12 Educare all amore adottivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12 Educare all amore adottivo"

Transcript

1 Introduzione Le immagini d infanzia sono troppo spesso poco realistiche, edulcorate o leziose, costruite ad arte per piacere o stupire e commuovere, orientate a soddisfare i desideri e i bisogni degli adulti che, in vari ruoli e situazioni, se ne occupano. I mezzi di comunicazione di massa sono inclini, del resto, a soddisfare questo diffuso desiderio di vedere l infanzia con gli occhi degli adulti, di normalizzare situazioni e comportamenti che sempre più appaiono, invece, diversificati e molteplici, assai lontani da schemi e consuetudini consolidate nel tempo. Sono in particolare le immagini dell infanzia dei fenomeni migratori, dei bambini non accompagnati presenti sul territorio italiano, dei bambini adottati e in affido: in tutti questi casi, in modo specialissimo, le immagini normalizzate o standardizzate o politicamente corrette rappresentano una vera offesa alla realtà dei vissuti personali e collettivi, alle sofferenze fisiche e psicologiche. I capitoli di cui è composto questo volume volutamente sintetici e paradigmatici si collocano nei punti nodali del dispositivo dell adozione : un insieme di pratiche e ragionamenti, di norme e vincoli, di pensieri e corporeità, di desideri espressi e di non detto che compone un arcipelago di valori e significati che non è possibile ridurre in pochi, consolatori schemi. Questa attività interpretativa cerca di mettere in luce le caratteristiche di fondo dell amore adottivo, senza indulgere alle visioni pregiudiziali alle quali spesso ci affidiamo con l illusione di poter categorizzare la vita e di prevederne ogni possibile sviluppo. Il desiderio di tratteggiare un immagine realistica dell infanzia adottata non è soltanto un corretto criterio metodologico, al quale le scienze sociali da tempo sono strettamente legate, ma deriva dalla principale norma di riferimento che il Novecento ci ha con-

2 12 Educare all amore adottivo segnato, attraverso una lunga serie di atti internazionali: agire nel superiore interesse del bambino (the best interest of the child). Questo fine non può essere raggiunto se non restiamo aderenti ai vissuti e li carichiamo (e modifichiamo) di finalità di diverso tipo, spesso legate a visioni moralistiche e categorizzanti. Per questo motivo è importante dare voce ai bambini adottati, ascoltare le loro storie, attraverso le testimonianze degli adulti che sono stati loro vicini oppure attraverso la diretta testimonianza di adulti che ricordano la loro personale storia dell adozione. Non è soltanto un doveroso omaggio per il grande e speciale valore di queste esperienze: è soprattutto un modo per riportare alla luce i molti significati dell adozione, così come sono sentiti dalle persone che hanno attraversato questo cammino, cercando di ridurre al minimo giudizi e valutazioni esterne. Confrontarsi con queste voci significa non dare per scontate molte cose: la linearità del percorso adottivo, la facilità dell incontro e dell attaccamento, la costruzione di una identità coesa e strutturata, l inclusione sociale, a partire dalle amicizie familiari e dalla scuola. Nel compiere questa operazione uno dei compiti più importanti consiste non tanto nell elencazione delle tante informazioni di cui oggi disponiamo sul fenomeno adottivo (e che sono reperibili con sempre maggiore facilità), quanto piuttosto nel portare alla luce alcuni nodi irrisolti (o risolti semplificandoli indebitamente). Consiste nell affrontare o, più semplicemente, nel sottoporre all attenzione una serie di questioni che per le loro caratteristiche rischiano di non essere notate o sottovalutate. Fra queste ve ne sono alcune che ancora oggi sono dei veri e propri tabù, come ad esempio la possibile adozione all interno di una coppia omosessuale. Una volta identificati tutti questi elementi non esclusi quelli che il nostro immaginario collettivo relega tra le cose di cui è meglio non parlare si apre la possibilità di effettuare un percorso di riflessione che ha come fine principale quello di accogliere i bambini adottati e le loro famiglie. Ciò è utile e importante per tutti gli adulti, ma per alcuni in modo assai speciale anche perché profondamente legato alla loro professione. Nell ambito scolastico, in modo particolare, si sente la carenza di una capacità di accoglienza che sappia essere autentica e non formale, attenta ai principali bisogni del bambino e non ossessionata dal rispetto dei programmi. Un accoglienza che dovrebbe partire dal presupposto

3 Introduzione 13 che il cammino dei bambini adottati non è per nulla semplice e ha assoluta necessità di adulti affettivamente presenti e emotivamente coinvolti. Il nuovo inizio che i bambini adottati sperimentano ha dentro di sé il ricordo, consapevole o meno, del loro passato. Di questo intreccio tra passato e presente occorre tenere conto, senza indulgere all idea che l atto adottivo possa sanare in modo chirurgico e immediato ciò che è inscritto nella mente e nel corpo dei bambini: chi adotta genitori e parenti, ma in forme diverse anche una più vasta comunità che offre il suo amore non effettua un atto salvifico, né caritatevole o solidaristico. In primo luogo ricerca la soddisfazione del proprio bisogno di genitorialità, secondo una spinta vitale che va riconosciuta in tutta la sua forza e il suo valore. L amore adottivo scaturisce dall incontro fra una coppia che ha una profonda affettività da donare e un bambino che ne è totalmente privo. La specificità dell amore adottivo deve essere oggetto di attenzione e di accurata separazione da altre problematiche che, per quanto simili e con alcuni punti in comune, rischiano di deformare il nostro giudizio, utilizzando chiavi interpretative generiche. Le traiettorie di vita dei bambini in affido non sono inseribili nello stesso alveo concettuale dell adozione e, ancor meno, lo sono le problematiche dei bambini stranieri in Italia. L approccio interculturale è sicuramente molto utile per focalizzare alcune questioni che riguardano la maggior parte dei bambini in adozione, in quanto provenienti da paesi esteri. Tuttavia non riesce a andare in profondità, fino a toccare le speciali caratteristiche che sono proprie dell adozione. Non tutto può essere risolto con un attento e coinvolto sguardo interculturale perché non tutto ha a che fare con provenienze etniche e culturali diverse. Il delicato insieme delle questioni va quindi dipanato con cura e affetto, restando fedeli alla peculiare esperienza di vita di chi nell infanzia ha subito l abbandono, la perdita, frequentemente la violenza. In questo senso la maggiore urgenza dei nostri tempi è quella di colmare la distanza che oggi esiste tra la cultura degli specialisti, quella dei soggetti che hanno vissuto l adozione e quella del vasto immaginario collettivo, veicolato soprattutto dai mezzi di comunicazione di massa. Mettendo al centro i soggetti, ascoltando le loro voci, promuovendo una pubblica visibilità dell amore adottivo possiamo sperare di rendere sempre più ampia, condivisa e praticata

4 14 Educare all amore adottivo una cultura dell adozione che stenta a affermarsi, a diventare patrimonio collettivo e non solo dei diretti interessati. Questo obiettivo potrà effettivamente realizzarsi con l impegno di tutti, ma in modo speciale delle associazioni di volontariato, con l appoggio degli enti pubblici che appaiono particolarmente capaci di mobilitare risorse e coinvolgere la popolazione, a partire da quelle famiglie prosociali che più di altre sono attente ai bisogni delle persone. Questo volume è quindi rivolto, in primo luogo, a tutti coloro che conoscono i bambini adottati, li hanno visti quando sono arrivati in famiglia e poi li hanno seguiti via via nelle loro molte trasformazioni, alla ricerca di una loro identità, della consapevolezza che nel mondo si può amare e essere amati. Ma questo volume è indirizzato soprattutto a tutti coloro che i bambini adottati non li hanno mai visti, non li hanno riconosciuti quando li hanno incontrati per strada o nei luoghi di lavoro; oppure hanno saputo della loro condizione ma senza preoccuparsi di approfondirne le caratteristiche. Negli scaffali delle librerie ci sono molti libri sull argomento, molte guide che indicano i passi da fare e quelli da non fare, elencando attività e procedure. Queste pagine non hanno questa finalità, non danno ricette e non si soffermano sugli aspetti procedurali. Vogliono soltanto condurre il lettore a percepire alcune questioni: questioni, non problemi. Spesso si parla infatti dei problemi dei bambini adottati, mentre invece dovremmo parlare di questioni, di caratteristiche, di speciale condizione di questi bambini. Le difficoltà, è vero, ci sono. Tante sono esattamente le stesse dei bambini biologici. Altre sono particolari, specifiche della condizione di bambino abbandonato e quindi accolto in una famiglia. Molte altre, infine, sono tali soltanto perché noi le facciamo diventare così: perché non abbiamo le competenze, le risorse, il desiderio di accoglierli nel modo giusto. In questa prospettiva, la cosa più importante è ragionare intorno alle nostre difficoltà (prima ancora che dei bambini) cercando di abbandonare il senso comune che talvolta è estremamente fuorviante. Due punti di riferimento sono essenziali: il primo è di carattere metodologico e consiste nella necessità di utilizzare la letteratura scientifica, nazionale e internazionale 1. Una letteratura che sarà tenuta sempre presente e che, se fosse sempre utilizzata, 1 A questo proposito, oltre alle segnalazioni bibliografiche in calce alle sezioni del volume, si consulti la bibliografia finale relativa agli ultimi venti anni della letteratura ISI.

5 Introduzione 15 eviterebbe ai dibattiti attuali di avvitarsi sulle medesime questioni, perdendo di vista i risultati empirici, le evidenze della cultura scientifica, gli aspetti sui quali è poco utile continuare a dividere gli animi con impostazioni ideologiche. Il secondo punto di riferimento è costituito dalle esperienze e dalle testimonianze delle famiglie adottive, ma soprattutto dei bambini adottati. In questo volume queste voci saranno tenute molto presenti, anche se sporadicamente sono arrivate alla pubblicazione a stampa 2. Forse è stato il cinema che ci ha maggiormente aiutato nell avvicinarci al punto di vista interno, di coloro che hanno vissuto l adozione 3. I desideri degli adulti, anche se ispirati a buone intenzioni, rischiano talvolta di prevaricare i desideri e i bisogni profondi dei bambini adottati, così provati dalla vita, duramente e tragicamente fin dall inizio e così desiderosi, invece, di vivere. Purtroppo il loro desiderio è spesso anche una spinta a esercitare una grande forza di adattamento che li costringe ad assecondare certe direzioni che vengono loro impresse. Non dobbiamo rischiare, pur col desiderio del bene, di costringerli entro schemi prefissati, ma semmai sostare e ascoltare: attendere e capire i loro desideri, quelli reali, affinché il loro sviluppo non porti alla creazione di un falso sé, ma di una identità loro propria e unica. Una identità non sempre del tutto coesa, perfetta e gratificante come noi adulti vorremmo. È in questo processo di ricerca delle loro voci e del loro benessere che noi possiamo, e a volte dobbiamo, fare volontariamente dei passi indietro rispetto al nostro desiderio di completezza e di gratificazione, rispettando i tempi e i modi del loro farsi persona. *** Questo volume deve molto a molte persone, in primo luogo alle bambine e ai bambini adottati e alle loro famiglie, a chi ha condiviso con me la propria personale memoria, facendomi parte di un universo di significato che dall esterno potevo soltanto intuire e immaginare. Le parole scritte cercano proprio di ripercorrere questo cammino di ascolto, nella speranza di non sovrapporsi mai ai 2 Cfr. le letture consigliate alla fine dell introduzione. 3 Cfr. Centro nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza, Rassegna filmografica. Il cinema e la rappresentazione dell adozione e dell affidamento nella loro evoluzione storica e sociale, 22 luglio 2009,

6 16 Educare all amore adottivo desideri e ai bisogni che le storie narrate esprimono. Desidero rivolgere un forte e caloroso ringraziamento alla professoressa Carmen Betti che mi ha offerto tutta la sua competenza discutendo con me di molti argomenti e mi ha permesso di coltivare nel corso degli anni l interesse per le tematiche adottive, dando fiducia ai miei primi tentativi nell ambito dei corsi di perfezionamento dell Università di Firenze da lei diretti e dedicati alle questioni formative nell adolescenza. Indirizzo un sentito ringraziamento al professor Leonardo Trisciuzzi e alla professoressa Simonetta Ulivieri che hanno pubblicato nel 2007 il volume Adozione e formazione, all interno della collana da loro diretta 4 e hanno favorito in molti modi lo sviluppo della tematica, anche in occasioni di incontri pubblici 5. Un concreto aiuto e uno stimolo al lavoro di ricerca mi è giunto dal prof. Enzo Catarsi che mi ha invitato a tenere una relazione al Convegno Autobiografie genitoriali e educazione familiare 6 e dalla prof.ssa Georgina María Esther Aguirre (Universidad Nacional Autónoma de México, Instituto de Investigaziones Sobre la Universidad y la Educación, Città del Messico) che ha tradotto in spagnolo un mio studio per la rivista Ethos Educativo 7. Testimonianze e esperienze, letture consigliate Aa.Vv., Storie di padri adottivi, Milano, Ancora, Basano G., Nicola, Un adozione coraggiosa. Un bambino handicappato grave conquista una vita adulta autonoma, Torino, Rosenberg & Sellier, Baviati, E.T., Il bambino adottato. Storie vere di affidi e adozioni, Bologna, Cappelli, Bandini, G. (a cura di), Adozione e formazione. Guida pedagogica per genitori, insegnanti e educatori, Pisa, ETS, Seminari di studio promossi dalla Scuola delle donne pedagogiste (Livorno, settembre 2006); testo poi pubblicato col titolo Oltre i luoghi comuni: famiglia e comunità orientate al benessere del bambino adottato, in Contini M.-Ulivieri S. (a cura di), Donne, famiglia, famiglie, Bologna, Guerini, 2010, pp Relazione al Convegno Autobiografie genitoriali e educazione familiare, Firenze novembre 2007; il testo è stato pubblicato col titolo Narrazione e autobiografia nella famiglia adottiva, in Rivista Italiana di educazione familiare, 1, 2008, pp Bandini, G., Para una pedagogía de la escucha y del encuentro, in Ethos Educativo, vol. 45, 2009, pp

7 Introduzione 17 Canova, L., A loro la parola: i figli adottivi del Terzo mondo raccontano la loro esperienza, Casale Monferrato, Piemme, Cavalli, S., Perché mi hai preso? Adolescenti adottivi, Molfetta, Meridiana, Chiodi, M. (a cura di), Storie vere di adozione. Le parole dei genitori, i colori dei figli, Milano, Ancora, Fallaci, N., Di mamma non ce n è una sola, Milano, Rizzoli, Fatigati, A., Genitori si diventa. Riflessioni, esperienze, percorsi per il cammino adottivo, Milano, Franco Angeli, Forcolin, C., Il Gabbianello Marco e altri animali. Raccolta di storie e testimonianze sull adozione difficile, Torino, Piazza Editore, I figli che aspettano. Testimonianze e normative sull adozione, Feltrinelli, Milano Lewis, R., Una mamma di cuore. Storia di un adozione, Milano, Mondadori, La Rosa, M., Ci siamo adottati, ovvero Tre famiglie in una, Roma, Magi, Menicucci, M., Kale kale. Storia di un adozione, Roma, Editori riuniti, Miliotti, A.G., Una famiglia un po diversa, Verona, Positive Press, Quello che non so di me, Fabbri Editori, Miniter, R.F., Le cose che voglio di più, Milano, Corbaccio, Monestier, B., Sono venuti a prendermi la vita. Storia di un adozione, Casale Monferrato, Piemme, Monti, J., L adottato. Una piccola e buffa storia tra realtà e fantasia, Nicola Pesce Editore, Paradiso, L., Raccontarsi l adozione, Roma, Armando Editore, Percoco, R., Nato da un aquilone bianco, Milano, TEA, Ricciardi Ruocco, M.-Corchia, F., Come adottare un bambino e farlo felice, Milano, Giorgio Bernardini, Rovegno, C., Tutto il tempo che vuoi. Una mamma del cuore racconta il suo viaggio nell adozione, Roma, Armando, Saffian, S., Itaca. Ricordi di una figlia ritrovata, Milano, Il Corbaccio, 1999.

8 18 Educare all amore adottivo Sandrucci, B., A loro la parola. Adozione e narrazione autobiografica, in Bandini G. (a cura di), Adozione e formazione. Guida pedagogica per genitori, insegnanti e educatori, Pisa, ETS, Scarpati, M., Adottare un figlio, Milano, Mondadori, Söhl, I., Tadesse, perché? La breve vita di un bambino in un villaggio tedesco, Assisi, Cittadella Editrice, Sposito, E., Un angelo venuto da Kathmandu. L incontro con l adozione, Roma, Armando, Zattoni, Gillini M., Storia di Paquito. Nascita di una madre, Brescia, Queriniana, 1991.

Marco Chistolini (a cura di), Scuola e adozione Franco Angeli, 2006. Natalia Ginzburg, Serena Cruz, o la vera giustizia Einaudi, 1990

Marco Chistolini (a cura di), Scuola e adozione Franco Angeli, 2006. Natalia Ginzburg, Serena Cruz, o la vera giustizia Einaudi, 1990 AA. VV., Guida per un adozione consapevole: norme, strumenti e indicazioni per gli aspiranti genitori adottivi sul percorso da intraprendere Veneto adozioni, 2008 AA. VV., La preparazione, l attesa ed

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Narrazione e autobiografia nella famiglia adottiva

Narrazione e autobiografia nella famiglia adottiva Rivista Italiana di Educazione Familiare, n. 1-2008, pp. 110-119 Narrazione e autobiografia nella famiglia adottiva Gianfranco Bandini* Nel corso degli ultimi cinquant anni la famiglia adottiva ha compiuto

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292 Progetto cofinanziato da Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi Terzi - Annualità 2012 SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

L affido e l adozione per Eduardo. di Bonaria Autunno

L affido e l adozione per Eduardo. di Bonaria Autunno L affido e l adozione per Eduardo. di Bonaria Autunno Stavo preparando una relazione sul tema dell affido per un convegno cui dovevo partecipare come relatore. Avevo cominciato a scrivere:..affidare il

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Documentazione e verifica del progetto PROGETTO LETTURA ( ANNO SCOLASTICO 2008/09) PREMESSA

Documentazione e verifica del progetto PROGETTO LETTURA ( ANNO SCOLASTICO 2008/09) PREMESSA Documentazione e verifica del progetto PROGETTO LETTURA ( ANNO SCOLASTICO 2008/09) PREMESSA La lettura e la narrazione sono strumenti essenziali di comunicazione con il singolo bambino e una potente chiave

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Progetto genitori consapevoli

Progetto genitori consapevoli Progetto genitori consapevoli Corso di formazione a sostegno del difficile compito di essere genitori oggi. Grande affluenza di pubblico L'iniziativa, con lo scopo ben preciso di dialogare insieme su problemi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

La Collana si articolerà in tre sezioni:

La Collana si articolerà in tre sezioni: La Collana Incontro alla Vita costituisce una delle iniziative che la Fondazione Internazionale Il Giardino delle Rose Blu O.N.L.U.S. ha individuato come strumenti di sensibilizzazione, formazione e promozione

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

Il piacere della lettura ad alta voce

Il piacere della lettura ad alta voce Il piacere della lettura ad alta voce Bibliografia a cura della Biblioteca comunale Francesco Selmi via San Francesco 165 Vignola Tel. 059/771093 e-mail biblio.vignola@cedoc.mo.it www.auris.it Roberta

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 2013 Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 Tavolo Minori e Famiglie: STORIE PER CRESCERE A cura di AS Angela Morabito ed AS Ilenia Petrucci Lab. Minori Sensibilizzazione

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

Comune di Rimini Direzione Servizi educativi. Progetto MI PRENDO CURA DI TE

Comune di Rimini Direzione Servizi educativi. Progetto MI PRENDO CURA DI TE Comune di Rimini Direzione Servizi educativi Progetto MI PRENDO CURA DI TE Anno educativo 2012-2013 MI PRENDO CURA DI TE Premessa Nell anno scolastico 2012/13 il percorso di integrazione e collaborazione

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. Carlo Petracca carlo.petracca@tin.it

VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. Carlo Petracca carlo.petracca@tin.it VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE carlo.petracca@tin.it VALUTAZIONE NON PROVE STANDARDIZZATE

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE

CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE COMUNE DI LIVORNO CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE EDDA FAGNI Programma 2010-2011 Il C.I.A.F. (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglie) Edda Fagni Il C.I.A.F. (Centro Infanzia, Adolescenza e Famiglie)

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

Maria Mione ed Elisabetta Conte ABSTRACT

Maria Mione ed Elisabetta Conte ABSTRACT LA LUNGA STRADA DEL CORAGGIO: DALLA PSICOTERAPIA DELLE ESISTENZE CON DISTURBI ALIMENTARI ALLA PREVENZIONE DEL DISAGIO RELAZIONALE NEL VILLAGGIO GLOBALE. LO SGUARDO DELLA PSICOTERAPIA DELLA GESTALT Maria

Dettagli

Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13

Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13 Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13 Progetto Family Network Comune di Spinea 05 febbraio 2015 Tre mondi paralleli : OLTRE I 50 ANNI:

Dettagli

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE Prof.ssa Carla Guatteri IL CASO DI K. K. È UNA RAGAZZA ITALIANA IL SUO PERCORSO SCOLASTICO ALL INTERNO DEL NOSTRO ISTITUTO INIZIO CONCLUSIONE

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014]

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014] 2014 A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia Paolo Genco [ Saluti e discorso introduttivo 2014] Acireale 29 novembre Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Raspanti, vescovo di Acireale 2 Gentili Signore

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L AFRICA E NOI. Le rimesse degli immigrati tra soldi reali e vite virtuali

L AFRICA E NOI. Le rimesse degli immigrati tra soldi reali e vite virtuali L AFRICA E NOI Le rimesse degli immigrati tra soldi reali e vite virtuali Rimesse. Cioè rimettere, ridare, restituire. Cosa c è dietro questa parola? La ricerca di qualche sinonimo ci orienta verso l idea

Dettagli

LEGGERE È DI CASA. PROGETTO BIBLIOTECA Istituto C.Arici

LEGGERE È DI CASA. PROGETTO BIBLIOTECA Istituto C.Arici LEGGERE È DI CASA PROGETTO BIBLIOTECA Istituto C.Arici P a g i n a 2 DENOMINAZIONE PROGETTO: LEGGERE È DI CASA RESPONSABILI PROGETTO: Francesco Frugoni e Michela Mazzi OBIETTIVI: Presentare la biblioteca

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di:

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di: 3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007 Ai sensi di: - Deliberazione di C.R. n. 615 del 16/11/2004 - Determinazione regionale del Servizio politiche familiari, infanzia

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2.

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2. PRESENTAZIONE È urgente dovere della Chiesa accompagnare la famiglia nelle diverse tappe della sua formazione e del suo sviluppo 1. Questo lavoro del dottor don Omar Larios Valencia, nato dall esperienza

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

non è per questo un cattivo genitore ed

non è per questo un cattivo genitore ed IL GENITORE DETENUTO non è per questo un cattivo genitore ed è il genitore con cui il figlio dovrà fare i conti per crescere (Mantovani, 2003) Persone detenute si raccontano in quanto genitori Ringraziamenti

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como adozione e affido come orientarsi, a chi rivolgersi Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell'ambito della propria famiglia. Questo è

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1209 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PUGLISI, FEDELI, MATTESINI, LUMIA, AMATI, ASTORRE, BERTUZZI, CIRINNÀ, COLLINA, D ADDA, Stefano ESPOSITO, FABBRI,

Dettagli

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma.

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma. Aggiornamento 21.03.15 Andolfi M. D Elia A. (2007). Le perdite e le risorse della famiglia. Raffaello Cortina Editore, Milano. Il volume si rivolge principalmente ai professionisti che lavorano con le

Dettagli

I PROGETTI EDUCATIVI TELETHON 2015/16

I PROGETTI EDUCATIVI TELETHON 2015/16 I PROGETTI EDUCATIVI TELETHON 2015/16 Perché entrare nelle scuole? La rarità delle malattie genetiche fa sì che esse siano trascurate dai principali investimenti pubblici e privati. Telethon esiste proprio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SOCIALE: infanzia e adolescenza

PROGRAMMAZIONE SOCIALE: infanzia e adolescenza Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMAZIONE SOCIALE: infanzia e adolescenza Servizio Programmazione Scolastica educativa ed Interventi per la sicurezza sociale PAOLA CASALI Consigliera Provinciale 11 Giugno

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA Preside Prof PAOLA CARRETTA Coordinatrice dei progetti di rete di EIP CAMPANIA Membro del Gruppo di Direzione e Coordinamento PON F3 PROGETTO INSIEME E POSSIBILE

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo PERCORSI PROBLEMATICI DELL ADOZIONE INTERNAZIONALE AA.VV Istituto Degli Innocenti, 2003 Questo

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto LINEE GUIDA Centri di Ascolto 1. LA COMUNITA CRISTIANA CHE ASCOLTA A. L ascolto come dimensione della comunità cristiana L ascolto è l atteggiamento fondamentale che ogni comunità deve assumere per far

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli