Uno scorcio sul mondo OSGi e OSGi enterprise: modularita' e dinamismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uno scorcio sul mondo OSGi e OSGi enterprise: modularita' e dinamismo"

Transcript

1 Uno scorcio sul mondo OSGi e OSGi enterprise: modularita' e dinamismo Giacomo Pallotti

2 abstract... Modularità e Dinamismo Modularità e Dinamismo in Java e JEE Diario di un bravo sviluppatore JEE Cosa è OSGI OSGI Alliance Layer Specifiche OSGi Alliance Eclipse ed il framework OSGi Container osgi e osgi enterprise open source Casi d'esempio bundle service provider service client web app (servlet) LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 2

3 Modularità E' la scomposizione logica di un sistema in un insieme di sottosistemi più piccoli che collaborano tra di loro. A1 A A2 A' A3 LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 3

4 Dinamismo E' la capacità di variare un sistema in maniera indipendente senza coinvolgere (e stravolgere...) tutte le altre parti del sistema. A B D D' D C LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 4

5 Modularità in Java ll linguaggio Java non è nato con lo scopo di supportare una programmazione modulare; il suo più grande pregio, oltre al Write Once Run Anywhere (o Everywhere), è la capacità di costruire applicazioni di tutti i tipi, da embedded a mobile, da rich client a enterprise. Quindi il criticare Java per una caratterista che non faceva parte delle sue specifiche sarebbe quanto meno non giusto. Java ha introdotto i concetti di package e visibilità (public, protected, private) in relazione all' encapsulation (incapsulamento), cioè la possibilità di impacchettare in una singola entità i dati e le azioni che sono riconducibili ad un singolo componente. Il fine NON era quello del partizionamento logico di un sistema, ma di una organizzazione finalizzata al singolo componente LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 5

6 La divisione delle classi in package, e la visibilità dei metodi e delle variabili delle classi all'interno dello stesso package oppure da package diversi, obbligano a definire spesso public o al massimo protected (se le classi sono in gerarchia) tali metodi. In pratica la scelta di uno sviluppatore è: 1 - mandare a quel paese la struttura logica della propria applicazione accorpando nello stesso package classi che non sono in relazione tra di loro, per evitare di esporre metodi non public. 2 Mantenere la struttura logica utilizzando però package multipli con il costo di esporre metodi public che possono essere acceduti anche dalle classi degli altri package LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 6

7 Dinamismo in Java Un'applicazione Java (sia una stand alone application, sia una webapp più o meno complessa) è composte da componenti interni (classi, risorse varie, file di configurazioni,...) e da liberie (jar) esterne. Queste librerie verosimilmente hanno una versione e certe dipendenze da altre librerie. La VM e il class loader non supportano la possibilità di avere versioni diverse di uno stesso jar viene caricato il primo che viene trovato nel claspath. Classpath Compile Time vs Runtime LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 7

8 Diario di un bravo JEE developer C'era una volta un bravo sviluppatore java enterprise. Ha sviluppato una web application sul suo workspace, ha fatto le prove sull' application test server sulla sua macchina, e si appresta a deployare la sua applicazione sul server ufficiale di test. Che sia Tomcat o Websphere. Installa la sua webapp, configura tutto per benino, avvia il server e alla prima chiamata alla sua jsp LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 8

9 NoSuchMethodError LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 9

10 cavolo, vuoi vedere che ho messo nelle lib del war i jar sbagliati? Opps, non è possibile, ho copiato solo il war, le lib sono quelle che già c'erano quindi forse le lib vecchie non sono uguali a quelle nuove... (Tomcat) I jar non sono dentro al WAR/EAR, utilizzo una shared lib sul server che punta ad una cartella condivisa da altri applicazioni... (Webshpere) in tutti i modi le libreria che il nostro JEE developer ha sul server non ha il metodo che le classi si aspettano. Il jar incriminato è la libreria pippolib Sul suo workspace uso la versione Il file si chiama: pippolib.jar LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 10

11 E sul server che versione c'è? come si chiamerà il file?! pippolib.jar perfetto :( Almeno hanno data e dimensione diverse LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 11

12 quindi?! 1. decide di mettere tutte le lib all'interno del suo ear/war, per essere sicuri di avere la versione giusta Avrà le librerie comuni replicate dentro ogni applicazione LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 12

13 2. Cerca di ricordarsi di rinominare le librerie aggiungendo al nome del file il suffisso v_x_x_x.jar per riuscire a capire che versione è 3. Crea cartelle di shared lib personalizzate con le versioni di librerie common dentro, e le fa puntare come shared lib in più server (es. Websphere), così da avere più versioni delle stesse lib in cartelle diverse Nessuna di queste soluzioni è standardizzata, soprattutto se il nostro bravo developer non lavora da solo LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 13

14 non esiste l'aggiornamento a caldo delle lib il class loader carica la prima che trova si avranno librerie uguali replicate Modularità e dinamismo?! LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 14

15 OSGi Alliance Acronimo di Open Service Gateway Initiative, è un consorzio fondato nel 1999 da Oracle, Ericsson, Ibm ed altre aziende, il cui obiettivo è quello di creare un framework che implementi un modello a componenti completo e dinamico. Con il tempo altre aziende si sono aggiunte al progetto LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 15

16 Cosa è OSGi?! OSGi è uno strato modulare per la piattaforma Java Il framework OSGi è un sistema modulare ed una piattaforma di servizio per Java che implementa un modello a componenti completo e dinamico. Applicazioni o componenti (bundle) possono essere installate, avviate, arrestate, aggiornate e disinstallate senza richiedere un riavvio. Le specifiche OSGi sono andate oltre l'obiettivo originario che avevano, cioè di gateway di servizi (portale di servizi) sono ora utilizzate in applicazioni per ambienti diversi (mobile, embedded, rcp, enterprise). La gestione dei package Java che i componenti utilizzano è gestita e implementata dettagliatamente. La gestione del ciclo di vita dei moduli stessi utilizza API che ne permettono la gestione remota. Il Service Registry permette ai bundle di rilevare l'aggiunta di nuovi servizi, o l'eliminazione dei servizi, e adeguarsi di conseguenza. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 16

17 Concetti fondamentali Dunque l'idea dell'osgi Alliance è la implementazione di un framework che sia... modulare: per la piattaforma Java e JEE dinamico: consenta la distribuzione, l'avvio, lo stop e la rimozione dei bundles a runtime, senza dover riavviare il container OSGi orientato ai servizi: che possano essere dinamicamente registrati ed utilizzati. Introduzione e definizione del concetto di bundle (modulo) Gestione automatica delle dipendenze Gestione del ciclo di vita del codice (configurazione e distribuzione dinamica). LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 17

18 Qualsiasi applicazione che è stato progettata in maniera modulare può trarre beneficio dalle specifiche e dal framework OSGi: si potranno avviare, arrestare, aggiornare i singoli moduli con un impatto minimo sugli altri. Riduzione della complessità: sviluppare con la tecnologia OSGi significa sviluppare bundle, che sono semplici Jar. Riutilizzo, Distribuzione, aggiornamenti dinamici (senza riavviare il container) Versioning: la tecnologia OSGi risolve l'inferno delle librerie JAR. Nell'ambiente OSGi, tutti i package sono accuratamente versionati e soltanto i bundles che sono dipendenti sono collegati tra loro. Semplice: Il nucleo API è solo un pacchetto e meno di 30 classi/interfacce Veloce e Lazy (Pigro): L'essere Lazy è una qualità vincente nell'ambito del software e la tecnologia OSGi ha molti meccanismi per fare le cose solo quando sono realmente necessarie La flessibilità delle specifiche OSGi è dimostrato da come si può persino eseguire all'interno di un Application Server J2EE Versioni multiple: Le applicazioni possono avere più di una versione di un particolare bundle in esecuzione al momento stesso LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 18

19 Layers LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 19

20 OSGi Module (o Bundle) layer Definisce il concetto di moduli o bundle, che sono semplici file JAR con informazioni aggiuntive (metadata) nel file MANIFEST.MF. Un bundle contiene le classi e le risorse aggiuntive per quel modulo. Concettualmente un bundle non è un intera applicazione impachettata in un jar, ma è un modulo di una applicazione, che assieme agli altri bundles si combina per formare l'applicazione stessa. Un bundle, con i suoi metadata, estende il concetto di access modifiers che ha java, introducendo informazioni come ad esempio quali packages di quel modulo devono essere visibili all'esterno, oppure quali altri moduli o package di altri moduli sono indispensabili per quel dato bundle (imported e exported packages). Il framework OSGi in questo modo può gestire e verificare la consistenza dei bundle automaticamente. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 20

21 OSGi Lifecycle layer Definisce come i bundle sono dinamicamente installati e gestiti dal framework OSGi. esternamente all'applicazione definisce come avvengono le operazioni di install, update, start, stop e uninstall per amministrare dinamicamente i bundle internamente all'applicazione fornisce un modo per interagire con il framework OSGi e i servizi che esso fornisce durante l'esecuzione LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 21

22 OSGi Service Layer Supporta un approccio alla programmazione flessibile e orientato ai servizi (concetto presente nel framework OSGi prima che le architetture SOA diventassero popolari...). I service providers (che sono sempre bundle...) pubblicano i loro servizi su un service registry, e i service client (bundles...) utilizzano il registry per ricercare servizi da utilizzarli bind interaction pattern. Promuove uno sviluppo centrato sulla separazione tra interfaccia e implementazioni i servizi OSGi sono semplicemente delle interfacce Java che rappresentano un contratto tra service provider e service client. Gli OSGi service, che sono bundle, possono dunque dinamicamente essere avviati o stoppati. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 22

23 approccio OSGi allo sviluppo Progettare l'applicazione dividendola in interfacce che espongono un servizio e client che lo usano (approccio interface-based) 2. Implementare i service provider e i client component utilizzando i tools che normalmente si usano 3. Impacchettare le i service provider e i client in JAR separati. 4. Aggiungere ad ogni JAR l'appropriato OSGi metadata. 6. Avviare l' OSGi framework. 7. Installare e avviare tutti i propri bundle. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 23

24 Specifiche OSGi - OSGi Service Platform R4 Version 4.0 October OSGi Service Platform R4 Version 4.1 May OSGi Service Platform R4 Version 4.2 March 2010: OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Core Specification OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Compendium Specification OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Enterprise Specification OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Core Companion Code OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Compendium Companion Code OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Enterprise Companion Code OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Minimum Execution Environment OSGi Service Platform Release 4 Version 4.2 Foundation Execution Environment LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 24

25 JaxLondon and OSGi DevCon 2010 LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 25

26 OSGI manifest.mf Bundle-Activator Questa classe viene utilizzata per avviare e stoppare il bundle. Bundle-ClassPath Questa proprietà specifica il CLASSPATH da utilizzare per il bundle. La struttura può contenere riferimenti a directory o file jar all'interno del bundle. Bundle-Version Specifica il numero di versione del bundle. Package imports e required bundle possono includere anche l'informazione sulla versione del package o del bundle. Export-Package Questa proprietà specifica tutti i package da esporre pubblicamente ad altri plug-in. Import-Package Specifica tutti i package necessari da importare in modo esplicito dal bundle. Require-Bundle Questa proprietà specifica quali bundle e quali loro exported package siano da importare per essere utilizzati nel bundle. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 26

27 LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 27

28 Container OSGi open source Equinox è un progetto di Eclipse che implementa le specifiche OSGi core framework release 4. E' un runtime modulare che consente di deployare e avviare un'applicazione organizzata come una serie di bundle utilizzando i servizi e l'infrastruttura comune Dalla versione 3.0 di Eclipse, Equinox è diventato il runtime per i plugin che è appunto utilizzato da Eclipse stesso, ed è oggi la reference implementation delle specifiche del framework OSGi. Altri container utilizzati sono Knoplerfish e Apache Felix, sviluppato dall'apache Foundation. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 28

29 Eclipse ed il framework OSGi Eclipse utilizza OSGI come base per il suo sistema di plug-in dalla versione 3.0 Le prime versioni di Eclipse erano state concepite come un insieme di plug-in. Tuttavia, poiché i requisiti sono cresciuti, è diventato necessaria una gestione dei plugin più robusta ed efficace. Tra i requisiti di base di questo nuovo sistema si voleva avere la possibilità di gestire dinamicamente l'aggiunta di nuovi plug-in e l'arresto plug-in esistenti. Dopo ampie ricerche, gli sviluppatori Eclipse hanno optato per utilizzare le specifiche del framework OSGi per realizzarlo. Eclipse fornisce una delle implementazioni possibili di questa specifica ed è l'implementazione di riferimento delle specifiche OSGi R4. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 29

30 Nelle versioni precedenti alla 3.0, le dipendenze dei plug-in, le extensions e gli extension points erano definiti nei file plugin.xml di ogni plugin. Con l'introduzione delle specifiche OSGi, le informazioni sulle dipendendenze sono state spostate nel file manifest.mf, lasciando nel plugin.xml solo le definizioni di extensions ed extension points. Il progetto Eclipse è stato sviluppato interamente sul framework Equinox ed è quindi un esempio completo di sviluppo "a bundle", modulare, a componenti e a servizi. Un nuovo progetto plugin non è che un bundle nell accezione OSGi, e i plugin di Eclipse non sono altro che bundle e seguono tutti gli standard e le caratteristiche degli stessi. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 30

31 Equinox si propone come il framework di riferimento in quanto supporta un progetto delle dimensioni di Eclipse. È infatti grazie a questa tecnologia che diventa semplice sviluppare estensioni di Eclipse, agganciandosi alle funzionalità già offerte dall IDE in modo da personalizzarne il comportamento. Lanciando Eclipse con -console si avvia la console OSGi dei bundle in parallelo all'ide dalla quale sarà possibile amministrare i bundle disponibili nella distribuzione. Il jar che racchiude il core del framework è: org.eclipse.osgi.[versione].jar. LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 31

32 Container OSGi enterprise Negli ultimi anni molti vendor si sono affacciati sul mondo OSGI enterprise (IBM, Oralcle, Progress, Sap, VMWare, ) e attualmente supportano la OSGi Alliance attivamente. Parallelamente molti progetti Enterprise Open Source con le comunità Eclipse e Apache sono nati Tutto questo fermento non ha fatto altro che aumentare il numero di sviluppatori che hanno utilizzato e hanno sperimentano le nuove specifiche/features, e con l'introduzione dalle specifiche 4.2 l'attività della comunity è notevolmente aumentata. Attualmente la parte OSGi che si occupa di enterprise è l' OSGI Enterprise Expert Group (OSGi EEG) Accanto ai progetti di open source di osgi container, sono nati altri progetti come: Apache Aries: implementazione del Blueprint Container, che estende specifiche definite dalla OSGI Enterprise Expert Group incluso: convertitore bundle WAR; integrazione per JPA, JTA, JMX, (IBM Websphere 7 lo utilizza) Eclipse Gemini LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 32

33 LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 33

34 Blueprint Container È una specifica OSGI EEG 4.2 Introduce il concetto di dependency injection framework for OSGI Si utilizzano semplici Java object (POJOs), che possono essere utilizzati sia all'interno del framework OSGi che esternamente, ed un file blueprint.xml E' basato su Spiring DM Dynamic Model framework I produttori di OSGi container (es Apache Aries che IBM con WebSphere7 utilizza) si stanno orientando verso questo tipo di approccio LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 34

35 Casi d'esempio (Eclipse Helios 3.6 SR1 + Equinox) Bundle osgi jar helloworld Bundle service provider gettime: servizio interfaccia/implementaizone OSGi che restituisce il time Bundle client gettime: client del servizio gettime Bundle webapp helloservlet: WebApp con una servlet Bundle webapp client gettime: WebApp con servlet e chiamata al servizio LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 35

36 manifest.mf LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 36

37 osgi service provider Activator LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 37

38 osgi service client Activator LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 38

39 osgi servlet vs WAR E' una semplice classe che estende HttpServlet. La differenza con una web application implementata come WAR, è che la servlet è impacchettata in un package di un bundle osgi, e il jar è deployato sull'osgi framework come un semplice bundle appunto. La servlet è registrata nel container osgi (dato che non abbiamo un web container) tramite extension point di org.eclipse.equinox.http.registry.servlets Nelle opzioni di lancio del osgi framework, vanno aggiunti tutti i bundle che servono: com.example.servlet javax.servlet org.eclipse.equinox.common org.eclipse.equinox.http org.eclipse.equinox.http.registry org.eclilpse.equinox.registry org.eclipse.osgi org.eclipse.osgi.services Nei program arguments -console nei VM args -Dorg.osgi.service.http.port=8080 LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 39

40 osgi servlet con Jetty Jetty è un http server ed un servlet container basato su java. Jetty è open source rilasciato con licenza Apache 2.0. Si può scegliere di utilizzare un container più robusto, come Jetty ad esempio, che è compatibile con le specifiche Servlet 2.4 nella versione 7 e con quelle 3.0 per la versione Jetty 8, utilizzando questi bundle: org.eclipse.equinox.http.jetty org.eclipse.equinox.http.servlet org.mortbay.jetty.server org.mortbay.jetty.util al posto di: org.eclipse.equinox.http LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 40

41 osgi framework console LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 41

42 Webliography LinuxDay 2010 Giacomo Pallotti - OSGI e OSGI Enterprise 42

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.1 Support Package 3-2014-03-25 Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Sommario 1 Cronologia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence Breve panoramica sulla Business Intelligence con software Open Source Roberto Marchetto, 14 Gennaio 2009 L'articolo ed eventuali commenti sono disponibili su www.robertomarchetto.com (Introduzione) Il

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

JSIPE. Sistema Informativo per il Personale

JSIPE. Sistema Informativo per il Personale JSIPE Sistema Informativo per il Personale La Piattaforma JSIS - Java Solution Integrated La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suite, interamente realizzata dai laboratori della CNI, è una soluzione

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Note di rilascio Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Tesi di Laurea: GENERAZIONE DI GRAFI IN BUSINESS PROCESS MANAGEMENT NOTATION Laureanda: Contiero

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli