Thread e Task. L20_MultiThread 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Thread e Task. L20_MultiThread 2"

Transcript

1 I Thread in Java

2 Thread e Task Multitasking: capacità dei sistemi operativi di eseguire più programmi contemporaneamente. Ciascun programma ha il proprio insieme di variabili, costanti, ecc. Multithreading capacità dei programmi di eseguire, al loro interno, più task (thread) contemporaneamente. Un programma è multithread se il thread principale lancia almeno un thread secondario. I thread condividono le variabili, le classi del programma, lo spazio di indirizzamento, ha execution stack (stack delle chiamate) e program counter (indirizzo prox istruzione) privati. L20_MultiThread 2

3 Il multithreading è estremamente diffuso (es. browser che caricano più immagini contemporaneamente, o più pagine), la gestione delle richieste concorrenti da parte di un web service o un application server. Lo stesso meccanismo di garbage collecting è svolto tramite un thread Con JAVA 5 la gestione dei thread è stata completamente rivista ed arricchita, soprattutto dal punto di vista del sincronismo. Java offre degli strumenti che facilitano l'utilizzo dei thread, rispetto ad altri linguaggi di programmazione. L20_MultiThread 3

4 I thread sono caratterizzati dal loro stato ESECUZIONE PRONTO PER L'ESECUZIONE: in attesa di essere eseguito dalla CPU SOSPESO RIPRESO dal punto in cui era stato sospeso BLOCCATO quando attende una risorsa; TERMINATO L20_MultiThread 4

5 La priorità dei thread La priorità del thread stabilisce l importanza del trhead rispetto gli altri. La CPU privilegia il thread a maggiore priorità quando deve assegnare tempo di esecuzione ai vari thread. Un thread a priorità più alta può anche terminare un thread a priorità più bassa Il thread principale. Un programma Java possiede un thread di esecuzione, che è il thread principale. In esso si generano gli altri thread per i programmi multithread. Quando il thread thread principale termina, lo stesso programma termina. L20_MultiThread 5

6 Scheduling dei thread La JVM determina il tempo di esecuzione di ciascun thread con l'algoritmo FIXED PRIORITY SCHEDULING Un thread in esecuzione viene interrotto dallo scheduler quando: Un thread con priorità più alta diventa runnable; Il metodo run termina l esecuzione o il thread esegue un yield; Quando la porzione di tempo (quanto) di tempo assegnato dallo scheduler si è esaurito (non tutti i sistemi operativi - devono supportare il time slicing ) L20_MultiThread 6

7 Creazione di un thread in Java Java offre due possibilità di creazione di un thread: una istanza di un oggetto che estende l oggetto thread (package java.lang.*). una istanza di un oggetto che implementa l interfaccia runnable L20_MultiThread 7

8 Primo caso: sottoclasse di Thread Il codice del thread (il task del thread) deve essere inserito nel metodo run Nella classe Thread l implementazione del suo metodo run è vuota. Per attivare il thread si invoca il metodo start() che a sua volta invoca il metodo run() (che può essere chiamato solo attraverso start()) L20_MultiThread 8

9 class MyThread extends Thread { public MyThread(String str) { super(str); public void run() { for (int i=0;i<10;i++) { System.out.println(getName()+"it: "+i); try { sleep((int)(math.random() * 1000)); catch (InterruptedException e) { System.out.println(getName()+" finito!"); public class test { public static void main (String[] args) { MyThread t1=new MyThread("uno"); MyThread t2=new MyThread("due"); t1.start();//attivazione del thread t1 t2.start();//attivazione del thread t2 //= QUANTI THREAD CONCORRENTI COESISTONO in questo esempio? L20_MultiThread 9

10 Metodi della classe Thread resume run sleep(ms) start stop join suspend Riprende l esecuzione di un thread sospeso Contiene il codice eseguibile del tread Sospende il thread per un tempo definito di ms millesecondi Avvia il thread invocando il codice di esecuzione Forza la terminazione ell esecuzione di un thread. Tutte le risorse del thread vengono liberate (anche i lock), attraverso la propagazione dell eccezione ThreadDeath blocca il thread chiamante in attesa della terminazione del thread di cui si invoca il metodo. Sospente indefinatemente il thread L20_MultiThread 10

11 Interrompere un Thread Un thread termina quando il suo metodo run termina. Il metodo stop() per la terminazione forzata e stato deprecato, per scoraggiarne l'uso (evitare che il thread non rilasci risorse, ecc). Il metodo interrupt è usato per richedere la terminazione di un Thread, che viene messo nello stato interrupted I thread dovrebbero di tanto in tanto controllare se sono in uno stato interrupted. L20_MultiThread 11

12 Lo stato interrupted non è una richiesta mandatoria di terminazione, ma va interpretato caso per caso (verifica altre condizioni chiusura), ecc TIPICA IMPLEMENTAZIONE public void run() { try { //== while (!Thread.currentThread().isInterrupted() && more work to do) { do more work catch(interruptedexception e) { // thread was interrupted during sleep or wait finally { cleanup, if required // exiting the run method terminates the thread L20_MultiThread 12

13 Il metodo sleep solleva la InterruptedException se viene invocato quando è in uno strato interrupted. In questo caso non c'è bisogno di considerare lo stato Interrupted public void run() { try {... while (more work to do) { do more work Thread.sleep(delay); catch(interruptedexception e) { // thread was interrupted during sleep or wait finally { cleanup, if required // exiting the run method terminates the thread L20_MultiThread 13

14 Altri metodi interrupt() static boolean interrupted() boolean isinterrupted() currentthread() Mette il trhead nello stato booleano interrupt Verifica che il thread è stato messo in uno stato interrupted. L invocazione del metodo resetta lo stato interrupted a false Verifica che il thread è stato messo in uno stato interrupted. L invocazione del metodo NON resetta lo stato interrupted Restituisce il thread corrente (statico) L20_MultiThread 14

15 Il thread principale Il metodo currentthread restituisce il riferimento al thread corrente. Se lanciato all interno del programma principale da il riferimento al thread principale public class MainThread { public static void main(string args[]) { Thread t = Thread.currentThread(); t.setname( Main Thread"); t.setpriority(1); try { t.sleep(10000); catch (InterruptedException e) { System.out.println("Thread interrotto"); L20_MultiThread 15

16 L interfaccia runnable Con Interfaccia Runnable è possibile creare thread come sottoclasse di qualsiasi altra classe (non solo di Thread) Il codice eseguibile va inserito nel metodo run() nella classe che implementa l interfaccia Runnable Si deve creare un istanza della classe Si deve creare un istanza della classe Thread passando come parametro l istanza della classe che si è creata Per lanciare il thread si deve invocare il metodo start() sul thread creato producendo la chiamata al metodo run() L20_MultiThread 16

17 class MyRunnable extends MyClass implements Runnable { // MyClass è una classe qualsiasi (non sottoclasse di thread) public void run() { for (int i=1; i<=100; i++) System.out.println( CICLO + i); public class ExRunnable { public static void main(string args[]) { MyRunnable e = new MyRunnable(); Thread t = new Thread(e); t.start(); L20_MultiThread 17

18 Thread e priorità L assegnazione delle risorse da parte della JVM avviene secondo un schema preemptive, in base alla priorità dei thread. Ciascun thread eredita la priorità dei thread genitore. La priorità si può cambiare tramite il metodo setpriority La priorità varia tra MIN_PRIORITY o MAX_PRIORITY L20_MultiThread 18

19 La sincronizzazione In molte situazioni, i thread devono condividere risorse ed accedere agli stessi oggetti. Accedendo contemporaneamente agli stessi oggetti, due o più thread possono procurare effetti incontrollati sullo stato degli oggetti L20_MultiThread 19

20 Allo stesso modo i metodi stop() e suspend() dei thread possono generare situazioni iconsistenti o blocchi critici. I Thread possono, all atto della sospensione impegnare una risorsa in modo esclusivo, generando situazioni inconsistenti o di blocco critico (deadlock) L20_MultiThread 20

21 A partire dalla JDK vers. 1.4, i metodi stop(), suspend() e resume() sono diventati deprecated (sconsigliati), pur rimanendo presenti per retro compatibilità. Le azioni di controllo e sincronizzazione fra thread si devono più propriamente realizzare tramite i metodi wait(), notify(), notifyall() e gli object locks. L20_MultiThread 21

22 I thread condividono uno spazio comune di indirizzamento, e l interazione può avvenire tramite oggetti comuni, che sono: 1)Object locks -> i thread si autoescludono (interazione competitiva) 2)Variabili 3)Metodi di sincronizzazione -> interazione cooperativa L20_MultiThread 22

23 Lock I thread gestiscono le risorse comuni attraverso i lock assimilabili ai semafori del C. Si individuano alcune sezioni di codice che operano su un oggetto come sezioni critiche (la parola chiave synchronized). Il compilatore, in corrispondenza della sezione critica inserisce una intestazione (header), ed un epilogo (alla fine), in questo modo implementa il lock associato all oggetto riferito dalla sezione critica L20_MultiThread 23

24 Esempio: Object mutex_lock= new Object(); public void A( ) { ; synchronized (mutex_lock){ /* codice sezione critica */; ; Il codice della sezione critica viene eseguito se il lock è in stato libero, altrimenti il thread rimane in attesa. Gli oggetti che vogliono accede all oggetto, sono inseriti in una tabella dalla JVM, e via via accedono all oggetto non appena viene rilasciato dai vari thread L20_MultiThread 24

25 Il codice della blocco sincronizzato viene eseguito in maniera esclusiva da un thread Non ci possono essere altre esecuzioni dello stesso blocco Non ci possono essere esecuzione di altri blocchi sincronizzati sullo stesso oggetto L20_MultiThread 25

26 Metodi synchronized E possibile definire alcuni metodi sincronized, assicurandone la loro mutua esclusione public class intvar { private int i=0; public synchronized void incrementa() { i ++; public synchronized void decrementa() {i--; L esecuzione del metodo avviene in mutua esclusione utilizzando il lock dell oggetto. L20_MultiThread 26

27 I metodi wait e notify La sincronizzazione tra i thread puo avvenire anche con i metodi wait e notify I metodi wait interagiscono con il wait set, coda di thread associati ad un oggetto Gli oggetti entrano ed escono nel wait set con i metodi wait e notify, che possono essere invocati all interno di un blocco syncronized L20_MultiThread 27

28 wait rilascia il lock, sospende il e lo inserisce in wait set. notify Estrae il thread dal wait set e lo inserisce nel entry set. NON RILASCIA IL LOCK notifyall LIMITAZIONI Estrae tutti i thread dal wait set e li inserisce nell entry set NON rilascia il lock unica coda (wait set) per ogni oggetto sincronizzato non e` possibile sospendere thread su code differenti! L20_MultiThread 28

29 public class IntBox { private int[]contenuto; private int contatore, testa, coda; public IntBox(){ //==ctr contenuto = new int[10]; contatore = 0; testa = 0; coda = 0; public synchronized int preleva (){ int elemento; while (contatore == 0) wait(); elemento = contenuto[testa]; testa = (testa + 1)%10; --contatore; notifyall(); return elemento; public synchronized void deposita (int valore){ while (contatore == 10) wait(); contenuto[coda] = valore; coda = (coda + 1)%10; ++contatore; notifyall(); L20_MultiThread 29

30 Implementazione di un semaforo binario Java non prevede i semafori come nel C, ma possono essere implementati con i metodi di sincronizzazione public class Semaphore { private int value; public Semaphore (int initial){ value = initial; synchronized public void V()//signal sul semaforo { ++value; notify(); synchronized public void P() throws InterruptedException //wait { { while (value == 0) wait(); --value; L20_MultiThread 30

31 Interfaccia Condition In Java 5 sono state introdotte le interface condition e lock che permettono di estendere il meccanismo wait/notify e di esplicitare il lock public interface Condition{ void await ()throws InterruptedException; void signal(); void signalall(); public interface Lock{ //Public instance methods void lock(); void unlock(); Condition newcondition(); I metodi await, signal, e signalall sono equivalenti ai metodi wait, notify e notify_all, riferiti alla coda di processi associata alla condition sulla quale vengono invocati) L20_MultiThread 31

32 Ad ogni variabile condizione è associato un lock al momento della sospensione del thread mediante await viene liberato; al risveglio di un thread viene occupato. La creazione di una condition avviene col metodo newcondition del lock associato ad essa. Lock lockvar=new Mylock(); //Mylock è una classe che implementa //l interfaccia Lock Condition C=lockvar.newCondition(); L20_MultiThread 32

33 Equivalenza tra meccanismo lock e syncronized public void method() { implicitlock.lock(); try { //method body finally { implicitlock.unlock(); public synchronized void method() { //method body /*(es)*/ L20_MultiThread 33

34 DeadLock Possono verificarsi delle situazioni applicative in cui la concorrenza dei thread può bloccare l'elaborazione. E' il caso in cui un thread entra in una sezione critica di un metodo A, al cui interno c'è' l'invocazione di un metodo sincronizzato B, che a sua volta invoca il metodo A. Due thread che accedono al metodo A e B possono mutuamente bloccarsi, perché aspettano l'uscita dell'altro dalla sezione critica Non c'è un meccanismo effettivo per evitare i deadlock, né strumenti offerti da Java. Si devono escludere possibili situazioni di deadlock applicativamente L20_MultiThread 34

35 Blocking Queue Le blocking queue sono code tipo FIFO speciali con le due operazioni fondamentali (aggiungere un elemento in coda e rimuovere quello in testa), con la proprietà di bloccare i thread che vi accedono per aggiungere elementi quando la coda è piena, o quando cercano di rimuovere e la coda è vuota. In questo modo si dispone di un meccanismo di sincronizzazione dei thread e di bilanciamento del carico tra i therad L20_MultiThread 35

36 Metodi di blockqueue metodo Ok KO add Aggiunge un elemento alla lista Eccezione IllegalStateException se la coda è piena remove Rimuove e restituisce l'elemento top della lista Eccezione NoSuchElementException se la coda è vuota element Restituisce l'elemento top della lista Eccezione NoSuchElementException se la coda è vuota offer poll Aggiunge un elemento e restituisce true Rimuove e restituisce l'elemento top della lista Restituisce null se la coda è piena Restituisce null se la coda è vuota peek Restituisce l'elemento top della lista Restituisce null se la coda è vuota put Aggiunge un elemento alla lista Blocca la coda se è piena take Rimuve e restituisce l'elemento top Blocca la coda se è vuota della lista L20_MultiThread 36

37 Thread safe collection Quando due thread contemporaneamente accedono ad una collection, possono danneggiare la collection, produrre stati inconsistenti. E' possibile richiedere l'accesso esclusivo con dei meccanismi di sincronizzazione Il package java.util.concurrent offre delle efficienti implementazioni di collection che thread safe, che consentono a diversi thread di accedere contemporaneamente alla struttura (fino a 16) L20_MultiThread 37

38 L'effetto si ottiene attraverso sofisticati algoritmi che regolano l'accesso ed iteratori di tipo weak che possono non tenere conto delle ultime modifiche alla struttura Esempio: ConcurrentHashMap L20_MultiThread 38

39 Interfacce Callable e Future L'interfaccia callable è simile alla Runnable solo che prevede che venga restituito un valore public interface Callable<V> { V call() throws Exception; L'interfaccia Future puo' essere usata per lanciare una computazione (asincrona), ed ottenere il risultato successivamente public interface Future<V> { V get() throws...; V get(long timeout, TimeUnit unit) throws...; void cancel(boolean mayinterrupt); boolean iscancelled(); boolean isdone(); L20_MultiThread 39

40 Thread Pools Java fornisce dei meccanismi (classi Executors) per gestire thread pool. In questo modo il numero di thread creati è controllato (con minore dispendio di risorse) newfixedthreadpool Pool di thread fisso e mantenuti in idle indefinitamente. newcachedthreadpool I thread sono creati quando necessario, e mantenuti in idle per 60 sec. newsinglethreadexecutor Un pool costituito da un solo thread che svolge i supoi compiti sequenzialmente newscheduledthreadpool Pool fisso per esecuzioni schedulate newsinglethreadscheduledexecutor Single thread per l'esecuzione schedulata L20_MultiThread 40

41 Syncronizers Il package java.util.concurrent dispone di una serie di oggetti specializzati nella sincronizzazione classe Cosa fa Quando usarla CyclicBarrier CountDownLatch Exchanger SynchronousQueue Semaphore Fa in modo che un certo numero di thread aspettano il compimento delle azioni di tutti gli altri, quindi esegue una azione opzionale (barrier action) Mette in attesa un set di thread fino a che un contatore raggiunge il valore 0 Fa in modo che due thread si scambino un oggetto quando sono pronti per farlo Fare in modo che due thread possono scambiarsi degli oggetti, quando entrambi sono pronti per farlo. Quando un thread invoca put sulla coda, si blocca fino a che un altro thread invoca take Quando è necessario aspettare che i thread abbiamo finito la loro azione per passare alla successiva Quando è necessario che un tread aspetti un certo risultato per entrare in azione Quando due trhead devono condividere una istanza modificando i suoi valori A differenza di exchanger, lo scambio dati è unidirezionale Blocca i thread fino a che è possibile Agendo sul numero di permit, consente di procedere limitare l'accesso a risorse ad un numero di thread alla volta Se permit =1 l'accesso è consentito solo se un altro thread ad il L20_MultiThread permesso 41

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

BlackBerry Java SDK. Integration Guide Version: 7.0. Guida allo sviluppo

BlackBerry Java SDK. Integration Guide Version: 7.0. Guida allo sviluppo BlackBerry Java SDK Integration Guide Version: 7.0 Guida allo sviluppo SWD-1638866-1215040530-0 Contents 1 Integrazione con le applicazioni BlackBerry Device Software... 6 Richiamo di un'applicazione BlackBerry

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3 RICORSIVITA 1. Cos è la ricorsività? La ricorsività è un metodo di soluzione dei problemi che consiste nell esprimere la soluzione relativa al caso n in funzione della soluzione relativa al caso n-1. La

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Classificazione Processi interagenti processi interagenti/indipendenti due processi sono indipendenti se l esecuzione di ognuno non è in alcun

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco

Ciclo di vita delle aevità Android Mobile Programming Prof. R. De Prisco Ciclo di vita delle aevità Ogni AcHvity ha dei metodi standard A(vità non esiste 1. oncreate() 2. onstart() 3. onresume() A(vità in esecuzione 4. onpause() 5. onstop() 6. ondestroy() A(vità non esiste

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

Struttura di un programma Java. Package. Uso dei package

Struttura di un programma Java. Package. Uso dei package Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (sede di Latina) Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (consorzio Nettuno) Struttura di un programma

Dettagli

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software Java java beans e programmazione visuale G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Cos è un JavaBean Un JavaBean (o semplicemente Bean) è un componente software riusabile Analogia con i componenti elettronici I

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Il Tutorial per BlueJ

Il Tutorial per BlueJ Il Tutorial per BlueJ Versione 1.4 per BlueJ Versione 1.2.x Michael Kölling Mærsk Institute University of Southern Denmark Tradotto in italiano da Vito Di Viggiano, Orlando Demauro, Gianluca Leo, Gianpaolo

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche Alessio Bechini - Corso di - Generalizzazione di funzioni e di classi Il meccanismo di template Macro come funzioni generiche long longmax(long x, long y) { Possibile soluzione int intmax(int x, int y)

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli