Etica. Non solo una parola.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Etica. Non solo una parola."

Transcript

1 Etica. Non solo una parola. 1

2

3 Codice Etico

4

5 Indice pagina 7 1. Premessa 9 2. Definizione, importanza e finalità del Codice Etico Aspetti etici e norme di comportamento Principi generali Norme comportamentali: Destinatari Segreto bancario Riservatezza Trattamento e divulgazione di informazioni riservate Informazioni rilasciate a clienti Richieste di terzi Trattamento delle informazioni privilegiate Manipolazione di mercato Individuazione e gestione dei conflitti d interesse Concessione del credito Tutela degli ambiti riservati Prestazioni di favore Prestazioni a favore di funzionari ed impiegati del settore pubblico Rapporti con clienti e partner d affari Ordini e commesse per conto della Banca. Mandati Linee-guida per I utilizzo di , internet ed intranet Reclami della clientela Rapporti con i media Disciplina delle operazioni personali Norme generali Internal dealing Gestione di conti e depositi Operazioni personali Concetti generali Sfera personale allargata Operazioni personali Obblighi di trasparenza Conferimento ordini Esecuzione di transazioni Indicazioni particolari per i dirigenti Mancata osservanza delle norme sulle operazioni personali Etica e Compliance Funzioni e compiti della Compliance 5

6

7 1. Premessa Sotto il profilo strutturale e comportamentale negli ultimi anni il sistema bancario ha subito dei profondi cambiamenti che rendono necessaria una ridefinizione degli orientamenti. Non solo le prescrizioni ad opera delle varie autorità nazionali ed internazionali, ma anche le legittime richieste, da parte della clientela e dei consumatori, di comportamenti virtuosi impongono l adozione di codici e modelli atti ad orientare l attività bancaria su binari corretti e trasparenti. Per quanto concerne Banca Popolare dell Alto Adige («Banca Popolare Volksbank»), da una parte la sua costante crescita (incremento del numero dei collaboratori unito ad un non trascurabile turn over; forte crescita nel numero delle filiali, superiore alla media, soprattutto nelle province e regioni limitrofe; ampliamento costante della gamma di prodotti) e dall altra l intensificazione della spinta concorrenziale, comportano una necessità di intervento sempre maggiore in quei settori che fanno leva sugli aspetti comportamentali del singolo collaboratore (la cosiddetta etica professionale) nei confronti di colleghi, superiori e terzi. Allo stesso modo la gestione delle informazioni riservate e lo svolgimento di operazioni in cui sono coinvolte le persone che operano all interno della banca (membri di organi amministrativi, societari, di direzione e di controllo, dipendenti assunti con ogni tipologia contrattuale e con ogni qualifica, collaboratori a vario titolo interni ed esterni, di seguito congiuntamente i «Collaboratori») vanno stabiliti in modo chiaro e comprensibile e vanno regolamentati a livello generale. Il mondo bancario anglosassone ha visto già da molti anni l introduzione di regolamentazioni che prevedono discipline comportamentali vincolanti per i Collaboratori. Questi regolamenti, basati in primis su un modo di agire eticamente corretto, sono via via riusciti ad imporsi con efficacia sempre maggiore e a dare buoni risultati; essi fanno parte della più ampia definizione di Compliance e vengono resi pubblici, oltre ad essere diffusi a livello interno, al di là delle singole disposizioni di servizio di volta in volta vigenti in azienda. 7

8

9 2. Definizione, importanza e finalità del Codice Etico Quando si parla di Codice Etico si intendono in particolare quei comportamenti volti a garantire relazioni tra soci e/o azionisti, clienti, fornitori, partner d affari e Collaboratori della Banca, basate sulla fiducia e sulla lealtà, oltre che alle norme di legge e dei regolamenti vigenti in tema di tutela dei risparmiatori, nonché la prevenzione di conflitti di interesse. Pertanto il Codice Etico mira soprattutto al consolidamento del rapporto di fiducia tra la Banca (personale direttivo, Collaboratori) e soggetti terzi, anteponendo in linea di principio l interesse del cliente a quello della Banca e dei Collaboratori. Il presente Codice Etico si compone essenzialmente delle linee guida circa la condotta che la Banca si attende dai propri dirigenti e Collaboratori, tenuto ovviamente conto anche delle norme di legge e regolamentari che disciplinano il settore bancario, nell assunto che tali standard comportamentali salvaguardino anche le altre categorie di soggetti coinvolte (clienti, azionisti, fornitori, ecc.) Finalità perseguite dal presente Codice Etico: Permettere di esplicare I attività bancaria nel rispetto delle disposizioni statutarie, di legge e di vigilanza bancaria sulla base di una corretta prassi aziendale e di un alto livello dei parametri di correttezza, nell ambito della più generale missione perseguita dalla Banca. Contribuire ad evitare o comunque ridurre al minimo il rischio di reputazione in capo alla Banca. Perseguire e difendere il concetto di «Marchio» della Banca e dei vari sottomarchi, quali valori intrinsechi della Banca stessa. Saper individuare e prevenire tempestivamente potenziali conflitti di interesse, nel rispetto dei principi di correttezza, integrità ed imparzialità. Assicurare che l attività ordinaria della banca sia sempre svolta nel rispetto degli obblighi derivanti dalle norme antiriciclaggio vigenti. Garantire l osservanza del segreto bancario, degli obblighi di riservatezza, nonché delle norme di protezione dei dati personali. Garantire che l operatività bancaria sia svolta nella massima trasparenza, osservando al riguardo le specifiche normative. Garantire il corretto utilizzo ed inoltro delle informazioni riservate, come pure quelle suscettibili di influire su prezzi o valutazioni, raccolte o rilasciate nell esercizio delle proprie mansioni, sia verso l interno che verso I esterno, nei limiti del proprio ambito di competenza e di quanto stabilito dalla legge e dai regolamenti vigenti, rispettando in particolare la normativa relativa agli abusi di mercato (Market Abuse). Fare in modo che i Collaboratori svolgano le operazioni per proprio conto in stretta osservanza con il regolamento che disciplina questo tipo di operazioni. Fare in modo che I autonomia e l integrità professionale delle decisioni dei Collaboratori non sia messa in pericolo dalla concessione o dall accettazione di offerte e prestazioni di favore. Richiamare l attenzione dei Collaboratori sull integrale osservanza delle norme di sicurezza per l incolumità di persone e cose. Sensibilizzare tutta la struttura sulla necessità di ridurre al minimo le perdite economiche derivanti da rischi operativi o da discontinuità operativa. La Banca richiama tutti i soggetti che operano all interno dell azienda (membri dei vari organi societari e di direzione, Collaboratori interni ed esterni) all osservanza delle norme comportamentali del presente 9

10 Codice Etico, da un lato per poter svolgere al meglio le proprie mansioni, e dall altro a salvaguardia della reputazione e dell immagine della Banca. Le presenti norme comportamentali hanno in linea di principio carattere vincolante. La Banca potrà valutare sotto il profilo disciplinare i comportamenti contrari alle previsioni del presente Codice Etico, applicando le sanzioni che riterrà più opportune compresa eventualmente quella espulsiva del licenziamento ai sensi della vigente disciplina di legge e di contratto nonché delle varie disposizioni interne di servizio. Lo spirito e la lettera di questo Codice Etico vanno sempre osservati. Tuttavia non è sufficiente attenersi alla lettera quando ciò comporti una chiara infrazione allo spirito del Codice Etico. È altresì necessario che tutti i Collaboratori della Banca agiscano in osservanza degli obblighi di legge e di vigilanza in capo a loro stessi ed alla Banca, anche laddove non vi sia specifico riferimento all interno del Codice Etico. Ogni Collaboratore preposto è inoltre tenuto a vigilare sull osservanza di queste linee di condotta nei limiti delle proprie responsabilità. Comportamenti palesemente contrastanti con il presente Codice possono essere segnalati da chiunque al responsabile della funzione di Compliance, godendo della più ampia tutela di riservatezza e protezione. 10

11 3. Aspetti etici e norme di comportamento 3.1 Principi generali Per etica s intendono princìpi e valori che regolano i rapporti umani all interno di una società e che da essa vengono assunti come vincolanti. L etica rappresenta dunque la formulazione di precetti, regole e loro fondamenti, nonché spinte motivazionali a tenere un comportamento conforme. Banca Popolare Volksbank è presente in Alto Adige e nelle province di Trento, Belluno, Treviso, Venezia e Pordenone con sue filiali, costituendo parte integrante dei rispettivi sistemi sociali e dunque della vita pubblica. Ogni Collaboratore di qualsiasi ordine, grado e posto di lavoro concorre a forgiare la nostra immagine aziendale ed ha una particolare responsabilità nei confronti dell opinione pubblica, dei clienti, dei soci, degli azionisti, dei colleghi e delle colleghe. Per poter essere all altezza di questa responsabilità valgono per i Collaboratori della Banca le seguenti norme e prescrizioni comportamentali: Chi vive del fatto che i suoi clienti gli affidano i propri affari finanziari deve riuscire anzitutto a convincerli della propria onestà ed integrità. Per questo bisogna prestare attenzione all osservanza delle norme di legge e di altre disposizioni aventi effetto giuridico. Sia il modo di agire nei confronti dei clienti, sia l approccio con gli altri Collaboratori, con i partner in affari e le autorità deve essere contrassegnato da lealtà e correttezza. Anche in privato ci si deve comportare in modo da evitare di arrecare danno agli interessi e all immagine della Banca. Le infrazioni alle regole possono condurre a successi temporanei, ma nuocciono profondamente a tutti i Collaboratori. Per questo motivo i successi conseguiti con mezzi scorretti non possono essere presi in considerazione né accettati. Prendere parte ad operazioni scorrette significa mettere a repentaglio il buon nome dell Azienda. I metodi scorretti chiamano in causa tutti, e ognuno si deve assumere le proprie responsabilità. Il mantenimento del segreto bancario e l osservanza degli obblighi di riservatezza sono basi fondamentali per conservare la fiducia della nostra clientela. Perciò si deve provvedere a proteggere le informazioni riservate, che vanno divulgate esclusivamente nei limiti previsti dalla legge nonché di quanto strettamente necessario all adempimento delle proprie mansioni, evitando ogni illecito utilizzo. Solo chi si comporta con lealtà riesce alla lunga a raccogliere fiducia. Per questo motivo vanno evitati i conflitti di interesse tra clienti, tra clienti e Banca ed anche all interno della Banca stessa. Se questo non è sempre possibile, i clienti devono essere informati sul conflitto di interesse in atto. Bisogna fare in modo che i conflitti potenziali vengano individuati per tempo e risolti nel modo corretto; al riguardo hanno priorità gli interessi dei clienti. Il mantenimento dell autonomia professionale è la base del successo della Banca. Obblighi o vincoli personali e rapporti di sottomissione pregiudicano la capacità di prendere decisioni obiettive e dunque in definitiva il successo della Banca. Bisogna pertanto prestare la massima attenzione a non mescolare mai interessi personali con quelli della clientela, a scapito dell azienda, oppure con un presunto interesse per la Banca, a danno della clientela. Non vanno mai accettati benefici per se stessi o per terzi che vadano oltre le piccole e normali attenzioni di un rapporto professionale; allo stesso modo va evitato di offrire prestazioni che eccedano detti limiti. È indispensabile contrastare già ai primi sintomi ogni scorretto condizionamento e ogni influenzabilità. 11

12 L impegno di tutti è un fattore determinante per il successo della Banca. Bisogna evitare di espletare attività collaterali o altre attività che possano risultare pregiudizievoli per la prestazione lavorativa o la lealtà verso la Banca. Non si devono acquisire partecipazioni o accettare mandati e/o incarichi di ogni natura e genere se vi è motivo di preoccupazione che ciò possa costituire pregiudizio per gli interessi della Banca o della propria autonomia professionale. Il modo di rapportarsi dei Collaboratori deve essere caratterizzato da reciproca attenzione, fiducia, buona fede e correttezza. Pertanto i comportamenti dei Collaboratori devono essere orientati al massimo rispetto reciproco, sia con riguardo ad origini, religione, nazionalità, lingua, sesso, provenienza, sia in relazione alle eventuali attività politiche e sindacali. Vanno assolutamente evitati comportamenti discriminatori o lesivi della dignità della persona e, in particolare, ogni forma di molestia. Le strutture, i beni, gli strumenti e gli impianti della Banca devono essere utilizzati dai Collaboratori per svolgere le mansioni di propria competenza ed espletare i compiti assegnati; essi costituiscono i presupposti per poter condurre a buon fine il proprio lavoro. Il comportamento di ciascuno può contribuire a tutelare e promuovere i valori materiali e immateriali della Banca. Le strutture, i beni, gli strumenti e gli impianti aziendali vanno utilizzati esclusivamente per scopi di servizio. Le telefonate ed in genere i colloqui di natura privata devono essere mantenuti entro un limite accettabile secondo i più generali principi di correttezza e buona fede. Lo stesso dicasi per le telefonate in entrata e per le visite di carattere privato, nonché per l utilizzo privato di Internet che deve essere strettamente contenuto nei limiti di legge e in osservanza delle specifiche disposizioni interne. Vanno osservate scrupolosamente le norme di sicurezza e antinfortunistiche vigenti in azienda. È compito di ogni Collaboratore fare in modo che anche gli altri colleghi della propria unità organizzativa, ma anche ogni altro Collaboratore, si attengano a dette disposizioni. In tutti gli uffici ed in tutti gli spazi dei singoli edifici che compongono la Banca vige il divieto assoluto di fumo, anche per difendere i Collaboratori da effetti collaterali pregiudizievoli per la salute. Va tenuto sempre un comportamento corretto, leale e rispettoso delle disposizioni di servizio vigenti in Banca, rimanendo nei limiti delle competenze assegnate. Un comportamento di questo tipo scongiura in partenza un danno potenziale per la Banca e rappresenta per se stessi un efficace tutela contro eventuali conseguenze negative. È prescritto il rispetto della specifica normativa interna, compreso l apposito Codice di Condotta, per evitare comportamenti che potrebbero far scattare la responsabilità amministrativa della Banca di cui al D.Lgs. 231/01 per la commissione di reati da parte delle persone fisiche operanti in Banca. Si devono osservare scrupolosamente tutte le misure e le prescrizioni che la Banca, seguendo gli obblighi di legge, ha emanato per contrastare il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco e del terrorismo, contribuendo in tal modo alla lotta che a livello internazionale e nazionale si sta combattendo contro questi fenomeni delittuosi. Nell ambito della prestazione dei servizi di investimento, i comportamenti devono sempre essere improntati al rispetto e alla tutela del cliente, con riguardo alla normativa in vigore (Mifid), operando nel 12

13 pieno rispetto della conoscenza e profilatura del cliente e della approfondita valutazione di adeguatezza ed appropriatezza in ogni fase consulenziale con esso. Per garantire la massima professionalità e competenza dei Collaboratori, la Banca ne cura l aggiornamento e la formazione per favorirne la crescita e lo sviluppo, nell interesse dell azienda e della posizione di lavoro dei singoli. A tale scopo la Banca predispone, attraverso apposito servizio interno, corsi di formazione istituzionale e specifica su singoli argomenti, con l ausilio di moderne tecniche didattiche (es. E-learning). 3.2 Norme comportamentali: Destinatari In linea di massima per i componenti del Consiglio d amministrazione e del Collegio dei sindaci, per la Direzione generale, per il personale direttivo ed i Collaboratori tutti, valgono i medesimi criteri comportamentali descritti in questo Codice Etico, salvo specifiche previsioni regolamentari previste nelle disposizioni interne. 3.3 Segreto bancario Il segreto bancario tutela il cliente dal fatto che la Banca possa diffondere a terzi i rapporti d affari con ui intrattenuti. Allo stesso modo sono soggette al segreto bancario anche tutte le informazioni di natura privata o professionale avute dalla clientela (come ad esempio commenti e dichiarazioni). Il codice civile non prevede nessun articolo specifico sul segreto bancario; tuttavia viene fatto riferimento all art (Comportamento secondo correttezza). Allo stesso tempo vanno menzionati il segreto professionale e il segreto d ufficio, per i quali vale ugualmente l obbligo di riservatezza (vedasi in proposito lo specifico articolo del CCNL). Tutti coloro che operano in Banca - Consiglio d amministrazione e Collegio dei sindaci, Direzione generale e Collaboratori - sono sottoposti, senza eccezione, al segreto bancario, professionale e d ufficio, il quale può essere svelato solo in casi espressamente previsti (p. es. in caso di indagini della magistratura). 3.4 Riservatezza L attività bancaria è legata alla fiducia. Ne deriva che la riservatezza deve essere al primo posto nell operatività quotidiana. Così come il segreto bancario anche la riservatezza costituisce uno dei pilastri del sistema bancario. La dovuta discrezione va mantenuta anche fra i singoli Collaboratori e all interno degli uffici, dei servizi e delle filiali. Ciò significa che le informazioni riservate legate a determinate mansioni non vanno comunicate ad altri Collaboratori, salvo che siano necessarie per svolgere determinati incarichi o seguire specifiche disposizioni. 3.5 Trattamento e divulgazione di informazioni riservate Lo svolgimento dell attività professionale prevede un continuo flusso di informazioni riservate su clienti, soci e partner d affari. La tutela del segreto bancario, l osservanza degli obblighi di riservatezza ed anche le norme di legge riguardanti la protezione dei dati personali costituiscono le basi essenziali per la fiducia da parte della clientela. 13

14 Informazioni di questo tipo possono rivestire una considerevole importanza economica. Questo non vale unicamente per le informazioni riservate, suscettibili di influire sul valore dei titoli negoziati e pertanto assoggettate a particolari norme (vedi al riguardo le informazioni privilegiate), bensì anche per i dati personali archiviati, rispetto ai quali va osservata la normativa sulla protezione dei dati personali (Privacy). L obiettivo della Banca consiste nell offrire piena assistenza alla clientela. Rispetto alla fiducia che in questo contesto la clientela ripone nei Collaboratori, I approccio con le informazioni riservate assume un particolare significato. Le informazioni riservate vanno divulgate esclusivamente nei limiti di legge e per quanto strettamente necessario allo svolgimento delle proprie mansioni o nella misura in cui ciò sia richiesto per portare a termine un incarico aziendale, e va osservato quanto disposto in materia di utilizzo e trasmissione di questi dati dalle leggi vigenti e dalle limitazioni contrattuali. Le informazioni riservate non vanno utilizzate a scopo personale o ad uso di terze persone. Bisogna vigilare che, al di fuori della propria unità organizzativa, nessuno possa accedere ai relativi atti o documenti. Le informazioni riservate non devono essere oggetto di scambio verbale nei luoghi soggetti all ascolto di terze persone. I colloqui di tipo riservato vanno condotti all interno delle apposite salette. In caso di colloqui telefonici o verbali al di fuori della propria unità organizzativa, ovvero al di fuori del proprio ufficio (per esempio in bar, ristoranti, treni, autobus, aerei, taxi ed altri luoghi pubblici) si deve evitare che altri Collaboratori o terze persone vengano casualmente a conoscenza di informazioni riservate. Anche fuori dall orario di servizio vanno evitati commenti e discorsi che potrebbero condurre alla divulgazione di informazioni riservate Informazioni rilasciate a clienti In quei casi in cui non si conosce personalmente un cliente, ci si deve accertare che si tratti effettivamente del titolare del rapporto o di suo delegato, prima di fornirgli qualsivoglia informazione o di consegnargli la corrispondenza. Prima di fornire informazioni ai familiari del cliente bisogna assicurarsi che vi sia una delega o che il cliente stesso abbia manifestato il suo consenso. Le richieste telefoniche rivestono una particolare problematicità. Nel caso in cui non sia chiaramente identificabile la voce del cliente è necessario chiamare in causa un collega in grado di riconoscere il cliente dalla voce. Altrimenti è opportuno concordare con il cliente che verrà richiamato in un secondo momento. Va pertanto verificato il numero fornito. Solo in questo modo si potrà essere sicuri che le informazioni raggiungano il legittimo destinatario. Non bisogna lasciarsi sviare da questa linea di condotta sulla base di esternazioni, minacce o tentativi di persuasione di stampo strumentale. Nei casi dubbi, va coinvolto il diretto superiore, oppure interpellato il responsabile della funzione di Compliance Richieste di terzi In caso di richieste provenienti da terzi, l attenzione va concentrata essenzialmente sui seguenti punti: La richiesta di terzi in ordine ad un operazione a favore di un cliente della banca, non autorizza quest ultima a divulgare informazioni sui rapporti intrettenuti con essa dal cliente. Richieste di informazioni su assegni da parte di altre banche vanno evase nell ambito della normale prassi bancaria. Va rigorosamente evitata ogni informazione circa la situazione patrimoniale del cliente (p.es. saldi, movimenti, assegni, protesti). Anche laddove dalla tenuta del rapporto risulti una stretta relazione d affari fra due clienti bisogna essere consci che è vietato diffondere qualsivoglia informazione senza il preventivo consenso del cliente interessato. 14

15 Qualora sussista il dubbio se la diffusione di talune informazioni sia consentita oppure no, andrà preventivamente consultato il diretto superiore, oppure interpellato il responsabile della funzione di Compliance. 3.6 Trattamento delle informazioni privilegiate Le informazioni privilegiate sono informazioni di carattere preciso, che non sono state rese pubbliche, concernenti direttamente o indirettamente uno o più emittenti (quotati) che, se rese pubbliche, potrebbero influire in modo sensibile sui prezzi degli strumenti finanziari comunque connessi all emittente. Per la nostra Banca vigono le seguenti regole ed i seguenti divieti per non incorrere nel reato di abuso di informazioni privilegiate: a) chiunque sia in possesso di informazioni privilegiate, non può acquistare, vendere o compiere altre operazioni, direttamente o indirettamente, per conto proprio o per conto terzi, su strumenti finanziari utilizzando le informazioni medesime (divieto di negoziazione); b) chiunque sia in possesso di informazioni privilegiate, non può comunicare tali informazioni ad altri, al di fuori dei limiti di legge e di quanto strettamente necessario all esercizio delle proprie mansioni (divieto di divulgazione); c) chiunque sia in possesso di informazioni privilegiate, non può raccomandare o indurre altri, sulla base di esse, di compiere delle operazioni indicate al punto a) (divieto di consulenza). A titolo d esempio costituiscono informazioni privilegiate: acquisizioni o cessioni e fusioni/incorporazioni di rami d azienda; acquisto o cessione di partecipazioni rilevanti; ristrutturazioni; operazioni sul capitale sociale (comprese le rettifiche); previsioni su utili, profit warning; previsioni su pagamento dividendi o su ordinativi ingenti; informazioni creditizie; strategie adottate dai gestori di fondi; disposizioni relative a negoziazioni per proprio conto; analisi di ricerca non ancora pubblicate ma in via di pubblicazione; suggerimenti all investimento già previsti o ancora da effettuare. Per tutelare se stessi e la Banca, i collaboratori si attengono scrupolosamente alle regole di servizio relative al Market Abuse. 3.7 Manipolazione di mercato Per manipolazione di mercato si intende la diffusione di notizie false, o la realizzazione di operazioni simulate o altri artifizi concretamente idonei ad alterare il prezzo di strumenti finanziari. La Banca può essere esposta agli abusi di mercato sia come soggetto emittente, sia come intermediario, consulente ed erogatore di credito. L abuso si mercato può configurarsi sia come illecito amministrativo, sia come reato penale nei casi più gravi. Al fine di non incorrere in tali reati, chiunque operi all interno della Banca deve attenersi scrupolosamente alle regole di servizio relative al «Market Abuse». 15

16 3.8 Individuazione e gestione dei conflitti d interesse In linea di principio, la banca si trova in un potenziale conflitto di interesse quando nel rapporto con il cliente si manifestano interessi molteplici e divergenti, con il rischio che l interesse del cliente venga sacrificato per il perseguimento di una finalità diversa e ulteriore da parte della banca o di un suo Collaboratore. A titolo di esempio si citano le accettazioni di mandati da parte di Collaboratori della Banca, sia per singole operazioni di sportello, sia anche nel campo della consulenza d impresa (ristrutturazioni aziendali o aste immobiliari) o nell intermediazione in strumenti finanziari. Nel momento in cui la Banca assume un mandato oppure esegue una transazione per conto di un cliente, il mandato o l operazione devono essere portati a termine nell esclusivo interesse del cliente, indipendentemente da qualsiasi interesse della Banca o di terzi. A livello individuale, si trova per esempio in conflitto di interesse il Collaboratore (in questo caso con la banca) che esegue in proprio un operazione di sportello dalla sua postazione su un proprio rapporto. Oppure quel Collaboratore che concede in autonomia un finanziamento ad un proprio parente. I conflitti d interesse potenziali vanno individuati, possibilmente evitati e/o mitigati e comunque affrontati con la dovuta correttezza e trasparenza. I casi dubbi o di incerta classificazione devono sempre essere discussi e chiariti con il diretto superiore, interpellando se necessario il responsabile della funzione di Compliance. 3.9 Concessione del credito Nella concessione di crediti ai propri clienti, la Banca si orienta secondo le linee giuda contenute nel Piano Aziendale e di Strategia del Credito in vigore. Essendo l attività creditizia la prima fonte di reddito della Banca, contribuendo in parte preponderante al rafforzamento patrimoniale dell azienda nonché allo sviluppo economico nei territori di riferimento, risulta ancora più importante la stretta osservanza della normativa interna che regola la concessione dei crediti. In particolare, l attenta valutazione del rischio ed una rigorosa predisposizione di dati e documenti utili ai fini delle delibere, sono strumenti essenziali per una sana e prudente concessione del credito, dove la capacità di rimborso non viene considerata secondaria rispetto agli assetti patrimoniali o alle garanzie prestate. Inoltre la Banca si orienta anche nell interesse del cliente se talvolta rifiuta affidamenti a suo giudizio non rimborsabili. Le tempistiche per le varie deliberazioni, regolate da appositi service level, servono a dare certezza e celerità alle pratiche dei clienti. Il continuo monitoraggio del rischio è essenziale ai fini di una sana gestione del credito, e gli strumenti di controllo vanno periodicamente aggiornati. I singoli Collaboratori che predispongono le richieste di affidamento per i clienti, evitano con cura ogni comportamento che possa porli in un potenziale conflitto di interessi Tutela degli ambiti riservati Il provvedimento più semplice ed esternamente più visibile per tutelare gli ambiti riservati è costituito dalla loro separazione funzionale e fisica. Ciò significa che devono essere svolte in locali separati tutte quelle attività che potrebbero generare conflitti d interesse. I Collaboratori di altri ambiti riservati accedono ai locali solo in particolari condizioni. In linea di principio i Collaboratori hanno accesso agli uffici, ossia ai locali della Banca, nella misura strettamente necessaria per I esercizio della loro attività lavorativa e delle proprie mansioni. Altri Collaboratori o terze persone (consulenti, artigiani, tecnici, fattorini, personale di pulizia) che hanno necessità di accedere a detti locali ottengono il relativo permesso previo consenso del servizio o ufficio interessato. L accesso a settori particolarmente delicati (p.es Cassa centrale, Fidi, Finanze, Treasury ecc.) 16

17 è regolamentato da specifiche disposizioni interne in tema di Sicurezza e si limita di norma: ai Collaboratori del servizio in questione; ai Collaboratori le cui mansioni implicano lo svolgimento di compiti particolari (p.es. vari organi di controllo, consegna posta e materiale, riunioni di lavoro); ai Collaboratori gerarchicamente superiori Prestazioni di favore Per non incorrere in sanzioni per reati più gravi quali quelli commessi nel rapporto con la pubblica amministrazione (che tra l altro fanno scattare anche la responsabilità della Banca stessa), ma anche per evitare sudditanze e condizionamenti vari, è necessario che chi opera all interno della Banca non prometta, fornisca o accetti favori che potrebbero minare l indipendenza e l imparzialità del proprio operato Prestazioni a favore di funzionari ed impiegati del settore pubblico Sono vietate le prestazioni di servizi, le concessioni di mutui o altri benefici da parte della Banca a vantaggio di funzionari ed impiegati nel settore pubblico allo scopo di ottenere condizioni di favore per la Banca, per sé stessi o per altre persone. Al riguardo va posta particolare attenzione alla gestione di contributi, finanziamenti o altre erogazioni pubbliche, nonché ai rapporti con persone che rivestono la qualifica di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio Rapporti con clienti e partner d affari Il Collaboratore può accettare piccole attenzioni che rientrano nella normale prassi aziendale nella misura in cui ciò non comprometta l obiettività delle sue decisioni. Come criterio di riferimento è stabilito un valore massimo di 50 euro. Qualora in casi eccezionali non fosse possibile, per via della situazione, rifiutare un regalo, esso dovrà essere successivamente messo a disposizione del Circolo ricreativo o devoluto ad un associazione senza scopo di lucro (la decisione spetta ai responsabili competenti per area, servizio o ufficio). I Collaboratori non possono richiedere a clienti o partner d affari inviti a cene, pranzi, manifestazioni o altre elargizioni, servizi personali o favori di sorta. Gli inviti a pranzo o cena o ad altre manifestazioni possono essere accettati se fanno parte del normale rapporto di collaborazione, se sono funzionali ad uno scopo aziendale giustificato e se si limitano ad una misura accettabile e non ripetitiva. Non è ammesso concedere particolari favori o privilegi a clienti, fornitori e ai loro dipendenti. Le spese di viaggio, sia per i viaggi di servizio, e a maggior ragione per quelli privati, non devono essere accollate a clienti, fornitori o altri partner d affari. Le possibili eccezioni devono essere sottoposte all approvazione del diretto superiore; in casi dubbi va richiesto il parere del responsabile della funzione di Compliance Ordini e commesse per conto della Banca. Mandati. I Collaboratori che nell esercizio delle loro mansioni sono autorizzati ad effettuare ordini (p.es. acquirenti di merci o servizi) si attengono strettamente alle disposizioni di servizio ed ai protocolli interni previsti nel loro settore di competenza. Allo stesso modo si comportano con eventuali mandati presso altre aziende nell ambito del proprio settore di competenza, nonché con la partecipazione in forma attiva o in forma riservata a dette imprese, al fine di ovviare ad un eventuale conflitto d interessi. Per eventuali casi di dubbia interpretazione ci si rivolge al proprio superiore o al responsabile della funzione di Compliance. 17

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l.

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. INDICE Soggetti destinatari (art. 1) Oggetto (art. 2) Comportamento della Società (art. 3) Principi base nel comportamento (art. 4) 4.1 Responsabilità 4.2 Utilizzo dei

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011

Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011 Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011 INDICE 1 Premessa...3 1.1 Destinatari... 3 1.2 Missione aziendale e principi etici generali... 3 1.3 Contenuti

Dettagli

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE AL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO... 4 ART. 1 PRINCIPI GENERALI... 4 ART. 2 PRINCIPIO DI LEGALITA

Dettagli

DAMA DEMOLIZIONI E SMONTAGGI S.R.L.

DAMA DEMOLIZIONI E SMONTAGGI S.R.L. DAMA DEMOLIZIONI E SMONTAGGI S.R.L. D.Lgs 231/2001 Codice Etico 1 INDICE 1. Introduzione Pag. 3 2. Politiche di condotta negli affari Pag. 3 2.1 Dipendenti, collaboratori e consulenti Pag. 5 3. Salute,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

INFORMATICA Alto Adige SPA

INFORMATICA Alto Adige SPA Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 20/03/2012 INFORMATICA Alto Adige SPA Codice Etico e di comportamento interno Pagina 1 di 12 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL DI AMBIENTE ITALIA SRL Q-D-02-03 SISTEMA GESTIONE QUALITA Gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale

Dettagli

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico INDICE PREMESSA... 5 CAPO I... 6 DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Art. 1...6 Ambito di applicazione e Destinatari...6 Art. 2...6 Principi generali...6 Art. 3...7 Comunicazione...7

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA

CODICE ETICO E DI CONDOTTA CODICE ETICO E DI CONDOTTA Premesse La Cooperativa, retta dai principi della mutualità' prevalente, senza finalità' speculative, ha lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità' alla promozione

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 29/03/2010 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE Data Versione Modifiche apportate 06/07/2009

Dettagli

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO Questo Manifesto Etico è stato redatto per garantire che i valori etici fondamentali di OPAS CONSULTING siano definiti in modo chiaro e costituiscano i punti basilari

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V.

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. Presidente Giovanni Catellani MOG-231 Pagina 1 di 8 INDICE Introduzione 3 Destinatari 3 Principi e regole di condotta

Dettagli

CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A.

CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A. CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A. Cementirossi INDICE 1. Introduzione 2. Principi etici generali 2.1 Legalità 2.2 Correttezza 2.3 Trasparenza 3. Relazioni con il personale 4. Relazioni con i fornitori 5.

Dettagli

PETROMAR S.R.L. Viale Stazione n. 20 30171 Mestre Venezia P.IVA / C.F. 0165600271. Codice Etico

PETROMAR S.R.L. Viale Stazione n. 20 30171 Mestre Venezia P.IVA / C.F. 0165600271. Codice Etico PETROMAR S.R.L. Viale Stazione n. 20 30171 Mestre Venezia P.IVA / C.F. 0165600271 Codice Etico 1 Lettera dell Amministratore Unico Reputazione, etica, affidabilità, professionalità, serietà rappresentano

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I CODICE ETICO CODICE ETICO SOMMARIO CAPO PRIMO Valori Aziendali Principi Etici CAPO SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I - Rapporti con i clienti SEZIONE II - Rapporti con i

Dettagli

CODICE ETICO DI FREE WORK SERVIZI S.R.L. APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERA DEL 29 novembre 2010

CODICE ETICO DI FREE WORK SERVIZI S.R.L. APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERA DEL 29 novembre 2010 CODICE ETICO DI FREE WORK SERVIZI S.R.L. APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERA DEL 29 novembre 2010 1. PREMESSA Free Work Servizi S.r.l. ha ritenuto necessario definire il proprio Codice

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

2. MODALITA APPLICATIVE :ADOZIONE E AGGIORNAMENTO...2 3. PRINCIPI GENERALI...3

2. MODALITA APPLICATIVE :ADOZIONE E AGGIORNAMENTO...2 3. PRINCIPI GENERALI...3 0. PREMESSA...2 1. CONTENUTI...2 2. MODALITA APPLICATIVE :ADOZIONE E AGGIORNAMENTO...2 3. PRINCIPI GENERALI...3 4. GESTIONE DEI RAPPORTI IN RELAZIONE AI REATI COLPOSI IN TEMA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO MONDADORI EDUCATION S.p.A. LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO Rev. n. 5 del 5 ottobre 2015 INDICE 1.0 PREMESSA... 3 2.0 OBIETTIVI... 3 3.0 LINEE DI CONDOTTA... 3

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Codice di comportamento di Gruppo

Codice di comportamento di Gruppo Codice di comportamento di Gruppo Luglio 2006 1 CODICE DI COMPORTAMENTO DI GRUPPO PARTE I Valori guida Premessa Le attività del Gruppo Intesa si svolgono in stretta coerenza con i valori e i principi contenuti

Dettagli

CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE

CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE 4 Premessa Il presente Codice Etico e Comportamentale, approvato dal Consiglio di Amministrazione di Fincontinuo S.p.A. nella seduta del 24 ottobre 2013, si ispira all assunzione

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO Testo licenziato dalla Commissione Amministrativa nella riunione del 26 settembre 2013 ed approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 4 ottobre

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1

CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione e Finalità 1. Le disposizioni del presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira la Network Contacts s.r.l.

Dettagli

Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance

Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance 1 INTRODUZIONE I. Le finalità e i destinatari Il presente Codice Etico è una dichiarazione pubblica di APT ROVERETO E VALLAGARINA in cui sono individuati

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

Codice Nestlé di Condotta Aziendale

Codice Nestlé di Condotta Aziendale Codice Nestlé di Condotta Aziendale Introduzione Dalla sua fondazione, Nestlé ha adottato prassi aziendali rette da integrità, onestà, correttezza e dal rispetto di tutte le leggi applicabili. I dipendenti

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione.

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione. Codice Etico Ducati Premessa Ducati 1 è una realtà a vocazione internazionale che opera all insegna della costante ricerca del primato, nelle piste e nell innovazione tecnologica, così come nel rispetto

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

Codice deontologia professionale AXA Assistance Italia

Codice deontologia professionale AXA Assistance Italia Codice deontologia professionale Italia Il Gruppo AXA s impegna ad esercitare le proprie funzioni in base a rigorose norme deontologiche ed etiche. Una di queste norme è stata la diffusione di un codice

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

INDICE. CAPO IV TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI E RISERVATEZZA 1. Principi pag. 8 2. Trattamento delle informazioni societarie pag.

INDICE. CAPO IV TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI E RISERVATEZZA 1. Principi pag. 8 2. Trattamento delle informazioni societarie pag. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Premessa pag. 2 2. Destinatari e relativi obblighi pag. 2 3. Principi etici pag. 2 4. Valore Contrattuale del Codice pag. 3 5. Obblighi dei responsabili pag. 3 6. Impegni

Dettagli

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA Versione: 2 Stato: Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 20/06/2013 Data emissione: 20/06/2013 Sommario 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

Codice Etico REVISIONE CE.01 Maggio 2012 CODICE ETICO

Codice Etico REVISIONE CE.01 Maggio 2012 CODICE ETICO CODICE ETICO 1. PREMESSA ------------------------------------------------------------------------------------------------ 2 2. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE --------------------------------------------------

Dettagli

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali CODICE ETICO SOMMARIO 1 Premessa 2 Principi generali 2.1 Principio di legittimità morale 2.2 Principio di equità e uguaglianza 2.3 Principio di diligenza 2.4 Principio di trasparenza 2.5 Principio di onestà

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

ATP AZIENDA TRASPORTI PUBBLICI PRINCIPI DEL MODELLO 231

ATP AZIENDA TRASPORTI PUBBLICI PRINCIPI DEL MODELLO 231 ATP AZIENDA TRASPORTI PUBBLICI PRINCIPI DEL MODELLO 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ATP il 27 gennaio 2015 INDICE Capo I PRINCIPI GENERALI 1 Premessa 2 Destinatari e relativi obblighi

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

Castel MAC SpA CODICE ETICO

Castel MAC SpA CODICE ETICO CODICE ETICO Castel Mac S.p.A. adotta il presente Codice Etico, che si ispira ai principi del D.Lgs 231 Disciplina della Responsabilità Amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

CODICE ETICO. EUROPA FACTOR S.p.A.

CODICE ETICO. EUROPA FACTOR S.p.A. CODICE ETICO EUROPA FACTOR S.p.A. INDICE PREMESSA Pag. 2 PRINCIPI GENERALI Ambito di applicazione Pag. 3 Divieto di attività senza titolo autorizzativo Pag. 4 Obblighi di professionalità e competenza e

Dettagli

5.5 Rapporti con i fornitori e i consulenti pag. 7

5.5 Rapporti con i fornitori e i consulenti pag. 7 Codice Etico ACTL è un associazione culturale, non profit, che ha l obiettivo di favorire la crescita personale e professionale di giovani e adulti attraverso iniziative culturali, formative e di orientamento

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli