RELAZIONE TECNICA VA 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA VA 1"

Transcript

1 REGIONE MARCHE PROVINCIA ANCONA COMUNE FABRIANO VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA CENTRALE IDROELETTRICA ROCCHETTA BASSA Impianto per la produzione di energia elettrica con derivazione di acqua in sponda sinistra del torrente Giano, nel comune di Fabriano RELAZIONE TECNICA VA 1 Progettisti e Collaboratori Dott. Ing. ALBERTO ROMAGNOLI Dott. Ing. ALBERTO DONINI Dott. Ing. Junior. MICHELE EMILI Dott. Ing. DAVIDE NATALONI Dott. Geol. STEFANO BOCCAROSSA Proponente ENERGY SEEKERS srl Via Arceviese n.22, OSTRA (AN) Tel.: Fax: mail: PEC: N. Stato Data Descrizione 01 Emesso 27 febbraio 2013 Emissione per Progetto Preliminare 02 Emesso 28 agosto 2013 Emissione per Concessione di Derivazione 03 Emesso 09 gennaio 2014 Emissione per Verifica Assoggettabilità a VIA E vietata la riproduzione anche parziale, la concessione a terzi, la diffusione del presente elaborato, se non dietro nostra espresso autorizzazione scritta. Ogni violazione sarà perseguita a norma di legge.

2 Indice 1. Premessa Introduzione La localizzazione delle opere di presa e di restituzione Modalità di prelievo e restituzione Portate di prelievo Uso dell acqua. Modalità di esercizio Caratteristiche dell impianto e del prelievo Caratteristiche generali Paratoia mobile superficiale Opera di presa Scala di risalita per i pesci Centrale di produzione Canale di rilascio Viabilità Potenzialità tecniche dell impianto Calcolo della potenza installata Calcolo della Producibilità media annua Sintesi dei principali dati di progetto Incidenza del prelievo sulla risorsa idrica Il periodo di prelievo Deflusso Minimo Vitale Monitoraggio delle utilizzazioni in atto Interferenza dei lavori con le captazioni idropotabili esistenti L analisi degli impatti prevedibili Fase di realizzazione Programma di realizzazione delle opere Movimentazione di materiali Effetti conseguenti alla realizzazione dell opera Impatti sull ambiente fluviale Mitigazione dell impatto dell intervento L opera nella fase di esercizio Gestione dell esercizio Rischio d incidente Strumenti pianificatori, Normative e Direttive d importanza comunitaria e nazionali che interessano il sito destinato all edificazione dell opera Analisi dei vincoli paesaggistici, architettonici, archeologici e storico-culturali (d.lgs. 42/2004) Analisi delle aree naturali protette (Legge 394/91) Analisi delle Aree Naturalistiche di importanza Comunitaria (direttive 92/43/CEE e 79/409CEE) Analisi del Piano Regionale Paesistico (PPAR) della Regione Marche Piano di Inquadramento Territoriale (PIT) Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) Piano Regolatore Comunale (PRG) del Comune di Fabriano RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 2

3 6. Conclusioni Le finalità dell opera di derivazione alla luce del quadro socio-economico locale Possibili soluzioni alternative Considerazioni finali RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 3

4 1. Premessa 1.1 Introduzione Gli impianti idroelettrici costituiscono la maggior fonte di energia pulita rinnovabile utilizzata sia a livello europeo che mondiale. Il funzionamento degli impianti si basa sull utilizzo di turbine che trasformano l energia potenziale dell acqua in energia meccanica di rotazione che viene convertita a sua volta in energia elettrica dai generatori. Nell impianto idroelettrico la produzione di energia avviene sfruttando la caduta di una massa d acqua che defluisce attraverso una differenza di quota fino ad un punto più basso nel quale è installata la centrale; nello specifico, l obiettivo primario del progetto è quello di sfruttare le potenzialità idrauliche di un tratto di corso d acqua per produrre energia elettrica. Il progetto si configura nell ottica dello sviluppo sostenibile del territorio: si tratta infatti di produrre energia determinando scarsi impatti ambientali sulle caratteristiche intrinseche del territorio. Lo sfruttamento di questo impianto come sistema produttivo di energia elettrica permetterà di risparmiare sulle altre fonti energetiche e di perseguire allo stesso tempo l acquisizione di tecnologie energetiche avanzate. La produzione di energia idroelettrica viene ottenuta per via meccanica ed è pertanto immediatamente trasformabile in elettricità, mediante meccanismi dotati di eccellente rendimento; presenta l indiscutibile vantaggio ambientale di non immettere nell atmosfera sostanze inquinanti, polvere e calore come accade nel caso di metodi tradizionali di generazione per via termoelettrica, con impatto ambientale notevolmente minore. In base alla potenza installata, l opera è classificabile come microimpianto: (potenza < 100Kw). Il tempo previsto per la realizzazione dell opera è di circa 8 mesi a partire dal conseguimento di tutti i permessi amministrativi. Il progetto analizza tutti gli aspetti relativi a: - inquadramento geografico, territoriale, geologico e geomorfologico; - scelta delle soluzioni sotto il profilo localizzativo e funzionale, in relazione alle caratteristiche e sulle finalità dell intervento, anche con riferimento ad altre possibili soluzioni; - fattibilità ambientale. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 4

5 Altri aspetti di cui si è tenuto conto, nei diversi allegati del progetto, riguardano: - l accertamento in ordine alla disponibilità delle aree o immobili da utilizzare; - il crono programma delle fasi attuative con indicazione dei tempi massimi di svolgimento delle varie attività; - le indicazioni necessarie per garantire l accessibilità, l utilizzo e la manutenzione delle opere. 1.2 L energia rinnovabile La crisi energetica ha favorito un notevole sviluppo della ricerca nel campo delle energie rinnovabili, la cui utilizzazione presenta tutta una serie di vantaggi: si evita il consumo di risorse limitate, soprattutto petrolio e carbone, la cui combustione è fonte di un rilevante inquinamento atmosferico. Inoltre, in un paese come l Italia povero di materie prime tradizionali, è molto importante la possibilità di produrre energia in maniera autonoma, evitando le importazioni, migliorando la bilancia dei pagamenti ed evitando l esposizione ad eventi internazionali imprevedibili. Da un punto di vista ambientale occorre sottolineare che i protocolli internazionali e le direttive comunitarie caldeggiano lo sviluppo delle energie rinnovabili, le quali, al pari del risparmio energetico, risultano essere l unico strumento per ridurre le emissioni dei gas serra nell atmosfera, causa principale dell intensificarsi di fenomeni catastrofici a scala mondiale. Esistono numerosi studi, interpretazioni e programmi dell Unione Europea tendenti a favorire lo sviluppo delle energie rinnovabili; tale aumento di produzione pianificata si basa sullo sviluppo dell energia eolica, fotovoltaica ed idroelettrica. Negli ultimi anni, l opinione pubblica e le scelte politiche tengono in maggiore considerazione le problematiche ambientali relative all approvvigionamento energetico. Da un lato si cerca di ridurre e controllare il livello di emissioni e di scorie delle industrie altamente inquinanti e, dall altro, di dare impulso all utilizzazione delle fonti energetiche di tipo rinnovabile e con minori effetti ambientali: l idroelettrica, la geotermica, l eolica. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 5

6 1.3 Le motivazioni progettuali Il progetto di costruzione di un impianto mini-idroelettrico sul torrente Giano, nasce a fronte del forte impulso dato dalla normativa nazionale ed internazionale in materia di energia rinnovabile. L idroelettrico minore (di cui fa parte l impianto in esame) costituisce una delle fonti di energia rinnovabile più promettenti per produttività e compatibilità con l ambiente. Nel panorama della produzione idroelettrica, uno dei costi ambientali maggiori è infatti connesso alla perdita di territorio ed alla modificazione permanente della naturale regimazione del torrente in conseguenza della realizzazione dell invaso necessario per la produzione di energia. L idroelettrico minore invece utilizza opere di presa ad acqua fluente, che non necessitano di bacini di invaso ma derivano solo una parte dell acqua del fiume, in funzione della disponibilità idrica dello stesso: quando il corso d acqua è in magra e la portata scende al di sotto del valore di deflusso costituito dalla somma del deflusso minimo (DMV) previsto dalla legge e della minima portata turbinabile (funzione della tipologia di turbina), la derivazione si arresta e con essa la produzione di energia. Tale soluzione è ottimale dal punto di vista della preservazione dell ambiente naturale, sia perché garantisce in ogni momento la continuità del corpo idrico e limita la modificazione dell ecosistema locale, sia perché dal punto di vista idraulico la presenza della briglia migliora la regimazione del fiume, riducendone velocità e potere erosivo. 1.4 Inquadramento programmatico Sulla base delle esperienze e delle evoluzioni delle politiche energetiche che hanno visto un crescente integrarsi delle decisioni ambientali con quelle energetiche, l Unione ha definito una strategia di riduzione autonoma delle emissioni climalteranti del 20% entro il 2020, formalizzata più tardi nella direttiva 2009/28/CE del 5 giugno 2009, con specifici indirizzi relativi alle fonti rinnovabili. La strategia dell Unione si prefigge tre diversi principali obiettivi: la riduzione dell entità dei consumi globali di fonti energetiche, la riduzione delle emissioni di gas capaci di alterare il clima e infine l aumento della presenza di fonti rinnovabili nel totale delle fonti utilizzate. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 6

7 Facendo riferimento alla scadenza del 2020 la strategia europea si esprime con tre obiettivi: 1. consumi di fonti primarie ridotti del 20% rispetto alle previsioni tendenziali, mediante aumento dell efficienza secondo le indicazioni di una futura direttiva, 2. emissioni di gas climalteranti, ridotte del 20%, secondo impegni già presi in precedenza, protocollo di Kyoto, ETS (Emissione Trading Scheme), 3. aumento al 20% della quota di fonti rinnovabili nella copertura dei consumi finali (usi elettrici, termici e per il trasporto) L ultimo obiettivo ha richiesto una specifica direttiva, con impegni vincolanti per ogni paese e sanzioni, la 2009/28CE. La direttiva 2009/28/CE sulle fonti rinnovabili riguarda i consumi finali di energia nell Unione, e prevede l obiettivo che essi dovranno essere coperti nel 2020 per almeno il 20% da fonti rinnovabili; ci si riferisce a tutte le forme di energia, non solo all elettricità, e dunque anche ai consumi per il riscaldamento e il raffrescamento sia nelle industrie che nel settore civile, nonché nel settore dei trasporti, settore per il quale si prevede che i consumi siano coperti almeno per il 10% da biocombustibili. Fornendo dei target obbligatori, si vuol dare certezze agli investitori e incoraggiare lo sviluppo tecnologico per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Anche gli strumenti pianificatori adottati dalla regione Marche sostengono ed incentivano la produzione di energia elettrica da fonte pulita, rinnovabile e sostenibile. Va inoltre ricordato che la centrale idroelettrica e le sue opere ed infrastrutture necessarie alla sua messa in esercizio e gestione, in quanto connesse alla produzione di energia da fonti rinnovabili sono considerate [ ]Opere di pubblica utilità ed indifferibili ed urgenti[ ] in base all art. 12, comma 1 del D.Lgs. del 20/12/2003, n.387. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 7

8 2. La localizzazione delle opere di presa e di restituzione Le società Energy Seekers srl prevede la realizzazione di una derivazione di acqua fluviale dal torrente Giano con la costruzione di una mini-centrale idroelettrica nel territorio comunale di Fabriano, precisamente in località Rocchetta Bassa. Il sito si trova immediatamente a valle del ponte della S.P. 76 in località Rocchetta Bassa di Fabriano, in sponda sinistra orografica del torrente Giano, in prossimità di una briglia in calcestruzzo armato utilizzata per la regimazione della portata. Cartograficamente l area è individuabile sulla Carta Tecnica Regionale 1: alle sezioni e sulla cartografia IGM alla tavoletta 301 I in scala 1: A livello catastale, l opera si inserisce in parte all interno dell alveo fluviale ed in parte occupa le particelle catastali al foglio 121 mappale 354. Il sito in cui ricade la parte dell impianto che non posta in aree demaniali, è classificato secondo il PRG con le seguenti destinazioni urbanistiche: - Zona agricola E ZONA AGRICOLA Le coordinate Gauss Boaga delle opere sono le seguenti: briglia esistente: 43 20' 41,76'' N 12 57' 26,59'' E 2.1 Modalità di prelievo e restituzione Il progetto prevede la derivazione d acqua in sponda sinistra orografica del torrente Giano; l acqua viene prelevata mediante la realizzazione di un opera di presa in corrispondenza della briglia fluviale esistente. L opera di presa consiste in una paratoia mobile, posizionata al di sopra della briglia esistente, che consente, tramite innalzamento del pelo libero di avere un tirante idrico sufficiente al convogliamento delle acque verso l opera di derivazione laterale, costituita da una piccola vasca di accumulo, con funzione di dissabbiatore, completamente interrata. Dalla vasca di accumulo l acqua defluirà, tramite una condotta interrata alla centrale che, sfruttando un dislivello di 5,50 metri (dato dalla somma del salto naturale pari a 4,70m con il RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 8

9 contributo della paratoia pari a 0,80m), andrà ad alimentare la turbina. Questa sarà posta in una centrale di produzione, anch essa interrata, sita in sponda sinistra idrografica in contiguità con l opera di presa; le opere di trasformazione dell energia saranno collocate nel vano tecnico interrato posto a monte della centrale. L acqua utilizzata sarà restituita integralmente al torrente Giano attraverso uno scarico posto al di sotto della centrale idroelettrica che farà defluire l acqua al letto del fiume; questo sarà adeguatamente dimensionato per garantire un corretto apporto tra salto idraulico e restituzione. 2.2 Portate di prelievo La portata di prelievo è stata determinata sulla base della disponibilità delle portate. Essendo state ritenute adeguate allo sfruttamento idroelettrico si sono determinate le portate utili derivabili, tenendo in considerazione il Deflusso Minimo Vitale e le utilizzazioni già presenti a monte ed a valle del tratto di fiume considerato. Per la descrizione delle portate utilizzate e dei dati idrologici e della producibilità attesa si rinvia alla relazione idrologica VA 2 Relazione idrologica - idraulica. Sulla base di quanto emerso dagli studi idrologici a corredo del presente progetto (calcolo della curva di utilizzazione delle portate e del Deflusso Minimo Vitale) è possibile definire i volumi di acqua medi e massimi derivabili dalle opere di derivazione. Si riportano i dati principali calcolati: Portata media derivata (oggetto di richiesta di concessione)richiesta = 1,20 mc/sec La portata realmente prelevata risulterà regolata dall afflusso nell opera di presa e quindi condizionata dalla portata presente nel torrente Giano; il Deflusso Minimo Vitale sarà comunque garantito in ogni momento. Inoltre tutta l acqua utilizzata per alimentare la turbina verrà comunque restituita integralmente al corso d acqua attraverso il canale di scarico posto a valle della centrale. Il torrente Giano non subirà pertanto alcun depauperamento delle sue potenzialità idrauliche. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 9

10 2.3 Uso dell acqua. Modalità di esercizio. L acqua viene utilizzata ad uso idroelettrico. Dall opera di presa l acqua verrà convogliata in una condotta di adduzione, che si prevede di posizionare interrata all esterno della sponda sinistra del fiume, sino all immissione nel locale tecnico dove sarà alloggiata la turbina (le cui caratteristiche sono descritte nella documentazione allegata). La turbina con il suo movimento aziona un generatore di corrente di tipo asincrono. L energia generata viene analizzata attraverso apparecchiature elettriche prima di essere immessa nella rete di utilizzo. Il funzionamento della centrale è di tipo automatico, dotato cioè di tutti quei sistemi di sicurezza che permettono l uso dell impianto con particolari accorgimenti per l istantaneo blocco della produzione elettrica in casi di mal funzionamento. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 10

11 3. Caratteristiche dell impianto e del prelievo 3.1 Caratteristiche generali Le opere costituenti l impianto in progetto sono state caratterizzate in merito ad aspetti costruttivi, dimensionali e logistici con un grado di dettaglio commisurato alle finalità del presente studio Paratoia mobile superficiale La paratoia sarà collocata in corrispondenza della briglia esistente per consentire la regimazione delle portate del torrente Giano nelle modalità nel seguito descritte; attualmente la briglia si presenta in discreto stato di manutenzione. L intervento in progetto consiste nel posizionare una paratoia mobile a ventola al di sopra della briglia esistente, di larghezza di circa 21m. La briglia manterrà le dimensioni attuali e la sua funzionalità rimarrà inalterata. La paratoia mobile a ventola posta al di sopra della briglia, avrà un movimento meccanico idraulico che permetterà di essere regolata in altezza, comunque al di sotto delle pareti laterali della briglia stessa. La paratoia mobile si abbassa automaticamente ripristinando la quota superficiale originaria della briglia per garantire il trasporto solido ed il passaggio del Deflusso Minimo Vitale nel caso di impianto chiuso. La funzione della paratoia mobile sarà di garantire il tirante idraulico necessario al convogliamento della acque verso le opere di presa con la prescrizione che, qualora il pelo libero naturale superi il livello di progetto (80cm al di sopra della quota della briglia esistente), si attivi un sistema automatico per ritrarre completamente la paratoia riportandola al livello naturale e consentendo il deflusso completo della portata con il passaggio del detrito solido. La paratoia in esame è costituita dai seguenti elementi: - basamento in calcestruzzo fibro-rinforzato; - paratoia mobile in acciaio; - pistoni e circuito idraulico per azionamento della paratoia mobile; - centralina di controllo del circuito idraulico, con sensori di portata e sistema di controllo in remoto. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 11

12 Il basamento è realizzato con un supporto di rinforzo strutturale fissato saldamente alla briglia esistente mediante l impiego di ancoranti meccanici (barre M16 inghisate con particolari resine chimiche) opportunamente calcolati per resistere alle azioni sollecitanti provocate dal moto dell acqua. Il basamento costituisce ancoraggio per la cerniera alla base della paratoia mobile, per il pistone idraulico che aziona la paratoia mobile, per il tessuto gommato di protezione. La paratoia mobile è un pannello dello spessore di circa 80mm, costituito da una struttura leggera ed intelaiata di tubolari in acciaio, rivestita da lamiera 6/10 in acciaio inox, dotata di un rivestimento polimerico atto a conferire le opportune caratteristiche di impermeabilità e resistenza alle condizioni atmosferiche, al moto dell acqua ed al conosciuto trasporto solido dell alveo. Tale paratoia è ancorata saldamente al basamento mediante cerniere cilindriche opportunamente protette e riparate per evitarne il contatto con qualsiasi elemento trasportato dal moto dell acqua nel fiume. I pistoni, ancorati tramite cerniere al basamento, sono collegati ad un circuito idraulico che consente la movimentazione della paratoia mobile. Il circuito idraulico ed i pistoni sono progettati affinché possano sostenere la pressione idrostatica prodotta da uno spessore di acqua non superiore a 80 cm; infatti, su ogni pistone agisce una valvola di massima costituita da una semplice molla tarata che, raggiunta la pressione idrostatica prevista (corrispondente a 80cm di acqua), si apre facendo fuoriuscire dai pistoni al circuito il fluido, e quindi, abbassare, fino a scomparire la paratoia mobile. I pistoni sono asserviti anche ad un dispositivo di sicurezza manuale meccanico che consente l apertura della valvola in qualsiasi momento. Il tessuto gommato posto a valle della paratoia serve a proteggere il volume tecnico posto tra la paratoia mobile ed il basamento. Il tessuto gommato è ancorato con il basamento e con la sommità della paratoia mobile sempre con cerniere cilindriche opportunamente protette da qualsiasi eventuali contatti con materiali trasportati dal moto dell acqua. L impiego di tessuti gommati è ampiamente diffuso per questi o analoghi usi; da tempo vengono utilizzati quali serbatoi sottomarini per lo stoccaggio di liquidi, per barriere flessibili, galleggianti adatte sia per la regolazione e il contenimento delle acque, sia per la difesa e la protezione dalla violenza delle onde (frangiflutti). La scelta dei materiali per la realizzazione di un tipo di strutture in tessuto gommato adatta ad una specifica applicazione, può essere fatta entro una RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 12

13 vasta gamma di prodotti, sia per ciò che riguarda la parte tessile (fibre tessili e strutture dei tessuti), sia per quanto riguarda la parte elastomerica (gomma) o plastomerica. La centralina di controllo è costituita da una unità centrale CPU programmabile, alimentata dalla linea elettrica e dotata di una batteria UPS, dispone di un antenna GPS con scheda GSM connessa alla rete di telefonia cellulare. In caso di mancanza di corrente elettrica, la centralina di controllo viene automaticamente alimentata dalla batteria UPS che ha un autonomia di 12 ore e immediatamente viene inviato tramite GSM una comunicazione sms alla scheda telefonica a disposizione del manutentore dell impianto presente sul posto ed operativo 24h. La centralina è connessa a due sensori (del tipo laser o onde) che misurano il livello del pelo libero dell acqua in prossimità dell opera di presa; il secondo sensore viene attivato solo in caso di guasto del primo sensore (contestualmente la centralina invia sms di notifica del guasto all addetto manutenzione). Il perfetto funzionamento della paratoia mobile viene garantito da quattro dispositivi di sicurezza appositamente progettati che vengono nel seguito elencati. a) Mancanza di alimentazione elettrica In caso di mancanza di corrente elettrica, la centralina di controllo viene automaticamente alimentata dalla batteria UPS che ha un autonomia di 12 ore e immediatamente viene inviato tramite GSM una comunicazione sms alla scheda telefonica a disposizione del manutentore dell impianto presente sul posto ed operativo 24h. b) Guasto al sensore del livello dell acqua La centralina è connessa a due sensori (del tipo laser o onde) che misurano il livello del pelo libero dell acqua in prossimità dell opera di presa; il secondo sensore viene attivato solo in caso di guasto del primo sensore (contestualmente la centralina invia sms di notifica del guasto all addetto manutenzione). c) La paratoia mobile si richiude quando il livello di acqua supera i 80cm Il circuito idraulico ed i pistoni sono progettati affinché possano sostenere la pressione idrostatica prodotta da uno spessore di acqua non superiore a 80 cm; infatti, su ogni pistone agisce una valvola di massima costituita da una semplice molla tarata che, raggiunta la RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 13

14 pressione idrostatica prevista (corrispondente a 80cm di acqua), si apre facendo fuoriuscire il fluido dai pistoni al circuito, e quindi, abbassare, fino a scomparire la paratoia mobile. d) La paratoia mobile si richiude manualmente in qualsiasi caso I pistoni del circuito idraulico sono asserviti anche ad un dispositivo di sicurezza manuale meccanico che consente l apertura della valvola in qualsiasi momento e la chiusura della paratoia. La presenza dei dispositivi di sicurezza sopra descritti consente di asserire che non esiste tecnicamente la possibilità che la paratoia mobile resti aperta in occasioni di portate che determinino uno spessore di acqua superiore a 80cm al di sopra della briglia esistente. La paratoia mobile in funzione delle portate La paratoia mobile a ventola viene utilizzata per avere un tirante idraulico sufficiente a consentire la derivazione delle acque in corrispondenza della briglia esistente, quando questo risulta non sufficiente a tale scopo (piccole portate). Il tirante idraulico minimo necessario è di 80 cm al di sopra del coronamento superiore della briglia esistente. Si evidenzia che, allo stato attuale, il tirante idraulico di 80cm al di sopra del coronamento superiore della briglia esistente, è attivato con una portata pari a circa 25,5 mc/s. Pertanto con portate inferiori a 25,5 mc/s la paratoia mobile a ventola garantirà il tirante idraulico alzando gradualmente il pannello e consentendo di avere la quota richiesta. Per portate superiori a 25,5 mc/s la paratoia sarà completamente abbassata ricreando la situazione attuale: l intera sezione sarà restituita all alveo fluviale e sarà consentito il passaggio del detrito solido non provocando accumuli di materiale a monte della briglia stessa. In ogni situazione di apertura della paratoia sarà sempre mantenuto il valore del Rilascio Minimo Vitale garantito attraverso la profilatura al di sopra della paratoia stessa e la scala di risalita dei pesci. Si evidenzia che sarà cura del proponente effettuare le necessarie verifiche statiche e sismiche sulla funzionalità del complesso briglia-paratoia, e sulla rispondenza alle vigenti normative del Testo Unico sull Edilizia (es. deposito Genio Civile Sismica, certificato di conformità impianto paratoia, ). RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 14

15 Valutazione delle interferenze con l opera idraulica esistente La briglia esistente svolge principalmente una funzione per il tratto di fiume considerato; tale funzione è legata alla presenza del ponte della S.P. 76, ubicato pochi metri a monte della briglia stessa; idraulicamente la briglia consente di ridurre la velocità di scorrimento dell acqua in corrispondenza di un tratto di fiume in cui la pendenza del letto è elevata per evitare fenomeni di erosione del letto del fiume con conseguente trasporto di materiale. Questo compito è fondamentale a valle di un ponte, poiché ne garantisce la stabilità evitando che l elevata velocità delle acque possa scavare alla base dei piloni del ponte stesso diminuendo la loro capacità statica; quindi, nel caso in oggetto la briglia risulta fondamentale per la stabilità del ponte della S.P. 76. Tali funzionalità della briglia, appena espresse, vengono completamente mantenute e garantite con l intervento in progetto che non interferisce con la funzionalità propria della briglia esistente. La paratoia mobile non costituisce quindi una nuova opera trasversale in alveo, ed è stato dimostrato che non determina modifiche sostanziali alle opere idrauliche esistenti; inoltre l inserimento della paratoia mobile sulla briglia e tutti gli altri interventi connessi non sono permanenti, bensì possono essere rimossi ricostituendo la situazione originaria. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 15

16 3.1.2 Opera di presa L opera di presa è costituita da una vasca di accumulo interrata posta in sponda sinistra; questa riceve l acqua dalla derivazione dalla quale, previa vagliatura attraverso un dissabbiatore, viene immessa nella camera di carico della centrale di produzione. La captazione è costituita da griglie di presa autopulenti, poste in fregio all alveo del fiume; queste sono costituite da una lamiera forata con sviluppo trasversale di un quarto di circonferenza (raggio 0.8 m) e di larghezza 3 metri. Sulla superficie di tale griglia scorre una lamiera che consente, la regolazione dell apertura della stessa, ed allo stesso tempo la pulizia dell opera di presa. L opera di presa è munita di una paratoia laterale a movimento meccanico idraulico di rilascio al fiume del materiale solido accumulato e dell acqua, tramite piccola apertura nella briglia esistente. La vasca di presa, sulla quale sono poste le griglie, ha un fondo inclinato verso valle ed è munita di sensori per il livello dell acqua prima e dopo la griglia che regolano: - la frequenza di pulitura della griglia stessa; - l ingresso dell acqua nella vasca in caso di riempimento della vasca stessa; - la chiusura totale o parziale dell impianto in caso di piena, fuori servizio o manutenzioni. Essa ha funzione anche di dissabbiatore che consente di far sedimentare il residuo sabbioso in modo da impedire l ingresso nella camera di carico. Una paratoia laterale, consente il periodico svuotamento della vasca scarico di fondo consentendo, tra l altro, il naturale trasporto solido del fiume. La paratoia sarà automatizzata e gestita da un sistema automatico di telecontrollo e tele gestione, comandato da un misuratore di livello solido del fondo della vasca. Tutti gli organi di manovra saranno accessibili per mezzo di una passerella di servizio Scala di risalita per i pesci Per garantire il passaggio della fauna ittica, ad oggi impedito dalla presenza della briglia, sarà costruita una scala di risalita per i pesci, posta in sponda sinistra del fiume, a contatto con la briglia esistente, ma con struttura di supporto indipendente rispetto alla briglia. Attraverso questo canale sarà garantito anche il passaggio del DMV. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 16

17 3.1.4 Centrale di produzione La centrale idroelettrica delle dimensioni in pianta di circa 20 mq, sarà costituita da struttura in conglomerato cementizio armato. La centrale è completamente interrata; l accesso è eseguito in trincea, e la porzione fuori terra, utilizzata per l accesso alla stessa, è adeguatamente rivestita in pietra locale. La centrale è atta a contenere la turbina, il generatore, il trasformatore, tutte le attrezzature di controllo dell impianto e nella parte più bassa il canale di rilascio dell acqua al fiume. Parte della copertura sarà amovibile per consentire il posizionamento e l eventuale rimozione per la manutenzione della turbina e degli altri macchinari. Una peculiarità dell intervento proposto è la scelta di una turbina a bulbo. Vantaggio di questa soluzione è la sostanziale insensibilità dei macchinari di produzione ad eventuali fenomeni di allagamento, ed alla potenziale rumorosità che viene pressoché annullata dal fatto che il gruppo turbina-alternatore sono a bagno. All interno della centrale trova posto la turbina con albero verticale, sommerse per la produzione di energia elettrica da fonte idraulica. La turbina è stata dimensionata per lavorare fino ad una portata massima di 2 mc/sec Canale di rilascio Scopo del canale è quello di conferire la portata in uscita dalle turbine all alveo che si trova più in alto mantenendo una velocità bassa e costante per non provocare eccessive perdite di carico. Il punto di restituzione si trova circa 14 metri più a valle dell opera di presa. Il canale sarà completamente interrato fino al punto di restituzione in alveo; il tratto terminale sarà protetto da strutture in cls. Lo scarico sarà sommerso; la restituzione delle acque avverrà quindi con velocità ridotte e direttamente nell alveo fluviale, in modo da non creare punti critici di erosione locale e non alterare le caratteristiche dell alveo fluviale Viabilità L area dove verrà realizzato l impianto è raggiungibile da un accesso che si imbocca dalla Strada Provinciale 76, in località Rocchetta Bassa, nel comune di Fabriano, da questo accesso sarà realizzata una rampa in terra battuta che raggiungerà l area fluviale nei pressi RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 17

18 della briglia. Questo verrà adeguatamente trattato per garantire l accesso all area fluviale durante la fase di cantiere e verrà poi in parte mantenuto come accesso alla centrale. 3.2 Potenzialità tecniche dell impianto Le potenzialità teoriche dell impianto sono determinate sulla base del salto morfologico e delle portate rilevate del corso d acqua. Il rilievo topografico unitamente all analisi morfologica, hanno consentito di determinare il salto di quota naturale di circa 4,70 metri. Considerando l inserimento della paratoia mobile, il livello del pelo libero di monte si alza di 80 cm; il salto totale risulta così essere pari a 5,5m. Nel determinare la potenza di carico complessiva non sono state considerate le perdite di carico concentrate nel tratto comprendente il passaggio attraverso la griglia di presa, poiché pressoché nulle Calcolo della potenza installata La potenza installata è la potenza teoricamente sviluppabile dall impianto ed è dunque funzione del salto utile netto e della portata massima derivata. Essa è valutata nel seguente modo: P = g H inst. netto Q max Dato che il salto naturale disponibile, comprensivo di briglia mobile, è 5.50m ricavo la potenza massima installata: - Hnetto = Sul è il salto motore netto pari a 5,50 metri - Qmax è la portata massima effluente in turbina pari a 1,83 mc/sec - G è l accelerazione di gravità pari a 9,81 m/sec La potenza massima effettiva dell impianto è dunque pari a: P Inst. = 9,81 x 1,83 x 5,50 = 98,70 kw RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 18

19 3.2.2 Calcolo della Producibilità media annua La producibilità media annua è la quantità di energia elettrica prodotta in un anno tenendo conto della variabilità delle portate derivate. La curva delle portate derivate Q(t) è ricavabile con le stesse considerazioni riportate per il calcolo della portata media derivata, vale a dire: Per portate Q > Qmax, Q = 1.83 mc/sec (nei periodi con portate maggiori di quella massima di progetto, la portata derivata è pari proprio a quella massima) Per portate Q < Qmax, Q = Q(t). La producibilità media annua è dunque pari a: 365 E( t) = g Hnetto Q( t) η( t) dt 1 Risolvendo l integrale in maniera finita con un opportuno foglio di calcolo, si ottiene una producibilità pari a kwh Sintesi dei principali dati di progetto Portata massima derivata (richiesta dalla domanda di concessione)= 1,83 mc/sec Portata media di concessione = 1,20 mc/sec Salto utile lordo = 5,50 m Salto motore netto = 5,50 m Potenza nominale media di concessione = 64,70 kw Potenza installata (massima) = 98,70 kw Producibilità media annua = kwh I Si è assunto, come per il calcolo della potenza effettiva, il valore del rendimento costante e pari a 0,85. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 19

20 3.3 Incidenza del prelievo sulla risorsa idrica Il progetto prevede la derivazione d acqua in sponda sinistra orografica del torrente Giano; l acqua viene prelevata immediatamente a monte della briglia esistente e viene completamente rilasciata a valle di essa. La portata derivata è significativa, se confrontata con il regime delle portate del torrente Giano nel corso dell anno; la caratteristica del progetto è tale però da non interferire in con il normale deflusso delle acque del torrente Giano per le seguenti motivazioni: - non si creano tratti sottesi dall impianto, poiché la presa ed il rilascio sono posti immediatamente prima e dopo l opera idraulica già esistente; - la paratoia mobile non costituirà una interruzione completa del flusso del fiume, poiché verrà in ogni caso garantito il passaggio del Deflusso Minimo Vitale; - nel caso in cui la portata del fiume sia minore del valore minimo di derivazione, la paratoia mobile si abbasserà completamente consentendo di riportare la briglia alla situazione attuale; questo avverrà in ogni caso quando la portata fluviale sarà minore o uguale al deflusso minimo vitale; - l acqua derivata, a seguito del passaggio nella turbina idraulica, sarà completamente rilasciata al fiume a valle della briglia esistente senza alcuna modifica delle caratteristiche delle acque. 3.4 Il periodo di prelievo La quantità di acqua derivata varierà durante l anno, dipenderà dalla portata normale del torrente Giano decurtata del valore del Deflusso Minimo Vitale. In base a considerazioni basati sulla curva di utilizzazione della portata e facendo una valutazione sui costi-benefici derivanti dalla produzione di energia elettrica (vedi CD2 Relazione Idrologica - idraulica ), si è scelto, un valore di portata massimo derivabile di 1,83 mc/s, disponibile per circa 90 giorni all anno. Nella tabella seguente sono riportati i dati di portata derivabile mensile ed annua. Come si può notare la durata del prelievo è di circa 10 mesi; i restanti 2 mesi l impianto rimarrà chiuso. In ogni caso quando la portata fluviale scenderà al di sotto del Deflusso Minimo Vitale, l impianto non sarà in funzione. RELAZIONE TECNICA Concessione di derivazione 20

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE

COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE COLLOCAZIONE DELLE PARTI MENZIONATE L impianto in progetto si compone dei seguenti elementi principali: -l'opera di presa -la condotta forzata; -la centrale; -l opera di restituzione; -opere accessorie.

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo

Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO Comune di Bene Vagienna Impianto idroelettrico con derivazione dal Torrente Mondalavia, localizzato nel Comune di Bene Vagienna (CN) Progetto definitivo PIANO DI GESTIONE

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO

PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO PROGETTO CENTRALE IDROELETTRICA IN LOCALITA' PONTEVECCHIO COMUNE DI COLBORDOLO Soggetto proponente: CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE (già CONSORZIO DI BONIFICA DEI FIUMI FOGLIA METAURO E CESANO DI PESARO)

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI

CONTENUTI ING. MARCO CIMARELLI CONTENUTI PREMESSA... 2 DESCRIZIONE STATO ATTUALE DEI LUOGHI E DEL PROGETTO... 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E VINCOLISTICO... 4 DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO E DELLE OPERE CIVILI... 5 Opere di ricostruzione

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

Impianti idroelettrici

Impianti idroelettrici Impianti idroelettrici Un impianto idroelettrico è costituito da opere civili ed idrauliche (diga o traversa di sbarramento, sistema di presa, vasca di carico, opere di convogliamento e di restituzione,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e stoccaggio dell energia: come diventare smart Milano 11 luglio 2011 Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03

PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI DEMONTE PROGETTO DI IMPIANTO IDROELETTRICO SUL RIO COMBAFERE LOCALITA' B.TA PALUCH - PEROLAR Documentazione ai sensi del D.lgs.387/03 Piano di gestione e manutenzione

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz.

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz. Prati di Vizze Curon Barbiano-Ponte Gardena Brunico-Valdaora Lasa Marlengo Premesa Centro di teleconduzione Bolzano La nostra acqua. La nostra energia. Marlengo Impianto idroelettrico Curon/Val Venosta

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA Pisa, Gennaio 2015 Ing. Giulia Ludovici, Ph.D. Indice 1. Introduzione... 3 2. Parco eolico... 4 2.1

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE

ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE La nostra energia ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE SEL SPA Società Elettrica Altoatesina I-39100 Bolzano Via Canonico Michael Gamper 9 T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 www.sel.bz.it

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso Pagina 1di 16 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DESCRITTIVA DEL RISCHIO IDRAULICO INDIVIDUATO... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITA... 6 4 OPERA DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO: GENERALITA' E SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365 448245

CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365 448245 ECOELETTRICA S.r.l. Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 02079570178 Nr. R.E.A. 212084 Società incorporata in CENTROELETTRICA S.p.A. Sede amministrativa: via E. Fermi 5 25087 Salò (Brescia) tel. 0365 522661 Fax 0365

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

Coclea (o vite idraulica) per produzione di energia

Coclea (o vite idraulica) per produzione di energia 6^ CONFERENZA ORGANIZZATIVA ASSOCIAZIONE NAZIONALE BONIFICHE E IRRIGAZIONI 1 ASSOCIAZIONE IRRIGAZIONE EST SESIA Energia L evoluzione del mini e del micro idroelettrico: gli impianti a coclea Fulvio Bollini

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO VALUTAZIONE AMBIENTALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : DICHIARAZIONE DI NON ASSOGGETTABILITÀ A PROCEDURA DI VAS E A PROCEDURA

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO. Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia

IL SOTTOSCRITTO. Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-24 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE RME IN MATERIA DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI N SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

- Destra Fiume Topino a Foligno che preleva l acqua del fiume Topino, che analogamente a Trevi è provvisorio il sollevamento.

- Destra Fiume Topino a Foligno che preleva l acqua del fiume Topino, che analogamente a Trevi è provvisorio il sollevamento. B) IRRIGAZIONE La pratica irrigua è stata caratterizzata nel corso degli ultimi decenni da un continuo e costante sviluppo dettato da una serie di esigenze che investono settori di interesse differenziati

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA PER RIFIUTI MEDIANTE REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO.

RIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA PER RIFIUTI MEDIANTE REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO. RIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA PER RIFIUTI MEDIANTE REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO. di Andrea Atzori e Anna Moretto, Andrea Atzori è direttore e Anna Moretto è ingegnere ambientale responsabile

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI

MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI MICRO IMPIANTI IDROELETTRICI Descrizione Tecnologica La coclea idraulica è conosciuta fin dall antichità, come ruota o chiocciola di Archimede. In base a questo principio l energia viene trasferita ad

Dettagli

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio.

Minidraulica. Gli impianti possono essere poi: A. ad acqua fluente; B. a bacino; C. di accumulo a mezzo pompaggio. Minidraulica Quadro sintetico della tecnologia, degli impianti e delle macchine Energia idroelettrica è un termine usato per definire l'energia elettrica ottenibile a partire da una caduta d'acqua, convertendo

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia Progettazione Installazione e Vendita Impianti Fotovoltaici chiavi in mano Solare Termico Mini Eolico soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO HORUS ENERGY,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

L ENERGIA IDROELETTRICA

L ENERGIA IDROELETTRICA 103 L ENERGIA IDROELETTRICA 1 PREMESSA Il riconoscimento dell importanza strategica di un corso d acqua è caratteristica costante della storia delle comunità umane, e la scoperta della possibilità di produrre

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili -

ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO. CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - ENERGIE RINNOVABILI MICRO HYDRO CasaSoleil 2006-2010 - Appunti sulle fonti rinnovabili - Che cos'è E' in piccolo, quello che si fa con un impianto idroelettrico ma senza costruire una diga: l'acqua che

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Lo studio fornisce un'attività specialistica

Lo studio fornisce un'attività specialistica I professionisti di Energeo realizzano studi geologici, idrogeologici, geotecnici e sismici, ai sensi della legislazione vigente; questi costituisco uno strumento indispensabile e preliminare per tutte

Dettagli

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso...

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso... I N D I C E 1 Premessa... 2 2 Scheda identificativa dell opera... 3 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4 4 Manuale d uso... 4 5 Manuale di manutenzione... 6 6 Programma di manutenzione...

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015 SEDE LEGALE: Via degli Speziali 17 Loc. Venturina Terme 57021 CAMPIGLIA MARITTIMA (LI) Telefono: +39 0565 85761 Fax: +39 0565 857690 Posta Certificata: cbaltamaremma@pcert.it - consorzio@pec.collinelivornesi.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO MODULO 2 FORMAZIONE DELLA PIENA (AFFLUSSI E DEFLUSSI) ALCUNI CONCETTI E TERMINI DI IDRAULICA FLUVIALE DIFESA DALLE PIENE: TIPOLOGIA DI INTERVENTI Interventi strutturali (modificano le caratteristiche degli

Dettagli

Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo

Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA Strumenti tecnici per una corretta valutazione del Potenziale Idroelettrico Massimo e Residuo J. Alterach, ERSE S.p.A. (già CESI RICERCA) Sabato 13 Giugno 2009 Ricerca

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli