Telematica II 2. Introduzione al JAVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telematica II 2. Introduzione al JAVA"

Transcript

1 Concetto di portabilità tradizionale (p.e. linguaggio C/C++) Telematica II 2. Introduzione al JAVA codice C/C++ Compilatore (Linux) Eseguibile (Linux) Linux Compilatore (Pentium) Eseguibile (Win32) Windows 32 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A Semestre Compilatore (Mac) Eseguibile (Mac) Mac Prof. Giovanni Pascoschi 2 Portabilità in JAVA Approccio tradizionale (p.e. C/C++) APPLICAZIONI codice JAVA Compilatore (Linux) WRITE ONCE, RUN EVERYWHERE! Compilatore (Pentium) Bytecode (Platform independent) Linux + JVM Windows 32 + JVM Le applicazioni sono costruite nel contesto del SISTEMA OPERATIVO che a sua volta è costruito su un particolare HARDWARE OS Compilatore (Mac) Mac + JVM COMPUTER 3 4

2 Approccio JAVA La JAVA Virtual Machine APPLICAZIONE JAVA JAVA definisce un livello SOFTWARE (SOFTWARE LAYER) indipendente dal SO (JVM) sul quale girano le applicazioni JAVA APPLICAZIONE OS JVM il SOFTWARE LAYER è chiamato Java Virtual Machine JVM è un interprete intelligente di un linguaggio simil-assembly chiamato BYTECODE COMPUTER 5 6 La JAVA Virtual Machine JAVA una piattaforma software universale la JAVA Virtual Machine potrebbe essere un componente software del Sistema Operativo la JVM in linea di principio potrebbe essere anche inglobata nell hardware!! JAVA consiste quindi di: Facile Linguaggio Non interessa al programmatore JAVA Virtual Machine Piu difficile Numerose librerie di classi a disposizione JAVA è la piattaforma ideale per Internet, independente dall hardware, scalabile e aperta 7 8

3 Confronto prestazioni C++ / JAVA Storia di JAVA JAVA a run-time è essenzialmente interpretato Prestazioni inferiori al C++ Vengono eliminate alcune problematiche del C++ (p.e. aritmetica dei puntatori) che possono creare problemi nel debugging Tempo di sviluppo: Inferiore al C++... (JAVA denominato ((C++) - -)++) Nasce nel 1992 con il nome di Oak ( quercia ) da un gruppo di programmatori capeggiato da James Gosling obiettivo di applicarlo alla domotica e TV nel 1994 HotJava obiettivo di programmare per internet (client side) nel 1995 JAVA (nome deriva da una tipologia di caffe famosa in USA) (network programming) Netscape introduce la JVM nel suo browser obiettivo di rendere le pagine web interattive sul lato client con gli applet (letteralmente applicazioncina ) costante e rapido sviluppo in altre aree come la sicurezza, i cellulari, ecc JAVA diventa un linguaggio di programmazione general purpose (si stima maggior numero di programmatori attivi nel mondo) 9 10 Evoluzione di JAVA Versioni JAVA La storia delle versioni del linguaggio JAVA è stata molto rapida e in alcuni casi turbolenta La release iniziale di JAVA (OAK) è JDK 1.0 (1996) (JDK è l acronimo di JAVA Development Kit) Appena uscita la release 1.0 era già pronta la JDK 1.1 (1997) La release 1.3 viene denominata J2SE1.3 (da quel momento si parla di JAVA2 seconda generazione; J2SE è l acronimo per JAVA 2 Platform Standard Edition) (1998) La release 1.5 è denominata J2SE5 (2004) La release 1.6 è denominata JAVA SE6 (2006) Update (eliminando il 2 ) E in fase di sviluppo il progetto della release 1.7 denominata JAVA SE7 (durante il 2010?) J2SE Java 2 Standard Edition Applicazioni desktop J2EE Java 2 Enterprise Edition Applicazioni server J2ME Java 2 Micro Edition Applicazioni per Smartphone Smartphone/PDA 11 12

4 Tipologia di applicazioni JAVA Per cosa è usato JAVA? Java può essere eseguito: come stand-alone program da interpreti java (o compilatori JIT, o Java Chips) come Applet : da browsers Web da applicativi ad hoc come Servlet Applicazioni eseguite da un application server (Tomcat, BEA Weblogic, ) come Midlet Applicazioni eseguite su un dispositivo mobile (palmare, cellulare, ) JAVA è adatto alla realizzazione di quasi tutte le applicazioni software, ma soprattutto: Web programming (server side) applicazioni distribuite o di rete (client-server, peer-to-peer, Web Services) Costruzione di interfacce grafiche Software su piccoli dispositivi (telefonini) poco adatto per scrittura driver (meglio C/C++ o assembly) Piattaforme / strumenti (1) Piattaforme / strumenti (2) Java TM 2 Platform, Standard Edition (J2SE TM ) The essential Java 2 SDK, tools, runtimes, and APIs for developers writing, deploying, and running applets and applications in the Java programming language. Eclipse is a collection of open source projects built on the Equinox OSGi run-time Eclipse is an open source community whose projects are focused on building an extensible development platform, runtimes and application frameworks for building, deploying and managing software across the entire software lifecycle. Eclipse is much more than a Java IDE utilizzato nelle esercitazioni di laboratorio completamente gratuito numerosi add-on

5 Piattaforme / strumenti (3) Risorse utili sul web (1) Gratis in forma elettronica: Thinking in Java (3 edition) Bruce Eckel In acquisto: Thinking in Java (4 edition) Bruce Eckel Runs on Windows, Linux, Mac OS X and Solaris. NetBeans IDE is open-source and free. Risorse utili sul web (2) Risorse utili sul web (3)

6 Caratteristiche fondamentali di un applicazione JAVA Prima applicazione JAVA #1 In linguaggi procedurali come il C, l unita di programmazione e la funzione In JAVA l unita di programmazione e la classe, da cui possono essere istanziati oggetti In JAVA anche un qualsiasi programma è una classe Il main è un metodo della classe del programma Lo schema MINIMO di ogni applicazione é: Riga di commento /* file HelloWorld.java */ public class HelloWorld { /* Hello World, my first Java application */ public static void main (String args[ ]) { System.out.println("Hello World!"); Dichiarazione della classe HelloWorld Dichiarazione del metodo main Operazione di output Prima applicazione JAVA #2 Prima applicazione JAVA #3 in Java tutto e una classe un applicazione JAVA comincia l esecuzione dal metodo main( ) 23 import <= Include intelligente (senza bisogno di #ifdef) NON c è precompilatore! ved. in seguito Per definire una nuova classe si usa la keyword class public class Hello World Lo specificatore public indica che la classe e visibile dall esterno 24 la definizione del metodo main è del tipo: public static void main( String[ ] args) public indica che il metodo è visibile dall esterno i metodi statici si possono richiamare senza creare un istanza della classe p.e. Classe.metodoStatico( ); void indica che non ritorna nulla simile a una procedura (sempre per il main) passaggio di un array di stringhe come parametro

7 Prima applicazione JAVA #4 Prima applicazione JAVA #5 metodi statici (static) Per adoperare il metodo di una classe occorre sempre istanziarla. Questa può essere una limitazione per alcune procedure che si limitano a ricevere un input e produrre un output, senza che debba essere memorizzato uno stato (simile alle funzioni). E possibile dichiarare metodi in modo che non richiedano una istanza per essere utilizzati: si tratta dei metodi statici Per stampare un messaggio a video, si usa l oggetto predefinito System.out (della libreria standard JAVA), che permette la stampa a video di messaggi Per richiamare un metodo di un oggetto si usa la notazione puntata (dot notation): oggetto.metodo( ); System.out ha il metodo println( ) che stampa un messaggio a video (passato come parametro) e andando a capo: System.out.println( Hello world! ); Compilazione di un programma JAVA Uso di JDK Per la compilazione è necessario il JDK (Java Development Kit Standard Edition ver. 6 update 20) struttura delle cartelle di JDK : bin file eseguibili demo varie dimostrazioni include e lib librerie in C e JAVA per il funzionamento di JDK jre Java Runtime Environment (JRE) è la JVM docs documentazione libreria standard e tutorial nella root di JDK è presente il file src.zip con tutti i file sorgenti della libreria (dalla versione classi alla versione classi!!) Compilazione: $javac HelloWorld.java produce HelloWorld.class (in realtà: un file class per ogni classe contenuta nel sorgente) Esecuzione: $java HelloWorld (la classe indicata deve contenere il main) 27 28

8 Variabili / Nomi in JAVA (regole formali) Variabili / Nomi in JAVA (regole facoltative) I programmi Java includono nomi per identificare alcune entità di programmazione (packages, classes, interfaces, methods, variables, statement) Identificatore: sequenza di un numero illimitato di lettere, numeri UNICODE (iniziare con una lettera) Non puo essere una parola o simbolo riservato del linguaggio (p.e. non va bene for ) Non puo contenere spazi Case sensitive : maiuscole e minuscole vengono considerate diverse (p.e. Pippo e pippo sono due variabili diverse) Nomi per le classi iniziare con una lettera maiuscola se il nome della classe è composto si usa la convenzione CamelCase p.e. FiguraGeometrica Nomi per le variabili iniziare con una lettera minuscola se il nome della variabile è composto si usa la convenzione CamelCase p.e. pesospecifico Nomi per i metodi stessa convenzione delle variabili (ovviamente seguiti dalle parentesi tonde) p.e. stampa( ) Nomi di costanti utilizzare tutte maiuscole (+ il carattere _ per distinguere i nomi composti) p.e. PI_GRECO Unicode in JAVA Commenti in JAVA I caratteri, le stringhe e gli identificatori in JAVA sono composti da caratteri Unicode a 16-bit. Cio rende i programmi JAVA piu facilmente utilizzabili a livello internazionale per utenti non europei La maggior parte delle piattaforme non possono visualizzare tutti i 38,885 caratteri attualmente definiti in Unicode Il set di caratteri Unicode e compatibile con ASCII e i primi 256 caratteri (da 0x0000 a 0x00FF) sono identici ai caratteri ISO (Latin-1) (da 0x00 a 0xFF) Le sequenze di escape Unicode \u sono elaborate prima degli altri caratteri di escape In JAVA esistono 3 forme di commento: /* C style */ /* Questo tipo di commento può proseguire su piu linee */ /* NOTA: ATTENZIONE AI /*COMMENTI*/ NIDIFICATI! */ // C++ style // Una intera riga commentata a=a+3; // Commento su una linea di codice /**documentation */ /**Stile di commento usato da JAVADOC per la generazione automatica di documentazione */ il commento inserito servirà a creare la documentazione in forma automatica del sorgente JAVA in formato html ved. lezioni successive

9 Tipi di dati primitivi in JAVA Costanti in JAVA Type Contains Default Size Min/Max Value boolean true or false false 1 bit N.A. / N.A. char Unicode char \u bits \u0000 / \uffff Byte signed integer 0 8 bits -128 / 127 short signed integer 0 16 bits / int signed integer 0 32 bits / long signed integer 0 64 bits / float IEEE 754 f.p bits +/ E+38 / +/ E-45 double IEEE 754 f.p bits +/ E+308 / +/ E-324 Una costante è una variabile che ha un valore prefissato si utilizza il modificatore final: public final int NUMERO_LATI = 4 altri esempi: public final int A = 24; public float PIGRECO = 3.14; public final float NUM = 1.6e-19; public int A = 0x13; in esadecimale public int B = 075; in ottale in JAVA non esistono tipi unsigned 34 Esempi di dichiarazione di variabili in JAVA Operatori built-in in JAVA int numero = 3; float cilindrata = f ; long pos; int num = 0xf3; // f per specificare float //esadecimale tutte le escape sequences del C sono riconosciute (\n \t \ \ \\ ) per utilizzare i codici Unicode \u0061 in esadecimale codice corrispondente al carattere ISO-Latin-1 a perchè il byte piu alto èzero Operatori built-in = Assegnamento + Somma - Sottrazione * Moltiplicazione / Divisione % Modulo (solo per tipo int ) == Relazione di uguaglianza!= Relazione di diversità < Relazione minore di > Relazione maggiore di <= Relazione minore o uguale a >= Relazione maggiore o uguale a Operatori artitmetici Operatori relazionali 36

10 Operatori built-in in JAVA Operatori built-in in JAVA Altri operatori di assegnamento Operatore Esempio Istruzione equivalente ++ conta++; conta = conta + 1; -- conta--; conta = conta - 1; += x+=y; x = x + y; -= x-=y; x = x - y; *= x*=y; x = x * y; /= x/=y; x = x / y; %= x%=y; x = x % y; Operatori logici built-in && AND logico su due variabili OR logico su due variabili! NOT logico su una variabile & AND logico bit a bit OR logico bit a bit ^ XOR bit a bit ~ complemento a uno dell operatore >> shift a destra di un certo numero di bit << shift a sinistra di un certo numero di bit Operatori logici Operatori logici bit a bit Operatore + in JAVA Gestione dell input/output in JAVA Java non permette di manipolare direttamente i puntatori non supporta gli operatori di referenziazione e dereferenziazione *,, e &, e neanche l operatore sizeof JAVA aggiunge alcuni nuovi operatori: l operatore + applicato a valori di tipo String li concatena. Se l operatore + è applicato a due operandi di cui uno è di tipo String, l altro è convertito automaticamente a stringa (dell argomento String si parlerà nelle prossime lezioni) per l output esiste l oggetto System.out con il metodo println oppure print (senza andare a capo) per l input esiste l oggetto System.in, che pero viene mascherato per ottenere una migliore funzionalità (ved. lez. successive) string nome; InputStreamReader input = new inputstreamreader(system.in); BufferedReader tastiera = new BufferedReader(input); try { nome = tastiera.readline( ); catch(exception e) ( ) il metodo readline dell oggetto tastiera restituisce sempre una stringa (stream) se si verifica un anomalia (eccezione) non viene effettuata nessuna operazione

11 Strutture di controllo in JAVA #1 Strutture di controllo in JAVA #2 Istruzione condizionale if Istruzione condizionale switch if (condizione1) { istruzioni 1; else if (condizione2) { istruzioni 2; else { istruzioni 3; switch(espressione) { case val1: istruzioni1; break; case val2: istruzioni2; break; default: istruzionid; break; espressione di tipo : long, int, byte, short, char Strutture di controllo in JAVA #3 Strutture di controllo in JAVA #4 Istruzioni iterative while / do...while Istruzione iterativa (enumerativa) for while(espressione_booleana) { istruzioni1; ; for(inizio; espressione_booleana; passo) { istruzioni1; ; esempio : do { istruzioni1; while (espressione_booleana); for(int i=0; i<1000; i++) { Systema.out.println( n= + i); 43 44

12 Riepilogo della lezione Fine della lezione Introduzione al linguaggio JAVA Caratteristiche di JAVA Storia e versioni di JAVA Variabili in JAVA Operatori aritmetici, di relazione e logici Operazioni di I/O Strutture di controllo Domande? Esercizio n.1 Esercizio n. 1 Implementare le classi, definendo come attributi due numeri interi e come metodi il calcolo dell area e del perimetro, per le figure seguenti : Rettangolo (dove i due numeri costituiscono la base e l altezza) Triangolo rettangolo (dove i due numeri costituiscono i due cateti) Triangolo isoscele (dove i due numeri costituiscono la base e l altezza) 47

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Il Tutorial per BlueJ

Il Tutorial per BlueJ Il Tutorial per BlueJ Versione 1.4 per BlueJ Versione 1.2.x Michael Kölling Mærsk Institute University of Southern Denmark Tradotto in italiano da Vito Di Viggiano, Orlando Demauro, Gianluca Leo, Gianpaolo

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Manuale di Okteta. Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith

Manuale di Okteta. Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith Friedrich W. H. Kossebau Alex Richardson Traduzione della documentazione: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 6 2 Fondamentali 7 2.1 Avviare Okteta........................................ 7 2.2 Uso..............................................

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Esercizio 1 Scrivere un programma che legga due array di interi da tastiera dica

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli