Direttore responsabile: Mario Marchi Testata depositata al tribunale di Milano in attesa di registrazione Editore: Biancarosa Onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttore responsabile: Mario Marchi Testata depositata al tribunale di Milano in attesa di registrazione Editore: Biancarosa Onlus"

Transcript

1 Direttore responsabile: Mario Marchi Testata depositata al tribunale di Milano in attesa di registrazione Editore: Biancarosa Onlus Chi potrebbe raccontare, chi dovrebbe ascoltare Ci sono storie che rimangono chiuse nel cassetto del dolore intimo, personale. Si sa, si sospetta che esistano, ma si accetta che non vengano mai raccontate per rispetto verso il sicuro dolore. Ma poi ci sono regole, parametri, norme che si nel migliore dei casi si sforzano, nel peggiore si piccano di essere giuste. E nella loro giustizia universali. Capiamoci: la missione di chi deve produrle è difficile e carica di responsabilità. Per questo va rispettata, se perseguita onestamente. Ma spesso si ha il sospetto che qualcosa manchi. Capita in genere quando le regole, le norme stridono spaventosamente a confronto delle storie private. Quasi si sente il rumore delle due realtà che appena si toccano fanno scintille. Leggi per quanto auspicate ed evolute che mostrano debolezze davanti ai casi concreti. Serviva nel nostro paese qualcosa che andasse a colpire il reati persecutori. Avere una legge specifica è di sicuro un bel passo avanti verso la civiltà del diritto. Ma a volte le storie sono altro. tanto da indurre anche la persona piu' sensibile, attenta, fiera a rifugiarsi altrove, nel dolore. Al di fuori dalle possibilità che la legge offre.

2 Ci sono materie spaventosamente complicate come l'adozione. Leggi necessariamente complesse che devono formare un muro contro l'infelicità di bambini e potenziali genitori. Eppure qualche mattone in quel muro manca sempre. E a volta pare mancare nei punti cardine. E ancora una volta dai vuoti lasciati passa un vento gelido di sofferenza. Ecco, questa volta parliamo di leggi, ma soprattutto di storie. E scegliamo di farcele arrivare nel profondo, fino forse- a farci capire quanto grandi nell'intento, ma mediocri nel risultato possano essere gli sforzi di creare regole, norme, se non si sa ascoltare. Se non si da modo di raccontare. Mario Marchi adozioni internazionali tante aspettative, poche garanzie il divieto di scegliere un bambino e quel che ancora manca per un percorso giusto. "Il giudice oltre ad escludere la legittimità delle limitazioni poste dai richiedenti alla disponibilità all'adozione in funzione dell'etnia del minore, dovrà porsi il problema della compatibilità della relativa indicazione con la configurabilità di una generale idoneità all'adozione" una più profonda consapevolezza del carattere solidaristico, e non egoistico, della scelta dell'adozione e prevenire opzioni di impronta discriminatoria". Con il sostegno psicologico - aggiunge la Suprema Corte - si possono aiutare le coppie a superare le difficoltà di accogliere "un bimbo che non sia a propria immagine" Sono passaggi della sentenza con la quale la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di una coppia di genitori che avendo scelto di adottare un bambino avevano posto una precisa condizione: che fosse europeo. La Corte come sempre decide su un caso e ne fa giurisprudenza, traccia una via, giuridica e culturale, determina precedenti spesso indispensabili in materie difficili. Chi decide di adottare ha aspettative istintive tutto simili a quella dei genitori naturali: la classica frase l importante è che sia sano già trova poco riscontro nei sogni di una madre o di un padre che si accingono a nove mesi di attesa. Se il figlio è adottato in teoria nemmeno la perfetta salute dovrebbe essere una discriminante. Anzi, la spinta di altruismo, di generosità che sta dietro la scelta comunque coraggiosa, dovrebbe essere ancor più forte davanti a certe difficoltà.

3 Facile capire come non sia cosi. Facile immaginare come anche il genitore adottivo non solo desideri un figlio sano, ma lo faccia oggetto anche i desideri insoddisfatti, di aspettative disattese. La Cassazione ferma la barra in direzione dei diritti del bambino, non di quelli presunti della coppia adulta. Eppure il rischio è di scivolare su un terreno puramente teorico e mettere fuori legge e fuori morale qualcosa di molto reale, anzi di inevitabile. Partiamo dal presupposto che le adozioni ormai sono praticamente solo internazionali: il bassissimo tasso di natalità nel nostro paese esclude di fatto la possibilità di adottare bambini connazionali. Gli enti, le associazioni accreditate preso le autorità italiane, autorizzate insomma a condurre un progetto di adozione internazionale sono attualmente una quarantina. Enti, associazioni, che si sono necessariamente specializzate stringendo rapporti con nazioni in determinate aree geografiche. C è chi cura le adozioni in ex Unione Sovietica, chi in Sudamerica, chi in Africa. Una precisa necessità: stabilire rapporti stretti, di fiducia di collaborazione con governi, strutture pubbliche, autorità giudiziarie, laddove gli istituti accolgono bambini adottabili. Il tutto per poter garantire un percorso il più possibile veloce, sicuro e garantito. Ma ecco chiara la debolezza di quanto stabilito dalla Corte di Cassazione. E sufficiente appoggiarsi ad una associazione invece che ad un altra per poter di fatto scegliere se adottare un bambino di colore, presumibilmente biondo con gli occhi chiari o moro con gli occhi scuri. Certo una contraddizione che andrebbe evitata, magari immaginando una sorta di registro generale della adozioni. Ma forse i problemi veri sono altri. Restano sul piano pratico, ad esempio, adottare una bambino straniero costa. A volte anche molto. Costano i viaggi, i soggiorni, l assistenza legale sul posto Il Brasile stabilisce che ogni soggiorno di coppie straniere interessate ad adottare un bambino, debba durare almeno 40 giorni e sono 40 giorni in cui può capitare di tutto dice l avvocato Gian Ettore Gassani presidente dell Ami, l Associazione Italiana degli Avvocati Matrimonialisti: si presentano intoppi, ostacoli burocratici, veri o presunti malintesi, in quello come in altri paesi. E alla fine la soluzione che viene prospettata per risolvere i problemi è solo una: pagare Le spese legali sul posto però sono inevitabili. Certo, ma qui la domanda è un altra: perché per quello che è un gesto d amore, una volontà di costruire una famiglia manche in soccorso di un bambino solo al mondo non si può immaginare un gratuito patrocinio? L istituto della rappresentanza legale a carico dello stato esiste perfino per i sospettati di crimini di mafia. Basta che dimostrino la nullatenenza e ottengono un legale a carico della collettività. E quasi sempre i tratta di avvocati di alto rango. Limitare certi privilegi spostandoli a favore di chi forse ne ha maggior diritto sarebbe vera giustizia. L attenzione sembra tutta sul fronte dei diritti dei genitori adottivi.

4 Anche le coppia che si accinge a fare questa scelta importante ha precise responsabilità. Spesso, troppo spesso si decide di adottare per salvare un legame matrimoniale in crisi. Non è e non deve essere questa la spinta ideale. Il risultato è che in molti casi le difficoltà, la faticosità del percorso di adozione provocano addirittura la fine della coppia che oltretutto non è preparata ad accogliere un bambino con giusto spirito. Subentra la separazione e il bambino passa da un istituto nel suo paese d origine a una situazione traumatica qui da noi: inizia a passare da una casa all altra, se non addirittura per venir affidato ai servizi sociali. Serve una svolta culturale generale che coinvolga le istituzioni e quindi le procedure, le coppie che decidono di adottare e non da ultimo i giudici: non c è univocità nel modo di valutare le situazioni. Un adozione rifiutata da un tribunale dei minori potrebbe tranquillamente essere accolta da un altro. L adozione è un percorso di responsabilità nei confronti del soggetto debole per eccellenza, il bambino. Le leggi e le persone devono tenerne conto, sempre. Mario Marchi La storia difficile di un adozione Il tempo è il nemico. Il cuore l'alleato Abbiamo presentato la richiesta di adozione nazionale e internazionale con relativi documenti al Tribunale dei minori di Milano e al Tribunale di Brescia nel lontano novembre Dopo un anno di attesa (motivato dalla maternità dell assistente sociale che, unitamente alla psicologa, ci doveva giudicare) abbiamo iniziato l iter burocratico con ben 8 colloqui. A luglio 2003 è stata inviata la nostra relazione firmata dalla psicologa e dall assistente sociale al Tribunale dei Minori di Milano e per conoscenza a quello di Brescia. A settembre siamo stati convocati dal Giudice del Tribunale di Milano perché la relazione era risultata alquanto sibillina (si metteva in dubbio la nostra capacità di farci carico di un bimbo adottivo). Fatto il colloquio a 360 gradi lo stesso Giudice ci rassicurava che portate la sue osservazioni sullo stato reale delle cose alla Commissione giudicante, la stessa ci avrebbe dato l idoneità non solo per un minore

5 ma per più minori. E così il 29 dicembre il sospirato decreto. Eravamo stati considerati idonei ad essere genitori di più bambini. Naturalmente si trattava di adozione internazionale perché di bimbi italiani neanche l ombra. Abbiamo dovuto rifare per due volte tutti i documenti per l adozione nazionale senza essere mai stati presi in considerazione. Nel febbraio 2004 siamo stati convocati da un Giudice del Tribunale di Brescia (l iter burocratico prevede la chiamata di tutti i Tribunali ai quali è pervenuta la richiesta di adozione) che molto carinamente ci ha tolto ogni speranza di adozione nazionale e ci ha consigliato di preoccuparci soprattutto di dare il mandato per quella internazionale a una Associazione seria (cioè che potesse dimostrare il lavoro svolto con altre coppie in tempi ragionevoli) e così dopo aver preso informazioni attraverso incontri di cinque associazioni abbiamo optato per una di Napoli. Una volta avviata la pratica all Associazione, in un primo tempo abbiamo prodotto i documenti per l Ucraina ma ahimè con la guerra civile del la speranza di partire andava sempre più scemando e così abbiamo prodotto i documenti anche per la Federazione Russa. Il 16 marzo del 2006 ci hanno contattato per la partenza. Siamo partiti il 29 marzo per Mosca dove il giorno dopo abbiamo incontrato per la prima volta nostro figlio Jacopo Slava. Da quel momento la nostra vita è cambiata..l abbiamo dovuto lasciare dal 3 aprile 2006 al 30 maggio 2006, poi dal 6 giugno 2006 al 2 luglio 2006 e finalmente siamo arrivati con lui in Italia (dopo la sentenza del tribunale russo, i visti ecc. ecc.) l 8 luglio L iter burocratico non è ancora finito. Dall estate 2006, per due volte l anno, abbiamo incontrato) la psicologa dell Associazione e consegnato foto e questionario debitamente compilato sull andamento dell inserimento in Italia del bambino come disposto dagli accordi internazionali. Il sentimento che ci ha spinto ad adottare è stato quello di volere a tutti costi trasmettere affetto, gioie, conoscenze, esperienze e anche, perché no, cose materiali a un bambino che ha iniziato la vita in modo crudele. Oggi ne siamo coscienti veramente. Non c è giorno che Jacopo non dimostri questo malessere. Ci vuole molto tempo (così ci ha sempre assicurato la nostra psicologa che lo sta seguendo dal giorno del suo arrivo in Italia) e piano piano sarà meno presente. La prima difficoltà è stata la lingua anche se mio figlio, nel giro di due mesi parlava quasi correttamente l italiano. La seconda difficoltà è stata riuscire in breve tempo a trasmettergli sicurezza. La paura dell abbandono è profonda in lui. E un bimbo che è stato lasciato dalla madre alcolizzata a 14 mesi in condizioni sanitarie disastrose. Il padre non lo ha riconosciuto e i parenti non hanno voluto prendersi cura di lui.

6 La terza difficoltà è stata il fargli capire le regole del vivere insieme, dalla necessità di ascoltare i consigli degli adulti, dal non dire sempre no, comportarsi in maniera adeguata a seconda delle circostanze Di ostacoli ce ne sono stati tanti. il continuare a riprodurre documenti in carta bollata, le giornate perse in fila alla Procura della Repubblica, alla Prefettura e all Asl, gli innumerevoli accertamenti diagnostici, l attesa della partenza con l incognita di ritornare in Italia con un bambino sano. Avere avuto in abbinamento un bimbo di sette anni e non di tre anni come promesso dal referente russo dell Associazione. Nonostante tutto questo non abbiamo mai pensato di arrenderci. Il meccanismo delle adozioni internazionali è devastante. Basta pensare a come ci si può sentire dopo aver conosciuto il tuo futuro figlio a doverlo lasciare per ben tre volte in Istituto prima di riuscire a risolvere tutti i problemi burocratici. Il bambino rivive l abbandono. Jacopo dopo cinque mesi che era con noi in mi chiese: Mamma perché non sei venuta a prendermi all orfanotrofio prima? E perché quando sei venuta poi te ne sei andata per due volte? Non eri certa di volermi portare con te? Perché la direttrice dell Istituto mi ha detto che forse non potevi venire più a prendermi? Il genitore adottivo è un genitore con doppia responsabilità perché ha sulle spalle un pesante fardello di problematiche scaturite dal dolore dell abbandono che ogni bimbo adottato ha nel dna. Tutti i bambini sono un incognita sia per i genitori naturali che per quelli adottivi ma il genitore adottivo deve adattarsi maggiormente alle esigenze di queste piccole creature e costruire mano a mano una nuova storia di vita, creare loro le radici, dare certezze, infondere grande amore. Il genitore adottivo deve essere sempre pronto ad affrontare problematiche che partono dal passato. Ogni bimbo ha un suo passato più o meno doloroso ma certamente privo di affetto. Non sono in grado di suggerire meccanismi migliori per l adozione internazionale ma certamente sono in grado di valutare che basterebbe adoperare anche il cuore oltre alle leggi. Il è tempo il peggior nemico di questi bambini. Un giorno, un ora, un minuto in Istituto sono giorni, ore e minuti di infelicità che lasciano segni profondi, forse per sempre. Elisabetta Graziani La storia Una vittima di stalking ci scrive

7 Quell ombra che rimane denunciare è una prova di dignità C è una cosa che ancora fa male: Non l ho denunciato. Per paura. Per evitare di dover dare altre spiegazioni a quei pochi che ancora non sapevano. Per nascondermi. Come se fossi io la colpevole. Non l ho denunciato e lo vivo come una mancanza di coraggio. E brucia. Perché nessuno, nessuno ha il diritto di condizionare così la tua vita. Nemmeno un amore sbagliato. Nemmeno un amore malato. Si deve denunciare, si deve chiedere aiuto. E' una prova di forza. E' un pugno sul tavolo per dire: "Ora basta". E' un rivendicare la propria dignità. Sono riuscita ad allontanarlo ugualmente. Ma sono stata solo fortunata. Ho dovuto farmi violenza. Lavoravamo nello stesso campo. Ho dovuto colpirlo sull attività. Farlo minacciare dai superiori. Ho dovuto informare il mio capo e il suo. Ho dovuto entrare in quegli uffici e raccontare la mia vita. E stato uno sforzo enorme, una costrizione dolorosa. Sono stati loro a imporgli di starmi lontano. Mi hanno aiutato, sì. Ma ho consegnato a loro dettagli della mia vita privata che non avrei mai voluto raccontare. E passato tempo, ma ancora adesso quando qualcuno nomina quel nome mi sale l angoscia. Lo chiamano stalking, per me è stata una prigione. Chi non l ha vissuto, non può capire. Non può immaginare la sensazione di impotenza, la paura, la rabbia, la voglia di scappare. Una storia sbagliata. Con un uomo sbagliato. Messa in piedi senza pensarci troppo, per rimarginare la ferita di una delusione. Poi la consapevolezza. Non è quello che voglio e la decisione di troncare. L incubo.

8 Lui ovunque. Sotto casa, sotto l ufficio. Ogni giorno sulla macchina una rosa e un messaggio. Come sei pallida, sembri morta. Centinaia di telefonate, a ogni ora, nel cuore della notte. Anche sul cellulare aziendale, quello che deve sempre rimanere acceso. E lui lo sa. Amici e nemici contattati, importunati, fermati per strada per mettere in piazza la mia vita, le mie debolezze, la mia intimità. Bugie su bugie, su quello che c è stato, su quello che facevo e che dicevo. Anche sul posto di lavoro, dove sono sempre stata una persona riservata. Uno stillicidio, ogni giorno una goccia di cattiveria, una goccia di violenza. E poi quel senso di solitudine. Sola, piegata dalla vergogna di aver fatto entrare nella mia vita un uomo così. Sola, per proteggere i miei genitori anziani. Sola, perché molti si sono allontanati per non finire nel vortice. Chiunque uscisse con me, il giorno dopo si ritrovava su facebook, con tanto di foto ed epiteto rovina famiglie. Accerchiata, con lui di notte dietro la porta di casa a suonare, a bussare, a dare calci, a cercare di farsi aprire. E nessuno, nessuno in tutto il condominio che mi chiedesse se avessi bisogno di aiuto. Con le amiche che cercavano di convincermi a dormire da loro, e io che mi facevo forza. No quello la mia vita non la cambia. E durata sei mesi. Ricordo il primo pensiero la mattina, appena aperti gli occhi, la sensazione di essere di nuovo un bersaglio. Cosa mi succederà oggi? Da cosa dovrò difendermi? A chi dovrò dare spiegazioni?. E lui sempre sotto casa. La sagoma dell auto sempre lì. Il suo sguardo fisso addosso, sporco, violento. E colpa tua mi diceva quello che succede è solo colpa tua. Mi hai lasciato. Se sto male io, devi stare male anche tu. Le chiavi di casa sempre in mano, pronta a scappare, a liberarmi da quell ombra che si materializza davanti al portone all improvviso. Che non rispetta più nulla di me. Che se la prende con chiunque. Con qualunque persona di sesso maschile in mia compagnia. Specchietti divelti, tergicristalli piegati, insulti scritti sui vetri. E allora allontani tutti. Non puoi permetterti di coinvolgerli nei tuoi errori. E poi le password del computer rubate. Le foto delle vacanze sbattute su face book a mio nome. Commenti sui profili dei miei amici, dei colleghi. Ancora oggi mi spia, su internet. Lo so. Si stancherà mi dicevano spegni i telefoni. Ignoralo. Non mi sembra una persona violenta. No, non è stato violento in senso fisico. Eppure mi sono sentita violata. Ne parlo per la prima volta. Dentro, ho quel malessere, quella sensazione di essere messa all angolo, di non poter gestire la mia vita. Non va via. Mi guardo ancora intorno quando sono fuori, quando rientro la sera. E ancora adesso, se non lo vedo parcheggiato a spiarmi, tiro un sospiro di sollievo. Certe sere però ancora squilla il telefono: Volevo solo sapere come stai. Metto giù senza rispondere. E sto male. redazione, via Montelungo, 4 Milano amministrazione presso l editore: Biancarosa Onlus, Via Gramsci 26, Verona

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questo questionario ci dirà qualcosa di te, della tua famiglia, e di come ti senti riguardo a te stesso. È strutturato in quattro sezioni. Il questionario è segreto

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli, L adozione non è un gioco Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE ANCHE TU AVRAI UNA NUOVA FAMIGLIA. Se c è qualcosa di cui un bambino abbandonato o rimasto senza i genitori ha bisogno, questa è la famiglia. Non solo

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Uscita di sicurezza. silenzio

Uscita di sicurezza. silenzio Uscita di sicurezza La violenza sugli adolescenti: la parola ai ragazzi e alle ragazze per uscire dal silenzio Ministero del lavoro e delle politiche sociali Centro nazionale di documentazione e analisi

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Raffaella una cassiera

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Non è facile convivere con questa rabbia, poco si può fare e in tanti decidono di scappare dall orrore di un amore finito.

Non è facile convivere con questa rabbia, poco si può fare e in tanti decidono di scappare dall orrore di un amore finito. A Mario, Ma certo Amore mio, anche se tanti anni fa la mia scelta è stata quella di dividere la mia vita da quella di tua madre, mai avrei voluto rinunciare a te, ma ogni scelta ha le sue conseguenze,

Dettagli

SUPERARE LA SOLITUDINE: NARRAZIONI, RIFLESSIONI E INTERVENTI CON MSNA

SUPERARE LA SOLITUDINE: NARRAZIONI, RIFLESSIONI E INTERVENTI CON MSNA SEMINARIO I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI DIVENTANO MAGGIORENNI: ACCOGLIENZA, DIRITTI UMANI E LEGALITA Bologna, 14 gennaio 2011 SUPERARE LA SOLITUDINE: NARRAZIONI, RIFLESSIONI E INTERVENTI CON MSNA

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita

La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita Preferisci essere vittima o vincitore? con 3 CD per il bambino interiore ferito Con il "Gioco della guarigione con le 5 dita" e í suoi 3 CD possiamo imparare

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Focus territoriale Modalità di intervento a favore di minori vittime di violenza: come gli psicologi del Servizio Psicologico della Azienda Sanitaria

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Accogliere un figlio: l attesa di un dono

Accogliere un figlio: l attesa di un dono Accogliere un figlio: l attesa di un dono ACCOGLIERE UN FIGLIO: L ATTESA DI UN DONO L UNICITÀ DEI BAMBINI E DEI LORO BISOGNI Dott.ssa Michela Marzorati Neuropsichiatra Infantile Quello che cercherò di

Dettagli

Questura di Piacenza

Questura di Piacenza Questura di Piacenza Ufficio Relazioni con il Pubblico Atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica o psicologica commessi da un soggetto "forte" (bullo) nei confronti di uno "debole" (vittima)

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Iter Adottivo Fasi: pre-adottiva e post-adottiva Icompiti del GVS fra compito informativo e compito formativo del GVS. Il compito informativo

Iter Adottivo Fasi: pre-adottiva e post-adottiva Icompiti del GVS fra compito informativo e compito formativo del GVS. Il compito informativo Iter Adottivo Fasi: pre-adottiva e post-adottiva Icompiti del GVS Occorre, in primo luogo, distinguere fra compito esclusivamente informativo e compito più specificatamente formativo del GVS. Il compito

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli