poesia Editori Laterza MARCELLO COLANINNO MARIANNA GIOVE DANIELA DI MARCO GIUSEPPINA ROGNONI Letture, scritture, immagini per il biennio Narrativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "poesia Editori Laterza MARCELLO COLANINNO MARIANNA GIOVE DANIELA DI MARCO GIUSEPPINA ROGNONI Letture, scritture, immagini per il biennio Narrativa"

Transcript

1 edizionec.fh :53 Pagina 1 C Narrativa ISBN Epica M. COLANINNO D. DI MARCO M. GIOVE G. ROGNONI Letture, scritture, immagini per il biennio M Y CM MY CY CMY K MARCELLO COLANINNO MARIANNA GIOVE DANIELA DI MARCO GIUSEPPINA ROGNONI ISBN Poesia Letture Narrativa &Poesia, scrittu POESIa re, imm ISBN Euro 13,00 (i.i.) Progettazione e produzione di testi scolastici secondo il Sistema di gestione qualità ISO 9001:2000 Editori Laterza CO AR I I M ON! -D N O O OG ITIV a NN - R S NI E PO sia erz LA IOV GI Poe Lat ri 95 CO G LEG ito 08 Ed Colori compositi Volume + Quaderno indivisibili r il bien nio poesia ISBN Questo volume, sprovvisto del talloncino a fronte (o opportunamente punzonato o altrimenti contrassegnato), è da considerarsi copia di SAGGIO-CAMPIONE GRATUITO, fuori commercio (vendita e altri atti di disposizione vietati: art. 17, c.2 l. 433/1941). Esente da I.V.A. (D.P.R , n. 633, art. 2, lett. d). Esente da bolla di accompagnamento (D.P.R , n. 627, art. 4, n.6). agini pe Editori Laterza

2 P strumenti per l, analisi del testo poetico PREREQUISITI possedere un lessico di base capire il contenuto di un testo accompagnato da introduzione, note e commenti cogliere e selezionare le informazioni in base alla funzione e all importanza OBIETTIVI Comprendere la differenza fra prosa e verso l origine e le caratteristiche principali della poesia i rapporti fra poesia e musica le specificità del linguaggio poetico il contenuto denotativo e connotativo di un testo poetico le varietà storiche e di registro della lingua poetica le scelte stilistiche di un autore Analizzare la struttura sintattica di un brano poetico le scelte lessicali il verso e il ritmo la rima e lo schema metrico l uso figurato del linguaggio i rapporti interni ed esterni al testo le parole-chiave, i campi semantici e i motivi portatori del tema il messaggio complessivo di un testo poetico CONTENUTI Scheda 1 Cos è il testo poetico Laboratorio P1 Scrittori, poeti e cantanti definiscono la poesia Scheda 2 Capire una poesia: la parafrasi Laboratorio P2 G. Leopardi, Alla luna P3 S. Quasimodo, Nostalgia della Sicilia Scheda 3 Verso e ritmo Laboratorio P4 S. Penna, Mi nasconda la notte e il dolce vento P5 S. Penna, Già mi parla l autunno Scheda 4 Rima e strofa Laboratorio P6 V. Cardarelli, Sera di Liguria P7 U. Saba, Trieste P8 G. Carducci, Traversando la Maremma toscana Scheda 5 Figure retoriche Laboratorio P9 G. Pascoli, Prima del temporale P10 G. Pascoli, Lavandare Scheda 6 Comprendere la poesia: il commento Laboratorio P11 U. Foscolo, A Zacinto P12 G. Ungaretti, Fratelli Scheda 7 In sintesi: come si analizza un testo poetico Approfondire operare approfondimenti sul contesto storico, sulla biografia o sulla poetica dell autore operare confronti fra brani e autori diversi interpretare il testo in relazione al contesto storicoculturale rispettare i criteri di organizzazione dei contenuti e correttezza formale

3 P Strumenti per l analisi del testo poetico 723 Scheda 1 Cos è il testo poetico Gentile Ettore Serra poesia è il mondo l umanità la propria vita fioriti dalla parola la limpida meraviglia di un delirante fermento Quando trovo in questo mio silenzio una parola scavata è nella mia vita come un abisso (Giuseppe Ungaretti, Commiato) Nella mia poesia non c è traccia d odio per il nemico, né per nessuno: c è la presa di coscienza della condizione umana, della fraternità degli uomini nella sofferenza, dell estrema precarietà della loro condizione. C è volontà d espressione, necessità d espressione. [...] Il Porto sepolto fu stampato a Udine nel 1916, in edizione di 80 esemplari a cura di Ettore Serra. La colpa fu tutta sua. [...] Non ebbi il coraggio di non confidarmi a quel giovane ufficiale che mi domandò il nome, e gli raccontai che non avevo altro ristoro se non di cercarmi e di trovarmi in qualche parola, e ch era il mio modo di progredire umanamente. (Giuseppe Ungaretti, Vita d un uomo) Per introdurre un discorso sulla poesia, abbiamo riportato due brani di uno dei più famosi poeti italiani del Novecento, Giuseppe Ungaretti. Il primo è un componimento in versi posto a chiusura della sua prima raccolta, nel quale espone all editore Ettore Serra le sue idee sulla poesia; il secondo è un brano in prosa, scritto a molti anni di distanza, nel quale il poeta ricorda come era nato quel libro, con quale spirito e La prosa indica una memo scrittura continua, che prosegue fino al termine del foglio. Il verso indica una scrittura spezzata, che fa inversione andando a capo prima del termine del foglio. con quali intenti. I testi affrontano il medesimo argomento, utilizzando a volte le stesse parole: ma nel brano di Vita d un uomo questa riflessione è espressa in forma discorsiva, nel Commiato è scritta in forma poetica. Ma allora qual è la differenza fra prosa e verso? Una prima differenza fra prosa e verso è evidente fin dall aspetto tipografico dei due brani: nella prosa la scrittura scorre senza interruzioni e occupa quasi l intero spazio bianco della pagina, andando a capo al termine della riga; nella poesia la scrittura non procede linearmente lungo tutta la riga, ma va frequentemente a capo creando delle pause. 1. Prosa e verso Se guardiamo all etimologia del termine, il verso (dal latino versus, «che torna indietro») si differenzia dalla prosa (prorsus, «che va avanti») proprio perché è un discorso che non prosegue fin dove finisce il rigo del foglio, ma con cadenze regolari va a capo. I segmenti di testo così evidenziati si dicono versi. Questa distinzione determina una serie di conseguenze importanti: la poesia si presenta come un discorso frammentato, fatto di brevi frasi che esprimono la soggettività del poeta; le parole sono disposte nel verso secondo una successione di accenti più o meno regolare, che imprime al testo un certo ritmo;

4 724 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Scheda 1 Cos è il testo poetico le parole collocate all inizio o alla fine del verso sono in posizione di rilievo; tale posizione spesso è evidenziata da corrispondenze di suoni, come la rima; memo La poesia: le parole sono disposte nel verso secondo un ordine che non sempre coincide con quello comune; la misura più concentrata del verso porta a utilizzare meno parole rispetto al discorso in prosa, ma con maggiori sfumature di significato, o a volte con più significati insieme (si parla dunque di polisemia, molti significati ). è espressione della soggettività dell individuo [ P scheda 1]; sceglie e dispone le parole in modo diverso dal linguaggio quotidiano [ P scheda 2]; dà importanza all aspetto ritmico e melodico delle parole [ P schede 3 e 4]; comunica contenuti e concetti densi di significato, che vanno interpretati [ P schede 5 e 6]. Sono queste le caratteristiche fondamentali della poesia, che impareremo a riconoscere e analizzare nel presente laboratorio. 2. Poesia: creare con le parole La parola poesia deriva dal verbo greco poièin che significa «creare». Fare poesia significa, infatti, «creare con le parole». Se però è facile risalire all etimologia del termine, più difficile è risalire alle origini di questo particolare modo di esprimersi e comunicare. Le prime testimonianze di poesia nella cultura greco-latina (dalla quale in gran parte deriva la nostra) sono associate a eventi importanti della vita pubblica e privata: cerimonie religiose e militari, occasioni di lutto o di festa. In tutte queste circostanze la poesia era accompagnata da musiche e danze, ed è probabile che essa sia nata dalla necessità di adattare le parole a una melodia e a un ritmo ben precisi. Formule magico-religiose, canti militari, persino leggi e discorsi pubblici, ma anche lamenti funebri e canzoni nei banchetti furono probabilmente le prime forme di parola recitata nell antichità. Una prima definizione del concetto di poesia e dei suoi generi è elaborata nel trattato Poetica di Aristotele, filosofo greco del IV secolo a.c., che individua il suo carattere distintivo nella «imitazione» della natura. La poesia infatti, secondo Aristotele, nasce perché «l imitare è un istinto di natura comune a tutti gli uomini fino dalla fanciullezza». L imitazione della natura avviene però in modi e forme diverse: secondo l oggetto che viene trattato, secondo il modo di trattarlo e secondo i mezzi espressivi impiegati dal poeta. In base all oggetto, cioè all argomento trattato, il poeta dà un tono diverso al suo discorso, che può essere: alto, tipico dei componimenti con tono e argomento solenni, come tragedie e poemi epici; medio, tipico di componimenti con toni e argomenti comuni, quotidiani, come le commedie; basso, tipico di componimenti con toni e argomenti semplici, come la poesia sentimentale. I mezzi utilizzati dal poeta sono: il ritmo; il linguaggio; l armonia. I modi utilizzati dal poeta sono: forma narrativa, o diegesi (= «racconto» nel quale chi scrive riporta il contenuto dei discorsi e descrive gesti e situazioni), che può essere in prima o in terza persona; forma drammatica, o mimesi (= «imitazione» in cui chi scrive riporta solo il contenuto dei discorsi e non riproduce gesti e situazioni, che vengono direttamente rappresentati in scena). Il genere di poesia nel quale il poeta parla in prima persona esprimendo stati d animo, sentimenti, riflessioni soggettive è detto poesia lirica. Il nome si ricollega alla consuetudine della poesia antica di accompagnarsi con strumenti musicali, quali appunto la lira.

5 P Strumenti per l analisi del testo poetico 725 Scheda 1 Cos è il testo poetico Aristotele nella Poetica dà una prima definizione di poesia: memo a. stile alto 1. l oggetto b. stile medio c. stile umile Poesia = imitazione a. forma narrativa in 3 a persona della natura secondo: 2. il modo b. forma narrativa in 1 a persona lirica c. forma drammatica a. ritmo 3. i mezzi b. linguaggio c. armonia 3. Musica e poesia Le leggende antiche attribuivano l origine della poesia a personaggi avvolti nel mito: uno di essi, Orfeo, era spesso rappresentato con la lira in pugno, nell atto di suonare incantando uomini, animali e persino elementi naturali. La poesia anticamente era infatti recitata con l accompagnamento musicale di strumenti a fiato o a corda. Sappiamo che anche i primi componimenti dei poeti medievali italiani nacquero con una veste musicale e Dante stesso secondo una testimonianza di Boccaccio «sommamente si dilettò in suoni e canti nella sua giovinezza». Alcune sue composizioni furono musicate da amici e collaboratori (uno di essi, Casella, viene ricordato da Dante nel Purgatorio). Insomma, Dante si comportava a volte come un moderno paroliere: sceglieva alcuni componimenti più «orecchiabili» e li affidava ai suoi collaboratori perché vi adattassero una linea melodica. Sicuramente, nella fase di composizione, i poeti medievali tenevano presenti gli effetti ritmici e melodici delle parole, che il canto poteva arricchire e valorizzare. Successivamente, con la nascita del libro a stampa (1455), il distacco fra poesia e musica si accentuò: la poesia scritta e stampata si rivolse a un pubblico di lettori, piuttosto che di ascoltatori, capaci di apprezzare la raffinatezza delle parole e l importanza degli argomenti trattati; ciò determinò una maggior cura formale della parte scritta. Nelle schede seguenti, analizzeremo dunque la poesia dapprima nei suoi aspetti linguistici (lessico, sintassi, ecc.) e poi in quelli ritmici e musicali. La trattazione andrà necessariamente distinta in lezioni successive, ma occorre sempre ricordare che tali aspetti in una poesia sono compresenti e inseparabili. 4. Il tratto distintivo della poesia: lo «scarto linguistico» Più recentemente, lo studioso russo Roman Jakobson ( ) ha analizzato i fattori che caratterizzano la comunicazione poetica, sostenendo che essa si avvale di un elemento distintivo: l uso libero e personale di parole e costruzioni sintattico-grammaticali. Il testo poetico non segue le norme comuni che regolano la comunicazione; questa modalità espressiva prende il nome di scarto linguistico, o scarto dalla norma, in quanto costituisce una vera e propria «deviazione» rispetto alle regole della lingua comune, sia per quanto riguarda la sintassi, cioè la costruzione della frase, sia per quanto riguarda il lessico, cioè la scelta delle parole usate. La poesia, memo come la musica, valorizza l aspetto ritmico-melodico delle parole; come forma particolare di scrittura, cura la scelta, la disposizione e il significato delle parole. In poesia è raro che le parole siano disposte secondo l ordine previsto dalla sintassi (soggetto, pre-

6 726 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Scheda 1 Cos è il testo poetico dicato, complemento), si utilizzano spesso termini astratti in luogo dei concreti, si modifica il significato delle parole secondo le esigenze del poeta. Prendiamo ad esempio l inizio dell Infinito di Giacomo Leopardi: Giacomo Leopardi, L infinito Sempre caro mi fu quest ermo colle Leopardi si riferisce al monte Tabor, un colle vicino la casa paterna che egli aveva scelto come luogo delle sue riflessioni, perché silenzioso e solitario («ermo»). Il significato e il valore emotivo di questo verso è dato anche dalla disposizione e dalla scelta delle parole. Se dicessimo «Quest ermo colle mi fu sempre caro» ristabiliremmo l ordine normale delle parole, ma il risultato non sarebbe lo stesso. Quelle parole, disposte in quel modo, imprimono al verso un ritmo pacato e trasmettono una sensazione di calma, di familiarità, comunicandoci innanzitutto che quel vincolo affettivo è esistito da sempre («Sempre caro»). Anche la scelta delle parole è importante. Se dicessimo: «Questo colle solitario mi è sempre piaciuto» o «Come mi piace questo colle solitario» ridurremmo a zero la suggestione del verso creata dagli aggettivi «caro», «ermo» e «questo»: caro indica una predilezione, una vicinanza affettiva: il colle è sì un elemento del paesaggio, ma soprattutto un luogo che ricorda al poeta particolari stati d animo o momenti della sua vita; ermo vuol dire «solitario» (dallo stesso aggettivo vengono le parole «eremo» ed «eremita»): comunica quindi un idea di raccoglimento interiore, di pace; questo indica un oggetto vicino nel tempo o nello spazio: indica dunque che il colle è una presenza concreta, vicina a chi parla, ma anche legata ai suoi sentimenti. Queste scelte particolari sono fondamentali per esprimere il senso della poesia e determinarne il messaggio, che è formulato in un preciso «codice» letterario. mappa della scheda Cos è la poesia La poesia è una forma particolare di comunicazione che: riproduce la NATURA esterna e interna, secondo la visione SOGGETTIVA dell individuo; fu in origine accompagnata dalla MUSICA; poi si separò come forma particolare di SCRITTURA, che si distingue dalla scrittura comune per lo SCARTO LINGUISTICO. Dunque, la poesia: è scritta in VERSI; non segue LESSICO e SINTASSI comuni; segue un RITMO e un SUONO particolari; ha un CONTENUTO denso di significati; comunica un MESSAGGIO in un codice letterario.

7 P Strumenti P per l, analisi del testo poetico laboratorio Strumenti per l analisi del testo poetico Come primo approccio al mondo della poesia, ti presentiamo alcune definizioni che poeti, scrittori, autori di varie forme d arte (cinema, musica, ecc.) hanno dato della poesia. Ti accorgerai che è difficile trovare un parere unanime, ma che tutti sono concordi su una cosa: la poesia è per definizione impossibile da definire. 727 P1 Scrittori, poeti e cantanti definiscono la poesia Dante Alighieri [La poesia] non è nient altro che creazione fantastica composta secondo le regole della retorica e della musica. (De vulgari eloquentia, II, IV, 2) Alessandro Manzoni Renzo ringraziò la guida, e tutti quegli altri che avevan prese le sue parti. «Bravi amici!» disse: «ora vedo proprio che i galantuomini si danno la mano, e si sostengono». 5 Poi, spianando la destra per aria sopra la tavola, e mettendosi di nuovo in attitudine di predicatore, «gran cosa», esclamò, «che tutti quelli che regolano il mondo, voglian fare entrar per tutto carta, penna e calamaio! Sempre la penna per aria! 10 Grande smania che hanno que signori d adoprar la penna!». «Ehi, quel galantuomo di campagna! volete saperne la ragione?» disse ridendo uno di que giocatori, che vinceva. 15 «Sentiamo un poco», rispose Renzo. «La ragione è questa», disse colui: «che que signori son loro che mangian l oche, e si trovan lì tante penne, tante penne, che qualcosa bisogna che ne facciano». 20 Tutti si misero a ridere, fuor che il compagno che perdeva. «To» disse Renzo: «è un poeta costui. Ce n è anche qui de poeti: già ne nasce per tutto. N ho una vena anch io, e qualche volta ne dico delle curiose... ma quando le cose vanno bene». Per capire questa baggianata del povero Renzo, bisogna sapere che, presso il volgo di Milano, e del contado ancora più, poeta non significa già, come per tutti i galantuomini, un sacro ingegno, un abitator di Pindo, un allievo delle Muse; vuol dire un cervello bizzarro e un po balzano, che, ne discorsi e ne fatti, abbia più dell arguto e del singolare che del ragionevole. Tanto quel guastamestieri del volgo è ardito a manomettere le parole, e a far dir loro le cose più lontane dal loro legittimo significato! Perché, vi domando io, cosa ci ha che fare poeta con cervello balzano? (I promessi sposi, cap. XIV) Federico García Lorca Ma cosa vuoi che ti dica della Poesia? Cosa vuoi che ti dica di queste nubi, di questo cielo? Guardare, guardare, guardarle, guardarlo e nient altro. Capirai che un poeta non può dir nulla sulla Poesia. Lasciamo dire pure ai critici e ai professori. Ma né tu né io né alcun altro poeta sa cos è la Poesia. Sta qui; guarda. Ho il fuoco nelle mie mani. Lo sento e lavoro con lui perfettamente, ma non posso parlare di lui senza letteratura. La poesia è qualcosa che va per le strade. Che si muove, che passa al nostro fianco. Tutte le cose hanno il loro mistero, e la poesia è il mistero che

8 728 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia contiene tutte le cose... Per questo non concepisco la poesia come astrazione, ma come cosa realmente esistente, che mi passa accanto. Eugenio Montale «Che cos è una poesia lirica? Per conto mio non saprei definire quest araba fenice, quest oggetto determinatissimo, concreto, eppure impalpabile, questa strana convivenza del ragionamento e dello sragionamento». (Sulla poesia) Vittorio Sereni Diffidate dice il poeta di tutti coloro che sanno troppo bene che cosa è la poesia, che hanno sempre la definizione pronta; lasciate passare qualche mese, forse appena qualche giorno, e vedrete che quella definizione sarà già mutata, magari integralmente, e non sarà per questo meno perentoria di quella che l ha preceduta. In quanto ai poeti, essi ci appaiono tentati, perennemente perplessi tra opposte definizioni e suggestioni: si direbbe che la loro, guardata attimo per attimo, metro per metro, è memo La Fenice, o Araba fenice, è un uccello mitologico che, secondo la leggenda, viveva per cinquecento anni, unico esemplare sulla terra, e dopo la morte rinasceva dalle proprie ceneri. Di qui in senso figurato l espressione indica una persona o una cosa rara, se non unica, o capace di rinnovarsi, «rinascere» anche dopo situazioni difficilissime. più una strada di dubbi che di certezze. (Esperienza della poesia) Franco Fortini Rispondere è come se si volesse rispondere a «che cos è l uomo» o a «che cos è il mondo». Bisogna aggirare la difficoltà. [...] Certo bisogna tener presente che quando si parla di poesia questa parola significa due cose: da un lato, appunto, un tipo particolare di discorso parlato o scritto che si distingue da altri modi di comunicazione; dall altro, invece, un attribuzione di valore per cui si dice «poesia» per dire qualcosa di bello, di importante, di riuscito, di meritevole di stima o di attenzione. Nel parlare comune, «poesia» significa due cose: per un verso è un discorso, o ragionamento, o una comunicazione dove prevalgono elementi di ritmo e cadenze, di ripetizioni, di immagini che alterano i significati immediati e che gli conferiscono, oltre ai primi, anche significati interiori. Per un altro verso, quando noi diciamo «questa è poesia» intendiamo in genere qualcosa di elevato e di nobile, di rassicurante o di commovente o di rasserenante, di vivace, pungente, ecc. (Che cos è la poesia?, Intervista dell 8 maggio 1993) Francesco De Gregori Vanno a due a due i poeti, traversano le nostre [stagioni, e passano poeti brutti e poeti buoni. Ma quando fra tanti poeti ne trovi uno vero, è come partire lontano, come viaggiare davvero. (Poeti per l estate) Roberto Benigni Per fare poesia una sola cosa è necessaria: tutto s t e p 1 Comprendi le definizioni di poesia Le definizioni sopra riportate appartengono a scrittori italiani e stranieri che, in epoche diverse, hanno provato a definire la loro poetica*, spiegando la loro personale idea di poesia. Per orientarti meglio, puoi anche svolgere ricerche sugli autori, cercando nell indice del volume e reperendo informazioni biografiche essenziali. I brani e gli autori sono disposti in ordine cronologico, a partire da Dante Alighieri, che fu tra i primi a dedicare alla lingua e alla teoria letteraria dei trattati specifici. Secondo Dante la poesia ha una sua precisa tecnica, che può essere appresa e riprodotta seguendo le regole della lingua e della musica. Spiega con parole tue la definizione di Dante, e in particolare il riferimento alle regole di composizione della musica [ P scheda 1, 3]. A partire dall Ottocento e per tutto il Novecento si afferma invece l idea che la poesia sia frutto della libera creatività individuale, e dunque indefinibile e sfuggente a ogni classificazione.

9 P Strumenti per l analisi del testo poetico 729 Spiega con parole tue il significato dell affermazione del poeta spagnolo García Lorca: «Ho il fuoco nelle mie mani. Lo sento e lavoro con lui perfettamente, ma non posso parlare di lui senza letteratura». Ricerca fra le definizioni riportate altre affermazioni a sostegno di questa seconda tesi. La questione è stata riproposta dallo scrittore Franco Fortini che, in un intervista del 1993, distingue i due aspetti del problema: da un lato c è la poesia come tecnica, insieme di regole di composizione; dall altro c è la poesia come criterio di valore, che attribuiamo a tutte quelle creazioni letterarie che sollecitano i nostri sentimenti, ci emozionano, appagano il nostro senso estetico. Quali sono i due significati principali della parola «poesia» secondo lo scrittore Franco Fortini? Secondo te, di quale dei due ci occuperemo in particolare nel presente laboratorio? Analizza le varie accezioni della parola poesia Le affermazioni di Fortini mettono in evidenza le varie accezioni con le quali la parola «poesia» è stata interpretata nel corso del tempo. Da un lato esiste una definizione «ufficiale» di poesia, come modalità espressiva che utilizza in maniera particolare il ritmo e il suono, la disposizione e la scelta delle parole. Dall altro lato esiste anche un idea «comune» di poesia, più diffusa a livello popolare, che attribuisce ai poeti capacità di inventiva e di espressione fuori dal comune, tanto da distinguerli dal resto degli uomini. Questa idea emerge dal brano dei Promessi sposi in cui Renzo, reduce dai tumulti scoppiati a Milano per il rincaro del pane, rilascia incautamente dichiarazioni «rivoluzionarie» in un osteria. Dalle parole di Renzo, giovane semplice e popolano, vien fuori l idea che il poeta sia uno spirito eccentrico, «balzano», singolare. Manzoni interviene subito a chiarire meglio le affermazioni del suo personaggio, spiegando che presso il popolo milanese «poeta» significava piuttosto «cervello bizzarro» e non «sacro ingegno», seguace delle Muse (divinità protettrici delle arti, che avevano sede sul monte Pindo). Il popolo, conclude Manzoni, a volte si diverte a stravolgere le parole, perché i poeti non hanno nulla a che fare con la follia. Ma sarà proprio così? s t e p 2 Come ti sembra il tono delle affermazioni di Manzoni a proposito della concezione di poesia secondo il popolo milanese? a. ironico b. sconsolato c. serio d. distaccato Motiva la tua risposta. I poeti del Novecento si sono invece sottratti al tentativo di definire con precisione la poesia. Due esempi di questa tendenza sono contenuti nelle affermazioni di Eugenio Montale e di Vittorio Sereni. Rileggile e rispondi alle seguenti domande. Perché Eugenio Montale definisce la poesia «araba fenice»? [ memo] Perché il poeta Vittorio Sereni afferma che i poeti sono perennemente «perplessi»? Infine, anche autori di musica o di cinema, come il cantautore Francesco De Gregori o il regista e attore Roberto Benigni, hanno provato a definire a modo loro la figura del poeta e il ruolo della poesia. Rileggi le loro affermazioni e rispondi alle domande seguenti. Che cosa significa secondo te l affermazione che esistono «poeti brutti e poeti buoni»? Che cosa significa che per fare una poesia occorre una sola cosa, cioè «tutto»?

10 730 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia s t e p 3 Approfondisci una tua personale definizione di poesia Come vedi, da sempre la poesia è vista come un attività così straordinaria e misteriosa da includere tutto e il suo contrario. I poeti possono essere ingegni straordinari o matti da legare, poeti per una stagione, magari solo per l estate, oppure animi nobili e sensibili, capaci di far «volare davvero». Adesso prova tu a dire la tua. Tra le definizioni di «poesia» o di «poeta» riportate, scegline alcune con le quali concordi e altre che non condividi e commentale spiegando i motivi della tua scelta e argomentando la tua opinione.

11 P Strumenti per l analisi del testo poetico 731 Scheda 2 Capire una poesia: la parafrasi Su su, svelti eh, svelti veloci piano, con calma, non v affrettate eh. Poi non scrivete subito poesie d amore eh, che sono le più difficili. Aspettate almeno un ottantina d anni. Scrivetele su un altro argomento, che ne so su... il mare, il vento, un termosifone, un tram in ritardo, ecco: che non esiste una cosa più poetica di un altra. Eh, avete capito? La poesia non è fuori, è dentro. Cos è la poesia? non chiedermelo più: guardati nello specchio, la poesia sei tu. E vestitele bene le poesie, cercate le parole! Dovete sceglierle! A volte ci vogliono otto mesi per trovare una parola! Sceglietele: che la bellezza è cominciata quando qualcuno ha cominciato a scegliere. Da Adamo ed Eva: lo sapete Eva quanto ci ha messo prima di scegliere la foglia di fico giusta? Come mi sta questa, come mi sta questa... come mi sta questa... ha spogliato tutti i fichi del Paradiso terrestre! Innamoratevi! Se non vi innamorate è tutto morto: morto tutto è. Vi dovete innamorare e diventa tutto vivo, si muove tutto. Dilapidate la gioia! Sperperate l allegria! Siate tristi e taciturni con esuberanza. Fate soffiare in faccia alla gente la felicità! E come si fa? Fammi vedere gli appunti che mi son scordato. Questo è quello che dovete fare... Non son riuscito a leggerli. Ora mi son dimenticato. Per trasmettere la felicità bisogna essere felici! E per trasmettere il dolore bisogna essere... felici. Siate felici: dovete patire. Stare male soffrire; non abbiate paura a soffrire tutto il mondo soffre. Eh? E se non avete i mezzi? non vi preoccupate, tanto per fare poesia una sola cosa è necessaria: tutto. Avete capito? E non cercate la novità. La novità è la cosa più vecchia che ci sia. E se il verso non vi viene da questa posizione, da questa, o da così, buttatevi in terra. Mettetevi così. Eccolo qua: è da distesi che si vede il cielo, guarda che bellezza! perché non mi ci sono messo prima. Cosa guardate? I poeti non guardano, vedono! Fatevi obbedire dalle parole: se la parola... muro! Muro! non vi dà retta...? non usatela più per otto anni! Così impara. Che è questo? Boh? Non lo so. Questa è la bellezza. Come quei versi là, che voglio che rimangano scritti lì per sempre! Forza, cancellate tutto. Che dobbiamo cominciare, la lezione è finita. Cercare le parole: questa è la prima raccomandazione del professor Attilio De Giovanni (interpretato da Roberto Benigni nel film La tigre e la neve, del quale abbiamo trascritto una scena), che impartisce lezioni di poesia a una classe di studenti attenti e divertiti. Farsi obbedire dalle parole, entrare in sintonia con esse, oppure litigarci, a costo di non usarle per anni. Il poeta, infatti, sceglie le parole più vicine al proprio gusto e alla propria sensibilità, che abbiano un suono e un significato per lui particolari. Ma chi si propone di analizzare una poesia deve innanzitutto semplificare le sue parole e le sue frasi. Per questo la versione in prosa è la prima operazione da compiere sul testo di una poesia. Perché la poesia va certamente letta e apprezzata così com è scritta, a volte anche nella sua complessità; ma va innanzitutto spiegata in termini semplici, perché risulti accessibile e significativa. E non sia come «parlare a un muro». 1. Significante/significato La poesia, come ogni atto comunicativo, è un insieme di segni (le parole) organizzati secondo le regole di un codice (il linguaggio letterario). Il linguaggio letterario è quindi la chiave di accesso che consente la codificazione (la scrittura) e la decodificazione (la lettura, l interpretazione) del messaggio poetico. Questo messaggio è trasmesso dalle parole. Ogni parola risulta dall unione di: significante: è la forma esterna, concreta del segno linguistico, cioè l insieme di suoni (fonemi) e di lettere (grafemi) che insieme compongono la parola; ad es. la parola luna è scomponibile nei grafemi /l/u/n/a/ oppure può essere trascritta nei fonemi che ne indicano la corretta pronuncia: [lúna]; significato: è il contenuto interno, l immagine mentale alla quale la parola rinvia; quando ad esempio noi pronunciamo la parola luna pensiamo al satellite naturale della terra visibile in cielo di notte.

12 732 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Scheda 2 Capire una poesia: la parafrasi Ogni poesia, dunque, andrà analizzata a livello del significante, rilevando gli aspetti musicali e sonori delle parole; a livello del significato, decifrando il senso e individuando i contenuti essenziali del testo. In questa lezione ci soffermeremo sul significato (gli aspetti formali saranno esaminati nelle schede successive). 2. Denotativo/connotativo Riprendiamo l esempio della parola luna. Tutti noi conosciamo il significato proprio della parola, ma sappiamo anche che essa è utilizzata con significati diversi in particolari modi di dire: espressioni come chiaro di luna, luna nel pozzo, volere la luna, abbaiare alla luna, ecc. ci suggeriscono di volta in volta particolari sfumature di significato della parola luna, come «astro caro agli innamorati», «desiderio irraggiungibile», ecc. La parola, cioè, ci fa venire in mente significati particolari che si sono aggiunti nel corso del tempo a quello proprio originario. Ogni parola, dunque, custodisce un duplice significato: denotativo: il significato reale, oggettivo della parola (= che cos è per tutti); connotativo: il significato figurato, soggettivo della parola (= che cosa può essere per me). memo Segno LUNA Significante + Significato fonemi /lúna/ grafemi/l/u/n/a denotativo (satellite naturale della terra) connotativo (astro degli innamorati, ecc.) La poesia, poiché riguarda emozioni, ricordi, sensazioni legati all esperienza individuale di chi scrive e di chi legge, utilizza soprattutto il valore connotativo, cioè soggettivo, del linguaggio. Fare poesia significa dunque comunicare, condividere con i lettori questo valore. 3. Diacronia/sincronia Il discorso poetico utilizza un linguaggio «altro», diverso dalla pratica quotidiana; e ciò è ancor più evidente per le poesie scritte nei secoli passati, in una lingua lontana da quella utilizzata oggi. Ogni lingua, infatti, si differenzia in base a: diacronia (= «attraverso il tempo»): è l insieme delle varietà linguistiche dovute al passare del tempo; la lingua di Dante Alighieri, per fare l esempio più ovvio, è certamente diversa da quella attuale; sincronia (= «nello stesso tempo»): è l insieme delle varietà linguistiche compresenti in un determinato momento; può dipendere dal livello di cultura di una persona, dalla sua provenienza geografica (pensa ai poeti che scrivono in dialetto), dalla situazione (familiare, ufficiale, ecc.) in cui si esprime. Per comprendere le varietà di una lingua sul piano diacronico (cioè storico) ci si può avvalere delle note a margine del testo, di un buon vocabolario, dell ausilio dell insegnante. Ma è bene anche cominciare ad acquisire un proprio vocabolario del linguaggio poetico, annotando le parole e le espressioni più ricorrenti in poesia, che spesso gli scrittori riprendono da autori passati presi come modello. 4. Stile e registro La lingua ha tante varietà anche sul piano sincronico: due scrittori contemporanei parleranno in modo diverso in base alla loro formazione culturale, alle loro idee, a ciò che intendono comunicare. Ad esempio, ciascuno di noi si esprimerà diversamente se parlerà con i suoi coetanei, con i suoi familiari, oppure con uno sconosciuto, o ancora se lo farà in forma parlata o scritta, rivolgendosi a un potenziale pubblico di lettori. L insieme delle scelte espressive adoperate in funzione della situazione comunicativa si chiama registro. Osserva degli esempi di registro:

13 R L, amore Quando oggi, riferendoci all amore, ci sembra scontato parlare di «affari di cuore», «batticuore», «cuori solitari», non ci accorgiamo quasi più che torna a rivivere nel nostro linguaggio quotidiano un motivo poetico molto antico, che aveva associato l amore al cuore. Uno dei primi componimenti della nostra letteratura recita infatti nel suo primo verso Amor è uno desio che ven da core [ R3]: l amore è un desiderio che proviene dal cuore, perché il sentimento più importante della vita umana trova la sua sede naturale nel centro vitale dell individuo. L amore è da sempre vissuto come un sentimento totalizzante capace di abbracciare tutto e il suo contrario: è quella forza di attrazione che spinge gli uomini a stringere legami affettivi duraturi [ R9, R10], o a stravolgere le regole sociali, andando contro le convenzioni e la morale del tempo [ R1]; è un sentimento che si costruisce pian piano con l esperienza quotidiana [ R10], o un istinto che fa agire d impulso [ R8]; è la vita stessa [ R1] e l odio più profondo [ R2]; è uno stato di estasi che avvicina a Dio [ R5] o un tormento interiore che getta nello sconforto [ R4]; è immaginazione e desiderio [ R3] o piacere dei sensi [ R7, R8, R11]; è immagine nella memoria [ R6, R8] o «faccia a faccia» con l altro [ R11]; è lenta costruzione [ R10] o colpo di fulmine [ R12]; inizio [ R12] e fine di ogni cosa [ R2]. L amore è insomma motivo di continua ispirazione per i poeti di ogni epoca e nazione. In questo modulo ascolteremo le voci di poeti che, a partire dal mondo latino fino ai giorni nostri, hanno cantato l amore in tutte le sue sfaccettature, dalle più liete ed esaltanti alle più tristi e dolorose. PREREQUISITI conoscere le principali caratteristiche del testo poetico saper effettuare la parafrasi di un testo poetico con l ausilio di note e commento OBIETTIVI Comprendere il valore connotativo di parole ed espressioni che riguardano il vissuto personale Analizzare le strofe e i sistemi strofici: distico e sonetto le figure logiche e di significato: similitudine, metafora, sineddoche, antitesi e ossimoro nella rappresentazione dell amore le principali figure di pensiero: antitesi, iperbole, simbolo, personificazione, allegoria temi e motivi della poesia dalle origini al Trecento temi e motivi della poesia contemporanea, italiana e straniera Riflettere valorizzare l introspezione e l espressione anche creativa di sentimenti personali favorire la condivisione di emozioni e sentimenti con i pari Approfondire operare confronti fra testi legati dallo stesso tema dell amore, o con opere appartenenti ad altre espressioni artistiche (pittura, musica, ecc.) effettuare ricerche su immagini e motivi legati al tema dell amore

14 841 R L amore R1 Godiamoci la vita, o Lesbia mia Gaio Valerio Catullo Il carme è considerato la «prima pagina» della storia d amore fra Catullo e Lesbia. Il poeta esorta la donna a godere la vita e ad abbandonarsi alla passione, sfidando le invidie e lo scandalo dei benpensanti. Al termine di una breve vita di piaceri e amori, l uomo è infatti atteso da una morte eterna. Autore Gaio Valerio Catullo (poeta latino, a.c. ca) Opera Canti Genere poesia lirica Temi il poeta esorta la donna a vivere e amare, sfidando le invidie e la brevità della vita: se gli uomini sono destinati morendo a una notte senza fine, anche i baci devono essere senza fine Strumenti parafrasi [ P scheda 2]; figure retoriche [ P scheda 5]; tema e motivo [ P scheda 6, 2] Puoi leggere un altro testo di Catullo R2. link Godiamoci la vita, o Lesbia mia, e i piaceri d amore; a tutti i rimproveri dei vecchi, moralisti anche troppo, non diamo il valore di una lira. Il sole sì che tramonta e risorge; 5 noi, quando è tramontata la luce breve della vita, dobbiamo dormire una sola interminabile notte. 3. non diamo il valore di una lira: non teniamo in nessun conto. l autore Gaio Valerio Catullo Gaio Valerio Catullo visse probabilmente fra l 84 e il 54 a.c. e morì all età di trent anni. Era originario della Gallia Cisalpina (corrispondente alle regioni dell Italia settentrionale, fra il Po e le Alpi), proveniente da una agiata famiglia veronese. Ma la sua patria di adozione divenne Roma, dove completò i suoi studi di retorica (l arte di parlare bene), e dove conobbe, nel 62 a.c., la donna cantata nei suoi versi d amore. Lesbia è un nome letterario [ approfondisci Il nome della donna, p. 842] dietro cui si nasconde l identità della nobildonna romana Clodia, una donna colta e indipendente, che amava la letteratura, i divertimenti, le danze. Da quel che sappiamo direttamente dalle poesie di Catullo, la vicenda d amore attraversa fasi alterne: grandi passioni e grandi litigi, amore e odio, fino al momento della separazione. Lesbia, a detta di Catullo, si concede a troppi amanti e ama troppo l indipendenza; la passione diventa insopportabile e il poeta decide di allontanarsi da Roma, compiendo un viaggio in Bitinia, nell Asia Minore, nel 57 a.c. Lì, fa visita alla tomba del fratello, morto anni prima (a questo episodio si ispirerà anche Ugo Foscolo quando dedicherà un sonetto al proprio fratello morto: U2). Dopo pochi anni, in difficoltà economiche, Catullo morì nella sua villa di Sirmione. Il Liber («libro») di Catullo è composto da 116 carmi («componimenti poetici»), dei quali la maggior parte affronta argomenti di vita privata e l amore per Lesbia. Nel definire la passione Catullo è un innovatore del linguaggio: egli utilizza prevalentemente il verbo «amare», distinguendolo dal «voler bene»: i continui ripensamenti di Lesbia lo spingono a voler bene di meno, ma ad amare sempre di più. Amore significa infatti passione irresistibile, e si identifica con la vita stessa: «Viviamo, Lesbia mia, e amiamo» afferma il poeta in uno dei primi componimenti della raccolta.

15 842 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Dammi mille baci e poi cento, poi altri mille e poi altri cento, e poi ininterrottamente ancora altri mille e altri cento ancora. 10 Infine, quando ne avremo sommate le molte migliaia, altereremo i conti o per non tirare il bilancio o perché qualche maligno non ci possa lanciare il malocchio, quando sappia l ammontare dei baci. da Le poesie, a cura di F. Della Corte, Mondadori, Milano 1977 Malocchio memo (= «cattivo sguardo») è l influsso malefico con il quale si desidera il male di una persona. Nel testo latino è usato il verbo invidere, cioè «guardare male», da cui deriva la parola italiana invidia, «il senso di odio per la felicità altrui, unito al desiderio che tutto ciò si trasformi in male». 11. altereremo i conti: confonderemo il numero dei baci: secondo una credenza degli antichi Romani, tenere il conto esatto dei baci portava male, perché il numero poteva essere utilizzato in formule di malocchio (anche oggi si dice che porti male contare i soldi al tavolo da gioco). approfondisci Il nome della donna Nella poesia d amore latina la donna era spesso cantata con uno pseudonimo (falsum nomen) che serviva a nascondere la sua identità. Questo perché, generalmente, si trattava di amori clandestini, spesso per donne già sposate, che avrebbero suscitato scandalo nella società romana se fossero stati rivelati. La scelta del nome in codice da utilizzare nei versi avveniva secondo precisi criteri. Catullo ad esempio scelse di chiamare l amata Clodia con lo pseudonimo di Lesbia per due motivi: il primo, che i due nomi avevano uguale numero di sillabe e dunque erano interscambiabili nei versi; il secondo, che il nome Lesbia ricordava la poetessa Saffo di Lesbo, della quale entrambi erano ammiratori (Catullo ne tradusse alcune poesie dal greco). Nella poesia provenzale del XII secolo, le stesse ragioni di discrezione imposero ai poeti cortesi di utilizzare un nome in codice (senhal, segnale, pseudonimo ) per tutelare l onorabilità delle nobili signore alle quali dedicavano i loro versi d amore. Anche i poeti volgari italiani ripresero questa consuetudine. Ad esempio, Dante dà notizia che la donna amata dal suo amico Guido Cavalcanti, Giovanna (o monna Vanna), era chiamata anche Primavera, per alludere alla sua bellezza. Dante, però, introduce una novità. Egli spiega il nome Primavera come «colei che aveva preceduto» (= «prima verrà») Beatrice, così come il predicatore Giovanni Battista aveva preceduto la venuta di Cristo. Insomma, lo pseudonimo Primavera conferma indirettamente la natura divina di Beatrice. Con Dante ha inizio la cosiddetta interpretazione del nome, che corrisponde alle doti e alle qualità della donna che lo porta: Dante interpreta il nome Beatrice come «colei che dà la beatitudine»; ugualmente Petrarca interpreta il nome Laura associandolo a una serie di parole di suono simile tutte di significato positivo (l aura «l aria»; l aurora «l alba»; l auro «l oro»; il lauro «la corona dei poeti»). Nell Ottocento sarà Giacomo Leopardi a utilizzare nomi fittizi per cantare le vicende di figure femminili così esemplari da risultare dei simboli: celebre è il caso di Silvia sotto cui si nasconde l identità di Teresa Fattorini [ S4], morta adolescente per un male incurabile. Nel Novecento Gabriele d Annunzio assegna all attrice da lui amata Eleonora Duse il nome mitologico Ermione [ S6], a testimoniare una volontà di distinguersi e di allontanarsi dalla realtà quotidiana. Eugenio Montale userà più volte pseudonimi sotto cui sono adombrate donne reali: con il nome di Clizia è cantata la studiosa americana Irma Brandeis, Volpe è la sensuale scrittrice Maria Luisa Spaziani, Mosca (per via delle grandi lenti degli occhiali) la moglie Drusilla Tanzi, alla quale è dedicata la raccolta Xenia [ R9].

16 843 R L amore guida alla lettura La struttura del testo Il testo può essere suddiviso in tre parti. Nella prima (vv. 1-3) il poeta rivolge un esortazione alla sua donna perché goda della vita, amando e disinteressandosi delle chiacchiere dei soliti vecchi brontoloni. Nella seconda parte (vv. 4-6) si rivela il vero motivo di quell invito: la vita è breve e quando la luce del giorno si spegne una notte perpetua attende l uomo. Il rimedio a questo inesorabile destino è indicato nella parte conclusiva (vv. 7-13): baciarsi mille e mille volte, senza tenere mai il conto dei baci; qualche invidioso infatti, conoscendone il numero preciso, potrebbe approfittarne per lanciare contro di loro il malocchio, un incantesimo maligno che interrompa la favola del loro amore. Il tema e i motivi Per quanto ciò possa sembrare strano, l amore non è uno dei temi più diffusi nella letteratura latina. Per di più, una relazione extraconiugale tra un uomo e una donna sposata, come quella tra Catullo e Lesbia, sarebbe stata motivo di scandalo nella società romana. Il poeta cerca dunque di tenere il suo amore al riparo dalle «chiacchiere» delle malelingue e da occhi indiscreti che possano «guardare male» gettando il malocchio [ memo]. Nei versi successivi, però, si capisce qual è il vero ostacolo che impedisce il godimento di una vita spensierata: la brevità della vita umana. È questo un motivo* diffusissimo della letteratura antica, nella quale l uomo appare consapevole della precarietà della sua esistenza rispetto all eternità del tempo cosmico. Se il sole può tramontare e risorgere ciclicamente, così non è per l uomo al quale, al termine della giornata della vita, tocca dormire un unica buia notte. Queste riflessioni filosofiche si uniscono alla particolare situazione storica in cui vive Catullo (sono gli anni che porteranno all assassinio di Cesare e alla fine della repubblica a Roma), accentuando nelle coscienze dell epoca un senso di tristezza e di attesa angosciosa della fine. Una notte senza fine, mille baci senza fine Ma in questa poesia di Catullo non c è traccia di infelicità né di autocommiserazione. La reazione anzi è spigliata e scanzonata: con una serie di iperboli* il poeta chiede continuamente baci alla sua donna. Guai a tenerne il conto! I due amanti cadrebbero subito vittime dell invidia di qualcuno, o del tempo stesso che, contando i nostri baci, conta anche i momenti che ci restano da vivere. attività Comprendi 1. Esegui la parafrasi del testo, tenendo contro di quanto detto nelle note e nel commento. 2. Spiega il significato della metafora* prolungata dei vv. 4-6: 3. Perché secondo te il poeta tiene il suo amore lontano da sguardi indiscreti? Segna la risposta che ritieni più opportuna e motiva la tua scelta: a. perché teme che il suo amore clandestino sia scoperto b. per timore delle dicerie della gente c. per timore del malocchio e dell invidia d. per sottrarsi al tempo che passa

17 844 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Analizza 4. Quali figure retoriche di sintassi* e di pensiero* sono contenute nei vv. 7-9? 5. Ritrova nel testo le parole relative ai motivi* tipici della letteratura latina e completa la tabella: godere la vita motivo testo «Godiamoci la vita..., e i piaceri d amore; Dammi mille baci...» i vecchi brontoloni... la brevità della vita... la notte paragonata alla morte... l invidia delle persone... Approfondisci 6. Leggi la scheda approfondisci qui sotto e confronta la poesia di Catullo con uno dei testi riportati, rilevando analogie e differenze. approfondisci Un motivo della poesia d amore e della musica leggera: i baci Le molte migliaia di baci che Catullo chiedeva alla sua amata Lesbia per ingannare la morte e confondere gli invidiosi sono diventate un motivo ricorrente nella poesia d amore. Il motivo si ritrova chiaramente in una quartina di Patrizia Valduga [ R11], accentuato dalla caratteristica sensualità della sua poesia: Baciami; dammi cento baci, e mille: cento per ogni bacio che si estingue, e mille da succhiare le tonsille, da avere in bocca un anima e due lingue. Parallelamente, il motivo si diffonde anche a livello della musica leggera. A riproporlo con successo in una notissima canzone del 1961 è Adriano Celentano. Il numero delle migliaia di baci viene finalmente contato: sono Con baci oggi saprai perché l amore vuole ogni istante mille baci, mille carezze vuole all ora. Con baci felici corrono le ore d un giorno splendido, perché ogni secondo bacio te.

18 845 R L amore R2 Odio e amo Gaio Valerio Catullo Ci troviamo nella fase della rottura del «patto» d amore fra Catullo e Lesbia. Nonostante ciò, il poeta non riesce a smettere di amare: la passione continua a tormentarlo. Autore Gaio Valerio Catullo (poeta latino, a.c. ca) Opera Canti Genere poesia lirica Temi il poeta ha smesso di voler bene alla donna, ma non di amarla; la passione è ancora forte, come il suo tormento interiore Strumenti verso [ P scheda 3]; figure retoriche [ P scheda 5]; tema e motivo [ P scheda 6, 2] Io odio e amo. Ma come, dirai. Non lo so, sento che avviene e che è la mia tortura. da I canti, trad. di E. Mandruzzato, Bur, Milano 2001 Puoi leggere un altro testo di Catullo e approfondire l autore R1. link Odiare significa «avere in antipatia, consi- memo derare con disprezzo e fastidio». L odio è il sentimento di profonda avversione, inimicizia, contrarietà verso cose o persone. guida alla lettura Un distico malinconico Si tratta di uno dei distici* (coppia di versi) più noti della letteratura latina. È inserito nella terza parte del libro di Catullo, che contiene componimenti brevi, spesso di tono irriverente (contro i propri avversari) o malinconico e sofferto come questo. Fine di un amore Siamo ormai nella fase della rottura del «patto» d amore fra Catullo e Lesbia, che lascia il poeta nel più profondo sconforto. Eppure, egli ha smesso di «voler bene» («odio»), ma non di «amare» («amo»): la forte attrazione per la donna non è cessata, e questo è il suo tormento maggiore. Egli si domanda come ciò possa accadere, non sa darsi una risposta, ma sente che dentro di lui è così. Amore e odio Si può amare e odiare la stessa persona contemporaneamente? Il poeta ci suggerisce di sì, accostando in un antitesi* i sentimenti opposti per eccellenza, l amore e l odio. Anche la nostra esperienza personale ci dice che talvolta è proprio così: amiamo una persona, ne siamo fortemente attratti, ma a volte proviamo fastidio per certi suoi comportamenti, modi di fare o di pensare. La straordinaria sopravvivenza di questo motivo* nella letteratura contemporanea e persino nella musica leggera ci dà una conferma. Il poeta cileno Pablo Neruda ( ) scriveva in un sonetto del 1924: «Ti amo solo perché io te amo, / senza fine io t odio, e odiandoti ti prego». E in un noto successo del 1971 Mina cantava: «ti odio e poi ti amo e poi ti amo / e poi ti odio e poi ti amo... / non lasciarmi mai più».

19 846 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia attività Comprendi 1. A chi si rivolge secondo te il poeta in questa poesia? A un amico? A Lesbia? A se stesso? Da che cosa lo capisci? Analizza 2. Qual è la figura retorica su cui si basano i due versi? Approfondisci 3. L amore è sintesi di tutti gli opposti. Perciò racchiude anche il suo contrario, l odio. Sei d accordo? Esprimi un tuo parere in proposito e dai una tua definizione di questo sentimento. R3 Amor è uno desio che ven da core Giacomo da Lentini Autore Giacomo da Lentini (poeta italiano, XIII secolo) Opera Rime Genere poesia lirica Temi l amore ha origine da un intenso piacere della donna amata che, passando per gli occhi, si stabilisce nel cuore e si alimenta attraverso l immaginazione dell innamorato Strumenti parafrasi [ P scheda 2]; verso [ P scheda 3]; rima e sistemi strofici [ P scheda 4]; figure retoriche [ P scheda 5]; parolechiave e campi semantici [ P scheda 6, 1] Il poeta fornisce una dettagliata descrizione del meccanismo dell innamoramento, quasi fosse un trattato medico-scientifico: l amore ha origine dalla visione della persona amata, si impianta nel cuore, sede delle facoltà vitali dell individuo, e si alimenta di desiderio e immaginazione. Per facilitare la comprensione della poesia forniamo di seguito la parafrasi completa. Amor è uno desio che ven da core per abondanza di gran piacimento e li occhi in prima generan l amore 4 e lo core li dà nutricamento. Ben è alcuna fiata om amatore senza vedere so namoramento, L amore è un desiderio che nasce nel cuore a causa di un grande piacere («piacimento») e gli occhi generano da principio l amore e il cuore lo alimenta («dà nutricamento»). È ben vero che talvolta («alcuna fiata») qualcuno («om») s innamora senza vedere l oggetto del suo amore, ma quell amore che stringe con passione nasce dalla 1. desio: desiderio. 2. piacimento: è il piacere soggettivo, avvertito dai sensi dell uomo che s innamora, attratto dalla bellezza oggettiva della donna. 4. nutricamento: alimento, nutrimento: è una metafora* che indica come la passione cresce e si alimenta all interno dell uomo. 5. Ben è alcuna fiata om amatore: è ben vero che qualche volta (fiata) ci si innamora (om come nel francese ha valore impersonale, indica dunque un esperienza che riguarda tutti, indistintamente). 6. senza vedere: il poeta allude polemicamente ad alcuni testi di poeti provenzali, in cui si racconta di uomini innamorati senza aver mai avu-

20 847 R L amore ma quell amor che stringe con furore 8 da la vista de li occhi à nascimento. Che li occhi rapresentan a lo core d onni cosa che veden bono e rio, 11 com è formata naturalemente; e lo cor, che di zo è concepitore, imagina, e piace quel desio: 14 e questo amore regna fra la gente. visione degli occhi: poiché gli occhi trasmettono al cuore tutto ciò che percepiscono, sia le qualità buone sia quelle cattive («bono e rio»), così come sono in natura; e il cuore, che accoglie («è concepitore») tutto ciò («zo»), comincia a immaginare e a provare piacere di quel desiderio. E questo è l amore che risiede tra gli uomini. da Rime, XIX to occasione di vedere la donna amata. namoramento: l oggetto d amore, quindi la donna. 12. di zo: di tutto ciò, delle immagini trasmesse dagli occhi. La parola furore indica un impeto, una passione incontrollabile (a furor di memo popolo, far furore, ecc.). È sinonimo di furia, «pazzia»: anticamente infatti la passione era considerata una malattia dovuta all eccesso di pensieri. Nell Orlando furioso, ad esempio, l omonimo protagonista è pazzo per amore. l autore Giacomo da Lentini Davvero poche sono le notizie biografiche riguardanti questo poeta nato a Lentini, in Sicilia, del quale si hanno notizie certe solo dal 1233 al Fu notaio a Palermo, alla corte dell imperatore di Svevia Federico II, e con il titolo «il Notaro» si firma a chiusura di alcuni suoi componimenti. Dante lo cita come autorevole rappresentante della scuola siciliana nel XXIV canto del Purgatorio, elogiando la qualità delle sue poesie e la varietà delle forme metriche utilizzate. Di lui restano 38 componimenti, fra cui alcuni sonetti*, forma metrica di cui è considerato l inventore. guida alla lettura Rispondere per le rime Il sonetto* fu scritto da Giacomo da Lentini in risposta a una «tenzone» (nel Due-Trecento è così chiamato lo scambio di componimenti, a mo di botta e risposta, tra due poeti su un argomento specifico) con Pier della Vigna e Jacopo Mostacci. Quest ultimo aveva posto ai poeti della corte siciliana di Federico II (di cui Giacomo da Lentini è l esponente più illustre: approfondisci La lirica delle origini, p. 850) un interrogativo sulla natura del sentimento dell amore: esso infatti sembra invisibile, eppure fa sentire gli effetti del suo potere. Pier della Vigna aveva confermato la realtà dell amore, sostenendo che ha un potere tanto maggiore proprio in quanto esercita una forza di attrazione misteriosa ma irresistibile. Giacomo risponde a entrambi, riprendendo i loro ragionamenti e persino lo schema metrico e le rime finali dei due sonetti. Da questa antica consuetudine deriva il nostro modo di dire «rispondere per le rime».

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Scuola poetica siciliana

Scuola poetica siciliana Scuola poetica siciliana La scuola poetica siciliana, sorta attorno al 1230 nella corta dell l'imperatore e re di Sicilia Federico II di Svevia, produsse la prima lirica in volgare italiano. L attività

Dettagli

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015 Programma di ITALIANO classe VB a.s. 2014/2015 GRAMMATICA: La frase complessa o periodo La struttura del periodo:proposizioni principali, coordinate e subordinate La proposizione principale I vari tipi

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Arte, la pittura e la poesia del Maestro Fusillo

Arte, la pittura e la poesia del Maestro Fusillo Arte, la pittura e la poesia del Maestro Fusillo di Martina Strano - 04, apr, 2015 http://www.siciliajournal.it/arte-la-pittura-e-la-poesia-del-maestro-fusillo/ 1 / 5 2 / 5 di Martina Strano CATANIA Poesia,

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

CORSO SERALE SECONDO PERIODO

CORSO SERALE SECONDO PERIODO Centro Provinciale per l'istruzione degli Adulti di Ravenna I.T.C. G. Ginanni CORSO SERALE SECONDO PERIODO MATERIALE DI SUPPORTO ALLE LEZIONI DI ITALIANO DOCENTE: CHIARA MINGHETTI SUPPORTO TECNICO: FOSCHERI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16 Giacomo Leopardi dedica i versi della poesia A Silvia ad una ragazza in cui si può riconoscere Teresa Fattorini, vicina di casa dello scrittore e morta giovanissima di tubercolosi. Questo poema, che si

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 SIAMO TUTTI POETI Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 Docente Anna Maria Pirisi Premessa La poesia è un tipo di testo a misura dei

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone:

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone: LETTERATURA ITALIANA 1. Osserva le foto di queste persone: a) In quale momento storico li situi? b) Quale credi che fosse la loro professione? Perché? c) Che cosa di questi dipinti attira la tua attenzione?

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO Pagina 1 di 6 ANNO SCOLASTICO 2012/13 CLASSE 2PA DOCENTE: Giovanni De Nardus DISCIPLINA ITALIANO LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE: N: BOTTA TITOLO: Galeotto fu il libro (Il testo narrativo, Il testo

Dettagli

esia, poche parole distribuite in poche righe, parole ripetute come una canzone, parole qualche volta inventate, parole che sempre mandano un messag

esia, poche parole distribuite in poche righe, parole ripetute come una canzone, parole qualche volta inventate, parole che sempre mandano un messag Obiettivi: - comprendere il contenuto di una poesia - arricchire il lessico - discriminare dati visivi e uditivi - distinguere parole in rima - individuare similitudini ed espressioni metaforiche - esprimere

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

Voci dall infinito. richiami per l Anima

Voci dall infinito. richiami per l Anima Voci dall infinito richiami per l Anima Copertina di Rocco Vassallo. Disegni di Mario G. Galleano. Mario Giovanni Galleano VOCI DALL INFINITO richiami per l Anima www.booksprintedizioni.it Copyright 2013

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli