APPROCCIO EDUCATIVO- RIABILITATIVO AI BAMBINI CON BISOGNI SPECIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROCCIO EDUCATIVO- RIABILITATIVO AI BAMBINI CON BISOGNI SPECIALI"

Transcript

1 APPROCCIO EDUCATIVO- RIABILITATIVO AI BAMBINI CON BISOGNI SPECIALI Realizzatori: dott.sa Sanela Ćirić, difettologo dott.sa Tanja Čolić, difettologo dott.sa Slavica Vidaković, pedagogo-psicologo Danijela Antić, studente fuori corso di pedagogia 1

2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. APPROCCI EDUCATIVI-RIABILITATIVI Difetti della vista Sviluppo mentale scarso Difetti fisici Disturbi del linguaggio Difetti dell'udito Disturbi del comportamento 3. PRATICA: LABORATORI 4. videonote ed immagini, lavori di bambini 5. LETTERATURA 2

3 INTRODUZIONE In Bosnia Erzegovina vivono tanti bambini con diversi bisogni speciali che non hanno un trattamento riabilitativo e educativo adeguato per motivi di pubblico incolto. Quando le persone che lavorano con i bambini pensano di avere un bambino con bisogni speciali dentro il suo gruppo, potrebbero prendere la seguente nota: - Fin ora non ho lavorato/a con bambino in carrello. Da dove posso iniziare? - Non possiedo una diploma nell ambito di formazione speciale. Come posso aiutare a bambino con sindrome di Down? - Sono preoccupato/a. Cosa si succederà se Anja sopravvive l attacco? Cosa devo fare? Per tanti anni abbiamo provato a trovare le risposte per queste domande, chiamando le famiglie ed insegnanti dei bambini con bisogni speciali, e parlando delle loro esperienze con i nostri studenti e con altri membri della societa in contatto con loro. Il punto di riferimento per il gruppo di lavoro, sia per l asilo infantile sia per l ente scolastico, presenta l accettazione del bambino con bisogni speciali come risorsa, e no come un problema, e quindi solo una persona da ignorare e/o al massimo da proteggere. La definizione di termine dei bisogni speciali, proposta dall Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), distingue tre termini generali: 1. difetto (obiettivamente presente) 2. abilità ridotta (non esiste obiettivamente, ma rappresenta una valutazione sottolineata dalla società) 3. bisogno speciale ( handicap, si deve considerare come una percezione soggettiva, cioè di un abilità così ridotta che disturba la persona nella realizzazione dei suoi desideri"). I bisogni speciali sono condizionati socialmente. 4. bisogni speciali che esprimono i bambini si possono manifestare a livello emozionale, percettivo, cognitivo, parlato e motorie. 3

4 Riguardo alle persone con bisogni speciali, tante volte si sottolinea che sono disabili, anche se tale termine si considera inadatto, il termine persone ostacolate nello sviluppo sembra molto più adeguato quando si parla dei bambini e adolescenti. In tutti i paesi sviluppati, le persone ostacolate nello sviluppo hanno un certo grado di protezione, e hanno la possiblità di seguire una riabilitazione che porta a percorsi d integrazione sociale. Tali persone si possono classificare in base al difetto preponderante o disagio, come lo scarso sviluppo mentale (ritardo mentale), le persone cieche e con vista debole, totalmente sorde o parzialmente, con invalidità fisica, con disturbi del linguaggio e di voce, disturbi del comportamento e della personalità, lo sviluppo ritardato e disarmonico, e spesso si presentano anche con disturbi combinati. Lo scopo primario del pacchetto formativo per utenti potenziali del programma, è quello di dare informazioni necessarie sugli ostacoli che si presentano nello sviluppo e, inoltre, sugli interventi che un bambino con bisogni speciali può ricevere da noi. Infrastruttura: Centro di Documentazione Sito web Utenti del programma formativo: le persone con ostacoli nello sviluppo genitori insegnanti studenti psicologi pedagogi assistenti sociali difettologi altri profili professionali che sono in contatto con i bambini con bisogni speciali L'approccio didattico: presentazione, laboratorio e lavoro di consulenza. 4

5 Il contenuto del presente programma formativo è diviso in due parti: Nella prima parte sono presentate le guide teoriche dei termini della difettologia e delle sue discipline che aiuterano gli utenti potenziali nel percorso di conoscenza degli approcci educativi e riabilitativi, queste si usano nel lavoro con i bambini con bisogni speciali. Nella seconda parte sono presenti esempi pratici laboratori ed altri esempi concreti. DIFETTOLOGIA (ing., Special education) Difettologia (lat. defectus, greco. logos) esamina la personalità ostacolata nello sviluppo dei sensi, del corpo e dello sviluppo mentale, ma anche la personalità con problemi relativi alla concezione etica del suo proprio essere, e problemi relativi alla relazione con la società in cui vive. All inizio, esaminava gli ostacoli con quali il bambino nasceva, ed oggi si occupa anche degli ostacoli che risultano dalle lesioni, da situazioni di stress e di processo pedagogico ed educativo mal gestito. La difettologia segue il dislivello o disarmonia dello sviluppo delle strutture generali di personalità, e punta a sollecitare lo sviluppo di tali strutture, che potrebbero presentarsi anche in modalità disuguali, tutto questo permane un elemento importante per la maturazione armonica di ogni personalità. Con le attività previste si partecipa in lavoro di team con l agenzia sanitaria che si occupa della prevenzione. Nello stesso tempo, con il suo funzionamento stimolante, svolge attività anche nel periodo dell infanzia, dove la disarmonia dello sviluppo è già ravvisata, e in tale modo opera per cambiare certe diagnosi cliniche, basate sul dislivello dello sviluppo menzionato. 5

6 Essa esamina, sviluppa e usa le metodoligie terapeutiche e riabilitative che sono in relazione con le diagnosi cliniche, e questo sia dove si affaccia lo sviluppo dissimile delle strutture generali della personalità (discognizione, disprassia, disfasia, comportamento asociale, autismo infantile), sia con motodologie di sollecitazione dell abilità motoria dei sensi e delle funzioni mentali. Lo studio principale cerca di verificare lo stato della personalità attraverso un analisi dei sensi, motricità, funzioni mentali e comportamento sociale, inoltre, la tipologia di lavoro che si utilizza è scelta per migliorare al massimo lo sviluppo delle loro abilità, da usare sia in famiglia sia nell ambiente sociale, nel quale le loro capacità si devono adattare. La premessa generale della difettologia moderna inizia dal fatto che le persone con un minimo ostacolo nello sviluppo, se non si lavora con loro, hanno la tendenza a svilupparsi con le loro abilità più basse, finchè non interviene un lavoro professionale con loro e con le loro famiglie che permette, alle stesse persone, di sviluppare le loro abilità, determinate dalla genetica. Altra definizione della difettologia, detta dal sig. Segen ( ), punta al miglioramento della qualità di vita dei bambini tramite la sollecitazione delle loro abilità, comunicazione con l ambiente, senza riguardo del loro handicap. Dalla presente definizione consegue che non esiste un bambino o persona adulta dalla quale si deve recedere dal praticare la riabilitazione difettologica. Sotto la riabilitazione difettologica non si possono considerare i seguenti punti: cura sociale standard più alto e miglioramento dello schema organizzativo delle istituzioni per la cura delle persone con handicap. L area sopraindicata dovrebbe essere parte del lavoro sociale, (la cura sociale in senso lato). La cura sociale, in senso stretto, è strutturata dalla sollecitazione e perfezionamento di metodologie del lavoro nell ambito di concezioni scientifiche di riabilitazione per singole arie, di impegno difettologico e di 6

7 perfezionamento dell attività preventive e terapeutiche delle agenzie sanitarie. ARTICOLAZIONE DELLA DIFETTOLOGIA La difettologia si articola in difettologia generale e specifica, ed alla base del difetto si articola in: surdologia, tiflologia, oligofrenologia, logopedia, somatopedia e la pedagogia speciale il trattamento dei bambini con difficoltà nel comportamento sociale. Mentre la difettologia generale dedica grande importanza alla personalità intera, le discipline speciali della difettologia puntano più ai problemi dello sviluppo ritardato o al problema del difetto che disturba la qualità della vita e la comunicazione in campo sociale dell individuo con difficoltà nello sviluppo. Lavorando in gruppo, i difettelogi, dai diversi profili, creano un immagine generale della personalità, le modalità con le quali la personalità stessa si sviluppa, secondo le sue caratteristiche specifiche, e il tipo di difetto, organizzando il trattamento terapeutico e riabilitativo. Durante il periodo di studio, dei vari corsi universitari, si trovano una serie di strumenti comuni con i quali si formano i difettologi futuri che saranno capaci di riconoscere i fabbisogni e le sollecitazioni dei diversi programmi riabilitativi e stimolanti. Il procedimento pedagogico-educativo nell ambito della difettologia è basato su due principi: 1. Ogni tipo di procedimento, considerando anche il presente, deve avere elementi di stimolo per lo sviluppo di ogni parte della personalità, e possedere buone prassi se, in tale modo, funziona; 2. Ogni programma di lavoro si deve fondare sul concetto di Komenski, che afferma come non si possa dare ai bambini con handicap più di quello che loro possono capire ed integrare nelle proprie strutture cognitive ed emozionali delle loro personalità, e niente meno di quello che loro possono desiderare e capire. 7

8 DIFETTOLOGO ( ing., Special educator ) Il Diffetologo è un esperto che si occupa dell analisi dei difetti nell area dello sviluppo dei sensi, motorica, funzioni mentali e comportamento sociale dei bambini e giovani. Inoltre, esamina i difetti che si presentano in tutte le aree sopra menzionate a causa di lesioni e scarso processo pedagogico-educativo nella famiglia e nella scuola. Durante la formazione universitaria si fa conoscere la metodologia di lavoro per superare tali problemi, la metodologia di ricerca dello stesso ambito, e anche con le possibilità di valutazione dei risultati del lavoro proprio. Inoltre, si fa conoscere le diverse forme di riabilitazione di gruppo o individuale di tali persone, nonchè il tipo di lavoro con i genitori e il lavoro preventivo presso la comunità sociale. Un area speciale che un difettologo deve esaminare durante lo studio, è l area di organizzazione del servizio difettologico presso le istituzioni sanitarie, sociali ed educative. È necessario conoscere molto bene la dinamica di sviluppo dei sentimenti, funzioni cognitive e la base della neuropsichica di tale funzioni, come anche le caratteristiche della personalità con quale si opera. In questo modo, per ogni posto di lavoro e per ogni campo di riabilitazione difettologica, il difettologo potrà realizzare un contatto con l intera personalità dell individuo con difficoltà nello sviluppo, non riducendo le proprie attività nei vari settori del trattamento. Nelle seguenti sezioni spieghiamo ogni disciplina della difettologia e così gli utenti del programma potranno, in maniera adeguata, fare la distinzione tra le diverse tipologie, nonchè acquisire maggiori competenze in materia. 8

9 TIFLOLOGIA (DIFETTO DELLA VISTA) Tiflologia (greco typhlos-cieco, logos-studio) è la scienza che esamina lo sviluppo e la riabilitazione delle persone con difetti della vista. La presente terminologia è estesa anche per le persone con la vista debole, perchè nell ambito della tiflologia si trattano i problemi di tutte le persone con difetti della vista, senza riguardo alla tipologia e al livello di difficoltà del campo visivo. Difettologo-tiflologo è un esperto qualificato per l educazione e riabilitazione delle persone con difetti della vista. Il tiflologo è abilitato per il lavoro clinico e educativo con le persone con difetti della vista di tutte le età. Queste persone devono poter avere uno speciale trattamento pedagogico. La tiflologia si sviluppa e si perfeziona di continuo attraverso le scienze tiflologiche, come: tiflopedagogia, tiflopsicologia, tiflometodica, metodica della tiflologia clinica, orientamento professionale lle persone con difetti della vista, diagnostica tiflologica e peripatologia. Ortottica e pleottica sono le metodologie di ripristino della vista binoculare presente nello strabismo del quale si occupa l ortottico difettologo tiflologo, in modo da svolgere gli esercizi con i bambini e le persone adulte, rafforzati dalla presenza, sotto il controllo e la responsabilità di un oftalmologo. Circa l 80% dei bambini ciechi possono vedere fino ad un certo grado, anche se la loro vista può essere abbastanza limitata o può essere presente solo in certi parti del campo visivo. La natura della vista, usata da un bambino è molto importante, perchè influenza la sua evoluzione. Per es.: il bambino che ha la vista periferica ma senza la vista centrale, non sarà in grado di vedere di fronte a sè, ma potrà vedere le cose di fianco, come se fosse presente un blocco davanti e il bambino deve guardarci dietro. Tale bambino non sarà in grado di essere così mobile e non potrà essere libero di andare da solo. All opposto, il bambino che ha solo la vista centrale si comporta icome se guardasse dentro un tubo che si trova di fronte ai due occhi, e per questo motivo il bambino è molto attento quando si muove, ma è in grado di leggere. Altri 9

10 bambini possono avere la visione annebbiata in tutte le distanze o posizioni, ma ci sono anche quelli miopi. I bambini miopi si muovono prudentemente, ma possono essere in grado di leggere e studiare i soggetti visualmente se li tengono di fronte agli occhi. Il bambino con la visione annebbiata non è capace di fare nessuna delle azioni sopra menzionate. Anche se avere una vista chiara è molto importante, quello che si può fare con la visione rimanente è anche più importante. Per es., i due bambini possono avere 6/60 della vista, ma uno di loro è tanto miope e l altro no. Crescendo, l efficacia della visione del bambino si può migliorare anche se la percentuale della vista rimane uguale, ma si può migliorare la capacità di usare la vista rimanente. In sostanza, il modo secondo il quale il bambino con la vista debole usa la vista rimanente può essere l indicatore della sua intelligenza o tipologia dell assistenza che è necessaria per lui. Scoprire il problema in maniera precoce è una cosa molto importante, perchè in questo modo è possibile organizzare la riabitazione di questi bambini. La riabitazione preventiva è estremamente importante perchè i risultati sono sempre migliori se si inizia presto con il trattamento, quindi, è necessario iniziare con il trattamento durante i primi anni di età del bambino, affinchè la prognosi possa essere migliorata. La riabilitazione di bambini con la vista difettosa è organizzata dall infanzia tramite le istituzioni sanitarie. La riabilitazione si svolge per ogni individuo. L educazione dei bambini con la vista difettosa si svolge presso le scuole speciali o secondo l impostazione della nuova legge sull educazione, presso le scuole regolari con la programmazione adattata. In Repubblica Srpska esiste un ente specializzato per l educazione dei bambini ciechi o con la vista debole, in scuola primaria e secondaria. Le materie scolastiche, metodologie, i mezzi e tipi di lavori sono adatatti ai difetti specifici presenti per tali allievi. Oltre alla parte educativa, le scuole speciali realizzano anche i servizi di riabilitazione tramite i trattamenti individualizzati svolti dal logopedista, rieducatore della psicomotricità, e dalla peripatologia. 10

11 Il livello del difetto nella vista determina il tipo dell educazione più adeguata. Se il bambino è inserito nella scuola regolare, è necessario assicurare la programmazione di lavoro modificato, metodologie adatatte, strumenti e tipi di lavoro adatatti. È necessario anche includere un difettologo, come parte del team scolastico, che potrebbe partecipare alla creazione e alla realizzazione dei programmi individualizzati. OLIGOFRENOLOGIA (LE PERSONE CON SCARSO SVILUPPO MENTALE) Oligofrenologia E parte integrante della scienza difettologica, comprende la questione complessa del ritardo mentale e altre forme di handicap mentale. Il termine oligofrenologia, anche se non è abbastanza adeguato, è presentato in modo tradizionale, ma con lo sviluppo della teoria e pratica oligofrenologica, osservando le possibilità reali dei bambini con ritardo mentale in ambiente familiare, avrà ulteriori elementi e più ricche. Il difettologo oligofrenologo è un esperto abilitato per il lavoro con le persone che hanno uno scarso sviluppo mentale. L Oligofrenologo è abilitato per applicare le metodologie difettologiche speciali in diagnostica, riabilitazione, educazione e formazione delle persone con ritardo mentale. Considerando la complessità del termine intelligenza, non è possibile improvvisare una definizione del difetto intellettivo o come si dice solitamente, ritardo mentale, che non può accontentare del tutto come definizione. Il concetto del ritardo mentale indica la riduzione delle capacità intellettuali, capacità di allacciare la comunicazione in ambiente sociale, dopo le difficoltà nello sviluppo emozionale, sociale e psicomotorio. Il ritardo mentale comprende le diverse situazioni genetiche, sociali e mediche, con la caratteristica di un funzionamento intellettuale inferiore. La maggior parte degli esperti si trovano in accordo sulla definizione di ritado mentale che sottolinea come l avvento del difetto avvenga prima della maturità e che, inoltre, certi disturbi nel comportamento ed altri sintomi percettibili delle persone con ritardo mentale, possono essere presenti sia nei bambini, sia negli adulti. Per i motivi pratici, elenchiamo le descrizioni di comportamenti che si attendono dalle persone con il ritardo 11

12 mentale di vari gradi. Inoltre, è necessario sottolineare, in ogni categoria elencata esistono le diversità tra le persone, che non dipendono solo dal livello del ritardo mentale, ma anchè dalle caratteristiche personali, dalla reazione dell ambiente più prossimo, (soprattutto di famiglia), di altre realtà nel percorso di vita della persona affetta da ritardo mentale. Llivello del ritardo mentale Casi estremi sono considerati i soggetti (ottusi) con capacità intellettive sul limite inferiore dell intelligenza normale. Il quoziente intellettivo Q.I. di tali soggetti è tra 70 e 85, e quando sono cresciuti arrivano al livello dello sviluppo mentale che colpisce la popolazione dei bambini normali di età cronologica dal 10 ai 15 anni. Spesso avviene che non riescono a raggiungere l inclusione sociale e professionale adeguata, e questo avviene se non sono stati seguiti nel processo educativo e se non hanno condizioni di lavoro adeguate. La maggior parte dei bambini con questo tipo di livello (di confine) di ritardo mentale si possono inserire con la popolazione media, anche se come persone adulte di solito rimangono al livello socio-economico inferiore. Ritardo mentale lieve Il ritardo mentale lieve presenta il tipo di ritardo mentale più lieve. Il quoziente intellettivo dei bambini di tale gruppo è tra 50 e 70, e lo sviluppo intellettivo, in gran parte, non può giungere allo sviluppo di riflessione astratta. Questa categoria è caratterizata da una scarsa possibilità di ragionamento, dalla rappresentazione dei rapporti ed eventi spesso alterata, e i processi della riflessione sono possibili solo se legate ad un livello di cose concrete. La comprensione delle relazioni tra causa ed effetto in tale bambini molto spesso è scarsa e sbagliata, la riflessione astratta è poco sviluppata. Riguardo le caratteristiche emozionali e la socializzazione, in tale gruppo possiamo articolare le due tipologie. Il primo tipo sono i bambini, affetti da deficit intellettivo, lo sviluppo psichico globale in gran parte è armonico e non dimostrano disturbi più gravi, quindi non ci sono difficoltà in adattamento sociale. Se la situazione familiare è armonica e la formazione adatta alle possibilità, tali persone si possono inserire a livello professionale. Il secondo tipo determina l insorgere di certi 12

13 disturbi, ad esempio i tipi di comportamento che si possono denominare apatico, inquieto, labile, infantile, manico ed altro. Come abbiamo detto prima, anche le persone affette da ritardo mentale lieve non possono distinguere una cosa importante da una non importante, e per tale motivo, certe volte reagiscono con le impressioni dirette e concrete in tutti e due i casi. Per loro i concetti astratti sono incompleti, eventualmente in relazione con un esperienza determinata, concretta. I problemi pratici sono risolti con difficoltà, perchè dispongono solo di un certo numero di soluzioni, e perlopiù tali soluzioni sono state interiorizzate attraverso l imitazione, e hanno solo poche soluzioni originali e concepite individualmente. Per tale motivo, il più delle volte praticano soluzioni universalmente conosciute e stereotipate. Non hanno problemi con la memoria, dove possono anche dimostrare talento per la memoria di certi nomi, persone, stazione ferroviarie, eventi ecc., ma nello stesso tempo non sono in grado di usarla ed adeguarla agli impegni quotidiani. I contatti emozionali con le altre persone spesso sono scarsi, e gli argomenti sono poco differenziati. In loro esiste un deficit di controllo delle emozioni, e spesso si rileva una reazione emozionale diretta e forte che porta ad atteggiamenti aggressivi. Anche se linguaggio dei bambini con ritardo mentale lieve si sviluppa più tardi e il vocabolario rimane povero, si deve aggiungere come in essi ci sia anche un ritardo nello sviluppo fisico, nella maggior parte dei casi la disabilità non si scopre in età prescolastica ma solo nel periodo scolastico. La riabilitazione dei bambini con ritardo mentale lieve deve iniziare il più presto possibile. La diagnosi preventiva e il lavoro specifico, assicurano un integrazione e un successo scolastico più prospero. In età prescolastica, la riabilitazione si svolge dentro gli enti sanitari o presso la scuola materna. Esiste la programmazione per la popolazione dei bambini piccoli con lievo ritardo mentale, ma da noi ancora non è stabilita. Nel nostro territorio, il lavoro non è adeguatamente organizzato e questi bambini vengono trattati come tutti gli altri bambini in età prescolastica. La riabilitazione viene svolta dai difettologi, logopedisti, rieducatori di psicomotorica e altri profili di riferimento, per esempio psicologi, medici, ecc... 13

14 La rieducazione della psicomotricità è una metodologia di lavoro pratica nella difettologica, basata su fatti teorici presenti nella neuropsicologia. La neuropsicologia dell età evolutiva sottolinea specialmente l approccio all esistenza completa di una individuo nel periodo che va dall infanzia all adolescenza e questo presenta il punto fondamentale nell implementazione di tale metodologia. La rieducazione della psicomotricità è un modo di esercitare l esperienza dei bambini e adolescenti con lo sviluppo disarmonico della psicomotricità o con disturbi del comportamento. Uno sviluppo disarmonico ed incompleto influenza le esperienze e le relazioni con lo spazio, il tempo e con gli altri. La scoperta e la ricostruzione dell impressione dell'integrità corporea, dello spazio e del tempo, che possono essere raggiunti con l implementazione di questo metodo, rafforzano l impressione della propria personalità, che ha un effetto anti-ansia e diventa una linea guida per indirizzare lo sviluppo delle funzioni cognitive. L esercizio delle esperienze vitali si implementa tramite il movimento. La rieducazione della psicomotricità usa il movimento come un attività sensomotoria e psicomotoria. Il neonato, le prime impressioni di sè stesso e dell ambiente che lo circonda. Il mondo e la nostra presenza nello stesso, lo ritroviamo con il movimento e dopo, definiamo con lo stesso movimento le persone. I primi movimenti nella vita di un uomo creano nel cervelo gli schemi d azione e sono responsabili per lo sviluppo dell intelligenza ad un livello organizzativo più alto. Inoltre, l intelligenza e le prime sensazioni di piacere e fastidio, sono correlate al movimento che tramite le esperienze differenziano le varie emozioni. Di conseguenza, il movimento determina sia lo sviluppo cognitivo sia equello mozionale dell individuo. Lo scopo della rieducazione psicomotoria non è di migliore la disinvoltura nei movimenti, sfrutta il movimeto stesso, quanto questo è acquisito e conservato in modo da poterlo usare per ripetere l esperienza sensomotoria e psicomotoria. L educazione e la formazione degli allievi con ritardo mentale lieve, è possibile in tre modi. Il primo modo si svolge dentro le scuole speciali che possiedono la programmazione adattata alle loro possibilità. Le scuole specializzate per il lavoro con 14

15 questi bambini operano tramite Piani educativi speciali e, inoltre, hanno servizi di riabilitazione (logopedista, fisioterapista, rieducatore di psicomotorica, psicologo). Il secondo modo si realizza dentro le classi speciali nelle scuole regolari. Il lavoro è organizzato sulla base di una programmazione per gli allievi con lieve ritardo mentale. Il terzo modo di formare tale popolazione di allievi si può svolgere nell ambiente inclusivo, cioè dentro le scuole regolari dove si crea la programmazione individualizzata per questi allievi. Nella creazione e implementazione della programmazione individualizzata, è necessario includere il difettologo. Questi allievi finiscono la scuola elementare e la scuola media professionale. Loro possono essere abilitati per certe professioni. La scelta delle professioni dipende dalle abilità che l allievo possiede. Prima di scegliere la professione è necessario passare l orientamento professionale. Il ritardo mentale moderato Il ritardo mentale medio colpisce gli individui con Q.I. da 36 a 51 e loro, come i soggetti adulti, dimostrano un età mentale pari a quella di un bambino da 6,1 a 8,5 anni. Il ritardo mentale medio si dimostra in varie forme dal ritardo psicomotorio al ritardo profondo nello sviluppo del linguaggio. Spesso si possono osservare irregolarità fisiche, e specialmente il coordinamento dei movimenti è dannegiato. Le abilità intellettuali sono abbastanza ridotte. La capacità percettiva è limitata e i processi mentali superiori non sono sviluppati. Il bambino con ritardo mentale medio non è capace di formare immagini complicate. La memoria in questi bambini bambini è lacunosa, la sua attenzione è alterna, e la comprensione è rallentata. La vita psichica del bambino con ritardo mentale moderato è basata sugli impulsi istintivi, e le sue attività sono basate sull imitazione delle azioni e dei movimenti di altre persone. La vita emotiva non è sviluppata. Il bambino con tale livello di ritardo mentale non è capace di studiare dal punto di vista scolastico, ma è capace di ricefere formazione per diversi tipi di mansioni. Il bambino si può formare per semplicissimi lavori, con un certo livello di 15

16 difficoltà. Per i lavori manuali semplici (certi lavori agricoli, semplici lavori casalinghi, ecc ). Il lovoro organizzato in conformità ad una programazzione speciale per questi allievi con ritardo mentale medio, si attua in scuole speciali. Loro hanno anche il diritto di essere inclusi nelle scuole regolari o di partecipare in classi speciali all interno delle stesse scuoli regolari. L età prescolastica si tratta tramite la riabilitazione con riferimento alle istituzioni sanitarie. Il ritardo mentale grave Il ritardo mentale grave colpisce il Q.I. da 20 a 35, e inferiore. Questi bambini, come i soggetti adulti, dimostrano un età mentale pari a quella da 3,9 a 6 anni. La loro vita psichica è basata sulle azioni istintive, e il processo di comprensione è totalmente atrofizzato, e questo viene dimostrato in abilità limitate sia sulla percezione e creazione di immagini sia nell incapacità di creare concetti. La comprensione non è sviluppata, e l attenzione è passiva. La memoria di tale bambino è abbastanza carente, e spesso non possono riconoscere neanche i loro genitori, non possono utilizzare gli oggetti più semplici, non sono in grado di vestirsi, e non possono svolgere le semplici abitudini igieniche. Il loro linguaggio è rudimentale e perlopiù è basato sulla pronuncia insensata di parole monosillabe. La vita emozionale non è sviluppata. Per loro esiste solo la sensazione vegetativa di insoddisfazione dei generali bisogni biologici. I movimenti sono maldestri, imperfetti e inefficienti, e certe volte non imparano a caminare. Tali bambini non sono in grado di autoproteggersi dai semplici pericoli fisici. L età infantile è trattata con la riabilitazione nelle istituzioni sanitarie. Il lavoro organizzato si svolge in scuole speciali, ma legalmente hanno diritto di seguire percorsi educativi nelle scuole regolari. Il ritardo mentale profondo Il ritardo mentale profondo colpisce il Q.I. da 20 a 0. Spesso si trova in combinazione con altri disturbi profondi. Le componenti intellettive, emozionali e sociali sono estremamente basse. Non è possibile praticare forme di lavoro 16

17 organizzato. Questi bambini sono sotto il monitoraggio medico e la prognosi è abbastanze brutta. Le specificità nello sviluppo del bambino con il ritardo mentale I genitori dei bambini con il ritardo mentale possono anche essere persone con ritardo mentale o con uno sviluppo mentale danneggiato in qualche altro modo. Sin dall infanzia non forniscono al bambino la cura adeguata, e per tale motivo i bambini si ammalano frequentemente. L alimentazione di tali bambini è spesso insufficiente e incompleta, così tante volte i bambini sono denutriti, inoltre, l igiene è scarsa, e questo è uno dei fattori di mortalità dei bambini con il ritardo mentale. La madre affetta da scarso sviluppo mentale non è in grado di dare tutta l attenzione necessaria al bambino. Tante volte i suoi gesti sono bruschi, i movimenti sono goffi, e la reazione emozionale non esiste o sono troppo marcate senza nessun motivo. In tale ambiente, lo sviluppo emozionale del bambino si svolge a rilento. Anche dove i genitori non sono affetti da ritardo mentale, o affetti da altre turbe psichiche, lo sviluppo psichico del bambino con ritado mentale o invalido puo essere disturbato. L aspetto fisico del bambino affetto da tali malattie non dà stimolo ai genitori. I padri non si occupano tanto dei bambini disturbati. Tanti genitori considerano l invalidità del bambino come una vergogna e per tale motivo spesso l escludono dal contatto con i loro amici, così la possibilità di acquisire cognizioni nuove e nuove esperienze emozionali si restringe. Tanti genitori mettono in secondo piano il bambino con ritardo mentale rispetto ai bambini sani presenti in famiglia. Il bambino sano è posto al primo posto per l alimentazione, vestiti, educazione ecc. In questa situazione, il bambino con disagio è come recluso, così lo sviluppo del suo carattere può essere indirizzato impropriamente. Tanti studi affermano che lo sviluppo dei bambini con sindrome di Down è tanto diverso dallo sviluppo dei bambini normali, e s impone la necessità di supportare il loro sviluppo. L intervento effettivo è possibile solo quando si comprende completamente la natura di questa malattia che aggrava 17

18 l apprendimento. I genitori devono incoraggiarsi e motivarsi per avere un interazione più forte con il bambino affetto da sindrome di Down, giocando con lui dall inizio. Si deve dimostrare ai genitori che il loro bambino si sviluppa, e cosa più importante, è far notare che comportamento adottare in modo che si possa migliorare lo sviluppo del bambino con sindrome di Down. Durante l interazione con il bambino con sindrome di Down, il genitore deve parlare di quello che il bambino fa e quali interessi ha, non far notare altro, se il genitore prova a far notare qualcos altro, questo può causare la perdità d interesse e dell opportunità di communicare. La valutazione del bambino con sindrome di Down deve essere realizzata più di volte, perchè il suo comportamento durante solo un osservazione forse non è sicuro. Se c è la possibilità, la valutazione si deve realizzare anche in diversi posti, come a casa o presso le strutture cliniche o educative. Si deve cominciare non dalla premessa di una loro incapacità, come avveniva in passato, se questa credenza è mantenuta può influenzare in maniera grave il bambino e anche la famiglia. CARATTERISTICHE DEI BAMBINI CON RITARDO MENTALE Linguaggio Sapendo l importanza della lingua nel processo dello sviluppo, è importante analizzare lo svantaggio in questo senso dei soggetti affetti da ritardo mentale. Le ricerche dello sviluppo linguistico hanno dimastrato che i bambini con il RM hanno un deficit specifico nell apprendimento della lingua rispetto ai bambini con sviluppo medio, che hanno uno sviluppo normale della propria età mentale e della propria abilità espressiva del linguaggio (pronuncia, ricchezza di vocabolario), mentre i bambini con RM fanno pochi passi in avanti sul versante della comprensione del linguaggio. Alcuni autori considerano che tale svantaggio si dimostra quando c è un difetto nell abilità di imitazione vocale e in caso di deficit nei processi dell udito. 18

19 .Percezione La percezione è un processo per mezzo del quale abbiamo coscienza degli oggetti e degli eventi che pervengono dal mondo esterno, e che sono la base delle informazioni per gli organi sensori (i sensi). La percezione è una delle basi della cognizione, per questo è molto importante sapere se esistono certe specificità di percezione presso i soggetti con RM rispetto alla popolazione media senza disabilità mentali. La ricerca sulle diferenze rispetto alla popolazione senza disagio, è basata sui seguenti fattori: 1. velocità di riconoscimento di una certa struttura percettiva, per es. immagini lo stimolo deve agire per un momento più lungo affinché il soggetto con RM possa percepirlo; di solito, se lo stimolo deve essere riconosciuto subito, è più difficile sbagliare; minore è il difetto intellettivo accompagnato da un età più grande, più possibilità ci saranno di un esatto riconoscimento. 2. percezione delle forme e grandezze la consapevolezza dei soggetti con RM degli oggetti che tengono, e quindi della forma e della loro grandezza, senza però considerare l angolo da quale si guarda, la distanza e altro, dipende dall età la persona più grande e con esperienza più ricca, fa meno errori. 3. discriminazione (distinzione) dei colori i soggetti con RM distinguono meno i colori rispetto alla popolazione media. 4. distinzione delle figure e basi le dificoltà sono più presenti nei i soggetti con RM rispetto alla popolazione media, nei soggetti con RM e con difetti al cervelo, le dificoltà si presentano nell 80% dei casi. Memoria La ricerca, in ambito del RM, si è occupata piutosto della componente della memoria (la memoria dei sensi o sensoria, la memoria a breve e/o lungo termine). Le opinioni sulle diversità sono divise riguardo alla memoria sensoria o a lungo termine (alcuni autori considerano che non esistono diversità significative, ma dall altra parte tanti autori pensano che nei soggetti con RM questi aspetti hanno delle deficit). 19

20 Tutte le ricerche della memoria a breve termine hanno dimostrato che i soggeti con RM sono inferiori in questa abilità rispetto alla popolazione media. Le capacità diminuite della memoria a breve termine mostrano queste caratteristiche: i soggetti con RM cono capaci di mantenrere solo un numero ridotto di informazioni dentro la memoria a lungo termine, inoltre è abbastanza ridotta l efficacia di analisi e sintesi delle informazioni che la persona percepisce in un certo momento. La conseguenza di una memoria migliore, è la percezione superiore di sè stesso, il bambino inizia a rivendicare i successi e gli insuccessi nel processo educativo, attraverso un applicazione regolare di strategie, e non piangendo la sua abilità inferiore o un intelligenza limitata. Attenzione Per educare i bambini ed adolescenti con RM di ogni tipo e contesto, risulta molto importante la percezione dei processi di controllo, specialmente l attenzione, proprio perchè su questi processi si può influire durante l educazione, formazione e riabilitazione. Gli aspetti dell attenzione che si ricercano di più sono: abitudine (non è un processo di controllo); l attenzione selettiva; concentrazione. Abitudine è il processo durante il quale il soggetto rivolge sempre meno attenzione sui singoli stimoli perché diventa sazio. Le ricerche hanno dimostrato che l abitudine ai gruppi di stimoli familiari si manifesta abbastanza tardi presso i bambini con RM rispetto al campione di controllo dei bambini comuni. I risultati individuati dalla ricerca sull attenzione selettiva (indirizzare l attenzione alle caratteristiche importanti di oggetti, eventi e persone) dimostrano che i soggetti con RM sviluppano questa abilità più lentamente, anche se sono allo stesso livello di età mentale rispetto ai soggetti esaminati con l intelligenza media. Uno degli aspetti dell attenzione selettiva è la memoria casuale, incidentale. La ricerca ha dimostrato che tale tipo è collegato con l intelligenza. Inoltre, si è stabilito che la 20

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

PEI. Annamaria PETITO

PEI. Annamaria PETITO PEI Annamaria PETITO 1 O.C. è un ragazzo di 19 anni, frequenta il 5 anno 5 del liceo socio-psico psico-pedagogico pedagogico di Foggia. E E affetto da una sindrome di Down con ritardo mentale medio-lieve.

Dettagli

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause Dal sito : A tutta scuola http://www.atuttascuola.it GLI AUDIOLESI Quando si parla di deficit uditivo è opportuno specificare la differenza tra i soggetti sordi e quelli sordomuti. Infatti, nel caso di

Dettagli

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO LETTURA DISLESSIA SCRITTURA DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA CALCOLO DISCACULIA COMORBILITA Presenza di più di questi disturbi nella

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero)

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Al fine di raggiungere le conoscenze, le abilità e le competenze richieste,

Dettagli

I DSA: un emergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del 08-10-2010 Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica

I DSA: un emergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del 08-10-2010 Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica MASTER DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER I D.S.A Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti all apprendimento degli alunni con DSA I DSA: un emergenza educativa Condividere i

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Fondato nel 1977 SEMINARI DI TERAPIA PSICOMOTORIA

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Fondato nel 1977 SEMINARI DI TERAPIA PSICOMOTORIA Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Fondato nel 1977 SEMINARI DI TERAPIA PSICOMOTORIA Gennaio- Dicembre 2015 Una domenica al mese dalle 9.30 alle 17.30. Luglio e agosto esclusi. Destinatari:

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia Via Spagna, 5, 37123, Verona 1 Intervento sul bambino

Dettagli

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA I disturbi specifici di apprendimento Metodologie e didattica inclusiva Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA Non vanno confusi con le difficoltà di apprendimento; Interessano abilità specifiche in soggetti

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

RISCHIO PSICOPATOLOGICO LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a:

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a: ( denominazione scuola) P.E.I. (piano educativo individualizzato) classe: sez. alunno/a: nato/a a: Ins. Specializzato/a Ins. Curricolari Operatori A.S.L. Genitori Anno Scolastico 20 20 NOTIZIE DELL ALUNNO/A

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO

ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO Gli OBIETTIVI del toricinio sono: formare lo studente-logopedista nella conoscenza e nella pratica degli ATTI PROFESSIONALI SPECIFICI: osservazione, valutazione, programmazione,

Dettagli

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE.

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. LEZIONE: GLI STRUMENTI GIURIDICO-METODOLOGICI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA PROF. CARMINE PISCOPO Indice 1 PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. ----------------------------------------------------------------

Dettagli

Scienze dell educazione

Scienze dell educazione Scienze dell educazione Collana di studi, manuali e ricerche diretta da Leonardo Trisciuzzi e Simonetta Ulivieri 119. La Pedagogia, intesa come analisi tanto dei processi educativi, quanto del relativo

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria ISTITUTO COMPRENSIVO ALFANO QUASIMODO SCUOLA DELL INFANZIA a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria 1 Motivazione Guido Petter afferma che : L educazione motoria ha un importanza assai maggiore

Dettagli

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura»

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» «I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» Volkmar et al 1977 ABILITA SOCIALE È la capacità di relazionarsi

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

La comunicazione medico-paziente

La comunicazione medico-paziente La comunicazione medico-paziente Prof.ssa Maria Grazia Strepparava Psicologia della comunicazione in ambito sanitario - aa 2004-2005 Competenze che si richiedono al medico Saper capire e spiegare al paziente

Dettagli

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 2 famiglia osservo mio figlio e mi accorgo che.. gli insegnanti mi dicono che 17/09/2015 PH.D Francesca Salis

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

Istituto comprensivo. Publio Vibio Mariano. Via Vibio Mariano, 105 Roma. Educativo. Alunno classe. Scuola Plesso. Insegnante di sostegno

Istituto comprensivo. Publio Vibio Mariano. Via Vibio Mariano, 105 Roma. Educativo. Alunno classe. Scuola Plesso. Insegnante di sostegno Istituto comprensivo Publio Vibio Mariano Via Vibio Mariano, 105 Roma Progetto Educativo individualizzato Alunno classe Scuola Plesso Insegnante di sostegno Insegnanti di classe AEC Anno scolastico 20

Dettagli

Inserimento dei bambini con disturbi nello sviluppo nelle scuole regolari e asili

Inserimento dei bambini con disturbi nello sviluppo nelle scuole regolari e asili EducAid in collaborazione con Istituto Pedagogico della Republica Srpska A N A L I S I Realizzazione di percorsi formativi per insegnanti, genitori, educatori, pedagogisti e professori delle scuole elementari,

Dettagli

Jesi, 28 novembre 2011

Jesi, 28 novembre 2011 Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti all apprendimento degli alunni con DSA Jesi,

Dettagli

PROF. SSA STREPPARAVA MG & DR.SSA MAGGI MD RITARDO MENTALE. RITARDO MENTALE LIVE Q.I. da 50-55 a circa 70

PROF. SSA STREPPARAVA MG & DR.SSA MAGGI MD RITARDO MENTALE. RITARDO MENTALE LIVE Q.I. da 50-55 a circa 70 PROF. SSA STREPPARAVA MG & DR.SSA MAGGI MD RITARDO MENTALE RITARDO MENTALE LIVE Q.I. da 50-55 a circa 70 RITARDO MENTALE MODERATO Q.I. da 35-40 a 50-55 RITARDO MENTALE GRAVE Q.I. da 20-25 a 35-40 RITARDO

Dettagli

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO Percorsi di intervento: il ruolo della scuola Carolina Coco, Paola Rigo, Paola Venuti Laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione www.odflab.unitn.it Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive-

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO COSA SONO I D.S.A.? In generale i dsa, sono disturbi specifici dell apprendimento che determinano difficoltà

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

disturbo del linguaggio

disturbo del linguaggio DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE Difficoltà scolastiche: Sintomi comuni MA cause diverse, didattica diversa, diversi obiettivi Disturbi specifici: disturbo specifico apprendimento disturbo

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Corso Crescere insieme con il modello ICF Corsisti: Mela, Faraldi, Perri, Mirano PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Nato con bassissimo peso alla

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni.

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Dott.ssa Cristina Gazzi Dott.ssa Elena Angaran PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SPECIALE

Dettagli

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06.

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06. La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Alla base della dislessia ci sarebbe una comunicazione carente fra le aree cerebrali

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Nota ministeriale n. 26 del 05 gennaio 2005 Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle UnitàSanitarie Locali in materia di alunni portatori di handicap Nota

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

L. Bressan. luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI

L. Bressan. luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI L. Bressan luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI 1 Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) www.who.int CIM / ICD 10 Classificazione Internazionale delle Malattie

Dettagli

Orientamento universitario - LOGOPEDIA

Orientamento universitario - LOGOPEDIA Orientamento universitario - LOGOPEDIA LOG. DR. ANDREA SALVATORI LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI 28/01/2015 PER COMINCIARE Di cosa si occupa la Logopedia? Che cosa fa un logopedista? Con chi lavora? Come

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

Mantova, 2 Ottobre 2015

Mantova, 2 Ottobre 2015 Apprendere Serenamente Monitoraggio Provinciale dell apprendimento della lettura, scrittura e calcolo classi Prime e Seconde Identificazione precoce delle difficoltà e dei disturbi d apprendimento Logopedista

Dettagli

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina Riflessione sulla norm ativa Prof.ssa Olmo Serafina Direttiva del 27/12/12 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA C.M.

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

LA SINDROME DI X FRAGILE

LA SINDROME DI X FRAGILE LEZIONE: ALCUNE SINDROMI (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Dott.ssa Letizia Moretti INDICE DELLE LEZIONI Cosa sono i DSA, quali le cause, i sintomi e i disturbi correlati

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento Ci sono bambini che faticano a studiare, ad apprendere per avere un risultato scolastico soddisfacente. In alcuni casi si tratta di ragazzini che non

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA 2012 PREMESSA Il disturbo generalizzato dello sviluppo è una complessa disabilità dello sviluppo che compare tipicamente durante i primi tre anni

Dettagli

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente.

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente. Progetto di screening per Disturbi Specifici dell Apprendimento Tutti imparano a leggere e scrivere L apprendimento della lettura e della scrittura è un processo dato spesso per scontato In realtà richiede

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli di Mirandola (Mo) Disabilità o Handicap? Per

Dettagli

I disturbi dell apprendimento

I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento si dividono in: Disturbi specifici dell apprendimento (DSA) (sono quei disturbi che si manifestano in soggetti con adeguato sviluppo cognitivo,

Dettagli