Direttore responsabile: Mario Marchi Testata depositata al tribunale di Milano in attesa di registrazione Editore: Biancarosa Onlus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttore responsabile: Mario Marchi Testata depositata al tribunale di Milano in attesa di registrazione Editore: Biancarosa Onlus"

Transcript

1 Direttore responsabile: Mario Marchi Testata depositata al tribunale di Milano in attesa di registrazione Editore: Biancarosa Onlus Chi potrebbe raccontare, chi dovrebbe ascoltare Ci sono storie che rimangono chiuse nel cassetto del dolore intimo, personale. Si sa, si sospetta che esistano, ma si accetta che non vengano mai raccontate per rispetto verso il sicuro dolore. Ma poi ci sono regole, parametri, norme che si nel migliore dei casi si sforzano, nel peggiore si piccano di essere giuste. E nella loro giustizia universali. Capiamoci: la missione di chi deve produrle è difficile e carica di responsabilità. Per questo va rispettata, se perseguita onestamente. Ma spesso si ha il sospetto che qualcosa manchi. Capita in genere quando le regole, le norme stridono spaventosamente a confronto delle storie private. Quasi si sente il rumore delle due realtà che appena si toccano fanno scintille. Leggi per quanto auspicate ed evolute che mostrano debolezze davanti ai casi concreti. Serviva nel nostro paese qualcosa che andasse a colpire il reati persecutori. Avere una legge specifica è di sicuro un bel passo avanti verso la civiltà del diritto. Ma a volte le storie sono altro. tanto da indurre anche la persona piu' sensibile, attenta, fiera a rifugiarsi altrove, nel dolore. Al di fuori dalle possibilità che la legge offre.

2 Ci sono materie spaventosamente complicate come l'adozione. Leggi necessariamente complesse che devono formare un muro contro l'infelicità di bambini e potenziali genitori. Eppure qualche mattone in quel muro manca sempre. E a volta pare mancare nei punti cardine. E ancora una volta dai vuoti lasciati passa un vento gelido di sofferenza. Ecco, questa volta parliamo di leggi, ma soprattutto di storie. E scegliamo di farcele arrivare nel profondo, fino forse- a farci capire quanto grandi nell'intento, ma mediocri nel risultato possano essere gli sforzi di creare regole, norme, se non si sa ascoltare. Se non si da modo di raccontare. Mario Marchi adozioni internazionali tante aspettative, poche garanzie il divieto di scegliere un bambino e quel che ancora manca per un percorso giusto. "Il giudice oltre ad escludere la legittimità delle limitazioni poste dai richiedenti alla disponibilità all'adozione in funzione dell'etnia del minore, dovrà porsi il problema della compatibilità della relativa indicazione con la configurabilità di una generale idoneità all'adozione" una più profonda consapevolezza del carattere solidaristico, e non egoistico, della scelta dell'adozione e prevenire opzioni di impronta discriminatoria". Con il sostegno psicologico - aggiunge la Suprema Corte - si possono aiutare le coppie a superare le difficoltà di accogliere "un bimbo che non sia a propria immagine" Sono passaggi della sentenza con la quale la Corte di Cassazione si è espressa sul caso di una coppia di genitori che avendo scelto di adottare un bambino avevano posto una precisa condizione: che fosse europeo. La Corte come sempre decide su un caso e ne fa giurisprudenza, traccia una via, giuridica e culturale, determina precedenti spesso indispensabili in materie difficili. Chi decide di adottare ha aspettative istintive tutto simili a quella dei genitori naturali: la classica frase l importante è che sia sano già trova poco riscontro nei sogni di una madre o di un padre che si accingono a nove mesi di attesa. Se il figlio è adottato in teoria nemmeno la perfetta salute dovrebbe essere una discriminante. Anzi, la spinta di altruismo, di generosità che sta dietro la scelta comunque coraggiosa, dovrebbe essere ancor più forte davanti a certe difficoltà.

3 Facile capire come non sia cosi. Facile immaginare come anche il genitore adottivo non solo desideri un figlio sano, ma lo faccia oggetto anche i desideri insoddisfatti, di aspettative disattese. La Cassazione ferma la barra in direzione dei diritti del bambino, non di quelli presunti della coppia adulta. Eppure il rischio è di scivolare su un terreno puramente teorico e mettere fuori legge e fuori morale qualcosa di molto reale, anzi di inevitabile. Partiamo dal presupposto che le adozioni ormai sono praticamente solo internazionali: il bassissimo tasso di natalità nel nostro paese esclude di fatto la possibilità di adottare bambini connazionali. Gli enti, le associazioni accreditate preso le autorità italiane, autorizzate insomma a condurre un progetto di adozione internazionale sono attualmente una quarantina. Enti, associazioni, che si sono necessariamente specializzate stringendo rapporti con nazioni in determinate aree geografiche. C è chi cura le adozioni in ex Unione Sovietica, chi in Sudamerica, chi in Africa. Una precisa necessità: stabilire rapporti stretti, di fiducia di collaborazione con governi, strutture pubbliche, autorità giudiziarie, laddove gli istituti accolgono bambini adottabili. Il tutto per poter garantire un percorso il più possibile veloce, sicuro e garantito. Ma ecco chiara la debolezza di quanto stabilito dalla Corte di Cassazione. E sufficiente appoggiarsi ad una associazione invece che ad un altra per poter di fatto scegliere se adottare un bambino di colore, presumibilmente biondo con gli occhi chiari o moro con gli occhi scuri. Certo una contraddizione che andrebbe evitata, magari immaginando una sorta di registro generale della adozioni. Ma forse i problemi veri sono altri. Restano sul piano pratico, ad esempio, adottare una bambino straniero costa. A volte anche molto. Costano i viaggi, i soggiorni, l assistenza legale sul posto Il Brasile stabilisce che ogni soggiorno di coppie straniere interessate ad adottare un bambino, debba durare almeno 40 giorni e sono 40 giorni in cui può capitare di tutto dice l avvocato Gian Ettore Gassani presidente dell Ami, l Associazione Italiana degli Avvocati Matrimonialisti: si presentano intoppi, ostacoli burocratici, veri o presunti malintesi, in quello come in altri paesi. E alla fine la soluzione che viene prospettata per risolvere i problemi è solo una: pagare Le spese legali sul posto però sono inevitabili. Certo, ma qui la domanda è un altra: perché per quello che è un gesto d amore, una volontà di costruire una famiglia manche in soccorso di un bambino solo al mondo non si può immaginare un gratuito patrocinio? L istituto della rappresentanza legale a carico dello stato esiste perfino per i sospettati di crimini di mafia. Basta che dimostrino la nullatenenza e ottengono un legale a carico della collettività. E quasi sempre i tratta di avvocati di alto rango. Limitare certi privilegi spostandoli a favore di chi forse ne ha maggior diritto sarebbe vera giustizia. L attenzione sembra tutta sul fronte dei diritti dei genitori adottivi.

4 Anche le coppia che si accinge a fare questa scelta importante ha precise responsabilità. Spesso, troppo spesso si decide di adottare per salvare un legame matrimoniale in crisi. Non è e non deve essere questa la spinta ideale. Il risultato è che in molti casi le difficoltà, la faticosità del percorso di adozione provocano addirittura la fine della coppia che oltretutto non è preparata ad accogliere un bambino con giusto spirito. Subentra la separazione e il bambino passa da un istituto nel suo paese d origine a una situazione traumatica qui da noi: inizia a passare da una casa all altra, se non addirittura per venir affidato ai servizi sociali. Serve una svolta culturale generale che coinvolga le istituzioni e quindi le procedure, le coppie che decidono di adottare e non da ultimo i giudici: non c è univocità nel modo di valutare le situazioni. Un adozione rifiutata da un tribunale dei minori potrebbe tranquillamente essere accolta da un altro. L adozione è un percorso di responsabilità nei confronti del soggetto debole per eccellenza, il bambino. Le leggi e le persone devono tenerne conto, sempre. Mario Marchi La storia difficile di un adozione Il tempo è il nemico. Il cuore l'alleato Abbiamo presentato la richiesta di adozione nazionale e internazionale con relativi documenti al Tribunale dei minori di Milano e al Tribunale di Brescia nel lontano novembre Dopo un anno di attesa (motivato dalla maternità dell assistente sociale che, unitamente alla psicologa, ci doveva giudicare) abbiamo iniziato l iter burocratico con ben 8 colloqui. A luglio 2003 è stata inviata la nostra relazione firmata dalla psicologa e dall assistente sociale al Tribunale dei Minori di Milano e per conoscenza a quello di Brescia. A settembre siamo stati convocati dal Giudice del Tribunale di Milano perché la relazione era risultata alquanto sibillina (si metteva in dubbio la nostra capacità di farci carico di un bimbo adottivo). Fatto il colloquio a 360 gradi lo stesso Giudice ci rassicurava che portate la sue osservazioni sullo stato reale delle cose alla Commissione giudicante, la stessa ci avrebbe dato l idoneità non solo per un minore

5 ma per più minori. E così il 29 dicembre il sospirato decreto. Eravamo stati considerati idonei ad essere genitori di più bambini. Naturalmente si trattava di adozione internazionale perché di bimbi italiani neanche l ombra. Abbiamo dovuto rifare per due volte tutti i documenti per l adozione nazionale senza essere mai stati presi in considerazione. Nel febbraio 2004 siamo stati convocati da un Giudice del Tribunale di Brescia (l iter burocratico prevede la chiamata di tutti i Tribunali ai quali è pervenuta la richiesta di adozione) che molto carinamente ci ha tolto ogni speranza di adozione nazionale e ci ha consigliato di preoccuparci soprattutto di dare il mandato per quella internazionale a una Associazione seria (cioè che potesse dimostrare il lavoro svolto con altre coppie in tempi ragionevoli) e così dopo aver preso informazioni attraverso incontri di cinque associazioni abbiamo optato per una di Napoli. Una volta avviata la pratica all Associazione, in un primo tempo abbiamo prodotto i documenti per l Ucraina ma ahimè con la guerra civile del la speranza di partire andava sempre più scemando e così abbiamo prodotto i documenti anche per la Federazione Russa. Il 16 marzo del 2006 ci hanno contattato per la partenza. Siamo partiti il 29 marzo per Mosca dove il giorno dopo abbiamo incontrato per la prima volta nostro figlio Jacopo Slava. Da quel momento la nostra vita è cambiata..l abbiamo dovuto lasciare dal 3 aprile 2006 al 30 maggio 2006, poi dal 6 giugno 2006 al 2 luglio 2006 e finalmente siamo arrivati con lui in Italia (dopo la sentenza del tribunale russo, i visti ecc. ecc.) l 8 luglio L iter burocratico non è ancora finito. Dall estate 2006, per due volte l anno, abbiamo incontrato) la psicologa dell Associazione e consegnato foto e questionario debitamente compilato sull andamento dell inserimento in Italia del bambino come disposto dagli accordi internazionali. Il sentimento che ci ha spinto ad adottare è stato quello di volere a tutti costi trasmettere affetto, gioie, conoscenze, esperienze e anche, perché no, cose materiali a un bambino che ha iniziato la vita in modo crudele. Oggi ne siamo coscienti veramente. Non c è giorno che Jacopo non dimostri questo malessere. Ci vuole molto tempo (così ci ha sempre assicurato la nostra psicologa che lo sta seguendo dal giorno del suo arrivo in Italia) e piano piano sarà meno presente. La prima difficoltà è stata la lingua anche se mio figlio, nel giro di due mesi parlava quasi correttamente l italiano. La seconda difficoltà è stata riuscire in breve tempo a trasmettergli sicurezza. La paura dell abbandono è profonda in lui. E un bimbo che è stato lasciato dalla madre alcolizzata a 14 mesi in condizioni sanitarie disastrose. Il padre non lo ha riconosciuto e i parenti non hanno voluto prendersi cura di lui.

6 La terza difficoltà è stata il fargli capire le regole del vivere insieme, dalla necessità di ascoltare i consigli degli adulti, dal non dire sempre no, comportarsi in maniera adeguata a seconda delle circostanze Di ostacoli ce ne sono stati tanti. il continuare a riprodurre documenti in carta bollata, le giornate perse in fila alla Procura della Repubblica, alla Prefettura e all Asl, gli innumerevoli accertamenti diagnostici, l attesa della partenza con l incognita di ritornare in Italia con un bambino sano. Avere avuto in abbinamento un bimbo di sette anni e non di tre anni come promesso dal referente russo dell Associazione. Nonostante tutto questo non abbiamo mai pensato di arrenderci. Il meccanismo delle adozioni internazionali è devastante. Basta pensare a come ci si può sentire dopo aver conosciuto il tuo futuro figlio a doverlo lasciare per ben tre volte in Istituto prima di riuscire a risolvere tutti i problemi burocratici. Il bambino rivive l abbandono. Jacopo dopo cinque mesi che era con noi in mi chiese: Mamma perché non sei venuta a prendermi all orfanotrofio prima? E perché quando sei venuta poi te ne sei andata per due volte? Non eri certa di volermi portare con te? Perché la direttrice dell Istituto mi ha detto che forse non potevi venire più a prendermi? Il genitore adottivo è un genitore con doppia responsabilità perché ha sulle spalle un pesante fardello di problematiche scaturite dal dolore dell abbandono che ogni bimbo adottato ha nel dna. Tutti i bambini sono un incognita sia per i genitori naturali che per quelli adottivi ma il genitore adottivo deve adattarsi maggiormente alle esigenze di queste piccole creature e costruire mano a mano una nuova storia di vita, creare loro le radici, dare certezze, infondere grande amore. Il genitore adottivo deve essere sempre pronto ad affrontare problematiche che partono dal passato. Ogni bimbo ha un suo passato più o meno doloroso ma certamente privo di affetto. Non sono in grado di suggerire meccanismi migliori per l adozione internazionale ma certamente sono in grado di valutare che basterebbe adoperare anche il cuore oltre alle leggi. Il è tempo il peggior nemico di questi bambini. Un giorno, un ora, un minuto in Istituto sono giorni, ore e minuti di infelicità che lasciano segni profondi, forse per sempre. Elisabetta Graziani La storia Una vittima di stalking ci scrive

7 Quell ombra che rimane denunciare è una prova di dignità C è una cosa che ancora fa male: Non l ho denunciato. Per paura. Per evitare di dover dare altre spiegazioni a quei pochi che ancora non sapevano. Per nascondermi. Come se fossi io la colpevole. Non l ho denunciato e lo vivo come una mancanza di coraggio. E brucia. Perché nessuno, nessuno ha il diritto di condizionare così la tua vita. Nemmeno un amore sbagliato. Nemmeno un amore malato. Si deve denunciare, si deve chiedere aiuto. E' una prova di forza. E' un pugno sul tavolo per dire: "Ora basta". E' un rivendicare la propria dignità. Sono riuscita ad allontanarlo ugualmente. Ma sono stata solo fortunata. Ho dovuto farmi violenza. Lavoravamo nello stesso campo. Ho dovuto colpirlo sull attività. Farlo minacciare dai superiori. Ho dovuto informare il mio capo e il suo. Ho dovuto entrare in quegli uffici e raccontare la mia vita. E stato uno sforzo enorme, una costrizione dolorosa. Sono stati loro a imporgli di starmi lontano. Mi hanno aiutato, sì. Ma ho consegnato a loro dettagli della mia vita privata che non avrei mai voluto raccontare. E passato tempo, ma ancora adesso quando qualcuno nomina quel nome mi sale l angoscia. Lo chiamano stalking, per me è stata una prigione. Chi non l ha vissuto, non può capire. Non può immaginare la sensazione di impotenza, la paura, la rabbia, la voglia di scappare. Una storia sbagliata. Con un uomo sbagliato. Messa in piedi senza pensarci troppo, per rimarginare la ferita di una delusione. Poi la consapevolezza. Non è quello che voglio e la decisione di troncare. L incubo.

8 Lui ovunque. Sotto casa, sotto l ufficio. Ogni giorno sulla macchina una rosa e un messaggio. Come sei pallida, sembri morta. Centinaia di telefonate, a ogni ora, nel cuore della notte. Anche sul cellulare aziendale, quello che deve sempre rimanere acceso. E lui lo sa. Amici e nemici contattati, importunati, fermati per strada per mettere in piazza la mia vita, le mie debolezze, la mia intimità. Bugie su bugie, su quello che c è stato, su quello che facevo e che dicevo. Anche sul posto di lavoro, dove sono sempre stata una persona riservata. Uno stillicidio, ogni giorno una goccia di cattiveria, una goccia di violenza. E poi quel senso di solitudine. Sola, piegata dalla vergogna di aver fatto entrare nella mia vita un uomo così. Sola, per proteggere i miei genitori anziani. Sola, perché molti si sono allontanati per non finire nel vortice. Chiunque uscisse con me, il giorno dopo si ritrovava su facebook, con tanto di foto ed epiteto rovina famiglie. Accerchiata, con lui di notte dietro la porta di casa a suonare, a bussare, a dare calci, a cercare di farsi aprire. E nessuno, nessuno in tutto il condominio che mi chiedesse se avessi bisogno di aiuto. Con le amiche che cercavano di convincermi a dormire da loro, e io che mi facevo forza. No quello la mia vita non la cambia. E durata sei mesi. Ricordo il primo pensiero la mattina, appena aperti gli occhi, la sensazione di essere di nuovo un bersaglio. Cosa mi succederà oggi? Da cosa dovrò difendermi? A chi dovrò dare spiegazioni?. E lui sempre sotto casa. La sagoma dell auto sempre lì. Il suo sguardo fisso addosso, sporco, violento. E colpa tua mi diceva quello che succede è solo colpa tua. Mi hai lasciato. Se sto male io, devi stare male anche tu. Le chiavi di casa sempre in mano, pronta a scappare, a liberarmi da quell ombra che si materializza davanti al portone all improvviso. Che non rispetta più nulla di me. Che se la prende con chiunque. Con qualunque persona di sesso maschile in mia compagnia. Specchietti divelti, tergicristalli piegati, insulti scritti sui vetri. E allora allontani tutti. Non puoi permetterti di coinvolgerli nei tuoi errori. E poi le password del computer rubate. Le foto delle vacanze sbattute su face book a mio nome. Commenti sui profili dei miei amici, dei colleghi. Ancora oggi mi spia, su internet. Lo so. Si stancherà mi dicevano spegni i telefoni. Ignoralo. Non mi sembra una persona violenta. No, non è stato violento in senso fisico. Eppure mi sono sentita violata. Ne parlo per la prima volta. Dentro, ho quel malessere, quella sensazione di essere messa all angolo, di non poter gestire la mia vita. Non va via. Mi guardo ancora intorno quando sono fuori, quando rientro la sera. E ancora adesso, se non lo vedo parcheggiato a spiarmi, tiro un sospiro di sollievo. Certe sere però ancora squilla il telefono: Volevo solo sapere come stai. Metto giù senza rispondere. E sto male. redazione, via Montelungo, 4 Milano amministrazione presso l editore: Biancarosa Onlus, Via Gramsci 26, Verona

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Dai diamanti non nasce niente

Dai diamanti non nasce niente LA NOSTRA IDEA IN POCHE PAROLE Innanzitutto, un cambio di prospettiva. Il centro non è la violenza, ma ciò che resta. Importa ciò che vive, ha un corpo, segni tangibili e un dolore sommerso e stordente,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli