Breve introduzione alla metrica italiana. 1. La poesia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Breve introduzione alla metrica italiana. 1. La poesia"

Transcript

1 Breve introduzione alla metrica italiana 1. La poesia Caratteristiche generali Il testo poetico, come la prosa, è costituito da proposizioni. Rispetto alla prosa però presenta una differenza essenziale. Mentre, infatti, i testi in prosa non hanno in genere schemi fissi, il testo in versi è costituito da due aspetti specifici: a) da una parte i ritmi e i metri: fenomeni che si possono definire in a livello del verso b) dall altra le rime e le strofe (fenomeni che si possono definire a livello dei rapporti fra (gruppi di) versi. Sia i ritmi e metri che le rime e le strofe rendono il testo in versi legato ad una certa disciplina formale a cui il poeta si attiene più o meno consapevolmente. Si dice per esempio che Dante pensasse in terzine. Un breve caveat terminologico Attenzione! In italiano si utilizza il termine poesia sia come categoria generale (la poesia vs la prosa, in neerlandese poëzie), sia per indicare i singoli componimenti in versi (in neerlandese gedicht). In italiano esiste anche il termine poema, che indica un testo in versi di una certa lunghezza, e di solito di carattere narrativo o descrittivo. I poemi sono di solito suddivisi in canti o libri. Al termine poema si aggiunge spesso un aggettivo che indica l argomento o il sottogenere cui appartiene il poema, ad es. poema cavalleresco (ridderepos), poema didascalico (leerdicht), poema eroico (heldenepos), poema sacro (termine utilizzato da Dante per definire la Commedia). Esempi: i sonetti di Petrarca sono poesie; la Commedia di Dante, l Orlando furioso di Ludovico Ariosto sono poemi. Un genere a metà strada fra la poesia e il poema è il poemetto, piuttosto diffuso nella poesia del secondo Ottocento e del primo Novecento (es. Giovanni Pascoli, Primi poemetti). 1

2 2. Il verso 2.1. Sillabe toniche vs sillabe atone Nella poesia italiana prevale sin dal Duecento il cosiddetto verso sillabico, costituito dall alternanza di sillabe toniche e atone. Le sillabe toniche, rispetto a quelle atone, sono più lunghe e portano un accento dinamico più o meno energico. Ecco i due segni metrici fondamentali : ӗ vocale breve in sillaba atona ḗ vocale breve in sillaba tonica 2.2. Contare le sillabe In generale, contando il numero delle vocali in un verso otteniamo il numero delle sillabe. Il dittongo 1 ha valore di una sola sillaba. Vi sono però alcune regole per quel che riguarda la combinazione di vocali. Più in particolare una giusta dizione di versi italiani si ottiene con quattro figure metriche principali: la sineresi, la dieresi, la sinalefe e la dialefe. a) La sineresi è il fenomeno della fusione in una sola sillaba di due vocali vicine nella stessa parola: «Dirò dell altre cose ch io v ho scorte» b) La dieresi è lo stacco di due vocali contigue della stessa parola. «Dolce color d ori ental zaffiro» (Dante, Purgatorio, I, 13) c) La sinalefe è un elisione ritmica di una vocale per evitare lo iato (incontro difficilmente pronunciabile di due vocali che non formano dittongo, es. 'spi-are ). «torr antica» invece di «torre antica» d) La dialefe è invece una una pausa all interno di uno iato. «O animal grazioso e benigno» (Dante, Inferno, V, 87) La clausola e i tre tipi di versi italiani Nella metrica italiana si presta particolare attenzione alla parte finale di un verso (detta anche clausola). 1 Gruppo costituito da due vocali che si seguono nella medesima sillaba. Una delle due è vocale sillabica, l altra può essere sia vocale vera e propria ma asillabica, sia semiconsonante. 2

3 I versi, così, che terminano con una parola piana (con accento tonico sulla penultima sillaba, es. inìzio, continènte ) sono chiamati versi piani. I versi che terminano con una parola tronca (con accento grafico sull ultima sillaba, es. virtù, libertà ) sono chiamati versi tronchi. I versi con un ultima parola sdrucciola (con accento tonico sulla terzultima sillaba, es. tàvolo, èsile ) sono versi sdruccioli. La grande maggioranza dei versi sono piani. Esempi: Spesso il male di vivere ho incontrato (Eugenio Montale): verso piano Non ho che superbia e bontà (Giuseppe Ungaretti): verso tronco ( ) in silenzio. Nell ombra del tardo crepuscolo (Cesare Pavese): verso sdrucciolo 2.4. I versi e il numero delle sillabe Nella poesia italiana i versi si distinguono in base al numero delle sillabe di cui sono formati. Si hanno così: i ternari, i decasillabi, gli endecasillabi, quindicisillabi ecc. Siccome il verso più frequente è quello piano, l ultimo accento del verso cade sulla penultima sillaba (l ultimo verso dell endecasillabo cade sulla decima sillaba, l ultimo verso del decasillabo cade sulla nona sillaba, ecc.) I versi più frequenti sono l endecasillabo e il settenario; importanti sono anche il decasillabo, il novenario e il quinario. Endecasillabo L endecasillabo è il verso più importante nella poesia italiana. L endecasillabo ha l ultimo accento sulla decima sillaba, e conta di solito 11 sillabe (endecasillabo piano). L endecasillabo tronco conta soltanto 10 sillabe (perché l ultima parola del verso è una parola tronca), l endecasillabo sdrucciolo conta 12 sillabe (l ultima parola ha l accento sull antipenultima sillaba, vd. supra). Alcune forme metriche scritte di solito in endecasillabi sono il sonetto, la terzina (Commedia di Dante), e l ottava rima (Orlando furioso, Gerusalemme liberata). Decasillabo Il decasillabo ha l ultimo accento sulla nona sillaba, per cui il decasillabo piano (la versione di gran lunga più frequente) conta dieci sillabe. Il decasillabo è piuttosto raro. Es. S ode a destra uno squillo di tromba (Alessandro Manzoni, Il conte di Carmagnola). 3

4 Novenario Un novenario è un verso con l ultimo accento sull ottava sillaba (e conta quindi di solito nove sillabe). E un verso piuttosto raro nella poesia italiana. Lo si trova soprattutto nella poesia dell ultimo Ottocento e del Novecento (in Giovanni Pascoli e in D Annunzio, ad esempio). Settenario Il settenario è un verso con l ultimo accento sulla sesta sillaba (e conta quindi di solito sette sillabe). Dopo l endecasillabo è il verso più diffuso nella letteratura italiana. Il settenario è frequente in generi leggeri e musicali (la canzonetta, ad esempio). La canzone (la forma più prestigiosa della lirica italiana, utilizzata di solito per argomenti importanti, e canonizzata da Dante e da Petrarca) è composta di diverse strofe di endecasillabi e settenari. Es. Giorgio Caproni, Uscita mattutina, è una poesia basata sull alternanza (dall effetto musicale) di settenari e novenari: Come scendeva fina settenario e giovane le scale Annina! novenario Mordendosi la catenina novenario d oro, usciva via settenario lasciando nel buio una scia novenario di cipria, che non finiva. novenario Senario Il senario è un verso con l ultimo accento sulla quinta sillaba (e che nella versione piana conta sei sillabe). Es. Pietro Metastasio, da L Arcadia in Brenta, atto III Dal primo momento che presi ad amarlo tal forza mi sento tal fede ho nel core che piena d amore non posso lasciarlo ma posso morir. 4

5 Quinario Il quinario è un verso con l ultimo accento sulla quarta sillaba (e conta quindi di solito cinque sillabe). È un verso piuttosto raro, utilizzato a volte anche in forma doppia (quinario doppio). I nomi inclusi in questa classificazione in versi non definiscono la struttura ritmica dei metri, né mette in rilievo i legami fra certe forme metriche. 3. Le categorie dei metri italiani I versi italiani possono essere distinti anche secondo le unità ritmiche di cui si compongono. Per analogia con i piedi latini si può parlare di ritmi giambici (giambo), trocaici (trocheo), dattilici (dattilo) e anapestici (anapesto). Il giambo è un piede formato da un arsi di una sillaba breve e di una tesi di una sillaba lunga, secondo lo schema ; in termini ritmici significa una sillaba atona e una sillaba tonica. Il trocheo è formato da un elementum longum e da un elementum anceps nella sua forma pura secondo lo schema ; in termini ritmici significa una sillaba tonica seguita da una sillaba atona. Il dattilo è formato da un arsi di una sillaba lunga e da una tesi di due sillabi brevi, secondo lo schema ; in termini ritmici significa una sillaba tonica seguita da due sillabe atone. L anapesto è formato da due sillabi brevi che formano l arsi e da una sillaba lunga che rappresenta la tesi, secondo lo schema ; in termini ritmici significa due sillabe atone seguita da una sillaba tonica. I metri composti di giambi e di trochei sono poliritmici, i metri dattiloanapestici sono monoritmici. I metri giambici sono il quinario, il settenario, il novenario, l endecasillabo, il quindicisillabo. I metri trocaici sono il quaternario, il senario trocaico, l ottonario. I metri dattilici e anapestici sono il trinario, il senario, il novenario, il decasillabo. 5

6 4. La rima 4.1. Definizione e funzione In generale la rima si ottiene facendo terminare due o più versi con un gruppo di suoni uguali. La rima presenta due funzioni principali: a) una funzione fonetico - espressiva b) una funzione strutturale 4.2. Il verso sciolto e la rima sciolta Esistono anche poesie composte parzialmente o interamente di versi privi di parole rima. In quel caso si parla di un verso sciolto. Nella tradizione poetica è di solito un endecasillabo (un esempio è il poema Il giorno di Parini, scritto nella seconda metà del Settecento). Nel Novecento, il verso diventa molto comune. Di solito, l uso della rima può essere regolato da schemi di ricorrenza e alternanza delle parole che rimano (si vedano gli schemi presentati qui sotto della rima baciata (AABBCC), rima alternata (ABAB) e rima incrociata (ABBA). Se la successione delle parole rima è priva di regolarità, si parla di rima sciolta Rime perfette vs rime non perfette Le rime non perfette sono rime in cui vengono ripetute soltanto alcuni elementi della catena sonora. Nel caso dell assonanza, si ripetono soltanto le vocali della clausola, tra consonanti diverse. Es. «Fa la ninna, fa la nanna Piccino della mamma» (Canzone di Firenze) Nel caso della consonanza, si ripetono in due (o più versi) soltanto le consonanti delle parole rima, mentre le vocali sono diverse. Es. «Fior di ginestra, tutta s infiora la campagna nostra, quando s affaccia Nina alla finestra». (Foligno) 4.4. La rima dal punto di vista lessicale: rima univoca, rima equivoca Una rima univoca consiste nella ripetizione della stessa parola Es. «Quella macchia! S adopera a lavarla Il mare infinito; ma invano. 6

7 E la stella che vede, ne parla Al cielo infinito; ah! Invano» (Pascoli, L anello) La rima equivoca consiste nella ripetizione della stessa parola ma con significato diverso; di solito le rime equivoche vengono utilizzate in giochi di parole o in artifici retorici. Es. «Lo viso e non diviso da lo viso, e per aviso credo ben visare; però diviso viso da lo viso, ch altr è lo viso che lo divisare». (Jacopo da Lentini, esempio di un bisticcio, o gioco retorico) 4.5. La posizione della rima La rima baciata (AABBCC ) è usata soprattutto nella poesia popolare o in poesia narrativa. Es. «Nella Torre il silenzio era già alto. Sussurravano i pioppi del Rio Salto. I cavalli normanni alle lor poste frangean la biada con rumor di croste. Là in fondo la cavalla era, selvaggia, nata tra i pini su la salsa spiaggia»; (Giovanni Pascoli, La cavallina storna) La rima alternata (ABAB) prevede un incrocio di due coppie di rime. È una rima comune in molti generi. Es. «Da sé il più vecchio le spese faceva, per risparmio, e più forse per diletto. Con due fiorini un cappone metteva nel suo grande turchino fazzoletto». (Umberto Saba, Sonetto autobiografico 2) La rima incrociata (ABBA) si trova spesso nelle quartine del sonetto. Es. «Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l animo nostro informe, e a lettere di fuoco lo dichiari e risplenda come un croco perduto in mezzo a un polveroso prato». (Eugenio Montale, Meriggiare pallido e assorto) 7

8 La rima rinterzata (ABA CBC) è caratteristica delle terzine del sonetto. Es. «Il Tempo chiama dalla torre lontana Che strepito! È un tren, là, se non è il fiume che corre. O notte! Né prima io l udiva, lo strepito rapido, il pieno fragore di treno che arriva». (Giovanni Pascoli) La rima incatenata (ABA BCB CDC DED ecc.) è caratteristica delle terzine dantesche. Es. «Per me si va nella città dolente, per me si va nell'eterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore: fecemi la divina potestate, la somma sapienza e'l primo amore». (Dante, Inferno, III, 1-6) 5. La strofa Nella maggior parte delle poesie i versi si susseguono secondo schemi più o meno regolari, che spesso si ripetono più volte nelle stesso componimento. I diversi tipi di strofe si distinguono secondo il numero di versi. Il distico Il distico è una strofa di due versi, di solito due versi della stessa lunghezza, e legata dalla rima (di solito una rima baciata, del tipo AABBCCDD. Il distico è il verso tipico dell epigramma (componimento poetico mirante a fermare in breve il ricordo di una vita o di un impresa), e in generale di poesie più lunghe, di taglio narrativo. Es. La cavallina storna di Giovanni Pascoli è una poesia composta di distici con rima baciata (AABBCCDD) La strofa di tre versi Esistono diverse forme metriche composte di tre versi. La più famosa è indubbiamente la terzina o terza rima 8

9 La terzina è una strofa di tre endecasillabi. Una forma particolare, diventata famosa e fortunata nella letteratura italiana, è la cosiddetta terzina dantesca, utilizzata da Dante per la Commedia. Nella terzina il primo endecasillabo fa rima con il terzo, mentre il secondo fa rima con il primo e il terzo verso della terzina successiva. (ABA BCB CDC...). Es. Dante, Inferno, canto V: Così discesi del cerchio primaio giù nel secondo, che men loco cinghia, e tanto più dolor, che punge a guaio. Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia: essamina le colpe ne l'intrata; giudica e manda secondo ch'avvinghia. Dico che quando l'anima mal nata li vien dinanzi, tutta si confessa; e quel conoscitor de le peccata A B A B C B C D C La terzina viene utilizzata anche nel Novecento per poesie di lunghezza media e di carattere narrativo, descrittivo o riflessivo. Oltre a Pascoli, anche poeti come Pasolini e Sanguineti hanno utilizzato la terzina. Esistono anche terzine in altri generi poetici. Il sonetto è composto di due quartine e di due terzine. Un altro genere composto di strofe di tre rime è lo stornello, composto di un quinario e due endecasillabi. Si tratta di un genere antico, diffuso in particolare nell Italia centrale. Quartina Una strofa di quattro versi a rima baciata, alternata o incrociata. La quartina compare già nelle poesie delle antiche civiltà come l antica Grecia e l antica Roma. I primi otto versi del sonetto sono composti di due quartine. In particolare nell Otto-Novecento si trovano anche poesie composte di quartine (es. Alla stazione una mattina d autunno di Giosuè Carducci, o Non chiederci la parola di Eugenio Montale). La quinta rima Una strofa di cinque versi. 9

10 La strofa di sei versi (sestina) Sei versi, a volte secondo lo schema ABABAB, ma lo schema più frequente è però ABABCC. Altre varietà risultano dallo spezzamento del quindicisillabo. Sotto il nome di sestina si può distinguere tra: Sestina narrativa: una stanza composta da sei versi endecasillabi. Sestina lirica: è caratterizzata da stanze indivisibili e dalle seguenti regole (il componimento è formato da sei stanze di sei endecasillabi ciascuno; nessun verso rima all interno della stanza; i versi che rimano tra loro terminano con la stessa parola-rima; nel congedo di tre versi ricompaiono tutte e sei le parole rima; i versi sono ordinati secondo la retrogradatio cruciata secondo lo schema ABCDEF, FAEBDC, CFDABE, ECBFAD, DEACFB, BDFECA. La sestina lirica fu utilizzata per es. da Francesco Petrarca che la inserì nove volte nel suo Canzoniere. La settima rima Una forma molto rara che si ottiene dalla sestina tradizionale (ABABCC) per mezzo dell introduzione di un verso sdrucciolo sciolto dopo il quinto. L ottava rima Dopo la terzina, è la strofa più famosa della poesia italiana. La sua forma primitiva era probabilmente l ottava siciliana, secondo lo schema ABABABAB. L ottava rima ha ricevuto la sua forma codificata nel Trecento (in alcune opere di Giovanni Boccaccio) con lo schema ABABABCC. Fino al Settecento è rimasta la forma metrica dei poemi epici. I poemi di Matteo Maria Boiardo (Orlando innamorato), Ludovico Ariosto (Orlando furioso), Torquato Tasso (Gerusalemme liberata) e Giovan Battista Marino (Adone) sono tutti stati scritti in ottava rima. La nona rima La nona rima, piuttosto rara, si può considerare un ottava a cui si è aggiunto un altro verso. La decima rima E una strofa formata di tre coppie di endecasillabi a rima alterna seguite da tre endecasillabi monorimi e un endecasillabo che si rima col secondo delle coppie: ABABABCCCB. Usata in componimenti di argomento sacro o di carattere popolare. 10

11 6. Dalla strofa al genere: forme strofiche fisse e composte In alcuni casi certe forme strofiche vengono combinate in uno schema complesso che diventa un genere letterario autonomo. La ballata La ballata è un genere apparso intorno alla metà del XIII secolo nell Italia centrale. Il genere viene perfezionato dagli stilnovisti e dal Petrarca. È formata di tre parti: il ritornello, la parte centrale con la stanza e la volta, e la ripresa. Secondo il numero di versi nel ritornello si può distinguere tra la ballata grande (ritornello con quattro versi), la ballata mezzana (ritornello con tre versi); ballata minore (ritornello con due versi) e la ballata piccola o minima (ritornello con un verso). Esempio: Guido Cavalcanti, Era in penser d amor quand i trovai Ritornello (ripresa) Stanza Volta Ripresa Era in penser d amor quand i trovai due foresette nove. L una cantava: «E piove Gioco d amore in noi» Era la vista lor tanto soave e tanto questa, cortese e umile, ch i dissi lor: «Vo portate la chiave di ciascuna vertù alta e gentile. Deh! Foresette, no m abbiate a vile per lo colpo ch io porto; questo cor mi fue morto, poi che n Tolosa fui. La canzone La canzone è un genere composto di un numero indeterminato di strofe, caratterizzate da un alternanza di endecasillabi e settenari. Secondo lo schema concreta si hanno tre varietà principali: Nella canzone antica o petrarchesca le strofe, di numero variabile, presentano lo stesso schema strutturale (stesso numero di versi, stessi tipi di versi, di solito endecasillabi alternati a settenari). L unica strofa che può avere uno schema 11

12 diverso è il cosiddetto congedo o commiato, una strofa conclusiva con un numero limitato di versi. Le strofe regolari sono costituite da due elementi: la fronte (suddivisa in piedi) e la sirima/coda (suddivisa in volte); spesso tra i due si trova anche la diesi/chiave. Nella sirima alla fine si trova spesso un distico finale. La canzone leopardiana o libera è caratterizzata da una libertà parziale o totale nella struttura delle strofe. Si può avere un certo numero di versi sciolti intercalati negli schemi tradizionali, ma si possono avere anche strofe diseguali tra loro per il numero di versi. Nel canto A Silvia di Leopardi le strofe vanno da sei a quindici versi e quasi in ciascuna più della metà dei versi sono senza rima. Il sonetto Nella forma più generale è costituito da quattordici endecasillabi, raggruppati in due quartine e due sestine. Esiste una similitudine strutturale fra questa struttura interna del sonetto e la suddivisione delle strofe di una canzone in fronte e sirima: le quartine corrispondono ai due piedi della fronte, mentre le due terzine corrispondono alle due volte della sirima. Tra le quartine e le terzine c è quasi sempre una forte cesura sintattica. Vi sono anche sonetti minori in ottonari e settenari e minimi in quinari. Dal punto di vista della lunghezza si possono distinguere: - Il sonetto caudato (con coda di uno o più versi) - Il sonetto doppio (con un settenario dopo ciascuno dei versi dispari delle quartine e dopo ciascuno dei versi pari delle terzine) - Il sonetto reinterzato (con settenario dopo ciascuno dei versi dispari delle quartine e dopo il primo e il secondo verso di ciascuna terzina) - Il sonetto con fronte di dieci versi Alcuni esempi di sonetti novecenteschi: Mio padre è stato per me "l'assassino"; fino ai vent'anni che l'ho conosciuto. Allora ho visto ch'egli era un bambino, e che il dono ch'io ho da lui l'ho avuto. Aveva in volto il mio sguardo azzurrino, un sorriso, in miseria, dolce e astuto. Andò sempre pel mondo pellegrino; più d'una donna che l'ha amato e pasciuto. Egli era gaio e leggero; mia madre 12

13 tutti sentiva della vita i pesi. Di mano ei gli sfuggì come un pallone. "Non somigliare - ammoniva - a tuo padre": ed io più tardi in me stesso lo intesi: Eran due razze in antica tenzone. (Umberto Saba) Donna bambina ma di troppe brame o donna di dolori e di buriane, sempre presa da trippe e budellame, non so uscire dal buio stamane, dal cavo della mia notte catrame, e sollevarmi e via con voglie grame tra geli duri e colpi di caldane, fingendo quieti, cose lievi e piane, per i giorni di guerra e bulicame e per predar le prede piene e vane, e a vedere come senza esche o trame poco lega l'amoroso legame Oh cuore che mi caschi! Che rimane? Un annientato niente. E ho anche fame. (Patrizia Valduga) Verso libero Il verso libero, che si è affermata nella poesia italiana dal primo Novecento in poi, si caratterizza per un uso libero di accenti e sillabe. Il poeta non segue quindi gli schemi metrici della tradizione, né per i singoli versi (endecasillabo, settenario,...), né (soprattutto) per l organizzazione dei versi in forme metriche (canzone, sonetto, sestina,...). Da questo punto di vista, forse è più corretto parlare di poesia libera, piuttosto che semplicemente di verso libero. (ultimo aggiornamento: 14 / 02/ 2013) 13

LE REGOLE DELLA POESIA Verso e accento metrico

LE REGOLE DELLA POESIA Verso e accento metrico LE REGOLE DELLA POESIA Verso e accento metrico Come si definisce il verso. La caratteristica più evidente del discorso poetico consiste nel fatto che si sviluppa in versi, regolati da alcune norme.il metro

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

VADEMECUM PER LA VALUTAZIONE DELLE POESIE

VADEMECUM PER LA VALUTAZIONE DELLE POESIE VDEMECUM PER L VLUTZIONE DELLE POESIE Qui di seguito una serie di indicazioni da seguire nel commento di una poesia, divise per punti, affinché il lavoro risulti accessibile a tutti i lettori ma approfondito

Dettagli

Dall immagine tesa. di Clemente Maria REBORA. Assenze che parlano. commento a cura di Giuseppe Mongelli

Dall immagine tesa. di Clemente Maria REBORA. Assenze che parlano. commento a cura di Giuseppe Mongelli Dall immagine tesa di Clemente Maria REBORA Assenze che parlano commento a cura di Giuseppe Mongelli analisi delle figure retoriche a cura di Daniela Massari e Vincenza Mezzina Il presente documento è

Dettagli

Al cor gentil rempaira sempre amore

Al cor gentil rempaira sempre amore Percorso I generi Al cor gentil rempaira sempre amore in Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Ricciardi, Milano-Napoli, 1960 TESTO IN MAPPA pp. 3-4 La canzone è composta di sei stanze (o strofe) di

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

ANALISI DEL TESTO: "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?" di F.Petrarca

ANALISI DEL TESTO: S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento? di F.Petrarca ANALISI DEL TESTO: "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?" di F.Petrarca S amor non è, che dunque è quel ch io sento? Ma s egli è amor, perdio, che cosa et quale? Se bona, onde l effecto aspro mortale?

Dettagli

LO SVOLGIMENTO DELLA FORMA METRICA DELLA POESIA LIRICA ITALIANA DELL'OTTOCENTO

LO SVOLGIMENTO DELLA FORMA METRICA DELLA POESIA LIRICA ITALIANA DELL'OTTOCENTO LO SVOLGIMENTO DELLA FORMA METRICA DELLA POESIA LIRICA ITALIANA DELL'OTTOCENTO In an mio saggio intitolato La crisi del linguaggio poetico italiano nell'ottocentol cercai di dimostrare come it concetto

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

Quell uguale belato era fraterno al mio dolore

Quell uguale belato era fraterno al mio dolore 1 Motivazione: Saba, uomo, ha fatto scaturire in noi un senso di dolore proveniente dalla sua anima in pena, che ci porta ad immedesimarsi in ciò che esprime attraverso le poesie. La scelta sulla tematica

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona»

Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona» [Convivio, III] Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona» «Amor che ne la mente mi ragiona» condivide alcuni elementi di *poetica con la Vita nuova. In particolare vi è assunto lo «stilo de la

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Leopardi - "Il sabato del villaggio"

Leopardi - Il sabato del villaggio Leopardi - "Il sabato del villaggio" La donzelletta vien dalla campagna in sul calar del sole, col suo fascio dell'erba; e reca in mano un mazzolin di rose e viole, onde, siccome suole, ornare ella si

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Scacchi ed enigmistica

Scacchi ed enigmistica Scacchi ed enigmistica Di Adolivio Capece Sciopero della fame in massa Visto che con un capo avean da fare col qual non si potea più ragionare nessuno, ad un tratto, s'è più fatto avanti e han smesso di

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Scopo di questo primo incontro è assumere l ipotesi interpretativa

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Quant'è bella giovinezza che si fugge tuttavia: chi vuol esser lieto, sia, di doman non c'è certezza.

Quant'è bella giovinezza che si fugge tuttavia: chi vuol esser lieto, sia, di doman non c'è certezza. Secolo XV Lorenzo de Medici Rime carnascialesche (ed. P. Orvieto) IX CANZONA DI BACCO Quant'è bella giovinezza che si fugge tuttavia: chi vuol esser lieto, sia, Quest'è Bacco e Arianna, belli, e l'un dell'altro

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli