1. b) Il concepimento è avvenuto dalla fertilizzazione mediante sperma di un donatore, ovulo di una donatrice o maternità sostitutiva?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. b) Il concepimento è avvenuto dalla fertilizzazione mediante sperma di un donatore, ovulo di una donatrice o maternità sostitutiva?"

Transcript

1 Criteri di donazione per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Svizzera* / *se non è notato diversamente, questi criteri si applicano solo alla madre 1. a) Lei e/o il padre des bambino siete stati adottati da molto piccoli? Adozione Accettare 1. b) Il concepimento è avvenuto dalla fertilizzazione mediante sperma di un donatore, ovulo di una donatrice o maternità sostitutiva? Fertilizzazione CID Maternità sostituviva CID 2. Nel corso delle ultime 4 settimane è stata malata, ha ricevuto cure mediche o ha avuto una temperatura superiore a 38 C (o 100 F)? Febbre Attitudine da determinare di persona responsabile : decisione secondo anamnesi medica. Trattamento medico Attitudine da determinare di persona responsabile : decisione secondo anamnesi medica. 3. a) Nelle ultime 4 settimane ha utilizzato farmaci (ad es. Pastiglie, iniezioni, supposte)? Se sì, quali? Medicamentoso, trattamento- Accettare l auto-medicazione episodica con certi medicamenti (vitamine, aspirina, sonniferi). CIT se assunzione di medicamenti potenzialmente teratogeni: derivati della vitamina A (Roaccutane ), finasteride (Propecia, Proscar ), litio (Lithiofor, Quilonorm, e altri preparati) e/o medicamenti che possono accumularsi nei tessuti per un periodo prolungato (Neotigason ). CID se auto-iniezione di medicamenti. (calvizie)? Finasteride (Propecia ) CIT di 1 mese dopo la fine del trattamento. Isotretinoine (Roaccutan, Soriatane ) CIT di 1 mese dopo l ultima somministrazione. Accettare Roaccutane-Gel. 3. c) Nel corso degli ultimi 12 mesi ha preso pastiglie di Neotigason / Soriatane (per la psoriasi)? Acitretina CIT di 12 mesi dall ultima assunzione. 4. a) E stato sottoposto in passato ad una immunoterapia (plasma, cellule o siero di origine umana o animale)? DOK_194_Nabelschnurblutspendekriterien_I.docx Klassifizierung extern Freigabe durch (Owner) gni Seiten 1 von 15

2 Immunobioterapia CIT di 3 mesi dopo la fine dell immunoterapia batterica (per es. Broncho-Vaxom, Uro-Vaxom, Buccaline, Luivac, Ribomunyl ). CIT di 12 mesi dopo la fine dell immunoterapia originata da tessuti umani (per es. Cytotec, Hepatect, Rabuman, Tetuman, Varitect ). CID in caso di immunoterapia di origine umana/bovina (per es. Solcoceryl ). Accettare se somministrazione di Rophylac (profilassi anti-d) o somministrazione avvenuta in Svizzera. CID se la somministrazione di profilassi anti-d è avvenuta in altri paesi o non è chiara. 4. b) Nel corso degli ultimi 12 mesi è stato vaccinato contro la rabbia, l epatite B o il tetano? Vaccinazione CIT dipendente dalla causa della vaccinazione: - 48 ore se vaccinazione profilattica, - 12 mesi dopo una morsicatura sospetta, cioè dopo una morsicatura di un animale con il sospetto di essere rabbioso, dopo vaccinazione anti-epatite se ferita con ago sporco, dopo vaccinazione antitetanica se morsicatura. Rinvio domanda 4a 4. c) Nel corso delle ultime 4 settimane è stata sottoposta ad altre vaccinazioni? Vaccini, vivi attenuati CIT di 1 mese. BCG, Febbre gialla, morbillo-orecchioni-rosolia, poliomielite orale (Sabin), tifo, paratifo orale, varicella Vaccinazione dopo esposizione CIT di 12 mesi. Epatite B, immunoglobulina anti-vhc, tetano, rabbia Rinvio domanda 4a vaccinazione "passiva" Vavvinazione e anatossina CIT per 48 ore. Ad esempio: Colera, difterite, influenza, Haemophilus influenza B, epatite A, Herpes genitalis (Lupidon), HPV-tipi 6, 11, 16, 18/Gardasil, meningite a meningococchi, antrace, orecchioni, pneumococchi, poliomielite iniettabile (Salk), tifo, paratifo iniettabile, meningoencefalite da zecca. 5. Soffre o ha sofferto in passato di una delle malattie o dei sintomi seguenti? 5. a) Problemi cardiocircolatori Malattie cardiocircolatorie Accettare, se non c'è nessuna consequenza per il bambino. Seiten 2 von 15

3 5. b) Affezioni polmonari e delle vie respiratorie Asma Accettare ma informazione sul questionario. Bronchite acuta Accettare fino alla fine del trattamente antibiotico e fino a guarigione completa. Bronchite cronica Accettare, ma non in caso di infezione. CID in caso di infezione. Malattie del tratto respiratorio Accettare se non c'è un'infezione cronica. Sinusite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Tracheite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. 5. c) Stomaco, intestino Colecistectomia Accettare dopo guarigione completa se non ci sono rischi di infezione. Colecistite Accettare dopo la fine del trattamento antibiotico e dopo completa guarigione. Celiachia Accettare ma informazione sul questionario. Vale sia per la madre che per il padre. Rettocolite ulcero-emorragica Crohn, morbo di- Diarrea CID se sospetto di infezione. Diverticolosi CI se sintomatico. Gastrica, ulcera- Accettare Seiten 3 von 15

4 Gastrite Accettare se presenta solo una sintomatologia minore alleviata da una somministrazione regolare o episodica d'antiacidi. Malattie del tratto digestivo CID se malattia di origine immunologica. Pancreatite Accettare se non ci sono sintomi. Proctite Accettare dopo guarigione completa. 5. d) Vie urinarie/reni/organi sessuali Cistite Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Glomerulonefrite CID Insufficienza renale cronica Accettare secondo evaluazione di una persona competente, a funzione della causa. Calcolosi renale Accettare se non ci sono segni di infezione. Colica renale Accettare se non ci sono cateteri. CID se catetere. Nefrite CID Pielite / pielonefrite Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Urinarie, infezione delle vie- Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. 5. e) Sistema nervosa Insulto ischemico transitorio (tia) Accettare Depressione Accettare se situazione medica stabile (capacità di consento). Seiten 4 von 15

5 Epilessia Accettare Litio, trattamento al- CIT di 1 settimana dopo l'ultima assunzione del medicamento (proprietà teratogena). Psicosi Accettare se situazione medica stabile (capacità di consento). Malattia del sistema nervoso Attitudine da determinare di persona responsabile : decisione secondo anamnesi medica. 5. f) Sistema immunitario Allergia Accettare ma informazione sul questionario. Vale sia per la madre che per il padre. Artrite Accettare secondo decisione da una persona responsabile e tenendo conto dell'immunoterapia. Informatione sul questionario. Rettocolite ulcero-emorragica Crohn, morbo di- Reumatismo articolare acuto CID se crisi recidivanti e/o prescrizione di un trattamento antibiotico a lungo termine. Psoriasi Accettare secondo decisione di una persona resonsabile tenendo conto della terapia sistemica. Sclerosi a placche 5. g) Malattie infettive Amebiasi CIT fino alla scomparsa dei sintomi clinici e alla fine del trattamento di una forma intestinale. CIT di 6 mesi dopo la fine del trattamento di una forma viscerale. Tonsillite Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Seiten 5 von 15

6 Blefarite CIT fino a guarigione completa. Congiuntivite CIT fino a guarigione completa. Pertosse CIT di 1 mese dopo guarigione completa. Difterite CIT di 1 mese dopo guarigione completa. Encefalite CIT fino a guarigione completa. Malattie infettive, contatto Accettare se vaccinazione o immunizzazione precedente (anamnesi). CIT di 1 mese dopo il contatto (o se il tempo di incubazione è sconosciuto). Rinvio al criterio specifico se c'è. Meningite CIT di 1 mese dopo disparizione die sintomi e guarigione completa. Micosi CID se micosi profonda, che può evocare una malattia maligna o un deficit immunitario. Nematodi Accettare fino alla fine del trattamento e fino a guarigione completa. Pericardite virale CIT fino a completa guarigione. Peritonite CID in caso di processo maligno. Accettare dopa guarigione completa e dopo la fine del trattamento antibiotico. Pleurite CID se processo maligno. CIT dopo guarigione completa e 2 settimane dopo la fine dell antibioterapia. Polmonite CID se processo maligno. Accettare dopo guarigione completa e 2 settimane dopo la fine dell'antibioterapia. Seiten 6 von 15

7 Poliomielite CIT fino a completa guarigione. Morbillo CIT di 1 mese dopo la guarigione. Scarlattina, contatto CIT di 3 giorni dopo il contatto. Scarlattina Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Sinusite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Tracheite Accettare fino alle fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Urinarie, infezione delle vie- Accettare fino alla fine del trattamento antibiotico e fino a guarigione completa. Vaginali, infezione Accettare dopo guarigione se trattamento finito 2 settimane prima della nascita. CID in caso di infezione acuta "sub partu". 5. h) Malattia des sangue maligna, specificare (v. domanda 17) Malattia ematologia maligna CID in caso di genitori o fratelli del bambino. Accettare in caso di 2 grado di parentela, ma annotare l'informazione sul questionario. 5. i) Cancro, specificare ( v. domanda 17) 5. j) Altro (p.e. diabete), specificare Diabete Accettare se il diabete tipo II indipendentemente della terapia. CID se diabete tipo I. Accettare se diabete gestionale. Sclerosi a placche Malattie croniche Attitudine da determinare di persona responsabile. CID secondo anamnesi medica. Vedi domanda 17. Annotare sul questionario. Seiten 7 von 15

8 6. Negli ultimi 12 mesi ha avuto: malattie, un incidente, un intervento chirurgico Operazione (in generale) CIT di 4 mesi (rischio di epatite) se operazione con strumenti flessibili: gastro-, colonscopia. CID : - dopo intervento a causa di un tumore maligno; - se sussiste un rischio in relazione ad una infezione da prioni (ad es. trasfusione di sangue dopo il 1980, trapianto di cornea, di dura madre); - dopo trapianto (eccetto trapianto autologo). Accettare dopo verifica della compatibilità alla donazione da parte di personale competente e in considerazione del tipo di trattamento. Accettare se cerchiaggio, corionbiopsia, amniocentesi. Malattia Accettare secondo domanda 5a-j. CID secondo domanda 5a-j. Incidente CID se persistenza di ferite aperte o infezione. CID se trasfusione. 7. a) Ha subito un trapianto di tessuti umani o animali? Trapianto Accettare se autologo. CID se allogenico o xenotrapianto. 7. b) Ha subito un operazione al cervello o al midollo spinale? Chirurgia neurologica CID 7. c) Ha ricevuto ormoni della crescita prima del 1986? Ormone della crescita CID se estratto da ipofisi umana. 7. d) Lei/un membro della sua famiglia è o è stato affetto dalla malattia di Creutzfeld-Jakob? Si prega di segnalarlo anche se esiste solo il dubbio. Creutzfeldt-Jakob, malattia di CID se: - se il donatore è stato trapiantato di dura-madre o di cornea - se ha ricevuto un trattamento di ormoni ipofisari d origine umana - uno o più membri della famiglia sono o sono stati affeti dalla malattia - se ha ricevuto una trasfusione sanguigna dopo il Seiten 8 von 15

9 7.e) Ha soggiornato tra il ed il , per una durata totale di 6 mesi o più nel Regno Unito (Inghilterra, Galles, Scozia, Irlanda del Nord, Isola di Man, Isole Normanne, Gibilterra e Isole Falkland)? Soggiorno nel Regno Unito Accettare, ma annotazione sul questionario. 7. f) Ha ricevuto una trasfusione di sangue dopo il ? Trasfusione di sangue CID, se ha ricevuto prodotti sanguigni labili dopo il CIT di 12 mesi dopo un trattamento con prodotti stabili (immunoglobuline). Accettare, se la profilassi anti-d con Rophylac o la somministrazione è avvenuta in Svizzera. CID, se la profilassi anti-d è avvenuta in altri paesi o non è chiara. 8. Negli ultimi 6 mesi ha viaggiato fuori dell Europa? Se sì, dove? Da quando è rientrato? Ha accusato dei sintomi (ad es. febbre) sul posto o dopo il ritorno? 9. a) Ha già sofferto di una o più crisi di malarica? Malaria / regioni endemiche CID in caso di anamnesi di malaria e sierologia (IF o ELISA) positiva. Accettare se la malaria è passata da più di 6 mesi e l'attuale sierologia (IF o ELISA) è negativa. 9. b) È nato o è cresciuto o ha soggiornato piu di 6 mesi in una regione con forte presenza di malarica? Regione malarica, origine, soggiorno Accettare se l'ultimo soggiorno risale a più di 6 mesi fa o se ha soggiornato in regioni malariche per 6 mesi con interruzioni e non presenta sintomi. I test di laboratorio devono essere negativi. 10. Ha sofferto in passato di? 10-1 Tubercolosi Tubercolosi CID se recidiva sotto trattamento. CIT di 2 anni dopo la fine delle cure mediche e del trattamento Borelliosi Lyme, malattia di - CID se sintomatologia cronica. CIT di 1 mese dopo una puntura di zecca in assenza di sintomi caratteristici per una borreliosi. CIT di 6 mesi dopo la fine del trattamento e la scomparsa dei sintomi. Seiten 9 von 15

10 10-3 Brucellosi Brucellosi CID se l'infezione è confermata. CIT di 3 mesi dopo l assunzione di alimenti sospetti come prodotti lattici non cotti / non pastorizzati di animali ammalati Infezione ossea Osteomielite CIT fino a 2 anni dopo la completa guarigione e la fine dell antibioterapia Febbre Q Febbre q 10-6 Toxoplasmosi Toxoplasmosi Accettare, se sieroconversione prima della gravidanza. CID se malattia contratta in gravidanza Babesiosi Babebiosi 10-8 malattia di Chagas Chagas, malattia di- Accettare se è avvenuto un semplice soggiorno meno di 6 mesi in una regione endemica. CID se presente malattia o se confermata da un test di laboratorio anti-t. cruzi positivo. Accettare soltanto in seguito a un test di laboratorio negativo per Chagas (IFA oppure ELISA) - se la madre è nata e/o cresciuta in una regione endemica - se il soggiorno in una regione endemica in cui è presente la malattia risale a più di 6 medi Leismaniosi Kala-azar 11. Nel corso degli ultimi 6 mesi ha subito: tatuaggio, una gastro-, coloscopia, un trattamento tramite agopuntura, una depilazione con aghi, un maquillage permanente, un piercing, una ferita con un ago sporco? Agopuntura / depilazione con aghi CIT di 4 mesi se dubbi concernenti la tecnica di lavoro e segni d infezione batterica oppure se il trattamento non è stato effettuato con aghi monouso, da parte di personale medico o da parte di un medico autorizzato. Endoscopia CIT di 4 mesi dopo gastro o colonscopia. Seiten 10 von 15

11 Inoculazione, lesione da CIT di 4 mesi se contatto sanguigno. Piercing CIT fino all ablazione del materiale in caso di piercing nella regione genitale. CIT di 4 mesi se ci sono dubbi concernenti la sterilità dell intervento e/o segni di un'infezione batterica. Accettare se la rimozione è avvenuta almeno 2 settimane prima della nascita. Tatuaggio / maquillage permanente CIT di 4 mesi dopo il tatuaggio. 12.a) Ha in passato sofferto di un ittero (epatite) o di un test positivo per l epatite? Epatite Accettare dopo 2 anni se i risultati e i criteri della procedura di Re-entry lo permettono (risultati clinici e di laboratorio). CIT se epatite nel corso degli ultimi 2 anni. Epatite A CIT di 2 anni se i risultati e i criteri della procedura di Re-entry lo permettono (una sierologia dell epatite A positiva non è una controindicazione alla donazione). Epatite B CID se portatore cronico del virus. Accettare secondo lo stato dell'epatite B, se titolo anti-hb > 100IU/ml e HBV-PCR negativo. Epatite C CID se presenza d anticorpi e/o HCV-RNA positivo. Ittero Accettare se antecedenti di emolisi neonatale, colelitiasi, ittero congenito non infettivo o altre cause documentate, non infettive o cancerogene (tossiche, medicamentose). 12. b) Qualcuno della sua cerchia o della sua famiglia, oppure il suo partner sessuale abituale ha presentato un epatite nel corso degli ultime 12 mesi? Epatite B, partner sessuale CIT di 6 mesi del donatore dopo l ultimo rapporto sessuale e se rispetta i criteri previsti nella procedura di Re-entry (assenza di marcatori o soggetto immunizzato). CID del donatore se il partner sessuale è portatore cronico del virus. Epatite C, partner CIT di 6 mesi del donatore dopo l ultimo rapporto sessuale con il partner portatore cronico del virus, se la procedura di Re-entry lo permette. CID se ci sono ancora contatti. Seiten 11 von 15

12 13. Si è esposto ad una delle situazioni a rischio seguenti? a) Cambiamento del partner sessuale nel corso degli ultimi 4 mesi o rapporti sessuali con numerosi partner nel corso degli ultimi 12 mesi (rapporti protetti o no) b) Nel corso degli ultimi 12 mesi, soggiorno durante almeno 6 mesi in un paese la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS c) Il suo partner ha avuto rapporti omosessuali a partire dal 1977 d) Rapporti sessuali dietro remunerazione a partire dal 1977 e) Iniezione di droghe attualmente o in passato f) Test positivo per l AIDS, la sifilide o le epatiti B e C? Situazioni a rischio CIT se cambiamento del partner sessuale nel corso degli ultimi 4 mesi o rapporti sessuali con numerosi partner nel corso degli ultimi 12 mesi (rapporti protetti o no) CI se soggiorno di almeno 6 mesi, nel corso degli ultimi 12 mesi, in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. CID se il partner ha avuto rapporti omosessuali a partire dal se rapporti sessuali dietro remunerazione a partire dal se iniezione di droghe attualmente o in passato. - se positività all'hiv (Aids), alla sifilide o all'epatite. CI in caso di rapporti sessuali con partner esposti a una delle situazioni a rischio menzionate al punto 13 o che hanno ricevuto trasfusioni di sangue in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. Droga, consumo di- CI per qualsiasi potenziale donatore sotto l effetto di droghe qualsiasi sia il modo di somministrazione. CID se una volta consumo per via endovenosa. Epatite B CID se portatore cronico del virus. Accettare secondo lo stato dell'epatite B, se titolo anti-hb > 100IU/ml e HBV-PCR negativo. Epatite C CID se presenza d anticorpi e/o HCV-RNA positivo. Prostituzione HIV CID Sifilide Seiten 12 von 15

13 14. Ha avuto, nel corso degli ultimi 12 mesi, dei rapporti sessuali con die partner esposti a una delle situazioni a rischio menzionate al punto 13 o che hanno ricevuto trasfusioni di sangue in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS? Situazioni a rischio CIT se cambiamento del partner sessuale nel corso degli ultimi 4 mesi o rapporti sessuali con numerosi partner nel corso degli ultimi 12 mesi (rapporti protetti o no) CI se soggiorno di almeno 6 mesi, nel corso degli ultimi 12 mesi, in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. CID se il partner ha avuto rapporti omosessuali a partire dal se rapporti sessuali dietro remunerazione a partire dal se iniezione di droghe attualmente o in passato. - se positività all'hiv (Aids), alla sifilide o all'epatite. CI in caso di rapporti sessuali con partner esposti a una delle situazioni a rischio menzionate al punto 13 o che hanno ricevuto trasfusioni di sangue in paesi la cui popolazione è fortemente colpita dall epidemia di AIDS. 15. Negli ultimi 12 mesi ha avuto segni o è stata curata per la clamidia, l herpes genitale o altra malattie sessualmente trasmissibili? Clamidia, infezione Accettare dopo la fine del trattamento e in assenza di altre malattie sessualmente trasmissibili all anamnesi. Vedi domanda 5, infezioni vaginali. Herpes genitale CID se herpes attivo. Accettare se curato. Sifilide 16. Ha ricevuto iniezioni di ormoni contro la sterilità prima del ? Ormonale, trattamento CID dopo trattamento con gonadotropine (utilizzate nella cura della sterilità) di origine umana. 17. C'è una storia familiare di una delle malattie seguenti? 17. a) Malattie dei globuli rossi (ad es. talassemia, anemia falciforme ecc.) Emoglobinopatia Attitudine da determinare di persona responsabile. Se risposta positiva tutte le informazioni della famiglia (indipendentemente dal grado di parentà) devono essere mandate alla banca di sangue del cordone. Talassemia Attitudine da determinare di persona responsabile. Se risposta positiva tutte le informazioni della famiglia (indipendentemente dal grado di parentà) devono essere mandate alla banca di sangue del cordone. Seiten 13 von 15

14 Anemia falciforme Attitudine da determinare di persona responsabile. Se risposta positiva tutte le informazioni della famiglia (indipendentemente dal grado di parentà) devono essere mandate alla banca di sangue del cordone. 17. b) Malattie dei globuli bianchi Malattia dei globuli bianchi CID in caso di genitori o fratelli del bambino. CID se presente in tutti i gradi di parentela, qualora si tratti di una malattia ereditaria. 17. c) Malattie delle piastrine (ad es. Thrombocitosi essenziale, trombocitopenia ecc) Trombocitopatie CID se presente nei genitori o fratelli del bambino. CID se presente in tutti i gradi di parentela, qualora si tratti si una malattia ereditaria. Trombocitemia essenziale CID se presente nei genitori o fratelli del bambino. 17. d) Malattie metaboliche/da accumulo (ad es. Tay-Sachs, Fabry's, Gaucher, Niemann-Pick, diabete ecc) Diabete Accettare se il diabete tipo II indipendentemente della terapia. CID se diabete tipo I. Accettare se diabete gestionale. Malattie metaboliche CID se presente in tutti i gradi di parentela. Malattie da accumulo CID se presente in tutti i gradi di parentela. Ad es. Glicogenosi, mucopolisaccaridosi, lipidosi, emosiderosi, amuloidosi 17. e) Immunodeficienze Malattia, sistema immunitario CID in caso di genitori o fratelli del bambino. CID se presente in tutti i gradi di parentela, qualora si tratti di una malattia ereditaria. 17. f) Disturbi del sistema autoimmune acquisiti/ereditati (ad es. Lupus, M. Basedow ecc) Autoimmune, malattia- CID se presente in tutti i gradi di parentela. Seiten 14 von 15

15 17. g) Disturbi del sangue maligni (ad es. Leucemia, mieloma, sindrome mielodisplastica ecc) Malattia ematologia maligna CID in caso di genitori o fratelli del bambino. Accettare in caso di 2 grado di parentela, ma annotare l'informazione sul questionario. 17. h) Altri tipi di cancro, inclusi tumori multipli Cancro CID in caso di genitori o fratelli del bambino. Eccezione: basilioma o carcinoma del collo dell'utero in situ senza chemioterapica o trattamento radioterapico. Accettare in caso di 2 grado di parentela, ma annotare l'informazione sul questionario. 17. i) Disturbi emorragici ereditari (ad es. emofilia, malattia di von Willebrand ecc) Coagulazione, disturbi della- Accettare se in presenza di madre eterozigote per il fattore V Leiden (APC resistenza), carenza del fattore II, delle proteine C e S nonché antitrombina III, omocisteina e se in presenza di sindrome da antifosfolipidi e la madre non ha eventi trombotici e l'anamnesi trombotica del padre è irrilevante. CID se emofilia nella parentela di 1 grado e/o la madre è portatrice e il bambino è maschio. Von Willebrand, sindrome di- CID se entrambi i genitori positivi. Attitudine da determinare di persona responsabile se il referto positivo è stato emesso nell'ambito dell'accertamento familiare. Accettare se soltanto stato portatore. CID in caso di 1 grado di parentela e/o sostituzione di plasma o prodotti del plasma. CID in casi di von Willebrand tipo 3 (omozygote). Seiten 15 von 15

Foglio informativo per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Public Cord Blood Bank Switzerland

Foglio informativo per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Public Cord Blood Bank Switzerland Foglio informativo per le donatrici di sangue del cordone ombelicale Public Cord Blood Bank Switzerland Dal diversi anni è ormai noto che nel sangue del cordone ombelicale dei neonati si trovano relativamente

Dettagli

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna Informazioni per il donatore di sangue Quali sono i motivi per i quali vengono effettuati: la compilazione

Dettagli

Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare

Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare Descrizione Purtroppo non sempre si può donare il sangue. Esistono alcune condizioni per cui non è possibile donare

Dettagli

Donazione di sangue Informazioni utili

Donazione di sangue Informazioni utili Programma Provinciale Sangue e Plasma Donazione di sangue Informazioni utili Associazione Donatori Volontari Sangue tel. 0544/403462 presso Presidio Ospedaliero di Ravenna Associazione Volontari Italiani

Dettagli

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015)

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) Registro nazionale Italiano Donatori Midollo Osseo Italian Bone Marrow Donor Registry Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) QUESTIONARIO ANAMNESTICO PRE-ISCRIZIONE Le risposte che Lei fornirà sono confidenziali

Dettagli

www.blutspendezurich.ch Per favore stampare e compilare (in stampatello) solo prima della donazione!

www.blutspendezurich.ch Per favore stampare e compilare (in stampatello) solo prima della donazione! www.blutspendezurich.ch EDV-Eingabe: ja Kontrolle Datum: Visum: Per favore stampare e compilare (in stampatello) solo prima della donazione! Nuova donatrice / nuovo donatore Cognome: Nome: Cognome da nubile:

Dettagli

www.blutspendezurich.ch

www.blutspendezurich.ch www.blutspendezurich.ch EDV-Eingabe: ja Kontrolle Datum: : La preghiamo di usare esclusivamente il formulario attuale (www.blutspendezurich.ch Formulare & Dokumente) e di compilarlo solo prima della donazione!

Dettagli

ADISCO Emilia-Romagna. Parma, 17 Ottobre 2013 LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Criteri di selezione delle donatrici

ADISCO Emilia-Romagna. Parma, 17 Ottobre 2013 LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Criteri di selezione delle donatrici ADISCO Emilia-Romagna Parma, 17 Ottobre 2013 LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Criteri di selezione delle donatrici Donazione allogenica di sangue cordonale 1. Chi: gravide senza problemi maggiori di salute

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER I DONATORI DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

MATERIALE INFORMATIVO PER I DONATORI DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI Pagina 1 di 8 CHI PUO DONARE SANGUE Possono donare sangue ed emocomponenti tutte le persone sane con le seguenti caratteristiche fisiche, salvo deroghe motivate a giudizio del medico trasfusionista responsabile

Dettagli

Informazioni per il Donatore.pdf

Informazioni per il Donatore.pdf Cod. INFO 01 RA Rev. 1 Data: 09/07/2014 Pagina 1 di 8 Approvato da: Catapano Raffaele DMT La procedura di selezione del donatore e le indagini di laboratorio sull unita donata si pongono come principale

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Agopuntura Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti qualificati con l'utilizzo di aghi usa e getta.

Agopuntura Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti qualificati con l'utilizzo di aghi usa e getta. L'elenco che segue riporta le patologie e le condizioni che prevedono la sospensione dalla donazione, come previsto dagli allegati al D.M. 5 marzo 2005. Agopuntura Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti

Dettagli

Benvenuto in Avis Seregno!!

Benvenuto in Avis Seregno!! Benvenuto in Avis Seregno!! PROMEMORIA PER I DONATORI Ricordati che la donazione di sangue intero o di plasma va sempre prenotata perché la prenotazione vuol dire MIGLIORE ORGANIZZAZIONE. Ricordati che

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE e r o m a d a i c c o g Una INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE Donare il sangue è un gesto di grande solidarietà e responsabilità. I requisiti di idoneità per la donazione hanno la finalità di evitare

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine.

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine. Perché donare? del cordone ombelicale del cordone ombelicale La donazione di, un gesto indispensabile. Donando il tuo puoi aiutare, per esempio, una donna che ha perduto molto durante il parto a riprendere

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Allegato G-sco (V0 1/12 gen. 2012)

Allegato G-sco (V0 1/12 gen. 2012) Allegato G-sco (V0 1/12 gen. 2012) INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DELL IDONEITÀ ALLA DONAZIONE SOLIDARISTICA DEL SANGUE DI CORDONE OMBELICALE Una valutazione sullo stato di salute dei genitori deve essere

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

ALLEGATO I. 1.1.4. Rischio di trasmissione di malattie causate da prioni. Tale rischio riguarda, per esempio:

ALLEGATO I. 1.1.4. Rischio di trasmissione di malattie causate da prioni. Tale rischio riguarda, per esempio: ALLEGATO I CRITERI DI SELEZIONE DEI DONATORI DI TESSUTI E/O DI CELLULE (ECCETTUATI I DONATORI DI CELLULE RIPRODUTTIVE) DI CUI ALL ARTICOLO 3, LETTERA a) I criteri di selezione dei donatori si basano su

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CHE COSA SONO Sono malattie che vengono trasmesse da una persona all'altra prevalentemente per contatto sessuale. Vengono anche

Dettagli

SOSPENSIONI DALLA DONAZIONE

SOSPENSIONI DALLA DONAZIONE SOSPENSIONI DALLA DONAZIONE Il principio che regola la donazione di sangue è la tutela della salute del donatore e del ricevente. Il donatore dovrebbe auto-escludersi dalla donazione qualora si rendesse

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

Accurata selezione del donatore

Accurata selezione del donatore Pag 1 IDONEITA DEL DONATORE DI SANGUE Linee guida applicative dei decreti ministeriali per la selezione del donatore L Istruzione soddisfa il Requisito Organizzativo: B.14.1.4 N 5 dell Accreditamento Istituzionale

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

P.01.515-CB.M.13 DONAZIONE DI SANGUE DA CORDONE OMBELICALE PER USO NON DEDICATO (UNRELATED)

P.01.515-CB.M.13 DONAZIONE DI SANGUE DA CORDONE OMBELICALE PER USO NON DEDICATO (UNRELATED) U.O. CENTRO TRASFUONALE Pag. 1/8 - Sezione 1 All attenzione della madre e del padre. Per valutare l idoneità all uso clinico è necessario raccogliere la storia clinica e familiare della madre e del padre

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti.

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. Ministero della Salute - DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE)

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Dr. Attilio Rovelli responsabile del Centro Trapianti dell' Ospedale San Gerardo di Monza Il trapianto di midollo osseo per una

Dettagli

Criteri Sospensioni. se affezione attiva,cronica o recidivante ghe,immunologiche,renali,metaboliche,respiratorie

Criteri Sospensioni. se affezione attiva,cronica o recidivante ghe,immunologiche,renali,metaboliche,respiratorie Pag. 1 di 7 *: criteri modificati. SOSPENSIONI ABORTO 6 mesi dall evento AFFEZIONI gastrointestinali,epatiche,urogenitali,ematologiesclusione se affezione attiva,cronica o recidivante ghe,immunologiche,renali,metaboliche,respiratorie

Dettagli

Prescrizioni del Servizio trasfusionale CRS. Capitolo 17 B): Criteri d attitudine alla donazione di sangue

Prescrizioni del Servizio trasfusionale CRS. Capitolo 17 B): Criteri d attitudine alla donazione di sangue Prescrizioni del Servizio trasfusionale CRS STS CRS Capitolo 17 B): Criteri d attitudine alla donazione di sangue RIFERIMENTI 1 - Ordinanza sulle autorizzazioni nel campo dei medicamenti (OaMed) - 2002

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 30.3.2004 L 91/25 DIRETTIVA 2004/33/CE DELLA COMMISSIONE del 22 marzo 2004 che applica la direttiva 2002/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a taluni requisiti tecnici del sangue e degli

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Provinciale Modena Stampare e agganciare TUTTE le pagine. DA LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

Provinciale Modena Stampare e agganciare TUTTE le pagine. DA LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO pag 1 di 1 - Provinciale Modena Stampare e agganciare TUTTE le pagine. DA LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Gentilissima donatrice, egregio donatore, Le chiediamo di esaminare

Dettagli

Rev.10 Pag. 1/10. Centro di raccolta

Rev.10 Pag. 1/10. Centro di raccolta Sezione 1 All attenzione della madre e del padre. Per valutare l idoneità all uso clinico è necessario raccogliere la storia clinica e familiare della madre e del padre del neonato, per la valutazione

Dettagli

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2.1. LA DONAZIONE DEL SANGUE Che cos è il sangue: la composizione e la sua funzione Perché donare sangue A chi servirà la nostra donazione Chi può donare Frequenza delle donazioni

Dettagli

Kapitel. Riferimento obbligatorio ad un criterio specifico. Riferimento da consultare in funzione del contesto. Complemento di informazione.

Kapitel. Riferimento obbligatorio ad un criterio specifico. Riferimento da consultare in funzione del contesto. Complemento di informazione. RIFERIMENTI 1 - Ordinanza sulle autorizzazioni nel campo dei medicamenti (OaMed) - 2002 2 - Manuale per la preparazione, l utilizzazione e la sicurezza di qualità nei componenti sanguigni - Consiglio d

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Epatite. cause conseguenze e prevenzione

Epatite. cause conseguenze e prevenzione Epatite cause conseguenze e prevenzione L importante in breve sull epatite Cos è l epatite e quali sono le conseguenze di questa malattia? L epatite è una infiammazione del fegato provocata dal virus dell

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA PEDODONZIA Docente: Prof. Aniello Ingenito Commissione di esame:

Dettagli

-idonei. -definitiva - definitiva. - definitiva - definitiva

-idonei. -definitiva - definitiva. - definitiva - definitiva Pag. 1 di 7 *: criteri modificati. SOSPENSIONI (donazione di sangue intero)* ABORTO 6 mesi dall evento AFFEZIONI gastrointestinali,epatiche,urogenitali,ematologiesclusione se affezione attiva,cronica o

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

Decreta: IL MINISTRO DELLA SALUTE

Decreta: IL MINISTRO DELLA SALUTE Capitolo 1 Decreto ministro della salute 3 marzo 2005. Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. (G.U. 13 aprile 2005, n. 85) IL MINISTRO DELLA SALUTE omissis

Dettagli

Protocolli per l'accertamento dell idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti

Protocolli per l'accertamento dell idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti Testo aggiornato al 22 novembre 2005 Decreto ministeriale 3 marzo 2005 Gazzetta Ufficiale 13 aprile 2005, n. 85 Protocolli per l'accertamento dell idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti IL

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

D.M. 3 marzo 2005 (1). Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE

D.M. 3 marzo 2005 (1). Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE D.M. 3 marzo 2005 (1). Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Decreta: Per l emissione dei buoni ordinari del Tesoro del 15 marzo 2005 il prezzo medio ponderato e' risultato pari a 99,485 per i B.O.T. a 92 giorni e a 97,807 per i B.O.T. a 365 giorni. La spesa per

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti.

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107, «Disciplina

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma.

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma. plasma piastrine midollo osseo cordone ombelicale Perché donare? sangue plasma sangue midollo osseo midollo osseo cordone ombelicale plasma piastrine midollo osseo plasma piastrine sangue cordone ombelicale

Dettagli

Questionario anamnestico per le donazioni di sangue cordonale

Questionario anamnestico per le donazioni di sangue cordonale Pag. 1/8 QUESTIONARIO ANAMNESTICO PER LE DONAZIONI DI SANGUE CORDONALE Codice identificativo della madre Da applicare al momento della raccolta Codice identificativo dell unità raccolta Da applicare al

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

Una sintetica «biblioteca» dei principali valori che si possono trovare sul referto degli esami del sangue.

Una sintetica «biblioteca» dei principali valori che si possono trovare sul referto degli esami del sangue. Una sintetica «biblioteca» dei principali valori che si possono trovare sul referto degli esami del sangue. Capire e interpretare gli esami di laboratorio è compito del medico. I valori dei test ematici,

Dettagli

Modalità d uso : per via orale

Modalità d uso : per via orale Modalità d uso : per via orale - da 30 a 50 gocce sotto la lingua per 2 o 3 volte al giorno per 5 o 6 giorni dipende dalla gravita dell infezione, comunque un sovradosaggio del prodotto non porta alcun

Dettagli

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI UDINE DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: dr. Vincenzo De Angelis Tel. 0432 552346-39 fax 0432 552342 SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE MODELLO INFORMATIVO

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. Gazzetta Ufficiale 13-04-2005, n. 85, Serie Generale IL MINISTRO DELLA

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

Descrizione dell unità mobile

Descrizione dell unità mobile Descrizione dell unità mobile L Unità mobile è un mezzo predisposto all esecuzione di prelievi di sangue per la Tipizzazione di persone volontarie disponibili ad un eventuale donazione di Cellule Staminali

Dettagli

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI a cura dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) Vaccino Gruppo di Età Tetano, Difterite, pertosse per

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

La Febbre. Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante

La Febbre. Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante La Febbre Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali molto complesse. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante FEBBRE Centro ipotalamico Pirogeni Differenza

Dettagli

Epatiti virali. Capitolo 8

Epatiti virali. Capitolo 8 Epatiti virali Capitolo 8 L epatite virale è un infiammazione del fegato causata da virus. Ad oggi i principali virus dell epatite conosciuti sono: virus epatite A (HAV), virus epatite B (HBV), virus epatite

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

La donazione di sangue

La donazione di sangue La donazione di sangue Presentazione La presente guida per il donatore ha la finalità di promuovere la donazione allogenica ed autologa sensibilizzando i cittadini in merito alle seguenti peculiarità:

Dettagli

«La nostra realtà è molto diversa?»

«La nostra realtà è molto diversa?» «La nostra realtà è molto diversa?» Quando le capacità e il sapere medico si esauriscono, la vicinanza alla persona che sta morendo prolunga il senso della presa in carico. La donazione di un organo, di

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005)

Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento della idoneita' del donatore di sangue e di emocomponenti. (GU n. 85 del 13-4-2005) MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 Protocolli per l'accertamento

Dettagli

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive ALLEGATO B Insegnamento: Malattie Infettive Settore Scientifico-Disciplinare: MED/17, MED/07; MED/46 CFU Tot.: 6 Ore di studio per ogni ora di: ADF (attività didattica ADI (attività didattica AFP (attività

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Poliambulatorio Pedesini 25-02-2015 DATI ANAGRAFICI

Poliambulatorio Pedesini 25-02-2015 DATI ANAGRAFICI DATI ANAGRAFICI cognome stato civile nome codice fiscale luogo e data di nascita residente a provincia CAP indirizzo tel. abitazione professione tel. ufficio tel. cellulare e-mail medico di base inviato

Dettagli

La donazione di sangue: guida per il donatore

La donazione di sangue: guida per il donatore La donazione di sangue: guida per il donatore CHE COS È IL SANGUE... pag. 3 globuli rossi globuli bianchi piastrine plasma DETERMINAZIONE DEL GRUPPO SANGUIGNO... pag. 6 DONAZIONE E TRASFUSIONE... pag.

Dettagli

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente e Responsabile Direttore Dr.ssa P. Auriemma LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

Dettagli

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE Guida informativa per i pazienti Unità Operativa e Centro Trapianti di Midollo Osseo Wilma Deplano. Ospedale Oncologico Armando

Dettagli

Caro Donatore / Cara Donatrice,

Caro Donatore / Cara Donatrice, ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE VIA LIVIO BORRI 40-41122 MODENA (MO) TEL. 059 36 84 911 www.avis.it/modena Caro Donatore / Cara Donatrice, Ti ringraziamo della tua adesione alla nostra Associazione

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Selezione del donatore, prelievo, conservazione e utilizzo dei tessuti oculari

Selezione del donatore, prelievo, conservazione e utilizzo dei tessuti oculari Selezione del donatore, prelievo, conservazione e utilizzo dei tessuti oculari Dott. Davide Camposampiero Udine, 14 aprile 2015 Chi è Fondazione Fondata nel 1987, è il Centro di Riferimento per gli Innesti

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE PERCHE DONARE SANGUE Il Servizio Trasfusionale negli ultimi 5 anni ha dovuto notevolmente aumentare la raccolta di unità di sangue per far fronte ai bisogni sempre

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Decreto Ministeriale 03 marzo 2005 "Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emoderivati"

Decreto Ministeriale 03 marzo 2005 Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emoderivati Decreto Ministeriale 03 marzo 2005 "Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emoderivati" IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990, n. 107, «Disciplina per

Dettagli