1. INTRODUZIONE 2. ANALISI DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE 2. ANALISI DEI RISCHI"

Transcript

1 1. INTRODUZIONE La normativa di riferimento per la sicurezza resta il Testo Unico (T.U.) per la sicurezza sui luoghi di lavoro ovvero il decreto legislativo 81/2008. In esso si evince chiaramente come i laboratori scolastici siano da considerarsi a tutti gli effetti dei luoghi di lavoro e gli studenti siano equiparati ai lavoratori (con relativi diritti/doveri). Ciò significa che comportamenti non corretti dello studente possano essere sanzionabili, oltre che dal Dirigente Scolastico, anche dall autorità giudiziaria. Il presente Regolamento viene redatto per assolvere l obbligo del Datore di Lavoro alla formazione dei lavoratori (art. 18). 2. ANALISI DEI RISCHI 1. Presenza di reagenti chimici; 2. Presenza di rubinetti del gas; 3. Vetreria fragile; 4. Possibili Ustioni provocate dai fornelletti elettrici di comune uso nelle esperienze. 5. Possibile presenza di vapori pericolosi; 1

2 3. NORME COMPORTAMENTALI Per gli STUDENTI che accedono ai laboratori di chimica NORME GENERALI 1. Gli allievi non possono accedere al locale né permanervi o utilizzarne le attrezzature se non accompagnati dagli insegnanti. Nel caso di rilevazione di un danno saranno ritenuti responsabili gli allievi dell ultima classe che ha utilizzato il laboratorio; 2. II banco di laboratorio va mantenuto pulito e in ordine; 3. In laboratorio ci si deve muovere con cautela, mai correre; 4. Gli zaini e l abbigliamento non devono essere di intralcio alle attività che si svolgono in laboratorio in modo da consentire movimenti rapidi e sicuri; 5. Prima dell inizio di ogni prova è obbligatorio indossare un camice bianco di cotone (molti allievi del corso Chimici possiedono un camice Global trading rispondente alla direttiva 89/686/CEE, d.l. 475/92 conformi ai requisiti della norma EN340/93) al fine di proteggere i propri indumenti e rilevare rapidamente ogni eventuale contaminazione; 6. Ad esclusione degli allievi del corso per Periti Chimici, il materiale occorrente per l esecuzione delle esperienze di laboratorio sarà distribuito agli studenti di volta in volta; 7. E vietato l accesso diretto degli allievi agli armadi o ai banconi che contengono materiali o attrezzature se non autorizzati dagli insegnanti 8. Gli allievi non devono utilizzare nessuno strumento o attrezzatura senza l autorizzazione esplicita dell insegnante; 9. Specie per esperienze delicate o pericolose, gli allievi non possono operare in assenza dei docenti o degli assistenti tecnici. NORME DI LAVORO 1. Agli alunni è fatto assoluto divieto di accesso all aula di preparazione; 2. L insegnate deve esigere il rispetto delle procedure e delle norme antinfortunistiche; 3. Ogni persona che si trova in laboratorio deve conoscere la posizione dell'estintore e la posizione dei dispositivi di protezione individuale, per cui è obbligo dei singoli insegnanti e del personale tecnico di laboratorio di dare completa informazione in merito a tutti gli allievi; 4. Docenti, personale tecnico e alunni devono utilizzare gli strumenti di sicurezza e i dispositivi di Protezione Individuale ogni volta che ne sia necessario; 5. È vietato mangiare e bere in laboratorio; 6. È vietato l uso di lenti a contatto in occasione di particolari esercitazioni segnalate dal docente; 7. Nell eventualità di un infortunio, anche se piccolo, gli allievi devono informare immediatamente l insegnante che provvederà, nel caso, a fare intervenire il personale addetto al primo soccorso; 8. Dopo il contatto con qualsiasi sostanza, e comunque sempre a lavoro ultimato, lavarsi accuratamente le mani; 9. Non appoggiare recipienti o bottiglie o apparecchi vicino al bordo dei banchi di lavoro; 10. Qualsiasi idea o modifica da apportare a un procedimento deve essere prima autorizzata dal docente; 2

3 COME COMPORTARSI CON LE SOSTANZE CHIMICHE 1. Le sostanze nocive o pericolose e i reattivi chimici devono essere custoditi in armadi adeguati, con chiusura a chiave e devono essere accessibili solo agli insegnanti e agli assistenti tecnici; 2. Le sostanze chimiche non vanno mai toccate con le mani e, tantomeno, assaggiate; in caso di contatto sciacquare subito la parte del corpo contaminata con abbondante acqua; 3. Nel caso in cui si rovescino reagenti sul piano di lavoro, chiedere subito all'insegnante come procedere per bonificare le superfici dei banchi e dei pavimenti su cui siano cadute sostanze chimiche di qualsiasi genere; 4. I recipienti più grossi e pesanti, soprattutto se contengono reagenti pericolosi quali acidi e alcali, devono essere maneggiati esclusivamente dall'insegnante o dagli assistenti tecnici; 5. È bene aprire un solo contenitore alla volta e fare attenzione, comunque, a non scambiare i tappi dei recipienti; 6. Non utilizzate mai la bocca per aspirare liquidi con una pipetta; 7. Per verificare 1'odore di una sostanza non è consigliabile inspirare sopra il recipiente che la contiene. Si deve muovere la mano a ventaglio, spingendo i vapori verso il naso. La maggior parte delle sostanze che si incontrano in laboratorio non ha odori caratteristici, mentre alcune sviluppano vapori irritanti per le mucose; 8. Non miscelare mai sostanze che possano originare reazioni con produzione di sostanze pericolose (nocive e/o tossiche); 9. Nel caso sia necessario adoperare sostanze altamente volatili o pericolose (es. acidi e basi concentrate) occorre prestare molta attenzione: è obbligatorio l uso di guanti e occhiali di sicurezza e operare sotto cappa; 10. Operare mantenendo la postazione sempre in ordine in modo da rendere più semplice lo svolgimento della prova e rapido un eventuale intervento; 11. Operare sempre in modo consapevole, tenendo conto delle reazioni che possono verificarsi (es. formazione di gas esplosivi o tossici ); 12. Quando si diluisce un acido forte bisogna aggiungere sempre 1'acido all'acqua e non viceversa. In caso di contatto con la pelle sciacquare con acqua corrente fredda e poi applicare una pomata contro le ustioni. COME MANEGGIARE LA VETRERIA 1. È necessario prestare molta attenzione alla vetreria. Bisogna sempre verificare che non vi siano incrinature; i recipienti che presentano anche solo piccoli segni devono essere scartati, perché potrebbero creare problemi una volta sottoposti a riscaldamento; 2. Non si deve mai forzare un tubo di vetro o un termometro che entrano nell apposito tappo forato con difficoltà. In ogni caso e meglio adoperare un po' di vaselina come lubrificante; 3. La vetreria smerigliata (es. bordo di un essiccatore, collo di una beuta, ) deve sempre essere lubrificata con vaselina prima dell uso; 4. La vetreria va posta sul Bunsen sempre interponendo una reticella. Solo alcune provette di vetro o i crogioli di porcellana possono essere esposti direttamente alla fiamma; 5. ATTENZIONE! La vetreria calda non si distingue a vista da quella fredda. Adoperare pinze o guanti isolanti; 6. In caso di scottature raffreddare subito la parte ustionata e poi applicare una pomata contro le scottature; 7. Non rivolgere le aperture delle provette o recipienti utilizzati durante le esperienze verso il proprio viso o quello dei compagni immediatamente nelle vicinanze; 8. La vetreria rotta non deve mai essere raccolta con le mani nude, ma con guanti prestando attenzione. Va depositata nell apposito contenitore. 3

4 COME COMPORTARSI QUANDO SI DEVE COMPIERE UN OPERAZIONE DI RISCALDAMENTO 1. I capelli lunghi devono sempre essere raccolti soprattutto in presenza di fiamme libere; 2. Non aprire rubinetti del gas o utilizzare prese elettriche, se non in presenza del docente e previa sua autorizzazione; 3. Ogni volta che si adopera il becco Bunsen bisogna controllare che i rubinetti del gas vengano richiusi. In genere ogni banco è dotato di un rubinetto e 1'aula presenta un rubinetto centrale; 4. Non si deve mai liberare del gas incombusto, ne accendere il gas direttamente dai rubinetti; 5. L accensione del Bunsen viene effettuata sempre dagli insegnanti o dagli assistenti tecnici; 6. Vicino a un Bunsen acceso non bisogna mai operare con materiale infiammabile, come carta o solventi organici; 7. il Bunsen va tenuto acceso lo stretto necessario all esecuzione dell esperimento; se si sospende il suo uso è necessario rendere la fiamma visibile e luminosa (fiamma riducente) chiudendo i fori per l entrata dell aria; 8. non scaldare mai recipienti chiusi e non guardare mai all interno di un recipiente quando viene riscaldato; se il liquido da scaldare è contenuto in una provetta assicurarsi di riempirla per meno di ¼ del suo volume e deve continuamente essere agitata sopra la fiamma (l imboccatura della provetta mai diretta verso di se o verso dei compagni); 9. Per l evaporazione di sostanze volatili facilmente infiammabili occorre operare utilizzando una piastra elettrica o un bagnomaria sotto cappa; operare allo stesso modo se il riscaldamento provoca la formazione di sostanze volatili pericolose; 10. Mai lasciare il posto mentre una sostanza viene riscaldata o mentre è in corso una reazione chimica; 11. In caso di incendio di piccole dimensioni, avvisare immediatamente gli insegnanti o gli assistenti tecnici, operando in ogni caso in modo da evitare l espansione dell incendio; 12. Nel caso che 1'incendio sia riconducibile a cause elettriche o in vicinanza di apparati elettrici si deve staccare la corrente (tramite gli interruttori generali) e avvisare immediatamente gli insegnanti o gli assistenti tecnici. NORME PER LA RACCOLTA E LO STOCCAGGIO DEI RIFIUTI 1. I rifiuti solidi, la carta e la vetreria rotta vanno gettati negli appositi contenitori; 2. I prodotti non recuperabili non vanno mai rimessi nei recipienti di provenienza; 3. Le soluzioni che non richiedano procedure di smaltimento apposite, possono essere scaricate nel lavandino facendo scorrere molta acqua, previa autorizzazione dei docenti; 4. Le pipette, una volta utilizzate, vanno assolutamente riposte negli appositi raccoglitori da banco; 5. Tutto il materiale contaminato da microrganismi deve essere riposto sotto l apposita cappa per la sterilizzazione in autoclave; 6. In caso di soluzioni contenenti sostanze pericolose, nocive e/o tossiche (es. solventi organici, soluzioni di metalli pesanti, acidi e basi concentrati, ) è necessario stoccarli in appositi contenitori opportunamente etichettati presenti nel punto di raccolta al terzo piano (aula 307). Momentaneamente, possono essere stoccati in contenitori tipo piccoli fusti, becker, bottiglie, in attesa che il personale autorizzato li trasporti al punto di raccolta per lo stoccaggio definitivo. 4

5 COME UTILIZZARE APPARECCHI ELETTRICI 1. L utilizzo di un apparecchio elettrico deve sempre essere previamente autorizzato dall insegnante; 2. Tutti gli apparecchi elettrici collegati alla rete, sono sempre da considerarsi potenzialmente pericolosi; 3. Non usare nessun dispositivo che sia sprovvisto di messa a terra o il cui isolamento non sia in perfetto stato; 4. Occorre prestare particolare attenzione ogni volta che si fa uso di apparecchi elettrici in prossimità di liquidi conduttori (es. acqua) o facilmente infiammabili (es. alcol); 5. Dovendo usare apparecchi collegati alla rete (riscaldatori, agitatori, strumenti generatori di segnali ecc.), controllare sempre che essi siano spenti quando si inserisce la spina nella presa elettrica; 6. L'apparecchio deve essere acceso solo dopo aver controllato che il cavo di alimentazione sia disposto in modo da non intralciare il lavoro e da non interferire col movimento delle persone; 7. Collegare un solo apparecchio a ogni presa: non devono assolutamente essere impiegate prese multiple ne, tantomeno, connessioni volanti; 8. Ogni volta che sia possibile, usare strumenti alimentati a pile o a bassa tensione. Come riferimento, ricordate che si considerano potenzialmente pericolose per 1'organismo tensioni alternate superiori a 25 V e tensioni continue superiori a 50 V; 9. Tutti gli utenti del laboratorio debbono conoscere la collocazione degli interruttori elettrici, in modo da essere in grado di aprire il circuito in caso di necessità; 10. Spegnere sempre tutti gli apparecchi al termine del lavoro, anche se, alla fine della lezione, verrà di norma interrotta 1'alimentazione elettrica ai tavoli. 5

6 4. CARTELLONISTICA DEI LABORATORI Segnali di pericolo/avvertimento/dispositivi di Protezione Individuali (D.P.I.) 6

7 5. PITTOGRAMMI/FRASI CONV./ETICHETTATURE a) OBSOLETE MA ANCORA RISCONTRABILI 7

8 b) A NORMA DEL REGOLAMENTO C.L.P. (1272/2008) 8

9 Ritagliare e consegnare al docente il coupon sottostante firmato quale attestazione che l allievo abbia preso visione di queste fondamentali istruzioni di comportamento Nome e Cognome allievo cl a.s. FIRMA ALLIEVO FIRME DEI GENITORI

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

CENTRO SALESIANO «DON BOSCO» Via Zanovello 1 - TREVIGLIO (BG) Tel. (0363) 31.39.11 Fax (0363) 31.39.08

CENTRO SALESIANO «DON BOSCO» Via Zanovello 1 - TREVIGLIO (BG) Tel. (0363) 31.39.11 Fax (0363) 31.39.08 CENTRO SALESIANO «DON BOSCO» Via Zanovello 1 - TREVIGLIO (BG) Tel. (0363) 31.39.11 Fax (0363) 31.39.08 S P P Regolamento in vigore dal 31 08 2006 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGOLAMENTO PER L

Dettagli

ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA

ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA D.LGS. 626/94 APPLICAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO N.5 PROCEDURE E PROTOCOLLI DI SICUREZZA NELL?USO DEI LABORATORI DI MICRO BIOLOGIA, SCIENZE DELLA TERRA E DI CHIMICA PROCEDURE E PROTOCOLLI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI Norme di sicurezza e prevenzione degli infortuni nei laboratori Redatto dall insegnante Responsabile dei Laboratori per l'applicazione del T.U.81/2008 e del D.Lgs

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI 1 di 7 REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI I laboratori dovranno essere lasciati chiusi a chiave. Dispongono di una chiave personale: gli Insegnanti di Scienze l Assistente. Copie della chiavi sono

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

Regolamento del Laboratorio di Chimica

Regolamento del Laboratorio di Chimica Regolamento del Laboratorio di Chimica Modificato con delibera del Consiglio di Istituto n. 39 del 18/12/2014. Indicazioni generali I locali del Laboratorio di Chimica consistono in un Deposito, uno Studio,

Dettagli

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio.

Prot. 3806 /A23 del 3/12/2015. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Oggetto: divulgazione regolamenti di laboratorio. Ai Responsabili dei Laboratori di Fisica, Informatica, Chimica In ottemperanza alle indicazioni relative alla sicurezza nei posti di lavoro (D.Lgs. 81/08),

Dettagli

ALCUNE NORME PRINCIPALI DI SICUREZZA DA SEGUIRE IN UN LABORATORIO CHIMICO

ALCUNE NORME PRINCIPALI DI SICUREZZA DA SEGUIRE IN UN LABORATORIO CHIMICO ALCUNE NORME PRINCIPALI DI SICUREZZA DA SEGUIRE IN UN LABORATORIO CHIMICO Versione 28 febbraio 2003: per "Laboratorio di Chimica" per Scienze Biologiche Dott. Claudio Tavagnacco UN LABORATORIO CHIMICO

Dettagli

I lavoratori operanti in laboratorio prima di intraprendere una qualsiasi attività devono ricevere adeguata informazione in merito:

I lavoratori operanti in laboratorio prima di intraprendere una qualsiasi attività devono ricevere adeguata informazione in merito: Regolamento e norme comportamentali per l'utilizzo in sicurezza dei laboratori didattici e di ricerca del a cura del Dott. Roberto, Carlo Di Caterina 1. Premessa Le attività sperimentali svolte in laboratorio

Dettagli

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA DIPARTIMENTO DI FISICA, CHIMICA E SCIENZE NATURALI in ottemperanza al D.lgs. 81/2008 NORME DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE SULLA SICUREZZA E SALUTE NEL LABORATORIO DI SCIENZE

Dettagli

SEZIONE S. SPAVENTA REGOLAMENTO LABORATORIO DI CHIMICA, FISICA, SCIENZE. Art.1 NORME PER I DOCENTI

SEZIONE S. SPAVENTA REGOLAMENTO LABORATORIO DI CHIMICA, FISICA, SCIENZE. Art.1 NORME PER I DOCENTI ISTITUTO OMINICOMPRENSIVO Ciampoli-Spaventa Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado, Secondaria di Secondo Grado: ITE - Liceo Scientifico - Scientifico S.A. - Ist. Prof.le Socio Sanitario

Dettagli

I.I.S. BODONI - PARAVIA LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA

I.I.S. BODONI - PARAVIA LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA 1 di 15 LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA Vademecum per gli studenti in ottemperanza al D.L. 81/2008 2 di 15 Queste note pratiche presentando i rischi che si incontrano

Dettagli

REGOLAMENTO LABORATORI CHIMICA MICROBIOLOGIA FISICA e SCIENZE

REGOLAMENTO LABORATORI CHIMICA MICROBIOLOGIA FISICA e SCIENZE CHIMICA MICROBIOLOGIA FISICA e SCIENZE II laboratorio è un luogo di lavoro e pertanto è soggetto al D.Lgs. 81/2008 sulla prevenzione e la sicurezza sul lavoro. Gli studenti sono assimilati ai lavoratori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA-LABORATORI DI CHIMIA, SCIENZE

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA-LABORATORI DI CHIMIA, SCIENZE Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 2012

Dettagli

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA ! Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA FIRME PRESA VISIONE LABORATORIO DI FISICA NORME DI SICUREZZA Premessa Nel laboratorio di fisica, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Alessandro Tassoni Modena. INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA e NORME DI COMPORTAMENTO nel LABORATORIO DI CHIMICA

LICEO SCIENTIFICO STATALE Alessandro Tassoni Modena. INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA e NORME DI COMPORTAMENTO nel LABORATORIO DI CHIMICA LICEO SCIENTIFICO STATALE Alessandro Tassoni Modena INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA e NORME DI COMPORTAMENTO nel LABORATORIO DI CHIMICA Il presente opuscolo vuole offrire un informazione/ formazione essenziale

Dettagli

Norme di comportamento per lo studente che compie un esperienza di tirocinio

Norme di comportamento per lo studente che compie un esperienza di tirocinio Norme di comportamento per lo studente che compie un esperienza di tirocinio 1. In quanto assimilato a lavoratore dipendente lo studente è tenuto al segreto professionale,, pertanto non può rivelare informazioni

Dettagli

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Manuale di rischio chimico Sicurezza: caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Salvaguardia

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA E BIOLOGIA MANUALE PRATICO AD USO DELLE CLASSI

LABORATORIO DI CHIMICA E BIOLOGIA MANUALE PRATICO AD USO DELLE CLASSI Istituto di Istruzione Superiore Statale "Iris Versari" Liceo Scientifico - Liceo delle Scienze Umane - Istituto Tecnico Settore Economico LABORATORIO DI CHIMICA E BIOLOGIA MANUALE PRATICO AD USO DELLE

Dettagli

Regolamento del Laboratorio di Chimica

Regolamento del Laboratorio di Chimica ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Giordano Bruno Viale 1 Maggio, 5-40054 BUDRIO ( 051-6923910 - 6923911-7 051/808234 - C.F. 80074410376 E-mail: isibruno2005@libero.it bois00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

VADEMECUM PER LA SICUREZZA LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA

VADEMECUM PER LA SICUREZZA LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA VADEMECUM PER LA SICUREZZA LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA Dipartimento di Ingegneria Chimica Materiali Ambiente Università Sapienza di Roma NORME DI CARATTERE GENERALE Correre, bere, mangiare, fumare,

Dettagli

NORME di COMPORTAMENTO e di SICUREZZA

NORME di COMPORTAMENTO e di SICUREZZA AULA- LABORATORIO SCIENTIFICO LICEO CLASSICO V. GIOBERTI SUCCURSALE NORME di COMPORTAMENTO e di SICUREZZA NORME di COMPORTAMENTO GENERALE 1) ENTRARE nell aula laboratorio scientifico solo se sono già usciti

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

CHIMICA REGOLAMENTO DI LABORATORIO

CHIMICA REGOLAMENTO DI LABORATORIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI Sede A. Meucci Via Marina Vecchia, 230 54100 MASSA (MS) Tel. 0585 252708-fax.0585 251012 Sede G. Toniolo Via XXVII Aprile, 8/10 54100 MASSA (MS) Tel. 058541284 fax

Dettagli

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08 SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08 Il laboratorio chimico può essere un posto di lavoro sicuro se vengono prese alcune precauzioni che possono evitare imprevisti spiacevoli ed incidenti.

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NEL LABORATORIO DI CHIMICA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NEL LABORATORIO DI CHIMICA INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NEL LABORATORIO DI CHIMICA Il presente opuscolo vuole offrire un informazione/ formazione essenziale al fine di consentire a tutti di prendere in seria considerazione il problema

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Università degli Studi MagnaGræcia Facoltà di Farmacia Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Francesco Ortuso Obiettivi Dare informazioni sul comportamento da tenere in laboratorio. Porre

Dettagli

NORME DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI CHE FREQUENTANO IL LABORATORIO DI CHIMICA

NORME DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI CHE FREQUENTANO IL LABORATORIO DI CHIMICA NORME DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI CHE FREQUENTANO IL LABORATORIO DI CHIMICA Sintesi elaborata dal Prof. Roberto Fornasier a) Norme Generali - Persone non autorizzate non possono accedere ai laboratori

Dettagli

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al DL D.Lgs. 81/08

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al DL D.Lgs. 81/08 SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al DL D.Lgs. 81/08 Il laboratorio chimico può essere un posto di lavoro sicuro se vengono prese alcune precauzioni che possono evitare imprevisti spiacevoli ed

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

IL LABORATORIO CHIMICO. analisimediorioli(il_laboratorio)

IL LABORATORIO CHIMICO. analisimediorioli(il_laboratorio) IL LABORATORIO CHIMICO 1 ATTREZZATURA DI UN LABORATORIO CHIMICO Beaker: bicchieri dotati di beccuccio nella parte superiore per facilitare il travaso dei liquidi. varia capacità (25-100-250-400-600..ml)

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI PREMESSA Il Regolamento di Laboratorio è volto a garantire la buona conservazione del patrimonio dell'istituto, nel rispetto delle norme di prevenzione degli infortuni.

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO SICUREZZA. Cause di incidenti in laboratorio. Distrazione. Troppa sicurezza di sè. Insipienza. Incoscienza

LABORATORIO CHIMICO SICUREZZA. Cause di incidenti in laboratorio. Distrazione. Troppa sicurezza di sè. Insipienza. Incoscienza LABORATORIO CHIMICO Attrezzature e sicurezza SICUREZZA l laboratorio di chimica è un luogo potenzialmente pericoloso per la propria incolumità e per quella degli altri. Questo non significa che bisogna

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA

LABORATORIO DI CHIMICA 1 di 11 LABORATORIO DI CHIMICA MANUALE PRATICO AD USO DELLE CLASSI DEGLI ISTITUTI TECNICI 2 di 11 ATTREZZATURA DI LABORATORIO Le attrezzature e gli utensili che Si trovano in un laboratorio chimico possono

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi.

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi. Per contenere, prelevare e travasare liquidi e altre sostanze è indispensabile utilizzare strumenti di vetro che consentono un facile controllo visivo, si puliscono facilmente e non si corrodono. Per i

Dettagli

Sviluppare consapevolezza sull importanza del rispetto di regole in situazione di rischio e di emergenza

Sviluppare consapevolezza sull importanza del rispetto di regole in situazione di rischio e di emergenza LE REGOLE DELLA SCUOLA Presentazione Questa proposta è centrata sul coinvolgimento degli allievi nella gestione della sicurezza e dell emergenza nella propria scuola. Il SPP funge da committente, mentre

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione Pagina : 1 êc { C : Corrosivo 8 : Sostanza corrosiva. Pericolo M» Produttore Responsab. della distribuzione Avenue Albert Einstein, 15 Avenue Albert Einstein, 15 1348 Louvain-la-Neuve Belgium 1348 Louvain-la-Neuve

Dettagli

Ma,.. sapete chi è il vero Responsabile della. Sicurezza?

Ma,.. sapete chi è il vero Responsabile della. Sicurezza? L Istituzione che vi ospita, l Università nel nostro caso, ha il compito di: mettervi a disposizione le condizioni per un lavoro sicuro fornirvi l equipaggiamento per operare in sicurezza provvedere alla

Dettagli

Direttive tecniche per la sicurezza nei corsi di laboratorio

Direttive tecniche per la sicurezza nei corsi di laboratorio Direttive tecniche per la sicurezza nei corsi di laboratorio Introduzione Un obiettivo molto importante nell educazione chimica degli studenti delle discipline scientifiche consiste nell imparare a conoscere

Dettagli

Descrizione dell attività universitaria svolta nei locali

Descrizione dell attività universitaria svolta nei locali Pag 1 Misure specifiche di prevenzione, protezione ed emergenze contro i rischi da interferenza, da adottare nei laboratori dove si effettuano sperimentazioni con primati non umani Descrizione dell attività

Dettagli

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA UNITA DI VOLUME L unità fondamentale di volume è il litro (l). Il millilitro (ml) è la millesima parte di un litro ed è largamente usato in tutti i casi in cui il litro è

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

REGOLAMENTO LABORATORIO DI FISICA

REGOLAMENTO LABORATORIO DI FISICA Unione Europea Prot. N: 9379 A32 08/11/2013 Liceo Scientifico Statale E. Fermi Cosenza REGOLAMENTO LABORATORIO DI FISICA MIUR Il presente piano organizzativo delle attività del Laboratorio di Fisica è

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE Dr. Tiziano MONTINI Tel. 040 558 3981 tmontini@units.it LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE a.a. 2010-2011 Modulo di 3 cfu del corso di Chimica generale ed inorganica con

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica (traccia gentilmente concessa da ITIS E. Fermi Bassano del Grappa) (Rielaborato da ITIS De Pretto Schio) Lo studente ha il DIRITTO di essere informato

Dettagli

La gestione dei laboratori: le norme tecniche

La gestione dei laboratori: le norme tecniche Gestione dei laboratori e delle sostanze pericolose a scuola 1 SEGMENTO QUALIFICAZIONE di BASE (ex Art.3) Funzionalità e sicurezza nei laboratori La gestione dei laboratori: le norme tecniche I requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI Enogastronomia pasticceria, sala vendita E BAR

REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI Enogastronomia pasticceria, sala vendita E BAR REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI pasticceria, sala vendita E BAR In ossequio alle vigenti normative in materia d igiene e alla acquisizione di comportamenti professionalmente corretti, tutti gli studenti

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLA FOTOCOPIATRICE

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLA FOTOCOPIATRICE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLA FOTOCOPIATRICE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI FISICA a.s. 2014-15

REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI FISICA a.s. 2014-15 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE MAX PLANCK REGOLAMENTO PER L USO DEL LABORATORIO DI FISICA a.s. 2014-15 Per tutti i DOCENTI che utilizzano il laboratorio: 1) Gli insegnanti cureranno che gli allievi

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEL FAX

UTILIZZO IN SICUREZZA DEL FAX Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalita... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2 Campo di applicazione... 3 Procedure operative e di sicurezza... 3 Scelta della posizione...

Dettagli

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività a cura di Emanuele Azzarelli Ispettore tecnico della Direzione Territoriale del Lavoro di Torino Marzo 2012 Le sostanze chimiche Detergenti

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Guido Tassinari COD. NAIS09100C VIA FASANO,13 POZZUOLI 80078 TEL 081 5265754 FAX 081 5266762 E-MAILNais09100c@istruzione.it SITO WEB www.itispozzuoli.it REGOLAMENTO

Dettagli

Università degli Studi di Torino CORSO DI CHIMICA GENERALE ED INORGANICA C. Esercitazioni pratiche in laboratorio

Università degli Studi di Torino CORSO DI CHIMICA GENERALE ED INORGANICA C. Esercitazioni pratiche in laboratorio Università degli Studi di Torino CORSO DI CHIMICA GENERALE ED INORGANICA C Esercitazioni pratiche in laboratorio Anno accademico 2006-2007 Dott.ssa Elena Ghibaudi Dott. Enzo Laurenti A) Misura della quantità

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN Data: aprile 2010 1. Identificazione del preparato e della Società/Impresa 1.1.1 Identificazione del preparato: Cere alla Citronella 1.1.2. Tipologia del

Dettagli

Attrezzeria. Elenco della dotazione di ogni posto di lavoro. Nel cassetto si trova:

Attrezzeria. Elenco della dotazione di ogni posto di lavoro. Nel cassetto si trova: Attrezzeria Nel laboratorio di chimica è indispensabile che ogni studente abbia una dotazione personale: un piccolo corredo per gli esperimenti più comuni previsti nel piano di studi. Elenco della dotazione

Dettagli

Regolamento laboratori

Regolamento laboratori Introduzione Regolamento laboratori Il rispetto delle regole e la collaborazione da parte di tutti gli utenti interni e/o esterni dell'istituto che utilizzano i laboratori, sono condizione necessaria al

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 19. LABORATORI CENTRALE 19.1.1. RISCHI DA AGENTI CHIMICI La sede centrale ha n. 2 laboratori nei quali sono usati prodotti chimici. Sono state censite le sostanze chimiche presenti negli armadietti del

Dettagli

Il laboratorio di Chimica

Il laboratorio di Chimica 1 GUIDA AL LABORATORIO Il laboratorio di Chimica La sicurezza Non tutte le scuole sono dotate di un laboratorio di Chimica attrezzato; a volte le esperienze pratiche vengono effettuate in classe o in laboratori

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO

NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO Valutazione dei rischi Formazione e informazione Nomina addetti alle emergenze Istituisce il SPP Gestione DPI Riunione periodica RISCHI SPECIFICI Possibilità che si

Dettagli

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555)

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Esafluoruro di zolfo MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Il presente manuale può essere utilizzato dal gestore del quadro

Dettagli

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1.1 VETRERIA Con il termine vetreria si indicano tutte le apparecchiature semplici o complesse fabbricate in vetro, o eccezionalmente in quarzo, di cui ci si serve per le

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEL LABORATORIO DI CHIMICA

PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEL LABORATORIO DI CHIMICA PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEL LABORATORIO DI CHIMICA A cura dei componenti il Dipartimento di Chimica dell a.s. 2010-2011: Distefano Antonino Miano Antonella Pasciuti Filomena Semperboni Dario

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 04.06.2014 Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA 1. LE ATTREZZATURE a. Gli immobili Il laboratorio è dotato di strutture di base fondamentali, come i banconi e la cappa aspirante. I banconi la cui superficie è in materiale

Dettagli

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Scheda dei dati di sicurezza VINILIKA D2 valida da: 01/2012 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Indicazioni sul prodotto: Nome commerciale: VINILIKA D2 (Colla vinilica

Dettagli

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici.

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici. Corso Alba, 85/89 12043 - CANALE d Alba (CN) SCHEDA DATI DI SICUREZZA Tel. (0173) 95.433 Fax (0173) 979.464 nr. P/L/0030 FOSPHYCON 54 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA Sostanza Nome Chimico

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA

ISTITUTO SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA ISTITUTO SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE A.S. 2014/2015 PROTOCOLLO PER L USO IN SICUREZZA DEI LABORATORI CHIMICO - BIOLOGICI Il SPP INDICE COME UTILIZZARE

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici

LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici Corso di formazione Pari opportunità e conciliazione tra tempi del lavoro professionale e tempi del lavoro di cura familiare e personale Varese, 21

Dettagli

Circ. N. 65. A tutto il personale docente e ATA dell Istituto. Alla DSGA. Sito Web

Circ. N. 65. A tutto il personale docente e ATA dell Istituto. Alla DSGA. Sito Web Via Mons L Bellomi, 1-37137 VERONA - Tel 045/953031 - Fax 045/8621819 web page: wwwic5veronagovit e-mail: vric87700c@istruzioneit pec: vric87700c@pecistruzioneit Circ N 65 Prot n 1001/A23 Verona,27022015

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Reattivo B di Voges Proskauer 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

SICUREZZA DOMESTICA RAPPRESENTAZIONI PERICOLOSE ESEGUITE DALLA CLASSE 1E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO NORBERTO BOBBIO -TORINO

SICUREZZA DOMESTICA RAPPRESENTAZIONI PERICOLOSE ESEGUITE DALLA CLASSE 1E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO NORBERTO BOBBIO -TORINO SICUREZZA DOMESTICA RAPPRESENTAZIONI PERICOLOSE ESEGUITE DALLA CLASSE 1E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO NORBERTO BOBBIO -TORINO PAVIMENTI E TAPPETI ATTENZIONE:Possono causare cadute Evitare di incerare il

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI

I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI I.P. C. Musatti SERVIZI ENOGASTRONOMICI CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 Per accedere alle attività didattiche nei laboratori di CUCINA, studentesse e studenti devono indossare le seguenti divise: Giacca bianca

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Potasio Hidróxido... % 1.2 Nome della societá

Dettagli

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno PROPAGAZIONE DEL CALORE CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO EFFETTI DEL CALORE DILATAZIONE TERMICA nei SOLIDI CAMBIAMENTI DI STATO CUBICA LINEARE nei LIQUIDI nei GAS di Davide M. MATERIALI: -pentola con

Dettagli

ARGO LAB MIX Mixer per provette. Manuale d uso

ARGO LAB MIX Mixer per provette. Manuale d uso ARGO LAB MIX Mixer per provette Manuale d uso 1 Indice dei contenuti 1 Garanzia... 2 1. Istruzioni di sicurezza... 3 2 Uso corretto... 4 3 Controllo dello strumento... 4 4 Test di prova... 4 5 Comandi...

Dettagli

Mini guida sul significato dei

Mini guida sul significato dei Mini guida sul significato dei Vediamo spesso questi simboli sulle etichette dei prodotti per la pulizia, ma conosciamo davvero il loro significato? Con questa mini guida Samar ti aiuterà a scoprire il

Dettagli