Della fedeltà retorica Le traduzioni poetiche di Patrizia Valduga di Alessandra Ruffino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Della fedeltà retorica Le traduzioni poetiche di Patrizia Valduga di Alessandra Ruffino"

Transcript

1 Della fedeltà retorica Le traduzioni poetiche di Patrizia Valduga di Alessandra Ruffino Esiste un andare metamorfico e metaforico, una traduzione della tradizione che collega epoche e linguaggi nella condivisione d una comune lingua madre, ove la Parola è una supermusica e le Immagini istruiscono le linee d un necessario contrappunto. Dinamica e transazione sono alla base di tale nozione, poiché la metamorfosi è movimento e la metafora è scambio. Nella traduzione si manifesta il conflitto dialettico tra capacità unificante e potere separante del linguaggio, esso tende a configurare due campi: uno spazio di affinità e un luogo della differenza. Le traduzioni valdughiane di Donne ( ), Mallarmé ( ) e Valéry ( ) esemplificano con eccellenza la suddetta asserzione, suggerendo in più un modello di lettura delle forme; di esse non si guarderà tanto la straordinaria sapienza metrico-linguistica, quanto la capacità d essere un tramite tra luoghi e luoghi, tra un mondo e l altro: vera capacità poietica. La zona della vicinanza accoglie la voce inglese di J. Donne; lo spazio disgiuntivo parla francese e s inquadra nella cornice di una «sconfitta generale»: entrambi gli spazi contrastano l impero meramente illustrativo o narrativo della comunicazione; il luogo barocco reagisce per estrazione, sulla scorta di un idea di figurabile, l opzione mallarmeana per astrazione verso il senso figurato. Facoltà dell interprete è innescare risonanze ben oltre la pagina singola: la meta è tradurre, e non volgarizzare, divenire capaci di vedere le voci e di udire i colori come suoni. Il proposito è quello della «fedeltà alla forma, come unica forma di fedeltà»: fare quindi un ontologia a partire dalle figure, da forme che sono - alla radice - bellezza (Nigra sum & formosa, sta scritto...). Alla confluenza tra ineffabile e visibile, la traduzione pone un gesto (muto), che precede l eloquenza del testo, e, con un amoroso e veramente filologico tributo al Logos, consegna parola e immagini di un testo a vita rinnovata. L operazione che porta la filologia del poeta a trionfare sull esercizio del linguista si chiamerà fedeltà retorica. Delle cinque categorie fondamentali della Retorica (Inventio, Dispositio, Elocutio, Memoria, Pronuntiatio) almeno quattro tornano qui di interesse. 1) Nel caso del traduttore Inventio è ritrovamento e riconoscimento. La cura filologica o restituzione amorosa, passa attraverso lo scrupolo di cercare le parole e pervenire a dei trovati, grazie all ascolto di quel che la pagina detta. 2) L Elocutio è il regno del poeta: la sua unità porta un nome antico: canto, non inteso come eufonia o come qualità delle immagini, bensì come modo di tenere il mondo sotto il proprio linguaggio, il modo di strappare Euridice alla morte. 3) La Memoria, categoria aggiunta solo a partire dal I a.c. con la «Rhetorica ad Herennium», è in questo discorso determinante. La facoltà di memoria si attua in un modulo figurale ove materia (= memoria dello Spazio, equivalente pittorico del colore) e sostanza (= memoria del Tempo, equivalente pittorico della luce) sono condensate in «figurae», poste a difesa della «diligentia» (cioè quasi un amore) e della disciplina (cioè quasi una guerra). Il legame che avvince il traduttore al suo originale è frutto di una collisione: infatti la traduzione, che è «imitatio rhetorica», mette in scena un amore e un conflitto, nel tentativo di far coesistere i due motivi. Nella relazione copia-originale l anteriorità diventa interno e la poesia una superlativa interiorità: la memoria governa questa discesa nel tempo e dà norma all uso del precedente. Per chiarire il rapporto tra tempo anteriore e interiorità della poesia si prenda come esempio l abitudine rinascimentale di assimilare il repertorio classico incastonandolo nella tessitura poetica; tale raffinato modo di traduzione, anche quando lo ritenessimo - come certuni - un arte di rapina, non mancherà di rientrare comunque sotto il dominio di Hermes, signore dei ladri, ma pure della scienza occulta e dell ermeneutica. Una traduzione inclusa al processo ermeneutico, invece di documentare indebite riesumazioni del passato, vale in quanto invita a capire e a interrogarsi: essa dunque non ruba ma dona. Una simile arte di poesia è ovunque profusa nell opera di Valduga: scintillano qua e là, fra le sue rime, allusioni petrarchesche, gemme imprestate da Tasso e Marino, da Campana e Rebora, che focalizzano un punto di vista mediante il quale va a smarrirsi la separazione tra autore e traduttore, a beneficio del poeta. 4) Ciascun segno letterario è destinato alla voce, ossia alla «Pronuntiatio»; la considerazione di questo concetto nell ambito della traduzione comporta il rispetto dei valori sonori delle parole, anche a scapito dei contenuti informativi (ancora una volta Forma vs. Informazione). La tendenza a produrre una parola multisensibile, strutturata sul Ritmo, discende da una simile attenzione al suono.

2 La traduzione, essendo gesto, offre sistemazioni momentanee, fedeli alla propria specifica qualità di soluzioni aperte; ed è quando l interrogazione - modo antidogmatico per eccellenza diventato, con Proust e Valéry, una somma filosofia poetica - entra in contatto con la retorica, che l aspetto drammatico della lingua acquista la massima evidenza. Del figurabile: conoscere per estrazione I due luoghi delineati dalla dialettica tra linguaggio che avvicina e linguaggio che separa possono rispettivamente essere rappresentati da due metafore-chiave: una quella dell artifex-pittore, subentrata nel tardo Rinascimento al Dio-Architetto della cultura medievale; l altra è il mito dell architettura, ripreso da Valéry nello spazio disgiuntivo delle astrazioni. Nella regione delle affinità il demone analogico aleggia tra una moltitudine di segnacoli, ivi compresi i Songs del decano di St. Paul, l ombra di Velazquez, l immaginario di Francis Bacon e quel cinema inglese che per rinnovarsi, con Jarman e Greenaway, guardò a Caravaggio. La legge che qui vige per scampare all informazione è l estrazione: cioè il trapasso dall illustrazione a una delle possibili figure, dal dato al figurabile, lungo una via conoscitiva caratterizzata dal perdurare nei secoli di un comune repertorio d immagini. Sarà più facile riconoscere la maniera di estrazione, qualora si ricordi come essa sia contemporanea alle anatomie (Donne pubblica «An Anathomy of the World», 1611, nel 1621 esce «Anathomy of Melancholy» di Robert Burton). Per tutta la vita Bacon si accompagnò alla magnificenza di Velazquez, annesso alla cultura visiva inglese nell Ottocento, dopo essere stato anticipato dalla retorica del corpo sregolato di Hogarth: Velazquez, è noto, era stato il primo a tradurre in pittura la divisione tra le parole e le cose, ed è per ciò che ci interessa. In Bacon, come già in Artaud, il corpo diviene intenso, intensivo e privo di organi perché non più organismo, un corpo che Valduga invoca così: «mai, mai quel che c è, sempre un non ancora» (Medicamenta e altri medicamenta, 1989, p. 55). In John Donne l unità della poesia non era determinata - come nel canto - dal verso, ma dalla strofa, che è misura dell eloquenza: i moduli da lui usati tendono ad un effetto dram matico e discorsivo. L eloquio donniano consegue suggestioni espressive con i vocaboli in quanto suoni e in quanto segni grafici: Valduga - riprendendolo - restaura una linea che porta fino a noi il mondo di Dante (lo stesso di Donne) in un ricercare musicale interminato, nella grazia di ciò che non dura: quella che per Benjamin distingueva la nobiltà della traduzione. La traduzione come luogo dell effimero e del reversibile tocca il colmo dell intensità dove tutto si perde, la discesa dall originale all in terpretato è punto di splendore, il movimento di caduta non è diminuzione, ma quasi un «clinámen» dove trovano moto, e vita, le figure dell essere e dell apparire: e nel conflitto inscenato dall «imitatio rhetorica» si fa presente anche la morte. Come avviene nello sguardo dei pittori barocchi, l integrità delle forme non è rispettata: fondo e contesto fanno emergere figure che sviluppano puri ritmi di luce e d ombra. Il ritmo, sia che derivi dal principio del «rhêin» (scorrere, divenire), sia che discenda da «rhýsmos» (figurazione mutevole), evoca un idea di apparenza; se il ritmo che agisce a livello uditivo sembra musica, quello che opera a livello visivo appare pittura: la medesima legge di fedeltà alla forma costuma la grazia di questo movimento; ricerca e ritrovamento sono, nell uso retorico, dominio dell «inventio» e non mai creazione dal nulla. Del figurato: conoscere per astrazione Nella zona della distanza, all interno dell ambivalenza originaria musica -silenzio, predomina il termine del silenzio, il quadro della sconfitta; qui abitano, tra gli altri, Mallarmé, Maeterlinck, Valéry, Debussy, Reverdy. Nei dizionari il senso figurato viene chiamato in causa per giustificare l uso non comune, quasi infedele, di un vocabolo: ciò ci mette di fronte ad un assenza, che sta ad indicare come nella via conoscitiva per astrazione la Parola sia in permanente scambio con la musica, laddove, in quella per anatomie, essa era avvinta all immagine. Su tale sfondo, Debussy svolge la funzione più su assolta dalla pittura baconiana; con le musiche composte per l «Après-midi d un faune» (1894) e sul dannunziano «Martyre de Saint-Sébastien» (1911), egli si pone come tramite fra (inter/interpres) le sovraccariche figure del D Annunzio, cittadino della regione del figurabile, e le rarefatte astrazioni mallarmeane. Secondo Mallarmé il verso si deve comporre di intenzioni e non di parole: la sua intenzione era di rendere alla Poesia l autorità e il potere che la grande musica contemporanea le aveva sottratto. Ma intenzione è il vuoto avanti d essere riempito dalla Parola, la plenitudine è invece nell attuale, da cui la

3 Parola si astrae, andando a designare l unità compositiva nella pagina intera; la pagina è lo spazio tipografico corrispondente al cosmo prima che il Verbo ne iniziasse la storia: in essa Mallarmé prova a dimostrare come il mondo esista per giustificare un libro. La volontà mallarmeana di dipingere l effetto, e non l oggetto, fa della Parola il vettore delle cose: l indissolubilità di forma e fondo è ripresa da Val éry, il cui primo amore fu l architettura, arte atematica - al pari della musica - che era per Cartesio immagine di rettitudine e giustizia. Mallarmé, Debussy e Valéry non traducono mai stati d umore, negando all espressione artistica un qualsiasi sviluppo discorsivo, meditando - per contro - su un idea di poema che sia ininterrotta oscillazione tra suono e senso. Accade allora che l aspirazione alla musica nelle lettere faccia dell unità non il centro, ma il limite d una ricerca, d una «inventio» potenzialmente infinita. Mallarmé stesso lavora sull unità della Parola per disintegrazione, e ne sprigiona l energia; a unificare linguaggi e tempi giunge la prosodia, quell arte di accordare suoni e valori del verso, prossima al canto e alla musica, ovvero a ciò che preesiste alla parola e a ciò che succede all estinzione della lingua. Musica e mito precedono l avvento del Logos: l affermazione valéryana che identifica mito e Poesia (per Valéry ogni attività poetica è traduzione) si spiega allora in quanto a tutto ciò che esiste avendo solo la parola per causa spetta il nome di mito. In consonanza con Valduga, la fedeltà che Valéry asseconda è tesa a rivelare la musicalità interiore dei linguaggio degli dèi, il concetto è quello, già accennato, della poesia come interiorità, la cui facoltà risiede appunto nell interno, in ciò che è taciuto o che è solo sfiorato dalle parole, «A tutto ciò che non ha nome e tace / sento l anima mia farsi vicina», dice Valduga (Cento quartine, 1997, 49), che più volte si rivolge alla ragione silenziaria dei puntini di sospensione per dar volume a figure del dire: «Amici cari, carissimi amori, / voi sapete, sapete bene che... / che sarebbe diverso il mondo se... / e che solo la poesia è... è... (Donna di dolori, 1991, p. 40). La traduzione si dà all insegna della capacità anziché della potenza: non si tratta infatti di colmare la distanza tra originale e differito, ma di far luogo all esperienza di tale spazio. Un altro nome per la reversibilità, di cui s era detto, è permeabilità: val e a dire la virtù di farsi attraversare, di tessere un discorso poetico che porga l inedito dal tràdito, che sappia far trasparire sfondo storico, sedimenti, relitti: attraverso questo passaggio la retorica di Orfeo non solo trattiene il mondo al proprio canto, ma finalmente salva Euridice, lasciando che essa spieghi la propria voce. Allo stesso modo con la fedeltà retorica si passa dall ascolto all arte di lasciar nuovamente parlare il testo; attraverso l ermeneutica il traduttore restituisce per via analogica ciò che della prima lingua si rende assente. Curiosamente lo stesso principio di reversibilità, che convalida il lavoro di traduzione, è la prima regola dei restauratori di opere d arte; il restauro compiuto dalla traduzione rinnova transitoriamente l a pienezza dell originale e il suo pregio consiste nella corretta auscultazione della forma. Valduga, dopo avere ritmato sul tempo ternario dantesco la sua «Tentazione» (1985), vi torna per trasmettere Mallarmé ai lettori italiani dell estremo Novecento. I n Dante il movimento è contrario a quello mallarmeano, porta dalla Parola alle cose, il Verbo si fa carne e non viceversa; fu proprio grazie all uso dantesco dell allegoria che Figura e senso dell immagine divennero tecnica compositiva e interrogativa, cosicché l allegoria, mutuata dalla Patristica, venne promossa a luogo di studio e di conoscenza. E forse per via del ricorso a Dante che il linguaggio con cui Valduga trasmette Mallarmé è stato definito improbabile. Per Deleuze e Bacon «la Figura è l improb abile stesso»; come Bacon traduce Velazquez per l età contemporanea, restituendone la grandezza e la pena mortale, così Valduga, col salmodiare al firmamento di soli nella «Corsia degli incurabili» (1996), non rimanda forse a noi la bellezza della costellazione di parole del mallarmeano «Coup de dés?». De rhetorica fidelitate Qualcosa è sfuggito a Lorenzo Morandotti quando ha paragonato la valdughiana «donna allo stato colliquativo» al Cristo morto del Mantegna: il Cristo morto di Hans Holbein il Giovane, che sembra non potrà risorgere mai, e soprattutto nulla dice di quell icona che ossessiona l immaginario europeo fin dall epoca di John Donne: Ofelia. Tre secoli dopo, le mortifere acque di Ofelia sono tradotte da Debussy negli stagni del «Pelléas et Mélisande» (1902, testo di M. Maeterlinck). In «Pelléas» tutto l esistente precipita negli Inferi dell inesistenza: nel dramma lirico, come in poesia, il movimento del mare rappresenta l avversione al divenire discorsivo. Ofelia appare nel 1995 sulla soglia d un a raccolta inglese di «rock-songs», donde una voce, che si leva da una bara di cristallo, canta dell andar viva in sepoltura, di livide pompe infernali e dell affondare in abissi d acqua morta.

4 Mélisande, Hérodiade e Ofelia sono, come - prima di tutte - Eva, in un isolamento tragico, al limite del demoniaco: il medesimo che vediamo nelle solitarie presenze dei quadri baconiani. Dire Mélisande come Eva permette di scorgere alle spalle di Mélisande l origine del problema del linguaggio: Eva è quest origine, e basterà rammentarsi del «Paradise Lost»: mentre Adamo denomina, Eva predica; mentre Adamo identifica, Eva distingue e domanda: l Eva miltoniana traduce in retorica la sterile logica della scienza infusa. Nella tradizione cristiana, testimone del gioco silenzio/parola, Eros si manifesta con parlare dovizioso, Agápe vive nel vuoto di parole: un solo potere suasivo rilega, però, l eros del linguaggio musicale e l eroico della parola, che transitano verso di noi nella presenza retorica. Traduzione è transito, quasi una Pasqua dopo la discesa nelle tenebre: all origine è ancora quel prim o passaggio del Verbo fatto carne, «sa anche farsi carne la parola», traduce il poeta («Medicamenta e...», p. 53). Una traduzione per via poetica e per via musica, come quella di Valduga, restituisce alla Parola testo, gesto, contesto: il suo fine non è tanto il buon funzionamento quanto il prestare energia, ed è in virtù di questo imprestito - non per capriccio di sinestesia - che si è presa l audacia d alludere alle canzoni di fine Novecento, «forse l universo è iniziato con un downbeat rock: è perfettamente concepibile». Lo sviluppo per estrazione del figurabile barocco presenta un estrema metamorfosi nella voce solista, appoggiata al continuato accompagnamento d uno strumento (di nuovo l indissolubilità di fondo e forma), rassomigliante tanto al recitar cantando che al principio del Seicento rovesciò la pratica musicale, quanto alla forma-monologo di «Donna di dolori» e «Corsia degli incurabili». Se si parla ancora di musica è perché l atto del tradurre presuppone anzitutto un atto di ascolto. La voce umana («la voce umana mi pare così bella in sé, scriveva Valéry) dà corpo alla Parola nella «pronuntiatio» e, all interno della canzone, ha una funzione unificante alla quale corrisponde la consapevolezza retorica in letteratura. Erotica e retorica: ecco una traduzione della dialettica tra capacità unificante e potere separativo del linguaggio; ma del resto la Poesia stessa è sempre un fare, un dire capace di separare la tenebra dalle luci, una costruzione comunque imparentata col Caos, contaminata da un brusio, una voce, di più: un respiro intelligibile, quasi un fiato effuso da rovi in fiamme. E infatti al roveto ardente che conviene tornare, a quella tautologia dell «Io sono colui che sono», per scoprire come l identità del Sempre -Medesimo sia solamente l inizio: il fine è quello della Creazione o Poesia, davanti al quale perde un po di senso lo scrupolo di troppo fedeli armonie, e ne acquista - per contro - la capacità di conoscere più sensi, facendo luogo alla Parola, che conserva per sé un autonomo margine di espressività, tanto più evidente quanto più sofisticati sono gli strumenti retorici coi quali con Essa discorriamo. Le traduzioni valdughiane, in ragione di una sensibilità formale di estrema sottigliezza, restituiscono alla praticabilità quello spazio di attesa dove memoria e scoperta offrono a chi legge piaceri e pensieri non ancora saggiati, portando un vero tributo alla più alta filologia. «... ti porto, anche così svogliata al terzo, non al settimo dei cieli. Il terzo cielo? E il cielo degli amanti...» P. Valduga, «Cento quartine» «E lo cielo di Venere si può comparare alla Rettorica per due proprietadi: l una si è la chiarezza del suo aspetto, che è soavissima a vedere più che altra stella; l altra si è la sua apparenza, or da mane o r da sera. E queste due proprietadi sono ne la Rettorica: ché la Rettorica è soavissima di tutte le altre scienze...» Dante, «Convivio» II, XIII, 13-14

5

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Scuola poetica siciliana

Scuola poetica siciliana Scuola poetica siciliana La scuola poetica siciliana, sorta attorno al 1230 nella corta dell l'imperatore e re di Sicilia Federico II di Svevia, produsse la prima lirica in volgare italiano. L attività

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola Classe 4^ Scuola Primaria Don Bosco Classe 5^ Scuola Primaria Madonna di Campagna Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica Leggere

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

COSA CI ATTENDE DOPO LA MORTE? LA META DELLA TRASFORMAZIONE

COSA CI ATTENDE DOPO LA MORTE? LA META DELLA TRASFORMAZIONE COSA CI ATTENDE DOPO LA MORTE? LA META DELLA TRASFORMAZIONE Cosa ci attende dopo la morte? Cosa ne sarà del corpo che abitiamo e che siamo? In tutti questi incontri su Paolo, abbiamo notato che nelle sue

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Corpi figurali. Zarathustra sostenendo che c è più ragione nel corpo che

Corpi figurali. Zarathustra sostenendo che c è più ragione nel corpo che All inizio della modernità, aprendo una nuova strada al pensiero, Spinoza sosteneva che noi non riusciamo nemmeno ad immaginare quali siano le possibilità di un corpo, non sappiamo affatto di cosa esso

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori, dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte. L alunno esplora diverse

Dettagli

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Progressiva affermazione dei volgari in Italia nel XIII secolo atti notarili in volgare o parzialmente in volgare statuti

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA. CORSO Ragionieri ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA CORSO Ragionieri PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE 3^ SEZIONE T Professore: Curletto Valeria Ore settimanali: 4 Finalità: Lo studio

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie A cura di Donata Ariot e Agata Keran Sezione didattica Gallerie d Italia - Palazzo Leoni Montanari, Vicenza ANNO SCOLASTICO

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Giancarlo Locarno - Le Muse a Orologeria: The Clockwork Muse di Colin Martindale

Giancarlo Locarno - Le Muse a Orologeria: The Clockwork Muse di Colin Martindale Giancarlo Locarno - Le Muse a Orologeria: The Clockwork Muse di Colin Martindale Ho scoperto questo libro da una segnalazione apparsa qualche anno fa sul blog di Davide Castiglione, l argomento è inconsueto

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Premessa. I confini ultimi del dolore. di Flavio Ermini

Premessa. I confini ultimi del dolore. di Flavio Ermini Premessa I confini ultimi del dolore di Flavio Ermini La caducità dell esistenza nella sua dolente intimità con la vita; la compenetrazione tra l assenso al proprio destino e la ricerca di una via di

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice LINGUISTICA Sensibilità al significato (semantica), all ordine (sintassi), ai suoni, ai ritmi e alle inflessioni delle parole (fonologia); sensibilità alle

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

La traduzione - come incontro tra due lingue e. culture: italiana e vietnamita

La traduzione - come incontro tra due lingue e. culture: italiana e vietnamita La traduzione - come contro tra due lgue e culture: italiana e vietnamita PREMESSA Noi esseri telligenti, a differenza degli altri esseri viventi, usiamo un sistema molto complesso per comunicare tra noi,

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione

L Infinito di Leopardi. Innovazione nella tradizione L Infinito di Leopardi Innovazione nella tradizione Tradizione - Innovazione Giacomo Leopardi (1798-1837) Un illuminista romantico Un classicista moderno Un conservatore progressista Un provinciale europeo

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA ALAIN MATTHEEUWS Amarsi per donarsi Il sacramento del matrimonio Prefazione di JEAN-LOUIS BRUGUÈS Traduzione a cura di Paolo Caena, Revisione

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Tabella AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO-DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI CONSERVATORI

Tabella AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO-DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI CONSERVATORI Tabella AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO-DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI CONSERVATORI AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI AREA - DISCIPLINE

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova DANTE ALIGHIERI La vita Dante nacque a Firenze nel 1265, da una famiglia nobile di parte guelfa che però era in condizioni economiche difficili. Tuttavia Dante ricevette un ottima educazione. Il suo maestro

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli