ogit stogit spa Sede operativa: Sito Internet: Centralino: Copertina: Impaginazione e supervisione: Stampa: Stampato su carta:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ogit stogit spa Sede operativa: Sito Internet: Centralino: Copertina: Impaginazione e supervisione: Stampa: Stampato su carta:"

Transcript

1 stogit Bilancio 2008

2 Missione L attività di stoccaggio del gas naturale ha la funzione di compensare le diverse esigenze tra fornitura e consumo del gas; infatti, l approvvigionamento ha un profilo sostanzialmente costante durante tutto l anno, mentre la domanda di gas è caratterizzata da una rilevante variabilità stagionale, con una domanda invernale significativamente superiore a quella estiva. Eni ha sviluppato, a partire dagli anni 60, un sistema di stoccaggio tramite la conversione di campi di coltivazione a gas prossimi all esaurimento. Il sistema di stoccaggio Eni si è quindi sviluppato negli anni in modo tale da adattarsi alla crescita del mercato del gas, coerentemente con il rilevante incremento delle importazioni e con lo sviluppo della domanda per fini residenziali, assicurando sempre un dimensionamento adeguato rispetto alle esigenze di modulazione climatica.» Storia Stogit S.p.A., società appartenente al Gruppo Eni che opera nel settore dello stoccaggio del gas naturale, è stata costituita il 15 novembre In data 31 ottobre 2001 ha ricevuto in conferimento, rispettivamente da Eni S.p.A. il complesso aziendale riguardante l attività di stoccaggio, comprendente le concessioni di stoccaggio, il gas presente nei relativi giacimenti, gli impianti di superficie e di sottosuolo e il relativo personale, e da Snam S.p.A. (incorporata in Eni S.p.A. il 1 febbraio 2002) gli impianti di compressione connessi all attività di stoccaggio.»

3 Bilancio 2008

4

5 Relazione sulla gestione Profilo dell anno Lettera agli azionisti Infrastrutture Andamento Operativo Investimenti Quadro normativo La regolamentazione del mercato Il sistema tariffario Servizi di stoccaggio e condizioni contrattuali Attività commerciale Commento ai risultati economico - finanziari Evoluzione prevedibile della gestione Persone e Organizzazione Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Innovazione tecnologica Gestione dei rischi d impresa Altre informazioni Bilancio d esercizio Proposte del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Relazione del Collegio Sindacale all Assemblea degli Azionisti di Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Relazione della Società di revisione Delibera dell Assemblea degli Azionisti

6 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / PROFILO DELL ANNO Profilo dell anno La gestione del periodo si caratterizza per un utile netto di 83 milioni di euro che non beneficia di partite non ricorrenti che nel 2007 risultavano pari ad almeno 68 milioni di euro, per un forte incremento degli investimenti che ammontano nell anno a 255 milioni di euro al netto di oneri finanziari e contributi, e dal raggiungimento del record storico delle capacità di stoccaggio messe a disposizione della clientela, cha ha raggiunto il valore di 13,7 miliardi di standard metri cubi, inclusivi della riserva strategica. Risultati dell esercizo L utile netto dell esercizio pari a 83 milioni di euro, registra un decremento rispetto all esercizio precedente di 65 milioni di euro principalmente dovuto alla riduzione dell utile operativo (83 milioni di euro) e all aumento degli oneri finanziari netti (11 milioni di euro). Questi fattori sono stati parzialmente assorbiti dalle minori imposte sul reddito (29 milioni di euro). La riduzione del risultato operativo deriva essenzialmente dalla diminuzione dei ricavi della gestione caratteristica (71 milioni di euro), riconducibile ai minori corrispettivi variabili (CVS) per effetto di una minore movimentazione di gas da parte degli shipper ed al fatto che il risultato del 2007 ha risentito positivamente di una componente non ricorrente relativa all utilizzo del fondo spese e rischi futuri, di circa 68 milioni di euro, all incremento dei costi operativi e diversi (10 milioni di euro) dovuto essenzialmente ai maggiori costi di manutenzione programmata per 3 milioni di euro e a minori utilizzi di fondi rischi per 6 milioni di euro. Investimenti La spesa per investimenti (al netto di oneri finanziari capitalizzati e contributi) sostenuta dalla Società nel 2008 è stata pari a 255 milioni di euro, con un aumento di circa 111 milioni di euro rispetto al 2007 (+77%). Gli investimenti relativi a nuovi sviluppi e a potenziamenti delle capacità di stoccaggio sono stati pari a circa 236 milioni con un incremento di circa 118 milioni di euro rispetto al 2007 (+100%). Progetti in corso Una particolare menzione meritano i seguenti progetti. Bordolano: nel corso del mese di luglio 2008, previo assenso del Ministero dello Sviluppo Economico, è stata riavviata la procedura di Valutazione Impatto Ambientale (di seguito VIA) per lo sviluppo a stoccaggio del campo, che si ritiene possa essere positivamente conclusa entro la prima metà Nel mese di ottobre 2008 è stata inoltre presentata istanza per l estensione della concessione; Fiume Treste: i progetti di sviluppo sono già autorizzati e in corso di finalizzazione; conseguentemente l entrata in esercizio di tali progetti è prevista nel 2009 e nel 2010; Sergnano: nel corso del 2008 è stata ottenuta l autorizzazione ministeriale alla sperimentazione per l esercizio in sovrappressione; 4

7 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / PROFILO DELL ANNO Settala SanP/E: la Società ha avviato nel mese di luglio 2008 la procedura di VIA per l autorizzazione definitiva dell esercizio in sovrappressione, approvata in commissione VIA- VAS nel mese di dicembre 2008; Progetto CCS sperimentazione iniezione CO 2 : la Società ha stipulato nel 2008 un contratto con Eni S.p.A (divisione E&P) per avviare l attività di sperimentazione di iniezione di CO 2, volta a verificare la possibilità di sostituzione del cushion gas nel giacimento di Cortemaggiore. Altre iniziative Piano efficienza: è stato definito un piano di efficienza articolato in cinque progetti relativi a due aree di intervento, l efficienza costi e la redditività del servizio, finalizzato al recupero di costi di esercizio attraverso il perseguimento dell efficienza operativa ed energetica con particolare attenzione e sensibilità all impatto ambientale da un lato e, dall altro lato, all aumento della redditività dell impresa attraverso la possibile evoluzione dei servizi di stoccaggio. Unbundling: la Società ha avviato il processo di attuazione dei principi di separazione funzionale previsti dall Autorità per l Energia e il Gas (di seguito AEEG) con la delibera 11/07. Il 27 giugno 2008, il consiglio di amministrazione della Società ha individuato nella persona dell Amministratore delegato il Gestore Indipendente e deliberato la modifica dello statuto (disponibile sul portale della Società) con l inserimento di clausole relative agli obiettivi di neutralità, non discriminazione ed efficienza nella gestione delle infrastrutture e delle informazioni commercialmente sensibili. Tali modifiche sono già state approvate dall assemblea della Società il 30 giugno Il processo proseguirà in coerenza con gli sviluppi del quadro regolatorio in materia, nei tempi e con le modalità indicate dall AEEG nelle linee guida contenute nella delibera ARG/com 132/08 pubblicata il 23 settembre, che prevede una prima scadenza nel mese di marzo 2009 per la definizione ed attuazione di alcuni adempimenti. Nuovo portale e sistema informativo STS: nell ottica di una crescente attenzione alla trasparenza e alla completezza dell informazione, la Società ha finalizzato due importanti iniziative, realizzando (i) un nuovo portale internet ricco di contenuti informativi, operativi e commerciali e (ii) il sistema informativo Storage Trading System (STS) che permette la gestione di una bacheca elettronica per la pubblicazione delle richieste/offerte di gas o capacità nel sistema di stoccaggio della Società e lo scambio elettronico di gas su base giornaliera e capacità. 5

8 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / PROFILO DELL ANNO Principali dati economici e finanziari (milioni di euro) Ricavi della gestione caratteristica Costi operativi e diversi Ammortamenti e svalutazioni Utile operativo Oneri finanziari netti Utile netto Capitale immobilizzato Capitale investito netto Patrimonio netto Indebitamento finanziario netto Leverage 0,76 1,00 Investimenti Nel corso del 2008, la Società ha raggiunto il record storico di capacità di stoccaggio messa a disposizione del mercato, con una disponibilità massima di circa 13,7 miliardi di standard metri cubi (di cui 5,1 miliardi di standard metri cubi per il servizio di stoccaggio strategico). Rispetto al 2007 si è registrato un incremento dovuto all entrata in esercizio dei progetti di potenziamento dei siti di Cortemaggiore e Sergnano. Principali dati operativi Stoccaggio gas naturale (miliardi di metri cubi) (*): per c/eni 3,7 3.4 per c/altri operatori 4,8 5,2 8,5 8,6 Produzione gas primario (milioni di metri cubi) 4,3 (*): Massima capacità disponibile nel corso dell anno termico Numero clienti servizi di stoccaggio

9 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / LETTERA AGLI AZIONISTI Lettera agli Azionisti Signori Azionisti, l esercizio concluso è stato caratterizzato da importanti risultati conseguiti dalla Società nel rispetto dei criteri di regolazione tariffaria stabiliti dall Autorità per l energia elettrica e il gas (AEEG) e nell implementazione dei piani di sviluppo delle proprie capacità di stoccaggio a fronte di un contesto che ne richiede il potenziamento. Nell esercizio che chiude al 31 dicembre 2008 la Società ha realizzato un utile netto di 83 milioni di Euro nonostante la mancanza del beneficio di partite non ricorrenti che nel 2007 risultavano paria ad almeno 68 milioni di Euro. L attività operativa nel 2008 è stata caratterizzata dal conseguimento del record storico delle capacità di stoccaggio che hanno raggiunto il valore di 13,7 miliardi di metri cubi di gas inclusivi della riserva strategica e da una riduzione della movimentazione del gas che ha portato ad una giacenza di gas degli shipper al 31 marzo 2008 a circa 3 miliardi di metri cubi di gas. Le capacità raggiunte e l efficienza del sistema hanno consentito di fare fronte brillantemente all eccezionale crisi di approvvigionamento delle forniture del gas Russo in relazione al contenzioso tra Russia e Ucraina che si è verificato nel mese di gennaio del Il sistema di stoccaggio ha infatti contribuito a soddisfare la domanda nazionale di gas per circa il 50% nel periodo di crisi. Relativamente ai programmi di investimento la Società sta implementando quanto pianificato in particolare nei progetti di Fiume Treste, Bordolano e nel potenziamento dei campi esistenti. La spesa per investimenti nel 2008 è risultata di 255 milioni di Euro con un aumento del 77% rispetto al Nell ambito delle attività di sviluppo è importante ricordare lo sviluppo delle capacità di stoccaggio nell esercizio in sovrapressione nei giacimenti di Settala e Sergnano e l avvio delle attività propedeutiche e di studio per l attività di sperimentazione di iniezione di CO 2 volta a verificare la possibilità di sostituzione del cushion gas nel giacimento di Cortemaggiore. L indebitamento finanziario netto, attraverso i flussi finanziari della gestione e dopo la distribuzione dei dividendi all azionista per 148 milioni di euro, è salito a 938 milioni di euro, con un leverage pari a 1. Nell ambito del processo di attuazione dei principi di separazione funzionale previsti dall Autorità per l energia elettrica e il gas, con la delibera 11/07, il Consiglio di Amministrazione della Società ha individuato nella persona dell Amministratore Delegato il Gestore Indipendente, deliberando la modifica dello statuto e si è proceduto all implementazione di un programma di adeguamento organizzativo teso a razionalizzare l attività operativa, consolidare le attività di sviluppo e rafforzare i sistemi di Qualità, Salute, Sicurezza e Ambiente. 7

10 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / LETTERA AGLI AZIONISTI Al fine di migliorare l efficienza gestionale, la trasparenza e la completezza dell informazione verso gli utenti è stato lanciato un piano efficienza articolato su più progetti, è stato realizzato un nuovo portale internet commerciale e operativo,è stato ultimato il sistema informativo Storage Trading System (STS) ed è stata organizzata con successo la prima Convention dei clienti della Società. Per quanto riguarda la sostenibilità del business e l innovazione tecnologica occorre segnalare la predisposizione per la prima volta nella Società di piani a medio/lungo termine per queste due tematiche. Nel settembre 2008 il Consiglio di Amministrazione ha adottato il nuovo codice etico Eni al fine di fare propri l insieme dei valori caratteristici del gruppo Eni. Nel corso del 2008 si è concluso inoltre positivamente il progetto di certificazione ISO 9001 dell attività di misura e contabilizzazione del gas. In sintesi le attività svolte e programmate della Società si inquadrano nella conferma che lo stoccaggio è un elemento chiave nella filiera del sistema del gas e nell evoluzione del più ampio sistema energetico. L a Società, perseguendo l eccellenza tecnica, l efficienza e l efficacia dei processi e proseguendo nei piani di potenziamento previsti,si presenta con i migliori requisiti per affrontare lo sviluppo delle attività di stoccaggio in un ambiente futuro piu competitivo, considerando l avvio, a partire dal 2010, del nuovo periodo di regolazione e della prospettata borsa del gas. Per il Consiglio di Amministrazione Il Presidente e Amministratore Delegato Enrico Cingolani CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente e Amministratore Delegato (1) Enrico Cingolani Amministratori Andrea Simoni Luca Franceschini Costantino Chessa (2) Collegio Sindacale (3) Presidente Eugenio Pinto Sindaci effettivi Andrea Collalti Gianluca Officio Sindaci supplenti Mirella Zito Tiziano Onesti SOCIETA DI REVISIONE (4) PricewaterhouseCoopers S.p.A. (1) Nominato dal CdA del 22 aprile 2008/Assemblea del 30 giugno (2) Nominato dal CdA del 7 marzo 2008/Assemblea del 17 aprile (3) Nominato dall assemblea del 23 aprile (4) Incarico conferito dall Assemblea del 29 aprile 2004 e prorogato dall Assemblea del 23 aprile 2007 per gli esercizi

11 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / INFRASTRUTTURE Infrastrutture Attività Aspetti operativi La Società è il maggiore operatore italiano ed europeo del settore e attraverso otto campi di stoccaggio, localizzati in Lombardia (quattro), Emilia Romagna (tre) e Abruzzo (uno), mette a disposizione del mercato secondo criteri di efficienza tecnica ed economica, le capacità di stoccaggio di cui dispone, utilizzando un sistema integrato in grado di assicurare, compatibilmente con le capacità di stoccaggio disponibili, anche le prestazioni di modulazione richieste. Partendo dall esperienza maturata nell ambito del Gruppo Eni in oltre 40 anni d attività, la Società si caratterizza per la competenza tecnica, la qualità del servizio e la ricerca continua dell efficienza. In tale prospettiva, le conoscenze geologiche, la valutazione del rischio minerario e le competenze maturate nella gestione sinergica dell insieme delle prestazioni dei singoli giacimenti, si stanno ulteriormente sviluppando e ampliando per mettere a disposizione degli utenti un servizio sempre più rivolto al soddisfacimento delle esigenze del mercato. Servizi di stoccaggio I servizi di stoccaggio di modulazione, minerario e strategico sono erogati nel corso dell Anno Termico, la cui data d avvio è il 1 aprile di ciascun anno solare e il cui termine è il 31 marzo dell anno seguente. L attività di stoccaggio si distingue sostanzialmente in due fasi: la fase di iniezione generalmente concentrata nel periodo fra aprile e ottobre, che consiste nell iniezione in stoccaggio del gas naturale proveniente dalla rete nazionale di trasporto; la fase di erogazione solitamente concentrata nel periodo tra novembre e il mese di marzo dell anno successivo, nella quale il gas naturale è erogato dal giacimento, trattato e riconsegnato agli Utenti attraverso la rete di trasporto. Le attuali esigenze di mercato spingono ad utilizzare il sistema di stoccaggio non più limitatamente alle due fasi sopra descritte, ma anche come strumento di flessibilità non legato alla stagionalità. In relazione alle richieste di flessibilità, alle disponibilità del sistema e compatibilmente con il quadro di regolazione definito dall Autorità, la Società offre servizi finalizzati a soddisfare le crescenti esigenze degli Utenti (capacità di controflusso, capacità di erogazione extra e capacità interrompibile). Produzione La Società, nell ambito delle proprie concessioni, può svolgere infine una limitata attività di produzione di gas dai livelli geologici non adibiti a stoccaggio. 9

12 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / infrastrutture Infrastrutture di stoccaggio La Società svolge la propria attività di servizio di stoccaggio del gas naturale per i propri clienti, avvalendosi di un insieme integrato di infrastrutture composto dai giacimenti, dagli impianti di trattamento gas, dagli impianti di compressione e dal sistema di dispacciamento operativo. Giacimenti Il giacimento è rappresentato da un volume poroso nel sottosuolo di una concessione mineraria e comprende, oltre alle strutture geologiche (giacimento e roccia di copertura), anche i relativi pozzi di stoccaggio. La Società utilizza per lo stoccaggio giacimenti a gas già sfruttati per la produzione, situati a circa metri di profondità. La conoscenza dei dati geologici e dei parametri geodinamici, acquisita sia durante la fase di sfruttamento minerario primario che in modo continuo durante l esercizio allo stoccaggio, costituisce un requisito fondamentale per una gestione ottimale del sistema stoccaggi. L attività di stoccaggio della Società è al momento concentrata sulle seguenti 8 concessioni: Brugherio Stoccaggio Cortemaggiore Stoccaggio Fiume Treste Stoccaggio Minerbio Stoccaggio Ripalta Stoccaggio Sabbioncello Stoccaggio Sergnano Stoccaggio Settala Stoccaggio La Società è inoltre titolare di due ulteriori concessioni attualmente non operative: Alfonsine Stoccaggio, per la quale sta effettuando le opportune valutazioni e approfondimenti tecnici necessari al fine di permettere eventuali successive azioni di sviluppo; Bordolano Stoccaggio, per la quale la Società, nel mese di Giugno 2008, ha ripresentato la procedura di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.). Impianti di trattamento L impianto di trattamento è l insieme delle infrastrutture dedicate a rendere il gas erogato dai giacimenti conforme ai requisiti di qualità, pressione e temperatura necessari all immissione nella rete di trasporto. In particolare, il trattamento del gas consiste nella separazione preliminare dei liquidi (acqua ed idrocarburi pesanti) associati al gas e nell absorbimento del vapore acqueo presente in saturazione nel gas mediante contatto con glicole all interno di colonne di disidratazione dedicate. Gli impianti di trattamento comprendono anche altre tipologie impiantistiche costituite dalle reti di condotte di collegamento ed altri impianti di superficie (di processo o ausiliari). I principali impianti ausiliari sono quelli d iniezione inibitori di idrati, di rigenerazione del glicole, di trattamento dei fluidi associati al gas (acqua, gasolina) e degli effluenti gassosi di rigenerazione, di produzione/distribuzione aria servizi, di distribuzione gas servizi, dei sistemi di sicurezza (rivelazione atmosfere esplosive/nocive, rivelazione ed estinzione incendio), dei sistemi di collettamento per sovrapressione ed emergenza, dei sistemi di misura della portata e della qualità del gas naturale, degli impianti di generazione elettrica di emergenza e dei sistemi di controllo distribuito (DCS) per la gestione automatizzata di tutti gli impianti. Impianti di compressione L attività svolta dagli impianti di compressione consiste nella compressione del gas naturale proveniente dal sistema di trasporto ai fini della sua iniezione nei giacimenti di stoccaggio. In particolare, gli impianti di compressione, collegati al sistema di trasporto, permettono di iniettare il gas proveniente dalla rete dei metanodotti, ad una pressione massima di circa 75 bar, nei giacimenti di stoccaggio ad una pressione fino a bar, mediante compressori centrifughi ad alta prevalenza azionati da turbine a gas oppure da compressori alternativi azionati da motori a gas o elettrici. Alcuni impianti di compressione in particolari situazioni, quali ad esempio la necessità di aumentare la portata a fine erogazione, possono essere utilizzati anche per la compressione del gas nella fase erogativa in modo diretto sulla rete dei metanodotti di trasporto. Dal punto di vista impiantistico, l impianto di compressione comprende unità di compressione, piping di processo (tubazioni, valvole, filtri), sistema di controllo, sistemi d alimentazione elettrica e sistemi ausiliari. La potenza massima installata è complessivamente pari a circa 370 MW. 10

13 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / INFRASTRUTTURE Dispacciamento Operativo Il Dispacciamento Operativo, situato presso la sede di Crema consente, mediante il sistema di telecontrollo, l acquisizione dei parametri di esercizio delle centrali e la loro gestione in telecomando, assicurando le attività di iniezione e di erogazione del gas in base ai dati forniti dalla programmazione commerciale e operativa, garantendo nel contempo il presidio della sicurezza del sistema di stoccaggio. Nel corso dell anno, presso la sede di Crema, è terminato l up-grading del sistema di telecontrollo volto a migliorare gli aspetti tecnologici e gestionali. Presso la centrale di Sergnano è stato realizzato un Dispacciamento Operativo con funzione di Recovery, avente le medesime funzionalità di quello della sede di Crema. Sistemi di Gestione e Controllo Le attività di gestione e di controllo delle infrastrutture di stoccaggio sono articolate sulla sede di Crema e sui cinque Poli Operativi. La sede di Crema svolge le necessarie azioni d indirizzo, coordinamento e controllo delle attività tecniche e operative affidate ai Poli, per garantire i servizi programmati, nel rispetto delle vigenti normative di legge in materia di salute, sicurezza e tutela ambientale. A tal fine, il Dispacciamento Operativo opera il costante e continuo monitoraggio dei parametri d esercizio e predispone le relative azioni in campo. Gli impianti sono in ogni caso dotati di propri sistemi di sicurezza che, in modo autonomo e automatico, intervengono prima che si verifichino situazioni di criticità. Per la gestione dei giacimenti è inoltre utilizzato un sofisticato sistema di simulazione che permette di ottimizzare le loro prestazioni e salvaguardare la sicurezza d esercizio. Manutenzione delle infrastrutture La manutenzione operata dalla Società è distinta in funzione delle caratteristiche degli impianti su cui è applicata: giacimenti e centrali. Giacimenti L attività di controllo e manutenzione dei pozzi e dei giacimenti è pianificata in funzione dei seguenti obiettivi: acquisire le informazioni di pozzo e di giacimento; garantire la gestione in sicurezza dei pozzi; ripristinare e migliorare le performance di giacimento mediante interventi dedicati ai pozzi e ai loro strumenti operativi di gestione. L acquisizione delle informazioni di pozzo è svolta mediante una serie di campagne di rilievi di pressione ( profili ), aventi lo scopo di fornire informazioni utili per la gestione dell ottimizzazione dell attività di stoccaggio in giacimento sia nella fase di erogazione che di iniezione Il monitoraggio in continuo delle pressioni a testa pozzo e le verifiche periodiche della funzionalità delle valvole di fondo pozzo, permettono di pianificare operazioni di sostituzione valvole e interventi di ripristino del normale esercizio del pozzo. Impianti di trattamento e compressione La manutenzione preventiva si attua attraverso un piano annuale, aggiornato mensilmente sulla base delle variazioni di esercizio richieste, mediante supporti informatici dedicati, che ne permettono il controllo analitico e l ottimizzazione delle attività. La manutenzione si basa sul criterio on condition, ossia mediante il controllo di parametri tecnici e operativi, in modo da eseguire l intervento in base alle reali necessità, pur applicando ancora la metodologia a guasto per sopperire alle anomalie di sistema impreviste, su apparecchiature ad elevato contenuto tecnologico. La gestione operativa delle attività di manutenzione per le centrali e per il Dispacciamento Operativo è stata affidata alla Saipem Energy Services S.p.A., società del Gruppo Eni specializzata nella manutenzione nel settore Oil & Gas, attraverso un contratto di Global Service con lo scopo di mantenere un servizio con adeguati standard di qualità e di sicurezza e di conseguire nel contempo anche vantaggi operativi, della gestione ed economici. 11

14 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / ANDAMENTO OPERATIVO Andamento Operativo Attività operativa Stoccaggio L attività operativa svolta nel 2008 ha riguardato: parte della fase di erogazione dell Anno Termico (novembre 2007-marzo 2008), l intera fase di iniezione dell Anno Termico (aprile-ottobre 2008) e l avvio della fase di erogazione dell Anno Termico (novembre 2008-marzo 2009). Fase di Erogazione : tale fase è stata caratterizzata da due fattori che ne hanno condizionato l andamento; l obbligo per gli utenti di massimizzazione delle importazioni in vigore già dal 13 novembre 2007 (D.M. del 304 agosto 2007) e terminato il 13 marzo 2008 (D.M. del 13 marzo 2008), al fine di limitare il ricorso allo stoccaggio e ridurre il rischio di emergenze nella fase invernale. un clima sensibilmente più mite rispetto alle medie stagionali, che ha determinato una ridotta movimentazione di gas, portando ad una giacenza al 31 marzo 2008 pari a oltre 3,5 miliardi di standard metri cubi di gas. Fase di Iniezione 2008: tale fase, caratterizzata da un alto valore di giacenza iniziale, è stata influenzata da: autorizzazione valida fino al 31 dicembre 2008 all esercizio in sovrapressione dello stoccaggio di Settala fino al 103% della pressione iniziale; incremento della disponibilità di spazio di 80 milioni di standard metri cubi dal 1 luglio 2008 a seguito dei lavori di potenziamento (esercizio P=Pi) nella Centrale di Cortemaggiore; ulteriore disponibilità di 150 milioni di standard metri cubi nella parte conclusiva della fase di iniezione, derivanti dall ottimizzazione del sistema; il massimo riempimento di sistema si è verificato il giorno 11 novembre 2008, con un valore complessivo pari a circa 8,5 miliardi di standard metri cubi di gas iniettato. Fase di Erogazione : tale fase è stata caratterizzata da una riduzione generalizzata del mercato rispetto alle previsioni negli ultimi due mesi dell anno 2008, e dall eccezionale crisi di approvvigionamento che ha contraddistinto il mese di gennaio 2009 in relazione alla crisi russo-ucraina, Nel periodo della crisi, dal 6 al 20 gennaio 2009, sono stato erogati 2,2 miliardi di standard metri cubi, su un totale di 3,9 miliardi di standard metri cubi consuntivati dal 1 novembre. La giacenza di gas in stoccaggio, a seguito della situazione critica verificatasi, è passata dal 87% al 71% del massimo riempimento conseguito nel mese di novembre (13,6 miliardi di standard metri cubi, record di disponibilità di stoccaggio) La Società ha reso disponibile per i servizi di stoccaggio minerario, di modulazione e per bilanciamento una capacità massima pari a circa 8,6 miliardi di standard metri cubi (corrispondenti a 338,5 milioni di Gigajoule) e servizi di stoccaggio strategico per circa 5,1 miliardi di 12

15 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / ANDAMENTO OPERATIVO standard metri cubi (corrispondenti a 200,180 milioni di Gigajoule). La capacità conferita ad inizio anno è stata incrementata nel corso della fase di iniezione in relazione al conferimento di capacità addizionale operato nel mese di giugno (per 80 milioni di standard metri cubi), mentre ulteriori 150 milioni di standard metri cubi sono stati resi disponibili per l iniezione nel settembre 2008 a fronte dell avvio della sperimentazione dell esercizio in sovra-pressione del giacimento di Sergnano. Produzione La Società inoltre, nell ambito delle concessioni di stoccaggio, così come definite nei decreti di conferma del Ministero dello Sviluppo Economico (di seguito M.S.E.), produce limitati quantitativi di gas destinati alla vendita, secondo quanto previsto dall Art. 11, comma 3, del decreto legislativo 164/2000 (Decreto Letta). Nel corso del 2008 è stata temporaneamente sospesa la produzione di gas dai livelli di giacimento non adibiti a stoccaggio a seguito dell attività di sviluppo dei nuovi livelli della Concessione Fiume Treste. Nel corso del 2008 non c è stata produzione di gas dai livelli di giacimento non adibiti a stoccaggio. 13

16 STOGIT RELAZIONE SULLA GESTIONE / INVESTIMENTI Investimenti Gli investimenti realizzati dalla Società nell esercizio si inseriscono nell ambito del rilevante piano di sviluppo intrapreso e volto ad incrementare le capacità e flessibilità dei servizi di stoccaggio, in un quadro di continuo monitoraggio dell affidabilità delle prestazioni offerte. La spesa per tali investimenti sostenuta dalla Società nel 2008 (al netto di oneri finanziari capitalizzati e contributi) è stata pari a 255 milioni di euro, con un aumento di circa 111 milioni di euro rispetto al 2007 (+77%). Gli investimenti relativi a nuovi sviluppi e a potenziamenti delle capacità di stoccaggio sono stati pari a circa 236 milioni con un incremento di circa 118 milioni di euro rispetto al 2007 (+100%). Tra i progetti più significativi si evidenziano: Concessione Fiume Treste sviluppo livelli D,E,Eo Il progetto prevede lo sviluppo a stoccaggio dei livelli D,E,Eo della concessione Fiume Treste con un incremento di working gas di circa 600 milioni di standard metri cubi in condizioni di pressione di esercizio uguale alla pressione originaria del giacimento (di seguito P=Pi) ed un incremento di punta erogativa di circa 8 milioni di standard metri cubi/giorno a partire dal Il progetto verrà realizzato attraverso la perforazione di 14 nuovi pozzi di cui 8 orizzontali e 6 deviati ( tutti da postazioni esistenti ), la posa di circa 13 Km di condotte per il collegamento dei pozzi alla centrale e l adeguamento della centrale esistente. Nel corso del 2008 sono stati perforati due pozzi, CU29 e CU30 con la posa della relativa flow-line di collegamento alla Centrale ed è iniziata la perforazione del pozzo CU31. E stato inoltre approvvigionato il tubo (circa 11 Km) per la posa della flow-line di collegamento dei pozzi Furci alla Centrale ed avviata la gara per la relativa posa. Sono state ottenute le autorizzazioni per i lavori di adeguamento delle colonne di disidratazione ed avviata la relativa gara di realizzazione. E in corso l adeguamento delle postazioni per la perforazione dei nuovi pozzi. A seguito degli interventi sopraelencati, per rendere disponibile sia il working gas che la punta erogativa, verranno iniettati in giacimento circa 730 milioni di standard metri cubi di cushion gas entro il Concessione Fiume Treste sviluppo livelli BCC1 ( La Coccetta) Il progetto prevede lo sviluppo a stoccaggio dei livelli BCC1 in culminazione La Coccetta, con un incremento del working gas di circa 150 Msmc nel 2009 e 350 MSmc nel 2010 (in condizioni di P=Pi ) ed un incremento di punta erogativa di 8 milioni di standard metri cubi giorno entro il Il progetto verrà realizzato attraverso la perforazione di 7 nuovi pozzi ( tutti da postazioni esistenti) con riduzione di un pozzo rispetto a quanto inizialmente pianificato per ottimizzazioni derivanti da studi di giacimento e la realizzazione del metanodotto di collegamento dei pozzi con la centrale nonché l adeguamento della centrale esistente. Nel 2008 è stato approvvigionato il tubo per la flowline di collegamento dei pozzi alla Centrale ed avviata la gara per la relativa posa. Sono state inoltre ot- 14

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS RILEVANTI AI FINI DELLA

Dettagli

Incontro con Associazione Nazionale Costruttori. Milano, 15 maggio 2012

Incontro con Associazione Nazionale Costruttori. Milano, 15 maggio 2012 Incontro con Associazione Nazionale Costruttori Milano, 15 maggio 2012 Agenda Caratteristiche del business stoccaggio Concessioni e distribuzione geografica Aspetti tecnologici Progetti e gare 2 Caratteristiche

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

Relazione finanziaria annuale 2012

Relazione finanziaria annuale 2012 Relazione finanziaria annuale 2012 MISSIONE L attività di stoccaggio del gas naturale ha la funzione di compensare le diverse esigenze tra fornitura e consumo del gas; infatti, l approvvigionamento ha

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

Forum di Prevenzione Incendi. Gli stoccaggi sotterranei di gas naturale

Forum di Prevenzione Incendi. Gli stoccaggi sotterranei di gas naturale Forum di Prevenzione Incendi Milano 27 Ottobre 2011 Gli stoccaggi sotterranei di gas naturale Ing. Francesco Notaro CNVVF DCPST AREA VIII Ing. Roberto Emmanuele CNVVF DCPST AREA IV Il sistema energetico

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO DCO 19/11 CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con deliberazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SISTEMA

DESCRIZIONE DEL SISTEMA DESCRIZIONE DEL SISTEMA 1) DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI TRASPORTO DEL TRASPORTATORE 5 1.1) I METANODOTTI 5 1.1.1) I METANODOTTI DI IMPORTAZIONE 5 1.1.2) I METANODOTTI DI TRASPORTO PRIMARIO 5 1.1.3)

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL

Dettagli

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO l adozione del provvedimento di sottoposizione della cooperativa in oggetto alla procedura di liquidazione coatta amministrativa; Visto l art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Tenuto conto,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Criteri, condizioni e modalità cui si conforma la società SNAM S.p.A. per adottare il modello di separazione proprietaria della gestione della rete nazionale

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI...

PRINCIPI FONDAMENTALI... QUALITA DEL SERVIZIO 1) PREMESSA... 2 2) PRINCIPI FONDAMENTALI... 2 2.1) EFFICIENZA NEL SERVIZIO... 2 2.2) CONTINUITÀ... 2 2.3) IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO... 3 2.4) SALUTE, SICUREZZA ED AMBIENTE... 3

Dettagli

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale Documento per la consultazione Milano, 19 gennaio 2015 1

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2014 233/2014/R/EEL APPROVAZIONE DEL CONSUNTIVO DEI COSTI 2013 PER LO SVOLGIMENTO, DA PARTE DELLA SOCIETÀ GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.P.A., DELLE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO DEL

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 11 aprile 2007, n. 88 Disposizioni in materia di misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione. (pubblicata nella G.U. n 97 del

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia Area Monopoli per il triennio 2013-2015 Il Piano delle attività sviluppato per il triennio 2013-2015 intende perseguire i seguenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI

OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI OTTIMIZZAZIONE ED ABBATTIMENTO COSTI PER LE IMPRESE, ENTI PUBBLICI ED ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI 1 Unità locale : Via Dante, 207-26100 Cremona (CR) Cod.Fisc.P.Iva e iscrizione C.C.I.A.A. 01228270193

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive

Il Ministro delle Attività Produttive Il Ministro delle Attività Produttive VISTO l articolo 21, del Decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese di gas naturale che svolgono nel

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CBL Distribuzione S.r.l. nel quadro del programma di adempimenti ex art. 12.2, della delibera AEEG del 18 gennaio 2007, n 11/07 e ss. mm. e ii. Adottato dal Gestore Indipendente

Dettagli

144 Glossario. Glossario

144 Glossario. Glossario 144 Glossario Glossario Glossario 145 Il glossario dei termini finanziari, commerciali, tecnici e delle unità di misura è consultabile sul sito internet www.snam.it. Di seguito sono indicati quelli di

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Liberalizzazione, accise, diritti doganali

Liberalizzazione, accise, diritti doganali Liberalizzazione, accise, diritti doganali Roma, 2 luglio 2002 L attività di trasporto del gas nel nuovo mercato liberalizzato Francesco Carìa Responsabile Operazioni Commerciali Snam Rete Gas S.p.A. Agenda

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

Campo di applicazione

Campo di applicazione Direttive per la messa in servizio di gruppi di misura del gas caratterizzati dai requisiti funzionali minimi (Allegato A alla delibera dell Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che all articolo 17, comma 1, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese che intendono svolgere

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000,

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000, DELIBERA N. 221/00 AVVIO DI ISTRUTTORIA CONOSCITIVA CONCERNENTE EVENTUALI EFFETTI INDOTTI DA INIZIATIVE ASSUNTE DALL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI SULLA PRODUZIONE E SULLA EROGAZIONE DEI

Dettagli

La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche

La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche Claudio di Macco Consigliere tecnico e scientifico Autorità per l energia elettrica e il gas Roma, 22 maggio 2007 Autorità per l energia elettrica e il gas

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 APRILE 2014 162/2014/R/GAS CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI TUTELA DEL GAS NATURALE: DEFINIZIONE DELLA COMPONENTE CCR PER L ANNO TERMICO 2014-2015, INDIVIDUAZIONE DELLA FONTE DELLE

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO

Dettagli

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive Federico Luiso Verona 24 giugno 2014 Principi generali I sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC) sono sistemi elettrici, connessi direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. PRINCIPI GENERALI 2. REGOLE GENERALI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 85 DEL 28/02/2013

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 85 DEL 28/02/2013 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 85 DEL 28/02/2013 OGGETTO : FORNITURA E POSA IN OPERA DI ESTINTORI E SOSTITUZIONE DEI MANIGLIONI ANTIPANICO

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 1º ottobre 2003, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli