizi La Carta dei Servizi è lo strumento fondamentale per conoscere con chiarezza le attività ed i servizi offerti da CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali Indice

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA (Art.31 della legge 4 maggio 1983. n.184) INTERNATIONAL ADOPTION - Associazione per la Famiglia, con sede legale e operativa

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CARUSO, CHAOUKI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CARUSO, CHAOUKI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 653 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARUSO, CHAOUKI Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, concernenti la riforma della disciplina

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

Disegni e proposte di legge in tema di adozione e affido. appunti del dott Garau, Presidente Ordine Psicologi della Sardegna

Disegni e proposte di legge in tema di adozione e affido. appunti del dott Garau, Presidente Ordine Psicologi della Sardegna Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza Affi damento, accoglienza dei minori in strutture, soggiorni solidaristici e cooperazione internazionale: proposte a confronto appunti del dott Garau, Presidente

Dettagli

a cura di Laura Gaiotti e Monica Terzago

a cura di Laura Gaiotti e Monica Terzago COORDINAMENTO DEGLI OPERATORI DEI SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE - 21 MARZO 2006 - OSSERVAZIONI 1 SULLA NUOVA LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

R E G I O N E M O L I S E ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SERVIZIO PROMOZIONE E TUTELA SOCIALE. DIRETTIVA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE dei minori

R E G I O N E M O L I S E ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SERVIZIO PROMOZIONE E TUTELA SOCIALE. DIRETTIVA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE dei minori R E G I O N E M O L I S E ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SERVIZIO PROMOZIONE E TUTELA SOCIALE Allegato A DIRETTIVA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE dei minori INDICE pag. 1 DIRETTIVA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

VADEMECUM AREA MINORI E FAMIGLIE

VADEMECUM AREA MINORI E FAMIGLIE VADEMECUM AREA MINORI E FAMIGLIE PREMESSA L Azienda Servizi Sociali di Bolzano, attraverso il vademecum minori e famiglie ha perseguito l obiettivo di elaborare uno strumento di lavoro comune per le assistenti

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali L adattamento del testo alla provincia di Rimini è stato

Dettagli

PROPOSTA DI PROTOCOLLO

PROPOSTA DI PROTOCOLLO PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO E RIGUARDANTI MINORI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDIZIALE, MODIFICA GIUDIZIALE DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE

Dettagli

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 20 settembre 2012)

Dettagli

Crescere i figli degli altri

Crescere i figli degli altri Crescere i figli degli altri 9 novembre 2011, Incontro di formazione FormAzione Joseph Moyersoen, esperto di programmi di cooperazione allo sviluppo in materia di giustizia minorile, giudice onorario presso

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTE DI LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido, quale spunto di riflessione per l individuazione di un modello e di strumenti di lavoro omogenei ed efficaci

Dettagli

Il percorso delle adozioni della regione Emilia-Romagna: dalle linee di indirizzo ai programmi provinciali di Monica Malaguti (ottobre 2006) Indice

Il percorso delle adozioni della regione Emilia-Romagna: dalle linee di indirizzo ai programmi provinciali di Monica Malaguti (ottobre 2006) Indice Il percorso delle adozioni della regione Emilia-Romagna: dalle linee di indirizzo ai programmi provinciali di Monica Malaguti (ottobre 2006) Indice Premessa pag. 4 Verso le linee di indirizzo regionali

Dettagli

PREMESSA ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

PREMESSA ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Allegato alla deliberazione di Assemblea Consortile n 10 del 29/11/2012 REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEI GENITORI AL PAGAMENTO DELLE RETTE DEI MINORI INSERITI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O IN PARTICOLARI

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli