2 WORKFLOW Flow object Connection objects Swimlane Artifact Utilizzo di BPMN...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 WORKFLOW...7. 2.2.1.1 Flow object...14. 2.2.1.2 Connection objects...15. 2.2.1.3 Swimlane...16. 2.2.1.4 Artifact...17. 2.2.1.5 Utilizzo di BPMN..."

Transcript

1 I Indice 1 INTRODUZIONE WORKFLOW WORKFLOW MANAGMENT COALITION (WFMC) LINGUAGGI BPML e BPMN (Business Process Management Language / Notation) Flow object Connection objects Swimlane Artifact Utilizzo di BPMN Vantaggi di BPMN BPEL4WS (Business Process Executive Language for Web Services) WSCI (Web Services Choreography Interface) XLang (Microsoft BizTalk Language) WSFL (Web Services Flow Language) UML Linguaggi a confronto TOOLS Collaxa BPEL Designer & Server Popkin s System Architect IBM Business Process Execution Language for Web Services JavaTM Run Time (BPWS4J) Intalio n³ BPMS BEA WebLogic Workshop Metamill - Visual UML CASE Tool Visual UML TENDENZE ATTUALI NELLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI WEB APPLICAZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI PROCESSI DI BUSINESS...44

2 II 3.2 WEB SERVICE MODELLAZIONE AD ALTO LIVELLO Il modello di struttura Modello di composizione Modello di navigazione Link Non-contestual link Automatic e Transport link Generazione automatica di applicazioni web Unit WebML per la modellazione di workflow MODEL VIEW CONTROL Funzionamento di Struts VERIFICA FORMALE MODELLO DELL APPLICAZIONE SPECIFICA DELLE REGOLE DI VERIFICA VALIDAZIONE AUTOMATICA SCELTE PROGETTUALI USE CASE DIAGRAM REQUISITI DI FLESSIBILITÀ SPECIFICA REQUISITI PER LA NOTAZIONE GRAFICA Elementi di BPMN adottati MAPPATURA DI WORKFLOW IN LTL TOOL L INTERFACCIA GRAFICA (GUI) Toolbar principale La canvas La toolbar della canvas Panoramica del diagramma Pannello informazioni SALVATAGGIO DIAGRAMMI WORKFLOW...75

3 III Documento XML generato FILE CONFIGURAZIONE TRASFORMAZIONE LINEAR TEMPORAL LOGIC (LTL) Output della trasformazione PREDISPOSIZIONE AL MULTILIVELLO IMPLEMENTAZIONE CLASS DIAGRAM Implementazione del class diagram LIBRERIA GRAFICA STRUTTURA DATI SALVATAGGIO FILE XML GENERAZIONE TRASFORMAZIONE XSL exstensible Stylesheet Language (XSL) e XPath Alcuni esempi di codice FUNZIONI PARTICOLARI (POSIZIONAMENTO FRECCE) CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI APPENDICE A: BIBLIOGRAFIA...102

4 Introduzione 4 1 Introduzione Dalla nascita di Internet ad oggi molte cose sono cambiate nella strutturazione delle applicazioni web. Inizialmente erano disponibili solo semplici pagine html con scopi divulgativi o informativi. Oggigiorno le necessità e le potenzialità della rete sono notevolmente aumentate e di pari passo sono cresciute la complessità e le funzionalità offerte dalle applicazioni web: sino a pochi anni fa era possibile solamente avere informazioni relative all andamento dei titoli di borsa, ora gli istituti finanziari forniscono anche servizi come Home Banking e Trading online. Risulta quindi evidente che le applicazioni attuali necessitano di una progettazione molto accurata e strutturata, sia dal punto di vista della formalizzazione del processo di sviluppo, sia dal punto di vista delle notazioni formali e semiformali per la specifica dei requisiti e la progettazione. In tale ambito esistono diversi linguaggi di modellazione che consentono la generazione semiautomatica delle applicazioni. Questi linguaggi forniscono dei costrutti atti a descrivere la realtà d interesse ad un alto livello di astrazione, prescindendo dai dettagli dell architettura, tramite una modellazione che può essere visuale o solamente formale. Per questo, si punta a distinguere i diversi ambiti di realizzazione della appicazioni web consentendo di progettare in maniera indipendete tra loro modello dei dati, modello dell ipertesto e modello di rappresentazione dell ipertesto. Le applicazioni generate mediante questi linguaggi sono sempre più orientate ai processi, per questo motivo è bene avere un modello di workflow sottostante che sia in grado di descriverle in maniera semplice e comprensibile. Tramite questo modello è possibile definire delle regole formali che consentano di verifcare la correttezza delle applicazioni rispetto a certe proprietà. La verifica formale è un nuovo strumento che serve a validare la progettazione rispetto alla specifica di partenza. Negli ultimi anni è nata un intera disciplina che se ne occupa. Tali concetti vengono trattati diffusamente in questa tesi, dando particolare importanza sia alla specifica formale delle proprietà da soddifare che al modello delle applicazioni sulle quali viene realizzata la validazione.

5 Introduzione 5 Per poter sfruttare le caratteristiche di questo tipo di verifica l applicazione deve essere specificata formalmente. Se questo vincolo viene rispettato allora il controllo del soddisfacimento di proprietà formali può essere effettuato tramite dei verificatori automatici. L utilizzo di questo tipo di verifica permette la diminuzione dei tempi e dei costi nella progettazione dell applicazione sfruttando al meglio il concetto di anticipazione delle conoscenze. Difatti, grazie a questa tecnica, è possibile avere un feedback prima ancora che la realizzazione dell applicativo venga terminata. In particolare, questo lavoro di tesi si focalizza sulla verifica delle proprietà orientate ai processi, concentrando l attenzione sull ordine di esecuzione delle attività e sul soddisfacimento di vincoli sia temporali che logici. Le proprietà delle applicazioni che vanno verificate, molto spesso sono specificate tramite formule logiche temporali. Nel caso particolare delle proprietà dei workflow ben si adattano linguaggi formali come Linear Temporal Logic (LTL). Scrivere e comprendere il tipo di formule relative a questi linguaggi risulta essere molto complesso per un utente umano, ma ben si adatta alle caratteristiche di una macchina. Nasce così l idea di realizzare un tool che consenta di generare automaticamente regole di logica temporale partendo da una descrizione formale dell applicazione web. Dopo un attenta analisi della struttura delle applicazioni più diffuse ci si è resi conto di come questa possa essere ben rappresentata tramite un processo di business ma per la formalizzazione si rende necessario definire una notazione standard. L intento è quindi quello di facilitare il compito del progettista per ciò che concerne l aspetto di verifica formale delle proprietà associate alle applicazioni web. A tale scopo è stata definita una notazione grafica, basata su uno standard esistente per la definizione dei workflow: BPML. La rappresentazione grafica del modello di processo ha come scopo quello di descrivere le proprietà (pre-condizioni, vincoli, ecc ) che la struttura dell applicazione deve soddisfare. A partire da tale rappresentazione vi è poi l obiettivo di generare automaticamente, tramite un apposita trasformazione, formule temporali basate sulla logica di LTL. Questa tesi è stata sviluppata presso il dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano, nell ambito del gruppo di Basi di Dati. Nella sua forma finale, il lavoro si presenta suddiviso in capitoli, del cui contenuto forniamo una breve descrizione: nel capitolo 2 viene fatta un analisi degli standard candidati alla modellizzazione dei processi di business. Inoltre vengono presentati alcuni tool basati su tali notazioni;

6 Introduzione 6 nel capitolo 3 sono presentate le tendenze attuali nello sviluppo di applicazioni web, in modo particolare si tratterà di modellazione ad alto livello, model view control (MVC); nel capitolo 4 si parla delle potenzialità offerte dalla verification e di come questa stia assumendo un ruolo sempre più importante nello sviluppo di applicazioni complesse; nel capitolo 5 sono presentate le scelte progettuali fatte per la realizzazione del tool visuale di modellazione. Saranno analizzati in particolare due aspetti: l analisi dei requisiti che dovrà soddisfare la notazione grafica adottata per la rappresentazione dei diagrammi di workflow e le regole di mapping tra i diagrammi di workflow e le formule temporali espresse in LTL. nel capitolo 6 si illustra il funzionamento del tool, dall interfaccia grafica al salvataggio/caricamento dei file. In questo capitolo è descritta anche l implementazione della trasformazione LTL; nel capitolo 7 si presentano le scelte implementative effettuate tra cui le librerie grafiche e la struttura dati, oltre ad alcune funzioni ritenute di particolare rilevanza. il capitolo 8 è dedicato alle conclusioni e ai possibili sviluppi futuri mentre l ultima sezione riporta la bibliografia delle fonti che hanno contribuito ad arricchire questa tesi e la nostra formazione.

7 WorkFlow 7 2 WorkFlow La tendenza attuale delle appicazioni web tendono è quella di assumere un carattere sempre più orientatato verso i processi. Per questo motivo diviene necessario utilizzare i diagrammi di workflow per modellizzare le proprietà che devono soddisfare. In questo capitolo andremo ad analizzare in dettaglio alcuni standard esistenti soffermandoci sulla loro capacità espressiva. I vantaggi che si possono trarre dall utilizzo di questo genere di diagrammi possono essere riassunti nei punti seguenti: il lavoro non arriva in postazioni errate e non si blocca. Gli addetti sono raramente chiamati a recuperare il lavoro in seguito ad errori; i manager possono concentrarsi su problemi riguardanti l azienda e il personale, come le prestazioni individuali e le procedure di ottimizzazione, piuttosto che sull assegnamento dei compiti. Agli impiegati non è più richiesto d inviare il lavoro ad un altra postazione e di controllarne il progresso; le procedure sono documentate formalmente ed eseguite esattamente, assicurando che il lavoro sia eseguito in maniera corretta e rispettando i requisiti a cui è vincolato; ad ogni processo è assegnata la persona (o la macchina) più competente e i processi più importanti sono assegnati per primi. Gli utenti non perdono tempo a cercare su quale oggetto lavorare, magari procrastinando lavori importanti ma difficili; il parallelismo, dove due o più compiti sono eseguiti in concorrenza, è più semplice da realizzare rispetto ad un workflow tradizionale. Se la persona più competente svolge il compito più importante e segue le procedure corrette l organizzazione è condotta in maniera più efficiente, i costi diminuiscono e il servizio al cliente generalmente migliora notevolmente. Se il lavoro è equamente distribuito e si ha la sicurezza che si stia svolgendo correttamente, gli utenti sono più soddisfatti. Per questi motivi l utilizzo di un workflow è un ottima soluzione sia dal punto di vista dell azienda che del cliente.

8 WorkFlow Workflow Managment Coalition (WFMC) La WFMC, fondata nell Agosto del 1993, è un organizzazione internazionale no-profit costituita dalle principali aziende sviluppatrici di software basato sui workflow, da utenti, analisti e gruppi di ricercatori. Il suo scopo è quello di promuovere e sviluppare i workflow al fine di definire degli standard nella terminologia, nell interoperabilità e nella connettività tra i software che ne fanno uso. Costituita da più di 300 membri in tutto il mondo, la WFMC è il principale riferimento per il mercato del software di questo settore. Adottando la terminologia di un generico workflow definita dalla WFMC, si definisce [25]: Attività: elemento basilare (elemento logico) attraverso il quale è definito il processo. Come per le istanze del processo anche per le istanze delle attività sono definiti degli stati. Sempre per analogia, e per meglio chiarificare il concetto di istanza, facendo l esempio di una conferenza una delle attività è quella di bidding, mentre un istanza di quell attività è l espressione delle preferenze da parte dei revisori per i documenti sottoscritti alla conferenza sull integrazione degli ipertesti estesi con i workflow. Ogni istanza può dunque trovarsi in uno dei seguenti stati: o inactive: o active: o suspended: o completed: esiste l istanza, ma nessun task esiste ancora; esiste un task al quale è stata assegnata per l esecuzione; non accade nulla fino a quando l attività non sarà resumed; l attività è terminata consistentemente (correttamente). Attori di un workflow possono essere sia utenti umani sia risorse computerizzate. Processo di business: insieme di una o più attività collegate tra loro in modo da realizzare un obiettivo di politica di business, ponendosi, generalmente, in un contesto di struttura organizzativa con ruoli e relazioni. Processo: rappresentazione di un processo di business che supporta una manipolazione automatica come la gestione da parte di un workflow managment system. La definizione del processo è data tramite una rete di attività, le relative relazioni, elementi per indicarne l inizio e la fine e informazioni riguardo le singole attività, come,

9 WorkFlow 9 per esempio, gli attori che ne prendono parte, le applicazioni informatiche e i dati associati, ecc Workflow: automazione, parziale o totale, di un processo di business durante il quale documenti, informazioni o compiti sono passati, tramite determinate regole procedurali, da un attore ad un altro per eseguire operazioni. Workflow Managment System: un sistema che definisce, crea e gestisce l esecuzione di workflow attraverso l uso di software in grado di interpretare la definizione di processo, di interagire con gli attori e, dove richiesto, di richiedere l utilizzo di tool e applicazioni informatiche. Business Process (i.e. qualcosa che dovrà succedere) è definito in una è gestito da un Process Definition (una rappresentazione di quello che dovrà succedere) Workflow Managment System (controlla gli aspetti automatici del Business Process) Sub-Processes composto da usato per creare e gestire attaverso che possono essere Activities Process Instances (una rappresentazione di quello che sta attualmente succedendo) Activities manuali (non sono gestite come parte del Workflow System) Activities automatizzate Figura 2-1: relazioni tra gli elementi definiti dalla WFMC durante l esecuzione sono rappresentate da Work Items (compiti assegnati ad un attore del workflow) Activity Instances che includono In Figura 2-1 possiamo vedere le relazioni che intercorrono tra i vari elementi definiti dalla Coalizione: e/o Invoked Applications (applicazioni/ tool utilizzati per supportare una activity)

10 WorkFlow Linguaggi Nel mondo dei workflow, per sfruttarne al meglio le potenzialità, sono nati diversi linguaggi ognuno dei quali con i suoi pregi e difetti. Alcuni sono ormai datati e sono stati rimpiazzati da altri più moderni che hanno aggiunto nuove caratteristiche, non disponibili in precedenza, senza toglierne alcuna. Tra i principali troviamo BMPL e la sua notazione grafica BPMN [14] e YAWL [9]. Per quanto riguarda la rappresentazione dei workflow la tendenza attuale è quella di includere nella notazione elementi per l utilizzo dei web service. Tra questi citiamo BPEL4WS (che usa come notazione BPMN) [14]. Nell analisi daremo una visione generale dei linguaggi, parlando anche del supporto che questi possono dare ai web service. Accenneremo quindi anche a Coreografia ed Orchestrazione termini spesso utilizzati nella descrizione dei servizi. Nonostante la definizione di questi termini non colga un consenso universale, ne forniremo ugualmente una sommaria. La Coreografia, che in genere descrive i processi di più alto livello, tiene traccia della sequenza di messaggi che può coinvolgere più applicazioni attraverso una visione globale del processo: tende a dare una visione più collaborativa delle interazioni. L Orchestrazione descrive come i servizi interagiscano tra loro a livello di messaggi scambiati. Fornisce una descrizione della logica di business e dell ordine d esecuzione delle interazioni. Vediamo una panoramica dei linguaggi candidati, dal punto di vista notazione, alla realizzazione del tool grafico BPML e BPMN (Business Process Management Language / Notation) BPML è un meta-linguaggio per la modellazione dei processi di business così come XML è un meta-linguaggio per la modellazione dei dati. BPML fornisce un modello esecutivo astratto per creare processi di business collaborativi e transazionali basato concettualmente su una macchina a stati finiti transazionale.

11 WorkFlow 11 Allo stesso modo di come i documenti XML sono solitamente descritti da un XML Schema, i processi BPML possono essere descritti in un linguaggio di modellazione chiamato extensible BPML XML Schema. Definito come mezzo per la convergenza delle applicazioni aziendali esistenti verso l orientamento ai processi, BPML offre il supporto esplicito a transazioni distribuite sia di tipo sincrono che asincrono. BPMN serve a definire un Business Process Diagram (BPD), questo diagramma sarà un insieme di oggetti grafici collegati tra loro da frecce che rappresentano i controlli di flusso, il cui scopo è quello di definire l ordine di svolgimento delle azioni. Questi oggetti consentono il facile sviluppo di semplici diagrammi di flusso che hanno il pregio di risultare familiari ed intuitivi alla maggior parte degli utenti che ne fanno uso (es. flowchart). Gli elementi che compongono il BPD sono stati definiti rispettando due criteri principali: il primo è che siano il più possibile distinguibili l uno dall altro; il secondo che la forma risulti il più possibile familiare. Le attività sono rettangolari mentre le decisioni hanno la forma di rombi. Ciò che si evidenzia, in BPMN, è la ricerca di semplici meccanismi in grado di creare un modello dei processi di business che forniscano la necessaria espressività del linguaggio per gestire la complessità intrinseca dei processi di business. L approccio che si è seguito per soddisfare questi due requisiti, in apparente contrasto tra loro, è quello di organizzare gli aspetti grafici della notazione in specifiche categorie. La generazione di questo ristretto gruppo di categorie permette, a chi legge un BPD, di riconoscere facilmente a quale tipo di categoria appartiene ogni elemento del diagramma, portando quindi ad una più intuitiva comprensione del BPD stesso. All interno di ogni categoria di base è possibile introdurre delle varianti che permettono di arricchire l espressività della notazione, senza comunque discostarsi dall aspetto originario. Presentiamo di seguito i simboli utilizzati per la definizione di un processo di business: Activity, Sub-process, Pool e Lane: Name Activity: unità di lavoro Lane: partizione di una pool, per scopi vari Name Subprocess: attività che può essere a sua volta scomposta in un sottoprocesso Pool: rappresenta un partecipante Figura 2-2: Activity, Sub-process, Pool e Lane in BPMN

12 WorkFlow 12 Eventi (Figura 2-3) caratterizzati per Flow Dimension e Type Dimension: Flow Dimension Type Dimension Start (avvio di un processo) End (conclusione di processo) Intermediate (evento nel corso del processo) Figura 2-3: Eventi in BPMN Flussi (Figura 2-4), nei quali, dove necessario, è possibile specificare condizioni: Control/ sequence flow: Sequenza di esecuzione Default flow: in presenza di più scelte, flusso scelto di default Message flow Figura 2-4: Flussi in BPMN Conditional control/sequence flow: seguito se la condizione specificata all inizio del flow è verificata Association: associazione o flusso di data-objects

13 WorkFlow 13 Gateway (Figura 2-5): punto di fusione, separazione e/o decisione tra diversi flussi: Figura 2-5: Gateway in BPMN Rappresentiamo ora (Figura 2-6) un esempio d utilizzo di BPMN relativo ad una richiesta di prestito: Loan request SVC Empl Mgr Cust Application Preliminary validation Application Application + Application Financial check GetJobCheck JobCheck Req [type Receive] [type Send] Job Check + Application Final approval Application JobCheckS JobCheckE Figura 2-6: esempio d utilizzo di BPMN L esempio rappresenta una transazione in cui un cliente può effettuare una richiesta di prestito mediante la compilazione di alcuni form. Un manager eseguirà dei controlli preliminari e quindi passerà la pratica ad un impiegato che svolgerà controlli più approfonditi. Sarà poi lo stesso manager a prendere una decisione finale in base ai dati rilevati dall impiegato. Nei prossimi paragrafi saranno analizzati in dettaglio gli elementi principali di BPMN.

14 WorkFlow Flow object Un BPD è basato fondamentalmente su tre oggetti base, che costituiscono la categoria dei flow object, in tal modo l utente non deve essere in grado di riconoscere un elevato numero di differenti forme. I tre flow object sono: Event : è rappresentato graficamente da un cerchio ed è qualcosa che accade durante lo svolgimento di un processo di business. Ci sono tre differenti tipi di event che variano in funzione del momento in cui sono utilizzati all interno del BPD: Start, Intermediate e End (Figura 2-7). Figura 2-7: rappresentazione grafica di Start, Intermediate e End Activity: è rappresentata graficamente da un rettangolo con gli angoli arrotondati ed indica una generica mansione svolta all interno di un processo. Ogni attività può essere di due tipi o atomica (task) o non atomica (subprocess), in quest ultimo caso l activity avrà disegnato al suo interno nella parte inferiore il simbolo + che precisa la presenza di un sotto processo all interno della stessa. Tramite questa proprietà è possibile generare dei diagrammi di tipo multi-livello. Figura 2-8: rappresentazione grafica di Activity e Activity con Sub-Process Gateway : vengono rappresentati graficamente tramite un rombo e utilizzati per controllare sia la divisione (split) che la riunificazione (merge) del flusso di informazione all interno di un BPD. In ogni rombo viene inserito un simbolo che indica quale è il criterio di valutazione logica dello specifico gateway. Nella Figura 2-9 sono descritti in successione i gateway And, Or e Xor. Figura 2-9: rappresentazione grafica di And, Or e Xor

15 WorkFlow Connection objects I flow object, definiti nel capitolo precedente, vengono tra loro collegati all interno di un diagramma così da creare la struttura base di un processo di business. Vi sono vari tipi di Connecting object definiti dalla notazione di BPMN: Sequence flow: è rappresentato da una linea continua con una freccia posta ad un estremo della linea per indicare il flusso che seguono i dati. Tramite i sequenze flow è possibile conoscere quale è l ordine con cui vengono svolte le attività all interno di un BPD; Association: è rappresentato graficamente da una linea tratteggiata con una freccia posta al suo estremo. A differenza del sequence flow non serve per collegare due attività, ma ha il compito di associare alle flow object dati, testo o altre entità chiamate Artifact. Vedremo in seguito, con un esempio, quali sono i possibili impieghi; Message flow: è rappresentato come una linea tratteggiata che ha un cerchio aperto ad un capo e una freccia aperta all altro, come si vede nella seguente figura. E utilizzato per mostrare il flusso di messaggi tra due differenti partecipanti al processo di business. In BPMN, i due partecipanti sono rappresentati tramite due separate pool.

16 WorkFlow 16 Di seguito (Figura 2-10) riportiamo un semplice esempio di BPD dove sono rappresentati gli elementi base descritti nei precedenti paragrafi: Figura 2-10: esempio di processo di business Swimlane BPMN inserisce nella propria notazione un concetto che era già presente in altri linguaggi di modellazione (i.e. gli Activity Diagram di UML) cioè le swimlane. Tali costrutti hanno lo scopo di organizzare graficamente le attività, in diversi gruppi, per illustrarne le diverse competenze e/o funzionalità richieste. I due tipi di elementi base che costituiscono la categoria delle swimlane sono: Pool: rappresenta un partecipante all interno di un processo di business. Funge da contenitore grafico per raggruppare tra loro le activity. Il nome che dà il titolo ad ogni pool indica l attore del processo associato. Questo ricopre un aspetto importate nella definizione di processi di tipo Business to Business (B2B). Le pool sono utilizzate quando il diagramma implica almeno due soggetti che ricoprono dei ruoli distinti uno dall altro, per questo all interno del BPD risultano fisicamente separati. Figura 2-11: rappresentazione grafica di una pool

17 WorkFlow 17 Lane: sono una sotto-partizione di una pool, servono ad organizzare e a specializzare le activity all interno della pool. Figura 2-12: rappresentazione grafica di una Lane Come si può notare dall esempio, nella Figura 2-13, i sequence flow che collegano le activity possono attraversare i bordi di una lane per collegare tra loro delle activity che hanno come riferimento due differenti partecipanti al processo: Figura 2-13: segmento di processo con lane Artifact Lo scopo di BPMN è quello di garantire la maggiore flessibilità possibile nello sviluppo di un generico diagramma. Per ottemperare a questa specifica sono presenti nella notazione degli artifact. Non c è limite al numero di artifact che è possibile inserire in un diagramma, questo per consentire di descrivere nel modo più accurato possibile i processi di business. La notazione definisce tre oggetti per questa categoria:

18 WorkFlow 18 Data object: sono utilizzate per mostrare quali sono i dati richiesti o prodotti da un activity. Le data object vengono collegate alle activity tramite un collegamento di tipo association (vedi Figura 2-17 ). Figura 2-14: rappresentazione grafica di una data object Group: è un rettangolo che ha gli angoli arrotondati, disegnato con una linea tratteggiata. Può essere utilizzato per generare la documentazione o scopi d analisi, ma non ha alcuna influenza sui sequence flow. Figura 2-15: rappresentazione grafica di un group Annotation: è un meccanismo per consentire a chi disegna il BPD di inserire dei commenti testuali che aiutino ulteriormente il lettore nella comprensione del diagramma del processo di business. Figura 2-16: rappresentazione grafica di annotation

19 WorkFlow 19 Di seguito viene riportato un esempio in cui si dimostra come gli oggetti del gruppo artifact vengono utilizzati all interno di un BPD: Figura 2-17: processo con elementi della categoria artifact E bene sottolineare che l introduzione degli elementi della categoria artifact in un diagramma non altera in alcun modo la struttura base di un qualsiasi processo composto da activity, gateway e sequence flow. Per questo è possibile fare un raffronto tra la Figura 2-13 e la Figura Utilizzo di BPMN BPMN è utilizzato per descrivere un ampia varietà d informazioni a differenti tipi d'utenza. E possibile descrivere diversi tipi di processo di business, per ognuno dei quali è permessa la rappresentazione di ogni singola parte a diversi livelli di dettaglio. Uno dei possibili utilizzi di BPMN permette la realizzazione di un modello base sviluppabile all interno di un BPD. Tale modello prende il nome di processo Business to Business (B2B) di tipo collaborativo. Un processo B2B descrive l interazione tra due o più entità di business. I diagrammi per questo tipo

20 WorkFlow 20 di processo generalmente hanno una rappresentazione molto generale. Per questo motivo, un processo non viene analizzato dal punto di vista di uno dei partecipanti ma è utilizzato per descrivere l interazione che c è tra i partecipanti. Nella Figura 2-18 vediamo un esempio di processo B2B. Figura 2-18: esempio di processo B2B di tipo collaborativo Vantaggi di BPMN BPMN è il risultato di una lunga ricerca sui linguaggi di modellazione da parte del BPMI notation working group, all interno del quale confluisce una larga parte della comunità degli sviluppatori di notazioni per modelli inerenti i processi di business. La definizione di BPMN punta a ridurre la frammentazione che si è sviluppata con la proliferazione di una miriade di tool per la modellazione dei processi di business. Lo scopo del BPMI working group è stato quello di prendere da queste notazioni, tra loro divergenti, le idee migliori e raggrupparle in un unica notazione standard. Le notazioni da cui si è preso spunto per la definizione di BPMN sono: UML Activity Diagram, IDEF, ebxml, Activity Decision Flow e Rosettanet. L utilizzo di un unico standard consentirebbe, inoltre, una più rapida adozione da parte del pubblico di strumenti per la modellazione dei processi di business, riducendo così il divario che esiste tra la fase di analisi e la fase di implementazione del processo. Basti considerare che

21 WorkFlow 21 solitamente i due ambiti sono gestiti da persone che hanno una visione del problema sostanzialmente diversa l una dall altra. In genere, l analisi viene sviluppata a livello di management di una azienda, che si concentra su aspetti del processo che non necessariamente hanno la stessa rilevanza a livello implementativo, dove il progettista dovrà invece tenere conto di altri fattori BPEL4WS (Business Process Executive Language for Web Services) BPEL4WS, attualmente giunto alla versione 2.0 (Aprile 2004), è una notazione per specificare il comportamento di processi di business basato su web service [14]. I processi in BPEL4WS esportano e importano funzionalità usando esclusivamente interfacce di web service. BPEL4WS nasce come risultato dalla fusione di XLang e WSFL (che vedremo nelle prossime sezioni). Si pone uno strato sopra WSDL poiché ogni processo BPEL4WS può essere esposto come servizio in WSDL, di cui, tra l altro, sfrutta le definizioni di data types per descrivere il passaggio di informazioni. BPEL4WF può anche referenziare servizi esterni specificati in WSDL. In questo linguaggio i processi di business possono essere descritti in due modi: i processi di business eseguibili modellano il comportamento reale di un partecipante in un interazione di business; i protocolli di business usano descrizioni di processo per specificare lo scambio reciproco di messaggi eseguito da ogni parte coinvolta nel protocollo, senza però rivelare il relativo comportamento interno. Le descrizioni dei processi per protocolli di business sono chiamate processi astratti. BPEL4WS fornisce un linguaggio per la specifica formale di un processo di business e di protocolli d interazione di business. Così facendo, BPEL4WS estende il modello d interazione con i web service e consente di supportare transazioni di business. BPEL4WS definisce un modello d integrazione interoperabile che dovrebbe facilitare l espansione verso l integrazione dei processi automatizzati sia nell area intra-corporate che in quella B2B. Uno degli scopi principali di BPEL è diminuire il costo dell automazione dei processi di business tra imprese.

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 16 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 16 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 16 BPMN Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Nozioni di base Un sistema è una collezione di entità (es. persone o macchine) che interagiscono

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 22 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 22 BPMN. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 22 BPMN Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Prima di cominciare: Erasmus! Scadenza: 5 luglio 2012 Durata: min 3 max 12 mesi Dal 1 giugno 2012

Dettagli

Modellazione concettuale di processi aziendali distribuiti basati su architettura Web Services

Modellazione concettuale di processi aziendali distribuiti basati su architettura Web Services POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE SEDE DI MILANO LEONARDO DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA Modellazione concettuale

Dettagli

Composizione e Coreografia di Web Services

Composizione e Coreografia di Web Services Composizione e Coreografia di Web Services Giusy Di Lorenzo Composizione Lo scopo della composizione è quello di comporre servizi esistenti al fine di definire un nuovo servizio a valore aggiunto Richiesta

Dettagli

Modellazione di processi

Modellazione di processi Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 910 ottobre 2014 La modellazione è un mestiere e a volte è un arte. William C. Burkett 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology,

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

STUDIO DI APPLICAZIONI WEB BASATE SU WORKFLOW E GENERAZIONE SEMI-AUTOMATICA DI CODICE

STUDIO DI APPLICAZIONI WEB BASATE SU WORKFLOW E GENERAZIONE SEMI-AUTOMATICA DI CODICE Politecnico di Milano Polo Regionale di Como V FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2004-2005 STUDIO DI APPLICAZIONI WEB BASATE SU WORKFLOW E GENERAZIONE SEMI-AUTOMATICA

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

Sistemi per la modellazione e workflow di processi di business

Sistemi per la modellazione e workflow di processi di business Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Basi di dati Sistemi per la modellazione e workflow di processi di business Anno Accademico 2014/2015

Dettagli

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Parte I: modellazione

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Parte I: modellazione Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Fondamenti di Informatica per la Logistica (Prof. G. Dini) Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la

Dettagli

Processi BPEL. Obiettivi

Processi BPEL. Obiettivi Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Processi BPEL Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci Anno accademico 2009/10 Email: sd@chmod.it Obiettivi Esercitazione pratica su:

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

WorkFlow Management Systems

WorkFlow Management Systems WorkFlow Management Systems Cosa è un? Automazione di un processo aziendale (business process) con: documenti, informazioni e compiti partecipanti insieme predefinito di regole obiettivo comune 2 Esempi

Dettagli

YAWL Workflow Management System

YAWL Workflow Management System YAWL Workflow Management System Gabriele Pozzani Barbara Oliboni Sistemi informativi aziendali Laurea magistrale in Ingegneria e scienze informatiche http://www.yawlfoundation.org/ Materiale prodotto da:

Dettagli

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la manifestazione tangibile della tecnologia avanzata, più delle

Dettagli

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa T 1 ottobre 2008 1 -Fonti [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Organizzazione aziendale Lezione 23 Adonis Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Creazione di un nuovo processo Per creare un nuovo modello in qualunque momento basta cliccare

Dettagli

Introduzione a UML. Iolanda Salinari

Introduzione a UML. Iolanda Salinari Introduzione a UML Iolanda Salinari Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

Progettazione di Applicazioni Web

Progettazione di Applicazioni Web 1 Argomenti della lezione Progettazione di Applicazioni Web Sviluppo delle applicazioni Processo di sviluppo Formalismi grafici di supporto diagrammi UML (cenni) Scelta dell architettura Sviluppo di applicazioni

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Appunti lezione Database del 07/10/2015

Appunti lezione Database del 07/10/2015 Appunti lezione Database del 07/10/2015 Nelle lezioni precedenti si è visto come qualunque applicazione informativa è almeno formata da tre livelli o layers che ogni progettista conosce e sa gestire: Livello

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Paradigma object-oriented

Paradigma object-oriented Paradigma object-oriented Dati & Comportamento Implementazione trasparente dei servizi Facile mantenimento Omogeneità nella gerarchia dati-funzioni Procedural approach OO approach Data hierarchy Replaced

Dettagli

Gestire gli eventi di business per ottimizzare i processi

Gestire gli eventi di business per ottimizzare i processi Gestire gli eventi di business per ottimizzare i processi Antonella Bertoletti Senior Certified Consultant IT Specialist WebSphere Technical Sales Team IBM Software Group Gli eventi di business Qualunque

Dettagli

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE L offerta di Value+, in origine focalizzata sulla gestione dei Rami Vita e dei Fondi Pensione attraverso il sistema invita, diffuso in Italia e all estero, si è arricchita nel corso degli anni estendendosi

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Progettazione di un sistema informativo aziendale

Progettazione di un sistema informativo aziendale Università degli Studi di Torino Corso in Sistemi Informativi Aziendali Professor M. Segnan Progettazione di un sistema informativo aziendale per un negozio online di articoli sportivi Eseguito da Giovanni

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Ingegneria del Software: UML Class Diagram

Ingegneria del Software: UML Class Diagram Ingegneria del Software: UML Class Diagram Due on Mercoledì, Aprile 1, 2015 Claudio Menghi, Alessandro Rizzi 1 Contents Ingegneria del Software (Claudio Menghi, Alessandro Rizzi ): UML Class Diagram 1

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Principi di Progettazione del Software a.a. 2015-2016" Introduzione a UML. Requisiti e casi d uso! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento!

Principi di Progettazione del Software a.a. 2015-2016 Introduzione a UML. Requisiti e casi d uso! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento! Principi di Progettazione del Software a.a. 2015-2016" Introduzione a UML. Requisiti e casi d uso! Prof. Luca Mainetti! Università del Salento! Obiettivi della lezione" Introdurre il linguaggio UML per

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Prof. Marcello Sette mailto://marcello.sette@gmail.com http://sette.dnsalias.org 1 aprile 2008 Diagrammi UML 3 UML: richiami..........................................................

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

Sistema di automazione integrata della catena del valore per l impresa agroalimentare. Manuale utente

Sistema di automazione integrata della catena del valore per l impresa agroalimentare. Manuale utente Sistema di automazione integrata della catena del valore per l impresa agroalimentare Manuale utente copyright 2008 Sommario Introduzione... 4 Il Portale... 5 Definizione dei processi... 6 Creazione di

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Documenti e ipermedialità Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Documento ipertestuale insieme di informazioni testuali e grafiche, esplorabili

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Marco Repetto, Massimo

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione ICT Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico Strumenti Processo parte VII Leggere Cap. 9 Ghezzi et al. Strumenti software che assistono gli ingegneri del software in tutte le fasi del progetto; in particolare progettazione codifica test Evoluzione

Dettagli

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti 29 marzo 2006 Edoardo Di Lorenzo Relatore: Marco Pistore Web Services

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) Indice degli argomenti Introduzione all Ingegneria del Software UML Design Patterns Refactoring

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Dottorato di Ricerca in Tecnologie dell Informazione XX Ciclo Alessandro Negri SISTEMI MULTI-AGENTE E WORKFLOW PER LA COMPOSIZIONE

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Laboratorio di Gestione della Qualità (prof. Failli) Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la manifestazione

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Claudia Raibulet raibulet@disco.unimib.it Il processo di sviluppo software Rappresenta un insieme di attività per la specifica, progettazione, implementazione,

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Primi passi con Jamio Composer Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Comporre una nuova soluzione applicativa Jamio Composer è l ambiente di modellazione della piattaforma Jamio. Le soluzioni

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

Sequence Diagram e Collaboration Diagram

Sequence Diagram e Collaboration Diagram Sequence Diagram e Collaboration Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Sommario Interaction

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android

Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android Università degli Studi di Napoli Federico II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM Progetto di un applicazione Android Briscola bluetooth Candidati: Giuliano Formato Daniele

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

Studio basato su reti di Petri della semantica formale di modelli per applicazioni Web

Studio basato su reti di Petri della semantica formale di modelli per applicazioni Web POLITECNICO DI MILANO Polo Regionale di Como Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Studi in Ingegneria Informatica Studio basato su reti di Petri della semantica formale di modelli per applicazioni

Dettagli

SOFTWARE MAINTENANCE DESIGN

SOFTWARE MAINTENANCE DESIGN SOFTWARE MAINTENANCE DESIGN INTRODUZIONE... 1 1.1 Identificazione della richiesta di modifica... 2 1.2 Assegnazione di un numero di identificazione alla Change Request... 2 1.3 Classificazione del tipo

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Un negozio di musica vende anche libri e riviste musicali. Si intende automatizzare l intero processo, dall approvvigionamento alla vendita. Si analizzino i requisiti e se ne rappresentino

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Business Modeling UML

Business Modeling UML Business Modeling UML versione 16 marzo 2009 Adriano Comai http://www.analisi-disegno.com Obiettivo di questa introduzione fornire alcuni elementi di base sul business modeling UML i temi esposti sono

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

Business Process Modeling - BPMN

Business Process Modeling - BPMN Business Process Modeling - BPMN 11 Dicembre 2009 Davide Storelli - davide.storelli@ebms.unile.it Outline L importanza della modellazione Categorie di Business Process Problematiche di modellazione Introduzione

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Obiettivo della lezione Casi d uso La modellazione dei requisiti funzionali I casi d uso Gli attori Gli scenari Come scrivere casi d uso Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Proposti da Ivar Jacobson

Dettagli