1 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages"

Transcript

1 1 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages Le JSP DynPages sono un utile strumento, fornito da SAP Netweaver, per una gestione più evoluta di event handling e session management rispetto a quella garantita delle normali JSP e Servlet. Questo documento mostra come creare una JSP DynPage e come gestire event handling e scambio di informazioni con JSP tramite l oggetto request. Il primo passo consiste nel ceare un Portal Application Project e al suo interno una applicazione di tipo JSPDynPage. NWDS - Creazione del progetto iniziale.

2 2 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages NWDS - Creazione del progetto iniziale. NWDS - Creazione di Portal Application Object. NWDS - Creazione di Portal Application Object JSPDynPage.

3 3 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages NWDS New JSPDynPage. All interno della finestra Package Explorer possiamo vedere il nuovo progetto (prospettiva Enterprise Portal). Tasto destro del mouse sulla cartella del progetto e seguiamo il percorso: Properties -> Java Build Path -> Add External JARS Aggiungiamo i jars htmlb e com.sap.portal.htmlb_api (quest ultimo presente nei plugins solitamente raggiungibili da C:/Programmi/SAP/IDE/IDE70/eclipse/plugins). Tale operazione è necessaria per aggiungere al progetto le librerie utilizzate dall applicazione. package it.me.videsoft; import com.sapportals.htmlb.*; import com.sapportals.htmlb.enum.*; import com.sapportals.htmlb.event.*; import com.sapportals.htmlb.page.*; import com.sapportals.portal.htmlb.page.*; import com.sapportals.portal.prt.component.*; public class Test extends PageProcessorComponent { public DynPage getpage(){ return new TestDynPage(); public static class TestDynPage extends JSPDynPage{ public void doinitialization(){ public void doprocessafterinput() throws PageException {

4 4 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages public void doprocessbeforeoutput() throws PageException { IPortalComponentRequest request = (IPortalComponentRequest) this.getrequest(); if(!ok) { request.getnode().putvalue("reqtext", "Benvenuto, sei pregato di eseguire il login."); this.setjspname("outputjsp.jsp"); else { request.getnode().putvalue("reqname", user); this.setjspname("output2jsp.jsp"); //Gestione evento click su pulsante sulla JSP public void onokbutton(event event) throws PageException { ok = true; InputField myinputfield = (InputField) getcomponentbyname("inputname"); if (myinputfield!= null) this.user = myinputfield.getvalueasdatatype().tostring(); private boolean ok = false; private String user = "Utente sconosciuto"; test.java La classe Test estende PageProcessorComponent e si comporta da loader class, esegue il metodo getpage() che ritorna un valore di tipo JSP DynPage. La classe TestDynPage estende JSPDynPage da cui eredita e riscrive i metodi: doinitialization. o Chiamato allo start dell applicazione, solitamente usato per inizializzazione di dati e set up di modelli. doprocessafterinput. o Chiamato quando il client invoca il server attraverso oggetti del layout o più in generale per generazione di un evento. doprocessbeforeoutput. o Chiamato prima che il controllo ritorni al client e gli siano inviati i dati. Ciò che facciamo nello specifico è: utilizzare l oggetto request di tipo IPortalComponentRequest per inviare ad una prima JSP una semplice stringa di testo contenente un messaggio (parametro reqtest); leggere nel metodo onokbutton (intercetta l evento click sulla prima JSP) il valore inviato dal client (il nome dell utente) e inviare, utilizzando di nuovo l oggetto request, il valore ricevuto ad una ulteriore jsp (parametro reqname) che visualizza un messaggio di benvenuto.

5 5 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages JSP DynPage Event Processing Le jsp utilizzano l oggetto componentrequest per la lettura dei dati inviati dalla DynPage e utilizzano HTMLB di facile comprensione per la gestione del layout e l invio di dati alla DynPage. page import="com.sapportals.portal.prt.component.*"%> page import="com.sapportals.portal.prt.component.iportalcomponenturi" %> page import="com.sapportals.portal.prt.component.iportalcomponentrequest" %> page import="com.sapportals.portal.prt.pom.nodemode" %> page import="com.sapportals.portal.prt.event.iportalrequestevent" %> page import="com.sapportals.portal.prt.component.portalcomponentexception" %> taglib uri= "taglib" prefix="hbj" %> <hbj:content id="mycontext" > <hbj:page title="pagetitle"> <hbj:form id="myformid" > <hbj:textview id="inserimento nome utente" text="componente portale e JSP #1" design="header1" /> </hbj:form> <% String req_read = "Utente sconosciuto."; try { req_read = componentrequest.getnode().getvalue("reqtext").tostring(); catch (PortalComponentException e) {out.println("exception: " + e + "<BR>"); catch (NullPointerException e1) {out.println("request Null: " + e1 +

6 6 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages "<BR>"); %> <BR><BR> <%= req_read %> <BR><BR> <hbj:form> <hbj:label id="namelabel" text="nome Utente" design="label" labelfor="inputname" /> <hbj:inputfield id="inputname" type="string" maxlength="20" /> <hbj:button id="buttonok" text="ok" width="50px" tooltip="ok" onclick="onokbutton" design="standard" /> </hbj:form> </hbj:page> </hbj:content> outputjsp.jsp taglib uri= "taglib" prefix="hbj" %> <hbj:content id="mycontext" > <hbj:page title="pagetitle"> <hbj:form id="myformid" > <hbj:textview id="benvenuto utente" text="componente portale e JSP #2" design="header1" /> <% String nome = "Utente sconosciuto."; try { nome = componentrequest.getnode().getvalue("reqname").tostring(); catch (PortalComponentException e) {out.println("exception: " + e + "<BR>"); catch (NullPointerException e1) {out.println("request Null: " + e1 + "<BR>"); %> <BR><BR> <%= "Benvenuto " + nome + "!" %> </hbj:form> </hbj:page> </hbj:content> output2jsp.jsp All interno del file di configurazione portalapp.xml aggiungiamo le references necessarie per HTMLB e la relativa taglib (servizio offerto dal portale) per l utilizzo dei tag all interno delle jsp.

7 7 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <application> <application-config> <property name="privatesharingreference" value="com.sap.portal.htmlb"/> </application-config> <components> <component name="test"> <component-config> <property name="classname" value="it.me.videsoft.test"/> </component-config> <component-profile> <property name="taglib" value="/service/htmlb/taglib/htmlb.tld"/> </component-profile> </component> </components> <services/> </application> portalapp.xml Non resta che creare il PAR ed eseguire l upload sul nostro server (tasto destro del mouse sulla cartella del progetto - > Quick PAR Upload). Creiamo una IView che contenga un oggetto di tipo Componente portale, eseguiamo l anteprima e il risultato che si ottiene è quello mostrato nelle figure seguenti. Creazione di una IView per il componente portale Passo intermedio associazione componente portale alla IView

8 8 JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages riepilogo nuova IView Anteprima output.jsp output2.jsp

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

1 Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS http://desvino.altervista.org

1 Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS http://desvino.altervista.org 1 Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS http://desvino.altervista.org Applicazione J2EE sul SAP WAS con SAP NWDS. Il SAP Web Application Server fornisce un framework integrato per lo sviluppo e l

Dettagli

1 SAP Netweaver e Adobe BlazeDS http://desvino.altervista.org. Framework Flex

1 SAP Netweaver e Adobe BlazeDS http://desvino.altervista.org. Framework Flex 1 SAP Netweaver e Adobe BlazeDS http://desvino.altervista.org J2EE e Adobe BlazeDS Java EE è una piattaforma completa per lo sviluppo di applicazioni enterprise; Adobe Flex è leader nel mondo delle RIA

Dettagli

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni Tomcat & Servlet Programmazione in Ambienti Distribuiti V 1.2 Marco Torchiano 2005 Contenuti Tomcat Applicazioni Web Struttura Sviluppo Deployment Servlet JSP Uso delle sessioni 1 Tomcat Tomcat è un contenitore

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Laboratorio di reti II: Java Server Pages

Laboratorio di reti II: Java Server Pages Laboratorio di reti II: Java Server Pages Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 6 aprile, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Java Server Pages 6 aprile, 2009 1 / 34 JSP - Java Server Pages Le

Dettagli

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet 1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet Controllo dell utente connesso al sito tramite JSP, Java Beans e Servlet. Ciò che ci proponiamo di fare è l accesso

Dettagli

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java]

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java] Vogliamo scrivere la nostra prima web application che legga da tastiera il nostro nome e fornisca un messaggio di saluto. Per costruire la nostra applicazione creiamo con NetBeans un nuovo progetto. File

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

Tutorial web Application

Tutorial web Application Tutorial web Application Installazione della JDK: Java viene distribuito con la jdk e il jre acronimi di Java Development Kit e Java Runtime Environment rispettivamente. La jdk è l'ambiente di sviluppo

Dettagli

Laboratorio di reti II: Servlet

Laboratorio di reti II: Servlet Laboratorio di reti II: Servlet Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 16 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, 2009 1 / 34 Le servlet Una servlet è una classe Java eseguita

Dettagli

Spring WS Sviluppare WebService in Java

Spring WS Sviluppare WebService in Java Spring WS Sviluppare WebService in Java 1.1 Introduzione Nell ambito della programmazione Java è particolarmente utile avere una certa familiarità con i WebService e la tecnologia che li supporta. In particolare

Dettagli

Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web

Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Sessione Febbraio 2013 Marco Taddei 726523 Federico Valentini 726584 Il progetto SharesShop simula un portale web di una banca che mette a disposizione dei

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7 JSP parte A Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e

Dettagli

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE Massimiliano Redolfi Lezione 7: la fortezza Perché un sistema sia robusto ogni suo componente deve essere robusto. Una semplice metodo public class Main { public static

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Introduzione a Servlet e Struts 2 Ing. Giuseppe D'Aquì 1 Testi Consigliati Java Enterprise in a nutshell, 3 rd edition (O'Reilly) Struts 2 in Action Brown, Davis, Stanlick

Dettagli

Esempio di esecuzione di una pagina JSP: Il client chiede la pagina: http:// sdfonline.unimc.it/info/modulo.jsp;

Esempio di esecuzione di una pagina JSP: Il client chiede la pagina: http:// sdfonline.unimc.it/info/modulo.jsp; JAVA SERVER PAGES Una pagina JSP (Java Server Pages), richiesta da un utente (client), viene eseguita dal server web nella propria memoria; generalmente il prodotto dell elaborazione è una pagina html

Dettagli

Programmazione server-side: Java Servlet

Programmazione server-side: Java Servlet Programmazione server-side: Java Servlet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.11 parte II Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

[AD.AGIO] ANDROID SDK

[AD.AGIO] ANDROID SDK [AD.AGIO] ANDROID SDK 2013.06 Pag. 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta informazioni riservate il cui utilizzo è confidenziale e permesso esclusivamente nell'ambito del rapporto di fornitura in

Dettagli

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet:

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet: e JDBC Programmazione in Rete e Laboratorio Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149 Torino e : estensioni del Java API permettono di scrivere

Dettagli

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Java Server Pages Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Java Server Pages (JSP) Java Server

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB.

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Web Server TOMCAT Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Struttura dell Applicazione versione 2.4 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP Premessa Le informazioni contenute nel presente documento si riferiscono alla configurazione dell accesso ad una condivisione

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Scuola di Ingegneria e Architettura. Tecnologie Web T. Esercitazione 10 - J2EE 25/05/2015

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Scuola di Ingegneria e Architettura. Tecnologie Web T. Esercitazione 10 - J2EE 25/05/2015 Web Container vs. EJB Container Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Tecnologie Web T - J2EE Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE Laurea in Ingegneria Informatica Prof. E.Casalicchio A.A. 2008/09 QUARTA PARTE: Soluzioni Esercizi 13-23 Soluzione

Dettagli

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD Utilizzare il NetBeans GUI Builder Dott. Ing. M. Banci, PhD Lavorare con i Beans Queste slide ci guidano nel processo di creazione di un bean pattern nel progetto NetBeans 15 Giugno 2007 Esercitazione

Dettagli

Office Web Components in programmi C# da http://escher07.altervista.org

Office Web Components in programmi C# da http://escher07.altervista.org Office Web Components in programmi C# da http://escher07.altervista.org Generalità L obiettivo è realizzare un programma C# che utilizzando il componente Web Pivot permetta di ottenere un risultato come

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone Database & WWW Capitolo 4 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Sommario Protocollo HTTP CGI Java Servlet Server-side scripting

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

JAVA SERVLET: I filtri

JAVA SERVLET: I filtri JAVA SERVLET: I filtri INTRODUZIONE Quest oggi vedremo una particolarità delle servlet che è stata introdotta nelle servlet API versione 2.3. I filtri sono un potente meccanismo che è in grado di fare

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione

Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione Questa guida concentra la sua attenzione sul tool TPTP (Test & Performance Tools Platform) presente nell ambiente di sviluppo Eclipse. Verrà descritta

Dettagli

Configurazione manuale di ASM in IIS 7

Configurazione manuale di ASM in IIS 7 Archive Server for MDaemon Configurazione manuale di ASM in IIS 7 Premessa... 2 Installazioni ISAPI e CGI... 2 Prerequisiti... 3 Configurazione CGI... 4 Creare un nuovo pool di applicazioni riservato ad

Dettagli

SERVLET & JSP DISPENSE

SERVLET & JSP DISPENSE SERVLET & JSP DISPENSE PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Un server deve rispondere alle richieste del client e permettere di visualizzare le pagine Web. Questo compito è svolto da un software ben definito, il

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1 Osservazioni Nell esempio della precedente lezione del contatore di accessi persistente il nome del file in cui memorizzare il numero di hit ed il valore iniziale del contatore sono codificati direttamente

Dettagli

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA MODEL VIEW CONTROLLER DESIGN PATTERN MODEL-VIEW-CONTROLLER INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2013 2014 rcardin@math.unipd.it

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti L Html è stato pensato (e creato) per presentare contenuti statici che, visualizzati da utenti diversi, diano sempre lo stesso risultato. Per sopperire a questa

Dettagli

Centro Tecnico RUPAR Puglia. Servizio PEC Manuale Utente

Centro Tecnico RUPAR Puglia. Servizio PEC Manuale Utente Centro Tecnico RUPAR Puglia Servizio PEC Manuale Utente Versione 1.1 Del 22-01-2009 Controllo della Configurazione Titolo: Servizio PEC Manuale Utente Autore: Gruppo di Lavoro Centro Tecnico Rupar Storia

Dettagli

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma Eclipse Avviare un progetto e compilare un semplice programma Descrizione di Eclipse Eclipse è un ambiente di sviluppo che facilita la scrittura ed il debug di programmi java Permette di: Scrivere il codice

Dettagli

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Avvertenze: e severamente vietato consultare libri e appunti; chiunque verrà trovato in possesso di

Dettagli

Test di unità con JUnit4

Test di unità con JUnit4 Test di unità con JUnit4 Richiamo sul test di unità Il test d unità è una metodologia che permette di verificare il corretto funzionamento di singole unità di codice in determinate condizioni. Nel caso

Dettagli

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Un ambiente di esecuzione che gestisce o naming di oggetti, sicurezza, concorrenza, transazioni, persistenza, distribuzione oggetti (location

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Per i clienti che utilizzano Windows per le connessioni di rete

Per i clienti che utilizzano Windows per le connessioni di rete Per i clienti che utilizzano Windows per le connessioni di rete Se si utilizzano sistemi operativi o architetture differenti per il server e il client, la connessione potrebbe non funzionare correttamente

Dettagli

Introduzione ad AJAX

Introduzione ad AJAX Introduzione ad AJAX Asynchronous Javascript And XML (PWLS 6.9, 6.10) Complementi di Tecnologie Web A.A. 2011-2012 M.Franceschet, V.Della Mea e I.Scagnetto - 1 Limitazioni delle applicazioni web tradizionali

Dettagli

Le JavaServer Pages - Lezione 7 I JavaBean

Le JavaServer Pages - Lezione 7 I JavaBean Le JavaServer Pages - Lezione 7 I JavaBean A cura di Giuseppe De Pietro (depietro_giuseppe@yahoo.it) Contenuti Nelle lezioni precedenti abbiamo visto gli elementi principali delle Java Server Pages, come

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

Programmazione Android A cura di Carlo Pelliccia. Lezione 7 Menù

Programmazione Android A cura di Carlo Pelliccia. Lezione 7 Menù A cura di Carlo Pelliccia I menù sono una parte importante di qualsiasi applicazione moderna. Da anni gli utenti sono abituati ad avere a che fare con questi strumenti, ai quali si rivolgono ogni volta

Dettagli

Test e validazione 1 La fase di test 1.1 Tecniche Ispezione: checklist Test white box: grafo di controllo complessità ciclomatica

Test e validazione 1 La fase di test 1.1 Tecniche Ispezione: checklist Test white box: grafo di controllo complessità ciclomatica Test e validazione 1 La fase di test Il test è il processo di verifica di un programma con lo scopo di individuare errori prima della consegna all utente finale. Tipicamente, correggere i difetti sul software

Dettagli

Configurazione di base. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com

Configurazione di base. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com Hibernate Configurazione di base Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com I file di configurazione Hibernate prevede l uso dei file di configurazione formato XML. I principali file sono: Un file di configurazione

Dettagli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori

Dettagli

Introduzione allo sviluppo per SharePoint

Introduzione allo sviluppo per SharePoint Introduzione allo sviluppo per SharePoint Esercitazione pratica Manuale dell esercitazione SPCHOL305 - Sviluppo di un flusso di lavoro di SharePoint 2010 con un modulo di avvio in Visual Studio 2010 -

Dettagli

Guida Connessione Rete WiFi HotSpot Internavigare

Guida Connessione Rete WiFi HotSpot Internavigare Guida Connessione Rete WiFi HotSpot Internavigare Indice: - 1.1 Configurazione Windows Xp 2.1 Configurazione Windows Vista 3.1 Configurazione Windows Seven 1.1 - WINDOWS XP Seguire i seguenti passi per

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Java Remote Method Invocation

Java Remote Method Invocation Java Remote Method Invocation Programmazione in Rete e Laboratorio Comunicazione distribuita Port1 Java VM1 Java VM2 Port 2 Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino

Dettagli

Quando si sa chiaramente come si deve comportare l applicazione si può analizzare una possibile soluzione applicativa.

Quando si sa chiaramente come si deve comportare l applicazione si può analizzare una possibile soluzione applicativa. Introduzione alla tecnologia JMX 1 Viene analizzata l architettura sottostante le Java Managment Extensions (JMX) mostrandone un utilizzo applicativo e analizzando altri possibili scenari d uso di Ivan

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

Classificazione dei Web Services

Classificazione dei Web Services Web Services Programmazione in ambienti distribuiti Anno 2004-2005 Claudio Zunino Classificazione dei Web Services Interattiva il client è umano ed utilizza tipicamente un web browser Sviluppati usando

Dettagli

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I)

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Nel caso in cui sulla macchina locale (PC in laboratorio/pc a casa/portatile) ci sia a disposizione un ambiente Java (con compilatore) e un editor/ambiente di

Dettagli

Controllo degli accessi

Controllo degli accessi Il linguaggio Java Il controllo degli accessi alle classi ed ai membri di una classe Controllo degli accessi Accesso alle classi Accesso alle classi package package miopackage; public public class class

Dettagli

Activation In sintesi: è inutile avere attivi degli oggetti se non vengono utilizzati

Activation In sintesi: è inutile avere attivi degli oggetti se non vengono utilizzati Activation In generale i Sistemi ad oggetti distribuiti sono progettati per lavorare con oggetti persistenti. Dato che questi sistemi saranno composti da migliaia (forse milioni) di tali oggetti, sarebbe

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Lezione 11 Accesso al file system

Lezione 11 Accesso al file system A cura di Carlo Pelliccia Qualunque applicazione Android può leggere e scrivere file dalla memoria interna del telefono o da una scheda esterna inserita nel dispositivo. I principi da osservare per compiere

Dettagli

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193 Servers Activatable Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che una referenza remota ad un server di tipo UnicastRemoteObject rimane valida finchè il server è in esecuzione. Quando il server termina, o

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Accesso Web a Data Base

Accesso Web a Data Base Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Accesso Web a Data Base Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei -

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Installazione di GFI MailArchiver

Installazione di GFI MailArchiver Installazione di GFI MailArchiver Requisiti di sistema di GFI MailArchiver Windows 2000/2003 Server oppure Advanced Server. Microsoft Exchange Server 2000/2003 (il prodotto è installato sulla macchina

Dettagli

Le tecnologie software Internet

Le tecnologie software Internet Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B B2_1 V1.7 Le tecnologie software Internet Standard aperti / Sun Java Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Assignment (1) - Varie

Assignment (1) - Varie Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Vulnerabilità di applicazioni Web (1) Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it! Assignment (1) - Varie Al link http://www.dti.unimi.it/braghin/ elementi/lab/lista_consegnati.pdf

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Vulnerabilità di applicazioni Web (1) Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it!

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Vulnerabilità di applicazioni Web (1) Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it! Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Vulnerabilità di applicazioni Web (1) Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it! Assignment (1) - Varie Al link http://www.dti.unimi.it/braghin/ elementi/lab/lista_consegnati.pdf

Dettagli

Infinity Connect. Guida di riferimento

Infinity Connect. Guida di riferimento Infinity Connect Guida di riferimento La flessibilità, il dinamismo e la continua ricerca di Innovazione tecnologica che, da sempre, caratterizzano Il gruppo Zucchetti, hanno consentito la realizzazione

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione XML: JDOM versione 2.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G.

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide

Dettagli

Gestione delle eccezioni in Java

Gestione delle eccezioni in Java Gestione delle eccezioni in Java - Introduzione al concetto di eccezioni E possibile definire un eccezione come un situazione imprevista che il flusso di un applicazione può incontrare. È possibile gestire

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli