1. b) Il concepimento è avvenuto dalla fertilizzazione mediante sperma di un donatore, ovulo di una donatrice o maternità sostitutiva?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. b) Il concepimento è avvenuto dalla fertilizzazione mediante sperma di un donatore, ovulo di una donatrice o maternità sostitutiva?"

Transcript

1 Criteri di donazione per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Svizzera* / *se non è notato diversamente, questi criteri si applicano solo alla madre 1. a) Lei e/o il padre des bambino siete stati adottati da molto piccoli? Adozione Accettare 1. b) Il concepimento è avvenuto dalla fertilizzazione mediante sperma di un donatore, ovulo di una donatrice o maternità sostitutiva? Fertilizzazione CID Maternità sostituviva CID 2. Nel corso delle ultime 4 settimane è stata malata, ha ricevuto cure mediche o ha avuto una temperatura superiore a 38 C (o 100 F)? Febbre Attitudine da determinare di persona responsabile : decisione secondo anamnesi medica. Trattamento medico Attitudine da determinare di persona responsabile : decisione secondo anamnesi medica. 3. a) Nelle ultime 4 settimane ha utilizzato farmaci (ad es. Pastiglie, iniezioni, supposte)? Se sì, quali? Medicamentoso, trattamento- Accettare l auto-medicazione episodica con certi medicamenti (vitamine, aspirina, sonniferi). CIT se assunzione di medicamenti potenzialmente teratogeni: derivati della vitamina A (Roaccutane ), finasteride (Propecia, Proscar ), litio (Lithiofor, Quilonorm, e altri preparati) e/o medicamenti che possono accumularsi nei tessuti per un periodo prolungato (Neotigason ). CID se auto-iniezione di medicamenti. (calvizie)? Finasteride (Propecia ) CIT di 1 mese dopo la fine del trattamento. Isotretinoine (Roaccutan, Soriatane ) CIT di 1 mese dopo l ultima somministrazione. Accettare Roaccutane-Gel. 3. c) Nel corso degli ultimi 12 mesi ha preso pastiglie di Neotigason / Soriatane (per la psoriasi)? Acitretina CIT di 12 mesi dall ultima assunzione. 4. a) E stato sottoposto in passato ad una immunoterapia (plasma, cellule o siero di origine umana o animale)? DOK_194_Nabelschnurblutspendekriterien_I.docx Klassifizierung extern Freigabe durch (Owner) gni Seiten 1 von 15

2 Immunobioterapia CIT di 3 mesi dopo la fine dell immunoterapia batterica (per es. Broncho-Vaxom, Uro-Vaxom, Buccaline, Luivac, Ribomunyl ). CIT di 12 mesi dopo la fine dell immunoterapia originata da tessuti umani (per es. Cytotec, Hepatect, Rabuman, Tetuman, Varitect ). CID in caso di immunoterapia di origine umana/bovina (per es. Solcoceryl ). Accettare se somministrazione di Rophylac (profilassi anti-d) o somministrazione avvenuta in Svizzera. CID se la somministrazione di profilassi anti-d è avvenuta in altri paesi o non è chiara. 4. b) Nel corso degli ultimi 12 mesi è stato vaccinato contro la rabbia, l epatite B o il tetano? Vaccinazione CIT dipendente dalla causa della vaccinazione: - 48 ore se vaccinazione profilattica, - 12 mesi dopo una morsicatura sospetta, cioè dopo una morsicatura di un animale con il sospetto di essere rabbioso, dopo vaccinazione anti-epatite se ferita con ago sporco, dopo vaccinazione antitetanica se morsicatura. Rinvio domanda 4a 4. c) Nel corso delle ultime 4 settimane è stata sottoposta ad altre vaccinazioni? Vaccini, vivi attenuati CIT di 1 mese. BCG, Febbre gialla, morbillo-orecchioni-rosolia, poliomielite orale (Sabin), tifo, paratifo orale, varicella Vaccinazione dopo esposizione CIT di 12 mesi. Epatite B, immunoglobulina anti-vhc, tetano, rabbia Rinvio domanda 4a vaccinazione "passiva" Vavvinazione e anatossina CIT per 48 ore. Ad esempio: Colera, difterite, influenza, Haemophilus influenza B, epatite A, Herpes genitalis (Lupidon), HPV-tipi 6, 11, 16, 18/Gardasil, meningite a meningococchi, antrace, orecchioni, pneumococchi, poliomielite iniettabile (Salk), tifo, paratifo iniettabile, meningoencefalite da zecca. 5. Soffre o ha sofferto in passato di una delle malattie o dei sintomi seguenti? 5. a) Problemi cardiocircolatori Malattie cardiocircolatorie Accettare, se non c'è nessuna consequenza per il bambino. Seiten 2 von 15

3 5. b) Affezioni polmonari e delle vie respiratorie Asma Accettare ma informazione sul questionario. Bronchite acuta Accettare fino alla fine del trattamente antibiotico e fino a guarigione completa. Bronchite cronica Accettare, ma non in caso di infezione. CID in caso di infezione. Malattie del tratto respiratorio Accettare se non c'è un'infezione cronica. Sinusite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Tracheite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. 5. c) Stomaco, intestino Colecistectomia Accettare dopo guarigione completa se non ci sono rischi di infezione. Colecistite Accettare dopo la fine del trattamento antibiotico e dopo completa guarigione. Celiachia Accettare ma informazione sul questionario. Vale sia per la madre che per il padre. Rettocolite ulcero-emorragica Crohn, morbo di- Diarrea CID se sospetto di infezione. Diverticolosi CI se sintomatico. Gastrica, ulcera- Accettare Seiten 3 von 15

4 Gastrite Accettare se presenta solo una sintomatologia minore alleviata da una somministrazione regolare o episodica d'antiacidi. Malattie del tratto digestivo CID se malattia di origine immunologica. Pancreatite Accettare se non ci sono sintomi. Proctite Accettare dopo guarigione completa. 5. d) Vie urinarie/reni/organi sessuali Cistite Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Glomerulonefrite CID Insufficienza renale cronica Accettare secondo evaluazione di una persona competente, a funzione della causa. Calcolosi renale Accettare se non ci sono segni di infezione. Colica renale Accettare se non ci sono cateteri. CID se catetere. Nefrite CID Pielite / pielonefrite Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Urinarie, infezione delle vie- Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. 5. e) Sistema nervosa Insulto ischemico transitorio (tia) Accettare Depressione Accettare se situazione medica stabile (capacità di consento). Seiten 4 von 15

5 Epilessia Accettare Litio, trattamento al- CIT di 1 settimana dopo l'ultima assunzione del medicamento (proprietà teratogena). Psicosi Accettare se situazione medica stabile (capacità di consento). Malattia del sistema nervoso Attitudine da determinare di persona responsabile : decisione secondo anamnesi medica. 5. f) Sistema immunitario Allergia Accettare ma informazione sul questionario. Vale sia per la madre che per il padre. Artrite Accettare secondo decisione da una persona responsabile e tenendo conto dell'immunoterapia. Informatione sul questionario. Rettocolite ulcero-emorragica Crohn, morbo di- Reumatismo articolare acuto CID se crisi recidivanti e/o prescrizione di un trattamento antibiotico a lungo termine. Psoriasi Accettare secondo decisione di una persona resonsabile tenendo conto della terapia sistemica. Sclerosi a placche 5. g) Malattie infettive Amebiasi CIT fino alla scomparsa dei sintomi clinici e alla fine del trattamento di una forma intestinale. CIT di 6 mesi dopo la fine del trattamento di una forma viscerale. Tonsillite Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Seiten 5 von 15

6 Blefarite CIT fino a guarigione completa. Congiuntivite CIT fino a guarigione completa. Pertosse CIT di 1 mese dopo guarigione completa. Difterite CIT di 1 mese dopo guarigione completa. Encefalite CIT fino a guarigione completa. Malattie infettive, contatto Accettare se vaccinazione o immunizzazione precedente (anamnesi). CIT di 1 mese dopo il contatto (o se il tempo di incubazione è sconosciuto). Rinvio al criterio specifico se c'è. Meningite CIT di 1 mese dopo disparizione die sintomi e guarigione completa. Micosi CID se micosi profonda, che può evocare una malattia maligna o un deficit immunitario. Nematodi Accettare fino alla fine del trattamento e fino a guarigione completa. Pericardite virale CIT fino a completa guarigione. Peritonite CID in caso di processo maligno. Accettare dopa guarigione completa e dopo la fine del trattamento antibiotico. Pleurite CID se processo maligno. CIT dopo guarigione completa e 2 settimane dopo la fine dell antibioterapia. Polmonite CID se processo maligno. Accettare dopo guarigione completa e 2 settimane dopo la fine dell'antibioterapia. Seiten 6 von 15

7 Poliomielite CIT fino a completa guarigione. Morbillo CIT di 1 mese dopo la guarigione. Scarlattina, contatto CIT di 3 giorni dopo il contatto. Scarlattina Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Sinusite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Tracheite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Urinarie, infezione delle vie- Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Vaginali, infezione Accettare dopo guarigione se trattamento finito 2 settimane prima della nascita. CID in caso di infezione acuta "sub partu". 5. h) Malattia des sangue maligna, specificare (v. domanda 17) Malattia ematologia maligna CID in caso di genitori o fratelli del bambino. Accettare in caso di 2 grado di parentela, ma annotare l'informazione sul questionario. 5. i) Cancro, specificare ( v. domanda 17) 5. j) Altro (p.e. diabete), specificare Diabete Accettare se il diabete tipo II indipendentemente della terapia. CID se diabete tipo I. Accettare se diabete gestionale. Sclerosi a placche Malattie croniche Attitudine da determinare di persona responsabile. CID secondo anamnesi medica. Vedi domanda 17. Annotare sul questionario. Seiten 7 von 15

8 6. Negli ultimi 12 mesi ha avuto: malattie, un incidente, un intervento chirurgico Operazione (in generale) CIT di 4 mesi (rischio di epatite) se operazione con strumenti flessibili: gastro-, colonscopia. CID : - dopo intervento a causa di un tumore maligno; - se sussiste un rischio in relazione ad una infezione da prioni (ad es. trasfusione di sangue dopo il 1980, trapianto di cornea, di dura madre); - dopo trapianto (eccetto trapianto autologo). Accettare dopo verifica della compatibilità alla donazione da parte di personale competente e in considerazione del tipo di trattamento. Accettare se cerchiaggio, corionbiopsia, amniocentesi. Malattia Accettare secondo domanda 5a-j. CID secondo domanda 5a-j. Incidente CID se persistenza di ferite aperte o infezione. CID se trasfusione. 7. a) Ha subito un trapianto di tessuti umani o animali? Trapianto Accettare se autologo. CID se allogenico o xenotrapianto. 7. b) Ha subito un operazione al cervello o al midollo spinale? Chirurgia neurologica CID 7. c) Ha ricevuto ormoni della crescita prima del 1986? Ormone della crescita CID se estratto da ipofisi umana. 7. d) Lei/un membro della sua famiglia è o è stato affetto dalla malattia di Creutzfeld-Jakob? Si prega di segnalarlo anche se esiste solo il dubbio. Creutzfeldt-Jakob, malattia di CID se: - se il donatore è stato trapiantato di dura-madre o di cornea - se ha ricevuto un trattamento di ormoni ipofisari d origine umana - uno o più membri della famiglia sono o sono stati affeti dalla malattia - se ha ricevuto una trasfusione sanguigna dopo il Seiten 8 von 15

9 7.e) Ha soggiornato tra il ed il , per una durata totale di 6 mesi o più nel Regno Unito (Inghilterra, Galles, Scozia, Irlanda del Nord, Isola di Man, Isole Normanne, Gibilterra e Isole Falkland)? Soggiorno nel Regno Unito Accettare, ma annotazione sul questionario. 7. f) Ha ricevuto una trasfusione di sangue dopo il ? Trasfusione di sangue CID, se ha ricevuto prodotti sanguigni labili dopo il CIT di 12 mesi dopo un trattamento con prodotti stabili (immunoglobuline). Accettare, se la profilassi anti-d con Rophylac o la somministrazione è avvenuta in Svizzera. CID, se la profilassi anti-d è avvenuta in altri paesi o non è chiara. 8. Negli ultimi 6 mesi ha viaggiato fuori dell Europa? Se sì, dove? Da quando è rientrato? Ha accusato dei sintomi (ad es. febbre) sul posto o dopo il ritorno? 9. a) Ha già sofferto di una o più crisi di malarica? Malaria / regioni endemiche CID in caso di anamnesi di malaria e sierologia (IF o ELISA) positiva. Accettare se la malaria è passata da più di 6 mesi e l'attuale sierologia (IF o ELISA) è negativa. 9. b) È nato o è cresciuto o ha soggiornato piu di 6 mesi in una regione con forte presenza di malarica? Regione malarica, origine, soggiorno Accettare se l'ultimo soggiorno risale a più di 6 mesi fa o se ha soggiornato in regioni malariche per 6 mesi con interruzioni e non presenta sintomi. I test di laboratorio devono essere negativi. 10. Ha sofferto in passato di? 10-1 Tubercolosi Tubercolosi CID se recidiva sotto trattamento. CIT di 2 anni dopo la fine delle cure mediche e del trattamento Borelliosi Lyme, malattia di - CID se sintomatologia cronica. CIT di 1 mese dopo una puntura di zecca in assenza di sintomi caratteristici per una borreliosi. CIT di 6 mesi dopo la fine del trattamento e la scomparsa dei sintomi. Seiten 9 von 15

10 10-3 Brucellosi Brucellosi CID se l'infezione è confermata. CIT di 3 mesi dopo l assunzione di alimenti sospetti come prodotti lattici non cotti / non pastorizzati di animali ammalati Infezione ossea Osteomielite CIT fino a 2 anni dopo la completa guarigione e la fine dell antibioterapia Febbre Q Febbre q 10-6 Toxoplasmosi Toxoplasmosi Accettare, se sieroconversione prima della gravidanza. CID se malattia contratta in gravidanza Babesiosi Babebiosi 10-8 malattia di Chagas Chagas, malattia di- Accettare se è avvenuto un semplice soggiorno meno di 6 mesi in una regione endemica. CID se presente malattia o se confermata da un test di laboratorio anti-t. cruzi positivo. Accettare soltanto in seguito a un test di laboratorio negativo per Chagas (IFA oppure ELISA) - se la madre è nata e/o cresciuta in una regione endemica - se il soggiorno in una regione endemica in cui è presente la malattia risale a più di 6 medi Leismaniosi Kala-azar 11. Nel corso degli ultimi 6 mesi ha subito: tatuaggio, una gastro-, coloscopia, un trattamento tramite agopuntura, una depilazione con aghi, un maquillage permanente, un piercing, una ferita con un ago sporco? Agopuntura / depilazione con aghi CIT di 4 mesi se dubbi concernenti la tecnica di lavoro e segni d infezione batterica oppure se il trattamento non è stato effettuato con aghi monouso, da parte di personale medico o da parte di un medico autorizzato. Endoscopia CIT di 4 mesi dopo gastro o colonscopia. Seiten 10 von 15

11 Inoculazione, lesione da CIT di 4 mesi se contatto sanguigno. Piercing CIT fino all ablazione del materiale in caso di piercing nella regione genitale. CIT di 4 mesi se ci sono dubbi concernenti la sterilità dell intervento e/o segni di un'infezione batterica. Accettare se la rimozione è avvenuta almeno 2 settimane prima della nascita. Tatuaggio / maquillage permanente CIT di 4 mesi dopo il tatuaggio. 12.a) Ha in passato sofferto di un ittero (epatite) o di un test positivo per l epatite? Epatite Accettare dopo 2 anni se i risultati e i criteri della procedura di Re-entry lo permettono (risultati clinici e di laboratorio). CIT se epatite nel corso degli ultimi 2 anni. Epatite A CIT di 2 anni se i risultati e i criteri della procedura di Re-entry lo permettono (una sierologia dell epatite A positiva non è una controindicazione alla donazione). Epatite B CID se portatore cronico del virus. Accettare secondo lo stato dell'epatite B, se titolo anti-hb > 100IU/ml e HBV-PCR negativo. Epatite C CID se presenza d anticorpi e/o HCV-RNA positivo. Ittero Accettare se antecedenti di emolisi neonatale, colelitiasi, ittero congenito non infettivo o altre cause documentate, non infettive o cancerogene (tossiche, medicamentose). 12. b) Qualcuno della sua cerchia o della sua famiglia, oppure il suo partner sessuale abituale ha presentato un epatite nel corso degli ultime 12 mesi? Epatite B, partner sessuale CIT di 6 mesi del donatore dopo l ultimo rapporto sessuale e se rispetta i criteri previsti nella procedura di Re-entry (assenza di marcatori o soggetto immunizzato). CID del donatore se il partner sessuale è portatore cronico del virus. Epatite C, partner CIT di 6 mesi del donatore dopo l ultimo rapporto sessuale con il partner portatore cronico del virus, se la procedura di Re-entry lo permette. CID se ci sono ancora contatti. Seiten 11 von 15

12 13. Si è esposto ad una delle situazioni a rischio seguenti? a) Cambiamento del partner sessuale nel corso degli ultimi 4 mesi o rapporti sessuali con numerosi partner nel corso degli ultimi 12 mesi (rapporti protetti o no) b) Nel corso degli ultimi 12 mesi, soggiorno durante almeno 6 mesi in un paese la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS c) Il suo partner ha avuto rapporti omosessuali a partire dal 1977 d) Rapporti sessuali dietro remunerazione a partire dal 1977 e) Iniezione di droghe attualmente o in passato f) Test positivo per l AIDS, la sifilide o le epatiti B e C? Situazioni a rischio CIT se cambiamento del partner sessuale nel corso degli ultimi 4 mesi o rapporti sessuali con numerosi partner nel corso degli ultimi 12 mesi (rapporti protetti o no) CI se soggiorno di almeno 6 mesi, nel corso degli ultimi 12 mesi, in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. CID se il partner ha avuto rapporti omosessuali a partire dal se rapporti sessuali dietro remunerazione a partire dal se iniezione di droghe attualmente o in passato. - se positività all'hiv (Aids), alla sifilide o all'epatite. CI in caso di rapporti sessuali con partner esposti a una delle situazioni a rischio menzionate al punto 13 o che hanno ricevuto trasfusioni di sangue in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. Droga, consumo di- CI per qualsiasi potenziale donatore sotto l effetto di droghe qualsiasi sia il modo di somministrazione. CID se una volta consumo per via endovenosa. Epatite B CID se portatore cronico del virus. Accettare secondo lo stato dell'epatite B, se titolo anti-hb > 100IU/ml e HBV-PCR negativo. Epatite C CID se presenza d anticorpi e/o HCV-RNA positivo. Prostituzione HIV CID Sifilide Seiten 12 von 15

13 14. Ha avuto, nel corso degli ultimi 12 mesi, dei rapporti sessuali con die partner esposti a una delle situazioni a rischio menzionate al punto 13 o che hanno ricevuto trasfusioni di sangue in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS? Situazioni a rischio CIT se cambiamento del partner sessuale nel corso degli ultimi 4 mesi o rapporti sessuali con numerosi partner nel corso degli ultimi 12 mesi (rapporti protetti o no) CI se soggiorno di almeno 6 mesi, nel corso degli ultimi 12 mesi, in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. CID se il partner ha avuto rapporti omosessuali a partire dal se rapporti sessuali dietro remunerazione a partire dal se iniezione di droghe attualmente o in passato. - se positività all'hiv (Aids), alla sifilide o all'epatite. CI in caso di rapporti sessuali con partner esposti a una delle situazioni a rischio menzionate al punto 13 o che hanno ricevuto trasfusioni di sangue in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. 15. Negli ultimi 12 mesi ha avuto segni o è stata curata per la clamidia, l herpes genitale o altra malattie sessualmente trasmissibili? Clamidia, infezione Accettare dopo la fine del trattamento e in assenza di altre malattie sessualmente trasmissibili all anamnesi. Vedi domanda 5, infezioni vaginali. Herpes genitale CID se herpes attivo. Accettare se curato. Sifilide 16. Ha ricevuto iniezioni di ormoni contro la sterilità prima del ? Ormonale, trattamento CID dopo trattamento con gonadotropine (utilizzate nella cura della sterilità) di origine umana. 17. C'è una storia familiare di una delle malattie seguenti? 17. a) Malattie dei globuli rossi (ad es. talassemia, anemia falciforme ecc.) Emoglobinopatia Attitudine da determinare di persona responsabile. Se risposta positiva tutte le informazioni della famiglia (indipendentemente dal grado di parentà) devono essere mandate alla banca di sangue del cordone. Talassemia Attitudine da determinare di persona responsabile. Se risposta positiva tutte le informazioni della famiglia (indipendentemente dal grado di parentà) devono essere mandate alla banca di sangue del cordone. Seiten 13 von 15

14 Anemia falciforme Attitudine da determinare di persona responsabile. Se risposta positiva tutte le informazioni della famiglia (indipendentemente dal grado di parentà) devono essere mandate alla banca di sangue del cordone. 17. b) Malattie dei globuli bianchi Malattia dei globuli bianchi CID in caso di genitori o fratelli del bambino. CID se presente in tutti i gradi di parentela, qualora si tratti di una malattia ereditaria. 17. c) Malattie delle piastrine (ad es. Thrombocitosi essenziale, trombocitopenia ecc) Trombocitopatie CID se presente nei genitori o fratelli del bambino. CID se presente in tutti i gradi di parentela, qualora si tratti si una malattia ereditaria. Trombocitemia essenziale CID se presente nei genitori o fratelli del bambino. 17. d) Malattie metaboliche/da accumulo (ad es. Tay-Sachs, Fabry's, Gaucher, Niemann-Pick, diabete ecc) Diabete Accettare se il diabete tipo II indipendentemente della terapia. CID se diabete tipo I. Accettare se diabete gestionale. Malattie metaboliche CID se presente in tutti i gradi di parentela. Malattie da accumulo CID se presente in tutti i gradi di parentela. Ad es. Glicogenosi, mucopolisaccaridosi, lipidosi, emosiderosi, amuloidosi 17. e) Immunodeficienze Malattia, sistema immunitario CID in caso di genitori o fratelli del bambino. CID se presente in tutti i gradi di parentela, qualora si tratti di una malattia ereditaria. 17. f) Disturbi del sistema autoimmune acquisiti/ereditati (ad es. Lupus, M. Basedow ecc) Autoimmune, malattia- CID se presente in tutti i gradi di parentela. Seiten 14 von 15

15 17. g) Disturbi del sangue maligni (ad es. Leucemia, mieloma, sindrome mielodisplastica ecc) Malattia ematologia maligna CID in caso di genitori o fratelli del bambino. Accettare in caso di 2 grado di parentela, ma annotare l'informazione sul questionario. 17. h) Altri tipi di cancro, inclusi tumori multipli Cancro CID in caso di genitori o fratelli del bambino. Eccezione: basilioma o carcinoma del collo dell'utero in situ senza chemioterapica o trattamento radioterapico. Accettare in caso di 2 grado di parentela, ma annotare l'informazione sul questionario. 17. i) Disturbi emorragici ereditari (ad es. emofilia, malattia di von Willebrand ecc) Coagulazione, disturbi della- Accettare se in presenza di madre eterozigote per il fattore V Leiden (APC resistenza), carenza del fattore II, delle proteine C e S nonché antitrombina III, omocisteina e se in presenza di sindrome da antifosfolipidi e la madre non ha eventi trombotici e l'anamnesi trombotica del padre è irrilevante. CID se emofilia nella parentela di 1 grado e/o la madre è portatrice e il bambino è maschio. Von Willebrand, sindrome di- CID se entrambi i genitori positivi. Attitudine da determinare di persona responsabile se il referto positivo è stato emesso nell'ambito dell'accertamento familiare. Accettare se soltanto stato portatore. CID in caso di 1 grado di parentela e/o sostituzione di plasma o prodotti del plasma. CID in casi di von Willebrand tipo 3 (omozygote). Seiten 15 von 15

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE

INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE Il sangue è un componente dell organismo indispensabile alla vita, ma non riproducibile in laboratorio; costituisce per molti ammalati un

Dettagli

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Vaccinazioni pediatriche: le domande difficili Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Il contenuto del presente documento può essere liberamente

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

QUADRIFOGLIO DIAPASON

QUADRIFOGLIO DIAPASON QUADRIFOGLIO DIAPASON POLIZZA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA Premessa A) Disciplina del contratto Il contratto è disciplinato dalle: CONDIZIONI GENERALI di assicurazione sulla vita; CONDIZIONI SPECIALI, relative

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SELEZIONE DEL DONATORE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

PROTOCOLLO PER LA SELEZIONE DEL DONATORE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI 1/55 Regionale Emilia-Romagna PROTOCOLLO PER LA SELEZIONE DEL DONATORE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI DELLE STRUTTURE TRASFUSIONALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 2/55 SOMMARIO INTRODUZIONE...5 1 I REQUISITI

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Tutto sul sangue. A cura di Vincenzo Saturni

Tutto sul sangue. A cura di Vincenzo Saturni Tutto sul sangue A cura di Vincenzo Saturni 1 GLOSSARIO... 3 LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE... 11 LE CELLULE DEL SANGUE... 11 IL MIDOLLO OSSEO... 14 LE FUNZIONI DEL SANGUE... 15 I GRUPPI SANGUIGNI... 16 L

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii In viaggio con i bambini 1 Indice Prefazione 4 Introduzione 5 Le vaccinazioni 7 EPATITE A FEBBRE TIFOIDE FEBBRE GIALLA ENCEFALITE GIAPPONESE ENCEFALITE DA MORSO DI ZECCA MALATTIA MENINGOCOCCICA COLERA

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli