Telematica II 2. Introduzione al JAVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telematica II 2. Introduzione al JAVA"

Transcript

1 Concetto di portabilità tradizionale (p.e. linguaggio C/C++) Telematica II 2. Introduzione al JAVA codice C/C++ Compilatore (Linux) Eseguibile (Linux) Linux Compilatore (Pentium) Eseguibile (Win32) Windows 32 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A Semestre Compilatore (Mac) Eseguibile (Mac) Mac Prof. Giovanni Pascoschi 2 Portabilità in JAVA Approccio tradizionale (p.e. C/C++) APPLICAZIONI codice JAVA Compilatore (Linux) WRITE ONCE, RUN EVERYWHERE! Compilatore (Pentium) Bytecode (Platform independent) Linux + JVM Windows 32 + JVM Le applicazioni sono costruite nel contesto del SISTEMA OPERATIVO che a sua volta è costruito su un particolare HARDWARE OS Compilatore (Mac) Mac + JVM COMPUTER 3 4

2 Approccio JAVA La JAVA Virtual Machine APPLICAZIONE JAVA JAVA definisce un livello SOFTWARE (SOFTWARE LAYER) indipendente dal SO (JVM) sul quale girano le applicazioni JAVA APPLICAZIONE OS JVM il SOFTWARE LAYER è chiamato Java Virtual Machine JVM è un interprete intelligente di un linguaggio simil-assembly chiamato BYTECODE COMPUTER 5 6 La JAVA Virtual Machine JAVA una piattaforma software universale la JAVA Virtual Machine potrebbe essere un componente software del Sistema Operativo la JVM in linea di principio potrebbe essere anche inglobata nell hardware!! JAVA consiste quindi di: Facile Linguaggio Non interessa al programmatore JAVA Virtual Machine Piu difficile Numerose librerie di classi a disposizione JAVA è la piattaforma ideale per Internet, independente dall hardware, scalabile e aperta 7 8

3 Confronto prestazioni C++ / JAVA Storia di JAVA JAVA a run-time è essenzialmente interpretato Prestazioni inferiori al C++ Vengono eliminate alcune problematiche del C++ (p.e. aritmetica dei puntatori) che possono creare problemi nel debugging Tempo di sviluppo: Inferiore al C++... (JAVA denominato ((C++) - -)++) Nasce nel 1992 con il nome di Oak ( quercia ) da un gruppo di programmatori capeggiato da James Gosling obiettivo di applicarlo alla domotica e TV nel 1994 HotJava obiettivo di programmare per internet (client side) nel 1995 JAVA (nome deriva da una tipologia di caffe famosa in USA) (network programming) Netscape introduce la JVM nel suo browser obiettivo di rendere le pagine web interattive sul lato client con gli applet (letteralmente applicazioncina ) costante e rapido sviluppo in altre aree come la sicurezza, i cellulari, ecc JAVA diventa un linguaggio di programmazione general purpose (si stima maggior numero di programmatori attivi nel mondo) 9 10 Evoluzione di JAVA Versioni JAVA La storia delle versioni del linguaggio JAVA è stata molto rapida e in alcuni casi turbolenta La release iniziale di JAVA (OAK) è JDK 1.0 (1996) (JDK è l acronimo di JAVA Development Kit) Appena uscita la release 1.0 era già pronta la JDK 1.1 (1997) La release 1.3 viene denominata J2SE1.3 (da quel momento si parla di JAVA2 seconda generazione; J2SE è l acronimo per JAVA 2 Platform Standard Edition) (1998) La release 1.5 è denominata J2SE5 (2004) La release 1.6 è denominata JAVA SE6 (2006) Update (eliminando il 2 ) E in fase di sviluppo il progetto della release 1.7 denominata JAVA SE7 (durante il 2010?) J2SE Java 2 Standard Edition Applicazioni desktop J2EE Java 2 Enterprise Edition Applicazioni server J2ME Java 2 Micro Edition Applicazioni per Smartphone Smartphone/PDA 11 12

4 Tipologia di applicazioni JAVA Per cosa è usato JAVA? Java può essere eseguito: come stand-alone program da interpreti java (o compilatori JIT, o Java Chips) come Applet : da browsers Web da applicativi ad hoc come Servlet Applicazioni eseguite da un application server (Tomcat, BEA Weblogic, ) come Midlet Applicazioni eseguite su un dispositivo mobile (palmare, cellulare, ) JAVA è adatto alla realizzazione di quasi tutte le applicazioni software, ma soprattutto: Web programming (server side) applicazioni distribuite o di rete (client-server, peer-to-peer, Web Services) Costruzione di interfacce grafiche Software su piccoli dispositivi (telefonini) poco adatto per scrittura driver (meglio C/C++ o assembly) Piattaforme / strumenti (1) Piattaforme / strumenti (2) Java TM 2 Platform, Standard Edition (J2SE TM ) The essential Java 2 SDK, tools, runtimes, and APIs for developers writing, deploying, and running applets and applications in the Java programming language. Eclipse is a collection of open source projects built on the Equinox OSGi run-time Eclipse is an open source community whose projects are focused on building an extensible development platform, runtimes and application frameworks for building, deploying and managing software across the entire software lifecycle. Eclipse is much more than a Java IDE utilizzato nelle esercitazioni di laboratorio completamente gratuito numerosi add-on

5 Piattaforme / strumenti (3) Risorse utili sul web (1) Gratis in forma elettronica: Thinking in Java (3 edition) Bruce Eckel In acquisto: Thinking in Java (4 edition) Bruce Eckel Runs on Windows, Linux, Mac OS X and Solaris. NetBeans IDE is open-source and free. Risorse utili sul web (2) Risorse utili sul web (3)

6 Caratteristiche fondamentali di un applicazione JAVA Prima applicazione JAVA #1 In linguaggi procedurali come il C, l unita di programmazione e la funzione In JAVA l unita di programmazione e la classe, da cui possono essere istanziati oggetti In JAVA anche un qualsiasi programma è una classe Il main è un metodo della classe del programma Lo schema MINIMO di ogni applicazione é: Riga di commento /* file HelloWorld.java */ public class HelloWorld { /* Hello World, my first Java application */ public static void main (String args[ ]) { System.out.println("Hello World!"); Dichiarazione della classe HelloWorld Dichiarazione del metodo main Operazione di output Prima applicazione JAVA #2 Prima applicazione JAVA #3 in Java tutto e una classe un applicazione JAVA comincia l esecuzione dal metodo main( ) 23 import <= Include intelligente (senza bisogno di #ifdef) NON c è precompilatore! ved. in seguito Per definire una nuova classe si usa la keyword class public class Hello World Lo specificatore public indica che la classe e visibile dall esterno 24 la definizione del metodo main è del tipo: public static void main( String[ ] args) public indica che il metodo è visibile dall esterno i metodi statici si possono richiamare senza creare un istanza della classe p.e. Classe.metodoStatico( ); void indica che non ritorna nulla simile a una procedura (sempre per il main) passaggio di un array di stringhe come parametro

7 Prima applicazione JAVA #4 Prima applicazione JAVA #5 metodi statici (static) Per adoperare il metodo di una classe occorre sempre istanziarla. Questa può essere una limitazione per alcune procedure che si limitano a ricevere un input e produrre un output, senza che debba essere memorizzato uno stato (simile alle funzioni). E possibile dichiarare metodi in modo che non richiedano una istanza per essere utilizzati: si tratta dei metodi statici Per stampare un messaggio a video, si usa l oggetto predefinito System.out (della libreria standard JAVA), che permette la stampa a video di messaggi Per richiamare un metodo di un oggetto si usa la notazione puntata (dot notation): oggetto.metodo( ); System.out ha il metodo println( ) che stampa un messaggio a video (passato come parametro) e andando a capo: System.out.println( Hello world! ); Compilazione di un programma JAVA Uso di JDK Per la compilazione è necessario il JDK (Java Development Kit Standard Edition ver. 6 update 20) struttura delle cartelle di JDK : bin file eseguibili demo varie dimostrazioni include e lib librerie in C e JAVA per il funzionamento di JDK jre Java Runtime Environment (JRE) è la JVM docs documentazione libreria standard e tutorial nella root di JDK è presente il file src.zip con tutti i file sorgenti della libreria (dalla versione classi alla versione classi!!) Compilazione: $javac HelloWorld.java produce HelloWorld.class (in realtà: un file class per ogni classe contenuta nel sorgente) Esecuzione: $java HelloWorld (la classe indicata deve contenere il main) 27 28

8 Variabili / Nomi in JAVA (regole formali) Variabili / Nomi in JAVA (regole facoltative) I programmi Java includono nomi per identificare alcune entità di programmazione (packages, classes, interfaces, methods, variables, statement) Identificatore: sequenza di un numero illimitato di lettere, numeri UNICODE (iniziare con una lettera) Non puo essere una parola o simbolo riservato del linguaggio (p.e. non va bene for ) Non puo contenere spazi Case sensitive : maiuscole e minuscole vengono considerate diverse (p.e. Pippo e pippo sono due variabili diverse) Nomi per le classi iniziare con una lettera maiuscola se il nome della classe è composto si usa la convenzione CamelCase p.e. FiguraGeometrica Nomi per le variabili iniziare con una lettera minuscola se il nome della variabile è composto si usa la convenzione CamelCase p.e. pesospecifico Nomi per i metodi stessa convenzione delle variabili (ovviamente seguiti dalle parentesi tonde) p.e. stampa( ) Nomi di costanti utilizzare tutte maiuscole (+ il carattere _ per distinguere i nomi composti) p.e. PI_GRECO Unicode in JAVA Commenti in JAVA I caratteri, le stringhe e gli identificatori in JAVA sono composti da caratteri Unicode a 16-bit. Cio rende i programmi JAVA piu facilmente utilizzabili a livello internazionale per utenti non europei La maggior parte delle piattaforme non possono visualizzare tutti i 38,885 caratteri attualmente definiti in Unicode Il set di caratteri Unicode e compatibile con ASCII e i primi 256 caratteri (da 0x0000 a 0x00FF) sono identici ai caratteri ISO (Latin-1) (da 0x00 a 0xFF) Le sequenze di escape Unicode \u sono elaborate prima degli altri caratteri di escape In JAVA esistono 3 forme di commento: /* C style */ /* Questo tipo di commento può proseguire su piu linee */ /* NOTA: ATTENZIONE AI /*COMMENTI*/ NIDIFICATI! */ // C++ style // Una intera riga commentata a=a+3; // Commento su una linea di codice /**documentation */ /**Stile di commento usato da JAVADOC per la generazione automatica di documentazione */ il commento inserito servirà a creare la documentazione in forma automatica del sorgente JAVA in formato html ved. lezioni successive

9 Tipi di dati primitivi in JAVA Costanti in JAVA Type Contains Default Size Min/Max Value boolean true or false false 1 bit N.A. / N.A. char Unicode char \u bits \u0000 / \uffff Byte signed integer 0 8 bits -128 / 127 short signed integer 0 16 bits / int signed integer 0 32 bits / long signed integer 0 64 bits / float IEEE 754 f.p bits +/ E+38 / +/ E-45 double IEEE 754 f.p bits +/ E+308 / +/ E-324 Una costante è una variabile che ha un valore prefissato si utilizza il modificatore final: public final int NUMERO_LATI = 4 altri esempi: public final int A = 24; public float PIGRECO = 3.14; public final float NUM = 1.6e-19; public int A = 0x13; in esadecimale public int B = 075; in ottale in JAVA non esistono tipi unsigned 34 Esempi di dichiarazione di variabili in JAVA Operatori built-in in JAVA int numero = 3; float cilindrata = f ; long pos; int num = 0xf3; // f per specificare float //esadecimale tutte le escape sequences del C sono riconosciute (\n \t \ \ \\ ) per utilizzare i codici Unicode \u0061 in esadecimale codice corrispondente al carattere ISO-Latin-1 a perchè il byte piu alto èzero Operatori built-in = Assegnamento + Somma - Sottrazione * Moltiplicazione / Divisione % Modulo (solo per tipo int ) == Relazione di uguaglianza!= Relazione di diversità < Relazione minore di > Relazione maggiore di <= Relazione minore o uguale a >= Relazione maggiore o uguale a Operatori artitmetici Operatori relazionali 36

10 Operatori built-in in JAVA Operatori built-in in JAVA Altri operatori di assegnamento Operatore Esempio Istruzione equivalente ++ conta++; conta = conta + 1; -- conta--; conta = conta - 1; += x+=y; x = x + y; -= x-=y; x = x - y; *= x*=y; x = x * y; /= x/=y; x = x / y; %= x%=y; x = x % y; Operatori logici built-in && AND logico su due variabili OR logico su due variabili! NOT logico su una variabile & AND logico bit a bit OR logico bit a bit ^ XOR bit a bit ~ complemento a uno dell operatore >> shift a destra di un certo numero di bit << shift a sinistra di un certo numero di bit Operatori logici Operatori logici bit a bit Operatore + in JAVA Gestione dell input/output in JAVA Java non permette di manipolare direttamente i puntatori non supporta gli operatori di referenziazione e dereferenziazione *,, e &, e neanche l operatore sizeof JAVA aggiunge alcuni nuovi operatori: l operatore + applicato a valori di tipo String li concatena. Se l operatore + è applicato a due operandi di cui uno è di tipo String, l altro è convertito automaticamente a stringa (dell argomento String si parlerà nelle prossime lezioni) per l output esiste l oggetto System.out con il metodo println oppure print (senza andare a capo) per l input esiste l oggetto System.in, che pero viene mascherato per ottenere una migliore funzionalità (ved. lez. successive) string nome; InputStreamReader input = new inputstreamreader(system.in); BufferedReader tastiera = new BufferedReader(input); try { nome = tastiera.readline( ); catch(exception e) ( ) il metodo readline dell oggetto tastiera restituisce sempre una stringa (stream) se si verifica un anomalia (eccezione) non viene effettuata nessuna operazione

11 Strutture di controllo in JAVA #1 Strutture di controllo in JAVA #2 Istruzione condizionale if Istruzione condizionale switch if (condizione1) { istruzioni 1; else if (condizione2) { istruzioni 2; else { istruzioni 3; switch(espressione) { case val1: istruzioni1; break; case val2: istruzioni2; break; default: istruzionid; break; espressione di tipo : long, int, byte, short, char Strutture di controllo in JAVA #3 Strutture di controllo in JAVA #4 Istruzioni iterative while / do...while Istruzione iterativa (enumerativa) for while(espressione_booleana) { istruzioni1; ; for(inizio; espressione_booleana; passo) { istruzioni1; ; esempio : do { istruzioni1; while (espressione_booleana); for(int i=0; i<1000; i++) { Systema.out.println( n= + i); 43 44

12 Riepilogo della lezione Fine della lezione Introduzione al linguaggio JAVA Caratteristiche di JAVA Storia e versioni di JAVA Variabili in JAVA Operatori aritmetici, di relazione e logici Operazioni di I/O Strutture di controllo Domande? Esercizio n.1 Esercizio n. 1 Implementare le classi, definendo come attributi due numeri interi e come metodi il calcolo dell area e del perimetro, per le figure seguenti : Rettangolo (dove i due numeri costituiscono la base e l altezza) Triangolo rettangolo (dove i due numeri costituiscono i due cateti) Triangolo isoscele (dove i due numeri costituiscono la base e l altezza) 47

Java. Traditional portability (ideal)

Java. Traditional portability (ideal) 1 Java JAVA: una introduzione 2 Traditional portability (ideal) C-code (Linux) (Pentium) Executable (Linux) Executable (Win32) Linux Windows 32 (Mac) Executable (Mac) Mac 1 1 3 Portability of Java programs

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu Informatica Terzo anno Prof. A. Longheu INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO JAVA Originariamente, il progetto che avrebbe portato al linguaggio Java era noto come progetto Green Nome del progetto Sun con l obiettivo

Dettagli

Informatica. Prof. A. Longheu. Introduzione a Java

Informatica. Prof. A. Longheu. Introduzione a Java Informatica Prof. A. Longheu Introduzione a Java 1 Code-Name Green Nome del progetto Sun con l obiettivo di fornire intelligent consumer-electronic devices. Il risultato fu Oak Un linguaggio basato su

Dettagli

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fac.Scienze Università di Trento. Programmazione II. Marco Ronchetti

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fac.Scienze Università di Trento. Programmazione II. Marco Ronchetti 1 Programmazione II Marco Ronchetti 2 Obiettivi Il corso introduce le tecniche e costrutti della programmazione ad oggetti come una evoluzione necessaria per affrontare il problema della crescente complessità

Dettagli

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Java. una introduzione. Fac.Scienze Università di Trento

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Java. una introduzione. Fac.Scienze Università di Trento 1 Java JAVA: una introduzione 2 Traditional portability (ideal) C-code Compiler (Linux) Compiler (Pentium) Executable (Linux) Executable (Win32) Linux Windows 32 Compiler (Mac) Executable (Mac) Mac 3 Portability

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III Fondamenti di programmazione in Java Lezione III Scopo della lezione Descrivere gli strumenti che utilizzeremo nel resto del corso per sviluppare programmi in java UltraEdit Java SDK Imparare a scrivere

Dettagli

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fac.Scienze Università di Trento. Programmazione II. Marco Ronchetti

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fac.Scienze Università di Trento. Programmazione II. Marco Ronchetti 1 Programmazione II Marco Ronchetti 2 Obiettivi Il corso introduce le tecniche e costrutti della programmazione ad oggetti come una evoluzione necessaria per affrontare il problema della crescente complessità

Dettagli

Il linguaggio di programmazione JAVA

Il linguaggio di programmazione JAVA Introduzione a JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Da JavaScript a Java Versione 3.4.05 Per la prima lezione in aula e la prima esercitazione in laboratorio 1 Da JavaScript a Java

Dettagli

Primi programmi in Java. Lezione IV

Primi programmi in Java. Lezione IV Primi programmi in Java Lezione IV Scopo della lezione Realizzare dei semplici programmi scritti in Java. Esercitarsi nelle operazioni necessarie per passare dalla scrittura di codice Java all esecuzione

Dettagli

Scrivere un programma in Java

Scrivere un programma in Java Programmare in JAVA Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA uff. 0577 234850 - interno: 7102 Stanza 119 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Programmazione AA 2012 2013

Programmazione AA 2012 2013 Programmazione ad Oggetti AA 2012 2013 Contenuti del corso Modulo A Tecniche di programmazione Docente: Prof. Michele Bugliesi Modulo B Tecniche di progetto Docente: Prof. Alessandro Roncato Contenuti

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA

INTRODUZIONE INTRODUZIONE JAVA JAVA INTRODUZIONE INTRODUZIONE Lo sviluppo di applicazioni complesse porta a costruire moduli software sempre più potenti e versatili, che possano essere riutilizzati in numerosi progetti I linguaggi ad oggetti

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA: CARATTERISTICHE

IL LINGUAGGIO JAVA: CARATTERISTICHE CHE COS È JAVA È un linguaggio (e relativo ambiente di programmazione) definito dalla Sun Microsystems per permettere lo sviluppo di applicazioni sicure, performanti e robuste su piattaforme multiple,

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Informazioni generali Docente: Samuel Rota Bulò @email: srotabul@dais.unive.it Homepage: http://www.dais.unive.it/~srotabul/ ooprogramming2012.html

Dettagli

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 IDE Ambiente di sviluppo IDE - Integrated Development Environment Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 e un Ambiente di Sviluppo Integrato che consente di creare in modo semplice progetti composti

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Linguaggi 2 e laboratorio

Linguaggi 2 e laboratorio Linguaggi 2 e laboratorio Docente: Leonardo Badia Contatti: leonardo.badia@gmail.com Pagina web del corso: www.unife.it/scienze/informatica/ insegnamenti/linguaggi-2-laboratorio Argomenti del corso: Java

Dettagli

Introduzione alla programmazione in Java

Introduzione alla programmazione in Java Introduzione alla programmazione in Java 1 Programmare ad oggetti La programmazione come attività di creazione di modelli. I concetti di classe, oggetto e scambio di messaggi. Un primo esempio di programma

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

Linguaggio e Piattaforma Java

Linguaggio e Piattaforma Java Linguaggio e Piattaforma Java Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi dell Aquila davide.diruscio@univaq.it. Sommario 2 2» Tecnologia Java: Linguaggio e Piattaforma» Java Virtual

Dettagli

Programmazione in Java Parte I: Fondamenti

Programmazione in Java Parte I: Fondamenti Programmazione in Java Parte I: Fondamenti Lezione 1 Dott. Marco Faella Riferimenti Testi consigliati: Progettazione del software e design pattern in Java di C.S. Horstmann Apogeo Gli esempi di codice

Dettagli

Un primo programma Java. Introduzione alla programmazione in Java. Programmi e mondo reale. Programmare ad oggetti. I programmi come modelli

Un primo programma Java. Introduzione alla programmazione in Java. Programmi e mondo reale. Programmare ad oggetti. I programmi come modelli 4 Un primo programma Java Introduzione alla programmazione in Java class Program1 { System.out.println("Benvenuti al corso"); 1 5 Programmi e mondo reale Programmare ad oggetti Il codice di un programma

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II

Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II Appunti dei corsi di Programmazione di Rete Sistemi di elaborazione: Reti II PROF. G. BONGIOVANNI 0) INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO JAVA PER PROGRAMMATORI C++...2 0.1) Caratteristiche principali... 2 0.1.1)

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE 1 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Write once, write everywhere è il motto dei progettisti del linguaggio java. Infatti questo linguaggio è il risultato dell esigenza di programmare per quello che si può chiamare

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA A.A. 2007/08 Tutor: Barbara Pettazzoni barbara.pettazzoni@studio.unibo.it Java: Compilazione e Traduzione Editing, compilazione, esecuzione

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Problema e metodologie di progetto Linguaggio C: Introduzione Monica Mordonini Problema e Algoritmo

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Contenuti del Corso Riferimenti Regole del Corso Materiale Didattico Scheduling Esami Strumenti Software 16/01/2013 2 Contenuti

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Introduzione al linguaggio

Introduzione al linguaggio Capitolo 1 Introduzione al linguaggio Java è un moderno linguaggio di programmazione le cui origini risalgono al 1991, quando presso Sun Microsystems un team di programmatori, formato principalmente da

Dettagli

Panoramica: che cosa è necessario

Panoramica: che cosa è necessario Scheda 02 L installazione dell SDK G IOVANNI PULITI Panoramica: che cosa è necessario Per poter lavorare con applicazioni Java o crearne di nuove, il programmatore deve disporre di un ambiente di sviluppo

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Introduzione ad Eclipse

Introduzione ad Eclipse Introduzione ad Eclipse Corso di Metodi Avanzati di Programmazione 2014-2015 Docente: Dr. Annalisa Appice Tutor di Laboratorio: dott. Roberto Corizzo Ambiente Eclipse Sommario Java: ambiente Eclipse L

Dettagli

Strumenti per la programmazione

Strumenti per la programmazione Editing del programma Il programma deve essere memorizzato in uno o più files di testo editing codice sorgente 25 Traduzione del programma Compilazione: è la traduzione effettuata da un compilatore Un

Dettagli

JAVA Linguaggio e Piattaforma

JAVA Linguaggio e Piattaforma JAVA Linguaggio e Piattaforma romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Tecnologia Java: Linguaggio e Piattaforma Java Virtual Machine Storia Struttura di un programma Java

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli

Variabili e tipi di dato

Variabili e tipi di dato Variabili e tipi di dato Tutte le variabili devono essere dichiarate, specificandone il tipo La dichiarazione deve precedere l uso Il tipo è un concetto astratto che esprime: L allocazione di spazio per

Dettagli

Programmare in Java. Olga Scotti

Programmare in Java. Olga Scotti Programmare in Java Olga Scotti Linguaggi di programmazione linguaggio macchina assembler linguaggi ad alto livello Linguaggi ad alto livello istruzioni comprensibili linguaggio simile a quello naturale

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Aritmetica. Progetto dei programmi

Aritmetica. Progetto dei programmi Aritmetica Un approccio metodologico alla costruzione dei programmi. Tipi di dati primitivi. int, float, double Variabili, dichiarazioni e operazioni Progetto dei programmi 2 Definizione del problema Scenario

Dettagli

Tipo intero. Esempio. Tipo intero: operatori. Programma PortaMonete.java. Tipi base o primitivi

Tipo intero. Esempio. Tipo intero: operatori. Programma PortaMonete.java. Tipi base o primitivi Tipo intero Tipi base o primitivi Tipi interi: int, byte, short, long Tipi float: float, double Caratteri: char Tipo booleano: boolean Operatori numerici e logici La parola chiave int definisce una variabile

Dettagli

Linguaggi e Laboratorio. Panoramica su Java

Linguaggi e Laboratorio. Panoramica su Java Linguaggi e Laboratorio Laurea in Ingegneria Telematica Università Kore di Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 03 -

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

Ambienti di Sviluppo

Ambienti di Sviluppo Ambienti di Sviluppo Insieme omogeneo di strumenti adatti allo sviluppo di progetti software. Editor; Compilatori e/o interpreti; Strumenti di test; Applicazioni che permettono di editare / disegnare il

Dettagli

Info Architettura, JVM Installazione JDK (Windows, Linux) Hello world!

Info Architettura, JVM Installazione JDK (Windows, Linux) Hello world! Info Architettura, JVM Installazione JDK (Windows, Linux) Hello world! Laboratorio di Programmazione Esercitazioni - Iuri Frosio - frosio@dsi.unimi.it 1 Info Orario: Lunedì (8,30) 9,00 12,30, Aula 309

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I Programmazione ad Oggetti Java Parte I Overview Caratteristiche generali 1 Caratteristiche generali Un moderno linguaggio orientato agli oggetti Pensato per lo sviluppo di applicazioni che devono essere

Dettagli

Programmazione. Programmare ad oggetti. Programmi e calcolatori. Focalizzazione del corso. Alcuni linguaggi famosi. Programmi e linguaggi

Programmazione. Programmare ad oggetti. Programmi e calcolatori. Focalizzazione del corso. Alcuni linguaggi famosi. Programmi e linguaggi 1 Programmazione Anno accademico 2002-2003 Orario delle lezioni: Mercoledì: 16-19, Giovedì: 16-19 Prof. Gerardo Canfora canfora@unisannio.it Libro di testo: David Arnow, Gerald Weiss Introduzione alla

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Indice. Introduzione. I tipi aritmetici. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A.

Indice. Introduzione. I tipi aritmetici. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco Università degli studi di Padova A.A. 2014/2015 Indice Tipi semplici propri del linguaggio Variabili Tipi composti

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario.

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione per

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 08 Traduzione ed esecuzione di programmi Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente materiale didattico

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Ingegneria del software A.

Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Ingegneria del software A. Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Ingegneria del software A Introduzione Michele Tomaiuolo Ingegneria del software L ingegneria

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Concetti su Java

Programmazione Java Avanzata Concetti su Java Programmazione Java Avanzata Concetti su Java Ing. Giuseppe D'Aquì Testi di Riferimento Java ( R. Liguori, P. Liguori), O'Reilly Hops Tecniche Nuove (2008) Java Virtual Machine Il codice scritto in Java

Dettagli

Le motivazioni, che guidarono lo sviluppo di Java, erano quelle di creare un linguaggio semplice e familiare. Esso è

Le motivazioni, che guidarono lo sviluppo di Java, erano quelle di creare un linguaggio semplice e familiare. Esso è JAVA Introduzione Java è un linguaggio di alto livello e orientato agli oggetti, creato dalla Sun Microsystem nel 1995. Le motivazioni, che guidarono lo sviluppo di Java, erano quelle di creare un linguaggio

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Introduzione a.net (2)

Introduzione a.net (2) Introduzione a.net (2) Il linguaggio C# Implementazioni alternative dell'architettura.net: Rotor Mono C#: un nuovo linguaggio C# : CLR = Java : JVM C# è il linguaggio di riferimento per.net Costruito su

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

JAVA: storia e peculiarità

JAVA: storia e peculiarità JAVA: storia e peculiarità Code-Name Green Nome del progetto Sun con obiettivo di fornire intelligent consumer-electronic devices. Il risultato fu Oak Un linguaggio basato su C++ Creato da James Gosling

Dettagli

Informatica. Fondamenti della Programmazione in Java. Leonardo Vanneschi

Informatica. Fondamenti della Programmazione in Java. Leonardo Vanneschi Informatica Fondamenti della Programmazione in Java Leonardo Vanneschi 1 1. Fondamenti Il primo programma in Java Il programma che stampa a video una sequenza di caratteri (o stringa): class Esempio {

Dettagli

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java

APPENDICE. Appendice. Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java APPENDICE Appendice Strumenti per lo sviluppo dei programmi Java Per imparare a programmare non è sufficiente leggere gli esempi del testo, ma è necessario scrivere ed eseguire realmente i programmi. Tutti

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 3-04-2014 1 Reti per la distribuzione

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni L informatica si occupa di rappresentare ed elaborare informazioni diverse: numeri caratteri audio immagini video I caratteri: ASCII

Dettagli

Tipi di dato-prima parte

Tipi di dato-prima parte Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) Tipi di dato-prima parte Ing. Agnese Pinto 1 di 15 Tipi di dato Sommario Tipi di dato Classificazione dei tipi di dato Tipi

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali

Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali Jav@Lab Il linguaggio Java I file sequenziali Input e Output Secondo i canoni dei linguaggi di programmazione "procedurali" il concetto di input e output è strettamente legato al tipo di dispositivo esterno

Dettagli

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma Eclipse Avviare un progetto e compilare un semplice programma Descrizione di Eclipse Eclipse è un ambiente di sviluppo che facilita la scrittura ed il debug di programmi java Permette di: Scrivere il codice

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Giovedì 16-04-2015 1 Confronto architetture C/S e

Dettagli

Pila di interi. Car 1. Car n. Pila di interi: Pila di Oggetti: Gli elementi che sono inseriti e tolti dalla pila sono numeri interi

Pila di interi. Car 1. Car n. Pila di interi: Pila di Oggetti: Gli elementi che sono inseriti e tolti dalla pila sono numeri interi Pila di Oggetti Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577 234850 - interno: 7102 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

String, Array e Main. Lezione 7

String, Array e Main. Lezione 7 String, Array e Main Lezione 7 Scopo della Lezione Presentare la classe String ed il tipo Stringa; Presentare ed imparare ad usare gli array in Java; Approfondire la conoscenza con il metodo speciale main.

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Flussi logici (stream) di output Operazione di scrittura a monitor con uso di stream (flusso logico) di output RAM System.out.println

Dettagli

Installazione del JDK 6

Installazione del JDK 6 Sommario Installazione del JDK 6 Anton Soppelsa Dipartimento di Ingegneria Elettrica http://www.die.unipd.it 15 Ottobre 2007 Sommario Sommario 1 Editor di testo Perché serve un editor di testo Editor per

Dettagli

Java per programmatori C++

Java per programmatori C++ 1 of 10 Java per programmatori C++ autore: Matteo Lucarelli ultima versione su: matteolucarelli.net Architettura e concetti generali Cosa scaricare ed installare Tutti gli strumenti per la programmazione

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARdO NIkOLAssy. CORsO di JAVA. Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche HOEPLI

PAOLO CAMAGNI RICCARdO NIkOLAssy. CORsO di JAVA. Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche HOEPLI PAOLO CAMAGNI RICCARdO NIkOLAssy CORsO di JAVA Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche HOEPLI Corso di Java Paolo camagni riccardo nicolassy Corso di Java Dalla programmazione ad oggetti

Dettagli

Rappresentazione digitale delle informazioni (ripasso e precisazioni)

Rappresentazione digitale delle informazioni (ripasso e precisazioni) Rappresentazione digitale delle informazioni (ripasso e precisazioni) Codifica Una codifica esatta a n bit è possibile solo quando l insieme delle informazioni da codificare è finito e di dimensione inferiore

Dettagli

HapPy Python Corso di programmazione in Python Lezione 1. a cura del Neapolis Hacklab

HapPy Python Corso di programmazione in Python Lezione 1. a cura del Neapolis Hacklab Programmazione in Python Lezione 1 HapPy Python Corso di programmazione in Python Lezione 1 a cura del Neapolis Hacklab Perchè un corso di Python? Uno dei modi per contribuire alla diffusione del software

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli