poesia Editori Laterza MARCELLO COLANINNO MARIANNA GIOVE DANIELA DI MARCO GIUSEPPINA ROGNONI Letture, scritture, immagini per il biennio Narrativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "poesia Editori Laterza MARCELLO COLANINNO MARIANNA GIOVE DANIELA DI MARCO GIUSEPPINA ROGNONI Letture, scritture, immagini per il biennio Narrativa"

Transcript

1 edizionec.fh :53 Pagina 1 C Narrativa ISBN Epica M. COLANINNO D. DI MARCO M. GIOVE G. ROGNONI Letture, scritture, immagini per il biennio M Y CM MY CY CMY K MARCELLO COLANINNO MARIANNA GIOVE DANIELA DI MARCO GIUSEPPINA ROGNONI ISBN Poesia Letture Narrativa &Poesia, scrittu POESIa re, imm ISBN Euro 13,00 (i.i.) Progettazione e produzione di testi scolastici secondo il Sistema di gestione qualità ISO 9001:2000 Editori Laterza CO AR I I M ON! -D N O O OG ITIV a NN - R S NI E PO sia erz LA IOV GI Poe Lat ri 95 CO G LEG ito 08 Ed Colori compositi Volume + Quaderno indivisibili r il bien nio poesia ISBN Questo volume, sprovvisto del talloncino a fronte (o opportunamente punzonato o altrimenti contrassegnato), è da considerarsi copia di SAGGIO-CAMPIONE GRATUITO, fuori commercio (vendita e altri atti di disposizione vietati: art. 17, c.2 l. 433/1941). Esente da I.V.A. (D.P.R , n. 633, art. 2, lett. d). Esente da bolla di accompagnamento (D.P.R , n. 627, art. 4, n.6). agini pe Editori Laterza

2 P strumenti per l, analisi del testo poetico PREREQUISITI possedere un lessico di base capire il contenuto di un testo accompagnato da introduzione, note e commenti cogliere e selezionare le informazioni in base alla funzione e all importanza OBIETTIVI Comprendere la differenza fra prosa e verso l origine e le caratteristiche principali della poesia i rapporti fra poesia e musica le specificità del linguaggio poetico il contenuto denotativo e connotativo di un testo poetico le varietà storiche e di registro della lingua poetica le scelte stilistiche di un autore Analizzare la struttura sintattica di un brano poetico le scelte lessicali il verso e il ritmo la rima e lo schema metrico l uso figurato del linguaggio i rapporti interni ed esterni al testo le parole-chiave, i campi semantici e i motivi portatori del tema il messaggio complessivo di un testo poetico CONTENUTI Scheda 1 Cos è il testo poetico Laboratorio P1 Scrittori, poeti e cantanti definiscono la poesia Scheda 2 Capire una poesia: la parafrasi Laboratorio P2 G. Leopardi, Alla luna P3 S. Quasimodo, Nostalgia della Sicilia Scheda 3 Verso e ritmo Laboratorio P4 S. Penna, Mi nasconda la notte e il dolce vento P5 S. Penna, Già mi parla l autunno Scheda 4 Rima e strofa Laboratorio P6 V. Cardarelli, Sera di Liguria P7 U. Saba, Trieste P8 G. Carducci, Traversando la Maremma toscana Scheda 5 Figure retoriche Laboratorio P9 G. Pascoli, Prima del temporale P10 G. Pascoli, Lavandare Scheda 6 Comprendere la poesia: il commento Laboratorio P11 U. Foscolo, A Zacinto P12 G. Ungaretti, Fratelli Scheda 7 In sintesi: come si analizza un testo poetico Approfondire operare approfondimenti sul contesto storico, sulla biografia o sulla poetica dell autore operare confronti fra brani e autori diversi interpretare il testo in relazione al contesto storicoculturale rispettare i criteri di organizzazione dei contenuti e correttezza formale

3 P Strumenti per l analisi del testo poetico 723 Scheda 1 Cos è il testo poetico Gentile Ettore Serra poesia è il mondo l umanità la propria vita fioriti dalla parola la limpida meraviglia di un delirante fermento Quando trovo in questo mio silenzio una parola scavata è nella mia vita come un abisso (Giuseppe Ungaretti, Commiato) Nella mia poesia non c è traccia d odio per il nemico, né per nessuno: c è la presa di coscienza della condizione umana, della fraternità degli uomini nella sofferenza, dell estrema precarietà della loro condizione. C è volontà d espressione, necessità d espressione. [...] Il Porto sepolto fu stampato a Udine nel 1916, in edizione di 80 esemplari a cura di Ettore Serra. La colpa fu tutta sua. [...] Non ebbi il coraggio di non confidarmi a quel giovane ufficiale che mi domandò il nome, e gli raccontai che non avevo altro ristoro se non di cercarmi e di trovarmi in qualche parola, e ch era il mio modo di progredire umanamente. (Giuseppe Ungaretti, Vita d un uomo) Per introdurre un discorso sulla poesia, abbiamo riportato due brani di uno dei più famosi poeti italiani del Novecento, Giuseppe Ungaretti. Il primo è un componimento in versi posto a chiusura della sua prima raccolta, nel quale espone all editore Ettore Serra le sue idee sulla poesia; il secondo è un brano in prosa, scritto a molti anni di distanza, nel quale il poeta ricorda come era nato quel libro, con quale spirito e La prosa indica una memo scrittura continua, che prosegue fino al termine del foglio. Il verso indica una scrittura spezzata, che fa inversione andando a capo prima del termine del foglio. con quali intenti. I testi affrontano il medesimo argomento, utilizzando a volte le stesse parole: ma nel brano di Vita d un uomo questa riflessione è espressa in forma discorsiva, nel Commiato è scritta in forma poetica. Ma allora qual è la differenza fra prosa e verso? Una prima differenza fra prosa e verso è evidente fin dall aspetto tipografico dei due brani: nella prosa la scrittura scorre senza interruzioni e occupa quasi l intero spazio bianco della pagina, andando a capo al termine della riga; nella poesia la scrittura non procede linearmente lungo tutta la riga, ma va frequentemente a capo creando delle pause. 1. Prosa e verso Se guardiamo all etimologia del termine, il verso (dal latino versus, «che torna indietro») si differenzia dalla prosa (prorsus, «che va avanti») proprio perché è un discorso che non prosegue fin dove finisce il rigo del foglio, ma con cadenze regolari va a capo. I segmenti di testo così evidenziati si dicono versi. Questa distinzione determina una serie di conseguenze importanti: la poesia si presenta come un discorso frammentato, fatto di brevi frasi che esprimono la soggettività del poeta; le parole sono disposte nel verso secondo una successione di accenti più o meno regolare, che imprime al testo un certo ritmo;

4 724 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Scheda 1 Cos è il testo poetico le parole collocate all inizio o alla fine del verso sono in posizione di rilievo; tale posizione spesso è evidenziata da corrispondenze di suoni, come la rima; memo La poesia: le parole sono disposte nel verso secondo un ordine che non sempre coincide con quello comune; la misura più concentrata del verso porta a utilizzare meno parole rispetto al discorso in prosa, ma con maggiori sfumature di significato, o a volte con più significati insieme (si parla dunque di polisemia, molti significati ). è espressione della soggettività dell individuo [ P scheda 1]; sceglie e dispone le parole in modo diverso dal linguaggio quotidiano [ P scheda 2]; dà importanza all aspetto ritmico e melodico delle parole [ P schede 3 e 4]; comunica contenuti e concetti densi di significato, che vanno interpretati [ P schede 5 e 6]. Sono queste le caratteristiche fondamentali della poesia, che impareremo a riconoscere e analizzare nel presente laboratorio. 2. Poesia: creare con le parole La parola poesia deriva dal verbo greco poièin che significa «creare». Fare poesia significa, infatti, «creare con le parole». Se però è facile risalire all etimologia del termine, più difficile è risalire alle origini di questo particolare modo di esprimersi e comunicare. Le prime testimonianze di poesia nella cultura greco-latina (dalla quale in gran parte deriva la nostra) sono associate a eventi importanti della vita pubblica e privata: cerimonie religiose e militari, occasioni di lutto o di festa. In tutte queste circostanze la poesia era accompagnata da musiche e danze, ed è probabile che essa sia nata dalla necessità di adattare le parole a una melodia e a un ritmo ben precisi. Formule magico-religiose, canti militari, persino leggi e discorsi pubblici, ma anche lamenti funebri e canzoni nei banchetti furono probabilmente le prime forme di parola recitata nell antichità. Una prima definizione del concetto di poesia e dei suoi generi è elaborata nel trattato Poetica di Aristotele, filosofo greco del IV secolo a.c., che individua il suo carattere distintivo nella «imitazione» della natura. La poesia infatti, secondo Aristotele, nasce perché «l imitare è un istinto di natura comune a tutti gli uomini fino dalla fanciullezza». L imitazione della natura avviene però in modi e forme diverse: secondo l oggetto che viene trattato, secondo il modo di trattarlo e secondo i mezzi espressivi impiegati dal poeta. In base all oggetto, cioè all argomento trattato, il poeta dà un tono diverso al suo discorso, che può essere: alto, tipico dei componimenti con tono e argomento solenni, come tragedie e poemi epici; medio, tipico di componimenti con toni e argomenti comuni, quotidiani, come le commedie; basso, tipico di componimenti con toni e argomenti semplici, come la poesia sentimentale. I mezzi utilizzati dal poeta sono: il ritmo; il linguaggio; l armonia. I modi utilizzati dal poeta sono: forma narrativa, o diegesi (= «racconto» nel quale chi scrive riporta il contenuto dei discorsi e descrive gesti e situazioni), che può essere in prima o in terza persona; forma drammatica, o mimesi (= «imitazione» in cui chi scrive riporta solo il contenuto dei discorsi e non riproduce gesti e situazioni, che vengono direttamente rappresentati in scena). Il genere di poesia nel quale il poeta parla in prima persona esprimendo stati d animo, sentimenti, riflessioni soggettive è detto poesia lirica. Il nome si ricollega alla consuetudine della poesia antica di accompagnarsi con strumenti musicali, quali appunto la lira.

5 P Strumenti per l analisi del testo poetico 725 Scheda 1 Cos è il testo poetico Aristotele nella Poetica dà una prima definizione di poesia: memo a. stile alto 1. l oggetto b. stile medio c. stile umile Poesia = imitazione a. forma narrativa in 3 a persona della natura secondo: 2. il modo b. forma narrativa in 1 a persona lirica c. forma drammatica a. ritmo 3. i mezzi b. linguaggio c. armonia 3. Musica e poesia Le leggende antiche attribuivano l origine della poesia a personaggi avvolti nel mito: uno di essi, Orfeo, era spesso rappresentato con la lira in pugno, nell atto di suonare incantando uomini, animali e persino elementi naturali. La poesia anticamente era infatti recitata con l accompagnamento musicale di strumenti a fiato o a corda. Sappiamo che anche i primi componimenti dei poeti medievali italiani nacquero con una veste musicale e Dante stesso secondo una testimonianza di Boccaccio «sommamente si dilettò in suoni e canti nella sua giovinezza». Alcune sue composizioni furono musicate da amici e collaboratori (uno di essi, Casella, viene ricordato da Dante nel Purgatorio). Insomma, Dante si comportava a volte come un moderno paroliere: sceglieva alcuni componimenti più «orecchiabili» e li affidava ai suoi collaboratori perché vi adattassero una linea melodica. Sicuramente, nella fase di composizione, i poeti medievali tenevano presenti gli effetti ritmici e melodici delle parole, che il canto poteva arricchire e valorizzare. Successivamente, con la nascita del libro a stampa (1455), il distacco fra poesia e musica si accentuò: la poesia scritta e stampata si rivolse a un pubblico di lettori, piuttosto che di ascoltatori, capaci di apprezzare la raffinatezza delle parole e l importanza degli argomenti trattati; ciò determinò una maggior cura formale della parte scritta. Nelle schede seguenti, analizzeremo dunque la poesia dapprima nei suoi aspetti linguistici (lessico, sintassi, ecc.) e poi in quelli ritmici e musicali. La trattazione andrà necessariamente distinta in lezioni successive, ma occorre sempre ricordare che tali aspetti in una poesia sono compresenti e inseparabili. 4. Il tratto distintivo della poesia: lo «scarto linguistico» Più recentemente, lo studioso russo Roman Jakobson ( ) ha analizzato i fattori che caratterizzano la comunicazione poetica, sostenendo che essa si avvale di un elemento distintivo: l uso libero e personale di parole e costruzioni sintattico-grammaticali. Il testo poetico non segue le norme comuni che regolano la comunicazione; questa modalità espressiva prende il nome di scarto linguistico, o scarto dalla norma, in quanto costituisce una vera e propria «deviazione» rispetto alle regole della lingua comune, sia per quanto riguarda la sintassi, cioè la costruzione della frase, sia per quanto riguarda il lessico, cioè la scelta delle parole usate. La poesia, memo come la musica, valorizza l aspetto ritmico-melodico delle parole; come forma particolare di scrittura, cura la scelta, la disposizione e il significato delle parole. In poesia è raro che le parole siano disposte secondo l ordine previsto dalla sintassi (soggetto, pre-

6 726 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Scheda 1 Cos è il testo poetico dicato, complemento), si utilizzano spesso termini astratti in luogo dei concreti, si modifica il significato delle parole secondo le esigenze del poeta. Prendiamo ad esempio l inizio dell Infinito di Giacomo Leopardi: Giacomo Leopardi, L infinito Sempre caro mi fu quest ermo colle Leopardi si riferisce al monte Tabor, un colle vicino la casa paterna che egli aveva scelto come luogo delle sue riflessioni, perché silenzioso e solitario («ermo»). Il significato e il valore emotivo di questo verso è dato anche dalla disposizione e dalla scelta delle parole. Se dicessimo «Quest ermo colle mi fu sempre caro» ristabiliremmo l ordine normale delle parole, ma il risultato non sarebbe lo stesso. Quelle parole, disposte in quel modo, imprimono al verso un ritmo pacato e trasmettono una sensazione di calma, di familiarità, comunicandoci innanzitutto che quel vincolo affettivo è esistito da sempre («Sempre caro»). Anche la scelta delle parole è importante. Se dicessimo: «Questo colle solitario mi è sempre piaciuto» o «Come mi piace questo colle solitario» ridurremmo a zero la suggestione del verso creata dagli aggettivi «caro», «ermo» e «questo»: caro indica una predilezione, una vicinanza affettiva: il colle è sì un elemento del paesaggio, ma soprattutto un luogo che ricorda al poeta particolari stati d animo o momenti della sua vita; ermo vuol dire «solitario» (dallo stesso aggettivo vengono le parole «eremo» ed «eremita»): comunica quindi un idea di raccoglimento interiore, di pace; questo indica un oggetto vicino nel tempo o nello spazio: indica dunque che il colle è una presenza concreta, vicina a chi parla, ma anche legata ai suoi sentimenti. Queste scelte particolari sono fondamentali per esprimere il senso della poesia e determinarne il messaggio, che è formulato in un preciso «codice» letterario. mappa della scheda Cos è la poesia La poesia è una forma particolare di comunicazione che: riproduce la NATURA esterna e interna, secondo la visione SOGGETTIVA dell individuo; fu in origine accompagnata dalla MUSICA; poi si separò come forma particolare di SCRITTURA, che si distingue dalla scrittura comune per lo SCARTO LINGUISTICO. Dunque, la poesia: è scritta in VERSI; non segue LESSICO e SINTASSI comuni; segue un RITMO e un SUONO particolari; ha un CONTENUTO denso di significati; comunica un MESSAGGIO in un codice letterario.

7 P Strumenti P per l, analisi del testo poetico laboratorio Strumenti per l analisi del testo poetico Come primo approccio al mondo della poesia, ti presentiamo alcune definizioni che poeti, scrittori, autori di varie forme d arte (cinema, musica, ecc.) hanno dato della poesia. Ti accorgerai che è difficile trovare un parere unanime, ma che tutti sono concordi su una cosa: la poesia è per definizione impossibile da definire. 727 P1 Scrittori, poeti e cantanti definiscono la poesia Dante Alighieri [La poesia] non è nient altro che creazione fantastica composta secondo le regole della retorica e della musica. (De vulgari eloquentia, II, IV, 2) Alessandro Manzoni Renzo ringraziò la guida, e tutti quegli altri che avevan prese le sue parti. «Bravi amici!» disse: «ora vedo proprio che i galantuomini si danno la mano, e si sostengono». 5 Poi, spianando la destra per aria sopra la tavola, e mettendosi di nuovo in attitudine di predicatore, «gran cosa», esclamò, «che tutti quelli che regolano il mondo, voglian fare entrar per tutto carta, penna e calamaio! Sempre la penna per aria! 10 Grande smania che hanno que signori d adoprar la penna!». «Ehi, quel galantuomo di campagna! volete saperne la ragione?» disse ridendo uno di que giocatori, che vinceva. 15 «Sentiamo un poco», rispose Renzo. «La ragione è questa», disse colui: «che que signori son loro che mangian l oche, e si trovan lì tante penne, tante penne, che qualcosa bisogna che ne facciano». 20 Tutti si misero a ridere, fuor che il compagno che perdeva. «To» disse Renzo: «è un poeta costui. Ce n è anche qui de poeti: già ne nasce per tutto. N ho una vena anch io, e qualche volta ne dico delle curiose... ma quando le cose vanno bene». Per capire questa baggianata del povero Renzo, bisogna sapere che, presso il volgo di Milano, e del contado ancora più, poeta non significa già, come per tutti i galantuomini, un sacro ingegno, un abitator di Pindo, un allievo delle Muse; vuol dire un cervello bizzarro e un po balzano, che, ne discorsi e ne fatti, abbia più dell arguto e del singolare che del ragionevole. Tanto quel guastamestieri del volgo è ardito a manomettere le parole, e a far dir loro le cose più lontane dal loro legittimo significato! Perché, vi domando io, cosa ci ha che fare poeta con cervello balzano? (I promessi sposi, cap. XIV) Federico García Lorca Ma cosa vuoi che ti dica della Poesia? Cosa vuoi che ti dica di queste nubi, di questo cielo? Guardare, guardare, guardarle, guardarlo e nient altro. Capirai che un poeta non può dir nulla sulla Poesia. Lasciamo dire pure ai critici e ai professori. Ma né tu né io né alcun altro poeta sa cos è la Poesia. Sta qui; guarda. Ho il fuoco nelle mie mani. Lo sento e lavoro con lui perfettamente, ma non posso parlare di lui senza letteratura. La poesia è qualcosa che va per le strade. Che si muove, che passa al nostro fianco. Tutte le cose hanno il loro mistero, e la poesia è il mistero che

8 728 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia contiene tutte le cose... Per questo non concepisco la poesia come astrazione, ma come cosa realmente esistente, che mi passa accanto. Eugenio Montale «Che cos è una poesia lirica? Per conto mio non saprei definire quest araba fenice, quest oggetto determinatissimo, concreto, eppure impalpabile, questa strana convivenza del ragionamento e dello sragionamento». (Sulla poesia) Vittorio Sereni Diffidate dice il poeta di tutti coloro che sanno troppo bene che cosa è la poesia, che hanno sempre la definizione pronta; lasciate passare qualche mese, forse appena qualche giorno, e vedrete che quella definizione sarà già mutata, magari integralmente, e non sarà per questo meno perentoria di quella che l ha preceduta. In quanto ai poeti, essi ci appaiono tentati, perennemente perplessi tra opposte definizioni e suggestioni: si direbbe che la loro, guardata attimo per attimo, metro per metro, è memo La Fenice, o Araba fenice, è un uccello mitologico che, secondo la leggenda, viveva per cinquecento anni, unico esemplare sulla terra, e dopo la morte rinasceva dalle proprie ceneri. Di qui in senso figurato l espressione indica una persona o una cosa rara, se non unica, o capace di rinnovarsi, «rinascere» anche dopo situazioni difficilissime. più una strada di dubbi che di certezze. (Esperienza della poesia) Franco Fortini Rispondere è come se si volesse rispondere a «che cos è l uomo» o a «che cos è il mondo». Bisogna aggirare la difficoltà. [...] Certo bisogna tener presente che quando si parla di poesia questa parola significa due cose: da un lato, appunto, un tipo particolare di discorso parlato o scritto che si distingue da altri modi di comunicazione; dall altro, invece, un attribuzione di valore per cui si dice «poesia» per dire qualcosa di bello, di importante, di riuscito, di meritevole di stima o di attenzione. Nel parlare comune, «poesia» significa due cose: per un verso è un discorso, o ragionamento, o una comunicazione dove prevalgono elementi di ritmo e cadenze, di ripetizioni, di immagini che alterano i significati immediati e che gli conferiscono, oltre ai primi, anche significati interiori. Per un altro verso, quando noi diciamo «questa è poesia» intendiamo in genere qualcosa di elevato e di nobile, di rassicurante o di commovente o di rasserenante, di vivace, pungente, ecc. (Che cos è la poesia?, Intervista dell 8 maggio 1993) Francesco De Gregori Vanno a due a due i poeti, traversano le nostre [stagioni, e passano poeti brutti e poeti buoni. Ma quando fra tanti poeti ne trovi uno vero, è come partire lontano, come viaggiare davvero. (Poeti per l estate) Roberto Benigni Per fare poesia una sola cosa è necessaria: tutto s t e p 1 Comprendi le definizioni di poesia Le definizioni sopra riportate appartengono a scrittori italiani e stranieri che, in epoche diverse, hanno provato a definire la loro poetica*, spiegando la loro personale idea di poesia. Per orientarti meglio, puoi anche svolgere ricerche sugli autori, cercando nell indice del volume e reperendo informazioni biografiche essenziali. I brani e gli autori sono disposti in ordine cronologico, a partire da Dante Alighieri, che fu tra i primi a dedicare alla lingua e alla teoria letteraria dei trattati specifici. Secondo Dante la poesia ha una sua precisa tecnica, che può essere appresa e riprodotta seguendo le regole della lingua e della musica. Spiega con parole tue la definizione di Dante, e in particolare il riferimento alle regole di composizione della musica [ P scheda 1, 3]. A partire dall Ottocento e per tutto il Novecento si afferma invece l idea che la poesia sia frutto della libera creatività individuale, e dunque indefinibile e sfuggente a ogni classificazione.

9 P Strumenti per l analisi del testo poetico 729 Spiega con parole tue il significato dell affermazione del poeta spagnolo García Lorca: «Ho il fuoco nelle mie mani. Lo sento e lavoro con lui perfettamente, ma non posso parlare di lui senza letteratura». Ricerca fra le definizioni riportate altre affermazioni a sostegno di questa seconda tesi. La questione è stata riproposta dallo scrittore Franco Fortini che, in un intervista del 1993, distingue i due aspetti del problema: da un lato c è la poesia come tecnica, insieme di regole di composizione; dall altro c è la poesia come criterio di valore, che attribuiamo a tutte quelle creazioni letterarie che sollecitano i nostri sentimenti, ci emozionano, appagano il nostro senso estetico. Quali sono i due significati principali della parola «poesia» secondo lo scrittore Franco Fortini? Secondo te, di quale dei due ci occuperemo in particolare nel presente laboratorio? Analizza le varie accezioni della parola poesia Le affermazioni di Fortini mettono in evidenza le varie accezioni con le quali la parola «poesia» è stata interpretata nel corso del tempo. Da un lato esiste una definizione «ufficiale» di poesia, come modalità espressiva che utilizza in maniera particolare il ritmo e il suono, la disposizione e la scelta delle parole. Dall altro lato esiste anche un idea «comune» di poesia, più diffusa a livello popolare, che attribuisce ai poeti capacità di inventiva e di espressione fuori dal comune, tanto da distinguerli dal resto degli uomini. Questa idea emerge dal brano dei Promessi sposi in cui Renzo, reduce dai tumulti scoppiati a Milano per il rincaro del pane, rilascia incautamente dichiarazioni «rivoluzionarie» in un osteria. Dalle parole di Renzo, giovane semplice e popolano, vien fuori l idea che il poeta sia uno spirito eccentrico, «balzano», singolare. Manzoni interviene subito a chiarire meglio le affermazioni del suo personaggio, spiegando che presso il popolo milanese «poeta» significava piuttosto «cervello bizzarro» e non «sacro ingegno», seguace delle Muse (divinità protettrici delle arti, che avevano sede sul monte Pindo). Il popolo, conclude Manzoni, a volte si diverte a stravolgere le parole, perché i poeti non hanno nulla a che fare con la follia. Ma sarà proprio così? s t e p 2 Come ti sembra il tono delle affermazioni di Manzoni a proposito della concezione di poesia secondo il popolo milanese? a. ironico b. sconsolato c. serio d. distaccato Motiva la tua risposta. I poeti del Novecento si sono invece sottratti al tentativo di definire con precisione la poesia. Due esempi di questa tendenza sono contenuti nelle affermazioni di Eugenio Montale e di Vittorio Sereni. Rileggile e rispondi alle seguenti domande. Perché Eugenio Montale definisce la poesia «araba fenice»? [ memo] Perché il poeta Vittorio Sereni afferma che i poeti sono perennemente «perplessi»? Infine, anche autori di musica o di cinema, come il cantautore Francesco De Gregori o il regista e attore Roberto Benigni, hanno provato a definire a modo loro la figura del poeta e il ruolo della poesia. Rileggi le loro affermazioni e rispondi alle domande seguenti. Che cosa significa secondo te l affermazione che esistono «poeti brutti e poeti buoni»? Che cosa significa che per fare una poesia occorre una sola cosa, cioè «tutto»?

10 730 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia s t e p 3 Approfondisci una tua personale definizione di poesia Come vedi, da sempre la poesia è vista come un attività così straordinaria e misteriosa da includere tutto e il suo contrario. I poeti possono essere ingegni straordinari o matti da legare, poeti per una stagione, magari solo per l estate, oppure animi nobili e sensibili, capaci di far «volare davvero». Adesso prova tu a dire la tua. Tra le definizioni di «poesia» o di «poeta» riportate, scegline alcune con le quali concordi e altre che non condividi e commentale spiegando i motivi della tua scelta e argomentando la tua opinione.

11 P Strumenti per l analisi del testo poetico 731 Scheda 2 Capire una poesia: la parafrasi Su su, svelti eh, svelti veloci piano, con calma, non v affrettate eh. Poi non scrivete subito poesie d amore eh, che sono le più difficili. Aspettate almeno un ottantina d anni. Scrivetele su un altro argomento, che ne so su... il mare, il vento, un termosifone, un tram in ritardo, ecco: che non esiste una cosa più poetica di un altra. Eh, avete capito? La poesia non è fuori, è dentro. Cos è la poesia? non chiedermelo più: guardati nello specchio, la poesia sei tu. E vestitele bene le poesie, cercate le parole! Dovete sceglierle! A volte ci vogliono otto mesi per trovare una parola! Sceglietele: che la bellezza è cominciata quando qualcuno ha cominciato a scegliere. Da Adamo ed Eva: lo sapete Eva quanto ci ha messo prima di scegliere la foglia di fico giusta? Come mi sta questa, come mi sta questa... come mi sta questa... ha spogliato tutti i fichi del Paradiso terrestre! Innamoratevi! Se non vi innamorate è tutto morto: morto tutto è. Vi dovete innamorare e diventa tutto vivo, si muove tutto. Dilapidate la gioia! Sperperate l allegria! Siate tristi e taciturni con esuberanza. Fate soffiare in faccia alla gente la felicità! E come si fa? Fammi vedere gli appunti che mi son scordato. Questo è quello che dovete fare... Non son riuscito a leggerli. Ora mi son dimenticato. Per trasmettere la felicità bisogna essere felici! E per trasmettere il dolore bisogna essere... felici. Siate felici: dovete patire. Stare male soffrire; non abbiate paura a soffrire tutto il mondo soffre. Eh? E se non avete i mezzi? non vi preoccupate, tanto per fare poesia una sola cosa è necessaria: tutto. Avete capito? E non cercate la novità. La novità è la cosa più vecchia che ci sia. E se il verso non vi viene da questa posizione, da questa, o da così, buttatevi in terra. Mettetevi così. Eccolo qua: è da distesi che si vede il cielo, guarda che bellezza! perché non mi ci sono messo prima. Cosa guardate? I poeti non guardano, vedono! Fatevi obbedire dalle parole: se la parola... muro! Muro! non vi dà retta...? non usatela più per otto anni! Così impara. Che è questo? Boh? Non lo so. Questa è la bellezza. Come quei versi là, che voglio che rimangano scritti lì per sempre! Forza, cancellate tutto. Che dobbiamo cominciare, la lezione è finita. Cercare le parole: questa è la prima raccomandazione del professor Attilio De Giovanni (interpretato da Roberto Benigni nel film La tigre e la neve, del quale abbiamo trascritto una scena), che impartisce lezioni di poesia a una classe di studenti attenti e divertiti. Farsi obbedire dalle parole, entrare in sintonia con esse, oppure litigarci, a costo di non usarle per anni. Il poeta, infatti, sceglie le parole più vicine al proprio gusto e alla propria sensibilità, che abbiano un suono e un significato per lui particolari. Ma chi si propone di analizzare una poesia deve innanzitutto semplificare le sue parole e le sue frasi. Per questo la versione in prosa è la prima operazione da compiere sul testo di una poesia. Perché la poesia va certamente letta e apprezzata così com è scritta, a volte anche nella sua complessità; ma va innanzitutto spiegata in termini semplici, perché risulti accessibile e significativa. E non sia come «parlare a un muro». 1. Significante/significato La poesia, come ogni atto comunicativo, è un insieme di segni (le parole) organizzati secondo le regole di un codice (il linguaggio letterario). Il linguaggio letterario è quindi la chiave di accesso che consente la codificazione (la scrittura) e la decodificazione (la lettura, l interpretazione) del messaggio poetico. Questo messaggio è trasmesso dalle parole. Ogni parola risulta dall unione di: significante: è la forma esterna, concreta del segno linguistico, cioè l insieme di suoni (fonemi) e di lettere (grafemi) che insieme compongono la parola; ad es. la parola luna è scomponibile nei grafemi /l/u/n/a/ oppure può essere trascritta nei fonemi che ne indicano la corretta pronuncia: [lúna]; significato: è il contenuto interno, l immagine mentale alla quale la parola rinvia; quando ad esempio noi pronunciamo la parola luna pensiamo al satellite naturale della terra visibile in cielo di notte.

12 732 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Scheda 2 Capire una poesia: la parafrasi Ogni poesia, dunque, andrà analizzata a livello del significante, rilevando gli aspetti musicali e sonori delle parole; a livello del significato, decifrando il senso e individuando i contenuti essenziali del testo. In questa lezione ci soffermeremo sul significato (gli aspetti formali saranno esaminati nelle schede successive). 2. Denotativo/connotativo Riprendiamo l esempio della parola luna. Tutti noi conosciamo il significato proprio della parola, ma sappiamo anche che essa è utilizzata con significati diversi in particolari modi di dire: espressioni come chiaro di luna, luna nel pozzo, volere la luna, abbaiare alla luna, ecc. ci suggeriscono di volta in volta particolari sfumature di significato della parola luna, come «astro caro agli innamorati», «desiderio irraggiungibile», ecc. La parola, cioè, ci fa venire in mente significati particolari che si sono aggiunti nel corso del tempo a quello proprio originario. Ogni parola, dunque, custodisce un duplice significato: denotativo: il significato reale, oggettivo della parola (= che cos è per tutti); connotativo: il significato figurato, soggettivo della parola (= che cosa può essere per me). memo Segno LUNA Significante + Significato fonemi /lúna/ grafemi/l/u/n/a denotativo (satellite naturale della terra) connotativo (astro degli innamorati, ecc.) La poesia, poiché riguarda emozioni, ricordi, sensazioni legati all esperienza individuale di chi scrive e di chi legge, utilizza soprattutto il valore connotativo, cioè soggettivo, del linguaggio. Fare poesia significa dunque comunicare, condividere con i lettori questo valore. 3. Diacronia/sincronia Il discorso poetico utilizza un linguaggio «altro», diverso dalla pratica quotidiana; e ciò è ancor più evidente per le poesie scritte nei secoli passati, in una lingua lontana da quella utilizzata oggi. Ogni lingua, infatti, si differenzia in base a: diacronia (= «attraverso il tempo»): è l insieme delle varietà linguistiche dovute al passare del tempo; la lingua di Dante Alighieri, per fare l esempio più ovvio, è certamente diversa da quella attuale; sincronia (= «nello stesso tempo»): è l insieme delle varietà linguistiche compresenti in un determinato momento; può dipendere dal livello di cultura di una persona, dalla sua provenienza geografica (pensa ai poeti che scrivono in dialetto), dalla situazione (familiare, ufficiale, ecc.) in cui si esprime. Per comprendere le varietà di una lingua sul piano diacronico (cioè storico) ci si può avvalere delle note a margine del testo, di un buon vocabolario, dell ausilio dell insegnante. Ma è bene anche cominciare ad acquisire un proprio vocabolario del linguaggio poetico, annotando le parole e le espressioni più ricorrenti in poesia, che spesso gli scrittori riprendono da autori passati presi come modello. 4. Stile e registro La lingua ha tante varietà anche sul piano sincronico: due scrittori contemporanei parleranno in modo diverso in base alla loro formazione culturale, alle loro idee, a ciò che intendono comunicare. Ad esempio, ciascuno di noi si esprimerà diversamente se parlerà con i suoi coetanei, con i suoi familiari, oppure con uno sconosciuto, o ancora se lo farà in forma parlata o scritta, rivolgendosi a un potenziale pubblico di lettori. L insieme delle scelte espressive adoperate in funzione della situazione comunicativa si chiama registro. Osserva degli esempi di registro:

13 R L, amore Quando oggi, riferendoci all amore, ci sembra scontato parlare di «affari di cuore», «batticuore», «cuori solitari», non ci accorgiamo quasi più che torna a rivivere nel nostro linguaggio quotidiano un motivo poetico molto antico, che aveva associato l amore al cuore. Uno dei primi componimenti della nostra letteratura recita infatti nel suo primo verso Amor è uno desio che ven da core [ R3]: l amore è un desiderio che proviene dal cuore, perché il sentimento più importante della vita umana trova la sua sede naturale nel centro vitale dell individuo. L amore è da sempre vissuto come un sentimento totalizzante capace di abbracciare tutto e il suo contrario: è quella forza di attrazione che spinge gli uomini a stringere legami affettivi duraturi [ R9, R10], o a stravolgere le regole sociali, andando contro le convenzioni e la morale del tempo [ R1]; è un sentimento che si costruisce pian piano con l esperienza quotidiana [ R10], o un istinto che fa agire d impulso [ R8]; è la vita stessa [ R1] e l odio più profondo [ R2]; è uno stato di estasi che avvicina a Dio [ R5] o un tormento interiore che getta nello sconforto [ R4]; è immaginazione e desiderio [ R3] o piacere dei sensi [ R7, R8, R11]; è immagine nella memoria [ R6, R8] o «faccia a faccia» con l altro [ R11]; è lenta costruzione [ R10] o colpo di fulmine [ R12]; inizio [ R12] e fine di ogni cosa [ R2]. L amore è insomma motivo di continua ispirazione per i poeti di ogni epoca e nazione. In questo modulo ascolteremo le voci di poeti che, a partire dal mondo latino fino ai giorni nostri, hanno cantato l amore in tutte le sue sfaccettature, dalle più liete ed esaltanti alle più tristi e dolorose. PREREQUISITI conoscere le principali caratteristiche del testo poetico saper effettuare la parafrasi di un testo poetico con l ausilio di note e commento OBIETTIVI Comprendere il valore connotativo di parole ed espressioni che riguardano il vissuto personale Analizzare le strofe e i sistemi strofici: distico e sonetto le figure logiche e di significato: similitudine, metafora, sineddoche, antitesi e ossimoro nella rappresentazione dell amore le principali figure di pensiero: antitesi, iperbole, simbolo, personificazione, allegoria temi e motivi della poesia dalle origini al Trecento temi e motivi della poesia contemporanea, italiana e straniera Riflettere valorizzare l introspezione e l espressione anche creativa di sentimenti personali favorire la condivisione di emozioni e sentimenti con i pari Approfondire operare confronti fra testi legati dallo stesso tema dell amore, o con opere appartenenti ad altre espressioni artistiche (pittura, musica, ecc.) effettuare ricerche su immagini e motivi legati al tema dell amore

14 841 R L amore R1 Godiamoci la vita, o Lesbia mia Gaio Valerio Catullo Il carme è considerato la «prima pagina» della storia d amore fra Catullo e Lesbia. Il poeta esorta la donna a godere la vita e ad abbandonarsi alla passione, sfidando le invidie e lo scandalo dei benpensanti. Al termine di una breve vita di piaceri e amori, l uomo è infatti atteso da una morte eterna. Autore Gaio Valerio Catullo (poeta latino, a.c. ca) Opera Canti Genere poesia lirica Temi il poeta esorta la donna a vivere e amare, sfidando le invidie e la brevità della vita: se gli uomini sono destinati morendo a una notte senza fine, anche i baci devono essere senza fine Strumenti parafrasi [ P scheda 2]; figure retoriche [ P scheda 5]; tema e motivo [ P scheda 6, 2] Puoi leggere un altro testo di Catullo R2. link Godiamoci la vita, o Lesbia mia, e i piaceri d amore; a tutti i rimproveri dei vecchi, moralisti anche troppo, non diamo il valore di una lira. Il sole sì che tramonta e risorge; 5 noi, quando è tramontata la luce breve della vita, dobbiamo dormire una sola interminabile notte. 3. non diamo il valore di una lira: non teniamo in nessun conto. l autore Gaio Valerio Catullo Gaio Valerio Catullo visse probabilmente fra l 84 e il 54 a.c. e morì all età di trent anni. Era originario della Gallia Cisalpina (corrispondente alle regioni dell Italia settentrionale, fra il Po e le Alpi), proveniente da una agiata famiglia veronese. Ma la sua patria di adozione divenne Roma, dove completò i suoi studi di retorica (l arte di parlare bene), e dove conobbe, nel 62 a.c., la donna cantata nei suoi versi d amore. Lesbia è un nome letterario [ approfondisci Il nome della donna, p. 842] dietro cui si nasconde l identità della nobildonna romana Clodia, una donna colta e indipendente, che amava la letteratura, i divertimenti, le danze. Da quel che sappiamo direttamente dalle poesie di Catullo, la vicenda d amore attraversa fasi alterne: grandi passioni e grandi litigi, amore e odio, fino al momento della separazione. Lesbia, a detta di Catullo, si concede a troppi amanti e ama troppo l indipendenza; la passione diventa insopportabile e il poeta decide di allontanarsi da Roma, compiendo un viaggio in Bitinia, nell Asia Minore, nel 57 a.c. Lì, fa visita alla tomba del fratello, morto anni prima (a questo episodio si ispirerà anche Ugo Foscolo quando dedicherà un sonetto al proprio fratello morto: U2). Dopo pochi anni, in difficoltà economiche, Catullo morì nella sua villa di Sirmione. Il Liber («libro») di Catullo è composto da 116 carmi («componimenti poetici»), dei quali la maggior parte affronta argomenti di vita privata e l amore per Lesbia. Nel definire la passione Catullo è un innovatore del linguaggio: egli utilizza prevalentemente il verbo «amare», distinguendolo dal «voler bene»: i continui ripensamenti di Lesbia lo spingono a voler bene di meno, ma ad amare sempre di più. Amore significa infatti passione irresistibile, e si identifica con la vita stessa: «Viviamo, Lesbia mia, e amiamo» afferma il poeta in uno dei primi componimenti della raccolta.

15 842 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Dammi mille baci e poi cento, poi altri mille e poi altri cento, e poi ininterrottamente ancora altri mille e altri cento ancora. 10 Infine, quando ne avremo sommate le molte migliaia, altereremo i conti o per non tirare il bilancio o perché qualche maligno non ci possa lanciare il malocchio, quando sappia l ammontare dei baci. da Le poesie, a cura di F. Della Corte, Mondadori, Milano 1977 Malocchio memo (= «cattivo sguardo») è l influsso malefico con il quale si desidera il male di una persona. Nel testo latino è usato il verbo invidere, cioè «guardare male», da cui deriva la parola italiana invidia, «il senso di odio per la felicità altrui, unito al desiderio che tutto ciò si trasformi in male». 11. altereremo i conti: confonderemo il numero dei baci: secondo una credenza degli antichi Romani, tenere il conto esatto dei baci portava male, perché il numero poteva essere utilizzato in formule di malocchio (anche oggi si dice che porti male contare i soldi al tavolo da gioco). approfondisci Il nome della donna Nella poesia d amore latina la donna era spesso cantata con uno pseudonimo (falsum nomen) che serviva a nascondere la sua identità. Questo perché, generalmente, si trattava di amori clandestini, spesso per donne già sposate, che avrebbero suscitato scandalo nella società romana se fossero stati rivelati. La scelta del nome in codice da utilizzare nei versi avveniva secondo precisi criteri. Catullo ad esempio scelse di chiamare l amata Clodia con lo pseudonimo di Lesbia per due motivi: il primo, che i due nomi avevano uguale numero di sillabe e dunque erano interscambiabili nei versi; il secondo, che il nome Lesbia ricordava la poetessa Saffo di Lesbo, della quale entrambi erano ammiratori (Catullo ne tradusse alcune poesie dal greco). Nella poesia provenzale del XII secolo, le stesse ragioni di discrezione imposero ai poeti cortesi di utilizzare un nome in codice (senhal, segnale, pseudonimo ) per tutelare l onorabilità delle nobili signore alle quali dedicavano i loro versi d amore. Anche i poeti volgari italiani ripresero questa consuetudine. Ad esempio, Dante dà notizia che la donna amata dal suo amico Guido Cavalcanti, Giovanna (o monna Vanna), era chiamata anche Primavera, per alludere alla sua bellezza. Dante, però, introduce una novità. Egli spiega il nome Primavera come «colei che aveva preceduto» (= «prima verrà») Beatrice, così come il predicatore Giovanni Battista aveva preceduto la venuta di Cristo. Insomma, lo pseudonimo Primavera conferma indirettamente la natura divina di Beatrice. Con Dante ha inizio la cosiddetta interpretazione del nome, che corrisponde alle doti e alle qualità della donna che lo porta: Dante interpreta il nome Beatrice come «colei che dà la beatitudine»; ugualmente Petrarca interpreta il nome Laura associandolo a una serie di parole di suono simile tutte di significato positivo (l aura «l aria»; l aurora «l alba»; l auro «l oro»; il lauro «la corona dei poeti»). Nell Ottocento sarà Giacomo Leopardi a utilizzare nomi fittizi per cantare le vicende di figure femminili così esemplari da risultare dei simboli: celebre è il caso di Silvia sotto cui si nasconde l identità di Teresa Fattorini [ S4], morta adolescente per un male incurabile. Nel Novecento Gabriele d Annunzio assegna all attrice da lui amata Eleonora Duse il nome mitologico Ermione [ S6], a testimoniare una volontà di distinguersi e di allontanarsi dalla realtà quotidiana. Eugenio Montale userà più volte pseudonimi sotto cui sono adombrate donne reali: con il nome di Clizia è cantata la studiosa americana Irma Brandeis, Volpe è la sensuale scrittrice Maria Luisa Spaziani, Mosca (per via delle grandi lenti degli occhiali) la moglie Drusilla Tanzi, alla quale è dedicata la raccolta Xenia [ R9].

16 843 R L amore guida alla lettura La struttura del testo Il testo può essere suddiviso in tre parti. Nella prima (vv. 1-3) il poeta rivolge un esortazione alla sua donna perché goda della vita, amando e disinteressandosi delle chiacchiere dei soliti vecchi brontoloni. Nella seconda parte (vv. 4-6) si rivela il vero motivo di quell invito: la vita è breve e quando la luce del giorno si spegne una notte perpetua attende l uomo. Il rimedio a questo inesorabile destino è indicato nella parte conclusiva (vv. 7-13): baciarsi mille e mille volte, senza tenere mai il conto dei baci; qualche invidioso infatti, conoscendone il numero preciso, potrebbe approfittarne per lanciare contro di loro il malocchio, un incantesimo maligno che interrompa la favola del loro amore. Il tema e i motivi Per quanto ciò possa sembrare strano, l amore non è uno dei temi più diffusi nella letteratura latina. Per di più, una relazione extraconiugale tra un uomo e una donna sposata, come quella tra Catullo e Lesbia, sarebbe stata motivo di scandalo nella società romana. Il poeta cerca dunque di tenere il suo amore al riparo dalle «chiacchiere» delle malelingue e da occhi indiscreti che possano «guardare male» gettando il malocchio [ memo]. Nei versi successivi, però, si capisce qual è il vero ostacolo che impedisce il godimento di una vita spensierata: la brevità della vita umana. È questo un motivo* diffusissimo della letteratura antica, nella quale l uomo appare consapevole della precarietà della sua esistenza rispetto all eternità del tempo cosmico. Se il sole può tramontare e risorgere ciclicamente, così non è per l uomo al quale, al termine della giornata della vita, tocca dormire un unica buia notte. Queste riflessioni filosofiche si uniscono alla particolare situazione storica in cui vive Catullo (sono gli anni che porteranno all assassinio di Cesare e alla fine della repubblica a Roma), accentuando nelle coscienze dell epoca un senso di tristezza e di attesa angosciosa della fine. Una notte senza fine, mille baci senza fine Ma in questa poesia di Catullo non c è traccia di infelicità né di autocommiserazione. La reazione anzi è spigliata e scanzonata: con una serie di iperboli* il poeta chiede continuamente baci alla sua donna. Guai a tenerne il conto! I due amanti cadrebbero subito vittime dell invidia di qualcuno, o del tempo stesso che, contando i nostri baci, conta anche i momenti che ci restano da vivere. attività Comprendi 1. Esegui la parafrasi del testo, tenendo contro di quanto detto nelle note e nel commento. 2. Spiega il significato della metafora* prolungata dei vv. 4-6: 3. Perché secondo te il poeta tiene il suo amore lontano da sguardi indiscreti? Segna la risposta che ritieni più opportuna e motiva la tua scelta: a. perché teme che il suo amore clandestino sia scoperto b. per timore delle dicerie della gente c. per timore del malocchio e dell invidia d. per sottrarsi al tempo che passa

17 844 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia Analizza 4. Quali figure retoriche di sintassi* e di pensiero* sono contenute nei vv. 7-9? 5. Ritrova nel testo le parole relative ai motivi* tipici della letteratura latina e completa la tabella: godere la vita motivo testo «Godiamoci la vita..., e i piaceri d amore; Dammi mille baci...» i vecchi brontoloni... la brevità della vita... la notte paragonata alla morte... l invidia delle persone... Approfondisci 6. Leggi la scheda approfondisci qui sotto e confronta la poesia di Catullo con uno dei testi riportati, rilevando analogie e differenze. approfondisci Un motivo della poesia d amore e della musica leggera: i baci Le molte migliaia di baci che Catullo chiedeva alla sua amata Lesbia per ingannare la morte e confondere gli invidiosi sono diventate un motivo ricorrente nella poesia d amore. Il motivo si ritrova chiaramente in una quartina di Patrizia Valduga [ R11], accentuato dalla caratteristica sensualità della sua poesia: Baciami; dammi cento baci, e mille: cento per ogni bacio che si estingue, e mille da succhiare le tonsille, da avere in bocca un anima e due lingue. Parallelamente, il motivo si diffonde anche a livello della musica leggera. A riproporlo con successo in una notissima canzone del 1961 è Adriano Celentano. Il numero delle migliaia di baci viene finalmente contato: sono Con baci oggi saprai perché l amore vuole ogni istante mille baci, mille carezze vuole all ora. Con baci felici corrono le ore d un giorno splendido, perché ogni secondo bacio te.

18 845 R L amore R2 Odio e amo Gaio Valerio Catullo Ci troviamo nella fase della rottura del «patto» d amore fra Catullo e Lesbia. Nonostante ciò, il poeta non riesce a smettere di amare: la passione continua a tormentarlo. Autore Gaio Valerio Catullo (poeta latino, a.c. ca) Opera Canti Genere poesia lirica Temi il poeta ha smesso di voler bene alla donna, ma non di amarla; la passione è ancora forte, come il suo tormento interiore Strumenti verso [ P scheda 3]; figure retoriche [ P scheda 5]; tema e motivo [ P scheda 6, 2] Io odio e amo. Ma come, dirai. Non lo so, sento che avviene e che è la mia tortura. da I canti, trad. di E. Mandruzzato, Bur, Milano 2001 Puoi leggere un altro testo di Catullo e approfondire l autore R1. link Odiare significa «avere in antipatia, consi- memo derare con disprezzo e fastidio». L odio è il sentimento di profonda avversione, inimicizia, contrarietà verso cose o persone. guida alla lettura Un distico malinconico Si tratta di uno dei distici* (coppia di versi) più noti della letteratura latina. È inserito nella terza parte del libro di Catullo, che contiene componimenti brevi, spesso di tono irriverente (contro i propri avversari) o malinconico e sofferto come questo. Fine di un amore Siamo ormai nella fase della rottura del «patto» d amore fra Catullo e Lesbia, che lascia il poeta nel più profondo sconforto. Eppure, egli ha smesso di «voler bene» («odio»), ma non di «amare» («amo»): la forte attrazione per la donna non è cessata, e questo è il suo tormento maggiore. Egli si domanda come ciò possa accadere, non sa darsi una risposta, ma sente che dentro di lui è così. Amore e odio Si può amare e odiare la stessa persona contemporaneamente? Il poeta ci suggerisce di sì, accostando in un antitesi* i sentimenti opposti per eccellenza, l amore e l odio. Anche la nostra esperienza personale ci dice che talvolta è proprio così: amiamo una persona, ne siamo fortemente attratti, ma a volte proviamo fastidio per certi suoi comportamenti, modi di fare o di pensare. La straordinaria sopravvivenza di questo motivo* nella letteratura contemporanea e persino nella musica leggera ci dà una conferma. Il poeta cileno Pablo Neruda ( ) scriveva in un sonetto del 1924: «Ti amo solo perché io te amo, / senza fine io t odio, e odiandoti ti prego». E in un noto successo del 1971 Mina cantava: «ti odio e poi ti amo e poi ti amo / e poi ti odio e poi ti amo... / non lasciarmi mai più».

19 846 3 Leggere, comprendere, analizzare La poesia attività Comprendi 1. A chi si rivolge secondo te il poeta in questa poesia? A un amico? A Lesbia? A se stesso? Da che cosa lo capisci? Analizza 2. Qual è la figura retorica su cui si basano i due versi? Approfondisci 3. L amore è sintesi di tutti gli opposti. Perciò racchiude anche il suo contrario, l odio. Sei d accordo? Esprimi un tuo parere in proposito e dai una tua definizione di questo sentimento. R3 Amor è uno desio che ven da core Giacomo da Lentini Autore Giacomo da Lentini (poeta italiano, XIII secolo) Opera Rime Genere poesia lirica Temi l amore ha origine da un intenso piacere della donna amata che, passando per gli occhi, si stabilisce nel cuore e si alimenta attraverso l immaginazione dell innamorato Strumenti parafrasi [ P scheda 2]; verso [ P scheda 3]; rima e sistemi strofici [ P scheda 4]; figure retoriche [ P scheda 5]; parolechiave e campi semantici [ P scheda 6, 1] Il poeta fornisce una dettagliata descrizione del meccanismo dell innamoramento, quasi fosse un trattato medico-scientifico: l amore ha origine dalla visione della persona amata, si impianta nel cuore, sede delle facoltà vitali dell individuo, e si alimenta di desiderio e immaginazione. Per facilitare la comprensione della poesia forniamo di seguito la parafrasi completa. Amor è uno desio che ven da core per abondanza di gran piacimento e li occhi in prima generan l amore 4 e lo core li dà nutricamento. Ben è alcuna fiata om amatore senza vedere so namoramento, L amore è un desiderio che nasce nel cuore a causa di un grande piacere («piacimento») e gli occhi generano da principio l amore e il cuore lo alimenta («dà nutricamento»). È ben vero che talvolta («alcuna fiata») qualcuno («om») s innamora senza vedere l oggetto del suo amore, ma quell amore che stringe con passione nasce dalla 1. desio: desiderio. 2. piacimento: è il piacere soggettivo, avvertito dai sensi dell uomo che s innamora, attratto dalla bellezza oggettiva della donna. 4. nutricamento: alimento, nutrimento: è una metafora* che indica come la passione cresce e si alimenta all interno dell uomo. 5. Ben è alcuna fiata om amatore: è ben vero che qualche volta (fiata) ci si innamora (om come nel francese ha valore impersonale, indica dunque un esperienza che riguarda tutti, indistintamente). 6. senza vedere: il poeta allude polemicamente ad alcuni testi di poeti provenzali, in cui si racconta di uomini innamorati senza aver mai avu-

20 847 R L amore ma quell amor che stringe con furore 8 da la vista de li occhi à nascimento. Che li occhi rapresentan a lo core d onni cosa che veden bono e rio, 11 com è formata naturalemente; e lo cor, che di zo è concepitore, imagina, e piace quel desio: 14 e questo amore regna fra la gente. visione degli occhi: poiché gli occhi trasmettono al cuore tutto ciò che percepiscono, sia le qualità buone sia quelle cattive («bono e rio»), così come sono in natura; e il cuore, che accoglie («è concepitore») tutto ciò («zo»), comincia a immaginare e a provare piacere di quel desiderio. E questo è l amore che risiede tra gli uomini. da Rime, XIX to occasione di vedere la donna amata. namoramento: l oggetto d amore, quindi la donna. 12. di zo: di tutto ciò, delle immagini trasmesse dagli occhi. La parola furore indica un impeto, una passione incontrollabile (a furor di memo popolo, far furore, ecc.). È sinonimo di furia, «pazzia»: anticamente infatti la passione era considerata una malattia dovuta all eccesso di pensieri. Nell Orlando furioso, ad esempio, l omonimo protagonista è pazzo per amore. l autore Giacomo da Lentini Davvero poche sono le notizie biografiche riguardanti questo poeta nato a Lentini, in Sicilia, del quale si hanno notizie certe solo dal 1233 al Fu notaio a Palermo, alla corte dell imperatore di Svevia Federico II, e con il titolo «il Notaro» si firma a chiusura di alcuni suoi componimenti. Dante lo cita come autorevole rappresentante della scuola siciliana nel XXIV canto del Purgatorio, elogiando la qualità delle sue poesie e la varietà delle forme metriche utilizzate. Di lui restano 38 componimenti, fra cui alcuni sonetti*, forma metrica di cui è considerato l inventore. guida alla lettura Rispondere per le rime Il sonetto* fu scritto da Giacomo da Lentini in risposta a una «tenzone» (nel Due-Trecento è così chiamato lo scambio di componimenti, a mo di botta e risposta, tra due poeti su un argomento specifico) con Pier della Vigna e Jacopo Mostacci. Quest ultimo aveva posto ai poeti della corte siciliana di Federico II (di cui Giacomo da Lentini è l esponente più illustre: approfondisci La lirica delle origini, p. 850) un interrogativo sulla natura del sentimento dell amore: esso infatti sembra invisibile, eppure fa sentire gli effetti del suo potere. Pier della Vigna aveva confermato la realtà dell amore, sostenendo che ha un potere tanto maggiore proprio in quanto esercita una forza di attrazione misteriosa ma irresistibile. Giacomo risponde a entrambi, riprendendo i loro ragionamenti e persino lo schema metrico e le rime finali dei due sonetti. Da questa antica consuetudine deriva il nostro modo di dire «rispondere per le rime».

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Dall immagine tesa. di Clemente Maria REBORA. Assenze che parlano. commento a cura di Giuseppe Mongelli

Dall immagine tesa. di Clemente Maria REBORA. Assenze che parlano. commento a cura di Giuseppe Mongelli Dall immagine tesa di Clemente Maria REBORA Assenze che parlano commento a cura di Giuseppe Mongelli analisi delle figure retoriche a cura di Daniela Massari e Vincenza Mezzina Il presente documento è

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli