Bilancio di Sostenibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio di Sostenibilità"

Transcript

1 Bilancio di Sostenibilità 2006

2

3

4

5 Bilancio di Sostenibilità 2006 Società iscritta alla C.C.I.A.A. di Verona Repertorio Economico Amministrativo n /1952 Certificata UNI EN ISO e SA 8000

6 Presentazione Per il secondo anno la S.p.A. Autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova pubblica il suo Bilancio di Sostenibilità per comunicare la propria strategia di promozione di uno sviluppo duraturo, in grado di favorire l equilibrio economico, sociale e ambientale. Questo impegno nasce da un solido e condiviso sistema di valori, che rappresentano i fattori fondamentali per garantire nel tempo una crescita di lungo periodo e il punto di riferimento per orientare i comportamenti. All interno del Bilancio di Sostenibilità vengono puntualmente rendicontate le attività volte alla promozione di una cultura orientata alla qualità delle relazioni con tutti gli interlocutori o stakeholder : i clienti, i collaboratori, gli azionisti, i fornitori, i finanziatori, la Pubblica Amministrazione e la collettività. La Società infatti vuole mostrare, attraverso i dati e le informazioni più significative, la propria attenzione verso le aspettative legittime dei suoi interlocutori, in particolare dei clienti, e il suo impegno costante nella gestione integrata della qualità, della sicurezza autostradale, dell ambiente e della responsabilità sociale, in un ottica di continuo miglioramento. Prof.ssa Manuela Dal Lago Presidente della S.p.A. Autostrada Brescia - Verona - Vicenza - Padova [ 6 ]

7 [ 7 ]

8 Premessa Metodologica Il Bilancio di Sostenibilità è lo strumento volontario di rendicontazione e di comunicazione del processo di gestione responsabile, che fornisce la corretta rappresentazione dei valori, delle strategie, dello scambio qualiquantitativo con i principali stakeholder: collaboratori, clienti, azionisti, finanziatori, fornitori, Pubblica Amministrazione e collettività. Il Bilancio di Sostenibilità di S.p.A. Autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova (di seguito anche Società, Azienda e Autostrada Brescia-Padova ) è stato predisposto secondo i Principi di redazione del Bilancio Sociale elaborati dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS) e assume come riferimento per la rendicontazione delle performance economiche, sociali e ambientali le Sustainability Reporting Guidelines 2006, G3, elaborate dal Global Reporting Initiative (GRI). I dati e le informazioni si riferiscono al 31 dicembre 2006, ad eccezione dei paragrafi relativi alla Corporate Governance e all assetto istituzionale che riflettono l organizzazione attuale. Ogni modifica nel metodo di calcolo dei dati viene puntualmente rendicontata in testo. Per la redazione del documento, la Società ha inoltre tenuto in considerazione: i CSR performance indicator presentati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali italiano all interno del progetto CSR-SC; la Social Accountability 8000 (normativa internazionale in tema di diritti dei lavoratori) di cui recepisce i principi nella gestione dei collaboratori e dei fornitori. Si evidenzia che nel 2005 la Società ha ottenuto la certificazione SA La struttura base del Bilancio di Sostenibilità 2006 di S.p.A. Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova si articola in sei sezioni principali, precedute dalla pre- [ 8 ]

9 messa metodologica e seguite dalla proposta di miglioramento dove sono indicati gli obiettivi di miglioramento da conseguirsi nei prossimi esercizi. Premessa metodologica: indicazione dei postulati e dei principi di riferimento assunti come guida del processo di rendicontazione. 1. Identità aziendale: presentazione dei valori guida assunti dalla Società per orientare, insieme alla missione e al disegno strategico, le scelte aziendali. 2. Governo della sostenibilità: espressione del modello di governance e del sistema di gestione integrato adottato per gestire la Responsabilità Sociale e applicare i principi dello sviluppo sostenibile nelle attività aziendali. Inoltre sono evidenziate le caratteristiche istituzionali ed organizzative del Gruppo. 3. Performance economica: insieme di indicatori significativi della gestione economica e finanziaria, che collegano il Bilancio di Sostenibilità al bilancio d esercizio. Questa sezione contiene inoltre lo schema di produzione e di distribuzione del valore aggiunto, quale indicatore delle risorse economiche prodotte e della loro ripartizione tra i principali portatori di interesse della Società. 4. Performance sociale: rendicontazione qualitativa e quantitativa delle relazioni di scambio con i principali stakeholder (collaboratori, clienti, azionisti, fornitori, finanziatori, Pubblica Amministrazione, collettività). 5. Performance ambientale: puntuale descrizione della politica ambientale, dei processi e degli impatti ambientali della Società. 6. Società controllate: schede di dettaglio: presentazione analitica delle società controllate. Proposte di miglioramento: indicazione programmatica degli orientamenti gestionali per i prossimi anni. [ 9 ]

10 Sommario Presentazione Premessa metodologica 1 Identità aziendale 1.1 Le origini e le principali tappe evolutive 1.2 Contesto di riferimento 1.3 Valori e principi 1.4 Missione 1.5 Disegno Strategico 1.6 Piano Programmatico 2 Governo della sostenibilità 2.1 Corporate Governance 2.2 Assetto organizzativo 2.3 La gestione della sostenibilità 2.4 Assetto istituzionale 3 Performance economica 3.1 Principali risultati della gestione 3.2 Investimenti realizzati 3.3 Determinazione e distribuzione del valore aggiunto 4 Performance sociale 4.1 Collaboratori 4.2 Clienti 4.3 Azionisti 4.4 Finanziatori 4.5 Fornitori 4.6 Pubblica Amministrazione 4.7 Collettività 5 Performance ambientale 5.1 L attenzione per l ambiente: principi generali 5.2 Il sistema di gestione ambientale 5.3 Identificazione e valutazione degli impatti ambientali 5.4 Spese ed investimenti ambientali 5.5 Le sinergie con il territorio per la tutela dell ambiente 5.6 Ricerca e sviluppo in campo ambientale 5.7 Contenzioso ambientale 6 Società controllate 6.1 La Serenissima Investimenti S.r.l. Società delle Tangenziali Lombardo Venete S.r.l. 6.2 Real Estate Serenissima S.p.A. 6.3 Serenissima Costruzioni S.p.A. 6.4 Globalcar Service S.p.A. Proposte di miglioramento Glossario Valutazione del Bilancio di Sostenibilità 2006

11

12 Identità Aziendale 1 [ 12 ]

13 [ 13 ]

14 Identità Aziendale Governo della Sostenibilità Performance Economica Performance Sociale Performance Ambientale Società controllate [1.1] Le origini e le principali tappe evolutive [ 14 ] La S.p.A. Autostrada Brescia-Verona- Vicenza-Padova è stata costituita a Verona il 9 giugno 1952, da un alleanza tra gli enti pubblici ed economici di sette province: Milano, Bergamo, Brescia, Verona, Vicenza, Padova e Venezia. L obiettivo della Società era di congiungere le due autostrade esistenti: la Milano-Brescia e la Padova-Venezia, favorendo così il collegamento autostradale tra i capoluoghi della Lombardia e del Veneto. Il 12 luglio del 1956 la Società ha ottenuto, da parte dell allora Azienda Autonoma delle Strade Statali, oggi ANAS S.p.A., la concessione di costruzione e di esercizio del tratto Brescia, Verona, Vicenza, Padova. Con tale convenzione la Società ha assunto l obbligo di provvedere, a proprie cure e spese, non solo alla costruzione e alla gestione delle infrastrutture oggetto della concessione in condizioni di equilibrio economico-finanziario, ma pure al mantenimento della funzionalità delle infrastrutture stesse. Nel febbraio del 1962 l intera tratta autostradale di competenza è stata aperta al traffico. L infrastruttura, della lunghezza di 146,1 km, si caratterizzava per la presenza di due corsie per ogni senso di marcia e di 14 caselli. Nel corso dei successivi dieci anni il volume del traffico è quadruplicato, imponendo così la necessità di allargare la sede autostradale a tre corsie. Tali lavori, conclusi per il solo tratto Brescia-Sommacampagna nel 1977, si sono dovuti interrompere a seguito di una legge emanata nel 1975, che sospendeva la costruzione di nuovi tratti autostradali e l ampliamento di quelli esistenti. Cessato nel 1982 tale divieto, anche se limitatamente alle terze corsie e ai raccordi autostradali, la Società ha ripreso l ampliamento a tre corsie del tratto Sommacampagna-Padova, conclusosi nei primi anni novanta (1992). Il 21 dicembre 1972 è stata stipulata la convenzione novativa di quella originaria del Il primo agosto 1986, a seguito della fusione per incorporazione della società Autostrada A31 Valdastico, è stato stipulato il primo atto aggiuntivo alla convenzione ANAS del 1972 che ha sancito a favore della Società la titolarità della concessione di costruzione e gestione del tratto autostradale Trento - Valdastico - Vicenza - Riviera Berica - Rovigo, a suo tempo realizzato solo per una lunghezza di 36,4 km nel tratto fra Vicenza e Piovene Rocchette. Nel 2005 sono iniziati i lavori per la costruzione del tronco a sud fra Vicenza e Rovigo. La convenzione del 1972 con l ANAS, oltre che con il citato primo atto aggiuntivo, è stata poi ulteriormente integrata: con il secondo atto aggiuntivo stipulato l 11 ottobre 1990, che regola l affidamento della costruzione e della gestione dei raccordi tangenziali sud di Verona e di Vicenza e con il prolungamento del termine della concessione dal 1992 al 1995; con il terzo atto aggiuntivo stipulato il 26 ottobre 1992, che regola l affidamento della costruzione e gestione dei raccordi tangenziali est di Verona, nord di Padova e di Limena, nonché interventi sulle infrastrutture quali nuovi caselli e collegamenti con la viabilità ordinaria e con l ulteriore prolungamento della concessione dal 1995 al A seguito poi di norme legislative appositamente emanate e di conseguenti delibere CI- PE, nonché della direttiva interministeriale n. 283 del 20 ottobre 1998 (cosiddetta Costa-Ciampi dal nome degli allora ministri dei Lavori Pubblici e del Tesoro), è stata stipulata, in data 7 dicembre 1999, la convenzione novativa con l ANAS, resa efficace dal Decreto Interministeriale del e registrata alla Corte dei Conti l 11 aprile 2000, con la quale è stata affidata alla Società la realizzazione di ulteriori interventi infrastrutturali quali barriere antirumore, nuove autostazioni, armonizzazioni dei collegamenti con la viabilità esterna e

15 raccordi vari, in base ad un piano finanziario allegato, con efficacia fino all anno 2024, e con scadenza della concessione al 30 giugno Dal 1999, a seguito della modifica introdotta dall art. 19 della legge 30 aprile 1999 n.136 e conseguente modifica dello statuto sociale che ha consentito l ampliamento dell oggetto sociale, la Società ha iniziato a diversificare la propria attività principale e a svolgere la funzione di holding operativa costituendo: tramite cessione di ramo d azienda, nel giugno 1999 la società di informatica Serenissima Infracom S.p.A. (ora Infracom Italia S.p.A.) e nel gennaio 2002 la società immobiliare Real Estate Serenissima S.p.A.; nel giugno 2002 La Serenissima Investments S.A. (ora La Serenissima Investimenti S.r.l.) con lo scopo di gestire le partecipazioni del gruppo; tramite acquisizione di ramo d azienda, nel dicembre 2002 la società di costruzioni Serenissima Costruzioni S.p.A.; nel novembre 2004 la Società delle Tangenziali Lombardo Venete S.r.l., che a sua volta poi ha costituito, nel luglio 2006, la Società delle Tangenziali Lombarde S.r.l. e la Società delle Tangenziali Venete S.r.l., società con lo scopo di proporre in regime di finanza di progetto la realizzazione dei raccordi delle tangenziali a pedaggio della Lombardia e del Veneto; nel marzo 2006 la Globalcar Service S.p.A., società attiva nel mercato dell auto, gestione pratiche automobilistiche nonché del soccorso stradale. In data 8 maggio 2007 è stata sottoscritta la bozza di convenzione con l ANAS, che ridetermina la durata della concessione al 2026 secondo uno schema, che recepisce le norme novative in materia autostradale previste dall art.12 del Decreto Legge n.262 del 3 ottobre 2006, convertito con Legge 24 novembre 2006 n. 286 e quindi ulteriormente modificato con la Legge Finanziaria 2007 n.296 del 27 dicembre L iter di approvazione di tale nuova convenzione è ancora in corso. Ad oggi la Società gestisce un tratto autostradale della lunghezza di 182,5 km con 18 caselli e con un volume medio giornaliero di traffico pari a circa 287 mila veicoli per la A4 e 41 mila per la A31. Inoltre essa gestisce vari raccordi tangenziali per 54,5 Km. [ 15 ]

16 1952 Costituzione di S.p.A. Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova 1977 Ampliamento a tre corsie del tratto Brescia- Sommacampagna 1962 Apertura al traffico dell intero tratto A4 sto La storia di Autostrada in breve Concessione da parte dell ANAS di costruzione e di esercizio del tratto Brescia- Padova (n del ) 1986 Primo atto aggiuntivo alla convenzione con l ANAS per costruire e gestire l autostrada A31 Valdastico 1972 Stipula della convenzione novativa con l ANAS [ 16 ]

17 1990 Secondo atto aggiuntivo alla convenzione con l ANAS 1999 Convenzione novativa con l ANAS per la realizzazione di interventi strutturali; modifica dello Statuto Sociale per allargare l oggetto sociale 2013 Scadenza della concessione ia storia 2007 Sottoscrizione bozza di convenzione con ANAS, con iter di approvazione ancora in corso Terzo atto aggiuntivo alla convenzione; ampliamento a tre corsie nel tratto Sommacampagna-Padova [ 17 ]

18 Identità Aziendale Governo della Sostenibilità Performance Economica Performance Sociale Performance Ambientale Società controllate A4-A31 Area di servizio S. Giacomo est Area di servizio Monte Alto est Area di servizio S. Giacomo ovest Area di servizio Monte Alto ovest Brescia Vicenza Verona Padova [1.2] Contesto di riferimento Dati significativi Tratto A4 Brescia-Padova Km 146,1 Veicoli effettivi Media giornaliera aree di servizio 4 aree di sosta A31 Valdastico Km 36,4 Veicoli effettivi Media giornaliera aree di servizio 4 parcheggi Attualmente in Italia sono in esercizio circa chilometri di rete autostradale, la cui costruzione e gestione è affidata a 23 società concessionarie. Aspetti politico-legislativi L attività della Società, quale concessionaria dello Stato, è regolamentata dalla legislazione italiana ed europea, in particolar modo per quanto riguarda le norme sulle concessioni e sugli affidamenti di lavori, forniture e servizi. Lo Stato italiano, attraverso l ANAS, provvede alla costruzione di nuove autostrade direttamente o tramite l istituto della concessione o del project financing, mediante i quali è possibile costruire un infrastruttura e recuperare l investimento realizzato assoggettandola a pedaggio. La Società è titolare della concessione delle autostrade A4 nel tratto Brescia-Padova e dell intera autostrada A31 Valdastico da Trento a Rovigo. In base alla convenzione del 1999 e all articolo 14 del Codice della Strada, la Società si assume l obbligo di provvedere, a proprie spese e cura, all esercizio delle autostrade e in particolare: alla gestione tecnica e al mantenimento della funzionalità delle infrastrutture; all organizzazione, al mantenimento ed alla promozione di un servizio di soccorso stradale; al miglioramento del servizio, attraverso la promozione di attività strumentali e ausiliarie del servizio autostradale, fornite esclusivamente da terzi agli utenti; alla progettazione ed esecuzione degli interventi, agli oneri di collaudo; a presentare all ANAS, entro il mese di novembre di ogni anno, il programma dei lavori di ordinaria manutenzione che intende eseguire nell anno successivo; a presentare all ANAS, per approvazione, i progetti di manutenzione straordinaria. Alla scadenza della concessione, la Società ha l obbligo di devolvere l infrastruttura alla concedente ANAS a titolo gratuito e in buono stato di conservazione. Con l insediamento nel maggio 2006 del Ministro delle Infrastrutture del nuovo Governo, vi sono state alcune importanti novità normative, che vanno ad incidere sia sul settore autostradale in generale e sia sui singoli contratti di concessione. Infatti la normativa collegata alla Legge Finanziaria 2007 ha previsto che i rapporti di concessione con l ANAS siano da inserire in uno schema di convenzione unica [ 18 ]

19 Area di servizio Postumia sud Area di servizio Monte Baldo est Area di servizio Monte Baldo ovest Area di servizio Scaligera ovest Area di servizio Scaligera est Area di servizio Villa Morosini ovest Area di servizio Postumia nord Area di servizio Tesina est Area di servizio Limenella est Area di servizio Limenella ovest per tutte le concessioni in atto. Se il concessionario non aderisce alla Convenzione unica, il rapporto concessorio si estingue e l ANAS subentra nella gestione. Questo ha significato per la Società riavviare l iter procedurale per la revisione del piano finanziario e per la rideterminazione del termine concessorio, la cui fase di avvio ha portato in data 8 maggio 2007 alla sottoscrizione con l ANAS di una nuova bozza di convenzione. Aspetti socio-economici La Società si trova ad operare in un ambito territoriale caratterizzato da una forte presenza di imprenditoria medio-piccola, con una buona capacità di penetrazione nei mercati esteri. Il sistema economico locale ha bisogno per competere anche di un efficace rete d infrastrutture stradali ed Consapevole della responsabilità nei confronti di tutti gli interlocutori, la Società ha definito i propri valori ai quali si ispirano i comportamenti e le azioni quotidiane, quale garanzia di qualità e professionalità del servizio offerto: la centralità della Persona: svolgere la propria attività di promozione e sviluppo del territorio con particolare riguardo alle autostradali, quale fattore di snodo nella politica di sviluppo e sostegno dell economia locale. Questo è stato il motivo originario della nascita della Società e continua a costituire la sua ragion d essere. Infatti, nonostante l espandersi della comunicazione virtuale, rimane fondamentale la possibilità della comunicazione fisica per la libera circolazione delle persone e per lo scambio delle merci. La stessa Comunità Europea ha riconosciuto e valorizzato la spiccata vocazione del territorio ai traffici e alle relazioni, inserendo il territorio padano del lombardo-veneto nel tracciato del corridoio europeo numero cinque, arteria multimodale che congiunge Lisbona in Portogallo a Kiev in Ucraina, attraverso la rete infrastrutturale della pianura padana. esigenze e nel rispetto della Persona, adottando un comportamento etico basato su principi quali la correttezza, l affidabilità e l irreprensibilità; l attenzione al territorio e alla collettività: sviluppare l infrastrutturazione del territorio con la consapevolezza del proprio ruolo e delle proprie responsabilità nell ambito della comunità economica e sociale; I riferimenti legislativi Codice della Strada (Decreto Legge 151 del ) Norme sui lavori, servizi e forniture (Direttiva 2004/18/CE e D. Lgs 163/2006 e s. m.) Leggi che regolamentano la sicurezza (Leggi 626/94 e 494/96) Leggi sulle concessioni (Direttiva interministeriale n. 283 del , Legge n. 136 del 30 aprile 1999, D.Lgs. 163/2006) Finanziaria 2007 n.296 del 27 Dicembre 2006 Valori e principi [1.3] [ 19 ]

20 Identità Aziendale Governo della Sostenibilità Performance Economica Performance Sociale Performance Ambientale Società controllate il rispetto e la tutela dell ambiente: svolgere la propria attività in base al principio dello sviluppo sostenibile con riguardo all ambiente e al contesto sociale; la valorizzazione delle risorse umane: attribuire un'importanza fondamentale alla continua e costante crescita professionale ed umana del personale aziendale, inteso come risorsa strategica; la correttezza e la trasparenza nelle relazioni: impostare i rapporti con le Parti Interessate (dipendenti, clienti, soci, fornitori, collettività) nel rispetto dei principi di chiarezza, correttezza e trasparenza, perseguendo la soddisfazione delle aspettative legittime degli interlocutori interni ed esterni; l efficacia e l efficienza gestionali: perseguire costantemente il raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di efficacia aziendale, nella consapevolezza che la solidità economica-finanziaria è un principio imprescindibile per garantire lo sviluppo futuro dell impresa. Da tali valori di riferimento discendono i principi contenuti nella Carta di Intenti, che ha l obiettivo di esemplificare le modalità con le quali Autostrada tutela i propri lavoratori. Alla Carta di Intenti hanno aderito anche le società controllate. Principi della Carta: 1. Responsabilità La responsabilità primaria nella tutela e nella protezione dei diritti umani spetta agli Stati e per essa ai Governi, che sono obbligati non solo a rispettare e far rispettare le leggi nazionali, ma a recepire nel proprio ordinamento le norme da essi liberamente sottoscritte e internazionalmente vincolanti. Tuttavia, anche altri attori possono contribuire in maniera determinante alla tutela e protezione dei diritti umani. La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani chiede infatti nel suo preambolo che «ogni individuo ed ogni organo della società si sforzi di promuovere, con l insegnamento e con l educazione, il rispetto di questi diritti e queste libertà e di garantirne, mediante misure progressive di carattere nazionale ed internazionale, l universale ed effettivo riconoscimento e rispetto». La Società Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova promuove pertanto questi principi, richiamati nella Politica di responsabilità sociale della Società. 2. Non discriminazione e libertà Tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali in dignità e diritti. Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, senza limitazione alcuna per ragioni di razza, colore, sesso, lingua, religione, origine sociale o nazionale, opinione politica. Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione, di riunione pacifica e di associazione. Il rispetto di tali principi e diritti, relativi alla non discriminazione ed alle libertà fondamentali, viene garantito nei confronti dei lavoratori e lavoratrici impegnati nelle attività di questa organizzazione. 3. Vita, salute e sicurezza Ognuno ha il diritto alla vita, alla salute, alla libertà e alla sicurezza della propria persona. Ognuno ha altresì diritto ad uno standard di vita adeguato che garantisca la salute ed il benessere a sé e alla sua famiglia. Ogni lavoratore ha diritto a condizioni di lavoro sane, sicure e dignitose. Vanno in special modo tutelati i minori e le donne, in ragione della loro particolare vulnerabilità e di condizionamenti culturali e sociali, che spesso ne favoriscono lo sfruttamento o la discriminazione. La sicurezza sul lavoro e l antinfortunistica, la vigilanza sull età lavorativa minima e sulla tutela delle lavoratrici, la predisposizione di adeguate misure di tutela nei cantieri sono condizioni essenziali. Lo sfruttamento del lavoro minorile, così come il lavoro forzato, sono vietati. [ 20 ]

21 4. Solidarietà Il lavoro persegue la solidarietà come un valore di riferimento. La dignità sul posto di lavoro è un importante strumento di diffusione e di condivisione dei principi di solidarietà, integrazione e rispetto reciproco, un occasione fondamentale di inserimento nella collettività e di partecipazione alla vita sociale. Il principio di solidarietà assume così diversi significati: responsabilità sociale nei confronti delle persone svantaggiate, sostegno alla pari dignità fra le persone. Il rispetto delle esigenze delle persone disabili viene garantito sia nella realizzazione di strutture prive di barriere architettoniche, sia attraverso la piena valorizzazione delle pari opportunità. 5. Tutela dei minori I minori hanno diritto di beneficiare delle misure di protezione e di promozione volte a garantire la possibilità di uno sviluppo equilibrato sul piano fisico, intellettuale, morale, spirituale e sociale, in condizioni di libertà e dignità. In particolare vanno prese in considerazione quelle norme internazionali che, pur senza riferirsi direttamente al lavoro, possono riguardare il rapporto tra i giovani e lo stesso, quali l interesse superiore del minore in tutte le decisioni che lo riguardano, la tutela da ogni forma di violenza e di sfruttamento, il diritto all istruzione, il diritto all inserimento sociale, il diritto al divertimento, al gioco ed al riposo. 6. Formazione e informazione La Società si impegna a promuovere la formazione e l'informazione, in termini sia di formazione professionale che di valorizzazione dell approccio alla vita sociale caratterizzato dai valori etici. A tal fine, verrà attuato un programma di formazione e di informazione con l obiettivo di sensibilizzare ed avvicinare i lavoratori e le "parti interessate" ai valori di rispetto, lealtà e tolleranza. 7. Sostenibilità ed ambiente L ambiente è riconosciuto dalla Società come una componente importante dei valori imprenditoriali a cui essa si ispira, nella consapevolezza che non c è futuro per lo sviluppo economico se non si pongono i valori ambientali al centro di ogni politica d intervento. L intero processo produttivo deve garantire la tutela del territorio e perseguire obiettivi di miglioramento ambientale, facendo propri i principi dello sviluppo sostenibile come attestato dalla certificazione del sistema di gestione ambientale in conformità alla Norma ISO La progettazione e la realizzazione delle opere sono orientate a minimizzare gli impatti su tutte le componenti ambientali: aria, acqua, suolo, risorse energetiche e naturali. A tal fine, vengono adottate tecnologie e soluzioni innovative e sostenibili, ed attuati interventi di mitigazione e compensazione degli impatti ambientali. In collaborazione con le autorità locali, attraverso il monitoraggio delle attività svolte, viene perseguito l obiettivo di migliorare il bilancio ambientale complessivo del territorio. Il personale impegnato nei processi è adeguatamente formato e sensibilizzato sui potenziali impatti ambientali dovuti al proprio comportamento. I prodotti, i materiali di consumo ed i servizi impiegati vengono selezionati anche in base alle prestazioni ambientali. 8. Integrità e trasparenza La Società assume come prioritario l impegno al rispetto rigoroso del valore imprenditoriale in materia di integrità e di trasparenza. Integrità, trasparenza e partecipazione vanno intesi non come vincoli, ma piuttosto come condizioni di efficacia ed efficienza, in quanto contribuiscono alla credibilità e all'autorevolezza della complessa azione di governance da cui dipende il lavoro, la credibilità e l immagine dell azienda. In particolare è rivolta la massima attenzione alla gestione di alcune attività, specie nel settore edile di opere pubbliche, che attirano nel territorio numerose piccole e medie imprese. [ 21 ]

22 Identità Aziendale Governo della Sostenibilità Performance Economica Performance Sociale Performance Ambientale Società controllate [1.4] Missione La missione di S.p.A. Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova risponde all esigenza di: Favorire la mobilità e lo sviluppo socio economico del territorio, costruendo e gestendo strade sicure, compatibilmente con la tutela ambientale. Valorizzare i propri collaboratori favorendone la crescita professionale ed umana e instaurare un dialogo aperto e trasparente con i propri stakeholder per soddisfarne le aspettative legittime. La Società evidenzia in un unico quadro d insieme gli elementi distintivi, che caratterizzano la gestione attuata e le attività promosse nei confronti dei principali interlocutori con cui essa quotidianamente interagisce e collabora. Nella propria missione Autostrada Brescia - Padova esprime l intento di operare come soggetto capace di mantenere e perfezionare nel tempo la sicurezza del sistema viabilistico, coniugando l esigenza di una migliore viabilità, perseguita attraverso l ottimizzazione dei processi produttivi, con la promozione di una cultura della sicurezza su strade e autostrade. La missione inoltre sottolinea il profondo legame con il territorio lombardo-veneto, in ragione dell importante compito di favorire il trasferimento delle merci e la mobilità delle persone, e facilitare il commercio e lo sviluppo socio economico del territorio. Per perseguire questi presupposti la Società intende far crescere l organizzazione interna dove competenze, motivazione e integrazione delle persone rappresentano i fattori competitivi da perseguire, per diffondere sempre più la cultura dell attenzione e del rispetto delle reciproche individualità, aperte al dialogo e al cambiamento. [1.5] Disegno strategico La Società, in ragione della propria missione e in coerenza con i valori e i principi di riferimento, è fortemente determinata a creare un sistema di trasporto autostradale sostenibile attraverso lo sviluppo di un programma di investimenti di notevole entità, che si concretizza nella realizzazione delle grandi opere autostradali e stradali sul territorio lombardoveneto inserite nel proprio piano finanziario La Società inoltre intende avvalersi dello strumento del project financing per proporsi quale promotore, congiuntamente con altri soggetti, della progettazione, realizzazione e gestione di interventi infrastrutturali non previsti nel proprio piano finanziario, ma richiesti dal territorio di riferimento e inseriti nella programmazione regionale e/o nazionale. La Società, infatti, ha partecipazioni in altre aziende che hanno la finalità di realizzare, in regime di finanza di progetto, la superstrada a pagamento denominata Pedemontana Veneta, il nuovo asse autostradale tra Veneto ed Emilia Romagna denominato Nuova Romea, la Nogara Mare Adriatico, l autostrada direttissima Brescia-Milano cosiddetta Bre.Be.Mi, il Grande Raccordo Anulare di Padova, nonché il raccordo delle tangenziali da Brescia a Padova e la Cispadana che collegherà Reggiolo (A22) con Ferrara Sud (A13). Un altro aspetto importante nel disegno strategico di Autostrada Brescia-Padova è rappresentato dalla diversificazione della propria attività in vari settori, oltre quello principale concessorio, che ha portato alla costituzione di un Gruppo di società controllate e collegate di tutto rilievo e di ampia prospettiva di sviluppo, [ 22 ]

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD

STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD STATUTO DELL ENTE BILATERALE DELLA VIGILANZA PRIVATA DELLA LOMBARDIA EBIVLOMBARD Art. 1 Costituzione Conformemente a quanto previsto dal CCNL per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata, è costituito

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Testo approvato con delibera C.C. n. 109 del 30.07.2007 (in vigore

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE OPERATIVA INPS - CONSULENTI DEL LAVORO

PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE OPERATIVA INPS - CONSULENTI DEL LAVORO PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE OPERATIVA INPS - CONSULENTI DEL LAVORO PREMESSA - Premesso che l INPS ed i Consulenti del Lavoro hanno sempre perseguito l obiettivo, nello svolgimento dei rispettivi compiti

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Questa Communication on Progress vuole descrivere sinteticamente come sono stati espressi dall Automatic Service Srl nel 2012 i Principi del Global Compact. L Automatic Service

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori che condividono l esigenza

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro.

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro. DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DEL PERSONALE L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, IL BILANCIO UPD Div.II Ai Direttori interregionali del lavoro Ai Direttori territoriali del lavoro LORO SEDI E, p.c. Al Capo

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

Sportello unico per le imprese

Sportello unico per le imprese Sportello unico per le imprese Lo sportello unico per le imprese rappresenta una svolta nel modo di porsi della pubblica Amministrazione Comunale nei confronti delle imprese: da detentore di potere autorizzatorio

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ DELLA RETE DI INCUBAZIONE POLICENTRICA FIORENTINA Tra Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Communication on. Progress 2011

Communication on. Progress 2011 Sommario PARTE PRIMA Dichiarazione Aziendale PARTE SECONDA Applicazione principi PARTE TERZA Set di Indicatori 3 Dichiarazione Aziendale L adesione al Global Compact della Neatec, e l applicazione dei

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

COMUNE DI GAMBETTOLA

COMUNE DI GAMBETTOLA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014-2016 Ai sensi dell art. 10 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 Allegato A alla Deliberazione della Giunta Comunale n. 29 dell 11/02/2014

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli