DOTAZIONI ORGANICHE PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOTAZIONI ORGANICHE PREMESSA"

Transcript

1 1

2 INDICE Premessa pag. 4 Desiderio di maternità pag. 6 Integrazione con i servizi consultoriali Ambulatorio della gravidanza: basso ed alto rischio pag. 7 Ambulatorio immunoprofilassi anti-d pag. 8 Corso di preparazione al parto pag. 9 Raccolta del sangue cordonale pag. 10 Analgesia epidurale pag. 11 Scelta punto nascita pag. 12 Programmazione taglio cesareo Ambulatorio della gravidanza a termine pag. 13 Percorso mirato alla gravidanza/parto Progetto ICARO pag. 19 Dimissione Patologia prenatale con UTIN pag. 20 Formazione del personale Dipartimento Materno Infantile pag. 21 Carta accoglienza unità operativa di ostetricia poc pag. 22 Io sono nato all Oglio Po pag. 30 I dieci passi UNICEF - OMS per l allattamento al seno pag. 37

3 PREMESSA DOTAZIONI ORGANICHE Nell unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero di Cremona - POC - svolgono la loro attività 1 direttore, 12 medici, 1 coordinatore ostetrico-infermieristico, 22 ostetriche, 16 infermiere e 6 operatore socio sanitario. L elaborazione di un percorso nascita che vede livelli di integrazione inter e intra professionali tra le diverse strutture dell Azienda è un esigenza deontologica e di qualità dell assistenza prima ancora che una cogente indicazione nazionale e regionale. Numerose sono le norme di vario grado e livello che fanno riferimento alla realizzazione dei percorsi nascita nei diversi contesti finalizzate ad accompagnare la donna per tutta la gravidanza, dalla sua programmazione all espletamento del parto ed al post parto. Con il piano regionale 3 febbraio 2010 sono stati individuati specifici obiettivi ed interventi organizzativi volti a favorire la qualità assistenziale del percorso nascita, l equità di accesso ai servizi e il miglioramento continuo della qualità assistenziale. Le due strutture complesse di Ostetricia e Ginecologia e la Neonatologia del Dipartimento Materno Infantile dell Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona (Presidio Ospedaliero di Cremona e Presidio Ospedaliero Oglio Po) hanno elaborato in collaborazione con il Servizio di Psicologia Aziendale, le unità operative di Psichiatria e i consultori territoriali un percorso nascita che monitorizza e valuta l appropriatezza assistenziale mediante l uso di metodologie finalizzate alla ridefinizione continua del rischio e al contenimento del ricorso al taglio cesareo. Ogni struttura ha prodotto e condiviso linee guida, protocolli e procedure per la gestione ed il monitoraggio della gravidanza a basso rischio ed alto rischio con riferimento al ruolo che ogni professionista assume nell assistenza a seconda del livello e dei fattori di rischio. Nell unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero Oglio Po POOP svolgono la loro attività 1 direttore, 6 medici, 1 coordinatore ostetricoinfermieristico, 8 ostetriche, 9 infermiere, 1 ausiliario. Nell unità operativa di Neonatologia del Presidio Ospedaliero di Cremona - POC - svolgono la loro attività 1 Direttore, 6 medici, 13 infermiere/infermiere pediatriche. Nell unità operativa di Pediatria-Nido del Presidio Ospedaliero Oglio Po - POOP - svolgono la loro attività 3 medici, 22 infermiere, 2 ausiliarie. Chi accompagna la donna nel percorso nascita Ginecologo Ostetrica Neonatologo Infermiera/infermiera pediatrica Psicologo/psichiatra Assistente sociale Anestesista Medico di medicina generale Pediatra di libera scelta 4 5

4 DESIDERIO DI MATERNITÀ è attivo presso il POC l Ambulatorio di primo livello di fisiopatologia della riproduzione, poliabortività ed endocrinologia. Nell ambulatorio si definiscono le procedure mediche che supportano o vicariano uno o più aspetti della funzione procreativa al fine di consentire o di aumentare le probabilità di concepimento e d impianto di una gravidanza. Come si accede a questo ambulatorio? è necessaria la prenotazione telefonando al numero verde (lun- ven dalle 8 alle 20) oppure presso il CUP. INTEGRAZIONE CON I SERVIZI CONSULTORIALI CONSULTORIO CONSULTORIO FAMILIARE FAMILIARE Consulenze tramite tramite richiesta telefonica ed invio fax telefonica ed invio fax OSPEDALE OSPEDALE VALUTAZIONE CONSULTORIO OSTETRICA FAMILIARE se gravidanza a basso rischio VALUTAZIONE OSTETRICA OSPEDALE CONSULTORIO FAMILIARE se gravidanza ad alto rischio OSPEDALE se gravidanza a basso rischio o per scelta della se gravidanza paziente ad alto rischio o per scelta della paziente VALUTAZIONE OSTETRICA: ecografia ostetrica Consulenze: Diagnosi prenatale mediante villocentesi o amniocentesi (per la diagnosi precoce delle anomalie congenite e delle malattie genetiche) Diabetologo Neurologo Ematologo Psicologo/psichiatra Assistente sociale Mediatore culturale per le donne immigrate AMBULATORIO DELLA GRAVIDANZA Il primo controllo per la valutazione del rischio ostetrico (indipendentemente dall epoca gestazionale) viene effettuato dal ginecologo che decide il percorso assistenziale (basso o alto rischio). Consegna le seguenti note informative riguardanti: infezioni in gravidanza diagnosi prenatale in gravidanza i controlli previsti in gravidanza. La gravidanza a basso rischio è gestita in autonomia dall ostetrica ambulatorialmente rispettando i protocolli in essere assicurando un continuo followup fino al momento del parto. La gravidanza ad alto rischio è monitorata dal ginecologo e dall ostetrica ambulatorialmente con collaborazioni pluridisciplinari e applicazione di specifici protocolli di diagnosi prenatale Per la gestione ed il monitoraggio della gravidanza a basso ed alto rischio con riferimento al ruolo che ogni professionista assume nell assistenza a seconda del livello e dei fattori di rischio all interno del Dipartimento Materno Infantile sono stati prodotti e condivisi: Linee guida Protocolli Procedure Come accedere all ambulatorio per il POC: telefonando al n (segreteria ambulatori Ost-Gin) dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore presentandosi al front office degli ambulatori di Ost-Gin 7 piano Corpo E dal lunedì al venerdì confermare al CUP l appuntamento programmato. Come accedere all ambulatorio per il POOP: prenotando al CUP con impegnativa del medico di medicina generale, oppure telefonando al Numero verde (dal lun al venerdì dalle 8 alle 20). 6 7

5 AMBULATORIO IMMUNOPROFILASSI ANTI-D Secondo le recenti linee guida nazionali ed internazionali, per le gravide con fattore Rh negativo è raccomandata alla 28 settimana di gravidanza l esecuzione di immunoprofilassi Anti-D che prevede la richiesta di un piano terapeutico. La stesura del piano terapeutico è di competenza dello specialista ospedaliero, la somministrazione del farmaco, essendo un emoderivato, deve essere eseguita in ambiente ospedaliero. Per effettuare l immunoprofilassi Anti-D la gravida deve presentare: referto del gruppo sanguigno con fattore Rh negativo test di Coombs indiretto negativo. Le stesure del piano terapeutico si effettuano dopo la sottoscrizione del consenso informato, al venerdì nell ambulatorio della gravidanza dalle ore alle ore é necessario fissare un appuntamento telefonico presso il front office degli ambulatori dell Ost-Gin dalle ore alle ore Alla 28 settimana di gestazione si esegue l immunoprofilassi Anti-D. Il piano terapeutico è in triplice copia di cui: una copia alla gravida una copia all Ente prescrittore una copia all ASL CORSO DI PREPARAZIONE AL PARTO Il corso di preparazione al parto è un momento importante di incontri tra i futuri genitori ed un gruppo di operatori sanitari qualificati (ginecologo, ostetrica, neonatologo, anestesista) che si prenderanno cura della donna e del neonato durante il percorso nascita Gli incontri hanno lo scopo di preparare la gestante ad affrontare in modo più consapevole e sereno il travaglio, il parto, ma anche tutte le altre situazioni legate all evento nascita. Il corso si divide in una parte teorica (3 incontri) ed una parte pratica di esercizi fisici (3 incontri). Offre inoltre la possibilità di familiarizzare con la struttura scelta ed i suoi operatori. È fortemente auspicata la presenza del futuro papà. Il corso prevede il pagamento di un ticket per tutti gli incontri con impegnativa del medico di medicina generale con dicitura training prenatale Al corso si può accedere: Ospedale di Cremona, dalla 32 a settimana di gravidanza, iscrivendosi telefonicamente al n 0372/ tutti i giorni dopo le ore Ospedale Oglio Po, telefonando al n tutti i giorni dopo le ore 11,00; oltre agli incontri teorico-pratici vi è la possibilità di frequentare un corso parallelo di acquaticità con le ostetriche presso la piscina di Viadana. Per il POOP, l immunoprofilassi Anti-D si effettua il martedì dalle ore 17,00 alle ore 18,00 previo appuntamento telefonico con il reparto ( ). 8 9

6 RACCOLTA SANGUE CORDONALE Presso l UO di Ostetricia di Cremona e di Oglio Po è possibile effettuare il prelievo del sangue cordonale per la donazione delle cellule staminali ad uso solidaristico e ad uso dedicato. DONAZIONE SOLIDARISTICA È un atto volontario e anonimo col fine di mettere a disposizione il sangue del cordone ombelicale per chiunque abbia bisogno di un trapianto di cellule staminali. La donazione del cordone ombelicale in Italia è consentita solo nelle Banche pubbliche ed è gratuita. Le UO di Ostetricia di Cremona e di Oglio Po collaborano con la Cord Blood Bank di Pavia. Come fare richiesta: è necessario fissare un appuntamento presso il Centro Trasfusionale per una visita di idoneità, in cui verranno controllati gli esami eseguiti in gravidanza e verranno prescritti nuovi accertamenti dalla 34 alla 36 settimana di gestazione. Alle donne idonee, al momento del parto, si potrà effettuare il prelievo del sangue cordonale secondo le procedure in essere. La prenotazione presso il Centro Trasfusionale è: per il POC, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore tel per il POOP, dal lunedì al venerdì dopo le ore tel DONAZIONE DEDICATA In Italia è consentita la donazione dedicata, gratuitamente, in Banche pubbliche per il neonato con patologia (in atto al momento della nascita o evidenziata in epoca prenatale) o quando è necessario curare un familiare (in genere fratello/ sorella, affetto da una malattia al momento della raccolta o pregressa), per la quale risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato l uso di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico-sanitaria. Come fare richiesta: Si fa richiesta direttamente al Referente del sevizio di donazione del sangue cordonale che procederà ad avviare l iter stabilito. ANALGESIA EPIDURALE La percezione e la tolleranza del dolore sono fattori variabili da persona a persona. La donna può scegliere di affrontare l esperienza parto prendendo in considerazione la Partoanalgesia. È una delle tecniche che consente di eliminare il dolore del travaglio e del parto, lasciando però inalterate la sensibilità cutanea, la capacità motoria e soprattutto la percezione delle contrazioni uterine. Rientra nelle prestazioni erogate dal Sistema Sanitario Nazionale in regime di ricovero. Lo staff di anestesisti è disponibile 24 ore su 24 per far fronte a tutte le necessità della sala parto e dei tagli cesarei. Come richiederla: È indispensabile effettuare il Prericovero alla 36 settimana di gravidanza da prenotare almeno 20 giorni prima. Si prenota telefonando al Prericovero Chirurgico allo (dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore 18.30). Il giorno e all ora concordati la gravida deve recarsi: al front-office Ambulatori Ostetricia-Ginecologia alle ore 8.10 (7 piano corpo centrale) per ritirare le richieste degli esami ematici e dell elettrocardiogramma), agli ambulatori di Cardiologia (piano terra) sala attesa n 4 per effettuare l ECG, al centro prelievi (palazzina esterna) utilizzando lo sportello facilitato n 7 per l esecuzione degli esami ematici, al Prericovero Chirurgico (6 piano corpo B) dove l anestesista effettuerà la visita anestesiologica e il colloquio informativo specifico

7 SCELTA PUNTO NASCITA Ambulatorio della gravidanza alla 36/37 settimana di gravidanza. L accesso dell ambulatorio consente di: valutare il rischio ostetrico prendere conoscenza di come accedere al reparto al momento del ricovero per il travaglio di parto decidere l espletamento del parto dopo un pregresso taglio cesareo TC: modalità, informazione e consenso effettuare la programmazione del Pre-ricovero e la programmazione del TC effettuare la compilazione della cartella clinica per quanto possibile inviare la futura mamma al Nido per la compilazione della cartella del neonato consegnare la scala di Edimburgo (valutazione per la possibilità della depressione post-partum) attivare, se necessario, il servizio di Psicologia interna tramite richiesta di consulenza. PROGRAMMAZIONE TAGLIO CESAREO Lo scopo dell Ambulatorio della 36/37 settimana di gravidanza è l inquadramento preparto delle pazienti con gravidanza a rischio (modalità ed epoca di espletamento del parto) e la programmazione dei tagli cesarei. La programmazione e la motivazione della data del taglio cesareo tiene in attenta considerazione le indicazioni date dal ginecologo. L obiettivo è di ridurre le giornate di ricovero nelle gravide con taglio cesareo programmato, poiché il ricovero verrà eseguito la mattina stessa dell intervento Previo appuntamento (dal lunedì al venerdì dopo le ore 10.00) le gravide con taglio cesareo programmato si devono recare dal coordinatore ostetrico-infermieristico per programmare il prericovero e la compilazione della cartella neonatologica presso il nido. AMBULATORIO DELLA GRAVIDANZA A TERMINE Tutte le gravide confluiscono all ambulatorio della gravidanza a termine del punto nascita scelto per un adeguata valutazione prima del ricovero per il parto. L obiettivo è quello di garantire il benessere materno-fetale in attesa dell insorgenza del travaglio spontaneo dopo la 40 settimana di gravidanza. Come accedere all ambulatorio: Per il POC si prenota presso il CUP con impegnativa del medico di medicina generale con richiesta di: CTG ( Cardiotocografia), AFI (Valutazione liquidido amniotico), Visita ostetrica. Ad ogni controllo, se non presente travaglio attivo e patologie, si programmano ulteriori controlli a giorni alterni fino alla 41 settimana e 5 gg. Per il POOP, accesso diretto in Ostetricia senza prenotazione tutti i pomeriggi dalle ore alle ore 18,00. PERCORSO MIRATO ALLA GRAVIDANZA/PARTO La collaborazione tra Ostetricia Nido UTIN è fondamentale per poter raggiungere l obiettivo comune: una buona nascita. Infatti per favorire la collaborazione e la cooperazione è stato pianificato un briefing mattutino che prevede la presenza dell equipe del Dipartimento Materno Infantile: ginecologi, neonatologo, coordinatore ostetrico infermieristica e coordinatore infermieristico Nido UTIN. Il medico di guardia smontante dal turno notturno procede alla consegna, quindi si discutono i casi clinici presenti per adottare una scelta clinica condivisa. CONSULENZA OSTETRICA DI PRONTO SOCCORSO La consulenza ostetrica, previo triage infermieristico del Pronto Soccorso, viene effettuata 24 ore su 24 nella sala dedicata al pronto soccorso del 7 piano. Nel caso in cui la donna non necessiti di ricovero, ma di una osservazione viene trattenuta in regime di osservazione breve intensiva (O.B.I.). Nel caso in cui esista la necessità di ricovero la donna viene accompagnata dal personale di assistenza in reparto o direttamente nel comparto parto. AL RICOVERO: valutazione ostetrica monitoraggio cardiotocografico esami di routine ulteriori accertamenti se necessari 12 13

8 comunicazione dei casi clinici segnalati (consultori, assistente sociale), attivazione collaborazione all interno dell equipe Dipartimento Materno Infantile, nelle pazienti precedentemente seguite dallo psichiatra si richiede la consulenza dello specialista, se presenza di comportamenti anomali si richiede la consulenza dello psicologo che, se necessario, attiva il collega psichiatra. LA GRAVIDA NECESSITA DI TRASFERIMENTO Ove siano presenti condizioni che rendano opportuno l espletamento del parto in un centro di livello superiore si attiva il trasferimento della donna gravida in altra struttura. Il trasferimento viene effettuato in ambulanza e prevede l accompagnamento di un ginecologo, di un ostetrica e se richiesto di un pediatra/ neonatologo. ASSISTENZA TRAVAGLIO E PARTO Si attua un modello personalizzato di assistenza che ha avuto risultati positivi per la salute della donna e del neonato: ridotto uso di farmaci, minor numero di tagli cesarei, travaglio più breve, mamme e bambini più in salute. La UO di Ostetricia e Ginecologia si è sempre distinta per l umanizzazione e per la capacità di essere al fianco della partoriente. Alle qualità dei professionisti si aggiunge una particolare cura degli ambienti e delle tecnologie utilizzate durante il parto. Il modello di assistenza adottato e offerto a tutte le donne, prevede percorsi differenziati tra gravidanza fisiologica e non fisiologica rispettando i protocolli in essere, la gestione è a carico dell ostetrica in condivisione col medico. L ostetrica rimane costantemente al fianco della donna. Questo significa garantire il massimo supporto emozionale, ma anche individuare precocemente la comparsa di fattori di rischio ostetrico e di scostamento dalla fisiologia. Diversi sono anche gli strumenti utilizzati: in caso di gravidanza fisiologica, il parto avviene nella sale parto dotate di cardiotocografi, letto matrimoniale o multifunzione, vasca parto, sgabelli, pallone, cuscini, materassini, telemetria, doccia, musica In caso di gravidanza non fisiologica viene soprattutto utilizzata la sala arancio, la più vicina alla sala operatoria per accelerare i tempi in caso di emergenza dotata di cardiotocografo, letto multifunzionale sgabelli, doccia, telemetria. In ogni caso l obiettivo è dare un assistenza personalizzata. In particolare, c è una ricerca continua da parte dell ostetrica di quanto serve a mamma e nascituro per il migliore percorso verso la nascita: posizioni libere e movimento, acqua (vasca o doccia), supporto emotivo continuo, massaggi, farmaci, musica. Ogni donna in travaglio/parto è libera di scegliere una persona (preferibilmente il marito o compagno, ma può essere anche un familiare o un amica). Non è consentita la presenza del futuro papà in sala operatoria se necessario il taglio cesareo. è GARANTITO IL PARTO IN ANONIMATO Quando la mamma vuole rimanere segreta... La nascita di un bambino è un evento straordinario nella vita di una donna, che incide profondamente nella sua vita concreta, emotiva, relazionale. Non tutte le donne riescono ad accogliere la loro maternità, per una complessità di motivazioni che occorre ascoltare, comprendere e riconoscere. Durante la gravidanza, specie in situazioni di difficoltà di varia natura della madre a rispondere adeguatamente ai bisogni del bambino, è indispensabile che la donna sia seguita in maniera qualificata, per la tutela sua e del nascituro, in modo da evitare decisioni affrettate e spesso drammatiche, al momento del parto. Occorre sostenere, accompagnare, informare le donne, affinché le loro scelte siano libere e consapevolmente responsabili. è fondamentale la relazione della comunicazione con la donna. In ospedale, al momento del parto, serve garantire la massima riservatezza, senza giudizi colpevolizzanti ma con interventi adeguati ed efficaci, per assicurare - anche dopo la dimissione - che il parto resti in anonimato. La donna che non riconosce e il neonato sono i due soggetti che la legge deve tutelare, intesi come persone distinte, ognuno con specifici diritti. La legge consente alla madre di non riconoscere il bambino e di lasciarlo nell Ospedale dove è nato (DPR 396/2000, art. 30, comma 2) affinché sia assicurata l assistenza e anche la sua tutela giuridica. Il nome della madre rimane per sempre segreto e nell atto di nascita del bambino viene scritto nato da donna che non consente di essere nominata

9 è NATO Alla nascita, previo clampaggio del funicolo, l ostetrica esegue sul cordone il prelievo per il Ph, il prelievo per il gruppo sanguigno e se richiesto il prelievo per la donazione del sangue cordonale. L equipe presente valuta lo stato di benessere del neonato e se tutto è andato per il meglio il neonato viene adagiato sulla pancia della mamma per stabilire un immediato contatto pelle a pelle, appena possibile la mamma può attaccare il suo bambino al seno. Il neonato viene poi affidato alle cure del neonatologo e della sua equipe. In sala parto al momento della nascita sono presenti: il ginecologo, l ostetrica, l infermiera, il neonatologo, l infermiera pediatrica e se utilizzata la parto analgesia anche l anestesista. PRIME CURE DEL NEONATOLOGO E DELLA SUA EQUIPE Oltre al controllo clinico dello stato generale, in sala parto vengono registrati i parametri che saranno costantemente aggiornati nelle visite pediatriche successive e che sono molto importanti per tenere sotto controllo lo sviluppo del neonato. Prima che il neonato lasci la sala parto, entro le prime due ore di vita, verrà sottoposto alla profilassi della malattia emorragica del neonato e alla profilassi per l infezione gonococcica e la congiuntivite batterica. LE DUE ORE DEL POST-PARTUM L attenta sorveglianza della donna nelle prime 2 ore del post-partum e la promozione di un precoce attaccamento al seno materno rappresentano azioni raccomandabili per la prevenzione e la precoce individuazione di eventuali sanguinamenti anomali. I cardini del trattamento dell emorragia del post-partum sono: il mantenimento della contrattilità uterina ottenuta tramite mezzi fisici o farmacologici e il mantenimento o sostegno del circolo con opportuna idratazione. Trascorso tale periodo si esegue alla neo mamma un nuovo controllo per la valutazione di benessere e indi la puerpera viene trasferita nel reparto di degenza. Il neonato entra al Nido per ulteriori accertamenti e osservazione. LE PRIME DUE ORE DI VITA DEL NEONATO Il neonato, dopo essere stato sottoposto alle prime cure nell Isola Neonatale ed eseguita la procedura di identificazione e ricovero al Nido, viene trasferito nell unità Travaglio-parto e affidato alla puerpera per le prime due ore dopo il parto. Tale affidamento viene autorizzato dal Neonatologo e dal Ginecologo, ciascuno per la propria competenza, quando il neonato sia considerato nato da parto fisiologico, a termine (> o = a 37 settimane di gestazione) e con punteggio di Apgar superiore a 7 nei primi cinque minuti. Durante le due ore dopo il parto il neonato viene monitorizzato con un Saturimetro, il cui sensore è posizionato dalla Infermiera del Nido, allo scopo di rilevarne la Frequenza Cardiaca (FC) e la Saturazione di O2 (SaO2). L Infermiera del Nido, terminate le prime cure e l identificazione, effettua la prima rilevazione e il controllo clinico del neonato quando lo porta ai genitori. I controlli successivi (FC e SaO 2 ), a distanza di 30 minuti l uno dall altro per quattro volte, dovranno essere a loro volta documentati (il saturimetro è dotato di memoria) dalle Infermiere del Nido nella cartella del Neonato. Il saturimetro è, altresì, dotato di un sistema di allarme preimpostato (per valori di FC inferiori a 110/min e superiori a 180/min e per valori di SaO 2 inferiori a 85%): in caso di necessità (allarme sonoro) l Ostetrica avvertirà tempestivamente l Infermiera Pediatrica del Nido.Al termine del periodo di osservazione di due ore il neonato segue la mamma in camera (Rooming-in) o viene accolto al Nido. In caso di problematiche il neonato verrà trasferito in Patologia Neonatale. IL ROOMING-IN Quando madre e figlio sono insieme, subito dopo il parto, beneficiano della particolare situazione ormonale, che favorisce il reciproco riconoscimento e l innamoramento da parte della madre per il piccino che è nato. L ossitocina, definito ormone dell amore (che entra in circolo anche durante il rapporto sessuale ed è il carburante che permette il buon espletamento del parto stesso), nelle primissime ore successive alla nascita raggiunge livelli massimi nell organismo materno. La vicinanza mamma-bebè facilita il processo di attaccamento e ha un effetto stabilizzante sull umore della neomamma. Viceversa, la separazione può favorire la comparsa della depressione post-partum. Per il bambino, catapultato all improvviso in un mondo nuovo e sconosciuto, la vicinanza della madre è garanzia per un miglior adattamento alla vita fuori dal pancione. Tanti benefici per il bambino Quanto detto per le prime ore successive al parto, è valido anche per i giorni che solitamente madre e figlio trascorrono in ospedale. Il bambino ha bisogno della madre per sentirsi bene, per sentirsi al sicuro

10 Questi sono i giorni in cui il neonato impara a conoscere e riconoscere la mamma. Si è visto che la vicinanza favorisce l acquisizione di un ottimale ritmo respiratorio e digestivo, rafforza l apparato immunitario e riduce la sensibilità allo stress. Se il piccino è nella culla accanto alla madre, piange meno poiché lei è pronta a consolarlo, a prenderlo in braccio, ad allattarlo. e per la mamma Così come il neonato sperimenta un bisogno intenso di essere contenuto e rassicurato, la mamma sperimenta il bisogno intenso di proteggere il suo piccino. Gli operatori sostengono e aiutano la mamma a prendersi cura del bebè, sempre incoraggiandola e sottolineando le sue competenze, perché una volta tornata a casa si senta capace e sicura di sé. Molto meglio fare le prove generali in reparto, quando in caso di dubbio si può chiedere aiuto al personale. Perché il rooming-in sia vissuto come un opportunità e non come un imposizione che impedisce alla neomamma di riposare è fondamentale che sia ben organizzato. La donna non può essere abbandonata, con un bimbo da gestire, senza ricevere alcun aiuto. Il personale assiste la neomamma mentre si prende cura del bebè. Le stanze del reparto sono attrezzate con fasciatoio e l occorrente necessario al bebè. Importante per l allattamento Un altro vantaggio del rooming-in è che favorisce l avvio delle poppate. Se il piccino è con la mamma, lei può attaccarlo al seno non appena si mostra interessato a poppare. A Cremona solitamente il rooming-in è diurno, ma su richiesta è possibile fare rooming-in anche di notte basta comunicare la richiesta alle ostetriche e al personale infermieristico del Nido. A Oglio Po il servizio di rooming-in è attivo 24h su 24. Il personale è sempre a disposizione della mamma per consigliarla per quanto riguarda l allattamento, il bagnetto, la medicazione del moncone ombelicale e suggerimenti vari. Allattamento al seno Per la promozione dell allattamento al seno le UO di Ostetricia e di Neonatologia hanno adottato il decalogo I dieci passi UNICEF-OMS (vedi pag. 37). PROGETTO ICARO è un sistema informatico in grado di gestire tutte le incombenze burocratiche legate all evento nascita direttamente dalla struttura sanitaria: dalla registrazione del nato, alla trasmissione degli atti in Comune, all attribuzione del codice fiscale, alla scelta del medico pediatra. Il progetto è coordinato da Regione Lombardia con la partecipazione degli Enti a cui competono i servizi: Ospedali, Comuni, Agenzia delle Entrate del Ministero dell Economia e delle Finanze e ASL. Il progetto ICARO permette di svolgere tutte le pratiche burocratiche nel luogo dove è avvenuto l evento nascita, il servizio offerto consente: la dichiarazione di nascita e la registrazione del nuovo nato presso il comune di residenza della madre l assegnazione del codice fiscale da parte dell agenzia delle Entrate l iscrizione all anagrafe assistiti presso l ASL di appartenenza la richiesta di assegnazione del pediatra di scelta. In Ospedale può essere fatta presso la Direzione Medica di presidio oppure, per i residenti nei Comuni aderenti al progetto ICARO, presso l Ufficio Accettazione Ricoveri o direttamente presso il front office del reperto di Ostetricia e Ginecologia. I documenti richiesti sono: documento d identità dei genitori e attestazione di nascita. Questo servizio è attivo per i soli Comuni che hanno aderito. LA DIMISSIONE La degenza ospedaliera della mamma e del neonato dopo il parto sta diventando sempre più breve, specialmente laddove non si siano riscontrate complicazioni. Tuttavia, le nuove politiche ospedaliere tendono ad accelerare i tempi di dimissione anche qualora la nascita sia avvenuta tramite taglio cesareo. Uno dei perni su cui si incentrano le nuove linee guida dei punti nascita, è quello di ridurre al minimo l ospedalizzazione della gravidanza e del parto, per rendere questi eventi quanto più naturali e spontanei possibile.per la mamma ed il neonato la dimissione avviene il terzo giorno dopo il parto, 4 gg se è stato eseguito il taglio cesareo. Alla dimissione viene consegnata una lettera per richiedere l assistenza di un ostetrica territoriale a domicilio. L intervento dell ostetrica a domicilio ha lo scopo di sostenere la neomamma durante le prime fasi dell allattamento, alle cure neonatali e a fornire informazioni per la gestione del piccolo. L assistenza è gratuita. Nei casi ove necessita, il supporto di altri operatori sanitari (psicologo, assistente sociale) si esegue segnalazione alla sede territoriale di appartenenza per garantire la continuità assistenziale. Per il bambino al momento della dimissione viene consegnata una relazione clinica indirizzata al pediatra, nella relazione sono contenuti i dati clinici rilevati in corso di ricovero, la terapia effettuata e consigliata, gli esami eseguiti e quelli ancora in corso, le indicazioni su eventuali controlli clinici e/o ulteriori accertamenti diagnostici o terapie da effettuare

11 PATOLOGIA NEONATALE CON UTIN La struttura è punto di riferimento della Provincia di Cremona per l assistenza sia ai neonati a termine affetti da gravi patologie sia ai neonati affetti da grave e gravissima prematurità che presentano un peso alla nascita inferiore a 1500 grammi (neonati di peso molto basso) e inferiore a 1000 grammi (neonati di peso estremamente basso). L UO offre una risposta completa da un punto di vista diagnostico alle esigenze dei neonati affetti da patologie endocrino-metaboliche, cardiologiche, malformative. L assistenza neonatale è fortemente integrata con quella alla gravidanza e al parto, con figure di riferimento in grado di guidare la famiglia lungo tutto il percorso. La cura dei pazienti non ha termine all atto della dimissione ma prosegue mediante un follow-up ambulatoriale polispecialistico. Dal 2006 Regione Lombardia ha attribuito alla struttura la funzione dell assistenza al Neonato Gravemente Immaturo che necessita di Terapia Intensiva, dal 2011 la struttura è considerata tra i Centri Hub regionali di Terapia Intensiva Neonatale. Precisazioni In Neonatologia è presente un locale di degenza con servizi per le puerpere (madri di neonati ad alto rischio ricoverati) provvisto di due letti e dei seguenti servizi: telefono, televisore, luce notturna per la lettura, chiamata. Comfort spazi comuni: soggiorno/cucina/sala di lettura (lavello, forno a microonde, stoviglie, tavolo, ripostiglio, frigorifero) ad uso delle puerpere e dei genitori. FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Per favorire la collaborazione e raggiungere l obiettivo prefissato una buona nascita è richiesto costantemente un percorso formativo sia all interno che alle strutture afferenti al Dipartimento Materno Infantile - DMI. Il percorso formativo aiuta a: mantenere elevata ed al passo con i tempi la professionalità degli operatori sanitari aumentare la capacità comunicativa e relazionale ottimizzare le politiche assistenziali a specifiche categorie di pazienti attraverso il miglioramento dell efficacia e della qualità assistenziale Gli strumenti: incontri periodici del personale sanitario afferente al DMI utilizzo di linee guida Evidence Based Medicine (EBM) utilizzo di protocolli e procedure costantemente aggiornati e condivisi da tutti gli operatori la collaborazione tra tutte le figure coinvolte nell assistenza un audit periodico dei casi gravati da eventi avversi 20 21

12 CARTA ACCOGLIENZA UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA POC CARATTERISTICHE DELL UNITÀ OPERATIVA L Unità Operativa di Ostetricia è collocata al settimo piano del Monoblocco Ospedaliero, ala destra (medica). è dotata di 5 stanze ad un letto con bagno, 6 stanze a due letti con bagno. Al momento del ricovero è possibile richiedere le camere a pagamento, collocate nel reparto di Ginecologia. Ogni stanza è dotata di televisore con cuffie a pagamento. DI COSA CI OCCUPIAMO Il Punto nascita dell Ospedale di Cremona è costituito da 4 Sale Parto, da una camera operatoria per le urgenze e da un reparto di degenza per un totale di 17 posti letto. Il comparto parto si compone di 4 unità travaglio-parto che, oltre ad essere molto funzionali per gli operatori, sono strutturate per soddisfare le esigenze della futura mamma relativamente al parto, momento naturale carico di emotività e di aspettative. Alle donne viene offerta la possibilità di partorire in varie modalità in base alle esigenze individuali: parto in acqua (sono a disposizione 2 vasche) posizioni alternative (carponi, sgabello olandese, posizioni verticali... ) posizione litotomica classica parto indotto, parto pilotato (tecniche mediche per accelerare, quando indicato, i tempi del parto) parto analgesia: serve a ridurre la percezione del dolore, senza però interferire sullo stato di coscienza, permettendo quindi una partecipazione attiva della partoriente alla nascita del bambino. Questa tecnica richiede l intervento dello specialista che nella nostra struttura è presente 24 ore su 24. Per poterne usufruire è necessario eseguire una visita anestesiologica alcune settimane prima della data presunta del parto per eseguire tutti gli accertamenti necessari. Annessa al comparto-parto è stata realizzata un isola neonatale per garantire un assistenza immediata ai nuovi nati, con la costante presenza dei medici neonatologici ed una Terapia Intensiva Neonatale per far fronte alle emergenze neonatali. Le condizioni ambientali delle stanze (climatizzazione ottimale, luminosità particolare, fasciatoio) sono realizzate affinché il neonato possa rimanere con i genitori durante il giorno (rooming in diurno) ad eccezione dell orario di visita e della notte. Se si desidera il rooming in sulle 24 ore è necessario comunicarlo alle ostetriche e al personale del Nido al momento del ricovero. COSA SERVE SAPERE PER IL RICOVERO All Unità Operativa si accede in regime d urgenza o in modo programmato, in tal caso il paziente verrà sempre contattato dal Coordinatore ostetrico-infermieristico per concordare la data e l ora di ricovero. Al momento del ricovero, oltre al foglio di ricovero, sono necessari per i cittadini italiani: documento di riconoscimento, Carta Regionale dei Servizi o tessera sanitaria e codice fiscale. Per i cittadini dell Unione Europea oltre al documento di riconoscimento è necessario presentare anche la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) o certificato sostitutivo. Per i cittadini di Paesi extracomunitari sono necessari: permesso di soggiorno, tessera sanitaria o polizza assicurativa e documento di riconoscimento. È necessario portare con sé tutta la documentazione sanitaria relativa alla gravidanza in corso e comunicare ai medici, al momento dell arrivo in reparto, eventuali farmaci che si stanno assumendo le terapie in corso. Cosa portare Consigliamo di portare tutto il necessario per l igiene personale, gli asciugamani, la biancheria intima, camicie da notte o pigiami comodi per l allattamento, vestaglia, assorbenti igienici da utilizzare dopo il parto, mutande monouso a rete (di carta o di cotone) e ciabatte. Se si desidera fare l esperienza del travaglio e del parto in acqua è necessario portare un accappatoio o un telo da bagno. È sempre buona norma presentarsi con unghie corte e senza smalto. Per il bambino è consigliato portare 4-5 cambi imbustati ed identificati da nome e cognome composti da: camicino, body oppure maglietta e mutandina, calze o scarpine, tutina o completo spezzato di cotone o di lana secondo la stagione. Inoltre è necessaria una copertina per tenere il bambino in stanza. Sono a disposizione contenitori per la custodia di protesi (dentali, acustiche) durante il ricovero. Durante il ricovero è preferibile non tenere con sé somme di denaro, gioielli o oggetti di valore. L Azienda Ospedaliera non risponderà di eventuali ammanchi dovuti a furti o smarrimenti. L uso del telefono cellulare è consentito, tranne in alcune aree segnalate, garantendo comunque il rispetto delle necessità di riposo e tranquillità degli altri pazienti o dell attività di reparto

13 Colloqui medici I medici ed il personale infermieristico sono a disposizione per fornire informazioni sulla situazione clinica del paziente, compatibilmente con le attività di assistenza, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle alle presso lo studio colloqui del reparto oppure in altro orario da concordare con il Coordinatore ostetrico-infermieristico. Ingresso visitatori Feriali: dalle alle e dalle 19 alle 20. Festivi: dalle 17 alle 19. L accesso al di fuori degli orari indicati è consentito solo ai neopapà. È importante non affollare la stanza per motivi igienici e per non disturbare gli altri pazienti. Il rispetto di queste semplici norme contribuisce a mantenere la serenità in reparto, nel rispetto di tutti, oltre ad evitare il verificarsi di situazioni spiacevoli. Non è consentito l accesso ai reparti ai bambini di età inferiore ai 12 anni. In caso di particolari necessità rivolgersi al direttore o al coordinatore dell unità operativa. Pasti Ogni giorno è possibile scegliere il pasto consultando l apposito menù disponibile in ogni stanza e comunicando le modifiche richieste al personale oppure in modo autonomo utilizzando il totem system (collocato prima del reparto di Ginecologia). Nel caso si debba seguire una dieta particolare, sarà cura del personale assicurarne il rispetto. Dichiarazione di nascita Deve essere fatta da uno dei genitori oppure da entrambi i genitori se non sono coniugati, entro 3 giorni se fatta presso il centro di nascita oppure entro 10 giorni negli altri casi. In Ospedale può essere fatta presso la Direzione Medica di presidio oppure, per i residenti nei Comuni aderenti al progetto ICARO, presso l Ufficio Accettazione Ricoveri o direttamente presso il front office del reperto di Ostetricia e Ginecologia. I documenti richiesti sono: documento d identità dei genitori e attestazione di nascita. Servizi di sostegno Mediatori Culturali e Linguistici è attivo un servizio di interpretariato telefonico on-line di 24 ore su 24. è presente inoltre un servizio di mediazione culturale a giorni ed orari fissi con la presenza in loco di mediatori arabo e indiano. Per usufruirne contattare il Servizio Sociale. Servizio Sociale Piano Terra (ala destra) lun-ven: 9-15 tel Assistenza spirituale L ospedale garantisce l assistenza spirituale di sacerdoti cattolici, i quali nel rispetto del pensiero, culto, credenza e fede dei pazienti, sono disponibili al colloquio, all ascolto alla confessione ed all amministrazione dei Sacramenti. La loro presenza può essere richiesta attraverso il personale infermieristico. I pazienti di religione diversa da quella cattolica possono direttamente o attraverso la collaborazione del personale infermieristico mettersi in contatto con il Ministro del culto professato. La Santa Messa è ufficiata ogni giorno nella Chiesa dell ospedale nei seguenti orari: Feriali e prefestivi ore Festivi ore e

14 Altri servizi Bar Il bar si trova all ingresso dell ospedale. Lun-ven: Sab e dom: Distributori di bevande calde e fredde sono presenti all ingresso dell ospedale e in quasi tutti i piani dell ala destra e sinistra del monoblocco. Giornali All ingresso dell ospedale è presente un edicola dove è possibile l acquisto di giornali e riviste. Lun-ven: Sab e dom: Banca Si trova nel Padiglione 12 (palazzina CUP). Lun-ven: e Sono disponibili due sportelli Bancomat, uno presso la palazzina CUP, il secondo in ospedale Bancomat al piano rialzano vicino agli ascensori (ala sinistra). Alloggi Per i parenti dei pazienti che provengono da fuori città sono previste alcune convezioni per alloggi a tariffe agevolate, consultare il tabellone dedicato nella bacheca dell unità operativa. Dimissione La dimissione prevista per il parto spontaneo è in terza giornata dal parto, mentre per il taglio cesareo è in quarta giornata, salvo complicazioni. Al momento della dimissione viene consegnata una relazione clinica, indirizzata al proprio medico di base, che riporta la diagnosi, la modalità del parto, l allattamento in corso e l eventuale terapia da seguire a domicilio. Le puerpere, che a domicilio necessitano di sostegno e di consigli per l allattamento al seno, possono rivolgersi anche alle ostetriche del consultorio familiare del proprio distretto. Copia documentazione sanitaria Una copia di tutta la documentazione clinica accumulata nel corso del ricovero o di precedenti accessi all ospedale può essere richiesta in qualsiasi momento: Ufficio Consegna referti e Cartelle Cliniche Lun-ven: sabato: 8-12 Padiglione 12 (CUP) La richiesta può essere presentata anche per posta o via fax ( ), utilizzando la modulistica aziendale (scaricabile dal sito), allegando copia del documento di riconoscimento e ricevuta del pagamento. Vigilanza Il servizio delle Guardie Particolari Giurate è attivo 24 ore su 24. È preposto alla vigilanza del patrimonio dell Azienda, al controllo della viabilità interna, alla sorveglianza dei pazienti ricoverati e dei visitatori ed all attività di supporto delle forze dell ordine. Per attivarlo chiamare il numero

15 Ambulatori Le prenotazioni di visite ed esami possono essere effettuate telefonicamente al numero verde , dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20. Oppure di persona recandosi presso gli sportelli del Centro Unico di Prenotazione (CUP). Contattare direttamente gli ambulatori di Ostetricia (tel 0372/405638, lun-ven dalle alle 15.30) per prenotare: Diagnosi prenatale (traslucenza nucale associato a test biochimico), Gravidanza fisiologica, Gravidanza a rischio. Per il corso di preparazione al parto contattare direttamente l U.O. di Ostetricia (tel 0372/405225, lun-ven dalle 15 alle 16). Per amniocentesi e villocentesi contattare il numero 0372/ (lun-ven dalle 12 alle 13.30). Per interruzione volontaria di gravidanza contattare la segreteria del servizio di Day Surgery (tel 0372/ lun-ven dalle alle 15). Per i tamponi vaginali l accesso avviene senza prenotazione: il giovedì ed il venerdì dalle ore 8.00 alle Per l accettazione amministrativa è necessario passare prima dal Centro Prelievi. Attività Libera Professione: Per informazioni e prenotazioni telefoniche chiamare il numero 0372/ da lunedì a venerdì dalle ore alle ore Per prenotare di persona rivolgersi agli sportelli CUP dell Azienda. L elenco dei medici che esercitano anche in libera professione è disponibile sul sito internet. info Ostetricia Tel 0372/ Ginecologia Tel 0372/ Per informazioni dalle 12 alle 13 Ambulatori Tel Dal lun- ven dalle alle CUP Numero verde Lun-ven: 8-20 URP Tel

16 IO SONO NATO ALL OGLIO PO PREPARAZIONE ALLA NASCITA La mamma come può preparasi alla mia nascita? Può partecipare ai corsi di preparazione al parto che prevedono incontri informativi, corsi di stretching ed acquaticità. Condotti dalle ostetriche della UO di Ostetricia, sono organizzati in collaborazione con tutti gli operatori coinvolti nel percorso nascita (ginecologo, pediatra, anestesista, psicologo e ostetrica del consultorio). La mamma avrà così l occasione di conoscere il personale del reparto e acquisirà la preparazione necessaria per affrontare il parto in maniera attiva. Per partecipare è necessario prenotarsi, dalla 28a settimana di gravidanza, chiamando il numero 0375/ (dopo le 11 dal lunedì al venerdì). È possibile la raccolta del sangue cordonale a fini solidaristici? Si è possibile. E necessario però aver effettuato prima un colloquio con il Centro Trasfusionale. Entro la 32a settimana di gravidanza è possibile prenotare chiamando il Centro al numero 0375/ (dopo le ore 11 dal lunedì al venerdì). Ogni bimbo che nasce può salvarne un altro. Cosa deve mettere in valigia prima di andare all Ospedale? Tutto il necessario per l igiene personale, gli asciugamani, la biancheria intima, camicie da notte o pigiami comodi per l allattamento, vestaglia, assorbenti igienici da utilizzare dopo il parto, mutande monouso a rete (di carta o di cotone) e ciabatte. Se desidera fare l esperienza del travaglio e del parto in acqua è necessario che porti con sé un accappatoio o un telo da bagno. E sempre buona norma presentarsi con unghie corte e senza smalto. Per te la mamma può preparare 4-5 cambi imbustati e identificati con nome e cognome composti da: camicino, body oppure maglietta e mutandina, calze o scarpine, tutina o completo spezzato di cotone o di lana secondo la stagione, ed una copertina. Durante l attesa è consigliabile che la mamma vada subito in Pronto Soccorso? In presenza di: Perdite ematiche Dolori addominali Cefalea Assenza di movimenti fetali In caso di urgenza può accedere 24 ore su 24 al reparto di Ostetricia passando attraverso il Pronto Soccorso generale (piano terra - Ospedale Oglio Po). NASCERE ALL OGLIO PO Parto spontaneo Quando io voglio uscire dalla pancia per venire al mondo, cosa deve fare la mia mamma? A travaglio già insorto o anche nel caso di semplice dubbio, la mamma dovrà passare prima dal Pronto Soccorso. Dopo l accettazione amministrativa, il ginecologo la visiterà e controllerà il tuo battito cardiaco e le contrazioni uterine per decidere il ricovero. Cosa accadrà dopo? Non appena arriva in reparto la mamma viene subito accolta dal personale. Una volta in sala parto/travaglio la mamma può decidere di farti nascere nella posizione che preferisce; di utilizzare la poltrona shiatsu per un dolce massaggio rilassante; di ascoltare la musica che preferisce e di entrare nella vasca da parto. Le ostetriche abitualmente suggeriscono alla mamma l assunzione delle posizioni più adatte per sentire meno dolore. Non solo, la incoraggiano e ascoltano le sue esigenze, lasciandola libera di adottare la posizione che preferisce. Se la mamma ha paura e non riesce a sopportare il dolore, potete aiutarla? È possibile avvalersi dell analgesia epidurale 24h su 24h senza alcun costo, previa consulenza anestesiologica da effettuare verso la 32a settimana (prenotazione al CUP oppure al numero verde lun-sab dalle 8 alle 20). Dove sarà il papà? Accanto a te e alla mamma. Il papà, o una persona amica o familiare, può stare con la mamma durante tutto il travaglio e il parto. Taglio cesareo Se la mia nascita è prevista con taglio cesareo, cosa deve fare la mia mamma? Se il taglio cesareo è programmato, la mamma effettuerà un prericovero per i consueti accertamenti pre-operatori. Poi verrà scelta la data per la tua nascita. Nel caso la tua mamma non sia già seguita in ospedale, dalla 28 settimana è possibile accedere (tramite impegnativa per visita ostetrica preparata dal medico curante) all ambulatorio per la gravidanza. Quando è necessario il taglio cesareo (anche se la mamma ha scelto diversamente)? L intervento si rende necessario, ad esempio, in caso tu ti presentassi in posizione podalica, in presenza di malattie importanti della mamma o di complicazioni insorte durante la gravidanza o nel travaglio di parto

17 Dove sarà il papà? Il tuo papà non potrà essere presente in sala operatoria, in quanto di norma è consentito l ingresso solo al personale sanitario. Ma non ti preoccupare lo incontrerai poco dopo la tua nascita, al Nido, dove verrà accolto dal pediatra che lo aggiornerà sulle tue condizioni di salute. SONO NATO! Cosa succede? A un minuto dalla tua nascita, subito dopo il taglio del cordone ombelicale, riceverai la tua prima pagella attraverso l indice di Apgar. È un esame che non si basa su analisi o strumentazioni, ma sulla valutazione dello stato di benessere. Ad essere valutati con un punteggio sono i cinque principali parametri vitali: attività respiratoria, frequenza del battito cardiaco, tono muscolare, colorito, riflessi. La somma dei punti può arrivare a un massimo di 10 che indica un bambino in ottime condizioni. Non spaventarti, tutti i valori superiori a 7 sono ritenuti accettabili. Il test viene ripetuto al quinto minuto in alcuni casi, anche al decimo - e poi ogni 5 minuti, qualora l adattamento alla vita extrauterina richieda un po più di tempo. Quando esco dalla pancia dove mi mettete? Di solito, quando tutto va per il meglio, appena nato, vieni appoggiato sulla pancia della mamma per stabilire un immediato contatto pelle a pelle. Appena possibile, la mamma può anche attaccarti al seno. Al momento della tua nascita, è presente il pediatra che ti visita per capire come stai: non preoccuparti, non sentirai male. Cosa mi fa il pediatra? Oltre al controllo clinico del tuo stato generale, in sala parto vengono registrati alcuni parametri (peso, lunghezza e circonferenza cranica) che saranno costantemente aggiornati durante le visite pediatriche successive al fine di mantenere sotto controllo il tuo sviluppo. Prima di lasciare la sala parto (e comunque entro le prime due ore di vita) verrai sottoposto a due misure di prevenzione: la prima consiste nella somministrazione di vitamina K (profilassi per la malattia emorragica del neonato) sotto forma di una piccola iniezione nella coscia o di goccine per bocca; la seconda nell instillazione negli occhietti di un collirio antibiotico (profilassi per l infezione gonococcica e la congiuntivite batterica). DOPO LA NASCITA Quando potrò stare con la mia mamma ed il mio papà? Salvo complicazioni potrai stare subito in camera con la mamma e il papà. Nella UO di Ostetricia è attivo il servizio di rooming-in 24h su 24h. Le camere sono singole con bagno e dotate di fasciatoio e poltrona e il papà o una persona di fiducia può rimanere anche di notte. Il personale è a disposizione della mamma per aiutarla e consigliarla rispetto all allattamento, al bagnetto, alla medicazione del moncone ombelicale e molti altri aspetti che ti riguardano. Parenti e amici possono venire a trovarmi? Certo! E bene però che rispettino gli orari stabiliti al fine di favorire l attaccamento con la mamma. Gli orari di visita sono: Giorni feriali mattino pomeriggio Giorni festivi mattino pomeriggio L accesso al di fuori degli orari di visita è consentito solo al papà. Rivedrò il pediatra? Il pediatra verrà a trovarti tutti i giorni al mattino. L infermiera del Nido, invece, effettua i test di screening previsti in genere tra le 48 e le 72 ore di vita. Si tratta di esami che servono a individuare il più precocemente possibile alcune patologie altrimenti difficili da diagnosticare (il neonato che ne è affetto in apparenza è sano) e per le quali è fondamentale intervenire tempestivamente. È importante sottolineare che si tratta di test di primo livello, il cui risultato non costituisce una diagnosi definitiva, ma semplicemente un indice di rischio. L esito positivo del test, quindi, non deve far pensare al peggio, ma va considerato come una bandierina rossa che deve essere valutata meglio

18 I NOSTRI AMBULATORI Si trovano presso l UO di Ostetricia, 1 piano Ospedale Oglio Po. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Ambulatorio di colposcopia e follow-up oncologico Ambulatorio di ecografia Ambulatorio della gravidanza Il medico e l ostetrica seguono la gravidanza fisiologica e a rischio, con prenotazione a carico del personale, di ecografie e visite per tutta la durata della gravidanza. Per questi ambulatori è necessaria la prenotazione al CUP oppure al numero verde , lun-sab dalle 8 alle 20. Ambulatorio di isteroscopia diagnostica Per diagnosi di polipi, fibromi, infertilità, ecc. Prenotazione al numero 0375/ (dal lunedì al venerdì). Dopo quanti giorni posso andare a casa con i miei genitori? Dopo 3 giorni dalla nascita, 4 giorni in caso di Taglio cesareo. Al momento della dimissione verranno consegnate due relazioni: una clinica indirizzata al medico di famiglia per la tua mamma e una indirizzata al pediatra per te. Questi documenti contengono i principali dati clinici che hanno caratterizzato il ricovero, la terapia consigliata, gli esami ancora in corso, le indicazioni su eventuali controlli clinici e/o ulteriori accertamenti diagnostici o terapie da effettuare. A chi si può rivolgere la mamma in caso di dubbi o necessità? Durante il ricovero al personale sanitario che è sempre disponibile. Dopo la dimissione, invece, la mamma può telefonare al numero 0375/ (dopo le ore 11, dal lunedì al venerdì). Ambulatorio diagnosi prenatale La diagnosi prenatale è uno dei nostri punti di forza e siamo in grado di garantire indagini a vari livelli: oltre alle metodiche invasive (amnio e villo centesi) eseguiamo test di screening per stimare il rischio di anomalie cromosomiche, abbinando esami ecografici approfonditi con markers biochimici (rilevabili attraverso un prelievo di sangue). Amniocentesi e Villocentesi Prenotazione al numero 0375/ (dal lunedì al venerdì, dopo le 11). Ecografia traslucenza nucale Prenotazione al CUP oppure al numero verde lun-sab dalle 8 alle 20 Cardiotocografia Tutti i giorni dalle alle presso l Unità Operativa senza prenotazione. Tamponi vaginali Tutti i giorni dalle 8.00 alle 9.30 presso l Unità Operativa senza prenotazione passando prima dal Centro Prelievi del Laboratorio Analisi al piano terra

19 I DIECI PASSI UNICEF-OMS PER L ALLATTAMENTO AL SENO L UNICEF e l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) hanno redatto un decalogo di misure che ogni struttura sanitaria deve dimostrare di rispettare prima di poter essere riconosciuta Ospedale Amico dei Bambini. 1.Definire un protocollo scritto per l allattamento al seno da far conoscere a tutto il personale sanitario Numeri utili per mamma e papà Coordinatore infermieristico tel. e fax Guardiola Infermiere ed Ostetriche tel Guardiola Infermiere Nido tel Centralino Presidio Ospedaliero Oglio Po tel Preparare tutto il personale sanitario per attuare compiutamente questo protocollo 3.Informare tutte le donne in gravidanza dei vantaggi e dei metodi di realizzazione dell allattamento al seno 4.Mettere i neonati in contatto pelle a pelle con la madre immediatamente dopo la nascita per almeno un ora e incoraggiare le madri a comprendere quando il neonato è pronto per poppare, offrendo aiuto se necessario. 5.Mostrare alle madri come allattare e come mantenere la secrezione lattea anche nel caso in cui vengano separate dai neonati 6.Non somministrare ai neonati alimenti o liquidi diversi dal latte materno, tranne che su precisa prescrizione medica 7.Sistemare il neonato nella stessa stanza della madre (rooming-in), in modo che trascorrano insieme ventiquattr ore su ventiquattro durante la permanenza in ospedale 8.Incoraggiare l allattamento al seno a richiesta tutte le volte che il neonato sollecita nutrimento 9.Non dare tettarelle artificiali o succhiotti ai neonati durante il periodo dell allattamento 10.Promuovere la collaborazione tra il personale della struttura, il territorio, i gruppi di sostegno e la comunità locale per creare reti di sostegno a cui indirizzare le madri alla dimissione dall ospedale

20 Largo Priori 1, Cremona Tel

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Presidio Ospedaliero di Cremona Dipartimento di Neuroscienze e Osteoarticolare

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Presidio Ospedaliero di Cremona Dipartimento di Neuroscienze e Osteoarticolare AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Presidio Ospedaliero di Cremona Dipartimento di Neuroscienze e Osteoarticolare Unità Operativa di RIABILITAZIONE SPECIALISTICA DI COSA CI OCCUPIAMO La

Dettagli

Unità Operativa di Ostetricia

Unità Operativa di Ostetricia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ostetricia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Come si accede Per le prestazioni ambulatoriali si prenota: - attraverso il punto CUP, con la richiesta

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Monoblocco - Terzo piano Direttore:

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI VOGHERA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa dott. Marco Galbusera STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri dott. Graziano Gabetta

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA

CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA CHI SIAMO Il Dipartimento Materno Infantile dell Ospedale Sacco garantisce l erogazione di prestazioni che tutelano la salute della donna e del bambino. L Unità di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

Carta dei Servizi. Guida sintetica agli Ospedali di Cremona e Oglio Po. www.ospedale.cremona.it

Carta dei Servizi. Guida sintetica agli Ospedali di Cremona e Oglio Po. www.ospedale.cremona.it Carta dei Servizi Guida sintetica agli Ospedali di Cremona e Oglio Po www.ospedale.cremona.it Presentazione 03 Emergenza 07 Ricovero 09 Prestazioni ambulatoriali 17 Mamma e bambino in ospedale 25 Informazioni

Dettagli

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA 1 Le indicazioni contenute nella normativa, che regolamenta il Percorso Nascita, guidano e orientano verso un approccio finalizzato all integrazione

Dettagli

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21 A cura di: U.O.S. TUTELA FAMIGLIA / CONSULTORI FAMILIARI Responsabile: Dott.ssa Alessandra Paganella Con la collaborazione di: U.O.C. OSTETRICIA/GINECOLOGIA Direttore: Dott. Pietro Catapano U.O.C. PEDIATRIA

Dettagli

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA

CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA CASA DI CURA CANDELA CARTA DEI SERVIZI DEL PUNTO NASCITA 1 Le indicazioni contenute nella normativa, che regolamenta il Percorso Nascita, guidano e orientano verso un approccio finalizzato all integrazione

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

DEDICATO A TE CHE ASPETTI UN BAMBINO

DEDICATO A TE CHE ASPETTI UN BAMBINO DEDICATO A TE CHE ASPETTI UN BAMBINO Questo volume e stato realizzato con il contributo della Dssa Patrizia Vergani, i medici del reparto ostetricia, gli amministrativi e l ostetrica e interprete Amal

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Carta dei Servizi di Ostetricia

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009 Ambulatorio Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Ospedale di Villafranca Monoblocco - Primo piano Direttore: dott. Alberto Ottaviani

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA

OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA OSPEDALE DI BRONI-STRADELLA U.O. DI OSTERICIA E GINECOLOGIA DIRETTORE Struttura Complessa Dr Ezio Pozzi (f.f.) STAFF ATTIVITÀ PRINCIPALI Medici Ostetrica Coordinatore Ostetriche Infermieri Dr.ssa De Paoli

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici 1 PRESENTAZIONE Il Consultorio Familiare garantisce le cure primarie nell area della salute sessuale, riproduttiva e psico-relazionale per la donna e per la coppia, con equipe costituite da ostetriche,

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore CARTA DEI SERVIZI UNITA OPERATIVA DI OSTETRICIA GINECOLOGIA E CENTRO DI PROCREAZIONE MEDICO ASSISTITA Ospedale di PIEVE DI CADORE Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A

C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A Indice Prefazione pag. 02 Presentazione Percorso Nascita pag. 03 ASL Sondrio Presenza sul territorio pag. 04 ASL Sondrio Informazioni generali

Dettagli

Sondalo. Bormio. Tirano. Sondrio. Sondrio. Morbegno. Chiavenna. Chiavenna

Sondalo. Bormio. Tirano. Sondrio. Sondrio. Morbegno. Chiavenna. Chiavenna C A R T A D E I S E R V I Z IP E R C O R S O N A S C I T A Indice Prefazione pag. 02 Presentazione Percorso Nascita pag. 03 ASL Sondrio Presenza sul territorio pag. 04 ASL Sondrio Informazioni generali

Dettagli

Unità Operativa di Ginecologia

Unità Operativa di Ginecologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ginecologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa OSTETRICIA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione Le dimensioni, la complessità organizzativa e la presenza di una forte componente universitaria

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 )

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) INDICE DOCUMENTO PRECEDENTE LEGENDA SIGLE E ABBREVIAZIONI SUCCESSIVA 2. IL PERCORSO NASCITA La gravidanza ed il parto sono eventi

Dettagli

PRESENTAZIONE CHI SIAMO

PRESENTAZIONE CHI SIAMO 1 INDICE Presentazione......................... pag. 3 Chi siamo............................» 3 Informazioni generali dell U. O............» 4 Classificazione delle gravidanze...........» 4 Ambulatorio

Dettagli

Recupero e Rieducazione Funzionale (Cardiopneumologica Neurologica Ortopedica)

Recupero e Rieducazione Funzionale (Cardiopneumologica Neurologica Ortopedica) INDICE Ospedale Chiarenzi Zevio Recupero e Rieducazione Funzionale (Cardiopneumologica Neurologica Ortopedica) Carta dei Servizi Edizione Agosto 2012 ATTIVITA DI RICOVERO pag. 3 Prenotazioni pag. 3 Accettazione

Dettagli

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA.

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA. Comune di Fidenza Comune di Salsomaggiore ANNO DEL NEONATO il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA A cura di Distretto di Fidenza - Ospedale

Dettagli

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale e per concludere! Ricorda che bastano altri pochi gesti per proteggere al meglio il tuo bambino, in particolare noi ti suggeriamo di: Lavarti e lavare sempre le mani al tuo bambino Evitare di fumare L

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost.

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost. PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia Ost. Ferrero Federica Cuneo 18-19 ottobre 2012 QUALI I BISOGNI PSICOLOGICI IN OSTETRICIA QUALI

Dettagli

Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540

Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540 Dipartimento di Pediatria Terapia Intensiva e Patologia Neonatale ASSISTENZA NEONATALE Il neonato al Nido Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540 CARTA DI ACCOGLIENZA PER

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Unità Operativa Complessa di CHIRURGIA GENERALE E MININVASIVA Presidio Ospedaliero di Dolo (VE) Direttore: Dott.

Dettagli

Guida. Urologia II Direttore Dott. Gianluca D ELIA. per il Degente. Dipartimento delle scienze chirurgiche. Unità operativa complessa

Guida. Urologia II Direttore Dott. Gianluca D ELIA. per il Degente. Dipartimento delle scienze chirurgiche. Unità operativa complessa Dipartimento delle scienze chirurgiche Guida per il Degente Unità operativa complessa Urologia II Direttore Dott. Gianluca D ELIA In collaborazione con 2 Gentile Signora / Signore, desideriamo fornirle

Dettagli

Percorso Nascita. Carta dei servizi

Percorso Nascita. Carta dei servizi - Percorso Nascita Carta dei servizi 2015 Sommario La carta dei servizi... 3 L Azienda Ospedaliera (AO)... 4 Unità Strutturale Complessa (USC) OSTETRICIA E GINECOLOGIA LODI... 4 Unità Strutturale Complessa

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare UOSD infanzia Adolescenza e Famiglia Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato e chiaro strumento

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita con riguardo all individuazione di criticità specifiche circa la tutela della salute della donna e del feto e sulle modalità

Dettagli

Percorso Nascita Carta dei servizi

Percorso Nascita Carta dei servizi - Percorso Nascita Carta dei servizi 2015 Ultimo aggiornamento giugno 2015 Sommario La carta dei servizi... 3 L Azienda Ospedaliera (AO)... 4 Unità Strutturale Complessa (USC) OSTETRICIA E GINECOLOGIA

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare SOS Dpt Consultorio Familiare Tutela Minori e Adolescenza Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 918 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Norme per l assistenza alla nascita

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Salute Della Donna e Del Bambino 14/07/2006 (Livello 2) Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Testo Del Disegno Di Legge Relazione Illustrativa Relazione Tecnica file:///c /Documenti/rett00.htm

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa

Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa gestito da parte di Casa Albergo per Anziani per conto dell Az. Ulss 18 di Rovigo Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica Ospedale di Sestri Levante Responsabile Dott. Guido GIGLI Capo Sala: I.P. Marisa PAGLIARI DOVE SIAMO Il reparto è situato al QUINTO piano dell

Dettagli

Qual è il numero verde per prenotare visite ed esami ambulatoriali?

Qual è il numero verde per prenotare visite ed esami ambulatoriali? In questa pagina pubblichiamo le risposte alle domande più frequenti poste dai cittadini. Per altre informazioni potrete contattare l Ufficio Relazioni con il Pubblico al numero telefonico 0331 751525.

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Salute della donna e del bambino Direttore

Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Salute della donna e del bambino Direttore CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio

Dettagli

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara.

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara. Convegno Regione Piemonte Le buone pratiche sanitarie e la gestione del territorio Relazione presentata a Torino il 29.9.2007 Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale

Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva U.O. Aziendale di Pediatria Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Breve Guida ai Servizi

Breve Guida ai Servizi Breve Guida ai Servizi Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Pediatrico Burlo Garofolo - Ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale per la salute della donna e del bambino.

Dettagli

PERCORSO NASCITA PUNTO NASCITA BLOCCO PARTO DI 1, 2 e 3 LIVELLO

PERCORSO NASCITA PUNTO NASCITA BLOCCO PARTO DI 1, 2 e 3 LIVELLO Il Punto nascita costituisce l unità di assistenza per le donne in gravidanza e per i neonati e comprende l Ostetricia, il Nido, la Neonatologia ed il Blocco Parto. L attività di assistenza è prestata

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Corso M. Abbiate, 21 13100 VERCELLI Tel. +39 0161 5931 fax +39 0161 210284 www.aslvc.piemonte.it P.I. / Cod. Fisc. 01811110020 GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Il Pronto Soccorso è la porta dell ospedale verso

Dettagli

Consultorio Familiare

Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Trebisacce Consultorio Familiare Botero: Famiglia Il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un presidio socio-sanitario pubblico che offre interventi di tutela e di prevenzione

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

Per prenotare, pagare il ticket

Per prenotare, pagare il ticket Per prenotare, pagare il ticket spostare, disdire, visite ed esami specialistici con il Servizio Sanitario Regionale occorre avere impegnativa del medico e Carta Regionale dei Servizi CRS, si possono utilizzare

Dettagli

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico I Bollini Rosa sono il riconoscimento Onda che, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, attri Nel è possibile sito consultare le www.bollinirosa.it schede di tutti gli ospedali con i relativi

Dettagli

OSTETRICIA E GINECOLOGIA

OSTETRICIA E GINECOLOGIA Accoglienza OSTETRICIA E GINECOLOGIA Direttore di Unità Operativa: Dr. Michele Meschia Coordinatore infermieristico: Miriam Giamboni Tel. 02 9963281 Coordinatore Ostetrico: Flavia Chinaglia Tel. 02 99632

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011. Unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa Ospedale di Villafranca

Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011. Unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa Ospedale di Villafranca Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011 Unità operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di e Riabilitazione Unità operativa di Piano 2 corpo A: telefono reparto 045 6338258-045 6338107

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Servizio di Radiologia

Servizio di Radiologia Servizio di Radiologia Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I

Informa. Week Surgery. Cosa sapere Cosa fare DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I Informa Week Surgery Cosa sapere Cosa fare SISTEMA SANITARIO REGIONALE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO UMBERTO I DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PIETRO VALDONI Cos è la Week Surgery La Week Surgery

Dettagli