I nematodi a cisti della patata. Alba Cotroneo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nematodi a cisti della patata. Alba Cotroneo"

Transcript

1 I nematodi a cisti della patata Alba Cotroneo

2 Globodera spp È uno dei principali parassiti delle regioni temperate e fredde

3 Larva

4 STORIA G. rostochiensis e G. pallida sono originari delle montagne andine; in Europa furono introdotti a metà del 19 secolo e sono stati diffusi, in quasi tutte le zone del mondo coltivate a patata, tramite la terra infestata aderente ai tuberi usati poi come seme. Foto Venanzio

5 STORIA 1881 Segnalazioni danni a carico della patata da N. cisticoli 1913 Gravissimi danni in Germania e Scozia (emigrazioni) 1923 Wollenweber identifica H. rostochiensis 1973 In Scozia si identifica H. pallida 1975 Trasferimento al nuovo genere Globodera di entrambe le specie

6 Confronti Heterodera Globodera

7 G. pallida G. rostochiensis

8 Ciclo biologico La femmina matura, trasformata in cisti, si stacca dalla radici e rimane nel terreno pronta a dare inizio a nuove infestazioni; in assenza di piante ospiti le cisti rimangono durevoli per parecchi anni e, grazie alla consistenza della cuticola, sono resistenti anche a condizioni ambientali estreme

9 Ciclo biologico 6 stadi: uovo, 4 forme larvali, adulto

10 Sulle radici in primavera è possibile osservare anche a occhio nudo le cisti di colore bianco

11 Ciclo biologico Il ciclo biologico si svolge in 4-6 settimane pertanto nel periodo di coltivazione della patata si possono avere più cicli.

12 Sintomi atipici ascrivibili anche ad Sviluppo stentato Clorosi fogliari Chiazze nel campo con piante di taglia più bassa Tubero di dimensioni ridotte altre cause

13 Limite di tolleranza In Italia, in prove effettuate in piccole parcelle, è stata valutata una tolleranza di circa 2 uova/larve per grammo di terra. Se il livello di popolazione di questi nematodi è molto elevato a causa della ripetizione di piante ospiti sullo stesso terreno, si possono avere perdite di raccolto fino all 80%.

14

15

16 Diffusione in Italia In Italia il loro areale di diffusione è esteso interessando le aree di maggiore coltivazione della solanacea

17 Diffusione in Piemonte Attualmente, sono presenti focolai di Globodera rostochiensis circoscritti in quasi tutte le valli montane dove la patata è coltivata solo in piccoli orti per consumo familiare

18 NORMATIVA Entrambe le specie sono incluse nella lista A2 di quarantena dell OEPP

19 Normativa Decreto legislativo 8 ottobre 2010 n. 186 Attuazione della direttiva 2007/33CE Tale decreto stabilisce i provvedimenti di natura fitosanitaria da adottare sul territorio della Repubblica Italiana per la LOTTA OBBLIGATORIA contro i nematodi a cisti della patata

20 D. Lgs. 186/2010 art. 1 Finalità della normativa La lotta contro i nematodi a cisti della patata, consiste nell attuazione di interventi atti a: a) Localizzarne la presenza e determinare la distribuzione b) Prevenirne la diffusione c) Qualora vengano individuati, combatterli

21 Altre piante ospiti Allegato 1 punto 1 Capsicum spp Lycopersicon lycopersicum Solanum melongena VERIFICHE: Esame ufficiale per le piante destinate alla produzione di vegetali per l impianto o tuberi seme di patata per la produzione di tuberi seme

22 Altre piante con radici destinate alla produzione di vegetali per l impianto allegato 1, punto 2a Allium porrum Beta vulgaris Brassica Fragaria Asparagus officinalis VERIFICHE: Dai risultati di analisi adeguate, approvate ufficialmente, emerge l assenza di nematodi a cisti della patata nella parcella negli ultimi 12 anni Oppure Dalle precedenti rotazioni colturali risulta che negli ultimi 12 anni nella parcella non sono state coltivate patate o altre piante ospiti di cui al punto 1 dell allegato 1

23 Normativa La DIRETTIVA del consiglio dell Unione Europea 2007/33/CE dell'11 giugno 2007 prescrive agli Stati membri di svolgere annualmente indagini ufficiali sulle parcelle utilizzate per la produzione di patate diverse da quelle destinate alla produzione di tuberi seme al fine di determinare la distribuzione dei nematodi a cisti della patata. (art. 6) D. Lgs 186 art 5 - Indagini ufficiali Per le patate da consumo le indagini devono essere svolte su almeno lo 0,5% della superficie utilizzata nel pertinente anno

24 Indagini ufficiali DIRETTIVA 2007/33/CE Art. 6, comma 2 Le indagini ufficiali comprendono il campionamento e un analisi per il rilevamento della presenza di nematodi a cisti della patata in conformità del punto 2 dellall. II e sono svolte conformemente alla sez. II dell all, III

25 Normativa Decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214 allegato I parte A sezione II include il nematode a cisti della patata Globodera rostochiensis e G. pallida tra gli organismi nocivi di cui deve essere vietata la diffusione all interno degli Stati membri allegato IV parte A sezione I punto 25.4 allegato IV parte A sezione II punto 18.1 Tuberi di Solanum tuberosum destinati alla piantagione Constatazione ufficiale che i tuberi sono originari di un campo notoriamente indenne allegato IV parte A sezione I punto 33 Vegetali con radici, piantati o destinati alla piantagione, coltivati all aperto. Constatazione ufficiale che il luogo di produzione è notoriamente indenne

26 CAMPIONAMENTO Seguire una diagonale e prelevare con sonda una quantità di terreno rappresentativa del campo alla profondità del tubero di patata Campione minimo di terreno di almeno 400 ml/ha per le patate da consumo, 1500 ml per quelle da seme

27 MONITORAGGIO GLOBODERA AL AT BI CN NO TO VC TOTALE NEGATIVO POSITIVO 378 CAMPIONI 286 NEGATIVI 92 POSITIVI 75,7% 24,3%

28 MONITORAGGIO GLOBODERA TO 41% VC 3% AL 30% NO 1% CN 18% BI 1% AT 6%

29 Appartato di flottazione per l estrazione delle cisti (Oostenbrink) Per sedimentazione viene separato il materiale più pesante da quello più leggero compresi i nematodi. Corrente di acqua ascendente da un apertura inferiore in quantità costante

30 LOTTA Varietà resistenti Rotazione Spazzolatura tuberi Trattamenti nematocidi

31 COMPLICAZIONI.. Esistono più patotipi, o razze, del nematode (in Europa ne sono noti 5 per G. rostochiensis e 3 per G. pallida, ma nella zona di origine, le Ande, si ritiene che siano molti di più) distinguibili per la loro capacità di moltiplicarsi solo su determinati cloni di specie di Solanum a tuberi usati per il miglioramento genetico.

2. Oggetto e definizioni

2. Oggetto e definizioni Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Certificazione, protezione dei vegetali e delle varietà DIRETTIVA n. dell'ufficio federale dell'agricoltura all'attenzione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 ottobre 2010, n. 186

DECRETO LEGISLATIVO 8 ottobre 2010, n. 186 DECRETO LEGISLATIVO 8 ottobre 2010, n. 186 Attuazione della direttiva 2007/33/CE relativa alla lotta ai nematodi a cisti della patata e che abroga la direttiva 69/465/CEE. (10G0208) Capo I OGGETTO E DEFINIZIONI

Dettagli

I Nematodi cisticoli

I Nematodi cisticoli Dipartimento Economico ed Occupazionale Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici Servizio Fitosanitario Regionale I Nematodi cisticoli I nematodi cisticoli fanno parte del genere

Dettagli

Resistenza varietale al nematode a cisti e ruolo dei sovesci di piante nematocide nella gestione delle rotazioni

Resistenza varietale al nematode a cisti e ruolo dei sovesci di piante nematocide nella gestione delle rotazioni Direzione Generale Agricoltura, economia ittica, attività faunistico-venatorie Servizio Fitosanitario Resistenza varietale al nematode a cisti e ruolo dei sovesci di piante nematocide nella gestione delle

Dettagli

Il monitoraggio dei nematodi a cisti della patata D.Lgs. 8 ottobre 2010 n.186

Il monitoraggio dei nematodi a cisti della patata D.Lgs. 8 ottobre 2010 n.186 Direzione Generale Agricoltura, economia ittica, attività faunistico-venatorie Servizio Fitosanitario Il monitoraggio dei nematodi a cisti della patata D.Lgs. 8 ottobre 2010 n.186 Giovanna Curto Servizio

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 24 aprile 2003 Misure provvisorie di lotta contro l'introduzione e la propagazione nella Comunita' del virus del mosaico del pepino per quanto concerne

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 16 maggio 2012 relativa alle misure d emergenza per impedire l introduzione e la diffusione nell Unione di Epitrix cucumeris (Harris), Epitrix similaris (Gentner),

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 8 ottobre 2010, n. 186 Attuazione della direttiva 2007/33/CE relativa alla lotta ai nematodi a cisti della patata e che abroga la direttiva 69/465/CEE. (10G0208) IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Controlli patate in Italia linee guida

Controlli patate in Italia linee guida Controlli patate in Italia linee guida Anna Piana apiana@regione.emilia-romagna.it Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna Bologna, 30 Marzo 2012 Piano nazionale e programmi regionali di controllo

Dettagli

La produzione delle piante di olivo: aspetti normativi

La produzione delle piante di olivo: aspetti normativi La produzione delle piante di olivo: aspetti normativi Norme che disciplinano il vivaismo olivicolo Norme obbligatorie : D.Lgs 19/8/2005 n. 214 D.M. 14/4/1997 (CAC) Norme volontarie : D.M. 24/7/2003 certificazione

Dettagli

Normative per la produzione, lavorazione e commercializzazione delle patate

Normative per la produzione, lavorazione e commercializzazione delle patate Normative per la produzione, lavorazione e commercializzazione delle patate Anna Piana apiana@regione.emilia-romagna.it Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna Bologna, 25 giugno 2012 Direttiva 93/50/CEE

Dettagli

DECRETO 12 aprile 2006

DECRETO 12 aprile 2006 DECRETO 12 aprile 2006 Modifica degli allegati I, II, III, IV, V, VI e XIII/A del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, in applicazione di direttive e decisioni comunitarie, concernenti le misure

Dettagli

del presente decreto.

del presente decreto. Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione è gratuita. Fonte: Istituto Poligrafico

Dettagli

Il quadro normativo della lotta obbligatoria al Cinipide del castagno

Il quadro normativo della lotta obbligatoria al Cinipide del castagno Il quadro normativo della lotta obbligatoria al Cinipide del castagno R. Griffo - G. Pesapane Servizio fitosanitario Regione Campania Riferimenti normativi Dall anno 2003 per l European and Mediterranean

Dettagli

9 dicembre 2015 Villanova di Castenaso STRATEGIE DI DIFESA. della patata. Massimo Bariselli Servizio Fitosanitario Emilia Romagna

9 dicembre 2015 Villanova di Castenaso STRATEGIE DI DIFESA. della patata. Massimo Bariselli Servizio Fitosanitario Emilia Romagna STRATEGIE DI DIFESA della patata Massimo Bariselli Servizio Fitosanitario Emilia Romagna La patata come tutte le solanacee, è originaria del continente americano Alcune fra le principali avversità della

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dei vegetali

Ordinanza sulla protezione dei vegetali Ordinanza sulla protezione dei vegetali (OPV) Modifica del 16 maggio 2007 Il Dipartimento federale dell economia, visto l articolo 40 capoverso 3 dell ordinanza del 28 febbraio 2001 1 sulla protezione

Dettagli

PSTVd - PIANO MONITORAGGIO

PSTVd - PIANO MONITORAGGIO PSTVd - PIANO MONITORAGGIO Il monitoraggio sulla presenza del viroide del tubero fusiforme della patata (Potato spindle tuber viroid PSTVd) si prefigge i seguenti scopi: dare continuità all applicazione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 2 luglio 2015 Recepimento delle direttive 2013/63/UE, 2014/20/UE e 2014/21/UE concernenti, rispettivamente, le condizioni minime da soddisfare

Dettagli

Recepimento delle direttive 2013/63/UE, 2014/20/UE e 2014/21/UE. concernenti, rispettivamente, le condizioni minime da soddisfare per

Recepimento delle direttive 2013/63/UE, 2014/20/UE e 2014/21/UE. concernenti, rispettivamente, le condizioni minime da soddisfare per MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 2 luglio 2015 Recepimento delle direttive 2013/63/UE, 2014/20/UE e 2014/21/UE concernenti, rispettivamente, le condizioni minime da soddisfare

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Protezione delle Piante, Sez. Entomologia Agraria Osservazioni sulla dinamica di popolazione di Tuta absoluta ed esperienze di controllo in Sardegna DELRIO

Dettagli

Servizio fitosanitario Regione Toscana

Servizio fitosanitario Regione Toscana REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Settore Servizio fitosanitario regionale, servizi agroambientali di vigilanza e controllo"

Dettagli

Cinipide del Castagno in Campania

Cinipide del Castagno in Campania Cinipide del Castagno in Campania Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu 28 Maggio 2008 Montoro sup.- AV Castagno : Superficie -Superficie Nazionale a castagneto da Frutto coltivato 150 000 Ha -Superficie in

Dettagli

IMPATTO DELLA PHTHORIMEA OPERCULELLA SULLA COLTURA DELLA PATATA

IMPATTO DELLA PHTHORIMEA OPERCULELLA SULLA COLTURA DELLA PATATA IMPATTO DELLA PHTHORIMEA OPERCULELLA SULLA COLTURA DELLA PATATA BOLOGNA 22-10- 2013 Dr. D. D Ascenzo Servizio Fitosanitario Abruzzo Per poter inquadrare correttamente la problematica della tignola è importante

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Lotta obbligatoria per il controllo del virus Plum pox virus (PPV) agente della «Vaiolatura delle drupacee» (Sharka) Visto il decreto ministeriale 29 novembre 1996, inerente la lotta obbligatoria contro

Dettagli

La normativa fitosanitaria relativa alla produzione delle patate. Anna Piana Servizio Fitosanitario

La normativa fitosanitaria relativa alla produzione delle patate. Anna Piana Servizio Fitosanitario La normativa fitosanitaria relativa alla produzione delle patate Anna Piana Servizio Fitosanitario IMPORTANZA COLTURA PATATA IN EUROPA E NUMEROSITA ORGANISMI NOCIVI produzione di patate occupa un posto

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno L esperienza del Piemonte

Il cinipide galligeno del castagno L esperienza del Piemonte Settore Fitosanitario Il cinipide galligeno del castagno L esperienza del Piemonte Avellino, 4 giugno 2008 Giovanni Bosio Dryocosmus kuriphilus cinipide galligeno del castagno Considerato uno degli insetti

Dettagli

da lungo tempo nel territorio toscano ed integrati tradizionalmente nella sua agricoltura e nel suo allevamento;

da lungo tempo nel territorio toscano ed integrati tradizionalmente nella sua agricoltura e nel suo allevamento; Richiesta di iscrizione al Repertorio regionale delle specie erbacee (LR 64/04 Tutela e valorizzazione del patrimonio di razze e varietà locali di interesse agrario, zootecnico e forestale ) accessione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. DECRETO 1 marzo 2012

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. DECRETO 1 marzo 2012 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 1 marzo 2012 Misure urgenti contro la diffusione di Ralstonia solanacearum (Smith) Yabuuchi et al. nei confronti delle patate provenienti

Dettagli

Insetti dannosi per l'agricoltura. Dott. Francesco Giannetti

Insetti dannosi per l'agricoltura. Dott. Francesco Giannetti Insetti dannosi per l'agricoltura Dott. Francesco Giannetti Introduzione Soprattutto dalla fine degli anni '80, il cambiamento climatico si è ripercosso sugli ecosistemi agrari e forestali. La perdita

Dettagli

Cipolla di Treschietto: da risorsa ad opportunità per lo sviluppo del territorio

Cipolla di Treschietto: da risorsa ad opportunità per lo sviluppo del territorio Convegno su: Cipolla di Treschietto: da risorsa ad opportunità per lo sviluppo del territorio Comune di Bagnone 22 novembre 2008 Presentazione del Progetto triennale di recupero, caratterizzazione, conservazione

Dettagli

Monitoraggio delle principali Nottue dannose al pomodoro in Capitanata con trappole a feromone

Monitoraggio delle principali Nottue dannose al pomodoro in Capitanata con trappole a feromone Monitoraggio delle principali Nottue dannose al pomodoro in Capitanata con trappole a feromone Giacinto S. Germinara Dipartimento di Scienze Agrarie degli Alimenti e dell Ambiente, Università di Foggia,

Dettagli

Aggiornamento - Pest report Heterodera elachista Ohshima, 1974 focolaio in Emilia-Romagna

Aggiornamento - Pest report Heterodera elachista Ohshima, 1974 focolaio in Emilia-Romagna Aggiornamento - Pest report Heterodera elachista Ohshima, 1974 focolaio in Emilia-Romagna Giovanna Curto Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna E-mail: giovanna.curto@regione.emilia-romagna.it Incontro

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2003D0248 IT 03.02.2011 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 aprile 2003 che autorizza

Dettagli

ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DELLA TRIFOLLA DE L HAUTE VALLEE DU GRAND ST. BERNARD/ PATATA DELL ALTA VALLE DEL GRAN SAN BERNARDO C:\Documents and Settings\dd\Documenti\grand-combain\4

Dettagli

Epidemiologia della peronospora del pomodoro

Epidemiologia della peronospora del pomodoro M. COLLINA R. BUGIANI Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Servizio Fitosanitario Regione Emilia - Romagna Epidemiologia della peronospora del pomodoro Incontro tecnico: Difesa da peronospora

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO SERIE GENERALE. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 25 gennaio 2013 AVVISO AGLI ABBONATI

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO SERIE GENERALE. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 25 gennaio 2013 AVVISO AGLI ABBONATI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 21 UFFICIALE DELLA

Dettagli

Recepimento della direttiva n. 98/57/CE del Consiglio concernente la lotta contro Ralstonia solanacearum (Smith) Yabuuchi et al.

Recepimento della direttiva n. 98/57/CE del Consiglio concernente la lotta contro Ralstonia solanacearum (Smith) Yabuuchi et al. Decreto ministeriale 23 febbraio 2000 (G.U. 4 maggio 2000, n 102) Recepimento della direttiva n. 98/57/CE del Consiglio concernente la lotta contro Ralstonia solanacearum (Smith) Yabuuchi et al. IL MINISTRO

Dettagli

Halyomorpha halys e Popillia japonica: due nuovi insetti dannosi per il nocciolo. Possibili danni e prospettive di difesa.

Halyomorpha halys e Popillia japonica: due nuovi insetti dannosi per il nocciolo. Possibili danni e prospettive di difesa. Halyomorpha halys e Popillia japonica: due nuovi insetti dannosi per il nocciolo. Possibili danni e prospettive di difesa. Asti, 17 Marzo 2017 Giovanni Bosio Settore Fitosanitario e servizi tecnico-scientifici

Dettagli

Principali nematodi orticoli ed esperienze di contenimento in Emilia-Romagna

Principali nematodi orticoli ed esperienze di contenimento in Emilia-Romagna Direzione Generale Agricoltura Servizio Fitosanitario Regione Emilia- Romagna Principali nematodi orticoli ed esperienze di contenimento in Emilia-Romagna Servizio Fitosanitario NEMATODI ORTICOLI IN VENETO:

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno Situazione e prospettive

Il cinipide galligeno del castagno Situazione e prospettive Il cinipide galligeno del castagno Situazione e prospettive Villarfocchiardo (TO) 15 ottobre 2010 Giovanni Bosio Regione Piemonte Settore Fitosanitario Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu cinipide galligeno

Dettagli

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE Un MONDO di COLZA DK SENSEI PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA Investimento Investimento consigliato 30-40 p/m 2 alla raccolta NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ

Dettagli

Il nematode galligeno del riso Meloidogyne graminicola: caratteristiche e sintomatologia

Il nematode galligeno del riso Meloidogyne graminicola: caratteristiche e sintomatologia ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Direzione Agricoltura Settore Fitosanitario e servizi tecnico-scientifici Il nematode galligeno del riso Meloidogyne graminicola: caratteristiche e sintomatologia

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 2/50 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 2003 che autorizza gli Stati membri ad adottare, a titolo provvisorio, misure d'emergenza contro la propagazione di Pseudomonas solanacearum (Smith) Smith

Dettagli

Commissione che ha accertato il rischio fitosanitario associato a tale organismo nocivo nelle relative zone protette riconosciute nella Comunità.

Commissione che ha accertato il rischio fitosanitario associato a tale organismo nocivo nelle relative zone protette riconosciute nella Comunità. L 116/16 DIRETTIVA 2002/36/CE DELLA COMMISSIONE del 29 aprile 2002 recante modifiche agli allegati della direttiva 2000/29/CE del Consiglio concernente le misure di protezione contro l'introduzione nella

Dettagli

Le norme in merito alle VARIETÀ DA CONSERVAZIONE

Le norme in merito alle VARIETÀ DA CONSERVAZIONE Le norme in merito alle VARIETÀ DA CONSERVAZIONE Carmagnola (TO) - 25 marzo 2011 VARIETA DA CONSERVAZIONE DEFINIZIONE Le varietà da conservazione sono varietà, popolazioni, ecotipi, cloni e cultivar di

Dettagli

Chiara Ferracini, Alberto Alma. Castagni a frutto

Chiara Ferracini, Alberto Alma. Castagni a frutto paolo La lotta inglese al cinipide del castagno Il Chiara destino Ferracini, una promessa 98 01 paolo La lotta inglese al cinipide del castagno Il Chiara destino Ferracini, una promessa 02 99 La lotta

Dettagli

Il punteruolo del peperone Anthonomus eugenii (Cano)

Il punteruolo del peperone Anthonomus eugenii (Cano) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Il punteruolo del peperone Anthonomus eugenii (Cano) Conosciuto come Pepper weevil nei paesi anglofoni e come Picudo del chile in quelli ispanici. Sistematica e diffusione

Dettagli

Un emergenza fitosanitaria per la fragola e la frutticoltura montana Drosophila suzukii. Riflessioni su strategie di controllo del fitofago

Un emergenza fitosanitaria per la fragola e la frutticoltura montana Drosophila suzukii. Riflessioni su strategie di controllo del fitofago Un emergenza fitosanitaria per la fragola e la frutticoltura montana Drosophila suzukii Riflessioni su strategie di controllo del fitofago dr. Michele Baudino - CReSO Peveragno 25 febbraio 2012 Cosa è

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu

Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu Giovanni Bosio Regione Piemonte, Settore Fitosanitario Il cinipede galligeno Drycosmus kuriphilusyasumatsu è considerato uno degli insetti

Dettagli

Marciume bruno e Avvizzimento batterico di patata da Ralstonia solanacearum. Attacco in campo. L infezione ha spesso origine dai tuberi-seme infetti, ma il batterio ha ottime attitudini saprofitarie ed

Dettagli

Il virus del mosaico del pepino su pomodoro in Svizzera. Olivier Schumpp

Il virus del mosaico del pepino su pomodoro in Svizzera. Olivier Schumpp Il virus del mosaico del pepino su pomodoro in Svizzera Struttura della presentazione 1. Epidemiologia & diagnostica 2. Metodi diagnostici 3. Situazione del PepMV in Svizzera 4. La protezione incrociata

Dettagli

Aromia bungii (Cerambicide dal collo rosso)

Aromia bungii (Cerambicide dal collo rosso) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Aromia bungii (Cerambicide dal collo rosso) Adulto di Aromia bungii (foto SFR Campania) L Aromia bungii (Faldermann) è un coleottero della famiglia dei Cerambycidae, viene

Dettagli

piano di lotta al tarlo asiatico in Lombardia

piano di lotta al tarlo asiatico in Lombardia piano di lotta al tarlo asiatico in Lombardia Milano 17 marzo 2014 Beniamino Cavagna contesto Il regime fitosanitario dell'ue è unico ed aperto: gli spostamenti di piante e prodotti vegetali verso e nell'unione

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 26 settembre 2014. Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l eradicazione di Xylella fastidiosa (Well e Raju) nel territorio della Repubblica italiana. IL MINISTRO DELLE POLITICHE

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE N. 92/DIRA DEL 31/01/2017

DECRETO DEL DIRETTORE N. 92/DIRA DEL 31/01/2017 1 DECRETO DEL DIRETTORE N. 92/DIRA DEL 31/01/2017 Oggetto: D.M. 31/05/2000 Misure per la lotta obbligatoria contro la flavescenza dorata della vite Individuazione focolai nei comuni di Fano, Saltara, Ortezzano,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUN- TA REGIONALE 10 luglio 2007, n. 666

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUN- TA REGIONALE 10 luglio 2007, n. 666 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 107 del 26-7-2007 13547 Atti di Organi monocratici regionali DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUN- TA REGIONALE 10 luglio 2007, n. 666 Art. 8 del D.M. 501/96.

Dettagli

Cydalima perspectalis

Cydalima perspectalis Cydalima perspectalis (la Piralide del bosso) Massimo Bariselli - SFR Inquadramento della specie Lepidottero piralide Origine: Asia Dal 2007 al 2011 inserito nell'alert List dell'eppo Non esiste attualmente

Dettagli

Monitoraggio artropodi infestanti

Monitoraggio artropodi infestanti Monitoraggio artropodi infestanti Monitoraggio artropodi infestanti Monitoraggio materie prime magazzini locali di lavorazione Conoscenza tecnologie produttive Etologia dei potenziali colonizzatori Metodi

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI NOCIVI DA QUARANTENA (DIRETTIVA CEE 77/93)

SCHEDA TECNICA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI NOCIVI DA QUARANTENA (DIRETTIVA CEE 77/93) SCHEDA TECNICA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI NOCIVI DA QUARANTENA (DIRETTIVA CEE 77/93) Avversità: avvizzimento batterico o marciume bruno Organismo nocivo: Pseudomonas solanacearum (Rastonia solanacearum)

Dettagli

FITOFAGI ED ENTOMOFAGI DELLE COLTURE ORTIVE

FITOFAGI ED ENTOMOFAGI DELLE COLTURE ORTIVE Università degli Studi di Napoli Federico II METODOLOGIE GENOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO GENETICO DELLE PIANTE ORTIVE FITOFAGI ED ENTOMOFAGI DELLE COLTURE ORTIVE Paolo A. Pedata Istituto CNR per la Protezione

Dettagli

PRESCRIZIONI FITOSANITARIE IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA DI APPARTENENZA

PRESCRIZIONI FITOSANITARIE IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA DI APPARTENENZA A LLEGATO III PRESCRIZIONI FITOSANITARIE IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA DI APPARTENENZA A - PRESCRIZIONI FITOSANITARIE PER IL PRODUTTORE-VIVAISTA E PER IL PICCOLO PRODUTTORE 1. rendere visibile, sia in azienda

Dettagli

Principali problematiche fitosanitarie nell orticoltura piemontese.

Principali problematiche fitosanitarie nell orticoltura piemontese. Principali problematiche fitosanitarie nell orticoltura piemontese. Giovanna Gilardi, M.L.Gullino, Angelo Garibaldi Boves, 9-10 dicembre 2010 Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni

Dettagli

IMPIANTO FRUTTETO AMMORTIZZARE IN BREVE TEMPO GLI INVESTIMENTI IMPEGNATI EFFETTUARE LA PIÙ IDONEA MECCANIZZAZIONE DELLE OPERAZIONI COLTURALI

IMPIANTO FRUTTETO AMMORTIZZARE IN BREVE TEMPO GLI INVESTIMENTI IMPEGNATI EFFETTUARE LA PIÙ IDONEA MECCANIZZAZIONE DELLE OPERAZIONI COLTURALI IMPIANTO FRUTTETO Per ritenersi economicamente valido deve: AMMORTIZZARE IN BREVE TEMPO GLI INVESTIMENTI IMPEGNATI EFFETTUARE LA PIÙ IDONEA MECCANIZZAZIONE DELLE OPERAZIONI COLTURALI CONTENERE NOTEVOLMENTE

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE

PROCEDURE OPERATIVE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE DG. COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLO AGROFORESTALE PROCEDURE OPERATIVE

Dettagli

Importanza della diagnosi su seme di pomodoro per l identificazione di alcuni agenti infettivi seed-borne

Importanza della diagnosi su seme di pomodoro per l identificazione di alcuni agenti infettivi seed-borne Falcoltà di Agraria dell Università Politecnica di Ancona - 29 Marzo 2012 " IMPORTANZA DELLA DIAGNOSI SU SEME DI POMODORO PER L IDENTIFICAZIONE DI ALCUNI AGENTI INFETTIVI SEED-BORNE Importanza della diagnosi

Dettagli

Nematodi su colture orticole di pieno campo: carote e radicchio

Nematodi su colture orticole di pieno campo: carote e radicchio 27 Novembre 2015 NEMATODI ORTICOLI IN VENETO: STATO ATTUALE E STRATEGIE OPERATIVE Centro Sperimentale Ortofloricolo Po di Tramontana - Rosolina (RO) Nematodi su colture orticole di pieno campo: carote

Dettagli

17/12/2010. Indagine bioetologica e monitoraggio della presenza del coleottero buprestide Agrilus viridis nei corileti delle Langhe

17/12/2010. Indagine bioetologica e monitoraggio della presenza del coleottero buprestide Agrilus viridis nei corileti delle Langhe Indagine bioetologica e monitoraggio della presenza del coleottero buprestide Agrilus viridis nei corileti delle Langhe Maria Corte, Claudio Sonnati Consorzio di Ricerca Sperimentazione e Divulgazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l eradicazione di Xylella fastidiosa (Well e Raju) nel territorio della Repubblica italiana. VISTA la direttiva 2000/29/CE del Consiglio, dell 8 maggio

Dettagli

Piverone, Ruolo di Scaphoideus titanus nell epidemiologia della Flavescenza dorata

Piverone, Ruolo di Scaphoideus titanus nell epidemiologia della Flavescenza dorata Piverone, 28-01-2017 Ruolo di Scaphoideus titanus nell epidemiologia della Flavescenza dorata Scaphoideus titanus Ball (Hemiptera: Cicadellidae) Specie originaria dell areale neartico (USA e Canada), diffusa

Dettagli

DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE

DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE Nicoletta Vai Servizio fitosanitario, Regione Emilia-Romagna DIFESA DEL VERDE URBANO: PERCHE? Difesa del verde urbano: perché? Per mantenere belle le piante

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno: interazioni con la pianta ospite e controllo integrato

Il cinipide galligeno del castagno: interazioni con la pianta ospite e controllo integrato Fitofagi di nuova introduzione e possibili impatti sulle colture meridionali Foggia, 20 aprile 2016 Il cinipide galligeno del castagno: interazioni con la pianta ospite e controllo integrato GERMINARA

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE N. 403/DIRA DEL 23/10/2015

DECRETO DEL DIRETTORE N. 403/DIRA DEL 23/10/2015 1 DECRETO DEL DIRETTORE N. 403/DIRA DEL 23/10/2015 Oggetto: Decisione di esecuzione (UE) 2015/893 della Commissione Misure obbligatorie per il controllo e l eradicazione del tarlo asiatico Anoplophora

Dettagli

Come viene regolata la concessione dei passaporti verdi? Condizione per l autorizzazione all uso del Passaporto Verde... 7

Come viene regolata la concessione dei passaporti verdi? Condizione per l autorizzazione all uso del Passaporto Verde... 7 passaporto verde Sommario Introduzione.....3 Come viene regolata la concessione dei passaporti verdi?... 4 Chi deve richiedere la concessione dei passaporti verdi?... 4 Registro ufficiale dei produttori

Dettagli

IL SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO DELL ASSAM A SUPPORTO DELLE SCELTE AZIENDALI

IL SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO DELL ASSAM A SUPPORTO DELLE SCELTE AZIENDALI IL SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO DELL ASSAM A SUPPORTO DELLE SCELTE AZIENDALI SEMINARIO: RISCHIO MICOTOSSINE NELLA FILIERA CEREALICOLA MARCHIGIANA Osimo (AN) 12 aprile 2013 Dott. Agr.. Angela Sanchioni Centro

Dettagli

Ristrutturazione del terreno. Controllo dei parassiti. Influenza sulle produzioni. Tecnica di coltivazione

Ristrutturazione del terreno. Controllo dei parassiti. Influenza sulle produzioni. Tecnica di coltivazione Ristrutturazione del terreno Controllo dei parassiti Influenza sulle produzioni Tecnica di coltivazione Ristrutturazione del terreno Defender è caratterizzato da un rapido sviluppo iniziale che permette

Dettagli

DECRETO 20 dicembre (GU n.62 del ) 1 di 8 24/03/ :04

DECRETO 20 dicembre (GU n.62 del ) 1 di 8 24/03/ :04 1 di 8 24/03/2014 10:04 DECRETO 20 dicembre 2013 Misure per impedire l'introduzione e la diffusione di Pseudomonas syringae pv. actinidiae Takikawa, Serizawa, Ichikawa, Tsuyumu & Goto nel territorio della

Dettagli

Melolontha melolontha

Melolontha melolontha Coleotteri Melolontha melolontha Ordine: Coleotteri Famiglia: Scarabeidi Particolarità: è il comune maggiolino larva cirtosomatica (a c ) che vive nel terreno Ciclo: compie 1 generazione in 3 anni Svernamento:

Dettagli

Direttiva concernente il monitoraggio e la lotta al cinipide galligeno del castagno (Dryocosmus kuriphilus)

Direttiva concernente il monitoraggio e la lotta al cinipide galligeno del castagno (Dryocosmus kuriphilus) Ufficio federale dell ambiente UFAM Ufficio federale dell agricoltura UFAG Servizio fitosanitario federale SFF Direttiva concernente il monitoraggio e la lotta al cinipide galligeno del castagno (Dryocosmus

Dettagli

Cognome Nome. Test eseguito presso. Valutazione eseguida dagli Ispettori Fitosanitari

Cognome Nome. Test eseguito presso. Valutazione eseguida dagli Ispettori Fitosanitari DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA ENTE REGIONALE PER I SERVIZI ALL AGRICOLTURA E ALLE FORESTE Servizio fitosanitario regionale Test di verifica per l ottenimento dei requisiti di professionalità per l'esercizio

Dettagli

Più produzione e uniformità le richieste del mercato fresco

Più produzione e uniformità le richieste del mercato fresco 38 Terra e Vita [ DOSSIER PATATA ] n. 6/2009 1 2 3 [ A CURA DI DI LL AURA TT URRINI ] Più produzione e uniformità le richieste del mercato fresco varietale incide fortemente tutte le fasi della filiera

Dettagli

REGIONE LAZIO Deliberazione della giunta regionale n. 390 del 5 giugno (pubblicata sul BURL n. 21 del )

REGIONE LAZIO Deliberazione della giunta regionale n. 390 del 5 giugno (pubblicata sul BURL n. 21 del ) REGIONE LAZIO Deliberazione della giunta regionale n. 390 del 5 giugno 2007 (pubblicata sul BURL n. 21 del 30.07.07) Oggetto: misure di profilassi fitosanitaria contro la diffusione del punteruolo rosso

Dettagli

Parliamo di legislazione fitosanitaria

Parliamo di legislazione fitosanitaria Parliamo Decreto di legislazione legislativo 214/2005 fitosanitaria Parliamo di legislazione fitosanitaria Ma all Università dove si studia????? In Diritto agrario in Entomologia in Patologia Parliamo

Dettagli

Controlli all importazione di patate da paesi terzi

Controlli all importazione di patate da paesi terzi Controlli all importazione di patate da paesi terzi Gino Tallevi DG Agricoltura, economia ittica, attività faunistico venatorie Normativa di riferimento Controlli Normativa di riferimento Direttiva 2000/29/CE

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio Pag. 1 di 5 DOCUMENTO TECNICO Patate, cipolle e carote arricchite in selenio CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it Redatto il 2010-04-01

Dettagli

ALLEGATO II DECISIONE 2008/185/CE E FUTURA ACQUISIZIONE DI QUALIFICA DI TERRITORIO UFFICIALMENTE INDENNE Verona, 27/04/2017

ALLEGATO II DECISIONE 2008/185/CE E FUTURA ACQUISIZIONE DI QUALIFICA DI TERRITORIO UFFICIALMENTE INDENNE Verona, 27/04/2017 ALLEGATO II DECISIONE 2008/185/CE E FUTURA ACQUISIZIONE DI QUALIFICA DI TERRITORIO UFFICIALMENTE INDENNE Verona, 27/04/2017 Il Veneto è inserito nell elenco delle regioni in cui si applicano programmi

Dettagli

REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE, SERVIZI

Dettagli

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 34 dell'11 febbraio 2011 Capo I Campo di applicazione e definizioni

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 34 dell'11 febbraio 2011 Capo I Campo di applicazione e definizioni DECRETO LEGISLATIVO 30 dicembre, n. 267 Attuazione della direttiva 09/14/CE, recante talune deroghe per l'ammissione di ecotipi e varieta' orticole tradizionalmente coltivate in particolari località e

Dettagli

relative alle due specie del genere Anoplophora presenti in Italia (A. chinensis /A. glabripennis)

relative alle due specie del genere Anoplophora presenti in Italia (A. chinensis /A. glabripennis) note essenziali di: inquadramento riconoscimento tecnica di monitoraggio relative alle due specie del genere Anoplophora presenti in Italia (A. chinensis /A. glabripennis) Servizio Fitosanitario Regione

Dettagli

note essenziali di: inquadramento riconoscimento tecnica di monitoraggio

note essenziali di: inquadramento riconoscimento tecnica di monitoraggio note essenziali di: inquadramento riconoscimento tecnica di monitoraggio relative alle due specie del genere Anoplophora presenti in Italia (A. chinensis /A. glabripennis) Servizio Fitosanitario Regione

Dettagli

Anoplophora glabripennis ( Motschulsky) Coleottero asiatico dalle lunghe corna

Anoplophora glabripennis ( Motschulsky) Coleottero asiatico dalle lunghe corna REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anoplophora glabripennis ( Motschulsky) Coleottero asiatico dalle lunghe corna Foto 1:

Dettagli

Allegato 2 Legislazioni di riferimento in Italia

Allegato 2 Legislazioni di riferimento in Italia PALLET ED IMBALLAGGI DI LEGNO. ISPM-15: LO STANDARD IPPC/FAO PER LE MISURE FITOSANITARIE SUGLI IMBALLAGGI DI LEGNO 259 Allegato 2 Legislazioni di riferimento in Italia TROVARE IMMAGINE PER APERTURA 260

Dettagli

Peronospora sp. Nuovo parassita fogliare. del basilico. Peronospora sp. su basilico. Nuove informazioni sulla

Peronospora sp. Nuovo parassita fogliare. del basilico. Peronospora sp. su basilico. Nuove informazioni sulla Centro Regionale di Sperimentazione ed Assistenza Agricola (CeRSAA) Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Savona REGIONE LIGURIA Piano di Sviluppo Rurale - Progetti dimostrativi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU17S1 29/04/2016

REGIONE PIEMONTE BU17S1 29/04/2016 REGIONE PIEMONTE BU17S1 29/04/2016 Codice A1703A D.D. 7 aprile 2016, n. 215 Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 214 e s.m.i.. Organismo nocivo Popillia japonica. Definizione degli interventi per il

Dettagli

Processionaria. (Thaumetopoea pityocampa) di Edoardo Ernesto Scarpelli, Mattia Pisano, Antonio Lindia, Younis Toubi, Simone Antonio Tantimonaco

Processionaria. (Thaumetopoea pityocampa) di Edoardo Ernesto Scarpelli, Mattia Pisano, Antonio Lindia, Younis Toubi, Simone Antonio Tantimonaco Processionaria (Thaumetopoea pityocampa) di Edoardo Ernesto Scarpelli, Mattia Pisano, Antonio Lindia, Younis Toubi, Simone Antonio Tantimonaco Basta farsi una passeggiata nei boschi che ci circondano o

Dettagli

Varietà antiche di mais Le principali varietà di mais antiche :

Varietà antiche di mais Le principali varietà di mais antiche : Varietà antiche di mais Le principali varietà di mais antiche : 1. Mais Marano 2. Mais Biancoperla 3. Mais Sponcio 4. Mais Formentone Mais Marano Mais Biancoperla Mais Sponcio Mais Formentone Miglioramento

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER IL PRELIEVO CAMPIONI

PROCEDURA OPERATIVA PER IL PRELIEVO CAMPIONI Pagina 1 di 8 REGIONE TOSCANA PROCEDURA OPERATIVA PER IL PRELIEVO CAMPIONI DISTRIBUZIONE CONTROLLATA NON CONTROLLATA COPIA N DESTINATARIO 10 15-12-2014 Prima emissione Rev. Data Descrizione Redatto Verificato

Dettagli

APHELENCHOIDES SPP. SU COLTURE FLOREALI NELL'ITALIA MERIDIONALE (')

APHELENCHOIDES SPP. SU COLTURE FLOREALI NELL'ITALIA MERIDIONALE (') Laboratorio di Nematologia Agraria del C.N.R. 70126 Bari, Italia APHELENCHOIDES SPP. SU COLTURE FLOREALI NELL'ITALIA MERIDIONALE (') Le colture di piante ornamentali e da fiore hanno acquistato in Puglia,

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. DECRETO 29 febbraio 2012

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. DECRETO 29 febbraio 2012 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 29 febbraio 2012 Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l'eradicazione del cancro colorato del platano causato da Ceratocystis

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 26 settembre 2014 Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l'eradicazione di Xylella fastidiosa (Well e Raju) nel territorio

Dettagli