SEAP Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEAP Piano d Azione per l Energia Sostenibile"

Transcript

1 Comune di Rovereto Provincia Autonoma di Trento SEAP Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Rovereto Palazzo Pretorio, piazza del Podestà, Rovereto (TN) P.I Partner tecnico

2 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

3 Il Comune di Rovereto per un futuro sostenibile Il Piano di Azione per l'energia Sostenibile costituisce anche per il Comune di Rovereto un orizzonte imprescindibile, i cui principi di fondo erano già ben presenti nel documento programmatico di questa Amministrazione "Rovereto 10 x 10 Dieci progetti per la città". In quel documento si delinea un nuovo tipo di sviluppo sostenibile della città, centrato sulla duplice definizione di "ambiente" e di "territorio". Il primo elemento, l'ambiente, è visto come un fattore chiave a volte decisivo, specialmente nella fase storica che stiamo attraversando, caratterizzata da forte instabilità economica e da una grave crisi del settore produttivo tradizionale per lo sviluppo economico di una comunità. Il riferimento è dunque alle potenzialità della green economy, coniugando progresso e tecnologia, sviluppando una riconversione ecologica dell'economia per ridurre gli impatti dei processi produttivi annuali. Un'economia più moderna ed efficace, che grazie all'innovazione ambientale crea più ricchezza, ma consuma meno materia ed energia, produce meno inquinamento e fa nascere nuove imprese e occupazione. Il secondo elemento, il territorio, rimanda a una nuova visione strategica dal punto di vista urbanistico. C'è necessità di progettare una nuova città che sappia parlare di sviluppo armonico, sostenibile, equo. Rientra in questa visione, ad esempio, l'obiettivo di ottenere la certificazione ambientale europea EMAS e quella della quantificazione e monitoraggio della produzione di CO 2 (ISO 14064), e al contempo politiche di compensazione della produzione dei gas serra (emission trading). Tutto questo deve avvenire soltanto attraverso un largo coinvolgimento della città, delle forze sociali, delle componenti produttive, di ampi strati di popolazione. Un coinvolgimento non solo in termini di informazione e di comunicazione bidirezionale (per ottenere quella che si usa definire una "cittadinanza esperta"), ma anche in termini comportamentali, di nuovi stili di vita. Tutto questo trova nel PAES una puntuale corrispondenza. Si tratta dunque di uno strumento prezioso per avviare nel tessuto della comunità locale quei processi virtuosi che possono portare al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica entro il 2020 e più in generale a una nuova visione di città, condivisa con tutta la popolazione. Il nostro obiettivo, tramite il PAES, è quello di dare vita nella nostra città a un "laboratorio" aperto in cui sperimentare non solo modalità diverse e innovative di utilizzo del territorio e dell'ambiente, ma anche a una forma più matura di condivisione di una medesima visione di futuro. L'obiettivo ultimo è quello di ottenere una co-responsabilità nel governo del territorio, in cui ogni settore della società civile è chiamato a fare la sua parte. Andrea Miorandi Sindaco di Rovereto Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 3

4 La Il Patto lotta contro dei Sindaci il cambiamento ed il SEAP climatico Il cambiamento climatico è un problema globale, eppure il contributo personale di ognuno di noi può fare la differenza. Il riscaldamento globale è causato dall'eccessiva produzione e dallo smodato consumo di energia da parte dell'uomo. Con il crescere del nostro fabbisogno energetico aumenta anche la nostra dipendenza dai combustibili fossili (petrolio, gas naturale e carbone), che producono ingenti volumi di CO 2 e rappresentano attualmente circa l'80% del consumo di energia dell'unione Europea (UE). Più della metà delle emissioni di gas a effetto serra in Europa viene rilasciata dalle aree urbane. Il 74% della popolazione europea vive e lavora nelle città, consumando circa il 75% dell energia utilizzata nell UE. La temperatura media globale è già aumentata di 0,8 C rispetto all'era preindustriale. La comunità scientifica riconosce che il surriscaldamento del pianeta non deve superare i 2 C, se si vogliono evitare conseguenze catastrofiche. Per rimanere al di sotto di questa soglia, le emissioni globali devono stabilizzarsi prima del 2020, per poi essere almeno dimezzate rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050, continuando a diminuire anche in seguito. Fenomeno di desertificazione Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

5 L impegno dell Unione Europea L Unione europea svolge un ruolo di primo piano nella lotta globale contro il cambiamento climatico. Gli Stati membri si sono impegnati a tagliare le emissioni di CO 2 di almeno il 20% entro il 2020 e la nuova strategia economica Europa 2020 pone l energia e il clima al centro del suo programma volto a favorire una società più inclusiva e sostenibile. Le amministrazioni locali, in virtù della loro vicinanza ai cittadini, sono in una posizione ideale per affrontare le sfide in maniera comprensiva. Possono contribuire a riconciliare interessi pubblici e privati ed integrare l utilizzo dell energia sostenibile nell ambito degli obiettivi di sviluppo locale. Il Patto dei Sindaci è la prima iniziativa pensata dalla Commissione Europea per coinvolgere direttamente i governi locali e i cittadini nella lotta contro il riscaldamento globale. I firmatari del Patto dei Sindaci si impegnano formalmente a superare l obiettivo comunitario tramite l attuazione di specifici piani d azione per l energia sostenibile a livello locale. dei movimento soluzioni affrontare (José Attraverso suoi Manuel cittadini autonome questo pionieristico, il Barroso, Patto nell impegno problema dei basate Presidente Sindaci, i paesi globale sulla a l UE e ridurre della le partecipazione di città ha estrema Commissione mostrato le di emissioni tutta urgenza. al Europa dei resto Europea). di CO2. cittadini stanno del Grazie mondo sviluppando e volte a l unione questo ad Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 5

6 Il Patto dei Sindaci Per raggiungere L iniziativa ha conosciuto una rapida espansione dal suo lancio nel 2008 e rappresenta attualmente il principale strumento europeo di politica energetica, che ha riunito Sindaci di Stati membri Preparare dell Unione europea e di paesi terzi. All inizio del Presentare 2010 al Patto avevano aderito oltre 1600 città, tra cui più di 20 capitali europee e numerose città di paesi non membri dell UE, con una mobilitazione di oltre 140 milioni di cittadini. I approvato questo obiettivo i governi locali si impegnano a: firmatari rappresentano città di varie dimensioni, dai piccoli paesi alle maggiori aree metropolitane. all adesione Tutti i firmatari concrete un dal Inventario Piano Consiglio d Azione Base Comunale per delle l Energia entro Emissioni Sostenibile l anno (IBE), successivo (SEAP), del Patto dei Sindaci prendono l impegno volontario e unilaterale di andare oltre gli obiettivi dell UE in termini di riduzioni delle emissioni di CO 2. entro il 2020, misure ufficiale per ridurre al Patto emissioni dei Sindaci, almeno e includere del 20% - - risultati indica Pubblicare presentazione sull Attuazione il intermedi. grado regolarmente approvato del realizzazione Piano dal ogni consiglio delle 2 azioni un anni comunale chiave Rapporto dopo che e la i - Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (SEAP) è un documento chiave che indica come i firmatari del Patto rispetteranno gli obiettivi che si sono prefissati per il Tenendo in considerazione i dati dell Inventario di Base delle Emissioni, il documento identifica i settori di intervento più idonei e le opportunità più appropriate per raggiungere l obiettivo di riduzione di CO 2 ; definisce misure concrete di riduzione, insieme a tempi e responsabilità, in modo da tradurre la strategia di lungo termine in azione. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

7 Il territorio Comune comunale di Rovereto La parte di Trentino che si spinge a sud, verso la pianura veneta, è terra ricca di storia, città, paesi, montagne, campagne, sapori e tradizioni. La civiltà latina e quella mitteleuropea hanno lasciato qui numerosi esempi di felici contaminazioni culturali. Lungo il corso dell'adige, fra Trento e Verona, musei e castelli, architetture barocche e paesaggi incontaminati, monumenti e teatri, giardini e campi coltivati disegnano un panorama assai vario. Rovereto: ortofoto La bellezza dei sentieri sulle montagne intorno a Rovereto - Baldo, Stivo, Pasubio, Piccole Dolomiti - e l'aroma dei vini e delle grappe prodotti nella zona, sono gli ingredienti di un territorio tutto da scoprire. Il suo nome tradotto significa: "Città della Quercia". La denominazione risale alla toponomastica romana "Roboretum", ossia: selva di querce, albero che abbonda nella valle ed è effigie dello stemma comunale. La conformazione urbanistica della città mantiene lo schema del borgo medioevale che è raffigurabile in un grappolo di case sorte attorno ad un castello e protette da un cordone di mura. Terra di passaggio e conquista, Rovereto diviene possedimento dei signori di Lizzana (nel XII secolo), quindi dei Castelbarco (con Guglielmo II) che la fortificano e nel 1416 è occupata da Venezia, la città dei dogi che punta a frenare le mire dei conti di Tirolo. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 7

8 E' sotto il dominio veneziano che la città apprende l'arte dell'allevamento del baco da seta e del gelso, che diverranno elementi trainanti dello sviluppo economico futuro. Occupata dagli Imperiali del 1507, Rovereto diventa possesso austriaco e nel 1564 si aggrega al Tirolo. Sono anni di prosperità. La lavorazione della seta permette, nello spazio di due secoli, l'occupazione di migliaia di persone. A Rovereto sorgono filatoi e tintorie, la città vive un momento di fervore urbanistico - architettonico. A fianco delle fabbriche vengono realizzati maestosi palazzi e ville signorili. Lo sviluppo economico della città diventa soprattutto traino per lo sviluppo culturale. Nascono salotti, istituzioni intellettuali, scuole. Nel 1750 viene fondata l'accademia degli Agiati, nel 1782 sorge il teatro Zandonai. Occupata da Napoleone alla fine del '700, Rovereto viene successivamente annessa al Regno italico, per tornare all'austria dopo il Congresso di Vienna e diventare sede di un Capitanato (rimarrà sotto la bandiera austriaca fino alla fine della prima guerra mondiale). L'Ottocento è segnato dalla nascita di importanti istituti, quali l'attivazione della Cassa di Risparmio di Rovereto (1841), la realizzazione dell'acquedotto dello Spino ( ), l'apertura della Manifattura tabacchi (1854) e nel 1850 fu Rovereto ad erigere la Camera di Commercio ed Industria del Tirolo Italiano. L'equilibrio economico che Rovereto aveva instaurato fu compromesso dalle due guerre mondiali. Ma la città, fedele alla sua vocazione produttiva, tornò a essere un importante centro manifatturiero e industriale, raggiungendo negli anni '70 l'apice dello sviluppo economico. E dalle guerre nacque lo scatto per una vocazione di pace: la Campana dei Caduti è oggi un solenne simbolo di solidarietà e fratellanza. Rovereto negli ultimi anni ha promosso l'ecosostenibilità attraverso progetti piccoli e grandi che hanno coinvolto tutta l'area urbana. Per citarne alcuni: Progetto Manifattura - Green Innovation Factory che prevede la realizzazione di un polo di ricerca e di produzione nei settori dell energia rinnovabile, edilizia Il ecosostenibile clima e tecnologie per l ambiente. Per quanto riguarda l autoproduzione energetica, il comune di Rovereto ha attivi n. 3 centrali di cogenerazione e un impianto idroelettrico che forniscono energia termica ed elettrica secondo una logica orientata all efficienza e alla sostenibilità, limitando dispersioni ed emissioni. Numerose sono le iniziative a favore della mobilità sostenibile: il recente P.U.M. comprende un ampliamento dei percorsi ciclabili a favore della mobilità; esiste inoltre una rete di bikesharing in espansione. Comune infine si è dotato di un Energy Manager per la gestione razionale dell energia per quanto riguarda immobili di proprietà dell Ente. La Vallagarina, di chiara origine glaciale, è caratterizzata da un clima di transizione fra il padano e il medio europeo con isole microclimatiche del tipo gardesano. Un clima mite, Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

9 asciutto, influenzato dall òra del vicino Garda. A Rovereto e nella Vallagarina in generale, vi sono inverni relativamente freddi e abbastanza nevosi ed estati calde e temporalesche (specie nelle ore pomeridiane). Un po di sollievo dall afa estiva è procurato dalla brezza tardo pomeridiana che interessa in particolare la zona del torrente Leno e che scende dalla zona della Vallarsa, ad est della città. Mese T min T max Precip Umidità Vento Gennaio -2 C 5 C 55 mm 85% W 9 km/h Febbraio 0 C 9 C 48 mm 85% ESE 9 km/h Marzo 3 C 13 C 58 mm 85% W 9 km/h Aprile 7 C 17 C 69 mm 85% ESE 9 km/h Maggio 11 C 22 C 85 mm 85% W 9 km/h Giugno 15 C 26 C 86 mm 85% WSW 9 km/h Luglio 18 C 29 C 62 mm 85% WSW 9 km/h Agosto 17 C 28 C 88 mm 85% ESE 9 km/h Settembre 14 C 24 C 63 mm 85% W 9 km/h Ottobre 8 C 18 C 82 mm 85% ESE 9 km/h Novembre 3 C 11 C 75 mm 85% W 9 km/h Dicembre -1 C 6 C 51 mm 85% W 9 km/h Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 9

10 Paesaggio e utilizzo del suolo Gradevole è il paesaggio che fa cornice a Rovereto, la ridente Città della Quercia, ricca di tradizioni storiche, culturali, economiche: un paesaggio fatto di panoramiche balze, di ariosi declivi e, infine, di verdi pascoli sovrastati dalla roccia calcarea ora biancastra e ora rossiccia. Principali forme di utilizzo dei terreni : Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

11 L elevata qualità dell ortofrutta trentina è principalmente merito dalle particolari condizioni pedoclimatiche, ma anche della capacità e professionalità dei numerosi operatori agricoli supportati da un capillare ed efficiente sistema di assistenza tecnica. Le ridotte dimensioni medie aziendali (circa un ettaro) di per sé rappresentano un pesante elemento di criticità ed hanno reso indispensabile il ricorso a forme aggregative (cooperative e organizzazioni dei produttori). Il comparto di spicco del settore è costituito dalla produzione di mele che da sola genera circa il 70% della PLV della frutticoltura; è da segnalare l importante crescita del comparto dei piccoli frutti che nel corso degli ultimi anni si è ritagliato una posizione di una certa Coltivazioni importanza nella Vallagarina e si trova oggi al secondo posto nella produzione frutticola trentina. TIPO DI SUPERFICIE AZIENDE 1990 AZIENDE 2000 Superficie Agricola utilizzata Seminativi Cereali 27 9 Patata Ortive Prati permanenti e pascoli Coltivazioni legnose agrarie Melo Vite Superficie a bosco Superficie improduttiva Superficie totale Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 11

12 In provincia di Trento, l Agricoltura Biologica rappresenta una realtà che si è andata sviluppando fin dalla fine degli anni settanta; promossa da varie associazioni si è successivamente affermata in territori come la Val di Gresta (orticoltura), la Valle dell Adige e la Valsugana (frutticoltura e viticoltura), valorizzando le risorse ambientali e le potenzialità produttive di tali territori. L agricoltura biologica, in Trentino viene praticata principalmente in aziende di piccole dimensioni, con una produzione relativamente contenuta e diversificata. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

13 La popolazione La popolazione residente nel comune di Rovereto è cresciuta di oltre 30% negli ultimi 40 anni passando da residenti al 1961 a nel 2001 fino a rilevati nel L incremento si è verificato principalmente negli anni sessanta e settanta ed è stato determinato per lo più da fenomeni immigratori, a fronte di una diminuzione delle nascite che ha comportato anche un progressivo invecchiamento della popolazione. La popolazione giovanissima, di età uguale o inferiore ai 14 anni si è ridotta di oltre un terzo tra 1971 e 2001, mentre quella anziana di età maggiore o uguale di 65 anni è quasi raddoppiata. Infine è senza dubbio aumentata la presenza di cittadini stranieri, passati da 102 nel 1986 a nel Andamento demografico - dati ISTAT Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 13

14 Si evidenzia che la crescita demografica, benchè il saldo naturale sia positivo ( cioè la natalità è maggiore della mortalità), è determinata per lo più da fenomeni immigratori, in quanto è il saldo migratorio a registrare il valore più alto. Il fenomeno immigratorio in tendenziale aumento denota il carattere di attrattore da parte del Comune di Rovereto essendo un polo in continuo sviluppo economico, culturale e sociale. Di seguito i dati sul saldo migratorio Popolazione residente straniera ( ) Nati vivi (+) 110 Morti (-) ( 4 Saldo naturale (=) 106 Iscritti (+) 497 Cancellati (-) ( 195 Saldo migratorio (=) 302 Saldo altre variazioni (+) -25 Acquisizioni di cittadinanza anza italiana (-) ( 116 Popolazione residente straniera ( ) Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

15 57,3% - Altri Paesi Europei 23,1% - Africa 9,8% - Asia Rovereto e la provenienza degli immigrati : dati al ,3% - Unione Europea 4,5% - America Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 15

16 Il mondo produttivo E necessario fare delle osservazioni relativamente al settore economico, in quanto agricoltura, industria e servizi, inducono delle pressioni sull ambiente utilizzando risorse per la produzione di beni, consumando materie prime, acqua ed energia ed utilizzando i media ambientali come recettori di reflui, rifiuti ed emissioni. La sostenibilità economica è quindi intesa come La capacità di generare in modo duraturo reddito e lavoro per il sostentamento della popolazione e come efficienza nell uso delle risorse, diminuzione degli impatti generati e capacità di risposta del sistema, tramite adozione di pratiche virtuose. Dai dati si osserva come negli ultimi decenni Rovereto, città industriale, ha visto una diminuzione del settore industriale, a fronte di una crescita del settore dei servizi, in particolare attività professionali, servizi pubblici e intermediazioni finanziarie. Anche l agricoltura ha subito una crisi progressiva ( ) con una diminuzione di superfici e numero di aziende. Il settore turistico dal 96 è cresciuto grazie ad una miglior efficienza del sistema ricettivo e ad un cambiamento dei comportamenti dei turisti stranieri. N. addetti per settori economici : Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

17 Aziende, Progetto Manifattura progetti e sostenibilità Grazie a sensibilità e impegno consolidati nell ambito della Green Economy e del settore della sostenibilità ambientale, a Rovereto sta nascendo Manifattura Domani, un network di aziende e di realtà operanti nel campo dell innovazione tecnologica applicata all ambiente. Ciò è possibile grazie a Progetto Manifattura - Green Innovation Factory, un vero e proprio processo di riconversione produttiva orientata allo sviluppo sostenibile. Tale progetto ha compreso una ristrutturazione dell antico complesso Manifattura Tabacchi, finalizzata ad accogliere imprese operanti nei tre settori dell edilizia sostenibile, delle energia rinnovabili e delle tecnologie per l ambiente. Si prevede inoltre la realizzazione di laboratori di ricerca, strutture per la formazione ed altre funzioni pubbliche concepite per il cluster. È utile ricordare che il Progetto Manifattura si configura come un importante iniziativa all interno di un quadro organico e coordinato di interventi per lo sviluppo e il consolidamento di una identità industriale del Trentino nelle clean technologies. Il Progetto Manifattura sarà caratterizzato dalla presenza di specifiche aree funzionali in grado di supportare e rafforzare il sistema delle aziende ospitate, le imprese utilizzatrici dei servizi offerti e il complessivo comparto imprenditoriale locale nel settore clean technologies rappresenta inoltre un luogo simbolico aperto e integrato con la città e in grado di accrescerne i servizi offerti. Nello specifico sono state individuate e analizzate quattro aree funzionali caratterizzate da elevati livelli di flessibilità: - Spazi per operatività imprese. È destinata ad ospitare imprese dotate anche di un attività di produzione leggera. La superficie dedicata all operatività delle imprese rappresenta la porzione più rilevante nell ambito dell allocazione degli spazi del Progetto Manifattura (50%) Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 17

18 - Laboratori tecnici e luoghi di technology transfer. Comprenderà un centro per l esposizione e la formazione sulle nuove tecnologie; laboratori di omologazione test plant per la certificazione; laboratori di simulazione. I contenuti, i servizi che verranno erogati in queste aree e i modelli di gestione sono attualmente oggetto di approfondimento da parte di uno specifico gruppo di lavoro. - Servizi di eccellenza per le imprese. Saranno disponibili servizi comuni per le imprese ospitate e infrastrutture di supporto al business di elevato standard (sala congressi, digital & meeting room, spazi espositivi per tecnologie innovative prodotte dalle imprese). - Servizi per la città e le persone. La Manifattura deve caratterizzarsi come una presenza significativa all interno del tessuto urbano offrendo servizi aperti al pubblico oltre a quelli destinati alle imprese ospitate. Tra questi: bar e ristoranti; spazi per la cultura e lo svago, palestra e centro benessere, multimediateca; education center su spazi energetici e tecnologia ambientale. La rilevanza in termini spaziali delle aree funzionali destinate ad ospitare le imprese o a fornire loro strumenti e servizi a supporto dell attività operativa (circa il 70% dello spazio complessivo) rispecchia il ruolo delle imprese come cuore del Progetto Manifattura e l obiettivo prioritario di attrarre imprese innovative in grado di sostenere la crescita dell imprenditorialità locale nel settore delle clean technologies. Il Progetto Manifattura consentirà di offrire alle imprese ospitate un ampia serie di benefici proposti direttamente dalla struttura o legati alle sinergie e al valore aggiunto della prossimità e di un luogo simbolico-evocativo. Tra essi: - Disponibilità di spazi attrezzati, a condizioni competitive, in un luogo simbolo per le clean technologies e showcase di aziende, soluzioni e iniziative innovative. - Trasparenza e condivisione spaziale e funzionale al proprio interno e verso il contesto esterno, accesso e circolazione di risorse specialistiche e pregiate, vicinanza e integrazione tra attori dell innovazione e soggetti della ricerca, mobilità tra imprese e ricercatori. - Concreta opportunità di sviluppare sinergie sia operative (integrazione strategica e culturale con i fornitori, localizzazione dei produttori e componenti, presenza di servizi di supporto, condivisione spazi logistici, ecc.) sia di business development (esposizione a nuove opportunità, alleanze, client sharing, ecc.). - Accesso mirato agli incentivi economici della Provincia. - Prossimità ad un mercato locale con trend di crescita significativa della domanda clean technologies. - Appartenenza ad una struttura governata in grado di supportare l accesso a flussi di domanda di imprese e pubbliche istituzioni e di esprimere iniziative e servizi di assistenza, consulenza, sviluppo e supporto alla commercializzazione. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

19 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 19

20 Habitech Distretto Tecnologico Trentino Presso la Manifattura Tabacchi ha sede Habitech, una realtà composta da oltre 300 fra imprese, enti di ricerca e agenzie pubbliche, per un totale di 8000 addetti e un volume d affari generato di circa un miliardo di euro. Habitech favorisce lo sviluppo locale perseguendo una visione strategica di sostenibilità, qualità ed efficienza come caratteri fondamentali per l eccellenza e la competitività delle imprese. In sintesi Habitech è quindi: un polo nazionale per l'edilizia sostenibile, l'energia e la mobilità un motore di sviluppo del green-business un sistema di 300 imprese che interpreta la sostenibilità come un'opportunità di sviluppo e affermazione territoriale e imprenditoriale un partner fondamentale per le imprese che vogliono crescere in un mercato in continua evoluzione il distretto tecnologico dell'energia e dell'ambiente riconosciuto dal Ministero dell'università e della Ricerca Habitech opera essenzialmente in tre aree: Edilizia Sostenibile - Energia - Mobilità; qui Habitech crea progetti, eroga servizi e supporta l'innovazione e lo sviluppo tecnico e commerciale delle imprese. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

21 Illuminazione Pubblica Il Comune con Deliberazione della G.P. n.3265 del 30/12/2009 in base alla Legge Prov. N. 16 del 3/10/2007 Risparmio Energetico e inquinamento luminoso si è dotato di un P.R.I.C. - Piano Regolatore Generale dell Illuminazione Pubblica Comunale - che svilupperà in modo organico gli interventi sulla illuminazione esterna ( sia pubblica che privata) esistenti nell area comunale. Gli obiettivi del P.R.I.C. sono di apportare miglioramenti nei seguenti settori: - riduzione dell inquinamento luminoso - sicurezza del traffico e delle persone - arredo urbano - economia di gestione. Attraverso la razionalizzazione e il coordinamento degli interventi che si susseguiranno nel tempo, programmati nel Piano, vi saranno notevoli vantaggi: si eviteranno sprechi e sovrapposizioni nella realizzazione di opere parziali, che risulteranno necessariamente congruenti tra loro. Rovereto : veduta notturna Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 21

22 Trasporti Il trasporto pubblico nel territorio comunale Il trasporto pubblico all interno del comune di Rovereto è fornito dalla società Trentino Trasporti e la rete comprende 7 linee Urbane: 3 circolari, 3 dorsali nord-sud, ed una trasversale est-ovest. Il parco autobus consta di 30 veicoli di cui 18 con motori Euro 3, o Euro 2; i restanti autobus Euro 1 sono utilizzati come veicoli di scorta. Di seguito una tabella riassuntiva dei consumi riferiti a Servizi Urbani ed Extra Urbani (tonnellate annue) Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

23 Trasporti privati Di seguito si riportano i consumi di carburante per impianti privati ( ) Di seguito si riportano i consumi di carburante per impianti stradali ( ) Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 23

24 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

25 Piste ciclabili Per quanto riguarda la mobilità ciclopedonale il territorio comunale di Rovereto presenta già una equilibrata dotazione di percorsi ciclabili, che riguarda sia gli ambiti urbani (centro e frazioni in prevalenza in corsia riservata delimitata da un cordolo o da aiuole alberate) che il territorio extraurbano per un totale di 26 km e una dotazione di 0,70 metri per abitante. Inoltre sul territorio transita il più importante percorso del Trentino, denominato Valle dell Adige. Il Piano individua in via preliminare l andamento planimetrico delle reti per la mobilità ciclabile, suddividendole in un reticolo di percorsi primari e secondari (territoriali e di distribuzione urbana) con una funzione principale di servizio alla mobilità sistematica. Nel complesso, il Piano relativo al territorio comunale prevede l approntamento di ulteriori 30 km di percorsi, che si aggiungono ai circa 16 esistenti, con un incremento percentuale del 180%. La maggioranza dell incremento pianificato è relativa, in termini di lunghezza agli itinerari di rango territoriale. A favore della sicurezza il piano individua 36 attraversamenti pedonali o ciclopedonali protetti. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 25

26 Il progetto prevede di innestare sulla rete delle ciclabili esistenti tre categorie prevalenti di percorsi: Itinerari principali di rango territoriale, volti a connettere le funzioni rare, le principali funzioni produttive, commerciali e direzionali, i principali centri frazionali e Tipologia insediamenti Rete residenziali, nonché Esistente a connettere le rotte ciclabili extraurbane; Itinerari ciclabili di distribuzione, (Km) Previste progettati (Km) Totale (Km) per supportare i percorsi casascuola e casa lavoro e completare il sistema principale; Itinerari ciclabili per la fruizione turistico ambientale esistenti: è la maglia dei percorsi per lo svago e la fruizione ambientale, destinata a connettere altre reti con i poli attrattori della funzione ambientale, sia urbani che extraurbani. Rete di rango territoriale 10,077 17,771 27,848 Rete di distribuzione urbana 6,265 6,381 12,646 Rete per la fruizione 0 5,533 5,533 ambientale TOTALE RETI 16,342 29,685 46,027 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

27 Il Comune di Rovereto ha iniziato il percorso per la redazione del Piano Urbano della Mobilità (P.U.M.) La novità che l amministrazione comunale ha deciso di adottare è di far precedere alla fase di progettazione urbanistica e territoriale una fase di ascolto degli abitanti. L Amministrazione intende costruire, insieme a tutti coloro che vivono il territorio, un documento condiviso che raccoglie pareri, proposte integrative e operative sulla mobilità veicolare (auto, bus, treno) e ciclo pedonale. Questo documento detto Mobilitiamoci Carta della circolazione dei cittadini sarà la voce dei cittadini alla realizzazione del Piano, contribuendo all elaborazione degli elaborati tecnici previsti dalle procedure di pianificazione. Al momento sono state effettuate diverse indagini di traffico tra cui: - Rilievo automatico dei volumi di traffico, nelle 24 ore, sulle 3 postazioni strade principali del territorio ( veicoli rilevati) a integrazione dei dati elaborati dalla Provincia di Trento (32 postazioni) - Rilievo manuale delle manovre di svolta in 8 incroci stradali, tra le 7,30 e le 8,30 del mattino ( veicoli rilevati) Interviste rivolte a conducenti di veicoli in transito, tra le 7,30 e le 8,30 del mattino, su 18 strade del territorio (con il supporto della Polizia Locale) Le analisi consentono di costruire un modello di simulazione del traffico veicolare in grado di prevedere scenari migliorativi della mobilità locale, che valutino l opportunità di nuovi assi stradali, di modifiche al sistema di circolazione locale e di regolamentazione delle aree di sosta. Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 27

28 Edifici Comunali: impianti termici Di seguito i dati sui consumi termici degli edifici di proprietà o gestiti dall ente Comunale. I dati sono riferiti all anno 2011 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

29 Consumi termici edifici alimentati a gasolio - Euro/mc riscaldato ato Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 29

30 Consumi termici edifici alimentati con teleriscaldamento - Euro/mc riscaldato Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

31 Consumi termici edifici pubblici alimentati con metano - Euro/mc riscaldato 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00 10,00 12,00 14,00 16,00 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 31

32 Consumi termici edifici pubblici (totale) - Euro/mc riscaldato 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

33 Produzione Impianti anno di attivazione di cogenerazione di Energia Piazzale Via Sede Manzoni, impianto nno Zeni,8 De Gasperi, Unità Produzione (MWh) elettrica Produzione calore (MWh) I dati, riferiti all ultimo decennio riportano la produzione elettrica e di calore complessiva generata dai tre impianti esistenti: Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 33

34 Impianti idroelettrici La produzione di corrente mediante uso di centrali idroelettriche si ha già dall inizio del Novecento, quando venne costruito l impianto La Flora. Grazie a questo impianto, nel 1906, l'illuminazione pubblica a gas (molto costosa) fu sostituita da quella idroelettrica. Fu per Rovereto una soluzione provvidenziale, anche se non definitiva, visto che la richiesta di Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

35 energia era in continua crescita Anno Pochi anni più tardi la città si impegnò nella ben più impegnativa impresa di costruzione dell'impianto idroelettrico del Ponale - in collaborazione con il comune di Riva del Garda Unità Produzione portato a termine tra il 1925 e Di seguito elettrica si riportano i dati (MWh) di produzione di energia elettrica dal 2000 al 2011 espressi in Mwh Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 35

36 Erogazione Calore e vapore servizi pubblici Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

37 Energia elettrica Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile 37

38 Gas metano Consumi di metano da 1998 a 2004 Comune di Rovereto - Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO. Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. 13 dicembre 2012 Trento

Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO. Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. 13 dicembre 2012 Trento Cristian Roverato Servizio Ambiente COMUNE DI ROVERETO Il PATTO DEI SINDACI E IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 13 dicembre 2012 Trento Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la prima iniziativa

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia IL PATTO DEI SINDACI LA PROVINCIA DIVENEZIA COME ENTE DI COORDINAMENTO MOBILITÀ ETURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO 25 maggio 2013 Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia Pacchetto

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Venezia, 10 dicembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti

Dettagli

Sistemi di gestione energetica per i comuni

Sistemi di gestione energetica per i comuni Sistemi di gestione energetica per i comuni Sara Giona Presentazione Ökoinstitut Südtirol / Alto Adige Fondato nel 1989 da Hans Glauber Organizzazione senza scopo di lucro Campi di attività (locali ed

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

L impegno per una politica energetica e climatica europea

L impegno per una politica energetica e climatica europea L impegno per una politica energetica e climatica europea Le istituzioni europee sostengono il Patto dei Sindaci L Europa è in prima linea nella lotta al cambiamento climatico. Attraverso il Patto dei

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale a livello comunitario: Direttiva Fonti Energetiche Rinnovabili (Direttiva 2009/28/EC) Direttiva Emission

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Valle d Aosta verso il 2020, una Regione sostenibile Aosta, 31 marzo 2010 Marcello Antinucci, AESS Modena Perchè le città Le aree

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Progetto co-finanziato dall Unione Europea. 7 Convegno

Progetto co-finanziato dall Unione Europea. 7 Convegno Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti Italiani Progetto co-finanziato dall Unione Europea 7 Convegno Problematiche riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea Gestione della manutenzione

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

La nuova legge provinciale sull energia (l.p. 4 ottobre 2012, n. 20)

La nuova legge provinciale sull energia (l.p. 4 ottobre 2012, n. 20) Provincia Autonoma di Trento La nuova legge provinciale sull energia (l.p. 4 ottobre 2012, n. 20) CONVEGNO AEIT 26 ottobre 2012 29 maggio 1980 Approvazione della legge provinciale n. 14 Legge provinciale

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI VILLA Provincia di Como GUARDIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 21 del registro delle deliberazioni Codice ISTAT: 013245 OGGETTO: Approvazione Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

IL PROGRAMMA ELENA. Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010

IL PROGRAMMA ELENA. Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010 IL PROGRAMMA ELENA Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010 03/05/2010 Banca europea per gli investimenti / Programma ELENA 1 Indice 1. Introduzione 2.

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE Il progetto FIERA-EXPO ECOAPPENNINO Stefano Semenzato Direttore progetto CISA INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE venerdi-sabato-domenica 28-29-30 settembre 2007 Porretta Terme prima fiera-expò delle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE" P.O. Campania FSE 2007-2013

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Data Protocollo n. PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE" P.O. Campania FSE 2007-2013 Spett.le "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli