Trading S.r.l. Piazza Martiri della Libertà, Novara (NO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trading S.r.l. Piazza Martiri della Libertà, 4-28100 Novara (NO)"

Transcript

1 Trading S.r.l. Piazza Martiri della Libertà, Novara (NO) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA I MAGGIO VIA F. FILZI in comune di Baranzate (MI) ANALISI DEGLI EFFETTI DELL INTERVENTO SULL AMBIENTE E VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA GEOLOGICA ai sensi della L.R. 12/2005 D.G.R. 6/44161/1999 Milano, settembre 2009 STUDIO IDROGEOTECNICO APPLICATO S.a.s. Dott. Ghezzi Efrem & C. Bastioni di Porta Volta Milano tel. 02/ fax 02/

2 Trading S.r.l. Piazza Martiri della Libertà, Novara (NO) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA I MAGGIO VIA F. FILZI in comune di Baranzate (MI) ANALISI DEGLI EFFETTI DELL INTERVENTO SULL AMBIENTE E VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA GEOLOGICA ai sensi della L.R. 12/2005 D.G.R. 6/44161/1999 Sommario 1 PREMESSA CARATTERISTICHE DEL P.I.I QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO PROGRAMMA DI TUTELA E USO DELLE ACQUE Contenuti del Programma Relazione con l intervento PIANO D AMBITO AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE PROVINCIA DI MILANO Contenuti del Piano Relazione con l intervento PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PROVINCIA DI MILANO Relazione con l intervento PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI MILANO Individuazione degli ATE Relazioni con l intervento STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI Piano Regolatore Generale di Baranzate Studio geologico di supporto alla pianificazione Fattibilità geologica Studio per l individuazione del reticolo idrografico minore GENERALITÀ SUL RUMORE E QUADRO NORMATIVO Aspetti generali sull'inquinamento acustico Modalità di diffusione del rumore Quadro di riferimento normativo MI2743RL_AGG_SET09.DOC 1

3 4 DESCRIZIONE DELLO STATO DELL AMBIENTE INQUADRAMENTO GEOLOGICO E GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO IDROGRAFICO IDROGEOLOGIA Classificazione delle unità idrogeologiche Caratteri piezometrici locali QUALITÀ DELLE ACQUE DI FALDA Stato idrochimico degli acquiferi captati VULNERABILITÀ INTEGRATA DEGLI ACQUIFERI CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA PRELIMINARE DEI TERRENI DI FONDAZIONE Metodologia di lavoro e specifica delle indagini Parametri ricavabili dalle prove penetrometriche Densità relativa (Dr) Angolo di attrito efficace (Φ') Modulo elastico (E) Modulo di compressibilità edometrico (Eed) Resistenza alla liquefazione (τ/σ) Risultati dell indagine geognostica Prove penetrometriche Stratigrafia Caratteristiche geotecniche ANALISI DEL RISCHIO SISMICO Sismicità di base ed azioni sismiche di progetto Scenari di pericolosità sismica locale Analisi di risposta sismica locale SOTTOSERVIZI Rete acquedottistica Rete fognaria CLIMA ACUSTICO Impostazione metodologica del lavoro Dati informativi sul territorio e sulle sorgenti di rumore Dati per la rappresentazione del territorio Valutazione del clima acustico: situazione attuale Descrizione delle misure effettuate Misure Campagna di misure Descrittori del rumore ambientale Protocolli di misura Analisi dei dati Informazioni e dati circa la disposizione spaziale degli edifici in progetto 83 5 QUADRO DEI VINCOLI SOVRAORDINATI E SINTESI CONOSCITIVA MI2743RL_AGG_SET09.DOC 2

4 6 INQUADRAMENTO PROGETTUALE QUALITÀ DEI SUOLI CARATTERISTICHE DELLE FONDAZIONI E STRUTTURE INTERRATE FABBISOGNO DI INERTI PER LA COSTRUZIONE E BILANCIO DELLE TERRE FABBISOGNI IDRICI Potabile Irrigui Condizionamento/riscaldamento GESTIONE DELLE ACQUE REFLUE IN FASE DI REALIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Gestione delle acque in fase di realizzazione Gestione delle acque in fase di funzionamento INTERAZIONI DEL PROGETTO SULLE COMPONENTI SUOLO- SOTTOSUOLO, AMBIENTE IDRICO, ARIA E CLIMA ACUSTICO SUOLO E SOTTOSUOLO AMBIENTE IDRICO FUNZIONALITÀ DEI SOTTOSERVIZI TECNOLOGICI RETI ACQUEDOTTISTICA E FOGNARIA TRAFFICO Stima delle emissioni da traffico Metodologia di stima delle emissioni da traffico Ipotesi di calcolo e dati in ingresso Archi stradali considerati Dati di traffico Analisi delle tipologie veicolari rilevati nell area di studio Ipotesi di evoluzione del parco circolante Stima delle emissioni negli scenari attuale e futuri Stima delle ricadute al suolo delle emissioni da traffico Limiti normativi Stima delle concentrazioni al suolo nei diversi scenari Conclusioni CLIMA ACUSTICO Valutazione di compatibilità Variazione del clima acustico introdotta dall intervento in oggetto 115 Allegati 1 Estratto P.R.G., estratto catastale 2 Prove penetrometriche dinamiche Risultati 3 Schede di identificazione e cartografie degli ATE Piano Provinciale Cave 4 Rete acquedottistica stato di fatto scala 1: Rete fognaria stato di fatto scala 1: Riepilogo delle tipologie delle superfici in progetto scala 1:2.000 MI2743RL_AGG_SET09.DOC 3

5 Tavole 1 Caratteri idrogeologici e di vulnerabilità scala 1: Caratteri geologico-tecnici scala 1: Sintesi degli elementi conoscitivi, Carta dei vincoli, Fattibilità geologica scala 1: Planivolumetrico di progetto scala 1: Valutazione del clima acustico scala 1:1.000 MI2743RL_AGG_SET09.DOC 4

6 1 PREMESSA Il Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) di Via I Maggio Via F. Filzi, localizzato nella porzione centro meridionale del territorio comunale di Baranzate (MI), ha in previsione una pluralità di destinazioni d uso comprendenti la funzione scolastica (scuola ed asilo nido) per la maggior parte della superficie del PII, ed in minor misura, la funzione residenziale, ricettiva (piscina ad uso pubblico), commerciale (negozi al piano terra), socio-sanitaria (recupero di una palazzina per sede ASL) e le attrezzature pubbliche (verde pubblico, parcheggi, camminamenti pedonali, ecc). Tale Programma, comportando variante urbanistica, e corredato dal presente documento che definisce il quadro ambientale allo stato di fatto, la compatibilità geologica dell intervento a scala locale e territoriale ed analizza gli effetti dell intervento relativamente a suolo, sottosuolo, ambiente idrico, aria e clima acustico. La presente relazione è stata redatto ai sensi dell art. 91 della l.r. 11 marzo 2005 n. 12 ed in conformità al punto 8 della d.g.r. 9 luglio 1999 n. 6/44161 Adempimenti previsti dall art. 7, comma 3 della legge regionale 12 aprile 1999, n. 9 Disciplina dei programmi integrati di intervento. MI2743RL_AGG_SET09.DOC 5

7 2 CARATTERISTICHE DEL P.I.I. Il Piano Integrato di Intervento relativo all area di Via I Maggio - Via F. Filzi prevede la riconversione di un area industriale dismessa in area a destinazione scolastica/residenziale/ricettiva/commerciale. È prevista la realizzazione di nuovi edifici a carattere: - scolastico: asilo nido e scuola privata ( International School of Milan comprendenti sezioni dalla scuola materna al liceo per complessivi 1300 alunni) con annesso auditorium e palestra per uso scolastico; - residenziale / commerciale (appartamenti e negozi al piano terra); - ricettivo: piscina destinata ad utenza pubblica (vasca delle dimensioni 20x10 m con una profondità media di 1.50 m); e la ristrutturazione di una palazzina con funzione socio-sanitaria. La scuola privata e le residenze comprendono un piano interrato ad uso parcheggi, cantine, locali tecnici. Nella seguente tabella vengono riportati i dati riepilogativi di carattere urbanistico e progettuale. DATI RIEPILOGATIVI VOLUMETRIA ESISTENTE mc VOLUMETRIA EDIFICATA mc BONUS 10% VOLUMETRIA mc VOLUMETRIA max TOTALE mc SLP max IN PROGETTO = volume /3,3 mq SLP e VOLUME MASSIMO AMMISSIBILE SUPERFICIE COMPATIBILE massima = 80% SLP mq SUPERFICIE RESIDENZIALE minima = 20% SLP mq SLP NUOVA COSTRUZIONE Sup. con destinazione residenziale mq Sup. con destinazione commerciale (negozi piano terra) mq. 550 Sup. con destinazione scolastica mq Sup. con destinazione auditorium, palestra e piscina mq MI2743RL_AGG_SET09.DOC 6

8 DATI RIEPILOGATIVI TOTALE SLP PROGETTO mq VOLUME NUOVA COSTRUZIONE VOLUME. con destinazione residenziale mc VOLUME con destinazione commerciale (negozi piano terra) mc VOLUME con destinazione scolastica mc VOLUME con destinazione auditorium, palestra e piscina mc TOTALE VOLUME PROGETTO mc SLP OPERE DI INTERESSE GENERALE in cessione Sup. con destinazione compatibile (PRECARIO PIANO 2 ) mq. 355 Sup. con destinazione compatibile con funzione Socio Sanitaria mq Sup. con destinazione Asilo Nido mq. 800 TOTALE mq RESIDENZA Sup. con destinazione residenziale libera mq 4635 Sup. con destinazione residenziale convenzionata (10%) mq. 515 TOTALE SLP RESIDENZIALE mq TOTALE VOLUMETRIA RESIDENZIALE DI PROGETTO mc AREE RICHIESTE PER SERVIZI PUBBLICI E DI INTERESSE PUBBLICO GENERALE STANDARD RICHIESTI per destinazione Edilizia residenziale (26,5mq/ab) mq STANDARD RICHIESTI per destinazione compatibile 1mq/mq mq. 355 PARCHEGGI DI USO PRIVATO scuola e annessi (3mq.per ogni 100mc) mq PARCHEGGI DI USO PUBBLICO asilo (3mq.per ogni 100mc) mq. 79 TOTALE AREE a STANDARD RICHIESTE mq MI2743RL_AGG_SET09.DOC 7

9 di cui per parcheggi (minimo) DATI RIEPILOGATIVI PARCHEGGI DI USO PUBBLICO RESIDENZA (3 mq. per ogni abitante) mq. 510 PARCHEGGI DI USO PUBBLICO asilo (3mq.per ogni 100mc) mq. 79 TOTALE PARCHEGGI DI USO PUBBLICO RICHIESTI mq. 589 AREE RICHIESTE PER SERVIZI PUBBLICI E DI INTERESSE PUBBLICO GENERALE DI PROGETTO Verde e camminamenti pedonali mq Area Asilo mq Parcheggi di uso pubblico a quota strada mq SUP a STANDARD REPERITE mq SUPERFICIE COMPARTO mq N ABITANTI VIRTUALI = volume x 0,01 ab. 170 INCIDENZA STANDARD/AB. VIRTUALI mq/ab 45 verifica reperimento dotazione di parcheggi PRIVATI PARCHEGGI PRIVATI DI USO PRIVATO (art. 48 NTA) richiesti per residenza (volume / 10) PARCHEGGI PRIVATI DI USO PRIVATO (art. 48 NTA) richiesti per scuola (volume / 10) mq mq PARCHEGGI in progetto residenza realizzati in interrato mq PARCHEGGI in progetto scuola realizzati in interrato mq MI2743RL_AGG_SET09.DOC 8

10 3 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO La compatibilità geologico-ambientale dell intervento muove innanzitutto dal confronto delle previsioni del Programma Integrato di Intervento con l insieme degli strumenti di programmazione del territorio. Il quadro di riferimento programmatico fornisce gli elementi conoscitivi necessari all individuazione delle possibili relazioni e coerenza tra l intervento in esame e gli atti di pianificazione e programmazione territoriale e settoriale. Si è, quindi, proceduto all esame dei seguenti documenti: salvaguardia e risanamento ambientale: Programma di tutela e uso delle acque (PTUA) Piano d Ambito Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Milano (PdA) protezione del paesaggio e aree vincolate: Programma di tutela e uso delle acque (PTUA); Piano Cave della Provincia di Milano; strumenti urbanistici comunali: Piano Regolatore Generale (P.R.G.) del Comune di Baranzate; 3.1 PROGRAMMA DI TUTELA E USO DELLE ACQUE Contenuti del Programma La Regione Lombardia, con l approvazione della l.r. 12 dicembre 2003 n. 26 Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche, in linea con quanto previsto dalla direttiva quadro sulle acque 2000/60/CE, ha indicato il Piano di gestione del bacino idrografico quale strumento regionale per la pianificazione della tutela e dell uso delle acque, stabilendo che, nella sua prima elaborazione, tale Piano costituisca il Piano di tutela delle acque previsto dal D.Lgs. 152/1999, all articolo 44. La proposta di PTUA è stata approvata dalla Giunta Regionale con d.g.r. 12 novembre 2004 n. 7/19359 ed è stata sottoposta a osservazioni varie. Sulla base dell istruttoria delle osservazioni pervenute è stato quindi adottato il Programma di Tutela e Uso delle Acque con d.g.r. 16 novembre 2005 n. 8/1083. A seguito dell adozione, il PTUA è stato inviato al parere di conformità delle due Autorità di Bacino insistenti sul territorio lombardo: l Autorità di Bacino nazionale del Fiume Po e l Autorità interregionale del Fissero-Tartaro-Canal Bianco. MI2743RL_AGG_SET09.DOC 9

11 L Autorità di Bacino del Fiume Po ha espresso il parere di conformità rispetto agli indirizzi espressi con le Deliberazioni 6/02, 7/02 e 7/03 del Comitato Istituzionale, nel Comitato Tecnico del 21 dicembre Il PTUA è stato definitivamente approvato con d.g.r. 29 marzo 2006 n. 8/2244. Esso costituisce un atto comprensivo delle diverse discipline attinenti al tema della tutela e dell uso della risorsa idrica e dell ambiente ad essa interconnessa; rappresenta altresì lo strumento di riferimento a disposizione della Regione e delle altre amministrazioni per il raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corpi idrici fissati dalle Direttive Europee, consentendo di attivare un azione di governance nell articolato settore delle acque. Il PTUA prevede infatti la tutela integrata degli aspetti qualitativi e quantitativi dei corpi idrici individuati come significativi (All. 1 del D.Lgs. 152/99) per raggiungere o mantenere gli obbiettivi minimi di qualità ambientale e gli obbiettivi di qualità per i corpi idrici a specifica destinazione funzionale. Il PTUA è strutturato in due componenti differenti, ossia: una prima componente descrittivo-ricognitiva costituita da una descrizione generale delle caratteristiche del bacino idrografico, da una sintesi delle pressioni e degli impatti significativi esercitati dall'attività antropica sulle acque superficiali e sotterranee, e dall individuazione delle aree sensibili, vulnerabili e di salvaguardia; una seconda fase propositiva in cui vengono indicati gli obiettivi e le misure di intervento da perseguire. Per il caso specifico di interesse relativo alle infrastrutture idriche del settore acquedottistico e depurativo, il PTUA. ha recepito e integrato i risultati dell attività di ricognizione delle opere e degli schemi depurativi realizzate nel PRRA aggiornandoli in conformità agli approfondimenti nel frattempo intercorsi per la verifica delle situazioni di incongruenza tra i dati di ricognizione e le previsioni del PRRA. Come già detto, l approvazione definitiva del PTUA ha comportato il recepimento dell intero PRRA all interno del PTUA stesso e la sua contestuale e sostanziale abrogazione. Tra gli strumenti di attuazione del Piano di gestione, di cui il PTUA rappresenta lo strumento regionale per la pianificazione della tutela e dell uso delle acque, figurano i regolamenti regionali previsti dagli articoli 52, comma 1 e 53, comma 1 della l.r. 26/2003 e s.m.i., ed in particolare, per le relazioni con il PII in oggetto: MI2743RL_AGG_SET09.DOC 10

12 il Regolamento regionale 24 marzo 2006 n. 2 Disciplina dell uso delle acque superficiali e sotterranee, dell utilizzo della acque a uso domestico, del risparmio idrico e del riutilizzo dell acqua in attuazione Disciplina e regime autorizzatorio degli scarichi di acque reflue domestiche e di reti fognarie, in attuazione dell articolo 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 fornisce all art. 6 disposizioni finalizzate al risparmio e riutilizzo della risorsa idrica per i progetti di nuova edificazione; il Regolamento regionale 24 marzo 2006 n. 3 Disciplina e regime autorizzatorio degli scarichi di acque reflue domestiche e di reti fognarie, in attuazione dell articolo 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26, fornisce al Titolo III, Capo II indicazioni sulla disciplina degli scarichi di acque reflue urbane provenienti da agglomerati con popolazione equivalente inferiore a 2000 a.e.; il Regolamento regionale 24 marzo 2006 n. 4 Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell art. 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 fornisce indicazioni in merito alla regolamentazione, raccolta e scarico delle acque di prima pioggia Relazione con l intervento Un importante indicazione riportata all interno del PTUA è l individuazione delle aree sensibili in Lombardia essendo tale aspetto vincolante per i limiti dello scarico da rispettare. Nella tavola 8 Individuazione delle zone vulnerabili, il comune di Baranzate rientra tra quelli classificati come Zone non vulnerabili. Si prende però atto che l intero territorio regionale (ad esclusione di limitate aree della Val di Lei e del bacino di Spoel) costituisce parte del bacino drenante al delta del Po e all area costiera dell Adriatico Nord-Occidentale, così come indicato nell art. 3 della Deliberazione n. 7/2004 del Comitato Istituzionale dell Autorità di Bacino del Po e pertanto rientra nelle aree sensibili designate dal D.Lgs. 152/99. Di fatto questo è un problema che ha connessioni soltanto con il sistema di gestione dei reflui di varia natura, civili, industriali e meteorici che, per quanto previsto, il progetto nel suo insieme può produrre. In riferimento alla gestione delle acque meteoriche, il PTUA indica in Appendice G alle Norme Tecniche di Attuazione, che occorre privilegiare la raccolta separata delle acque meteoriche non suscettibili di essere contaminate e il loro smaltimento sul suolo o negli starti superficiali del sottosuolo, e in via subordinata, in corpi idrici superficiali, evitando aggravi per le reti fognarie. In MI2743RL_AGG_SET09.DOC 11

13 particolare, nelle aree di ampliamento o espansione residenziale, in cui non è configurabile un apprezzabile contaminazione delle acque meteoriche, è da prevedere il totale smaltimento in loco delle acque dei tetti e delle coperture delle superfici impermeabilizzate. In riferimento alla tematica Definizione delle aree di ricarica e di riserva delle zone di pianura riportata nel PTUA in Allegato 11 e Tav. 9, si osserva che il territorio di Baranzate ricade entro la zona di ricarica degli acquiferi profondi, ovvero nella parte di pianura con specifica predisposizione a favorire l alimentazione delle falde acquifere fino a notevole profondità. 3.2 PIANO D AMBITO AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE PROVINCIA DI MILANO Contenuti del Piano Il Piano d Ambito (PdA) costituisce il mezzo di controllo del Servizio Idrico Integrato (captazione, adduzione, distribuzione, scarico, depurazione, riciclaggio), in quanto punto di riferimento per la definizione della Convenzione per l affidamento del servizio stesso tra l Autorità d ambito e il soggetto affidatario (Gestore che organizza ed eroga il servizio e dà attuazione al Piano), prevista ai sensi dell art. 11, comma 2 della L. 5 gennaio 1994 n. 36 Disposizioni in materia di risorse idriche (conosciuta come Legge Galli). Il PdA dell Ambito Territoriale Ottimale (ATO) della Provincia di Milano è stato approvato dalla Conferenza ATO Provincia di Milano con Deliberazione n. 9 del 6 luglio Il PdA è stato sviluppato in accordo alla metodologia approvata dalla Regione Lombardia con d.g.r. 28 marzo 2003 n. 7/12577 Definizione della metodologia per l elaborazione del Programma d Intervento e per la redazione del Piano Finanziario in materia di servizio idrico integrato, ai sensi dell art. 5 della l.r. 21 ottobre 1988 n. 21. Secondo tale metodologia, il PdA provvede a definire: la domanda e i livelli obiettivo di servizio; le criticità strutturali e organizzative nel contesto di ciascun servizio; le strategie d intervento e gli ulteriori elementi ritenuti necessari per il conseguimento degli obiettivi in materia, tra cui: 1) predisposizione del piano degli interventi; 2) definizione del modello gestionale organizzativo; 3) elaborazione del piano economico-finanziario; Il Piano è così organizzato: MI2743RL_AGG_SET09.DOC 12

14 Capitolo 1 Relazione riassuntiva generale Capitolo 2 La Pianificazione Regionale e di Settore Capitolo 3 Inquadramento territoriale e socio-economico Capitolo 4 Stato di fatto dei Servizi Idrici Capitolo 5 Piano degli interventi Capitolo 6 Affidamento del Servizio Idrico Integrato Capitolo 7 Piano tariffario Capitolo 8 Modello gestionale e Piano economico-finanziario Il PdA è corredato da 7 Monografie, una per ciascun comprensorio dell ATO, contenenti il quadro conoscitivo territoriale ed infrastrutturale a supporto delle scelte del Programma stralcio, lo stato di qualità ambientale e l individuazione del fabbisogno di infrastrutture fognarie, di collettamento e depurazione per assicurare il rispetto degli obblighi comunitari e legislativi. Nel capitolo 4 del PdA viene presentato lo stato di fatto dei servizi idrici organizzato per enti gestori, basato sulla estrapolazione di tutti i dati numerici e grafici già acquisiti in seno al PRRA, comprese le modifiche apportate con le osservazioni al Piano e sulla ricognizione effettuata nel 2002 delle infrastrutture dei Pubblici Servizi di Acquedotto, Fognatura e Collettamento/Depurazione. L analisi comparata tra i dati della Ricognizione 2002 e quelli, se pur obsoleti, del PRRA ha permesso di individuare le principali criticità che richiedono interventi urgenti: Settore acquedotto fragilità del sistema di approvvigionamento per manifesta bassa qualità delle falde, che impone il trattamento di ¾ del volume giornaliero emunto sull intero territorio dell ATO; età media ponderale delle reti di distribuzione assai elevata (40-50 anni); ridotto volume dei serbatoi di compenso (stimato intorno al 5%) che determina elevati consumi energetici; scarsa se non nulla integrazione tra i sistemi acquedottistici che non permette l attivazione di misure di sussidiarietà. Settore fognature elevato numero di reti non allacciate a presidi depurativi; età media delle reti fognarie comunali (35-40 anni) già prossima alla vita massima teorica per la tipologia dei manufatti esistenti; elevato numero di scolmatori (compresi i troppi pieni delle stazioni di sollevamento) che, da un lato, non sono stati conformati ai variati carichi che si producono nei bacini serviti e, dall altro, sono generalmente privi di vasche di accumulo (prima pioggia); copertura del servizio non ottimale; MI2743RL_AGG_SET09.DOC 13

15 carenza quasi assoluta di sistemi (e metodi) atti a ridurre le portate meteoriche drenate. Ciò incide in maniera sostanziale sul regime di piena dei corpi idrici recettori con conseguente accrescimento del rischio idrogeologico dei territori di valle; ridotta per non dire assente presenza di reti separate. Settore Collettamento/Depurazione impianti di collettamento incompleti in alcune aree provinciali; impianti di collettamento al limite della capacità ricettiva per l elevata immissione di portate meteoriche diversamente non smaltite dai comuni; anzianità delle opere di collettamento; impianti di trattamento in molti casi al limite della potenzialità teorica; impianti di trattamento attualmente non idonei a rispettare i limiti allo scarico richiesti dal Piano di Tutela; non completa attuazione degli schemi depurativi previsti dalla Delibera di approvazione del PRRA. Una parte dell onere complessivo degli interventi individuati nei Piani Stralcio viene coperta con l Accordo di Programma Quadro (AdPQ), di cui si è già parlato nel paragrafo 2.2. Ulteriori contributi possono essere reperiti attraverso il Programma Nazionale degli interventi nel settore idrico (PNISI), ai sensi dell art. 4, commi 35 e 36 della legge 24 dicembre 2003 n. 350 (Finanziaria 2004) e attraverso una Convenzione ATO finalizzata alla progettazione di opere fognarie Relazione con l intervento Per il comune di Baranzate, ricompreso nel Comprensorio 2 (Nord Milano) Area Omogenea 1, non sono stati individuati specifici interventi in materia di acquedotto, collettamento, depurazione e fognatura. 3.3 PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PROVINCIA DI MILANO Il PTCP della Provincia di Milano è stato approvato con D.c.p. del 14 ottobre 2003 n. 55 e con d.g.p. 884/05 del 16 novembre 2005, è stato avviato l adeguamento del PTCP vigente alla nuova legge regionale. Esso riguarda l intero territorio provinciale e, nel quadro della strumentazione territoriale e di settore, in considerazione anche delle scelte urbanistiche comunali, persegue le seguenti finalità: tutela dell ambiente, dell integrità fisica e dell identità culturale propria di ciascuna parte del territorio; miglioramento qualitativo del sistema insediativo e infrastrutturale; MI2743RL_AGG_SET09.DOC 14

16 equità sociale tale da garantire uno sviluppo sostenibile del territorio provinciale. indirizzo e orientamento nella definizione degli strumenti urbanistici comunali. Ai sensi dell art. 13 comma 5 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 Legge per il governo del Territorio e come indicato al punto 1 dell Allegato alla d.g.p. 24 maggio 2006 n. 332 Indicazioni per l attività istruttoria provinciale in ordine alla valutazione di compatibilità degli strumenti urbanistici comunali con il PTCP nel periodo transitorio sino all adeguamento del PTCP vigente alla LR 12/05, la Provincia valuta la compatibilità rispetto al PTCP dello strumento urbanistico comunale, con valore orientativo e di indirizzo. La valutazione consiste nella verifica: delle aree e degli elementi costitutivi il sistema paesistico-ambientale e di difesa del suolo; delle condizioni di mobilità e dei relativi requisiti volti ad assicurare l interrelazione tra lo sviluppo degli insediamenti e le reti infrastrutturali; delle indicazioni per il sistema insediativo Relazione con l intervento L analisi del tematismo Difesa del suolo, preso in esame nelle NdA, Parte II, Titolo I, Capo I, II e III del piano stesso e illustrato nella Tav. 2d (Difesa del suolo), il cui stralcio relativo al sito in esame è illustrato nelle Fig. 1, evidenzia che l area oggetto di PII non ricade entro ambiti a rischio idrogeologico, ma ricade parzialmente entro il perimetro di un area dismessa (art. 48 Aree dismesse ed aree di bonifica ). In tali aree gli indirizzi del PTCP sono finalizzati a: b) promuovere il recupero delle are dismesse e di quelle da bonificare per il contenimento di consumo del suolo; c) eliminare la contaminazione dei suoli e delle acque e/o il rischio relativo alla propagazione degli inquinanti; d) evitare nuovi eventi di contaminazione. Gli interventi urbanistici dovranno essere realizzati prioritariamente in corrispondenza delle are dismesse, previa verifica della compatibilità ambientale. Per quanto riguarda il tematismo Sistema dei vincoli paesistico-ambientali illustrato in Tav. 5a del PTCP, l area non è interessata dalla presenza di elementi ed ambiti vincolati ex D. Lgs. 490/99, di vincoli di difesa del suolo, aree protette (Figura 3.2). MI2743RL_AGG_SET09.DOC 15

17 Figura 3.1 Tematismo Difesa del suolo MI2743RL_AGG_SET09.DOC 16

18 Figura 3.2 Tematismo sistema dei vincoli paesistico ambientali 3.4 PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI MILANO Il Piano delle Cave della Provincia di Milano, approvato con Delibera di Consiglio Regionale 16/05/2006 n. 8/166, è stato elaborato in conformità a I criteri e le direttive per la formazione dei Piani provinciali delle cave emanati dalla Regione Lombardia con D.G.R. n. 6/41714 del 26 febbraio 1999, in applicazione all art.5 della L.R. 14/98 e nel rispetto dei contenuti dell art.6 della medesima legge. Il Piano possiede i seguenti elementi costitutivi: relazione tecnica o individuazione dei giacimenti sfruttabili; o indicazione dei bacini di utenza; o analisi dei fabbisogni e stima quantitativa dei materiali da estrarre; o definizione dei bacini di produzione; o definizione degli Ambiti Territoriali Estrattivi (ATE); o determinazione dell assetto finale dell area estrattiva e destinazione finale dell ATE; MI2743RL_AGG_SET09.DOC 17

19 o identificazione delle cave cessate; o identificazione di aree di riserva di materiale di riserva per opere pubbliche; normativa tecnica di attuazione con allegati o allegato A - schede e carte degli ATE (scala 1:10.000) o allegato B - schede e carte delle Cave di recupero (scala 1:10.000) o allegato C - schede e carte delle Cave di riserva (scala 1:10.000) o allegato D - schede e carte dei giacimenti sfruttabili (scala 1:10.000) elementi istruttori a) relazione dei fabbisogni e relative produzioni b) relazione geologico-mineraria con allegati: Carta idrogeologica in scala 1: Carta delle risorse in scala 1: c) Relazione illustrativa dell uso del suolo e della vegetazione con allegato: Carta dell uso del suolo e della vegetazione in scala 1: d) Relazione ambientale e vincoli con allegato: Carta dei vincoli in scala 1: La novità saliente apportata dalla nuova legge regionale è l introduzione del concetto di ATE (Ambito Territoriale Estrattivo), per il quale tutte le aree connesse con l attività entrano nell ambito di applicazione del Piano Individuazione degli ATE Nella zona in esame, per il settore merceologico sabbia e ghiaia ed all interno del bacino territoriale 3, in base alla distribuzione geografica rispetto al comune di Baranzate, sono presenti gli ATE elencati nella Tab. 1. Per ATE si intende l unità territoriale di riferimento in cui è consentita l attività estrattiva nel periodo di validità del Piano. In Allegato 4 al presente documento sono contenute le schede di identificazione e le cartografie degli ATE individuati, con relativa legenda, desunti dall All. A della normativa tecnica di attuazione del Piano Provinciale Cave. MI2743RL_AGG_SET09.DOC 18

20 Tabella 3.1 ATE in esercizio ATE Denominazione Comune Superficie area Volume di estrattiva (m 2 ) piano (m 3 ) ATEg14 Cava Vallette Nova Milanese, NO1 Paderno Dugnano ATEg15 Cava Incirano Paderno Dugnano PD1 ATEg16 Cava Cassina Bollate, Senago Nuova SN1 ATEg17 Cava Castelletto LMB2 Limbiate, Senago Negli estratti cartografici di tali ambiti vengono indicate con differenti retinature e simbologie le seguenti aree: aree estrattive (sopra falda) corrispondenti alle aree in cui è prevista l estrazione di sostanze minerali di cava, con apposita sigla riservata alle differenti modalità di coltivazione; settori con attività estrattiva in corso e/o cessata (sopra e sotto falda); aree di impianti e stoccaggio, adibite ad attività di lavorazione/deposito dei materiali.. Nel Piano Provinciale Cave (in All. D alla normativa tecnica di attuazione) vengono altresì individuati i giacimenti sfruttabili. Per le tre aree in esame si riconoscono rispettivamente gli ambiti G14 (Vallette Paderno Dugnano) e G15 (Incirano Paderno Dugnano), G16 (Via Corridoni Senago) e G17 (Castelletto Limbiate, Senago). La Provincia di Milano ha ritenuto di limitare e circoscrivere la porzione di giacimento sfruttabile nel decennio di piano con il perimetro dell ambito (ATE) Relazioni con l intervento L area del Piano Integrato di Intervento è collocata a sud-ovest rispetto all ubicazione degli ATE, ad una distanza rispettivamente di circa 4.5 km dall ATEg16, 6.8 km dall ATEg17, 8 km dall ATEG15, 8,7 km dall ATEg14, non avendo quindi interferenze con l attività estrattiva. La presenza di un area estrattiva vicina potrà essere considerata positivamente in termini di individuazione del punto ottimale di approvvigionamento e/o smaltimento di materiale inerte derivante dalle attività in progetto. MI2743RL_AGG_SET09.DOC 19

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico

Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico Provincia di Cuneo Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico Approvato con Deliberazione del C. C. 26/06/2007, n. 53. Sede Legale Piazza Caduti della Libertà 14 12042 BRA (CN) - Telefono

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

La legge quadro sull inquinamento acustico

La legge quadro sull inquinamento acustico La legge quadro sull inquinamento acustico MASSIMO DONZELLINI** - FRANCESCO FERRARI *** - VALERIO MANZONI*** MARIO NOVO* 1. INTRODUZIONE L inquinamento da rumore, dovuto alle varie attività umane, traffico

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno Comune di Ostellato Provincia di Ferrara Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno TITOLO I - GENERALITA...3 Art. 1 - Ambito di applicazione...3

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli