Un bimbo, una famiglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un bimbo, una famiglia"

Transcript

1 L INCHIESTA Adozione ed affido Un bimbo, una famiglia 10 Piccolo viaggio nel mondo delle adozioni e dell affido familiare. Dove si scopre che il Veneto... Circa 12 coppie del Veneto, su 100 mila residenti di età compresa fra i 30 ed i 59 anni, ogni anno, chiedono un bimbo in adozione. E sono esattamente 137 quelle che l hanno fatto, per quanto riguarda le adozioni internazionali, nel primo semestre In numeri assoluti il Veneto è la seconda regione in Italia come coppie, che dal 2001 ad oggi, hanno ottenuto un figlio adottivo proveniente da uno stato estero. Sono contro le della Lombardia. Seguono, distaccate, il Lazio (863) e la Toscana (863). In pratica, su 100 coppiie che ogni anno chiedono di adottare un figlio all estero, undici sono venete. Un ulteriore segnale di sensibilità verso il più debole, di etnia e colore diversi, che cozza decisamente contro gli stereotipi correnti. E non è certo un percorso semplicissimo, ottenere un figlio in adozione. I requisiti, molto rigidi nella legislazione italiana al fine di proteggere il minore, sono gli stessi sia per l adozione nazionale, sia per quella internazionale. Sono previsti dall art. 6 della legge 184/83 (modificata dalla legge 149/2001) che disciplina l adozione e l affidamento: "L adozione è permessa ai coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni, o che raggiungano tale periodo sommando alla durata del matrimonio il periodo di convivenza prematrimoniale, e tra i quali non sussista separazione personale neppure di fatto e che siano idonei ad educare, istruire ed in grado di mantenere i minori che intendano adottare." Riguardo all età, secondo la legge: la differenza minima tra adottante e adottato è di 18 anni, mentre la differenza massima tra adottanti ed adottato è di 45 anni per uno dei coniugi, di 55 per l'altro. Tale limite può essere derogato se i coniugi adottano due o più fratelli, ed ancora se hanno un figlio minorenne naturale o adottivo. Ciò vuol dire, per esempio, che se la futura madre ha 47 anni ed il futuro padre 56, la coppia può adottare un bambino non più piccolo di 2 anni. Se la futura madre ha 54 anni ed il futuro padre 63, la coppia può adottare un bambino non più piccolo di 8 anni. Se la futura madre ha 50 anni ed il futuro padre 68, la coppia può adottare un ragazzino di 13. I limiti introdotti dalla legge garantiscono all adottato genitori idonei ad allevarlo e seguirlo fino all età adulta, in una condizione analoga a quella di una genitorialità naturale. Questo secondo la nostra legge. Poiché, però, l'abbinamento con il bambino adottabile è deciso dall'autorità straniera, i limiti che il nostro legislatore ha spostato molto in avanti, per permettere anche a coppie non giovani di adottare, hanno poca efficacia nella realtà, perché la maggior parte dei paesi stranieri privilegia le coppie giovani. Quindi, per adottare bisogna: essere in due; essere coniugati al momento della presentazione della dichiarazione di disponibilità; provare documentalmente o per testimonianza, ove il matrimonio sia stato contratto da meno di tre anni, la continua, stabile, perdurante convivenza antecedentemente alla celebrazione del matrimonio per un periodo almeno pari al complemento a 3 anni; non avere in corso nessun procedimento di separazione, nemmeno di fatto. Infine, gli aspiranti genitori adottivi devono essere idonei ad educare ed istruire, e in grado di mantenere i minori che intendono adottare. È chiaro che per questi ultimi requisiti non si può procedere, come per i precedenti, con una semplice verifica formale, ma occorre una valutazione più complessa nel merito, cioè nei contenuti e nelle modalità del rapporto di coppia, che viene espletata dai Tribunali per i minorenni e realizzata tramite i servizi socio-assistenziali degli Enti locali, anche in collaborazione con i servizi delle aziende sanitarie locali; e ciò perché l'interdisciplinarità è necessaria per un'osservazione corretta della relazione di coppia e della sua reale disponibilità ad accogliere un figlio, delle sue risorse a fronteggiare le eventuali difficoltà di inserimento.

2 Ma una sentenza della Corte Costituzionale potrebbe cambiare tutto Secondo una sentenza di luglio scorso della Corte Costituzionale, anche in Italia i single possono adottare un bimbo. Cosa che già accade in molti stati esteri, ma che, come abbiamo visto, in Italia non è ancora contemplato dalle leggi vigenti. La storica sentenza ha premiato la tenacia di una donna cagliaritana, da luglio neomamma di una piccola bielorussa. Non ci speravo quasi più nella Corte costituzionale. Ma per Natasha avrei combattuto ancora una lunga battaglia durata otto anni, ha dichiarato alla stampa Annalisa Dessalvi, la donna cagliaritana che grazie ad una sentenza della Corte costituzionale diventerà la prima single italiana ad adottare un minore: una bambina bielorussa conosciuta nel 1997 e giunta in Italia a trascorrere le vacanze con un gruppo di bambini di Chernobyl. Ho sempre saputo ciò che stavo facendo, la tremenda lotta giudiziaria che stavo portando avanti. Spero che il mio diventi un caso pilota. Natasha è cresciuta in una situazione di terribile degrado familiare - ha raccontato la neo mamma - è da anni in un istituto e ha un handicap legato all'udito. Sono certa che nelle decisioni dei giudici costituzionali queste circostanze hanno avuto il loro peso. Il governo di Minsk fa di tutto per impedire le adozioni e i viaggi in Italia dei bambini di Chernobyl. La propaganda dice loro che qui verranno trattati male, che ci sarà chi verrà sfruttato e finirà su una strada. La vicenda ha provocato molte reazioni, anche contrastanti riaprendo il dibattito sull opportunità o meno che, con gli orfanotrofi all estero pieni di bambini che soffrono, sia giusto o meno negare una madre a un bambino solo perché lei è single. Risale al 4 agosto dell anno scorso la firma di un Protocollo operativo per rendere più rapido ed efficace l'iter per le adozioni nazionali e internazionali. Fu sottoscritto dall allora assessore regionale alle politiche sociali, Antonio De Poli, e dai rappresentanti delle 21 Ulss del Veneto (dove operano le 26 equipe che seguono le coppie in tutte le fasi dell adozione) e dei 18 enti autorizzati nella nostra regione. All assessore de Poli, tornato con le elezioni di aprile scorso nella carica interrompendo la breve esperienza europea, abbiamo chiesto come marcia il Veneto in questo settore. Intanto, assessore, perché ha lasciato l Europa per far ritorno nel Veneto? Il Parlamento europeo rappresenta certo una bella esperienza, ma è ancora l Europa dei mercati, non ancora quella che dovrebbe essere veramente: l Europa delle genti. Il mio apporto come politico ed amministratore, più a contatto con le persone ed i loro problemi, mi sembrava più importante. Anche per costruire l Europa dal... basso. Parlando di adozioni, sta funzionando il protocollo per snellire le pratiche? E' il secondo Protocollo operativo dopo quello del 2001, tiene conto dell'esperienza di questi anni e coinvolge anche le Ulss. Tra le novità rispetto al precedente c'è l'individuazione di modalità di gestione nella fase di informazione e sensibilizzazione, da parte delle équipes adozioni e degli enti autorizzati, che stanno effettivamente portando all'ulteriore riduzione dei tempi di attesa. E stata poi fissata una migliore definizione dei compiti dei soggetti impegnati nel procedimento adottivo per evitare sovrapposizioni e la costituzione di un gruppo di Vigilanza (composto dall'assessore regionale alle politiche sociali, dal Presidente del tribunale dei Minori e da un rappresentante degli enti autorizzati) che sorveglia l'attuazione del Protocollo. Tutto sembra funzionare meglio, insomma... Nell ultimo anno le cose si sono velocizzate, da tutta Il Veneto all avanguardia Italia guardano con grande interesse all esperienza veneta, prendendone spunto. I progetti, con durata biennale, che si sviluppano su base provinciale coinvolgendo gli enti autorizzati, sono stati messi in atto dalle Ulss e sono finanziati con uno stanziamento complessivo di circa un milione di euro. Gli obiettivi concreti, quali sono? Sono il sostegno psicologico e pedagogico del nucleo nelle fasi evolutive della famiglia adottiva; favorire il confronto tra le famiglie adottive per lo scambio di esperienze e l'aiuto reciproco; favorire l'inserimento scolastico e sociale del bambino adottato e l'adeguamento dei tempi di attesa per la partecipazione ai corsi di informazione e sensibilizzazione e per lo studio di coppia. Il Protocollo regionale per le adozioni - ha concluso De Poli - assieme al progetto pilota e alla pubblicazione delle linee guida alla famiglia, rappresenta il consolidamento del già buono sistema veneto a sostegno delle adozioni. E per quanto riguarda l affido? Nei confronti dell affido c è una certa riluttanza culturale in negativo, nella nostra società. Invece, tramite questa forma di sostegno, un minore che vive una situazione difficile trova nella famiglia affidataria un punto di riferimento fondamentale. Perché l affido dà la possibilità ad una bambino di uscire da un tunnel di maltrattamenti fisici e/o psicologici. Per diventare affidataria, una famiglia deve rivolgersi ai distretti sociosanitari e ai Consultori della propria Ulss, dove operano le stesse equipes dedicate sia alle adozioni che agli affidi. L assessore alle politiche sociali del Veneto, Antonio De Poli. 11

3 Quando un bimbo si affida 12 Sono circa 750 i minori che ogni anno in Veneto trovano un alternativa, anche se temporanea, ad una vita in un ambiente disagiato. Ogni bambino, ogni ragazzo ha diritto ad avere una propria famiglia e a vivere in un ambiente in cui poter essere educato ed amato. Quando ciò non è possibile perché la famiglia sta vivendo un periodo di difficoltà, un altra famiglia può offrire aiuto e sostegno per superare questi momenti. L affidamento familiare è quindi uno degli interventi più significativi di tutela degli interessi e dei diritti dei bambini che vivono in condizioni di disagio. Ogni anno circa 750 minori vivono nel Veneto l esperienza dell affidamento familiare. L affido può essere utile quando i genitori hanno problemi di salute, o hanno problemi organizzativi e non possono garantire continuità nella loro funzione genitoriale, o quando il nucleo familiare si disgrega, quando tra i genitori esiste una situazione di alta conflittualità che pregiudica la crescita equilibrata del figlio, quando ci sono evidenti inadeguatezze nella funzione educativa dei genitori, quando il bambino o il ragazzo è emarginato o disadattato o ancora quando è inserito impropriamente in un istituto per minori. L affido familiare è temporaneo e può limitarsi ad alcune ore della giornata o alcuni giorni della settimana (come aiuto alla famiglia), avere una durata breve e definita a fronte di problemi transitori (ad esempio il ricovero di un genitore in ospedale) o un accoglienza a tempo prolungato che prevede una permanenza del bambino o del ragazzo a tempo pieno presso la famiglia affidataria. Essendo un intervento di natura temporanea, l affido può durare da pochi mesi a un massimo di due anni consecutivi, prorogabili solo in particolari situazioni. Durante la permanenza nella famiglia affidataria, il minore mantiene con la propria famiglia d origine regolari rapporti che sono stabiliti con i servizi sociali. L obiettivo è infatti quello di ricongiungere il minore con la propria famiglia appena si siano risolti i problemi che l affliggono. Le situazioni di disagio sono spesso gravi e a volte si tratta di problemi non facilmente risolvibili, che rendono la situazione molto problematica e complessa. Per questo i servizi sociali, nell attuare un affidamento familiare, tengono conto di tutti i diversi interventi che gravitano intorno alla famiglia d origine per poter arrivare prima possibile a una situazione che permetta il rientro del figlio. L affidamento familiare avviene con il consenso dei genitori del minore, oppure con un provvedimento del Tribunale dei Minorenni. Per diventare una famiglia affidataria non c è bisogno di essere persone straordinarie, ma occorre avere disponibilità di tempo e spazio fisico, oltre che il desiderio di accogliere e ascoltare il bambino o l adolescente accettando tutto ciò che appartiene al suo mondo, alla sua storia e alla sua famiglia. Ci si rivolge ai distretti sanitari e ai consultori della propria Ulss, che sono organizzati in equipe che seguono prima, durante e dopo sia la famiglia affidataria che quella d origine. Essere famiglia affidataria significa essere una famiglia in più e non alternativa a quella d origine, perché è con essa che egli ritornerà. Tutti possono diventare affidatari: coppie sposate o conviventi, con o senza figli, persone singole. Famiglie italiane e straniere, anche di immigrati. Non è necessario avere requisiti specifici, limiti d età o di reddito, determinati titoli di studio, o particolari competenze. Fondamentale è essere se stessi e avere una disponibilità all accoglienza, che deve essere vissuta da tutti i membri della famiglia, figli compresi. Dal momento in cui il giudice fissa la data d inizio dell affido a tempo pieno, il bambino passa sotto la responsabilità della famiglia affidataria che provvede al suo mantenimento, alla sua educazione e istruzione, tenendo conto delle indicazioni di chi esercita la potestà parentale (genitori o tutore) impegnandosi a rispettare le norme vigenti e le deliberazioni dell autorità competente. Gli affidatari hanno gli stessi diritti previsti per i genitori naturali in materia di congedo per maternità e paternità, congedo parentale, congedi per riposi giornalieri, per malattia e flessibilità dell orario di lavoro. Lo stesso vale per gli affidi di diversa durata, ovviamente durante il tempo in cui il bambino è affidato alla famiglia. La normativa regionale prevede che alla famiglia che accoglie in modo residenziale un bambino possa essere erogato un contributo fisso svincolato dal suo reddito: è l impegno dell Ente locale nei confronti della famiglia affidataria e il riconoscimento per l impegno sociale svolto. Per gli affidi diurni l importo dovrà essere eventualmente definito di volta in volta. La Regione del Veneto sostiene i Comuni e le Aziende Ulss erogando l 80% di quanto da loro corrisposto alle famiglie affidatarie.

4 Ai nostri tre diamo un altro fratello Giovanna ed Ivano, trentacinquenni, veneti, tre figli di 3, 6 e 8 anni. Una famiglia già di per sé numerosa, che ha deciso di accogliere un altro bambino... in affido. Perché? Glielo abbiamo chiesto direttamente, a conclusione dell iter che ha visto l intera famiglia frequentare il corso per l idoneità in un Consultorio trevigiano. Perchè? Semplice, per aiutare un bambino che non é fortunato come i nostri, che si trova a vivere in una situazione familiare difficile - ci spiega Giovanna - Qualche anno fa, dopo la nascita dei nostri primi due figli, avevamo preso in considerazione l idea di adottare un bambino, per regalare una famiglia a chi non ce l aveva. Completato l iter e ricevuta l idoneità all adozione, la famiglia ha visto rallentato il cammino successivo a causa dei tragici fatti dell 11 settembre 2001 che di fatto hanno bloccato e reso difficili per un certo periodo le adozioni internazionali. Ci è stato proposto allora l affido, ma non ci sentivamo pronti. Nel frattempo è nata la terza figlia. L idea dell affido si è fatta avanti a poco a poco, forse maturata dall esperienza e dal vedere la nostra famiglia crescere felice raccontano ci sentivamo pronti e così ci siamo rivolti nuovamente al Consultorio della nostra Ulss. A seguire tutto ciò che riguarda l affido c è una equipe, composta da psicologi, un educatrice e un assistente sociale che valutano le caratteristiche della famiglia e la sua disponibilità, in termini di tempo, a seguire il bambino affidato. Noi ci siamo resi disponibili per un affido pomeridiano e siamo stati inseriti in un gruppo di sei famiglie per il corso di preparazione. Il corso consiste in una serie di incontri con famiglie già affidatarie, che raccontano la propria esperienza fatta di gioie e difficoltà, quindi con gli psicologi e con un legale. Al corso hanno partecipato anche i nostri figli (una coppia ne aveva cinque) e questo è bellissimo continua Giovanna perché attraverso i disegni, i giochi e le domande si riesce a cogliere le loro emozioni, i loro pensieri, i loro timori in vista dell arrivo, in seno alla propria famiglia, di un altro bambino, magari con una pelle di colore diverso. Ad aiutarli in quello che anche per loro diventa un cammino di formazione, è l educatrice. Completato l iter e ricevuta l idoneità all affido, la famiglia sta ora attendendo di conoscere il bambino che potrebbe arrivare con l inizio dell anno scolastico. A seguirli, dal momento in cui il giudice affiderà il bambino, ci sarà uno psicologo. Abbiamo avuto un ottima impressione di tutta l organizzazione, delle capacità e della preparazione dell equipe, il corso è stato davvero importante, oltre che piacevole. Consiglio ad altri genitori di fare questa esperienza. Le famiglie già affidatarie ci hanno spiegato che l affido comporta non poche difficoltà, che spesso il bambino che viene affidato non ha regole e vive un disagio profondo - conclude Giovanna - che molto critici sono il suo graduale reinserimento nella famiglia d origine e il giorno in cui ci si dovrà staccare definitivamente da lui. Ma ci hanno raccontato anche tutto l amore e la gioia che una simile esperienza porta in famiglia. E la luce che brillava negli occhi di quei genitori la diceva lunga.... Inchiesta a cura di Michela Rossato e Beppe Castellano La testimonianza diretta da parte di una madre di famiglia che, già con tre figli naturali, ne ha chiesto un altro in affidamento. 13

5 AVIS Giovane Sempre di più 14 corrono all Avis I giovani E tornata anche quest anno, con 214 partecipanti, la manifestazione Corri all Avis!, che si svolge mestrini nella splendida cornice del Forte Carpenedo. colpiscono Risultato che appaga le fatiche di un gruppo tanto ancora! prodigo a impegnare il proprio tempo per la sensibilizzazione al dono. La faticosa novità della stagione è stata la possibilità di svolgere un percorso più lungo, che Un concerto organizzato dai giovani avisini vera novità alla Festa provinciale di Treviso La vera novità sono stati i giovani e la musica, quest anno. I giovani (avisini) hanno organizzato, giovani (musicisti) hanno suonato, giovani (ed anche non) hanno gustato. Ed è diventato doppio l appuntamento della tradizionale Festa dell Avis provinciale di Treviso al Tempio del Donatore. Sabato 3 settembre, in piazza Marconi a Valdobbiadene, era infatti previsto il concerto di musica rock Festa per la vita: la musica nel sangue. Sul palco la Istiria Rock Cover Band e i Mire-Improbe, due gruppi di giovani musicisti. I primi hanno proposto cover di noti artisti rock, i secondi loro composizioni originali. L evento è stato organizzato, in collaborazione con il Comune di Valdobbiadene e il Forum degli Spumanti, dal Gruppo Giovani dell Avis provinciale coordinato da Davide Cagnato. Il giorno successivo, domenica 4, invece, il Tempio del Donatore di Pianezze ha assistito come ogni anno alla tradizionale sfilata di labari, alla S. Messa, al pranzo dei rappresentanti delle 89 Avis e ai canti corali. Sempre domenica sono stati consegnati 30mila euro a fra Gianpaolo, raccolti fra le Avis, per realizzare un pozzo per l acqua in una missione della Guinea Bissau. Cronaca del concerto e foto sul prossimo numero. è stato accolta in maniera entusiastica da molti atleti. Un successo nel successo! Punto di forza della nostra corsa è lo spirito che la contraddistingue: da sempre mira a raggiungere il cuore di tutte le persone, sia grandi sportivi sia famiglie, che con entusiasmo aggiungono ai loro passatempi domenicali la nostra manifestazione. Lo spirito con cui noi affrontiamo questi impegni è quello di far emergere il bisogno di donatori, cercando di avvicinare i giovani, gli sportivi. Sono state molte, anche stavolta, le persone che ci hanno aiutato: Otello, Raffaele dei Podisti Veneti, Nicola per la sponsorizzazione, Vittorio, il Gruppo dei Tempi che si è preso l onere di gestire l arrivo di così tanti partecipanti in condizioni tanto precarie, il Consiglio della nostra comunale, il presidente Sergio Gasparini per l appoggio, e l infaticabile Roson. Un nostro ringraziamento va alle ragazze che si sono occupate dei rinfreschi, delle iscrizioni, a tutti coloro che erano in giro per strada con le bandierine per la sicurezza dei partecipanti, ai vigili, a tutto il Gruppo Giovani dell Avis comunale di Mestre e Marghera, i nostri sponsor: Le Roi Merlin, Pettinelli, Banca Intesa e la Farmacia Medina. Un lungo elenco per far capire a chi legge e a chi partecipa alla nostra come a qualsiasi altra manifestazione, che sono sempre tante le persone che danno una mano, dietro le quinte. L Avis è anche questa! Il Gruppo Giovani

6 Verona: giovane, calda felpa per l autunno Grazie ad una idea del Gruppo Giovani provinciale di Verona, approvata dall Avis nazionale e dalla Regionale Veneto, in collaborazione con l azienda Tre Effe Creazioni di San Bonifacio che la commercializza, è disponibile per le sedi Avis, per i donatori e per i simpatizzanti la nuova Felpa promozionale. E disponibile nei 3 colori blu, azzurra e bianca, la nuova felpa vuole dare un tocco giovanile e alla moda alla nostra associazione durante gli eventi Avis, ma non solo. Il disegno moderno e i colori la rendono infatti, un articolo valido per tutte le età e per tutte le occasioni. Chi fosse interessato può rivolgersi all Avis provinciale di Verona o direttamente a Umberto Panarotto del Gruppo Giovani o visitando il sito internet della provinciale: E sempre più difficile contattare i giovani, avvicinarli all Avis in modo organizzato, confrontarsi con loro sul tema della solidarietà e del dono. Eppure rimangono la nostra più grande risorsa. Il nostro progetto è nato quindi dalla necessità di sperimentare nuove forme e nuovi luoghi d incontro, cercando un dialogo con i giovani nel loro territorio e adeguando le nostre forme di comunicazione alle loro. L Avis di Marcon si è proposta di sensibilizzate i giovani alla solidarietà ed alla donazione utilizzando spazi e occasioni d incontro consolidati, come il Marcon Festival che richiamano sul territorio comunale giovani provenienti da tutta la regione, rendendoli protagonisti delle attività di informazione e di sensibilizzazione attraverso nuove tecnologie e nuovi linguaggi di comunicazione. Il Festival si svolge ogni anno a luglio (con il Patrocinio del Comune) al Prato dei Popoli di Marcon (Ve), organizzato dal New Age Club e dal Gruppo Marcon Cultura che propongono per 12 serate musica rock, pop, metal... All interno degli spazi del Festival sono presenti stand gastronomici, bar, birrerie e mercatino dell artigianato. Lo stand dell Avis è stato posizionato presso l entrata, con una postazione fissa per il computer che ha permesso ai visitatori di accedere alle informazioni che maggiormente interessavano loro, con un proiettore per la visione a ciclo continuo dei materiali informativi appositamente preparati dall Associazione, e con uno spazio riservato a gadget e depliant Avis. Per i giovani che hanno gestito lo stand, era stato tenuto un breve corso di formazione dal Direttore sanitario dell Avis A sinistra Umberto Panarotto, e Matteo Nardi della Tre Effe assieme al Presidente provinciale Luigi Piva provano le prime copie della felpa. Felpa che decisamente rende un po meglio indossata dalle giovani volontarie che potete ammirare a destra. I giovani di Marcon raccolgono 180 promesse locale, Dott. Roberto Savi, e del Centro trasfusionale di Mestre, Dott. Gianfranco Sportelli, oltre che dal socio Alberto Bordoni, esperto in marketing e informatica sui temi: aspetti medici della donazione, funzione dell Avis e comunicazione. 32 soci tra i 18 ed i 35 anni si sono alternati nello stand dal 22 al 24 luglio, 5 hanno curato la realizzazione dei materiali informativi in formato elettronico, 3 i corsi di formazione e 5 le attività inerenti la diffusione di promesse di donazione e la tabulazione, l analisi e la valutazione dei risultati raggiunti. Sui circa giovani presenti alle serate, si è stimato che siano stati avvicinati e interpellati dai nostri volontari, mentre 180 sono state le promesse di donazione del sangue raccolte provenienti da tutto il Veneto. Avis Marcon (VE) A luglio, al Marcon Festival di musica rock, contattati oltre 2000 coetanei con uno stand organizzato dall Avis. Alcuni componenti del gruppo giovani di Marcon nello stand Avis. 15

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Per una famiglia adottiva Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Pari Opportunità Commissione per le adozioni internazionali

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli