Etica. Non solo una parola.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Etica. Non solo una parola."

Transcript

1 Etica. Non solo una parola. 1

2

3 Codice Etico

4

5 Indice pagina 7 1. Premessa 9 2. Definizione, importanza e finalità del Codice Etico Aspetti etici e norme di comportamento Principi generali Norme comportamentali: Destinatari Segreto bancario Riservatezza Trattamento e divulgazione di informazioni riservate Informazioni rilasciate a clienti Richieste di terzi Trattamento delle informazioni privilegiate Manipolazione di mercato Individuazione e gestione dei conflitti d interesse Concessione del credito Tutela degli ambiti riservati Prestazioni di favore Prestazioni a favore di funzionari ed impiegati del settore pubblico Rapporti con clienti e partner d affari Ordini e commesse per conto della Banca. Mandati Linee-guida per I utilizzo di , internet ed intranet Reclami della clientela Rapporti con i media Disciplina delle operazioni personali Norme generali Internal dealing Gestione di conti e depositi Operazioni personali Concetti generali Sfera personale allargata Operazioni personali Obblighi di trasparenza Conferimento ordini Esecuzione di transazioni Indicazioni particolari per i dirigenti Mancata osservanza delle norme sulle operazioni personali Etica e Compliance Funzioni e compiti della Compliance 5

6

7 1. Premessa Sotto il profilo strutturale e comportamentale negli ultimi anni il sistema bancario ha subito dei profondi cambiamenti che rendono necessaria una ridefinizione degli orientamenti. Non solo le prescrizioni ad opera delle varie autorità nazionali ed internazionali, ma anche le legittime richieste, da parte della clientela e dei consumatori, di comportamenti virtuosi impongono l adozione di codici e modelli atti ad orientare l attività bancaria su binari corretti e trasparenti. Per quanto concerne Banca Popolare dell Alto Adige («Banca Popolare Volksbank»), da una parte la sua costante crescita (incremento del numero dei collaboratori unito ad un non trascurabile turn over; forte crescita nel numero delle filiali, superiore alla media, soprattutto nelle province e regioni limitrofe; ampliamento costante della gamma di prodotti) e dall altra l intensificazione della spinta concorrenziale, comportano una necessità di intervento sempre maggiore in quei settori che fanno leva sugli aspetti comportamentali del singolo collaboratore (la cosiddetta etica professionale) nei confronti di colleghi, superiori e terzi. Allo stesso modo la gestione delle informazioni riservate e lo svolgimento di operazioni in cui sono coinvolte le persone che operano all interno della banca (membri di organi amministrativi, societari, di direzione e di controllo, dipendenti assunti con ogni tipologia contrattuale e con ogni qualifica, collaboratori a vario titolo interni ed esterni, di seguito congiuntamente i «Collaboratori») vanno stabiliti in modo chiaro e comprensibile e vanno regolamentati a livello generale. Il mondo bancario anglosassone ha visto già da molti anni l introduzione di regolamentazioni che prevedono discipline comportamentali vincolanti per i Collaboratori. Questi regolamenti, basati in primis su un modo di agire eticamente corretto, sono via via riusciti ad imporsi con efficacia sempre maggiore e a dare buoni risultati; essi fanno parte della più ampia definizione di Compliance e vengono resi pubblici, oltre ad essere diffusi a livello interno, al di là delle singole disposizioni di servizio di volta in volta vigenti in azienda. 7

8

9 2. Definizione, importanza e finalità del Codice Etico Quando si parla di Codice Etico si intendono in particolare quei comportamenti volti a garantire relazioni tra soci e/o azionisti, clienti, fornitori, partner d affari e Collaboratori della Banca, basate sulla fiducia e sulla lealtà, oltre che alle norme di legge e dei regolamenti vigenti in tema di tutela dei risparmiatori, nonché la prevenzione di conflitti di interesse. Pertanto il Codice Etico mira soprattutto al consolidamento del rapporto di fiducia tra la Banca (personale direttivo, Collaboratori) e soggetti terzi, anteponendo in linea di principio l interesse del cliente a quello della Banca e dei Collaboratori. Il presente Codice Etico si compone essenzialmente delle linee guida circa la condotta che la Banca si attende dai propri dirigenti e Collaboratori, tenuto ovviamente conto anche delle norme di legge e regolamentari che disciplinano il settore bancario, nell assunto che tali standard comportamentali salvaguardino anche le altre categorie di soggetti coinvolte (clienti, azionisti, fornitori, ecc.) Finalità perseguite dal presente Codice Etico: Permettere di esplicare I attività bancaria nel rispetto delle disposizioni statutarie, di legge e di vigilanza bancaria sulla base di una corretta prassi aziendale e di un alto livello dei parametri di correttezza, nell ambito della più generale missione perseguita dalla Banca. Contribuire ad evitare o comunque ridurre al minimo il rischio di reputazione in capo alla Banca. Perseguire e difendere il concetto di «Marchio» della Banca e dei vari sottomarchi, quali valori intrinsechi della Banca stessa. Saper individuare e prevenire tempestivamente potenziali conflitti di interesse, nel rispetto dei principi di correttezza, integrità ed imparzialità. Assicurare che l attività ordinaria della banca sia sempre svolta nel rispetto degli obblighi derivanti dalle norme antiriciclaggio vigenti. Garantire l osservanza del segreto bancario, degli obblighi di riservatezza, nonché delle norme di protezione dei dati personali. Garantire che l operatività bancaria sia svolta nella massima trasparenza, osservando al riguardo le specifiche normative. Garantire il corretto utilizzo ed inoltro delle informazioni riservate, come pure quelle suscettibili di influire su prezzi o valutazioni, raccolte o rilasciate nell esercizio delle proprie mansioni, sia verso l interno che verso I esterno, nei limiti del proprio ambito di competenza e di quanto stabilito dalla legge e dai regolamenti vigenti, rispettando in particolare la normativa relativa agli abusi di mercato (Market Abuse). Fare in modo che i Collaboratori svolgano le operazioni per proprio conto in stretta osservanza con il regolamento che disciplina questo tipo di operazioni. Fare in modo che I autonomia e l integrità professionale delle decisioni dei Collaboratori non sia messa in pericolo dalla concessione o dall accettazione di offerte e prestazioni di favore. Richiamare l attenzione dei Collaboratori sull integrale osservanza delle norme di sicurezza per l incolumità di persone e cose. Sensibilizzare tutta la struttura sulla necessità di ridurre al minimo le perdite economiche derivanti da rischi operativi o da discontinuità operativa. La Banca richiama tutti i soggetti che operano all interno dell azienda (membri dei vari organi societari e di direzione, Collaboratori interni ed esterni) all osservanza delle norme comportamentali del presente 9

10 Codice Etico, da un lato per poter svolgere al meglio le proprie mansioni, e dall altro a salvaguardia della reputazione e dell immagine della Banca. Le presenti norme comportamentali hanno in linea di principio carattere vincolante. La Banca potrà valutare sotto il profilo disciplinare i comportamenti contrari alle previsioni del presente Codice Etico, applicando le sanzioni che riterrà più opportune compresa eventualmente quella espulsiva del licenziamento ai sensi della vigente disciplina di legge e di contratto nonché delle varie disposizioni interne di servizio. Lo spirito e la lettera di questo Codice Etico vanno sempre osservati. Tuttavia non è sufficiente attenersi alla lettera quando ciò comporti una chiara infrazione allo spirito del Codice Etico. È altresì necessario che tutti i Collaboratori della Banca agiscano in osservanza degli obblighi di legge e di vigilanza in capo a loro stessi ed alla Banca, anche laddove non vi sia specifico riferimento all interno del Codice Etico. Ogni Collaboratore preposto è inoltre tenuto a vigilare sull osservanza di queste linee di condotta nei limiti delle proprie responsabilità. Comportamenti palesemente contrastanti con il presente Codice possono essere segnalati da chiunque al responsabile della funzione di Compliance, godendo della più ampia tutela di riservatezza e protezione. 10

11 3. Aspetti etici e norme di comportamento 3.1 Principi generali Per etica s intendono princìpi e valori che regolano i rapporti umani all interno di una società e che da essa vengono assunti come vincolanti. L etica rappresenta dunque la formulazione di precetti, regole e loro fondamenti, nonché spinte motivazionali a tenere un comportamento conforme. Banca Popolare Volksbank è presente in Alto Adige e nelle province di Trento, Belluno, Treviso, Venezia e Pordenone con sue filiali, costituendo parte integrante dei rispettivi sistemi sociali e dunque della vita pubblica. Ogni Collaboratore di qualsiasi ordine, grado e posto di lavoro concorre a forgiare la nostra immagine aziendale ed ha una particolare responsabilità nei confronti dell opinione pubblica, dei clienti, dei soci, degli azionisti, dei colleghi e delle colleghe. Per poter essere all altezza di questa responsabilità valgono per i Collaboratori della Banca le seguenti norme e prescrizioni comportamentali: Chi vive del fatto che i suoi clienti gli affidano i propri affari finanziari deve riuscire anzitutto a convincerli della propria onestà ed integrità. Per questo bisogna prestare attenzione all osservanza delle norme di legge e di altre disposizioni aventi effetto giuridico. Sia il modo di agire nei confronti dei clienti, sia l approccio con gli altri Collaboratori, con i partner in affari e le autorità deve essere contrassegnato da lealtà e correttezza. Anche in privato ci si deve comportare in modo da evitare di arrecare danno agli interessi e all immagine della Banca. Le infrazioni alle regole possono condurre a successi temporanei, ma nuocciono profondamente a tutti i Collaboratori. Per questo motivo i successi conseguiti con mezzi scorretti non possono essere presi in considerazione né accettati. Prendere parte ad operazioni scorrette significa mettere a repentaglio il buon nome dell Azienda. I metodi scorretti chiamano in causa tutti, e ognuno si deve assumere le proprie responsabilità. Il mantenimento del segreto bancario e l osservanza degli obblighi di riservatezza sono basi fondamentali per conservare la fiducia della nostra clientela. Perciò si deve provvedere a proteggere le informazioni riservate, che vanno divulgate esclusivamente nei limiti previsti dalla legge nonché di quanto strettamente necessario all adempimento delle proprie mansioni, evitando ogni illecito utilizzo. Solo chi si comporta con lealtà riesce alla lunga a raccogliere fiducia. Per questo motivo vanno evitati i conflitti di interesse tra clienti, tra clienti e Banca ed anche all interno della Banca stessa. Se questo non è sempre possibile, i clienti devono essere informati sul conflitto di interesse in atto. Bisogna fare in modo che i conflitti potenziali vengano individuati per tempo e risolti nel modo corretto; al riguardo hanno priorità gli interessi dei clienti. Il mantenimento dell autonomia professionale è la base del successo della Banca. Obblighi o vincoli personali e rapporti di sottomissione pregiudicano la capacità di prendere decisioni obiettive e dunque in definitiva il successo della Banca. Bisogna pertanto prestare la massima attenzione a non mescolare mai interessi personali con quelli della clientela, a scapito dell azienda, oppure con un presunto interesse per la Banca, a danno della clientela. Non vanno mai accettati benefici per se stessi o per terzi che vadano oltre le piccole e normali attenzioni di un rapporto professionale; allo stesso modo va evitato di offrire prestazioni che eccedano detti limiti. È indispensabile contrastare già ai primi sintomi ogni scorretto condizionamento e ogni influenzabilità. 11

12 L impegno di tutti è un fattore determinante per il successo della Banca. Bisogna evitare di espletare attività collaterali o altre attività che possano risultare pregiudizievoli per la prestazione lavorativa o la lealtà verso la Banca. Non si devono acquisire partecipazioni o accettare mandati e/o incarichi di ogni natura e genere se vi è motivo di preoccupazione che ciò possa costituire pregiudizio per gli interessi della Banca o della propria autonomia professionale. Il modo di rapportarsi dei Collaboratori deve essere caratterizzato da reciproca attenzione, fiducia, buona fede e correttezza. Pertanto i comportamenti dei Collaboratori devono essere orientati al massimo rispetto reciproco, sia con riguardo ad origini, religione, nazionalità, lingua, sesso, provenienza, sia in relazione alle eventuali attività politiche e sindacali. Vanno assolutamente evitati comportamenti discriminatori o lesivi della dignità della persona e, in particolare, ogni forma di molestia. Le strutture, i beni, gli strumenti e gli impianti della Banca devono essere utilizzati dai Collaboratori per svolgere le mansioni di propria competenza ed espletare i compiti assegnati; essi costituiscono i presupposti per poter condurre a buon fine il proprio lavoro. Il comportamento di ciascuno può contribuire a tutelare e promuovere i valori materiali e immateriali della Banca. Le strutture, i beni, gli strumenti e gli impianti aziendali vanno utilizzati esclusivamente per scopi di servizio. Le telefonate ed in genere i colloqui di natura privata devono essere mantenuti entro un limite accettabile secondo i più generali principi di correttezza e buona fede. Lo stesso dicasi per le telefonate in entrata e per le visite di carattere privato, nonché per l utilizzo privato di Internet che deve essere strettamente contenuto nei limiti di legge e in osservanza delle specifiche disposizioni interne. Vanno osservate scrupolosamente le norme di sicurezza e antinfortunistiche vigenti in azienda. È compito di ogni Collaboratore fare in modo che anche gli altri colleghi della propria unità organizzativa, ma anche ogni altro Collaboratore, si attengano a dette disposizioni. In tutti gli uffici ed in tutti gli spazi dei singoli edifici che compongono la Banca vige il divieto assoluto di fumo, anche per difendere i Collaboratori da effetti collaterali pregiudizievoli per la salute. Va tenuto sempre un comportamento corretto, leale e rispettoso delle disposizioni di servizio vigenti in Banca, rimanendo nei limiti delle competenze assegnate. Un comportamento di questo tipo scongiura in partenza un danno potenziale per la Banca e rappresenta per se stessi un efficace tutela contro eventuali conseguenze negative. È prescritto il rispetto della specifica normativa interna, compreso l apposito Codice di Condotta, per evitare comportamenti che potrebbero far scattare la responsabilità amministrativa della Banca di cui al D.Lgs. 231/01 per la commissione di reati da parte delle persone fisiche operanti in Banca. Si devono osservare scrupolosamente tutte le misure e le prescrizioni che la Banca, seguendo gli obblighi di legge, ha emanato per contrastare il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco e del terrorismo, contribuendo in tal modo alla lotta che a livello internazionale e nazionale si sta combattendo contro questi fenomeni delittuosi. Nell ambito della prestazione dei servizi di investimento, i comportamenti devono sempre essere improntati al rispetto e alla tutela del cliente, con riguardo alla normativa in vigore (Mifid), operando nel 12

13 pieno rispetto della conoscenza e profilatura del cliente e della approfondita valutazione di adeguatezza ed appropriatezza in ogni fase consulenziale con esso. Per garantire la massima professionalità e competenza dei Collaboratori, la Banca ne cura l aggiornamento e la formazione per favorirne la crescita e lo sviluppo, nell interesse dell azienda e della posizione di lavoro dei singoli. A tale scopo la Banca predispone, attraverso apposito servizio interno, corsi di formazione istituzionale e specifica su singoli argomenti, con l ausilio di moderne tecniche didattiche (es. E-learning). 3.2 Norme comportamentali: Destinatari In linea di massima per i componenti del Consiglio d amministrazione e del Collegio dei sindaci, per la Direzione generale, per il personale direttivo ed i Collaboratori tutti, valgono i medesimi criteri comportamentali descritti in questo Codice Etico, salvo specifiche previsioni regolamentari previste nelle disposizioni interne. 3.3 Segreto bancario Il segreto bancario tutela il cliente dal fatto che la Banca possa diffondere a terzi i rapporti d affari con ui intrattenuti. Allo stesso modo sono soggette al segreto bancario anche tutte le informazioni di natura privata o professionale avute dalla clientela (come ad esempio commenti e dichiarazioni). Il codice civile non prevede nessun articolo specifico sul segreto bancario; tuttavia viene fatto riferimento all art (Comportamento secondo correttezza). Allo stesso tempo vanno menzionati il segreto professionale e il segreto d ufficio, per i quali vale ugualmente l obbligo di riservatezza (vedasi in proposito lo specifico articolo del CCNL). Tutti coloro che operano in Banca - Consiglio d amministrazione e Collegio dei sindaci, Direzione generale e Collaboratori - sono sottoposti, senza eccezione, al segreto bancario, professionale e d ufficio, il quale può essere svelato solo in casi espressamente previsti (p. es. in caso di indagini della magistratura). 3.4 Riservatezza L attività bancaria è legata alla fiducia. Ne deriva che la riservatezza deve essere al primo posto nell operatività quotidiana. Così come il segreto bancario anche la riservatezza costituisce uno dei pilastri del sistema bancario. La dovuta discrezione va mantenuta anche fra i singoli Collaboratori e all interno degli uffici, dei servizi e delle filiali. Ciò significa che le informazioni riservate legate a determinate mansioni non vanno comunicate ad altri Collaboratori, salvo che siano necessarie per svolgere determinati incarichi o seguire specifiche disposizioni. 3.5 Trattamento e divulgazione di informazioni riservate Lo svolgimento dell attività professionale prevede un continuo flusso di informazioni riservate su clienti, soci e partner d affari. La tutela del segreto bancario, l osservanza degli obblighi di riservatezza ed anche le norme di legge riguardanti la protezione dei dati personali costituiscono le basi essenziali per la fiducia da parte della clientela. 13

14 Informazioni di questo tipo possono rivestire una considerevole importanza economica. Questo non vale unicamente per le informazioni riservate, suscettibili di influire sul valore dei titoli negoziati e pertanto assoggettate a particolari norme (vedi al riguardo le informazioni privilegiate), bensì anche per i dati personali archiviati, rispetto ai quali va osservata la normativa sulla protezione dei dati personali (Privacy). L obiettivo della Banca consiste nell offrire piena assistenza alla clientela. Rispetto alla fiducia che in questo contesto la clientela ripone nei Collaboratori, I approccio con le informazioni riservate assume un particolare significato. Le informazioni riservate vanno divulgate esclusivamente nei limiti di legge e per quanto strettamente necessario allo svolgimento delle proprie mansioni o nella misura in cui ciò sia richiesto per portare a termine un incarico aziendale, e va osservato quanto disposto in materia di utilizzo e trasmissione di questi dati dalle leggi vigenti e dalle limitazioni contrattuali. Le informazioni riservate non vanno utilizzate a scopo personale o ad uso di terze persone. Bisogna vigilare che, al di fuori della propria unità organizzativa, nessuno possa accedere ai relativi atti o documenti. Le informazioni riservate non devono essere oggetto di scambio verbale nei luoghi soggetti all ascolto di terze persone. I colloqui di tipo riservato vanno condotti all interno delle apposite salette. In caso di colloqui telefonici o verbali al di fuori della propria unità organizzativa, ovvero al di fuori del proprio ufficio (per esempio in bar, ristoranti, treni, autobus, aerei, taxi ed altri luoghi pubblici) si deve evitare che altri Collaboratori o terze persone vengano casualmente a conoscenza di informazioni riservate. Anche fuori dall orario di servizio vanno evitati commenti e discorsi che potrebbero condurre alla divulgazione di informazioni riservate Informazioni rilasciate a clienti In quei casi in cui non si conosce personalmente un cliente, ci si deve accertare che si tratti effettivamente del titolare del rapporto o di suo delegato, prima di fornirgli qualsivoglia informazione o di consegnargli la corrispondenza. Prima di fornire informazioni ai familiari del cliente bisogna assicurarsi che vi sia una delega o che il cliente stesso abbia manifestato il suo consenso. Le richieste telefoniche rivestono una particolare problematicità. Nel caso in cui non sia chiaramente identificabile la voce del cliente è necessario chiamare in causa un collega in grado di riconoscere il cliente dalla voce. Altrimenti è opportuno concordare con il cliente che verrà richiamato in un secondo momento. Va pertanto verificato il numero fornito. Solo in questo modo si potrà essere sicuri che le informazioni raggiungano il legittimo destinatario. Non bisogna lasciarsi sviare da questa linea di condotta sulla base di esternazioni, minacce o tentativi di persuasione di stampo strumentale. Nei casi dubbi, va coinvolto il diretto superiore, oppure interpellato il responsabile della funzione di Compliance Richieste di terzi In caso di richieste provenienti da terzi, l attenzione va concentrata essenzialmente sui seguenti punti: La richiesta di terzi in ordine ad un operazione a favore di un cliente della banca, non autorizza quest ultima a divulgare informazioni sui rapporti intrettenuti con essa dal cliente. Richieste di informazioni su assegni da parte di altre banche vanno evase nell ambito della normale prassi bancaria. Va rigorosamente evitata ogni informazione circa la situazione patrimoniale del cliente (p.es. saldi, movimenti, assegni, protesti). Anche laddove dalla tenuta del rapporto risulti una stretta relazione d affari fra due clienti bisogna essere consci che è vietato diffondere qualsivoglia informazione senza il preventivo consenso del cliente interessato. 14

15 Qualora sussista il dubbio se la diffusione di talune informazioni sia consentita oppure no, andrà preventivamente consultato il diretto superiore, oppure interpellato il responsabile della funzione di Compliance. 3.6 Trattamento delle informazioni privilegiate Le informazioni privilegiate sono informazioni di carattere preciso, che non sono state rese pubbliche, concernenti direttamente o indirettamente uno o più emittenti (quotati) che, se rese pubbliche, potrebbero influire in modo sensibile sui prezzi degli strumenti finanziari comunque connessi all emittente. Per la nostra Banca vigono le seguenti regole ed i seguenti divieti per non incorrere nel reato di abuso di informazioni privilegiate: a) chiunque sia in possesso di informazioni privilegiate, non può acquistare, vendere o compiere altre operazioni, direttamente o indirettamente, per conto proprio o per conto terzi, su strumenti finanziari utilizzando le informazioni medesime (divieto di negoziazione); b) chiunque sia in possesso di informazioni privilegiate, non può comunicare tali informazioni ad altri, al di fuori dei limiti di legge e di quanto strettamente necessario all esercizio delle proprie mansioni (divieto di divulgazione); c) chiunque sia in possesso di informazioni privilegiate, non può raccomandare o indurre altri, sulla base di esse, di compiere delle operazioni indicate al punto a) (divieto di consulenza). A titolo d esempio costituiscono informazioni privilegiate: acquisizioni o cessioni e fusioni/incorporazioni di rami d azienda; acquisto o cessione di partecipazioni rilevanti; ristrutturazioni; operazioni sul capitale sociale (comprese le rettifiche); previsioni su utili, profit warning; previsioni su pagamento dividendi o su ordinativi ingenti; informazioni creditizie; strategie adottate dai gestori di fondi; disposizioni relative a negoziazioni per proprio conto; analisi di ricerca non ancora pubblicate ma in via di pubblicazione; suggerimenti all investimento già previsti o ancora da effettuare. Per tutelare se stessi e la Banca, i collaboratori si attengono scrupolosamente alle regole di servizio relative al Market Abuse. 3.7 Manipolazione di mercato Per manipolazione di mercato si intende la diffusione di notizie false, o la realizzazione di operazioni simulate o altri artifizi concretamente idonei ad alterare il prezzo di strumenti finanziari. La Banca può essere esposta agli abusi di mercato sia come soggetto emittente, sia come intermediario, consulente ed erogatore di credito. L abuso si mercato può configurarsi sia come illecito amministrativo, sia come reato penale nei casi più gravi. Al fine di non incorrere in tali reati, chiunque operi all interno della Banca deve attenersi scrupolosamente alle regole di servizio relative al «Market Abuse». 15

16 3.8 Individuazione e gestione dei conflitti d interesse In linea di principio, la banca si trova in un potenziale conflitto di interesse quando nel rapporto con il cliente si manifestano interessi molteplici e divergenti, con il rischio che l interesse del cliente venga sacrificato per il perseguimento di una finalità diversa e ulteriore da parte della banca o di un suo Collaboratore. A titolo di esempio si citano le accettazioni di mandati da parte di Collaboratori della Banca, sia per singole operazioni di sportello, sia anche nel campo della consulenza d impresa (ristrutturazioni aziendali o aste immobiliari) o nell intermediazione in strumenti finanziari. Nel momento in cui la Banca assume un mandato oppure esegue una transazione per conto di un cliente, il mandato o l operazione devono essere portati a termine nell esclusivo interesse del cliente, indipendentemente da qualsiasi interesse della Banca o di terzi. A livello individuale, si trova per esempio in conflitto di interesse il Collaboratore (in questo caso con la banca) che esegue in proprio un operazione di sportello dalla sua postazione su un proprio rapporto. Oppure quel Collaboratore che concede in autonomia un finanziamento ad un proprio parente. I conflitti d interesse potenziali vanno individuati, possibilmente evitati e/o mitigati e comunque affrontati con la dovuta correttezza e trasparenza. I casi dubbi o di incerta classificazione devono sempre essere discussi e chiariti con il diretto superiore, interpellando se necessario il responsabile della funzione di Compliance. 3.9 Concessione del credito Nella concessione di crediti ai propri clienti, la Banca si orienta secondo le linee giuda contenute nel Piano Aziendale e di Strategia del Credito in vigore. Essendo l attività creditizia la prima fonte di reddito della Banca, contribuendo in parte preponderante al rafforzamento patrimoniale dell azienda nonché allo sviluppo economico nei territori di riferimento, risulta ancora più importante la stretta osservanza della normativa interna che regola la concessione dei crediti. In particolare, l attenta valutazione del rischio ed una rigorosa predisposizione di dati e documenti utili ai fini delle delibere, sono strumenti essenziali per una sana e prudente concessione del credito, dove la capacità di rimborso non viene considerata secondaria rispetto agli assetti patrimoniali o alle garanzie prestate. Inoltre la Banca si orienta anche nell interesse del cliente se talvolta rifiuta affidamenti a suo giudizio non rimborsabili. Le tempistiche per le varie deliberazioni, regolate da appositi service level, servono a dare certezza e celerità alle pratiche dei clienti. Il continuo monitoraggio del rischio è essenziale ai fini di una sana gestione del credito, e gli strumenti di controllo vanno periodicamente aggiornati. I singoli Collaboratori che predispongono le richieste di affidamento per i clienti, evitano con cura ogni comportamento che possa porli in un potenziale conflitto di interessi Tutela degli ambiti riservati Il provvedimento più semplice ed esternamente più visibile per tutelare gli ambiti riservati è costituito dalla loro separazione funzionale e fisica. Ciò significa che devono essere svolte in locali separati tutte quelle attività che potrebbero generare conflitti d interesse. I Collaboratori di altri ambiti riservati accedono ai locali solo in particolari condizioni. In linea di principio i Collaboratori hanno accesso agli uffici, ossia ai locali della Banca, nella misura strettamente necessaria per I esercizio della loro attività lavorativa e delle proprie mansioni. Altri Collaboratori o terze persone (consulenti, artigiani, tecnici, fattorini, personale di pulizia) che hanno necessità di accedere a detti locali ottengono il relativo permesso previo consenso del servizio o ufficio interessato. L accesso a settori particolarmente delicati (p.es Cassa centrale, Fidi, Finanze, Treasury ecc.) 16

17 è regolamentato da specifiche disposizioni interne in tema di Sicurezza e si limita di norma: ai Collaboratori del servizio in questione; ai Collaboratori le cui mansioni implicano lo svolgimento di compiti particolari (p.es. vari organi di controllo, consegna posta e materiale, riunioni di lavoro); ai Collaboratori gerarchicamente superiori Prestazioni di favore Per non incorrere in sanzioni per reati più gravi quali quelli commessi nel rapporto con la pubblica amministrazione (che tra l altro fanno scattare anche la responsabilità della Banca stessa), ma anche per evitare sudditanze e condizionamenti vari, è necessario che chi opera all interno della Banca non prometta, fornisca o accetti favori che potrebbero minare l indipendenza e l imparzialità del proprio operato Prestazioni a favore di funzionari ed impiegati del settore pubblico Sono vietate le prestazioni di servizi, le concessioni di mutui o altri benefici da parte della Banca a vantaggio di funzionari ed impiegati nel settore pubblico allo scopo di ottenere condizioni di favore per la Banca, per sé stessi o per altre persone. Al riguardo va posta particolare attenzione alla gestione di contributi, finanziamenti o altre erogazioni pubbliche, nonché ai rapporti con persone che rivestono la qualifica di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio Rapporti con clienti e partner d affari Il Collaboratore può accettare piccole attenzioni che rientrano nella normale prassi aziendale nella misura in cui ciò non comprometta l obiettività delle sue decisioni. Come criterio di riferimento è stabilito un valore massimo di 50 euro. Qualora in casi eccezionali non fosse possibile, per via della situazione, rifiutare un regalo, esso dovrà essere successivamente messo a disposizione del Circolo ricreativo o devoluto ad un associazione senza scopo di lucro (la decisione spetta ai responsabili competenti per area, servizio o ufficio). I Collaboratori non possono richiedere a clienti o partner d affari inviti a cene, pranzi, manifestazioni o altre elargizioni, servizi personali o favori di sorta. Gli inviti a pranzo o cena o ad altre manifestazioni possono essere accettati se fanno parte del normale rapporto di collaborazione, se sono funzionali ad uno scopo aziendale giustificato e se si limitano ad una misura accettabile e non ripetitiva. Non è ammesso concedere particolari favori o privilegi a clienti, fornitori e ai loro dipendenti. Le spese di viaggio, sia per i viaggi di servizio, e a maggior ragione per quelli privati, non devono essere accollate a clienti, fornitori o altri partner d affari. Le possibili eccezioni devono essere sottoposte all approvazione del diretto superiore; in casi dubbi va richiesto il parere del responsabile della funzione di Compliance Ordini e commesse per conto della Banca. Mandati. I Collaboratori che nell esercizio delle loro mansioni sono autorizzati ad effettuare ordini (p.es. acquirenti di merci o servizi) si attengono strettamente alle disposizioni di servizio ed ai protocolli interni previsti nel loro settore di competenza. Allo stesso modo si comportano con eventuali mandati presso altre aziende nell ambito del proprio settore di competenza, nonché con la partecipazione in forma attiva o in forma riservata a dette imprese, al fine di ovviare ad un eventuale conflitto d interessi. Per eventuali casi di dubbia interpretazione ci si rivolge al proprio superiore o al responsabile della funzione di Compliance. 17

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) Art.1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente codice di comportamento, di seguito denominato "Codice", definisce, ai fini dell'articolo

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli