La transizione al digitale terrestre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La transizione al digitale terrestre"

Transcript

1 La transizione al digitale terrestre Quadro normativo di riferimento Le attività dell Autorità Vincenzo Lobianco

2 AGCOM: competenze istituzionali Secondo quanto previsto dalla sua legge istitutiva (L. n. 249/1997), AGCOM è un Autorità convergente, I cui compiti si svolgono sia nel settore delle comunicazioni elettroniche sia nel settore dei servizi audiovisivi. Le competenze attribuite all Autorità in tali settori sono svolte nel rispetto delle pertinenti previsioni comunitarie : Il quadro regolamentare europeo per le comunicazioni elettroniche (Drettive del 2002 trasposte nel Codice delle comunicazioni elettroniche) come modificato nel 2009 dalle Direttive 136/2009/EC and 140/2009/EC e dal Regolamento (EC) 1211/2009 (Le Direttive dovranno essere trasposte in sede nazionale entro Maggio 2011) Il quadro regolamentare per i media ed i servizi audiovisivi, come modificato nel 2007 dalla Direttiva 2007/65/EC (Trasposto in sede nazionale con il D. Lgs. n. 44/2010).

3 Riparto delle competenze tra AGCOM e il Ministero dello Sviluppo Economico Comunicazioni per la gestione dello spettro radio Il Ministero è responsabile per il Piano Nazionale di Ripartizione delle Frequenze. In caso di modifiche o aggiornamenti del Piano l Autorità rilascia al Ministero il proprio parere. L Autorità è responsabile per la definizione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze nel settore radiotelevisivo Le autorizzazioni per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica, nonché i diritti d uso per l utilizzo delle frequenze, sono rilasciati dal Ministero L Autorità è responsabile per la definizione delle regole di accesso allo spettro radio (p.e. max numero di diritti d uso, limitazioni geografiche, procedure di selezione e criteri per la definizione dei contributi per l assegnazione dei diritti d uso, obblighi di copertura, eventuali condizioni asimmetriche) Le procedure di selezione sono svolte dal Ministero. In caso di procedure di rilevanza nazionale può essere proposta, da AGCOM, la costituzione di un Comitato dei Ministri che coordina lo svolgimento della procedura

4 Gli sviluppi regolamentari del D.T. La Legge n. 66/2001 ha introdotto il Digitale Terrestre con : Il trading delle frequenze La definizione dei titoli autorizzatori (operatore di rete, fornitore di contenuti, etc.) necessari nel modello digitale La predisposizione del Piano Nazionale in tecnica digitale Lo Switch Off era previsto al 2006 (poi fissato al 2012) La delibera n. 435/01/CONS : Ha definito il quadro regolamentare per la fase di avvio del DTT Ha definito le condizioni per il rilascio delle autorizzazioni di operatore di rete, di fornitore di servizi e di fornitore di contenuti Ha consentito l avvio, nel 2003, del D.T. commerciale La delibera 435/01/CONS è stata successivamente aggiornata, con riferimento in particolare alle condizioni di accesso ai Multpiplexers Digitali da parte dei fornitori di contenuti : Delibera n. 109/07/CONS che regola la cessione del 40% di capacità trasmissiva ai nuovi fornitori di contenuti. La corrispondente procedura di selezione, di cui alla delibera n. 645/07/CONS ha consentito l ingresso di circa 10 nuovi fornitori di contenuti nel mercato. 4

5 La Delibera n. 181/09/CONS L art. 45 della legge n.88/2009, che modifica l art. 8-novies della legge n. 101/2008, richiama in maniera esplicita i criteri per la completa digitalizzazione delle reti televisive terrestri stabiliti dalla Delibera n. 181/09/CONS. Tali criteri prevedono : L utilizzazione della tecnica SFN per consentire il più efficiente uso delle frequenze terrestri, garantendo allo stesso tempo un uso pluralistico delle risorse spettrali Le regole di conversione per la digitalizzazione delle reti esistenti nazionali sia in tecnica DVB-T sia in tecnica DVB-H. In particolare, per le reti DVB-T : 8 Mux sono assegnati alle reti analogiche esistenti, per consentire la trasmissione dei programmi analogici in definizione SD e HD, con una previsione minima di almeno 1 Mux per operatore; 8 Mux sono assegnati per consentire, a salvaguardia degli investimenti effettuati, la conversione in tecnica SFN delle esistenti reti nazionali digitali 5

6 La Delibera n.181/09/cons (2) Sono quindi previste 21 reti nazionali DVB-T + 4 reti nazionali DVB-H Per le reti locali è mantenuta la previsione della riserva di almeno 1/3 della capacità trasmissiva complessiva pianificata, da assegnare secondo regole di conversione analoghe a quelle previste per le reti nazionali 5 reti nazionali DVB-T e 1 rete DVB-H saranno assegnate attraverso una procedura comparativa (beauty contest) 3 reti DVB-T sono riservate agli operatori nuovi entranti Tutti gli operatori possono concorrere per le rimanenti 2 reti DVB-T, con un cap massimo di 5 reti Gli operatori che non eserciscono reti DVB-H possono partecipare alla procedura per tale rete Le regole di selezione sono in corso di approvazione dall Autorità. La procedura sarà effettuata dal Ministero dello Sviluppo Economico- Comunicazioni

7 Le Risorse a disposizione per lo SWITCH OFF Risorse assegnate all Italia CONFERENZA DI GINEVRA Allotments 1567 Assignments 8 Layers (UHF) per ciascun allotment 2 Layers (VHF) per ciascun allotment 1 Layer dedicato al servizio TDAB

8 COORDINAMENTO INTERNAZIONALE BILATERALE Città del Vaticano Francia Principato di Monaco Svizzera Austria Slovenia Croazia Malta Spagna Rimanenti Paesi dell Area Adriatica Paesi del versante SUD del Mediterraneo Tunisia, Algeria

9 IL CALENDARIO DELLO SWITCH OFF Lo Switch off è previsto per aree tecniche all digital Sono state definite 16 Aree Tecniche 6 Aree Tecniche già digitalizzate, equivalenti a circa il 30% della popolazione Digitalizzazione della Lombardia in corso Alla fine del 2010 circa il 65% della popolazione sarà coperta esclusivamente dal segnale digitale Anticipo del completamento dello switch off?

10 Delibera n. 300/10/CONS Criteri Generali PNAF IDENTIFICAZIONE DEL NUMERO DI RETI NAZIONALI (IN BANDA VHF E UHF) PREVISTI DALLA LEGISLAZIONE VIGENTE: PER LE RETI NAZIONALI DVB-T COPERTURA EQUIVALENTE E APPPROSSIMATIVAMENTE PARI ALL 80% DEL TERRITORIO ALLOCAZIONE DI ALMENO UN TERZO DELLE RISORSE DISPONIBILI ALL EMITTENZA LOCALE UTILIZZAZIONE EFFICIENTE DI TUTTO L INSIEME DELLE FREQUENZE DISPONIBILI IN BANDA VHF E UHF UTILIZZAZIONE, NELLA MISURA MASSIMA POSSIBILE, DI RETI SFN IN AMBITO NAZIONALE E LOCALE SODDISFACIMENTO DELLE ESIGENZE DELLA CONCESSIONARIA DI SERVIZIO PUBBLICO PIANIFICAZIONE DI DETTAGLIO DELLE RETI PER LE SINGOLE AREE ATTRAVERSO I TAVOLI TECNICI

11 METODI DI SIMULAZIONE METODO ITU-R-1812 (modello altimetrico digitale NASA-SRTM con risoluzione di 96 secondi di grado) NEL CASO DI TRATTE PREVALENTEMENTE SU MARE ITU-R-1546 ( All sea path ) SERVIZIO DIGITALE CON I PARAMETRI GE 06 E METODO k-lnm PER LA LOCATION PROBABILITY IN RICEZIONE UTILIZZO MASCHERA DI ANTENNA COMMERCIALE NELLA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO : CAMPO UTILE AL 50% DEL TEMPO ED INTERFERENTE AL 10% IN TERRITORIO NAZIONALE E 1% IN TERRITORIO ESTERO (Metodologia ITU). IL CAMPO INTERFERENTE E SOMMATO IN POTENZA (Power Sum) INTERFERENTE VALUTATO IN RELAZIONE A PIXEL CON ALMENO 1000 ABITANTI

12 PUNTI DI VERIFICA NELLE SIMULAZIONI E STATA CONSIDERATA LA PROTEZIONE DEGLI ALLOTMENTS ESTERI COME DEFINITI NEL PIANO DI GINEVRA 06 ATTRAVERSO LO STRUMENTO DEI PUNTI DI VERIFICA (PDV) : L INTENSITA DI CAMPO CUMULATIVAMENTE GENERATO DA UN CANALE DELLE RETI NAZIONALI E LOCALI NON DEVE SUPERARE, IN OGNI PDV, UN DETERMINATO LIVELLO DI SOGLIA DEFINITO SULLA BASE DELLA METODOLOGIA INTERNAZIONALE PER VALUTARE IL RISPETTO DEI PUNTI DI VERIFICA E LE POTENZIALITA DI COPERTURA VENGONO DEFINITE LE RETI DI RIFERIMENTO LE RETI DI RIFERIMENTO SONO REALIZZATE SULLA BASE DEL MEDESIMO NUMERO DI IMPIANTI (PER RETI NELLA STESSA BANDA : 558 IMPIANTI IN VHF-III, 612 IN UHF-IV E 626 IN UHF-V) LE RETI DI RIFERIMENTO HANNO BACINI DI SERVIZIO COINCIDENTI CON LE AREE TECNICHE PDV SU BASE INTERNAZIONALE E NAZIONALE. QUESTI ULTIMI GARANTISCONO CHE IL SERVIZIO DELLE RETI PIANIFICATE SIA ALMENO PARI A QUELLO VALUTATO SULLA BASE DELLE RETI DI RIFERIMENTO

13 SITI DI PIANO DEFINIZIONE DEI SITI DI PIANO UTILIZZANDO: TUTTI I SITI ASSENTITI NEL PIANO DIGITALE 2003 (DEL. N. 15/03/CONS E S.M.I.) SITI DEFINITI DAGLI ASSIGNEMENT DI GE 06 POSTAZIONI REGISTRATE NEL PIANO DI STOCCOLMA 1961 IN UN NUMERO LIMITATO DI CASI, POSTAZIONI UTILIZZATE DAI PRINCIPALI IMPIANTI ANALOGICI LA METODOLOGIA DI INDIVIDUAZIONE DEI SITI PRIORITARI TIENE IN MASSIMO CONTO L ATTUALE PUNTAMENTO DELLE ANTENNE RICEVENTI I SITI UTILIZZATI NELLE AREE TECNICHE DIGITALIZZATE SONO CONFERMATI

14 CRITERI DI EQUIVALENZA IL CRITERIO DI EQUIVALENZA SI APPLICA : NELLA SCELTA DEI SITI PER LA EFFETTIVA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI NELLA DEFINIZIONE DEI PARAMETRI TECNICI (p.e. SYSTEM VARIANT) DEVONO COMUNQUE ESSERE RISPETTATI I LIVELLI DI CAMPO MASSIMI CUMULATIVI (Power Sum) PREVISTI NEI PDV LE VALUTAZIONI SONO STATE EFFETTUATE UTILIZZANDO LE SEGUENTI CONFIGURAZIONI : System Variant Modul. Code Rate Portanti Tipo Canale Tg/Tu NetRate (Mbit/s) Banda VHF-III F3 64QAM 3/4 8k Rice 1/ Banda UHF-IV V C2 64QAM 2/3 8k Rice 1/

15 DEFINIZIONE DELLE RETI DI PIANO (1) IDENTIFICAZIONE DELLE FREQUENZE DA UTILIZZARE PER LA RIPARTIZIONE TRA RETI NAZIONALI E RETI LOCALI: 1. FREQUENZE CHE ASSICURANO POTENZIALITA DI COPERTURA IN SFN SULL INTERO TERRITORIO NAZIONALE 2. FREQUENZE CHE ASSICURANO POTENZIALITA DI COPERTURA IN SFN SU MACRO AREE (PLURALITA DI AREE TECNICHE) 3. FREQUENZE CHE ASSICURANO POTENZIALITA DI COPERTURA IN SFN PER IL SERVIZIO DVB-H 4. FREQUENZE CHE ASSICURANO POTENZIALITA DI COPERTURA IN SFN IN UNA SINGOLA AREA TECNICA 5. FREQUENZE UTILIZZABILI SU BASE LOCALE O PLURI PROVINCIALE

16 DEFINIZIONE DELLE RETI DI PIANO (2) 1. LE FREQUENZE UHF IDENTIFICATE NEL PUNTO 1 SONO UTILIZZATE PER LA REALIZZAZIONE DI RETI NAZIONALI 1-SFN (13 IN BANDA IV E V) 2. LE FREQUENZE DEL PUNTO 2 SONO COMBINATE IN RETI k-sfn (K = 2) : 5 IN UHF E 2 IN VHF. LADDOVE NON UTILIZZATE DALLA RETE k- SFN LE FREQUENZE SONO DESTINATE AL RIUSO (LOCALE, DAB) 3. LE FREQUENZE VHF 5 E 9 (+ FREQUENZA LOCALE UHF) PER IL MUX 1 DELLA CONCESSIONARIA DI SERVIZIO PUBBLICO 4. LE FREQUENZE DEL PUNTO 3 SONO UTILIZZATE PER LA REALIZZAZIONE DI 4 RETI PER SERVIZIO DVB-H 5. IN OGNI AREA TECNICA SONO DISPONIBILI ALMENO 13 FREQUENZE UHF DESTINATE ALLA REALIZZAZIONE DI RETI A COPERTURA REGIONALE CON POTENZIALITA DI COPERTURA ANALOGA A QUELLA DELLE RETI NAZIONALI 6. LE RESTANTI FREQUENZE (PUNTO 5) SONO UTILIZZABILI SU BASE LOCALE O PLURI PROVINCIALE

17 PIANIFICAZIONE NAZIONALE

18 PIANIFICAZIONE LOCALE SONO DISPONIBILI PER L EMITTENZA LOCALE, PER LA MAGGIOR PARTE DELLE AREE TECNICHE, 27 FREQUENZE IN BANDA UHF IN OGNI AREA TECNICA ALMENO 13 RETI LOCALI ASSICURANO LA COPERTURA REGIONALE, PIANIFICATE ATTRAVERSO UNO SCHEMA DI RIUSO CHE COINVOLGE LE AREE TECNICHE NON ADIACENTI LO SCHEMA DI RI-USO DELLE FREQUENZE GARANTISCE UNA COPERTURA REGIONALE SENZA INTERFERENZE DALLE AREE TECNICHE ADIACENTI E LA POSSIBILITA DI DEBORDARE NEL CASO DI EMITTENTI PLURIREGIONALI LE RESTANTI FREQUENZE POSSONO ESSERE UTILIZZATE IN AMBITO LOCALE O PLURIPROVINCIALE ( lontano dai confini delle regioni dove la frequenza è utilizzata da una rete regionale ) ANCHE LE RETI REGIONALI POSSONO ESSERE DECOMPOSTE A LIVELLO LOCALE O PLURIPROVINCIALE

19 PIANIFICAZIONE LOCALE : Area Tecnica n. 3 Multiplex Canali Regionali Multiplex Canali sub-regionali

20 ESEMPIO DI SCHEMA DI RI-USO Schema di ri-uso del canale 21

21 Grazie dell attenzione

DELIBERA N. 475/10/CONS

DELIBERA N. 475/10/CONS DELIBERA N. 475/10/CONS PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO DI RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA IN TECNICA DIGITALE NELL AREA TECNICA CORRISPONDENTE AL TERRITORIO RICOMPRENDENTE LE PROVINCE

Dettagli

Allegato 2 alla delibera n. 93/12/CONS. Relazione Tecnica. 1. Premessa.

Allegato 2 alla delibera n. 93/12/CONS. Relazione Tecnica. 1. Premessa. Allegato 2 alla delibera n. 93/12/CONS Relazione Tecnica 1. Premessa. Ai fini del completamento della pianificazione delle frequenze per la televisione terrestre in tecnica digitale con la pianificazione

Dettagli

DELIBERA N. 451/13/CONS

DELIBERA N. 451/13/CONS DELIBERA N. 451/13/CONS REVISIONE DEL PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO TELEVISIVO TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE PER LE RETI NAZIONALI, DI CUI ALLA DELIBERA N. 300/10/CONS L'AUTORITÀ

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERA N. 603/07/CONS

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERA N. 603/07/CONS RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERA N. 603/07/CONS Oggetto: Criteri di attuazione del piano per la completa digitalizzazione della Regione Sardegna in previsione dello switch-off fissato al 1 marzo 2008 1.

Dettagli

La televisione digitale: regolamentazione. 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali

La televisione digitale: regolamentazione. 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali La televisione digitale: regolamentazione 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali La televisione digitale: regolamentazione Indice: 1. Mercato televisivo

Dettagli

DELIBERA N. 180/12/CONS

DELIBERA N. 180/12/CONS DELIBERA N. 180/12/CONS PIANO PROVVISORIO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO RADIOFONICO DIGITALE NELLA REGIONE DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROGETTO PILOTA NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO.

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 402/15/CONS MODIFICA DEL PIANO NAZIONALE DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER LA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA IN TECNICA DIGITALE DVB-T IN ATTUAZIONE DELL ART. 6, COMMA 8, DELLA LEGGE 21 FEBBRAIO

Dettagli

Digital Audio Broadcasting (DAB) La prospettiva dell'autorità di Regolazione. Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerca e Formazione AGCOM

Digital Audio Broadcasting (DAB) La prospettiva dell'autorità di Regolazione. Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerca e Formazione AGCOM Digital Audio Broadcasting (DAB) La prospettiva dell'autorità di Regolazione Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerca e Formazione AGCOM www.agcom.it F.Ananasso - La Radio Digitale 20 Ottobre 2010 Indice

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERA N. 544/07/CONS

ALLEGATO A ALLA DELIBERA N. 544/07/CONS ALLEGATO A ALLA DELIBERA N. 544/07/CONS CONSULTAZIONE PUBBLICA SULL IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL MERCATO DEI SERVIZI DI DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA PER LA TRASMISSIONE DI CONTENUTI AGLI UTENTI FINALI,

Dettagli

La programmazione televisiva disposizioni normative e regolamentari

La programmazione televisiva disposizioni normative e regolamentari La programmazione televisiva disposizioni normative e regolamentari Avv. Mauro Maiolini Roma, lì 22 maggio 2012 1 PREMESSA Obiettivo del presente seminario è quello di offrire all operatore televisivo

Dettagli

Nel secondo capitolo sono stati esaminati

Nel secondo capitolo sono stati esaminati Gli scenari operativi 5.1 IL PIANO DIGITALE: MODELLI DI RETE E NUMERO DI PROGRAMMI DIGITA L I Nel secondo capitolo sono stati esaminati i diversi tipi di reti e di servizi ipotizzabili nei sistemi di diffusione

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SULL ORDINAMENTO AUTOMATICO DEI CANALI (LCN) DELLA TV DIGITALE TERRESTRE DI CUI ALLA DELIBERA 237/13/CONS DELL AGCOM APPROFONDIMENTI INTERPRETATIVI, ESIGENZE DI CHIARIMENTO, CRITICITA

Dettagli

DELIBERA N. 497/10/CONS

DELIBERA N. 497/10/CONS DELIBERA N. 497/10/CONS PROCEDURE PER L ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE DISPONIBILI IN BANDA TELEVISIVA PER SISTEMI DI RADIODIFFUSIONE DIGITALE TERRESTRE E MISURE ATTE A GARANTIRE CONDIZIONI DI EFFETTIVA

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 (Definizioni)

NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 (Definizioni) Allegato A alla delibera n. 353 /11/CONS del 23 giugno 2011 NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

Piano Digitale e... qualche commento sulla transizione

Piano Digitale e... qualche commento sulla transizione Piano Digitale e... qualche commento sulla transizione Antonio Sassano Università di Roma La Sapienza 1 Argomenti trattati 1. RUOLO DELLA PIANIFICAZIONE 2. IL PIANO DIGITALE (2003) 3. RISORSE RESIDUE 4.

Dettagli

DELIBERA N. 24/11/CONS

DELIBERA N. 24/11/CONS DELIBERA N. 24/11/CONS MERCATO DEI SERVIZI DI DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA PER LA TRASMISSIONE DI CONTENUTI AGLI UTENTI FINALI (MERCATO N. 18 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE SUI MERCATI RILEVANTI

Dettagli

DELIBERA n. 438/13/CONS

DELIBERA n. 438/13/CONS DELIBERA n. 438/13/CONS AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI ANALISI SULLE CONDIZIONI E MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA CAPACITÀ TRASMISSIVA PER LA DIFFUSIONE DI CONTENUTI AUDIOVISIVI, SULLE PRINCIPALI PIATTAFORME TRASMISSIVE

Dettagli

DELIBERA N. 277/13/CONS

DELIBERA N. 277/13/CONS DELIBERA N. 277/13/CONS PROCEDURA PER L ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE DISPONIBILI IN BANDA TELEVISIVA PER SISTEMI DI RADIODIFFUSIONE DIGITALE TERRESTRE E MISURE ATTE A GARANTIRE CONDIZIONI DI EFFETTIVA

Dettagli

Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete

Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete Guido GENTILE Elettronica Industriale Mobile TV Quali opzioni per le architetture di rete Bologna 24 Novembre 2005 0 Agenda Introduzione all architettura DVB-H Mediaset Specificità e problematiche nella

Dettagli

Valutazione ed analisi dei risultati teoricamente ottenibili dall applicazione delle tecniche di ottimizzazione al piano

Valutazione ed analisi dei risultati teoricamente ottenibili dall applicazione delle tecniche di ottimizzazione al piano Ottimizzazione dei progetti di impianto di trasmettitori televisivi ai fini della massimizzazione dell efficienza d uso della risorsa radioelettrica e del rispetto dei vincoli di coordinamento internazionali

Dettagli

Prof. Fabio Graziosi. 26 Luglio 2010

Prof. Fabio Graziosi. 26 Luglio 2010 Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione Università degli Studi dell'aquila Regione Abruzzo Studio di fattibilità per la delocalizzazione dei siti di broadcasting congestionati Prof. Fabio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE VIII COMUNICAZIONE DEL VICE MINISTRO CATRICALA SULLE PROCEDURE PER L ASTA DELLE FREQUENZE TELEVISIVE IN DIGITALE Roma, 5 febbraio

Dettagli

switch-off Il passaggio alla TV digitale: l avvio*

switch-off Il passaggio alla TV digitale: l avvio* Il passaggio alla TV digitale: l avvio* O spitiamo un contributo della Fondazione Ugo Bordoni che analizza le problematiche connesse a questa rivoluzione epocale rispetto a quanto è accaduto in Sardegna

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

Radio Tv News 11 GIUGNO 2015 - NUMERO 53. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità

Radio Tv News 11 GIUGNO 2015 - NUMERO 53. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità Radio Tv News 11 GIUGNO 2015 - NUMERO 53 03 Vita Associativa 07 Normativa e Giurisprudenza 08 Mercato e Pubblicità Direttore Responsabile: Emilio Carelli Direttore Editoriale: Andrea Franceschi In redazione

Dettagli

La Fondazione. switch-off. Il passaggio alla TV digitale. in Liguria, Toscana, Umbria e Marche*

La Fondazione. switch-off. Il passaggio alla TV digitale. in Liguria, Toscana, Umbria e Marche* switch-off Il passaggio alla TV digitale in Liguria, Toscana, Umbria e Marche* La Fondazione Bordoni descrive le attività di switch-off delle regioni Liguria Toscana, Umbria e Marche. Con il passaggio

Dettagli

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV Commissione IX Trasporti, Poste e Telecomunicazioni CAMERA dei DEPUTATI Atti dell'unione europea. Proposta di decisione del Parlamento

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

COMMISSIONE IX (TRASPORTI, POSTE E TELECOMUNICAZIONI) CAMERA DEI DEPUTATI ----------------------

COMMISSIONE IX (TRASPORTI, POSTE E TELECOMUNICAZIONI) CAMERA DEI DEPUTATI ---------------------- COMMISSIONE IX (TRASPORTI, POSTE E TELECOMUNICAZIONI) CAMERA DEI DEPUTATI ---------------------- AUDIZIONE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DEI SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI

Dettagli

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO Relazione introduttiva dell avv. Marco Rossignoli Coordinatore di Aeranti-Corallo e Presidente Aeranti Milano 3 novembre 2009 Il passaggio al digitale

Dettagli

Stima dell interferenza generata al centralino d antenna*

Stima dell interferenza generata al centralino d antenna* Approfondire INTERFERENZE LTE Stima dell interferenza generata al centralino d antenna* L articolo che segue è una versione di sintesi del più approfondito contenuto pubblicato nel numero di agosto 2013

Dettagli

una ricerca per INDAGINE SUI MEDIA LOCALI: LA TRANSIZIONE NEL LAZIO DELLA TELEVISIONE VERSO IL DIGITALE TERRESTRE (TDT) Versione 2.

una ricerca per INDAGINE SUI MEDIA LOCALI: LA TRANSIZIONE NEL LAZIO DELLA TELEVISIONE VERSO IL DIGITALE TERRESTRE (TDT) Versione 2. una ricerca per INDAGINE SUI MEDIA LOCALI: LA TRANSIZIONE NEL LAZIO DELLA TELEVISIONE VERSO IL DIGITALE TERRESTRE (TDT) Indice Premessa... 5 1. Le criticità dello switch off... 9 Premessa: Le tre principali

Dettagli

Nuove frontiere nella gestione dello spettro radio

Nuove frontiere nella gestione dello spettro radio Nuove frontiere nella gestione dello spettro radio Roma, 18 Giugno 2009 Il ruolo della regolamentazione nelle tecnologie radio Laura Rovizzi 2 Una risorsa scarsa 1) Spettro altamente frammentato 2) Elevato

Dettagli

Digitale Terrestre Televisivo (DTT):

Digitale Terrestre Televisivo (DTT): Digitale Terrestre Televisivo (DTT): infrastruttura per il trasporto wireless della rete IP tecnologia per l accesso capillare alle applicazioni telematiche Roberto.Borri@csp.it Giovanni.Ballocca@csp.it

Dettagli

La televisione digitale terrestre Il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per la radiodiffusione televisiva

La televisione digitale terrestre Il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per la radiodiffusione televisiva La televisione digitale terrestre Il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per la radiodiffusione televisiva Seconda parte 1 2 Nel Libro Bianco sulla Televisione digitale terrestre del giugno

Dettagli

SERVIZI VIDEO PER TERMINALI MOBILI SPERIMENTAZIONI 4G IN CORSO

SERVIZI VIDEO PER TERMINALI MOBILI SPERIMENTAZIONI 4G IN CORSO SERVIZI VIDEO PER TERMINALI MOBILI SPERIMENTAZIONI 4G IN CORSO I TELCO RISCOPRONO IL BROADCASTING Una porzione significativa del traffico delle reti mobili è costituito da video di sempre maggiore qualità

Dettagli

IL LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE

IL LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IL LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE il libro bianco sulla televisione digitale terrestre indice del volume 2 SINTESI REQUISITI DEL SERVIZIO DI TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE 1.1 FUNZIONI,

Dettagli

AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Direzione Servizi Media Direzione Reti e Servizi di Comunicazione Elettronica Via Isonzo, 21/B 00198 Roma

AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Direzione Servizi Media Direzione Reti e Servizi di Comunicazione Elettronica Via Isonzo, 21/B 00198 Roma Associazione Radio AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Direzione Servizi Media Direzione Reti e Servizi di Comunicazione Elettronica Via Isonzo, 21/B 00198 Roma Via P.E.C. all indirizzo: agcom@cert.agcom.it

Dettagli

Allegato A alla Delibera n. 212/11/CONS del 13 aprile 2011 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE

Allegato A alla Delibera n. 212/11/CONS del 13 aprile 2011 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE Allegato A alla Delibera n. 212/11/CONS del 13 aprile 2011 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ai sensi della propria delibera n. 278/99 recante Procedura per lo svolgimento

Dettagli

HD and Beyond: le prospettive tecnologiche. Alberto Morello

HD and Beyond: le prospettive tecnologiche. Alberto Morello 1 2 HD and Beyond: le prospettive tecnologiche Alberto Morello 3 In primis: un grazie alla Val d Aosta Dal 1970 questa Valle riempie di meravigliosi paesaggi (e di fatica) i miei weekend Ho scalato 3 volte

Dettagli

CONSULTAZIONE dei soggetti di cui alla legge 249/97 all articolo 1, comma 6) lettera a) punto 2. www.agcom.it

CONSULTAZIONE dei soggetti di cui alla legge 249/97 all articolo 1, comma 6) lettera a) punto 2. www.agcom.it REVISIONE DEL DELIBERA N. 93/12/CONS PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO TELEVISIVO DIGITALE TERRESTRE DELLE REGIONI ABRUZZO, MOLISE, BASILICATA, PUGLIA, CALABRIA E SICILIA (AREE TECNICHE

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI DEI BANDI PUBBLICATI IN DATA 5 SETTEMBRE 2012 SULLA G.U. N. 103

RISPOSTE AI QUESITI DEI BANDI PUBBLICATI IN DATA 5 SETTEMBRE 2012 SULLA G.U. N. 103 RISPOSTE AI QUESITI DEI BANDI PUBBLICATI IN DATA 5 SETTEMBRE 2012 SULLA G.U. N. 103 1 In relazione al bando per la Regione Lombardia pubblicato sulla G.U. n. 103-5 Serie Speciale Contratti Pubblici del

Dettagli

Riccardo De Leonardis. Riccardo.deleonardis@sviluppoeconomico.gov.it

Riccardo De Leonardis. Riccardo.deleonardis@sviluppoeconomico.gov.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 10.09.1964 Riccardo De Leonardis Qualifica Funzionario tecnico (F3-VIII categoria) dal gennaio 2008 Amministrazione

Dettagli

La televisione digitale terrestre

La televisione digitale terrestre Introduzione Siamo giunti alla quinta edizione del Radiotv Forum di Aeranti-Corallo. L evento rappresenta, oggi, il punto di riferimento annuale, nel quale gli operatori radiofonici e televisivi possono

Dettagli

I quaderni di. il modello Sardegna PASSAGGIO AL DIGITALE: Entro la fine del 2012 tutta l Italia sarà digitale :

I quaderni di. il modello Sardegna PASSAGGIO AL DIGITALE: Entro la fine del 2012 tutta l Italia sarà digitale : I quaderni di di Marina Boumis PASSAGGIO AL DIGITALE: il modello Sardegna Entro la fine del 2012 tutta l Italia sarà digitale : le trasmissioni televisive potranno essere ricevute solo se l utente si sarà

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO Televisione nazionale - Servizi Media Audiovisivi (SMA) lineari e non lineari su reti trasmissive tradizionali (inclusa IPTV): fornitori

Dettagli

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione.

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. Cosa cambierà Cos è LTE?? è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. A settembre 2011 si è conclusa con successo l'asta pubblica

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE MISE-MEF 17 APRILE 2015 (G.U. N. 129 DEL 6 GIUGNO 2015) - RICHIESTE DI CHIARIMENTI

DECRETO INTERMINISTERIALE MISE-MEF 17 APRILE 2015 (G.U. N. 129 DEL 6 GIUGNO 2015) - RICHIESTE DI CHIARIMENTI 1 Vedo che alcune regioni, tra cui il FVG è previsto il rilascio su bacino regionale. Se una persona ha il diritto d'uso di quella frequenza solo per una provincia ma di fatto liberandola da modo al ministero

Dettagli

Delibera n. 481/06/CONS

Delibera n. 481/06/CONS Delibera n. 481/06/CONS Approvazione delle linee-guida sul contenuto degli ulteriori obblighi del servizio pubblico generale radiotelevisivo ai sensi dell articolo 17, comma 4, della legge 3 maggio 2004,

Dettagli

Breve descrizione delle caratteristiche delle antenne terrestri e satellitari.

Breve descrizione delle caratteristiche delle antenne terrestri e satellitari. GUIDA DI CAPITOLATO PER RISTRUTTURAZIONE IMPIANTI D ANTENNA PER LA TV DIGITALE Un impianto di ricezione TV è un insieme di apparati che hanno la funzione di captare dei segnali e trasferirli, tramite un

Dettagli

Nota a Consiglio di Stato Parere, 25 febbraio 2011, n. 872 A cura di Federico Trombetta

Nota a Consiglio di Stato Parere, 25 febbraio 2011, n. 872 A cura di Federico Trombetta Nota a Consiglio di Stato Parere, 25 febbraio 2011, n. 872 A cura di Federico Trombetta Gara cd. beauty contest per l assegnazione del dividendo digitale: spetta all AGCOM la definizione delle condizioni

Dettagli

Le Telecomunicazioni introduzione del DRM+ nelle bande FM

Le Telecomunicazioni introduzione del DRM+ nelle bande FM 71 Pier Vincenzo Giudici vice chairman RAG (Radiocommunication Advisory Group) ITU Alfredo Magenta member RRB (radio regulation Board) ITU Le Telecomunicazioni introduzione del DRM+ nelle bande FM Telecommunications

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

RADIOTV FORUM 2013 di AERANTI-CORALLO

RADIOTV FORUM 2013 di AERANTI-CORALLO RADIOTV FORUM 2013 di AERANTI-CORALLO RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DELL EMITTENZA LOCALE AVV. MARCO ROSSIGNOLI COORDINATORE AERANTI-CORALLO E PRESIDENTE AERANTI ROMA 28 e 29 maggio 2013 Introduzione Siamo

Dettagli

fmtvdigitalbroadcasting

fmtvdigitalbroadcasting fmtvdigitalbroadcasting EVOLUZIONE DELLA TV SITUAZIONE DEL MERCATO: PRIMA Mercati separati e verticali LA SITUAZIONE DEL MERCATO: ADESSO CONVERGENZA DIGITALE: nuovi mercati orizzontali, con molteplici

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

DELIBERA N. 216/00/CONS. Determinazione degli standard dei decodificatori e le norme per la ricezione dei programmi televisivi ad accesso condizionato

DELIBERA N. 216/00/CONS. Determinazione degli standard dei decodificatori e le norme per la ricezione dei programmi televisivi ad accesso condizionato DELIBERA N. 216/00/CONS Determinazione degli standard dei decodificatori e le norme per la ricezione dei programmi televisivi ad accesso condizionato L'AUTORITÀ NELLA sua riunione del Consiglio del 5 aprile

Dettagli

Protocollo d intesa "Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti" tra. Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori

Protocollo d intesa Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti tra. Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori Protocollo d intesa "Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti" tra Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori Il Co.Re.Com Umbria, con sede in Perugia, Piazza Italia,

Dettagli

Mitigazione delle Interferenze tra i segnali LTE e televisione digitale terrestre

Mitigazione delle Interferenze tra i segnali LTE e televisione digitale terrestre Mitigazione delle Interferenze tra i segnali LTE e televisione digitale terrestre Contesto del problema, progetto Help Interferenze e campagna informativa Mario Frullone Direttore delle Ricerche Fondazione

Dettagli

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future Ricerca a cura di Final Draft Ottobre 2014 Executive summary Per quasi 40 anni la storia della televisione

Dettagli

III a Relazione Tecnica

III a Relazione Tecnica III a Relazione Tecnica Convenzione MISE - Dipartimento Comunicazioni / Fondazione Ugo Bordoni del 27/12/2007 POA - Anno 2009 Catasto e monitoraggio della qualità dei segnali televisivi PROG01CONV Responsabile

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.11.2007 COM(2007) 700 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E

Dettagli

PROMAX NEWSLETTER Nº 25

PROMAX NEWSLETTER Nº 25 PROMAX NEWSLETTER Nº 25 Velo? Pronti a Togliere il HD RANGER Evoluzione? No. Rivoluzione! MO-470: modulatore DVB-T2 TVHUNTER+: misuratore palmare DVB-T2 2 HD RANGER HD RANGER Rivoluzionare il mercato.

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI RICEZIONE DI SEGNALI TELEVISIVI IN TECNICA DIGITALE TERRESTRE

LINEE GUIDA PER L'INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI RICEZIONE DI SEGNALI TELEVISIVI IN TECNICA DIGITALE TERRESTRE LINEE GUIDA PER L'INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI RICEZIONE DI SEGNALI TELEVISIVI IN TECNICA DIGITALE TERRESTRE Versione: FINAL DRAFT vers. 1.2 Pubblicato sul sito www.dgtvi.it in data 20 aprile 2004 SINTESI

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

Pag 1 di 10 26 gennaio 09

Pag 1 di 10 26 gennaio 09 Giorno 1 Terzo rapporto sulla TV digitale terrestre Un nuovo operatore Sat:Tivù L offerta di contenuti La tecnologia (lato utente) Il Ministero delle Comunicazioni (FUB) Giorno 2 AGCOM (Corrado Calabrò)

Dettagli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete Maria Missiroli Cos è il DVB-H? Digital Television for Handheld terminals Il DVB-H non è solo TV, ma è data broadcasting per molti utenti con un singolo servizio.

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE MODELLO IES RELATIVO ALL ANNO 2011 La presente guida si propone di fornire le istruzioni per la compilazione del modello dell Informativa Economica di Sistema (IES) previsto dalla

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

SMB-05. Strumento per la misura DVB-T e Digitale terrestre. Manuale d uso

SMB-05. Strumento per la misura DVB-T e Digitale terrestre. Manuale d uso SMB-05 Strumento per la misura DVB-T e Digitale terrestre Manuale d uso INDICE Descrizione del prodotto 1. Guida... 1 1.1 Pannello frontale e pulsanti. 1 1.2 Pulsante di accensione. 3 1.3 Alimentazione

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La modalità Picture in Picture PiP permette di visualizzare due trasmissioni contemporaneamente in real time, la prima immagine a pieno schermo e la seconda in un riquadro più piccolo. Chiaramente basta

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE 2015

GUIDA ALLA COMPILAZIONE 2015 GUIDA ALLA COMPILAZIONE 2015 MODELLO IES RELATIVO ALL ANNO 2014 La presente guida si propone di fornire le istruzioni per la compilazione del modello dell Informativa Economica di Sistema (IES) previsto

Dettagli

NELLA sua riunione di Consiglio del 21 dicembre 1999 ed in particolare nella prosecuzione del 22 dicembre 1999;

NELLA sua riunione di Consiglio del 21 dicembre 1999 ed in particolare nella prosecuzione del 22 dicembre 1999; Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni Delibera n. 410/99 Regolamento relativo alla procedura di autorizzazione per il rilascio delle licenze individuali per i sistemi di comunicazioni mobili di

Dettagli

TELECOM ITALIA MEDIA BROADCASTING

TELECOM ITALIA MEDIA BROADCASTING TELECOM ITALIA MEDIA BROADCASTING CONDIZIONI ECONOMICHE RELATIVE ALLA CAPACITÁ TRASMISSIVA DISPONIBILE DELLE RETI DIGITALI TERRESTRI AI SENSI DELLE DELIBERE N. 109/07/CONS E N. 645/07/CONS 7 aprile 2008

Dettagli

QUALI TECNOLOGIE DI COMUNICAZIONE PER UN EUROPA SENZA FRONTIERE?

QUALI TECNOLOGIE DI COMUNICAZIONE PER UN EUROPA SENZA FRONTIERE? QUALI TECNOLOGIE DI COMUNICAZIONE PER UN EUROPA SENZA FRONTIERE? RADIOFONIA DIGITALE: POSSIBILE TRANSIZIONE VERSO UNO STANDARD UNICO? GIOVANNI MONTEFUSCO IL NOVECENTO: UN'EUROPA CHE VIAGGIA BENE AD ONDE

Dettagli

ACCORDO PRELIMINARE DI ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO. Tra

ACCORDO PRELIMINARE DI ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO. Tra ACCORDO PRELIMINARE DI ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO Associazione TVpopolare, con sede legale in Milano, Via Paleocapa n. 6 (Mi), CF e P. IVA n. 97575300153, in persona del legale rappresentante Maurizio

Dettagli

LA RADIOFONIA NELL ERA DIGITALE 1

LA RADIOFONIA NELL ERA DIGITALE 1 LA RADIOFONIA NELL ERA DIGITALE Dopo una breve sintesi sull evoluzione della fruizione radiofonica da parte degli utenti, l articolo passa in rassegna i nuovi standard dei sistemi per la diffusione della

Dettagli

SAF Centrale MATV a filtri agili selettivi

SAF Centrale MATV a filtri agili selettivi SAF Centrale MATV a filtri agili selettivi Descrizione SAF è la nuova centrale a filtri attivi programmabili per il filtraggio e la distribuzione di segnali TV terrestri, analogici o digitali. Disponibile

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETÀ IN. FORMA S.R.L. (SERVIZIO DI MEDIA AUDIOVISIVO IN AMBITO LOCALE RETEVERSILIA) PER LA VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CONTENUTE NELL ART. 8, COMMA 2, DELLA

Dettagli

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00

Filtraggio dei segnali. Soluzioni Fracarro. fracarro.com -50.00 -40.00 -30.00 20.00 -10.00 0.000 -20.00 Filtraggio dei segnali Soluzioni Fracarro 5.. 3.. 1...... -5. fracarro.com Cos'è LTE? Il termine LTE, acronimo di Long Term Evolution, è un nuovo standard internazionale, adottato dalla Comunità Europea,

Dettagli

La catena del nella TV analogica

La catena del nella TV analogica La catena del valore nella TV analogica Programma TV EMITTENTE Trasporto EMITTENTE Diffusione TV 1 frequenza = 1 programma TV UTENTE 2 La catena DTT diffusiva Programma TV A Programma TV B Head End, Multiplazione

Dettagli

Relazione al Governo e alle competenti Commissioni Parlamentari. (legge n.80/2005, art.7)

Relazione al Governo e alle competenti Commissioni Parlamentari. (legge n.80/2005, art.7) 2008 Relazione al Governo e alle competenti Commissioni Parlamentari (legge n.80/2005, art.7) Prefazione La Fondazione Ugo Bordoni, riconosciuta istituzione di alta cultura dalla legge 16 gennaio 2003,

Dettagli

DOMANDE PERVENUTE ENTRO IL 7 MARZO 2012 1. La Società consortile assegnataria di frequenza, può accedere ai contributi statali ex Legge n. 448/98?

DOMANDE PERVENUTE ENTRO IL 7 MARZO 2012 1. La Società consortile assegnataria di frequenza, può accedere ai contributi statali ex Legge n. 448/98? BANDO PER LE GRADUATORIE PER L ASSEGNAZIONE DEI DIRITTI D USO DELLE FREQUENZE PER LA TV DIGITALE TERRESTRE ALLE EMITTENTI TELEVISIVE LOCALI DELLE REGIONI PUGLIA/BASILICATA RICHIESTE DI INFORMAZIONI E CHIARIMENTI

Dettagli

3. LA RADIO 1. IL MERCATO RADIOFONICO

3. LA RADIO 1. IL MERCATO RADIOFONICO 3. LA RADIO 1. IL MERCATO RADIOFONICO Dopo un periodo di relativo interesse degli investitori pubblicitari e del pubblico, specie rispetto al mezzo televisivo, dalla fine degli anni novanta si registra

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Il sistema radiotelevisivo nazionale e l avvento della TDT. L ultima moda tecnologica: il DVB-H. Stefano Ciccotti

Il sistema radiotelevisivo nazionale e l avvento della TDT. L ultima moda tecnologica: il DVB-H. Stefano Ciccotti Il sistema radiotelevisivo nazionale e l avvento della TDT L ultima moda tecnologica: il DVB-H Stefano Ciccotti Ultimissime sulla TDT TV: DDL GENTILONI; FREQUENZE NON SARANNO RESTITUITE A STATO (2) SE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 75/14/CSP ARCHIVIAZIONE NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ R.T.I. S.P.A. (FORNITORE DEL SERVIZIO DI MEDIA AUDIOVISIVO IN AMBITO NAZIONALE IN TECNICA DIGITALE

Dettagli

Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA

Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA Il passaggio al digitale: IL CASO SARDEGNA Seminario interno di lavoro delle task force per il digitale terrestre Martedì 11 novembre ore 16:00 Camera di Commercio- Sala Consiglio (II piano) Via de Burrò,

Dettagli

Mobile TV Sviluppo del mercato e sinergie tra gli operatori

Mobile TV Sviluppo del mercato e sinergie tra gli operatori VALTER GOTTARDI Elettronica Industriale Mobile TV Sviluppo del mercato e sinergie tra gli operatori Bologna 23 Novembre 2005 0 Agenda Mobile TV e DVB-H La mobile TV nel mondo Approccio Mediaset al DVB-H

Dettagli

Implementazione rete LTE

Implementazione rete LTE Implementazione rete LTE Milano, 11 dicembre 2013 Riccardo Zanini Agenda LTE: caratteristiche e prestazioni Stazioni radio base: installazione ed integrazione Strategia e sviluppo della rete Agenda LTE:

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi

Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi Convegno SAT Expo Il mercato dei ricevitori DTT in Italia e le azioni di indirizzo svolte da DGTVi Giovanni VENUTI Telecom Italia 28 Settembre 2006 - Vicenza 1 Le vendite di Decoder Digitale Terrestre

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004. Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI

WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004. Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004 Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI Problematiche normative relative ai fornitori di contenuti

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Traccia n 1

Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Traccia n 1 Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Il candidato scelga e sviluppi una tra le seguenti tracce. Traccia n 1 Dopo aver rivoluzionato

Dettagli

SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA

SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA 30 VINCENZO MARIO SBRESCIA I SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI NEL MERCATO EUROPEO DELLA RADIOTELEVISIONE

Dettagli