Bilancio Ambientale del Comune di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Ambientale del Comune di Bologna"

Transcript

1 Bilancio Ambientale del Preventivo 2015 a cura del Dipartimento Riqualificazione Urbana

2 Coordinamento generale Marika Milani- Capo Dipartimento Riqualificazione Urbana Roberto Diolaiti Direttore Settore Ambiente e Energia Coordinamento operativo Giovanni Fini Settore Ambiente e Energia Redazione R. Guêze, C. Caranti, S. Zagnoli- Settore Ambiente e Energia Gruppo di lavoro L. Cantagalli, L. Dal Pozzo, D. Di Pietro, C. Giardino, R. Mazzetti, C. Savoia, N. Sovilla, F. Tutino, D. Zappi Settore Ambiente e Energia G.M. Cuppini, E. Tassillo Settore Mobilità Sostenibile

3 Indice Introduzione Bilancio Ambientale Preventivo 2015 della città di Bologna Azioni per il raggiungimento dei target Bilancio Ambientale Preventivo 2015 interno all'amministrazione Comunale...16 Allegato: Schede sintetiche degli indicatori

4 Introduzione Premessa al bilancio preventivo 2015 Cos è il Bilancio Ambientale Il Bilancio Ambientale è uno strumento Volontario di trasparenza che l ente pubblico decide di adottare attraverso i propri organi istituzionali. Il 1 Bilancio Ambientale del è stato approvato nel 2003 seguendo la metodologia ecobudget e ad oggi sono stati approvati 14 Bilanci Ambientali tra consuntivi e preventivi. Se è vero che l'obiettivo prioritario dell'azione di un ente locale è quello di assicurare la qualità della vita dei cittadini utilizzando le risorse a disposizione, allora è necessario disporre degli strumenti che consentono di valutare la consistenza di queste risorse e programmarne un utilizzo compatibile con questa consistenza. Su questo principio funziona il sistema di programmazione e rendicontazione delle risorse economiche, ma anche la programmazione dell'uso di altre tipologie di risorse non meno importanti - come il personale -, che è soggetta a disciplina normativa specifica ed articolata e rappresenta un importante capitolo per il raggiungimento degli obiettivi dell'ente La programmazione delle risorse ambientali non è invece disciplinata da normative nazionali o regionali, per quanto negli anni passati siano state presentate diverse proposte di legge che facevano tesoro delle differenti esperienze intraprese da alcune città italiane. Cionondimeno l'utilizzo di uno strumento di programmazione delle risorse ambientali, la cui finitezza appare per diversi motivi ogni giorno più evidente, è da considerarsi una importante opportunità. La stessa carta europea delle città sostenibili (Carta di Aalborg) recita al paragrafo 1.14: Le città si impegnano a [...] istituire nuovi sistemi di contabilità e bilancio ambientale che consentano di gestire le risorse naturali in maniera economica analogamente alla gestione del denaro, risorsa artificiale per eccellenza. A livello regionale è stato presentato nel 2006 un progetto di legge sulla contabilità ambientale; anch'esso non ha terminato l'iter di approvazione. Il principale riferimento per la redazione dei Bilanci Ambientali è quindi costituito dalle linee guida redatte da ISPRA nel 2009 il Bilancio Ambientale negli enti locali. Alla stesura delle linee guida ha contribuito anche il. In termini generali, il bilancio ambientale raccoglie dati tecnici di base fisici e monetari. È uno strumento contabile in grado di fornire un quadro organico delle interrelazioni dirette tra l'ente e l ambiente naturale, attraverso la rappresentazione dei dati quantitativi e qualitativi relativi all impatto ambientale delle politiche dell'ente. Il bilancio ambientale di Bologna è basato sul metodo ecobudget, uno strumento di gestione ambientale sviluppato da ICLEI nel 1987 appositamente per le autorità locali. ecobudget è concepito come conscia imitazione del budget finanziario. ecobudget è stato sviluppato allo scopo di pianificare, monitorare e rendicontare (e quindi migliorare) l uso delle risorse ambientali a livello locale. ecobudget applica principi e procedure di bilancio finanziario alla gestione delle risorse naturali, ma non cerca di assegnare valori monetari all ambiente, né di esprimere gli impatti sull ambiente in termini economici. E stato sperimentato 4

5 dapprima in Germania (1996) e successivamente anche in diversi paesi europei (Italia) con il progetto European ecobudget, di cui Bologna è stata partner. A differenza di altri metodi ecobudget non intende monetizzare l ambiente, ma è basato su indicatori ambientali dati in quantità fisiche. Con ecobudget l'ente locale dà conto dei propri impegni ambientali attraverso un processo di: esplicitazione di politiche e azioni ambientali dell amministrazione individuazione degli effetti che tali politiche e azioni hanno determinato individuazione di indicatori fisici sullo stato dell ambiente e sui risultati delle politiche 5

6 1. Bilancio Ambientale Preventivo 2015 della città di Bologna Contenuti delle tabelle di bilancio A partire dal Bilancio Preventivo 2014 si è scelto di riportare in due tabelle separate le risorse ambientali. Nella prima tabella (TAB.1) sono presentati gli indicatori che compongono il Bilancio Ambientale Preventivo del per i quali esistono dei riferimenti normativi o derivanti da piani e/o programmi sovraordinati per la definizione dei target, mentre nella seconda tabella (TAB 2) sono presentati gli indicatori derivanti da progetti specifici dell'amministrazione comunale i cui target sono definiti da un impegno volontario sottoscritto dal comune di Bologna. Nelle colonne delle tabelle vengono riportati: risorsa: elemento che viene considerato rilevante per l'analisi della qualità ambientale indicatore ambientale: valore misurato relativo alla risorsa presa in esame (si veda l'allegato per approfondimenti) valori di riferimento: anno significativo per l'indicatore, ad esempio anno dell'entrata in vigore di una legge, il manifestarsi di un evento ambientale significativo o un cambiamento tecnologico rilevante, cambio modalità di calcolo e dal quale si può calcolare un trend. Di seguito vengono riportati gli eventi legati all anno di riferimento che risultano fondamentali per l analisi di valori e target: prima tabella qualità dell'aria (2000): Adeguamento della rete regionale di monitoraggio della qualità dell'aria nella provincia di Bologna dettato dall'esigenza espressa nella direttiva 1999/30/CE dell'unione Europea di rendere omogenei e confrontabili tutti i dati rilevati negli stati membri. materie prime (2000): Istituzione dell Osservatorio Provinciale dei Rifiuti clima acustico ( ): Entrata in esercizio del nuovo sistema di monitoraggio acustico aeroportuale integrato con le tracce radar. clima acustico (2012): Anno di svolgimento delle misure acustiche nell ambito del Piano della Pedonalità. acqua potabile (2004): Quadro conoscitivo/anno di monitoraggio precedente all approvazione del Piano di Tutela della Acque (PTA) della Regione Emilia-Romagna seconda tabella energia (1997): Sottoscrizione del Protocollo di Kyoto, il trattato internazionale che fissa le linee guida generali per la riduzione delle emissioni inquinanti responsabili del riscaldamento globale. cambiamenti climatici (2005): Anno base degli inventari del PAES. verde (2012): Anno di inizio piantagioni del progetto GAIA-FORESTAZIONE valori bilancio 2013: valore dell indicatore relativo all'ultimo bilancio consuntivo approvato Bilancio Ambientale Consuntivo 2013; target 2015: nuovo target da raggiungere entro dicembre 2015; target di mandato 2016: target di medio periodo coincidente con la fine del mandato politico; riferimenti di legge: indicazione normativa o di pianificazione per la definizione dei target annuali e di mandato. 6

7 riferimenti progetti comunali: indicazione del progetto specifico dal quale deriva l'impegno per la definizione dei target Gli indicatori segnalati in verde sono stati inseriti a partire dal 2012, con riferimento al monitoraggio delle azioni previste dal mandato amministrativo 2011/2016. I dati del bilancio ambientale sono consultabili anche sul sito noibologna grafici per raccontare la città (http://statistica.comune.bologna.it/100grafici/ambiente-e-territorio) a cura del Settore statistica per capire le più importati trasformazioni demografiche, economiche, sociali ed ambientali della città felsinea. 7

8 TAB1: Risorse ambientali con indicatori disciplinati dalla normativa Bilancio Ambientale Preventivo 2015 della Città di Bologna RISORSA QUALITÀ DELL'ARIA MATERIE PRIME CLIMA ACUSTICO ACQUA POTABILE Indicatore ambientale (in verde i nuovi indicatori) Concentrazioni di PM10 centralina via San Felice (µg/m 3 ) Concentrazione ossido di azoto (NO 2 ) centralina via S.Felice (µg/m 3 ) Concentrazioni di PM10 centralina Piazza Maggiore (µg/m 3 ) Raccolta differenziata: incidenza sulla produzione totale RSU (%) Monitoraggio acustico aeroportuale (Centralina campo sportivo Pizzoli) [indice LVA - db(a)] Monitoraggio acustico zona T via Rizzoli [LAeq medio diurno e notturno - db(a)] Consumi idrici (l/ab g) Perdite di rete (%) Valore di riferimento 64 (2000) 79 (2000) 65 (2012) 21,4 (2000) 64,1 ( ) 71,4 68 (2012) 260 (2004) 18 (2004) Valore bilancio 2013 Target 2015 Target di mandato ,2 61,2 2 62,3 71,4 66 n.d <15 Riferimenti di legge 40 (D.Lgs. 155/2010) 40 (D.Lgs. 155/2010) 40 (D.Lgs. 155/2010) 65 (D.Lgs. 152/2006) 65 (D.M. 31/10/1997) 65/55 (D.M. 16/03/1998) 220 (Piano Tutela delle Acque) 222 (Piano di Conservazione della Risorsa) 15 Piano d Ambito, Conv. con Gestore Servizio Idrico Integrato 1 Nel 2015 non verrà effettuato il monitoraggio in via Rizzoli, a causa del cantiere aperto BOBO 2 (*) in considerazione della recente entrata in esercizio del sistema ILS per pista 30, allo stato attuale non è possibile formulare delle previsioni dell'indicatore in oggetto per il A tal fine si ripropone, a puro titolo indicativo, il target fissato l'anno scorso. 3 Per quest'anno non è previsto il monitoraggio nella zona T 4 Dato disponibile Perdite di Rete non scorporate da quelle amministrative Amministrative: (Immesso stimato- Venduto)/immesso stimato=26% 8

9 TAB 2 : Risorse ambientali con indicatori non disciplinati dalla normativa RISORSA Indicatore ambientale (in verde i nuovi indicatori) Valore di riferimento Valore bilancio 2013 Target 2015 Target di mandato 2016 Riferimenti progetti comunali VERDE Nuovi alberi piantati (n.) GAIA-FORESTAZIONE URBANA, Sentieri collinari (km) - 11,8 11,8 21,1 - ENERGIA Produzione energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione (MWh) Consumi elettrici nel settore residenziale (usi domestici) (2006) (MWh) (1997) (2014) Patto dei Sindaci (PAES) Patto dei Sindaci (PAES) 5 Dato corretto rispetto al dato pubblicato nel precedente consuntivo (pari rispettivamente a kwh (2006) e (2011). Consumo procapite domestico ISTAT per numero abitanti secondo Ufficio Statistica del 9

10 2. Azioni per il raggiungimento dei target 2015 Le azioni previste nel 2015 per il raggiungimento dei target riguardano quelle macroaree il cui monitoraggio è fondamentale per definire la qualità ambientale dell ecosistema, e sulle quali si può intervenire con azioni per il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla normativa nazionale e dai Piani e Programmi approvati dal. Di seguito vengono elencate le risorse/tematiche prese in considerazione nel Bilancio Ambientale Preventivo 2015 ed i relativi indicatori. QUALITÀ DELL'ARIA Indicatori:CONCENTRAZIONI PM10, NO 2 Prosecuzione interventi previsti da attuazione del PGTU approvato nel giugno 2007 e attuazione degli obiettivi previsti dal piano di pedonalità Di nuovo in centro. Trasporto pubblico locale: - Interventi di riqualificazione stradale delle vie Ugo Bassi, Rizzoli ed Amendola, propedeutici per i successivi cantieri di TPER che porteranno all entrata in servizio del sistema di trasporto pubblico Crealis; - Installazione di nuovi sistemi di protezione delle corsie preferenziali mediante l installazione di ulteriori varchi di telecontrollo delle corsie bus (RITA). Integrazione tra sistemi di trasporto collettivi: - Potenziamento del supervisore del traffico (CISIUM) attraverso la pubblicazione di una piattaforma pubblica per la pianificazione degli itinerari (con indicazione dei tempi di percorrenza, informazioni sulle linee e fermate autobus) Mobilità ciclo-pedonale urbana e percorsi sicuri casa-scuola: - Realizzazione di 13 km di piste ciclabili: Completamento "Tangenziale delle biciclette" (Grada - Stazione, Porta San Mamolo - Giardini Margherita, Giardini Margherita - Porta Maggiore, Porta San Vitale - Porta Mascarella); Viale Togliatti; Via Belmeloro - G.C. Croce (connessione ciclabile Porta San Vitale - Zona Universitaria); Via Azzurra; Via Zanolini; Via San Donato (da Hotel Savoia a Rotonda Visconti); Connessione ciclabile Giardino Pasolini / Meraville; Continuità ciclabile su Via Borghese - Nenni - La Pira; Accessibilità ciclabile "ITIS Belluzzi"; Via dell'aeroporto; Via Torino. - Completamento interventi avviati sui percorsi sicuri casa-scuola e studio di nuovi progetti; - Pedibus: proseguimento e consolidamento dei progetti avviati con possibile implementazione dell'attività attraverso il coinvolgimento di nuove scuole; - Progetti di nuovi attraversamenti pedonali semaforizzati. 10

11 Rinnovo parco veicolare - Azioni per confermare i risultati ottenuti negli ultimi anni: oltre il 17% delle auto circolanti sono alimentati con carburanti a basso impatto ambientale; - Conferma agevolazioni sosta per veicoli meno inquinanti con possibile revisione contrassegni per accessi; - Esenzione per i veicoli meno inquinanti dalle limitazioni alla circolazione; - Struttura del piano merci per i contrassegni operativi. Promozione mobilità con veicoli a trazione elettrica - Proseguimento gestione/distribuzione incentivi all acquisto di biciclette in attuazione di un progetto sperimentale volto a riequilibrare il modal split moto/bici. Dall avvio del progetto è stato incentivato l'acquisto di biciclette a pedalata assistita di cui con 227 con rottamazione di motoveicoli euro 0 ed euro 1; Completamento del progetto sperimentale, con la Regione Emilia-Romagna e l azienda ENEL, per lo sviluppo della mobilità elettrica a quattro ruote (sono attualmente in essere 20 colonnine di ricarica pubblica in 17 postazioni); Sperimentazione del car sharing elettrico, con l immissione in servizio di 6 auto elettriche Interventi di Mobility Management (MM) Attuazione dei progetti finanziati dal Ministero dell'ambiente e dalla Regione Emilia-Romagna per la mobilità sostenibile: agevolazione del costo dell abbonamento al trasporto pubblico per gli spostamenti casa-lavoro, della mobilità ciclabile per spostamenti casa-lavoro ma anche per quelli di servizio, interventi per il servizio di car sharing, azioni per la realizzazione di percorsi sicuri casascuola e pedibus, flotte aziendale a basso o nullo impatto ambientale, car pooling aziendale ed interaziendale. Parcheggi - Razionalizzazione e contestuale riduzione dei posti auto su strada in Centro Storico a seguito del progetto per la nuova pedonalità "Di nuovo in centro"; - Razionalizzazione degli spazi liberati dall'eliminazione dei contenitori dei rifiuti solidi urbani e ridestinazione di detti spazi a favore della sosta; - Potenziamento parcheggio Staveco; - Apertura al pubblico del parcheggio Ex Riva Calzoni; - Riattribuzione dei parcheggi "Mondiali" (Giuriolo, Piazza della Pace, via Andrea Costa- Antistadio, via della Barca-Ghisello) a seguito di gara bandita da SRM. Pedonalizzazioni interventi di moderazione del traffico - Progettazione di nuovi varchi di telecontrollo nelle aree pedonali di Piazza Re Enzo e via S. Margherita; - Proseguimento interventi nei luoghi cerniera del centro storico previsti nel progetto Di nuovo in centro ; - Progettazione di micro-interventi per la riqualificazione e valorizzazione di aree strategiche del centro storico tese a tutelare l'utenza pedonale e ciclabile; - Progettazione e/o lavori in corso per la realizzazione di nuovi interventi per la realizzazione di isole ambientali e Zone 30 (aree a traffico calmierato). Sistemi telematici a supporto della mobilità - Installazione di ulteriori 18 nuovi varchi di telecontrollo delle corsie bus (RITA) e 10 varchi di telecontrollo degli accessi alla ZTL (SIRIO); - Installazione di nuovi sistemi di rilievo e sanzionamento delle infrazioni semaforiche (STARS); - Installazione di nuovi sistemi di moderazione della velocità (AUTOVELOX); 11

12 - Potenziamento del supervisore del traffico (CISIUM). Piano rotatorie - Appalto per la realizzazione della rotatoria Altura/Bellaria; - Realizzazione rotatoria Ferrarese/Aposazza/Gomito. Interventi legati al Servizio Ferroviario Metropolitano e alla soppressione dei passaggi a livello (P.L.) - Attivazione fermata SFM S. Vitale (linea BO-PO); - Proseguimento attività di progettazione per la soppressione dei P.L. sulla linea BO-PD e per la realizzazione delle relative opere sostitutive con aggiornamenti legati alla Convenzione n. 103/2009 per la Soppressione dei Passaggi a Livello e sottoscritta in data da RFI S.p.A e ; - Sviluppo progettazione delle restanti fermate del SFM in territorio comunale con progettazione funzionale all'approvazione, da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dei progetti delle fermate del Servizio Ferroviario Metropolitano dell'area urbana di Bologna inserite nel Progetto Definitivo relativo al Completamento del SFM e alla filoviarizzazione delle linee portanti del TPL consegnato al M.I.T. in data Limitazioni alla circolazione del traffico privato nel centro abitato Attuazione misure antismog previste con il nuovo Piano Ambientale Integrato Regionale (PAIR 2020). Tale piano di livello regionale - già adottato e attualmente in fase di discussione per l'approvazione - prevede in Emilia-Romagna varie azioni per il risanamento della qualità dell aria partendo dall esperienza sviluppata attraverso l Accordo di Programma sulla Qualità dell'aria stipulato sin dal 2002 tra Regione, Province e Comuni per mettere a sistema, rafforzare ed ampliare le misure, con l obiettivo di passare da un approccio di tipo emergenziale ad uno di tipo strutturale, strategico. Accordo di programma tra Regione, Provincia e Comuni per la qualità dell aria (accordo sottoscritto il 26/07/2012 con validità nel triennio 2012/2015) Limitazioni alla circolazione del traffico privato nel centro abitato nel periodo dal 1 ottobre 2014 al 30 marzo 2015 con le seguenti modalità: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti (euro 0 benzina ed euro 1 e 2 diesel); dal 1 ottobre al 30 novembre 2014 e dal 7 gennaio al 30 marzo 2015, nelle giornate di giovedì e nelle prime domeniche del mese, ulteriore estensione del divieto di circolazione ad altre tipologie di veicoli (possono circolare gli autoveicoli omologati euro 4 e 5); Adozione di misure emergenziali a seguito del superamento dei valori limite giornalieri di PM10 per 7 giorni consecutivi; Adozione di ulteriori misure emergenziali a seguito del superamento dei valori limite giornalieri di PM10 da 7 a 14 giorni consecutivi. MATERIE PRIME Indicatore: RACCOLTA DIFFERENZIATA CITTÀ Indicatore: RACCOLTA DIFFERENZIATA CENTRO STORICO Le attività previste per il 2015 sono le seguenti: -sistematizzazione e controllo delle nuove modalità di raccolta a valle dell'avvio, nel quadrante del Quartiere San Vitale, del sistema di raccolta porta a porta integrato con le mini-isole per la raccolta della frazione organica e del vetro interrate: potenziamento raccolte grandi utenze, mantenimento 12

13 informazione alla cittadinanza, potenziamento dei servizi di raccolta delle cassette in legno e plastica da ortofrutta; - realizzazione del secondo stralcio delle mini-isole interrate nel quartiere Porto: completamento dei lavori ed avvio del servizio a valle della fase di informazione ai cittadini mediante gli "eco-vini" tramite protocollo d'intesa e con HERA e con il tutoraggio di tutte le attività produttive; -completamento progettazione ed approvazione in linea tecnica degli esecutivi del terzo ed ultimo stralcio delle mini-isole riguardanti i quartieri Saragozza, parzialmente già approvati, e Santo Stefano; -avvio della cantierizzazione del 3 stralcio; - avvio della rivisitazione ed aggiornamento della raccolta porta a porta già esistente nelle aree periferiche della zona collinare, del Quartiere Borgo Panigale e della zona Roveri; - avvio della sperimentazione nel quartiere Savena del progetto di collocazione di un sistema per il contenimento del rifiuto indifferenziato, cosiddetto "sistema calotta": sostituzione cassonetti e rivisitazione degli stalli delle isole ecologiche di base, tutoraggio delle grandi utenze e informazione ai residenti; - rivisitazione ed efficientamento delle isole di base nel restante territorio cittadino, con eliminazione delle postazioni con doppia raccolta di indifferenziato. Tutoraggio delle utenze e informazione alla cittadinanza; - Centro di raccolta in via Ferrarese ed approvazione del progetto esecutivo ed avvio della cantierizzazione; - interventi per la razionalizzazione del sistema di spazzamento; - prosecuzione del progetto "scuole a rifiuti zero" e bando "frigo a spreco zero". CLIMA ACUSTICO Indicatore: Monitoraggio acustico aeroportuale Dal 10 gennaio 2013 sono operative le nuove procedure di salita iniziali per i decolli verso la città di Bologna (decolli pista 12) che dovrebbero consentire una diminuzione del numero di cittadini esposti al rumore aeroportuale. L aeroporto di Bologna ha affiancato all esistente sistema di atterraggio strumentale ILS lato Modena un altro sistema per gli atterraggi lato città, che potrà agevolare l utilizzo della direttrice da Bologna per gli atterraggi (meno rumorosi dei decolli), aumentando quindi la probabilità di poter utilizzare la direttrice Modena per i decolli. Indicatore: Monitoraggio acustico zona T PGTU Prosecuzione degli interventi previsti da attuazione del PGTU approvato nel giugno 2007 (le azioni coincidono con quelle previste per la qualità dell aria). Le ulteriori azioni previste dal piano "Di nuovo in centro" (all'interno del quale rientrano i week-end pedonali) dovrebbero consentire un beneficio in termini di riduzione del rumore da traffico veicolare. Mappatura acustica e Piano d'azione Nel corso del 2013 è stata predisposta la Mappatura acustica strategica dell'agglomerato di Bologna, con il relativo Piano d'azione. Il Piano d'azione rappresenta l'insieme degli interventi e delle azioni, già programmati in altri strumenti e piani delle Amministrazioni comunali, volti a diminuire l'esposizione al rumore della popolazione residente. Nel corso del 2015 sarà avviato il percorso per l'aggiornamento della Mappatura acustica e, a seguire, del Piano d'azione. 13

14 ACQUA POTABILE Indicatore: CONSUMO IDRICO PRO CAPITE Attuazione di interventi di risparmio idrico Interventi strutturali legati ad un diverso approvvigionamento con acque meno pregiate: da falda superficiale mediante pozzo per i Giardini Margherita e da superficie mediante allaccio con acquedotto industriale (CER - Bonifica Renana) per il Parco Cà Bura. Tali interventi sono in fase di realizzazione. Campagna di sensibilizzazione-informazione sul tema del risparmio idrico Nell ambito del progetto europeo BlueAp si attiveranno dei seminari all'interno delle scuole sul tema dei cambiamenti climatici e della carenza idrica. Il percorso ha l obiettivo di sensibilizzare anche la fascia scolastica su tali temi. Predisposizione di atti amministrativi e/o regolamentari Il Comune annualmente predispone nel periodo estivo un ordinanza per la limitazione del consumo di acqua potabile per usi extra-domestici. Indicatore: PERDITE DI RETE Azioni previste nel Piano d Ambito - Distrettualizzazione e riduzione della pressione di rete; - Sostituzione condotte, bonifiche reti e allacci; - Sostituzione dei contatori d'utenza; - Ricerca delle perdite fisiche di rete; - Manutenzione straordinaria reti. RISORSE AMBIENTALI CON INDICATORI NON DISCIPLINATE DALLA NORMATIVA ENERGIA Indicatore: PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI E COGENERAZIONE Energie rinnovabili Produzione nuovi impianti fotovoltaici con particolare riguardo (, CAAB, ed altri privati) Riattivazione impianto mini-idroelettrico del Cavaticcio di proprietà Hera SPA Produzione biogas Idar Cogenerazione Cogen Barca (Hera spa) prevede forte intervento di manutenzione per cui cala l'ee prodotta Fossolo (Hera spa) si prevede di non usare il cogeneratore Sede San Giacomo (Hera Spa) si prevede intervento di manutenzione leggera per cui cala lievemente la produzione di elettricità Cogeneratore Aldini privilegiata gestione a limite termico, data le bassa remunerazione attuale del kwh immesso in rete Granarolo Entrata in esercizio nuovo impianto di cogenerazione nel corso dell'anno in aggiunta ai pre-esistenti Ducati Entrata in esercizio nuovo impianto di cogenerazione nel corso dell'anno 14

15 Santa Cristina - Confermato arresto cogenerazione presso complesso di per decisione del proprietario Telecom aggiunto impianto di trigenerazione Telecom (attivo dal 2011) PEEP Corticella in esercizio a pieno regiome della cogenerazione IOR rizzoli maggiore recupero estivo sul circuito post riscaldo UTA sale operatorie Navile conclusione iter autorizzativo, prevista avvio prossima stagione termica (2015/2016) Ospedale Sant'orsola Nuova installazione cogenerazione prevista nel corso dell'anno(inizio produzione a regime nel 2016 Attività di educazione ed informazione ambientale Show-room energia e ambiente Nuovi Percorsi didattici di tipo interattivo con attività pratiche, simulazioni e uso di exhibit rivolti alle scuole primarie e secondarie di I e II grado. Aggiornamento percorso espositivo A casa di EnRI Realizzazione eventi cittadini (Enviromental cafè) Corsi per scuole superiori su risparmio energetico e fonti rinnovabili in collaborazione con sportello aldini lavoro. Attività di audit elettrico con applicazione del software kilowattene incollaborazione con ENEA Bologna VERDE PUBBLICO Indicatore: NUOVI ALBERI PIANTATI Nell ambito del progetto Gaia-Forestazione Urbana, sono previste ulteriori piantagioni nei parchi individuati dal progetto grazie alle nuove adesioni delle aziende ed alla nuova campagna di comunicazione che verrà avviata tra marzo ed aprile L'elenco completo dei parchi, delle tipologie di piante già piantati e delle aziende aderenti è consultabile sul sito (www.lifegaia.eu). I numeri non tengono conto dei reimpianti e sostituzioni ordinarie programmate all'interno del servizio di manutenzione del comune. Indicatore: SENTIERI COLLINARI Per il 2015 non è prevista l'apertura di nuovi sentieri collinari in città. Prosegue la collaborazione con la consulta dell'escursionismo la progettazione del il sentiero 900 CAI per il collegamento tra la valle del Reno e la valle del Savena. 15

16 4. Bilancio Ambientale Preventivo 2015 interno all'amministrazione Comunale Gli indicatori dell ente, rappresentato da un set limitato, servono per fornire un quadro della situazione ambientale dell'amministrazione comunale. Vengono fissati, per alcuni indicatori, target per il mandato amministrativo. Per la definizione del target 2016, è stata stimata per ognuno degli indicatori una riduzione/aumento variabile tra il 5% e il 20% rispetto ai valori del 2011 presi come base di riferimento. Tale stima è stata fatta considerando le azioni che l Amministrazione sta avviando o avvierà nei prossimi anni. In particolare, a partire dal 2014 è stato avviato un progetto di sensibilizzazione sui comportamenti sostenibili denominato Ambiente Vitale con i dipendenti di Piazza Liber Paradisus anche in raccordo con la campagna consumabile della Regione Emilia Romagna. A supporto degli incontri è stato realizzato un manuale dei comportamenti sostenibili negli uffici ed una mostra con dei pannelli sulle diverse tematiche ambientali. Circolari sul tema del risparmi e dell'efficienza nuova circolare pg 15370/2015 numero 3/2015 : INTERVENTI DI RAZIONALIZZAZIONE PER LA RIDUZIONE DEL NUMERO DI STAMPANTI E DEI RELATIVI ICOSTI DI ACQUISTO E GESTIONE

17 Bilancio Ambientale Preventivo 2014 Bilancio Ambientale preventivo dell'amministrazione Comunale Risorse ACQUA ENERGIA MATERIE PRIME MOBILITÀ SOSTENIBI LE Indicatori ambientali Valori Valori Valori Valori (in verde i nuovi indicatori) Target 2016 Consumi acqua contatore generale Piazza Liber Paradisus (m 3 ) 1 Consumi complessivi di acqua del Comune di Bologna (m 3 ) Consumi Energia termica - Piazza Liber Paradisus (kwh) 1 Consumi Energia per raffrescamento - Piazza Liber Paradisus (kwh) 1 Consumi energia elettrica - Piazza Liber Paradisus * -- (kwh) 1 Consumi complessivi di energia elettrica del Comune di Bologna (kwh) Utilizzo carta (n. risme riciclata, carta ecologica) Parco macchine (n. autovetture) Veicoli ecologici benzina/metano, benzina/gpl, ibridi (%) Utilizzo del mezzo pubblico (%, numero abbonamenti TPER e Trenitalia ) n.d < *il dato si riferisce alle sole utenze della torre A e torre B, mancano i consumi della torre C 1 La gestione della sede di Piazza Liber Paradisus è esterna all'amministrazione; pertanto non è possibile la definizione dei target relativi ai consumi, tuttavia sono in atto azioni di sensibilizzazione ai comportamenti sostenibili rivolti ai dipendenti comunali.

18 Allegato: Schede sintetiche degli indicatori Risorsa Qualità dell aria Indicatore PM10 centralina S. Felice/Piazza Maggiore Unità di misura µg/m 3 Descrizione dell indicatore Modalità di calcolo Per PM10 si intende la frazione di particelle solide aventi diametro aerodinamico inferiore a 10 µg/m 3. Maggiore responsabile: traffico veicolare Il valore è calcolato come valore medio annuo Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati Arpa Note L attuale riferimento normativo è il D.Lgs.155/2010. La centralina collocata in via S. Felice è stata identificata per rappresentare la stazione di tipo traffico nella nuova rete di monitoraggio provinciale Indicatore NO 2 centralina S. Felice Unità di misura µg/ m 3 Descrizione dell indicatore Modalità di calcolo Periodicità aggiornamento Fonte dei dati Note ll biossido di azoto è una delle maggiori criticità del territorio bolognese. Maggiore responsabile: traffico veicolare (soprattutto diesel), riscaldamento domestico, processi di combustione in genere Il valore è calcolato come valore medio annuo Annuale Arpa L attuale riferimento normativo è il D.Lgs.155/2010. La centralina collocata in via S. Felice è stata identificata per rappresentare la stazione di tipo traffico urbano nella nuova rete di monitoraggio provinciale Risorsa Materie prime Indicatore Raccolta differenziata / Unità di misura % Descrizione dell indicatore Frazione dei rifiuti che l amministrazione riesce ad intercettare attraverso la raccolta differenziata. Modalità di calcolo Periodicità aggiornamento Fonte dei dati Rapporto tra il volume dei rifiuti raccolti in maniera differenziata e il volume totale dei rifiuti prodotti (ad esclusione dello spazzamento delle strade) Semestrale Hera

19 Bilancio Ambientale Preventivo 2014 Risorsa Clima acustico Indicatore Monitoraggio acustico aeroportuale Unità di misura LVA [db(a)] Descrizione dell indicatore) Indice LVA misurato presso la centralina di monitoraggio del rumore aeroportuale NMT-6 (Centro Sportivo Pizzoli Modalità di calcolo Metodologia stabilita dal DM Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati Società Aeroporto Bologna (SAB) Risorsa Clima acustico Indicatore Monitoraggio acustico zona T via Rizzoli Unità di misura LAeq diurno e notturno [db(a)] Descrizione dell indicatore Livello medio diurno e notturno misurato presso la postazione di misura in via Rizzoli (misura acustica svolta nell'ambito del Piano della Pedonalità) Modalità di calcolo Misura svolta secondo i dettami del DM Periodicità aggiornamento -- Fonte dei dati Arpa Risorsa Acqua potabile Indicatore Indice delle perdite reali Unità di misura % Descrizione dell indicatore Le perdite totali sono rappresentate dalla somma delle perdite fisiche ed amministrative. L indice delle perdite reali si riferisce solo alle perdite fisiche con l esclusione delle perdite dovute a manutenzione e servizi agli impianti ( acque di lavaggio, scarico di serbatoi ecc.) ed il volume perso per disservizi accidentali ( scarico da troppo pieno, ecc.) L'indice delle perdite reali distribuzione (P3) viene inviato annualmente dai gestori del s.i.i. al Ministero dell Ambiente ai sensi del DM 08/01/97, n. 99. Modalità di calcolo Volume delle perdite della rete di distribuzione (A15)/Volume immesso nel sistema di distribuzione (A9) X100. Per Volume delle perdite della rete di distribuzione si intende il volume perduto nella distribuzione ( perdite dai serbatoi, dalle condotte ecc.) Per Volume immesso nel sistema di distribuzione si intende la somma del volume di acqua prelevato dall ambiente pronto per l uso + il volume di acqua prodotto dagli impianti di trattamento al netto delle perdite + il volume prelevato da altri sistemi di acquedotto al netto del volume consegnato ad altri acquedotti. Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati HERA Indicatore Consumo idrico pro capite Unità di misura l/ab g Descrizione dell indicatore Consumo idrico ripartito per abitanti. Modalità di calcolo I consumi giornalieri considerati sono totali cioè comprensivi degli usi domestici ed extradomestici relativi alle utenze produttive, del commercio, dei servizi, turistici e agricoli Periodicità aggiornamento Annuale Fonte dei dati HERA Risorsa Verde Pubblico Indicatore Nuovi alberi piantati Unità di misura n. Descrizione dell indicatore Numero di alberi piantati con il progetto GAIA-Forestazione Urbana Modalità di calcolo Numero di alberi messi a dimora Periodicità aggiornamento Annuale Fonte dei dati

20 Indicatore Sentieri collinari Unità di misura Km Descrizione dell indicatore Sentiero CAI percorribile esclusivamente a piedi, aperto al pubblico, segnalato e numerato Modalità di calcolo Km calcolati con sistema ArcGIS in base ai tracciati forniti direttamente dal CAI Periodicità Annuale dell aggiornamento Fonte dei dati Settore Ambiente ed Energi Risorsa Energia Indicatore Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed assimilate Unità di misura MhW Descrizione dell indicatore Quantità di energia prodotta dagli impianti di generazione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili o prodotta per cogenerazione da combustibili fossili o combustibile da rifiuti (recupero di energia termica) o altro recupero di energia. Sono indicati gli impianti soggetti allo schema dei permessi di emissioni (Emission Trading System- EU ETS) Elenco Impianti: Fonti Rinnovabili: Impianto idroelettrico Cavaticcio Officina elettrica a Bioliquidi Foyer Cogeneratore depuratore IDAR (Biogas da digestione fanghi) Impianti Fotovoltaici Cogeneratore Turboespansore Frullo (recupero energia da salto di pressione del gas distribuito) Cogenerazione a Gas: Cogeneratore Sede Hera/Berti Pichat (ETS) Cogeneratore Cogen (ETS) Cogeneratori Consorzio Fossolo Cogeneratore ITIS Aldini Valeriani Cogeneratore Fiera (ETS) Cogeneratore Ospedale Rizzoli Cogeneratore Palazzo Pepoli Cogeneratore Santa Cristina Cogeneratore Carmen Longo (stima) Cogeneratore Granarolo Cogenerazione da Rifiuti Cogeneratore Inceneritore (CDR) (ETS) Modalità di calcolo Periodicità dell aggiornamento Fonte dei dati Altri Monitoraggio PAES Annuale Proprietari e gestori impianti; GSE

Bilancio Ambientale Preventivo 2009 BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO. del Comune di Bologna

Bilancio Ambientale Preventivo 2009 BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO. del Comune di Bologna BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO del 2009 1 Responsabili Indirizzi politici Anna Patullo Assessore Ambiente, Sport, Protezione Civile e Giovani Responsabilità generale Roberto Diolaiti Direttore Settore

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO del Comune di Bologna

BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO del Comune di Bologna BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO del Comune di Bologna 2008 BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO del Comune di Bologna 2008 Bilancio Ambientale Preventivo 2008 Responsabili Indirizzi politici Anna Patullo - Assessore

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Bologna città resiliente, il PAES e il progetto BlueAp per l'adattamento

Bologna città resiliente, il PAES e il progetto BlueAp per l'adattamento Bologna città resiliente, il PAES e il progetto BlueAp per l'adattamento Patrizia Gabellini Assessore Urbanistica, Città Storica e Ambiente Comune di Bologna CONTENUTI - Fattori di vulnerabilità e fattori

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE del Comune di Bologna

BILANCIO AMBIENTALE del Comune di Bologna BILANCIO AMBIENTALE del Comune di Bologna CONSUNTIVO 2010 Coordinamento generale Roberto Diolaiti Direttore Settore Ambiente ed Energia Coordinamento operativo Giovanni Fini Dip. Riqualificazione Urbana

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni.

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. L aria delle nostre città: quali strategie per la pianificazione 22-12-2005

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2013) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano, giunto quest anno

Dettagli

Bilancio Ambientale Preventivo 2009 BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO. del Comune di Bologna

Bilancio Ambientale Preventivo 2009 BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO. del Comune di Bologna Bilancio Ambientale Preventivo 2009 BILANCIO AMBIENTALE PREVENTIVO del Comune di Bologna 2011 Bilancio Ambientale Preventivo 2009 INDICE INTRODUZIONE...5 AZIONI PER IL RAGGIUNGIMENTO DEL TARGET 2011...7

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE del Comune di Bologna

BILANCIO AMBIENTALE del Comune di Bologna BILANCIO AMBIENTALE del Comune di Bologna CONSUNTIVO 2010 Coordinamento generale Roberto Diolaiti Direttore Settore Ambiente ed Energia Coordinamento operativo Giovanni Fini Settore Ambiente ed Energia

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014 N 2010_ 45,72% 2011_ 48,55% 2012_ 48,52% 2013_ 51,32% 2014_ 53,02% 1 Incremento raccolta differenziata nella Provincia di Prato

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

III report monitoraggio anno 2009 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

III report monitoraggio anno 2009 Piano di Gestione della Qualità dell'aria III report monitoraggio anno 2009 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

Progetti per la riduzione del traffico e la mobilità sostenibile

Progetti per la riduzione del traffico e la mobilità sostenibile Seminario L impatto ambientale delle emissioni in atmosfera Progetti per la riduzione del traffico e la mobilità sostenibile Ing. Antonio Mazzon Comune di Palermo 1 FINALITÀ E OBIETTIVI L obiettivo di

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna

Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna A cura di Fabio Formentin Bologna, 17 gennaio 2008 Percorsi sicuri casa-scuola a Modena e Reggio Emilia. Progetto PEDAL

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

I Piani spostamento casa lavoro/scuola

I Piani spostamento casa lavoro/scuola La mobilità sostenibile ha fatto strada I Piani spostamento casa lavoro/scuola - Percorsi europei per la mobilità sostenibile Lucia Torino 25 Gola 26 febbraio Mobility 2009 Manager d Area del Comune di

Dettagli

LE AZIONI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELL AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA

LE AZIONI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELL AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA LE AZIONI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELL AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA I NUMERI DELL AEROPORTO Nel giorno medio affluiscono all aeroporto: aeroporto: 16.200 passengers 1.800 workers Le emissioni di CO2 dal

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Ambiente e Verde Urbano Unità Qualità Ambientale. BILANCIO AMBIENTALE CONSUNTIVO del Comune di Bologna

COMUNE DI BOLOGNA Settore Ambiente e Verde Urbano Unità Qualità Ambientale. BILANCIO AMBIENTALE CONSUNTIVO del Comune di Bologna COMUNE DI BOLOGNA Settore Ambiente e Verde Urbano Unità Qualità Ambientale BILANCIO AMBIENTALE CONSUNTIVO del Comune di Bologna 2006 Coordinamento generale Roberto Diolaiti Direttore Settore Ambiente e

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA SINTESI Premessa L Amministrazione comunale, in un ottica di attenzione alle problematiche ambientali, ha avviato un progetto denominato Bergamo Sostenibile, articolato

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

Piano di Sostenibilità Ambientale di Arpa Piemonte Proposta metodologica

Piano di Sostenibilità Ambientale di Arpa Piemonte Proposta metodologica Piano di Sostenibilità Ambientale di Arpa Piemonte Proposta metodologica Proteggere l ambiente l è nella nostra natura? I processi realizzati da Arpa sono caratterizzati da costante attenzione alla scelta

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO Percorso formativo di accompagnamento III seminario Milano, 25 settembre 2013 Dalla Manifestazione

Dettagli

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Indicatori ambientali urbani 2007 La posizione di Padova rispetto alla media nazionale L'Istat ha presentato i risultati dell'indagine ambientale

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia)

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Introduzione: Quali indicatori per l attuazione della Strategia

Dettagli

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna flash _ La regione Emilia-Romagna ha circa 4,5 milioni di abitanti. _ La densità di auto per abitante è superiore alla media nazionale ed

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

C I T T À D I T R E V I S O via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso.

C I T T À D I T R E V I S O via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso. PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA DI TUTELA AMBIENTALE ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO: A seguito dell entrata in vigore del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.), attualmente

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML Data:Thu Jun 13 14:02:01 GMT+0200 (ora legale Europa occ.) 2002 L?ambiente in città Statistiche in breve - 10

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2012) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del 19 Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano. La di Palermo,

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Allarme Frosinone, Tira una brutta aria Allarmanti i valori del PM10 che superano di circa il 50%

Dettagli

La Mobilità Sostenibile in campo:

La Mobilità Sostenibile in campo: La Mobilità Sostenibile in campo: LE INIZIATIVE DEL MOBILITY MANAGER DI AREA DEL COMUNE DI CATANIA La figura professionale del Mobility Manager di area è stata introdotta dal Decreto del 27/03/1998 "Mobilità

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Informata della Mobilità

Informata della Mobilità Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Il progetto GIM Gestione Informata della Mobilità Fabio Formentin Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi

Dettagli

Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani

Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani Seminari di confronto e test drive di mezzi elettrici e soluzioni innovative Vincenzo Tartaglia vincenzo.tartaglia@comune.fi.it Mobilità elettrica, spunti di

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

Il Gruppo Dolomiti Energia e l'auto Elettrica. Ing. Francesco Faccioli

Il Gruppo Dolomiti Energia e l'auto Elettrica. Ing. Francesco Faccioli Il Gruppo Dolomiti Energia e l'auto Elettrica Ing. Francesco Faccioli Mesiano, 03 dicembre 2014 Gruppo Dolomiti Energia: attività Energia elettrica gestione impianti di produzione manutenzione e telecontrollo

Dettagli

Allegato A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni

Allegato A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni Allegato A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni 191 A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni A.6.1 Indicatori di monitoraggio del Piano

Dettagli

a) dotazioni strumentali apparecchiature di telefonia mobile

a) dotazioni strumentali apparecchiature di telefonia mobile 1 Misure finalizzate al contenimento della spesa (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) a) dotazioni strumentali apparecchiature di telefonia mobile La flotta aziendale di

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

UN AEROPORTO VERDE CARBON NEUTRAL un Accordo Territoriale per la Decarbonizzazione dello Scalo bolognese COMUNE DI CALDERARA DI RENO

UN AEROPORTO VERDE CARBON NEUTRAL un Accordo Territoriale per la Decarbonizzazione dello Scalo bolognese COMUNE DI CALDERARA DI RENO UN AEROPORTO VERDE CARBON NEUTRAL un Accordo Territoriale per la Decarbonizzazione dello Scalo bolognese COMUNE DI CALDERARA DI RENO I NUMERI DELL AEROPORTO 6,5 Milioni di passeggeri all anno (2014) Nel

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli

Deliberazione n. 239

Deliberazione n. 239 Protocollo RC n. 20628/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 LUGLIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di luglio, alle ore

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile

Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile Fabio Formentin Responsabile Servizio mobilità urbana e trasporto locale Regione Emilia-Romagna Interventi di pianificazione,

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO MONITORAGGIO DELL USO DELLE RISORSE NATURALI E DELLE MATERIE PRIME Si riporta di seguito un sintetico compendio dei dati quantitativi disponibili relativamente al flusso di

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Il 1 febbraio 2008, Dexia e l istituto di ricerche Ambiente Italia hanno presentato

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna UNA REGIONE ATTENTA ALL AMBIENTE E ALLA MOBILITÀ SOSTENIBILe flash _ La regione Emilia-Romagna ha circa 4,5 milioni di abitanti. _ La densità

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna UNA REGIONE ATTENTA ALL AMBIENTE E ALLA MOBILITÀ SOSTENIBILE Per collocazione naturale l Emilia-Romagna sconta un alto tasso d inquinamento

Dettagli

Il Piano Clima del Comune di Reggio Emilia. Incontri con la Provincia di Reggio Emilia 13 e 22 maggio 2013

Il Piano Clima del Comune di Reggio Emilia. Incontri con la Provincia di Reggio Emilia 13 e 22 maggio 2013 Il Piano Clima del Comune di Reggio Emilia Incontri con la Provincia di Reggio Emilia 13 e 22 maggio 2013 Da dove siamo partiti L impegno della cittàdi Reggio Emilia per la sostenibilitàambientale e la

Dettagli

Polveri nei limiti nei giorni del Treno Verde Ma sono già 54 gli sforamenti dall inizio del 2011

Polveri nei limiti nei giorni del Treno Verde Ma sono già 54 gli sforamenti dall inizio del 2011 * in allegato un immagine della conferenza stampa Vicenza, 19 aprile 2011 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Polveri

Dettagli