Dichiarazione Ambientale 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale 2009"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale 2009 Aggiornamento delle informazioni ambientali relative all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale Centrale termoelettrica Vado Ligure T

2 Informazioni al pubblico La Centrale Vado Ligure fornisce informazioni sugli aspetti ambientali e tecnici del sito ai soggetti interessati ed alla popolazione. La Dichiarazione Ambientale e gli aggiornamenti sono disponibili presso la Centrale e sul sito internet al seguente indirizzo: Per informazioni e approfondimenti contattare: Capo Centrale: Pasquale D Elia tel pasquale.d Rappresentante della Direzione: Alessandro Colaprico tel

3 Dichiarazione ambientale Indice 3 Indice Dichiarazione di approvazione 4 Presentazione 5 Descrizione dell organizzazione 6 La Politica Ambientale di Tirreno Power 8 La Politica Ambientale del sito 10 Informazioni sul sito 11 Aspetti ed impatti ambientali 12 Aspetti ambientali diretti 12 Aspetti ambientali indiretti 28 Salute e sicurezza 29 Il Programma Ambientale 30 Sintesi degli obiettivi di miglioramento ambientale 30 Compendio dei dati ambientali 31 Dati ambientali del triennio Indicatori chiave ambientali 36 Principali obblighi normativi applicabili 43

4 4 Dichiarazione ambientale Dichiarazione di approvazione Dichiarazione di approvazione Dichiarazione di approvazione: Tirreno Power SpA, Centrale termoelettrica Vado Ligure Codice di attività: Via A. Diaz, Quiliano (SV) NACE Produzione di energia elettrica FIGURA n 1a: certificato ISO FIGURA n 1b: certificato EMAS La Centrale termoelettrica Vado Ligure ha attuato e mantiene un Sistema di Gestione Ambientale conforme alla norma UNI EN ISO 14001, ottenendo la relativa certificazione in data 8 novembre 2002 per il settore della Produzione di energia elettrica. Allo scopo di attuare il miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali e di comunicare al pubblico i risultati raggiunti, la Centrale ha aderito volontariamente ad un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), conseguendo in data 17 giugno 2004 la registrazione n IT Il presente documento contiene l aggiornamento annuale relativo all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale, approvato dal Capo Centrale Pasquale D Elia, preparato dal gruppo di lavoro costituito da Alessandro Colaprico e Paola Montaldo e controllato da Antonio Russo. Il Verificatore Ambientale accreditato che ha convalidato, ai sensi del Regolamento CE 1221/2009, la Dichiarazione Ambientale ed il presente aggiornamento è l istituto CERTIQUALITY S.r.l., Via G. Giardino 4, Milano, n accreditamento IT-V L Organismo nazionale competente, istituito dal Ministero dell Ambiente, che ha deliberato la Registrazione EMAS è il COMI- TATO PER ECOLABEL ED ECOAUDIT, Via V. Brancati 48, Roma. La validità della convalida della Dichiarazione Ambientale scade dopo tre anni dalla data di convalida. La Direzione della Centrale Vado Ligure elabora annualmente e sottopone a convalida un aggiornamento delle informazioni ambientali, così come previsto dall allegato IV del Regolamento CE n. 1221/2009. Il Verificatore accreditato ha convalidato il presente aggiornamento in data 10 giugno 2010.

5 Dichiarazione ambientale Presentazione 5 Presentazione Sono lieto di presentare l aggiornamento all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale della Centrale Vado Ligure, a conferma dell impegno al mantenimento delle certificazioni ambientali già acquisite per il sito di Vado Ligure e del forte orientamento della società alle tematiche ambientali ed al miglioramento continuo dei processi. Con l anno 2009, per il sito di Vado Ligure, si è conseguito un primo importante traguardo nel processo di rinnovamento del lay-out impiantistico, con l ottenimento del decreto di pronuncia di compatibilità ambientale, da parte del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per la costruzione e l esercizio di una nuova unità da 460 MW a carbone. In questo contesto in evoluzione, la Registrazione EMAS costituisce per noi motivo di sfida e richiederà l impegno costante di tutto il personale a mantenere inalterati i livelli di qualità e di efficienza ambientale già raggiunti. Il presente documento è stato sviluppato in conformità al nuovo Regolamento Comunitario n.1221/2009/ce, sull adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema di ecogestione ed audit (EMAS III) e costituisce per noi un importante veicolo di comunicazione nei confronti di tutte le parti interessate (Autorità pubbliche, istituzioni, cittadinanza, dipendenti, associazioni, stampa e Fornitori). Tale documento contiene un aggiornamento all anno 2009 delle informazioni ambientali contenute nella Dichiarazione ambientale In particolare sono stati riportati i dati aggiornati inerenti le prestazioni ambientali del sito, integrando ed arricchendo il capitolo dedicato agli indicatori ambientali secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento EMAS III. Con l introduzione di nuovi indicatori ambientali chiave, confidiamo di offrire una sempre più chiara e sintetica descrizione delle nostre prestazioni ambientali e di porre le basi per un futuro processo di benchmark tra le imprese del settore energetico. Confermiamo la massima disponibilità della Direzione a ricevere suggerimenti e proposte dalle parti interessate e a fornire qualsiasi informazione aggiuntiva di pertinenza tecnica e ambientale venga richiesta. Gli obiettivi sono ambiziosi ma coerenti con la nostra storia e il nostro approccio alle problematiche ambientali. I risultati raggiunti e i nuovi impegni che attendono la Centrale nei prossimi anni sono il frutto della partecipazione attiva di tutto il personale del sito di Vado Ligure e dell assistenza delle strutture dello Staff della Società Tirreno Power che, con l occasione, ringrazio. Vado Ligure, maggio 2010 Il Capo Centrale Pasquale D Elia

6 6 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Descrizione dell organizzazione 2008 Sottotitolo Descrizione dell Organizzazione Tirreno Power nasce a seguito della riorganizzazione del mercato italiano dell energia elettrica, avviata con il Decreto Legislativo 16 marzo 1999 n. 79, in attuazione della Direttiva 96/92 CE. Con l approvazione del piano per la cessione degli impianti, intervenuta con il D.P.C.M. 4 agosto 1999, l ENEL costituiva il 1 ottobre 1999 tre società per azioni: Eurogen, Elettrogen ed Interpower, destinate ad essere cedute. Pertanto, a decorrere dalla sua costituzione, Interpower è succeduta, ex lege, in tutti i beni, diritti e rapporti giuridici inerenti gli impianti ad essa conferiti, compreso tra l altro la Centrale Vado Ligure. Il 12 novembre 2002, la società consortile costituita al 50% da Energia Italiana SpA ed al 50% da EblAcea SpA, ha ottenuto dall Autorità per l Energia e il Gas il diritto di acquistare la Società denominata Interpower SpA. Nel gennaio 2003, Interpower assume la denominazione Tirreno Power SpA. 70% 30% EblAcea 50% 78% 11% Energia Italiana 50% 11% FIGURA n 2: composizione societaria Della Società Tirreno Power fanno parte: Centrale Termoelettrica Vado Ligure (SV); Centrale Termoelettrica Torrevaldaliga (RM); Centrale Termoelettrica Napoli (NA); Settore Fonti Rinnovabili FIGURA n 3: Tirreno Power S.p.A.: consistenza impianti

7 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Descrizione dell organizzazione 2008 Sottotitolo 7

8 8 Dichiarazione ambientale Aggiornamento La politica Ambientale 2008 Sottotitolo di Tirreno Power La Politica Ambientale di Tirreno Power Tirreno Power considera la tutela dell ambiente uno dei propri valori fondamentali. Pertanto, fin dalla sua costituzione, persegue l obiettivo di coniugare le esigenze di produzione dell energia elettrica con la tutela dell ambiente. Individuare e conseguire le migliori performance ambientali mette la Società in sintonia con un comune sentire e dà lustro alla sua immagine, ma costituisce anche un valore economico. L ottimale gestione delle performance ambientali è infatti indice di un accurato controllo di processo. Inoltre la conduzione nel rispetto dell ambiente dà certezza alla Società di continuità di produzione, rende minimi i rischi ambientali e ne aumenta il valore. Per conseguire l obiettivo prefissato, Tirreno Power ha: - sviluppato e realizzato, nei tre siti termoelettrici di Torrevaldaliga, Vado Ligure e Napoli Levante, progetti di rinnovamento degli impianti che utilizzano le migliori tecnologie disponibili. Il loro impiego consente di ottenere, tra l altro, elevati rendimenti e le migliori prestazioni in termini di contenimento dell impatto ambientale, - avviato l ammodernamento delle centrali del proprio nucleo idroelettrico, finalizzato al miglioramento della loro efficienza e producibilità. In attuazione della propria Politica Ambientale e nell intento di aumentare la propria capacità produttiva utilizzando nel contempo un più equilibrato mix di risorse energetiche, la Società ha istituito anche il Settore Fonti Rinnovabili per la gestione del proprio nucleo idroelettrico e la progettazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili. Tutte le centrali sono dotate di un Sistema di Gestione Ambientale, che garantisce mezzi e strumenti per l attuazione della Politica Ambientale, in particolare i siti di Vado Ligure e Torrevaldaliga hanno conseguito ormai da tempo la certificazione ISO e la registrazione EMAS, per l impianto Napoli Levante, entrato in funzione nel mese di aprile 2009, si è avviato il procedimento per l ottenimento dello stesso riconoscimento. È altresì intendimento della Società avviare l iter di certificazione ambientale anche per gli impianti idroelettrici e quindi per l intera organizzazione aziendale. I principi ispiratori della Politica Ambientale adottata da Tirreno Power si basano su: - l ottimale utilizzo e corretto impiego delle risorse naturali e delle materie prime necessarie per i processi dei cicli produttivi; - il coinvolgimento e la sensibilizzazione del management e di tutto il personale della Società nell attuazione della Politica Ambientale; - la formazione e l informazione del personale sulle tematiche ambientali, per accrescerne la cultura su tali aspetti al fine di promuovere comportamenti ed atteggiamenti in linea con la Politica Ambientale; - la ricerca della massima efficacia del Sistema di Gestione Ambientale adottato presso i propri siti; - il miglioramento continuo degli standard ambientali per i propri siti; - la chiarezza e la trasparenza dei rapporti con le Autorità, le istituzioni e la cittadinanza; - il costruttivo confronto con i propri dipendenti e loro rappresentanti, in particolare sulle questioni attinenti l ambiente e la salute sui posti di lavoro. In definitiva, con l adozione della Politica Ambientale, Tirreno Power si prefigge di: - realizzare programmi d investimenti che privilegino i processi con l utilizzo delle migliori tecnologie disponibili per la riduzione delle interazioni con l ambiente ed il territorio e siano indirizzati anche nel campo delle fonti rinnovabili; - prevenire ogni forma d inquinamento ambientale attraverso l uso ottimale delle risorse e delle materie prime, l adozione d idonee procedure tecnico-gestionali, la ricerca della maggiore efficienza energetica, l ottimizzazione del ciclo dei rifiuti, l adozione di programmi di verifica e controllo delle emissioni, degli scarichi di acque reflue, ecc; - promuovere efficaci azioni ambientali nelle centrali idroelettriche, con riferimento alla gestione ottimale degli invasi,

9 Dichiarazione Dichiarazione ambientale ambientale La politica Aggiornamento Ambientale di 2008 Tirreno Sottotitolo Power 9 il rilascio dei deflussi minimi vitali, eventuale semina di avanotti; - promuovere e migliorare la comunicazione con le comunità locali per rendere maggiormente comprensibili e condivise le scelte societarie, anche al fine di valorizzare l immagine della Società; - coinvolgere i dipendenti e i Fornitori sulle tematiche ambientali e di sicurezza sul lavoro con azioni sinergiche orientate al miglioramento continuo. Roma, giugno 2009 Il Direttore Generale Giovanni Gosio FIGURA n 4: visione d insieme dell area circostante la Centrale

10 10 Dichiarazione ambientale La politica Ambientale del sito La Politica Ambientale del sito La tutela dell ambiente costituisce un valore per la Centrale termoelettrica Vado Ligure che persegue l obiettivo di coniugare le esigenze di produzione dell energia elettrica con la salvaguardia ambientale e del territorio circostante. La Politica Ambientale del sito di Vado Ligure si articola pertanto nei seguenti principi: 1) l energia prodotta deve essere garantita nel rispetto e nella tutela della qualità dell ambiente; 2) il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali della Centrale viene perseguito tramite l attuazione di pratiche operative e di controllo, l aggiornamento tecnologico continuo, l applicazione delle migliori tecniche disponibili, economicamente sostenibili ; 3) gli aspetti ambientali rilevanti collegati alle attività della Centrale sono identificati e periodicamente riesaminati. In particolare, in occasione di nuovi progetti e modifiche sostanziali agli impianti, alle attrezzature ed alle pratiche di lavoro, gli aspetti ambientali sono valutati in anticipo per garantire il controllo di eventuali nuovi impatti sull ambiente; 4) sono garantiti il rispetto della legislazione in campo ambientale e la conformità ad altri requisiti ed impegni stabiliti e sottoscritti dall organizzazione; 5) le risorse naturali e le materie prime utilizzate per i processi produttivi sono utilizzate con criteri di massima efficienza; 6) la prevenzione d ogni forma d inquinamento ambientale è garantita attraverso l uso ottimale delle risorse e delle materie prime, l adozione d idonee procedure tecnico-gestionali, la ricerca della maggiore efficienza energetica, l ottimizzazione del ciclo dei rifiuti, l adozione di programmi di verifica e controllo delle emissioni, degli scarichi di acque reflue, ecc; 7) sono adottate apposite procedure di emergenza per prevenire gli incidenti ambientali; 8) la Centrale favorisce il costruttivo confronto con i dipendenti e i loro rappresentanti sulle questioni attinenti l ambiente; 9) la Politica Ambientale del sito è comunicata a tutti i Fornitori e il personale di terzi che opera nel sito è informato sulle disposizioni previste dal Sistema di Gestione Ambientale; 10) viene garantita la chiarezza e la trasparenza di rapporti con le Autorità, le istituzioni e la cittadinanza. Vado Ligure, 28 aprile 2006 Il capo Centrale Pasquale D Elia

11 Dichiarazione Dichiarazione ambientale ambientale Aggiornamento Informazioni 2008 Sottotitolo sul sito 11 Informazioni sul sito La Centrale termoelettrica Vado Ligure trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile in energia elettrica ad alta tensione. Le sezioni termoelettriche VL3 e VL4 sono predisposte per l alimentazione a carbone e utilizzano, nelle fasi di avviamento, olio combustibile denso e gasolio. L unità VL5, a ciclo combinato, è alimentata esclusivamente a gas naturale. I gruppi VL3 e VL4 sono costituiti da sezioni termoelettriche a ciclo termodinamico aperto che impiega come fluido d alimentazione acqua demineralizzata direttamente prodotta. La sezione VL5 è un unità a ciclo combinato in configurazione multi-shaft, costituita da due turbogas (TG51 e TG52) e da due generatori di vapore a recupero (GVR51 e GVR52), che alimentano in parallelo un unica turbina a vapore (TV50). Nella figura seguente è riportata una planimetria schematica che individua le principali parti di impianto dell area produttiva. METRI Legenda 1 - Ciclo combinato VL PARCO CARBONE 21 - SILI CALCARE 2 - CALDAIA EX SEZIONE VL SILI CENERE 22 - CAMINI 3 - CALDAIA SEZIONE VL SILI GESSO 23 - TRASFORMATORI PRINCIPALI 4 - CALDAIA SEZIONE VL STOCCAGGIO AMMONIACA 24 - CAPANNONE GESSO 5 - SALA MACCHINE 15 - TRATTAMENTO ACQUE DESOLFORATORE 25 - AREA CANTIERE IMPRESE 6 - PRECIPITATORI ELETTROSTATICI 16 - TRATTAMENTO ACQUE REFLUE 26 - STAZIONE SNAM RETE GAS 7 - DENITRIFICATORI 17 - OSMOSI INVERSA 27 - STAZIONE RIDUZIONE GAS 8 - DESOLFORATORI 18 - UFFICI E LABORATORIO CHIMICO 28 - CALDAIE AUSILIARIE 9 - DEPOSITO NAFTA n MAGAZZINI, OFFICINE E UFFICI 10 - DEPOSITO NAFTA n 2 (in corso cambio destinazione d uso) 20 - DEPOSITO RIFIUTI 29 - EDIFICIO COMPRESSORI, ANTINCENDIO, IMP. DEMINERALIZZAZIONE FIGURA n 5: planimetria generale della Centrale

12 12 Dichiarazione ambientale Aspetti ed impatti ambientali Aspetti ed impatti ambientali Nella Centrale Vado Ligure è attiva una procedura per l individuazione e la valutazione periodica (almeno annuale) degli aspetti ambientali, ovvero di tutte le componenti impiantistiche, le attività e le operazioni che possono dare origine ad impatti sull ambiente (come ad esempio: produzione di reflui liquidi e gassosi, rumore, rifiuti, uso di sostanze pericolose). In particolare sono stati individuati tutti gli aspetti ambientali che l organizzazione può tenere sotto controllo (definiti aspetti diretti) e quelli sui quali essa può esercitare solo un influenza (definiti aspetti indiretti). Nei paragrafi successivi viene riportato un aggiornamento degli aspetti ambientali significativi per il sito, con particolare riferimento alle prestazioni ambientali, compreso il confronto con le disposizioni di legge. Aspetti ambientali diretti Aria Emissione dei prodotti principali della combustione Nella tabella seguente sono riassunti i limiti di emissione vigenti per le sezioni VL3, VL4 e VL5. Sulle sezioni VL3 e VL4, la Centrale ha messo in atto da tempo un programma di gestione degli impianti di trattamento dei fumi che ha consentito, non solo di confermare il rispetto dei limiti suddetti, ma di ottenere un miglioramento delle prestazioni ambientali con una riduzione delle concentrazioni delle emissioni al camino tale da garantire il rispetto dei valori di riferimento riportati nella seguente tabella. VL3 - VL4 VL5 Parametro Limiti emissivi Valori di riferimento Limiti emissivi (mg/nm 3 ) SO N. A. NO X (espressi come NO 2 ) Polveri N. A. CO 250 N. A (Nota 1) Nota 1: il valore limite è pari a 30 mg/nm 3 tra il % della potenza nominale e sale a 50 mg/nm 3 per carichi tra il minimo tecnico e il 70% della potenza nominale. TABELLA n 1: valori limite vigenti per le emissioni in atmosfera Per le sezioni VL3 VL4 I limiti e i valori di riferimento si intendono rispettati se, durante un anno civile: - nessun valore medio del mese civile supera i valori limite di emissione o di riferimento; - per il biossido di zolfo e le polveri, il 97% di tutti i valori medi di 48 ore deve essere al di sotto del 110% dei valori limite di emissione o di riferimento; - per gli ossidi di azoto, il 95% di tutti i valori medi di 48 ore deve essere al di sotto del 110% dei valori limite di emissione o di riferimento. Per la sezione VL5 I limiti si intendono rispettati se la media delle concentrazioni rilevate nell arco di un ora è inferiore o uguale al limite stesso. Tirreno Power, come previsto dal Decreto del Ministero dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare n 10541/ VIA/A.O.13.B del 8 ottobre 2001, ha inoltre trasmesso alla Regione Liguria il Protocollo che prevede le modalità di segnalazione, ai competenti organi di vigilanza, delle eventuali situazioni di superamento dei limiti di emissione e gli interventi da attuarsi sull impianto in tali circostanze.

13 Dichiarazione ambientale Aspetti ed impatti ambientali 13 FIGURA n 6: centrale termoelettrica Vado Ligure: vista d insieme dell impianto Nei paragrafi seguenti vengono riprodotti per ogni inquinante e sezione termoelettrica, i valori delle concentrazioni medie rilevate nell anno 2009, in rapporto con i rispettivi valori limite vigenti. Si segnala che nel corso del 2009 la sezione VL3 ha effettuato una fermata per manutenzione programmata dal 10 maggio al 3 ottobre, pertanto nei grafici successivi i dati dei mesi da giugno a settembre non sono disponibili.

14 14 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo Biossido di zolfo Sezioni VL3 e VL4 400 SO 2 VL3 SO 2 VL4 Limite di legge Valore di riferimento SO 2 [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 1: concentrazioni medie mensili di SO 2 in rapporto ai limiti applicabili Nel grafico n 1 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili di SO 2 rilevate nell anno 2009, messe a confronto con il limite di legge vigente pari a 400 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 390 mg/nm 3. Per quanto riguarda le medie delle 48 ore, nell anno 2009 nessuna media ha superato il valore limite vigente, pari a 440 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 429 mg/nm 3. Sezione VL5 Le emissioni di SO 2 attribuibili a VL5, che utilizza esclusivamente gas naturale, risultano del tutto trascurabili in quanto lo zolfo può essere presente solo in tracce nel combustibile utilizzato. ossidi di AZOTo Sezioni VL3 e VL4 200 NO X VL3 NO X VL4 Limite di legge Valore di riferimento NO X [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 2: concentrazioni medie mensili di NOx in rapporto ai limiti applicabili

15 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo 15 Nel grafico n. 2 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili di NOx rilevate nell anno 2009, messe a confronto con il limite di legge vigente pari a 200 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 195 mg/nm 3. Per quanto riguarda le medie delle 48 ore, nell anno 2009 nessuna media ha superato il valore limite vigente, pari a 220 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 214 mg/nm 3. Sezione VL5 Nel corso del 2009 l unità è stata esercita nel rispetto delle prescrizioni di cui al Protocollo trasmesso alla Regione Liguria per la segnalazione di eventuali situazioni di superamento dei limiti orari di emissione. Nel grafico n 3 sono riportati, a scopo indicativo, gli andamenti delle concentrazioni medie mensili nell anno 2009 confrontate con il limite di legge. 50 NO X VL51 NO X VL52 Limite di legge NO X [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 3: concentrazioni medie mensili di NOx in rapporto ai limiti di legge Nel corso dell anno 2009 il turbogas VL51 è stato esercito con nuovi bruciatori installati in prova che hanno dimostrato di fornire migliori prestazioni relativamente all abbattimento degli NOx. Verificata l efficacia della modifica, è allo studio l installazione di idonei bruciatori anche sul turbogas VL52. POLVERI Sezioni VL3 e VL4 50 Polveri VL3 Polveri VL4 Limite di legge Valore di riferimento Polveri [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 4: concentrazioni medie mensili di Polveri in rapporto ai limiti applicabili

16 16 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo Nel grafico n. 4 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili di polveri rilevate nell anno 2009, messe a confronto con il limite di legge vigente pari a 50 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 35 mg/nm 3. Per quanto riguarda le medie delle 48 ore, nell anno 2009 nessuna media ha superato il valore limite vigente, pari a 55 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 38 mg/nm 3. Relativamente all unità VL3 si è osservato un modesto aumento delle polveri in emissione negli ultimi mesi dell anno comunque in linea con le prestazioni degli anni precedenti. Sezione VL5 Le emissioni di polveri attribuibili a VL5, che utilizza esclusivamente gas naturale, risultano del tutto trascurabili. MONossidO di CARBONIo Sezioni VL3 e VL4 250 CO VL3 CO VL4 Limite di legge CO [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 5: concentrazioni medie mensili di CO in rapporto ai limiti di legge Nel grafico n 5 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili nell anno 2009 in rapporto ai limiti di legge vigenti. Sezione VL5 Nel corso del 2009, nessuna media oraria ha superato il valore limite applicabile. Nel grafico n 6 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili nell anno 2009 in rapporto ai limiti di legge (si ricorda che il valore limite è pari a 30 mg/nm 3 tra il % della potenza nominale e sale a 50 mg/nm 3 per carichi tra il minimo tecnico e il 70% della potenza nominale). 40 CO VL51 CO VL52 Limite di legge CO [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 6: concentrazioni medie mensili di CO in rapporto ai limiti di legge

17 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo 17 Anidride carbonica Il dato relativo alle emissioni di CO 2 per l anno 2009, convalidato dal Verificatore accreditato, è pari a kt (Attestato di Verifica Certiquality n ETS20/2009 del 18 marzo 2010). Altri impatti connessi alle emissioni dai camini principali Si riportano i risultati delle campagne di caratterizzazione dei microinquinanti eseguite nell anno 2009, applicando le metodiche previste dalla normativa. Relativamente ai turbogas TG51 e TG52, si precisa che, in mancanza di normativa specifica di riferimento, i valori di concentrazione riscontrati dalle analisi eseguite vengono confrontati con i limiti emissivi definiti dal D.Lgs 152/2006 così come per le unità VL3 e VL4. Parametro Simbolo u.m. TG51 TG52 VL3 VL4 Limite di legge (D.Lgs. 152/2006) Antimonio Sb mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Arsenico As mg/nm 3 0, , , , ,5 (vedi nota 1) Berillio Be mg/nm 3 < MDL < MDL 0, , ,05 Cadmio Cd mg/nm 3 0, , , , ,1 (vedi nota 2) Cobalto Co mg/nm 3 0, , , , ,5 (vedi nota 1) Cromo totale Cr totale mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Cromo esavalente Cr VI mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 0,5 (vedi nota 1) Manganese Mn mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Mercurio Hg mg/nm 3 0, , , , ,1 (vedi nota 2) Nichel totale Ni tot. mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 3) Nichel respirabile Ni respirabile mg/nm 3 0, , , , ,5 (vedi nota 1) Palladio Pd mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5 (vedi nota 4) Platino Pt mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5 (vedi nota 4) Piombo Pb mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Rame Cu mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Rodio Rh mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5 (vedi nota 4) Selenio Se mg/nm 3 < MDL 0, , , (vedi nota 3) Stagno Sn mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Tallio Tl mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL 0, ,1 (vedi nota 2) Tellurio Te mg/nm 3 0, ,00001 < MDL 0, (vedi nota 3) Vanadio V mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Zinco Zn mg/nm 3 0, , , ,00587 n.a. Cloruri Cl (come HCl) mg/nm 3 2,51 3,22 < MDL < MDL 100,00 Fluoruri F (come HF) mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5,00 Bromuri Br (come HBr) mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5,00 Cloro gassoso Cl 2 mg/nm 3 0,182 0,24 0,377 0,337 5,00 Ammoniaca NH 3 mg/nm 3 0,45 0,39 0,223 1, ,00 Idrogeno solforato H 2 S mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5,00 Polveri (PM 10) PM 10 mg/nm 3 0,160 0,310 0,90 1,17 n.a. Sostanze Organiche Volatili SOV mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 300,00 Metano CH 4 mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL n.a. Protossido di azoto N 2 O mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL n.a.

18 18 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo Parametro Simbolo u.m. TG51 TG52 VL3 VL4 Limite di legge (D.Lgs. 152/2006) Idrocarburi Policiclici Aromatici Idrocarburi Policiclici Aromatici IPA (Reg. CE 850/2004) IPA (Benzo(a) pirene) mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 0,10 mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 0,10 Tricloroetilene Tricloroetilene mg/nm 3 n.d. < MDL < MDL < MDL 20,00 Benzene Benzene mg/nm 3 n.d. < MDL < MDL 0,024 5,00 Diossine e furani PCDD + PCDF (come Teq) μg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 10,00 Policlorobifenili PCB μg/nm 3 0, , , , ,00 Policlorotrifenili PCT μg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 500,00 NOTE MDL: Method Detection Limit (Limite di rivelabilità del Metodo) Nota 1: limite sulla sommatoria di As+Co+Cr VI.+Ni respirabile Nota 2: limite sulla sommatoria di Cd+Hg+Tl Nota 3: limite sulla sommatoria di Se+Te+Ni tot. Nota 4: limite sulla sommatoria di Cr+Cu+Mn+Pb+Pd+Pt+Rh+Sb+Sn+V TABELLA n 2: risultati campagne di caratterizzazione dei microinquinanti - anno 2009 Emissioni di gas e polveri da punti secondari Nel corso del 2009 è entrato in servizio il nuovo sistema di nebulizzatori per il lancio a distanza di acqua opportunamente micronizzata all interno dell area del parco carbone. Tale dispositivo, che ha la funzione di formare uno schermo, catturando le eventuali particelle sospese e provocandone l immediata precipitazione, è stato realizzato a seguito del progetto presentato ai sensi del punto 13 del decreto MAP 007/2002, come da lettera inviata alla Provincia e ai Comuni di Vado Ligure e Quiliano - lettera prot. n 738 del 26 gennaio Progetto per contenimento delle emissioni diffuse di polveri dal parco carbone. Le Centrale ha definito una specifica procedura per regolamentare le modalità di attivazione dei nebulizzatori in funzione delle condizioni anemologiche nell area antistante il carbonile, con particolare riferimento alle fasi di scarico delle navi carbone. Presenza ed utilizzo di gas effetto serra e sostanze lesive della fascia di ozono Oltre alle emissioni di CO 2, alla formazione dell Effetto serra, partecipano, in misura decisamente inferiore, anche alcuni prodotti presenti nel sito che, se dispersi nell ambiente, possono contribuire al processo di progressivo riscaldamento FIGURA n 7: sistema di contenimento polveri del parco carbone

19 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo 19 terrestre. Si tratta in particolare di alcuni gas del sistema di condizionamento (Idrofluorocarburi: HFC). In alcuni impianti di condizionamento sono inoltre presenti gas HCFC (Idroclorofluorocarburi), sostanze responsabili del deterioramento della fascia di ozono nella stratosfera. Le apparecchiature contenenti HCFC e HFC sono state censite e sono oggetto di un programma di manutenzione periodica che consente di ridurre il rischio di perdite accidentali. In Centrale è presente inoltre un quantitativo di gas, denominato Esafluoruro di zolfo (SF 6 ) utilizzato in alcune apparecchiature elettriche come isolante in quanto, per le sue particolari proprietà, consente la realizzazione di impianti compatti. In particolare l SF 6 è contenuto negli interruttori di alta tensione delle sezioni termoelettriche, nella stazione blindata 132kV a servizio dell impianto di desolforazione e nell impianto GIS di VL5. Le emissioni di SF 6 durante la vita delle apparecchiature sono esclusivamente legate alle perdite. Il controllo di queste apparecchiature viene effettuato da ditte specializzate. Nel corso dell anno 2009 non sono state riscontrate perdite in atmosfera di SF 6, HCFC ed HFC. Immissioni La Rete di Rilevamento della Qualità dell Aria (RRQA) è costituita da 7 postazioni per la misura in continuo delle concentrazioni al suolo di SO 2, NOx e polveri, da postazioni per la rilevazione dei dati meteorologici e dal sistema di raccolta ed elaborazione dei dati. La RRQA consente l acquisizione di una serie di dati chimico-meteorologici tale da monitorare l impatto di tutte le sorgenti emissive sulla qualità dell aria nei comuni di Vado Ligure, Quiliano, Bergeggi, Savona e Altare. Nella tabella 4 sono riportati i dati di consuntivo dell anno 2009, ricavati dalle registrazioni delle postazioni di rilevamento della qualità dell aria, confrontati con i limiti di legge. Postazione SO 2 µg/m 3 SO 2 µg/m 3 SO 2 SO 2 NO 2 µg/m 3 NO 2 NO x µg/m 3 Media annuale Media invernale (ott-mar) N superi media giornaliera N superi media oraria Media annuale N superi media oraria Media annuale Polveri totali µg/m 3 Media annuale CAPO VADO ACQUEDOTTO CIADE TERMINE BOCCA D ORSO n.d. MONTE CIUTO MONTE S. GIORGIO Limite di legge 20 µg/m 3 20 µg/m 3 Max 3 superi di 125 µg/m 3 Max 24 superi di 350 µg/m 3 40 µg/m 3 Max 18 superi di 200 µg/m 3 30 µg/m 3 n.a. TABELLA n 3: valori di qualità dell aria nell anno 2009 I dati raccolti evidenziano un ampio rispetto di tutti i limiti applicabili vigenti. Il misuratore di Polveri totali della postazione Bocca D Orso è in corso di sostituzione; la messa in servizio del nuovo analizzatore è subordinata all ottenimento del nulla-osta del Prefetto di Savona per la detenzione di sorgenti radioattive.

20 20 Dichiarazione ambientale Aspetti ed impatti ambientali ACQUA Trattamento e scarico delle acque reflue industriali Gli scarichi idrici sono stati autorizzati dalla Provincia di Savona con Deliberazione n.2005/6361 del 29 settembre 2005 che prevede una serie di prescrizioni puntualmente osservate dalla Centrale. Lo scarico delle acque reflue industriali della Centrale si articola in 6 apporti parziali che confluiscono nel canale di scarico delle acque di raffreddamento; il rispetto dei limiti di legge è garantito per ogni singolo apporto parziale prima della confluenza nelle acque di raffreddamento. L autorizzazione impone l esecuzione di controlli analitici periodici per la verifica del rispetto dei limiti di legge (2 controlli analitici all anno sui principali apporti parziali e sullo scarico generale) da effettuarsi a cura di tecnici qualificati e secondo un protocollo concordato con la Provincia stessa. Il laboratorio chimico della Centrale effettua inoltre ulteriori controlli di routine sugli scarichi secondo un programma che assicura il rispetto dei limiti di legge e l ottimizzazione nella conduzione degli impianti di trattamento. Sulla base di questi controlli si conferma il rispetto dei limiti di cui al D. Lgs 152/06, e successive modifiche ed integrazioni, sia sui singoli apporti parziali che allo scarico generale a mare. Nella tabella seguente si riportano i risultati dei controlli allo scarico generale relativi al triennio (valori minimi, massimi e medi riscontrati in occasione delle verifiche periodiche). N Rif. Tab.3, Allegato V, DLgs 152/06 Parametro Valori min-max e medi Anno 2007 Valori min-max e medi Anno 2008 Valori min-max e medi Anno 2009 Limite di legge Unità di misura 1 ph 7,8-8,5 8,1 7,2-8,3 7,9 7,3-8,2 8 5,5-9,5-2 Temperatura 21,7-31,2 25,8 18,3-34,2 23,5 20,2-29,8 24,2 35 C 5 Materiali grossolani Assenti Assenti Assenti Assenti ml/l 6 Solidi sospesi totali (nota 1) 4,3-64,0 18,5 3,8-22,3 13,5 2,8-29,7 14,1 80 mg/l 9 Alluminio 0,01-0,28 0,04 <0, <0,044 0,016 0, ,244 0,04 1 mg/l 10 Arsenico <0,003 - <0,0332 n.a. 0, <0,032 0,012 0, <0,032 0,012 0,5 mg/l 11 Bario <0,007 - <0,2 n.a. <0,007-0,0119 0,006 <0,007-0,02 0, mg/l 12 Boro nota 2 2 mg/l 13 Cadmio 0, <0,007 0,001 0, <0,0012 0,00044 <0, <0,0012 0, ,02 mg/l 14 Cromo totale 0, <0,1 0,008 <0,0007-0,0169 0,003 <0, <0,005 0, mg/l 16 Ferro 0, <0,1 0,013 <0,001-0,0654 0,014 <0,001-0,351 0,036 2 mg/l 17 Manganese <0, <0,1 n.a. <0, , ,003 <0,0007-0,0137 0, mg/l

Dichiarazione Ambientale 2012

Dichiarazione Ambientale 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 Centrale Termoelettrica Vado Ligure Aggiornamento delle informazioni ambientali relative all anno 2012 della Dichiarazione Ambientale Reg. n. I - 000215 Informazioni al pubblico:

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2013 CENTRALE DI TORREVALDALIGA

DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2013 CENTRALE DI TORREVALDALIGA DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2013 CENTRALE DI TORREVALDALIGA GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT - 000029 Informazioni al pubblico La Centrale Torrevaldaliga fornisce informazioni sugli aspetti ambientali

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2011. Centrale Termoelettrica Vado Ligure

Dichiarazione Ambientale 2011. Centrale Termoelettrica Vado Ligure Dichiarazione Ambientale 2011 Centrale Termoelettrica Vado Ligure Informazioni al pubblico La Centrale Vado Ligure fornisce informazioni sugli aspetti ambientali e tecnici del sito ai soggetti interessati

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5

1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5 Pagina 2 di 28 Sommario 1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5 4.1 NUMERO DI ORE DI EFFETTIVO FUNZIONAMENTO DEI GRUPPI 6 4.2 RENDIMENTO ELETTRICO

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti

N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti Nella scelta delle energie collegate al grandioso sviluppo mondiale (industriale, dei trasporti, dell utilizzo domestico, ) in primis

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Jesi Energia Spa Centrale di Jesi Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Impianto Localizzazione Chimico Via di Salone, 245 00131 Roma Gestore Basf Italia Srl Via Marconato, 8 20031 Cesano

Dettagli

Centrale di Turbigo. Dichiarazione Ambientale. Aggiornamento annuale. dati al 31/12/2013

Centrale di Turbigo. Dichiarazione Ambientale. Aggiornamento annuale. dati al 31/12/2013 2014 Centrale di Turbigo Dichiarazione Ambientale Aggiornamento annuale dati al 31/12/2013 2 Dichiarazione ambientale 2014- aggiornamento Centrale termoelettrica di Turbigo Indice PRESENTAZIONE... 3 INFORMAZIONI

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Dichiarazione ambientale Anno 2006

Dichiarazione ambientale Anno 2006 Dichiarazione ambientale Anno 2006 INFORMAZIONE CONVALIDATA Registrazione numero I-000163 Unità di Business termoelettrica di Leri Impianto Galileo Ferraris di Leri (VC) Dichiarazione ambientale 2006 Unità

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Edison Spa Centrale di San Quirico Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli

Dettagli

2008/2009/2010 RAPPORTO DELL OSSERVATORIO SUL FUNZIONAMENTO DEL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA RELATIVO AGLI ANNI

2008/2009/2010 RAPPORTO DELL OSSERVATORIO SUL FUNZIONAMENTO DEL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA RELATIVO AGLI ANNI RAPPORTO DELL OSSERVATORIO SUL FUNZIONAMENTO DEL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA RELATIVO AGLI ANNI 8/9/ Comune di Brescia Settore Ambiente ed Ecologia INDICE Premessa L Osservatorio sul Termoutilizzatore

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE Consorzio Industriale Provinciale Cagliari Sede Legale e Recapito Postale: Viale Diaz, 86 09125 CAGLIARI tel 070 2481 fax 070 247411 www.cacip.it Sede Legale e Recapito Postale: Viale A. Diaz, 86 09125

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

Dichiarazione ambientale

Dichiarazione ambientale Dichiarazione ambientale Aggiornamento 2013 Impianto termoelettrico E. Amaldi di La Casella (PC) Enel Dichiarazione ambientale 2013 Impianto termoelettrico E. Amaldi di La Casella 2 Dichiarazione ambientale

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14

IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14 IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14 Seminario Tecnico D.Lgs. 46/14, modifica del D.Lgs. 152/06 ed attuazione della Direttiva Europea 2010/75/UE:

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE TERMOVALORIZZATORE. ACSM AGAM SpA - via Scalabrini n.123 - COMO

DICHIARAZIONE AMBIENTALE TERMOVALORIZZATORE. ACSM AGAM SpA - via Scalabrini n.123 - COMO DICHIARAZIONE AMBIENTALE TERMOVALORIZZATORE ACSM AGAM SpA - via Scalabrini n.123 - COMO PERIODO DI VALIDITÀ 2013/2015 AGGIORNAMENTO DATI 31.12.2014 Contatti Segreteria Impianto: +39 031 529 168 E-mail:

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali Agenzia Regionale per la Protezione e Prevenzione Ambientale del Veneto 45 10. IPPC pag. 45 10.1 Ispezioni ambientali 10.1.00.01 10.1.00.02 Controllo impianto di allevamento intensivo di pollame o di suini,

Dettagli

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12.

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12. COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare Mario Tomasoni Brescia 16.12.2013 IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NEL GRUPPO A2A Il Gruppo A2A gestisce

Dettagli

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna a cura di Alessandro Maestro BioPower Sardegna Il PMC

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DICHIARAZIONE AMBIENTALE Centrali di cogenerazione di Malpensa e Linate Anno 2013 (dati aggiornati al 30 giugno 2013) Pag. 2 di 51 DATI SOCIETARI Ragione Sociale Sede Legale Complessi produttivi SEA Energia

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013 RUOLO DELLA PROVINCIA DI TRENTO NELLA GESTIONE DEI DEPURATORI E OTTIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DEI DATI DI FUNZIONAMENTO PER FAVORIRE UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEGLI IMPIANTI Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

approfondimenti al Bilancio di Sostenibilità 2011

approfondimenti al Bilancio di Sostenibilità 2011 approfondimenti al Bilancio di Sostenibilità 2011 principali indicatori di sostenibilità i principali indicatori di sostenibilità dati operativi 2009 2010 2011 U.M. Potenza termoelettrica installata 5.707

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Regolamento n. 209 COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 236 del 29/6/1988 ed esecutivo ai sensi di legge, il

Dettagli

Comune di Varese Ligure. Bilancio ambientale. Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004

Comune di Varese Ligure. Bilancio ambientale. Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004 Bilancio ambientale Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004 Marzo 2004 Sommario 1. Aspetti metodologici 2. Impegni prioritari dell Ente 3. Conti fisici 4. Conti monetari 5. Priorità per l

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

Qualità dell Aria Città di Castello

Qualità dell Aria Città di Castello UNI EN ISO 9001:2008* (*) emissione di pareri tecnici ed esecuzione di controlli ambientali. Gestione reti di monitoraggio della qualità dell aria. Gestione reti di monitoraggio quantitativo e qualitativo

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Chemistry day. Nulla si crea, nulla si distrugge tutto si ri-genera 12 dicembre 2011 Istituto superiore E.Fermi MAURO GRANDI

Chemistry day. Nulla si crea, nulla si distrugge tutto si ri-genera 12 dicembre 2011 Istituto superiore E.Fermi MAURO GRANDI Chemistry day Nulla si crea, nulla si distrugge tutto si ri-genera 12 dicembre 2011 Istituto superiore E.Fermi MAURO GRANDI Consulente ambientale Gestione rifiuti CHIMICA Laboratorio Analisi Didattica

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Area Impianti Bergamo. Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014

Area Impianti Bergamo. Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014 000883 Area Impianti Bergamo Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014 Area Impianti Bergamo Dichiarazione Ambientale Aggiornamento 2014 Dati al 31/12/2013 2 Area Impianti Bergamo 3 Dichiarazione Ambientale

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0118554 / 2014 Atto N. 5174 OGGETTO: GIUSEPPE SANTORO S.R.L.. CALATA

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

,-*!./- 012"3*(#4# '*5.%#

,-*!./- 0123*(#4# '*5.%# !"#$%%&'()#*#+ ###+")## 2"3*(#4# '*5.%# L ASSETTO ORGANIZZATIVO chi siamo #'*#-."))*/.4#. 7#*)*"(#8 Articolato in: -Unità Operative a carattere professionale -Strutture organizzative funzionali (Settori-AFP-UF)

Dettagli

Centrale di Ostiglia. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 2008. www.eon.it

Centrale di Ostiglia. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 2008. www.eon.it Centrale di Ostiglia EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 28 www.eon.it Indice 3 Presentazione 4 Il Gruppo E.ON 8 La politica del sito 11 Gli aspetti ambientali della Centrale di Ostiglia

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE SICILIA PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA MONITORAGGIO QUALITATIVO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE. Criteri Elementi da valutare Punteggio max Macroambiti di valutazione

CRITERI DI VALUTAZIONE. Criteri Elementi da valutare Punteggio max Macroambiti di valutazione CRITERI DI VALUTAZIONE Criteri Elementi da valutare Punteggio max Macroambiti di valutazione 1.Sostenibilità economico-finanziaria 25 1.1 Copertura finanziaria del programma di investimento 15 1.2 Sostenibilità

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati:

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati: D. R. S. n. 308 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico ed acustico

Dettagli

NOTE ALLA COMPILAZIONE PIANO MONITORAGGIO E CONTROLLO DEPURATORI PUBBLICI

NOTE ALLA COMPILAZIONE PIANO MONITORAGGIO E CONTROLLO DEPURATORI PUBBLICI NOTE ALLA COMPILAZIONE PIANO MONITORAGGIO E CONTROLLO DEPURATORI PUBBLICI CATEGORIA IPPC 5.3 Impianti per l eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell allegato IIA della direttiva 75/442/CEE

Dettagli

AUTORIZZAZIONE GENERALE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER "IMPIANTI TERMICI CIVILI AVENTI POTENZA TERMICA NOMINALE NON

AUTORIZZAZIONE GENERALE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER IMPIANTI TERMICI CIVILI AVENTI POTENZA TERMICA NOMINALE NON AUTORIZZAZIONE GENERALE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER "IMPIANTI TERMICI CIVILI AVENTI POTENZA TERMICA NOMINALE NON INFERIORE A 3 MW E INFERIORE A 10 MW 1. CAMPO DI APPLICAZIONE, CRITERI, PROCEDURE E

Dettagli

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-2014

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-2014 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-214 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA n. Registrazione IT-77 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di

Dettagli

L IMPEGNO AMBIENTALE. Gli investimenti

L IMPEGNO AMBIENTALE. Gli investimenti L IMPEGNO AMBIENTALE Tutela, sicurezza e rispetto dell ambiente costituiscono per RFI, la società dell infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato, finalità primarie e qualificanti della propria missione

Dettagli

Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014

Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014 IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI "SILLA 2" Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014 Silla2

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DEL DOCUMENTO Il quadro di definizione delle

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

Centrale termoelettrica di cogenerazione Torino Nord. Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n.

Centrale termoelettrica di cogenerazione Torino Nord. Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. Centrale termoelettrica di cogenerazione Torino Nord Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 1 semestre 2013 Dichiarazione Ambientale 1 semestre 2013 Predisposizione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Inceneritore di Torino - Gerbido. Impatti Ambientali ed Economici

Inceneritore di Torino - Gerbido. Impatti Ambientali ed Economici Inceneritore di Torino - Gerbido Impatti Ambientali ed Economici Inceneritore di Torino-Gerbido Da wikipedia: secondo le più moderne teorie sulla corretta gestione dei rifiuti gli unici modi per "valorizzare"

Dettagli

OFFERTA TECNICA Premessa e descrizione dell impianto

OFFERTA TECNICA Premessa e descrizione dell impianto ALLEGATO H - Pagina 1 di 10 (In corsivo le parti da elaborare, completare a cura dell offerente) Premessa e descrizione dell impianto Descrizione complessiva del progetto e dei suoi aspetti peculiari,

Dettagli