COMMERCIO ESTERO N O T I Z I A R I O ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMERCIO ESTERO N O T I Z I A R I O ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI"

Transcript

1 INDIA 1 Maggio 2007 COMMERCIO ESTERO N O T I Z I A R I O ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI Aggiornamento: aprile INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA - REGIME DELLE IMPORTAZIONI - REGOLAMENTAZIONE VALUTARIA E MODALITA' DI PAGAMENTO - REGIME DOGANALE - DOCUMENTAZIONE RICHIESTA - COME ENTRARE NEL MERCATO E COME VENDERE Accordi di agenzia Come acquista la pubblica amministrazione Protezione del consumatore Standards di prodotto, norme, obblighi del produttore Marchi, etichette e packaging Marketing di prodotto e pubblicità - INVESTIMENTI ESTERI - PROPRIETA INTELLETTUALE - TRASPORTI Magazzini doganali. Foreign Trade Zones - CONSIGLI PRATICI PER GLI ESPORTATORI - INDIRIZZI UTILI PER GLI ESPORTATORI AVVERTENZA. Le notizie riportate nelle pagine seguenti sono state raccolte da varie pubblicazioni tra le quali quelle di Dun & Bradstreet Inc. 2007, Coface 2007 e Department of ommerci e sono state aggiornate alla data indicata. Si declina tuttavia, come d uso, ogni responsabilità in merito ad esse e si consiglia di verificare di volta in volta le indicazioni fornite.

2 INDIA PRODOTTO INTERNO LORDO (2005): 3033 trilioni di dollari; PIL pro-capite 2900 dollari. PRINCIPALI CITTA. New Delhi (capitale) 11 milioni, Mumbai (Bombey) 15 milioni, Kolkata (Calcutta) 12 milioni, Chennai (Madras) 6 milioni, Bangalore (5 milioni). Lingua: Hindi, inglese ed altre 14 lingue ufficiali. Scambio con l estero (dollari USA): totale importazioni f.o.b miliardi di dollari; totale esportazioni f.o.b miliardi di dollari (stima 2006). Bilancia commerciale: deficit 33.8 miliardi di dollari. Principali partners commerciali: importazioni: Stati Uniti, Belgio, Regno Unito, Cina e Singapore.. Esportazioni: Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Hong Kong e Germania. Moneta: rupia indiana. La tabella che segue indica l andamento della rupia indiana nei confronti del dollaro calcolato sulla prima settimana di maggio di ciascun anno. Aggiornamento: aprile 2007 POPOLAZIONE (2005): 1065 milioni di abitanti. Demografia: - Struttura per età: 0-14 anni: 31.7%; anni: 63.5%; 65 e oltre: 4.8% (2005). VALUTAZIONE DEL RISCHIO (stime Coface) A breve termine: rischio basso. A medio termine: rischio basso. Rupia vs. $ (marzo) SISTEMA GIURIDICO. Basato sulla Common Law inglese. L India accetta come obbligatorie le risoluzioni della International Court of Justice. Pesi e misure: sistema metrico. GOVERNO. Repubblica federale.

3 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ECONOMICA. Nel 2006 l economia è cresciuta ad un ritmo assai sostenuto: +8% rispetto all anno precedente. Stanno emergendo alcuni segni di surriscaldamento. L inflazione ha superato il 5%. I prezzi dei prodotti alimentari hanno dato la spinta più forte. La bilancia dei pagamenti di parte corrente è ora in deficit (1,3% del PIL). La produzione agricola è scesa. Nel la crescita dell economia dovrebbe rallentare leggermente. In questo stadio del ciclo economico, la politica del governo mira a ridurre la spesa pubblica. Continua la crescita dell economia. Dopo aver fatto segnare per due anni consecutivi una crescita del 8.5% del PIL, nel corso del 2006 vi è stato un leggero rallentamento (+8%). Questa tendenza continuerà anche nel 2007 (+7,5%) e nel 2008 (+7%). La crescita è stata particolarmente evidente nel settore manifatturiero. La liberalizzazione dei settori delle telecomunicazioni e del trasporto aereo hanno spinto la crescita in modo particolare. Sono invece in ritardo due settori dominati dalle imprese pubbliche, minerario ed elettricità. La produzione di beni di consumo durevoli e di beni strumentali è in forte crescita, trainati dalla domanda dei consumatori e dagli investimenti delle imprese. Ma sale l inflazione e cresce il deficit della bilancia dei pagamenti. L aumento della domanda interna ha avuto anche effetti negativi. L inflazione è salita di due punti percentuali in un anno. È ora al 5,5% (2007). Resterà su questi livelli anche nel 2008 (5,2%). Occorre però ricordare che gran parte di questa accelerazione è stata determinata dall aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. La forte domanda di prodotti di importazione e l aumento del prezzo del petrolio ha spinto in deficit la bilancia di pagamenti di parte corrente (1,3% del Pil nel 2007). Gli esperti prevedono che questo deficit salirà ulteriormente in un prossimo futuro. Taglio della spesa pubblica. Sia il governo centrale sia i governi degli stati federali sono impegnati nel ridurre la spesa pubblica che attualmente ha un deficit pari al 3% del Pil. Sono aiutati in questa politica dall aumento delle entrate fiscali a loro volta trainate dall introduzione dell imposta sul valore aggiunto. Devono affrontare scelte difficili in quanto nelle aree rurali manca ogni forma di welfare e i redditi medi sono di molto sotto la linea di povertà. Cresce la liquidità nonostante l aumento dei tassi di interesse. La Banca Centrale ha aumentato il tasso portandolo al 6% (con tre ritocchi in un anno, 2006). Ciò nonostante la moneta in circolazione è aumentata del 18%. Cresce il ricorso al credito sia da parte dei consumatori che da parte delle imprese e delle organizzazioni pubbliche nonostante una notevole volatilità gli indici della borsa di Mumbai hanno fatto segnare una crescita del 40% nel corso del Nello stesso anno i prezzi delle abitazioni nelle dieci città più importanti sono aumentati del 40%. È verosimile attendersi un rallentamento nella crescita. Sia la politica monetaria che la politica fiscale mirano a sostenere lo sviluppo dell economia. Il settore agricolo non 1

4 riesce però a tenere il passo. Ciò spiega il leggero rallentamento nel ritmo di crescita tra il e i due anni precedenti. La crescita dell economia è destinata a dilatare il deficit della bilancia dei pagamenti di parte corrente. È anche prevedibile un aumento dell inflazione e la conseguente riduzione del potere di acquisto e quindi dei consumi. Non accenna però a calare l indebitamento delle famiglie. Per quanto riguarda le esportazioni gli esperti prevedono che vi sarà un rallentamento nella crescita, fatta eccezione per i servizi alle imprese e l area del software. È prevedibile che la Banca Centrale aumenti nuovamente i tassi di interesse. Se ciò avvenisse, come è molto probabile, l attività di costruzione edile avrà un ulteriore rallentamento. Rischio di surriscaldamento. Tenendo conto dei fattori prima ricordati, in primo l aumento dei tassi di interesse, è molto probabile che nel sistema economico emergano strozzature. Una difficoltà verrà anche dall aumento dell inflazione con conseguenze prevedibili sulle quotazioni nel mercato azionario e sulla capacità di attrarre investimenti dall estero. Le note positive verranno dall aumento delle esportazioni di servizi alle imprese e di software. PRINCIPALI INDICATORI Variazioni percentuali rispetto all anno precedente Prodotto interno lordo Prezzi al consumo Esportazioni (volumi, % crescita) Importazioni (volumi, % crescita) Bilancia commerciale (deficit in miliardi di dollari) Bilancia dei pagamenti di parte corrente (mld di dollari) Accesso al mercato. Sia nel settore agricolo che in quello industriale i dazi doganali sono ancora molto alti. La media per i prodotti industriali si aggira intorno al 18% (4% per l Unione Europea) e il picco supera il 40%. Il livello medio dei dazi sui prodotti agricoli è ancora più elevato (58,4%) e certe produzioni conservano aliquote assai elevate come ad esempio alcune che vanno da 140% a 254% per i vini e da 209% a 525% per le bevande alcoliche. In contropartita, alcuni prodotti considerati necessari per lo sviluppo economico del paese hanno aliquote molto basse: macchinari, componenti destinati all industria tessile, all industria informatica, alcune pietre preziose grezze, attrezzature per il trattamento dell acqua potabile, materie prime (alcune delle quali con dazi al 5%). Nel contesto delle negoziazioni del Doah Round (WTO), l India è impegnata a ristrutturare e ridurre i dazi doganali. Le barriere non tariffarie sono numerose e sono addirittura aumentate dopo lo smantellamento delle barriere quantitative alle importazioni (aprile 2001). I prodotti alimentari importati sono sottoposti ad esami sistematici per ogni invio (esempio di barriera non tariffaria). Analogamente, i prodotti che arrivano pre-imballati 2

5 devono obbligatoriamente portare sull etichetta, prima di essere importati, il prezzo di vendita al dettaglio massimo comprese le imposte e tasse locali e comprese le spese di trasporto. Infine, le norme in materia di certificazione sono applicate per certi prodotti in modo da svantaggiare gli importatori. PUNTI FORTI Un potenziale di mercato elevato con uno sviluppo assai rapido della classe media. Vantaggi in numerosi settori come l informatica, l outsourcing, la siderurgia, la farmaceutica e il tessile. Imprese locali dinamiche e di dimensioni internazionale. Debito verso l estero gestibile e buone riserve valutarie. Liberalizzazione progressiva dell economia dal 1991 in poi e ristrutturazione della finanza pubblica e del settore bancario. PUNTI DEBOLI Debito pubblico non sostenibile nel lungo termine. Livello di investimenti insufficiente a causa del forte indebitamento dello stato, di una intermediazione finanziaria carente, mancanza di infrastrutture e ritardi nell ammodernamento della legislazione in materia commerciale. Crescita troppo diversa tra classi sociali che genera forti tensioni. La questione del Kachemir crea incertezza nelle relazioni con il Pakistan. Attitudini verso gli investimenti stranieri. Il governo ha deciso nel 1991 di aprire le porte agli investimenti stranieri. Ha adottato un approccio del tipo lista negativa dei settori per i quali l autorizzazione all investimento non è automatica. Restano freni. 1. La fabbricazione di 675 prodotti è campo esclusivo delle piccole imprese; 2. Manca una politica flessibile per i licenziamenti; 3. La grande distribuzione è vietata agli investimenti stranieri; 4. Le riforme giuridiche nel campo della proprietà industriale ed intellettuale non sono ancora state completate; 5. La pressione fiscale è penalizzante per le società estere(41.82% sui profitti, contro il 36.6% per le società indiane); 6. La legislazione fiscale è assai complessa e confusa. Sono stati tuttavia fatti vari miglioramenti: 1. Riduzione progressiva dei settori sottoposti all ottenimento di una licenza di produzione; 2. Modifica alla legislazione al fine di ridurre alcuni ostacoli alla distribuzione interna; 3. Riforme o progetti di riforma in materia di diritto delle società e disciplina della concorrenza; 4. Procedure di valutazione di un progetto di investimento straniero ora più trasparenti rispetto al passato. Non esistono limiti al rimpatrio degli utili, dei dividendi, delle royalty, brevetti e know how. Se la società straniera vuole ritirarsi da una impresa o filiale indiana e rimpatriare il capitale investito, può fare domanda alla RBI (Reserve Bank of India). 3

6 L autorizzazione è data rapidamente. E riservato allo Stato un diritto di prelazione sulle azioni cedute da parte dell impresa straniera. REGIME DELLE IMPORTAZIONI Licenze di importazione (Fonte Dun & Bradstreet). In base alla Export Import (EXIM) Policy del la maggior parte delle importazioni sono consentite senza la necessità di richiedere licenze. Fanno eccezione i prodotti per i quali esiste una specifica proibizione o restrizione (per le quali le importazioni sono ammesse soltanto attraverso licenze) e le importazioni ammesse soltanto attraverso gli acquisti di imprese a controllo pubblico. Sdoganamento e documenti di importazione (Fonte ICE). L Ufficio Imposte Dirette è l autorità preposta al controllo delle importazioni delle merci in India. Nonostante l elevato numero di addetti, le operazioni di sdoganamento sono particolarmente lente a causa dell inefficienza e della corruzione dilagante, pertanto è preferibile che l operatore italiano stabilisca rapporti con importatori o spedizionieri qualificati per la puntuale consegna degli ordinativi. Le merci importate devono essere corredate dalla seguente documentazione: 1. Fattura pro forma. 2. Certificato di origine delle merci. 3. Documenti speciali come ad es. certificato di controllo qualità, certificato di analisi chimica per prodotti chimici e farmaceutici. 4. Polizza di carico (in caso di merci spedite via mare)/polizza di carico aerea (in caso di merci spedite per via aerea). Classificazione doganale delle merci. Il sistema tariffario indiano è basato sulla nomenclatura del Consiglio di cooperazione doganale di Bruxelles, ed utilizza il sistema di designazione e codificazione delle merci denominato Sistema armonizzato (Sa). Il Sa divide i prodotti in 21 macrosettori, a sua volta suddivisi in 99 capitoli. La legge sulle tariffe doganali, approvata nel 1975, è divisa in due sezioni: la prima riguarda le tariffe di importazione, la seconda quelle di esportazione. Dazi doganali. Dalla liberalizzazione economica ad oggi le tariffe doganali hanno subito una graduale riduzione delle aliquote, passando dal 350% del 1991 all attuale 67%. Le importazioni di beni capitali, prima soggette ad un aliquota del 100%, sono ora gravate del 15-35% con una tariffa di base del 25%, con eccezione dei beni capitali importati nelle SEZs che godono di particolari agevolazioni. Le aliquote applicate alle attrezzature sono inoltre inferiori per progetti in settori particolari, ed addirittura inesistenti per progetti orientati all esportazione. La maggioranza dei dazi sono ad valorem. Il dazio doganale di base, normalmente, varia dal 5% al 35%, con 4 aliquote ad valorem pari a 5%, 15%, 25% e 35%. Imposte addizionali sull esportazione. Si segnala l applicazione di un dazio antidumping e di un dazio speciale addizionale (Fonte ICE). 4

7 Dazio antidumping Surcharge Dazio speciale addizionale Tale dazio è pari al dazio interno applicato a merci simili prodotte in India, e rappresenta una compensazione per la perdita di entrate causata dall importazione di tali beni. L aliquota massima su base ad valorem del dazio antidumping è del 16%. Questo dazio addizionale, pari al 10% del dazio doganale di base, è entrato in vigore il 1 aprile Non è riscosso su oro, argento, petrolio e prodotti vincolati dalla OMC. Tale dazio dell`8% è imposto sulle merci importate allo scopo di parificare l imposizione con quella gravante sui prodotti locali. Trattamenti preferenziali. L India partecipa al Sistema Globale di Preferenze Generalizzate (SGPG), all Accordo di Bangkok e all Accordo Commerciale Preferenziale della SAARC (1) (South Asian Association for Regional Cooperation), in base ai quali il paese concede e riceve concessioni tariffarie alle importazioni ed esportazioni di prodotti. Il governo ha notificato le agenzie autorizzate a rilasciare certificati di origine per ciascun accordo, unitamente ai dettagli relativi alle regole di origine, alle voci comprese nell accordo, all estensione della preferenza tariffaria, all accertamento e alla certificazione di eleggibilità, ecc. L Export Inspection Council presiede al rilascio dei certificati di origine relativamente al SGPG e all accordo di libero scambio tra India e Sri Lanka. Negli anni, nonostante la presenza di diversi accordi commerciali tra l India ed alcuni stati membri, quali Maldive, Nepal e Sri Lanka, le tensioni politiche con Pakistan e Bangladesh hanno sempre impedito il raggiungimento di un Free Trade Agreement, come stabilito nell Accordo SAARC. Nel vertice SAARC tenutosi ad Islamabad nel 2004, è stato siglato il South Asia Free Trade Agreement, con lo scopo di portare, attraverso una serie di tagli successivi, le imposte doganali a zero, per i paesi aderenti, entro il 2012, creando una zona di libero scambio che coinvolge attualmente 1,4 miliardi di persone. Le merci indiane godono del Sistema di Preferenze Generalizzate (SPG), vale a dire di un trattamento tariffario preferenziale alle importazioni nei mercati sviluppati di Unione Europea, Stati Uniti, Giappone, Nuova Zelanda, Australia, Canada, Svizzera, Norvegia, Russia ecc. Va ricordato che il SPG è uno schema unilaterale non reciproco, pertanto l India non è tenuta ad adottare lo stesso trattamento preferenziale alle importazioni provenienti dai paesi sviluppati. In data 1/09/2004 e entrato in vigore Early Harvest Scheme (EHS), un accordo tra India e Thailandia con cui i due paesi si sono accordati per il libero scambio di 82 beni. Importazioni temporanee e campionari. Il governo dell India permette l importazione in esenzione da dazio per un periodo di 6 mesi, prima della riesportazione, di materiali da esposizione, compresi materiali da costruzione ed ornamentali, destinati a mostre, fiere o eventi simili, dietro presentazione del Carnet Ata, emesso da una Camera di Commercio della città dell esportatore. La fiera/mostra per cui la temporanea importazione dei campionari viene effettuata, deve essere approvata e sponsorizzata dal Ministero del Commercio oppure dall Organizzazione per la Promozione del Commercio indiana (Indian Trade Promotion Organization - ITPO). L eventuale estensione del periodo di importazione oltre i 6 mesi è di pertinenza delle autorità 5

8 doganali. Materiale promozionale relativo al campionario, come brochure, letteratura ecc. può non essere riesportato. È permessa la vendita degli articoli di campionario temporaneamente importati per una mostra/fiera organizzata/approvata/sponsorizzata dall ITPO ed elencati nel sistema armonizzato. Tale vendita non richiede licenza se viene effettuata entro il periodo permesso per la riesportazione e dietro pagamento dei dazi doganali, soggetti al tetto di rupie (CIF) ad esportatore. Analogamente, sono permesse le importazioni senza licenza di campioni tecnici e commerciali per un valore inferiore a rupie (CIF) a partita, ad eccezione di semi vegetali, api e nuovi medicinali. È permessa inoltre l importazione di tè non superiore a rupie (CIF) a partita. Agli esportatori di pietre preziose e gioielleria è permessa l esportazione temporanea per una valore non eccedente i 2 milioni di dollari per la partecipazione a fiere ed esposizioni all estero. Restrizioni alle importazioni. Con le riforme economiche del 1991 l India ha modificato sensibilmente le politiche di importazione. Esse prevedono la divisione delle merci in due categorie: Merci vietate - per le quali non è permessa l importazione, a meno di avviso ufficiale (policy notification) del governo a riguardo. Tali restrizioni interessano i prodotti di origine animale, sovente con riferimento al Wild Life Protection Act, Merci in regime di Open General License (OGL): i beni possono essere liberamente importati dietro pagamento dei dazi doganali richiesti. Una terza categoria, ossia le merci soggette a Special Import License, è stata eliminata con la liberalizzazione dell aprile Countertrade. Secondo la politica commerciale indiana, viene definita countertrade l operazione in base alla quale le esportazioni/importazioni da/in India sono compensate o da importazioni/esportazioni dirette dal paese importatore/esportatore o attraverso un accordo commerciale con un paese terzo. Le esportazioni/importazioni in countertrade possono essere effettuate attraverso conto presso terzi, compensazione, accordi di scambio o operazioni simili. La compensazione di esportazioni ed importazioni può essere effettuata interamente o parzialmente in contanti, beni e/o servizi. La compensazione è il sistema di countertrade più diffuso in India. Per concludere un accordo di compensazione con un partner straniero non è richiesto un permesso speciale, tuttavia i prodotti che ricadono nella lista negativa delle esportazioni non possono essere compresi in questo tipo di accordo. Sono stati registrati casi di successo relativamente agli accordi di compensazione, con importazione di macchinari dall estero e utilizzo di manodopera locale per la manifattura di prodotti di qualità internazionale a prezzi competitivi. Nel passato l India ha concluso un numero ragguardevole di accordi countertrade con l Unione Sovietica, in forma di accordi di scambio. 6

9 Accordi internazionali. L India è membro delle seguenti organizzazioni: AsBB, BBRD, ICC, IFC, IMF, ISO, SAARC, UN, UNCTAD, WCO, WIPO e WTO. Tenta inoltre di avvicinarsi a: APEC, Nafta e ASEAN. REGOLAMENTAZIONE VALUTARIA E MODALITA' DI PAGAMENTO (Fonte Dun & Bradstreet). Il controllo dei cambi è gestito dalla Reserve Bank of India (RBI) in accordo con la politica generale del Governo. Le banche commerciali agiscono come banche autorizzate. Il sistema finanziario indiano è in piena trasformazione ed ha superato con successo l apertura del mercato internazionale dei capitali. Nel 2003 la RBI ha alzato i limiti (100 mila dollari) in precedenza posti alle rimesse su importazioni senza evidenza di documenti. I distributori autorizzati devono garantire che la documentazione relativa sarà successivamente presentata. Nell aprile 2004 RBI ha reso noto che i crediti superiori a 20 milioni di dollari riguardanti transazioni di importazione con scadenza superiore a un anno, ma inferiore a tre anni sono ora permesse soltanto per importazioni di beni strumentali. Condizioni del credito e del pagamento. Usual terms. Il sistema di pagamento più usato è la lettera di credito confermata e irrevocabile. La dilazione media concessa varia dai 60 ai 90 giorni. Transfer situation. Le dilazioni di pagamento variano a seconda dei settori. I trasferimenti all estero tra banche richiedono in genere da uno a due mesi. Lo stesso periodo è richiesto per i trasferimenti interni tra banche. Le importazioni coprono attualmente 13 mesi. In genere non sono ammessi pagamenti anticipati. In casi particolari, ad esempio per importazioni di beni strumentali per i quali è necessario il pagamento di una caparra al momento dell ordine, è possibile ottenere l autorizzazione da parte della Reserve Bank of India. Sono concessi inoltre pagamenti prima dell arrivo dei documenti di spedizione per un ammontare pari al 15% del valore di importazione con un massimo di 5 mila dollari nei casi di prodotti di investimento. Mezzi di pagamento Grado di utilizzo Rischio Bonifico Swift (o telex) Molto utilizzato Forte rischio di non pagamento Credito documentario Costantemente utilizzato Rischio di non trasferimento Rimessa documentaria Costantemente utilizzata Non vi è protezione contro l insolvenza dell importatore Assegno bancario Utilizzato localmente 7

10 REGIME DOGANALE L'India adotta il Sistema Armonizzato di codificazione doganale dal febbraio I dazi di importazione sono applicati su quasi tutti i prodotti importati in India e sono la maggior fonte di entrata per il Governo centrale. I tassi sono superiori a quelli della maggior parte degli altri paesi anche se sono sottoposti a riduzione costante. La tariffa totale normalmente è costituita da tre componenti: (1) dazio di base o standard che è applicato ad valorem e calcolato sul valore CIF; (2) dazio ausiliario; (3) dazio addizionale che è una sovrattassa equivalente alla tassa di accisa (tassa sulla produzione) destinata a colpire le merci estere con una tassa uguale al diritto di accisa percepito sui prodotti locali. Questi dazi addizionali effettivamente alzano le aliquote tariffarie per alcuni prodotti molto al di sopra del dazio base. Il mercato indiano è stato in passato estremamente chiuso, essendo il Governo preoccupato di proteggere l'industria locale e di limitare la fuga di valute estere. In questi ultimi anni l'india si è aperta ai mercati internazionali con un processo graduale. Tutte le importazioni di materie prime, di componenti, di beni di investimento e di prodotti di consumo, possono essere effettuate liberamente sotto il regime della OGL (Open General Licence), ad eccezione di alcuni prodotti indicati in una lista negativa, organizzata in tre livelli: 1. prohibited list o lista dei prodotti vietati: grasso animale, avorio grezzo; 2. restricted list o lista dei prodotti sottoposti a restrizione di cui alcuni non sono importabili e altri richiedono una Special Import License (SIL): elettronica per il grande pubblico, prodotti alimentari, bigiotterie, alcuni prodotti riservati all'industria indiana, e in genere i beni di consumo; 3. canalised items o prodotti strategici importabili solo dai monopoli commerciali governativi soggetti all approvazione del Cabinet per quanto riguarda la tempistica e la quantità: kerosene, petrolio grezzo, ingredienti chimici, alcune sementi e cereali, ecc. Attualmente le restrizioni quantitative riguardano il 70% circa dei prodotti agricoli importati e il 34% dei prodotti manufatturati. Tutti gli articoli non inclusi nella lista negativa sono liberamente importabili in base alla OGL (Open General License). La lista dei prodotti sottoposti a restrizione viene via via ridotta e viene aumentato il numero delle merci che possono essere importate liberamente nell'ambito della Open General Licence (OGL). Informazioni riguardanti il regime delle Special Import License possono essere ottenute dal: Directorate General of Foreign Trade Ministry of Commerce, Udyog Bhawan, New Delhi , Tel. (91-11) / , Fax: (91-11) Al fine di incoraggiare la costruzione dell'industria nazionale, le importazioni di beni di investimento è largamente liberalizzata e non più controllata dal settore pubblico. 8

11 Inoltre, è stata autorizzata l'importazione di attrezzature di occasione purchè il materiale abbia meno di sette anni e possa essere utilizzato per almeno ancora cinque anni. In caso di macchinari e impianti di valore superiore a 10 milioni di rupie (circa 330 mila dollari) viene richiesta la perizia sul valore da parte di un'agenzia accreditata a livello internazionale. Le licenze di importazione possono essere ottenute dal Director General of Foreign Trade. Nessuna importazione o esportazione può essere fatta da una singola persona a meno che ottenga una speciale autorizzazione dalla Regional Licensing Authority e ottenga il codice Importer-Exporter Code (IEC). L'Autorità doganale è costituita dal Spl. Secretary and Chairman, Central Board of Excise and Customs, Department of Revenue, Ministry of Finance, 156 E, North Block, New Delhi India, tel.: (91 11) ; fax: (91 11) ; telex: (081) Valore doganale: la maggior parte della tassazione è fissata ad valorem. L'India aderisce al GATT e segnatamente al Custom Valuation Agreement; questo prevede dettagliate regole per la determinazione del valore destinate a permettere una valutazione uniforme, neutrale e priva di dubbi e di possibilità di alterazioni agli effetti fiscali. Tassa sul valore aggiunto. Dall aprile 2005 è stata introdotta un imposta sul valore aggiunto in 21 dei 29 stati del paese. L aliquota standard è del 12,5%. È applicata su circa 300 prodotti. Un aliquota ridotta al 4% è applicata per circa altri 250 prodotti tra i quali farmaci, macchinari agricoli, attrezzature industriali ed altri beni strumentali. Alcuni prodotti sono esonerati dalla VAT tra i quali carburanti diesel. Alcuni prodotti in particolare cosmetici, softdrinks ed automobili - sono soggetti a tasse di accisa. Si tratta di tasse centrali percepite sulla produzione dal Governo centrale. Le aliquote sono indicate nel Central Excise Tariff Act e sono riviste annualmente dalla legge finanziaria. Esse variano tra il 16 e il 32%; le imprese che lavorano per le esportazioni sono esonerate da questa tassa. DOCUMENTAZIONE RICHIESTA (Fonte ICE) Grazie all informatizzazione di quasi tutti i porti, le procedure burocratiche sono state notevolmente ridotte, ed i documenti richiesti per l esportazione in India sono gli stessi utilizzati per il commercio in altri paesi. È comunque opportuno seguire le istruzioni dell importatore indiano, che indicherà il numero delle copie dei documenti richieste. 9

12 Fattura commerciale. Sono richieste almeno due copie della fattura (1 originale e 1 fotocopia), e copie aggiuntive da preparare su specifica richiesta dell importatore (prima dell informatizzazione erano richieste almeno 5 copie). Sebbene 2 copie siano ora sufficienti, è consigliabile inviare una o due copie extra. La fattura deve essere compilata in inglese. Qualora fosse scritta in italiano, drovebbe essere corredata di una traduzione ufficiale in lingua inglese. Di seguito vengono forniti i dettagli da indicare nella fattura: nome e indirizzo dell esportatore; nome e indirizzo del destinatario; numero e data della fattura; numero e data dell ordine di acquisto; porto di carico; porto di destinazione; paese di origine delle merci; paese di destinazione finale; descrizione dei beni secondo il codice SA; valore CIF delle merci; numero dei colli e peso lordo; numero dei pezzi e peso netto; termini di pagamento; ammontare delle spese di trasporto; ammontare delle spese di assicurazione; attestazione di congruità del prezzo a cura della Camera di Commercio o altri enti. Certificazioni attestanti l origine. Il certificato di origine emesso dalla Camera di Commercio è obbligatorio e deve contenere le seguenti informazioni: nome e indirizzo dell esportatore; nome e indirizzo del destinatario; porto di carico e scarico; modalità di trasporto; descrizione delle merci; quantità e valore CIF delle merci; numero e tipo colli. Documenti speciali. È prevista una serie di documenti speciali, da esibire in caso di determinate merci: certificato sanitario per prodotti alimentari in genere; certificato fitosanitario per prodotti vegetali; certificato di analisi emesso da laboratori ufficiali per prodotti chimici e farmaceutici; certificato di qualità, congruità del prezzo rilasciato dalla stessa ditta esportatrice; certificato di qualità SGS (se richiesto dall importatore) 10

13 Documenti di trasporto. Riguardano il trasporto via mare e il trasporto per via aerea. Trasporto via mare: polizza di carico. Devono essere preparate tre copie della polizza di carico: la prima è per l esportatore, la seconda per la banca e la terza per l importatore. Trasporto via aerea: polizza di carico aerea. Stesse formalità della polizza di carico. COME ENTRARE NEL MERCATO E COME VENDERE Accordi di agenzia (Fonte ICE). Il contratto di agenzia prevede la figura di un agente intermediario tra il venditore ed il potenziale cliente. L agente, definito dalla sezione 182 della Legge sui contratti del 1872 come persona impiegata ad agire o rappresentare un altra persona in operazioni con terzi, ha diritto a ricevere una commissione per ogni affare finalizzato. In base alla definizione di mandante, contenuta nella stessa sezione, come colui che si rappresenta o per conto del quale si agisce, ne deriva che l agente non agisce mai per se stesso, ma per conto di qualcun altro. Egli è tenuto sia a rappresentare il mandante in ogni operazione o transazione con terzi, sia ad agire per conto di questi. In entrambi i casi, l azione intrapresa dall agente non è considerata sua dalla legge, bensì del mandante. L agente ha un ruolo fondamentale nella rappresentanza degli interessi di una società straniera in India. Egli deve essere incaricato attraverso un accordo scritto nel quale devono essere indicate le seguenti informazioni: - nome e indirizzo dei mandanti - nome e indirizzo dell agente - prodotto e marchio che deve essere rappresentato - area di competenza - diritti e doveri delle due parti - natura del contratto (esclusivo o non esclusivo) - percentuale della commissione - responsabilità delle parti relativamente alla pubblicità e alla durata del contratto - condizioni per la rescissione del contratto - corte autorizzata in caso di dispute È bene definire in dettaglio i diritti ed i doveri di entrambe le parti in modo da evitare eventuali ambiguità. È consigliabile per il mandante straniero fare un controllo incrociato delle credenziali dell agente attraverso un agenzia competente. Il contratto di distribuzione è sostanzialmente differente da quello di agenzia. Il distributore agisce come un importatore, comprando la merce dal produttore e rivendendola ai clienti nel suo territorio. Il concessionario vende il prodotto al margine da lui stabilito godendo del vantaggio dell esclusività della distribuzione. Il contratto che lega il produttore straniero al distributore locale contiene le stesse clausole del contratto di agenzia, ad eccezione di quella relativa alla commissione. Essendo l India un paese molto vasto, è difficile gestire la distribuzione ed il servizio post vendita da una singola postazione. È quindi consigliabile avere più distributori in diverse parti del paese o, in alternativa, incaricare un agente in grado di avere uffici nelle principali città indiane. 11

14 Franchising. In un paese in via di sviluppo come l India il franchising aiuta a creare relazioni tra economie a diversa velocità, attraverso la condivisione di tecnologie, marchi, marketing e proprietà intellettuale. A differenza di paesi come Stati Uniti, Canada, Brasile e Francia che hanno creato una legislazione ad hoc per questa forma di accordo, l India non ha ancora sviluppato una normativa a riguardo. Ciononostante alcune multinazionali straniere hanno già attivato accordi di franchising nel paese, forti delle convenzioni e delle pratiche adottate in altri paesi. In caso di disputa derivante dalla diversa interpretazione delle clausole, è necessario rivolgersi ad un arbitro, su cui le parti hanno precedentemente concordato, la cui decisione è finale e vincolante per entrambe le parti. Nel caso in cui le parti rifiutino di accogliere la decisione dell arbitro, saranno libere di adottare qualsiasi rimedio permesso dalla legge per soddisfare I termini dell accordo. In India il franchising è comunemente adottato dalle catene di fast food. Accordi di collaborazione tecnica. La collaborazione tecnica e la soluzione adatta all'investitore italiano interessato a stringere accordi iniziali meno impegnativi, come banco di prova per poi passare alla costituzione di una Joint Venture. Questa forma di collaborazione implica esclusivamente un trasferimento di tecnologia dalla ditta italiana a quella indiana, ed evita la costituzione di una entità giuridica separata. La tecnologia trasferita consiste esclusivamente in know-how, disegni e progetti, servizi di engineering e royalties. La ditta indiana interessata può ottenere l'autorizzazione automaticamente presso la Reserve Bank of India entro 2 settimane, purché siano soddisfatte alcune condizioni standard, e cioè:.il pagamento forfettario non deve superare i 2 milioni di US$. le royalties non devono essere superiori al 5% delle vendite e all'8% delle esportazioni per un periodo di 10 anni dalla stipula dell accordo, o 7 anni dall inizio della produzione, quale delle due azioni avviene prima.i pagamenti sono soggetti ad un limite dell 8% delle vendite totali al netto delle tasse indiane per un periodo di 10 anni.gli articoli prodotti non devono richiedere licenza industriale o essere riservati alla piccola impresa.la controparte straniera non ha precedentemente stipulato accordi nello stesso settore o in settori affini Le proposte di collaborazione che non rientrano nei parametri sopra indicati devono essere inoltrate al SIA, che comunica la propria decisione in 4-6 settimane. Tra i criteri di valutazione adottati e compresa la natura del prodotto, la possibilità di importazione dello stesso, l'eventuale possibilità di esportare il prodotto indiano etc. Sempre al SIA deve essere presentata la richiesta di proroga degli accordi gia esistenti Come compra la pubblica amministrazione. government procurement (Fonte Dun & Bradstreet). Le politiche di acquisto della pubblica amministrazione discriminano ancora nei confronti dei fornitori stranieri, ma la situazione per le nostre imprese sta migliorando grazie ad una profonda riforma fiscale. Le preferenze in materia di prezzi e qualità riservate ai fornitori locali sono state abolite nel giugno del I privilegi sono ora dati principalmente alle imprese di piccole dimensioni ed al settore artigianale, che rappresentano però una quota molto piccola del totale degli acquisti della pubblica amministrazione. Il Governo ha preso l impegno di aumentare la trasparenza del processo di assegnazione dei contratti, a cominciare dal rendere disponibili le informazioni a tutti i 12

15 partecipanti alle gare. I risultati finora ottenuti sono buoni, anche se permangono incertezze. Il Governo comunica regolarmente le proprie richieste in materia di acquisti di prodotti e di nuove attrezzature. Molte delle imprese che concorrono per i progetti di maggiori dimensioni hanno riscontrato che è necessario essere saldamente presenti in loco al fine di seguire con attenzione quanto si legge sulla stampa, gli annunci del Governo, le attività dei concorrenti. Quando le iniziative comprendono anche finanziamenti da parte di istituzioni straniere, le principali agenzie che comprano per conto del Governo tendono a seguire gli standards internazionali in materia di partecipazione alle gare. Alcune agenzie dello Stato usano le gare aperte alla partecipazione di imprese straniere al fine di costringere i produttori locali ad abbassare i loro prezzi. In genere occorre molta pazienza per partecipare alle gare. E consigliabile avere l assistenza di un agente o di un partner indiano. Tutti gli acquisti della pubblica amministrazione effettuati da imprese straniere debbono essere fatti attraverso tenders ad invito. Tale invito può essere o aperto a qualsiasi fornitore di qualsiasi paese oppure essere limitato, nel qual caso la gara è diretta dalla organizzazione di competenza la quale provvede a selezionare i fornitori (da invitare). Talvolta i tenders di quest ultimo tipo sono preceduti da un invito alla prequalificazione. Dopo che l organizzazione interessata ha raccolto le informazioni necessarie per valutare capacità, esperienze precedenti, affidabilità tecnica e finanziaria, provvede alla selezione dei partecipanti da invitare. Nel caso di prodotti e di progetti con specifiche chiare e ampiamente dettagliate si segue il single bid system. Con questa procedura ai partecipanti è chiesto di presentare un offerta contenente le specifiche tecniche assieme ad una quotazione dei prezzi e delle altre condizioni commerciali, il tutto inserito in una busta sigillata. L offerta tecnica e quella commerciale sono valutate simultaneamente. Per i grandi progetti che comportano tecnologie sofisticate e forti investimenti di capitale, è spesso adottato un two bid system in cui l offerta tecnica e commerciale sono simultaneamente presentate in due differenti buste sigillate. Nella prima fase sono esaminate soltanto le offerte di carattere tecnico da parte di un comitato sulla base delle specifiche tecniche, dopo di che è elaborata una short list. Le buste riguardanti le offerte commerciali sono aperte e valutate successivamente soltanto per le imprese incluse nella short list. Con entrambe le procedure l agenzia che acquista entra invariabilmente nella negoziazione del prezzo finale, tempi di consegna, trasferimento di tecnologia e così via. Queste negoziazioni possono essere completate in 2-3 mesi o per periodi più lunghi nel qual caso è chiesta l estensione del periodo di validità della quotazione originale del prezzo. Dopo che un impresa abbia superato con successo le valutazioni di carattere tecnico commerciale, l agenzia interessata emette una lettera di intenti. Tale lettera è soltanto la premessa all ordine di acquisto finale o al contratto e non è di per se stessa un impegno con validità legale. Occorre tenere ben presente questo aspetto prima di sostenere spese o prendere impegni sulla base di una lettera di intenti. Le autorità indiane possono chiedere garanzie ai fornitori esteri circa la loro intenzione di trasferire tecnologie o know-how in India. Questa clausola riflette la 13

16 priorità data al trasferimento di tecnologie dal Governo indiano e il convincimento che questo impegno sia una forma efficace per legare le imprese straniere al mercato locale. Gli accordi riguardanti il trasferimento di tecnologie sono sempre soggetti alla compatibilità economica e finanziaria e all accettazione da parte del partner. Non sono noti i casi in cui il Governo indiano abbia costretto un impresa straniera a trasferire una tecnologia come condizione dell acquisto, anche se nella valutazione delle offerte è sempre data preferenza alle imprese straniere che intendono dividere il know-how con le imprese indiane. L India come già ricordato sopra - ha una politica non esplicita che incoraggia il countertrade. I tenders aperti alla partecipazione di imprese straniere includono una clausola che stabilisce, a parità di altre condizioni, la preferenza per le imprese che accettano il countertrade. L esatta natura delle contropartite (in esportazione dall India) non sono specificate e così pure non è specificata la destinazione. Il Governo indiano cerca tuttavia di eliminare l uso delle ri-esportazioni in countertrade. Indian Minerals and Metals Trading Corporation (MMTC) è la principale agenzia di countertrade. La State Trading Corporation (STC) tratta anch essa il countertrade, ma per un ammontare minimo. Anche le imprese private sono incoraggiate ad usare il countertrade. Facendo parte di World Trade Organization l India ha preso l impegno di rispettare il Government Procurement Code. Protezione del consumatore (Fonte Dun & Bradstreet). Il Consumer Protection Bill stabilisce le norme in materia di protezione del consumatore e promuove l affermazione dei diritti del consumatore. Fornisce anche sostegno legale ai consumatori che ritengono di essere danneggiati e promuove il movimento in difesa dei consumatori. Il Ministry of Consumer Affaire, Food and Public Administration ha in particolare la responsabilità sui controlli dei prodotti alimentari. Standards di prodotto,norme,obblighi del produttore (Fonte Dun & Bradstreet). Gli standards indiani in generale seguono le norme internazionali e non costituiscono una barriera al commercio. Dove esistono differenze, l India sta cercando di armonizzare gli standards nazionali con le norme internazionali; non è fatta alcuna distinzione tra prodotti fabbricati localmente e prodotti importati. Molte agenzie governative e aziende del settore pubblico e privato hanno adottato gli standards stabiliti dal Bureau of Indian Standards (BIS), situato a Manak Bhavan, 9 Bahadur Shah Zafar Marg, New Delhi ; tel. (91-11) ; fax (91-11) Il Bureau of Indian Standards (BIS) è una federazione autonoma delle principali imprese industriali, delle associazioni commerciali e associazioni tecniche professionali. Inizialmente era conosciuto come Indian Standards Institution, il BIS emana gli standards nazionali e promuove la loro adozione; presenta raccomandazioni al Governo sugli standards, promuove il controllo della standardizzazione e della qualità dell industria e raccoglie dati e informazioni relative agli standards. Sono stati finora emanati e pubblicati standard. 14

17 L American National Standards Institute, 11 W. 42 nd St., New York, N.Y (tel ; fax: ), che funziona come una Clearing House per gli standards stranieri, può inviare copie degli standards BIS. Regolamentazione per i prodotti alimentari. Vi sono due organizzazioni governative che trattano i sistemi di standardizzazione e certificazione dei processi alimentari. Il Bureau of Indian Standards (BIS) sviluppa e certifica gli standards dei processi alimentari e del packaging. Il Directorate of Marketing and Inspection si occupa della produzione agricola grezza. Le leggi indiane di salvaguardia per il cibo sono sovente arretrate o più ristrette delle norme internazionali; dove esistono differenze l India sta cercando di analizzare gli standards nazionali con le norme internazionali. Non è fatta nessuna distinzione tra merci prodotte internamente o importate ad eccezione di alcuni casi. I progetti riguardanti nuovi processi alimentari sono incoraggiati ad usare gli standard UE o USA. Il Central Food Technological Research Institute (CFTRI) tiene informata l industria indiana sui trend internazionali e gli standards dell area della fabbricazione alimentare e packaging. Etichette e packaging (Fonte ICE). Per tenere il passo con i paesi in via di sviluppo, il governo indiano sta tentando di standardizzare la normativa e le procedure di importazione, tuttavia a tutt'oggi non esistono leggi e parametri rigidi relativi ad etichettatura ed imballaggio delle merci importate. Nel caso di importazioni per via aerea, ogni collo deve essere contraddistinto dal numero di polizza di carico aerea scritto con pennarello indelebile, mentre per quelle via mare ogni container deve essere contrassegnato da un numero specifico. Nella maggioranza dei porti indiani il traffico merci non è automatizzato, ma in parte meccanico ed in parte manuale, per cui l imballaggio di prodotti chimici e materiali pericolosi richiede speciale attenzione e la massima conformità alla guida alle merci pericolose. Il governo centrale è teso a rafforzare la competitività delle esportazioni indiane e a promuovere la conformità alle procedure internazionali, pertanto propone l adozione del codice a barre per tutti i prodotti indiani entro cinque anni. Tale soluzione garantirebbe una più accurata e tempestiva informazione sul prodotto, nonché una migliore comunicazione attraverso la catena della fornitura. La data del passaggio al codice a barre per tutti i prodotti finiti e confezionati destinati all esportazione sarà notificata dal Direttorato generale del commercio con l estero. Il codice a barre verrà inoltre adottato per le esportazioni in cartoni/partite nei settori abbigliamento, prodotti di engineering, alimentare, farmaceutico, pelle, sportivi, plastica e artigianato Marketing di prodotto e pubblicità (Fonte Dun & Bradstreet). La pubblicità ha avuto negli ultimi anni una fortissima crescita. Il principale motivo è la politica di liberalizzazione che il Governo ha deciso nei confronti degli investimenti stranieri (inclusi quelli delle imprese multinazionali). La concorrenza tra le imprese locali e le imprese multinazionali ha reso necessario aumentare i budget di pubblicità delle imprese indiane per dare loro la possibilità di mantenere o aumentare le quote di mercato. 15

18 La pubblicità in India è controllata da numerose leggi e regolamenti. Nessun messaggio può contenere riferimenti che facciano sorgere nel pubblico il convincimento che un prodotto o suoi ingredienti abbiano qualità particolari. Non è ammessa la pubblicità comparativa. Esiste una norma che vieta la pubblicità di prodotti alimentari per i bambini. E proibita la pubblicità di liquori e tabacco. Circa il 60% della pubblicità passa attraverso i giornali. Per numero di pubblicazioni periodiche (circa 22 mila) l India è seconda soltanto agli Stati Uniti. Le pubblicazioni in lingua inglese hanno il 55% del mercato, seguono l Hindi (15%), Gujarate e Marathe con il 6% circa ciascuno, altre sette lingue regionali rappresentano assieme il 18%. La televisione ha conquistato rapidamente quote; si aggirava intorno al 25% a metà degli anni ottanta, sono ora superiori al 35%. Gli esperti di marketing prevedono che nell arco di 2-3 anni questo tipo di pubblicità avrà un ulteriore forte espansione grazie alla proliferazione dei satelliti e cable TV. La radio in India è controllata dallo Stato. Gli apparecchi radio sono circa 100 milioni, di cui 30 milioni nelle aree urbane. Al di fuori delle principali aree metropolitane, l India ha una rete intricatissima di villaggi rurali. Strade in condizioni disastrose rendono molte aree rurali praticamente non accessibili. Sebbene i villaggi più remoti possano essere raggiunti attraverso i satelliti, muovere prodotti è molto più difficile che trasmettere informazioni. Il direct marketing più efficace in India è quello fatto da milioni di rappresentanti che vanno porta-a-porta visitando i villaggi del sub-continente. Da venditori di gelati a venditori di tappeti, le abitazioni indiane sono frequentemente visitate da commercianti che offrono un ampia varietà di prodotti. Sta tuttavia maturando un rifiuto al porta-aporta da parte della classe media. INVESTIMENTI ESTERI (Fonte ICE). In materia di investimenti esteri privati la politica del governo ha mantenuto l approccio adottato nel 1991, teso ad attrarre gli investimenti su base selettiva, favorendo gli interventi in aree strategiche per l economia indiana. La politica industriale varata nel 1991 mira a liberare l industria indiana dai controlli ufficiali, promuovendo l investimento estero per favorire l accesso a trasferimenti di tecnologia, competenze di marketing, tecniche manageriali moderne e nuove possibilità di promozione delle esportazioni. Di seguito sono presentati i principali aspetti delle politiche governative in materia di investimenti esteri: Approvazione automatica della Reserve Bank of India: - investimenti con partecipazione straniera compresa tra 50% e 74%, nei settori previsti dalla lista ufficiale (appendice III della Nuova politica Industriale). - Tetto del 51% alla partecipazione straniera in società commerciali operanti principalmente in attività di esportazione. - Nel caso in cui l investimento non richieda la licenza industriale o venga effettuato in settori riservati alla piccola impresa. - L investimento non superi il 24% del capitale in unità fabbricanti articoli riservati alla piccola industria - L investimento non sia effettuato mediante acquisizione di una società Indiana. 16

19 - Il partner straniero non abbia precedentemente costituito una Joint Venture o altre forme di collaborazione in India. Le domande da presentare su un apposito formulario devono essere sottoposte all ufficio competente di zona della Reserv Bank of India e sono a titolo gratuito. La RBI generalmente rilascia il proprio benestare entro 15 giorni. Per tutte le altre proposte, compresa la partecipazione straniera del 51% che non rientra nei criteri stabiliti sopra, è richiesta l approvazione da parte del governo. Un Foreign Investment Promotion Board (FIPB) è preposto alla negoziazione e alla approvazione delle proposte di investimento in settori ad alta tecnologia e ad alto contenuto di esportazione per progetti fino a 6 miliardi di rupie. Le proposte sono valutate caso per caso, senza parametri con procedure predeterminate. E possibile presentare la proposta al SIA o a qualsiasi missione diplomatica in India, che le trasmetteranno automaticamente al FIPB entro 15 giorni. E inoltre recentemente attiva una mailbox sul sito web della SIA per presentare domande al FIPB via , previa spedizione cartacea del progetto. Tutte le proposte che prevedono un investimento superiore 6 miliardi di rupie devono essere approvate dal Comitato di Gabinetto sugli investimenti esteri. Il ministero dell Industria ha pubblicato le direttive in base alle quali il FIPB valuta i progetti di investimento diretto estero. Viene data priorità alla valutazione delle proposte nei seguenti settori di investimento: - settori previsti nella lista di approvazione automatica, laddove manchino le condizioni per l approvazione automatica; - infrastrutture; - prodotti esportabili; - progetti con forte impatto occupazionale, in particolare nelle zone rurali; - prodotti con collegamenti diretti o indiretti con il settore agricolo; - progetti con impatto sociale (ad es. ospedali, medicinali salvavita); - progetti che implichino introduzione di tecnologia o capitali; Le società a capitale interamente straniero possono ottenere approvazione automatica laddove operino nei settori ad alta priorità, quali: - Produzione e trasmissione di energia elettrica (centrali idroelettriche, centrali termoelettriche a carbone/ lignite, a petrolio e a gas.) - Distribuzione di energia per uso domestico, industriale e commerciale - Costruzione e manutenzione di strade, autostrade, ponti, gallerie e porti In caso contrario deve essere inoltrata richiesta al FIPB, che esprime il proprio parere in base a una serie di parametri: - Credenziali della casa madre - Settore di attività (favorite le proposte per esplorazione e studi di mercato nel settore petrolifero, progetti per centrali elettriche, strade, porti, aeroporti, parchi e aree industriali, turismo) - Tecnologia importata ( se è sofisticata e deve essere protetta) - Orientamento all esportazione (Se almeno il 50% della produzione viene esportato). Laddove il FIPB non permetta la costituzione di una società a capitale interamente estero, può essere concesso il permesso, in base ad una valutazione caso per caso, per la costituzione di tale società se l investitore straniero si impegna a disinvestire almeno il 26% della partecipazione in favore del partner indiano nell arco di 3-5 anni. Una volta ottenuta l approvazione da parte della Reserve Bank of India o dal governo, vengono 17

20 automaticamente ottenute anche le approvazioni previste dal Foreign Exchange Management Act (FEMA). A partire dal 2001 è stato permesso l investimento diretto estero al 100% nel settore del commercio elettronico, e anche nel settore finanziario non bancario. Il tetto ancora esistente per i progetti riguardanti la produzione e la distribuzione di energia elettrica è stato eliminato. La partecipazione straniera al 26% è permessa nel settore assicurativo, anche se dietro autorizzazione della Insurance Regulatory and Development Authority. Gli investimenti al 100% sono consentiti anche nel settore delle telecomunicazioni e degli internet providers. Strategie di entrata. Esistono quattro opzioni principali. Ufficio di rappresentanza, Project office, Filiale (branch office) e Joint venture. Ufficio di rappresentanza. Un ufficio di rappresentanza non può avere fini di lucro, ne svolgere alcuna attività produttiva e non e quindi soggetto ad alcuna imposizione fiscale. L 'attività e limitata alla rappresentanza, a fornire informazioni sull'attività svolta dalla casa madre, acquisire dati economici e di mercato sul paese, trovare fornitori in loco, fornire servizi di assistenza sui beni e servizi della casa madre. L ' operazione di apertura è di competenza della Reserve Bank of India e comporta un investimento finanziario limitato; tutte le spese di impianto, gestione, manutenzione sono sostenute con rimesse della casa madre. II permesso viene concesso generalmente per una durata di tre anni ed e rinnovabile se vengono soddisfatte determinate condizioni. La RBI non concede permessi relativi all'acquisto di beni immobili per la costituzione dell ufficio di rappresentanza. I contratti di locazione superiori a cinque anni devono essere autorizzati dalla RBI. Per la registrazione dell'ufficio devono essere inoltrati al ROC i seguenti documenti: A. Copia della lettera di autorizzazione rilasciata dalla RBI; B. Dichiarazione certificata relative ad entrate ed uscite e ad attività e passività; C. Dichiarazione certificata che l'ufficio di rappresentanza non ha svolto alcuna attività commerciale o industriale, ne ha emesso alcun documento di fatturazione. Project office. Si tratta di un ufficio istituito temporaneamente per l'esecuzione di progetti specifici, ed e pertanto la forma ideale per le società che intendano essere presenti in India per un periodo di tempo limitato. In pratica e una sorta di filiale costituita al fine di eseguire un determinato progetto e dura fino al termine del progetto stesso. La Reserve Bank of India è l'autorità competente all' approvazione di questo tipo di investimento, adottato generalmente da società di costruzione e installazione per progetti chiavi in mano. Filiale (branch office). Le società straniere, sia manifatturiere che commerciali, possono aprire filiali in India in base al disposto dell'exchange Control Manual della Reserve Bank of India, che autorizza l'investimento sulla base di criteri stabiliti caso per caso. La società madre ha responsabilità illimitata sull operato della filiale, che mantiene la personalità giuridica straniera. La filiale può svolgere: - attività di rappresentanza della casa madre - operazioni di stoccaggio, di compravendita e di import -export - lavori di ricerca, i cui risultati possono andare a beneficio delle imprese indiane 18

LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO

LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO a cura degli Avv.ti Eleonora Cerin e Silvia Dalle Nogare e del Dott. Bellin del Settore Promozione e Consulenza Estero CCIAA-VI

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti 10 Regole per contribuire al successo di un rapporto di fornitura Introduzione Le forniture destinate alla Russia non richiedono,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE Barbara Francioni 1 IL COUNTERTRADE Definizione: scambio commerciale in cui l esportatore accetta in pagamento dal paese importatore prodotti che poi rivenderà su altri mercati Sono comprese

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in I N D I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in I N D I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in I N D I A 1 I n d i a G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a M e s s i c o m a g g i o

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO IMPRESA E MERCATO Gestire l impresa come un sistema complesso IMPRESA E STRATEGIA Analizzare le opportunità di miglioramento dei risultati Fonte: Ansoff

Dettagli

Klako Group. Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale. Ottimizzazione e Controllo di Qualità

Klako Group. Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale. Ottimizzazione e Controllo di Qualità Klako Group Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale Ottimizzazione e Controllo di Qualità Beijing Hong Kong Shanghai Shenzhen Visitate il nostro sito http://www.klakogroup.com La nostra Società

Dettagli

Capitolo sei. L economia politica del commercio internazionale. Caso di apertura

Capitolo sei. L economia politica del commercio internazionale. Caso di apertura Capitolo sei L economia politica del commercio internazionale 6-3 Caso di apertura Dal 1974, il commercio internazionale nel settore tessile è stato regolato da un sistema di quote noto come Accordo Multifibre

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVA PER GLI INVESTIMENTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Normativa sugli investimenti esteri e relativi incentivi Due leggi riguardano l ingresso nel paese

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Le Filippine, in quanto Stato membro e cofondatore

Le Filippine, in quanto Stato membro e cofondatore Le Filippine, in quanto Stato membro e cofondatore dell Organizzazione Mondiale del Commercio, aderiscono alla World Custom Organisation e adottano il sistema armonizzato SITC di classificazione delle

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina 1 Agenda > Tutela dei diritti di proprietà individuale > Joint Venture/WOFE > Comprare e vendere in Cina > Servizi offerti dall Ufficio di Rappresentanza 2 3 Tutela dei diritti di proprietà individuale

Dettagli

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante.

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante. Contratti di compravendita e distribuzione internazionale: strategie negoziali e aspetti giuridici dei rapporti con i Mercati Emergenti, in particolare con la Cina 1 Da alcuni decenni i Paesi occidentali

Dettagli

L India e il suo mercato

L India e il suo mercato L India e il suo mercato Bologna, 3 Luglio 2013 Claudio Maffioletti, Project Manager Progetto MiSE Simest - Assocamerestero www.simest.it simest@indiaitaly.com 1 Il subcontinente indiano Un area di oltre

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

La Shanghai Free Trade Zone, un anno dopo

La Shanghai Free Trade Zone, un anno dopo La Shanghai Free Trade Zone, un anno dopo Il progetto pilota della Shanghai Free Trade Zone (SHFTZ) è stato lanciato a settembre 2013 con il sostegno del Primo Ministro della Repubblica Popolare Cinese.

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale La distribuzione: seguito lezione

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale La distribuzione: seguito lezione UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale La distribuzione: seguito lezione La scelta del canale distributivo La fase iniziale di una strategia di

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Investire con successo in Turchia. Dieci Principi Importanti

Investire con successo in Turchia. Dieci Principi Importanti Investire con successo in Turchia Dieci Principi Importanti Dieci principi utili per stabilire una relazione commerciale di successo Introduzione Considerata la sua posizione geografica, al crocevia tra

Dettagli

Russia Scheda Paese marzo 2013

Russia Scheda Paese marzo 2013 Russia Scheda Paese marzo 2013 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.: 06-59926707 agro.alimentari@ice.it A cura di: Pietro Simonelli Impaginazione e grafica Vincenzo

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y OLANDA CONTRATTI COMMERCIALI IN OLANDA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia Il contratto d agenzia è disciplinato negli articoli 401-445 del Libro 7, Titolo 7, del Nuovo Codice civile olandese

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

FOCUS KAZAKISTAN. Dr. Massimiliano Mercurio Doganalista AEO. Torino, 18 maggio 2015

FOCUS KAZAKISTAN. Dr. Massimiliano Mercurio Doganalista AEO. Torino, 18 maggio 2015 Dr. Massimiliano Mercurio Doganalista AEO Torino, 18 maggio 2015 ACCORDI INTERNAZIONALI Accordi Internazionali: Commonwealth of Indipendent States (CIS) Convenzione TIR Eurasian Economic Union (EAEU) HS

Dettagli

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES 1 Asia Crescita: 2011: 7,8 % 2012: 7,7 % Entro 2050: Pil: $148.000 Miliardi (45% dell output globale) Reddito pro-capite: $38.000 (superiore

Dettagli

LEZIONE 23 : Dumping e misure antidumping (Protezione amministrata)

LEZIONE 23 : Dumping e misure antidumping (Protezione amministrata) LEZIONE 23 : Dumping e misure antidumping (Protezione amministrata) In alcuni casi il protezionismo assume delle forme poco trasparenti ed è difficile stabilire se una misura abbia o meno natura protezionistica

Dettagli

Il mercato del vino italiano in Cina e procedure di importazione

Il mercato del vino italiano in Cina e procedure di importazione Il mercato del vino italiano in Cina e procedure di importazione Il mercato del vino Dal 2013 la Cina è diventata il primo paese al mondo per consumo di vino, superando sia la Francia sia l Italia nella

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

bilaterali Svizzera-UE

bilaterali Svizzera-UE Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE Sezione informazione I principali accordi bilaterali Svizzera-UE Marzo 2013 Accordi bilaterali Svizzera-UE 2 I primi Accordi

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

Fare affari in Messico

Fare affari in Messico Fare affari in Messico Crescono gli investimenti italiani in Messico che è l'ottavo Paese al mondo per attrazione di Investimenti Diretti Esteri. L Ambasciata d Italia di Città del Messico, l Ufficio ICE

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI I. COSTITUIRE UN IMPRESA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI. Prima del 1984, ogni Emirato, Dubai, Abu Dhabi, Sharjah, Ajman,

Dettagli

STUDIO LEGALE PADOVAN

STUDIO LEGALE PADOVAN Milano Roma New Delhi Istanbul Abu Dhabi Madrid Vigo Lisbona INDIA: IMPRENDITORI ALLA SCOPERTA DI UN NUOVO MERCATO Vicenza, 21 ottobre 2010 Rapporti bilaterali BIPA, 26.03.1998 Accordo per la promozione

Dettagli

Regime Tributario. I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti.

Regime Tributario. I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti. Regime Tributario I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti. L'ordinamento tributario prevede un imposta unica sui redditi per individui

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Policy sulla concorrenza leale

Policy sulla concorrenza leale Policy sulla concorrenza leale Policy globali Novartis 1 settembre 2014 Versione FC 001.V1.IT 1. Introduzione 1.1 Scopo Ci impegniamo a esercitare una concorrenza libera e leale e a non violare le leggi

Dettagli

India: come rilanciare crescita e occupazione

India: come rilanciare crescita e occupazione India: come rilanciare crescita e occupazione ECONOMIA di Stefano Chiarlone L India cresce a un tasso in grado di ridurre sensibilmente la povertà. Ma per mantenere questo ritmo occorre superare una serie

Dettagli

Indice. Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI

Indice. Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI I Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI Parte I Scenari e strategie di entrata sui mercati internazionali 1 Capitolo 1 Globalizzazione, apertura dei mercati

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI Progettare l Internazionalizzazione d impresa COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI 20 21 ottobre 2009 Principali incentivi per l internazionalizzazione: PROGRAMMI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map FILIPPINE Capitale Manila Popolazione (milioni) 97,48 37/100 63/100 67/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 454,29 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in I S R A E L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in I S R A E L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in I S R A E L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a I s r a e l e m a

Dettagli

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE 9.3.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 69/27 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/14/CE DELLA COMMISSIONE dell 8 marzo 2007 che stabilisce le modalità di applicazione di talune disposizioni della direttiva

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Signor Presidente, Onorevoli Deputati, il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) tra Unione europea e Stati Uniti d America, oggetto dell audizione di oggi, ha tra i suoi obiettivi quello

Dettagli

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco di internazionalizzazione sul mercato turco International Accounting and Tax Consultancy FORUM UNICREDIT INTERNATIONAL TURCHIA 20 Giugno 2014 Palazzo Ciacchi Via Cattaneo, 34 PESARO Giacomo Luccisano g.luccisano@diacron.eu

Dettagli

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Giovanni Anania Università della Calabria Il commercio agroalimentare mondiale e il ruolo del Made in Italy Milano Expo 2015

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia

Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia Vademecum sulla certificazione di prodotto in Russia 1. La valutazione della conformità di prodotto nell ambito del sistema GOST R La certificazione di prodotti è una forma di conferma della qualità. La

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEL VALORE E I RISCHI NEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE - Dual Use

LA GESTIONE INTEGRATA DEL VALORE E I RISCHI NEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE - Dual Use LA GESTIONE INTEGRATA DEL VALORE E I RISCHI NEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE - Dual Use TREVISO ( TV ) - 23 APRILE 2015 Dott. LORENZO DI MARTINO DIRETTORE TECNICO - I.P MANAGEMENT OFFICER TEMI: Il regolamento

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI.

INDIA NORMATIVA. Le regole relative all`emissione e impiego del certificato di origine sono illustrate nell`allegato XI. INDIA NORMATIVA L`India appartiene a numerosi accordi regionali,, come la ZLEAS (Zona di libero scambio dell`asia del Sud), l`accordo commerciale per l`asia e il Pacifico ecc. Documenti di spedizione Oltre

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

DOING BUSINESS IN ITALIA 2013

DOING BUSINESS IN ITALIA 2013 DOING BUSINESS IN ITALIA 2013 Regolamentazioni più efficienti per le Piccole e Medie Imprese Augusto Lopez-Claros Director, Global Indicators & Analysis World Bank-IFC Roma, Italia - 14 Novembre 2012 Gli

Dettagli

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina www.confapiexport.org Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina E-mail: info@umbriaproduce.com Un Paese due Sistemi: Hong Kong Tradizionale Modello di Consumo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE Equilibrio Economico Generale Dazio e curve di domanda-offerta internazionale Caso di paese grande: effetti ambigui In assenza di ritorsioni: dazio

Dettagli

NUOVA ZELANDA: CONGIUNTURA ECONOMICA

NUOVA ZELANDA: CONGIUNTURA ECONOMICA NUOVA ZELANDA: CONGIUNTURA ECONOMICA Aggiornato a: Maggio 2010 Istituto nazionale per il Commercio Estero I.C.E. Italian Trade Commission Uffici di Sydney e Auckland Level 24, St. Martins Tower, 31 Market

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE DISCIPLINA DEI CONTRATTI COMMERCIALI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Fonti del diritto commerciale a Singapore La normativa sui contratti si ispira grandemente alla omologa normativa inglese

Dettagli

Sommario ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni

Sommario ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni ACQUISTI COMUNITARI 1. Acquisto di oli pag. 16 2. Acquisto privato in Regno Unito pag. 17 3. Acquisto da fornitore extra-ue con rappresentante fiscale pag. 17 4. Momento di effettuazione dell operazione

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce Thai-Italian Chamber of Commerce Overview IL SETTORE AUTOMOBILISTICO IN THAILANDIA Il settore automobilistico è uno dei più sviluppati in Thailandia. Nato inizialmente intorno al semplice assemblaggio

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

INCENTIVI FINANZIARI PER L IMPRENDITORE ITALIANO SUL MERCATO U.S.A.

INCENTIVI FINANZIARI PER L IMPRENDITORE ITALIANO SUL MERCATO U.S.A. INCENTIVI FINANZIARI PER L IMPRENDITORE ITALIANO SUL MERCATO U.S.A. di: Avv.Maurizio Gardenal Avv. Giovanni Brugnera Il seguente contributo vuole offrire, in forma sintetica, alcune indicazioni riguardanti

Dettagli

Paese che vai banca che trovi

Paese che vai banca che trovi Paese che vai banca che trovi di Stefano Chiarlone e Saibal Ghosh In questo momento il settore finanziario indiano vede due gruppi di attori principali: banche e istituzioni finanziarie. Le banche commerciali

Dettagli

Sistemi di tutela dei depositi nei paesi membri del Comitato di Basilea

Sistemi di tutela dei depositi nei paesi membri del Comitato di Basilea Sistemi di tutela dei depositi nei paesi membri del Comitato di Basilea (Giugno 1998) Introduzione Il Comitato di Basilea non ha emanato raccomandazioni in merito all opportunità che i paesi dispongano

Dettagli

Svolgimento a cura di Lucia Barale e Lucia Nazzaro Pag. 1 a 9

Svolgimento a cura di Lucia Barale e Lucia Nazzaro Pag. 1 a 9 Svolgimento a cura di Lucia Barale e Lucia Nazzaro Pag. 1 a 9 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione Relazioni internazionali

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Gli investimenti esteri in Cina CHIETI, 7 OTTOBRE 2013 FROSINONE, 10 OTTOBRE 2013 A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Contenuti - CINA 1. Gli Uffici di Rappresentanza

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli