Bilancio Ambientale del Comune di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Ambientale del Comune di Bologna"

Transcript

1 Bilancio Ambientale del Preventivo 2015 a cura del Dipartimento Riqualificazione Urbana

2 Coordinamento generale Marika Milani- Capo Dipartimento Riqualificazione Urbana Roberto Diolaiti Direttore Settore Ambiente e Energia Coordinamento operativo Giovanni Fini Settore Ambiente e Energia Redazione R. Guêze, C. Caranti, S. Zagnoli- Settore Ambiente e Energia Gruppo di lavoro L. Cantagalli, L. Dal Pozzo, D. Di Pietro, C. Giardino, R. Mazzetti, C. Savoia, N. Sovilla, F. Tutino, D. Zappi Settore Ambiente e Energia G.M. Cuppini, E. Tassillo Settore Mobilità Sostenibile

3 Indice Introduzione Bilancio Ambientale Preventivo 2015 della città di Bologna Azioni per il raggiungimento dei target Bilancio Ambientale Preventivo 2015 interno all'amministrazione Comunale...16 Allegato: Schede sintetiche degli indicatori

4 Introduzione Premessa al bilancio preventivo 2015 Cos è il Bilancio Ambientale Il Bilancio Ambientale è uno strumento Volontario di trasparenza che l ente pubblico decide di adottare attraverso i propri organi istituzionali. Il 1 Bilancio Ambientale del è stato approvato nel 2003 seguendo la metodologia ecobudget e ad oggi sono stati approvati 14 Bilanci Ambientali tra consuntivi e preventivi. Se è vero che l'obiettivo prioritario dell'azione di un ente locale è quello di assicurare la qualità della vita dei cittadini utilizzando le risorse a disposizione, allora è necessario disporre degli strumenti che consentono di valutare la consistenza di queste risorse e programmarne un utilizzo compatibile con questa consistenza. Su questo principio funziona il sistema di programmazione e rendicontazione delle risorse economiche, ma anche la programmazione dell'uso di altre tipologie di risorse non meno importanti - come il personale -, che è soggetta a disciplina normativa specifica ed articolata e rappresenta un importante capitolo per il raggiungimento degli obiettivi dell'ente La programmazione delle risorse ambientali non è invece disciplinata da normative nazionali o regionali, per quanto negli anni passati siano state presentate diverse proposte di legge che facevano tesoro delle differenti esperienze intraprese da alcune città italiane. Cionondimeno l'utilizzo di uno strumento di programmazione delle risorse ambientali, la cui finitezza appare per diversi motivi ogni giorno più evidente, è da considerarsi una importante opportunità. La stessa carta europea delle città sostenibili (Carta di Aalborg) recita al paragrafo 1.14: Le città si impegnano a [...] istituire nuovi sistemi di contabilità e bilancio ambientale che consentano di gestire le risorse naturali in maniera economica analogamente alla gestione del denaro, risorsa artificiale per eccellenza. A livello regionale è stato presentato nel 2006 un progetto di legge sulla contabilità ambientale; anch'esso non ha terminato l'iter di approvazione. Il principale riferimento per la redazione dei Bilanci Ambientali è quindi costituito dalle linee guida redatte da ISPRA nel 2009 il Bilancio Ambientale negli enti locali. Alla stesura delle linee guida ha contribuito anche il. In termini generali, il bilancio ambientale raccoglie dati tecnici di base fisici e monetari. È uno strumento contabile in grado di fornire un quadro organico delle interrelazioni dirette tra l'ente e l ambiente naturale, attraverso la rappresentazione dei dati quantitativi e qualitativi relativi all impatto ambientale delle politiche dell'ente. Il bilancio ambientale di Bologna è basato sul metodo ecobudget, uno strumento di gestione ambientale sviluppato da ICLEI nel 1987 appositamente per le autorità locali. ecobudget è concepito come conscia imitazione del budget finanziario. ecobudget è stato sviluppato allo scopo di pianificare, monitorare e rendicontare (e quindi migliorare) l uso delle risorse ambientali a livello locale. ecobudget applica principi e procedure di bilancio finanziario alla gestione delle risorse naturali, ma non cerca di assegnare valori monetari all ambiente, né di esprimere gli impatti sull ambiente in termini economici. E stato sperimentato 4

5 dapprima in Germania (1996) e successivamente anche in diversi paesi europei (Italia) con il progetto European ecobudget, di cui Bologna è stata partner. A differenza di altri metodi ecobudget non intende monetizzare l ambiente, ma è basato su indicatori ambientali dati in quantità fisiche. Con ecobudget l'ente locale dà conto dei propri impegni ambientali attraverso un processo di: esplicitazione di politiche e azioni ambientali dell amministrazione individuazione degli effetti che tali politiche e azioni hanno determinato individuazione di indicatori fisici sullo stato dell ambiente e sui risultati delle politiche 5

6 1. Bilancio Ambientale Preventivo 2015 della città di Bologna Contenuti delle tabelle di bilancio A partire dal Bilancio Preventivo 2014 si è scelto di riportare in due tabelle separate le risorse ambientali. Nella prima tabella (TAB.1) sono presentati gli indicatori che compongono il Bilancio Ambientale Preventivo del per i quali esistono dei riferimenti normativi o derivanti da piani e/o programmi sovraordinati per la definizione dei target, mentre nella seconda tabella (TAB 2) sono presentati gli indicatori derivanti da progetti specifici dell'amministrazione comunale i cui target sono definiti da un impegno volontario sottoscritto dal comune di Bologna. Nelle colonne delle tabelle vengono riportati: risorsa: elemento che viene considerato rilevante per l'analisi della qualità ambientale indicatore ambientale: valore misurato relativo alla risorsa presa in esame (si veda l'allegato per approfondimenti) valori di riferimento: anno significativo per l'indicatore, ad esempio anno dell'entrata in vigore di una legge, il manifestarsi di un evento ambientale significativo o un cambiamento tecnologico rilevante, cambio modalità di calcolo e dal quale si può calcolare un trend. Di seguito vengono riportati gli eventi legati all anno di riferimento che risultano fondamentali per l analisi di valori e target: prima tabella qualità dell'aria (2000): Adeguamento della rete regionale di monitoraggio della qualità dell'aria nella provincia di Bologna dettato dall'esigenza espressa nella direttiva 1999/30/CE dell'unione Europea di rendere omogenei e confrontabili tutti i dati rilevati negli stati membri. materie prime (2000): Istituzione dell Osservatorio Provinciale dei Rifiuti clima acustico ( ): Entrata in esercizio del nuovo sistema di monitoraggio acustico aeroportuale integrato con le tracce radar. clima acustico (2012): Anno di svolgimento delle misure acustiche nell ambito del Piano della Pedonalità. acqua potabile (2004): Quadro conoscitivo/anno di monitoraggio precedente all approvazione del Piano di Tutela della Acque (PTA) della Regione Emilia-Romagna seconda tabella energia (1997): Sottoscrizione del Protocollo di Kyoto, il trattato internazionale che fissa le linee guida generali per la riduzione delle emissioni inquinanti responsabili del riscaldamento globale. cambiamenti climatici (2005): Anno base degli inventari del PAES. verde (2012): Anno di inizio piantagioni del progetto GAIA-FORESTAZIONE valori bilancio 2013: valore dell indicatore relativo all'ultimo bilancio consuntivo approvato Bilancio Ambientale Consuntivo 2013; target 2015: nuovo target da raggiungere entro dicembre 2015; target di mandato 2016: target di medio periodo coincidente con la fine del mandato politico; riferimenti di legge: indicazione normativa o di pianificazione per la definizione dei target annuali e di mandato. 6

7 riferimenti progetti comunali: indicazione del progetto specifico dal quale deriva l'impegno per la definizione dei target Gli indicatori segnalati in verde sono stati inseriti a partire dal 2012, con riferimento al monitoraggio delle azioni previste dal mandato amministrativo 2011/2016. I dati del bilancio ambientale sono consultabili anche sul sito noibologna grafici per raccontare la città (http://statistica.comune.bologna.it/100grafici/ambiente-e-territorio) a cura del Settore statistica per capire le più importati trasformazioni demografiche, economiche, sociali ed ambientali della città felsinea. 7

8 TAB1: Risorse ambientali con indicatori disciplinati dalla normativa Bilancio Ambientale Preventivo 2015 della Città di Bologna RISORSA QUALITÀ DELL'ARIA MATERIE PRIME CLIMA ACUSTICO ACQUA POTABILE Indicatore ambientale (in verde i nuovi indicatori) Concentrazioni di PM10 centralina via San Felice (µg/m 3 ) Concentrazione ossido di azoto (NO 2 ) centralina via S.Felice (µg/m 3 ) Concentrazioni di PM10 centralina Piazza Maggiore (µg/m 3 ) Raccolta differenziata: incidenza sulla produzione totale RSU (%) Monitoraggio acustico aeroportuale (Centralina campo sportivo Pizzoli) [indice LVA - db(a)] Monitoraggio acustico zona T via Rizzoli [LAeq medio diurno e notturno - db(a)] Consumi idrici (l/ab g) Perdite di rete (%) Valore di riferimento 64 (2000) 79 (2000) 65 (2012) 21,4 (2000) 64,1 ( ) 71,4 68 (2012) 260 (2004) 18 (2004) Valore bilancio 2013 Target 2015 Target di mandato ,2 61,2 2 62,3 71,4 66 n.d <15 Riferimenti di legge 40 (D.Lgs. 155/2010) 40 (D.Lgs. 155/2010) 40 (D.Lgs. 155/2010) 65 (D.Lgs. 152/2006) 65 (D.M. 31/10/1997) 65/55 (D.M. 16/03/1998) 220 (Piano Tutela delle Acque) 222 (Piano di Conservazione della Risorsa) 15 Piano d Ambito, Conv. con Gestore Servizio Idrico Integrato 1 Nel 2015 non verrà effettuato il monitoraggio in via Rizzoli, a causa del cantiere aperto BOBO 2 (*) in considerazione della recente entrata in esercizio del sistema ILS per pista 30, allo stato attuale non è possibile formulare delle previsioni dell'indicatore in oggetto per il A tal fine si ripropone, a puro titolo indicativo, il target fissato l'anno scorso. 3 Per quest'anno non è previsto il monitoraggio nella zona T 4 Dato disponibile Perdite di Rete non scorporate da quelle amministrative Amministrative: (Immesso stimato- Venduto)/immesso stimato=26% 8

9 TAB 2 : Risorse ambientali con indicatori non disciplinati dalla normativa RISORSA Indicatore ambientale (in verde i nuovi indicatori) Valore di riferimento Valore bilancio 2013 Target 2015 Target di mandato 2016 Riferimenti progetti comunali VERDE Nuovi alberi piantati (n.) GAIA-FORESTAZIONE URBANA, Sentieri collinari (km) - 11,8 11,8 21,1 - ENERGIA Produzione energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione (MWh) Consumi elettrici nel settore residenziale (usi domestici) (2006) (MWh) (1997) (2014) Patto dei Sindaci (PAES) Patto dei Sindaci (PAES) 5 Dato corretto rispetto al dato pubblicato nel precedente consuntivo (pari rispettivamente a kwh (2006) e (2011). Consumo procapite domestico ISTAT per numero abitanti secondo Ufficio Statistica del 9

10 2. Azioni per il raggiungimento dei target 2015 Le azioni previste nel 2015 per il raggiungimento dei target riguardano quelle macroaree il cui monitoraggio è fondamentale per definire la qualità ambientale dell ecosistema, e sulle quali si può intervenire con azioni per il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla normativa nazionale e dai Piani e Programmi approvati dal. Di seguito vengono elencate le risorse/tematiche prese in considerazione nel Bilancio Ambientale Preventivo 2015 ed i relativi indicatori. QUALITÀ DELL'ARIA Indicatori:CONCENTRAZIONI PM10, NO 2 Prosecuzione interventi previsti da attuazione del PGTU approvato nel giugno 2007 e attuazione degli obiettivi previsti dal piano di pedonalità Di nuovo in centro. Trasporto pubblico locale: - Interventi di riqualificazione stradale delle vie Ugo Bassi, Rizzoli ed Amendola, propedeutici per i successivi cantieri di TPER che porteranno all entrata in servizio del sistema di trasporto pubblico Crealis; - Installazione di nuovi sistemi di protezione delle corsie preferenziali mediante l installazione di ulteriori varchi di telecontrollo delle corsie bus (RITA). Integrazione tra sistemi di trasporto collettivi: - Potenziamento del supervisore del traffico (CISIUM) attraverso la pubblicazione di una piattaforma pubblica per la pianificazione degli itinerari (con indicazione dei tempi di percorrenza, informazioni sulle linee e fermate autobus) Mobilità ciclo-pedonale urbana e percorsi sicuri casa-scuola: - Realizzazione di 13 km di piste ciclabili: Completamento "Tangenziale delle biciclette" (Grada - Stazione, Porta San Mamolo - Giardini Margherita, Giardini Margherita - Porta Maggiore, Porta San Vitale - Porta Mascarella); Viale Togliatti; Via Belmeloro - G.C. Croce (connessione ciclabile Porta San Vitale - Zona Universitaria); Via Azzurra; Via Zanolini; Via San Donato (da Hotel Savoia a Rotonda Visconti); Connessione ciclabile Giardino Pasolini / Meraville; Continuità ciclabile su Via Borghese - Nenni - La Pira; Accessibilità ciclabile "ITIS Belluzzi"; Via dell'aeroporto; Via Torino. - Completamento interventi avviati sui percorsi sicuri casa-scuola e studio di nuovi progetti; - Pedibus: proseguimento e consolidamento dei progetti avviati con possibile implementazione dell'attività attraverso il coinvolgimento di nuove scuole; - Progetti di nuovi attraversamenti pedonali semaforizzati. 10

11 Rinnovo parco veicolare - Azioni per confermare i risultati ottenuti negli ultimi anni: oltre il 17% delle auto circolanti sono alimentati con carburanti a basso impatto ambientale; - Conferma agevolazioni sosta per veicoli meno inquinanti con possibile revisione contrassegni per accessi; - Esenzione per i veicoli meno inquinanti dalle limitazioni alla circolazione; - Struttura del piano merci per i contrassegni operativi. Promozione mobilità con veicoli a trazione elettrica - Proseguimento gestione/distribuzione incentivi all acquisto di biciclette in attuazione di un progetto sperimentale volto a riequilibrare il modal split moto/bici. Dall avvio del progetto è stato incentivato l'acquisto di biciclette a pedalata assistita di cui con 227 con rottamazione di motoveicoli euro 0 ed euro 1; Completamento del progetto sperimentale, con la Regione Emilia-Romagna e l azienda ENEL, per lo sviluppo della mobilità elettrica a quattro ruote (sono attualmente in essere 20 colonnine di ricarica pubblica in 17 postazioni); Sperimentazione del car sharing elettrico, con l immissione in servizio di 6 auto elettriche Interventi di Mobility Management (MM) Attuazione dei progetti finanziati dal Ministero dell'ambiente e dalla Regione Emilia-Romagna per la mobilità sostenibile: agevolazione del costo dell abbonamento al trasporto pubblico per gli spostamenti casa-lavoro, della mobilità ciclabile per spostamenti casa-lavoro ma anche per quelli di servizio, interventi per il servizio di car sharing, azioni per la realizzazione di percorsi sicuri casascuola e pedibus, flotte aziendale a basso o nullo impatto ambientale, car pooling aziendale ed interaziendale. Parcheggi - Razionalizzazione e contestuale riduzione dei posti auto su strada in Centro Storico a seguito del progetto per la nuova pedonalità "Di nuovo in centro"; - Razionalizzazione degli spazi liberati dall'eliminazione dei contenitori dei rifiuti solidi urbani e ridestinazione di detti spazi a favore della sosta; - Potenziamento parcheggio Staveco; - Apertura al pubblico del parcheggio Ex Riva Calzoni; - Riattribuzione dei parcheggi "Mondiali" (Giuriolo, Piazza della Pace, via Andrea Costa- Antistadio, via della Barca-Ghisello) a seguito di gara bandita da SRM. Pedonalizzazioni interventi di moderazione del traffico - Progettazione di nuovi varchi di telecontrollo nelle aree pedonali di Piazza Re Enzo e via S. Margherita; - Proseguimento interventi nei luoghi cerniera del centro storico previsti nel progetto Di nuovo in centro ; - Progettazione di micro-interventi per la riqualificazione e valorizzazione di aree strategiche del centro storico tese a tutelare l'utenza pedonale e ciclabile; - Progettazione e/o lavori in corso per la realizzazione di nuovi interventi per la realizzazione di isole ambientali e Zone 30 (aree a traffico calmierato). Sistemi telematici a supporto della mobilità - Installazione di ulteriori 18 nuovi varchi di telecontrollo delle corsie bus (RITA) e 10 varchi di telecontrollo degli accessi alla ZTL (SIRIO); - Installazione di nuovi sistemi di rilievo e sanzionamento delle infrazioni semaforiche (STARS); - Installazione di nuovi sistemi di moderazione della velocità (AUTOVELOX); 11

12 - Potenziamento del supervisore del traffico (CISIUM). Piano rotatorie - Appalto per la realizzazione della rotatoria Altura/Bellaria; - Realizzazione rotatoria Ferrarese/Aposazza/Gomito. Interventi legati al Servizio Ferroviario Metropolitano e alla soppressione dei passaggi a livello (P.L.) - Attivazione fermata SFM S. Vitale (linea BO-PO); - Proseguimento attività di progettazione per la soppressione dei P.L. sulla linea BO-PD e per la realizzazione delle relative opere sostitutive con aggiornamenti legati alla Convenzione n. 103/2009 per la Soppressione dei Passaggi a Livello e sottoscritta in data da RFI S.p.A e ; - Sviluppo progettazione delle restanti fermate del SFM in territorio comunale con progettazione funzionale all'approvazione, da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dei progetti delle fermate del Servizio Ferroviario Metropolitano dell'area urbana di Bologna inserite nel Progetto Definitivo relativo al Completamento del SFM e alla filoviarizzazione delle linee portanti del TPL consegnato al M.I.T. in data Limitazioni alla circolazione del traffico privato nel centro abitato Attuazione misure antismog previste con il nuovo Piano Ambientale Integrato Regionale (PAIR 2020). Tale piano di livello regionale - già adottato e attualmente in fase di discussione per l'approvazione - prevede in Emilia-Romagna varie azioni per il risanamento della qualità dell aria partendo dall esperienza sviluppata attraverso l Accordo di Programma sulla Qualità dell'aria stipulato sin dal 2002 tra Regione, Province e Comuni per mettere a sistema, rafforzare ed ampliare le misure, con l obiettivo di passare da un approccio di tipo emergenziale ad uno di tipo strutturale, strategico. Accordo di programma tra Regione, Provincia e Comuni per la qualità dell aria (accordo sottoscritto il 26/07/2012 con validità nel triennio 2012/2015) Limitazioni alla circolazione del traffico privato nel centro abitato nel periodo dal 1 ottobre 2014 al 30 marzo 2015 con le seguenti modalità: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti (euro 0 benzina ed euro 1 e 2 diesel); dal 1 ottobre al 30 novembre 2014 e dal 7 gennaio al 30 marzo 2015, nelle giornate di giovedì e nelle prime domeniche del mese, ulteriore estensione del divieto di circolazione ad altre tipologie di veicoli (possono circolare gli autoveicoli omologati euro 4 e 5); Adozione di misure emergenziali a seguito del superamento dei valori limite giornalieri di PM10 per 7 giorni consecutivi; Adozione di ulteriori misure emergenziali a seguito del superamento dei valori limite giornalieri di PM10 da 7 a 14 giorni consecutivi. MATERIE PRIME Indicatore: RACCOLTA DIFFERENZIATA CITTÀ Indicatore: RACCOLTA DIFFERENZIATA CENTRO STORICO Le attività previste per il 2015 sono le seguenti: -sistematizzazione e controllo delle nuove modalità di raccolta a valle dell'avvio, nel quadrante del Quartiere San Vitale, del sistema di raccolta porta a porta integrato con le mini-isole per la raccolta della frazione organica e del vetro interrate: potenziamento raccolte grandi utenze, mantenimento 12

13 informazione alla cittadinanza, potenziamento dei servizi di raccolta delle cassette in legno e plastica da ortofrutta; - realizzazione del secondo stralcio delle mini-isole interrate nel quartiere Porto: completamento dei lavori ed avvio del servizio a valle della fase di informazione ai cittadini mediante gli "eco-vini" tramite protocollo d'intesa e con HERA e con il tutoraggio di tutte le attività produttive; -completamento progettazione ed approvazione in linea tecnica degli esecutivi del terzo ed ultimo stralcio delle mini-isole riguardanti i quartieri Saragozza, parzialmente già approvati, e Santo Stefano; -avvio della cantierizzazione del 3 stralcio; - avvio della rivisitazione ed aggiornamento della raccolta porta a porta già esistente nelle aree periferiche della zona collinare, del Quartiere Borgo Panigale e della zona Roveri; - avvio della sperimentazione nel quartiere Savena del progetto di collocazione di un sistema per il contenimento del rifiuto indifferenziato, cosiddetto "sistema calotta": sostituzione cassonetti e rivisitazione degli stalli delle isole ecologiche di base, tutoraggio delle grandi utenze e informazione ai residenti; - rivisitazione ed efficientamento delle isole di base nel restante territorio cittadino, con eliminazione delle postazioni con doppia raccolta di indifferenziato. Tutoraggio delle utenze e informazione alla cittadinanza; - Centro di raccolta in via Ferrarese ed approvazione del progetto esecutivo ed avvio della cantierizzazione; - interventi per la razionalizzazione del sistema di spazzamento; - prosecuzione del progetto "scuole a rifiuti zero" e bando "frigo a spreco zero". CLIMA ACUSTICO Indicatore: Monitoraggio acustico aeroportuale Dal 10 gennaio 2013 sono operative le nuove procedure di salita iniziali per i decolli verso la città di Bologna (decolli pista 12) che dovrebbero consentire una diminuzione del numero di cittadini esposti al rumore aeroportuale. L aeroporto di Bologna ha affiancato all esistente sistema di atterraggio strumentale ILS lato Modena un altro sistema per gli atterraggi lato città, che potrà agevolare l utilizzo della direttrice da Bologna per gli atterraggi (meno rumorosi dei decolli), aumentando quindi la probabilità di poter utilizzare la direttrice Modena per i decolli. Indicatore: Monitoraggio acustico zona T PGTU Prosecuzione degli interventi previsti da attuazione del PGTU approvato nel giugno 2007 (le azioni coincidono con quelle previste per la qualità dell aria). Le ulteriori azioni previste dal piano "Di nuovo in centro" (all'interno del quale rientrano i week-end pedonali) dovrebbero consentire un beneficio in termini di riduzione del rumore da traffico veicolare. Mappatura acustica e Piano d'azione Nel corso del 2013 è stata predisposta la Mappatura acustica strategica dell'agglomerato di Bologna, con il relativo Piano d'azione. Il Piano d'azione rappresenta l'insieme degli interventi e delle azioni, già programmati in altri strumenti e piani delle Amministrazioni comunali, volti a diminuire l'esposizione al rumore della popolazione residente. Nel corso del 2015 sarà avviato il percorso per l'aggiornamento della Mappatura acustica e, a seguire, del Piano d'azione. 13

14 ACQUA POTABILE Indicatore: CONSUMO IDRICO PRO CAPITE Attuazione di interventi di risparmio idrico Interventi strutturali legati ad un diverso approvvigionamento con acque meno pregiate: da falda superficiale mediante pozzo per i Giardini Margherita e da superficie mediante allaccio con acquedotto industriale (CER - Bonifica Renana) per il Parco Cà Bura. Tali interventi sono in fase di realizzazione. Campagna di sensibilizzazione-informazione sul tema del risparmio idrico Nell ambito del progetto europeo BlueAp si attiveranno dei seminari all'interno delle scuole sul tema dei cambiamenti climatici e della carenza idrica. Il percorso ha l obiettivo di sensibilizzare anche la fascia scolastica su tali temi. Predisposizione di atti amministrativi e/o regolamentari Il Comune annualmente predispone nel periodo estivo un ordinanza per la limitazione del consumo di acqua potabile per usi extra-domestici. Indicatore: PERDITE DI RETE Azioni previste nel Piano d Ambito - Distrettualizzazione e riduzione della pressione di rete; - Sostituzione condotte, bonifiche reti e allacci; - Sostituzione dei contatori d'utenza; - Ricerca delle perdite fisiche di rete; - Manutenzione straordinaria reti. RISORSE AMBIENTALI CON INDICATORI NON DISCIPLINATE DALLA NORMATIVA ENERGIA Indicatore: PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI E COGENERAZIONE Energie rinnovabili Produzione nuovi impianti fotovoltaici con particolare riguardo (, CAAB, ed altri privati) Riattivazione impianto mini-idroelettrico del Cavaticcio di proprietà Hera SPA Produzione biogas Idar Cogenerazione Cogen Barca (Hera spa) prevede forte intervento di manutenzione per cui cala l'ee prodotta Fossolo (Hera spa) si prevede di non usare il cogeneratore Sede San Giacomo (Hera Spa) si prevede intervento di manutenzione leggera per cui cala lievemente la produzione di elettricità Cogeneratore Aldini privilegiata gestione a limite termico, data le bassa remunerazione attuale del kwh immesso in rete Granarolo Entrata in esercizio nuovo impianto di cogenerazione nel corso dell'anno in aggiunta ai pre-esistenti Ducati Entrata in esercizio nuovo impianto di cogenerazione nel corso dell'anno 14

15 Santa Cristina - Confermato arresto cogenerazione presso complesso di per decisione del proprietario Telecom aggiunto impianto di trigenerazione Telecom (attivo dal 2011) PEEP Corticella in esercizio a pieno regiome della cogenerazione IOR rizzoli maggiore recupero estivo sul circuito post riscaldo UTA sale operatorie Navile conclusione iter autorizzativo, prevista avvio prossima stagione termica (2015/2016) Ospedale Sant'orsola Nuova installazione cogenerazione prevista nel corso dell'anno(inizio produzione a regime nel 2016 Attività di educazione ed informazione ambientale Show-room energia e ambiente Nuovi Percorsi didattici di tipo interattivo con attività pratiche, simulazioni e uso di exhibit rivolti alle scuole primarie e secondarie di I e II grado. Aggiornamento percorso espositivo A casa di EnRI Realizzazione eventi cittadini (Enviromental cafè) Corsi per scuole superiori su risparmio energetico e fonti rinnovabili in collaborazione con sportello aldini lavoro. Attività di audit elettrico con applicazione del software kilowattene incollaborazione con ENEA Bologna VERDE PUBBLICO Indicatore: NUOVI ALBERI PIANTATI Nell ambito del progetto Gaia-Forestazione Urbana, sono previste ulteriori piantagioni nei parchi individuati dal progetto grazie alle nuove adesioni delle aziende ed alla nuova campagna di comunicazione che verrà avviata tra marzo ed aprile L'elenco completo dei parchi, delle tipologie di piante già piantati e delle aziende aderenti è consultabile sul sito (www.lifegaia.eu). I numeri non tengono conto dei reimpianti e sostituzioni ordinarie programmate all'interno del servizio di manutenzione del comune. Indicatore: SENTIERI COLLINARI Per il 2015 non è prevista l'apertura di nuovi sentieri collinari in città. Prosegue la collaborazione con la consulta dell'escursionismo la progettazione del il sentiero 900 CAI per il collegamento tra la valle del Reno e la valle del Savena. 15

16 4. Bilancio Ambientale Preventivo 2015 interno all'amministrazione Comunale Gli indicatori dell ente, rappresentato da un set limitato, servono per fornire un quadro della situazione ambientale dell'amministrazione comunale. Vengono fissati, per alcuni indicatori, target per il mandato amministrativo. Per la definizione del target 2016, è stata stimata per ognuno degli indicatori una riduzione/aumento variabile tra il 5% e il 20% rispetto ai valori del 2011 presi come base di riferimento. Tale stima è stata fatta considerando le azioni che l Amministrazione sta avviando o avvierà nei prossimi anni. In particolare, a partire dal 2014 è stato avviato un progetto di sensibilizzazione sui comportamenti sostenibili denominato Ambiente Vitale con i dipendenti di Piazza Liber Paradisus anche in raccordo con la campagna consumabile della Regione Emilia Romagna. A supporto degli incontri è stato realizzato un manuale dei comportamenti sostenibili negli uffici ed una mostra con dei pannelli sulle diverse tematiche ambientali. Circolari sul tema del risparmi e dell'efficienza nuova circolare pg 15370/2015 numero 3/2015 : INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE PER LA RIDUZIONE DEL NUMERO DI STAMPANTI E DEI RELATIVI ICOSTI DI ACQUISTO E GESTIONE

17 Bilancio Ambientale Preventivo 2014 Bilancio Ambientale preventivo dell'amministrazione Comunale Risorse ACQUA ENERGIA MATERIE PRIME MOBILITÀ SOSTENIBI LE Indicatori ambientali Valori Valori Valori Valori (in verde i nuovi indicatori) Target 2016 Consumi acqua contatore generale Piazza Liber Paradisus (m 3 ) 1 Consumi complessivi di acqua del Comune di Bologna (m 3 ) Consumi Energia termica - Piazza Liber Paradisus (kwh) 1 Consumi Energia per raffrescamento - Piazza Liber Paradisus (kwh) 1 Consumi energia elettrica - Piazza Liber Paradisus * -- (kwh) 1 Consumi complessivi di energia elettrica del Comune di Bologna (kwh) Utilizzo carta (n. risme riciclata, carta ecologica) Parco macchine (n. autovetture) Veicoli ecologici benzina/metano, benzina/gpl, ibridi (%) Utilizzo del mezzo pubblico (%, numero abbonamenti TPER e Trenitalia ) n.d < *il dato si riferisce alle sole utenze della torre A e torre B, mancano i consumi della torre C 1 La gestione della sede di Piazza Liber Paradisus è esterna all'amministrazione; pertanto non è possibile la definizione dei target relativi ai consumi, tuttavia sono in atto azioni di sensibilizzazione ai comportamenti sostenibili rivolti ai dipendenti comunali.

18 Allegato: Schede sintetiche degli indicatori Risorsa Qualità dell aria Indicatore PM10 centralina S. Felice/Piazza Maggiore Unità di misura µg/m 3 Descrizione dell indicatore Modalità di calcolo Per PM10 si intende la frazione di particelle solide aventi diametro aerodinamico inferiore a 10 µg/m 3. Maggiore responsabile: traffico veicolare Il valore è calcolato come valore medio annuo Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati Arpa Note L attuale riferimento normativo è il D.Lgs.155/2010. La centralina collocata in via S. Felice è stata identificata per rappresentare la stazione di tipo traffico nella nuova rete di monitoraggio provinciale Indicatore NO 2 centralina S. Felice Unità di misura µg/ m 3 Descrizione dell indicatore Modalità di calcolo Periodicità aggiornamento Fonte dei dati Note ll biossido di azoto è una delle maggiori criticità del territorio bolognese. Maggiore responsabile: traffico veicolare (soprattutto diesel), riscaldamento domestico, processi di combustione in genere Il valore è calcolato come valore medio annuo Annuale Arpa L attuale riferimento normativo è il D.Lgs.155/2010. La centralina collocata in via S. Felice è stata identificata per rappresentare la stazione di tipo traffico urbano nella nuova rete di monitoraggio provinciale Risorsa Materie prime Indicatore Raccolta differenziata / Unità di misura % Descrizione dell indicatore Frazione dei rifiuti che l amministrazione riesce ad intercettare attraverso la raccolta differenziata. Modalità di calcolo Periodicità aggiornamento Fonte dei dati Rapporto tra il volume dei rifiuti raccolti in maniera differenziata e il volume totale dei rifiuti prodotti (ad esclusione dello spazzamento delle strade) Semestrale Hera

19 Bilancio Ambientale Preventivo 2014 Risorsa Clima acustico Indicatore Monitoraggio acustico aeroportuale Unità di misura LVA [db(a)] Descrizione dell indicatore) Indice LVA misurato presso la centralina di monitoraggio del rumore aeroportuale NMT-6 (Centro Sportivo Pizzoli Modalità di calcolo Metodologia stabilita dal DM Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati Società Aeroporto Bologna (SAB) Risorsa Clima acustico Indicatore Monitoraggio acustico zona T via Rizzoli Unità di misura LAeq diurno e notturno [db(a)] Descrizione dell indicatore Livello medio diurno e notturno misurato presso la postazione di misura in via Rizzoli (misura acustica svolta nell'ambito del Piano della Pedonalità) Modalità di calcolo Misura svolta secondo i dettami del DM Periodicità aggiornamento -- Fonte dei dati Arpa Risorsa Acqua potabile Indicatore Indice delle perdite reali Unità di misura % Descrizione dell indicatore Le perdite totali sono rappresentate dalla somma delle perdite fisiche ed amministrative. L indice delle perdite reali si riferisce solo alle perdite fisiche con l esclusione delle perdite dovute a manutenzione e servizi agli impianti ( acque di lavaggio, scarico di serbatoi ecc.) ed il volume perso per disservizi accidentali ( scarico da troppo pieno, ecc.) L'indice delle perdite reali distribuzione (P3) viene inviato annualmente dai gestori del s.i.i. al Ministero dell Ambiente ai sensi del DM 08/01/97, n. 99. Modalità di calcolo Volume delle perdite della rete di distribuzione (A15)/Volume immesso nel sistema di distribuzione (A9) X100. Per Volume delle perdite della rete di distribuzione si intende il volume perduto nella distribuzione ( perdite dai serbatoi, dalle condotte ecc.) Per Volume immesso nel sistema di distribuzione si intende la somma del volume di acqua prelevato dall ambiente pronto per l uso + il volume di acqua prodotto dagli impianti di trattamento al netto delle perdite + il volume prelevato da altri sistemi di acquedotto al netto del volume consegnato ad altri acquedotti. Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati HERA Indicatore Consumo idrico pro capite Unità di misura l/ab g Descrizione dell indicatore Consumo idrico ripartito per abitanti. Modalità di calcolo I consumi giornalieri considerati sono totali cioè comprensivi degli usi domestici ed extradomestici relativi alle utenze produttive, del commercio, dei servizi, turistici e agricoli Periodicità aggiornamento Annuale Fonte dei dati HERA Risorsa Verde Pubblico Indicatore Nuovi alberi piantati Unità di misura n. Descrizione dell indicatore Numero di alberi piantati con il progetto GAIA-Forestazione Urbana Modalità di calcolo Numero di alberi messi a dimora Periodicità aggiornamento Annuale Fonte dei dati

20 Indicatore Sentieri collinari Unità di misura Km Descrizione dell indicatore Sentiero CAI percorribile esclusivamente a piedi, aperto al pubblico, segnalato e numerato Modalità di calcolo Km calcolati con sistema ArcGIS in base ai tracciati forniti direttamente dal CAI Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati Settore Ambiente ed Energi Risorsa Energia Indicatore Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed assimilate Unità di misura MhW Descrizione dell indicatore Quantità di energia prodotta dagli impianti di generazione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili o prodotta per cogenerazione da combustibili fossili o combustibile da rifiuti (recupero di energia termica) o altro recupero di energia. Sono indicati gli impianti soggetti allo schema dei permessi di emissioni (Emission Trading System- EU ETS) Elenco Impianti: Fonti Rinnovabili: Impianto idroelettrico Cavaticcio Officina elettrica a Bioliquidi Foyer Cogeneratore depuratore IDAR (Biogas da digestione fanghi) Impianti Fotovoltaici Cogeneratore Turboespansore Frullo (recupero energia da salto di pressione del gas distribuito) Cogenerazione a Gas: Cogeneratore Sede Hera/Berti Pichat (ETS) Cogeneratore Cogen (ETS) Cogeneratori Consorzio Fossolo Cogeneratore ITIS Aldini Valeriani Cogeneratore Fiera (ETS) Cogeneratore Ospedale Rizzoli Cogeneratore Palazzo Pepoli Cogeneratore Santa Cristina Cogeneratore Carmen Longo (stima) Cogeneratore Granarolo Cogenerazione da Rifiuti Cogeneratore Inceneritore (CDR) (ETS) Modalità di calcolo Periodicità dell aggiornamento Fonte dei dati Altri Monitoraggio PAES Annuale Proprietari e gestori impianti; GSE

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Assessore Urbanistica, Ambiente, Qualità Urbana e Città Storica Patrizia Gabellini

Assessore Urbanistica, Ambiente, Qualità Urbana e Città Storica Patrizia Gabellini Sindaco Virginio Merola Assessore Urbanistica, Ambiente, Qualità Urbana e Città Storica Patrizia Gabellini Direttore Generale Giacomo Capuzzimati Capo Dipartimento Riqualificazione Urbana Marika Milani

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11 Città Patrimonio dell'umanità Dipartimento del Territorio Settore Opere Pubbliche e Mobilità Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico Segreteria e Affari Generali P.G. Sigla RB O R D I N A N Z A TEMPORANEA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli