Come Vivere Serenamente la Maternità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come Vivere Serenamente la Maternità"

Transcript

1 Come Vivere Serenamente la Maternità Una piccola guida pensata per aiutare le mamme a prevenire la depressione post partum e fornire informazioni per vivere al meglio i primi tempi con il loro bebè.

2 INDICE presentazione On. Lavinia Mennuni Consigliere Comunale - Delegata per le Pari Opportunità e i rapporti con il mondo cattolico... 3 Si guarisce dalla depressione post partum: il vero pericolo è il silenzio Le cose da sapere, da fare e quelle da evitare per affrontare con serenità il primo periodo di vita con tuo figlio... 4 È nato mio figlio, sono felice, ma ho voglia di piangere e mi sento triste. Perchè?... 5 Tristezza dopo il parto. Dieci cose da ricordare... 8 Uno strumento per aiutarti a capire la tua situazione: il test Scala di Edimburgo... 9 Io e il mio bambino L allattamento: un filo diretto tra te ed il tuo bebè I primi giorni con il mio bebè Come posso nutrire bene il mio bambino? Il mio bambino dorme poco, mi devo preoccupare? Il mio bambino confonde il giorno con la notte! Perchè piange il mio bambino? L igiene della mamma Cura del seno Le vaccinazioni: un altro modo di dimostrare il tuo amore Perchè è necessario vaccinare il mio bambino? Per prevenire infezioni che ricompaiono con facilità I vaccini sono contrari alla natura? Un gesto semplice ma importante: donare il latte URP Municipi URP ASL

3 in considerazione dell importanza della maternità quale momento speciale per ogni donna, in cui si rende assolutamente necessario prendersi cura della salute del proprio bambino ma anche di se stesse e del proprio benessere, l Amministrazione Comunale è lieta di promuovere la diffusione di un opuscolo pensato e studiato per aiutare Voi mamme a prevenire la depressione post partum, fornendo informazioni semplici, ma utili per vivere al meglio i primi tempi con il Vostro bebè. È risaputo infatti che con la nascita di un bambino, soprattutto nel caso in cui sia il primogenito, abbiano origine i dubbi, le perplessità e le preoccupazioni dovute ad un evento meraviglioso, ma del tutto sconosciuto che potrebbe generare alla neo mamma un senso più o meno forte di inadeguatezza. La stanchezza della mamma, unita ai cambiamenti ormonali del dopo parto, talvolta rende più difficoltoso di quanto si possa immaginare il momento della nascita di un figlio. Di cosa ha bisogno una neomamma? Chi può aiutarla a riconoscere i sintomi di una eventuale depressione post-partum? Chi può darle consigli per gestire la stanchezza, i problemi legati al sonno o all alimentazione? Tutti questi aspetti vengono spesso sottovalutati, perché il nuovo nato è fragile e ha bisogno di tali attenzioni da far passare in secondo piano che anche per la mamma inizia una nuova fase della vita. A tal proposito, si è ritenuto importante fornire un contributo per affrontare l immenso e complesso universo della maternità, ponendo l attenzione nella direzione del benessere del nuovo nucleo familiare. Lavinia Mennuni Consigliere Comunale Delegata per le Pari Opportunità e i rapporti con il Mondo Cattolico 3

4 SI GUARISCE DALLA DEPRESSIONE POST PARTUM: IL VERO PERICOLO È IL SILENZIO LE COSE DA SAPERE, DA FARE E QUELLE DA EVITARE PER AFFRONTARE CON SERENITÀ IL PRIMO PERIODO DI VITA CON TUO FIGLIO. È nato il bebè. Dovrebbe essere un periodo di felicità ed invece spesso la neo mamma si sente triste, irritabile, facile al pianto. È un fenomeno ben noto da tempi remoti e gli antichi romani chiamavano questo periodo il tempo delle lacrime. Questa sintomatologia che può seguire al parto è denominata negli USA baby blues, riguarda il 70% circa delle puerpere, ed è caratterizzata da:. ansia. umore triste, irritabilità. stanchezza. crisi di pianto immotivato. bruschi cambiamenti di umore. sensazione di abbandono da parte del marito e dei familiari. senso di inadeguatezza Insorge due o tre giorni dopo il parto, dura da pochi giorni ad un massimo di 2 settimane, non richiede alcun trattamento e non lascia nessuna conseguenza. 4

5 Due sono le cause di questo fenomeno: psicologica: organica:. paura di non saper accudire il bambino. timore di deludere i parenti. paura di non riprendere l aspetto fisico di prima della gravidanza.. stress psicofisico dopo il parto. improvvisa caduta dei livelli di estrogeni. diminuizione delle endorfine. Le donne tendono a vivere questa sintomatologia in silenzio, anzi spesso tentano di nasconderne anche l evidenza. La negazione del proprio stato risente dei fatti di cronaca fortemente ampliati dai mass media, che generano la paura di essere considerate matte e di fare del male al proprio bambino. Il silenzio rappresenta un reale pericolo È NATO MIO FIGLIO, SONO FELICE, MA HO VOGLIA DI PIANGERE E MI SENTO TRI- STE. PERCHÉ? L arrivo di un figlio è vissuto più come un fatto organizzativo dell evento che come preparazione psicologica all assunzione di un nuovo ruolo. La difficoltà di assumere questa nuova veste può sviluppare un grande senso di solitudine psicologica, molto spesso non adeguatamente sostenuta dal padre(anche se è presente). Il grande divario tra l aspettativa di un evento e l impegno ed il cambiamento che questo comporta, viene vissuto dalla madre come perdita di sé ed evento luttuoso. La tristezza che ne consegue è inspiegabile, da nascondere e vivere con paura. La tristezza del post-partum, è da raccontare senza timori o vergogna. E uno stato da comunicare al padre, alla famiglia, al medico di fiducia, a 5

6 chiunque si trovi coinvolto nel lieto evento. Conoscere, comunicare e prepararsi non è solo sviluppare cultura della prevenzione, ma significa creare una rete sociale ed effettiva in grado di attivarsi al momento del bisogno. Questa può essere usata per interpretare il comportamento sociale delle persone coinvolte e fa in modo che ognuno si senta risorsa per gli altri e per se stessa, in grado di attivare altre risorse. La depressione collegata con il parto (o post-partum) interessa il 15 % circa dei casi, si presenta per lo più entro 30 giorni dall evento, ma può sorgere sia durante la gravidanza che due-quattro mesi dopo e necessita, frequentemente, di terapia con farmaci. La depressione può manifestarsi come un peggioramento dei baby blues o insorgere all improvviso con:. marcata tristezza. diminuizione dell appetito. del sonno. senso di incapacità ad occuparsi del bambino. disinteresse per le attività quotidiane. difficoltà di prendere decisioni Possono comparire attacchi di panico o vere e proprie idee di autolesionismo. Ancora una volta la donna è talmente impaurita di far del male al figlio e di venire considerata matta che tende a vivere questa situazione in solitudine. Questo è pericoloso, non solo per la mamma, in quanto i sintomi tendono ad aggravarsi, ma anche per il neonato. Numerose ricerche dimostrano che la depressione della mamma, se non trattata può rappresentare un fattore negativo sullo sviluppo cognitivo del bambino. È possibile prevenire e curare i disturbi depressivi collegati alla gravidanza ed al puerperio (che possono presentarsi a tutte le età) indipendentemente dal numero dei figli già avuti. Moltissimo possono fare i ginecologi, le ostetriche, i pediatri, gli psicologi e psichiatri. 6

7 Come individuare i fattori di rischio per insorgenza dei fenomeni depressivi:. storia di depressione in famiglia o precedenti episodi depressivi nella donna. la mancanza di valido supporto familiare e della presenza di una forte figura materna. carenza dell aiuto del partner. recenti eventi stressanti, come un lutto. il cambio di residenza. una malattia in famiglia È necessario quindi rassicurare la donna ed i suoi familiari che è normale la comparsa di piccole alterazioni dell umore dopo il parto, ma nello stesso tempo è fondamentale sollecitarla a manifestare senza timori il proprio stato d animo ed i suoi eventuali sintomi depressivi invitando i parenti alla massima attenzione circa comportamenti che non sono consueti nella neo-mamma. Soprattutto a parlarne subito con il medico: Dalla depressione si guarisce! Infine esistono le psicosi depressive post-partum, fenomeno molto raro, con comportamenti psicotici. MA ANCHE QUESTO, SE CONOSCIUTO E CURATO, PUÒ GUARIRE. 7

8 TRISTEZZA DOPO IL PARTO Dieci cose da ricordare 1. Parlarne, il confrontarsi con altre mamme, con il compagno, con amici e familiari o con il proprio medico, può aiutare a vivere il proprio stato d animo e a non sentirsi sole. 2. Farsi aiutare, nei lavori domestici e da amici e familiari e a condividere la cura del neonato con il padre. 3. Ricavare, dei momenti per sé anche se può sembrare difficile trovarli, magari mentre il bambino dorme. Dedicare anche solo pochi minuti al giorno ad attività che siano piacevoli (leggere, coltivare il proprio hobby, ecc.). 4. Fare, attività fisica quotidiana soprattutto all aria aperta, che contribuisce a migliorare la sensazione di benessere. 5. Tenere un diario, scrivere le proprie sensazioni al momento può essere utile per rilassarsi e può essere molto utile rileggerle a distanza di tempo. 6. Porsi, un obiettivo per ogni giornata. Una delle sensazioni più diffuse è quella di non riuscire a combinare nulla. È normale sentirsi sopraffatti dalle responsabilità e dai tanti nuovi impegni. Ci vuole del tempo per adattarsi ai cambiamenti che un figlio comporta. 7. Mantenere, il contatto con il bambino. Dedicare il giusto tempo ed attenzione all allattamento: scegliere un posto tranquillo, cercare di rilassarsi, e di godere del contatto con il bambino, guardandolo negli occhi. Gli stessi consigli valgono anche se non si allatta al seno. 8. Prendere, spesso in braccio il bambino e parlargli dolcemente, dedicare la giusta attenzione al suo riposo ma senza dimenticare il nostro. 9. Chiedere, che il partner ci sia vicino con un sostegno materiale e psicologico quando è presente. 10. Godersi, il legame con il proprio bebè e con gli altri quando ci sono. Ma non tenersi mai la tristezza dentro. 8

9 UNO STRUMENTO PER AIUTARTI A CAPIRE LA TUA SITUAZIONE: IL TEST SCALA DI EDIMBURGO Se hai partorito da poco e temi che i sentimenti e le sensazioni che stai sperimentando non siano "normali", esiste uno strumento semplice che può aiutarti a capire la tua situazione; si chiama Scala di Edimburgo. È il test più accreditato dal punto di vista scientifico ed ha il vantaggio di essere molto semplice puoi rispondere anche da sola. Sbarra la risposta che meglio corrisponde al tuo stato d animo dell ultima settimana e somma il punteggio. Se il punteggio è superiore a 12 potrebbe essere opportuno rivolgersi ad uno specialista e non trascurare questa sensazione di malessere. Questo non significa che tu sia depressa o sia destinata a diventarlo! 1. Sono in grado di ridere e vedere il lato divertente delle cose 0) come ho fatto sempre 2) assolutamente meno del solito 1) non proprio come al solito 3) no, per niente 2. Mi pongo in modo positivo verso gli altri 0) come al solito 2) assolutamente meno del solito 1) un po' meno del solito 3) no, per niente 3. Mi sento colpevole senza motivo quando le cose non vanno bene 3) sì, la maggior parte delle volte 1) non molto spesso 2) si, alcune volte 0) no, mai 4. Sono diventata ansiosa o preoccupata senza motivo 0) no, per niente 1) quasi mai 2) si, talvolta 3) si, molto spesso 5. Mi sento spaventata o nel panico senza un buon motivo 3) si, spesso 2 ) si, qualche volta 1) no, non molto 0) no, mai 9

10 6. Mi sento sopraffatta dalle cose che mi accadono 3) sì, il più delle volte non sono 2) sì, talvolta non le affronto bene in grado di affrontarle come di solito 1) no, il più delle volte le ho 0) no, le ho affrontate bene affrontate piuttosto bene come sempre 7. Sono così infelice che ho difficoltà a dormire 3) sì, la maggior parte delle volte 2) sì, qualche volta 1) non molto spesso 0) mai 8. Mi sento triste o avvilita 3) si la maggior parte delle volte 2) sì, frequentemente 1) non molto spesso 0) mai 9. Sono così infelice che piango 3) sì, la maggior parte delle volte 2) sì, frequentemente 1) solo occasionalmente 0) mai 10. Il pensiero di farmi del male mi è venuto in mente 3) si, abbastanza spesso 2) qualche volta 1) quasi mai 0) mai 10

11 IO E IL MIO BAMBINO L ALLATTAMENTO: UN FILO DIRETTO TRA TE ED IL TUO BEBÈ Il neonato già dal momento della nascita è pronto a poppare: è sufficiente che avvicini il bambino al tuo seno per accorgerti di quanto sia capace, da solo, di orientarsi, di trovare l areola e di iniziare a poppare. È un bellissimo inizio alla scoperta del seno e del latte della sua mamma. Può capitare di sentirsi impacciate nei primi momenti, soprattutto quando è il nostro primo bambino, e di chiedersi continuamente Lo sto tenendo bene?, Avrà preso abbastanza latte?. Queste domande ce le poniamo tutte e fanno parte del nostro imparare ad essere mamme. I primi giorni di vita con il nostro bambino sono una specie di laboratorio nel quale impariamo a conoscerci e a vivere insieme al di fuori dell ambiente protetto dei primi 9 mesi; è un po come iniziare a ballare in coppia, sulle prime ci si pestano i piedi ma con il tempo si impara a muoversi in sintonia. È importante che tu e il tuo bambino non siate separati perché questo ti consente di imparare a riconoscere i suoi segnali e ad allattarlo quando lo richiede. Puoi attaccare il bambino al seno anche immediatamente dopo la nascita e questo facilita la fuoriuscita della placenta e riduce la perdita di sangue che normalmente si ha durante il parto. Se riesci, nella prima ora dopo la nascita tieni il tuo bambino in contatto pellea-pelle; è un momento di profonda relazione e faciliterà l attacco al seno. Nei primi giorni il seno produce piccole quantità di colostro che sono sufficienti a soddisfare il fabbisogno nutritivo del tuo bambino. Tranne rari casi, non è necessario dare altro, né aggiunte di latte artificiale né soluzioni zuccherine. Tenendo il bambino vicino, vedrai che ti manifesterà il suo bisogno di poppare dandoti dei segnali precisi. Il bambino apre la bocca, tira fuori la lingua, ruota la testa alla ricerca del seno e si porta le manine alla bocca. Solo come ultimo richiamo, nel caso in cui nessuno abbia risposto ai segnali precedenti, il bambino piange. Imparerai prestissimo a riconoscere questi comportamenti del tuo bambino. La montata lattea arriva in modo diverso da donna a donna; alcune sentono una forte tensione al seno dopo 3-5 giorni dal parto, altre più tardi, altre non hanno questa percezione marcata dell arrivo del latte ma questo non ha nessuna importanza ai fini della produzione di latte. Allattando il bambino quando lo richiede, nelle prime settimane anche 11

12 10-12 volte nelle 24 ore, stabilirai la produzione ottimale di latte, consentendo al latte di fuoriuscire costantemente dal seno ed evitando così dolorosi ingorghi mammari. La durata della poppata può variare e ogni bambino ha un suo stile: ci sono bimbi che poppano in dieci minuti, altri che impiegano più tempo, esattamente come accade per noi adulti quando ci mettiamo a tavola. Il suggerimento è di attaccare il bambino a un seno e aspettare che si stacchi spontaneamente; in questo modo, prenderà anche l ultimo latte che è quello più ricco di grassi. Finita la poppata al primo seno puoi offrirgli l altro e, se non lo vuole, lo prenderà alla poppata successiva. Per capire se il bambino ha preso latte a sufficienza puoi usare un sistema semplice e comunque il bambino va pesato spesso perchè la crescita è espressione di una buona alimentazione: conta i pannolini bagnati di pipì, almeno sei nelle 24 ore; la pipì dovrà essere chiara e senza odore particolare. Le proprietà del latte materno sono note e l allattamento presenta tanti vantaggi pratici e di salute sia per il bambino sia per la mamma. Oggi sappiamo, anche da un punto di vista scientifico, che investire nell allattamento al seno conviene non solo per i vantaggi immediati ma anche per gli effetti benefici che si protraggono per tutta la vita. Allattare al seno non dovrebbe essere doloroso se il bambino è ben attaccato al seno. 12

13 Il bambino è ben attaccato al seno se: la bocca del bambino è ben aperta, gran parte dell areola è in bocca (non solo il capezzolo) il mento del bambino è attaccato al seno. Il bambino è ben posizionato se: il corpo del bambino è girato verso il corpo della mamma (pancia contro pancia) e naso di fronte al capezzolo, bocca del bambino ben aperta e lingua sporgente. Se la mamma è comoda l allattamento funziona meglio. posizione corretta posizione errata Se senti dolore, prova a chiedere a personale esperto in allattamento di valutare insieme a te una poppata per capire quali possano essere le ragioni del dolore. Per quanto riguarda il peso del bambino, dopo il calo fisiologico dei primi giorni recupererà il peso che aveva alla nascita entro i primi giorni. Successivamente, sarà sufficiente controllare il peso una volta a settimana e, se tutto va bene, limitarsi ai controlli periodici dal pediatra di famiglia. La crescita del bambino può variare da 150/200 grammi a settimana, con una media di 180 grammi, a seconda del bambino. Ci sono periodi in cui i bambini crescono più in fretta, altri in cui crescono di meno. Quando sono ammalati, per un raffreddore o un po di mal di gola, è possibile che mangino di meno e la crescita può essere rallentata. In questi casi è importante valutare lo stato generale del bambi- 13

14 no e la sua crescita insieme al pediatra. In genere, una volta superata la malattia i bambini recuperano l appetito e il peso in breve tempo, poppando più a lungo e più spesso. Allattare al seno è un esperienza bellissima ma che a volte può essere impegnativa. Quella vita che prima gestivamo sulla base delle nostre esigenze personali e di coppia improvvisamente viene guidata dal nostro bambino e dai suoi bisogni. Pur amando profondamente il proprio bambino, può capitare di avere l impressione di non avere un attimo di tempo per sé, di sentirsi molto stanche e sole. Per questo, dopo la nascita e nei primi mesi é importante circondarsi di persone positive, che ci facciano sentire bene e che sappiano darci un aiuto pratico nella gestione della casa. Se gli amici o i famigliari vogliono rendersi utili, possono dare una mano a cucinare, a riordinare oppure occuparsi dei bambini più grandi. Il papà ha un ruolo determinante per il piccolo. Ai bambini piace molto il contatto pelle-a-pelle con il papà e ne riconoscono la voce che li ha accompagnati durante la gravidanza. Il tuo compagno può essere un grande sostegno per te e per il bambino; per questo, sarebbe utile che già durante la gravidanza si informasse insieme a te, ad esempio frequentando gli incontri di accompagnamento alla nascita che si tengono nei consultori famigliari. Così, in caso di difficoltà sarete entrambi informati e in grado di riflettere su quelle che possono essere le scelte migliori per voi. Se ti senti sola, e questo è capitato a tutte le mamme, cerca aiuto fra le altre mamme che hanno avuto esperienze positive di allattamento. Esistono associazioni e gruppi organizzati nei consultori famigliari a cui potrai telefonare o dove potrai incontrare altre donne e professionisti esperti in allattamento in grado di darti suggerimenti su come gestire piccole e grandi difficoltà quotidiane. L Organizzazione Mondiale della Salute raccomanda l allattamento materno esclusivo (solo latte di mamma) per i primi 6 mesi di vita 14

15 compiuti. Vedrai che sarà il tuo bambino a darti segnali chiari quando sarà pronto a mangiare altri cibi. L allattamento al seno nel primo anno di vita è essenziale ed è fortemente raccomandato anche nel secondo anno di vita e oltre, se tu e il tuo bambino lo desiderate. Allattare il tuo bambino è una cosa che puoi fare solo tu e questo ha un grande valore per tutti. 15

16 I PRIMI GIORNI CON IL MIO BEBÈ È importante allattare al seno il neonato prima possibile dopo la nascita in quanto la suzione stimola la formazione del latte. E normale che il bambino si nutra, nei primi giorni di vita, solo con piccole quantità di colostro. La montata lattea avviene normalmente tra il 2 o il 3 giorno dopo il parto. In alcune condizioni particolari di tipo sanitario (parto difficile, cesareo complicato, ecc.) l attacco al seno può essere ritardato e la montata lattea posticipata. In questi casi, il pediatra si prenderà cura del neonato alimentandolo con la soluzione glucosata e con latte artificiale. E buona regola che la mamma registri la pesata settimanale eseguita con il bambino nudo e a digiuno in modo da poter riferire al pediatra l incremento ponderale. Il moncone del cordone ombelicale si essicca e cade in genere nella settimana successiva al parto. Per facilitare il processo dell essiccazione è necessario tenere sempre l ombelico pulito, asciutto e protetto con una garza sterile che va appena inumidita con soluzione antisettica circa due volte al giorno per un periodo di due o tre settimane. Il bagno completo del neonato andrà rinviato fino alla caduta del moncone ombelicale, dopodiché non sarà più necessaria alcuna norma particolare. A casa, la stanza del bambino dovrebbe essere asciutta, ben aereata e soleggiata e nessuno deve mai fumare al suo interno e in tutta la casa; la temperatura dovrebbe aggirarsi intorno ai 20 circa e se l ambiente è molto secco è utile provvedere ad umidificarlo saltuariamente con gli appositi umidificatori, la culla va comunque tenuta lontana da termosifoni o stufe. La prima passeggiata non duri più di mezz ora; gradualmente i tempi si allungheranno. Il neonato deve essere ricontrollato dal pediatra dopo 15 giorni dalla nascita e poi circa ogni mese per 1 anno. L esame ecografico per lo screening della displasia dell anca è consigliato tra il secondo ed il terzo mese di vita. Le vaccinazioni si iniziano dal 2 al 3 mese di vita. 16

17 Come posso nutrire bene il mio bambino? La mamma che ha partorito da poco o che allatta non ha bisogno di una dieta particolare, ma può continuare ad assumere gli stessi cibi che normalmente consumava durante la gravidanza e deve bere molto. È vero che alcuni cibi (come i cavoli, gli asparagi etc) possono modificare il sapore del latte, ma non sempre sono da eliminare. Si può provare: ai bambini potrebbero piacere!i Il mio bambino dorme poco mi devo preoccupare? Non tutti i neonati hanno bisogno di dormire molto. Alcuni possono dormire 19 ore al giorno, altri invece solo 12. Il mio bambino confonde il giorno con la notte! È proprio dura per i genitori essere svegliati ogni mezz ora di notte da un bimbo che, alla fine, si addormenta profondamente (o, almeno, con interruzioni minime) dall alba a mezzogiorno. Purtroppo c è poco da fare se non darsi il turno. Perché piange il mio bambino? Il bebè ha pochi mezzi per comunicare i suoi bisogni. Fame, sete, mal di pancia o altri dolori, necessità di essere cambiato, solitudine, sono per lui esigenze ugualmente urgenti ed immediate da comunicare con il pianto. Però tutte le mamme in poco tempo sono in grado di riconoscere il tipo di pianto del proprio bambino (o quasi sempre). L igiene della mamma Appena è possibile, anche in ospedale è importante fare la doccia e lavare i capelli. Anche le mamme che hanno avuto un taglio cesareo possono farlo, d accordo con l ostetrica del reparto per il cambio della medicazione. È preferibile usare prodotti senza profumo per l igiene personale, in modo che il neonato possa riconoscere l odore della sua mamma. Cura del seno Non vi è necessità di lavare il seno con il sapone o con disinfettanti sia 17

18 prima che dopo la poppata: tali sostanze asportano la protezione naturale della pelle rendendola ancora più delicata ed alterano l odore della mamma che attrae il piccolo verso il seno. Per controllare eventuali perdite di latte si consiglia l uso di comunissimi fazzoletti (da tasca) in coto ne, da cambiare frequentemente, per non ostacolare la fisiologica traspirazione della pelle del seno e del capezzolo e per evitare irritazioni. Il dolore al capezzolo presente nei primi giorni di allattamento è un sintomo che può verificarsi; questo è indicativo di uno scorretto attacco del bambino al seno. L ostetrica presente nei reparti sarà in grado di fornire tutte le indicazioni necessarie. Dopo la poppata è utile lasciare per qualche minuto i seni scoperti. LE VACCINAZIONI: UN ALTRO MODO PER DIMOSTRARE IL TUO AMORE La somministrazione dei vaccini stimola la produzione nel bambino di anticorpi necessari a proteggerlo da malattie di origine infettiva. Il ciclo vaccinale è articolato in un calendario che consente di ottenere una efficace copertura. Sull apposito libretto vaccinale, rilasciato dal competente ufficio territoriale, saranno trascritte le vaccinazioni effettuate e le eventuali annotazioni. In Italia sono obbligatorie alcune vaccinazioni per i nuovi nati ed altre fortemente raccomandate. Tutti i vaccini obbligatori in Italia sono gratuiti e vengono praticati da S.S.N. presso i servizi di igiene pubblica delle Unità Sanitarie Locali. 18

19 CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE DTPa: vaccino antidifterite tetano-pertosse acellulare HB: vaccino antiepatite B dtpa: vaccino antidifterite tetano pertosse per adulti MenC: vaccino antimeningococco C coniugato IPV: vaccino antipolio inattivato HPV: vaccino antipapilloma virus umano Rotavirus: vaccino antirotavirus Varicella: vaccino antivaricella Hib: vaccino contro le infezioni invasive da aemophi MPR: vaccino antimorbillo parotite-rosolia PCV: vaccino antipenumococcico coniugato eptavalente NOTE ALLA TABELLA 1. Si intende mese o anno di vita, ad esempio, per terzo mese di vita si intende il periodo che intercorre dal 61 giorno di vita fino al 90 giorno di vita; per 12 anno si intende dal compimento degli 11 anni fino al compimento dei 12 anni ; 2. Nei nati da madre HisbAg positiva si somministrano contemporaneamente, entro ore dalla nascita ed in siti separati, la prima dose di vaccino (HB) e una dose di immunoglobine specifiche anti-epatite B ( HBIG). Il ciclo va completato da una seconda dose a 4 settimane dalla prima, da una terza dose dopo il compimento dell ottava settimana ( può coincidere con la prima somministrazione del ciclo normale) e da una quarta dose all 11 mese ( può coincidere con la terza dose del ciclo normale). 3. E raccomandata la co-somministrazione della prima dose del vaccino MPR e della terza dose dei vaccini DTaP; IPV, epatite B e Hib; 4. Per il vaccino contro l HPV l offerta attiva e gratuita avverrà con le modalità definite nella nota tecnica ( paragrafi 8.2,8.3,8.4) 5. Vaccino pneumococcico coniugato eptavalente: tre dosi entro il primo anno di vita; dopo il compimento del primo anno, due dosi con intervallo di almeno due mesi, dopo il compimento del 24 mese di vita, è sufficiente una sola dose. La vaccinazione è gratuita per tutti i neonati con le modalità definite nella nota tecnica (pargrafo 3.2). 19

20 Ricerca attiva e vaccinazione gratuita dei soggetti a rischio per patologia (vedi DGR877/05); bambini di età inferiore ai 5 anni appartenenti a particolari comunità etniche. Vaccinazione gratuita per bambini fino a 36 mesi di età previa certificazione attestante l iscrizione all asilo nido. Per gli altri soggetti la vaccinazione è resa disponibile a partecipazione della spesa. E possibile la co-somministrazione con esavalente. 6. Vaccino meningococcico C coniugato: tre dosi entro il primo anno (3,5,12 mese); dopo il compimento del primo anno, una singola dose. Programmi di ricerca attiva e vaccinazione dei soggetti a rischio (vedi DGR 877/05). Per gli altri soggetti, la vaccinazione è resa disponibile a partecipazione della spesa. E possibile la co-somministrazione con esavalente. 7. Varicella: fino al compimento del 13 anno di età, il ciclo vaccinale prevede una dose unica; per i soggetti di età uguale o maggiore di 13 anni il ciclo vaccinale consiste nella somministrazione di due dosi, a distanza di 4-8 settimane una dall altra. Programmi di ricerca attiva e vaccinazione gratuita rivolti ad adolescenti a partire dall 11 anno fino al compimento del 15 anno; soggetti a rischio elevato per patologia (DGR 877/05), incluso le donne in età fertile senza precedenti di varicella, lavoratori suscettibili che operano negli asili nido, comunità della prima infanzia, scuole primarie e secondarie e tutte le persone recettive che lavorano in ambiente sanitario. Prioritariamente, la vaccinazione dovrebbe essere eseguita al personale sanitario che è a contatto con i bambini e con le persone immunodepresse. Per gli altri soggetti, la vaccinazione è resa disponibile a partecipazione della spesa. 8. Rotavirus: a seconda del tipo di vaccino, 2 o 3 dosi a partire dalla sesta settimana e entro i primi sei mesi di vita. La vaccinazione è resa disponibile a partecipazione della spesa. E possibile la co-somministrazione con esavalente al 3 e 5 mese. CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI NON OBBLIGATORIE 3 MESE oppure: 1 dose ANTIPERTOSSE (difterite + tetano + pertosse cioè TRIVALENTE) ANTIPERTOSSE DIFTERITE + TETANO 5 MESE 2 dose ANTIPERTOSSE MESE 3 dose ANTIPERTOSSE 15 MESE ANTIMORBILLO unica dose somministrazione sottocutanea oppure MORBILLO - ROSOLIA - PAROTITE 9-10 ANNO ANTIROSOLIA unica dose somministrazione sottocutanea solo bambine prepuberi. Le vaccinazioni possono portare dei disturbi che sono quasi sempre lievi quali: febbre, raramente tumefazione transitoria della sede d inoculo. 20

21 Le controindicazioni all uso dei vaccini sono rare, tutte le mamme si dovranno rivolgere al proprio pediatra che darà indicazioni pre- cise per il loro bambino. Perché è necessario vaccinare il mio bambino? Due sono i motivi importanti per vaccinare tutti i bambini in Italia. 1. È il modo più sicuro e più efficace per ottenere la protezione da alcune gravi malattie di tutta la comunità. Dopo la vaccinazione, il bambino avrà una probabilità molto minore di prendere una malattia se ci sono dei casi nella popolazione. I benefici di una protezione contro queste malattie superano di molto i rischi della vaccinazione. 2. Se un numero sufficiente di persone di una comunità sono vaccinate, l infezione si diffonde più difficilmente e la malattia, con il tempo può scomparire del tutto. Il vaiolo è stato eliminato da tutto il mondo proprio in questo modo, la polio è stata cancellata dalla maggior parte dei Paesi e in alcuni sono già scomparsi del tutto morbillo, parotite e rosolia. Per prevenire infezioni che ricompaiono con facilità Nella maggior parte delle regioni italiane si hanno elevate coperture vaccinali per alcune malattie e queste continuano a persistere a livelli molto più bassi che nel passato (per esempio la pertosse). Se la percentuale di immunizzazione nelle scuole e nelle comunità si riduce, possono presentarsi con facilità nuove grandi epidemie di queste malattie. I bambini sono colpiti molto più facilmente dalla pertosse se non sono stati vaccinati. In Italia le epidemie di pertosse(tosse convulsa) si verificano soprattutto nelle scuole o nelle comunità in cui solo pochi bambini sono vaccinati contro questa malattia. I vaccini sono contrari alla natura? I vaccini agiscono utilizzando i meccanismi di difesa che la natura ci ha reso disponibili. Attualmente la scienza ci permette di capire come il nostro organismo può prevenire o guarire le malattie infettive: i vaccini sono preparati infatti per stimolare allo stesso modo il sistema naturale di difesa del nostro corpo. 21

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 9896 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 Intesa Stato-Regioni 22 febbraio 2012: Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2012-2014. Recepimento e adozione Calendario Regionale

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

www.casadicuracittadiroma.com;www.cittadiroma-anestesia.it;wwwannaritagrimaldi.tk;

www.casadicuracittadiroma.com;www.cittadiroma-anestesia.it;wwwannaritagrimaldi.tk; Il parto determina grandi cambiamenti nel corpo di una donna. Gran parte di questi cambiamenti sono dovuti alle brusche modificazioni ormonali che intervengono durante la nascita del bambino e nei giorni

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia

Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia Il ruolo di sentinella del Medico di Famiglia R A F F A E L L A M I C H I E L I Segretario Nazionale Società Italiana Medicina Generale Nonostante il titolo della mia relazione sia Il ruolo di sentinella

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE La vita del neonato dalla nascita al primo mese, rassicurazioni e consigli dalla SIN Società Italiana di Neonatologia L arrivo di un bebè è un momento lieto, ma

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

Proseguono, si rinnovano e si arricchiscono nel corso del 2012 le proposte dei Consultori Familiari dell ASL nell ambito del Percorso Nascita.

Proseguono, si rinnovano e si arricchiscono nel corso del 2012 le proposte dei Consultori Familiari dell ASL nell ambito del Percorso Nascita. PERCORSO NASCITA Proseguono, si rinnovano e si arricchiscono nel corso del 2012 le proposte dei Consultori Familiari dell ASL nell ambito del Percorso Nascita. L attenzione a questa importante fase del

Dettagli

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino Home Visiting uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle disuguaglianze

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7

INDICE INTRODUZIONE 7 INDICE INTRODUZIONE 7 CAPITOLO I. COME FUNZIONA IL SENO 9 A discrezione del consumatore 9 Il seno, cos è e a cosa serve 13 L esterno del seno 14 La parte che non si vede 15 Gli ormoni dell allattamento

Dettagli

Mamma che latte! www.salute.gov.it

Mamma che latte! www.salute.gov.it Consigli alle mamme sull'allattamento al seno Mamma che latte! Mamma che latte! 3 INDICE Allattare al seno il tuo bimbo con amore e facilità pag 4 Allattamento al seno unico e speciale pag 6 Vicino al

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita Dipartimento di Prevenzione E&P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 98 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - 0824 308286-9 Fax 0824-308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rosolia: perché rischiare?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria Corso Vaccinazioni: consolidare

Dettagli

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Direzione Prevenzione

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

NASCERE A ROMA ideato da: Laura Ricci

NASCERE A ROMA ideato da: Laura Ricci NASCERE A ROMA ideato da: Laura Ricci progetto di: LEELOO e STUDIOMAKER Ogni anno a Roma nascono circa 70 bambini al giorno. Anche oggi ne stanno nascendo 70. Se analizzassimo questo dato facendo un balzo

Dettagli

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 ANSIA IN ETA EVOLUTIVA Il disturbo d ansia è la diagnosi più ricorrente entro i 16 anni! 10% Quando l ansia

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA REGIONE VENETO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SANITARIE DIREZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SANITÀ

ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo

Dettagli

La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita

La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita Preferisci essere vittima o vincitore? con 3 CD per il bambino interiore ferito Con il "Gioco della guarigione con le 5 dita" e í suoi 3 CD possiamo imparare

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Indicazioni ai Genitori. sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni. in collaborazione con

Indicazioni ai Genitori. sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni. in collaborazione con in collaborazione con Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Servizi all Infanzia Indicazioni ai Genitori sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni - COMUNE DI

Dettagli

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello!

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello! io ballo e non mi sballo! Contro la droga usa il cervello! Pasticche, trip, acidi, funghetti, LSD, anfe, speed, spinelli... illusioni che ti rendono schiavo di un mondo irreale e che fanno seriamente male

Dettagli

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Sommario Introduzione pag. 04 Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06 Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Vaccinazione contro la difterite e il tetano pag. 11 Vaccinazione contro l epatite

Dettagli

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Elementi di valutazione delle autorità regolatorie! Efficacia

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Linee guida per l'allattamento al seno

Linee guida per l'allattamento al seno Politica aziendale relativa all allattamento al seno e all alimentazione dei bambini adottata presso l Ospedale di Lucca Linee guida per l'allattamento al seno Allegato alla deliberazione del Direttore

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Livello: A2 Gruppo 1 Autori: Betto Michela, Camozzi Laura, Ros Laura Destinatari: Alunni di 2-3 elementare con conoscenza dell italiano di livello A2 Tempi

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto.

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. GHINELLI Giuseppe - Pediatra S.C. Assistenza Consultoriale ASL3 Genovese Circolare Ministeriale n.8 del 23/3/1993 "Documenti di vaccinazione per minori

Dettagli