PROGETTO SCUOLE EDUCAZIONE ALLA MONDIALITÁ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO SCUOLE EDUCAZIONE ALLA MONDIALITÁ"

Transcript

1 COMITATO DI COLLEGAMENTO DI CATTOLICI PER UNA CIVILTÀ DELL AMORE PROGETTO SCUOLE EDUCAZIONE ALLA MONDIALITÁ TITOLO DEL PROGETTO: Educazione alla Mondialità: Formazione per le Scuole alla Cooperazione Internazionale e creazione di Scuole nel Sud del Mondo. PROPONENTE: L Associazione di Volontariato è stata costituita il 2 ottobre del 1992 e iscritta al Registro Regionale del Volontariato della Regione Lombardia con Decreto n del 1 marzo Attiva dal 1986, essa opera attraverso campagne di sensibilizzazione quali Contro la Fame Cambia la Vita e manifestazioni pubbliche, a livello nazionale e internazionale, per una più concreta Civiltà dell'amore. L Associazione opera in collaborazione e con l'impegno di circa 40 Istituti Missionari presenti in oltre 40 nazioni povere del mondo, tra cui Argentina, Bolivia, Brasile, Ecuador, Colombia, Perù, Filippine, Burkina Faso, Congo, Ciad, Etiopia, Costa D Avorio, Togo, India. Il Comitato è stato tra le prime associazioni no profit a promuovere, insieme ai Missionari, attraverso campagne mediatiche nazionali, i microprogetti e l adozione a distanza. Dal 2001 il Comitato promuove la campagna nazionale, Adotta un papà nel Sud del mondo - già lanciata da Papa Giovanni Paolo II nell'angelus della Festa del Papà di quell anno - che mira a creare opportunità di lavoro per capifamiglia poveri, in modo da metterli in grado di mantenere la propria famiglia nella propria terra, evitando l emigrazione come soluzione all indigenza e alla disoccupazione. Questa iniziativa è stata applicata con successo già in alcune scuole di Roma e dei Castelli Romani, a partire dal Il supporto assume modalità differenti quando i Missionari formulano autonomamente, secondo le necessità, le richieste di intervento in progetti più grandi, come in Sahel con la Fondazione Giovanni Paolo II. In questo caso prendono forma dei progetti che riguardano settori basilari della vita delle comunità, quali l ambito sanitario, educativo, ambientale, energetico, la formazione professionale, la tutela ed emancipazione della donna, la tutela e la cura dell infanzia. Le realizzazioni allora riguardano la costruzione di strutture primarie per la sanità locale, scuole, orfanotrofi, centri di formazione professionale, pozzi per la fornitura idrica a interi villaggi oppure l installazione di pannelli fotovoltaici per l energia elettrica o l avviamento di piccole microimprese. In questi anni, grazie anche alla collaborazione gratuita dei mass-media nazionali e locali, il Comitato ha promosso con l aiuto di privati e istituzioni la realizzazione di oltre 30 mila microprogetti (di ammontare variabile da poche decine di euro a varie decine di migliaia) che hanno consentito di sostenere, come già illustrato, sia microprogetti, quali le adozioni, sia altri progetti di più ampio respiro. Il resoconto degli interventi effettuati viene pubblicato ogni anno sul sito web (www.civiltadellamore.org) e nella rivista del Comitato. Iscritta al Registro Gen. Volontariato Reg. Lombardia Decreto n e Reg. Lazio n C.F Segreteria di Roma: Via Doganale Ciampino c/o Il Carmelo tel tel/fax Segreteria di Milano: Via S. Antonio Milano tel Onlus Sede Legale : Via S. Antonio Milano

2 DESTINATARI: Tutti i bambini e i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado aderenti al progetto. ANALISI DEL CONTESTO: In una società sempre più multiculturale, crediamo che sia fondamentale partire dalle scuole, cellule della società futura, che oggi vivono in prima persona il confronto con culture diverse dalla nostra, per affrontare il tema della fratellanza e del rispetto reciproco nella vita di tutti i giorni. Riteniamo infatti che creare un ponte tra le scuole possa formare le coscienze alla solidarietà verso l altro anche nell ambito di una stessa classe. In modo particolare attraverso la conoscenza e la valorizzazione di tutte le realtà lontane da noi, fisicamente, ma vicine in quanto bisognose di maggiori attenzioni e tutele da parte dei paesi più sviluppati. L Educazione alla Mondialità è un tema sempre più consolidato nelle nostre scuole italiane, come lo dimostra anche la Circolare del 5 dicembre 1993 dell allora Ministro della Pubblica Istruzione che annunciava, a tutte le scuole, la nostra iniziativa di adozione scolastica di alunni nel Sud del mondo. Nel contempo le nostre scuole sono venute sempre più in contatto con realtà dei Paesi poveri attraverso le crescenti testimonianze e presenze di quelle popolazioni. OBIETTIVI: 1) EDUCAZIONE ALLA MONDIALITÁ - Far scoprire ai bambini e ai ragazzi, grazie ai costanti contatti tramite i Missionari con le scuole presenti in quei luoghi, le diverse abitudini delle scuole, lo svolgimento delle loro giornate e le caratteristiche principali delle loro culture, in modo da poter valorizzare tutto quello che li circonda nelle loro realtà scolastiche. - Creare nelle scuole un clima di rispetto e di condivisione reciproca soprattutto verso differenti realtà etniche e culturali. - Responsabilizzare i bambini e i ragazzi nel saper gestire e portare a termine un impegno sociale concreto. 2) SVILUPPARE E SOSTENERE L EDUCAZIONE PRIMARIA NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO - Garantire l istruzione primaria ai bambini per evitargli la vita di strada. 3) CREARE NUOVI POSTI DI LAVORO IN LOCO (Insegnanti) PER EVITARE IL DRAMMA DELL EMIGRAZIONE FORZATA VERSO I PAESI OCCIDENTALI. RISULTATI ATTESI: Ogni scuola italiana (composta all incirca da 20 classi) adotta una scuola povera del Sud del mondo offrendo la possibilità di lavoro ad almeno 5 dei suoi insegnanti con le modalità della formula Adotta un Papà Insegnante nel Sud del Mondo. Portare avanti il progetto secondo le modalità stabilite nel POF della scuola. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÁ: Incontro di preparazione, prima dell inizio dell anno scolastico, con l insegnante di riferimento, con il Dirigente Scolastico, con gli organismi scolastici per la gestione del POF per collaborare alla definizione del Progetto Educazione alla Mondialità. Presentazione del Progetto e delle Attività ai bambini e ai ragazzi a settembre. Incontri nelle scuole, con i volontari e i Missionari, nei periodi di Natale e Pasqua. Chiusura delle attività, a fine anno scolastico, con una verifica di quanto svolto e dei risultati raggiunti dai bambini e ragazzi.

3 RISORSE NECESSARIE: Un insegnante di riferimento per il progetto di ogni scuola. Un genitore che conosca lo svolgimento del progetto (anche il rappresentante di classe). I responsabili del Progetto del Comitato. Due volontari per gli incontri di ogni scuola. Un Missionario per le testimonianze in ogni scuola. PERIODO DI SVOLGIMENTO: Un progetto prevede la durata di 3 anni scolastici modificabili secondo quanto previsto dai relativi POF d Istituto. LUOGO DI SVOLGIMENTO: Scuole primarie e secondarie di primo grado interessate al Progetto.

4 1

5 INDICE 1 - Il Comitato collegamento Cattolici Civiltà dell Amore Cos è Adotta un Papà nel Sud del Mondo Soggetti Coinvolti Vantaggi dell iniziativa Il Valore culturale e religioso di questa iniziativa Adotta un Papà Insegnante Progetto Scuola I paesi in cui è avviata l iniziativa Il progetto favorisce il conseguimento del Primo e del Secondo Obiettivo del Millennio Il Primo Obiettivo del Millennio Il Secondo Obiettivo del Millennio

6 1 - Il Comitato collegamento Cattolici Civiltà dell Amore L Associazione di Volontariato Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell Amore è stata costituita, ai sensi della Legge 266/91, il 2 ottobre 1992, con statuto modificato il 13 maggio 1993, per l iscrizione al Registro Regionale del Volontariato della Regione Lombardia avvenuta con Decreto n del 1 marzo 1994 ed attualmente ancora conservata. L Associazione promuove programmi e microprogetti di sviluppo nel Sud del Mondo, attraverso campagne di sensibilizzazione e manifestazioni pubbliche, a livello nazionale e internazionale, in collegamento e con la collaborazione degli organismi interessati a cominciare dagli Istituti Missionari, per una più concreta Civiltà dell Amore. 3

7 2 - Cos è Adotta un Papà nel Sud del Mondo Si tratta di un programma di sostegno a distanza che potremmo definire intelligente. I classici programmi di questo tipo infatti, come ad esempio quelli per il sostegno di un bambino, seppur utili e lodevoli forniscono una forma di assistenza dall alto, che aiutano economicamente le persone bisognose ma non offrono programmi per l abbattimento della povertà. Con Adotta un Papà invece si cerca di fornire il know how utile per favorire l impiego lavorativo e l incipit di uno sviluppo sostenibile locale. Come i classici programmi di sostegno a distanza, anche Adotta un Papà si basa sui contributi di privati donatori, ma in questo caso anziché garantire generi di prima necessità o materiale scolastico, si contribuisce a pagare lo stipendio di un capofamiglia, che potrà così sfamare tutti componenti del suo nucleo familiare. Rimanendo nella sua terra permettendo uno sviluppo che contribuisce a migliorare l economia locale. 2.1 Soggetti Coinvolti Si vuole offrire un lavoro ai papà e mamme che ne sono privi, per riscattare una famiglia dalla miseria, creando alternative all'emigrazione forzata per mantenere la famiglia. Secondo il costo medio del lavoro nel Sud del Mondo, bastano 100 euro per il salario mensile di un lavoratore. Punto di riferimento per questo impegno sono i Missionari e le Suore che hanno accettato, tramite il "Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell'amore", di offrire un lavoro a papà e mamme in difficoltà. Chi adotta un papà e gli offre il lavoro potrà avviare un rapporto diretto con il missionario responsabile sul posto e riceverà la scheda del lavoro eseguito. Il Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell'amore è solo il tramite fra i cittadini italiani e i missionari nei paesi poveri. Responsabili sono i singoli istituti e congregazioni di questi missionari e suore, che hanno sede nel nostro paese. Ad essi andrà versato il contributo per offrire un lavoro nei paesi poveri. 4

8 2.2 Vantaggi dell iniziativa Il primo vantaggio, quello immediatamente percepibile, è quello di garantire un lavoro a persone che vivono in zone criticamente povere. A cui vanno aggiunti altri 4 aspetti molto significativi: Le famiglie del Sud del Mondo, soprattutto in Africa sub-sahariana, sono molto numerose. Dare a un papà la possibilità di sfamare tutta la sua famiglia vuol dire provvedere a sfamare anche 10 persone; i soldi vengono guadagnati ai capifamiglia con il lavoro. Questo genera senso di gratificazione negli individui, che sentono di provvedere in prima persona al benessere personale e della propria famiglia; crea aliquote di personale qualificato nei settori di impiego; genera e alimenta la cultura del lavoro; la possibilità di avere uno stipendio, e non di vivere di donazioni, crea maggiore stabilità economica nella popolazione, con positivi effetti sull indotto economico (incremento di acquisti, maggior circolazione di moneta, crescita economica); creando posti di lavoro in loco e migliorando le condizioni socio-economiche generali, si pone un argine all emigrazione forzata, portatrice di drammi e sofferenze ai migranti, e di seri problemi di gestione ai paesi riceventi dei flussi migratori. 2.3 Il Valore culturale e religioso di questa iniziativa Padre Piero Gheddo ha individuato nei seguenti punti il valore culturale religioso di questa iniziativa: a) Lo spirito della campagna è di creare un rapporto diretto tra popolo e popolo, educando ad una responsabilità personale. b) Altra finalità è di passare dall'idea che il denaro risolve tutto alla presa di coscienza che per aiutare veramente i poveri occorre educarci a questo incontro di popoli, attraverso la partecipazione diretta e l'incontro con situazioni concrete delle miserie del mondo. I poveri non sono numeri, ma persone. c) Non possiamo veramente aiutare i poveri vivendo nell'opulenza, nel superfluo: occorre cambiare il nostro "modello di vita". L'eccesso di ricchezza è disumano come l'eccesso di povertà, di miseria. d) Abbiamo tutti bisogno, ricchi e poveri del mondo, di una "rivoluzione culturale" ispirata al Vangelo e al modello di GESU' CRISTO ("Ama il prossimo tuo come te stesso"). Se non 5

9 torniamo a DIO e a CRISTO non siamo in grado di superare la crisi del mondo attuale e l'abisso che separa Nord e Sud del Mondo. La campagna del Comitato di Collegamento di Cattolici per una Civiltà dell'amore non vuol quindi solo chiedere un po di denaro, ma portare a riflettere sull'impegno che tutti dobbiamo assumere: "Contro la Fame - Cambia la Vita", perché possano cambiare la loro vita, in senso più umano, anche i poveri del mondo. 3 - Adotta un Papà Insegnante Progetto Scuola Nel biennio abbiamo lanciato l iniziativa Adotta un papà insegnante - Progetto Scuola, legata ad Adotta un papà, che prevede l adozione da parte di classi delle scuole italiane di un insegnante in una scuola del Sud del Mondo. In questo modo dei capifamiglia potranno ottenere un posto di lavoro come insegnante nelle scuole delle Missioni, e si diffonde una cultura della solidarietà nei ragazzi, sin da giovanissimi. Nell anno scolastico , 17 scuole di Roma hanno aderito al progetto. L iniziativa è proseguita anche nell anno scolastico , con 16 scuole di Roma. Viene proposta ad una classe di studenti di scuola primaria e di media inferiore, di adottare un Papà insegnante del Sud del mondo. Garantendogli il lavoro per tutto l anno scolastico e la possibilità di mantenere la propria famiglia dignitosamente. Gli obiettivi sono: Educazione alla mondialità. Sviluppare e sostenere l educazione primaria nei paesi in via di sviluppo. Creare nuovi posti di lavoro in loco (insegnanti) per evitare il dramma dell emigrazione forzata verso i paesi occidentali. L attività si svolge secondo i seguenti punti: Incontro di preparazione con l insegnante di riferimento e con il Preside. Presentazione del Progetto e delle Attività ai bambini. Incontri nelle scuole con i volontari e i Missionari. Chiusura attività a fine anno scolastico con una verifica dei risultati raggiunti 6

10 Le risorse necessarie per avviare l attività sono; un insegnante di riferimento, un genitore che conosca lo svolgimento del progetto, i responsabili dei progetti del Comitato collegamento cattolici per una civiltà dell amore, due volontari per gli incontri di ogni scuola e un missionario per l incontro in ogni scuola. L intero progetto prevede la durata di un ciclo di 3 anni scolastici, modificabili secondo quanto previsto dai relativi POF dell istituto in questione. 7

11 4 - I paesi in cui è avviata l iniziativa Adotta un papà è un programma che attualmente riguarda 4 paesi del Sud del mondo, sparsi tra Africa (1), Sud America (2), Asia (1). NAZIONE LOCALITA' ISTITUTO ADOZIONI Bolivia San Josè de Chiquitos Angeline Francescane 2 Puerto Suarez Angeline Francescane 3 Brasile S. Antonio da Platina Angeline Francescane 6 San Paolo Angeline Francescane 3 Parque Jair Oblate 5 Foz do Iguacu Consolatrici 4 Ciad Baibokoum Angeline Francescane 7 India Kerala Oblate 21 Kochi Pallottine 6 Shannigaram Pallottine 10 Totale 67 * Dati dell anno scolastico 2010/2011 Anno scolastico 2009/2010: Missione: Suore Francescane Angeline Luogo: Puerto Suarez - Bolivia Scuole partecipanti: San Giovanni Bosco, I.C. Niobe, Primaria Pistelli, I. Alpi Pio La Torre, I.C. A. Rosmini. Missione: Suore Francescane Angeline Luogo: Scuola S Antonio da Platina - Brasile Scuole partecipanti: I.C. Salvatore Pincherle. Missione: Suore Francescane Angeline Luogo: scuola Baibokoum - Ciad Scuole partecipanti: V.H. Girolami, 195 C.D., I.C. Mater Carmeli. 8

12 Luogo: Scuola St. Chalie - India Scuole partecipanti: Scuola Media Statale Teodoro Mommsen, Istituto Comprensivo Mastroianni, R. Quartaro. Luogo: Scuola St Joseph - India Scuole partecipanti: I.C. Pallavicini, 192 circolo didattico Santi Savarino. Luogo: Scuola Mathupettai - India Scuole partecipanti: Aurelio Alonzi, Scuola Paritaria Koala. Luogo: Scuola St. Mary, Bangalore - India Scuole partecipanti: I.C. Famelli Marini, Scuola Primaria Statale G. Pascoli, 297 Circolo Didattico Via Trionfale, 298 Circolo Didattico Elsa Morante. Luogo: Scuola Sacred Heart Guntur- India Scuole partecipanti: I.C. Affogalasino, S. F. Sales, Sant Ivo. Luogo: Scuola Balayesu- India Scuole partecipanti: Maria Ausiliatrice Paritaria secondaria 1, SMS L. Settembrini. Luogo: Scuola Christu Jyothi - India Scuole partecipanti: SMS Via Pintor, Scuola Media Statale San Benedetto. Luogo: Scuola Laurence (Tamilnadu) - India Scuole partecipanti: G. Parini, I.C. Perazzi, C. corradi. 9

13 Luogo: Scuola Gesù Bambino - India Scuole partecipanti: Chico Mendez, I.C. M. Luther King. Luogo: Scuola Cafed. - India Scuole partecipanti: I.C. Boccea 590. Luogo: Scuola Bernie - India Scuole partecipanti: C. Marcantonio Barbarigo. Luogo: Scuola Durgi - India Scuole partecipanti: I.C. Vibio Mariano, I.C. Karol Wojtyla. Missione: Suore Oblate Luogo: Trivandrum - India Scuole partecipanti: IC Soglian, Istituto Comprensivo Via Cassia Missione: Suore Francescane Angeline Luogo: San Paolo - Brasile Scuole partecipanti: 120 Circolo Didattico M. Gandhi, Scuola Primaria Giulio Cesare. 10

14 5 - Il progetto favorisce il conseguimento del Primo e del Secondo Obiettivo del Millennio Durante il Vertice del Millennio, indetto dalle Nazioni Unite nel settembre del sono stati assunti da tutte le Nazioni del Mondo gli 8 Obiettivi del Millennio, finalizzati ad uno sviluppo più equo e rispettoso dei diritti umani e dell ambiente, da realizzare entro il Il Primo Obiettivo del Millennio Il primo obiettivo del millennio si propone di sradicare la povertà estrema e la fame entro il I microprogetti di sviluppo portati avanti dal Comitato assieme alla Fondazione Giovanni Paolo Secondo per il Sahel contribuiscono a raggiungere tale obiettivo, creando uno sviluppo sostenibile locale. 5.2 Il Secondo Obiettivo del Millennio L Obiettivo 2 contempla il raggiungimento dell istruzione elementare universale per tutti i bambini e le bambine del mondo permettendogli di imparare a leggere ed a scrivere, completare un ciclo di studi e di avere uguale accesso a tutti i livelli d istruzione. L istruzione è un investimento per il futuro della persona e della società, garantisce all individuo il rafforzamento delle proprie potenzialità e alla società uno sviluppo sostenibile. L istruzione permette non solo, il soddisfacimento di un diritto primario, ma anche di altri diritti, quali il miglioramento della salute, dell alimentazione e della produttività. L inserimento dell istruzione tra gli Obiettivi del Millennio, quindi sottolinea l importanza che questo diritto ha acquistato nel tempo e la rilevanza che ha assunto in ambito internazionale. L istruzione è un diritto umano universale e fondamentale lo dicono svariati documenti e carte istituzionali: Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (Art. 26) 1 Paragrafo Ogni individuo ha diritto all istruzione. L istruzione deve essere gratuita almeno per quanto riguarda le classi elementari e fondamentali. L istruzione elementare deve essere obbligatoria. 2 Paragrafo L istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali ( ) 11

15 Convenzione internazionale sui diritti dell infanzia Art 28 (1989) 1 - Gli stati riconoscono il diritto del fanciullo all educazione, ( ) in base all uguaglianza delle possibilità 2 Gli stati adottano ogni adeguato provvedimento per vigilare affinché la disciplina scolastica sia applicata in maniera compatibile con la dignità del fanciullo in quanto essere umano ( ) 3 Gli stati favorisono e incoraggiano la cooperazione internazionale nel settore dell educazione. Costituzione italiana (1947) Art 34. La scuola è aperta a tutti, l istruzione inferiore, impartita per almeno 8 anni, è obbligatoria e gratuita. L istruzione è la chiave dello sviluppo perché rappresenta l opportunità di migliorare il proprio status sociale materiale, il cosiddetto sviluppo umano, ed inoltre di accedere alla partecipazione nella vita pubblica per la formazione di una società più equa ed inclusiva ( benessere sociale ed economico). L istruzione rivolta a garantire ai settori di popolazione disagiata infatti, innesca un ciclo virtuoso perché, assicurando loro un migliore accesso ed una maggiore qualità della stessa istruzione, il conduce verso un nuovo equilibrio sociale. Istituire chi manca di risorse materiali è compito particolarmente importante, perché innesca cambiamenti sociali più ampi. In questo modo l istruzione è un obiettivo fondamentale, perché rappresenta un modo per uscire dal vincolo della povertà; in altri termini vuol dire lotta contro la fame, perché una popolazione istruita possiede le conoscenze e gli strumenti adatti a contrastare la povertà; vuol dire lotta contro le malattie, dovute spesso all ignoranza riguardo le comuni norme igieniche; vuol dire formazione professionale, quindi, capacità di lavorare e produrre ricchezza sia su piccola che su grande scala; vuol dire modernizzazione, crescita demografica controllata. L istruzione diretta ad ogni persona, anche senza risorse materiali, conduce di conseguenza ad una società più equa in cui il potere economico e politico è più ampiamente distribuito ed in cui è possibile uno sviluppo sostenibile. In questi quadro si inserisce perfettamente il Progetto Adotta un Papà insegnante, che contribuisce a raggiungere il secondo Obiettivo del Millennio. Un progetto importantissimo alla luce dei risultati conseguiti fino ad oggi per raggiungere il secondo Obiettivo, infatti ad oggi il 60% dei Paesi del mondo non sembra in grado di poter raggiungere l Obiettivo entro il 2015, nonostante i progressi mossi verso una scolarizzazione primaria universale in diverse regioni in via di sviluppo. 12

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 Il mese di gennaio da sempre rappresenta il cuore dell Iniziativa di Carità nel percorso formativo dell Acr, una traduzione concreta - a misura dei bambini e ragazzi attraverso

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

In paternship con Padre Alberto Missionario del PIME ( Pontificio Istituto Missioni Estere ) PROGETTO CAMBOGIA

In paternship con Padre Alberto Missionario del PIME ( Pontificio Istituto Missioni Estere ) PROGETTO CAMBOGIA In paternship con Padre Alberto Missionario del PIME ( Pontificio Istituto Missioni Estere ) PROGETTO CAMBOGIA A PIEN ROONG Fornire : Arredi scuola Sostegno allo studio e Salute pubblica SPONSOR: Micromondo

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli