Dichiarazione ambientale Anno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione ambientale Anno 2008"

Transcript

1 Dichiarazione ambientale Anno 2008 Codice NACE: (ex 40.1) Codice EA: 25 Per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili dell Unità di Business Produzione Geotermica

2 Dichiarazione ambientale Anno 2008 Periodo di validità: Per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili dell Unità di Business Produzione Geotermica

3 Informazioni generali Struttura della Dichiarazione La Dichiarazione ambientale serve a fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni convalidate sugli impianti e sulle prestazioni ambientali dell organizzazione, nonché sul continuo miglioramento della prestazione ambientale. Essa è altresì un mezzo che consente di rispondere a questioni che riguardano gli impatti ambientali significativi che sono di interesse dei soggetti coinvolti. Per rispondere, in maniera chiara e concisa, a dette finalità, questa Dichiarazione è stata articolata in tre parti. La prima è dedicata a comunicare in modo essenziale le informazioni che riguardano il processo produttivo, le questioni ambientali, la Politica ambientale ed il Sistema di Gestione Ambientale. La seconda parte illustra gli obiettivi di miglioramento, il Programma ambientale e riporta il Compendio dei dati di esercizio, ovvero le informazioni che necessitano di aggiornamento annuale e che devono essere comunicate come spiegato in seguito. La terza parte, costituita da schede di approfondimento, permette di esaminare altri aspetti particolari che possono interessare il lettore. Il presente documento è redatto in prima edizione del 9 giugno 2008 e fa riferimento all anno 2007; annualmente saranno predisposti aggiornamenti relativi. La successiva Dichiarazione sarà emessa nel Convalida e Certificazione L istituto RINA SpA Gruppo Registro Italiano Navale Via Corsica, Genova Tel , Fax quale Verificatore ambientale accreditato dal Comitato ECOLABEL - ECOAUDIT - Sezione EMAS ITALIA, con n. IT -V-0002 ha convalidato questa Dichiarazione in data xxxxxxxxxxxxxx.

4 Presentazione Pisa 2008 Per una Unità che opera esclusivamente nel campo della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, con un ampio coinvolgimento della propria struttura sia nelle attività gestionali che in quelle di una consistente implementazione della capacità produttiva, la strada della certificazione di qualità ambientale è, più che un percorso obbligato, una esigenza ampiamente condivisa da tutti gli operativi della Unità di Business. Si è quindi proceduto, con entusiasmo, ad assumere crescenti impegni in ambito ambientale per i quali il naturale punto di raccordo non poteva che essere la stessa certificazione ambientale, conformemente alla UNI EN ISO 14001/04 e la registrazione EMAS conformemente al regolamento Europeo 761/2001. Esiste la piena consapevolezza che il percorso avviato non potrà essere interrotto né rallentato e che il miglioramento continuo conseguente all adozione di una Politica ambientale è coerente con gli obiettivi societari. La riduzione delle emissioni, attraverso l estensione della installazione degli impianti AMIS, ed il completamento dei ripristini dei siti dismessi sono i primi ed ambiziosi obiettivi che ci siamo dati. Per il pieno raggiungimento di tali obiettivi è necessario, e sarà garantito, l impegno di tutta la struttura dell Unità. Nel ringraziare tutti coloro che hanno contribuito al raggiungimento del risultato, si garantisce l impegno costante a verificare l attuazione di tutti gli impegni assunti. Lio Ceppatelli Direttore Unità di Business Geotermia

5 Indice 8 Enel SpA 8 La Politica ambientale 9 L organizzazione ambientale 11 La governance dell ambiente 12 Il reporting ambientale 13 I Sistemi di Gestione Ambientale 15 La Divisione Generazione ed Energy Management Italia 19 La struttura organizzativa 22 L attività produttiva 23 Localizzazione delle attività 25 Produzione energia elettrica 25 Geotermia per usi non elettrici 26 Descrizione del sistema produttivo 26 Aspetti generali 31 Centrali unificate a condensazione 32 Centrali a scarico libero (Piancastagnaio 2) 32 Input e output del processo 33 Effetti della reiniezione 34 Potenzialità e dislocazione delle Unità di Produzione 38 La Gestione ambientale del sito 38 La Politica del sito 39 La partecipazione ad EMAS 40 Il Sistema di Gestione Ambientale 42 Certificati di conformità alla norma UNI EN ISO Gli aspetti ambientali 48 Obiettivi e Programma ambientale Emissioni in atmosfera 49 Impatto visivo 50 Contaminazione, occupazione del suolo e impatto visivo 50 Contaminazione del suolo 51 Contaminazione del suolo ed effetti sulla vegetazione 52 Gestione dei materiali e delle sostanze 52 Gestione delle fonti rinnovabili

6 54 Appendice 54 Programma ambientale Bilancio energetico 57 Concessioni di coltivazione 58 Produzione di energia elettrica e consumi 59 Emissioni in atmosfera e qualità dell aria 65 Emissioni in atmosfera di H 2 S e CO 2 65 Emissioni di CO 2 evitate 65 Sistemi di abbattimento e riduzione degli inquinanti atmosferici (AMIS) 69 Monitoraggio della qualità dell aria 73 Emissioni sonore 77 Acque e scarichi idrici 78 Comparto rifiuti 79 Produzione rifiuti 81 Utilizzo risorse 82 Consumi di materie prime 82 Consumi di SF 6 82 Consumi di HCFC 83 Salute e sicurezza sul lavoro 84 Documentazione relativa all ambiente 86 Principali norme di legge nazionali 91 Informazioni per il pubblico 92 Mappe topografiche relative ai siti geotermici oggetto di certificazione 96 Glossario

7 Enel SpA La struttura organizzativa di Enel SpA, che riflette l espansione internazionale del Gruppo, è articolata nelle seguenti divisioni: Generazione ed Energy Management; Ingegneria e Innovazione; Mercato; Infrastrutture e Reti; Iberia e America Latina; Internazionale. La Corporate, mediante le funzioni centrali, svolge il ruolo di indirizzo, coordinamento e controllo, con l obiettivo di valorizzare le sinergie del Gruppo e di ottimizzare la gestione dei servizi a supporto del core business. Di seguito si riporta l organigramma delle Divisioni: Consiglio di Amministrazione Presidente Amministratore Delegato Funzioni Corporate Generazione ed Energy Management (GEM) Ingegneria e Innovazione Mercato Infrastrutture e Reti (IR) Iberia e America Latina Internazionale La Politica ambientale Enel considera l ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici fattori strategici nell esercizio e nello sviluppo delle proprie attività, determinanti per consolidare la propria leadership nei mercati dell energia. La Politica ambientale del Gruppo Enel si fonda su tre princípi di base e persegue nove obiettivi strategici. 8 Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

8 Princípi Tutelare l ambiente, la sicurezza e la salute dei lavoratori. Migliorare gli standard ambientali e di qualità del prodotto. Creare valore per l Azienda. Obiettivi strategici Applicazione all intera organizzazione di Sistemi di Gestione Ambientale riconosciuti a livello internazionale. Inserimento ottimale degli impianti industriali e degli edifici nel territorio. Riduzione degli impatti ambientali con l applicazione delle migliori tecnologie disponibili e delle migliori pratiche nelle fasi di costruzione, di esercizio e di smantellamento degli impianti. Leadership nelle fonti rinnovabili. Impiego efficiente delle risorse energetiche, idriche e delle materie prime. Gestione ottimale dei rifiuti e dei reflui in genere. Comunicazione ai cittadini e alle Istituzioni sulla Gestione ambientale dell Azienda. Formazione e sensibilizzazione dei dipendenti sulle tematiche ambientali. Promozione verso i fornitori e gli appaltatori di pratiche ambientali sostenibili. Fulvio Conti L Amministratore Delegato e Direttore Generale L organizzazione ambientale Nell ambito della funzione Affari Regolamentari e Corporate Strategy è compresa l Unità Politiche Ambientali, che ha la missione di definire gli obiettivi ambientali strategici di Enel e di assicurare la coerenza dei programmi e delle iniziative conseguenti da parte delle Divisioni. L Unità Politiche Ambientali ha, tra l altro, i compiti specifici di: definire le politiche aziendali in materia di ambiente, fonti rinnovabili, efficienza energetica e cambiamento climatico, elaborando le relative linee guida; garantire la definizione e la difesa delle posizioni aziendali in materia di regolamentazione ambientale, incentivi alle fonti rinnovabili, Emission Trading Scheme ed efficienza energetica; individuare gli indicatori e garantire il monitoraggio e il controllo delle prestazioni ambientali del Gruppo in Italia e all estero; predisporre il Bilancio ambientale di Gruppo; Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 9

9 fornire supporto alle Divisioni in Italia e all estero anche per operazioni di M&A relativamente alle attività di propria competenza. In ciascuna delle Divisioni, in relazione alle specifiche problematiche, sono presenti ai vari livelli strutture operative e/o figure professionali preposte a svolgere attività in campo ambientale. Nel mondo le risorse umane complessivamente dedicate a temi ambientali ammontano a circa 320 unità equivalenti a tempo pieno, mentre solo in Italia a circa 176 unità. Esse comprendono il personale di supporto, cioè il personale che, a livello territoriale e divisionale, presta la propria attività in materia ambientale a favore di più unità operative. Nella Divisione Generazione ed Energy Management tutte le Unità di Business dell Area di Business Energie Rinnovabili e le Unità di Business medio-grandi dell Area di Business Produzione Termoelettrica comprendono l unità Esercizio Ambiente e Sicurezza, preposta tra l altro alle tematiche ambientali sito-specifiche. Nella Divisione Infrastrutture e Reti, l unità Qualità, Sicurezza e Ambiente è preposta al coordinamento operativo, su tutto il territorio nazionale, delle tematiche ambientali riguardanti le proprie reti, elettrica e del gas, e gli impianti di illuminazione pubblica di cui la Divisione ha la proprietà o la gestione. Nella Divisione Iberia e America Latina, Endesa dispone di una organizzazione ambientale centrale Dirección de Medio Ambiente y Desarrollo Sostenible, che coordina tutte le unità territoriali delle varie filiere produttive, le risorse umane complessivamente dedicate ai temi ambientali ammontano a circa 135 unità a tempo pieno (90 unità è il peso proporzionale attribuibile al Gruppo Enel). Nel resto della Divisione si registrano presídi ambientali significativi soprattutto in Spagna, al servizio degli impianti termoelettrici di Viesgo Generación ed Eufer e dell attività di distribuzione di energia elettrica di Electra de Viesgo Distribución (con 16 unità lavorative complessivamente), e nel caso di Enel Latin America, che ha destinato agli aspetti ambientali una persona per ciascuno dei propri impianti idroelettrici ed eolici. Nella Divisione Internazionale è presente un unità Safety e Ambiente collocata nella funzione Operation e Integration che coordina le attività ambientali delle società estere di competenza. Slovenské elektrárne dispone di una squadra ambientale di 18 unità. Per il resto si registrano presidi ambientali significativi soprattutto al servizio dell impianto termoelettrico di Enel Maritza East, con 4 persone delle reti di distribuzione in Romania, con le 6 unità complessive di Enel Electrica Banat ed Enel Electrica Dobrogea, e con 4 persone dedicate all ambiente per il Nord America (ENA). Nella Divisione Ingegneria e innovazione è presente una Direzione che si occupa del Progetto Ambiente e Innovazione le cui attività sono descritte più avanti nell omonimo paragrafo trattato all interno del capitolo Il cambiamento climatico e la risposta di Enel. Le risorse umane complessivamente dedicate alla ricerca ambientale sono 72 mentre quelle dedicate al Progetto Ambiente e Innovazione sono Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

10 Figura 1 Ripartizione del personale dedicato ad attività ambientali al Perimetro complessivo: 320 Perimetro Italia: 176 3,1% 15,9% 21% 13,6% 27,4% 15,9% 12,4% 0,5% 40,7% 0,6% 48,9% Produzione termoelettrica Produzione nucleare Produzione fonti rinnovabili Distribuzione energia elettrica Distribuzione gas Attività di supporto La governance dell ambiente Il modello organizzativo di Enel assegna alla Corporate responsabilità soprattutto in relazione al governo dei processi trasversali, con l obiettivo di assicurare il massimo livello di efficacia ed efficienza nell esecuzione delle attività. In tale contesto la governance dell ambiente concorre ad accrescere la credibilità sociale dell Azienda e rappresenta uno dei fattori rispetto a cui si misurano la competitività e il valore di una scelta industriale nei confronti degli azionisti, dei clienti e della collettività. Oggi, in Enel, la governance ambientale è attuata mediante il reporting, i Sistemi di Gestione Ambientale, la formazione, l informazione e l integrazione dei processi tra le diverse realtà aziendali italiane ed estere. Grazie a questi strumenti la governance viene trasferita alle unità territoriali con lo scopo di garantire azioni e comportamenti omogenei in tutto il perimetro aziendale. L integrazione ambientale si rivolge in particolare: all attività di reporting ambientale e verifica delle performance, fornendo uno strumento di controllo continuo e di benchmark tra le diverse realtà del Gruppo; all applicazione della Politica e della Gestione ambientale in maniera coordinata, armonizzata e conforme agli standard internazionali (ISO ed EMAS); agli affari regolatori, per consentire un efficace monitoraggio e relativa risposta aziendale sui temi ambientali. L esercizio di un attenta governance ambientale comprende un accurata gestione delle risorse economiche, le quali, pur non essendo presente in Enel una specifica contabilità ambientale, sono rilevate annualmente con crescente grado di raffinatezza e codifica, per meglio indirizzare gli investimenti che hanno natura ambientale, offrendo la possibilità di valutarne i ritorni. Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 11

11 Nel 2007 il rilevamento della spesa ambientale è stato esteso a tutto il perimetro internazionale. Inoltre, il processo di governance è strutturato in modo tale da fare fronte alle criticità ambientali che inevitabilmente possono generarsi e che talvolta evolvono in contenziosi giudiziari. Il reporting ambientale Il sistema di reporting è lo strumento chiave che permette di monitorare costantemente le interazioni delle attività industriali di Enel con l ambiente. I formati utilizzati per la rilevazione dei dati, sia di processo sia di governance, sono oggetto di continuo aggiornamento in relazione alle evoluzioni della configurazione organizzativa di Enel, della normativa e delle tecnologie, alla crescente internazionalizzazione e ai ritorni d esperienza. Nel 2007 la raccolta dei dati è stata estesa alla Divisione Mercato e alle attività svolte presso gli uffici in Italia. È stata inoltre automatizzata, attraverso l introduzione di un sistema informatico che consente anche di verificare con maggiore accuratezza e rapidità la correttezza e la coerenza dei dati risalendo alle specifiche responsabilità delle diverse unità del Gruppo e di effettuare il benchmark a tutti i livelli (Unità, filiera, Società, Divisione ecc.). Accanto ai formati per la raccolta e l aggregazione dei dati, l unità Politiche Ambientali rende disponibili, per ogni livello, supporti contenenti un ampia serie di indicatori (rapporti tra grandezze omogenee o eterogenee) attraverso i quali si possono confrontare risultati di pertinenza di unità diverse e si può seguire l evoluzione dei dati di una stessa unità nel tempo prescindendo dal volume di attività; essi evidenziano scostamenti delle prestazioni ambientali dai valori medi o da valori obiettivo, oltre a permettere un immediata valutazione dell affidabilità e della congruenza dei risultati. Il reporting è parte integrante della Gestione ambientale di Enel e la sua metodologia assicura la migliore omogeneità delle informazioni raccolte. Il reporting è lo strumento grazie al quale molte strutture di Enel controllano periodicamente le proprie prestazioni ambientali confrontandole con gli obiettivi. In tale contesto, all interno della Divisione Infrastrutture e Reti Italia, Rete Elettrica è stata anticipatrice dell automazione del reporting ambientale, con il quale, fra l altro, contribuisce trimestralmente all aggiornamento dell applicativo informativo ambientesicurezza, disponibile nella intranet aziendale (si veda il paragrafo La formazione e l informazione ). Si segnala che in conseguenza del cambiamento organizzativo i dati storici sono stati riorganizzati in base alla nuova struttura (paragrafo La formazione e l informazione ). 12 Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

12 I Sistemi di Gestione Ambientale Nel 2007 Enel ha ulteriormente esteso l adozione di standard internazionali di certificazione per i Sistemi di Gestione Ambientale dei propri siti produttivi. In tutto il perimetro aziendale, al 31 dicembre 2007, più dell 82% della potenza installata figurava certificata ISO 14001; il 36,3% della potenza installata in Europa ( MW) disponeva anche della registrazione EMAS (Eco- Management and Audit Scheme Reg. CE 761/01). Per avere il dettaglio della potenza certificata per ciascun paese dove Enel è presente con le sue attività, si rimanda alle singole schede di filiera tecnologica relative a ciascuna divisione organizzativa. Per l Italia, in particolare, per quanto riguarda la produzione di energia elettrica, al 31 dicembre 2007 circa l 89% (80% al 31 dicembre 2006) della potenza installata (463 delle 598 centrali) risultava certificato ISO 14001; 191 di queste centrali (circa il 51% della potenza installata complessiva -44% al 31 dicembre 2006) erano in possesso anche della registrazione EMAS. Le Unità di Business che già dispongono sia della certificazione ISO sia della registrazione EMAS sono, per l Area di Business Produzione Termoelettrica: Fusina, Genova, La Casella, La Spezia, Leri Cavour, Montalto di Castro, Porto Corsini, Sulcis, Torrevaldaliga Nord e Priolo Gargallo; per l Area di Business Energie Rinnovabili: Bologna, Bolzano, Sardegna, Sicilia, Napoli e Trento, cui si aggiungono i nuclei idroelettrici Cuneo, Montorio, Bussolengo e Vittorio Veneto. Il nucleo idroelettrico Feltre dell Unità di Business Vittorio Veneto ha in corso l iter per la registrazione EMAS presso il comitato Ecolabel-Ecoaudit. Hanno per il momento conseguito la sola certificazione ISO le Unità di Business Bastardo, Brindisi Sud, Pietrafitta, Porto Tolle, Rossano Calabro, Santa Barbara e Termini Imerese dell Area di Business Produzione Termoelettrica, tutti gli impianti geotermoelettrici, le Unità di Business Domodossola, Sondrio e i nuclei idroelettrici di Cedegolo (Unità di Business Bergamo) e Torino (Unità di Business Cuneo) dell Area di Business Energie Rinnovabili. Nel corso del 2007 Enel Distribuzione SpA ha attuato l integrazione del Sistema di Gestione Ambientale e del Sistema di Gestione della Sicurezza, ottenendo la certificazione del Sistema integrato in conformità agli standard di riferimento (UNI EN ISO e OHSAS 18001). Il Sistema di Gestione è applicato all intera organizzazione, costituita dalla Sede Centrale e da 11 Dipartimenti Territoriali Rete (comprendenti 11 Esercizi, 111 Zone e 6 Piattaforme Logistica Materiali), con impianti di alta, media e bassa tensione (più di 1 milione di km di elettrodotti e più di cabine). Il Sistema di Gestione garantisce il controllo continuo di tutti gli aspetti di safety e ambientali significativi connessi alle attività di progettazione, realizzazione, gestione, sviluppo e manutenzione delle reti elettriche. A supporto del sistema viene utilizzato un applicativo denominato ambientesicurezza, presente nella Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 13

13 intranet aziendale, finalizzato alla raccolta e all elaborazione dei dati di processo, nonché alla diffusione della documentazione e della normativa di settore. Per quanto riguarda l estero, l adozione di Sistemi di Gestione Ambientale certificati è di tutto rilievo. Sono in possesso di certificazione ISO 14001: l intero parco impianti e la sede societaria di Slovenské elektrárne (Slovacchia); le intere società di distribuzione di energia elettrica Enel Electrica Banat ed Enel Electrica Dobrogea (Romania); oltre la metà degli impianti eolici di Enel Unión Fenosa Renovables (Spagna); gli impianti idroelettrici Don Pedro e Rio Volcán e l impianto eolico Tierras Morenas, in Costa Rica; gran parte dell attività di produzione di energia elettrica (circa il 90%) di Endesa, con centrali situate in Spagna, Portogallo, Argentina, Cile, Colombia, Perù e Brasile; l attività di distribuzione di energia elettrica di Endesa svolta in Spagna (Catalogna e Baleari) e quella in America Latina (Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Perù). Il dettaglio della diffusione dei Sistemi di Gestione Ambientale è fornito nei capitoli dedicati alle attività stabili delle Divisioni. Figura 2 ISO nelle centrali elettriche al (con riferimento alla potenza complessiva in servizio) Potenza complessiva in servizio nel mondo: MW Potenza complessiva in servizio in Italia: MW 1,4% 9,6% 0,1% 5,4% 11,4% 83,5% 88,5% Certificate Con certificazione in corso Con certificazione programmata Altre 14 Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

14 Figura 3 EMAS nelle centrali elettriche al (con riferimento alla potenza complessiva in servizio) Potenza complessiva in servizio in Europa: MW 30,9% Potenza complessiva in servizio in Italia: MW 36,5% 0,1% 25,0% 12,0% 7,8% 36,3% 51,4% La Divisione Generazione ed Energy Management Italia La Divisione Generazione ed Energy Management Italia (GEM) è la Divisione che riunisce tutte le attività svolte in Italia relativamente a produzione, importazione e offerta di energia elettrica, ottimizzandone i costi di produzione e approvvigionamento. Effettua l acquisto dei combustibili e la gestione del rischio commodity (rischio, riguardante le attività di generazione di energia elettrica e di vendita di energia elettrica e gas, connesso con l andamento dei prezzi dei prodotti petroliferi e con il cambio euro/dollaro) per il Gruppo in Italia e all estero, al fine di garantire prioritariamente l ottimizzazione del costo per gli impianti termoelettrici e la competitività nella vendita di gas ai clienti finali. La Divisione Generazione ed Energy Management ha la missione di produrre e offrire al mercato energia al minimo costo possibile e nel rispetto degli standard ambientali e di sicurezza stabiliti dalle leggi, integrando nel processo decisionale tutti gli elementi della catena del valore, dal sourcing di combustibile al trading di energia e combustibili. Per le attività di produzione in Italia la Divisione è organizzata in tre Aree di Business, di seguito elencate, con funzioni di servizio (personale, amministrazione ecc.) comuni alle diverse aree: Produzione termoelettrica, con il compito di curare l esercizio e la manutenzione degli impianti termoelettrici italiani con responsabilità sui costi di funzionamento e sulle loro performance tecniche; Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 15

15 (1) L approccio lean è l innovazione gestionale e organizzativa che permette alle aziende di migliorare qualità e servizio, ma anche di ridurre drasticamente i costi, migliorando così la competitività. Energie rinnovabili, con il compito di curare lo sviluppo, l esercizio e la manutenzione degli impianti a energia rinnovabile e in particolare nel campo idroelettrico, geotermico, eolico e fotovoltaico con responsabilità sui costi di funzionamento e sulle loro performance tecniche; Energy Management, con il compito di ottimizzare il costo di produzione/approvvigionamento dell energia elettrica e la vendita alla borsa, all Acquirente Unico e ai grossisti nonché di effettuare l approvvigionamento dei combustibili, di sviluppare la strategia di reperimento sul mercato dei diritti di emissione di CO 2 e di assicurare la competitività nella vendita di gas ai clienti finali. Per meglio focalizzare le attività in campo termoelettrico, idroelettrico e in generale per le fonti di energia rinnovabile, la Divisione è strutturata in due Aree di Business dedicate, Produzione termoelettrica e Energie rinnovabili. A livello territoriale gli impianti di produzione sono raggruppati in 34 Unità di Business (21 termoelettriche e 13 di energie rinnovabili). La missione della Divisione si può sostanzialmente sintetizzare nel produrre energia elettrica a costi competitivi e nel rispetto dell ambiente. Da qui l importanza del piano di completamento della riconversione e l ammodernamento del parco centrali di Enel in modo da poter contare su un mix di combustibili più equilibrato, sicuro ed efficiente, che metta al riparo da rischi di prezzo e di approvvigionamento e riduca le emissioni atmosferiche. I programmi di sviluppo sono di medio periodo e confermano i capisaldi strategici delle conversioni a carbone ad alta efficienza (cfr. approfondimento riportato nel paragrafo della Divisione Ingegneria e innvoazione), delle conversioni in cicli combinati e dello sviluppo delle energie rinnovabili. Questo programma di ammodernamento si propone, anche attraverso l incremento dell efficienza e il maggiore ricorso alle fonti rinnovabili, la razionalizzazione dell uso delle risorse e la riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Altrettanto importanti sono l efficienza nella gestione del parco impianti, l ottimizzazione della capacità produttiva e l approvvigionamento di combustibili a prezzi competitivi. Nell ambito dei processi di miglioramento gestionali, continua l implementazione del progetto QUASAR (Qualità di Servizi, Asset e Risorse), quale applicazione della lean (1) nel mondo della generazione. Nato dall esigenza di ricercare la Qualità Totale in tutte le attività e innalzare le prestazioni della Divisione ai migliori livelli mondiali, il progetto sta assumendo una rilevanza sempre maggiore, permeando molte realtà operative e sviluppando la cultura dell eccellenza nei campi dell efficienza operativa, della sicurezza e dell ambiente. In Italia l applicazione volge al termine: infatti nell AdB Produzione Termoelettrica manca l estensione a due centrali, mentre nel mondo dell AdB Energie Rinnovabili si ritiene che nel corso dell anno 2008 verranno completate tutte le unità produttive. Con il supporto di Generazione ed Energy Management, 16 Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

16 QUASAR si sta applicando a diverse realtà di produzione Enel nel mondo. Nel corso del 2007 è infatti iniziata l applicazione in Slovenské elektrárne (Slovacchia) e in Enel North America, in particolare nella centrale di St. Felicien. In termini di risultati continua il bilancio positivo come numero di suggerimenti del personale e incremento del numero di unità che ha concluso l anno con zero infortuni, risultato ambizioso e fortemente perseguito attraverso le specifiche iniziative aziendali nel campo. Punto debole di questi progetti è il mantenimento, che in Enel sta invece dando risultati decisamente positivi: raramente infatti emergono performances in decrescita nelle periodiche verifiche che vengono fatte con una organizzazione interna dedicata. Con molto entusiasmo è stata accolta l iniziativa del premio alle migliori idee di miglioramento suggerite dal personale, che ha portato circa 40 dipendenti delle unità produttive italiane, accompagnate dal partner, in un viaggio in Slovacchia dove hanno avuto l opportunità di visitare una centrale nucleare appartenente al gruppo aziendale. Fonte: Rapporto ambientale Enel 2007 Divisione GEM Divisione Generazione ed Energy Management Pianificazione e Controllo Personale e Organizzazione Energy Management Produzione Termoelettrica Energie Rinnovabili Gas up/midstream Sviluppo e Assistenza Impianti Analisi Mercati e Capacity Strategy Figura 4 Dislocazione territoriale Energie Rinnovabili Bolzano Trento Domodossola Vittorio Veneto Sondrio Bergamo Cuneo Bologna (Pisa) Montorio (1) Napoli (2) Cagliari (3) Catania (4) UNITÀ DI BUSINESS Produzione Idroelettrica Alpi Produzione Idroelettrica Appennini Produzione Geotermica (1) Comprende la centrale eolica Collarmele (AQ). (2) Comprende le centrali eoliche Campolieto e Campolieto 2(CB), Acquaspruzza e Montarone (IS), Serra Cortina (MT) e la centrale fotovoltaica Serre Persano (SA). (3) Comprende le centrali eoliche Monte Arci (OR), Nuova Alta Nurra, Sa Turrina Manna e Littigheddu (SS) e la centrale fotovoltaica Alta Plug (SS). (4) Comprende le centrali eoliche Caltabellotta (AG), Serra Marrocco (EN), Contrada Colla, Contrada Corvo-Cozzo Miturro, Cozzo Vallefondi 1, Monte Zimarra, Sclàfani Bagni e Sclàfani Bagni 2 (PA). Carlentini (SR) e le centrali fotovoltaiche Vulcano e Vulcano Plug (ME). Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 17

17 A livello territoriale gli impianti di produzione sono raggruppati in Unità di Business. Nel 2007 Enel ha prodotto in Italia circa GWh netti idroelettrici (oltre a da apporti di pompaggio), GWh geotermoelettrici, 468 GWh eolici e fotovoltaici, circa 86 GWh da biomassa e parte biodegradabile dei rifiuti, per un totale di circa GWh da fonti rinnovabili, evitando le emissioni di circa 14,9 milioni di tonnellate di anidride carbonica e favorendo in questo modo il rispetto degli obiettivi del protocollo di Kyoto da parte del nostro Paese. Nel corso del 2007 si è avuto un incremento della potenza efficiente netta da fonti rinnovabili (33,6 MW) dovuto a: 22 MW di impianti idroelettrici: - nuova centrale di Pedra Othoni (NU, 3,8 MW); - rifacimento e/o ripotenziamento degli impianti di Cimena (TO), Ascoli Piceno (AP), Paisco (BS), - Turbigo Inferiore (MI), con nuovi apporti di potenza variabili da 0,8 MW e 2,4 MW; - prove e modifiche assetto impiantistico impianto di Rovesca (VB) i cui lavori di rifacimento erano stati completati nel 2005 (12,3 MW); 11 MW di impianti eolici: nuovo impianto di Montarone 2 (IS, 9,35 MW) e installazione di un ulteriore aerogeneratore da 1,5 MW a completamento della centrale di Collarmele (AQ); 0,6 MW di impianti solari fotovoltaici. Figura 5 Ripartizione della produzione per fonte energetica rinnovabile Produzione netta di energia elettrica totale: ,4 milioni di kwh 19,48% 20,45% 1,74% 0,01% 58,32% Idro da apporti naturali Idro da apporti di pompaggio Geo Eolica Fotovoltaica 18 Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

18 La struttura organizzativa Sulla base di questa Dichiarazione, l organizzazione in corso di registrazione in conformità al Regolamento CE n. 761/2001 del 19 marzo 2001, è L Unita di Business Produzione Geotermica il cui modello organizzativo è rappresentato nella figura sottostante. L Unità di Business Produzione Geotermica (PGE) ha una struttura organizzativa articolata nelle seguenti unità: Operations Servizi di Manutenzione Impianti Geotermici Attività Minerarie Ingegneria Mineraria. Organigramma dell UB Produzione Geotermica Responsabile Produzione Geotermica Safety Responsabile ambientale Direzione Operations Servizi di manutenzione Impianti Geotermici Attività minerarie Ingegneria mineraria Linea Esercizio Ambiente Officine Ingegneria Impiantistica Geotermica Laboratori Perforazioni P.T. Larderello Area Geotermica Larderello Area Geotermica Radicondoli Area Geotermica Lago Area Geotermica Piancastagnaio Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 19

19 Nell ambito dell Unità di Produzione Business Geotermica operano circa 700 persone. Di seguito sono definite le missioni di ciascuna unità: Operations assicurare la gestione operativa ed il mantenimento in efficienza degli impianti di generazione geotermici in Italia attraverso: - l effettuazione del pronto intervento, di interventi di manutenzione di primo livello e di manutenzione non differibile; - la teleconduzione degli impianti geotermici, il monitoraggio continuo delle condizioni diesercizio, esecuzione manovre, effettuazione di controlli sistematici e prove periodiche. Servizi di manutenzione impianti geotermici fornire interventi di manutenzione programmata ed interventi rilevanti di ripristino agli impianti di produzione geotermici, assicurando il presidio tecnologico ed il supporto tecnico specialistico, attraverso: - la revisione e riparazione di macchinario elettrico e meccanico di impianti geotermici e di loro singoli componenti, compresa la relativa progettazione di officina; - la fornitura di sevizi di ingegneria degli impianti di generazione geotermici e delle reti di distribuzione dei fluidi, nonché la progettazione e gestione di piccole modifiche d impianto. Attività minerarie effettuare la programmazione operativa e provvedere alla realizzazione delle opere minerarie, assicurandone la manutenzione, i servizi specialistici e le attività ambientali connesse; effettuare analisi specialistiche in laboratorio (analisi chimiche/fisiche e biologiche, ecc.) ed in sito (campionamenti, controlli e monitoraggi ambientali sui pozzi e sugli impianti geotermici, ecc.). Ingegneria mineraria valutare le potenzialità di sfruttamento e l idoneità di sviluppo della risorsa mineraria sul territorio, definendo progetti e programmi per lo sfruttamento ottimale dei bacini geotermici; eseguire attività esplorative ed individuare nuove opportunità per lo sviluppo di progetti geotermici ed altre ottimizzazioni impiantistiche. 20 Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica

20 Per assolvere alle specifiche missioni le unità operative dell organizzazione sono così strutturate: Operations Operations (OPR) è articolata nelle seguenti unità: Esercizio Ambiente; Area Geotermica Larderello; Area Geotermica Lago; Area Geotermica Piancastagnaio; Area Geotermica Radicondoli. Di seguito sono elencati i compiti e le responsabilità di ciascuna unità: Esercizio e Ambiente telecondurre gli impianti geotermici e curare le attività connesse alla gestione dei dati ed agli eventi di esercizio; gestire gli adempimenti relativi al rispetto della normativa sull ambiente esterno. Area Geotermica assicurare la gestione operativa ed il mantenimento in efficienza degli impianti di generazione geotermici siti nell area geografica di competenza, attraverso: il monitoraggio continuo delle condizioni di esercizio, esecuzione manovre, effettuazione di controlli sistematici e prove periodiche; effettuazione del pronto intervento e di interventi di manutenzione di primo livello e manutenzione non differibile. Unità Perforazioni L unità Perforazioni (UPE) svolge le attività connesse allo sviluppo e all implementazione delle tecnologie per la realizzazione dei pozzi geotermici, alla gestione e alla conduzione dei cantieri, alla gestione della manutenzione dei propri impianti e all attività di cementazione e confezionamento del fluido utilizzato per la perforazione. Unità Laboratori I Laboratori (LAB) sono organizzati per svolgere le attività di analisi chimiche e misure fisiche sui pozzi e sugli impianti di produzione. In particolare l unità esegue le seguenti attività specialistiche con rilevanza ambientale: Gestione reti di monitoraggio sismico, qualità dell aria e meteo Campagne di rilevamento ambientale Enel Dichiarazione ambientale 2008 Unità di Business Produzione Geotermica 21

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli