36 TORNEO CNP Regolamento e Sistema di Punteggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "36 TORNEO CNP Regolamento e Sistema di Punteggio"

Transcript

1 36 TORNEO CNP Regolamento e Sistema di Punteggio IL TORNEO SI SVOLGERÀ IN 2 PROVE DOMENICA 11 AGOSTO 2013 Gara di pesca d altura in drifting 14 TROFEO RICCARDO RENZONI SISTEMA DI PUNTEGGIO E CLASSIFICA DOMENICA 15 SETTEMBRE 2013 Gara di traina d altura Ai fini della classifica finale del 36 trofeo CNP, gli equipaggi devono partecipare obbligatoriamente alle due prove. Nel caso di annullamento di una delle due prove, il 36 Torneo CNP verrà assegnato sulla base dell unica prova valida. PUNTEGGI E CLASSIFICHE CON CATTURE E/O RILASCI Esempio con 20 imbarcazioni iscritte con catture: EQUIPAGGIO POSIZIONE PUNTEGGIO EQUIPAGGIO 1 Classificato Punti 20 2 Classificato Punti 18 3 Classificato Punti 16 4 Classificato Punti 15 5 Classificato Punti 14 6 Classificato Punti 13 7 Classificato Punti 12 8 Classificato Punti 11 9 Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti Classificato Punti 02 SISTEMA DI PUNTEGGIO P.S. Ad ogni equipaggio senza catture verrà assegnato 1 punto. Sarà decretato vincitore del Torneo l equipaggio che avrà totalizzato il maggior punteggio nelle due prove

2 PESCA D ALTURA IN DRIFTING 14 TROFEO RICCARDO RENZONI - 1^ Prova Valevole come prova Campionato Provinciale Drifting Art. 1 ORGANIZZAZIONE Il Club Nautico Pesaro organizza l 11 agosto 2013 la manifestazione denominata 14 Trofeo RICCARDO REN- ZONI; in caso di condizioni meteo marine avverse la gara verrà rinviata al 18 agosto La competizione è valida, con classifica ed iscrizioni separate, quale 1 prova TRO- FEO RENZONI e come prova di Campionato Provinciale (selettiva) Drifting. La manifestazione è retta dal presente Regolamento Particolare, che tutti i partecipanti, per effetto della loro iscrizione, dichiarano di conoscere ed accettare. Il Club Nautico Pesaro provvederà a richiedere ed ottenere le autorizzazioni previste dalle vigenti disposizioni per lo svolgimento della gara. Art. 2 ISCRIZIONI Le iscrizioni, da compilarsi su modulo fornito dal Club Nautico Pesaro, si accetteranno inderogabilmente sino alle ore del 10 agosto e, contestualmente, si dovrà indicare l eventuale iscrizione anche al Campionato Provinciale (selettiva) di Traina d Altura valida come 2 prova del TROFEO RENZONI. Ad insindacabile giudizio del Club Nautico Pesaro, le iscrizioni al Trofeo Renzoni potranno riaprirsi nel caso in cui la gara dovesse essere rimandata. La quota di partecipazione viene stabilita in 100,00 per equipaggio e per ogni singola prova. Art. 3 PARTECIPANTI Gli equipaggi saranno formati da massimo quattro atleti dei quali uno svolgerà la funzione di ispettore di bordo e tutti dovranno essere in possesso della tessera agonistica FIPSAS valida per l anno in corso. Gli equipaggi che partecipano con propria imbarcazione avranno lo Skipper compreso nel numero di massimo quattro componenti. Nel caso in cui un equipaggio partecipi alla manifestazione con imbarcazione non propria, ma fornita ESCLU- SIVAMENTE dall organizzazione, questa sarà condotta da uno Skipper, (addizionato agli atleti concorrenti) che non potrà in alcun modo partecipare ed interagire all azione di pesca, limitandosi alla conduzione dell imbarcazione ed assumendosi la piena responsabilità della stessa e dell equipaggio imbarcato nel rispetto del Codice della Navigazione. Ogni comandante delle imbarcazioni dovrà dichiarare all atto dell iscrizione il proprio ispettore di bordo che sarà considerato a tutti gli effetti membro dell equipaggio e che svolgerà la propria funzione di controllo a bordo di un altra imbarcazione partecipante alla manifestazione. Il sorteggio per l abbinamento ispettore/imbarcazione sarà fatto dalla Direzione Gara al termine delle iscrizioni e potranno parteciparvi i comandanti degli equipaggi iscritti. Sarà cura del comandante nonché di tutto l equipaggio tenere un comportamento corretto e rispettoso nello spirito dell etica sportiva che contraddistingue la manifestazione. Non sono ammessi ospiti di nessun genere sulle imbarcazioni in pesca, ma è facoltà della Direzione di Gara assegnare solo su imbarcazioni della giuria eventuali ospiti (giornalisti, autorità, sponsor ecc.). I partecipanti che non abbiano compiuto il 18 anno di età possono partecipare alla gara solo se in possesso di un autorizzazione scritta e rilasciata da chi ne esercita la patria potestà alla Direzione di Gara o nel caso in cui siano accompagnati dallo stesso. I comandanti degli equipaggi dovranno essere in regola con le vigenti norme di pesca e con la registrazione presso l Autorità Marittima per la pratica della pesca sportiva in mare. Art. 4 RESPONSABILITÀ Per effetto dell iscrizione il comandante di ciascuna unità si assume la piena responsabilità di qualsiasi tipo per quanto riguarda la propria unità e il proprio equipaggio. La Capitaneria di Porto, la FIPSAS, il Club Nautico Pesaro con i loro rappresentanti e collaboratori, il Direttore di Gara ed il Giudice di Gara sono esonerati da qualsiasi responsabilità per danni o incidenti che possono derivare alle cose o alle persone partecipanti alla manifestazione sportiva. Art. 5 RADUNO Tutti i partecipanti dovranno ritrovarsi, pena l esclusione dalla gara, a disposizione dell organizzazione alle ore 6,30 del giorno 11 agosto 2013 nei locali del Club Nautico Pesaro. Gli equipaggi presenti al raduno che per cause di forza maggiore non potranno prendere il via congiuntamente a tutte le altre imbarcazioni, dovranno essere espressamente autorizzati dal Direttore di Gara, ma il tempo perduto non sarà recuperabile. Art. 6 CAMPO DI GARA (vedi carta allegata) Il campo di gara è delimitato da un cerchio di 6 miglia di raggio avente come centro le seguenti coordinate: N E. L eventuale scarroccio fuori campo gara sarà considerato sconfinamento con obbligo di rientro nel campo gara. Ogni spostamento effettuato con i motori per portare a termine il combattimento, comporterà necessariamente, pena la squalifica, il rientro immediato nel campo di gara e dovrà essere comunicato con le nuove coordinate; questo spostamento non verrà considerato negli spostamenti consentiti. Art. 7 INIZIO E TERMINE GARA La gara avrà una durata effettiva di sette ore. Alle ore 7.30, nella zona antistante il porto di Pesaro, si raduneranno tutte le imbarcazioni iscritte alla manifestazione per avviarsi assieme alla Barca Giuria nei pressi (500mt.) della Piattaforma Daria. Il Direttore di Gara comunicherà via radio l inizio della manifestazione alle ore 8.30 circa ed il termine gara verrà, quindi, fissato approssimativamente alle ore Il rientro al porto di Pesaro dovrà avvenire tassativamente entro e non oltre le Nel caso in cui un equipaggio, alla comunicazione del temine gara sia impegnato ancora in combattimento di una preda ferrata precedentemente, avrà a disposizione ulteriori 30 minuti per completare la cattura e per imbarcare/rilasciare la preda. In questo caso il termine massimo del rientro in porto viene derogato alle ore L eventuale preda ferrata dopo il segnale di fine gara non sarà ritenuta valida. Per avverse condizioni meteo marine la Direzione Gara, potrà sospendere, a suo insindacabile giudizio, lo svolgimento della manifestazione; pertanto, dovrà decadere immediatamente qualsiasi azione di pesca e dovrà essere immediatamente effettuato rientro in porto; la gara sarà ritenuta valida solamente se saranno trascorse almeno tre ore e trenta minuti dall inizio della manifestazione.

3 Art.8 UNITÀ DA DIPORTO Le unità da diporto dovranno essere in regola con le vigenti norme legislative ed amministrative, abilitate alla navigazione nel tratto di mare destinate al campo di gara. Per tutta la durata della gara, le unità dovranno portare ben visibile sulla fiancata di dritta il numero di gara fornito dall organizzazione. É consentito sostituire l unità per avaria o per altra motivazione. Se la sostituzione avviene a raduno già avvenuto, il comandante dovrà ottenere la preventiva autorizzazione del Direttore di Gara. Se la sostituzione avviene prima del raduno, occorrerà evidenziare la modifica sulla scheda d iscrizione. Art. 9 COMUNICAZIONI Per la durata della manifestazione, rimarrà operativa presso la sede del Club Nautico Pesaro, per assistenza e soccorso, la stazione ricetrasmittente VHF sul canale 9. Le imbarcazioni dovranno essere, quindi, dotate di apparecchio ricevente/trasmittente VHF, che dalla partenza all arrivo dovrà essere costantemente tenuto in posizione di ascolto. L equipaggio in azione di pesca dovrà comunicare immediatamente alla stazione di ascolto la propria posizione con coordinate geografiche ( latitudine e longitudine) o polari (distanza e gradi bussola). Gli equipaggi dovranno, inoltre, comunicare con le stazioni di ascolto il momento in cui, terminata l azione di pesca, si accingono a intraprendere la rotta di rientro al porto, per evitare la diramazione di stato d allarme alla Capitaneria di Porto competente. Art. 10 CONTROLLI Ad insindacabile giudizio del Direttore di Gara, potranno essere fatte delle verifiche a campione sulle imbarcazioni al fine di esaminare la regolarità delle attrezzature pescanti e dell eventuale pastura a bordo. I controlli potranno essere fatti anche in mare durante l attività di pesca per mezzo della Barca Giuria. Art. 11 ATTREZZATURE PESCANTI Ogni equipaggio può dotarsi di un massimo di cinque canne dei libraggi consentiti purché preventivamente punzonate e numerate e non potranno essere imbarcati ulteriori attrezzi da pesca pena l immediata squalifica. Durante l attività di pesca è consentito l uso contemporaneo di un massimo di quattro canne in acqua senza distinzione tra canna tipo stand-up e canna tradizionale conformi all etica sportiva e alle consuetudini. Nella manifestazione sportiva sono previste unicamente due classi di lenza con monofilo, multifilo con o senza anima piombata: 15 kg (30 lbs con max lbs 33.06) 24 kg (50 lbs con max lbs 52.91) sui carichi di rottura in kg sopra riportati non è prevista alcuna tolleranza. Presso la sede del Club Nautico Pesaro, nei giorni antecedenti la manifestazione ed in orario di iscrizione alla gara stessa, sarà possibile effettuare prove dinamometriche. Per tutte le verifiche delle lenze dichiarate all atto dell iscrizione, faranno fede esclusivamente le risultanze ottenute dal dinamometro fornito dalla Direzione di Gara. Le operazioni di verifica delle lenze avranno luogo presso la sede del Club Nautico Pesaro al rientro in porto della prima imbarcazione. A tali operazioni provvederà il Direttore di Gara o i suoi delegati e potrà assistervi un rappresentante dell equipaggio che sottoscriverà il verbale di verifica. É consentito l uso del terminale senza alcuna limitazione nella resistenza e nei materiali utilizzati e della doppia lenza alle seguenti condizioni tassative: la lunghezza del terminale non potrà essere superiore a mt. 9,14; - La lunghezza della doppia lenza non potrà essere superiore a mt. 9,14; - La lunghezza complessiva del terminale e della doppia lenza non può superare i mt. 12,19 comprensiva dell amo. - La doppiatura della lenza deve essere fatta con lo stesso corpo di lenza ed è ammesso un solo amo per terminale. Gli unici ami ammessi, sono di tipo CIRCLE non OFFSET e dovranno essere tassativamente di tipo biodegradabile SENZA ARDIGLIONE; non sono assolutamente ammessi ami di acciaio inossidabile e non vi sono limitazioni per grandezza. É consentito solamente l uso di piccoli galleggianti al solo scopo di regolare la profondità dell esca. Questi galleggianti non devono, comunque, limitare la possibilità di difesa del pesce. É assolutamente vietato l uso del trespolo. Ogni raffio deve avere un solo gancio. Il raffio fisso non può superare la lunghezza di mt. 2,45 complessivo. Il raffio volante, comprensivo della cima, non può superare la lunghezza di mt. 9,00. É tassativamente vietato l uso dell arpione. Ogni equipaggio dovrà fornirsi di videocamera digitale con SIM CARD ESTRAIBILE al fine di poter consentire alla Direzione di Gara la migliore valutazione delle dimensioni delle prede rilasciate. In caso di rottura della lenza e/o raddoppio durante l azione di combattimento verrà attribuita all equipaggio una penalità di punti pari a (ventimila). La rottura del terminale durante l azione di pesca non comporterà penalità per l equipaggio. Art CONDOTTA DI GARA Tutti i partecipanti sono tenuti al rispetto del presente Regolamento, della Circolare Normativa FIPSAS del corrente anno. In particolare sono tenuti ad osservare le seguenti disposizioni: a) Tenere un comportamento corretto nei confronti degli Ufficiali di Gara, degli incaricati dell organizzazione e di tutti i concorrenti; b) Sottoporsi, se richiesto, al controllo preliminare prima dell inizio della gara e ad eventuali successivi accertamenti da parte degli Ufficiali di Gara; c) Comunicare la propria posizione non appena raggiunto il punto di pesca, specificando la modalità di pesca prescelta tra ancora o deriva; d) Avvenuta la ferrata, il motore della barca può essere utilizzato per rincorrere il pesce e recuperare la mancanza di lenza così come per posizionarsi nel modo di pesca più idoneo per il recupero del pesce; e) Per ragioni di sicurezza è fatto obbligo agli equipaggi di comunicare tempestivamente alla stazione di ascolto la propria posizione di pesca in coordinate geografiche (latitudine e longitudine) o coordinate polari (rotta e distanza dal porto di partenza) ogni qualvolta la Direzione di Gara ne faccia richiesta. Durante la gara gli enti organizzatori saranno in continuo ascolto sul canale 9 del VHF e vige, pertanto, l obbligo di ascolto radio sul canale prestabilito da parte di tutti gli equipaggi partecipanti alla manifestazione; f) Per tutta la durata della gara, le imbarcazioni dovranno portare, ben visibile sulla fiancata di dritta, il numero di gara fornito dall organizzazione; g) Al segnale di fine gara tutte le lenze in pesca dovranno essere immediatamente ritirate in barca e l eventuale ferrata dichiarata in contemporaneità con il segnale di fine gara non sarà considerata valida. PESCA D ALTURA IN DRIFTING

4 PESCA D ALTURA IN DRIFTING Art. 13 ADEMPIMENTI IN CORSO DI GARA Per ogni singola allamata: 1) l equipaggio, pena l invalidazione della cattura, deve darne immediata comunicazione radio alla Direzione di Gara indicando le coordinate geografiche o polari, il numero dell attrezzatura impiegata, l orario di ferrata e di cattura/rilascio, il nome del concorrente alla canna e la tipologia del pesce rilasciato/catturato; 2) nel caso d impossibilità di comunicazione con la Direzione Gara, il comandante dell imbarcazione darà indicazione dei dati all ispettore presente a bordo ed al comandante di un altra imbarcazione. Tale circostanza dovrà essere notificata alla Direzione di Gara nel corso dei successivi contatti radio; in assenza di tale collegamento e trascorsa un ora senza comunicazione radio, l imbarcazione (Concorrente) sarà considerata fuori gara con la relativa segnalazione alla Guardia Costiera per le opportune ricerche; da quel momento qualsiasi ulteriore cattura o rilascio non saranno ritenuti valide. 3) L ispettore di bordo dovrà annotare nella propria scheda il numero sequenziale delle catture, l orario di ferrata e di cattura/rilascio, la tipologia del pesce catturato/rilasciato, il numero di attrezzatura usata ed il nome dell angler. 4) Altrettanto tempestivamente dovranno essere comunicati eventuali spostamenti con la comunicazione alla Direzione di Gara delle nuove posizione con coordinate geograficheo polari 5) Al rientro in porto, il comandante deve consegnare alla Direzione di Gara tutte le attrezzature dichiarate al momento della iscrizione che abbiano o non abbiano catturato/rilasciato per la verifica della classe di lenza. La mancata consegna comporterà la squalifica dell equipaggio. L INOSSERVANZA DELLE NORME PARTICOLARI SOPRA INDICATE COMPORTERA AUTOMATICAMENTE LA SQUALIFICA CON CONSEGUENTE PENALIZZAZIONE DELL EQUIPAGGIO. Art. 14 ATTI CHE SQUALIFICANO LA CATTURA 1) Il pescatore (angler) che per primo estrarrà la canna dal porta canne all atto dell allamata sarà l unico che potrà portare a termine il combattimento senza nessun tipo di aiuto dagli altri membri dell equipaggio. 2) É consentito rimuovere piombo o segnalatori dalla lenza da parte di un componente dell equipaggio senza toccare la lenza stessa o interrompere in alcun modo l azione di pesca. 3) Il componente dell equipaggio potrà, per portare a termine la cattura, prendere in mano solo il terminale. 4) Il pesce che presenta gravi mutilazioni non sarà considerato valido ai fini della classifica. 5) La canna in fase di combattimento non potrà essere appoggiata su eventuali supporti e la poltrona o quant altro si usi per il combattimento dovrà essere conforme a quanto normalmente utilizzato. 6) Nel caso di rottura della canna quando la sua lunghezza residua risulti inferiore a mt compreso il manico comporta automaticamente la squalifica della cattura/rilascio. 7) Nel caso di combattimento in stand-up l angler può essere supportato da altro componente dell equipaggio che,per motivi di sicurezza, deve limitarsi a tenerlo per le maniglie o appigli presenti nell harness (giubbotto da combattimento). 8) Non è consentita la tecnica dello SPINNING. 9) Usare il laccio di coda sia per il rilascio che per la cattura comporta la squalifica della preda. Art. 15 ESCHE E PASTURA É consentito esclusivamente l uso di ESCHE NATURALI ed è vietato l uso di artificiali, di carne, di sangue, di pelle o altra parte di mammiferi. É vietata qualsiasi forma di pesca con il vivo ed ogni imbarcazione può detenere a bordo al massimo Kg. 65 di pastura compresa l esca; Art.16 PREDE VALIDE Ai fini della classifica saranno considerati validi i seguenti pesci purché catturati/rilasciati secondo quanto stabilito dalle norme federali. TONNO ROSSO: solo rilascio con bonus AGUGLIA IMPERIALE: solo rilascio con bonus PESCE SPADA: solo rilascio con bonus PESCI SQUALIFORMI: solo rilascio senza bonus ALTRI PESCI SPORTIVI: solo cattura minima 5 Kg. La cattura di pesci di peso inferiore, ma nel rispetto del peso minimo previsto dalle leggi nazionali e comunitarie, comporta l annullamento della stessa senza alcuna penalità. La cattura di pesci di peso e misure inferiori ai minimi previsti dalle leggi nazionali o comunitarie, ovvero non rispondenti a quanto stabilito dalla tabella esposta sul sito federale, comporta la retrocessione all ultimo posto della classifica finale. RILASCIO: il rilascio dei pesci dovrà essere effettuato mediante slamatura manuale, con taglio del nodo sull amo o con taglio del terminale ad una distanza massima di cm. 50 dalla bocca del pesce e, comunque, ad una distanza tale da non permettere l avvolgimento del pesce con il filo. II rilascio sarà considerato valido solo se dopo che il terminale sia stato afferrato da un membro dell equipaggio si verifichi la slamatura accidentale del pesce; in questo casi si attribuirà il punteggio minimo per la preda. Per la misurazione dei pesci sarà fornita dall organizzazione un asta lunga mt. 1,90 dotata di un moschettone di collegamento alla montatura che potrà essere agganciato solo ed esclusivamente sul raddoppio o sul terminale. Tale asta è divisa,con 3 colorazioni differenti, in 4 (quattro) settori: Da 0 a 79 cm. Peso Tecnico Kg. 10 (dieci) solo per punteggio minimo (nei casi previsti) 1 Settore da 80 a 129 cm. Peso Tecnico Kg. 23 (ventitré) 2 Settore da 130 a 167 cm. Peso Tecnico Kg. 48 (quarantotto) 3 Settore da 168 a 190 cm. Peso Tecnico Kg. 76 (settantasei) 4 Settore oltre i 190 cm. Over Fishing. Peso Tecnico Kg. 108 (centotto) È obbligatorio riprendere le fasi finali della cattura/rilascio, della punzonatura della canna e dell angler con la videocamera dotata di SIM CARD ESTRAIBILE OBBLIGA- TORIA a bordo al fine di consentire alla Giuria di visionare la specie e la taglia della preda nonché la regolarità della azione di rilascio. Le misure saranno effettuate fuori tutto e cioè dall estremità della bocca al punto mediano della retta congiungente gli apici delle coda. Tutti i rilasci e/o marcature saranno validi ai fini della classifica solamente nel caso in cui l ispettore di bordo verifichi le condizioni sopra esposte e la Direzione di Gara non abbia riscontrato nel filmato atti che squalifichino la cattura. In presenza di immagini che non diano piena certezza sulla fascia di misurazione da attribuire al pesce si assegnerà il peso tecnico spettante alla fascia immediatamente inferiore.

5 La stima ai fini della validità e dell attribuzione del relativo punteggio tecnico di fascia e della correttezza delle operazioni di rilascio sarà decisa dal Giudice di Gara con parere consultivo del Direttore di Gara. Il Giudice di Gara e il Direttore di Gara a loro discrezione per giudicare equamente i video si potranno avvalere della collaborazione di una commissione composta da tre comandanti degli equipaggi partecipanti sorteggiati o nominati dagli stessi ufficiali di gara. Dopo le valutazioni definitive delle misure, non sarà più possibile proporre reclamo. Si raccomanda vivamente ai partecipanti il rilascio delle catture valutate sottopeso. Art SPOSTAMENTI E DISTANZA TRA LE UNITA DA DIPORTO IN GARA All inizio dell azione di pesca l equipaggio dovrà comunicare oltre alle coordinate anche la tipologia di pesca adottata, in drifting o ancorata. Sono consentiti spostamenti con accensione del motore della barca che dovranno essere al massimo due in caso di pesca in drifting ed uno soltanto nel caso di pesca ancorati. L equipaggio, prima di muoversi deve obbligatoriamente comunicare alla Direzione di Gara la propria intenzione a spostarsi ed ottenerne il consenso, pena la squalifica. Successivamente, dopo lo spostamento, sempre alla Direzione di Gara, dovranno essere nuovamente fornite le coordinate di pesca. La modifica della tecnica di pesca, ancorata/deriva o viceversa è SEMPRE considerata spostamento e, quindi, sarà valutata come da regolamento. La distanza minima tra le imbarcazioni dovrà obbligatoriamente essere di almeno mt In caso di ferrata e il conseguente spostamento per il combattimento, l imbarcazione può avvicinarsi ad altra barca ad una distanza inferiore a quella minima consentita senza che quella in azione normale di pesca debba obbligatoriamente spostarsi. Al termine del combattimento, però, l imbarcazione che è stata in combattimento dovrà ristabilire la distanza minima di mt. 500 tra le barche. Viene considerato spostamento anche il semplice risalire la scia di pastura, mentre non è considerato spostamento ritornare nel punto di pesca dopo il combattimento (boa) nel caso di pesca ancorati. Le imbarcazioni dovranno rispondere alle chiamate radio effettuate dalla Direzione di Gara per controllo e comunicazione. Art TEST E VERIFICHE LENZE E MONTATURE (Dopo gara) - Tutte le attrezzature dovranno essere consegnate alla Direzione di Gara per le opportune verifiche e misurazioni tramite l ispettore di bordo unitamente ad un membro dell equipaggio. I fili saranno testati singolarmente e, se almeno uno dei tre test previsti al dinamometro darà un risultato del carico di rottura pari o inferiore alla classe dichiarata, la verifica sarà positiva. Nel caso in cui nessuno dei tre test previsti (classe 15 Kg.) risulti positivo le catture e/o rilasci effettuati con l attrezzatura in esame saranno conteggiati con i punteggi della classe di lenza superiore (24 Kg.). Se al test, il filo usato come lenza madre, risulta superiore alla classe Kg. 24, tutte le catture fatte con quella attrezzatura di pesca saranno considerate non valide, senza ulteriori penalità per l equipaggio. Art PESATURA DEL PESCATO Le operazioni di pesatura saranno effettuate nel luogo e all orario stabilito dagli organizzatori e potranno assistervi i concorrenti o loro rappresentanti. La contestazione su eventuali errori di pesatura dovrà essere fatta immediatamente e pertanto non sono ammessi reclami. Art COEFFICIENTI DI PESCE Ad ogni pesce, sia catturabile che rilasciabile, viene assegnato un coefficiente che concorrerà, assieme al peso ed alla lenza impiegata, a determinare, mediante apposita formula, il punteggio da attribuire. La tabella di seguito riportata definisce i coefficienti da attribuire alle varie specie: Tonno Rosso coefficiente 3 Solo rilascio Pesce Spada coefficiente 3 Solo rilascio Aguglia Imperiale coefficiente 3 Solo rilascio Altri pesci sportivi coefficiente 2 Cattura Art SISTEMA DI PUNTEGGIO Per attribuire il punteggio ad ogni singola preda sia catturata (ove consentito dal regolamento) che rilasciata verrà utilizzata la seguente formula: (P.T. x P.T.) oppure (P.P. x P.P.) C.P. x x = C.R. T. x (C.R. x C.R.) dove: P.T. = Punteggio Tecnico (rilascio) P.P. = Punteggio Preda (cattura 1 punto ogni 100 gr.) C.R. = Carico Rottura Lenza in kg. (15 o 24 kg.) C.P. = Coefficiente Preda T. = Tempo in minuti (di 5 in 5 min. Per i primi 60 min. Poi di 10 in 10 min) Art TIMING Il punteggio tecnico di base come premio di rilascio differente per ogni singola fascia di misurazione e classe di lenza è riportato nella tabella allegata. Esso è calcolato, considerando la differenza di peso tra le fasce di appartenenza del pesce ( ) ed il tempo impiegato nell azione di pesca. La rilevazione del Timing inizierà nel momento in cui l Angler toglierà la canna in Strike dal porta canna o farà girare la manopola del mulinello in azione di recupero e si concluderà nell attimo in cui la preda sarà toccata dall asta di misurazione che sarà confermata dalla prova video. Art SISTEMA DI CLASSIFICA IL CAMPIONATO PROVINCIALE QUALE SELETTIVA DRIF- TING SI SVOLGERÀ IN UNA PROVA UNICA. Nel caso di parità di punteggio verrà data precedenza all equipaggio che avrà catturato/rilasciato il pesce di maggior peso (reale o tecnico). Se la parità dovesse ancora permanere prevarrà il minor numero di pesci rilasciati o catturati ed in caso di ulteriore parità verrà data precedenza all equipaggio che, dall inizio gara, avrà ferrato per primo un pesce valido in classifica. Art. 24 DESTINAZIONE DEL PESCATO Ogni comandante sarà responsabile del proprio pescato. Art RECLAMI I comandanti, che per qualsiasi motivo, intendessero esporre reclamo, dovranno presentarlo per scritto entro 30 minuti dal rientro in porto con versamento di una cauzione di 50,00. I reclami saranno decisi seduta stante dal Giudice di Gara, dopo aver eseguito i necessari accertamenti. La cauzione verrà restituita in caso di accoglimento favorevole del reclamo Non saranno comunque presi in considerazione i reclami che riguardino esclusivamente il codice della Navigazione e le operazioni di pesatura in quanto quest ultima pubblica. PESCA D ALTURA IN DRIFTING

6 PESCA D ALTURA IN DRIFTING Ogni provvedimento relativo a ricorsi o reclami è a insindacabile giudizio del Giudice di Gara. Per quanto non previsto dal presente regolamento si rimanda alla Circolare Normativa FPSAS 2013 Art DIRETTORE E GIUDICE DI GARA: Il Direttore di Gara è nominato dalla società organizzatrice, mentre il Giudice di Gara è nominato dalla sezione provinciale della FIPSAS. I nominativi del Direttore e del Giudice di Gara saranno esposti, presso la sede del CNP nei giorni precedenti la gara. TABELLA PUNTI MINIMI PER SLAMATURA / MANCATA MISURAZIONE / ROTTURA TERMINALE DOPO LA FINE DEL TIMING Minuti 15 Kg Kg. 10 MINUTI PT Kg.23 PT Kg.23 PT Kg.48 PT Kg.48 PT Kg.76 PT Kg.76 PT Kg.108 PT Kg.108 TIMING CR Kg15 CR Kg.24 CR Kg.15 CR Kg.24 CR Kg.15 CR Kg.24 CR Kg.15 CR Kg

7 CAMPO GARA CAMPO GARA PESCA D ALTURA IN DRIFTING E TRAINA N E R = 6 Mg

8 TRAINA D ALTURA Valevole come Campionato Provinciale di Traina d Altura 2^ Prova del 14 Trofeo Riccardo Renzoni Art. 1 - DENOMINAZIONE Il Club Nautico di Pesaro organizza il giorno 15 Settembre 2013 il Campionato Italiano FIPSAS di Traina d Altura (selettiva). Eventuale recupero il 29/09/2013; valevole come 2 prova del 36 TORNEO C.N.P. 14 TRO- FEO Riccardo RENZONI Art. 2 - ORGANIZZAZIONE Il Club Nautico di Pesaro provvederà a richiedere le autorizzazioni prescritte per lo svolgimento della gara e solleva espressamente la F.l.P.S.A.S. da ogni responsabilità organizzativa. La manifestazione è retta dal regolamento tecnico agonistico della circolare normativa per l'anno 2013 e dal presente regolamento particolare che tutti i partecipanti, per effetto della loro iscrizione, dichiarano di conoscere ed accettare. Art. 3 - PARTECIPANTI Gli equipaggi saranno formati da massimo quattro atleti dei quali uno svolgerà la funzione di ispettore di bordo e tutti dovranno essere in possesso della tessera agonistica FIPSAS valida per l anno in corso. Gli equipaggi che partecipano con propria imbarcazione avranno lo Skipper compreso nel numero di massimo quattro componenti. Nel caso in cui un equipaggio partecipi alla manifestazione con imbarcazione non propria, ma fornita ESCLU- SIVAMENTE dall organizzazione, questa sarà condotta da uno Skipper, (addizionato agli atleti concorrenti) che non potrà in alcun modo partecipare ed interagire all azione di pesca, limitandosi alla conduzione dell imbarcazione ed assumendosi la piena responsabilità della stessa e dell equipaggio imbarcato nel rispetto del Codice della Navigazione. Ogni comandante delle imbarcazioni dovrà dichiarare all atto dell iscrizione il proprio ispettore di bordo che sarà considerato a tutti gli effetti membro dell equipaggio e che svolgerà la propria funzione di controllo a bordo di un altra imbarcazione partecipante alla manifestazione. Il sorteggio per l abbinamento ispettore/imbarcazione sarà fatto dalla Direzione Gara al termine delle iscrizioni e potranno parteciparvi i comandanti degli equipaggi iscritti. Sarà cura del comandante nonché di tutto l equipaggio tenere un comportamento corretto e rispettoso nello spirito dell etica sportiva che contraddistingue la manifestazione. Non sono ammessi ospiti di nessun genere sulle imbarcazioni in pesca, ma è facoltà della Direzione di Gara assegnare solo su imbarcazioni della giuria eventuali ospiti (giornalisti, autorità, sponsor ecc.). I partecipanti che non abbiano compiuto il 18 anno di età possono partecipare alla gara solo se in possesso di un autorizzazione scritta e rilasciata da chi ne esercita la patria potestà alla Direzione di Gara o nel caso in cui siano accompagnati dallo stesso. I comandanti degli equipaggi dovranno essere in regola con le vigenti norme di pesca e con la registrazione presso l Autorità Marittima per la pratica della pesca sportiva in mare. Art. 4 - ISCRIZIONI Le iscrizioni compilate sul modulo fornito dall organizzazione devono essere presentate al Club Nautico Pesaro entro e non oltre le ore 20,00 del giorno precedente alla gara ed accompagnate dalla quota di iscrizione pari ad euro 100,00 ad equipaggio. Art. 5 CAMPO DI GARA Il campo di gara è delimitato da un cerchio di 6 miglia di raggio avente come centro le seguenti coordinate: N E. Ogni sconfinamento dal campo gara per portare a termine il combattimento, comporterà necessariamente, pena la squalifica, il rientro immediato nel campo di gara. Art. 6 - IMBARCAZIONI Ogni imbarcazione deve essere dotata di apparato ricetrasmittente VHF (can.9) per le comunicazioni mare-terra durante la gara l Organizzazione resterà in continuo ascolto sul canale VHF 9. Tutte le imbarcazioni partecipanti devono essere in regola con le vigenti norme legislative e amministrative. Per tutta la durata della gara dovranno portare, ben visibile, sulla fiancata di dritta, il numero di gara fornito dall organizzazione. Art. 7 RADUNO/BREAFING Gli equipaggi partecipanti devono obbligatoriamente presentarsi alla Direzione di Gara in occasione delle operazioni preliminari previste per le ore 6,30 del giorno della gara presso il Club Nautico di Pesaro. I concorrenti che giungono in ritardo sul luogo del raduno possono, se autorizzati dal Direttore di Gara, partecipare ugualmente alla competizione, ma il tempo perduto non è recuperabile. In caso di condizioni meteo - marine avverse il Direttore di Gara può rinviare, ove lo ritenesse opportuno, l inizio della gara. Se le condizioni meteo -marine sono definitivamente giudicate pericolose per l incolumità degli equipaggi la gara sarà rinviata alla data prevista per il recupero Art. 8 INIZIO E TERMINE GARA La gara avrà una durata effettiva di sette ore. Alle ore 7.30, nella zona antistante il porto di Pesaro, si raduneranno tutte le imbarcazioni iscritte alla manifestazione per avviarsi assieme alla Barca Giuria nei pressi (500mt.) della Piattaforma Daria. Il Direttore di Gara comunicherà via radio l inizio della manifestazione alle ore 8.30 circa ed il termine gara verrà, quindi, fissato approssimativamente alle ore Il rientro al porto di Pesaro dovrà avvenire tassativamente entro e non oltre le Nel caso in cui un equipaggio, alla comunicazione del temine gara sia impegnato ancora in combattimento di una preda ferrata precedentemente, avrà a disposizione ulteriori 30 minuti per completare la cattura e per imbarcare/rilasciare la preda. In questo caso il termine massimo del rientro in porto viene derogato alle ore L eventuale preda ferrata dopo il segnale di fine gara non sarà ritenuta valida. Per avverse condizioni meteo marine la Direzione Gara, potrà sospendere, a suo insindacabile giudizio, lo svolgimento della manifestazione; pertanto, dovrà decadere immediatamente qualsiasi azione di pesca e dovrà essere immediatamente effettuato rientro in porto; la gara sarà

9 ritenuta valida solamente se saranno trascorse almeno tre ore e trenta minuti dall inizio della stessa Art. 9 CONDOTTA DI GARA E' obbligatorio l'apparato radio VHF in funzione per tutta la durata della manifestazione; in particolare sarà obbligatorio comunicare il punto nave, le allamate,, le catture/rilasci, le rotture, le slamate e il rientro in porto con relativa rotta; in caso d impossibilità di comunicazioni radio è ammesso l uso del telefono.in caso di allamata, l equipaggio dovrà comunicare il più celermente possibile, la posizione,il n di gara, il numero della canna e il nominativo dell'angler Al termine del combattimento (sia che abbia avuto esito positivo o negativo) dovrà comunicarne l esito alla Direzione di Gara. In caso d'impossibilità di comunicare con la D.G., il comandante darà indicazione dei dati all'ispettore presente a bordo ed al comandante di un'altra imbarcazione concorrente. Tale circostanza dovrà essere notificata alla D.G. Nel corso dei successivi contatti radio; in assenza di tale collegamento,una volta trascorsi 60 minuti,l'imbarcazione (Concorrente) sarà considerata fuori gara con relativa segnalazione alla Guardia Costiera; da quel momento qualsiasi ulteriore cattura/rilascio non saranno ritenuti validi. Si ricorda che saranno effettuate 3 prove dinamometriche, delle quali almeno una dovrà risultare positiva alla classe di lenza dichiarata per la convalida della cattura/rilascio. La distanza minima tra le unità in gara dovrà essere di 500 mt.; in caso di ferrata e combattimento nessun'altra imbarcazione potrà mutare la sua rotta per incrociare o navigare sulla sua scia. Tenere un contegno corretto nei confronti degli ufficiali di gara e di tutti gli incaricati dell organizzazione. Sottoporsi, se richiesto, al controllo preliminare prima dell inizio della gara e ad eventuali successivi accertamenti da parte degli ufficiali di gara che disporranno di imbarcazioni messe a disposizione dal sodalizio organizzatore. Non gettare in acqua alcun tipo di rifiuto. Gli accompagnatori e i rappresentanti dei sodalizi partecipanti devono tenere un contegno corretto nei confronti di tutti gli incaricati dell organizzazione. Il pescatore deve ferrare, combattere e portare la preda al raffio/asta, senza l aiuto di altra persona, eccetto i casi previsti dal presente regolamento. É consentito l uso di cintura o bretella o a reni o a seggiolino; tale cintura può essere collegata al mulinello, ma non alla sedia da combattimento o ad altro punto della barca; è consentito l aiuto di altro membro dell equipaggio per sistemarla o sostituirla. É consentito fissare una sagola di sicurezza fra il dorsale del pescatore e la sedia da combattimento, purchè non faciliti in alcun modo l azione di pesca. Si possono usare pancere da combattimento dotate di punto d appoggio per la canna. É consentito ad un altro membro dell equipaggio di reggere e orientare la sedia da combattimento e se in Stand-up tenere la maniglia dell'harness, senza però mai fornire alcun aiuto diretto al pescatore. Gli altri membri dell equipaggio possono intervenire per portare a termine la cattura/rilascio solo quando il terminale è stato afferrato da un membro dell'equipaggio (mate). L azione di pesca deve svolgersi sempre con motori in moto e marcia inserita. Solo in caso di cattura può essere disinserita. Nessuna persona diversa dal pescatore può toccare qualsiasi parte della canna, del mulinello e della lenza (compresa la doppia lenza), direttamente o con qualsiasi mezzo durante le fasi della cattura o nel porgere qualsiasi aiuto che non sia contemplato nel regolamento; è consentito l intervento di persone diverse dal pescatore per rimuovere gli ostacoli che impediscono lo scorrimento della lenza nei passanti della canna. Durante queste operazioni nessuno, tranne il pescatore, può tenere o manovrare la canna. É vietato tirare a mano la lenza in modo da escludere l azione della canna o attaccare in qualsiasi maniera la lenza, la doppia lenza o il terminale in qualsiasi parte dell imbarcazione. Per tutto quanto non esplicitamente espresso nel presente regolamento, si richiamano le norme della circolare normativa 2013 F.I.P.S.A.S. Art NORMATIVA SPECIFICA DI GARA Sono considerati validi, ai fini della classifica, i pesci catturati secondo quanto stabilito nel presente regolamento, nel rispetto delle vigenti norme legislative sulle misure minime e sugli eventuali periodi di divieto, del peso superiore a due (2) kg. Le specie e le misure ammesse sono consultabili nel sito ufficiale FIPSAS. Art ATIREZZATURE PESCANTI Possono essere poste in pesca un massimo di 4 attrezzature pescanti (canna, mulinello e lenza) delle 5 consentite. Non sono ammesse lenze a mano. È consentito l uso di divergenti e di affondatori manuali purché ad essi venga collegato, con sistema a sgancio immediato al momento della ferrata, il solo corpo di lenza. La doppia lenza ed il terminale non possono essere collegati ai divergenti. - Può essere usata solo lenza monofilo. - Non è consentito l uso di lenze metalliche. - A canna e il mulinello devono essere conformi all etica sportiva e alle sue consuetudini. Le classi di lenza ammesse sono: libbre. - Sarà consentito l uso di affondatori così composti: a) Palla cannone b) Pesi di qualsiasi forma e misura c) Stim o Dip Per l utilizzo degli attrezzi di cui sopra (punti a-b-c) è consentita una cima o filo di qualsiasi materiale che dovranno essere fissati direttamente alla barca e raccolti manualmente anche con l aiuto di raccoglitore meccanico purchè azionato manualmente e non elettricamente E' consentito l'utilizzo di richiami (Teaser) NON ARMATI nel numero massimo di 2 (due) È consentito l uso del terminale (senza limitazioni circa la resistenza ed i materiali, ne è altresì consentita la composizione più o meno articolata o snodata con l utilizzo di più materiali collegati tra loro da nodi, impiombature o girelle o quanto altro) e della doppia lenza alle seguenti condizioni tassative: per la classe 20 libbre, la lunghezza del terminale non può essere superiore a m 4.57; la lunghezza della doppia lenza non può essere superiore a m 4.57; la lunghezza complessiva del terminale e della doppia lenza non può essere superiore a m 6.10; per la classe 30 libbre, la lunghezza del terminale non può essere superiore a m 9.14; la lunghezza della doppia lenza non può essere superiore a m 9.14; la lunghezza complessiva del terminale e della doppia lenza non può essere superiore a m La doppiatura della lenza deve essere fatta con lo stesso corpo di lenza. Art ESCHE È unicamente consentito l uso di esche artificiali (come piume, cucchiaini, minnows, rapala, polipi artificiali in plastica, kona ecc.) Le lenze devono essere formate solo da un artificiale TRAINA D ALTURA

10 TRAINA D ALTURA e nulla potrà essere applicato sopra o sotto ad esso. Si potranno usare solo esche artificiali dotate di un solo amo. Sono vietati gli ami ad ancoretta. Si possono utilizzare qualsiasi tipo di amo tassativamente non inox. È vietato l uso delle parti di mammiferi e della cotenna di maiale. È vietata qualsiasi forma di pasturazione Art NORME DI PESCA - Il pescatore deve ferrare, combattere e portare la preda al raffio/asta o retino senza l aiuto di persone diverse da un componente dell equipaggio in gara. - La canna fissata nel portacanne deve essere rimossa prontamente al momento dell allamata. - È consentito l uso di cinture a bretella o a reni; tali cinture possono essere collegate al mulinello, ma non devono essere collegate a nessun punto barca. Si possono usare panciere da combattimento dotate di un punto di appoggio per la canna. Si può fare uso di sedia da combattimento. - L azione di pesca deve svolgersi sempre con marcia avanti inserita. Solo in caso di cattura può essere disinserita. - Non utilizzare le esche artificiali con la tecnica dello spinning ; se per un qualsiasi giustificato motivo, il recupero di una lenza viene effettuato con la massima rapidità, una eventuale ferrata non verrà però annullata. Art PESATURA DEL PESCATO Le operazioni di pesatura del pescato avranno luogo presso la banchina di approdo, con inizio all arrivo della prima imbarcazione. Il Direttore di Gara dopo la verifica del pescato provvederà alla pesatura assistito dai singoli Comandanti o delegati delle imbarcazioni, che sottoscriveranno il verbale di pesatura. Terminata la pesatura e sottoscritto il relativo verbale non saranno ammessi reclami inerenti a questa fase. Art CLASSI DI LENZA Le classi di lenza ammesse, sono le seguenti: Libbre KG 20 lbs 10 kg 30 lbs 15 kg Per le determinazioni delle classi di lenza (in Kg) non è ammessa tolleranza alcuna. Saranno effettuate 3 prove dinamometriche, delle quali almeno una dovra risultare positiva per la convalida della cattura/rilascio. Art.16 - RILASCIO Il rilascio dei pesci dovrà essere effettuato mediante slamatura manuale, con taglio del nodo sull amo o con taglio del terminale ad una distanza massima di cm. 50 dalla bocca del pesce e, comunque, ad una distanza tale da non permettere l avvolgimento del pesce con il filo. II rilascio sarà considerato valido solo se dopo che il terminale sia stato afferrato da un membro dell equipaggio si verifichi la slamatura accidentale del pesce; in questo caso si attribuirà il punteggio minimo per la preda. Per la misurazione dei pesci sarà fornita dall organizzazione un asta lunga mt. 1,90 dotata di un moschettone di collegamento alla montatura che potrà essere agganciato solo ed esclusivamente sul raddoppio o sul terminale. Tale asta è divisa,con 3 colorazioni differenti, in 4 (quattro) settori: da 0 a 79 cm. Peso Tecnico Kg. 10 (dieci) solo per punteggio minimo (nei casi previsti) 1 Settore da 80 a 129 cm. Peso Tecnico Kg. 23 (ventitré) 2 Settore da 130 a 167 cm. Peso Tecnico Kg. 48 (quarantotto) 3 Settore da 168 a 190 cm. Peso Tecnico Kg. 76 (settantasei) 4 Settore oltre i 190 cm. Over Fishing. Peso Tecnico Kg. 108 (centotto) È obbligatorio riprendere le fasi finali della cattura/rilascio, della punzonatura della canna e dell angler con la videocamera dotata di SIM CARD ESTRAIBILE OBBLIGA- TORIA a bordo al fine di consentire alla Giuria di visionare la specie e la taglia della preda nonché la regolarità della azione di rilascio. Le misure saranno effettuate fuori tutto e cioè dall estremità della bocca al punto mediano della retta congiungente gli apici delle coda. Tutti i rilasci e/o marcature saranno validi ai fini della classifica solamente nel caso in cui l ispettore di bordo verifichi le condizioni sopra esposte e la Direzione di Gara non abbia riscontrato nel filmato atti che squalifichino la cattura. In presenza di immagini che non diano piena certezza sulla fascia di misurazione da attribuire al pesce si assegnerà il peso tecnico spettante alla fascia immediatamente inferiore o alla fascia minima La stima ai fini della validità e dell attribuzione del relativo punteggio tecnico di fascia e della correttezza delle operazioni di rilascio sarà decisa dal Giudice di Gara con parere consultivo del Direttore di Gara. Il Giudice di Gara e il Direttore di Gara a loro discrezione per giudicare equamente i video si potranno avvalere della collaborazione di una commissione composta da tre comandanti degli equipaggi partecipanti sorteggiati o nominati dagli stessi ufficiali di gara. Dopo le valutazioni definitive delle misure, non sarà più possibile proporre reclamo.- Si raccomanda vivamente ai partecipanti il rilascio delle catture valutate sottopeso. Art PUNTEGGIO E CLASSIFICA Coefficiente di preda: - tonno rosso (rilascio) = 3 - pesce spada (rilascio) = 3 - aguglia imperiale (rilascio) = 3 - altri pesci sportivi (cattura) = 1 sul totale del pesce pescato Sistema di punteggio: Ai pesci catturati o rilasciati saranno attribuiti punti 1 (uno) per ogni 100 (cento) grammi del peso effettivo o bonus del singolo pesce. I pesi verranno arrotondati al peso superiore o inferiore a seconda che risultino frazioni rispettivamente superiori o uguali/inferiori ai 50 grammi. Il peso effettivo o fisso( in caso di rilascio) del pesce andrà diviso per il carico di rottura della lenza espresso in Kg; il risultato di questo rapporto costituirà il Coefficiente di Difficoltà (CD) che andrà poi moltiplicato per il peso del pesce espresso in punti e per il coefficiente di pesce, come dalla formula seguente: - peso effettivo pesce / carico di rottura lenza in kg = CD - CD x peso in punti x coeff. pesce = Totale punti pesce Esempio: Tonno lunghezza stimata tra cm. (bonus 48 Kg.) catturato con lenza da 30 Lbs. (15 Kg.) coefficiente preda = 3 48/15=3,20 (CD) 3,20x480 (punti peso pesce) = 1536,00x 3 (coeff. Preda)= 4608,00 punteggio di classifica. Se alla verifica della classe di lenza,la stessa, non corrisponderà a quella dichiarata la cattura/rilascio sarà riclassificata alla classe di lenza superiore,nel caso il test della lenza risulti superiore alla classe Kg.15, tutte le catture/rilasci fatte con la stessa saranno considerate non

11 valide senza ulteriori penalità. In caso di rottura della lenza e/o raddoppio durante l azione di combattimento, verrà attribuita all equipaggio una penalità pari a punti É facoltà del Giudice di Gara sottoporre a verifica (resistenza del filo e lunghezza del raddoppio) tutte le attrezzature presenti a bordo e non solo le eventuali attrezzature utilizzate per le catture. In caso di parità nel punteggio prevarrà dapprima il minore numero di catture/rilasci, poi il migliore coefficente di difficoltà ed infine l orario di allamata della prima cattura/rilascio valido per la classifica. La classifica sarà redatta dal Giudice di Gara assistito da Direttore di Gara in base ai punteggi calcolati come sopra sarà resa ufficiale e definitiva esponendola presso i locali del CNP. Art DESTINAZIONE DEL PESCATO Ogni comandante sarà responsabile del proprio pescato. Art RECLAMI I comandanti, che per qualsiasi motivo, intendessero esporre reclamo, dovranno presentarlo per scritto entro 30 minuti dal rientro in porto con versamento di una cauzione di 50,00. I reclami saranno decisi seduta stante dal Giudice di Gara, dopo aver eseguito i necessari accertamenti. La cauzione verrà restituita in caso di accoglimento favorevole del reclamo. Non saranno comunque presi in considerazione i reclami che riguardino esclusivamente il codice della Navigazione e le operazioni di pesatura in quanto quest ultima pubblica. Ogni provvedimento relativo a ricorsi o reclami è a insindacabile giudizio del Giudice di Gara. Per quanto non previsto dal presente regolamento si rimanda alla Circolare Normativa FPSAS 2013 Art DIRETTORE E GIUDICE DI GARA Il Direttore di Gara è nominato dalla società organizzatrice, mentre il Giudice di Gara è nominato dalla sezione provinciale della FIPSAS. I nominativi del Direttore e del Giudice di Gara saranno esposti, presso la sede del CNP nei giorni precedenti la gara. TRAINA D ALTURA

12 PREMIAZIONI 14 TROFEO RICCARDO RENZONI 11 Agosto 2013 Pesca d Altura Specialità Drifting 1 Classificato N 1 TROFEO N 4 TARGHE N 1 Canna Top-Shot Combo N 1 BLACK MAGIC EQUALIZER SIZE N 4 Paia di Occhiali N 1 Pinze / manicotti N 1 Kit aghi Dado N 1 Bobina filo BIG GAME 50 LB BLACK 2 Classificato N 1 TROFEO N 4 TARGHE N 1 Canna ATLANTICROD 30 lb N 1 Mulinello AVET 30WEX N 4 Paia di Occhiali N 1 Pinze / manicotti N 1 Bobina filo BIG GAME 50 LB BLACK 3 Classificato N 1 TROFEO N 4 TARGHE N 1 BLACK MAGIC EQUALIZER SIZE N 4 Paia di Occhiali N Pinze / manicotti N 1 Raffio OCEAN 15 Settembre 2013 Traina d Altura 1 Classificato N 1 TROFEO N 4 TARGHE N 1 Affondatore Cannon completo N 1 FRIGO IGLOO 68 lt N 4 Paia di Occhiali N 1 Canna KEY WEST 20/30 Stuart N 1 Mulinello TLD 25 N 1 Pinze / manicotti N 1 Teaser Terranova 2 Classificato N 1 TROFEO N 4 TARGHE N 1 coppia di divergenti N 1 coppia porta divergenti N 4 Paia di Occhiali N 1 Mulinello TLD 25 N 1 Pinze / manicotti N 1 Pancerina 3 Classificato N 1 TROFEO N 4 TARGHE N 4 Paia di Occhiali N 1 FRIGO IGLOO 48 lt N 2 Pinze N 1 Pancerina 1 ASSOLUTO TROFEO RICCARDO RENZONI N 1 Videocamera Go Pro HD HER03 black con monitor touch screen N 1 Borsa termica N 1 Mulinello TLD 15 N 1 Pinze / manicotti

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ Questo documento deve essere letto congiuntamente all allegato estratto del Regolamento delle attrezzature per lo sport della vela nel quale sono definiti alcuni

Dettagli

DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C.

DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C. DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C. REGOLAMENTO INDICE 1 ORGANIZZAZIONE 2 SCOPO 3 NORME COMPORTAMENTALI 4 NORME DI CIRCOLAZIONE NEL PADDOCK 5 PRINCIPIO DI AMMONIZIONE 6 ABBIGLIAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n.1 (Prova di ammissione per i corsi di laurea e laurea magistrale cui agli articoli 2, 4, 5 e 6 ) 1. Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca si avvale del CINECA Consorzio

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

DOMENICA PROGRAMMA GARA: KARATE (SU 6/7 TATAMI) Stili divisi tra SHOTOKAN/SHOTOKAI ed INTERSTILE (SHITO,WADO,GOJU, SANKUKAY, ecc.).

DOMENICA PROGRAMMA GARA: KARATE (SU 6/7 TATAMI) Stili divisi tra SHOTOKAN/SHOTOKAI ed INTERSTILE (SHITO,WADO,GOJU, SANKUKAY, ecc.). A.s.d. KEN TO ZAZEN LIMBIATE ORGANIZZA: DOMENICA 21 DICEMBRE 2014 15 trofeo FESTA DI NATALE JITAKYOEI F.E.S.I.K. Settore Karate Categ. RAGAZZI-CADETTI-JUNIOR-SPECIAL CATEGORY La gara è aperta a tutti gli

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 Convenzione 78 CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 CONCORSO FOTOGRAFICO NAZIONALE UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 Progetto Donna & Artigianato REGOLAMENTO ART. 1 OBIETTIVO DEL CONCORSO La Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo, in collaborazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli