DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Mario Duprè /H3G S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Mario Duprè /H3G S.p.A."

Transcript

1 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Mario Duprè /H3G S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Assenti: Presiede: Sandro Vannini Segretario: Luciano Moretti Dirigente della struttura di assistenza al Comitato incaricato della redazione del presente atto Allegati N. 0

2 Il COMITATO REGIONALE per le COMUNICAZIONI VISTI: - la legge 14 novembre 1995, n. 481, "Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità"; - la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo", in particolare l art. 1, comma 6, lettera a), n. 14 e comma 13; - il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259 recante il Codice delle comunicazioni elettroniche ; - la Delibera Agcom n. 179/03/CSP Approvazione della direttiva generale in materia di qualità e carte dei servizi di telecomunicazioni ai sensi dell articolo 1, comma 6, lettera b), numero 2, della legge 31 luglio 1997, n. 249 e successive modifiche e integrazioni; - la Delibera Agcom n. 173/07/CONS, All. A "Regolamento in materia di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti" e successive modifiche ed integrazioni; - la Delibera Delibera n. 74/10/CIR Modifica ed integrazione del piano di numerazionedi cui alla delibera n. 26/08/CIR e s.m.i.; - la Delibera Agcom n. 73/11/CONS All. A Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori ; - la Delibera Agcom n. 276/13/CONS Approvazione delle Linee Guida relative all attribuzione delle deleghe ai CoReCom in materia di risoluzione delle controversie tra utenti ed operatori di comunicazioni elettroniche ; - la legge regionale Toscana 25 giugno 2002, n. 22 Norme e interventi in materia di informazione e comunicazione. Disciplina del Comitato regionale per le comunicazioni, in particolare l art. 30, e il Regolamento Interno di organizzazione e funzionamento del Comitato regionale per le comunicazioni (ex art. 8 legge regionale Toscana 1 febbraio 2000, n. 10); - l Accordo quadro tra l Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome, sottoscritto in data 4 dicembre 2008; - la Convenzione per l esercizio delle funzioni delegate in tema di comunicazioni, sottoscritta tra l Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e il Comitato regionale per le comunicazioni della Toscana in data 16 dicembre 2009, e in particolare l art. 4, comma 1, lett. e); - l istanza n. 87 del 1 marzo 2014 con cui il Sig. Mario Duprè chiedeva l intervento del Comitato Regionale per le Comunicazioni (di seguito, per brevità, CoReCom) per la definizione della controversia in essere con la società H3G S.p.A. (di seguito, per brevità, H3G) ai sensi dell art. 14 del Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con Delibera n. 173/07/CONS, Allegato A; 2/11

3 - la nota del 3 marzo 2014 con cui questo Ufficio ha comunicato alle parti, ai sensi dell articolo 15 del summenzionato Regolamento, l avvio di un procedimento finalizzato alla definizione della deferita controversia e la successiva comunicazione del 6 maggio 2014 con cui ha invitato le parti stesse a presentarsi all udienza per la discussione della controversia in data 28 maggio 2014; UDITE entrambe le parti nella suindicata udienza; ESAMINATO pertanto il relativo verbale di udienza, con il quale ci si riservava di svolgere le opportune valutazioni al fine di definire la res controversa; ESAMINATI gli atti del procedimento; CONSIDERATO quanto segue: 1. Oggetto della controversia e risultanze istruttorie. L istante, titolare dell utenza mobile di tipo privato n attiva con l operatore H3G, contesta l arbitraria disattivazione della propria utenza, avvenuta prima del decorso dei dodici mesi dall ultima operazione di ricarica e senza alcun preavviso; contesta, altresì, la mancata risposta dell operatore ai propri reclami. In particolare, dagli atti del procedimento è emerso che: In data 20 gennaio 2011 l istante stipulava un contratto con l operatore H3G per l attivazione di una carta SIM ricaricabile di tipo privato associata all utenza numero , con piano tariffario 3Autoricarica ed opzione Free Time 30. In data 7 gennaio 2012 l istante effettuava una ricarica dell importo di euro 5,00 sull utenza in questione. In data 17 febbraio 2012 l utenza de qua veniva disattivata. In data 5 maggio 2012 l istante contattava telefonicamente l operatore H3G sporgendo reclamo per la disattivazione dell utenza, chiedendone la riattivazione. L operatore H3G, tuttavia, confermava la legittimità del proprio operato in ragione del mancato utilizzo della carta SIM per oltre cinque mesi, comunicando al cliente che non era possibile riattivare l utenza o recuperare il numero telefonico. L istante, preso atto, si rassegnava alla perdita dell utenza. In data 17 agosto 2013, venuto a conoscenza della Delibera Agcom n. 416/13/CONS, resa nei confronti di H3G in un caso analogo al suo, l istante reiterava a mezzo fax il proprio reclamo contestando l arbitraria disattivazione della propria utenza, avvenuta a fronte della ricarica effettuata il 7 gennaio 2012 durante il periodo minimo di 12 mesi dalla ricarica durante il quale è garantita dalla delibera AGCOM n. 26/08/CIR, come modificata dalla delibera n. 74/10/CIR, la piena funzionalità della sim card. L istante chiedeva pertanto l immediata riattivazione della propria utenza con il piano tariffario e le opzioni attive al momento della disattivazione, allegando la ricevuta della ricarica effettuata. In data 12 settembre 2013, a seguito della richiesta inviata tramite l Area Clienti on line, l istante veniva informato che il credito residuo presente sull utenza de qua era pari ad euro 5,01. In data 21 settembre 2013 l istante chiedeva all operatore di trasmettergli il dettaglio del traffico telefonico relativo alla propria utenza nel periodo compreso tra la data di attivazione e il 17 febbraio 2012, data in cui l utenza era stata disattivata. 3/11

4 In data 2 dicembre 2013 la parte istante esperiva tentativo obbligatorio di conciliazione presso il CoReCom Toscana nei confronti dell operatore H3G, tentativo che si concludeva con esito negativo. Con l istanza di definizione della controversia, la parte istante ha chiesto: 1) Immediata riattivazione dell utenza con il ripristino del piano tariffario 3Autoricarica e dell opzione tariffaria Freetime30 ; 2) indennizzo in conformità alla delibera 73/11 Allegato A art. 11 per mancata risposta ai reclami nella misura di 1 al giorno a partire dalla data del 05/05/2012 ; 3) indennizzo in conformità alla delibera 73/11 Allegato A art. 4 per cessazione dei servizi nella misura di 7,50 al giorno per ciascun servizio non accessorio a partire dalla data del 17/02/2012 ; 4) che vengano forniti i dati relativi al traffico sviluppato da e per l utenza nel periodo dal 20/01/2011 al 17/02/2012. In data 29 marzo 2014, nel rispetto dei termini procedimentali, l istante ha trasmesso una propria memoria con cui ha dato atto, in particolare, di quanto segue: che nell ambito del procedimento d urgenza per la riattivazione dell utenza, avviato contestualmente al deposito dell istanza per il tentativo obbligatorio di conciliazione, era stato informato dall operatore H3G che la propria utenza era stata riattivata su una SIM di appoggio, da ritirare presso un negozio 3 ; che, pertanto, recatosi presso un negozio 3 in data 21 ottobre 2013, era stato invitato a sottoscrivere un contratto per l attivazione di una nuova utenza ricaricabile, con numero e piano tariffario Power10, onde effettuare, tramite una procedura di portabilità interna, lo scambio tra la numerazione di tale utenza e quella riattivata medio tempore con il numero ; che, tuttavia, nonostante la registrazione del contratto vocale effettuata tramite il Servizio Clienti dell operatore, la SIM di appoggio continuava a rispondere al nuovo numero assegnato; che, infine, dietro invito dell operatore H3G, in data 8 marzo 2014 si era recato nuovamente presso un negozio 3 dove gli era stata fornita una SIM con la numerazione originaria , sebbene con un piano tariffario (il predetto Power10 ) diverso da quello preesistente ( 3Autoricarica ); all esito, ribadite le ragioni della propria pretesa, ha chiesto l accoglimento delle seguenti richieste: 1) ripristino del piano tariffario 3Autoricarica e dell opzione tariffaria Freetime30, presenti sull utenza al momento della disattivazione ; 2) indennizzo in conformità alla delibera 73/11 Allegato A art. 11 comma 1 per mancata risposta ai reclami nella misura di 1,00 al giorno a partire dalla data del 05/05/2012 e per un totale forfettario di 300,00 ; 3) indennizzo in conformità alla delibera 73/11 Allegato A art. 4 comma 1 per cessazione dei servizi nella misura di 7,50 al giorno per ciascun servizio non accessorio, ovvero 7,50 per il servizio voce e 7,50 per il servizio dati, dalla data del 17/02/2012 alla data del 08/03/2014, per un totale di ,00 ; 4) indennizzo in conformità alla delibera 73/11 Allegato A art. 4 comma 1 per cessazione dei servizi nella misura di 7,50 al giorno per ciascun servizio non accessorio, ovvero 7,50 per il servizio voce e 7,50 per il servizio dati, oppure, in subordine, di 5,00 ai sensi dell art. 8 comma 1 con l eventuale ricalcolo degli addebiti fatturati, da calcolarsi per ciascun giorno compreso tra l 08/03/2014 e la data di effettivo ripristino del piano tariffario 3Autoricarica ; 4/11

5 5) documentazione relativa al traffico sviluppato da e per l utenza nel periodo dal 20/01/2011 al 17/02/2012. In data 2 aprile 2014, nel rispetto dei termini procedimentali, l operatore H3G ha trasmesso la propria memoria difensiva con cui, in via preliminare, ha eccepito l improcedibilità dell istanza ai sensi dell art. 2, comma 1, della Delibera n. 73/11/CONS, Allegato A, per avere già corrisposto all istante, in occasione del procedimento instaurato da parte istante ex art. 5 del Regolamento, la somma di 120,00, calcolata ex art. 2, comma I, Allegato A, Delibera 73/11/CONS e art. 24 Carta dei Servizi (doc. 3), quale indennizzo automatico previsto dalla norma citata, provvedendo ad accreditare detto importo e il credito residuo acquistato presente sulla SIM al momento della disattivazione pari a 5,01 sull utenza mediante ricarica telefonica (doc. 4) ; ha eccepito, altresì, l inammissibilità e/o improcedibilità dell istanza limitatamente alla domanda di indennizzo ex art. 8, comma 1, della Delibera n. 73/11/CONS, Allegato A, formulata dall istante nella propria memoria difensiva, trattandosi di domanda nuova rispetto a quelle sottoposte al tentativo obbligatorio di conciliazione tramite il formulario UG. Nel merito, l operatore ha dedotto che l utenza in questione, nuovamente attiva dal 18 ottobre 2013, era stata disattivata legittimamente, in conformità all art. 5.4 delle Condizioni Generali di contratto, stante il mancato utilizzo a pagamento dei servizi forniti da H3G per un periodo superiore ai 5 mesi dall attivazione dell utenza, evidenziando che l unica operazione di ricarica era quella effettuata il 7 gennaio 2012, a distanza di circa un anno dall attivazione dell utenza; ha eccepito, altresì, la mancanza di prova circa la spedizione/ricezione da parte di H3G dei reclami inviati dall istante, nonché l infondatezza della richiesta di trasmissione dei tabulati telefonici relativi all utenza de qua. In data 11 aprile 2014, nel rispetto dei termini procedimentali, l istante ha trasmesso la propria memoria di replica con cui, eccepita preliminarmente l inammissibilità della memoria di H3G per violazione del diritto di difesa di cui all art. 16 del Regolamento (All. A Del. 173/07/CONS), ha dedotto, tra l altro, quanto segue: che, nel caso di specie, l indennizzo corrisposto dall operatore nel corso del presente procedimento non aveva i requisiti dell automatismo di cui all art. 2, comma 1, della Delibera n. 73/11/CONS, Allegato A, né poteva dirsi proporzionato al pregiudizio subito, anche in ragione del mancato rispetto dell onere informativo circa l imminente disattivazione ; che non aveva conoscenza della Carta dei Servizi dell operatore, la quale non gli era mai stata fornita né illustrata; che, inoltre, non poteva applicarsi il richiamato art. 5.4 delle Condizioni Generali di contratto di H3G poiché le stesse non sono state accluse alla stipula del contratto, né illustrate o spiegate o fornite nemmeno in momenti successivi, dovendosi pertanto ritenere clausole vessatorie; allegava, infine, documenti integrativi tra cui la prova di spedizione all operatore dei fax del 17 agosto 2013 e del 21 settembre Valutazioni in ordine al caso in esame. In via preliminare. Va preliminarmente respinta l eccezione con cui l operatore H3G, deducendo di avere già corrisposto all istante l indennizzo automatico ai sensi delle disposizioni contrattuali applicabili al caso de quo, ha chiesto la declaratoria di improcedibilità dell istanza ai sensi dell art. 2, comma 1, dell Allegato A alla Delibera n. 73/11/CONS. Al riguardo, dagli atti del procedimento emerge che l operatore H3G, in occasione del procedimento instaurato da parte istante ex art. 5 Del. 173/07/CONS (doc. 2), nonostante l infondatezza della contestazione, ha corrisposto al Sig. Dupré la somma di 120,00, calcolata ex art. 2, comma I, Allegato A, Delibera 73/11/CONS e art. 24 Carta dei Servizi (doc. 3), quale indennizzo automatico previsto dalla norma citata, provvedendo ad accreditare detto importo e il credito residuo acquistato presente sulla SIM al momento della disattivazione. mediante ricarica telefonica (doc. 4) (cfr. memoria H3G). Più 5/11

6 precisamente, nella memoria del 21 ottobre 2013, prodotta nell ambito del richiamato procedimento ex art. 5 della Delibera n. 173/07/CONS, l operatore ha dichiarato che la somma accreditata in favore dell istante in pari data corrispondeva all importo previsto dall art. 24 della Carta Servizi quale indennizzo automatico per l indisponibilità del numero dal ad oggi (cfr. doc. 4 allegato alla memoria H3G). In realtà, non si ritengono sussistere nel caso di specie i presupposti invocati dall operatore H3G per escludere l applicabilità degli indennizzi previsti dalla Delibera n. 73/11/CONS. Si rileva, infatti, che la somma in questione non è stata corrisposta in sede di gestione del rapporto tra l operatore ed il proprio cliente, con una funzione di riparazione automatica della lite, ma soltanto dopo che il Sig. Dupré rimasto inevaso il proprio reclamo del 17 agosto 2013 si è rivolto al CoReCom presentando l istanza per il tentativo obbligatorio di conciliazione e l adozione di un provvedimento temporaneo volto alla riattivazione dell utenza. Sotto altro profilo, l importo corrisposto dall operatore giustificato, come si è visto, dalla indisponibilità del numero dal ad oggi non trova alcuna precisa corrispondenza, né di voce né di importo, nella tabella di cui all art. 24 della Carta dei Servizi H3G, essendo con ciò impossibile verificare la congruità e la correttezza della somma erogata rispetto alla richiamata previsione della Carta dei Servizi. Per quanto precede, non risulta che l operatore abbia già corrisposto gli indennizzi ai sensi delle norme contrattuali prima dell instaurazione della controversia, così come previsto dall art. 2, comma 1, della Delibera n. 73/11/CONS. Non da ultimo, si deve tenere conto altresì che, nel caso di specie, l operatore ha provveduto all accredito della somma in questione quale ricarica telefonica su una carta SIM che sino a quel momento era disattivata e di cui l utente è rientrato in possesso a distanza di oltre quattro mesi, in data 8 marzo E di tutta evidenza che tali circostanze, ben diverse da quelle sottese al precedente invocato da H3G nella propria memoria, impediscono di ravvisare nell accredito in questione un indennizzo avente le caratteristiche e gli effetti di cui alla normativa regolamentare in esame. Passando, quindi, all esame delle richieste di parte istante, va preliminarmente rilevata l inammissibilità delle domande formulate sub 1) e 5) nella memoria di parte istante del 27 marzo 2014, trasmessa il 29 marzo 2014, con cui è stato chiesto, da un lato, il ripristino del piano tariffario 3Autoricarica e dell opzione tariffaria Freetime30 e, dall altro, documentazione relativa al traffico sviluppato da e per l utenza nel periodo dal 20/01/2011 al 17/02/2012. Al riguardo, si ricorda che ai sensi dell art. 19, comma 4, del Regolamento, l Autorità, con il provvedimento che definisce la controversia, ove riscontri la fondatezza dell istanza, può condannare l operatore ad effettuare rimborsi di somme risultate non dovute o al pagamento di indennizzi nei casi previsti dal contratto, dalle carte dei servizi, nonché nei casi individuati dalle disposizioni normative o da delibere dell Autorità. Tale disposizione, unitamente alle indicazioni fornite dalla Delibera Agcom n. 276/13/CONS, delimita e circoscrive il contenuto della pronuncia di definizione, da intendersi come vincolato alla sola possibilità per il CoReCom di condannare l operatore esclusivamente al rimborso e/o allo storno di somme non dovute e alla liquidazione di indennizzi. Per quanto sopra, considerato che le richieste in esame esulano dalle competenze dell Autorità adita, le stesse sono inammissibili. Va rilevata, altresì, l inammissibilità della domanda formulata sub 4) nella memoria de qua, con cui è stata chiesta la liquidazione dell indennizzo per l illegittima cessazione del piano tariffario preesistente, ovvero per l attivazione di un piano tariffario non richiesto, da calcolarsi per ciascun giorno compreso tra l 08/03/2014 e la data di effettivo ripristino del piano tariffario 3Autoricarica. Si tratta, infatti, di domanda nuova, avanzata per la prima volta in sede di memoria difensiva, che configura un inammissibile mutamento del thema decidendum. 6/11

7 Al riguardo, va rilevato che il principio del contraddittorio, corollario dell esercizio del diritto di difesa che va pienamente garantito anche in questa sede, impone che, nel corso di tutto il procedimento, l oggetto del giudizio debba rimanere necessariamente circoscritto alle domande oggetto dell istanza di definizione; se, pertanto, tali domande possono essere precisate con le memorie procedimentali come infatti avvenuto con riferimento alle rimanenti domande avanzate dalla parte istante, non è tuttavia possibile avanzare, con dette memorie, pretese diverse da quelle originarie, che abbiano l effetto di introdurre un petitum più ampio o fondato su ragioni non prospettate in precedenza. D altra parte, la domanda in esame è inammissibile anche sotto un ulteriore ed assorbente profilo, vertendo su una questione del tutto nuova rispetto alle richieste contenute nell istanza per il tentativo obbligatorio di conciliazione, all epoca del quale non si era neppure verificato il fatto costitutivo oggetto dell attuale pretesa, costituito come detto dalla riattivazione dell utenza con un piano tariffario diverso da quello originario. Ne discende che le richieste in esame, non essendo state oggetto dell istanza di conciliazione presentata a suo tempo, con conseguente violazione del principio di obbligatorietà della fase conciliativa, sono inammissibili nella presente sede di definizione. Sempre in via preliminare, deve rigettarsi l eccezione di inammissibilità della memoria dell operatore H3G per asserita violazione del diritto di difesa di cui all art. 16 del Regolamento (All. A Del. 173/07/CONS), formulata da parte istante nella memoria di replica del 10 aprile Al riguardo, l istante eccepisce che l operatore non avrebbe assolto all onere della prova in merito all avvenuta ricezione della propria documentazione da parte dell istante, così come richiesto nella comunicazione di avvio del procedimento, inviando la propria memoria con una tempistica abbastanza stretta per la produzione di controdeduzioni. In realtà, si rileva che la memoria dell operatore H3G è stata ritualmente prodotta ai sensi dell art. 16, comma 2, del Regolamento, nel rispetto dei termini procedimentali assegnati con la comunicazione di avvio del procedimento, consentendo così all istante che, infatti, non ne ha contestato la ricezione di esplicare esaurientemente le proprie difese in sede di memoria di replica. Nel merito. Con le domande formulate sub 2) e 3) nella memoria del 27 marzo 2014, l istante lamenta due ordini di problematiche consistenti, da un lato, nell arbitraria disattivazione della propria utenza mobile, avvenuta senza preavviso durante il periodo di dodici mesi dalla ricarica in cui doveva essere garantita la piena funzionalità della sim card e, dall altro, nella mancata risposta dell operatore H3G ai propri reclami. A) Sulla disattivazione dell utenza mobile n La domanda è fondata e meritevole di accoglimento, nei termini che seguono. In tema di cessazione della numerazione per servizi mobili, viene in rilievo l art. 8, comma 9, della Delibera n. 26/08/CIR, recante il Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa, così come modificato dalla Delibera n. 74/10/CIR, il quale prevede che gli operatori possono disporre, per i servizi di comunicazioni mobili e personali di tipo pre-pagato, la cessazione della relativa numerazione d utente qualora non vengano intrattenuti con il cliente rapporti commerciali per un periodo continuativo di almeno ventiquattro mesi. Gli operatori che prevedono la sospensione del servizio entro tale periodo, comunque non prima dello scadere del dodicesimo mese dall ultimo rapporto commerciale, informano il cliente della clausola in questione e consentono la riattivazione del servizio sulla medesima numerazione, mediante procedure semplici e senza alcun onere aggiuntivo per il cliente, entro quarantotto ore dalla richiesta salvo casi eccezionali, ferme 7/11

8 restando, in ogni caso, le pertinenti disposizioni riguardanti il trattamento del credito residuo. Gli operatori informano l utente, con almeno trenta giorni in anticipo, sia della eventuale sospensione del servizio che della cessazione del numero. Tali numerazioni possono essere utilizzate per altri utenti dopo il prescritto periodo di latenza. Con il predetto articolo sono state introdotte previsioni di maggior favore per gli utenti in relazione al periodo di utilizzo e di disponibilità delle sim card, onde assicurare un livello minimo di tutela dell utente da rispettare obbligatoriamente da parte di tutti gli operatori. Più in particolare, è stato stabilito, in capo agli operatori di rete mobile, l obbligo di: a) garantire la funzionalità della sim card per un periodo minimo di dodici mesi, decorrente dall ultima operazione di ricarica, b) preavvisare l utente, con almeno trenta giorni di anticipo, dell imminente sospensione del servizio e c) consentire la riattivazione della sim sospesa mediante procedure semplici e senza alcun onere aggiuntivo per il cliente, entro quarantotto ore dalla richiesta. Nel caso di specie, dagli atti del procedimento emerge che l utenza mobile della parte istante, attivata con l operatore H3G il 20 gennaio 2011, è stata disattivata in data 17 febbraio 2012, senza alcun preavviso, dopo che il Sig. Dupré aveva effettuato una ricarica in data 7 gennaio Nel corso del presente procedimento, l operatore H3G ha giustificato la disattivazione dell utenza in ragione del mancato utilizzo a pagamento dei servizi forniti da 3 per un periodo superiore a cinque mesi, richiamando quanto previsto al riguardo dall art. 5.4 delle Condizioni Generali di contratto, secondo cui In caso di Servizi UMTS prepagati e, se previsti dal Piano Tariffario, di Servizi Televisivi, prepagati, 3 fornirà al Cliente i predetti servizi UMTS e i Servizi Televisivi per periodi di 5 (cinque) mesi decorrenti dal giorno di attivazione della USIM o della USIM TV o dall ultimo utilizzo a pagamento dei Servizi UMTS o dei Servizi Televisivi effettuato dal Cliente, più un ulteriore mese durante il quale la USIM o la USIM TV sarà abilitata soltanto alla ricezione di servizi gratuiti. Trascorso detto periodo, 3 si riserva di disattivare la USIM o la USIM TV (cfr. doc. 5 allegato alla memoria H3G). In realtà, tale disposizione non risulta applicabile al caso di specie. Essa, infatti, è superata, ratione temporis, dalla richiamata normativa di settore che, dettando previsioni di maggior favore per l utente, obbligatorie per tutti gli operatori, trova senza dubbio applicazione al contratto de quo, stipulato in data successiva all entrata in vigore della normativa stessa (cfr. doc. 3 allegato all istanza). D altra parte, come correttamente eccepito da parte istante, non risulta che il Sig. Dupré, né all atto della sottoscrizione del contratto né in un momento successivo, abbia mai accettato tali Condizioni Generali di contratto, le quali non sono state accluse alla stipula del contratto, né illustrate o spiegate o fornite nemmeno in momenti successivi ; al riguardo, dall esame del contratto de quo, denominato Modulo Ricaricabile Persone Fisiche (cfr. doc. 3 allegato all istanza), si evince che lo stesso non contiene nessun riferimento o richiamo alle predette Condizioni Generali di contratto, le quali, pertanto, non essendo state accettate espressamente dall utente, non possono ritenersi quale parte integrante del regolamento contrattuale, anche ai sensi dell art. 33 del c.d. Codice del Consumo, il quale sancisce la vessatorietà delle clausole che hanno l effetto di prevedere l estensione dell adesione del consumatore a clausole che non ha avuto la possibilità di conoscere prima della conclusione del contratto. Dal canto suo, l istante ha dimostrato di avere effettuato un operazione di ricarica dell utenza in questione in data 7 gennaio 2012 (cfr. doc. 2 allegato all istanza) così come confermato, peraltro, dall operatore convenuto (cfr. doc. 6 allegato alla memoria H3G), dando atto, altresì, di avere utilizzato il credito ivi presente sia in traffico voce ed sms, sia in traffico dati verso la rete internet. Per quanto riguarda, poi, il profilo relativo al mancato preavviso all utente, con i prescritti trenta giorni di anticipo, dell imminente interruzione della funzionalità della sim card, si rileva che l operatore 8/11

9 convenuto, nella propria memoria difensiva, non ha fornito la benché minima indicazione al riguardo, confermando con ciò che l istante non ha ricevuto nessun preavviso in merito alla contestata disattivazione della propria utenza. In definitiva, l operatore H3G ha disattivato la sim card intestata al Sig. Dupré prima del decorso dei dodici mesi previsti dalla sopra richiamata normativa regolamentare, senza avvisare preventivamente l utente dell imminente sospensione e/o disattivazione del servizio. In tale contesto, pertanto, deve dichiararsi la responsabilità dell operatore H3G ai sensi dell art del codice civile per l illegittima cessazione dell utenza de qua, con conseguente diritto della parte istante alla percezione di un indennizzo proporzionato al disagio subito. Per il calcolo dell indennizzo viene in rilievo, nel caso di specie, l art. 4, comma 1, del Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori, approvato con la Delibera n. 73/11/CONS, il quale prevede che nel caso di sospensione o cessazione amministrativa di uno o più servizi avvenuta senza che ve ne fossero i presupposti, ovvero in assenza del previsto preavviso, gli operatori sono tenuti a corrispondere un indennizzo, per ciascun servizio non accessorio, pari ad euro 7,50 per ogni giorno di sospensione. Per quanto concerne il periodo indennizzabile, ai fini della individuazione del dies a quo si deve tenere conto del fatto che, sebbene l utenza sia stata disattivata il 17 febbraio 2012, l istante, per un lungo periodo di tempo, ha prestato acquiescenza alle ragioni dell operatore, rassegnandosi come da lui stesso dichiarato alla perdita dell utenza de qua. In tale periodo, protrattosi per oltre un anno, l istante non ha reclamato né avanzato richieste di sorta in merito alla propria utenza, dovendosi con ciò ritenere che lo stesso non avesse più un interesse concreto ed attuale al recupero del numero. Ne discende che il dies a quo va fatto decorrere, in applicazione dei principi di proporzionalità ed equità dell indennizzo sanciti dalla normativa di settore, dalla data del 17 agosto 2013 in cui l istante, presa coscienza in maniera fortuita degli obblighi dell operatore grazie alla lettura della direttiva [rectius, delibera] 416/13/CONS su un caso analogo, ha ripreso i tentativi di rientrare in possesso dell utenza (cfr. memoria del 27 marzo 2014), presentando poco dopo l istanza per il tentativo di conciliazione. Con riferimento, invece, al dies ad quem, non può tenersi conto della data del 18 ottobre 2013 in cui l utenza, secondo quanto dedotto dall operatore H3G, è stata riattivata a sistema; al riguardo, infatti, l istante ha dimostrato che per circostanze ad esso non imputabili, ampiamente descritte nella memoria del 27 marzo 2014, sebbene attivatosi tempestivamente per il ritiro della SIM di appoggio presso il negozio 3, è rientrato in possesso della numerazione de qua soltanto in data 8 marzo 2014; l indennizzo, pertanto, in applicazione dei richiamati principi di proporzionalità ed equità, andrà calcolato fino a tale data. Ne discende che l istante, per i 203 giorni di illegittima cessazione dell utenza de qua compresi tra il 17 agosto 2013 (data del reclamo in reitera) e l 8 marzo 2014 (data in cui l istante ha ricevuto la nuova carta SIM con il numero de quo), ha diritto ad un indennizzo complessivo di euro 3.045,00 (euro 7,50 x 203 giorni x i due servizi voce e dati = euro 3.045,00). B) Sulla mancata risposta al reclamo. Risulta fondata anche la domanda con cui l istante ha chiesto la liquidazione dell indennizzo per la mancata risposta dell operatore ai propri reclami. In via generale, ai sensi dell articolo 8, comma 4, della Delibera Agcom n. 179/03/CSP, gli operatori di telecomunicazioni, in caso di reclamo diretto a segnalare un disservizio o una problematica relativa alla prestazione erogata, sono tenuti a fornire una risposta adeguatamente motivata entro il termine indicato 9/11

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 INTRODUZIONE Vodafone Omnitel B.V. adotta la presente Carta dei Servizi in attuazione delle direttive e delle delibere

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Carta dei Servizi di PosteMobile S.p.A.

Carta dei Servizi di PosteMobile S.p.A. Carta dei Servizi di PosteMobile S.p.A. 1. PREMESSA E PRINCIPI FONDAMENTALI Con la sottoscrizione del Modulo di richiesta di consegna ed attivazione della Carta SIM PosteMobile e del Modulo di richiesta

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (Approvate con delibera n. 276/13/CONS dell 11 aprile 2013) I. PRINCIPI E CRITERI GENERALI

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

CONDIZIONI RELATIVE AI SERVIZI WIND

CONDIZIONI RELATIVE AI SERVIZI WIND CONDIZIONI RELATIVE AI SERVIZI WIND CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVO AI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI WIND Art. 1 Oggetto del contratto e definizione ART. 1.1 Condizioni Generali WIND Telecomunicazioni

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

CAMBIO OPERATORE TELEFONICO RETE MOBILE. Che cos è. cambiare operatore mobile, mantenendo al tempo stesso il proprio numero di

CAMBIO OPERATORE TELEFONICO RETE MOBILE. Che cos è. cambiare operatore mobile, mantenendo al tempo stesso il proprio numero di CAMBIO OPERATORE TELEFONICO RETE MOBILE Che cos è La MNP (Mobile Number Portability) è la procedura che consente all utente di cambiare operatore mobile, mantenendo al tempo stesso il proprio numero di

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ABBONAMENTO AI SERVIZI MOBILI DI POSTEMOBILE S.p.A. (PosteMobile)

CONDIZIONI GENERALI DI ABBONAMENTO AI SERVIZI MOBILI DI POSTEMOBILE S.p.A. (PosteMobile) CONDIZIONI GENERALI DI ABBONAMENTO AI SERVIZI MOBILI DI POSTEMOBILE S.p.A. (PosteMobile) SERVIZIO DI PORTABILITA DEL NUMERO (MNP) DA ALTRO OPERATORE MOBILE A POSTEMOBILE S.p.A. INFORMATIVA PRIVACY CONDIZIONI

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A.

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. Indice INTRODUZIONE 1- PRINCIPI FONDAMENTALI... 1 2- IMPEGNI... 3 3- I SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS... 3 4- STANDARD DI QUALITÀ... 5 5- RAPPORTO CONTRATTUALE

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

Carta dei Servizi. Principi fondamentali

Carta dei Servizi. Principi fondamentali Carta dei Servizi Principi fondamentali Premessa Tiscali Italia S.p.a. (di seguito Tiscali), nell'ambito di un programma improntato alla trasparenza nei rapporti con la propria clientela, e alla qualità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Dati dell'azienda intestataria della SIM Card PosteMobile Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Ragione Sociale P.IVA Codice Fiscale Sede Legale: Indirizzo N civico Provincia Cap

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli