Breve introduzione alla metrica italiana. 1. La poesia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Breve introduzione alla metrica italiana. 1. La poesia"

Transcript

1 Breve introduzione alla metrica italiana 1. La poesia Caratteristiche generali Il testo poetico, come la prosa, è costituito da proposizioni. Rispetto alla prosa però presenta una differenza essenziale. Mentre, infatti, i testi in prosa non hanno in genere schemi fissi, il testo in versi è costituito da due aspetti specifici: a) da una parte i ritmi e i metri: fenomeni che si possono definire in a livello del verso b) dall altra le rime e le strofe (fenomeni che si possono definire a livello dei rapporti fra (gruppi di) versi. Sia i ritmi e metri che le rime e le strofe rendono il testo in versi legato ad una certa disciplina formale a cui il poeta si attiene più o meno consapevolmente. Si dice per esempio che Dante pensasse in terzine. Un breve caveat terminologico Attenzione! In italiano si utilizza il termine poesia sia come categoria generale (la poesia vs la prosa, in neerlandese poëzie), sia per indicare i singoli componimenti in versi (in neerlandese gedicht). In italiano esiste anche il termine poema, che indica un testo in versi di una certa lunghezza, e di solito di carattere narrativo o descrittivo. I poemi sono di solito suddivisi in canti o libri. Al termine poema si aggiunge spesso un aggettivo che indica l argomento o il sottogenere cui appartiene il poema, ad es. poema cavalleresco (ridderepos), poema didascalico (leerdicht), poema eroico (heldenepos), poema sacro (termine utilizzato da Dante per definire la Commedia). Esempi: i sonetti di Petrarca sono poesie; la Commedia di Dante, l Orlando furioso di Ludovico Ariosto sono poemi. Un genere a metà strada fra la poesia e il poema è il poemetto, piuttosto diffuso nella poesia del secondo Ottocento e del primo Novecento (es. Giovanni Pascoli, Primi poemetti). 1

2 2. Il verso 2.1. Sillabe toniche vs sillabe atone Nella poesia italiana prevale sin dal Duecento il cosiddetto verso sillabico, costituito dall alternanza di sillabe toniche e atone. Le sillabe toniche, rispetto a quelle atone, sono più lunghe e portano un accento dinamico più o meno energico. Ecco i due segni metrici fondamentali : ӗ vocale breve in sillaba atona ḗ vocale breve in sillaba tonica 2.2. Contare le sillabe In generale, contando il numero delle vocali in un verso otteniamo il numero delle sillabe. Il dittongo 1 ha valore di una sola sillaba. Vi sono però alcune regole per quel che riguarda la combinazione di vocali. Più in particolare una giusta dizione di versi italiani si ottiene con quattro figure metriche principali: la sineresi, la dieresi, la sinalefe e la dialefe. a) La sineresi è il fenomeno della fusione in una sola sillaba di due vocali vicine nella stessa parola: «Dirò dell altre cose ch io v ho scorte» b) La dieresi è lo stacco di due vocali contigue della stessa parola. «Dolce color d ori ental zaffiro» (Dante, Purgatorio, I, 13) c) La sinalefe è un elisione ritmica di una vocale per evitare lo iato (incontro difficilmente pronunciabile di due vocali che non formano dittongo, es. 'spi-are ). «torr antica» invece di «torre antica» d) La dialefe è invece una una pausa all interno di uno iato. «O animal grazioso e benigno» (Dante, Inferno, V, 87) La clausola e i tre tipi di versi italiani Nella metrica italiana si presta particolare attenzione alla parte finale di un verso (detta anche clausola). 1 Gruppo costituito da due vocali che si seguono nella medesima sillaba. Una delle due è vocale sillabica, l altra può essere sia vocale vera e propria ma asillabica, sia semiconsonante. 2

3 I versi, così, che terminano con una parola piana (con accento tonico sulla penultima sillaba, es. inìzio, continènte ) sono chiamati versi piani. I versi che terminano con una parola tronca (con accento grafico sull ultima sillaba, es. virtù, libertà ) sono chiamati versi tronchi. I versi con un ultima parola sdrucciola (con accento tonico sulla terzultima sillaba, es. tàvolo, èsile ) sono versi sdruccioli. La grande maggioranza dei versi sono piani. Esempi: Spesso il male di vivere ho incontrato (Eugenio Montale): verso piano Non ho che superbia e bontà (Giuseppe Ungaretti): verso tronco ( ) in silenzio. Nell ombra del tardo crepuscolo (Cesare Pavese): verso sdrucciolo 2.4. I versi e il numero delle sillabe Nella poesia italiana i versi si distinguono in base al numero delle sillabe di cui sono formati. Si hanno così: i ternari, i decasillabi, gli endecasillabi, quindicisillabi ecc. Siccome il verso più frequente è quello piano, l ultimo accento del verso cade sulla penultima sillaba (l ultimo verso dell endecasillabo cade sulla decima sillaba, l ultimo verso del decasillabo cade sulla nona sillaba, ecc.) I versi più frequenti sono l endecasillabo e il settenario; importanti sono anche il decasillabo, il novenario e il quinario. Endecasillabo L endecasillabo è il verso più importante nella poesia italiana. L endecasillabo ha l ultimo accento sulla decima sillaba, e conta di solito 11 sillabe (endecasillabo piano). L endecasillabo tronco conta soltanto 10 sillabe (perché l ultima parola del verso è una parola tronca), l endecasillabo sdrucciolo conta 12 sillabe (l ultima parola ha l accento sull antipenultima sillaba, vd. supra). Alcune forme metriche scritte di solito in endecasillabi sono il sonetto, la terzina (Commedia di Dante), e l ottava rima (Orlando furioso, Gerusalemme liberata). Decasillabo Il decasillabo ha l ultimo accento sulla nona sillaba, per cui il decasillabo piano (la versione di gran lunga più frequente) conta dieci sillabe. Il decasillabo è piuttosto raro. Es. S ode a destra uno squillo di tromba (Alessandro Manzoni, Il conte di Carmagnola). 3

4 Novenario Un novenario è un verso con l ultimo accento sull ottava sillaba (e conta quindi di solito nove sillabe). E un verso piuttosto raro nella poesia italiana. Lo si trova soprattutto nella poesia dell ultimo Ottocento e del Novecento (in Giovanni Pascoli e in D Annunzio, ad esempio). Settenario Il settenario è un verso con l ultimo accento sulla sesta sillaba (e conta quindi di solito sette sillabe). Dopo l endecasillabo è il verso più diffuso nella letteratura italiana. Il settenario è frequente in generi leggeri e musicali (la canzonetta, ad esempio). La canzone (la forma più prestigiosa della lirica italiana, utilizzata di solito per argomenti importanti, e canonizzata da Dante e da Petrarca) è composta di diverse strofe di endecasillabi e settenari. Es. Giorgio Caproni, Uscita mattutina, è una poesia basata sull alternanza (dall effetto musicale) di settenari e novenari: Come scendeva fina settenario e giovane le scale Annina! novenario Mordendosi la catenina novenario d oro, usciva via settenario lasciando nel buio una scia novenario di cipria, che non finiva. novenario Senario Il senario è un verso con l ultimo accento sulla quinta sillaba (e che nella versione piana conta sei sillabe). Es. Pietro Metastasio, da L Arcadia in Brenta, atto III Dal primo momento che presi ad amarlo tal forza mi sento tal fede ho nel core che piena d amore non posso lasciarlo ma posso morir. 4

5 Quinario Il quinario è un verso con l ultimo accento sulla quarta sillaba (e conta quindi di solito cinque sillabe). È un verso piuttosto raro, utilizzato a volte anche in forma doppia (quinario doppio). I nomi inclusi in questa classificazione in versi non definiscono la struttura ritmica dei metri, né mette in rilievo i legami fra certe forme metriche. 3. Le categorie dei metri italiani I versi italiani possono essere distinti anche secondo le unità ritmiche di cui si compongono. Per analogia con i piedi latini si può parlare di ritmi giambici (giambo), trocaici (trocheo), dattilici (dattilo) e anapestici (anapesto). Il giambo è un piede formato da un arsi di una sillaba breve e di una tesi di una sillaba lunga, secondo lo schema ; in termini ritmici significa una sillaba atona e una sillaba tonica. Il trocheo è formato da un elementum longum e da un elementum anceps nella sua forma pura secondo lo schema ; in termini ritmici significa una sillaba tonica seguita da una sillaba atona. Il dattilo è formato da un arsi di una sillaba lunga e da una tesi di due sillabi brevi, secondo lo schema ; in termini ritmici significa una sillaba tonica seguita da due sillabe atone. L anapesto è formato da due sillabi brevi che formano l arsi e da una sillaba lunga che rappresenta la tesi, secondo lo schema ; in termini ritmici significa due sillabe atone seguita da una sillaba tonica. I metri composti di giambi e di trochei sono poliritmici, i metri dattiloanapestici sono monoritmici. I metri giambici sono il quinario, il settenario, il novenario, l endecasillabo, il quindicisillabo. I metri trocaici sono il quaternario, il senario trocaico, l ottonario. I metri dattilici e anapestici sono il trinario, il senario, il novenario, il decasillabo. 5

6 4. La rima 4.1. Definizione e funzione In generale la rima si ottiene facendo terminare due o più versi con un gruppo di suoni uguali. La rima presenta due funzioni principali: a) una funzione fonetico - espressiva b) una funzione strutturale 4.2. Il verso sciolto e la rima sciolta Esistono anche poesie composte parzialmente o interamente di versi privi di parole rima. In quel caso si parla di un verso sciolto. Nella tradizione poetica è di solito un endecasillabo (un esempio è il poema Il giorno di Parini, scritto nella seconda metà del Settecento). Nel Novecento, il verso diventa molto comune. Di solito, l uso della rima può essere regolato da schemi di ricorrenza e alternanza delle parole che rimano (si vedano gli schemi presentati qui sotto della rima baciata (AABBCC), rima alternata (ABAB) e rima incrociata (ABBA). Se la successione delle parole rima è priva di regolarità, si parla di rima sciolta Rime perfette vs rime non perfette Le rime non perfette sono rime in cui vengono ripetute soltanto alcuni elementi della catena sonora. Nel caso dell assonanza, si ripetono soltanto le vocali della clausola, tra consonanti diverse. Es. «Fa la ninna, fa la nanna Piccino della mamma» (Canzone di Firenze) Nel caso della consonanza, si ripetono in due (o più versi) soltanto le consonanti delle parole rima, mentre le vocali sono diverse. Es. «Fior di ginestra, tutta s infiora la campagna nostra, quando s affaccia Nina alla finestra». (Foligno) 4.4. La rima dal punto di vista lessicale: rima univoca, rima equivoca Una rima univoca consiste nella ripetizione della stessa parola Es. «Quella macchia! S adopera a lavarla Il mare infinito; ma invano. 6

7 E la stella che vede, ne parla Al cielo infinito; ah! Invano» (Pascoli, L anello) La rima equivoca consiste nella ripetizione della stessa parola ma con significato diverso; di solito le rime equivoche vengono utilizzate in giochi di parole o in artifici retorici. Es. «Lo viso e non diviso da lo viso, e per aviso credo ben visare; però diviso viso da lo viso, ch altr è lo viso che lo divisare». (Jacopo da Lentini, esempio di un bisticcio, o gioco retorico) 4.5. La posizione della rima La rima baciata (AABBCC ) è usata soprattutto nella poesia popolare o in poesia narrativa. Es. «Nella Torre il silenzio era già alto. Sussurravano i pioppi del Rio Salto. I cavalli normanni alle lor poste frangean la biada con rumor di croste. Là in fondo la cavalla era, selvaggia, nata tra i pini su la salsa spiaggia»; (Giovanni Pascoli, La cavallina storna) La rima alternata (ABAB) prevede un incrocio di due coppie di rime. È una rima comune in molti generi. Es. «Da sé il più vecchio le spese faceva, per risparmio, e più forse per diletto. Con due fiorini un cappone metteva nel suo grande turchino fazzoletto». (Umberto Saba, Sonetto autobiografico 2) La rima incrociata (ABBA) si trova spesso nelle quartine del sonetto. Es. «Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l animo nostro informe, e a lettere di fuoco lo dichiari e risplenda come un croco perduto in mezzo a un polveroso prato». (Eugenio Montale, Meriggiare pallido e assorto) 7

8 La rima rinterzata (ABA CBC) è caratteristica delle terzine del sonetto. Es. «Il Tempo chiama dalla torre lontana Che strepito! È un tren, là, se non è il fiume che corre. O notte! Né prima io l udiva, lo strepito rapido, il pieno fragore di treno che arriva». (Giovanni Pascoli) La rima incatenata (ABA BCB CDC DED ecc.) è caratteristica delle terzine dantesche. Es. «Per me si va nella città dolente, per me si va nell'eterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore: fecemi la divina potestate, la somma sapienza e'l primo amore». (Dante, Inferno, III, 1-6) 5. La strofa Nella maggior parte delle poesie i versi si susseguono secondo schemi più o meno regolari, che spesso si ripetono più volte nelle stesso componimento. I diversi tipi di strofe si distinguono secondo il numero di versi. Il distico Il distico è una strofa di due versi, di solito due versi della stessa lunghezza, e legata dalla rima (di solito una rima baciata, del tipo AABBCCDD. Il distico è il verso tipico dell epigramma (componimento poetico mirante a fermare in breve il ricordo di una vita o di un impresa), e in generale di poesie più lunghe, di taglio narrativo. Es. La cavallina storna di Giovanni Pascoli è una poesia composta di distici con rima baciata (AABBCCDD) La strofa di tre versi Esistono diverse forme metriche composte di tre versi. La più famosa è indubbiamente la terzina o terza rima 8

9 La terzina è una strofa di tre endecasillabi. Una forma particolare, diventata famosa e fortunata nella letteratura italiana, è la cosiddetta terzina dantesca, utilizzata da Dante per la Commedia. Nella terzina il primo endecasillabo fa rima con il terzo, mentre il secondo fa rima con il primo e il terzo verso della terzina successiva. (ABA BCB CDC...). Es. Dante, Inferno, canto V: Così discesi del cerchio primaio giù nel secondo, che men loco cinghia, e tanto più dolor, che punge a guaio. Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia: essamina le colpe ne l'intrata; giudica e manda secondo ch'avvinghia. Dico che quando l'anima mal nata li vien dinanzi, tutta si confessa; e quel conoscitor de le peccata A B A B C B C D C La terzina viene utilizzata anche nel Novecento per poesie di lunghezza media e di carattere narrativo, descrittivo o riflessivo. Oltre a Pascoli, anche poeti come Pasolini e Sanguineti hanno utilizzato la terzina. Esistono anche terzine in altri generi poetici. Il sonetto è composto di due quartine e di due terzine. Un altro genere composto di strofe di tre rime è lo stornello, composto di un quinario e due endecasillabi. Si tratta di un genere antico, diffuso in particolare nell Italia centrale. Quartina Una strofa di quattro versi a rima baciata, alternata o incrociata. La quartina compare già nelle poesie delle antiche civiltà come l antica Grecia e l antica Roma. I primi otto versi del sonetto sono composti di due quartine. In particolare nell Otto-Novecento si trovano anche poesie composte di quartine (es. Alla stazione una mattina d autunno di Giosuè Carducci, o Non chiederci la parola di Eugenio Montale). La quinta rima Una strofa di cinque versi. 9

10 La strofa di sei versi (sestina) Sei versi, a volte secondo lo schema ABABAB, ma lo schema più frequente è però ABABCC. Altre varietà risultano dallo spezzamento del quindicisillabo. Sotto il nome di sestina si può distinguere tra: Sestina narrativa: una stanza composta da sei versi endecasillabi. Sestina lirica: è caratterizzata da stanze indivisibili e dalle seguenti regole (il componimento è formato da sei stanze di sei endecasillabi ciascuno; nessun verso rima all interno della stanza; i versi che rimano tra loro terminano con la stessa parola-rima; nel congedo di tre versi ricompaiono tutte e sei le parole rima; i versi sono ordinati secondo la retrogradatio cruciata secondo lo schema ABCDEF, FAEBDC, CFDABE, ECBFAD, DEACFB, BDFECA. La sestina lirica fu utilizzata per es. da Francesco Petrarca che la inserì nove volte nel suo Canzoniere. La settima rima Una forma molto rara che si ottiene dalla sestina tradizionale (ABABCC) per mezzo dell introduzione di un verso sdrucciolo sciolto dopo il quinto. L ottava rima Dopo la terzina, è la strofa più famosa della poesia italiana. La sua forma primitiva era probabilmente l ottava siciliana, secondo lo schema ABABABAB. L ottava rima ha ricevuto la sua forma codificata nel Trecento (in alcune opere di Giovanni Boccaccio) con lo schema ABABABCC. Fino al Settecento è rimasta la forma metrica dei poemi epici. I poemi di Matteo Maria Boiardo (Orlando innamorato), Ludovico Ariosto (Orlando furioso), Torquato Tasso (Gerusalemme liberata) e Giovan Battista Marino (Adone) sono tutti stati scritti in ottava rima. La nona rima La nona rima, piuttosto rara, si può considerare un ottava a cui si è aggiunto un altro verso. La decima rima E una strofa formata di tre coppie di endecasillabi a rima alterna seguite da tre endecasillabi monorimi e un endecasillabo che si rima col secondo delle coppie: ABABABCCCB. Usata in componimenti di argomento sacro o di carattere popolare. 10

11 6. Dalla strofa al genere: forme strofiche fisse e composte In alcuni casi certe forme strofiche vengono combinate in uno schema complesso che diventa un genere letterario autonomo. La ballata La ballata è un genere apparso intorno alla metà del XIII secolo nell Italia centrale. Il genere viene perfezionato dagli stilnovisti e dal Petrarca. È formata di tre parti: il ritornello, la parte centrale con la stanza e la volta, e la ripresa. Secondo il numero di versi nel ritornello si può distinguere tra la ballata grande (ritornello con quattro versi), la ballata mezzana (ritornello con tre versi); ballata minore (ritornello con due versi) e la ballata piccola o minima (ritornello con un verso). Esempio: Guido Cavalcanti, Era in penser d amor quand i trovai Ritornello (ripresa) Stanza Volta Ripresa Era in penser d amor quand i trovai due foresette nove. L una cantava: «E piove Gioco d amore in noi» Era la vista lor tanto soave e tanto questa, cortese e umile, ch i dissi lor: «Vo portate la chiave di ciascuna vertù alta e gentile. Deh! Foresette, no m abbiate a vile per lo colpo ch io porto; questo cor mi fue morto, poi che n Tolosa fui. La canzone La canzone è un genere composto di un numero indeterminato di strofe, caratterizzate da un alternanza di endecasillabi e settenari. Secondo lo schema concreta si hanno tre varietà principali: Nella canzone antica o petrarchesca le strofe, di numero variabile, presentano lo stesso schema strutturale (stesso numero di versi, stessi tipi di versi, di solito endecasillabi alternati a settenari). L unica strofa che può avere uno schema 11

12 diverso è il cosiddetto congedo o commiato, una strofa conclusiva con un numero limitato di versi. Le strofe regolari sono costituite da due elementi: la fronte (suddivisa in piedi) e la sirima/coda (suddivisa in volte); spesso tra i due si trova anche la diesi/chiave. Nella sirima alla fine si trova spesso un distico finale. La canzone leopardiana o libera è caratterizzata da una libertà parziale o totale nella struttura delle strofe. Si può avere un certo numero di versi sciolti intercalati negli schemi tradizionali, ma si possono avere anche strofe diseguali tra loro per il numero di versi. Nel canto A Silvia di Leopardi le strofe vanno da sei a quindici versi e quasi in ciascuna più della metà dei versi sono senza rima. Il sonetto Nella forma più generale è costituito da quattordici endecasillabi, raggruppati in due quartine e due sestine. Esiste una similitudine strutturale fra questa struttura interna del sonetto e la suddivisione delle strofe di una canzone in fronte e sirima: le quartine corrispondono ai due piedi della fronte, mentre le due terzine corrispondono alle due volte della sirima. Tra le quartine e le terzine c è quasi sempre una forte cesura sintattica. Vi sono anche sonetti minori in ottonari e settenari e minimi in quinari. Dal punto di vista della lunghezza si possono distinguere: - Il sonetto caudato (con coda di uno o più versi) - Il sonetto doppio (con un settenario dopo ciascuno dei versi dispari delle quartine e dopo ciascuno dei versi pari delle terzine) - Il sonetto reinterzato (con settenario dopo ciascuno dei versi dispari delle quartine e dopo il primo e il secondo verso di ciascuna terzina) - Il sonetto con fronte di dieci versi Alcuni esempi di sonetti novecenteschi: Mio padre è stato per me "l'assassino"; fino ai vent'anni che l'ho conosciuto. Allora ho visto ch'egli era un bambino, e che il dono ch'io ho da lui l'ho avuto. Aveva in volto il mio sguardo azzurrino, un sorriso, in miseria, dolce e astuto. Andò sempre pel mondo pellegrino; più d'una donna che l'ha amato e pasciuto. Egli era gaio e leggero; mia madre 12

13 tutti sentiva della vita i pesi. Di mano ei gli sfuggì come un pallone. "Non somigliare - ammoniva - a tuo padre": ed io più tardi in me stesso lo intesi: Eran due razze in antica tenzone. (Umberto Saba) Donna bambina ma di troppe brame o donna di dolori e di buriane, sempre presa da trippe e budellame, non so uscire dal buio stamane, dal cavo della mia notte catrame, e sollevarmi e via con voglie grame tra geli duri e colpi di caldane, fingendo quieti, cose lievi e piane, per i giorni di guerra e bulicame e per predar le prede piene e vane, e a vedere come senza esche o trame poco lega l'amoroso legame Oh cuore che mi caschi! Che rimane? Un annientato niente. E ho anche fame. (Patrizia Valduga) Verso libero Il verso libero, che si è affermata nella poesia italiana dal primo Novecento in poi, si caratterizza per un uso libero di accenti e sillabe. Il poeta non segue quindi gli schemi metrici della tradizione, né per i singoli versi (endecasillabo, settenario,...), né (soprattutto) per l organizzazione dei versi in forme metriche (canzone, sonetto, sestina,...). Da questo punto di vista, forse è più corretto parlare di poesia libera, piuttosto che semplicemente di verso libero. (ultimo aggiornamento: 14 / 02/ 2013) 13

LE REGOLE DELLA POESIA Verso e accento metrico

LE REGOLE DELLA POESIA Verso e accento metrico LE REGOLE DELLA POESIA Verso e accento metrico Come si definisce il verso. La caratteristica più evidente del discorso poetico consiste nel fatto che si sviluppa in versi, regolati da alcune norme.il metro

Dettagli

Le forme della poesia (istruzioni per l uso)

Le forme della poesia (istruzioni per l uso) Le forme della poesia (istruzioni per l uso) Il verso è il singolo rigo di una poesia. il verso Il verso italiano si basa su due elementi fondamentali: - il numero delle sillabe metriche (attenzione: sillabe

Dettagli

Caratteri generali di metrica

Caratteri generali di metrica Caratteri generali di metrica metrica insieme delle regole e delle convenzioni che, in una tradizione letteraria, presiedono alla strutturazione formale del prodotto poetico, fornendo agli autori una serie

Dettagli

Universitas, 2014. Raccolta completa delle poesie di una vita. POESIE DEI RITAGLI DI TEMPO. (Legenda di tutti i generi di poesie contenute nell'ebook)

Universitas, 2014. Raccolta completa delle poesie di una vita. POESIE DEI RITAGLI DI TEMPO. (Legenda di tutti i generi di poesie contenute nell'ebook) Universitas, 2014. Raccolta completa delle poesie di una vita. POESIE DEI RITAGLI DI TEMPO (Legenda di tutti i generi di poesie contenute nell'ebook) 1 / 7 Haiku L haiku ( 俳 句 ) è un genere di poesia di

Dettagli

Accento tonico, sillabe, pronuncia

Accento tonico, sillabe, pronuncia L accento Si dice che una vocale è tonica quando è accentata, mentre se non lo è si dice che è atona. Questo accento ha la funzione di sottolineare l intonazione della parola e si dice a sua volta tonico.

Dettagli

Dante nella selva oscura

Dante nella selva oscura Dante nella selva oscura Da La Divina Commedia Inferno, Canto 1 I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) classi 4 A-4 E a.s. 2012/2013 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, 3 ché

Dettagli

DIFFERENZE TRA POESIA E PROSA

DIFFERENZE TRA POESIA E PROSA DIFFERENZE TRA POESIA E PROSA POESIA: Scritta in versi (strofe); Rime tradizionali o meno; Figure retoriche; Sentimenti / Riflessioni; Vocaboli più ricercati; Esprime pensiero di chi scrive. Oggetti Paesaggi

Dettagli

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015 Programma di ITALIANO classe VB a.s. 2014/2015 GRAMMATICA: La frase complessa o periodo La struttura del periodo:proposizioni principali, coordinate e subordinate La proposizione principale I vari tipi

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO STATALE "Ettore Majorana" CALTAGIRONE PROGRAMMA DI ITALIANO Anno scolastico 2013/2014 CLASSE II SEZIONE C IL TESTO POETICO La differenza tra poesia e prosa. Cos è la poesia; il poeta.

Dettagli

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane)

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane) 1/6 ITALIANO PRIMO ANNO Testi: qualsiasi testo di Italiano (biennio) in adozione presso i Licei Classici o Scientifici. Per i testi di epica: consultare i siti Internet con il testo integrale in traduzione

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO Pagina 1 di 6 ANNO SCOLASTICO 2012/13 CLASSE 2PA DOCENTE: Giovanni De Nardus DISCIPLINA ITALIANO LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE: N: BOTTA TITOLO: Galeotto fu il libro (Il testo narrativo, Il testo

Dettagli

Giovanni Pascoli (1855-1912)

Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli: la vita 1855: nasce a S. Mauro di Romagna 10 agosto 1867: muore il padre, assassinato 1873: borsa di studio, frequenta la facoltà di lettere a Bologna. Aderisce

Dettagli

Il verso: sillabe, ritmo, rima. Il verso italiano è caratterizzato dal numero delle sillabe e dal ritmo.

Il verso: sillabe, ritmo, rima. Il verso italiano è caratterizzato dal numero delle sillabe e dal ritmo. Il verso: sillabe, ritmo, rima Il verso italiano è caratterizzato dal numero delle sillabe e dal ritmo. La sillaba, come nelle altre letterature romanze, costituisce l'unità metrica: sono cioè da considerarsi

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

POESIA. filastrocche per iniziare

POESIA. filastrocche per iniziare POESIA filastrocche per iniziare Filastrocche in rima baciata (ABBA) e alternata (ABAB) (a cura della cl. 1 B) PRIMO ESEMPIO di due strofe, la prima formata da quattro versi, la seconda da uno. La filastrocca

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Letteratura italiana. La fabbrica del testo

Letteratura italiana. La fabbrica del testo Gino Tellini Letteratura italiana Un metodo di studio La fabbrica del testo LE MONNIER UNIVERSITÀ A0LMU_Tellini_Let_it_coperta.indd 1 29/01/14 15:58 Indice La fabbrica del testo 1 1. Prosodia e metrica

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA CORSO Ragionieri PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE 3^ SEZIONE T Professore: Curletto Valeria Ore settimanali: 4 Finalità: Lo studio

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Scuola poetica siciliana

Scuola poetica siciliana Scuola poetica siciliana La scuola poetica siciliana, sorta attorno al 1230 nella corta dell l'imperatore e re di Sicilia Federico II di Svevia, produsse la prima lirica in volgare italiano. L attività

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa Progetto Continuità Laboratorio di Scrittura creativa A cura delle prof.sse Simon Paola e Tanese Cinzia con gli alunni della classe 5 A di Gandoli e con la partecipazione di alcuni alunni della classe

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

IPSSEOA "ADRIANO PETROCCHI" PROGRAMMA DI ITALIANO 3 A

IPSSEOA ADRIANO PETROCCHI PROGRAMMA DI ITALIANO 3 A IPSSEOA "ADRIANO PETROCCHI" PALOMBARA SABINA PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE III ª A ENOGASTRONOMIA A.S. 2014-2015 MODULO 0 PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL MATERIALE RELATIVO AL PROGETTO "SABINA A TAVOLA...

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

VALORI MUSICALI SUONI PAUSE battere levare VALORI MUSICALI

VALORI MUSICALI SUONI PAUSE battere levare VALORI MUSICALI VALORI MUSICALI 1 Per la formazione di un qualsiasi discorso musicale occorrono due elementi essenziali, e cioè: SUONI e PAUSE Non si può comprendere una composizione musicale senza che questi elementi

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

CORSO SERALE SECONDO PERIODO

CORSO SERALE SECONDO PERIODO Centro Provinciale per l'istruzione degli Adulti di Ravenna I.T.C. G. Ginanni CORSO SERALE SECONDO PERIODO MATERIALE DI SUPPORTO ALLE LEZIONI DI ITALIANO DOCENTE: CHIARA MINGHETTI SUPPORTO TECNICO: FOSCHERI

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Liceo scientifico Giordano Bruno. Programma

Liceo scientifico Giordano Bruno. Programma Anno scolastico: 2010-2011 Classe: 4ª Sezione: H Materia: Italiano Docente: prof. Lanza Programma L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e diffusione della cultura

Dettagli

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura a cura di Marta Ricci 1 Cos è Letteratura per la CDD Si classificano in 800 le opere d immaginazione volte all intrattenimento. Le opere di contenuto

Dettagli

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi.

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi. ISTITUTO TECNICO COMMLE E PER GEOMETRI E. FERMI, IGLESIAS ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGRAMMA DI ITALIANO Classe III A TURISMO Docente: Prof.ssa Maria Dolores Mancosu Il contesto storico : l Europa intorno

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Forme musicali 11/01/2012. Forme musicali. Il discorso musicale

Forme musicali 11/01/2012. Forme musicali. Il discorso musicale Forme musicali Il discorso musicale La musica è come un discorso fatto di suoni invece che di parole. Ascoltando una melodia abbiamo la sensazione di una successione di pensieri espressi non con le parole

Dettagli

ESERCIZI METAFONOLOGICI

ESERCIZI METAFONOLOGICI ESERCIZI METAFONOLOGICI - Segmentazione e fusione sillabica (es. MA-TI-TA); - Riconoscimento della sillaba iniziale delle parole ; - Riconoscimento del sillaba finale; - Riconoscimento della somiglianza

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : SCIENTIFICO SCIENTIFICO Scienze applicate TECNICO TECNICO Amministrazione finanza

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

Traduzione matematica della metrica dantesca presente nella Divina Commedia.

Traduzione matematica della metrica dantesca presente nella Divina Commedia. Traduzione matematica della metrica dantesca presente nella Divina Commedia. 1. «Dante, come ben si sa, è innovatore dal di dentro, di schemi metrici ereditati dalla tradizione anteriore». È opinione largamente

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Il linguaggio della poesia e La libellula di Toti Scialoja. www.didadada.it

Il linguaggio della poesia e La libellula di Toti Scialoja. www.didadada.it Il linguaggio della poesia e La libellula di Toti Scialoja. www.didadada.it Per comprendere bene queste pagine è necessario stamparle a colori o leggerle sul computer I suoni delle parole sono fondamentali

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

VERSIFICAZIONE Il verso

VERSIFICAZIONE Il verso VERSIFICAZIONE Il verso Farneticava. Principio di febbre cerebrale, avevano detto i medici; e lo ripetevano tutti i compagni d ufficio, che ritornavano a due, a tre, dall ospizio ov erano stati a visitarlo.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 1 Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 Premessa: di seguito vengono presentate le competenze e i contenuti di riferimento per Lingua e letteratura italiana. Le competenze e i contenuti

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Il Decadentismo Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Movimento culturale nato in Francia nel 1880 e ben presto diffuso in tutta Europa. Prende il nome dalla rivista transalpina «Le Décadent». I caratteri

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

La canzone: storia, analisi e pratica vocale

La canzone: storia, analisi e pratica vocale DECS UIM Prova cantonale di educazione musicale 2015 DIPARTIMENTO DELL EDUCAZIONE, DELLA CULTURA E DELLO SPORT UFFICIO DELL INSEGNAMENTO MEDIO Prova Cantonale 2015 di Educazione Musicale CLASSE TERZA 2

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in. analisi i seguenti capitoli:

Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in. analisi i seguenti capitoli: Programma di Italiano prof. Panico Agnese Classe II B 2012/2013 Promessi Sposi: Vita e opere di Alessandro Manzoni Abbiamo preso in analisi i seguenti capitoli: LE VICENDE BORGHIGIANE (capitoli 1-8) LA

Dettagli

LA MEMORIA DEL PROFUMO 1

LA MEMORIA DEL PROFUMO 1 LA MEMORIA DEL PROFUMO 1 (Analisi ritmica e stilistica di CHANEL N. 5 di Simonetta Longo) di Mario Buonofiglio La lirica CHANEL N. 5 è un ecfrasi (l informazione proviene dalla stessa poetessa) e trae

Dettagli

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti Parlando dei principali tratti del neostardard, abbiamo menzionato

Dettagli

APPUNTI ELEMENTARI DI METRICA ITALIANA

APPUNTI ELEMENTARI DI METRICA ITALIANA APPUNTI ELEMENTARI DI METRICA ITALIANA PREMESSA. Nello scrivere questi brevi appunti di metrica (intendendo per metrica ciò che regola le strutture formali della poesia) è mia intenzione fornire un minimo

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Maravigliosamente. un amor mi distringe. mi tene ad ogn'ora.

Maravigliosamente. un amor mi distringe. mi tene ad ogn'ora. Maravigliosamente unamormidistringe miteneadogn'ora. LaprimaparoladellapoesiapiùbelladiGiacomodaLentinicontienetuttolostupore dell uomocolpitodall amore. L amorenonèunsentimento,maun energia,hascritto

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli