DOTAZIONI ORGANICHE PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOTAZIONI ORGANICHE PREMESSA"

Transcript

1 1

2 INDICE Premessa pag. 4 Desiderio di maternità pag. 6 Integrazione con i servizi consultoriali Ambulatorio della gravidanza: basso ed alto rischio pag. 7 Ambulatorio immunoprofilassi anti-d pag. 8 Corso di preparazione al parto pag. 9 Raccolta del sangue cordonale pag. 10 Analgesia epidurale pag. 11 Scelta punto nascita pag. 12 Programmazione taglio cesareo Ambulatorio della gravidanza a termine pag. 13 Percorso mirato alla gravidanza/parto Progetto ICARO pag. 19 Dimissione Patologia prenatale con UTIN pag. 20 Formazione del personale Dipartimento Materno Infantile pag. 21 Carta accoglienza unità operativa di ostetricia poc pag. 22 Io sono nato all Oglio Po pag. 30 I dieci passi UNICEF - OMS per l allattamento al seno pag. 37

3 PREMESSA DOTAZIONI ORGANICHE Nell unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero di Cremona - POC - svolgono la loro attività 1 direttore, 12 medici, 1 coordinatore ostetrico-infermieristico, 22 ostetriche, 16 infermiere e 6 operatore socio sanitario. L elaborazione di un percorso nascita che vede livelli di integrazione inter e intra professionali tra le diverse strutture dell Azienda è un esigenza deontologica e di qualità dell assistenza prima ancora che una cogente indicazione nazionale e regionale. Numerose sono le norme di vario grado e livello che fanno riferimento alla realizzazione dei percorsi nascita nei diversi contesti finalizzate ad accompagnare la donna per tutta la gravidanza, dalla sua programmazione all espletamento del parto ed al post parto. Con il piano regionale 3 febbraio 2010 sono stati individuati specifici obiettivi ed interventi organizzativi volti a favorire la qualità assistenziale del percorso nascita, l equità di accesso ai servizi e il miglioramento continuo della qualità assistenziale. Le due strutture complesse di Ostetricia e Ginecologia e la Neonatologia del Dipartimento Materno Infantile dell Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona (Presidio Ospedaliero di Cremona e Presidio Ospedaliero Oglio Po) hanno elaborato in collaborazione con il Servizio di Psicologia Aziendale, le unità operative di Psichiatria e i consultori territoriali un percorso nascita che monitorizza e valuta l appropriatezza assistenziale mediante l uso di metodologie finalizzate alla ridefinizione continua del rischio e al contenimento del ricorso al taglio cesareo. Ogni struttura ha prodotto e condiviso linee guida, protocolli e procedure per la gestione ed il monitoraggio della gravidanza a basso rischio ed alto rischio con riferimento al ruolo che ogni professionista assume nell assistenza a seconda del livello e dei fattori di rischio. Nell unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero Oglio Po POOP svolgono la loro attività 1 direttore, 6 medici, 1 coordinatore ostetricoinfermieristico, 8 ostetriche, 9 infermiere, 1 ausiliario. Nell unità operativa di Neonatologia del Presidio Ospedaliero di Cremona - POC - svolgono la loro attività 1 Direttore, 6 medici, 13 infermiere/infermiere pediatriche. Nell unità operativa di Pediatria-Nido del Presidio Ospedaliero Oglio Po - POOP - svolgono la loro attività 3 medici, 22 infermiere, 2 ausiliarie. Chi accompagna la donna nel percorso nascita Ginecologo Ostetrica Neonatologo Infermiera/infermiera pediatrica Psicologo/psichiatra Assistente sociale Anestesista Medico di medicina generale Pediatra di libera scelta 4 5

4 DESIDERIO DI MATERNITÀ è attivo presso il POC l Ambulatorio di primo livello di fisiopatologia della riproduzione, poliabortività ed endocrinologia. Nell ambulatorio si definiscono le procedure mediche che supportano o vicariano uno o più aspetti della funzione procreativa al fine di consentire o di aumentare le probabilità di concepimento e d impianto di una gravidanza. Come si accede a questo ambulatorio? è necessaria la prenotazione telefonando al numero verde (lun- ven dalle 8 alle 20) oppure presso il CUP. INTEGRAZIONE CON I SERVIZI CONSULTORIALI CONSULTORIO CONSULTORIO FAMILIARE FAMILIARE Consulenze tramite tramite richiesta telefonica ed invio fax telefonica ed invio fax OSPEDALE OSPEDALE VALUTAZIONE CONSULTORIO OSTETRICA FAMILIARE se gravidanza a basso rischio VALUTAZIONE OSTETRICA OSPEDALE CONSULTORIO FAMILIARE se gravidanza ad alto rischio OSPEDALE se gravidanza a basso rischio o per scelta della se gravidanza paziente ad alto rischio o per scelta della paziente VALUTAZIONE OSTETRICA: ecografia ostetrica Consulenze: Diagnosi prenatale mediante villocentesi o amniocentesi (per la diagnosi precoce delle anomalie congenite e delle malattie genetiche) Diabetologo Neurologo Ematologo Psicologo/psichiatra Assistente sociale Mediatore culturale per le donne immigrate AMBULATORIO DELLA GRAVIDANZA Il primo controllo per la valutazione del rischio ostetrico (indipendentemente dall epoca gestazionale) viene effettuato dal ginecologo che decide il percorso assistenziale (basso o alto rischio). Consegna le seguenti note informative riguardanti: infezioni in gravidanza diagnosi prenatale in gravidanza i controlli previsti in gravidanza. La gravidanza a basso rischio è gestita in autonomia dall ostetrica ambulatorialmente rispettando i protocolli in essere assicurando un continuo followup fino al momento del parto. La gravidanza ad alto rischio è monitorata dal ginecologo e dall ostetrica ambulatorialmente con collaborazioni pluridisciplinari e applicazione di specifici protocolli di diagnosi prenatale Per la gestione ed il monitoraggio della gravidanza a basso ed alto rischio con riferimento al ruolo che ogni professionista assume nell assistenza a seconda del livello e dei fattori di rischio all interno del Dipartimento Materno Infantile sono stati prodotti e condivisi: Linee guida Protocolli Procedure Come accedere all ambulatorio per il POC: telefonando al n (segreteria ambulatori Ost-Gin) dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore presentandosi al front office degli ambulatori di Ost-Gin 7 piano Corpo E dal lunedì al venerdì confermare al CUP l appuntamento programmato. Come accedere all ambulatorio per il POOP: prenotando al CUP con impegnativa del medico di medicina generale, oppure telefonando al Numero verde (dal lun al venerdì dalle 8 alle 20). 6 7

5 AMBULATORIO IMMUNOPROFILASSI ANTI-D Secondo le recenti linee guida nazionali ed internazionali, per le gravide con fattore Rh negativo è raccomandata alla 28 settimana di gravidanza l esecuzione di immunoprofilassi Anti-D che prevede la richiesta di un piano terapeutico. La stesura del piano terapeutico è di competenza dello specialista ospedaliero, la somministrazione del farmaco, essendo un emoderivato, deve essere eseguita in ambiente ospedaliero. Per effettuare l immunoprofilassi Anti-D la gravida deve presentare: referto del gruppo sanguigno con fattore Rh negativo test di Coombs indiretto negativo. Le stesure del piano terapeutico si effettuano dopo la sottoscrizione del consenso informato, al venerdì nell ambulatorio della gravidanza dalle ore alle ore é necessario fissare un appuntamento telefonico presso il front office degli ambulatori dell Ost-Gin dalle ore alle ore Alla 28 settimana di gestazione si esegue l immunoprofilassi Anti-D. Il piano terapeutico è in triplice copia di cui: una copia alla gravida una copia all Ente prescrittore una copia all ASL CORSO DI PREPARAZIONE AL PARTO Il corso di preparazione al parto è un momento importante di incontri tra i futuri genitori ed un gruppo di operatori sanitari qualificati (ginecologo, ostetrica, neonatologo, anestesista) che si prenderanno cura della donna e del neonato durante il percorso nascita Gli incontri hanno lo scopo di preparare la gestante ad affrontare in modo più consapevole e sereno il travaglio, il parto, ma anche tutte le altre situazioni legate all evento nascita. Il corso si divide in una parte teorica (3 incontri) ed una parte pratica di esercizi fisici (3 incontri). Offre inoltre la possibilità di familiarizzare con la struttura scelta ed i suoi operatori. È fortemente auspicata la presenza del futuro papà. Il corso prevede il pagamento di un ticket per tutti gli incontri con impegnativa del medico di medicina generale con dicitura training prenatale Al corso si può accedere: Ospedale di Cremona, dalla 32 a settimana di gravidanza, iscrivendosi telefonicamente al n 0372/ tutti i giorni dopo le ore Ospedale Oglio Po, telefonando al n tutti i giorni dopo le ore 11,00; oltre agli incontri teorico-pratici vi è la possibilità di frequentare un corso parallelo di acquaticità con le ostetriche presso la piscina di Viadana. Per il POOP, l immunoprofilassi Anti-D si effettua il martedì dalle ore 17,00 alle ore 18,00 previo appuntamento telefonico con il reparto ( ). 8 9

6 RACCOLTA SANGUE CORDONALE Presso l UO di Ostetricia di Cremona e di Oglio Po è possibile effettuare il prelievo del sangue cordonale per la donazione delle cellule staminali ad uso solidaristico e ad uso dedicato. DONAZIONE SOLIDARISTICA È un atto volontario e anonimo col fine di mettere a disposizione il sangue del cordone ombelicale per chiunque abbia bisogno di un trapianto di cellule staminali. La donazione del cordone ombelicale in Italia è consentita solo nelle Banche pubbliche ed è gratuita. Le UO di Ostetricia di Cremona e di Oglio Po collaborano con la Cord Blood Bank di Pavia. Come fare richiesta: è necessario fissare un appuntamento presso il Centro Trasfusionale per una visita di idoneità, in cui verranno controllati gli esami eseguiti in gravidanza e verranno prescritti nuovi accertamenti dalla 34 alla 36 settimana di gestazione. Alle donne idonee, al momento del parto, si potrà effettuare il prelievo del sangue cordonale secondo le procedure in essere. La prenotazione presso il Centro Trasfusionale è: per il POC, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore tel per il POOP, dal lunedì al venerdì dopo le ore tel DONAZIONE DEDICATA In Italia è consentita la donazione dedicata, gratuitamente, in Banche pubbliche per il neonato con patologia (in atto al momento della nascita o evidenziata in epoca prenatale) o quando è necessario curare un familiare (in genere fratello/ sorella, affetto da una malattia al momento della raccolta o pregressa), per la quale risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato l uso di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico-sanitaria. Come fare richiesta: Si fa richiesta direttamente al Referente del sevizio di donazione del sangue cordonale che procederà ad avviare l iter stabilito. ANALGESIA EPIDURALE La percezione e la tolleranza del dolore sono fattori variabili da persona a persona. La donna può scegliere di affrontare l esperienza parto prendendo in considerazione la Partoanalgesia. È una delle tecniche che consente di eliminare il dolore del travaglio e del parto, lasciando però inalterate la sensibilità cutanea, la capacità motoria e soprattutto la percezione delle contrazioni uterine. Rientra nelle prestazioni erogate dal Sistema Sanitario Nazionale in regime di ricovero. Lo staff di anestesisti è disponibile 24 ore su 24 per far fronte a tutte le necessità della sala parto e dei tagli cesarei. Come richiederla: È indispensabile effettuare il Prericovero alla 36 settimana di gravidanza da prenotare almeno 20 giorni prima. Si prenota telefonando al Prericovero Chirurgico allo (dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore 18.30). Il giorno e all ora concordati la gravida deve recarsi: al front-office Ambulatori Ostetricia-Ginecologia alle ore 8.10 (7 piano corpo centrale) per ritirare le richieste degli esami ematici e dell elettrocardiogramma), agli ambulatori di Cardiologia (piano terra) sala attesa n 4 per effettuare l ECG, al centro prelievi (palazzina esterna) utilizzando lo sportello facilitato n 7 per l esecuzione degli esami ematici, al Prericovero Chirurgico (6 piano corpo B) dove l anestesista effettuerà la visita anestesiologica e il colloquio informativo specifico

7 SCELTA PUNTO NASCITA Ambulatorio della gravidanza alla 36/37 settimana di gravidanza. L accesso dell ambulatorio consente di: valutare il rischio ostetrico prendere conoscenza di come accedere al reparto al momento del ricovero per il travaglio di parto decidere l espletamento del parto dopo un pregresso taglio cesareo TC: modalità, informazione e consenso effettuare la programmazione del Pre-ricovero e la programmazione del TC effettuare la compilazione della cartella clinica per quanto possibile inviare la futura mamma al Nido per la compilazione della cartella del neonato consegnare la scala di Edimburgo (valutazione per la possibilità della depressione post-partum) attivare, se necessario, il servizio di Psicologia interna tramite richiesta di consulenza. PROGRAMMAZIONE TAGLIO CESAREO Lo scopo dell Ambulatorio della 36/37 settimana di gravidanza è l inquadramento preparto delle pazienti con gravidanza a rischio (modalità ed epoca di espletamento del parto) e la programmazione dei tagli cesarei. La programmazione e la motivazione della data del taglio cesareo tiene in attenta considerazione le indicazioni date dal ginecologo. L obiettivo è di ridurre le giornate di ricovero nelle gravide con taglio cesareo programmato, poiché il ricovero verrà eseguito la mattina stessa dell intervento Previo appuntamento (dal lunedì al venerdì dopo le ore 10.00) le gravide con taglio cesareo programmato si devono recare dal coordinatore ostetrico-infermieristico per programmare il prericovero e la compilazione della cartella neonatologica presso il nido. AMBULATORIO DELLA GRAVIDANZA A TERMINE Tutte le gravide confluiscono all ambulatorio della gravidanza a termine del punto nascita scelto per un adeguata valutazione prima del ricovero per il parto. L obiettivo è quello di garantire il benessere materno-fetale in attesa dell insorgenza del travaglio spontaneo dopo la 40 settimana di gravidanza. Come accedere all ambulatorio: Per il POC si prenota presso il CUP con impegnativa del medico di medicina generale con richiesta di: CTG ( Cardiotocografia), AFI (Valutazione liquidido amniotico), Visita ostetrica. Ad ogni controllo, se non presente travaglio attivo e patologie, si programmano ulteriori controlli a giorni alterni fino alla 41 settimana e 5 gg. Per il POOP, accesso diretto in Ostetricia senza prenotazione tutti i pomeriggi dalle ore alle ore 18,00. PERCORSO MIRATO ALLA GRAVIDANZA/PARTO La collaborazione tra Ostetricia Nido UTIN è fondamentale per poter raggiungere l obiettivo comune: una buona nascita. Infatti per favorire la collaborazione e la cooperazione è stato pianificato un briefing mattutino che prevede la presenza dell equipe del Dipartimento Materno Infantile: ginecologi, neonatologo, coordinatore ostetrico infermieristica e coordinatore infermieristico Nido UTIN. Il medico di guardia smontante dal turno notturno procede alla consegna, quindi si discutono i casi clinici presenti per adottare una scelta clinica condivisa. CONSULENZA OSTETRICA DI PRONTO SOCCORSO La consulenza ostetrica, previo triage infermieristico del Pronto Soccorso, viene effettuata 24 ore su 24 nella sala dedicata al pronto soccorso del 7 piano. Nel caso in cui la donna non necessiti di ricovero, ma di una osservazione viene trattenuta in regime di osservazione breve intensiva (O.B.I.). Nel caso in cui esista la necessità di ricovero la donna viene accompagnata dal personale di assistenza in reparto o direttamente nel comparto parto. AL RICOVERO: valutazione ostetrica monitoraggio cardiotocografico esami di routine ulteriori accertamenti se necessari 12 13

8 comunicazione dei casi clinici segnalati (consultori, assistente sociale), attivazione collaborazione all interno dell equipe Dipartimento Materno Infantile, nelle pazienti precedentemente seguite dallo psichiatra si richiede la consulenza dello specialista, se presenza di comportamenti anomali si richiede la consulenza dello psicologo che, se necessario, attiva il collega psichiatra. LA GRAVIDA NECESSITA DI TRASFERIMENTO Ove siano presenti condizioni che rendano opportuno l espletamento del parto in un centro di livello superiore si attiva il trasferimento della donna gravida in altra struttura. Il trasferimento viene effettuato in ambulanza e prevede l accompagnamento di un ginecologo, di un ostetrica e se richiesto di un pediatra/ neonatologo. ASSISTENZA TRAVAGLIO E PARTO Si attua un modello personalizzato di assistenza che ha avuto risultati positivi per la salute della donna e del neonato: ridotto uso di farmaci, minor numero di tagli cesarei, travaglio più breve, mamme e bambini più in salute. La UO di Ostetricia e Ginecologia si è sempre distinta per l umanizzazione e per la capacità di essere al fianco della partoriente. Alle qualità dei professionisti si aggiunge una particolare cura degli ambienti e delle tecnologie utilizzate durante il parto. Il modello di assistenza adottato e offerto a tutte le donne, prevede percorsi differenziati tra gravidanza fisiologica e non fisiologica rispettando i protocolli in essere, la gestione è a carico dell ostetrica in condivisione col medico. L ostetrica rimane costantemente al fianco della donna. Questo significa garantire il massimo supporto emozionale, ma anche individuare precocemente la comparsa di fattori di rischio ostetrico e di scostamento dalla fisiologia. Diversi sono anche gli strumenti utilizzati: in caso di gravidanza fisiologica, il parto avviene nella sale parto dotate di cardiotocografi, letto matrimoniale o multifunzione, vasca parto, sgabelli, pallone, cuscini, materassini, telemetria, doccia, musica In caso di gravidanza non fisiologica viene soprattutto utilizzata la sala arancio, la più vicina alla sala operatoria per accelerare i tempi in caso di emergenza dotata di cardiotocografo, letto multifunzionale sgabelli, doccia, telemetria. In ogni caso l obiettivo è dare un assistenza personalizzata. In particolare, c è una ricerca continua da parte dell ostetrica di quanto serve a mamma e nascituro per il migliore percorso verso la nascita: posizioni libere e movimento, acqua (vasca o doccia), supporto emotivo continuo, massaggi, farmaci, musica. Ogni donna in travaglio/parto è libera di scegliere una persona (preferibilmente il marito o compagno, ma può essere anche un familiare o un amica). Non è consentita la presenza del futuro papà in sala operatoria se necessario il taglio cesareo. è GARANTITO IL PARTO IN ANONIMATO Quando la mamma vuole rimanere segreta... La nascita di un bambino è un evento straordinario nella vita di una donna, che incide profondamente nella sua vita concreta, emotiva, relazionale. Non tutte le donne riescono ad accogliere la loro maternità, per una complessità di motivazioni che occorre ascoltare, comprendere e riconoscere. Durante la gravidanza, specie in situazioni di difficoltà di varia natura della madre a rispondere adeguatamente ai bisogni del bambino, è indispensabile che la donna sia seguita in maniera qualificata, per la tutela sua e del nascituro, in modo da evitare decisioni affrettate e spesso drammatiche, al momento del parto. Occorre sostenere, accompagnare, informare le donne, affinché le loro scelte siano libere e consapevolmente responsabili. è fondamentale la relazione della comunicazione con la donna. In ospedale, al momento del parto, serve garantire la massima riservatezza, senza giudizi colpevolizzanti ma con interventi adeguati ed efficaci, per assicurare - anche dopo la dimissione - che il parto resti in anonimato. La donna che non riconosce e il neonato sono i due soggetti che la legge deve tutelare, intesi come persone distinte, ognuno con specifici diritti. La legge consente alla madre di non riconoscere il bambino e di lasciarlo nell Ospedale dove è nato (DPR 396/2000, art. 30, comma 2) affinché sia assicurata l assistenza e anche la sua tutela giuridica. Il nome della madre rimane per sempre segreto e nell atto di nascita del bambino viene scritto nato da donna che non consente di essere nominata

9 è NATO Alla nascita, previo clampaggio del funicolo, l ostetrica esegue sul cordone il prelievo per il Ph, il prelievo per il gruppo sanguigno e se richiesto il prelievo per la donazione del sangue cordonale. L equipe presente valuta lo stato di benessere del neonato e se tutto è andato per il meglio il neonato viene adagiato sulla pancia della mamma per stabilire un immediato contatto pelle a pelle, appena possibile la mamma può attaccare il suo bambino al seno. Il neonato viene poi affidato alle cure del neonatologo e della sua equipe. In sala parto al momento della nascita sono presenti: il ginecologo, l ostetrica, l infermiera, il neonatologo, l infermiera pediatrica e se utilizzata la parto analgesia anche l anestesista. PRIME CURE DEL NEONATOLOGO E DELLA SUA EQUIPE Oltre al controllo clinico dello stato generale, in sala parto vengono registrati i parametri che saranno costantemente aggiornati nelle visite pediatriche successive e che sono molto importanti per tenere sotto controllo lo sviluppo del neonato. Prima che il neonato lasci la sala parto, entro le prime due ore di vita, verrà sottoposto alla profilassi della malattia emorragica del neonato e alla profilassi per l infezione gonococcica e la congiuntivite batterica. LE DUE ORE DEL POST-PARTUM L attenta sorveglianza della donna nelle prime 2 ore del post-partum e la promozione di un precoce attaccamento al seno materno rappresentano azioni raccomandabili per la prevenzione e la precoce individuazione di eventuali sanguinamenti anomali. I cardini del trattamento dell emorragia del post-partum sono: il mantenimento della contrattilità uterina ottenuta tramite mezzi fisici o farmacologici e il mantenimento o sostegno del circolo con opportuna idratazione. Trascorso tale periodo si esegue alla neo mamma un nuovo controllo per la valutazione di benessere e indi la puerpera viene trasferita nel reparto di degenza. Il neonato entra al Nido per ulteriori accertamenti e osservazione. LE PRIME DUE ORE DI VITA DEL NEONATO Il neonato, dopo essere stato sottoposto alle prime cure nell Isola Neonatale ed eseguita la procedura di identificazione e ricovero al Nido, viene trasferito nell unità Travaglio-parto e affidato alla puerpera per le prime due ore dopo il parto. Tale affidamento viene autorizzato dal Neonatologo e dal Ginecologo, ciascuno per la propria competenza, quando il neonato sia considerato nato da parto fisiologico, a termine (> o = a 37 settimane di gestazione) e con punteggio di Apgar superiore a 7 nei primi cinque minuti. Durante le due ore dopo il parto il neonato viene monitorizzato con un Saturimetro, il cui sensore è posizionato dalla Infermiera del Nido, allo scopo di rilevarne la Frequenza Cardiaca (FC) e la Saturazione di O2 (SaO2). L Infermiera del Nido, terminate le prime cure e l identificazione, effettua la prima rilevazione e il controllo clinico del neonato quando lo porta ai genitori. I controlli successivi (FC e SaO 2 ), a distanza di 30 minuti l uno dall altro per quattro volte, dovranno essere a loro volta documentati (il saturimetro è dotato di memoria) dalle Infermiere del Nido nella cartella del Neonato. Il saturimetro è, altresì, dotato di un sistema di allarme preimpostato (per valori di FC inferiori a 110/min e superiori a 180/min e per valori di SaO 2 inferiori a 85%): in caso di necessità (allarme sonoro) l Ostetrica avvertirà tempestivamente l Infermiera Pediatrica del Nido.Al termine del periodo di osservazione di due ore il neonato segue la mamma in camera (Rooming-in) o viene accolto al Nido. In caso di problematiche il neonato verrà trasferito in Patologia Neonatale. IL ROOMING-IN Quando madre e figlio sono insieme, subito dopo il parto, beneficiano della particolare situazione ormonale, che favorisce il reciproco riconoscimento e l innamoramento da parte della madre per il piccino che è nato. L ossitocina, definito ormone dell amore (che entra in circolo anche durante il rapporto sessuale ed è il carburante che permette il buon espletamento del parto stesso), nelle primissime ore successive alla nascita raggiunge livelli massimi nell organismo materno. La vicinanza mamma-bebè facilita il processo di attaccamento e ha un effetto stabilizzante sull umore della neomamma. Viceversa, la separazione può favorire la comparsa della depressione post-partum. Per il bambino, catapultato all improvviso in un mondo nuovo e sconosciuto, la vicinanza della madre è garanzia per un miglior adattamento alla vita fuori dal pancione. Tanti benefici per il bambino Quanto detto per le prime ore successive al parto, è valido anche per i giorni che solitamente madre e figlio trascorrono in ospedale. Il bambino ha bisogno della madre per sentirsi bene, per sentirsi al sicuro

10 Questi sono i giorni in cui il neonato impara a conoscere e riconoscere la mamma. Si è visto che la vicinanza favorisce l acquisizione di un ottimale ritmo respiratorio e digestivo, rafforza l apparato immunitario e riduce la sensibilità allo stress. Se il piccino è nella culla accanto alla madre, piange meno poiché lei è pronta a consolarlo, a prenderlo in braccio, ad allattarlo. e per la mamma Così come il neonato sperimenta un bisogno intenso di essere contenuto e rassicurato, la mamma sperimenta il bisogno intenso di proteggere il suo piccino. Gli operatori sostengono e aiutano la mamma a prendersi cura del bebè, sempre incoraggiandola e sottolineando le sue competenze, perché una volta tornata a casa si senta capace e sicura di sé. Molto meglio fare le prove generali in reparto, quando in caso di dubbio si può chiedere aiuto al personale. Perché il rooming-in sia vissuto come un opportunità e non come un imposizione che impedisce alla neomamma di riposare è fondamentale che sia ben organizzato. La donna non può essere abbandonata, con un bimbo da gestire, senza ricevere alcun aiuto. Il personale assiste la neomamma mentre si prende cura del bebè. Le stanze del reparto sono attrezzate con fasciatoio e l occorrente necessario al bebè. Importante per l allattamento Un altro vantaggio del rooming-in è che favorisce l avvio delle poppate. Se il piccino è con la mamma, lei può attaccarlo al seno non appena si mostra interessato a poppare. A Cremona solitamente il rooming-in è diurno, ma su richiesta è possibile fare rooming-in anche di notte basta comunicare la richiesta alle ostetriche e al personale infermieristico del Nido. A Oglio Po il servizio di rooming-in è attivo 24h su 24. Il personale è sempre a disposizione della mamma per consigliarla per quanto riguarda l allattamento, il bagnetto, la medicazione del moncone ombelicale e suggerimenti vari. Allattamento al seno Per la promozione dell allattamento al seno le UO di Ostetricia e di Neonatologia hanno adottato il decalogo I dieci passi UNICEF-OMS (vedi pag. 37). PROGETTO ICARO è un sistema informatico in grado di gestire tutte le incombenze burocratiche legate all evento nascita direttamente dalla struttura sanitaria: dalla registrazione del nato, alla trasmissione degli atti in Comune, all attribuzione del codice fiscale, alla scelta del medico pediatra. Il progetto è coordinato da Regione Lombardia con la partecipazione degli Enti a cui competono i servizi: Ospedali, Comuni, Agenzia delle Entrate del Ministero dell Economia e delle Finanze e ASL. Il progetto ICARO permette di svolgere tutte le pratiche burocratiche nel luogo dove è avvenuto l evento nascita, il servizio offerto consente: la dichiarazione di nascita e la registrazione del nuovo nato presso il comune di residenza della madre l assegnazione del codice fiscale da parte dell agenzia delle Entrate l iscrizione all anagrafe assistiti presso l ASL di appartenenza la richiesta di assegnazione del pediatra di scelta. In Ospedale può essere fatta presso la Direzione Medica di presidio oppure, per i residenti nei Comuni aderenti al progetto ICARO, presso l Ufficio Accettazione Ricoveri o direttamente presso il front office del reperto di Ostetricia e Ginecologia. I documenti richiesti sono: documento d identità dei genitori e attestazione di nascita. Questo servizio è attivo per i soli Comuni che hanno aderito. LA DIMISSIONE La degenza ospedaliera della mamma e del neonato dopo il parto sta diventando sempre più breve, specialmente laddove non si siano riscontrate complicazioni. Tuttavia, le nuove politiche ospedaliere tendono ad accelerare i tempi di dimissione anche qualora la nascita sia avvenuta tramite taglio cesareo. Uno dei perni su cui si incentrano le nuove linee guida dei punti nascita, è quello di ridurre al minimo l ospedalizzazione della gravidanza e del parto, per rendere questi eventi quanto più naturali e spontanei possibile.per la mamma ed il neonato la dimissione avviene il terzo giorno dopo il parto, 4 gg se è stato eseguito il taglio cesareo. Alla dimissione viene consegnata una lettera per richiedere l assistenza di un ostetrica territoriale a domicilio. L intervento dell ostetrica a domicilio ha lo scopo di sostenere la neomamma durante le prime fasi dell allattamento, alle cure neonatali e a fornire informazioni per la gestione del piccolo. L assistenza è gratuita. Nei casi ove necessita, il supporto di altri operatori sanitari (psicologo, assistente sociale) si esegue segnalazione alla sede territoriale di appartenenza per garantire la continuità assistenziale. Per il bambino al momento della dimissione viene consegnata una relazione clinica indirizzata al pediatra, nella relazione sono contenuti i dati clinici rilevati in corso di ricovero, la terapia effettuata e consigliata, gli esami eseguiti e quelli ancora in corso, le indicazioni su eventuali controlli clinici e/o ulteriori accertamenti diagnostici o terapie da effettuare

11 PATOLOGIA NEONATALE CON UTIN La struttura è punto di riferimento della Provincia di Cremona per l assistenza sia ai neonati a termine affetti da gravi patologie sia ai neonati affetti da grave e gravissima prematurità che presentano un peso alla nascita inferiore a 1500 grammi (neonati di peso molto basso) e inferiore a 1000 grammi (neonati di peso estremamente basso). L UO offre una risposta completa da un punto di vista diagnostico alle esigenze dei neonati affetti da patologie endocrino-metaboliche, cardiologiche, malformative. L assistenza neonatale è fortemente integrata con quella alla gravidanza e al parto, con figure di riferimento in grado di guidare la famiglia lungo tutto il percorso. La cura dei pazienti non ha termine all atto della dimissione ma prosegue mediante un follow-up ambulatoriale polispecialistico. Dal 2006 Regione Lombardia ha attribuito alla struttura la funzione dell assistenza al Neonato Gravemente Immaturo che necessita di Terapia Intensiva, dal 2011 la struttura è considerata tra i Centri Hub regionali di Terapia Intensiva Neonatale. Precisazioni In Neonatologia è presente un locale di degenza con servizi per le puerpere (madri di neonati ad alto rischio ricoverati) provvisto di due letti e dei seguenti servizi: telefono, televisore, luce notturna per la lettura, chiamata. Comfort spazi comuni: soggiorno/cucina/sala di lettura (lavello, forno a microonde, stoviglie, tavolo, ripostiglio, frigorifero) ad uso delle puerpere e dei genitori. FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Per favorire la collaborazione e raggiungere l obiettivo prefissato una buona nascita è richiesto costantemente un percorso formativo sia all interno che alle strutture afferenti al Dipartimento Materno Infantile - DMI. Il percorso formativo aiuta a: mantenere elevata ed al passo con i tempi la professionalità degli operatori sanitari aumentare la capacità comunicativa e relazionale ottimizzare le politiche assistenziali a specifiche categorie di pazienti attraverso il miglioramento dell efficacia e della qualità assistenziale Gli strumenti: incontri periodici del personale sanitario afferente al DMI utilizzo di linee guida Evidence Based Medicine (EBM) utilizzo di protocolli e procedure costantemente aggiornati e condivisi da tutti gli operatori la collaborazione tra tutte le figure coinvolte nell assistenza un audit periodico dei casi gravati da eventi avversi 20 21

12 CARTA ACCOGLIENZA UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA POC CARATTERISTICHE DELL UNITÀ OPERATIVA L Unità Operativa di Ostetricia è collocata al settimo piano del Monoblocco Ospedaliero, ala destra (medica). è dotata di 5 stanze ad un letto con bagno, 6 stanze a due letti con bagno. Al momento del ricovero è possibile richiedere le camere a pagamento, collocate nel reparto di Ginecologia. Ogni stanza è dotata di televisore con cuffie a pagamento. DI COSA CI OCCUPIAMO Il Punto nascita dell Ospedale di Cremona è costituito da 4 Sale Parto, da una camera operatoria per le urgenze e da un reparto di degenza per un totale di 17 posti letto. Il comparto parto si compone di 4 unità travaglio-parto che, oltre ad essere molto funzionali per gli operatori, sono strutturate per soddisfare le esigenze della futura mamma relativamente al parto, momento naturale carico di emotività e di aspettative. Alle donne viene offerta la possibilità di partorire in varie modalità in base alle esigenze individuali: parto in acqua (sono a disposizione 2 vasche) posizioni alternative (carponi, sgabello olandese, posizioni verticali... ) posizione litotomica classica parto indotto, parto pilotato (tecniche mediche per accelerare, quando indicato, i tempi del parto) parto analgesia: serve a ridurre la percezione del dolore, senza però interferire sullo stato di coscienza, permettendo quindi una partecipazione attiva della partoriente alla nascita del bambino. Questa tecnica richiede l intervento dello specialista che nella nostra struttura è presente 24 ore su 24. Per poterne usufruire è necessario eseguire una visita anestesiologica alcune settimane prima della data presunta del parto per eseguire tutti gli accertamenti necessari. Annessa al comparto-parto è stata realizzata un isola neonatale per garantire un assistenza immediata ai nuovi nati, con la costante presenza dei medici neonatologici ed una Terapia Intensiva Neonatale per far fronte alle emergenze neonatali. Le condizioni ambientali delle stanze (climatizzazione ottimale, luminosità particolare, fasciatoio) sono realizzate affinché il neonato possa rimanere con i genitori durante il giorno (rooming in diurno) ad eccezione dell orario di visita e della notte. Se si desidera il rooming in sulle 24 ore è necessario comunicarlo alle ostetriche e al personale del Nido al momento del ricovero. COSA SERVE SAPERE PER IL RICOVERO All Unità Operativa si accede in regime d urgenza o in modo programmato, in tal caso il paziente verrà sempre contattato dal Coordinatore ostetrico-infermieristico per concordare la data e l ora di ricovero. Al momento del ricovero, oltre al foglio di ricovero, sono necessari per i cittadini italiani: documento di riconoscimento, Carta Regionale dei Servizi o tessera sanitaria e codice fiscale. Per i cittadini dell Unione Europea oltre al documento di riconoscimento è necessario presentare anche la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) o certificato sostitutivo. Per i cittadini di Paesi extracomunitari sono necessari: permesso di soggiorno, tessera sanitaria o polizza assicurativa e documento di riconoscimento. È necessario portare con sé tutta la documentazione sanitaria relativa alla gravidanza in corso e comunicare ai medici, al momento dell arrivo in reparto, eventuali farmaci che si stanno assumendo le terapie in corso. Cosa portare Consigliamo di portare tutto il necessario per l igiene personale, gli asciugamani, la biancheria intima, camicie da notte o pigiami comodi per l allattamento, vestaglia, assorbenti igienici da utilizzare dopo il parto, mutande monouso a rete (di carta o di cotone) e ciabatte. Se si desidera fare l esperienza del travaglio e del parto in acqua è necessario portare un accappatoio o un telo da bagno. È sempre buona norma presentarsi con unghie corte e senza smalto. Per il bambino è consigliato portare 4-5 cambi imbustati ed identificati da nome e cognome composti da: camicino, body oppure maglietta e mutandina, calze o scarpine, tutina o completo spezzato di cotone o di lana secondo la stagione. Inoltre è necessaria una copertina per tenere il bambino in stanza. Sono a disposizione contenitori per la custodia di protesi (dentali, acustiche) durante il ricovero. Durante il ricovero è preferibile non tenere con sé somme di denaro, gioielli o oggetti di valore. L Azienda Ospedaliera non risponderà di eventuali ammanchi dovuti a furti o smarrimenti. L uso del telefono cellulare è consentito, tranne in alcune aree segnalate, garantendo comunque il rispetto delle necessità di riposo e tranquillità degli altri pazienti o dell attività di reparto

13 Colloqui medici I medici ed il personale infermieristico sono a disposizione per fornire informazioni sulla situazione clinica del paziente, compatibilmente con le attività di assistenza, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle alle presso lo studio colloqui del reparto oppure in altro orario da concordare con il Coordinatore ostetrico-infermieristico. Ingresso visitatori Feriali: dalle alle e dalle 19 alle 20. Festivi: dalle 17 alle 19. L accesso al di fuori degli orari indicati è consentito solo ai neopapà. È importante non affollare la stanza per motivi igienici e per non disturbare gli altri pazienti. Il rispetto di queste semplici norme contribuisce a mantenere la serenità in reparto, nel rispetto di tutti, oltre ad evitare il verificarsi di situazioni spiacevoli. Non è consentito l accesso ai reparti ai bambini di età inferiore ai 12 anni. In caso di particolari necessità rivolgersi al direttore o al coordinatore dell unità operativa. Pasti Ogni giorno è possibile scegliere il pasto consultando l apposito menù disponibile in ogni stanza e comunicando le modifiche richieste al personale oppure in modo autonomo utilizzando il totem system (collocato prima del reparto di Ginecologia). Nel caso si debba seguire una dieta particolare, sarà cura del personale assicurarne il rispetto. Dichiarazione di nascita Deve essere fatta da uno dei genitori oppure da entrambi i genitori se non sono coniugati, entro 3 giorni se fatta presso il centro di nascita oppure entro 10 giorni negli altri casi. In Ospedale può essere fatta presso la Direzione Medica di presidio oppure, per i residenti nei Comuni aderenti al progetto ICARO, presso l Ufficio Accettazione Ricoveri o direttamente presso il front office del reperto di Ostetricia e Ginecologia. I documenti richiesti sono: documento d identità dei genitori e attestazione di nascita. Servizi di sostegno Mediatori Culturali e Linguistici è attivo un servizio di interpretariato telefonico on-line di 24 ore su 24. è presente inoltre un servizio di mediazione culturale a giorni ed orari fissi con la presenza in loco di mediatori arabo e indiano. Per usufruirne contattare il Servizio Sociale. Servizio Sociale Piano Terra (ala destra) lun-ven: 9-15 tel Assistenza spirituale L ospedale garantisce l assistenza spirituale di sacerdoti cattolici, i quali nel rispetto del pensiero, culto, credenza e fede dei pazienti, sono disponibili al colloquio, all ascolto alla confessione ed all amministrazione dei Sacramenti. La loro presenza può essere richiesta attraverso il personale infermieristico. I pazienti di religione diversa da quella cattolica possono direttamente o attraverso la collaborazione del personale infermieristico mettersi in contatto con il Ministro del culto professato. La Santa Messa è ufficiata ogni giorno nella Chiesa dell ospedale nei seguenti orari: Feriali e prefestivi ore Festivi ore e

14 Altri servizi Bar Il bar si trova all ingresso dell ospedale. Lun-ven: Sab e dom: Distributori di bevande calde e fredde sono presenti all ingresso dell ospedale e in quasi tutti i piani dell ala destra e sinistra del monoblocco. Giornali All ingresso dell ospedale è presente un edicola dove è possibile l acquisto di giornali e riviste. Lun-ven: Sab e dom: Banca Si trova nel Padiglione 12 (palazzina CUP). Lun-ven: e Sono disponibili due sportelli Bancomat, uno presso la palazzina CUP, il secondo in ospedale Bancomat al piano rialzano vicino agli ascensori (ala sinistra). Alloggi Per i parenti dei pazienti che provengono da fuori città sono previste alcune convezioni per alloggi a tariffe agevolate, consultare il tabellone dedicato nella bacheca dell unità operativa. Dimissione La dimissione prevista per il parto spontaneo è in terza giornata dal parto, mentre per il taglio cesareo è in quarta giornata, salvo complicazioni. Al momento della dimissione viene consegnata una relazione clinica, indirizzata al proprio medico di base, che riporta la diagnosi, la modalità del parto, l allattamento in corso e l eventuale terapia da seguire a domicilio. Le puerpere, che a domicilio necessitano di sostegno e di consigli per l allattamento al seno, possono rivolgersi anche alle ostetriche del consultorio familiare del proprio distretto. Copia documentazione sanitaria Una copia di tutta la documentazione clinica accumulata nel corso del ricovero o di precedenti accessi all ospedale può essere richiesta in qualsiasi momento: Ufficio Consegna referti e Cartelle Cliniche Lun-ven: sabato: 8-12 Padiglione 12 (CUP) La richiesta può essere presentata anche per posta o via fax ( ), utilizzando la modulistica aziendale (scaricabile dal sito), allegando copia del documento di riconoscimento e ricevuta del pagamento. Vigilanza Il servizio delle Guardie Particolari Giurate è attivo 24 ore su 24. È preposto alla vigilanza del patrimonio dell Azienda, al controllo della viabilità interna, alla sorveglianza dei pazienti ricoverati e dei visitatori ed all attività di supporto delle forze dell ordine. Per attivarlo chiamare il numero

15 Ambulatori Le prenotazioni di visite ed esami possono essere effettuate telefonicamente al numero verde , dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20. Oppure di persona recandosi presso gli sportelli del Centro Unico di Prenotazione (CUP). Contattare direttamente gli ambulatori di Ostetricia (tel 0372/405638, lun-ven dalle alle 15.30) per prenotare: Diagnosi prenatale (traslucenza nucale associato a test biochimico), Gravidanza fisiologica, Gravidanza a rischio. Per il corso di preparazione al parto contattare direttamente l U.O. di Ostetricia (tel 0372/405225, lun-ven dalle 15 alle 16). Per amniocentesi e villocentesi contattare il numero 0372/ (lun-ven dalle 12 alle 13.30). Per interruzione volontaria di gravidanza contattare la segreteria del servizio di Day Surgery (tel 0372/ lun-ven dalle alle 15). Per i tamponi vaginali l accesso avviene senza prenotazione: il giovedì ed il venerdì dalle ore 8.00 alle Per l accettazione amministrativa è necessario passare prima dal Centro Prelievi. Attività Libera Professione: Per informazioni e prenotazioni telefoniche chiamare il numero 0372/ da lunedì a venerdì dalle ore alle ore Per prenotare di persona rivolgersi agli sportelli CUP dell Azienda. L elenco dei medici che esercitano anche in libera professione è disponibile sul sito internet. info Ostetricia Tel 0372/ Ginecologia Tel 0372/ Per informazioni dalle 12 alle 13 Ambulatori Tel Dal lun- ven dalle alle CUP Numero verde Lun-ven: 8-20 URP Tel

16 IO SONO NATO ALL OGLIO PO PREPARAZIONE ALLA NASCITA La mamma come può preparasi alla mia nascita? Può partecipare ai corsi di preparazione al parto che prevedono incontri informativi, corsi di stretching ed acquaticità. Condotti dalle ostetriche della UO di Ostetricia, sono organizzati in collaborazione con tutti gli operatori coinvolti nel percorso nascita (ginecologo, pediatra, anestesista, psicologo e ostetrica del consultorio). La mamma avrà così l occasione di conoscere il personale del reparto e acquisirà la preparazione necessaria per affrontare il parto in maniera attiva. Per partecipare è necessario prenotarsi, dalla 28a settimana di gravidanza, chiamando il numero 0375/ (dopo le 11 dal lunedì al venerdì). È possibile la raccolta del sangue cordonale a fini solidaristici? Si è possibile. E necessario però aver effettuato prima un colloquio con il Centro Trasfusionale. Entro la 32a settimana di gravidanza è possibile prenotare chiamando il Centro al numero 0375/ (dopo le ore 11 dal lunedì al venerdì). Ogni bimbo che nasce può salvarne un altro. Cosa deve mettere in valigia prima di andare all Ospedale? Tutto il necessario per l igiene personale, gli asciugamani, la biancheria intima, camicie da notte o pigiami comodi per l allattamento, vestaglia, assorbenti igienici da utilizzare dopo il parto, mutande monouso a rete (di carta o di cotone) e ciabatte. Se desidera fare l esperienza del travaglio e del parto in acqua è necessario che porti con sé un accappatoio o un telo da bagno. E sempre buona norma presentarsi con unghie corte e senza smalto. Per te la mamma può preparare 4-5 cambi imbustati e identificati con nome e cognome composti da: camicino, body oppure maglietta e mutandina, calze o scarpine, tutina o completo spezzato di cotone o di lana secondo la stagione, ed una copertina. Durante l attesa è consigliabile che la mamma vada subito in Pronto Soccorso? In presenza di: Perdite ematiche Dolori addominali Cefalea Assenza di movimenti fetali In caso di urgenza può accedere 24 ore su 24 al reparto di Ostetricia passando attraverso il Pronto Soccorso generale (piano terra - Ospedale Oglio Po). NASCERE ALL OGLIO PO Parto spontaneo Quando io voglio uscire dalla pancia per venire al mondo, cosa deve fare la mia mamma? A travaglio già insorto o anche nel caso di semplice dubbio, la mamma dovrà passare prima dal Pronto Soccorso. Dopo l accettazione amministrativa, il ginecologo la visiterà e controllerà il tuo battito cardiaco e le contrazioni uterine per decidere il ricovero. Cosa accadrà dopo? Non appena arriva in reparto la mamma viene subito accolta dal personale. Una volta in sala parto/travaglio la mamma può decidere di farti nascere nella posizione che preferisce; di utilizzare la poltrona shiatsu per un dolce massaggio rilassante; di ascoltare la musica che preferisce e di entrare nella vasca da parto. Le ostetriche abitualmente suggeriscono alla mamma l assunzione delle posizioni più adatte per sentire meno dolore. Non solo, la incoraggiano e ascoltano le sue esigenze, lasciandola libera di adottare la posizione che preferisce. Se la mamma ha paura e non riesce a sopportare il dolore, potete aiutarla? È possibile avvalersi dell analgesia epidurale 24h su 24h senza alcun costo, previa consulenza anestesiologica da effettuare verso la 32a settimana (prenotazione al CUP oppure al numero verde lun-sab dalle 8 alle 20). Dove sarà il papà? Accanto a te e alla mamma. Il papà, o una persona amica o familiare, può stare con la mamma durante tutto il travaglio e il parto. Taglio cesareo Se la mia nascita è prevista con taglio cesareo, cosa deve fare la mia mamma? Se il taglio cesareo è programmato, la mamma effettuerà un prericovero per i consueti accertamenti pre-operatori. Poi verrà scelta la data per la tua nascita. Nel caso la tua mamma non sia già seguita in ospedale, dalla 28 settimana è possibile accedere (tramite impegnativa per visita ostetrica preparata dal medico curante) all ambulatorio per la gravidanza. Quando è necessario il taglio cesareo (anche se la mamma ha scelto diversamente)? L intervento si rende necessario, ad esempio, in caso tu ti presentassi in posizione podalica, in presenza di malattie importanti della mamma o di complicazioni insorte durante la gravidanza o nel travaglio di parto

17 Dove sarà il papà? Il tuo papà non potrà essere presente in sala operatoria, in quanto di norma è consentito l ingresso solo al personale sanitario. Ma non ti preoccupare lo incontrerai poco dopo la tua nascita, al Nido, dove verrà accolto dal pediatra che lo aggiornerà sulle tue condizioni di salute. SONO NATO! Cosa succede? A un minuto dalla tua nascita, subito dopo il taglio del cordone ombelicale, riceverai la tua prima pagella attraverso l indice di Apgar. È un esame che non si basa su analisi o strumentazioni, ma sulla valutazione dello stato di benessere. Ad essere valutati con un punteggio sono i cinque principali parametri vitali: attività respiratoria, frequenza del battito cardiaco, tono muscolare, colorito, riflessi. La somma dei punti può arrivare a un massimo di 10 che indica un bambino in ottime condizioni. Non spaventarti, tutti i valori superiori a 7 sono ritenuti accettabili. Il test viene ripetuto al quinto minuto in alcuni casi, anche al decimo - e poi ogni 5 minuti, qualora l adattamento alla vita extrauterina richieda un po più di tempo. Quando esco dalla pancia dove mi mettete? Di solito, quando tutto va per il meglio, appena nato, vieni appoggiato sulla pancia della mamma per stabilire un immediato contatto pelle a pelle. Appena possibile, la mamma può anche attaccarti al seno. Al momento della tua nascita, è presente il pediatra che ti visita per capire come stai: non preoccuparti, non sentirai male. Cosa mi fa il pediatra? Oltre al controllo clinico del tuo stato generale, in sala parto vengono registrati alcuni parametri (peso, lunghezza e circonferenza cranica) che saranno costantemente aggiornati durante le visite pediatriche successive al fine di mantenere sotto controllo il tuo sviluppo. Prima di lasciare la sala parto (e comunque entro le prime due ore di vita) verrai sottoposto a due misure di prevenzione: la prima consiste nella somministrazione di vitamina K (profilassi per la malattia emorragica del neonato) sotto forma di una piccola iniezione nella coscia o di goccine per bocca; la seconda nell instillazione negli occhietti di un collirio antibiotico (profilassi per l infezione gonococcica e la congiuntivite batterica). DOPO LA NASCITA Quando potrò stare con la mia mamma ed il mio papà? Salvo complicazioni potrai stare subito in camera con la mamma e il papà. Nella UO di Ostetricia è attivo il servizio di rooming-in 24h su 24h. Le camere sono singole con bagno e dotate di fasciatoio e poltrona e il papà o una persona di fiducia può rimanere anche di notte. Il personale è a disposizione della mamma per aiutarla e consigliarla rispetto all allattamento, al bagnetto, alla medicazione del moncone ombelicale e molti altri aspetti che ti riguardano. Parenti e amici possono venire a trovarmi? Certo! E bene però che rispettino gli orari stabiliti al fine di favorire l attaccamento con la mamma. Gli orari di visita sono: Giorni feriali mattino pomeriggio Giorni festivi mattino pomeriggio L accesso al di fuori degli orari di visita è consentito solo al papà. Rivedrò il pediatra? Il pediatra verrà a trovarti tutti i giorni al mattino. L infermiera del Nido, invece, effettua i test di screening previsti in genere tra le 48 e le 72 ore di vita. Si tratta di esami che servono a individuare il più precocemente possibile alcune patologie altrimenti difficili da diagnosticare (il neonato che ne è affetto in apparenza è sano) e per le quali è fondamentale intervenire tempestivamente. È importante sottolineare che si tratta di test di primo livello, il cui risultato non costituisce una diagnosi definitiva, ma semplicemente un indice di rischio. L esito positivo del test, quindi, non deve far pensare al peggio, ma va considerato come una bandierina rossa che deve essere valutata meglio

18 I NOSTRI AMBULATORI Si trovano presso l UO di Ostetricia, 1 piano Ospedale Oglio Po. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Ambulatorio di colposcopia e follow-up oncologico Ambulatorio di ecografia Ambulatorio della gravidanza Il medico e l ostetrica seguono la gravidanza fisiologica e a rischio, con prenotazione a carico del personale, di ecografie e visite per tutta la durata della gravidanza. Per questi ambulatori è necessaria la prenotazione al CUP oppure al numero verde , lun-sab dalle 8 alle 20. Ambulatorio di isteroscopia diagnostica Per diagnosi di polipi, fibromi, infertilità, ecc. Prenotazione al numero 0375/ (dal lunedì al venerdì). Dopo quanti giorni posso andare a casa con i miei genitori? Dopo 3 giorni dalla nascita, 4 giorni in caso di Taglio cesareo. Al momento della dimissione verranno consegnate due relazioni: una clinica indirizzata al medico di famiglia per la tua mamma e una indirizzata al pediatra per te. Questi documenti contengono i principali dati clinici che hanno caratterizzato il ricovero, la terapia consigliata, gli esami ancora in corso, le indicazioni su eventuali controlli clinici e/o ulteriori accertamenti diagnostici o terapie da effettuare. A chi si può rivolgere la mamma in caso di dubbi o necessità? Durante il ricovero al personale sanitario che è sempre disponibile. Dopo la dimissione, invece, la mamma può telefonare al numero 0375/ (dopo le ore 11, dal lunedì al venerdì). Ambulatorio diagnosi prenatale La diagnosi prenatale è uno dei nostri punti di forza e siamo in grado di garantire indagini a vari livelli: oltre alle metodiche invasive (amnio e villo centesi) eseguiamo test di screening per stimare il rischio di anomalie cromosomiche, abbinando esami ecografici approfonditi con markers biochimici (rilevabili attraverso un prelievo di sangue). Amniocentesi e Villocentesi Prenotazione al numero 0375/ (dal lunedì al venerdì, dopo le 11). Ecografia traslucenza nucale Prenotazione al CUP oppure al numero verde lun-sab dalle 8 alle 20 Cardiotocografia Tutti i giorni dalle alle presso l Unità Operativa senza prenotazione. Tamponi vaginali Tutti i giorni dalle 8.00 alle 9.30 presso l Unità Operativa senza prenotazione passando prima dal Centro Prelievi del Laboratorio Analisi al piano terra

19 I DIECI PASSI UNICEF-OMS PER L ALLATTAMENTO AL SENO L UNICEF e l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) hanno redatto un decalogo di misure che ogni struttura sanitaria deve dimostrare di rispettare prima di poter essere riconosciuta Ospedale Amico dei Bambini. 1.Definire un protocollo scritto per l allattamento al seno da far conoscere a tutto il personale sanitario Numeri utili per mamma e papà Coordinatore infermieristico tel. e fax Guardiola Infermiere ed Ostetriche tel Guardiola Infermiere Nido tel Centralino Presidio Ospedaliero Oglio Po tel Preparare tutto il personale sanitario per attuare compiutamente questo protocollo 3.Informare tutte le donne in gravidanza dei vantaggi e dei metodi di realizzazione dell allattamento al seno 4.Mettere i neonati in contatto pelle a pelle con la madre immediatamente dopo la nascita per almeno un ora e incoraggiare le madri a comprendere quando il neonato è pronto per poppare, offrendo aiuto se necessario. 5.Mostrare alle madri come allattare e come mantenere la secrezione lattea anche nel caso in cui vengano separate dai neonati 6.Non somministrare ai neonati alimenti o liquidi diversi dal latte materno, tranne che su precisa prescrizione medica 7.Sistemare il neonato nella stessa stanza della madre (rooming-in), in modo che trascorrano insieme ventiquattr ore su ventiquattro durante la permanenza in ospedale 8.Incoraggiare l allattamento al seno a richiesta tutte le volte che il neonato sollecita nutrimento 9.Non dare tettarelle artificiali o succhiotti ai neonati durante il periodo dell allattamento 10.Promuovere la collaborazione tra il personale della struttura, il territorio, i gruppi di sostegno e la comunità locale per creare reti di sostegno a cui indirizzare le madri alla dimissione dall ospedale

20 Largo Priori 1, Cremona Tel

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA Sig.ra Gelsomina Barozzino - CPSE SC Rianimazione e Anestesia Cirié Dott. Marcello Giove Psicologo Servizio di Psicologia Ospedaliera sede di Chivasso e di Ivrea Dott. Bruno Scapino - Responsabile S.S.

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli