INTRODUZIONE. Rispettivamente acronimi di short message service, multimedia message service, location based service.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE. Rispettivamente acronimi di short message service, multimedia message service, location based service."

Transcript

1 INTRODUZIONE 1. Il diritto sconta notevoli difficoltà nell occuparsi tempestivamente, o almeno senza eccessivi ritardi, dei fenomeni tecnologici di quest epoca, nonostante questi incidano in modo immediato e profondo sul comportamento degli uomini e sui costumi sociali. In primo luogo pensiamo al diffondersi capillare della telefonia mobile a livello globale e, per quanto ci riguarda, all Italia, dove tale servizio ha conosciuto una delle più straordinarie affermazioni di mercato. A circa un secolo di distanza dalla nascita della telefonia fissa è comparso il servizio radiomobile e si è diffuso in modo massivo il telefono cellulare, comunemente denominato telefonino. Le caratteristiche principali che differenziano la telefonia mobile da quella fissa riguardano sia fattori tecnologici, sia innovazioni commerciali realizzatesi per mezzo del servizio radiomobile, estensibili anche ad altri settori. Il tratto distintivo del servizio cellulare non è soltanto quello di potenziare il carattere personalistico e la stessa frequenza del fenomeno comunicativo, quanto piuttosto di schiudere la strada ad una pluralità di possibili usi del mezzo, valorizzati dalla sua portatilità e tascabilità 1. Rispetto alla telefonia fissa quella mobile si distingue: a) per i prezzi relativamente più contenuti del servizio e soprattutto ritagliati sulle specifiche esigenze del cliente; b) per i servizi ulteriori rispetto al traffico voce (c.d. value added services, quali SMS, MMS, LBS 2 ); c) per le nuove modalità di pagamento 1 Si pensi, per rimanere agli usi più frequenti, alla possibilità di inviare brevi messaggi di testo (short message service), di scattare fotografie, di effettuare videochiamate, ma anche di utilizzare agende personali, di navigare su Internet etc. Si evidenzia poi, con riferimento alla figura del terminale mobile, la polifunzionalità del mezzo, utilizzabile tanto per comunicazioni di voce e di dati, quanto per la ricezione di prodotti audiovisivi. Cfr. S. CHAKRABORTY (et al.), IMS multimedia telephony over cellular systems: VoIP evolution in a converged telecommunication world, Chichester: Wiley, 2007; V. ZENO ZENCOVICH, Prefazione al volume di A. STAZI, Mercati emergenti fra convergenza tecnologica e concorrenza. Il caso della televisione in mobilità, Milano, 2006, XVII; nonché, in ottica di tecnica commerciale, M. SENTINELLI, Presentazione al volume di L. TOMASSINI, L onda della convergenza. Percorsi e cambiamenti nell era della voce su Internet, telefonia mobile, televisione e larga banda, Milano, 2006, Rispettivamente acronimi di short message service, multimedia message service, location based service.

2 X La telefonia mobile. Profili giuridici che hanno eliminato la produzione e ricezione delle bollette, rendendo, altresì, del tutto secondaria l identità dell utilizzatore del servizio 3. Rilevante, poi, è l imponenza del ricorso al mezzo pubblicitario nella stimolazione della domanda e nella stessa dinamica contrattuale. In questo campo vige, quasi incontrastata, la creatività delle imprese. Alcuni studi recenti analizzano, persino, il giro d affari in forte ascesa mondiale del gioco d azzardo nei telefoni mobili interattivi di ultima generazione 4. Questa estrema versatilità ha favorito nel passaggio alle versioni tecnologiche tacs 5, gsm 6, wap 7, gprs 8, edge 9, umts 10 un esponenziale sviluppo del telefono cellulare, sul finire del secolo scorso. Il fenomeno della telefonia mobile rappresenta, insomma, una delle innovazioni tecnologiche più imponenti dell epoca moderna in Europa e nel mondo. Il suo successo, come abbiamo detto, si è manifestato precocemente in Italia dove, già nella seconda metà degli anni novanta, la telefonia mobile ha rappresentato Cfr. in generale, S. SICA e N. BRUTTI, La responsabilità in Internet e nel commercio elettronico, in Trattato della responsabilità contrattuale diretto da G. Visintini. Vol. II. I singoli contratti, Padova, 2009, ; V. ZENO ZENCOVICH, Prefazione a A. STAZI, Mercati emergenti fra convergenza tecnologica e concorrenza. Il caso della televisione in mobilità, Milano, 2006, XVII. 3 Alcuni studiosi ritengono, ad esempio, che il crescente utilizzo del telefono mobile, nella modalità prepagata, costituisca una delle più forti spinte verso la diffusione dei sistemi elettronici di pagamento, prospettando addirittura una prossima competizione tra gli operatori di telecomunicazioni e le banche per il dominio di uno strategico settore di mercato (cfr. A.S. ROSENBERG, Better than cash? Global Proliferation of Debit and Prepaid Cards and Consumer Protection Policy, 44 Colum. J. Transnat.l L. (2006), 524 ss.). 4 Mobile Gambling. Casinos, Lotteries & Betting (www.juniperresearch.com). 5 Sui costi accessori addebitati agli utenti a seguito della campagna per la sostituzione dell apparecchio TACS con quello più moderno GSM, si è sviluppato un contenzioso che ha visto promuovere una delle prime azioni collettive da parte delle associazioni dei consumatori innanzi al Tribunale di Roma (Dott.ssa Orlandi, Ord. 11 marzo 2003 in In particolare, gli utenti avevano contratto un debito verso la compagnia telefonica TIM S.p.a., debito che era stato poi ceduto ad altra società. L ordinanza ha ristabilito il diritto ad essere correttamente informati da parte dei debitori ceduti sulle modalità di cessione e recupero crediti implementate da un impresa e sul carattere indebito dei costi aggiuntivi a ciò riconnessi. La lettera di messa in mora coinvolgeva debitori e il Tribunale ha affermato che «stante l elevato numero dei destinatari, la loro dispersione su tutto il territorio nazionale, nonché la polverizzazione degli importi singolarmente pretesi, è presumibile che solo un limitato numero di consumatori attivi onerose procedure giudiziarie al fine di ottenere la restituzione delle somme pagate in forza delle lettere in esame. Ritenuto pertanto che ricorrono in modo paradigmatico esigenze di tutela cautelare dei consumatori perseguite anche da altri ordinamenti (si pensi ad esempio alla tutela apprestata nell ambito delle class actions)» il Giudice ha ordinato di non procedere alla riscossione e di pubblicare stralci dell ordinanza cautelare su due quotidiani a diffusione nazionale. 6 Questa tecnologia ha reso possibile, nella seconda metà degli anni novanta, l esplosione del lucroso business degli SMS, Short Message Service (brevi messaggi di testo alfanumerico). Cfr. C.A. PRATESI, La telefonia mobile nell epoca della convergenza digitale: un approccio integrato per l innovazione di servizio, in Econ. dir. terz., 2008, 2, 377 ss. 7 Wireless Application Protocol. 8 General Packet Radio Service. 9 Enhanced Data Rates for GSM. 10 Universal Mobile Telecommunications System.

3 Introduzione XI un fenomeno non solamente economico, ma addirittura di costume. Secondo stime relative a fine giugno 2007, anticipate dall Autorità Garante per le comunicazioni (di seguito AGCOM), le carte telefoniche in circolazione in tutta Italia sono arrivate a quota Solo nel primo semestre del 2007 sono state acquistate oltre 5 milioni di sim card (nel 2006 in tutto erano ), che equivalgono a un incremento del 6,25%. L aumento delle linee attive è in crescita continua: già nel 2006 si era registrato un incremento del 12% rispetto al 2005, quando il numero delle sim card si è attestato a oltre 71 milioni. La mania dei telefonini è un fenomeno tutto italiano: nel 2006 l Italia ha battuto non solo Paesi europei come la Germania o la Svezia ma anche un Paese come il Giappone, patria di ogni nuova tecnologia. La telefonia mobile ha comunque invaso il mondo: a fine 2006, si sono contati 2,7 miliardi di clienti nel mondo, di cui due terzi nei Paesi a crescita particolarmente dinamica 11. In base all ultima edizione del rapporto Informa Telecoms & Medias Global Mobile Forecasts to , si prevede che, dalla fine del 2007 alla fine del 2013, il mercato mondiale della telefonia mobile avrà una crescita enorme, aumentando di circa il 56%. I ricavi annuali del mercato mondiale toccheranno la cifra di miliardi di dollari entro il 2013, quando il numero totale degli abbonati supererà i 5,3 miliardi. Sono stati necessari 20 anni per raggiungere 3 miliardi di abbonati, ma altre 1,9 miliardi di unità si prevede che si aggiungeranno in appena sei anni, con il totale che oltrepasserà la soglia dei 5 miliardi nel Grazie a questa crescita eccezionale, i ricavi totali annuali generati dagli operatori mobili cresceranno di oltre un terzo (33,9%), balzando da 769 miliardi di dollari del 2007 ai miliardi succitati. Secondo Informa Telecoms & Media nei prossimi cinque anni, più di tre quarti (78%) dei nuovi abbonati tra il 2007 e il 2013 verranno dall area Asia-Pacifico, dall Africa e dall America Latina, nuovi protagonisti nell area della comunicazione Per comprendere il successo della telefonia mobile è necessario analizzare, in primo luogo, i fattori di carattere tecnologico, tra i quali l introduzione della Sim card. La Sim card (al femminile secondo l uso che si è diffuso in lingua italiana) è un piccolo chip programmabile 14 al quale è associato un numero seriale che, sui 11 V. Il Sole 24 ore, 6 ottobre Cfr. le Relazioni annuali (2006/2007) sull attività svolta dall Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (di seguito AGCOM), nonché, più specificamente, A- GCOM, Allegato A Delibera n. 659/06/CONS, reperibili sul sito 12 Una delle imprese leader mondiali della consulenza in ICT (Information & Communication Technologies), in 13 Fonte: Ansa, Roma, 12 dicembre Il Chip (Consolidated Highly Integrated Processor, ovvero processore consolidato altamente integrato ) si presenta come una sottile piastrina di materiale semiconduttore con la quale è realizzato il circuito

4 XII La telefonia mobile. Profili giuridici sistemi informativi di un operatore telefonico, consente di risalire a un determinato cliente dei servizi di telefonia mobile. La Sim costituisce la chiave di protezione e di identificazione dell utente sulle reti GSM e su quelle da essa derivate (UMTS, HSPDA); conseguentemente il suo numero seriale corrisponde in rete ad uno o più numeri MSIISDN, ovvero numeri di telefono, fax, dati. Sovente le Sim contengono, a seconda della loro capienza, anche altri dati al loro interno ovvero rubriche telefoniche, messaggi di testo ed altro. Il cliente potrà disporne secondo le specifiche condizioni di offerta cui abbia aderito. Attraverso il nuovo standard tecnico UMTS 15 è, inoltre, possibile la convergenza tra telecomunicazione vocale pura e trasferimento di grandi quantità di dati, garantendo così anche la navigazione Internet. Ciò che differenzia profondamente la telefonia cellulare dal concetto tradizionale delle telecomunicazioni, rappresentato dal doppino di rame del telefono fisso casalingo, risiede nel fatto che la chiamata vocale è inequivocabilmente trasmessa ad un destinatario puntualmente individuabile e raggiungibile indipendentemente dalla sua ubicazione, anche quando la persona sia all esterno del proprio domicilio 16. Accanto a questo aspetto, si colloca un altro fattore di portata rivoluzionaria, dovuto alla convergenza attuata fra mondo delle comunicazioni e tecnologia digitale. Esiste, infatti, la possibilità di utilizzare il telefono mobile per trasmettere contenuti ulteriori rispetto alle semplici chiamate vocali, contenuti mutuati da diversi mezzi di comunicazione: audiovisivi (televisione), musica (radio), dati (internet), etc. 17. In quest ottica, ciò che è mezzo può divenire veramente messaggio, come accade nella veicolazione dell accesso ad Internet attraverso il telefono mobile che inevitabilmente rappresenta una mutazione rispetto al precedente fenomeno. elettrico di un circuito integrato. I circuiti analogici sono concepiti per elaborare segnali analogici (cioè che possono variare con continuità nel tempo in modo arbitrario), mentre quelli digitali sono creati per trattare con segnali digitali binari. 15 Acronimo di Universal Mobile Communication System. 16 Cfr. J.P. HEURTIN, La téléphonie mobile, une communication itinérante ou individuelle? Premiers éléments d une analyse des usage en France, in Reséaux. Communication Technologie-Société, 1998, vol. 16, n. 90, Come affermato da V. ZENO ZENCOVICH, op. cit., XVIII, in riferimento ai tratti distintivi della telefonia fissa: «La telefonia mobile ha travolto tutto questo, cambiando modo di comunicare (gli sms, ed il loro lessico sincopato, gli smiley), il tempo (sempre), il luogo (ovunque vi sia campo ), le prassi di lavoro, le relazioni umane, la postura e la gestualità». 17 In generale, si nota come il processo tecnologico, economico, sociale e dunque anche giuridico che va sotto il nome di convergenza vede sempre più avvicinarsi il mondo delle telecomunicazioni, nato e fondato sulle reti, a quello della radiotelevisione, nato e fondato sui contenuti. Cfr. V. ZENO ZENCOVICH, op. cit., XVII. Cfr. anche Commissione UE, Libro Verde sulla convergenza tra i settori delle telecomunicazioni, dell audiovisivo e delle tecnologie dell informazione e sulle sue implicazioni normative. Verso un approccio alla società dell informazione, COM (97) 623, 3 dicembre 1997.

5 Introduzione XIII Sotto un diverso profilo (commerciale) tutto ciò comporta la creazione di nuovi servizi, la molteplicità di occasioni di espansione e sviluppo del business originario delle imprese di telecomunicazione verso prodotti ibridi, caratteristici di altri mezzi di comunicazione, la cui ricezione-trasmissione è resa possibile dalla tecnologia digitale. 3. L enorme sviluppo della telefonia mobile presuppone l emersione di problematiche di carattere giuridico che sarebbe impossibile anche solo elencare in questa sede. Basti pensare ai profili di diritto della concorrenza, attinenti al potenziamento e all unificazione funzionale di diverse piattaforme di rete, all adozione di standards comuni per il trattamento ed il trasporto delle informazioni, nonché alla regolamentazione per l utilizzo delle frequenze (per l accesso agli apparati terminali) e per la veicolazione di contenuti specifici 18. Nelle pagine che seguono ci proponiamo di analizzare soltanto un aspetto del servizio telefonico che riguarda il rapporto che si instaura tra le due parti in esso coinvolte. Ciò nonostante, all orizzonte si collocano i temi della fruizione di contenuti particolari ed aggiuntivi, che rinviano anche ad attività e responsabilità di soggetti terzi. Utile a contestualizzare l analisi di questi aspetti è la trattazione preliminare su aspetti tecnico-regolatori. In questo percorso ricostruttivo si è confortati anche dall osservazione del recente panorama giurisprudenziale che non è certo rimasto indifferente od impermeabile alle molteplici occasioni di conflitto tra le diverse prospettive dell utente e degli operatori. Tenuto conto dei precedenti maturati presso giudici di merito e di legittimità, autorità garanti ed indipendenti, può riscontrarsi, infatti, un primo corpus di decisioni che permette di delineare un quadro tendenzialmente organico in merito ai profili giuridici della telefonia mobile. Quest ultimo appare via via intrecciato al tema, più vasto, delle comunicazioni elettroniche e di Internet e sempre meno confinato nell ambito, un tempo elettivo, delle telecomunicazioni, come campo di studio a sé. Non si tratta, come si potrebbe erroneamente ritenere, di un esperienza monolitica ed a senso unico, nella quale l utente del rapporto di somministrazione del servizio (ovvero l utente-consumatore) è comunque destinato, suo malgrado, a svolgere il ruolo di parte debole, rassegnandosi sovente alle piccole vessazioni ed ai disservizi fisiologici dovuti alle dimensioni elefantiache dell impresa monopolista od oligopolista ed alla sostanziale assenza di efficaci strumenti di tutela. 18 Ancorché i differenti servizi (trasmissione voce/trasmissione video) «viaggeranno così sembra di capire su reti distinte nel senso che utilizzeranno frequenze differenti, l effetto finale di fusione sarà innegabile e comporterà l affermarsi di un nuovo oggetto digitale in grado di offrire una significativa promiscuità d uso con la possibilità di utilizzare, anche contemporaneamente le sue diverse funzionalità». Cfr. Ibidem, loc. cit.; cfr. inoltre OECD, The Implications of Convergence for Regulation of Electronic Communications, 2004, consultabile sul sito

6 XIV La telefonia mobile. Profili giuridici Proprio questo è uno dei caratteri differenziali con il mondo delle telecomunicazioni tradizionali, basate sulla telefonia fissa. L analisi delle problematiche giuridiche connesse all erogazione del servizio radiomobile rivela ben presto un profilo complesso e frastagliato, punteggiato da un costante, ma proficuo confronto e feedback tra aziende ed utenti. Si ravvisa una magmaticità ed estrema volatilità delle scelte e dei destini negoziali di questi ultimi, che richiamano un quadro concorrenziale, efficiente, dinamico e moderno, distante dall archetipo delle telecomunicazioni risalente al secolo scorso. La costante novità dei servizi offerti non trova quasi mai inerti i destinatari, capaci di influenzare, ormai dall interno, gli stessi processi evolutivi del mercato, come affermava un noto claim pubblicitario, che suonava pressappoco voi ci avete cambiato ma anche noi abbiamo cambiato voi. La capacità di autogestione di taluni processi da parte dell utente, la sua velocità di decisione appaiono il fulcro di questo sistema, a discapito della lentezza burocratica che, in settori come le telecomunicazioni novecentesche, assumeva valenza proverbiale. Di contro, si assiste ad aspetti deleteri, tra cui una naturale segmentazione (se non selezione) sociale che vede una sostanziale penalizzazione, se non una calcolata discriminazione, di tutti coloro che mantengano resistenze culturali all aggiornamento tecnologico 19, il che non significa solamente una mancata occasione di semplificare taluni aspetti del vivere quotidiano, ma si traduce ormai in un potenziale indebolimento sotto il profilo dell autotutela stragiudiziale. Si afferma sul mercato una tendenza alla segmentazione dei servizi, alla razionalizzazione ed all efficienza in un ottica di diminuzione dei costi e di corrispondente vantaggio concorrenziale. Un ruolo sempre più responsabile ed operativo è richiesto all utente, costantemente informato e assiduamente messo in condizioni di scegliere offerte più convenienti con opportunità di fruire addirittura di premi e promozioni di vario genere. Ancora una volta il driver di tutto ciò è rappresentato dall inarrestabile innovazione tecnologica e, non a caso, la quota di mercato del traffico vocale è andata progressivamente assottigliandosi di fronte all affermazione di servizi aggiuntivi, di pari passo con le nuove generazioni di apparecchi terminali. La rilevanza sociale del fenomeno telefonia mobile e la sua attitudine a condizionare profondamente abitudini e mode delle generazioni attuali e future si 19 Il quadro, così tinteggiato, dovrebbe mettere in guardia dall assumere posizioni pregiudiziali sull innovazione telefonia mobile, quali trionfalismi progressisti, o, al contrario, atteggiamenti neoluddisti. Sulle difficoltà di governo e di ordine sociale legate all affermazione della tecnologia, intesa come procedimento scientifico applicato ai saperi pratici, si veda in chiave storico-sociologica, D. NOBLE, La questione tecnologica (trad. it.), Torino, 1993, con Introduzione di E. FANO, Devoti, eretici e critici del progresso.

7 Introduzione XV inserisce a pieno titolo nel più vasto fenomeno della progressiva informatizzazione ed elettrificazione della persona e del corpo umano. Per questo costante processo di immersione dell uomo in un mondo virtuale fatto di bit e di microchip, si potrebbe far ricorso, anche in riferimento al rapporto ormai ombelicale tra uomo e telefonino, al concetto di homo tecnologicus. Si pensi, per esempio, alla funzione che, nella quotidianità, il telefonino e l auricolare rivestono su attività di o- gni tipo, quasi costituissero un necessario complemento dei movimenti e dei comportamenti umani nella relazionalità interpersonale. Il possesso e l utilizzo costante potenzialmente in ogni momento della giornata di un apparecchio che emette e riceve segnali in rete richiama la problematica del controllo sui movimenti, sui comportamenti e le abitudini relazionali della persona. Dalla costante interazione tra l uomo e la macchina, che in questo caso è un mezzo di comunicazione, scaturisce una pluralità di problemi giuridici legati soprattutto all accentuarsi di dipendenze di vario genere dietro alle quali si perde, molto spesso, l identità di un responsabile. Non va, quindi, sottovalutato il correlativo potenziale di incidenza sui diritti della persona, legato all utilizzo di questi strumenti ed alla loro massiccia diffusione presso il pubblico. Privacy, intesa in senso ampio, e diritti dei consumatori spesso si sovrappongono; nei casi più gravi, si può scorgere un rischio di manipolazione dei soggetti più deboli: i minori, oppure gli anziani, sicuramente meno avvertiti del linguaggio specialistico, la cui conoscenza spesso è data per scontata in coloro che si avvicinano (o vengono avvicinati) alle nuove tecnologie. La stessa giovane età delle tecnologie che hanno dato corpo a questi servizi innovativi è probabilmente all origine del loro rapido attecchire nella società attuale e, soprattutto, fra i giovani. Ma quest elemento ha consentito di superare d un balzo molte delle incrostazioni giuridico-regolatorie che, nonostante l effettiva presa di coscienza dei nuovi diritti di utenti e consumatori che ha contraddistinto la legislazione europea dell ultimo scorcio di secolo, continuano a condizionare pesantemente il settore delle telecomunicazioni di più lungo corso. Anche per questo motivo, il presente lavoro sarà concentrato su un area d indagine circoscritta ma più estesa della generica materia delle telecomunicazioni, consapevoli del fatto che l evoluzione tecnologica sta prospettando un definitivo superamento di quest ultima categoria, in favore di una non più avveniristica convergenza tecnologica. Le originarie riserve amministrative e le prerogative del monopolio pubblico sembrano ormai tramontate e si assiste, nel mondo sempre più onnicomprensivo delle comunicazioni elettroniche, all innesto di una miriade di servizi e prestazioni, operanti a vari livelli e provenienti da attività economiche un tempo assai distanti fra loro. Basti pensare alle riserve di attività esistenti a favore delle banche in materia monetaria che, in relazione agli strumenti di pagamento alternativi, incrociano

8 XVI La telefonia mobile. Profili giuridici l iniziativa di creazione delle imprese tecnologiche e di telecomunicazioni, ormai abituate ad adoperare modalità di pagamento telefoniche e schede prepagate. Ciò è rilevante per la veicolazione e la fatturazione di nuovi servizi o più semplicemente, come già può osservarsi, per la funzione di collettori di un vero e proprio microcredito aggregato proveniente da milioni di clienti abituali. Tutto ciò dischiude agli operatori prospettive, naturalmente disseminate di rischi, di inusitata intraprendenza in ambito finanziario. La modalità del prepagato, con la conseguente leva finanziaria a tasso zero che, in base ad economie di scala, si viene a determinare, sembra ontologicamente incompatibile con una sommatoria di prestazioni istantanee anticipate, la cui contropartita (fruizione del servizio per l intero importo) è puramente eventuale. Tale inquadramento, anche sotto un profilo dei criteri di contabilizzazione in bilancio, potrebbe andare oltre ogni più rosea previsione di incremento dei guadagni, rivelandosi tendenzialmente instabile ed impreciso, a fronte della propensione migratoria della clientela. Le molteplici incognite prospettate da questa situazione richiedono un attenzione costante da parte degli operatori del diritto, giustificando anche l interesse delle recenti riforme di liberalizzazione sulla correttezza dei meccanismi di retention e concorrenziali, che pongono delicate questioni, non solo fiscali e di bilancio, ma riguardanti la stessa prospettazione giuridica del servizio prepagato. Si scopre che occuparsi di telefonia mobile costringe ad andare ben oltre il telefono ed i canoni di abbonamento, guardando, invece, all attivazione ed al funzionamento delle sim cards, alle regole che presiedono alle varie modalità di ricarica del credito e così via, in un vortice di neologismi (e tecnicismi) che suona come una sfida alla conoscenza interdisciplinare. Ciò comporta inevitabilmente una riflessione sull attualità delle preesistenti categorie e probabilmente dischiude preziose opportunità di fare un poco di chiarezza nel campo terminologico e classificatorio. Nonostante le molte innovazioni, il futuro mantiene radici nel passato e, per spiegare vicende apparentemente sconosciute, ritornano utili istituti e temi classici del diritto privato, come accade, ad esempio, per il richiamo ai documenti di legittimazione in riferimento alle sim cards. I punti cruciali, su cui è dato registrare una maggiore propensione al contenzioso, sono costituiti dalla trasparenza informativa sulle condizioni economiche, specie se correlate alla migrazione da un operatore all altro, dalla tempestività dell attivazione delle linee, dalla presenza di costi aggiuntivi occulti, caratteristica dell ingannevolezza e scorrettezza pubblicitaria. Al contrario, risultano sempre meno frequenti i profili di problematicità, tipici dei contratti di durata, legati alla qualità del servizio in sé o agli errori di fatturazione e di accredito. Questi ultimi vanno progressivamente livellandosi tra i diversi competitors o, addirittura, scompaiono con l automatizzazione dei processi e la diretta gestione da parte

9 Introduzione XVII degli utenti stessi. Proprio la variabile delle offerte economiche e delle promozioni incentiva con la c.d. number portability, il frequente passaggio ad altro o- peratore, presso il quale è dato mantenere inalterata la propria posizione creditoria ed il proprio numero telefonico. Una panoramica di tipo casistico sull illecito contrattuale ed extracontrattuale restituisce, poi, la convinzione che il valore dei danni sia, il più delle volte, rilevante solo se considerato nell insieme. Ciò richiama un ruolo nevralgico delle associazioni dei consumatori e delle azioni di tipo collettivo nella materia della telefonia mobile, di cui si tiene conto, con riferimento alle recenti riforme introdotte nel nostro ordinamento. Una particolare attenzione dovrà dedicarsi, infine, alla continua osmosi tra norme settoriali delle telecomunicazioni (concetto ormai rimpiazzato dal più attuale comunicazioni elettroniche ) e profili civilistici ed interdisciplinari. La ricognizione contribuisce ad evidenziare i limiti di una presunta impermeabilità dei c.d. ordinamenti sezionali da influenze esterne. Anche qui, come in altri ambiti (uno su tutti l intermediazione finanziaria), si assiste ad un approccio diretto a valorizzare un interpretazione teleologicamente orientata alla tutela di interessi concreti: interessi di utenti e consumatori della telefonia mobile, che sembrano aver trovato un entusiastico interprete proprio nella giurisprudenza dei Giudici e delle Autorità.

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

Carta del Cliente di Vodafone Omnitel N.V. (Vodafone) per i servizi GSM e UMTS

Carta del Cliente di Vodafone Omnitel N.V. (Vodafone) per i servizi GSM e UMTS Carta del Cliente di Vodafone Omnitel N.V. (Vodafone) per i servizi GSM e UMTS Introduzione Parte Prima : I Principi Parte Seconda: Gli Standard Parte Terza: La Tutela Introduzione Vodafone è il primo

Dettagli

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010 RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Giugno 211 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 21 Caratteristiche degli operatori Salvo precisazione contraria, le cifre presentate in questo documento

Dettagli

Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 626 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 627 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 628 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE

SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE Il presente modulo deve essere SEMPRE allegato al modulo di identificazione debitamente compilato e sottoscritto. INFORMATIVA AI

Dettagli

INFOSECURITY. Le iniziative di Federcomin per il commercio elettronico sicuro. Pietro Varaldo Direttore Generale Federcomin

INFOSECURITY. Le iniziative di Federcomin per il commercio elettronico sicuro. Pietro Varaldo Direttore Generale Federcomin INFOSECURITY Le iniziative di Federcomin per il commercio elettronico sicuro Milano, 12 febbraio 2004 (ore 16) Fiera di Milano, Sala 3-Camperio Pietro Varaldo Direttore Generale Federcomin Ecommerce: i

Dettagli

SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso

SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso SMS di pubblica utilità: le regole per il corretto uso GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Nella riunione odierna, in presenza del prof. Giuseppe Santaniello, vice-presidente, del prof. Gaetano

Dettagli

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP e via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP è Voice over IP (Voce tramite protocollo Internet), acronimo VoIP, è una tecnologia che rende possibile effettuare una conversazione telefonica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE SERVIZIO SMS DA SOFTWARE

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE SERVIZIO SMS DA SOFTWARE L utilizzo da parte delle società che aderiscono al Progetto Ecosistema Digitale Expo dei dati forniti da Telecom Italia S.p.A. in relazione allo stesso è soggetto all accettazione dei seguenti termini

Dettagli

su misura Inchiesta Per dimezzare il costo delle telefonate al cellulare analizzate le vostre abitudini e scegliete bene. la NOSTRA INCHIESTA

su misura Inchiesta Per dimezzare il costo delle telefonate al cellulare analizzate le vostre abitudini e scegliete bene. la NOSTRA INCHIESTA Inchiesta Tariffe su misura Per dimezzare il costo delle telefonate al cellulare analizzate le vostre abitudini e scegliete bene. isparmiare oltre 200 euro all anno sulle chiamate effettuate e sugli sms

Dettagli

Piccola guida al cellulare del futuro UMTS. oltre la telefonata. Video, musica, Internet, giochi e molto altro. Sempre con te

Piccola guida al cellulare del futuro UMTS. oltre la telefonata. Video, musica, Internet, giochi e molto altro. Sempre con te Piccola guida al cellulare del futuro UMTS oltre la telefonata Video, musica, Internet, giochi e molto altro. Sempre con te 1 UMTS oltre la telefonata Ideazione e realizzazione: Galileo Servizi Editoriali

Dettagli

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 1. Premessa A seguito di una richiesta di chiarimenti da parte della Commissione Europea in materia di costi di ricarica per gli utenti

Dettagli

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 Sommario 1. Chi siamo Istituzione e obiettivi Quadro comunitario (focus DDA) 2. Come

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

Struttura dei contratti B2B per la telefonia fissa e mobile

Struttura dei contratti B2B per la telefonia fissa e mobile Wireless Forum Spring Milano, 21 aprile 2005 Struttura dei contratti B2B per la telefonia fissa e mobile Avv. Raffaele Giarda Partner Baker & McKenzie Roma StP Agenda Struttura dei contratti B2B per la

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

Quali scenari dal Mobile Payment?

Quali scenari dal Mobile Payment? Quali scenari dal Mobile Payment? 9 Giugno 2011 Filippo Renga filippo.renga@polimi.it La dinamica del mercato dei Media in Italia: Non Digitali vs. Digitali 16.000 14.000 12.000 14.570 14.150-16% 11.910

Dettagli

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo 1 11.. Accesso A multiplo 2 Modalità di trasmissione (1/3) Ad una via (unidirezionale): dalla sorgente S verso la destinazione S A due vie (bidirezionale): tra 2 terminali T1, T2 T1 T2 3 Modalità di di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Vers. 1.9-01/01/12

CARTA DEI SERVIZI Vers. 1.9-01/01/12 COMeSER S.r.l. Piazza Repubblica, 20-43036 Fidenza (PR) Tel. 0524 881111 - Fax 0524 881118 E-mail: info@comeser.it - www.comeser.it C.N.T. di Ugolotti Giovanni Strada Laurano, 1/1-43024 Neviano degli Arduini

Dettagli

Carta dei servizi Datait Srl. 1.Premessa

Carta dei servizi Datait Srl. 1.Premessa 1.Premessa 1.1 La carta dei servizi La carta dei servizi, unitamente alla proposta di abbonamento e all offerta commerciale, risponde all esigenza di fissare principi e regole nei rapporti tra gli operatori

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO SUBENTRATO Il/La sottoscritto/a. Legale rappresentante della societa C.F. P.I. Indirizzo.. cap comune prov. Recapito telefonico autorizza il subentro sul contratto

Dettagli

L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTO il regolamento del Consiglio n. 1/2003 del 16 dicembre 2002;

L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTO il regolamento del Consiglio n. 1/2003 del 16 dicembre 2002; L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 9 marzo 2011; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 102 del TFUE;

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 1. SERVIZI DEFINIZIONE DIGITALI DEFINIZIONE Nella disciplina IVA, i servizi che si qualificano come elettronici vanno distinti da quelli che la stessa normativa in materia di IVA considera

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Caratteristiche degli operatori

Caratteristiche degli operatori RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Luglio 2013 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche e postali in Francia Dati 2012 Caratteristiche degli operatori Salvo ulteriori precisazioni, i dati contenuti in questo

Dettagli

Offerta Tecnico Commerciale rev. 0.2 Servizi VoIP.Tel

Offerta Tecnico Commerciale rev. 0.2 Servizi VoIP.Tel Offerta Tecnico Commerciale rev. 0.2 Servizi VoIP.Tel 07/07/06 Pag. 1 di 7 1 DESCRIZIONE GENERALE 3 2 DOMINIO ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 3 WEB HOSTING ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4

Dettagli

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Emissione Verifica Approvazione Nomi Servizio Informatico e Telecomunicazioni Dirigente Servizio Informatico e Telecomunicazioni

Dettagli

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella DISEGNI DI LEGGE N. 1880 E CONNESSI SULLA RIFORMA DELLA RAI (Commissione 8ª - Lavori pubblici, comunicazioni) Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato Professor Giovanni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia)

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) Funzionalità Informative Pull N 04 FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) SIMPLY BANCOPOSTA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA TIM DUO TARIFFE E SERVIZI

NOTA INFORMATIVA TIM DUO TARIFFE E SERVIZI ALLEGATO B NOTA INFORMATIVA TIM DUO TARIFFE E SERVIZI L utenza assegnata avrà le seguenti configurazioni di default: 1. servizio Tim Duo voce ed sms: per l attribuzione privata del traffico fonia e sms

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia)

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) Funzionalità Informative Pull N 07 FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA (delibera CICR 04.03.2003 e istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) SIMPLY BANCOPOSTA

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

Personal Digital Evidence. Contenuti. Dispositivi per la comunicazione I. Definizioni. Una introduzione alla. Mobile forensics

Personal Digital Evidence. Contenuti. Dispositivi per la comunicazione I. Definizioni. Una introduzione alla. Mobile forensics Personal Digital Evidence Una introduzione alla Mobile forensics Corso di Informatica Forense - OIG Facoltà di Giurisprudenza Università degli studi di Bologna Dr. Stefano Fratepietro m@il: stefano.fratepietro@unibo.it

Dettagli

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione PRIVACY La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano. Si tratta

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

INDICE. 1. La Carta dei Servizi 2. Orakom 3. I principi 4. L impegno 5. Qualità 6. Gestione reclami 7. Contatti 8. Servizi

INDICE. 1. La Carta dei Servizi 2. Orakom 3. I principi 4. L impegno 5. Qualità 6. Gestione reclami 7. Contatti 8. Servizi ORAKOM SRL CARTA DEI SERVIZI aggiornamento novembre 2011 INDICE 1. La Carta dei Servizi 2. Orakom 3. I principi 4. L impegno 5. Qualità 6. Gestione reclami 7. Contatti 8. Servizi 1 La Carta dei Servizi

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche Modulo 1 Concetti di base Lezione 4 Reti informatiche 1 Che cos è una rete di computer? E un insieme di computer vicini o lontani che possono scambiarsi informazioni su un cavo, sulla linea telefonica,

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

RIFORMA DELL EDITORIA

RIFORMA DELL EDITORIA RIFORMA DELL EDITORIA Il sistema normativo che regola l intervento dello Stato nel settore dell editoria e dei prodotti editoriali è caratterizzato da una serie di provvedimenti legislativi che traggono

Dettagli

Sia il Servizio che la Risponderia avranno durata dalla data della sua attivazione e sino alla data della richiesta di disattivazione.

Sia il Servizio che la Risponderia avranno durata dalla data della sua attivazione e sino alla data della richiesta di disattivazione. Le seguenti condizioni di contratto regolano le modalità di erogazione del servizio MusiCall - Risponderie (in seguito il "Servizio") offerto da Wind Telecomunicazioni S.p.a. (di seguito "WIND") con sede

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT)

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Modifica del 2012 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 31 ottobre 2001 1 sulla

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

Henkel con una buona crescita organica

Henkel con una buona crescita organica Comunicato stampa Düsseldorf, 6 agosto 2008 Secondo trimestre all insegna di National Starch e del programma per l incremento dell efficienza Henkel con una buona crescita organica Forte crescita del fatturato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Tecnoservizi S.a.s - Via Chiesa sud, 134-41016 Rovereto s/s (MO) - tel.: 059672111 - fax: 0594909946 - e.mail: ts@tsnet.

CARTA DEI SERVIZI. Tecnoservizi S.a.s - Via Chiesa sud, 134-41016 Rovereto s/s (MO) - tel.: 059672111 - fax: 0594909946 - e.mail: ts@tsnet. CARTA DEI SERVIZI INDICE PARTE I - I PRINCIPI FONDAMENTALI 1.1 PREMESSA 1.2 PRINCIPI FONDAMENTALI 1.3 UGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ 1.4 CONTINUITÀ DI SERVIZIO 1.5 DIRITTO DI SCELTA 1.6 PARTECIPAZIONE AL

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

L area delle telecomunicazioni

L area delle telecomunicazioni L area delle telecomunicazioni Quest Area occupazionale comprende tutte le attività legate all erogazione dei servizi di Telecomunicazioni, come la comunicazione a distanza di suoni, parole, immagini,

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data

Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data E-privacy 2013 - Winter Edition BIG DATA 2.0 Accesso all informazione e privacy tra open data e Datagate Le prospettive di tutela della privacy nello scenario tecnologico del Cloud e dei Big Data Avv.

Dettagli

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND Roma, 21 marzo 2003 Enel ha presentato oggi i risultati finanziari consolidati 2002

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

I dati personali potranno essere oggetto di trattamento anche per la finalità di consentire la navigazione e la consultazione del Sito.

I dati personali potranno essere oggetto di trattamento anche per la finalità di consentire la navigazione e la consultazione del Sito. Privacy Policy (Codice della Privacy Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) La Mind the Lab snc, quale editore del Social Network denominato I AM CALCIO, si impegna costantemente per tutelare la privacy

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO SUBENTRATO I dati con * sono obbligatori. sottoscritt, ME (SE AZIENDA RAGIONE SOCIALE) * COGME (SE AZIENDA N COMPILARE) * CODICE FISCALE /P. IVA * NATO A * PROV

Dettagli

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE L ITALIA DELL E-FAMILY RAPPORTO 2005 In collaborazione con Niche Consulting EXECUTIVE SUMMARY 1.1 LA TECNOLOGIA IN CASA: NEL 2004 UNA CRESCITA DIFFERENZIATA Per quasi un decennio e fino al 2003 la diffusione

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Relazione Osservatorio ANFoV, in collaborazione con Baker & McKenzie. Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA Anno 2012, Numero 634 FRANCIA C C M P (Commissione Consultativa appalti pubblici) Rapporto annuale 2011 Il Rapporto annuale 2011 evidenzia vari temi rilevanti e in particolare: 1) contratti globali : la

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Tutor: Luca Martignoni Email: lmartignoni@eco.uninsubria.it luca_marty@msn.com

Tutor: Luca Martignoni Email: lmartignoni@eco.uninsubria.it luca_marty@msn.com Tutor: Luca Martignoni Email: lmartignoni@eco.uninsubria.it luca_marty@msn.com La SIMktg La Società Italiana di Marketing www.simktg.it La Società Italiana di Marketing nasce nel 2002 sul modello della

Dettagli

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area)

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) ABI SPIN 2006 SWIFT ITALY I fattori del cambiamento Regolamentazione e competizione I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) Antonio Finocchiaro Vice Direttore generale della Banca

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

2. IL QUADRO GIURIDICO E NORMATIVO

2. IL QUADRO GIURIDICO E NORMATIVO Il sistema europeo delle comunicazioni 2. IL QUADRO GIURIDICO E NORMATIVO 1. LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA EEUROPE E L ARMONIZZAZIONE DELLE REGOLE Nei primi mesi del 2000 si è conclusa la consultazione pubblica

Dettagli

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale Università degli Studi di Roma Tor Vergata Roma, 13 Marzo 2014 Rivoluzione Industriale e Rivoluzione Digitale Rivoluzione

Dettagli

Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi

Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi SMS A TUTTA FORZA Pubblicità: cresce quella sul cellulare. Perché una campagna sms è efficace, immediata ed economica. È l invenzione preferita

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Modifica dell ordinanza sui servizi di telecomunicazione (OST)

Modifica dell ordinanza sui servizi di telecomunicazione (OST) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC 24.05.2011 Modifica dell ordinanza sui servizi di telecomunicazione (OST) Rapporto esplicativo 1 Servizio universale

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

Assistenza completa anche online

Assistenza completa anche online Assistenza completa anche online MyVisana, il nostro portale dei clienti online Per una copertura assicurativa ottimale per ogni fase della vita. www.visana.ch Iscrivetevi ora! www.myvisana.ch Con MyVisana

Dettagli

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI LE RETI DIGITALI Interconnessioni elettroniche tra imprese e soggetti economici in cui si svolgono comunicazioni e transazioni Costituiscono la base su cui nell era

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALFAVID INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI MORALI E QUALITA DEL SERVIZIO 3. SERVIZIO 4. RECLAMI 5. CORTESIA E CHIAREZZA 6.

CARTA DEI SERVIZI ALFAVID INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI MORALI E QUALITA DEL SERVIZIO 3. SERVIZIO 4. RECLAMI 5. CORTESIA E CHIAREZZA 6. CARTA DEI SERVIZI ALFAVID INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI MORALI E QUALITA DEL SERVIZIO 3. SERVIZIO 4. RECLAMI 5. CORTESIA E CHIAREZZA 6. PRIVACY 7. ONERI E PAGAMENTI 8. TEMPI DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29 Bollettino Settimanale Anno XVIII - n. 29 Pubblicato sul sito www.agcm.it il 25 agosto 2008 56 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE PS7 - SKY-PACCHETTO CALCIO Provvedimento

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Analisi della strategia competitiva nel settore della telefonia mobile

Analisi della strategia competitiva nel settore della telefonia mobile Il caso: TIM Vs Omnitel Analisi della strategia competitiva nel settore della telefonia mobile Caso TIM Vs Omnitel (poi Vodafone) La Gestione dell Innovazione nell Impresa 1 Obiettivi Analisi dell evoluzione

Dettagli

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO

MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO MODULO PER SUBENTRO CONTRATTO D ABBONAMENTO SUBENTRATO I dati con * sono obbligatori. sottoscritt, ME (SE AZIENDA RAGIONE SOCIALE) * COGME (SE AZIENDA N COMPILARE) * CODICE FISCALE /P. IVA * NATO A * PROV

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 234/15/CONS DIFFIDA ALLE SOCIETÀ NÒVERCA ITALIA S.R.L. E TELECOM ITALIA S.P.A. AL RISPETTO DEGLI ARTT. 70 E 71 DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO

Dettagli

La piattaforma evolve e libera le vostre comunicazioni.

La piattaforma evolve e libera le vostre comunicazioni. VoIP Connect ora anche su Smartphone IPhone - IOS e Android Planetel Srl Via Boffalora, 4 24048 Treviolo (BG) http://www.planetel.it e-mail: info@planetel.it Ufficio Commerciale : Tel +39 035204070 - Servizio

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2014 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attività

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA

SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA 30 VINCENZO MARIO SBRESCIA I SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI NEL MERCATO EUROPEO DELLA RADIOTELEVISIONE

Dettagli

Privacy e Comunicazioni Commerciali: le linee guida in materia di attività promozionale e contrasto allo spam

Privacy e Comunicazioni Commerciali: le linee guida in materia di attività promozionale e contrasto allo spam DirICTo Privacy e Comunicazioni Commerciali: le linee guida in materia di attività promozionale e contrasto allo spam http://www.massimofarina.it http://www.diricto.it Già prima del Codice Privacy (vigente

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa PROCEDURE DI ARCHIVIAZIONE E CATALOGAZIONE INDICE COS E UN DOCUMENTO...

Dettagli