Dichiarazione Ambientale 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale 2009"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale 2009 Aggiornamento delle informazioni ambientali relative all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale Centrale termoelettrica Vado Ligure T

2 Informazioni al pubblico La Centrale Vado Ligure fornisce informazioni sugli aspetti ambientali e tecnici del sito ai soggetti interessati ed alla popolazione. La Dichiarazione Ambientale e gli aggiornamenti sono disponibili presso la Centrale e sul sito internet al seguente indirizzo: Per informazioni e approfondimenti contattare: Capo Centrale: Pasquale D Elia tel pasquale.d Rappresentante della Direzione: Alessandro Colaprico tel

3 Dichiarazione ambientale Indice 3 Indice Dichiarazione di approvazione 4 Presentazione 5 Descrizione dell organizzazione 6 La Politica Ambientale di Tirreno Power 8 La Politica Ambientale del sito 10 Informazioni sul sito 11 Aspetti ed impatti ambientali 12 Aspetti ambientali diretti 12 Aspetti ambientali indiretti 28 Salute e sicurezza 29 Il Programma Ambientale 30 Sintesi degli obiettivi di miglioramento ambientale 30 Compendio dei dati ambientali 31 Dati ambientali del triennio Indicatori chiave ambientali 36 Principali obblighi normativi applicabili 43

4 4 Dichiarazione ambientale Dichiarazione di approvazione Dichiarazione di approvazione Dichiarazione di approvazione: Tirreno Power SpA, Centrale termoelettrica Vado Ligure Codice di attività: Via A. Diaz, Quiliano (SV) NACE Produzione di energia elettrica FIGURA n 1a: certificato ISO FIGURA n 1b: certificato EMAS La Centrale termoelettrica Vado Ligure ha attuato e mantiene un Sistema di Gestione Ambientale conforme alla norma UNI EN ISO 14001, ottenendo la relativa certificazione in data 8 novembre 2002 per il settore della Produzione di energia elettrica. Allo scopo di attuare il miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali e di comunicare al pubblico i risultati raggiunti, la Centrale ha aderito volontariamente ad un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), conseguendo in data 17 giugno 2004 la registrazione n IT Il presente documento contiene l aggiornamento annuale relativo all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale, approvato dal Capo Centrale Pasquale D Elia, preparato dal gruppo di lavoro costituito da Alessandro Colaprico e Paola Montaldo e controllato da Antonio Russo. Il Verificatore Ambientale accreditato che ha convalidato, ai sensi del Regolamento CE 1221/2009, la Dichiarazione Ambientale ed il presente aggiornamento è l istituto CERTIQUALITY S.r.l., Via G. Giardino 4, Milano, n accreditamento IT-V L Organismo nazionale competente, istituito dal Ministero dell Ambiente, che ha deliberato la Registrazione EMAS è il COMI- TATO PER ECOLABEL ED ECOAUDIT, Via V. Brancati 48, Roma. La validità della convalida della Dichiarazione Ambientale scade dopo tre anni dalla data di convalida. La Direzione della Centrale Vado Ligure elabora annualmente e sottopone a convalida un aggiornamento delle informazioni ambientali, così come previsto dall allegato IV del Regolamento CE n. 1221/2009. Il Verificatore accreditato ha convalidato il presente aggiornamento in data 10 giugno 2010.

5 Dichiarazione ambientale Presentazione 5 Presentazione Sono lieto di presentare l aggiornamento all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale della Centrale Vado Ligure, a conferma dell impegno al mantenimento delle certificazioni ambientali già acquisite per il sito di Vado Ligure e del forte orientamento della società alle tematiche ambientali ed al miglioramento continuo dei processi. Con l anno 2009, per il sito di Vado Ligure, si è conseguito un primo importante traguardo nel processo di rinnovamento del lay-out impiantistico, con l ottenimento del decreto di pronuncia di compatibilità ambientale, da parte del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per la costruzione e l esercizio di una nuova unità da 460 MW a carbone. In questo contesto in evoluzione, la Registrazione EMAS costituisce per noi motivo di sfida e richiederà l impegno costante di tutto il personale a mantenere inalterati i livelli di qualità e di efficienza ambientale già raggiunti. Il presente documento è stato sviluppato in conformità al nuovo Regolamento Comunitario n.1221/2009/ce, sull adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema di ecogestione ed audit (EMAS III) e costituisce per noi un importante veicolo di comunicazione nei confronti di tutte le parti interessate (Autorità pubbliche, istituzioni, cittadinanza, dipendenti, associazioni, stampa e Fornitori). Tale documento contiene un aggiornamento all anno 2009 delle informazioni ambientali contenute nella Dichiarazione ambientale In particolare sono stati riportati i dati aggiornati inerenti le prestazioni ambientali del sito, integrando ed arricchendo il capitolo dedicato agli indicatori ambientali secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento EMAS III. Con l introduzione di nuovi indicatori ambientali chiave, confidiamo di offrire una sempre più chiara e sintetica descrizione delle nostre prestazioni ambientali e di porre le basi per un futuro processo di benchmark tra le imprese del settore energetico. Confermiamo la massima disponibilità della Direzione a ricevere suggerimenti e proposte dalle parti interessate e a fornire qualsiasi informazione aggiuntiva di pertinenza tecnica e ambientale venga richiesta. Gli obiettivi sono ambiziosi ma coerenti con la nostra storia e il nostro approccio alle problematiche ambientali. I risultati raggiunti e i nuovi impegni che attendono la Centrale nei prossimi anni sono il frutto della partecipazione attiva di tutto il personale del sito di Vado Ligure e dell assistenza delle strutture dello Staff della Società Tirreno Power che, con l occasione, ringrazio. Vado Ligure, maggio 2010 Il Capo Centrale Pasquale D Elia

6 6 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Descrizione dell organizzazione 2008 Sottotitolo Descrizione dell Organizzazione Tirreno Power nasce a seguito della riorganizzazione del mercato italiano dell energia elettrica, avviata con il Decreto Legislativo 16 marzo 1999 n. 79, in attuazione della Direttiva 96/92 CE. Con l approvazione del piano per la cessione degli impianti, intervenuta con il D.P.C.M. 4 agosto 1999, l ENEL costituiva il 1 ottobre 1999 tre società per azioni: Eurogen, Elettrogen ed Interpower, destinate ad essere cedute. Pertanto, a decorrere dalla sua costituzione, Interpower è succeduta, ex lege, in tutti i beni, diritti e rapporti giuridici inerenti gli impianti ad essa conferiti, compreso tra l altro la Centrale Vado Ligure. Il 12 novembre 2002, la società consortile costituita al 50% da Energia Italiana SpA ed al 50% da EblAcea SpA, ha ottenuto dall Autorità per l Energia e il Gas il diritto di acquistare la Società denominata Interpower SpA. Nel gennaio 2003, Interpower assume la denominazione Tirreno Power SpA. 70% 30% EblAcea 50% 78% 11% Energia Italiana 50% 11% FIGURA n 2: composizione societaria Della Società Tirreno Power fanno parte: Centrale Termoelettrica Vado Ligure (SV); Centrale Termoelettrica Torrevaldaliga (RM); Centrale Termoelettrica Napoli (NA); Settore Fonti Rinnovabili FIGURA n 3: Tirreno Power S.p.A.: consistenza impianti

7 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Descrizione dell organizzazione 2008 Sottotitolo 7

8 8 Dichiarazione ambientale Aggiornamento La politica Ambientale 2008 Sottotitolo di Tirreno Power La Politica Ambientale di Tirreno Power Tirreno Power considera la tutela dell ambiente uno dei propri valori fondamentali. Pertanto, fin dalla sua costituzione, persegue l obiettivo di coniugare le esigenze di produzione dell energia elettrica con la tutela dell ambiente. Individuare e conseguire le migliori performance ambientali mette la Società in sintonia con un comune sentire e dà lustro alla sua immagine, ma costituisce anche un valore economico. L ottimale gestione delle performance ambientali è infatti indice di un accurato controllo di processo. Inoltre la conduzione nel rispetto dell ambiente dà certezza alla Società di continuità di produzione, rende minimi i rischi ambientali e ne aumenta il valore. Per conseguire l obiettivo prefissato, Tirreno Power ha: - sviluppato e realizzato, nei tre siti termoelettrici di Torrevaldaliga, Vado Ligure e Napoli Levante, progetti di rinnovamento degli impianti che utilizzano le migliori tecnologie disponibili. Il loro impiego consente di ottenere, tra l altro, elevati rendimenti e le migliori prestazioni in termini di contenimento dell impatto ambientale, - avviato l ammodernamento delle centrali del proprio nucleo idroelettrico, finalizzato al miglioramento della loro efficienza e producibilità. In attuazione della propria Politica Ambientale e nell intento di aumentare la propria capacità produttiva utilizzando nel contempo un più equilibrato mix di risorse energetiche, la Società ha istituito anche il Settore Fonti Rinnovabili per la gestione del proprio nucleo idroelettrico e la progettazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili. Tutte le centrali sono dotate di un Sistema di Gestione Ambientale, che garantisce mezzi e strumenti per l attuazione della Politica Ambientale, in particolare i siti di Vado Ligure e Torrevaldaliga hanno conseguito ormai da tempo la certificazione ISO e la registrazione EMAS, per l impianto Napoli Levante, entrato in funzione nel mese di aprile 2009, si è avviato il procedimento per l ottenimento dello stesso riconoscimento. È altresì intendimento della Società avviare l iter di certificazione ambientale anche per gli impianti idroelettrici e quindi per l intera organizzazione aziendale. I principi ispiratori della Politica Ambientale adottata da Tirreno Power si basano su: - l ottimale utilizzo e corretto impiego delle risorse naturali e delle materie prime necessarie per i processi dei cicli produttivi; - il coinvolgimento e la sensibilizzazione del management e di tutto il personale della Società nell attuazione della Politica Ambientale; - la formazione e l informazione del personale sulle tematiche ambientali, per accrescerne la cultura su tali aspetti al fine di promuovere comportamenti ed atteggiamenti in linea con la Politica Ambientale; - la ricerca della massima efficacia del Sistema di Gestione Ambientale adottato presso i propri siti; - il miglioramento continuo degli standard ambientali per i propri siti; - la chiarezza e la trasparenza dei rapporti con le Autorità, le istituzioni e la cittadinanza; - il costruttivo confronto con i propri dipendenti e loro rappresentanti, in particolare sulle questioni attinenti l ambiente e la salute sui posti di lavoro. In definitiva, con l adozione della Politica Ambientale, Tirreno Power si prefigge di: - realizzare programmi d investimenti che privilegino i processi con l utilizzo delle migliori tecnologie disponibili per la riduzione delle interazioni con l ambiente ed il territorio e siano indirizzati anche nel campo delle fonti rinnovabili; - prevenire ogni forma d inquinamento ambientale attraverso l uso ottimale delle risorse e delle materie prime, l adozione d idonee procedure tecnico-gestionali, la ricerca della maggiore efficienza energetica, l ottimizzazione del ciclo dei rifiuti, l adozione di programmi di verifica e controllo delle emissioni, degli scarichi di acque reflue, ecc; - promuovere efficaci azioni ambientali nelle centrali idroelettriche, con riferimento alla gestione ottimale degli invasi,

9 Dichiarazione Dichiarazione ambientale ambientale La politica Aggiornamento Ambientale di 2008 Tirreno Sottotitolo Power 9 il rilascio dei deflussi minimi vitali, eventuale semina di avanotti; - promuovere e migliorare la comunicazione con le comunità locali per rendere maggiormente comprensibili e condivise le scelte societarie, anche al fine di valorizzare l immagine della Società; - coinvolgere i dipendenti e i Fornitori sulle tematiche ambientali e di sicurezza sul lavoro con azioni sinergiche orientate al miglioramento continuo. Roma, giugno 2009 Il Direttore Generale Giovanni Gosio FIGURA n 4: visione d insieme dell area circostante la Centrale

10 10 Dichiarazione ambientale La politica Ambientale del sito La Politica Ambientale del sito La tutela dell ambiente costituisce un valore per la Centrale termoelettrica Vado Ligure che persegue l obiettivo di coniugare le esigenze di produzione dell energia elettrica con la salvaguardia ambientale e del territorio circostante. La Politica Ambientale del sito di Vado Ligure si articola pertanto nei seguenti principi: 1) l energia prodotta deve essere garantita nel rispetto e nella tutela della qualità dell ambiente; 2) il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali della Centrale viene perseguito tramite l attuazione di pratiche operative e di controllo, l aggiornamento tecnologico continuo, l applicazione delle migliori tecniche disponibili, economicamente sostenibili ; 3) gli aspetti ambientali rilevanti collegati alle attività della Centrale sono identificati e periodicamente riesaminati. In particolare, in occasione di nuovi progetti e modifiche sostanziali agli impianti, alle attrezzature ed alle pratiche di lavoro, gli aspetti ambientali sono valutati in anticipo per garantire il controllo di eventuali nuovi impatti sull ambiente; 4) sono garantiti il rispetto della legislazione in campo ambientale e la conformità ad altri requisiti ed impegni stabiliti e sottoscritti dall organizzazione; 5) le risorse naturali e le materie prime utilizzate per i processi produttivi sono utilizzate con criteri di massima efficienza; 6) la prevenzione d ogni forma d inquinamento ambientale è garantita attraverso l uso ottimale delle risorse e delle materie prime, l adozione d idonee procedure tecnico-gestionali, la ricerca della maggiore efficienza energetica, l ottimizzazione del ciclo dei rifiuti, l adozione di programmi di verifica e controllo delle emissioni, degli scarichi di acque reflue, ecc; 7) sono adottate apposite procedure di emergenza per prevenire gli incidenti ambientali; 8) la Centrale favorisce il costruttivo confronto con i dipendenti e i loro rappresentanti sulle questioni attinenti l ambiente; 9) la Politica Ambientale del sito è comunicata a tutti i Fornitori e il personale di terzi che opera nel sito è informato sulle disposizioni previste dal Sistema di Gestione Ambientale; 10) viene garantita la chiarezza e la trasparenza di rapporti con le Autorità, le istituzioni e la cittadinanza. Vado Ligure, 28 aprile 2006 Il capo Centrale Pasquale D Elia

11 Dichiarazione Dichiarazione ambientale ambientale Aggiornamento Informazioni 2008 Sottotitolo sul sito 11 Informazioni sul sito La Centrale termoelettrica Vado Ligure trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile in energia elettrica ad alta tensione. Le sezioni termoelettriche VL3 e VL4 sono predisposte per l alimentazione a carbone e utilizzano, nelle fasi di avviamento, olio combustibile denso e gasolio. L unità VL5, a ciclo combinato, è alimentata esclusivamente a gas naturale. I gruppi VL3 e VL4 sono costituiti da sezioni termoelettriche a ciclo termodinamico aperto che impiega come fluido d alimentazione acqua demineralizzata direttamente prodotta. La sezione VL5 è un unità a ciclo combinato in configurazione multi-shaft, costituita da due turbogas (TG51 e TG52) e da due generatori di vapore a recupero (GVR51 e GVR52), che alimentano in parallelo un unica turbina a vapore (TV50). Nella figura seguente è riportata una planimetria schematica che individua le principali parti di impianto dell area produttiva. METRI Legenda 1 - Ciclo combinato VL PARCO CARBONE 21 - SILI CALCARE 2 - CALDAIA EX SEZIONE VL SILI CENERE 22 - CAMINI 3 - CALDAIA SEZIONE VL SILI GESSO 23 - TRASFORMATORI PRINCIPALI 4 - CALDAIA SEZIONE VL STOCCAGGIO AMMONIACA 24 - CAPANNONE GESSO 5 - SALA MACCHINE 15 - TRATTAMENTO ACQUE DESOLFORATORE 25 - AREA CANTIERE IMPRESE 6 - PRECIPITATORI ELETTROSTATICI 16 - TRATTAMENTO ACQUE REFLUE 26 - STAZIONE SNAM RETE GAS 7 - DENITRIFICATORI 17 - OSMOSI INVERSA 27 - STAZIONE RIDUZIONE GAS 8 - DESOLFORATORI 18 - UFFICI E LABORATORIO CHIMICO 28 - CALDAIE AUSILIARIE 9 - DEPOSITO NAFTA n MAGAZZINI, OFFICINE E UFFICI 10 - DEPOSITO NAFTA n 2 (in corso cambio destinazione d uso) 20 - DEPOSITO RIFIUTI 29 - EDIFICIO COMPRESSORI, ANTINCENDIO, IMP. DEMINERALIZZAZIONE FIGURA n 5: planimetria generale della Centrale

12 12 Dichiarazione ambientale Aspetti ed impatti ambientali Aspetti ed impatti ambientali Nella Centrale Vado Ligure è attiva una procedura per l individuazione e la valutazione periodica (almeno annuale) degli aspetti ambientali, ovvero di tutte le componenti impiantistiche, le attività e le operazioni che possono dare origine ad impatti sull ambiente (come ad esempio: produzione di reflui liquidi e gassosi, rumore, rifiuti, uso di sostanze pericolose). In particolare sono stati individuati tutti gli aspetti ambientali che l organizzazione può tenere sotto controllo (definiti aspetti diretti) e quelli sui quali essa può esercitare solo un influenza (definiti aspetti indiretti). Nei paragrafi successivi viene riportato un aggiornamento degli aspetti ambientali significativi per il sito, con particolare riferimento alle prestazioni ambientali, compreso il confronto con le disposizioni di legge. Aspetti ambientali diretti Aria Emissione dei prodotti principali della combustione Nella tabella seguente sono riassunti i limiti di emissione vigenti per le sezioni VL3, VL4 e VL5. Sulle sezioni VL3 e VL4, la Centrale ha messo in atto da tempo un programma di gestione degli impianti di trattamento dei fumi che ha consentito, non solo di confermare il rispetto dei limiti suddetti, ma di ottenere un miglioramento delle prestazioni ambientali con una riduzione delle concentrazioni delle emissioni al camino tale da garantire il rispetto dei valori di riferimento riportati nella seguente tabella. VL3 - VL4 VL5 Parametro Limiti emissivi Valori di riferimento Limiti emissivi (mg/nm 3 ) SO N. A. NO X (espressi come NO 2 ) Polveri N. A. CO 250 N. A (Nota 1) Nota 1: il valore limite è pari a 30 mg/nm 3 tra il % della potenza nominale e sale a 50 mg/nm 3 per carichi tra il minimo tecnico e il 70% della potenza nominale. TABELLA n 1: valori limite vigenti per le emissioni in atmosfera Per le sezioni VL3 VL4 I limiti e i valori di riferimento si intendono rispettati se, durante un anno civile: - nessun valore medio del mese civile supera i valori limite di emissione o di riferimento; - per il biossido di zolfo e le polveri, il 97% di tutti i valori medi di 48 ore deve essere al di sotto del 110% dei valori limite di emissione o di riferimento; - per gli ossidi di azoto, il 95% di tutti i valori medi di 48 ore deve essere al di sotto del 110% dei valori limite di emissione o di riferimento. Per la sezione VL5 I limiti si intendono rispettati se la media delle concentrazioni rilevate nell arco di un ora è inferiore o uguale al limite stesso. Tirreno Power, come previsto dal Decreto del Ministero dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare n 10541/ VIA/A.O.13.B del 8 ottobre 2001, ha inoltre trasmesso alla Regione Liguria il Protocollo che prevede le modalità di segnalazione, ai competenti organi di vigilanza, delle eventuali situazioni di superamento dei limiti di emissione e gli interventi da attuarsi sull impianto in tali circostanze.

13 Dichiarazione ambientale Aspetti ed impatti ambientali 13 FIGURA n 6: centrale termoelettrica Vado Ligure: vista d insieme dell impianto Nei paragrafi seguenti vengono riprodotti per ogni inquinante e sezione termoelettrica, i valori delle concentrazioni medie rilevate nell anno 2009, in rapporto con i rispettivi valori limite vigenti. Si segnala che nel corso del 2009 la sezione VL3 ha effettuato una fermata per manutenzione programmata dal 10 maggio al 3 ottobre, pertanto nei grafici successivi i dati dei mesi da giugno a settembre non sono disponibili.

14 14 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo Biossido di zolfo Sezioni VL3 e VL4 400 SO 2 VL3 SO 2 VL4 Limite di legge Valore di riferimento SO 2 [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 1: concentrazioni medie mensili di SO 2 in rapporto ai limiti applicabili Nel grafico n 1 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili di SO 2 rilevate nell anno 2009, messe a confronto con il limite di legge vigente pari a 400 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 390 mg/nm 3. Per quanto riguarda le medie delle 48 ore, nell anno 2009 nessuna media ha superato il valore limite vigente, pari a 440 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 429 mg/nm 3. Sezione VL5 Le emissioni di SO 2 attribuibili a VL5, che utilizza esclusivamente gas naturale, risultano del tutto trascurabili in quanto lo zolfo può essere presente solo in tracce nel combustibile utilizzato. ossidi di AZOTo Sezioni VL3 e VL4 200 NO X VL3 NO X VL4 Limite di legge Valore di riferimento NO X [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 2: concentrazioni medie mensili di NOx in rapporto ai limiti applicabili

15 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo 15 Nel grafico n. 2 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili di NOx rilevate nell anno 2009, messe a confronto con il limite di legge vigente pari a 200 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 195 mg/nm 3. Per quanto riguarda le medie delle 48 ore, nell anno 2009 nessuna media ha superato il valore limite vigente, pari a 220 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 214 mg/nm 3. Sezione VL5 Nel corso del 2009 l unità è stata esercita nel rispetto delle prescrizioni di cui al Protocollo trasmesso alla Regione Liguria per la segnalazione di eventuali situazioni di superamento dei limiti orari di emissione. Nel grafico n 3 sono riportati, a scopo indicativo, gli andamenti delle concentrazioni medie mensili nell anno 2009 confrontate con il limite di legge. 50 NO X VL51 NO X VL52 Limite di legge NO X [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 3: concentrazioni medie mensili di NOx in rapporto ai limiti di legge Nel corso dell anno 2009 il turbogas VL51 è stato esercito con nuovi bruciatori installati in prova che hanno dimostrato di fornire migliori prestazioni relativamente all abbattimento degli NOx. Verificata l efficacia della modifica, è allo studio l installazione di idonei bruciatori anche sul turbogas VL52. POLVERI Sezioni VL3 e VL4 50 Polveri VL3 Polveri VL4 Limite di legge Valore di riferimento Polveri [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 4: concentrazioni medie mensili di Polveri in rapporto ai limiti applicabili

16 16 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo Nel grafico n. 4 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili di polveri rilevate nell anno 2009, messe a confronto con il limite di legge vigente pari a 50 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 35 mg/nm 3. Per quanto riguarda le medie delle 48 ore, nell anno 2009 nessuna media ha superato il valore limite vigente, pari a 55 mg/nm 3 e il valore di riferimento, pari a 38 mg/nm 3. Relativamente all unità VL3 si è osservato un modesto aumento delle polveri in emissione negli ultimi mesi dell anno comunque in linea con le prestazioni degli anni precedenti. Sezione VL5 Le emissioni di polveri attribuibili a VL5, che utilizza esclusivamente gas naturale, risultano del tutto trascurabili. MONossidO di CARBONIo Sezioni VL3 e VL4 250 CO VL3 CO VL4 Limite di legge CO [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 5: concentrazioni medie mensili di CO in rapporto ai limiti di legge Nel grafico n 5 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili nell anno 2009 in rapporto ai limiti di legge vigenti. Sezione VL5 Nel corso del 2009, nessuna media oraria ha superato il valore limite applicabile. Nel grafico n 6 sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie mensili nell anno 2009 in rapporto ai limiti di legge (si ricorda che il valore limite è pari a 30 mg/nm 3 tra il % della potenza nominale e sale a 50 mg/nm 3 per carichi tra il minimo tecnico e il 70% della potenza nominale). 40 CO VL51 CO VL52 Limite di legge CO [mg/nm 3 ] gen 09 feb 09 mar 09 apr 09 mag 09 giu 09 lug 09 ago 09 set 09 ott 09 nov 09 dic 09 GRAFICO n 6: concentrazioni medie mensili di CO in rapporto ai limiti di legge

17 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo 17 Anidride carbonica Il dato relativo alle emissioni di CO 2 per l anno 2009, convalidato dal Verificatore accreditato, è pari a kt (Attestato di Verifica Certiquality n ETS20/2009 del 18 marzo 2010). Altri impatti connessi alle emissioni dai camini principali Si riportano i risultati delle campagne di caratterizzazione dei microinquinanti eseguite nell anno 2009, applicando le metodiche previste dalla normativa. Relativamente ai turbogas TG51 e TG52, si precisa che, in mancanza di normativa specifica di riferimento, i valori di concentrazione riscontrati dalle analisi eseguite vengono confrontati con i limiti emissivi definiti dal D.Lgs 152/2006 così come per le unità VL3 e VL4. Parametro Simbolo u.m. TG51 TG52 VL3 VL4 Limite di legge (D.Lgs. 152/2006) Antimonio Sb mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Arsenico As mg/nm 3 0, , , , ,5 (vedi nota 1) Berillio Be mg/nm 3 < MDL < MDL 0, , ,05 Cadmio Cd mg/nm 3 0, , , , ,1 (vedi nota 2) Cobalto Co mg/nm 3 0, , , , ,5 (vedi nota 1) Cromo totale Cr totale mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Cromo esavalente Cr VI mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 0,5 (vedi nota 1) Manganese Mn mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Mercurio Hg mg/nm 3 0, , , , ,1 (vedi nota 2) Nichel totale Ni tot. mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 3) Nichel respirabile Ni respirabile mg/nm 3 0, , , , ,5 (vedi nota 1) Palladio Pd mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5 (vedi nota 4) Platino Pt mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5 (vedi nota 4) Piombo Pb mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Rame Cu mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Rodio Rh mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5 (vedi nota 4) Selenio Se mg/nm 3 < MDL 0, , , (vedi nota 3) Stagno Sn mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Tallio Tl mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL 0, ,1 (vedi nota 2) Tellurio Te mg/nm 3 0, ,00001 < MDL 0, (vedi nota 3) Vanadio V mg/nm 3 0, , , , (vedi nota 4) Zinco Zn mg/nm 3 0, , , ,00587 n.a. Cloruri Cl (come HCl) mg/nm 3 2,51 3,22 < MDL < MDL 100,00 Fluoruri F (come HF) mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5,00 Bromuri Br (come HBr) mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5,00 Cloro gassoso Cl 2 mg/nm 3 0,182 0,24 0,377 0,337 5,00 Ammoniaca NH 3 mg/nm 3 0,45 0,39 0,223 1, ,00 Idrogeno solforato H 2 S mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 5,00 Polveri (PM 10) PM 10 mg/nm 3 0,160 0,310 0,90 1,17 n.a. Sostanze Organiche Volatili SOV mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 300,00 Metano CH 4 mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL n.a. Protossido di azoto N 2 O mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL n.a.

18 18 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo Parametro Simbolo u.m. TG51 TG52 VL3 VL4 Limite di legge (D.Lgs. 152/2006) Idrocarburi Policiclici Aromatici Idrocarburi Policiclici Aromatici IPA (Reg. CE 850/2004) IPA (Benzo(a) pirene) mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 0,10 mg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 0,10 Tricloroetilene Tricloroetilene mg/nm 3 n.d. < MDL < MDL < MDL 20,00 Benzene Benzene mg/nm 3 n.d. < MDL < MDL 0,024 5,00 Diossine e furani PCDD + PCDF (come Teq) μg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 10,00 Policlorobifenili PCB μg/nm 3 0, , , , ,00 Policlorotrifenili PCT μg/nm 3 < MDL < MDL < MDL < MDL 500,00 NOTE MDL: Method Detection Limit (Limite di rivelabilità del Metodo) Nota 1: limite sulla sommatoria di As+Co+Cr VI.+Ni respirabile Nota 2: limite sulla sommatoria di Cd+Hg+Tl Nota 3: limite sulla sommatoria di Se+Te+Ni tot. Nota 4: limite sulla sommatoria di Cr+Cu+Mn+Pb+Pd+Pt+Rh+Sb+Sn+V TABELLA n 2: risultati campagne di caratterizzazione dei microinquinanti - anno 2009 Emissioni di gas e polveri da punti secondari Nel corso del 2009 è entrato in servizio il nuovo sistema di nebulizzatori per il lancio a distanza di acqua opportunamente micronizzata all interno dell area del parco carbone. Tale dispositivo, che ha la funzione di formare uno schermo, catturando le eventuali particelle sospese e provocandone l immediata precipitazione, è stato realizzato a seguito del progetto presentato ai sensi del punto 13 del decreto MAP 007/2002, come da lettera inviata alla Provincia e ai Comuni di Vado Ligure e Quiliano - lettera prot. n 738 del 26 gennaio Progetto per contenimento delle emissioni diffuse di polveri dal parco carbone. Le Centrale ha definito una specifica procedura per regolamentare le modalità di attivazione dei nebulizzatori in funzione delle condizioni anemologiche nell area antistante il carbonile, con particolare riferimento alle fasi di scarico delle navi carbone. Presenza ed utilizzo di gas effetto serra e sostanze lesive della fascia di ozono Oltre alle emissioni di CO 2, alla formazione dell Effetto serra, partecipano, in misura decisamente inferiore, anche alcuni prodotti presenti nel sito che, se dispersi nell ambiente, possono contribuire al processo di progressivo riscaldamento FIGURA n 7: sistema di contenimento polveri del parco carbone

19 Dichiarazione ambientale Aggiornamento Aspetti ed impatti 2008 ambientali Sottotitolo 19 terrestre. Si tratta in particolare di alcuni gas del sistema di condizionamento (Idrofluorocarburi: HFC). In alcuni impianti di condizionamento sono inoltre presenti gas HCFC (Idroclorofluorocarburi), sostanze responsabili del deterioramento della fascia di ozono nella stratosfera. Le apparecchiature contenenti HCFC e HFC sono state censite e sono oggetto di un programma di manutenzione periodica che consente di ridurre il rischio di perdite accidentali. In Centrale è presente inoltre un quantitativo di gas, denominato Esafluoruro di zolfo (SF 6 ) utilizzato in alcune apparecchiature elettriche come isolante in quanto, per le sue particolari proprietà, consente la realizzazione di impianti compatti. In particolare l SF 6 è contenuto negli interruttori di alta tensione delle sezioni termoelettriche, nella stazione blindata 132kV a servizio dell impianto di desolforazione e nell impianto GIS di VL5. Le emissioni di SF 6 durante la vita delle apparecchiature sono esclusivamente legate alle perdite. Il controllo di queste apparecchiature viene effettuato da ditte specializzate. Nel corso dell anno 2009 non sono state riscontrate perdite in atmosfera di SF 6, HCFC ed HFC. Immissioni La Rete di Rilevamento della Qualità dell Aria (RRQA) è costituita da 7 postazioni per la misura in continuo delle concentrazioni al suolo di SO 2, NOx e polveri, da postazioni per la rilevazione dei dati meteorologici e dal sistema di raccolta ed elaborazione dei dati. La RRQA consente l acquisizione di una serie di dati chimico-meteorologici tale da monitorare l impatto di tutte le sorgenti emissive sulla qualità dell aria nei comuni di Vado Ligure, Quiliano, Bergeggi, Savona e Altare. Nella tabella 4 sono riportati i dati di consuntivo dell anno 2009, ricavati dalle registrazioni delle postazioni di rilevamento della qualità dell aria, confrontati con i limiti di legge. Postazione SO 2 µg/m 3 SO 2 µg/m 3 SO 2 SO 2 NO 2 µg/m 3 NO 2 NO x µg/m 3 Media annuale Media invernale (ott-mar) N superi media giornaliera N superi media oraria Media annuale N superi media oraria Media annuale Polveri totali µg/m 3 Media annuale CAPO VADO ACQUEDOTTO CIADE TERMINE BOCCA D ORSO n.d. MONTE CIUTO MONTE S. GIORGIO Limite di legge 20 µg/m 3 20 µg/m 3 Max 3 superi di 125 µg/m 3 Max 24 superi di 350 µg/m 3 40 µg/m 3 Max 18 superi di 200 µg/m 3 30 µg/m 3 n.a. TABELLA n 3: valori di qualità dell aria nell anno 2009 I dati raccolti evidenziano un ampio rispetto di tutti i limiti applicabili vigenti. Il misuratore di Polveri totali della postazione Bocca D Orso è in corso di sostituzione; la messa in servizio del nuovo analizzatore è subordinata all ottenimento del nulla-osta del Prefetto di Savona per la detenzione di sorgenti radioattive.

20 20 Dichiarazione ambientale Aspetti ed impatti ambientali ACQUA Trattamento e scarico delle acque reflue industriali Gli scarichi idrici sono stati autorizzati dalla Provincia di Savona con Deliberazione n.2005/6361 del 29 settembre 2005 che prevede una serie di prescrizioni puntualmente osservate dalla Centrale. Lo scarico delle acque reflue industriali della Centrale si articola in 6 apporti parziali che confluiscono nel canale di scarico delle acque di raffreddamento; il rispetto dei limiti di legge è garantito per ogni singolo apporto parziale prima della confluenza nelle acque di raffreddamento. L autorizzazione impone l esecuzione di controlli analitici periodici per la verifica del rispetto dei limiti di legge (2 controlli analitici all anno sui principali apporti parziali e sullo scarico generale) da effettuarsi a cura di tecnici qualificati e secondo un protocollo concordato con la Provincia stessa. Il laboratorio chimico della Centrale effettua inoltre ulteriori controlli di routine sugli scarichi secondo un programma che assicura il rispetto dei limiti di legge e l ottimizzazione nella conduzione degli impianti di trattamento. Sulla base di questi controlli si conferma il rispetto dei limiti di cui al D. Lgs 152/06, e successive modifiche ed integrazioni, sia sui singoli apporti parziali che allo scarico generale a mare. Nella tabella seguente si riportano i risultati dei controlli allo scarico generale relativi al triennio (valori minimi, massimi e medi riscontrati in occasione delle verifiche periodiche). N Rif. Tab.3, Allegato V, DLgs 152/06 Parametro Valori min-max e medi Anno 2007 Valori min-max e medi Anno 2008 Valori min-max e medi Anno 2009 Limite di legge Unità di misura 1 ph 7,8-8,5 8,1 7,2-8,3 7,9 7,3-8,2 8 5,5-9,5-2 Temperatura 21,7-31,2 25,8 18,3-34,2 23,5 20,2-29,8 24,2 35 C 5 Materiali grossolani Assenti Assenti Assenti Assenti ml/l 6 Solidi sospesi totali (nota 1) 4,3-64,0 18,5 3,8-22,3 13,5 2,8-29,7 14,1 80 mg/l 9 Alluminio 0,01-0,28 0,04 <0, <0,044 0,016 0, ,244 0,04 1 mg/l 10 Arsenico <0,003 - <0,0332 n.a. 0, <0,032 0,012 0, <0,032 0,012 0,5 mg/l 11 Bario <0,007 - <0,2 n.a. <0,007-0,0119 0,006 <0,007-0,02 0, mg/l 12 Boro nota 2 2 mg/l 13 Cadmio 0, <0,007 0,001 0, <0,0012 0,00044 <0, <0,0012 0, ,02 mg/l 14 Cromo totale 0, <0,1 0,008 <0,0007-0,0169 0,003 <0, <0,005 0, mg/l 16 Ferro 0, <0,1 0,013 <0,001-0,0654 0,014 <0,001-0,351 0,036 2 mg/l 17 Manganese <0, <0,1 n.a. <0, , ,003 <0,0007-0,0137 0, mg/l

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Treviso

Dipartimento Provinciale di Treviso Dipartimento Provinciale di Treviso Modellistica di dispersione degli inquinanti atmosferici emessi dal cementificio Industria Cementi Giovanni Rossi SpA nel Comune di Pederobba (Treviso) anno 2008 valutazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori 10>14 Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori inceneritori monitoraggio moniter Quaderni di Moniter Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli