Della fedeltà retorica Le traduzioni poetiche di Patrizia Valduga di Alessandra Ruffino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Della fedeltà retorica Le traduzioni poetiche di Patrizia Valduga di Alessandra Ruffino"

Transcript

1 Della fedeltà retorica Le traduzioni poetiche di Patrizia Valduga di Alessandra Ruffino Esiste un andare metamorfico e metaforico, una traduzione della tradizione che collega epoche e linguaggi nella condivisione d una comune lingua madre, ove la Parola è una supermusica e le Immagini istruiscono le linee d un necessario contrappunto. Dinamica e transazione sono alla base di tale nozione, poiché la metamorfosi è movimento e la metafora è scambio. Nella traduzione si manifesta il conflitto dialettico tra capacità unificante e potere separante del linguaggio, esso tende a configurare due campi: uno spazio di affinità e un luogo della differenza. Le traduzioni valdughiane di Donne ( ), Mallarmé ( ) e Valéry ( ) esemplificano con eccellenza la suddetta asserzione, suggerendo in più un modello di lettura delle forme; di esse non si guarderà tanto la straordinaria sapienza metrico-linguistica, quanto la capacità d essere un tramite tra luoghi e luoghi, tra un mondo e l altro: vera capacità poietica. La zona della vicinanza accoglie la voce inglese di J. Donne; lo spazio disgiuntivo parla francese e s inquadra nella cornice di una «sconfitta generale»: entrambi gli spazi contrastano l impero meramente illustrativo o narrativo della comunicazione; il luogo barocco reagisce per estrazione, sulla scorta di un idea di figurabile, l opzione mallarmeana per astrazione verso il senso figurato. Facoltà dell interprete è innescare risonanze ben oltre la pagina singola: la meta è tradurre, e non volgarizzare, divenire capaci di vedere le voci e di udire i colori come suoni. Il proposito è quello della «fedeltà alla forma, come unica forma di fedeltà»: fare quindi un ontologia a partire dalle figure, da forme che sono - alla radice - bellezza (Nigra sum & formosa, sta scritto...). Alla confluenza tra ineffabile e visibile, la traduzione pone un gesto (muto), che precede l eloquenza del testo, e, con un amoroso e veramente filologico tributo al Logos, consegna parola e immagini di un testo a vita rinnovata. L operazione che porta la filologia del poeta a trionfare sull esercizio del linguista si chiamerà fedeltà retorica. Delle cinque categorie fondamentali della Retorica (Inventio, Dispositio, Elocutio, Memoria, Pronuntiatio) almeno quattro tornano qui di interesse. 1) Nel caso del traduttore Inventio è ritrovamento e riconoscimento. La cura filologica o restituzione amorosa, passa attraverso lo scrupolo di cercare le parole e pervenire a dei trovati, grazie all ascolto di quel che la pagina detta. 2) L Elocutio è il regno del poeta: la sua unità porta un nome antico: canto, non inteso come eufonia o come qualità delle immagini, bensì come modo di tenere il mondo sotto il proprio linguaggio, il modo di strappare Euridice alla morte. 3) La Memoria, categoria aggiunta solo a partire dal I a.c. con la «Rhetorica ad Herennium», è in questo discorso determinante. La facoltà di memoria si attua in un modulo figurale ove materia (= memoria dello Spazio, equivalente pittorico del colore) e sostanza (= memoria del Tempo, equivalente pittorico della luce) sono condensate in «figurae», poste a difesa della «diligentia» (cioè quasi un amore) e della disciplina (cioè quasi una guerra). Il legame che avvince il traduttore al suo originale è frutto di una collisione: infatti la traduzione, che è «imitatio rhetorica», mette in scena un amore e un conflitto, nel tentativo di far coesistere i due motivi. Nella relazione copia-originale l anteriorità diventa interno e la poesia una superlativa interiorità: la memoria governa questa discesa nel tempo e dà norma all uso del precedente. Per chiarire il rapporto tra tempo anteriore e interiorità della poesia si prenda come esempio l abitudine rinascimentale di assimilare il repertorio classico incastonandolo nella tessitura poetica; tale raffinato modo di traduzione, anche quando lo ritenessimo - come certuni - un arte di rapina, non mancherà di rientrare comunque sotto il dominio di Hermes, signore dei ladri, ma pure della scienza occulta e dell ermeneutica. Una traduzione inclusa al processo ermeneutico, invece di documentare indebite riesumazioni del passato, vale in quanto invita a capire e a interrogarsi: essa dunque non ruba ma dona. Una simile arte di poesia è ovunque profusa nell opera di Valduga: scintillano qua e là, fra le sue rime, allusioni petrarchesche, gemme imprestate da Tasso e Marino, da Campana e Rebora, che focalizzano un punto di vista mediante il quale va a smarrirsi la separazione tra autore e traduttore, a beneficio del poeta. 4) Ciascun segno letterario è destinato alla voce, ossia alla «Pronuntiatio»; la considerazione di questo concetto nell ambito della traduzione comporta il rispetto dei valori sonori delle parole, anche a scapito dei contenuti informativi (ancora una volta Forma vs. Informazione). La tendenza a produrre una parola multisensibile, strutturata sul Ritmo, discende da una simile attenzione al suono.

2 La traduzione, essendo gesto, offre sistemazioni momentanee, fedeli alla propria specifica qualità di soluzioni aperte; ed è quando l interrogazione - modo antidogmatico per eccellenza diventato, con Proust e Valéry, una somma filosofia poetica - entra in contatto con la retorica, che l aspetto drammatico della lingua acquista la massima evidenza. Del figurabile: conoscere per estrazione I due luoghi delineati dalla dialettica tra linguaggio che avvicina e linguaggio che separa possono rispettivamente essere rappresentati da due metafore-chiave: una quella dell artifex-pittore, subentrata nel tardo Rinascimento al Dio-Architetto della cultura medievale; l altra è il mito dell architettura, ripreso da Valéry nello spazio disgiuntivo delle astrazioni. Nella regione delle affinità il demone analogico aleggia tra una moltitudine di segnacoli, ivi compresi i Songs del decano di St. Paul, l ombra di Velazquez, l immaginario di Francis Bacon e quel cinema inglese che per rinnovarsi, con Jarman e Greenaway, guardò a Caravaggio. La legge che qui vige per scampare all informazione è l estrazione: cioè il trapasso dall illustrazione a una delle possibili figure, dal dato al figurabile, lungo una via conoscitiva caratterizzata dal perdurare nei secoli di un comune repertorio d immagini. Sarà più facile riconoscere la maniera di estrazione, qualora si ricordi come essa sia contemporanea alle anatomie (Donne pubblica «An Anathomy of the World», 1611, nel 1621 esce «Anathomy of Melancholy» di Robert Burton). Per tutta la vita Bacon si accompagnò alla magnificenza di Velazquez, annesso alla cultura visiva inglese nell Ottocento, dopo essere stato anticipato dalla retorica del corpo sregolato di Hogarth: Velazquez, è noto, era stato il primo a tradurre in pittura la divisione tra le parole e le cose, ed è per ciò che ci interessa. In Bacon, come già in Artaud, il corpo diviene intenso, intensivo e privo di organi perché non più organismo, un corpo che Valduga invoca così: «mai, mai quel che c è, sempre un non ancora» (Medicamenta e altri medicamenta, 1989, p. 55). In John Donne l unità della poesia non era determinata - come nel canto - dal verso, ma dalla strofa, che è misura dell eloquenza: i moduli da lui usati tendono ad un effetto dram matico e discorsivo. L eloquio donniano consegue suggestioni espressive con i vocaboli in quanto suoni e in quanto segni grafici: Valduga - riprendendolo - restaura una linea che porta fino a noi il mondo di Dante (lo stesso di Donne) in un ricercare musicale interminato, nella grazia di ciò che non dura: quella che per Benjamin distingueva la nobiltà della traduzione. La traduzione come luogo dell effimero e del reversibile tocca il colmo dell intensità dove tutto si perde, la discesa dall originale all in terpretato è punto di splendore, il movimento di caduta non è diminuzione, ma quasi un «clinámen» dove trovano moto, e vita, le figure dell essere e dell apparire: e nel conflitto inscenato dall «imitatio rhetorica» si fa presente anche la morte. Come avviene nello sguardo dei pittori barocchi, l integrità delle forme non è rispettata: fondo e contesto fanno emergere figure che sviluppano puri ritmi di luce e d ombra. Il ritmo, sia che derivi dal principio del «rhêin» (scorrere, divenire), sia che discenda da «rhýsmos» (figurazione mutevole), evoca un idea di apparenza; se il ritmo che agisce a livello uditivo sembra musica, quello che opera a livello visivo appare pittura: la medesima legge di fedeltà alla forma costuma la grazia di questo movimento; ricerca e ritrovamento sono, nell uso retorico, dominio dell «inventio» e non mai creazione dal nulla. Del figurato: conoscere per astrazione Nella zona della distanza, all interno dell ambivalenza originaria musica -silenzio, predomina il termine del silenzio, il quadro della sconfitta; qui abitano, tra gli altri, Mallarmé, Maeterlinck, Valéry, Debussy, Reverdy. Nei dizionari il senso figurato viene chiamato in causa per giustificare l uso non comune, quasi infedele, di un vocabolo: ciò ci mette di fronte ad un assenza, che sta ad indicare come nella via conoscitiva per astrazione la Parola sia in permanente scambio con la musica, laddove, in quella per anatomie, essa era avvinta all immagine. Su tale sfondo, Debussy svolge la funzione più su assolta dalla pittura baconiana; con le musiche composte per l «Après-midi d un faune» (1894) e sul dannunziano «Martyre de Saint-Sébastien» (1911), egli si pone come tramite fra (inter/interpres) le sovraccariche figure del D Annunzio, cittadino della regione del figurabile, e le rarefatte astrazioni mallarmeane. Secondo Mallarmé il verso si deve comporre di intenzioni e non di parole: la sua intenzione era di rendere alla Poesia l autorità e il potere che la grande musica contemporanea le aveva sottratto. Ma intenzione è il vuoto avanti d essere riempito dalla Parola, la plenitudine è invece nell attuale, da cui la

3 Parola si astrae, andando a designare l unità compositiva nella pagina intera; la pagina è lo spazio tipografico corrispondente al cosmo prima che il Verbo ne iniziasse la storia: in essa Mallarmé prova a dimostrare come il mondo esista per giustificare un libro. La volontà mallarmeana di dipingere l effetto, e non l oggetto, fa della Parola il vettore delle cose: l indissolubilità di forma e fondo è ripresa da Val éry, il cui primo amore fu l architettura, arte atematica - al pari della musica - che era per Cartesio immagine di rettitudine e giustizia. Mallarmé, Debussy e Valéry non traducono mai stati d umore, negando all espressione artistica un qualsiasi sviluppo discorsivo, meditando - per contro - su un idea di poema che sia ininterrotta oscillazione tra suono e senso. Accade allora che l aspirazione alla musica nelle lettere faccia dell unità non il centro, ma il limite d una ricerca, d una «inventio» potenzialmente infinita. Mallarmé stesso lavora sull unità della Parola per disintegrazione, e ne sprigiona l energia; a unificare linguaggi e tempi giunge la prosodia, quell arte di accordare suoni e valori del verso, prossima al canto e alla musica, ovvero a ciò che preesiste alla parola e a ciò che succede all estinzione della lingua. Musica e mito precedono l avvento del Logos: l affermazione valéryana che identifica mito e Poesia (per Valéry ogni attività poetica è traduzione) si spiega allora in quanto a tutto ciò che esiste avendo solo la parola per causa spetta il nome di mito. In consonanza con Valduga, la fedeltà che Valéry asseconda è tesa a rivelare la musicalità interiore dei linguaggio degli dèi, il concetto è quello, già accennato, della poesia come interiorità, la cui facoltà risiede appunto nell interno, in ciò che è taciuto o che è solo sfiorato dalle parole, «A tutto ciò che non ha nome e tace / sento l anima mia farsi vicina», dice Valduga (Cento quartine, 1997, 49), che più volte si rivolge alla ragione silenziaria dei puntini di sospensione per dar volume a figure del dire: «Amici cari, carissimi amori, / voi sapete, sapete bene che... / che sarebbe diverso il mondo se... / e che solo la poesia è... è... (Donna di dolori, 1991, p. 40). La traduzione si dà all insegna della capacità anziché della potenza: non si tratta infatti di colmare la distanza tra originale e differito, ma di far luogo all esperienza di tale spazio. Un altro nome per la reversibilità, di cui s era detto, è permeabilità: val e a dire la virtù di farsi attraversare, di tessere un discorso poetico che porga l inedito dal tràdito, che sappia far trasparire sfondo storico, sedimenti, relitti: attraverso questo passaggio la retorica di Orfeo non solo trattiene il mondo al proprio canto, ma finalmente salva Euridice, lasciando che essa spieghi la propria voce. Allo stesso modo con la fedeltà retorica si passa dall ascolto all arte di lasciar nuovamente parlare il testo; attraverso l ermeneutica il traduttore restituisce per via analogica ciò che della prima lingua si rende assente. Curiosamente lo stesso principio di reversibilità, che convalida il lavoro di traduzione, è la prima regola dei restauratori di opere d arte; il restauro compiuto dalla traduzione rinnova transitoriamente l a pienezza dell originale e il suo pregio consiste nella corretta auscultazione della forma. Valduga, dopo avere ritmato sul tempo ternario dantesco la sua «Tentazione» (1985), vi torna per trasmettere Mallarmé ai lettori italiani dell estremo Novecento. I n Dante il movimento è contrario a quello mallarmeano, porta dalla Parola alle cose, il Verbo si fa carne e non viceversa; fu proprio grazie all uso dantesco dell allegoria che Figura e senso dell immagine divennero tecnica compositiva e interrogativa, cosicché l allegoria, mutuata dalla Patristica, venne promossa a luogo di studio e di conoscenza. E forse per via del ricorso a Dante che il linguaggio con cui Valduga trasmette Mallarmé è stato definito improbabile. Per Deleuze e Bacon «la Figura è l improb abile stesso»; come Bacon traduce Velazquez per l età contemporanea, restituendone la grandezza e la pena mortale, così Valduga, col salmodiare al firmamento di soli nella «Corsia degli incurabili» (1996), non rimanda forse a noi la bellezza della costellazione di parole del mallarmeano «Coup de dés?». De rhetorica fidelitate Qualcosa è sfuggito a Lorenzo Morandotti quando ha paragonato la valdughiana «donna allo stato colliquativo» al Cristo morto del Mantegna: il Cristo morto di Hans Holbein il Giovane, che sembra non potrà risorgere mai, e soprattutto nulla dice di quell icona che ossessiona l immaginario europeo fin dall epoca di John Donne: Ofelia. Tre secoli dopo, le mortifere acque di Ofelia sono tradotte da Debussy negli stagni del «Pelléas et Mélisande» (1902, testo di M. Maeterlinck). In «Pelléas» tutto l esistente precipita negli Inferi dell inesistenza: nel dramma lirico, come in poesia, il movimento del mare rappresenta l avversione al divenire discorsivo. Ofelia appare nel 1995 sulla soglia d un a raccolta inglese di «rock-songs», donde una voce, che si leva da una bara di cristallo, canta dell andar viva in sepoltura, di livide pompe infernali e dell affondare in abissi d acqua morta.

4 Mélisande, Hérodiade e Ofelia sono, come - prima di tutte - Eva, in un isolamento tragico, al limite del demoniaco: il medesimo che vediamo nelle solitarie presenze dei quadri baconiani. Dire Mélisande come Eva permette di scorgere alle spalle di Mélisande l origine del problema del linguaggio: Eva è quest origine, e basterà rammentarsi del «Paradise Lost»: mentre Adamo denomina, Eva predica; mentre Adamo identifica, Eva distingue e domanda: l Eva miltoniana traduce in retorica la sterile logica della scienza infusa. Nella tradizione cristiana, testimone del gioco silenzio/parola, Eros si manifesta con parlare dovizioso, Agápe vive nel vuoto di parole: un solo potere suasivo rilega, però, l eros del linguaggio musicale e l eroico della parola, che transitano verso di noi nella presenza retorica. Traduzione è transito, quasi una Pasqua dopo la discesa nelle tenebre: all origine è ancora quel prim o passaggio del Verbo fatto carne, «sa anche farsi carne la parola», traduce il poeta («Medicamenta e...», p. 53). Una traduzione per via poetica e per via musica, come quella di Valduga, restituisce alla Parola testo, gesto, contesto: il suo fine non è tanto il buon funzionamento quanto il prestare energia, ed è in virtù di questo imprestito - non per capriccio di sinestesia - che si è presa l audacia d alludere alle canzoni di fine Novecento, «forse l universo è iniziato con un downbeat rock: è perfettamente concepibile». Lo sviluppo per estrazione del figurabile barocco presenta un estrema metamorfosi nella voce solista, appoggiata al continuato accompagnamento d uno strumento (di nuovo l indissolubilità di fondo e forma), rassomigliante tanto al recitar cantando che al principio del Seicento rovesciò la pratica musicale, quanto alla forma-monologo di «Donna di dolori» e «Corsia degli incurabili». Se si parla ancora di musica è perché l atto del tradurre presuppone anzitutto un atto di ascolto. La voce umana («la voce umana mi pare così bella in sé, scriveva Valéry) dà corpo alla Parola nella «pronuntiatio» e, all interno della canzone, ha una funzione unificante alla quale corrisponde la consapevolezza retorica in letteratura. Erotica e retorica: ecco una traduzione della dialettica tra capacità unificante e potere separativo del linguaggio; ma del resto la Poesia stessa è sempre un fare, un dire capace di separare la tenebra dalle luci, una costruzione comunque imparentata col Caos, contaminata da un brusio, una voce, di più: un respiro intelligibile, quasi un fiato effuso da rovi in fiamme. E infatti al roveto ardente che conviene tornare, a quella tautologia dell «Io sono colui che sono», per scoprire come l identità del Sempre -Medesimo sia solamente l inizio: il fine è quello della Creazione o Poesia, davanti al quale perde un po di senso lo scrupolo di troppo fedeli armonie, e ne acquista - per contro - la capacità di conoscere più sensi, facendo luogo alla Parola, che conserva per sé un autonomo margine di espressività, tanto più evidente quanto più sofisticati sono gli strumenti retorici coi quali con Essa discorriamo. Le traduzioni valdughiane, in ragione di una sensibilità formale di estrema sottigliezza, restituiscono alla praticabilità quello spazio di attesa dove memoria e scoperta offrono a chi legge piaceri e pensieri non ancora saggiati, portando un vero tributo alla più alta filologia. «... ti porto, anche così svogliata al terzo, non al settimo dei cieli. Il terzo cielo? E il cielo degli amanti...» P. Valduga, «Cento quartine» «E lo cielo di Venere si può comparare alla Rettorica per due proprietadi: l una si è la chiarezza del suo aspetto, che è soavissima a vedere più che altra stella; l altra si è la sua apparenza, or da mane o r da sera. E queste due proprietadi sono ne la Rettorica: ché la Rettorica è soavissima di tutte le altre scienze...» Dante, «Convivio» II, XIII, 13-14

5

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Premessa. I confini ultimi del dolore. di Flavio Ermini

Premessa. I confini ultimi del dolore. di Flavio Ermini Premessa I confini ultimi del dolore di Flavio Ermini La caducità dell esistenza nella sua dolente intimità con la vita; la compenetrazione tra l assenso al proprio destino e la ricerca di una via di

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

CORSI LIBERI a.a. 2009-2010

CORSI LIBERI a.a. 2009-2010 E possibile frequentare alla Libera Accademia di Belle Arti LABA corsi liberi sia pratici che teorici. La LABA organizza corsi di durata semestrale (ottobre-dicembre / gennaio-giugno); i corsi si sviluppano

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant Progetto di ricerca 0. Presentazione Kantiana è un progetto di ricerca finanziato dall Università della Valle d Aosta e, in precedenza, dall Università

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione L Infinito di Leopardi Innovazione nella tradizione Tradizione - Innovazione Giacomo Leopardi (1798-1837) Un illuminista romantico Un classicista moderno Un conservatore progressista Un provinciale europeo

Dettagli

BA Lingua e Letteratura Italiane 30 crediti

BA Lingua e Letteratura Italiane 30 crediti Bachelor of Arts BA Lingua e Letteratura Italiane 0 crediti 1. Descrizione generale del programma Gli studi d Italiano che conducono al Diploma universitario in Lettere (BA) Dominio III (materia complementare)

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni PROGETTAZIONE 2014/2015 3-4-5 anni Settembre - metà ottobre Accogliere un bambino nella scuola dell infanzia significa riconoscere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva

La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva Nel multiforme e mutevole dominio della mediazione linguistica,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà

Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà Il tempo libero: dalla soggettività alla solidarietà Premessa E questione sempre più centrale Macchine, automazione, rivoluzione micro-elettronica aumentano il tempo libero. Si espande la quantità, ma

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Bachelor of Arts per la formazione scientifica nelle materie insegnabili nel grado secondario I. BA_SI Italiano 50 crediti

Bachelor of Arts per la formazione scientifica nelle materie insegnabili nel grado secondario I. BA_SI Italiano 50 crediti Bachelor of Arts per la formazione scientifica nelle materie insegnabili nel grado secondario I 1. Descrizione generale del programma BA_SI Italiano 50 crediti Gli studi d Italiano che conducono al BA_SI

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MUSICOLOGIA ORDINAMENTO 509/99 (2 e 3 anno) PIANI DI STUDIO CONSIGLIATI

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MUSICOLOGIA ORDINAMENTO 509/99 (2 e 3 anno) PIANI DI STUDIO CONSIGLIATI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MUSICOLOGIA ORDINAMENTO 509/99 (2 e 3 anno) PIANI DI STUDIO CONSIGLIATI N. B.: Per l anno accademico 2009-20 gli insegnamenti del corso di laurea triennale in Musicologia ordinamento

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Ambiti di formazione universitaria richiesti per l ammissione al Diploma di insegnamento per le scuole di maturità (Diploma SMS)

Ambiti di formazione universitaria richiesti per l ammissione al Diploma di insegnamento per le scuole di maturità (Diploma SMS) Ambiti di formazione universitaria richiesti per l ammissione al Diploma di insegnamento per le scuole di maturità (Diploma SMS) Materie: italiano, francese, musica Anno accademico 2015/16 In questo documento

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola Primaria.

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 3b LABORATORIO MUSICALE (bambini di 5 anni) di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010

UNITA DI APPRENDIMENTO n 3b LABORATORIO MUSICALE (bambini di 5 anni) di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010 UNITA DI APPRENDIMENTO n 3b LABORATORIO MUSICALE (bambini di 5 anni) di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO La musica è cultura,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il Decadentismo. Il simbolismo AGATA GUELI 1

Il Decadentismo. Il simbolismo AGATA GUELI 1 Il Decadentismo Il simbolismo AGATA GUELI 1 1857: un nodo cruciale Flaubert: Madame Bovary il naturalismo (fine del 1890) Baudelaire: Simbolismo = messa in scacco del positivismo verso il Decadentismo

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE BARUFFI.. ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO. ANNO SCOLASTICO 2014-15. PIANO DIDATTICO ANNUALE ACCORDO CON LA CLASSE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE BARUFFI.. ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO. ANNO SCOLASTICO 2014-15. PIANO DIDATTICO ANNUALE ACCORDO CON LA CLASSE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE BARUFFI.. ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO. ANNO SCOLASTICO 2014-15. PIANO DIDATTICO ANNUALE Materia: ITALIANO.. Ore Settimanali QUATTRO. Classe: Insegnante: TERZA rim.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

Hadeel Azeez. La clessidra ed il silenzio

Hadeel Azeez. La clessidra ed il silenzio Hadeel Azeez La clessidra ed il silenzio Io mi avvicinerò, chiederò un sorriso, loro sorrideranno. Io avrò poi un muro completamente sazio di gioia e colori E per un momento l universo si ricomporrà E

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria Museo archeologico Sezione preistoria/protostoria VIAGGIO NELLA PREISTORIA E PROTOSTORIA DAL PALEOLITICO ALL ETÁ DEL FERRO Contenuti: Visita alle sale preistoriche del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico,

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Educazione al suono e alla musica

Educazione al suono e alla musica C. Paduano EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA per le scuole elementari Ringraziamo l'autore e la redazione di LA VITA SCOLASTICA ed. GIUNTI pubblicato su La Vita Scolastica anno 53 n 1 Programmazione annuale

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO «IL RESTAURO SCIENTIFICO RIVELA LA PROPRIA INADEGUATEZZA NEL 1943-45 ALLORCHÉ SI DEVONO AFFRONTARE LE CONSEGUENZE DELLE DISTRUZIONI BELLICHE; L ENTITÀ

Dettagli

CORSO RSPP Datori di Lavoro salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

CORSO RSPP Datori di Lavoro salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ORDINE PROVINCIALE dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di MODENA CORSO RSPP Datori di Lavoro salute e sicurezza nei luoghi di lavoro secondo il D.Lgs. 81/2008 e succ. modifiche D.Lgs. 106/2009 Accordo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Alberto Manguel. Una storia della lettura

Alberto Manguel. Una storia della lettura Quaderni Bellunesi www.quadernibellunesi.it Alberto Manguel Una storia della lettura Alberto Manguel, nato a Buenos Aires nel 1948, è uno scrittore argentino naturalizzato canadese. Una storia della lettura,

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO

SCUOLA PRIMARIA DANTE ALIGHIERI PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO Favorire la formazione del pensiero critico e creativo attraverso lo sviluppo di una

Dettagli

Charles Baudelaire. Spleen parigino. Prose poetiche. Traduzione e cura di Angelo Ariemma

Charles Baudelaire. Spleen parigino. Prose poetiche. Traduzione e cura di Angelo Ariemma Charles Baudelaire Spleen parigino Prose poetiche Traduzione e cura di Angelo Ariemma ai miei maestri di vino di poesia di virtù Indice Prefazione all edizione italiana Perché proprio a me? 11 Una riflessione

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli