Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 BILANCIO 2014

2

3

4 BILANCIO 2014

5

6 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Indice - Relazione sulla gestione 11 Contesto di riferimento 13 Aspetti salienti della gestione 16 Gli aggregati del credito 21 La raccolta 29 Gli aggregati della finanza 31 Le Partecipazioni 42 Principali aggregati economici ed indicatori gestionali 44 La gestione integrata dei rischi e del capitale 48 Le Risorse Umane 52 Dinamiche organizzative e tecnologiche 54 Internal Audit 56 Compliance 58 Le tematiche ambientali 60 Rapporti verso le Imprese del Gruppo 61 Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell'esercizio ed evoluzione prevedibile della gestione 62 Proposte all'assemblea degli Azionisti 63 - Prospetti di bilancio 65 - Nota integrativa 77 Rettifica dei saldi dell esercizio precedente e cambiamenti nelle stime contabili in conformità alle disposizioni dello IAS 8 (Principi contabili, cambiamenti nelle stime contabili ed errori) 79 Parte A - Politiche contabili 83 Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale 127 Parte C - Informazioni sul conto economico 191 Parte D - Redditività complessiva 212 Parte E - Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 213 Parte F - Informazioni sul patrimonio 292 Parte G - Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d'azienda 306 Parte H - Operazioni con parti correlate 307 Parte I - Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 312 Parte L - Informativa di settore 313 Allegati alla Nota Integrativa Fondo Pensioni - Rendiconto al Relazione di Certificazione Relazione del Collegio Sindacale Deliberazioni dell Assemblea degli Azionisti 353 5

7 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Bilancio al 31/12/2014 Profilo della Società Denominazione Anno di costituzione MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gruppo bancario Monte dei Paschi di Siena 1954 come Mediocredito Regionale della Toscana Sede legale Firenze - Via Pancaldo, Direzione Generale Firenze - Via Panciatichi, Telefono 055/ Telefax 055/ Sito internet Global Markets Siena - Viale G. Mazzini, Telefono 0577/ Telefax 0577/ Direzione Investment Banking Roma - Via Salaria, 231 (villino 2) Telefono 06/ Telefax 06/ Strutture Presidio Mercato Milano - Via Ippolito Rosellini, Telefono 02/ (canali elettronici, e-trade) Telefono 02/ /21/24 (Financial Institutions) Uffici di rappresentanza Torino - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Via Mazzini, 14/ Telefono 011/ Telefax 055/ Milano - Via Santa Maria Segreta, 5/b Telefono 02/ Telefax 02/ Padova - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Piazzetta Turati, Telefono 049/ Telefax 049/ Mantova - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Via Vittorio Emanuele II, Telefono 0376/ Bologna - Viale Della Repubblica, Telefono 051/ Telefax 051/ Perugia - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Ponte San Giovanni (PG) - Via Manzoni Telefono 0577/ Telefax 055/ Ancona - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Via 1 Maggio, 70/d Telefono 071/ Telefax 055/ Roma - Via Salaria (villino 2) 231 Telefono 06/ Telefax 06/ Napoli - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Via Cervantes de Savaedra, Telefono 081/ Telefax 055/ Bari - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Piazza Aldo Moro, Telefono 080/ Telefax 055/ Catania - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Piazza della Repubblica, 32/ Telefono 081/ Telefax 055/ Uffici Amministrativi Roma - Via Pedicino, 5 Padova - c/o Banca Monte dei Paschi di Siena Piazzetta Turati, 17 6

8 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Cariche Sociali e Società di Revisione CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vice Presidente Amministratore Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Mario SALVESTRONI Paola DEMARTINI Sergio VICINANZA Angelo BARBARULO Gabriele BENI Valentino FANTI Angelo MARTINELLI Giuseppe MENZI Rita PELAGOTTI COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco Supplente Sindaco Supplente Francesco BONELLI Federico CAPUTI Daniela MORONI Paolo BOCCI Vittorio MARRONI DIREZIONE Direttore Generale Vice Direttore Generale Giorgio PERNICI Carmine MANCINI SOCIETA DI REVISIONE RECONTA ERNST & YOUNG S.P.A. Via Po, ROMA Partita Iva

9 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Bilancio al 31/12/2014 Rating Irating assegnati alla Banca da Moody s Investors Services Ltd. sono i seguenti: RATING DEL DEBITO A LUNGO TERMINE: B1 RATING DEL DEBITO A BREVE TERMINE: Not Prime RATING DELLA SOLIDITÀ FINANZIARIA: E Il livello del rating del debito a lungo termine di MPSCS è legato al rating assegnato alla Capogruppo Banca Monte dei Paschi di Siena e, più in generale, risente del perdurare della difficile situazione macro-economica dell area Euro. Nel corso del 2014 la valutazione dell agenzia di rating Moody s ha portato ad un ulteriore downgrade di un notch rispetto al precedente esercizio in conseguenza ai risultati pubblicati della BCE sugli stress test e sulle ulteriori necessità patrimoniali evidenziate al livello di Gruppo. Il rating è pertanto, da considerarsi costantemente sotto osservazione. 8

10 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE La Compagine Sociale Al 31 dicembre 2014 il Capitale Sociale risultava così suddiviso: Azionista Numero azioni Importo in unità Percentuale di euro Banca Monte dei Paschi di Siena SpA ,92% I.N.A.I.L ,03% Altri azionisti ,05% Totale ,00% 9

11

12 RELAZIONE SULLA GESTIONE

13

14 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Contesto di riferimento Il protagonismo delle banche centrali è stato, anche per il 2014, l elemento caratterizzante dell anno. Da un lato la Banca Centrale Europea (BCE) e la Bank of Japan (BoJ) hanno messo in atto manovre accomodanti; dall altro la Federal Reserve americana (Fed) ha terminato il piano di QE (Quantitative Easing: piano di acquisto di asset da parte della banca centrale al fine di creare base monetaria e stimolare l economia). L andamento dei principali asset è stato piuttosto variegato ma spiccano per la performance elevata i mercati obbligazionari in Europa e negli Usa (Fig.1). FIG.1 TASSO 10 ANNI GERMANIA E USA FIG.2 INFLAZIONE Negli USA il focus è stato sull inizio del tapering (riduzione graduale del piano di acquisti di asset) che è proseguito per tutto il corso dell anno, ad un ritmo costante, e si è concluso ad ottobre. In area Euro la BCE, oltre a procedere per due volte ad un taglio del tasso di riferimento (da 0,5% a 0,05%), ha anche introdotto una serie di misure non convenzionali volte a fronteggiare i rischi di bassa inflazione ed stimolare la crescita. Inizialmente, nella riunione di giugno, è stata lanciata una serie di operazioni di finanziamento a lungo termine, denominate Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO), con lo scopo di indurre le banche ad incrementare i prestiti all economia. A settembre l Istituto ha attivato anche un piano di acquisto di Asset Backed Securities (ABS) e covered bond con lo scopo di incrementare di miliardi di euro, entro la fine del 2016, il proprio bilancio. L ultima riunione dell anno ha visto un ampia discussione nel board sulla possibile estensione degli acquisti anche ad altri asset, tra cui i titoli di stato. In Giappone la BoJ ha anch essa lanciato nuove politiche accomodanti, incrementando la base monetaria ad 80 mila miliardi di Yen dai mila miliardi di Yen fissati in precedenza, principalmente tramite un aumento dell acquisto di titoli di stato governativi. La mossa probabilmente è stata dettata dal cambio di asset allocation del fondo pensione dei dipendenti pubblici (GPIF, il più grande al mondo con l equivalente di circa 1200 miliardi di dollari in gestione), con la scelta di ridurre in misura marcata la quota di attività investita in titoli governativi a favore di azionario ed asset stranieri. La fase recessiva in cui è piombato il paese ha portato il governo a posticipare al 2016 l aumento dell IVA, previsto inizialmente per ottobre Il premier Abe, infine, il 14 dicembre ha indetto nuove elezioni che si sono chiuse a favore del suo partito con la conquista dei due terzi dei seggi alla Camera Bassa. Sul fronte macroeconomico, il 2014 dovrebbe chiudersi, secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI), con una crescita del PIL del 2,2% negli USA, in linea con il 2013, a fronte di un 0,8% per l Eurozona (da -0,4% del 2013). Il miglior tasso di crescita è stato comunque registrato dalla Gran Bretagna con il PIL che, stando alle stime del FMI, è salito del 3,2% rispetto all 1,7% registrato nel Riguardo all inflazione, il trend di fondo è stato di rallentamento dei prezzi in tutte le principali economie (Fig.2), a partire soprattutto dalla seconda metà dell anno, in concomitanza con il forte calo delle quotazioni petrolifere. Alla fine dell anno, per la prima volta da decenni, il dibattito economico e politico si è orientato sui rischi connessi ad un possibile scenario deflattivo. 13

15 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Bilancio al 31/12/2014 Sul fronte tassi d interesse in area Euro l anno è stato caratterizzato da un trend pressoché costante di calo dei tassi che ha interessato principalmente la parte a lungo termine delle curva. Il tasso decennale tedesco è sceso abbondantemente sotto l 1% (minimo a 0,53%), ma nuovi minimi storici sono stati segnati anche da tutti gli altri tassi decennali dell area, ad esclusione della Grecia. Le manovre della BCE hanno inoltre permesso una marcata riduzione degli spread che, salvo temporanee fasi di tensioni, sono ritornati in prossimità dei livelli pre-crisi. Negli Stati Uniti, nonostante il tapering da parte della Fed, si è assistito ad un calo dei tassi della parte a lungo termine della curva, dettato principalmente da due fattori: 1) inflazione piuttosto debole; 2) caccia al rendimento da parte degli investitori mondiali in un contesto di tassi bassi a livello globale. La parte a breve della curva ha invece registrato un marcato rialzo, tornando sui livelli del 2011, per effetto probabilmente dell attesa per il primo rialzo dei tassi da parte della Fed. Il risultato di tale andamento è stato un marcato appiattimento della curva con lo spread di tasso 2-10 anni diminuito di circa 100 bp rispetto alla fine del Sul fronte valutario, il 2014 è stato caratterizzato da un andamento divergente tra la prima e la seconda parte dell anno. Nei primi sei mesi, infatti, si è assistito ad un andamento tendenzialmente debole per il dollaro nei confronti di quasi tutte le principali valute dopo il deludente andamento dell economia statunitense nel corso del primo trimestre. Il comparto azionario paesi emergenti, in particolare, ha beneficiato di un ritorno dei flussi di investimento estero. Il tasso di cambio euro/dollaro, in tale contesto, si è spinto fino in prossimità di area 1,40 mentre la sterlina si è addirittura spinta sui massimi dal 2008 sulla base di crescenti attese per un rialzo dei tassi già nella prima parte del La seconda parte dell anno invece ha visto come protagonista assoluto il dollaro. Il biglietto verde ha iniziato una fase di marcato apprezzamento verso tutte le principali valute mondiali che ha riportato il Dollar Index sui livelli massimi dal Riguardo ai principali cross rates, il motivo alla base dell apprezzamento del dollaro è stato sicuramente la divergenza nelle decisioni di politica monetaria tra le Banche centrali. Il cambio euro/dollaro (Fig.3) infatti ha iniziato la propria discesa da area 1,40 vs quota 1,22 quando la BCE ha segnalato l intenzione di ridurre i tassi e lanciare nuove misure non convenzionali, mentre la Fed ha proseguito il processo di riduzione del QE. Lo yen (Fig.4) invece ha iniziato il proprio movimento di deprezzamento verso la fine dell estate in concomitanza con la decisione del governo di modificare la politica di investimento del fondo pensione statale. Il cross verso dollaro si è così riportato sopra quota 120, livello massimo da oltre 7 anni. In tale fase, la maggiore debolezza ha riguardato il comparto azionario paesi emergenti e quello delle commodity currency, quest ultime penalizzate dal calo del petrolio. FIG.3 CAMBIO EURO/DOLLARO FIG.4: CAMBIO DOLLARO/YEN Il 2014 per l area dei paesi emergenti è stato caratterizzato da una fase di rallentamento della crescita che ha colpito principalmente Russia (crescita nulla) e Brasile (in recessione). Il marcato deprezzamento delle valute ha inoltre riportato spinte inflattive costringendo alcune banche centrali, in particolare quella brasiliana e quella russa, ad adottare politiche monetarie restrittive. 14

16 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Nel corso del 2014 in Cina è proseguita la fase di rallentamento dell economia (per il FMI la crescita del PIL attesa si posiziona a +7,4% da + 7,7% del 2013) causata principalmente da un raffreddamento del mercato immobiliare. L inizio dell anno, in particolare, è stato caratterizzato dai timori riguardo al possibile crollo nelle quotazioni di alcuni prodotti riconducibili al cosiddetto shadow banking, ovvero a quel complesso di attività di finanziamenti e/o prodotti di investimento collocati da veicoli non bancari. Tali timori sono venuti meno nel corso dell anno grazie anche alla Banca centrale che è intervenuta con misure mirate a mantenere un livello adeguato di liquidità sul mercato, fino alla decisione a novembre, di tagliare i tassi per la prima volta dal Per quanto riguarda le materie prime, l indice S&P GSCI Excess Return ha chiuso il 2014 con una perdita di oltre il 30%, la peggiore dalla crisi del 98. Tutti gli indici settoriali hanno registrato una performance negativa, ma il calo è quasi interamente da collegare al crollo dei prezzi energetici (Fig.5). Dopo una prima fase dell anno piuttosto stabile, nonostante diverse tensioni geo-politiche, il prezzo del greggio ha iniziato nel corso dell estate una fase di forte discesa che ha portato le quotazioni del Brent da 115 dollari al barile fin sotto i 60, con una perdita di quasi il 50% in un semestre. Le motivazioni alla base di tale movimento sono state sia fondamentali (surplus globale e forza del dollaro) che geopolitiche con una vera e propria guerra dei prezzi tra OPEC ed industria dello Shale Oil, con ripercussioni sulla Russia che hanno peggiorato gli effetti delle sanzioni occidentali sul paese. FIG.5 INDICE S&P GSCI EXCESS RETURN (SETTORI) FIG.6 VIX VS. VDAX Per quanto riguarda i mercati azionari, il 2014 è stato un anno caratterizzato da una certa selettività tra le varie aree geografiche, ma nel complesso si sono registrate performance di entità molto più contenute rispetto al In vetta ai listini mondiali spicca l indice Shanghai Composite cinese, in rialzo di oltre il 40% in valuta locale, con gran parte dei guadagni accumulati negli ultimi due mesi dell anno. La performance è da attribuire ad una politica espansiva da parte della Banca centrale, ma soprattutto al lancio di una piattaforma di scambio tra le borse di Shanghai e Hong Kong che aumenta la possibilità per gli investitori stranieri di accesso al mercato cinese. All interno dell area dei paesi emergenti, si è registrato un forte rialzo delle borse indiana e turca (in valuta locale, oltre il 20%), mentre sono risultate in lieve calo quella brasiliana e quella russa (anche se di entità lieve se paragonato al deprezzamento delle rispettive valute). In Europa l anno si è concluso con rialzi piuttosto modesti anche se nella prima parte dell anno molti dei principali listini presentano performance superiori al 10%. In area Euro l Eurostoxx50 ha chiuso l anno in lieve rialzo a fronte di un +0,23% dell indice FTSEMIB e di un +3,6% dell IBEX35 spagnolo. Negli Stati Uniti invece si è concluso il sesto anno consecutivo in positivo per i principali indici sostenuti dai positivi conti trimestrali e dal forte flusso di buy-back e dividendi. L indice S&P500 ad esempio ha chiuso l anno in rialzo dell 11,4%. In merito infine alla volatilità su indici azionari, in media il 2014 ha registrato valori pressoché in linea con il 2013 sia in Europa che negli Usa. L indice di volatilità tedesco VDAX ha registrato un valore medio pari al 15,62% nel 2014 a fronte di un valore medio del 15,3% del L indice Usa VIX ha in media registrato un valore pari al 14,2% dal 14,3% del Nel corso del 2014 l indice VIX ha toccato i massimi dal 2011, con un valore massimo registrato pari al 31% ad ottobre. L indice VDAX è salito ai minimi dal 2012, toccando un massimo del 24% a giugno (Fig. 6). 15

17 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Bilancio al 31/12/2014 Aspetti salienti della gestione Le Business Unit (di seguito BU), invariate rispetto all esercizio precedente e sulle quali si è articolato il seguimento ed il monitoraggio gestionale dei percorsi fissati nel piano industriale, sono: BU Finanza Ordinaria BU Corporate Finance BU Global Markets BU Investment Banking Per quanto riguarda la BU Finanza Ordinaria, le stipule sono risultate superiori a quanto previsto in sede di budget (+10,9%) mentre l obiettivo di erogazioni non è stato raggiunto, facendo registrare un -5,8% rispetto al budget. (importi in milioni di euro) Finanza ordinaria Consuntivo al Budget al Scostamento 31/12/ /12/2014 percentuale Operazioni stipulate 117,6 106,0 10,9% Operazioni erogate 188,5 200,0 (5,8%) Riguardo il comparto della Finanza Agevolata, la Banca ha continuato a svolgere la propria operatività quale soggetto gestore per conto del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e del Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca (MIUR), relativamente ai principali incentivi pubblici alla ricerca ed all industrializzazione. Al riguardo si segnalano in particolare nel corso dell esercizio: lo svolgimento delle attività relative ai seguenti Bandi MIUR, che hanno coinvolto complessivamente oltre 200 proponenti fra soggetti privati ed Enti Pubblici di Ricerca (EPR): - Smart Cities Nazionali; - Start-up; - PON nuovi Distretti; l attività di gestione dei progetti di ricerca e sviluppo relativi al cosiddetto FIT procedura negoziale, destinato ad iniziative di rilevanti dimensioni (complessivamente oltre 250 milioni di euro) nonché quella relativa ai progetti agevolati sui bandi PON e Reach; l avvio della procedura di emissione degli atti di liquidazione a saldo e conguaglio (ALSC) al fine della definitiva conclusione dei procedimenti di agevolazione ex L. 488/92. Nel corso dell ultimo trimestre è stato inoltre avviato il servizio di gestione degli aiuti alla ricerca del Fondo Crescita Sostenibile, di competenza del MiSE, affidato in concessione per 5 anni ad un Raggruppamento Temporaneo di Imprese con Mandataria Banca del Mezzogiorno-MCC e Mandante, fra le altre, anche MPSCS; sono attualmente in corso le attività di istruttoria di n. 27 progetti presentati da Imprese ed Enti Pubblici di Ricerca (EPR) a valere sul Bando Horizon 2020 scaduto lo scorso 27 ottobre È infine proseguita l attività relativa al Fondo di Garanzia per le PMI, che ci vede coinvolti principalmente in attività di promozione e di sviluppo dello strumento agevolativo. L attività della BU Corporate Finance ha risentito, così come già avvenuto negli anni precedenti, delle notevoli difficoltà del contesto macroeconomico sia nazionale che continentale che hanno avuto come effetto la riduzione delle capacità di investimento delle aziende, specie per quanto riguarda le iniziative di importo rilevante. I prodotti finanziari della BU Corporate Finance (Project Financing, l Acquisition, l Object Finance ecc.), sono poi quelli che maggiormente hanno risentito della crisi, facendo si che le erogazioni dell anno si siano attestate a livelli di quasi il 30% inferiori rispetto ai target. Discorso diverso invece per le stipule che hanno superato gli obiettivi di 16

18 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE oltre l 11% a testimonianza ulteriore della difficoltà delle iniziative riconducibili alla finanza di struttura di realizzarsi completamente. (importi in milioni di euro) Corporate Finance Consuntivo al Budget al Scostamento 31/12/ /12/2014 percentuale Operazioni stipulate 333,8 300,0 11,3% Operazioni erogate 210,4 300,0 (29,9%) Di seguito una sintesi delle attività svolte dai singoli comparti. Project Financing - Nel corso del 2014 il focus dell operatività si è mantenuto nei settori delle infrastrutture, delle utilities e delle energie rinnovabili con l acquisizione di sei nuovi mandati di assistenza finanziaria per la strutturazione / organizzazione di operazioni di finanziamento, il financial close di quattro operazioni e la prosecuzione dell attività di asseverazione di piani economico finanziari di società in prevalenza operative nei settori delle infrastrutture e delle energie rinnovabili. Tra le principali operazioni perfezionate nell anno, in relazione alle quali MPSCS ha svolto il ruolo di Mandated Lead Arranger (MLA), si segnalano le seguenti: - l operazione di finanziamento relativa alla costruzione e futura gestione in concessione per 30 anni della Linea 4 della metropolitana di Milano con tecnologia driverless della lunghezza di 15 Km per 21 stazioni da Linate a San Cristoforo FS, con un finanziamento in pool di complessivi 516,5 milioni di euro (nostra quota 49,8 milioni di euro) perfezionata, per la rilevanza del progetto, fra 6 banche primarie banche nazionali/internazionali (con Unicredit, BNP, BancaIMi, Natixis e Credit Agricole) e CDP con provvista parzialmente intermediata da BEI e CDP; - l operazione di finanziamento in pool, con Banca IMI e CDP (con provvista per le due banche commerciali rilasciata interamente da CDP), di complessivi 166 milioni di euro (nostra quota 38 milioni di euro) destinata a supportare le opere di realizzazione delle Linee 2 e 3 e gestione dell intero nuovo sistema tranviario (Linee 1, 2 e 3) su rotaia di Firenze. Real Estate - Il settore è caratterizzato da una riduzione degli investimenti, conseguenza anche della negativa congiuntura economica del paese. Si segnala peraltro il perfezionamento nel corso del 2014 delle seguenti operazioni: - finanziamento in pool di complessivi 163,5 milioni di euro (nostra quota 25,5 milioni di euro) strutturato tra cinque primarie banche nazionali (con BancaIMI, Unicredit, Ubibanca e BPM) al rifinanziamento dell ingente patrimonio immobiliare del Gruppo Intesa SanPaolo detenuto da un fondo immobiliare di tipo chiuso e amministrato da una SGR di gestione; - finanziamento in pool con BancaImi, UbiBanca, BNL, Banca Popolare di Milano e Banco Popolare di complessivi 193,5 milioni di euro (ns. quota 18,8 milioni di euro) a supporto dell intervento di riqualificazione di una parte dell area industriale ex FIAT - Alfa Romeo di Arese/Lainate (MI), con realizzazione di un centro commerciale, da parte di un primario gruppo nazionale del settore della grande distribuzione. Structured & Shipping Finance - Nel corso del 2014 MPSCS ha proseguito l attività di strutturazione e organizzazione di operazioni di Structured Finance, focalizzandosi nei settori delle energie rinnovabili, delle utilities e delle infrastrutture. Tra le principali operazioni chiuse nell anno si segnalano: - un operazione in pool di complessivi 48 milioni di euro a favore di un gestore idrico operante in Toscana che ha visto l intervento di MPSCS in qualità di arranger con BMPS ed altre banche finanziatrici; - un operazione di finanziamento di complessivi 18 milioni di euro a favore di una holding operante nel settore delle energie da fonti rinnovabili a supporti di diversi progetti dalla stessa realizzati; 17

19 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE Bilancio al 31/12/ due operazioni di finanziamento per complessivi 39 milioni di euro a supporto di un progetto nel settore delle biomasse in Puglia a favore di primari operatori. Relativamente all attività di Shipping Finance, nel 2014 MPSCS ha partecipato ad un operazione in pool per cassa a favore di un primario gruppo armatoriale italiano. É stata inoltre strutturata e organizzata un operazione di firma in pool a favore di un primario cantiere navale italiano ed è proseguita l attività di strutturazione di un operazione di firma in pool relativa ad una commessa nel settore della cantieristica navale. Sindacazione - Durante l esercizio 2014 sono state strutturate due operazioni in pool, una delle quali è relativa a un importante progetto di riqualificazione nel settore turistico alberghiero da realizzarsi in Sicilia da parte di un investitore estero. Questo finanziamento, da collocare sul mercato della sindacazione primaria, costituisce la fase senior di un operazione bridge di 24 milioni di euro erogata da MPSCS nell agosto Relativamente all attività di arranging, svolta per conto della Capogruppo, nel corso dell esercizio 2014 è stata collocata sul mercato una operazione in pool in favore di Fileni SpA (terzo player italiano nel settore della produzione, lavorazione e trasformazione di prodotti avicoli) ed è stato strutturato un finanziamento (già deliberato dalla Capogruppo per 50 milioni di euro) a sostegno di un progetto di real estate concernente la realizzazione di uno shopping mall alle porte di Verona. Attualmente sono in fase avanzata le trattative con il cliente per la condivisione dell operazione e l acquisizione del mandato alla sindacazione. Acquisition Financing - Nel 2014 MPSCS ha confermato il proprio posizionamento competitivo nell attività di acquisition/leveraged financing nel segmento Mid Corporate per operazioni contraddistinte da forti connotati industriali, con importanti ricadute commerciali per il Gruppo MPS. MPSCS infatti ha continuato l attività di origination e strutturazione di operazioni di acquisizione a supporto di controparti di primario standing, focalizzandosi su integrazioni industriali realizzate da operatori corporate e mantenendo altresì un forte presidio sul mercato del leverage. Tra le principali operazioni organizzate nell anno con il ruolo di MLA si segnalano: - acquisizione di Forno d Asolo - produzione e commercializzazione di pasticceria da forno surgelata - da parte dell operatore di private equity 21 Investimenti (LBO); - acquisizione di Remazel Engineering - sviluppo, realizzazione e commercializzazione di attrezzature e componenti per l industria petrolchimica (offshore) - da parte di Alpha Private Equity (LBO); - acquisizione di Officine Meccaniche Villa & Bonaldi da parte di Brembana & Rolle - progettazione e costruzione di grandi recipienti in pressione, scambiatori di calore, reattori, unità per caldaie a recupero per l industria - società già in portafoglio a Xenon Private Equity (Corporate Acquisition). Per quanto concerne la BU Global Markets nell esercizio 2014, in particolare nella prima parte dell anno, è proseguito il trend di riduzione del rischio iniziato già nel 2013, contenendo a livelli minimi le posizioni indirizzate al miglioramento del quadro finanziario (quindi aumento dei corsi azionari e restringimento degli spread). In certi periodi, a seguito di decisioni tattiche, alcuni desk hanno aumentato le prese di rischio come ad esempio in concomitanza di aste di titoli di Stato oppure nell ultimo trimestre allorchè si è assistito ad una leggera inversione di tendenza grazie ad un operatività che ha privilegiato in particolare i mercati USA; in quel frangente il posizionamento tattico ha puntato su un peggioramento dell'appetito al rischio degli investitori soprattutto nel mese di ottobre e di dicembre. I principali drivers di ricavi sono stati tuttavia legati a prodotti di investimento venduti sulla rete, in particolar modo quelli legati alla bancassurance, nonché a titoli strutturati o in valuta USD che sono stati particolarmente apprezzati dalla base di clientela retail. Da segnalare il proseguimento del buon trend di penetrazione dei prodotti strutturati di tipo investment certificate. Nel corso dell anno si è assistito ad un leggero miglioramento della dinamica legata alle coperture in derivati per 18

20 Bilancio al 31/12/2014 MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE clientela SME soprattutto su cambi, tassi di interesse e commodity grazie alla ritrovata volatilità dei rispettivi mercati. Nel primo trimestre del 2014 sono diventati operativi gli accordi siglati sul finire dell esercizio precedente con Merrill Lynch International per la fornitura del servizio di clearing per Exchange Traded Derivatives, in sostituzione del partner storico Barclays. Da segnalare infine la chiusura della litigation residua con Lehman Brothers Special Financing Inc. per i derivati in essere al momento del default del 2008 attraverso una mediazione legale perfezionata nel mese di marzo 2014 (per maggiori informazioni si rinvia alla nota in calce alla tabella della sezione 12 Passivo della parte B di Nota Integrativa). Per quanto riguarda l attività di Investment Banking, si deve notare che nell ambito del Capital Markets e Syndication, nel corso dell anno 2014, MPSCS ha rivestito il ruolo di Lead Manager in un'emissione Senior Unsecured a 5 anni e in due emissioni covered bond a 7 e a 10 anni di Banca MPS, che hanno rappresentato il ritorno sui mercati internazionali della Capogruppo. Ha inoltre agito come Dealer relativamente al collocamento di 6 Obbligazioni Bancarie Garantite, per un totale di 2,6 miliardi di euro, emesse dalla Capogruppo e finalizzate al miglioramento della counterbalance capacity di Gruppo Nell ambito dell operatività con il Ministero dell Economia e delle Finanze, il primo semestre è stato caratterizzato dalla partecipazione come Lead Manager nel BTP sindacato a 15 anni e come Co-Lead Manager nel BTPei sindacato a 10 anni, mentre nel corso del quarto trimestre 2014 la BU ha conseguito il mandato dal Tesoro ad operare come dealer nella settima emissione del BTP Italia, che ha raggiunto un ammontare complessivo di oltre 7,5 miliardi. L attività si è concretizzata nel supporto nel drafting dell apparato documentale, nella strutturazione generale del deal e nella definizione della execution complessiva dell operazione, con particolare riferimento al time to market e al pricing del nuovo prodotto. Relativamente al mercato obbligazionario si segnala, infine, la partecipazione come Co-Lead Manager nelle emissioni senior di Mediobanca e di Unicredit, entrambe con scadenza 3 anni, e in una emissione di covered bond da parte del Veicolo Crédit Agricole Home Loan SFH. Nel primo trimestre dell anno la BU Investment Banking di MPSCS ha poi agito in qualità di Co-Bookrunner nell ambito del collocamento dell obbligazione convertibile di 80 milioni di euro da parte di Maire Tecnimont, mentre nell ultimo trimestre ha curato in qualità di Arranger emissioni di minibond per complessivi 20 milioni di euro da parte di PMI clienti del Gruppo Montepaschi, sottoscritti dal Fondo Minibond PMI Italia. Sul fronte azionario MPSCS ha partecipato: - come garante all OPV di Cerved, Fineco e Rai Way, agendo anche come collocatore per il tramite della Capogruppo, - come Joint Lead Manager al collocamento istituzionale dell IPO di Fincantieri e in qualità di Co-Lead Manager all IPO di Anima Holding, prendendo parte in entrambe le operazioni anche al collocamento delle relative offerte pubbliche per il tramite della Capogruppo. Nel 2014 MPSCS ha proseguito la propria attività di Nominated Advisor sul mercato AIM Italia - MAC di Borsa Italiana, acquisendo anche un nuovo mandato dalla Società Poligrafici Printing. Con riferimento alle attività di advisory, nel corso del 2014 MPSCS ha portato avanti i mandati di Financial Advisor (i) della Capogruppo MPS nell operazione di dismissione del portafoglio di fondi di private equity e (ii) di Finanziaria Internazionale in materia di investimenti relativamente al Fondo Minibond PMI Italia. Inoltre, ha agito in qualità di Financial Advisor del CdA di Meridiana SpA per la redazione della Fairness Opinion in merito alla 19

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli