L indicazione prescelta sarà visibile sul display del televoter; nell eventualità di errore, Pagina 1 di 38

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L indicazione prescelta sarà visibile sul display del televoter; nell eventualità di errore, Pagina 1 di 38"

Transcript

1 VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 22 FEBBRAIO 2007 DELL'ALITALIA - LINEE AEREE ITALIANE S.P.A. CON SEDE IN ROMA VIALE ALESSANDRO MARCHETTI N. 111, CAPITALE SOCIALE EURO ,66 INTERAMENTE VERSATO, CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI ROMA , R.E.A. DI ROMA , PARTITA I.V.A Il giorno 22 febbraio 2007, alle ore 11,00, si è riunita, in prima convocazione, presso la sede sociale - in Roma, Viale Alessandro Marchetti n l'assemblea ordinaria degli Azionisti dell ALITALIA - Linee Aeree Italiane S.p.A.. Apre la seduta il Presidente del Collegio Sindacale, prof. Luigi Pacifico, il quale, dopo aver rivolto un saluto di benvenuto ai Signori Azionisti, evidenzia che, ai sensi dell art. 13 dello Statuto Sociale, occorre procedere alla nomina del Presidente dell'odierna Assemblea. In proposito, propone che la presidenza della riunione sia assunta dall'amministratore dott. Giovanni Sabatini. Su invito del Prof. Pacifico, il dott. Leopoldo Luigi Conforti, General Counsel della Società, comunica che sono rappresentate in Assemblea n azioni, pari al 50,437990% del capitale sociale. Sono presenti in aula n. 27 aventi diritto, di cui 16 in proprio e 11 per delega, come risulta dal prospetto che si allega al presente verbale sotto la lettera "A". Prima di passare alla votazione, sempre su invito del prof. Pacifico, il dott. Conforti riepiloga le modalità di espletamento della stessa. Nel frattempo, alle spalle del tavolo della presidenza, vengono proiettate dette modalità. Al riguardo, il dott. Conforti rappresenta che la rilevazione dei voti avverrà mediante il televoter consegnato nella fase di accettazione. Più precisamente, dal momento in cui sarà stata dichiarata aperta la votazione e sino alla chiusura della stessa, sarà possibile: - premere il tasto riportante l indicazione SI qualora si intenda esprimere voto favorevole; - premere il tasto riportante l indicazione NO qualora si intenda esprimere voto contrario; - premere il tasto riportante l indicazione ASTENUTO qualora si intenda astenersi dal voto. L indicazione prescelta sarà visibile sul display del televoter; nell eventualità di errore, Pagina 1 di 38

2 sarà possibile rettificarla premendo il tasto corrispondente all indicazione corretta. Per manifestare l'intendimento dovrà, poi, essere utilizzato il tasto INVIO. I portatori di deleghe che intendano esprimere voti diversificati nell ambito delle azioni complessivamente rappresentate dovranno utilizzare la postazione denominata voto assistito. Tale postazione potrà essere utilizzata anche da coloro che intendano ricevere chiarimenti in ordine alle modalità di voto. Il prof. Pacifico, nel riscontrare che non vengono manifestate carenze di legittimazione al voto, mette in votazione la delibera proposta in ordine alla nomina del dott. Sabatini quale Presidente della presente riunione ed invita a non abbandonare l Assemblea durante lo svolgimento della votazione. Durante le operazioni di votazione, intervengono alla seduta ulteriori Azionisti a cui il prof. Pacifico formula invito a partecipare alla votazione, relativamente alla quale ricorda nuovamente la delibera proposta. Riscontrato - secondo quanto comunicato dall'apposita postazione di rilevazione dei voti - che la procedura di votazione si è definita e che non si sono al riguardo riscontrate problematiche procedurali, il prof. Pacifico dichiara chiusa la votazione stessa ed invita il dott. Conforti a dare lettura dei risultati. Il dott. Conforti comunica che hanno partecipato alla votazione n. 36 Azionisti portatori di n azioni tutte ammesse al voto: - favorevoli n ; - contrari n ; - astenuti n ; - non votanti n Il prof. Pacifico dichiara che la proposta è approvata a maggioranza ed invita il dott. Sabatini ad assumere la presidenza della riunione. L elenco esplicativo del risultato della votazione, contenente l'indicazione dei nominativi degli Azionisti favorevoli, di quelli contrari, degli astenuti e dei non votanti è allegato al presente verbale sotto la lettera "B". Il dott. Giovanni Sabatini, assume, dunque, la presidenza dell Assemblea e, ai sensi dell art. 13 dello Statuto Sociale, invita il dott. Leopoldo Luigi Conforti a fungere da Segretario della riunione. Pagina 2 di 38

3 Il Presidente accerta e dà atto che: l Assemblea è stata convocata con avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, parte seconda, numero 8, del 20 gennaio 2007, rettificato - a seguito di errore di stampa - con errata-corrige pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, parte seconda, numero 9, del 23 gennaio 2007, con il seguente: ORDINE DEL GIORNO 1. Previa determinazione del numero dei suoi componenti, nomina del Consiglio di Amministrazione; 2. Determinazione del compenso spettante al Consiglio di Amministrazione; l avviso di convocazione è stato, altresì, pubblicato, sempre il 20 gennaio 2007, sul quotidiano "Il Sole 24 Ore" e reso disponibile sul sito internet della Società; dell Organo Amministrativo è presente egli stesso; del Collegio Sindacale, composto da cinque membri, sono presenti il Presidente, prof. Luigi Pacifico, ed i Sindaci dott. Marcellino Bortolomiol, prof. Enrico Laghi e rag. Nicandro Mancini; ha giustificato l'assenza il Sindaco dott. Diego Maria Berruti; assistono allo svolgimento dell Assemblea alcuni esperti, analisti finanziari e giornalisti accreditati; sono, inoltre, presenti Dirigenti ed Impiegati della Compagnia per assicurare il migliore svolgimento della riunione; il capitale sociale - come da attestazione depositata presso il Registro delle Imprese di Roma ed in corso di iscrizione - è di Euro ,33, interamente sottoscritto e versato, ed è suddiviso in numero azioni ordinarie prive di valore nominale; in riferimento a tutti gli Azionisti intervenuti, in proprio o per delega, gli intermediari hanno effettuato la comunicazione prevista dalla vigente normativa almeno due giorni prima dell odierna seduta, anche ai sensi di quanto indicato dall art. 11 dello Statuto Sociale; le deleghe presentate dagli Azionisti sono state Pagina 3 di 38

4 lette e riscontrate regolari. Ai fini dell'accertamento della regolare costituzione dell'assemblea, su invito del Presidente, il dott. Conforti comunica che sono rappresentate n azioni, pari al 50,439362% del capitale sociale, tutte ammesse al voto; sono presenti in aula n. 36 aventi diritto al voto, di cui 25 in proprio e 11 per delega, come risulta dal prospetto che si allega al presente verbale sotto la lettera "C". Il Presidente, quindi, tenuto conto dei dati risultanti dal prospetto di cui il dott. Conforti ha appena dato lettura, degli accertamenti eseguiti in ordine all'identità ed alla legittimazione dei presenti, e di quanto in precedenza rappresentato, dichiara l Assemblea regolarmente convocata e validamente costituita ed atta a deliberare sugli argomenti di cui all ordine del giorno. Il dott. Sabatini invita i partecipanti all Assemblea a rendere note le eventuali carenze di legittimazione al voto secondo la normativa vigente. Il Presidente constata e dà atto che non vengono manifestate carenze di legittimazione al voto. Dà, inoltre, atto che: sono stati regolarmente espletati gli ulteriori adempimenti informativi previsti dal Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia del 5 novembre 1998, n In particolare, in data 7 febbraio 2007, il documento contenente la Relazione e le proposte degli Amministratori alla presente Assemblea - che si riporta in allegato al presente verbale sotto la lettera "D" - è stato posto, a disposizione del pubblico, presso la sede sociale, la Borsa Italiana S.p.A., nonché sul sito internet della Compagnia e distribuito ai presenti; sulla base degli elementi informativi disponibili, risultano partecipare, con diritto di voto, al capitale sociale in misura superiore al 2% dello stesso i seguenti Azionisti: - Ministero dell Economia e delle Finanze, con una partecipazione pari al 49,9%; - Newton Investment Management Ltd., con una partecipazione pari al 4,918%; - TT International, con una partecipazione pari al 2,37%; - Norges Bank, con una partecipazione pari al 2,002%; la Società non è a conoscenza dell'esistenza di patti parasociali aventi per oggetto azioni della Società ai sensi dell'art. 122 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. Pagina 4 di 38

5 Il Presidente, poi, evidenzia che, nella documentazione consegnata, è compresa una comunicazione ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n che si allega al presente verbale sotto la lettera "E" - circa il trattamento dei dati forniti in relazione alla partecipazione all'odierna Assemblea e di quelli scaturenti dai lavori assembleari nel loro svolgimento, che saranno trattati per finalità direttamente connesse e strumentali all'espletamento degli adempimenti relativi all'assemblea stessa. Al riguardo, il Presidente rappresenta, in particolare, che l'acquisizione dei suddetti dati si rende necessaria, ai sensi di legge, per garantire l'esercizio dei diritti spettanti e che le modalità di trattamento degli stessi prevedono anche l ausilio di mezzi elettronici o, comunque, automatizzati e di procedure informatiche. "Titolare" del trattamento dei dati di cui trattasi è l ALITALIA e "Responsabile" di detto trattamento è la "Servizio Titoli S.p.A.", con sede in Torino, Corso Ferrucci n. 112/A, all uopo nominata dalla Società. "Responsabili" del trattamento in argomento sono, altresì, le funzioni aziendali competenti in relazione alle finalità di cui trattasi. Il dott. Sabatini invita coloro che, durante lo svolgimento dell Assemblea, intendano abbandonare o comunque momentaneamente lasciare l'adunanza a riconsegnare all'uscita, alle apposite postazioni, il dispositivo elettronico (televoter) ricevuto nella fase di accettazione. Detto televoter - che contiene i dati identificativi del ricevente nonché il numero delle azioni detenute - deve, infatti, essere utilizzato - oltre che per l'espletamento delle operazioni di voto - anche per registrare l'entrata e l'uscita dalla sala assembleare. Il televoter è strettamente personale ed il Presidente invita, in caso di suo smarrimento o malfunzionamento, ad informarne tempestivamente il personale incaricato. Ai sensi dell'art. 9 del Regolamento Assembleare, il dott. Sabatini invita i partecipanti che intendano svolgere un intervento in ordine agli argomenti in discussione a recarsi, qualora non l abbiano già fatto, presso l apposita postazione ed a consegnare al personale incaricato la scheda contenuta nella cartellina ricevuta. Ciò consentirà la predisposizione di un elenco in ordine cronologico dei richiedenti la parola. Al riguardo, il Presidente informa che, ai sensi dell'art. 11 del Regolamento Assembleare, sarà determinato il periodo di tempo a disposizione degli iscritti a parlare relativamente ai singoli argomenti all ordine del giorno al fine di consentire a tutti coloro che ne abbiano interesse di poter intervenire nell ambito di un corretto ed economico svolgimento dell odierna riunione. Il dott. Sabatini passa, quindi, alla trattazione del primo argomento all ordine del giorno. Previa determinazione del numero dei suoi componenti, nomina del Consiglio Pagina 5 di 38

6 di Amministrazione. Il Presidente ricorda che, come indicato nella Relazione degli Amministratori alla presente Assemblea, per effetto del venir meno della maggioranza degli Amministratori in carica, il Consiglio di Amministrazione della Società - ai sensi del combinato disposto dell articolo 17 dello Statuto Sociale e dell articolo 2386 del Codice Civile - è decaduto. L'Assemblea è, quindi, invitata a nominare - previa determinazione del numero dei suoi componenti - il Consiglio di Amministrazione della Società. Il Presidente informa, poi, che è stata presentata un'unica lista da parte dell Azionista Ministero dell Economia e delle Finanze. Su invito del dott. Sabatini, il dott. Conforti dà lettura dei nominativi dei cinque candidati contenuti nella predetta lista: 1. Berardino LIBONATI (Presidente) 2. Aristide POLICE 3. Giovanni SABATINI 4. Carlo SANTINI 5. Luciano VANNOZZI Il Presidente, nel riprendere la parola, rappresenta che, conformemente a quanto previsto dall art. 17 dello Statuto Sociale, in data 10 febbraio 2007 la lista è stata pubblicata sul quotidiano Il Corriere della Sera ed il successivo 12 febbraio è stata depositata presso la sede sociale, unitamente alla richiesta documentazione di corredo. Sempre lo scorso 12 febbraio, l Azionista al fine di comprovare la titolarità del numero di azioni necessarie alla presentazione della lista ha depositato, presso la sede sociale, la prescritta certificazione. Il dott. Sabatini precisa, poi, che, in conseguenza della presentazione di un'unica lista, non si rende applicabile la procedura del voto di lista di cui all'articolo 17 dello Statuto Sociale, dovendosi provvedere all'assunzione della relativa deliberazione di nomina del Consiglio di Amministrazione - secondo quanto previsto dal medesimo articolo dello Statuto Sociale - applicando le disposizioni di legge in materia. Il Presidente apre la discussione e, ai sensi dell art. 11 del Regolamento Assembleare, fissa in cinque minuti il tempo a disposizione degli iscritti a parlare, a cui cede la parola secondo l'ordine cronologico di presentazione della relativa richiesta. Pagina 6 di 38

7 MARIO STELLA RICHTER Il prof. Stella Richter, nel precisare di intervenire a nome del Ministero dell'economia e delle Finanze, rappresenta che il predetto Ministero propone di assumere la seguente delibera: <<L'Assemblea degli Azionisti dell'alitalia - Linee Aeree Italiane S.p.A. delibera di: - nominare - per gli esercizi e, quindi, fino all'approvazione del bilancio al 31 dicembre un Consiglio di Amministrazione composto da cinque membri; - chiamare a far parte del predetto Consiglio di Amministrazione - confermando l'intendimento già espresso da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze - i Signori: Berardino LIBONATI Aristide POLICE Giovanni SABATINI Carlo SANTINI Luciano VANNOZZI - nominare Presidente del Consiglio di Amministrazione - sempre confermando l'intendimento già espresso da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze - il prof. Berardino LIBONATI.>> Il prof. Stella Richter anticipa che, in questo senso, sarà espresso il voto del Ministero dell'economia e delle Finanze e ringrazia il Consiglio di Amministrazione uscente, e in particolare l'ing. Cimoli, per il proficuo lavoro svolto formulando i migliori auguri al nuovo Consiglio di Amministrazione al quale è affidata la gestione dell'impresa durante il processo di privatizzazione già attivato dal Governo. DAVIDE LIONELLO L'Azionista, in primo luogo, manifesta che, a suo parere, i media stanno danneggiando la Compagnia. Il sig. Lionello, poi, esprime disappunto per la campagna pubblicitaria realizzata da Alitalia che dovrebbe focalizzarsi sui punti di forza della Compagnia - manutenzione, addestramento equipaggio, sicurezza anziché reclamizzare aspetti (quali i tre voli giornalieri per Barcellona) che non appaiono di interesse per alcuno. L'Azionista, da ultimo, propone che Alitalia una settimana prima del sessantesimo Pagina 7 di 38

8 anniversario dalla sua costituzione, promuova, se tecnicamente possibile, un'iniziativa "tutti gratis su tutti i voli"; ciò non costerebbe nulla e consentirebbe di riempire gli aeromobili, costituendo un record mondiale a beneficio dell'immagine di Alitalia che passerebbe al presente oltre che alla storia. ORAZIO CANCILA L'Azionista rappresenta, in primo luogo, che non intende ringraziare l'ing. Cimoli in quanto ritiene largamente deludenti i risultati conseguiti ed i progetti industriali promossi. Si è arrivati al punto in cui l'intero Consiglio di Amministrazione si è dimesso; l'unico Amministratore rimasto è il dott. Sabatini in quanto incaricato dal Ministero. L'Azionista esprime, poi, espressioni di stima all indirizzo del prof. Libonati, persona di ampia professionalità, capacità ed intelligenza, che auspica abbia la determinazione di comprendere la situazione in cui versa la Compagnia sul piano non solo industriale, ma anche e soprattutto finanziario, amministrativo e progettuale. Il prof. Libonati, prosegue l'azionista, dovrà essere certamente molto attento in sede di elaborazione del bilancio, tenuto conto che il risultato di esercizio, oltre che deludente, si presenta pieno di insidie. Al riguardo, lo invita a porre particolare attenzione al valore della flotta (che rappresenta il principale valore d'investimento per la Compagnia) ed al relativo fondo di ammortamento, al c.d. "conto prepagato" (che contiene i biglietti venduti e non volati), alle competenze dell anno (cosiddette integrazioni di periodo passive e attive) e, soprattutto, ai crediti ed ai debiti. Sarà, poi, necessario, per acquisire credibilità di fronte all'assemblea, che il nuovo Presidente si presenti in sede di approvazione del bilancio con un assetto industriale e un corpo dirigente diverso da quello attuale. Il sig. Cancila richiama, inoltre, il Collegio Sindacale sul lavoro che lo stesso è chiamato a svolgere. L Azionista si sofferma, altresì, a ricordare eventi degli ultimi sei anni citando: l'"eredità" lasciata dal dott. Cempella al dott. Mengozzi pari a miliardi di lire (quale sovrapprezzo azioni) oltre ai 750 miliardi di lire quale ultima tranche di un'operazione di ricapitalizzazione che il Ministero del Tesoro ha liquidato durante il mandato del dott. Mengozzi; il successivo aumento di capitale sociale per miliardi di Euro e l'emissione dei cosiddetti "Mengozzi bond"; le sopravvenienze derivate da vendite di cespiti (tra cui ricorda quelle afferenti la Sigma) e dal lodo pronunciato nei confronti della KLM; la svendita della sede sociale; un ulteriore Pagina 8 di 38

9 miliardo di Euro sottoscritto solo un anno fa, a fronte del quale la Compagnia non ha effettuato alcun acquisto. Il sig. Cancila ricorda, inoltre, la vendita, per un importo di 700 miliardi di lire, della partecipazione un tempo detenuta nella società Aeroporti di Roma, poi rivenduta da Cofiri per miliardi. L'Azionista anticipa, da ultimo, un suo lungo intervento all'assemblea che sarà convocata per l'approvazione del bilancio che già si preannuncia registrare una perdita di 400 milioni di Euro ivi comprese consulenze per un ammontare di 40 milioni. INNOCENZO D'EMILIANO L'Azionista dichiara di intervenire a nome proprio e di Aerquadri Associazione Nazionale Professionali Quadri Aviazione Civile, associata a Federmanager, di cui è Presidente e che rappresenta la maggior parte dei Quadri del Gruppo Alitalia. Dopo aver formulato il benvenuto al nuovo Consiglio di Amministrazione e al relativo Presidente, esprime una rinnovata e confermata fedeltà del Middle Management che intende partecipare attivamente alla rinascita dell'azienda, garantendo presidio manageriale e professionale, continuità di impegno e spirito di squadra. Aerquadri, prosegue il sig. D'Emiliano, non può, però, non raccogliere il malessere dello stesso Middle Management dovuto anche ad una serie di cause quali: - prepensionamenti selvaggi e senza preavviso, che hanno obbligato il Middle Management in servizio a trasmettere valori aziendali, informazioni, know how pur in assenza di un corretto passaggio di consegne e di una strategia industriale condivisa; - trattenute salariali per giornate di solidarietà applicate negli anni e per giornate di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria applicate negli anni 2005, 2006 e 2007; - un premio di puntualità (operazione 2004 On Time) stabilito nel 2004 e mai elargito; - obbligazioni convertibili a tasso fisso elargite in sostituzione di aumenti contrattuali e non incassabili per intervenuta svalutazione del titolo Alitalia; - il contratto di lavoro congelato dal Siamo convinti, prosegue ancora l'azionista, che nell'economia moderna la componente manageriale sia fondamentale. La ripresa della nostra Azienda, quindi, non può passare che attraverso una ripresa qualitativa e motivazionale del suo Management; ma perché ciò avvenga è necessario Pagina 9 di 38

10 che la sua dignità e la sua funzione siano riconosciute e rispettate innanzitutto dalla Proprietà e dal potere politico. Nel confermare la garanzia del presidio manageriale e professionale, conclude il sig. D'Emiliano, Aerquadri si porrà con atteggiamento critico nei confronti di qualsiasi ulteriore penalizzazione in termini professionali, motivazionali ed economici. ALVARO GIGLIONI L'Azionista dichiara che, al contrario di quanto effettuato in precedenti Assemblee, il proprio intervento si limita alla consegna, e non alla lettura, di un documento relativamente al quale chiede di ricevere risposta; documento che rassegna agli atti della riunione. Ciò, prosegue il sig. Giglioni, per non incorrere in turbative d asta come quelle che considera in atto già da qualche tempo, non ultima la paventata svalutazione della flotta. In proposito, l'azionista rappresenta di essere dell'avviso che sarebbe d'uopo, dopo le svalutazioni attuate negli ultimi anni, una rivalutazione alla stregua di quelle eseguite da alcuni pretendenti e partecipanti all asta. Ciò, ad avviso del sig. Giglioni, non restituirebbe il maltolto ai piccoli Azionisti danneggiati negli ultimi anni dall operato del Management, ma perlomeno consentirebbe ai contribuenti di recuperare parte del costo spesato in tanti anni in questa società pubblica. Il sig. Giglioni conclude il proprio intervento annunciando un azione di responsabilità verso gli Amministratori protetti o meno da clausole di garanzia concordate con il Ministero dell'economia e delle Finanze - qualora non ricevesse i chiarimenti nella lettera rassegnata oggi agli atti ed a quanto richiesto negli ultimi cinque anni, compreso quanto sollecitato dal Ministero dei Trasporti. PAOLO ALAZRAKI Il dott. Alazraki esprime innanzitutto il proprio gradimento per i nominativi degli Amministratori proposti che sono tutte persone di alta professionalità ed all'indirizzo dei quali formula i propri auguri per il lavoro complesso che li attende. Il dott. Alazraki - nel rappresentare di parlare sia come cittadino che contribuisce con il pagamento delle imposte alle perdite di Alitalia sia come Azionista in quanto detiene un'azione del capitale sociale constata che la Società vive una situazione molto grave e manifesta di ritenere che errori gravissimi sono stati compiuti ad ogni livello. In questo ambito, si stupisce che il Ministro del Tesoro abbia ringraziato l'ing. Cimoli, responsabile di uno dei più grandi e tragici esempi italiani di mismanagement dell'ultimo secolo. Pagina 10 di 38

11 L'Azionista esprime, poi, la convinzione che la Compagnia possa risorgere con il contributo del Management, di validi Amministratori e, naturalmente, con il supporto dei Funzionari e dei Sindacati. Nel riferirsi, inoltre, alla procedura di privatizzazione, rappresenta di essersi ritirato dalla gara perché, a suo dire, i dati forniti non erano veritieri. Il dott. Alazraki, pur nella consapevolezza che i nuovi Amministratori non possono ancora avere esaminato i dati aziendali e che non sono certamente responsabili del passato, chiede che sia fornita, nell'odierna seduta o nei prossimi giorni, un'indicazione generale sulla perdita dell'esercizio 2006 e sull'entità di svalutazione del capitale. Invita, da ultimo, gli Amministratori a presentare alla Consob una richiesta di vigilanza sul mercato borsistico, atteso che, secondo calcoli effettuati, dallo scorso 27 novembre, si riscontrerebbe un guadagno, da parte di qualcuno, di dieci milioni giornalieri su derivati Alitalia. E ciò, conclude il dott. Alazraki, non appare giusto perché occorre difendere anche i piccoli Azionisti che, magari, nel fare affidamento su dichiarazioni di un Ministro o di un Amministratore, possono essere coinvolti in perdite su questi titoli. Riprende la parola il dott. Sabatini il quale, nel riferirsi alle due domande formulate dall'azionista dott. Alazraki, ricorda, in primo luogo, che esiste un quadro normativo in riferimento al quale una società quotata è tenuta a fornire informazioni price-sensitive con determinate modalità, cioè con comunicato stampa. In questo ambito, lo scorso 28 gennaio, Alitalia ha diramato un comunicato stampa con cui ha fornito delle prime indicazioni in ordine alle risultanze dell'esercizio 2006, sulla base delle informazioni disponibili a tale data. Allo stato, sono ancora in corso le operazioni di chiusura del Bilancio da parte degli uffici e gli esiti di detta attività saranno esaminati dal nuovo Consiglio di Amministrazione, dopo il suo insediamento. Le richieste informazioni - non appena si sarà raggiunto quel livello di definizione delle risultanze di Bilancio dal quale scaturisce l'obbligo di informativa e, quindi, certamente prima dell'assemblea che sarà convocata per l'approvazione di detto Bilancio - saranno tempestivamente comunicate al mercato nel rispetto della vigente normativa. In tale sede, se del caso, sarà, altresì, fornita l'informativa relativa all'entità dell eventuale svalutazione del capitale. Il dott. Sabatini conclude il proprio intervento assicurando che saranno rispettati con Pagina 11 di 38

12 il massimo rigore gli obblighi informativi verso il mercato a cui una società quotata, quale l'alitalia, è tenuta. Interviene nuovamente il dott. Alazraki il quale, nel riferirsi alla mozione di voto proposta dall'azionista Ministero dell'economia e delle Finanze, chiede se detta mozione debba intendersi inclusiva del ringraziamento formulato dal medesimo Azionista. Il Presidente, nel fornire riscontro alla richiesta del dott. Alazraki, precisa che la mozione che si accinge a mettere in votazione, conformemente a quanto previsto all'ordine del giorno, concerne la determinazione del numero dei componenti il nuovo Consiglio di Amministrazione e la sua composizione. Non essendoci altri interventi sul punto in trattazione, il dott. Sabatini dichiara chiusa la discussione. Prima di passare alla votazione, il dott. Conforti, su invito del Presidente, riepiloga nuovamente le modalità di espletamento della stessa, ricordando che i portatori di deleghe che intendano esprimere voti diversificati nell ambito delle azioni complessivamente rappresentate dovranno utilizzare la postazione denominata voto assistito e che tale postazione potrà essere utilizzata anche da coloro che intendano ricevere chiarimenti in proposito. Nel frattempo, alle spalle del tavolo della presidenza, vengono proiettate dette modalità. Il dott. Sabatini, invita, poi, i partecipanti all'assemblea a rendere note le eventuali carenze di legittimazione al voto secondo la normativa vigente. Il Presidente, dopo aver constatato e dato atto che non vengono manifestate carenze di legittimazione al voto, mette in votazione la delibera proposta dall'azionista Ministero dell Economia e delle Finanze ed invita a non abbandonare l Assemblea durante lo svolgimento della votazione. Riscontrato - secondo quanto comunicato dall'apposita postazione di rilevazione dei voti - che la procedura di votazione si è definita e che non si sono al riguardo riscontrate problematiche procedurali, il dott. Sabatini dichiara chiusa la votazione stessa ed invita il dott. Conforti a dare lettura dei risultati. Il dott. Conforti comunica che hanno partecipato alla votazione n. 36 Azionisti portatori di n azioni tutte ammesse al voto: - favorevoli n contrari n Pagina 12 di 38

13 - astenuti n Il Presidente dichiara, quindi, che la proposta formulata dall'azionista Ministero dell'economia e delle Finanze è approvata a maggioranza. L elenco esplicativo del risultato della votazione, contenente l'indicazione dei nominativi degli Azionisti favorevoli, di quelli contrari e degli astenuti si riporta in allegato al presente verbale sotto la lettera "F". A seguito della votazione, risulta, quindi, nominato il Consiglio di Amministrazione della Società così composto: - prof. avv. Berardino LIBONATI (Presidente) - prof. avv. Aristide POLICE - dott. Giovanni SABATINI - prof. dott. Carlo SANTINI - dott. Luciano VANNOZZI. Il Presidente passa alla trattazione del secondo ed ultimo argomento all ordine del giorno. Determinazione del compenso spettante al Consiglio di Amministrazione. Il dott. Sabatini invita a deliberare in ordine al compenso del Consiglio di Amministrazione della Società e, al riguardo, apre la discussione. Ai sensi dell art. 11 del Regolamento Assembleare, fissa in tre minuti il tempo a disposizione degli iscritti a parlare, a cui cede la parola secondo l'ordine cronologico di presentazione della relativa richiesta. MARIO STELLA RICHTER Il prof. Stella Richter, in rappresentanza del Ministero dell Economia e delle Finanze, propone all Assemblea di assumere la seguente delibera: <<L Assemblea degli Azionisti dell ALITALIA - Linee Aeree Italiane S.p.A. delibera di determinare in Euro il compenso globale annuo spettante al Consiglio di Amministrazione, da ripartirsi a cura dello stesso ai sensi dell art. 28 dello Statuto sociale, confermando che ai componenti il Consiglio di Amministrazione spetta il trattamento di viaggio praticato ai componenti gli Organi Sociali delle compagnie aeree di linea con le prassi vigenti nell Industria del trasporto aereo di cui alle relative Resolution IATA.>> Pagina 13 di 38

14 Il prof. Stella Richter anticipa che, in questo senso, sarà espresso il voto del Ministero dell Economia e delle Finanze. ORAZIO CANCILA L'Azionista manifesta di ritenersi disorientato dalla proposta formulata dal Ministro dell'economia e delle Finanze di un compenso di Euro - compenso, questo, che, ripartito tra i cinque membri che compongono il Consiglio di Amministrazione, corrisponde a circa Euro mensili - soprattutto se raffrontato con quello percepito dall'ing. Cimoli, che sembrerebbe essere pari a Euro al giorno. Il compenso prospettato - prosegue l'azionista che, propone, invece, un importo globale annuo di Euro - appare certamente irrisorio per professionalità quali quelle del prof. Libonati e degli altri Amministratori. Il sig. Cancila, quindi, nell'anticipare il suo voto contrario alla proposta formulata dal Ministero dell'economia e delle Finanze, invita l'assemblea ad assumere eguale manifestazione di voto. PAOLO ALAZRAKI Il dott. Alazraki manifesta di condividere le considerazioni dell'azionista che lo ha preceduto, esprimendo di sentirsi offeso dalla proposta formulata dal Ministro dell'economia e delle Finanze e di chiedere, pertanto, scusa agli Amministratori neo eletti per la maleducazione usata nei confronti loro e degli altri Azionisti con la proposta di un compenso che sa di scherno. Il dott. Alazraki ritiene che il diverso importo prospettato dall'azionista che lo ha preceduto rappresenta il minimo necessario da riconoscere a soggetti di elevata professionalità, come dimostrato dai relativi curricula, che sono chiamati a svolgere un lavoro molto difficile, rischiando in proprio, in una Società che versa in una situazione negativa, oggetto di procedura di vendita, quotata in borsa e la cui gestione richiede l'assunzione di responsabilità immense. L'Azionista invita, quindi, a riconoscere al nuovo Consiglio di Amministrazione compensi in linea con il mercato nonché una stock option, un premio di produzione da corrispondere solo al raggiungimento di risultati positivi a differenza di quanto sembrerebbe avvenuto nei confronti dell'ing. Cimoli. L'Azionista, quindi, nel rappresentare di non ritenere che l'attuale situazione della Compagnia sia particolarmente grave e confermando le considerazioni espresse sull'alta professionalità dei nuovi Amministratori che hanno accettato un gravoso Pagina 14 di 38

15 incarico, propone all'assemblea di riconoscere un compenso annuo di Euro per il Presidente e di Euro per gli altri componenti il Consiglio di Amministrazione. Il dott. Alazraki chiede, da ultimo, che sia reso pubblico, ove possibile, il contratto che riguarda il rapporto con l'ing. Cimoli. MASSIMO NOTARO L'Azionista - che ricorda di essere un Comandante della Compagnia e Presidente dell'unione Piloti - evidenzia, in primo luogo, che l'associazione Professionale da lui presieduta ha creduto e crede nell'azienda, come dimostrato anche pubblicamente con la presentazione di una manifestazione di interesse nell'ambito della procedura di privatizzazione. L'Associazione dà atto che il Ministero dell'economia e delle Finanze ha svolto un'azione di cambiamento, di decisa interruzione con il passato che certamente non è piaciuto per i risultati prodotti ed auspica che tale azione di discontinuità prosegua. L'Azionista rappresenta, poi, di ritenere che vi siano problematiche tangibili nel settore operativo dell'azienda di cui occorre acquisire consapevolezza ed adottare misure correttive. Certo, inoltre, di interpretare anche il pensiero di persone non iscritte all'associazione rappresentata, il Comandante Notaro ricorda che i dipendenti hanno sempre offerto il proprio contributo e continueranno ad offrirlo. L'auspicio è quello che la Compagnia ritorni ad essere l'alitalia di un tempo, con il peso che aveva nel mondo. L'Azionista conclude il proprio intervento formulando al nuovo Presidente ed agli Amministratori auguri di buon lavoro; conferma il contributo dell Associazione che presiede al Consiglio di Amministrazione nell'auspicio che il suo operato si orienti nella direzione del rilancio di Alitalia, anticipando che, diversamente, le rispettive strade saranno destinate a dividersi. Esauriti gli interventi sul punto in trattazione, il Presidente dichiara chiusa la discussione. Prima di passare alla votazione, il dott. Conforti, su invito del Presidente, riepiloga nuovamente le modalità di espletamento della stessa, ricordando che i portatori di deleghe che intendano esprimere voti diversificati nell ambito delle azioni complessivamente rappresentate dovranno utilizzare la postazione denominata voto assistito e che tale postazione potrà essere utilizzata anche da coloro che intendano Pagina 15 di 38

16 ricevere chiarimenti in proposito. Nel frattempo, alle spalle del tavolo della presidenza, vengono proiettate dette modalità. Il dott. Sabatini invita, poi, i partecipanti all'assemblea a rendere note le eventuali carenze di legittimazione al voto secondo la normativa vigente. Il Presidente, dopo aver constatato e dato atto che non vengono manifestate carenze di legittimazione al voto, mette in votazione la delibera proposta dall'azionista Ministero dell Economia e delle Finanze ed invita a non abbandonare l Assemblea durante lo svolgimento della votazione. Riscontrato - secondo quanto comunicato dall'apposita postazione di rilevazione dei voti - che la procedura di votazione si è definita e che non si sono al riguardo riscontrate problematiche procedurali, il dott. Sabatini dichiara chiusa la votazione stessa ed invita il dott. Conforti a dare lettura dei risultati. Il dott. Conforti comunica che hanno partecipato alla votazione n. 36 Azionisti portatori di n azioni tutte ammesse al voto: - favorevoli n contrari n astenuti n Il Presidente dichiara, quindi, che la proposta dall'azionista Ministero dell Economia e delle Finanze è approvata a maggioranza e che, conseguentemente, si rende non necessario mettere in votazione le proposte alternative formulate da altri Azionisti. L elenco esplicativo del risultato della votazione, contenente l'indicazione dei nominativi degli Azionisti favorevoli, di quelli contrari e degli astenuti si riporta in allegato al presente verbale sotto la lettera "G". L'elenco nominativo dei partecipanti all'assemblea in proprio e per delega - con specifica indicazione del numero delle azioni e dei Soci deleganti, in caso di delega - si riporta in allegato al presente verbale sotto la lettera "H". Durante i lavori assembleari, viene distribuita a tutti i presenti copia dei curricula degli Amministratori - i cui originali restano acquisiti agli atti della riunione - espunti dagli stessi i dati personali sensibili ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n Prima di concludere la riunione, il Presidente invita coloro che intendano ricevere copia del verbale a lasciare il proprio recapito al momento della riconsegna del televoter. Pagina 16 di 38

17 Null altro essendovi da discutere e deliberare, alle ore 12,20, il Presidente ringrazia i presenti e dichiara chiusa la riunione. Il Presidente (F.to Giovanni Sabatini) Il Segretario (F.to Leopoldo L. Conforti) Seguono allegati dalla pagina successiva Pagina 17 di 38

18 Allegato "A" SITUAZIONE ALL'ATTO DELL'APERTURA DELLA RIUNIONE Sono ora rappresentate in aula numero azioni ordinarie pari al 50,437990% del capitale sociale, tutte ammesse al voto. Sono presenti in aula numero 27 aventi diritto al voto, di cui numero 16 presenti in proprio. Inoltre, numero 11 azionisti sono rappresentati per delega. Azionisti in proprio: 16 Azionisti per delega: 11 Teste: 20 Pagina 18 di 38

19 Allegato "B" ESITO VOTAZIONE Oggetto : Nomina del Presidente dell'assemblea Hanno partecipato alla votazione: -n 36 azionisti, portatori di n azioni ordinarie, tutte ammesse al voto. Hanno votato: %su Azioni Ordinarie FAVOREVOLI N ,083836% CONTRARI N ,002339% ASTENUTI N ,913810% NON VOTANTI N ,000015% Totale N ,000000% Azionisti in proprio:25 Azionisti per delega:11 Teste: 28 Pagina 19 di 38

20 LISTA ESITO DELLE VOTAZIONE Oggetto: Nomina del Presidente dell'assemblea FAVOREVOLI Cognome/Nome Tot. Voti Proprio Delega DE COSMO AMANDA DE* CONTRARIAN EUROPEAN FUND LP DE* STATE STREET BANK AND TRUST COMPAN DE* STREETTRACKS MSCI EUROPE SMALL CAP GIGLIONI ALVARO CORVI PATRIZIO STELLA RICHTER MARIO DE* MINISTERO DELL`ECONOMIA E DELLE FI LUPINO FRANCO COTONE PIERPAOLO PETRUCCI MAURIZIO LUPINO MARINELLA SERENELLI GIUSEPPE GENTILI GIOACCHINO BOLDRINI ENZO ROSSI AGOSTINO BETTINI ELIO BACCI VITTORIO PACE SEBASTIANO DE* ALICICCO MARIA CRISTINA ALAZRAKI PAOLO RL* REAL DREAMS ITALY SRL BELLONI ANTONIO TAMBORRINO LUCIO SICARI ROBERTO D`EMILIANO INNOCENZO RL* AERQUADRI ASSOCIAZIONE NAZIONALE P Totale voti Percentuale votanti % 99, Percentuale Capitale % 49, Teste: 20 Azionisti Delega: 5 Azionisti proprio: 19 Pagina 20 di 38

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Procedura per l'adempimento degli obblighi di comunicazione al Nomad da parte di Bio-On S.p.A. (la Società ) ai sensi del Regolamento AIM Italia

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA

Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemiladieci, il giorno trentuno del mese

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

VERBALE DELL' ASSEMBLEA STRAORDINARIA E ORDINARIA DEI SOCI DI MANIFESTO SPA 30 SETTEMBRE 2004 VERBALE DI ASSEMBLEA. REPUBBLICA IT ALlAN A

VERBALE DELL' ASSEMBLEA STRAORDINARIA E ORDINARIA DEI SOCI DI MANIFESTO SPA 30 SETTEMBRE 2004 VERBALE DI ASSEMBLEA. REPUBBLICA IT ALlAN A ...,,.:11:, t'l VERBALE DELL' ASSEMBLEA STRAORDINARIA E ORDINARIA DEI SOCI DI MANIFESTO SPA 30 SETTEMBRE 2004 REPERTORIO 46305 RACCOL T A 8001 VERBALE DI ASSEMBLEA REPUBBLICA IT ALlAN A.

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli