LA POESIA COME ESPRESSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POESIA COME ESPRESSIONE"

Transcript

1 B. C. CAPIRE LA POESIA 4 LA POESIA COME ESPRESSIONE 1

2 LA POESIA COME ESPRESSIONE Soggettivamente, la poesia costituisce una forma di ricerca interiore <<Ogni poesia nasce da una crisi, ma da un particolare tipo di crisi, che non è il risultato di personali avventure o difficoltà, di fallite esperienze sociali e politiche, ma che è piuttosto la formula stessa della condizione umana, instabile e contradditoria>> (1). <<Tutti i poeti, finchè sono tali sono sempre in crisi>> (2). Per me la poesia è essenzialmente avventura, passione, ricerca dell ignoto, della verità, tensione continua verso la favola, la magia, senza allontanarsi dai problemi, dalle inquietudini del presente. (Michele Sovente, poeta, sul n. 2 di Poesia) Non dobbiamo pensare all'espressione come ad un fatto istantaneo, ma come ad un processo di ricerca, di scavo interiore, di approfondimento. Ciò risulta chiaramente, sia dalle dichiarazioni degli artisti, sia dagli esempi che seguiranno, di stesure successive dello stesso testo. L espressione non è neppure un processo semplice, poiché si articola su piani molteplici, assumendo significati diversi. I - ESPRESSIONE COME QUALCOSA CHE SI CHIARISCE Anzitutto, l espressione significa un qualcosa di scuro che diventa chiaro, un idea poetica ancora indefinita che assume via via contorni più netti e definiti. Nella prima intuizione, anche se oscura, c è un nocciolo duro, un <<sentire>> che oppone una tenace resistenza alle soluzioni espressive che non siano conformi ad esso. Il poeta, insoddisfatto, continua così la sua ricerca fino a quando quel <<sentire>> non ha trovato una espressione piena e fedele. Consideriamo a titolo d esempio le successive stesure dell incipit di <A Silvia> del Leopardi. Silvia, sovvienti ancora quel tempo de la tua vita mortale, quando beltà spendeva ne la fronte e nel sen tuo verginale, e ne gli sguardi incerti e fuggitivi, e tu lieta e pudica il limitare di gioventù salivi? Silvia, rimembri ancora quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta, e pensosa, il limitare di gioventù salivi? Giuseppe de Robertis commenta in questo modo il passaggio alla stesura definitiva. <<...c'era stato un tentativo di dir, minutamente, della fronte e del seno,... del volto; poi, ecco solo quegli occhi e la loro luce. E prima nacque la parola più nuova,<fuggitivi>, poi quella più di tutte semplice, <ridenti>, sebbene non così facilmente trovata, portantesi dietro la forza dell'altra, aiutata dall'altra. Ora quello splendore è chiaro (<splendea>); e pareva prima quasi una luce fisica, o una luce sensuale, e ora invece s'irradia dall'interno, è la giovinezza, che fa segno e lampeggia>> 2

3 (3). Come si vede c è un idea poetica ancora incerta che si fa strada, che via via prende corpo e si definisce. E l'affinamento espressivo ha luogo a livello di idea poetica, di intuizione, e solo di riflesso a livello lessicale e formale. Passiamo ora a due testi famosi, "Fratelli" e "Solitudine", di Giuseppe Ungaretti. Fratelli (1916) Fratelli (1943) Di che reggimento siete fratelli? Fratello tremante parola nella notte come una fogliolina appena nata Fratelli saluto accorato nell'aria spasimante implorazione sussurrata di soccorso all'uomo presente alla sua fragilità Di che reggimento siete fratelli? Parola tremante nella notte Foglia appena nata Nell'aria spasimante involontaria rivolta dell'uomo presente alla sua fragilità Fratelli Anche qui il salto di qualità ha luogo prima di tutto a livello semantico, di idea poetica, e la novità più straordinaria, è data dall'<<involontaria rivolta>> della versione definitiva. A livello formale, si può notare come questa sia più essenziale e di conseguenza più vera. Solitudine (1918) Solitudine (1919) Solitudine(1936) Ma le mie urla Ma le mie urla Ma le mie urla feriscono feriscono feriscono come i fulmini come i fulmini come fulmini la fioca la fioca la campana fioca campana del cielo campana del cielo del cielo e sprofondano impaurite E sprofondano Sprofondano impaurite impaurite A proposito delle successive stesure di questa poesia tante cose si potrebbero dire. 3

4 Basti accennare che via via il discorso si fa più interiore, più spirituale, con la rinuncia al facile effetto derivante dal contrasto tra le grida del poeta e la fioca voce del cielo, con la eliminazione della precisa determinazione fisica (come i fulmini), con la soppressione dei facili ed esteriori legami sintattici <e>), ecc... C è qualcosa di misterioso, qualcosa che attiene al mistero, nella nascita di una poesia. <<La poesia viene da un sottofondo che gli uomini non conoscono>> (4) <<si dà malgrado l'autore e inconsciamente>> (5). <<Molta parte del lavoro poetico viene dalla collaborazione attiva dell'inconscio con la coscienza: ma si tratta di un lavoro molto lungo giacché non si risolve nella semplice trascrizione dei sogni. La coscienza deve infatti discutere e vagliare le proposte oniriche. Scrivere poeticamente significa tuffarsi alla ricerca delle immagini fondatrici del nostro rapporto con la realtà, immagini in cui si iscrive il senso del nostro universo>> (6). <<Il lavoro poetico non esclude il mondo del mistero, perché quando tu ti metti a scrivere, certamente entri in contatto con qualcosa di invisibile, con una specie di mistero laico, che si potrebbe chiamare il mistero delle forze viventi. Si dovrebbe restituire un valore di magia al linguaggio, e questa magia diventa un viaggio verso le fonti dell'invisibile e del mistero, verso ciò che di misteriosamente ma oggettivamente vitale c'è negli oggetti (7). Rilke scrive che gli amanti muoiono come bestiole: senz aver capito. Aggiungerei che anche i poeti muoiono così: senza aver capito quello che cercavano, quello che facevano, e perché e come.... Rispondere alla domanda Che cos è la poesia? è impossibile. (Maria Victoria Atencia, poetessa spagnola, sul n. 1 di Poesia) Fra la veglia fra il sogno Scalfitture di luce nella notte nel silenzio più mio e più nascosto suggestive diventano parole. A lampi ti riveli nella mente fra la veglia fra il sogno germinata da oscuri lal)irinti, poesia. (Gilda Musa, sul n. 128 di Poesia) Il fatto artistico in quanto tale comprende sempre qualcosa di misterioso; è una vertigine in cui non si capisce cosa succede e perché succede. Ma credo che si possa anche parlare di un autentica funzionalità poetica. (Intervista di G. Spagnoletti con Danilo Dolci, sul n. 114 di Poesia) Scrive Giuseppe Ungaretti in Ragioni di una poesia: «Una parola che tenda a risuonare di silenzio nel segreto dell'anima, non è parola che tenda a ricolmarsi di mistero? È parola che si protende per tornare a meravigliarsi della sua originaria purezza.>> Giuseppe Conte scrive : Il lavoro poetico non esclude del tutto il momento del 4

5 mistero, perché quando tu ti metti a scrivere, certamente entri in contatto con qualcosa di invisibile, con una specie di mistero laico che si potrebbe chiamare il mistero delle forze viventi. Chi scrive poesie apre il suo linguaggio verso queste forze, verso l invisibile. Io credo che si debba restituire un valore di magia al linguaggio e questa magia diventa un viaggio verso le fonti dell invisibile e del mistero, verso ciò che di misteriosamente ma effettivamente vitale c è negli oggetti. (Sulla poesia, Pratiche ed.) II - ESPRESSIONE COME ESTERNAZIONE Esprimere significa anche qualcosa che da dentro viene messo fuori, allo scoperto. Si tratta di un processo solo apparentemente semplice, poiché presenta aspetti problematici, determinati da censure e resistenze, sia esterne che interne. Tra le resistenze esterne vanno considerate le censure di natura politica, religiosa e legale, le mode più o meno imposte dai gruppi letterari egemoni. Il poeta Attilio Bertolucci parla apertamente di queste ultime, dichiarando: Ci sono stati momenti in cui alcuni gruppi letterari hanno avuto il sopravvento e hanno cercato di imporre la loro poetica con metodi che sono stati chiamati <<terrorismo critico>>. Io non mi sono mai lasciato impressionare da queste imposizioni, e se a un cero punto ho avuto un evoluzione, l ho avuta per ragioni mie. Quanto alle censure legali, ricordo che Pasolini fu più volte condannato per le sue opere letterarie e cinematografiche e che nel passato meno recente innumerevoli opere letterarie furono messe all indice. In un paese democratico contano oggi forse soprattutto le censure interne, di carattere psicologico o di carattere ideologico-letterario. Un autore può avere difficoltà ad abbandonare uno stile espressivo, ad affrontare i gusti del pubblico con uno stile innovativo, ecc ecc III - ESPRESSIONE COME COSTRUZIONE VERBALE Una volta che l idea poetica sia venuta alla luce e che il poeta abbia superato le invitabili censure, resta il problema di tradurre in parole l idea, di costruire un testo poetico utilizzando il materiale linguistico. Si può dare una idea poetica che non sia espressa in parole? E difficile immaginare che nel poeta un idea, un intuizione poetica non sia fin dall inizio espressa in parole. Si dice ad esempio che il primo verso è dettato dagli dei, che cioè il poeta se lo trova già bello fatto a sua insaputa. Sia come sia, gli altri versi il poeta deve fabbricarli da sé come un buon artigiano, operando scelte molteplici a livello semantico, sintattico, metrico, ecc Scrive in proposito Attilio Bertolucci: <<Come il falegname deve saper fare una sedia che stia in piedi, così il poeta deve saper costruire una poesia che si regga; ed oggi è più difficile di un tempo, perché allora importava conoscere la metrica, oggi invece bisogna saperlo fare 5

6 senza questo appoggio>>. In conclusione, il poeta deve saper maneggiare le parole, perché è con esse e solo con esse che deve esprimere la sua idea artistica, come pure le emozioni, i vissuti, lo stato d animo, ecc costituenti il <<terreno>> su cui l opera poetica si radica e di cui si alimenta. Nella sua impresa di artigiano della parola, il poeta è sospinto e guidato dall idea poetica che garantisce l unità strutturale dell opera. Grazie ad essa il poeta può portare la sua attenzione ai diversi piani espressivi, senza correre il pericolo di perdere il senso dell unità di quanto sta facendo. POESIA COME NECESSITA INTERIORE Scrive Rainer Maria Rilke: Un opera d arte è buona quando è nata da una necessità.... Basta secondo me di sentire che si potrebbe vivere senza scrivere perché sia vietato di scrivere. (Da R. M. Rilke, Lettera a un giovane poeta) Gli fa eco Attilio Bertolucci, uno dei maggiori poeti del Novecento: <<Uno dei pregi, forse più morale che estetico, è quello di avere scritto sempre per una necessità interiore, secondo le leggi interiori. Ci sono stati dei momenti in cui alcuni gruppi letterari hanno avuto il sopravvento e hanno cercato di imporre la loro poetica con metodi che sono stati chiamati di <<terrorismo critico>>. Io non mi sono mai lasciato impressionare da queste imposizioni, e se a un certo punto ho avuto un evoluzione l ho avuta per ragioni mie.>> (A.B. in Sulla poesia, Pratiche ed.) Gli fa eco il poeta trevigiano Andrea Zanzotto: <<Innanzi tutto scrivo quando proprio non posso farne a meno. Non è un divertimento per me scrivere. E una liberazione, ma anche una sofferenza; perché comporta un continuo confronto con me stesso. L essenziale comunque è che ci sia una specie di necessità. Se non c è un impulso irresistibile, è meglio fare a meno di scrivere.>> (A.Z. in Sulla poesia, Pratiche ed.) MODALITA DI ESPRESSIONE Poichè, come abbiamo visto, la poesia è anche mistero, l espressione poetica non è mai qualcosa di intellettualistico e raziocinante, ma di carattere intuitivo e profondo. Nell atto creativo intervengono fattori inconsci che hanno a che fare con l emozionalità, ma intervengono anche fattori razionali, tecnici, il cosiddetto mestiere. Umberto Saba racconta con queste parole la gestazione della sua poesia <<A mia moglie>>. Quando, poche ore dopo, mia moglie ritornò a casa, la poesia era fatta: completa, prima ancora di essere scritta, nella mia memoria. Devo averla composta in uno stato di quasi incoscienza, perché io, che quasi tutto ricordo delle mie poesie, nulla ricordo della sua gestazione. Ricordo solo che, di quando in quando, avevo come dei brividi. Né la poesia ebbe mai bisogno di ritocchi o varianti. S'intende che, appena ritornata 6

7 la Lina, stanca della lunga salita (si abitava a Montebello, una collina sopra Trieste) e carica di pacchi e di pacchetti, io pretesi subito da lei che, senza nemmeno riposarsi, ascoltasse la poesia che avevo composta durante la sua assenza. Mi aspettavo un ringraziamento ed un elogio; con mia grande meraviglia, non ricevetti né una cosa né l'altra. Era rimasta invece male, molto male; mancò poco litigasse con me. Ma è anche vero che poca fatica durai a persuaderla che nessuna offesa ne veniva alla sua persona, che era anzi la mia piú bella poesia. (Da Antologia del <<Canzoniere>>, Einaudi ed.) Poiché c è una profonda affinità tra le diverse forme artistiche, riporto un esempio riguardante l espressione pittorica. Esso può gettar luce sul rapporto tra le due modalità di espressione, mediata e immediata. Il quadro dell amico Renato che tengo nel mio studio mi offre l'opportunità di individuare accanto ai contenuti di base riferibili al mestiere, alla mediazione tecnica e razionale alcuni elementi inconsci, riferibili alla espressione immediata del mndo interiore. Il quadro rappresenta un gruppetto di bambini in un viottolo di campagna che, cartella a spalla, sono diretti a scuola. L'autore mi confessa che il titolo del quadro è <<Rimpianto>>, rimpianto di un passato lontano fatto di sogni, di speranze, di piccole gioie. Ammette che i bambini si allontanano verso il fondo del quadro, invece di avvicinarsi a noi, perché l'infanzia è ormai lontana e inattingibile. Mi racconta che la parte in primo piano non riusciva ad eseguirla come avrebbe voluto. Non capiva il perché. Dietro mia sollecitazione, riconosce che la resistenza interna poteva nascere dalla difficoltà di rappresentare il presente, un presente fatto di amarezza e solitudine. Su di essa c'è il riverbero della luce che attraversa il bellissimo cielo dell'infanzia, ma tale riverbero è così debole da non riuscire ad illuminare il primo piano, ripristinando il clima di allora. Come l amico pittore, non del tutto cosciente del significato profondo della sua opera e delle resistenze che hanno frenato la sua creatività, così il poeta - ma il discorso vale per ogni altro artista - si esprime in forma immediata attingendo alle profondità della psiche, e in forma mediata, tecnica e razionale, attingendo alla cultura e alle risorse del mestiere. ESPRESSIONE INGENUA ED ESPRESSIONE COLTA <<Tutti siamo un po' poeti, perché tutti abbiamo desideri e bisogni che sono quelli che la poesia esprime; ma esprimerli attraverso il linguaggio richiede lavoro, una fatica, una tecnica che non è diversa da quella del pittore o del musicista. Se il bisogno di poesia è di tutti, la realizzazione è solo di chi si dedica attivamente, di chi vi passa la vita. La poesia richiede una disciplina totale, di passare ore e ore inchiodati ad un tavolo, ad un quaderno, ad un foglio>> (8). Il critico d'arte Matteo Marangoni se la prende con l'affermazione che l'ingenuità è il culmine dell'arte. Secondo lui <<troppa gente crede a questo sproposito e pensa subito ai Primitivi, ai Senesi, all'angelico: i quali anziché degli ingenui, erano perfettamente esperti del loro mestiere; come sono sempre, del resto, tutti i buoni artisti, che la 7

8 semplicità se la conquistano>> (9). Lo stesso discorso ovviamente vale per la poesia. <<Fare poesia vuol dire prima di tutto aver una particolare sensibilità ed amare il linguaggio, cioè amare le parole e coglierne il suono, la musica, il ritmo, prima che il significato, cioè sentire dentro il linguaggio qualcosa che va al di là della semplice comunicazione>> (10). Naturalmente tutto ciò non basta. E infatti molti poeti riconoscono l'importanza della cultura poetica e della competenza tecnica per fare poesia. <<Per diventare poeti o intenditori di poesia bisogna farsi l'orecchio sulla musica delle poesie, allo stesso modo che per essere intenditori di musica bisogna ascoltarne molta, con attenzione e partecipazione. Per poter realizzare un ritmo moderno, non definito da regole metriche rigide, è necessario conoscere le regole. Oggi invece si ritiene che scrivere poesie sia molto facile, perché non esistono più tecniche poetiche. Ci vuole una certa professionalità per passare dalle velleità poetiche a un tentativo d realizzazione. Oggi con una metrica libera sembra più facile. In realtà è più difficile, perché dimostrare professionalità in questo modo presuppone una maggiore padronanza del mestiere. Come il falegname deve saper fare una sedia che stia in piedi, così il poeta deve saper costruire una poesia che si regga; ed è oggi più difficile di un tempo, perché allora importava conoscere la metrica, oggi invece bisogna saperlo fare senza questo appoggio>> (11) <<La naturalezza dell'arte poetica...si raggiunge attraverso qualcosa che è entrato nell'orecchio, venendo da Petrarca, da Dante, dagli altri classici. Si tratta dunque di una naturalezza acquisita, non di una naturalezza naturale, spontanea,...>> (12). Ovviamente, competenza tecnica non significa tecnicismo. Il poeta apprezza la tecnica, ma diffida del tecnicismo, ci mette in guardia da una fiducia eccessiva nel <mestiere>. Secondo Diego Valeri <<il tecnicismo o l'automatismo sono vizi incompatibili con la poesia, che dovrebbe essere tenuta sempre fuori e lontano dal campo delle bravure e delle ambizioni secolari...>> (13). Leonardo Sinisgalli afferma di <<essere cresciuto negli anni senza guadagnare nessuna certezza, che potesse servirgli da struttura alla sua poesia. Ogni volta che compone una poesia, egli si trova a ricominciare da capo dal nulla>> (14). Mario Luzi temendo una metrica caratterizzata da una musica esteriore, scrive le sue poesie in stesura continua, senza andare a capo al termine del verso. In tal modo è sicuro che si tratta di versi e non di divisioni tradizionali, rituali, esteriori. Non vuole che il verso preesista sulla carta, ma che risulti (15). Per fare ciò cioè per ottenere e una musica vera non sorretta artificialmente dalla tecnica della versificazione, occorre una conoscenza profonda della metrica, una conoscenza diventata come una seconda natura. Nei poeti dilettanti della domenica il rapporto tra il fattore "ingenuità" e il fattore cultura e competenza tecnica è a tutto favore del secondo. Il concetto di poesia come espressione culturale e competenza tecnica non è presente nella loro <<vocazione poetica>>. Ma questo atteggiamento non è ristretto ai soli dilettanti, se badiamo alle doglianze dei <<veri>> poeti. Questa coscienza è stata un po spazzata via. Quindi c è chi può pensare di scrivere poesie semplicemente perché ha o crede di avere qualcosa da dire, da esprimere. 8

9 E un fatto che dipende dalla crisi di quel concetto artigianale di poesia che invece nel Novecento storico è molto forte, un po dappertutto. Insomma, non si scrive tanta poesia perché è cresciuta la coscienza di quello che sia la poesia, ma perché è diminuita. Ripeto quello che ho detto per iscritto qualche anno fa: se ci fosse più gente che sapesse analizzare e smontare un testo poetico, ci sarebbe meno gente che ne scrive. Su questo non ho il minimo dubbio. (Pier Vincenzo Mengaldo, intervistato da Patrizia Valduga su n. 1 di Poesia) La poesia ingenua, non è detto tuttavia che non abbia un suo fascino particolare, una sua grazia, una sua levità. Vi sono persone, in ispecie in età infantile, che appaiono dotate di virtù poetiche innate, quali la capacità immaginifica, il senso del ritmo, il gusto per la parola. A titolo d'esempio riporto tre poesie di Loretta Barbiroli, una bambina di Nogara (Verona) che frequentava la terza elementare all'epoca delle prime due, la prima media all'epoca dell'ultima. La rondine C'è il sole. Il cielo è azzurro, non c'è nemmeno una nuvola. Un mite animale vola placidamente nel grande universo. Autunno Il cielo è triste, grigio, farfalle morte cadono dolcemente. Gli alberi si addormentano e il loro volto riprende ad essere triste, lungo, oscuro. Ormai il grande silenzio è sceso lentamente, come scende la notte oscura e impaurita. Il sole 9

10 Il sole, il limpido sole, bisognava pur tuffarsi nella sua luce per capire la sua bontà bisognava che io lo toccassi perché non mi bastava sentirmelo sul corpo. L URGENZA ESPRESSIVA L'urgenza espressiva non può scendere al livello dello sfogo se vuol restare nella sfera della poesia. << Infatti se ci si vuole sfogare, lo si può fare facilmente in altri modi. Se il poeta concepisce la poesia come sfogo, essa rimane un gesto della vita e perde i suoi caratteri di conoscenza poetica della realtà e di parola autentica e piena>> (16). Benedetto Croce esprime il suo ideale "classicistico" di poesia con queste parole: <<Questo è l'incanto della poesia: l'unione del tumulto e della calma, dell'impulso passionale e della mente che lo contiene in quanto lo contempla. La vittoria è nella contemplazione, ma è una vittoria che freme tutta della battaglia sostenuta e che ha sotto di sé l'avversario domato e vivente. Il genio poetico coglie e ferma questa linea sottile, in cui la commozione è serena e la serenità è commossa>> (17) [Il classicismo] tende risolutamente verso la rappresentazione, come l altro [il romanticismo] verso il sentimento. I grandi artisti, le grandi opere... non si possono chiamare nè romantiche nè classicistiche, nè passionali nè rappresentative, perché sono insieme classicistiche e romantiche, rappresentazioni e sentimenti: un sentimento gagliardo, che si è fatto tutto rappresentazione nitidissima. Ciò che ammiriamo nelle genuine opere d arte è la perfetta forma fantastica, che vi assume uno stato d animo. (Breviario di estetica, Laterza, pag. 32 e ss.) Alda Merini non dice qualcosa di molto diverso quando dichiara: sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida... L'arte si realizza solo quando il sentimento abbia subito quasi un processo di decantazione e perso ogni sua asprezza. La concezione crociana va certamente stretta alla poesia del Novecento, nondimeno a mio giudizio mantiene un suo valore "normativo" perenne, di richiamo ai valori imprescindibili della forma poetica. L'arte, qualunque arte, è sempre indissolubilmente legata alla vita, ma da essa riesce ad innalzarsi col miracolo del genio. Il critico d'arte M. Marangoni afferma : <<Il mondo dell'arte non coincide con il mondo reale, con la vita, è un mondo creato dall'arte che prima non esisteva. Quando guardo <La famiglia Bellelli> di Degas, oppure la sua stupenda <Femme à la potiche>, o la famosa <Ballerina sulla scena>, scopro qualcosa che non ho mai veduto, cioè la vita fissata negli aspetti elementari ed eterni del ritmo e della 10

11 luce.>> (18). E quello che vale per la pittura, mutatis mutandis, vale naturalmente, e nella stessa misura, per la poesia, per la musica, per tutte le arti. W. Wordsworth, grande poeta inglese, conferma da par suo:... tutta la buona poesia è il traboccare spontaneo di sentimenti forti; ma per quanto ciò sia vero, nessuna poesia a cui si attribuisca qualche valore fu mai scritta su qualsiasi argomento se non da un uomo che, possedendo una sensibilità organica superiore al comune, aveva anche pensato a lungo e profondamente>>. (W. Wordsworth, citato da Elisabetta Niccolini sul n. 144 di Poesia) Maria Victoria Atencia, poetessa spagnola, chiarisce: Io concepisco la poesia come il frutto di uno stato di raccoglimento e di riflessione. Da uno stato di passione non nasce che il grido. Il grido può darci sollievo, ma raramente costringerci a riflettere. Perché si grida solo per un urgente qui e ora, invece la riflessione vuole continuità.... Ciò non toglie che nella riflessione, sospesa e raccolta in sé, intervenga o possa intervenire l emergenza, qualcosa che si sovrappone a noi stessi, che si rivela imprescindibile al testo poetico, e che siamo incapaci, non conoscendo i meccanismi che ci regolano, di attribuire a noi stessi. Per intenderci questa emergenza improvvisa la chiamiamo ispirazione, e in un certo periodo è stata accolta come un dono divino, non molto diverso dalla rivelazione o dall estasi. (Maria Victoria Atencia, sul n. 1 di Poesia) L artista si esprime attraverso la realizzazione dell opera d arte, si esprime dunque indirettamente. Più precisamente, egli esprime la sua idea artistica, un idea non astratta, ma massimamente concreta. Rispetto all idea artistica che presiede alla creazione dell opera, lo stato d animo dell artista (emozioni, sentimenti, vissuti), ma anche le sue idee in genere costituiscono solamente il terreno in cui l opera si radica e di cui si alimenta. Può capitare che lo stato d animo dell artista assuma un ruolo costitutivo dell idea artistica ma mai fino al punto da condizionarne deterministicamente lo svolgimento. Lo svolgimento dell idea artistica mantiene una sua autonomia creativa. L URGENZA ESPRESSIVA L'urgenza espressiva non può scendere al livello dello sfogo se vuol restare nella sfera della poesia. << Infatti se ci si vuole sfogare, lo si può fare facilmente in altri modi. Se il poeta concepisce la poesia come sfogo, essa rimane un gesto della vita e perde i suoi caratteri di conoscenza poetica della realtà e di parola autentica e piena>> (8). Benedetto Croce esprime il suo ideale "classicistico" di poesia con queste parole: <<Questo è l'incanto della poesia: l'unione del tumulto e della calma, dell'impulso passionale e della mente che lo contiene in quanto lo contempla. La vittoria è nella contemplazione, ma è una vittoria che freme tutta della battaglia sostenuta e che ha sotto di sé l'avversario domato e vivente. Il genio poetico coglie e ferma questa linea sottile, in cui la commozione è serena e la serenità è commossa>> (9) [Il classicismo] tende risolutamente verso la rappresentazione, come l altro [il romanticismo] verso il sentimento. I grandi artisti, le grandi opere... non si possono chiamare nè romantiche nè classicistiche, nè passionali nè rappresentative, perché sono insieme classicistiche e romantiche, rappresentazioni e sentimenti: un sentimento gagliardo, che si è fatto tutto 11

12 rappresentazione nitidissima. Ciò che ammiriamo nelle genuine opere d arte è la perfetta forma fantastica, che vi assume uno stato d animo. (Breviario di estetica, Laterza, pag. 32 e ss.) Alda Merini non dice qualcosa di molto diverso quando dichiara: sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida... L'arte si realizza solo quando il sentimento abbia subito quasi un processo di decantazione e perso ogni sua asprezza. La concezione crociana va certamente stretta alla poesia del Novecento, nondimeno a mio giudizio mantiene un suo valore "normativo" perenne, di richiamo ai valori imprescindibili della forma poetica. L'arte, qualunque arte, è sempre indissolubilmente legata alla vita, ma da essa riesce ad innalzarsi col miracolo del genio. Il critico d'arte M. Marangoni afferma : <<Il mondo dell'arte non coincide con il mondo reale, con la vita, è un mondo creato dall'arte che prima non esisteva. Quando guardo <La famiglia Bellelli> di Degas, oppure la sua stupenda <Femme à la potiche>, o la famosa <Ballerina sulla scena>, scopro qualcosa che non ho mai veduto, cioè la vita fissata negli aspetti elementari ed eterni del ritmo e della luce.>> (10). E quello che vale per la pittura, mutatis mutandis, vale naturalmente, e nella stessa misura, per la poesia, per la musica, per tutte le arti. W. Wordsworth, grande poeta inglese, conferma da par suo:... tutta la buona poesia è il traboccare spontaneo di sentimenti forti; ma per quanto ciò sia vero, nessuna poesia a cui si attribuisca qualche valore fu mai scritta su qualsiasi argomento se non da un uomo che, possedendo una sensibilità organica superiore al comune, aveva anche pensato a lungo e profondamente>>. (W. Wordsworth, citato da Elisabetta Niccolini sul n. 144 di Poesia) Maria Victoria Atencia, poetessa spagnola, chiarisce: Io concepisco la poesia come il frutto di uno stato di raccoglimento e di riflessione. Da uno stato di passione non nasce che il grido. Il grido può darci sollievo, ma raramente costringerci a riflettere. Perché si grida solo per un urgente qui e ora, invece la riflessione vuole continuità.... Ciò non toglie che nella riflessione, sospesa e raccolta in sé, intervenga o possa intervenire l emergenza, qualcosa che si sovrappone a noi stessi, che si rivela imprescindibile al testo poetico, e che siamo incapaci, non conoscendo i meccanismi che ci regolano, di attribuire a noi stessi. Per intenderci questa emergenza improvvisa la chiamiamo ispirazione, e in un certo periodo è stata accolta come un dono divino, non molto diverso dalla rivelazione o dall estasi. (Maria Victoria Atencia, sul n. 1 di Poesia) L artista si esprime attraverso la realizzazione dell opera d arte, si esprime dunque indirettamente. Più precisamente, egli esprime la sua idea artistica, un idea non astratta, ma massimamente concreta. Rispetto all idea artistica che presiede alla creazione dell opera, lo stato d animo dell artista (emozioni, sentimenti, vissuti), ma anche le sue idee in genere costituiscono solamente il terreno in cui l opera si radica e di cui si alimenta. Può capitare che lo stato d animo dell artista assuma un ruolo costitutivo dell idea artistica ma mai fino al punto da condizionarne deterministicamente lo svolgimento. Lo svolgimento dell idea artistica mantiene una sua autonomia creativa. 12

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Tu non ricordi la casa dei doganieri

Tu non ricordi la casa dei doganieri Percorso L autore Eugenio Montale 4. Le occasioni, La bufera e altro, Satura e l ultima produzione testi 13 13 Eugenio Montale Le occasioni La casa dei doganieri in Tutte le poesie, Mondadori, Milano,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli