Simonetta Damele, Tiziano Franzi STORIE CHE CONTANO. Testi e scenari culturali. La poesia e il teatro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simonetta Damele, Tiziano Franzi STORIE CHE CONTANO. Testi e scenari culturali. La poesia e il teatro. www.loescher.it/librionline"

Transcript

1 Simonetta Damele, Tiziano Franzi STORIE CHE CONTANO Testi e scenari culturali B La poesia e il teatro

2

3 Simonetta Damele, Tiziano Franzi Storie che contano Testi e scenari culturali B La poesia e il teatro LOESCHER EDITORE

4 Loescher I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservati per tutti i paesi. Fotocopie per uso personale (cioè privato e individuale) nei limiti del 15% di ciascun volume possono essere effettuate negli esercizi che aderiscono all accordo tra SIAE - AIE - SNS e CNA - Confartigianato - CASA - Confcommercio del 18 dicembre 2000, dietro pagamento del compenso previsto in tale accordo. Per riproduzioni ad uso non personale l editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15% delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a: Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell ingegno (AIDRO) - L editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale. La riproduzione a mezzo fotocopia degli esemplari di tali opere esistenti nelle biblioteche è consentita, non essendo concorrenziale all opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell editore, una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere antologiche. Nel contratto di cessione è esclusa, per biblioteche, istituti di istruzione, musei ed archivi, la facoltà di cui all art ter legge diritto d autore. Maggiori informazioni sul nostro sito: Ristampe N Loescher Editore S.r.l. opera con sistema qualità certificato CERMET n 1679-A secondo la norma UNI EN ISO Realizzazione editoriale e tecnica: Salviati - Milano - Redazione: Greta Peyrani - Progetto grafico: Anna Huwyler - Videoimpaginazione: Vincenzo De Paola - Ricerca iconografica: Sara Belolli, Verena Allegra Merli - Cartine e disegni tecnici: Graffito s.r.l. - Cusano Milanino (MI) - Consulenza didattica: Isabella Colonna Preti Redattore responsabile: Milena Lant Copertina: Elio Vigna Design - Torino Fotolito: New Graphicontact - Milano Stampa: Sograte - Città di Castello (PG) Storie che contano è frutto del lavoro comune degli autori, che ne hanno insieme progettato, elaborato e scritto ogni parte. Alla stesura dei Confronti, in particolare quelli riguardanti il cinema e la canzone, hanno collaborato Andrea Franzi e Silvia Franzi. Referenze iconografiche: p.21: S. Lucini; p.29: S. Lucini; p.47: Mondadori Electa, 2003; p.49: Gabrius, 2002; p.51: Rizzoli, 2004; p.71: V. A. Merli; p.72-73: V. A. Merli; p.93: Taschen, 2003; p.101: Scala Group/Firenze, Mondadori Electa, 2006; p.102: Rizzoli, 2004; p.103: Gemeertemuseum/LìAia, Electa, 2006; p.106: Archivio Guttuso/Roma, all.a «Art e Dossier»,n.208, 2005; p.113: Taschen, 2003; p.117: Cassa di Risparmio di Gorizia, Gorizia, 1991; p.125: Rizzoli, 2003; p.130: V. A. Merli; p.132: S. Lucini; p.133: S. Kroemker; p.149: R.C.S. Sansoni Editore, Firenze, 1988; p.153: Edizioni De Luca; p.159: De Agostini Editore, 2005; p.163: S. Kroemker; p.164: «Il Venrdì», n.831, 2004; p.169: R. Tanoni; p.170: R. Tanoni; p.171: (1)Archivio Salviati; (2)De Agostini Editore, 2005; p.174: Archivio Giusti, all.a «Art e Dossier», n.187, 2003; p.175: De Agostini Editore, 2005; p.179: Rizzoli, 2003; p.180: Icponline.it; p.189: Electa, 2004; p.192: (1)R. Kiedrowski, teneues Verlag GmbH, 2004; (2)Taschen, 2003; p.198: «Art e Dossier», n.208, 2005; p.205: Taschen, 2003; p.206: Bompiani, 2004: p.210: (1)«Il Venerdì», n.834, 2004; (2)Bompiani, 2004; p.213: Il Sole 24Ore, 2005; p.214: Lessing/Agenzia Contrasto, Milano, Mondadori Electa, 2006; p.218: (1)De Agostini Editore, 2004; p.222: Mondadori Electa, 2006; p.223: (1)De Agostini editore, 2004; (2)Mondadori Electa, 2006; p.226: De Agostini editore, 2004; p.234: S. Lucini; p.235: Electa, 2004; p.243: Electa, 2004; p.246; Bompiani, 2004; p.247: M. Valley, Grazia Neri Image; p.249: Giorgio Mondadori Editore, 2002; p. 252: Taschen, 2001; p.253: (1)Bompiani, 2004; (2) Rizzoli, 2003; p.262: L. Manieri/Pandaphoto/Treccani, 2001; p.263: G. Arici/Grazia Neri Image; p.265: Agf, «Il Venerdì», n.947, 2006; p.266: Rizzoli, 2003; p.269: Mondadori Electa, 2006; p.270: Birmingham Museums and Art Gallery, Birmingham, Mondadori Electa, Milano, 2006; p.272: Taschen, 2001; p.278: Archivio Salviati; p.290: De Agostini Editore, 2005; p.291: S. Lucini; p.292: «Il Venerdì», n.832, 2004; p.295: (1)Cassa di risparmio di gorizia, Gorizia, 1991; (2)Archivio Salviati; (3-4)Taschen, 2001; p. 299: Civico archivo Fotografico di Milano; p. 305: V. A. Merli; p.306: De Agostini Editore, 2005; p.310: S. Lucini; p.314: De Agostini Editore, 2005; p.320: L. Cendamo/Grazia Neri Image; p.323: Mondadori Electa Milano, 2004; p.329: Icponline.it; p.330: G.Giovannetti; p.336: Mondadori Electa, 2004; p.346: Rizzoli, 2003; p.353: Rizzoli, 2003; p.358: Rizzoli, 2003; p.361: Mondadori Electa, 2004; p.363: Civico Archivio Fotografico Milano; p.364: (2-3- 4)Doc Studio, Modica; p.369: Rizzoli, 2005; p.373: Taschen, 2003; p.374: De Agostini Editore, 2005; p.377: G. B. Brambilla/Grazia Neri, Image; p.381: Tachen, 2001; p.384: (1)Sansoni, 1970; (2)«Art e Dossier», n.208, 2005; p.393: «Il Venerdì», n.879, 2005; p.396: Mondadori Electa, 2005; p.403: V. A. Merli; p.410: (1)F. Neema/Reuters/Archive photos, Könemann, 2001; (2) «Il Venerdì», n.849, 2004; (3)Archivio Getty Images, Könemann, 2001; (4)FIA/Rue des Archives, «Panorama», n.16, 2005; (5) «Panorama», n.19, 2005; (6)Mondadori Electa, 2005; (7)Beawiharta/Reuters/Archive photos, Könemann, 2001; (8)Bonechi editore, 2001; p.412: Ministero per I Beni e le attività Culturali Direzione generale per I Beni Librari e gli Istituti Culturali/Fondazione ragionale per lo spettacolo del Friuli-Venezia Giulia, p.413: Ministero per I Beni e le attività Culturali Direzione generale per I Beni Librari e gli Istituti Culturali/Fondazione ragionale per lo spettacolo del Friulili-Venezia Giulia, (2) S. Lunardi, Gente viaggi, n. 10, 2004; p.414: Elemond Spa, Milano, 2002; p.420: Ministero per I Beni e le attività Culturali Direzione generale per I Beni Librari e gli Istituti Culturali/Fondazione ragionale per lo spettacolo del Friuli-Venezia Giulia, p.421: Rizzoli, 2003; p.428: De Agostini Editore, 2005; p.429: (1) De Agostini Editore, 2005; (2)«Il Venerdì», n.828, 2004; p.430: Mondadori Electa, 2004; p. 413: Rizzoli, 2004; p.440: G. Lingeri Lucini; p.441: S. Lucini; p.449: Ministero per I Beni e le attività Culturali Direzione generale per I Beni Librari e gli Istituti Culturali, p.452: Rizzoli, 2004; p. 455: Rizzoli, 2006; p.463: Mondadori Electa, 2004; p.465: De Agostini Editore, 2005; p.467: De Agostini Editore, 2005; p.472: Archivio Fotografico Comune di Sabbioneta; p.474: L. Ciminaghi Archivio Piccolo Teatro di Milano; p.481: Piccolo Teatro di Milano; p.483: L. Ciminaghi Piccolo Teatro di Milano; p.487: Bompiani, 2004; p.490: Electa, 1997; p.501: T. L. Pera; p.503: T. L. Pera; p.509: «Il Venerdì», n.824, 2004; p.513: Mondadori Electa, 2005; p.520: Bompiani, 2004; p.521: L. Ciminaghi Archivio Piccolo Teatro di Milano; p.523; G. Bosio, Electa, 2006; p.526: De Agostini Editore, 2005; p.529: Archivio Piccolo Teatro di Milano; p.535: Mondadori electa, 2006; p. 539: Mondadori electa, 2004; Rizzoli, p.541: Archivio Piccolo Teatro di Milano; p.543: Mondadori electa, 2004; p.547: Archivi Alinari; p. 548: Icponline.it; p.552: De Agostini Editore, 2005; p.553: De Agostini Editore, 2005; p.554: (1) Könemann, 2002; p.556: De Agostini Editore, 2005; p.557: Mondadori Electa, 2006; p.559: (1-2-4)Mondadori Electa, 2006; (2)«Ulisse», nov., 2006; (7)Electa napoli, 1997; p.561: De Agostini Editore, 2005; p.565: De Agostini Editore, 2005; p.566: (1)Editori Laterza, 1989; (2)Mondadori Electa, 2003; p.569: Rizzoli, 2003; p.570: (1)Archivio Scala, Firenza, Il Sole 24Ore, 2005; (2 De Agostini Editore, 2005; p.572: (1)Getty Images, Könemann, 2005; p.573: (1)Mondadori Electa, 2006; p.574: (1)Rizzoli, 2003; (2)Elemond Spa, Milano, p.49: Macchina da scrivere/konrad Klapheck: by Siae, Roma, 2007; p.102: La persistenza della memoria/salvador Dalì: by Siae, Roma, 2007; p.103: Albero argentato/piet Mondrian: by Siae, Roma, 2007; p.106: Crocifissione/Renato Guttuso: by Siae, Roma, 2007; p.125: L impero delle luci II/René François Magritte: by Siae, Roma, 2007; p. 198: Forbici e limoni/renato Guttuso: by Siae, Roma, 2007: p.208: Cinque donne sulla strada / Ernst Ludwig Kirchner: by Siae, Roma, 2007; p. 214: Il bacio/auguste Rodin: by Siae, Roma, 2007; p. 252: Al capezzale di un defunto/edvard Munch: by Siae, Roma, 2007; p. 272: Malinconia/Edvard Munch: by Siae, Roma, 2007; p. 295: Aasgaardstrand/Edvard Munch: by Siae, Roma, 2007; p.323: La Pasqua/Marc Chagall: by Siae, Roma, 2007; p.346: L incertezza del poeta /Giorgio de Chirico: by Siae, Roma, 2007; p.369: La danza /Henri Matisse: by Siae, Roma, 2007; p.373: Sangue sul pavimento /Francis Bacon: by Siae, Roma, 2007; p.379: Ritratto di Paul Eluard/Salvador Dalì: by Siae, Roma, 2007; p.381: L orda/marx Ernst: by Siae, Roma, 2007; p.384: La fucilazione/renato Guttuso: by Siae, Roma, 2007; p.397: Dora Maar con le unghie verdi/pablo Picasso: by Siae, Roma, 2007; La cattedrale/auguste Rodin: by Siae, Roma, 2007; p.414: Composizione dorata/mark Rothko: by Siae, Roma, 2007; p.421: Nord-Sud/Joan Mirò: by Siae, Roma, 2007; p.431: Stati d animo I/Umberto Boccioni: by Siae, Roma, 2007; p.455: Grande cretto nero/alberto Burri: by Siae, Roma, 2007; p.569: Les demoiselles d Avignon/Pablo Picasso: by Siae, Roma, 2007; p.570: Zang Tumb Tumb/Filippo Tommaso Marinetti: by Siae, Roma, 2007; p.574: La grande Famille/Renée Magritte: by Siae, Roma, 2007; p.574: Venticinque Marilyn colorate/andy Warhol: by Siae, Roma, 2007; p.178: Per gentile concessione della Galleria d Arte Moderna Ricci Oddi; p.364: Per gentile concessione di Alessandro Quasimodo

5 STORIE CHE CONTANO, perché sono o sono state tappe importanti nel cammino dell uomo e nella formazione della sua cultura. STORIE CHE CONTANO, perché raccontano il passato e il presente, preparandoci così a vivere il futuro in modo più consapevole e sereno. STORIE CHE CONTANO, perché sono e saranno i punti di riferimento di chi legge facendo della lettura non un evento episodico, ma un appuntamento quasi costante nella sua vita. STORIE DA LEGGERE e, prima ancora, STORIE DA SCEGLIERE. Percorso di lettura Temi, generi, autori della poesia Unità9 Il sentimento della vita e della morte L interpretazione poetica Mimnermo, Al modo delle foglie Dante Alighieri, Ulisse Giacomo Leopardi, A Silvia Dino Campana, L invetriata Mario Luzi, Nell imminenza dei miei quarant anni Alda Merini, L uccello di fuoco Attilio Bertolucci, Dalla finestra aperta Giorgio Caproni, Congedo del viaggiatore cerimonioso Camillo Sbarbaro, Taci, anima stanca di godere Salvatore Quasimodo, Ed è subito sera Giovanni Giudici, Le ore migliori Umberto Saba, La capra Sandro Penna, La vita... è ricordarsi di un risveglio Franco Fortini, La gronda Anna Achmatova, Io ho appreso a vivere Andrea Zanzotto, Al mondo Confronti Messaggi in musica Claudio Baglioni, Poster L interpretazione narrativa Italo Calvino, L avventura di due sposi Mi basterebbe che tu fossi vivo, un uomo vivo col tuo cuore è un sogno Alfonso Gatto, A mio padre, in Poesie, Milano, A. Mondadori, 1970 Percorso di metodo Conoscenze, abilità, competenze di lettura Unità1 Il testo poetico Strumenti di analisi 1. Che cos è la poesia? Vincenzo Cardarelli, Sera di Liguria 2. Le caratteristiche del testo poetico Giovanni Pascoli, Il lampo Clemente Rebora, Il turbine Vincenzo Cardarelli, Autunno Verifica delle conoscenze Tecniche di scrittura La parafrasi Sandro Penna, Sul molo il vento soffia forte Modelli poetici Vittorio Sereni, Settembre Giovanni Pascoli, Rio Salto Son forse un poeta? No, certo. [ ] Io metto una lente davanti al mio cuore per farlo vedere alla gente. Chi sono? Il saltimbanco dell anima mia Aldo Palazzeschi, Chi sono?, in Tutte le poesie, Milano, A. Mondadori, I Meridiani, 2002 La Parte 1 è dedicata al testo poetico e si suddivide in due percorsi: Percorso di metodo, dedicato agli elementi più tecnici della poesia. Percorso di lettura, dedicato a temi, generi e autori della poesia. «Oggi la difficoltà sta nel saper scegliere. Leggere etimologicamente vuol dire per l appunto scegliere. Viene dal latino legĕre, che significa raccogliere, indi riunire, infine scegliere (significato che si potrebbe spiegare con un legĕre oculis, vale a dire raccogliere [le lettere] con gli occhi ). Dunque leggere da scegliere, scegliere tra i libri, che sono tantissimi...

6 TESTO DI RIFERIMENTO (Giosue Carducci, Poesie, Milano, Garzanti, 1978) a b c (Ugo Foscolo, Alla sera) (Giovanni Pascoli, La mia sera, v ) (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, II, v. 58) (Giacomo Leopardi, Il passero solitario, v. 4) (Giovanni Pascoli, I puffini dell Adriatico, v. 6) 4 Gli Strumenti di analisi delineano un percorso dedicato alle principali caratteristiche della poesia (metrica e ritmo, effetti fonico-musicali, figure retoriche, linguaggio figurato) che vengono poi messe in pratica nelle pagine dedicate ai Modelli poetici. 24 Unità Il testo poetico 1 Tecniche di scrittura La parafrasi Il linguaggio poetico spesso non coincide con la lingua della comunicazione quotidiana e le scelte lessicali e sintattiche ne rendono talvolta poco agevole la comprensione. È allora utile un lavoro di parafrasi (dal greco paráphrasis, frase posta vicino ) del testo poetico, che consiste nel trasformarlo in prosa senza modificarne il significato, usando parole ed espressioni della lingua comune. Come si procede Clemente Rebora Il turbine p La lettura e la comprensione del testo La prima cosa da fare è leggere la poesia. La prima lettura deve essere orientativa, utile a ricavare impressioni e informazioni sommarie sul titolo, sulla lunghezza del componimento, sul senso generale della poesia e sui punti in cui la comprensione appare più difficoltosa. Questa prima lettura è fondamentale in quanto permette di formulare le prime ipotesi in base alle quali sarà possibile ritornare sul testo per indagarlo in modo più preciso e approfondito. La seconda lettura deve essere selettiva e approfondita, più attenta e dettagliata, perché mirata a: individuare vocaboli sconosciuti; comprendere il senso letterale di tutte le parole; ricostruire l ordine naturale della sintassi. Lo strumento prezioso che permette di penetrare i significati più complessi del testo sono le note esplicative, di solito riportate a piè di pagina. Se le note non sono sufficienti bisogna ricorrere al dizionario: sicuramente esso è utile per scoprire il significato delle parole, anche di quelle meno comuni, o per avere chiarimenti sulla costruzione particolare di alcuni verbi. Inoltre, di molte parole esso registra il significato connotativo. 2. La ricostruzione della sintassi La libertà espressiva del poeta può modificare il normale ordine sintattico (soggetto + verbo + complemento; nome + specificazione) e creare espressioni linguistiche originali, che aggiungono alle parole nuovi significati, ma richiedono anche uno sforzo di ricostruzione da parte di chi legge. Tale artificio retorico è definito iperbato (cfr. p. 81). Francesco Petrarca ( ) Percorso di lettura 347 L interpretazione poetica Italia mia IL TEMA DELLA POESIA Francesco Petrarca (biografia a p. 223) scrisse questa canzone fra il 1344 e il 1345, dopo avere assistito di persona allo scontro fra truppe mercenarie per il possesso della città di Parma. In questi versi egli rivolge un pressante invito ai signori italiani affinché pongano fine alle lotte fratricide in nome di quell unica patria che i padri hanno loro consegnato. Dopo avere lamentato le sciagure che affliggono l Italia, dovute sia alle divisioni politiche e alle discordie civili sia all eccessivo uso di truppe mercenarie sempre infide, il poeta esorta i principi italiani a prendere le armi contro i mercenari stessi, per liberare la penisola e ridarle dignità di patria. Ti proponiamo due strofe della canzone: la seconda, in cui il poeta si rivolge direttamente ai signori dei piccoli Stati italiani, e la terzultima, in cui esprime il proprio profondo affetto verso l Italia e invita i principi a osservare le condizioni di miseria e di sofferenza in cui vive il popolo italiano. [ ] Voi de le belle contrade, di che nulla pietà par che vi stringa 2, che fan qui tante pellegrine spade 3? perché l verde terreno del barbarico sangue si depinga 4? Vano error vi lusinga 5: poco vedete, et parvi veder molto, ché n cor venale amor cercate o fede 6. Qual più gente possede, colui è più da suoi nemici avolto 7. 1 cui Fortuna à posto in mano il freno PUBBLICAZIONE METRO canzone, in cui ogni strofa è composta da 16 versi (endecasillabi e settenari) con rima ABC BAC Voi: i signori dei piccoli e numerosi 3. pellegrine spade: armi di mercenari 6. ché n cor fede: poiché cercate Stati in cui è divisa l Italia. stranieri. fedeltà (fede) o passione (amor) in 2. cui stringa: nelle cui mani il 4. perché depinga: sono forse qui uomini (cor) che cercano soltanto destino (Fortuna) ha posto il governo affinché (perché) i verdi campi italiani si denaro (venale). (freno) delle belle regioni (contrade) arrossino (depinga) di sangue straniero? 7. Qual avolto: chi ha più mercenari delle quali (di che) non sembra che 5. Vano lusinga: vi trae in inganno (più gente) più è circondato (avolto) da abbiate (vi stringa) alcuna compassione. (lusinga) una vuota illusione (vano nemici. error). Vita e opere Strategie compositive < 32 Unità La metrica e il ritmo Percorso di metodo 2 33 La fame del povero giorno prolunga la garrula cena La fa me del po ve ro gior no Strumenti di analisi pro lun ga la gar ru la ce na Come Nel computo delle sillabe di un verso bisogna tenere presenti: distinguere le figure metriche (sinalefe, dialefe, sineresi, dieresi); 1. La metrica i vari tipi l accentazione della parola finale del verso (che può essere tronca, piana, sdrucciola). di verso Musica e ritmo La poesia comunica il proprio messaggio affidandosi non solo al significato delle 1 Se una parola finisce per vocale e la parola successiva comincia per vocale, le due parole ma anche al suono e al ritmo che queste imprimono alla frase; la poesia ha vocali normalmente si fondono in una sola sillaba, dando luogo al fenomeno della sinalefe. Per esempio, il verso seguente è un endecasillabo anche se composto da 13 sillabe: quindi in sé alcune qualità della musica e riesce a trasmettere emozioni e stati d animo ricorrendo a particolari elementi espressivi quali il tipo di verso, la sua lunghezza, gli e il naufragar m è dolce in questo mare accenti ritmici, le cesure, le rime, la suddivisione in strofe, gli accostamenti di suoni. (Giacomo Leopardi, L infinito, v. 15) e l c in Tali elementi sono oggetto di studio della metrica (dal greco métron, misura e in particolare misura del verso ), cioè la disciplina che studia le regole e il nau fra gar m è dol ce in que sto ma re convenzionali che, nel corso del tempo, sono state stabilite a proposito della struttura di un testo poetico. 2 In alcuni casi, più rari, le due vocali costituiscono due sillabe separate, dando luogo al fenomeno della dialefe. Pertanto il verso seguente risulta un endecasillabo, La metrica: Fino a quasi tutto l Ottocento le regole della metrica erano molto rigide e legate pur avendo apparentemente 10 sillabe, perché la o e la a iniziali non si fondono: dal vincolo alla corrispondenza tra genere e struttura metrica: per esempio gli endecasillabi alla libertà (versi di undici sillabe) organizzati in un sonetto (composizione poetica formata da O anima cortese mantovana quattro strofe: due quartine e due terzine) rappresentavano i versi della lirica pura; gli autori di poesia epico-cavalleresca, invece, adottavano l endecasillabo organizzato in ottave (strofe di otto versi). La tradizione letteraria, infatti, aveva fissato O a ni ma cor te se man to va na regole vincolanti e, salvo rare eccezioni, i poeti si attenevano ai modelli imposti. 3 Se due o tre vocali della medesima parola, che normalmente si pronunciano separatamente, sono computate come un unica sillaba, ha luogo una sineresi. Nel seguente Con la fine dell Ottocento, però, gli schemi tradizionali furono modificati o addirittura abbandonati: gli autori del Novecento preferirono il verso libero e verso, la i e la a della parola armonia, che normalmente non formano dittongo (armo-nì-a), si contraggono a formare un unica sillaba. In tal modo, il verso non risulta adattarono la struttura del testo alle personali esigenze espressive. In ogni caso i versi, le strofe e le rime rimangono ancora importanti perché, a seconda delle scelte effettuate, il poeta con questi artifici tecnici ottiene effetti diversi, ed erra l armonia per questa valle composto da 12 sillabe, ma da 11 (endecasillabo): < che occorre approfondire. ed er ra l ar mo nia per que sta val le 84 Unità La disposizione delle parole Percorso di metodo Il verso e la sua divisione in sillabe 4 La dieresi è il fenomeno opposto alla sineresi, e consiste nella separazione di due Che cos è Il verso è una Applicare riga di una gli poesia, strumenti la sua unità ritmica minima, di La lunghezza ricostruzione della sintassi e la parafrasi (es. 1) vocali solitamente formanti dittongo; in tal caso, invece di una sillaba, se ne contano due. Di solito questo fenomeno viene segnalato collocando due puntini sulla un verso variabile. Il termine deriva dal verbo latino vertere ( girare, tornare La corrispondenza indietro ); nel caso della poesia si riferisce all andare a capo alla fine Le del figure verso, di costruzione (es. 3) prima delle due vocali. Nota come nel verso proposto, oltre alla dieresi fra la terza tra temi e struttura del testo (es. 2) Modelli poetici anche se lo spazio disponibile sulla pagina non è finito. La struttura metrica (es. 4) e quarta sillaba, sia presente anche una sinalefe nella quinta: Il confronto e il commento (es. 5) Il verso è formato da sillabe, il cui numero dà convenzionalmente origine al nome con ozïose e tremule risate del verso stesso. Percorso esempio, di i analisi b) Quale forte enjambement caratterizza la seconda versi seguenti di Giovanni Pascoli sono costituiti da 1. Il poeta ha fatto ricorso a una sintassi originale per strofa? Quali elementi logici vengono separati? con o zï o se e nove sillabe e pertanto sono detti novenari: tre mu le ri sa te sottolineare i temi a lui cari rispondendo nel contempo c) Quale serie di verbi contribuisce a scandire il ritmo della prima terzina? Elencali a esigenze di significato, ritmo, suono e rima. Per comprendere la poesia, quindi, il primo compito è ricostruire l ordine logico della sintassi e parafrasare il ma alla seconda terzina? Quale termine assume d) Quale enjambement segna il passaggio dalla pri- Analisi dei contenuti Giosue Carducci Analisi della struttura testo. risalto perché posto in posizione privilegiata? sintattica e delle figure a) Seguendo come esempio il lavoro svolto sulla di costruzione Traversando la Maremma prima quartina, parafrasa tutto il testo. 3. A confermare la peculiarità di ciascuna strofa contribuisce il sapiente uso di alcune figure retoriche di Confronto con altri autori Prima strofa toscana Ricostruzione: Dolce paese, onde portai conforme costruzione, che modificano l ordine naturale degli l abito fiero e il canto sdegnoso, e il petto ove odio e elementi della frase o intervengono sulla struttura del INQUADRIAMO IL TESTO Questo sonetto di Giosue Carducci ( ) è ispirato a un viaggio in treno da Livorno a Roma, durante il quale il poeta attraversa mi balza in tanto. modificando il ritmo della lirica. amor mai non s addorm[ono], pur ti riveggo, e il cuor periodo per dare rilievo speciale ad alcune parole, quella Maremma toscana che è stata la culla della sua infanzia e il teatro della sua giovinezza. Contemplando dal finestrino l aspro paesaggio, il poeta rivede i luoghi che gli sono (letteralmente: ho ripreso simile) il carattere fiero e la sindeto. Quali effetti produce? Parafrasi: Terra a me cara, dalla quale ho ereditato a) Evidenzia nella lirica la ricorrente figura del poli- stati cari e spontaneamente intrattiene con la sua terra una specie di intimo colloquio. poesia orgogliosa, e l animo dove odio e amore non si Suggerisce l idea dell accavallarsi delle sensazioni acquietano mai, finalmente ti rivedo, e il cuore mi sobbalza in questo momento. Frammenta il ritmo rendendolo incalzante e conci- descritte e dilata il ritmo. Dolce paese, onde portai conforme 1 b) Quali sono, in sintesi, le qualità che il poeta dice tato. l abito fiero e lo sdegnoso canto di avere ereditato dalla sua terra? Conferisce ai versi staticità e mancanza di movimento. e il petto ov odio e amor mai non s addorme 2, c) Perché gli occhi del poeta sono «incerti tra l sorriso e il pianto»? la successione: sostantivo aggettivo aggettivo b) Nel secondo verso le parole sono disposte secondo pur ti riveggo3, e il cuor mi balza in tanto4. d) Che cosa intende Carducci con l espressione sostantivo. In esso pertanto i due elementi centrali «giovenile incanto»? sono simili tra loro, così come i due elementi esterni. 5 Ben riconosco in te le usate forme 5 con gli occhi incerti tra l sorriso e il pianto 6, e) Con quale espressione il poeta esprime la mancata realizzazione dei suoi sogni, nonostante l im- c) Individua e sottolinea i casi più evidenti di iper- Di quale figura di costruzione si tratta? e in quelle seguo de miei sogni l orme 7 pegno profuso? bato o anastrofe. erranti dietro il giovenile incanto 8. f) Perché il piano è definito ridente? d) Riconosci il parallelismo presente nel verso 9. Quali espressioni sono messe simmetricamente in 2. La poesia è incentrata sull amarezza del confronto rilievo? Oh, quel che amai, quel che sognai, fu in vano; 10 e sempre corsi, e mai non giunsi il fine 9; fra le illusioni giovanili e la delusione che sopraggiunge nella maturità. 4. Analizza la struttura metrica. e dimani cadrò10. Nella prima strofa prevale la dolce visione del paesaggio, espressa con una sintassi avvolgente: un unico b) Qual è lo schema delle rime? a) Da quali versi è composto il sonetto? Ma di lontano periodo occupa l intera quartina. pace dicono al cuor le tue colline Nella seconda strofa il poeta rievoca la propria giovinezza: un periodo ugualmente lungo ricorda i sogni Scrittura finalizzata con le nebbie fumanti11 e il verde piano ridente ne le pioggie mattutine. che correvano dietro le illusioni giovanili. 5. Confrontare. In questa poesia, Giosue Carducci Nella terza strofa dominano la delusione per il presente, l insoddisfazione per ciò che il poeta non è riuscito poeta Ugo Foscolo, nel sonetto Alla sera (cfr. p. 135), descrive il senso di pace attinto dal paesaggio. Anche il a realizzare e il presagio della morte; qui il ritmo è parla della pace, riferendosi alla tranquillità e alla dolcezza che il momento della sera infonde in lui. Ti sem- cadenzato e scandito dalla punteggiatura. Nell ultima terzina, infine, è protagonista la pace del bra che possa esserci una corrispondenza trai i versi 1. onde conforme: dal quale ho derivato, uguale. familiari del paesaggio; il termine for- gioventù. primo sole dell alba, sembra dissolversi anche il tor- 5. le usate forme: gli aspetti noti e 8. giovenile incanto: le illusioni della paesaggio collinare, nella cui nebbia, illuminata dal delle due poesie? Motiva la tua risposta. 2. l abito s addorme: il carattere me è sottinteso dopo quelle al v il fine: la meta che mi ero prefissa. mentato dissidio del cuore del poeta. e mentre io guardo la tua pace, dorme (abito) fiero, la poesia libera da ogni 6. tra pianto: il sorriso è motivato 10. dimani cadrò: presto morirò. a) In quale verso è collocata la frase principale del quello spirto guerrier ch entro mi rugge compromesso, la passionalità del cuore dai dolci ricordi, il pianto dall amarezza per il presente. sfumare nella nebbia. 11.con fumanti: le colline sembrano periodo che occupa la prima quartina? sempre agitato da opposti sentimenti. 3. pur ti riveggo: finalmente ti rivedo. 7. seguo orme: ritrovo le tracce dei 4. in tanto: in questo Percorso momento. di metodo miei sogni di un 25 tempo. > Per esempio, Clemente Rebora nella poesia Il turbine (vv. 1-5) scrive: Dall intensa nuvolaglia giù brunita la corazza, con guizzi di lucido giallo, con suono che scoppia e si scaglia piomba il turbine e scorrazza Il soggetto della frase principale («il turbine») e i relativi predicati («piomba» e «scorrazza») sono disposti in fondo al periodo: in questo modo complicano la costruzione, ma intensificano il significato delle parole. Per comprendere bene il significato del testo, è pertanto indispensabile disporre le parole secondo l ordine naturale della sintassi: Il turbine, con la corazza brunita, con guizzi di giallo lucido, con suono che scoppia e si scaglia, piomba giù dall intensa nuvolaglia e scorrazza. 3. La riscrittura Un esempio di parafrasi Ti presentiamo una possibile ricostruzione della L ultima fase consiste nel riscrivere la poesia, poesia Il turbine di Clemente Rebora. compiendo le seguenti operazioni: seguire fedelmente il testo del componimento Il turbine, con la corazza brunita, con guizzi di giallo senza saltare parole; lucido, con suono che scoppia e si scaglia, piomba modificare, se necessario, l ordine delle parole giù dalla nuvolaglia intensa e, proteso a cavallo sul per adeguarle alla costruzione logica della prosa; vento, scorrazza campi e ville, e dà battaglia; ma spiegare i concetti espressi in modo sintetico quand urta una città si scardina in ogni maglia, dal poeta in modo da rendere comprensibile il s inombra come un occhiaia, e tramuta guizzi e suono e vento in ansietà di affollate faccende in tormen- messaggio con un linguaggio comune; spiegare sinteticamente i significati connotativi to: e ammazza senza combattere. della poesia; La parafrasi del testo può essere la seguente. non aggiungere commenti o giudizi. Il turbine, rivestito d una armatura lucida, con lampi Ricorda infatti che la parafrasi è la trascrizione in prosa del testo poetico, mentre il commen- d un giallo sfolgorante, con suono che esplode e assale, si scaglia giù dalle fitte e nere nubi e, portato to (cfr. p. 127) ne è la sua interpretazione personale. dal vento come da un destriero, attraversa con furia campi e ville, e combatte con violenza; ma quando Caratteristica fondamentale della poesia è quella cozza contro una città si rompe in ogni pezzo, s incupisce come uno sguardo oscurato dalle occhiaie e trasi deve spiegare il significato letterale: il signifi- di ricorrere a immagini figurate, di cui la parafrasforma i lampi, il rumore e il vento in motivo d affanno per la gente della città, intralciata nei propri cato profondo e la relativa interpretazione saranno affrontati più specificamente nel commento. In questo caso le note sono preziose, pressanti affanni: e distrugge senza neanche combattere. soprattutto quando il poeta ricorre a immagini È facile osservare come la parafrasi richieda spesso inusuali. più parole del testo originale, perché il suo scopo è Considera che dobbiamo sempre cogliere e comprendere il valore connotativo del testo poetico e quello di spiegare, e la spiegazione richiede integrazioni, limitate ma necessarie. che per fare questo è necessario conoscere la funzione delle figure retoriche, che consentono di ampliare il significato di un espressione ben oltre la sua spiegazione letterale. Giovanni Pascoli LA BIOGRAFIA padre fu misteriosamente assassi- Nato a San Mauro di Romagna nel 1855, quarto di dieci figli, Giovanni Pascoli trascorse un infanzia serena nel paese natale, dove il padre Ruggero era amministratore di una tenuta dei principi Torlonia. Nel 1862 entrò nel collegio dei padri Scolopi di Urbino, dove compì gli studi elementari e medi. Quando Giovanni aveva dodici anni, il nato, forse per motivi di interesse legati alla sua professione, mentre ritornava a casa in calesse. Negli anni successivi altri lutti familiari funestarono l adolescenza del poeta: morirono infatti la madre, una sorella e due fratelli. Nonostante le difficoltà finanziarie e il disgregamento del nucleo familiare, egli riuscì a portare a termine brillantemente gli studi classici, ottenendo una borsa di studio che gli permise di iscriversi alla facoltà di Lettere dell Università di Bologna, dove fu allievo di Giosue Carducci. Portati a termine con successo gli studi universitari, iniziò la carriera di insegnante di latino e greco nei licei di Matera, Massa e Livorno e poi nelle Università di Messina e di Pisa. Intanto cercava di ricostruire, almeno in parte, il nucleo familiare, chiamando a vivere con sé le sorelle Ida e Maria. Ma l illusione di una ritrovata serenità familiare fu interrotta dal matrimonio di Ida, che il poeta percepì come un tradimento. Si stabilì così con la sorella Maria a Castelvecchio di Barga, presso Lucca. Qui, mentre continuava l insegnamento universitario, si dedicò alla scrittura di opere in versi e di saggi di critica letteraria ma, soprattutto, all osservazione della natura e alla direzione del lavoro dei campi della sua tenuta, dimostrando grande capacità e competenza. In questi ultimi anni la sua attività poetica si orientò verso poesie celebrative della grandezza d Italia, e Pascoli diviene, così, il poeta ufficiale del regno, subentrando, anche in questo ruolo, al suo maestro Carducci. Morì a Bologna nel 1912, all età di 57 anni. LE OPERE Negli anni della maturità pubblicò diverse raccolte poetiche: Myricae (1891, più volte ampliata), i Poemetti (1897), i Canti di Castelvecchio (1903) e i Poemi conviviali (1904). Nell ultima parte della vita si dedicò a opere di carattere civile e celebrativo, come le raccolte Odi e inni (1906), le Canzoni di re Percorso di lettura 175 Enzio (1909), i Poemi italici (1911), i Poemi del Risorgimento (1913) e a saggi di analisi critica sulla storia della letteratura italiana e sui suoi maggiori esponenti. LA POETICA Pascoli esprime la propria poetica ne che nell intimo di ciascuno di noi è nascosta una parte infantile che gli uomini soffocano e mettono a tacere quando prevale in essi la razionalità dell età adulta. Il poeta invece lascia il fanciullino che ha in sé libero di osservare il mondo: solo così egli riesce a penetrare nel mistero delle cose e a cogliere nella complessa realtà che lo circonda gli aspetti più veri e profondi. Nel mondo lirico di Pascoli domina la natura con tutte le sue creature: semplici e piccole cose (fiori, piante, oggetti quotidiani della vita nei campi) diventano nei suoi versi simboli di un universo misterioso, che soltanto il poeta può conoscere e indagare. La poesia di Pascoli, apparentemente semplice nella sua descrittività, è in realtà frutto di un attentissimo lavoro di ricerca lessicale e retorica. Egli usa un linguaggio estremamente preciso (ad esempio, piante e fiori sono sempre indicati con una proprietà terminologica da esperto botanico) che a un analisi attenta si rivela fortemente allusivo e suggestivo. Ricorre frequentemente alle figure risultano sovente innovative rispetto alla tradizione: così le sue analogie rivelano una straordinaria Il fanciullino, opera in cui afferma retoriche e le sue soluzioni sintattiche e metriche capacità di intuizione dei misteriosi nessi presenti nella natura, che egli restituisce attraverso originali accostamenti di immagini. La casa in cui nacque Giovanni Pascoli. Le Tecniche di scrittura guidano all analisi e al commento del testo poetico. Ogni lirica antologizzata propone, oltre alla Biografia dell autore, una dettagliata Scheda di analisi del testo e un apparato di Riflessione e produzione. 324 Il sentimento della vita e della morte Unità 9 SCHEDA DI ANALISI La capra L ARGOMENTO Il colloquio con le creature che il poeta instaura con la capra in cui si imbatte, belando all unisono con lei. Appa- L elemento più originale e, per certi aspetti, assurdo di questa poesia è il colloquio rentemente tutto questo potrebbe apparire fuori dall ordinario e quasi al limite della normalità, per chi non conosca Saba e la sua straordinaria sensibilità. Come già nella poesia A mia moglie, egli non considera l animale come un essere inferiore all uomo, ma come una creatura nella quale sa cogliere aspetti (del fisico, del carattere, dell atteggiamento, dei movimenti abitudinari) che sono del tutto vicini a quelli dell uomo. Saba si serve quindi dell animale per entrare più a fondo nell uomo, per scoprire nella sua proiezione animalesca i suoi sentimenti più veri e più nascosti. Così, in questo testo la capra perde del tutto agli occhi del poeta le sue caratteristiche di ovino (eccetto quella del «viso semita») e rimane creatura, come creatura è l uomo. Con queste premesse, allora, non è più così originale il fatto che egli risponda al verso della capra con «uguale belato fraterno». È evidente quindi che, per non sfiorare il ridicolo, occorre chiarire molto bene il contesto logico nel quale si muove Saba e agisce la sua sensibilità poetica. Nella capra Saba trova più di una coincidenza con la propria vita e con il proprio sentire: la solitudine innanzitutto, la prigionia (la capra è «legata» e il poeta si sente prigioniero di una esistenza in cui non si riconosce totalmente), l esigenza di comunicare («belava»). L approccio del poeta è inizialmente superficiale e «per celia», ma poi il colloquio si fa serio ed egli percepisce nell animale il sentimento di un dolore profondo, quasi atavico; così, in quel belato, gli pare di sentire i lamenti dell intera umanità toccata dal male e dal dolore. LE TECNICHE POETICHE Fra tradizione e innovazione Anche in questo testo la forma poetica scelta da Saba è in perfetto equilibrio fra tradizione e innovazione. I versi sono infatti fra i più canonici della poesia italiana (settenario ed endecasillabo), l organizzazione interna rispetta la ripartizione in strofe ed è presente anche la rima. Non manca però l esigenza di rinnovamento: i versi sono infatti liberi e le strofe di lunghezza diseguale; il lessico alterna vocaboli ricercati e fortemente letterari («per celia», «sentiva», «querelarsi») ad altri d uso comune. L INTERPRETAZIONE Un medesimo destino Per sgombrare il campo alle erronee interpretazioni che sono state date di questa poesia e, in particolare, del verso 11, è bene dire subito che la definizione «viso semita» non ha nulla a che fare né con l origine ebraica del poeta, né con il dolore del genocidio ebraico, con quello legato all antisemitismo; è Saba stesso che lo chiarisce in un passo di Storia e cronistoria del Canzoniere, in cui egli attribuisce a questo verso un significato «prevalentemente visivo [come] un colpo di pollice impresso alla creta per modellare una figura». Questo è peraltro perfettamente in sintonia con l impostazione e lo scopo di questa lirica, che non sono assolutamente polemici, bensì propositivi: tutte le creature, uomini e animali, sono accomunate dal medesimo destino che spesso è fatto di solitudine e di sof- dovunque il proprio fratello e di instaurare con lui un dialogo, adottando anche la sua lingua, se necessario. ferenza e la risposta a questo «male» consiste nel saper riconoscere nell altro sempre e 304 Il sentimento della vita e della morte Percorso di analisi Ma non bisogna leggere qualsiasi libro. Sarebbe meglio leggere innanzitutto i grandi libri, quelli che non è possibile scorrere frettolosamente, tanto per leggere... Flaubert suggeriva di leggere non come i bambini, solo per divertimento, o come fanno gli ambiziosi, solo per fare bella figura, oltre che per istruirsi, ma leggere per vivere, se è vero che i libri offrono una risposta alle domande che ci germogliano dentro... Unità 9 L argomento 1 Sintetizza il contenuto della poesia. 2 Perché l autrice parla di «mente malata»? 3 Che cosa simboleggiano l «uccello di fuoco» e il «passero grigio»? Tra le seguenti espressioni sottolinea in blu quelle che secondo te si riferiscono al primo, e in rosso quelle che si riferiscono al secondo. il desiderio d affetto un tormento implacabile il trionfo della poesia una mente debole e dolorosamente indifesa il bisogno di scrivere poesie la malattia mentale la solitudine 4 Il pigolio del passero «fa tremare» l autrice. Perché? Con quale effetto? 5 Pur nel vortice della «mente malata», l autrice avverte il bisogno d amore. Di quale genere 6 Di chi è il «trionfo» di cui si parla nel verso 11? Quale significato assume il sostantivo d amore pensi si tratti? in questo contesto? Le tecniche poetiche 7 Spiega la duplice metafora presente nei primi quattro versi del testo. 8 Nella seconda parte della poesia c è una trasposizione incentrata sul concetto di «bisognoso d amore». Chi lo è letteralmente? Scrittura finalizzata e creativa RIFLESSIONE e PRODUZIONE Confrontare testi 9 Ti proponiamo un altra lirica, in cui la Merini parla della propria poesia. Confrontala con L uccello di fuoco in un breve testo scritto, evidenziandone analogie e differenze, per quanto riguarda il significato e il messaggio e per quanto si riferisce al piano formale e stilistico. La mia poesia è alacre come il fuoco, trascorre tra le mie dita come un rosario. Non prego perché sono un poeta della sventura che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore, sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida, sono il poeta che canta e non trova parole, sono la paglia arida sopra cui batte il suono, sono la ninnanànna che fa piangere i figli, sono la vanagloria che si lascia cadere, il manto di metallo di una lunga preghiera del passato cordoglio che non vede la luce. (Alda Merini, Fiore di poesia, Torino, Einaudi, 1998)

7 Francesco Hayez, L ultimo addio di Giulietta e Romeo, 1833, Milano, collezione privata. PRIMA RAPPRESENTAZIONE LUOGO E TEMPO PERSONAGGI Anthony Frederick Sandys, Medea, 1868, Birmingham, Museum and Art Gallery. Messaggi in musica Voltaire 1. Scegli tre immagini fra quelle proposte per realizzare una campagna di informazione e sensibilizzazione Il frontespizio dell Enciclopedia 5 Gli Strumenti per capire introducono ai temi trattati nelle varie Unità e analizzano le principali forme poetiche (sonetto, canzone ecc.). Le pagine A proposito di... offrono spunti di approfondimento sul contesto storico e generale in cui il brano si colloca. < I Confronti propongono un approccio al tema attraverso altri generi testuali (testi narrativi, saggi) e altri linguaggi (cinema, arte, musica, fotografia). A proposito di Il sentimento della vita e della morte Unità 9 I poeti della linea ligure Intorno agli anni Sessanta la critica letteraria più attenta individuò una linea ligure nella produzione poetica italiana, che espresse proposte di contenuto e soprattutto di forma stilistica di alto valore qualitativo, tale da condizionare non poco la successiva letteratura in versi a carattere nazionale. Secondo alcuni critici ne avrebbero fatto parte poeti nati e operanti in Liguria tra la fine dell Ottocento e la seconda metà del Novecento, da quelli meno noti al grande pubblico come Ceccardo Roccatagliata Ceccardi, Mario Novaro, Giovanni Boine, Adriano Grande e Angelo Barile ad altri più illustri e conosciuti, come Camillo Sbarbaro (cfr. p. 309), Eugenio Montale (cfr. p. 428) e Giorgio Caproni (cfr. p. 243), per arrivare fino ai più recenti come Carlo Biamonti e Giovanni Giudici (cfr. p. 318), senza trascurare Italo Calvino che non fu poeta in quanto autore specificamente di versi, ma che sicuramente ha saputo effondere nelle sue opere in prosa tanta poesia e tanto sapore di Liguria. Ma questa proposta critica, così come ebbe molti sostenitori, suscitò altrettante perplessità e contrarietà, al punto che il riconoscere a un poeta l appartenenza a una linea ligure divenne più riduttivo che elogiativo. Oggi si pensa che tale linea fu presente, sebbene non esplicitata né voluta, così come quasi contemporaneamente ci fu una linea ligure nel panorama della canzone d autore italiana, riconosciuta e apprezzata senza remore, con Gino Paoli, Luigi Tenco, Fabrizio De André (cfr. p. 402), Umberto Bindi, Bruno Lauzi e altri ancora. Se non si trattò di una corrente né di un movimento letterario, è indubbio che il paesaggio ligure e certe asprezze ed essenzialità di forma e lessico tipiche della natura non tanto linguistica quanto caratteriale dei liguri, lasciarono un segno profondo nella poesia di quegli anni, ancora oggi ben riconoscibile. Ha scritto di recente a questo proposito lo studioso Paolo Zoboli: «Montale affascinante e sibillino suggeritore, Caproni appassionato e coinvolto teorizzatore: negli anni Sessanta esplode, fra una comoda categoria critica e ferme sconfessioni di essa, la querelle [discussione] su quella linea ligure che da Ceccardo, attraverso Mario Novaro, Boine e Sbarbaro, giungerebbe al poeta di Ossi di seppia per poi proseguire, con versi nel tempo, è ancor oggi fortemente percepibile nei versi di molti Barile e Grande, fino appunto a Caproni e oltre ancora. Oggi è arrivato il momento di proporre una nuoranei. dei nostri migliori autori contempova e ristretta nozione di linea ligure che additi in Sbarbaro, Montale e Caproni, tre grandi poeti liguri per nascita o adozione e per più aspetti inestricabilmente legati, una linea portante (se non la linea portante tout court) della poesia italiana del Novecento» (Paolo Zoboli, Linea ligure: Sbarbaro, Montale, Caproni, Novara, Interlinea, 2006). E com è vero che in poesia i temi del paesaggio sono sempre intimamente connessi con la riflessione sulla vita, sulla morte, sui sentimenti, è altrettanto vero che questi autori dai più ai meno celebri nei loro versi hanno saputo fare del paesaggio di Liguria un autentico paesaggio dell anima la cui eco, anziché dissol- Il poeta ligure Camillo Sbarbaro. Italo Calvino, grande romanziere ligure dalla vena spiccatamente poetica. < < Strumenti per capire 340 Il sentimento della vita e della morte Unità 9 Confronti 208 L amore e gli affetti Unità 8 La poesia dell amore e degli affetti La tradizione lirica italiana Nella tradizione italiana, fin dalle sue origini la poesia è stata espressione dei più profondi sentimenti dell uomo, e dell amore in particolare: i versi composti dai primi autori nei volgari locali (siciliano, umbro e toscano), infatti, trovavano nella rappresentazione della donna amata il loro principale obiettivo. La donna nella poesia Dall Umanesimo più antica all Ottocento proposta intellettuale e la profondità del sentimento con cui gli affetti si legano indissolubilmente alla fede religio- Amore, dono di sé e dei più nobili Nei secoli dell Umanesimo e del Rinascimento il sentimento dell amore sa, giungono fino al confine fra il sentimenti, devozione verso l amata furono gli elementi caratteristici di intersecò quelli della devozione alla secondo e il terzo millennio. E proprio quella tendenza poetica che fra il XIII patria, della fede religiosa, della fedeltà in questa nuova era si riconferma e il XIV secolo ebbe i suoi più grandi a un ideale basata sulla dimostrazione l espressione in versi al femminile interpreti in Dante Alighieri (cfr. p. di coraggio e sullo sprezzo del pericolo: con interpreti molto significative, come 217) e Francesco Petrarca (cfr. p. così la poesia lirica venne affiancata dalle tematiche dei poemi epico-cavalle- 222). La poesia fu dunque soprattutto espressione dei sentimenti profondi e intimi dei poeti, ma i loro versi tradizionali, come il sonetto o il madri- aveva visto la donna essere oggetto di reschi e anche le forme poetiche più quel cerchio ideale il cui punto di inizio abbandonavano la dimensione privata per diventare patrimonio di tutti. un approccio diverso e più complesso, nel suo momento conclusivo, vede gale, trattarono l amore e gli affetti con riferimento della poesia d amore e che, La poesia lirica dei secoli seguenti e come in Torquato Tasso (cfr. p. 226). invece la donna come soggetto attivo anche quella di oggi si ispira ai temi Più tardi, i poeti del Seicento e del Settecento ornarono l amore con le ricer- della lirica dei sentimenti. già allora individuati come caratteristici di questo genere: l amore presentato nelle sue più varie forme, da ca, mentre nell Ottocento tornò a essecatezze formali proprie della loro epo- quello passionale a quello intimo e re il motivo ispiratore di liriche appassionate. In esse il poeta si rivolge alla non confessato, da quello fraterno a quello per la patria, dal sentimento donna, di cui ricerca l amore o verso filiale all affetto e all amicizia. Tuttavia, l amore che lega due individui, anche ai familiari più cari, come nel cui esprime il proprio sentimento, ma in un reciproco vincolo di comprensione intellettuale e condivisione del- oppure si fa portatore di una finissima caso di Ugo Foscolo (cfr. p. 252), le passioni, è stato e continua a essere il principale elemento ispiratore re e di rivelare anche le voci più segre- sensibilità che gli permette di percepi- della poesia lirica in tutti i secoli. te della natura e i sentimenti più riposti, Anche nella precedente tradizione come Giovanni Pascoli (cfr. p. 230). greca e latina, peraltro, c erano stati esempi di poesia lirica di altissimo livello stilistico e di intensa passionalità, dalla poetessa greca Saffo (cfr. p. 209) Nel XX secolo il superamento dei tradizionali schemi formali della poesia al poeta latino Catullo (cfr. p. 214), protagonista di un amore infelice e non fa trascurare l amore e gli affetti contrastato. che, anzi, continuano a essere uno dei Il Novecento e la nuova presenza femminile motivi preferiti, dai poeti non solo italiani, ma di ogni nazione e cultura, come vedrai leggendo le liriche del cileno Pablo Neruda (cfr. p. 237) o dell indiano Rabindranath Tagore (cfr. p. 234). Nella seconda parte del secolo, quando l intera Europa si avvia alla ricostruzione del dopoguerra, si innalzarono le voci di poeti che nelle loro liriche raggiunsero livelli altissimi nel connubio fra stile espressivo e intensità di contenuto: è il caso, ad esempio, degli italiani Camillo Sbarbaro (cfr. p. 240), Giorgio Caproni (cfr. p. 243) e Umberto Saba (cfr. p. 257). I versi di Mario Luzi (cfr. p. 249), con l acutezza della Patrizia Valduga (cfr. p. 262) e Patrizia Cavalli (cfr. p. 246): così si chiude Ernst Ludwig Kirchner, Cinque donne sulla strada (particolare), 1913, Berlino, Ludwig Museum. 410 L impegno civile e morale Unità 10 L espressività delle immagini Poesia e impegno sociale Ci sono immagini che colpiscono direttamente al cuore, come proiettili. Il loro impatto emotivo è diretto e più forte di quello delle parole. Molte di queste, che pur ritraendo episodi di cronaca sono diventate immagini-simbolo, trattano di guerra e di violenza. Claudio Baglioni Poster IL TEMA DELLA CANZONE In Poster (1975), che è una delle sue Percorso di metodo 487 Percorso di lettura 513 la monotona ripetitività della vita di un uomo comune che Modelli teatrali Donne in scena canzoni più famose, il cantautore Claudio Baglioni presenta inizia la sua giornata lavorativa, «seduto con le mani in mano / sopra una panchina fredda del metrò». Nell attesa il suo sguardo si posa su chi condivide la sua stessa attesa e il panorama umano di cui anch egli fa parte è quello solito, delle solite mattine di un giorno feriale in una stazione della metropolitana: chi legge, chi fa colazione e chi ascolta musica, mentre l orologio alla parete è fermo a segnare Analisi e confronti sempre la stessa ora, un ora sempre uguale. Poi i suoi occhi si soffermano a osservare ciò che c è sempre stato in quella William Shakespeare Riconoscere e comprendere la funzione della suddivisione in atti Romeo e Giulietta Comprendere le caratteristiche INQUADRIAMO IL TESTO Composta tra il 1592 e il 1596 e ispirata a racconti e e la funzione delle scene poemetti della tradizione letteraria, la tragedia in cinque atti Romeo e Giulietta è Valutare le scelte fra le opere più note del drammaturgo inglese William Shakespeare (1564- linguistiche 1616), soprattutto per la profonda sensibilità espressiva che l autore dimostra nel raccontare la storia del contrastato amore di due giovani appartenenti a famiglie rivali. LA TRAMA Ambientata nella città di Verona durante il tardo Medioevo, nel momento drammatico e sanguinoso delle lotte tra famiglie guelfe e ghibelline, la vicenda ha come protagonisti Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti, poco più che ragazzi, appartenenti a famiglie nobili e benestanti, da tempo acerrime nemiche e apertamente rivali. Durante una festa in casa Capuleti, in cui il padre annuncia di avere promesso in sposa al nobiluomo Paride la figlia Giulietta, Romeo introdottosi nel palazzo mascherato vede per la prima volta la bellissima giovane e se ne innamora all istante, ricambiato. Nel giardino del palazzo, sotto il balcone della stanza di Giulietta, in un poetico duetto notturno i due si confessano reciprocamente il proprio amore, pur consapevoli dell impossibilità di realizzarlo. Romeo chiede allora al suo confessore, frate Lorenzo, di celebrare di nascosto le sue nozze con Giulietta; dopo qualche titubanza, il frate acconsente, fissando la data per l indomani. Nel frattempo Tebaldo Capuleti e Mercuzio Montecchi, fratelli maggiori dei due innamorati, violano la tregua imposta dal Principe della Scala e, durante un pubblico duello, Mercuzio cade ucciso dalla spada di Tebaldo, provocando in Romeo un incontenibile desiderio di vendetta, che lo spinge a uccidere a sua volta il rivale Tebaldo. Tutta Verona è turbata dall accaduto e Romeo viene bandito dalla città, costretto a rifugiarsi a Mantova. Quando Giulietta viene messa alle strette dal padre, che le impone di sposare Paride entro tre giorni, con l intermediazione della fedele nutrice riesce ad accordarsi con frate Lorenzo per simulare grazie a una pozione segreta la propria morte e potere poi, al risveglio, unirsi in matrimonio con l amato Romeo, che sarebbe stato subito informato del piano segreto. Ma il messaggero incaricato non riesce a contattare Romeo il quale, a Mantova, è raggiunto invece dalla tragica notizia della morte di Giulietta. Il giovane allora si procura del veleno e, tornato a Verona, si reca di nascosto sulla tomba dell amata per uccidersi. Pochi istanti dopo che Romeo ha bevuto il liquido letale, Giulietta si risveglia dal torpore e, scoperto il cadavere dell amato stretto a lei nell ultimo abbraccio, dopo avergli manifestato tra il pianto disperato il suo eterno amore, si pugnala a morte. I due passi che ti proponiamo sono fra i più noti dell opera e segnano l uno l inizio e l altro la tragica conclusione della storia d amore di Romeo e Giulietta. < Euripide ( a. C.) Corinto; un passato mitico indeterminato Medea Medea, Giasone, Creonte, Glauce INQUADRIAMO IL TESTO La tragedia Medea del greco Euripide, che venne rappresentata per la prima volta nel 431 a. C., sviluppa una vicenda collegata al mito degli Argonauti e del loro eroe, Giasone. L ANTEFATTO Giasone, per rivendicare il trono usurpato al padre dallo zio Pelia, si reca a Iolco, in Tessaglia, nell intento di farlo abdicare; ma Pelia pretende in cambio il vello d oro (una pelle di montone interamente intessuta in oro), conservato nella Colchide, regione impervia sulle coste del mar Nero. Giasone, dopo aver fatto costruire una nave, alla quale dà il nome Argo, parte per la terra sconosciuta affiancato da cinquanta eroi dell Ellade (che prendono il nome di Argonauti). Giunti a destinazione, il re Eeta sottopone Giasone a dure prove, ma sua figlia, Medea, dotata di poteri magici, si innamora dell eroe e lo aiuta nell impresa, tradendo il padre. Giasone, conquistato così il vello, riparte per la Grecia, portando con sé la donna, pronta a seguirlo ovunque. Eeta, accortosi dell inganno, furioso per il tradimento della figlia, insegue con i suoi fedeli gli Argonauti. Medea si macchia allora del primo atroce delitto: uccide il fratello e, dopo averne smembrato il cadavere, ne getta in mare i brandelli, costringendo il padre a fermarsi per recuperare i poveri resti. Dopo varie peripezie giunge a Corinto con Giasone e i due figli con lui concepiti. Qui si innesta la vicenda della tragedia. LA TRAMA L ambizioso Giasone ripudia Medea e chiede in sposa Glauce, la figlia di Creonte, re di Corinto; questi acconsente ma, temendo la vendetta della straniera, cerca di allontanarla dalla città. Medea, ottenuta dal re la proroga di un giorno all esilio, attua la propria terribile vendetta: manda i figlioletti da Glauce con doni avvelenati che causano la morte dell innocente fanciulla e di suo padre, accorso in aiuto. Giasone, furibondo e impaurito, temendo che la vendetta dei cittadini di Corinto si ripercuota sui suoi figli, accorre nella casa di Medea, ma la donna, pazza di gelosia e disposta a sopprimere il suo amore materno pur di veder soffrire l uomo che l ha resa infelice, ha già ucciso i bambini. Il brano è tratto dalle ultime due scene della tragedia. Medea sta per uccidere i figli, Giasone accorre ma è troppo tardi: dapprima non comprende che cosa sia accaduto ma, quando vede la donna con i cadaveri dei bambini, sospesi su un carro mandato dal dio Sole, percepisce interamente la portata dell orribile tragedia. Ormai nulla potrà più fare, se non piangere sulla propria sventura. La Parte 2, dedicata al teatro, è anch essa articolata in un Percorso di metodo e un Percorso di lettura. Gli Scenari storici e culturali chiudono il volume con una panoramica sulla storia e la geografia culturale dal Medioevo al Duemila. 431 a. C. stazione, ma che egli non ha mai guardato veramente: un poster con la pubblicità di una compagnia di viaggi che propone un viaggio in Tunisia, con immagini di palmeti e di un mare che sembra di velluto. Allora il lavoratore pendolare sente dentro di sé qualcosa che non ha mai provato prima: la voglia, struggente e imperiosa, di abbandonare tutto, di rompere quei meccanismi della routine quotidiana dai quali si sente incatenato, per «fuggire via / andare lontano, lontano»: andare via, non importa perché, non importa dove, purché lontano. Seduto con le mani in mano sopra una panchina fredda del metrò sei lì che aspetti quello delle 7.30 chiuso dentro il tuo paletot. Un tizio legge attento le istruzioni sul distributore del caffè e un bambino che si tuffa dentro a un bignè. E l orologio contro il muro segna l una e dieci da due anni in qua. Il nome di questa stazione 562 La poesia dal Medioevo al Duemila 563 Il Settecento Claudio Baglioni in una foto degli anni Settanta. spieghi le finalità che si propone la campagna e riassuma in poche righe che cosa si intende per impegno sui temi dell impegno civile e morale. Per ogni immagine scrivi una breve, ma efficace didascalia. civile e morale. Le idee illuministe ebbero una straordinaria diffusione grazie all attività di molti intellettuali e all uticiclopedia, una grandiosa opera in cui, grazie alla no di informare rapidamente molte persone, e l Enlizzo di nuovi strumenti di divulgazione. Tra questi, collaborazione dei più importanti intellettuali e due furono particolarmente importanti: i giornali scienziati dell epoca, sotto la direzione dei francesi moderni come i quotidiani, nati e diffusi in Europa Denis Diderot e Jean-Baptiste D Alembert venne per la prima volta in questo secolo, che permetteva- condensato tutto il sapere universale. Le esperienze letterarie in Italia 2. Componi poi un testo di accompagnamento che Gli scenari dell epoca Nel primo Settecento alcuni artisti italiani cominciarono a manifestare una certa insofferenza per gli produzione di opere di argomento storico e morale; nel campo della trattatistica si registrò una grande aspetti più stravaganti del gusto barocco. Nacque tra queste, la più celebre fu Dei delitti e delle pene Nel Settecento, e in particolare nella seconda metà Atlante 1 L Italia dopo il 1748 così a Roma l Arcadia, un accademia di poeti che (1764) dell economista e intellettuale milanese Cesare Beccaria; del secolo, si realizzarono importanti cambiamenti: proponevano il ritorno a un gusto più misurato e in campo tecnico e scientifico, in seguito all avvio della Rivoluzione industriale, furono introdotte innova- sobrio, ispirato ai classici greci e latini. nell ambito del teatro le commedie dello scrittore L Illuminismo si diffuse anche in Italia: a Milano e a veneziano Carlo Goldoni (cfr. p. 522) misero in risalto le virtù borghesi di buon senso e laboriosità; tive tecnologie (ad esempio la macchina a vapore); in Napoli si formarono attivi gruppi di intellettuali che campo economico e sociale, con la diffusione delle promuovevano le nuove idee. Tale clima culturale nell ambito della poesia, il milanese Giuseppe attività industriali, progredirono i commerci e si ebbe varie conseguenze sulla produzione letteraria Parini espresse una ferma critica nei confronti dell aristocrazia. affermò la borghesia come classe sociale intraprendente e dinamica; in campo politico le monarchie (Atlante 2): assolute conobbero un inarrestabile declino, accelerato dalla Rivoluzione francese e dalla successiva Atlante 2 La cultura italiana nel Settecento dominazione napoleonica. In Italia, la Lombardia e la Toscana divennero possedimenti austriaci, mentre le regioni meridionali rima- Alessandro Verri ( ) Pietro Verri ( ) Cesare Beccaria ( ) sero sotto l influenza spagnola (Atlante 1). Aumentarono le differenze, soprattutto economiche, tra e «Il Caffé» Carlo Gozzi ( ) la Società dei Pugni Carlo Goldoni ( , p. 526) < Nord e Sud: mentre in Lombardia vennero avviate efficaci riforme amministrative e si affermò una borghesia dedita agli affari e ai commerci, al Sud permaneva il feudalesimo: gli enormi latifondi nobilia- Vittorio Alfieri ( ) Accademia della Crusca ri venivano coltivati, con metodi molto arretrati, da (fondata nel 1583) contadini trattati ancora come servi della gleba. L Illuminismo Accademia dell Arcadia (fondata nel 1690) L Illuminismo fu un vasto movimento di idee che dall Inghilterra e dalla Francia si diffuse in tutta Euro- come il cosmopolitismo, la l affermazione di valori pa. Eccone i contenuti più importanti: tolleranza religiosa, l uguaglianza tra gli uomini. la fiducia nella ragione umana e nel progresso economico, sociale, civile; Giovan Battista Vico ( ) l interesse per gli studi scientifici e per le loro applicazioni tecniche; Pace di Utrecht, Successo Inizio Inizio l Italia passa sotto del commediografo Saggio sui costumi Invenzione della Conclusione della Rivoluzione della Rivoluzione il dominio austriaco Muore Luigi XIV Carlo Goldoni di Voltaire macchina a vapore dell Enciclopedia americana francese Gli uomini passano, i monumenti cadono in rovina, ma tutto ciò che l umanità ha pensato, concretizzato, fantasticato, sentito e intuito sta nei libri. Nei libri dei filosofi, nei saggi degli storici, ma anche nei componimenti poetici o nei libri di narrativa, che ci fanno percepire il mondo presente e ricostruire il passato. La loro finzione narrativa è simulazione potente di vita vera e di emozioni... Conta non quanti, ma quali libri si leggono. Ma che cosa leggere è ardua scelta.» Gian Luigi Beccaria, Per difesa e per amore, Milano, Garzanti, 2006

8 6 Indice Parte 1 LA POESIA Percorso di metodo Conoscenze, abilità, competenze di lettura Unità1 Il testo poetico 17 Strumenti di analisi 1. Che cos è la poesia Le caratteristiche del testo poetico 19 Verifica delle conoscenze 23 Tecniche di scrittura La parafrasi 24 Modelli poetici Vittorio Sereni, Settembre 27 Giovanni Pascoli, Rio Salto 29 Unità 2 La metrica e il ritmo 31 Strumenti di analisi 1. La metrica Il verso e la sua divisione in sillabe Gli accenti ritmici e i vari tipi di verso L enjambement La cesura La rima La strofa Il verso libero 44 Verifica delle conoscenze 46 Modelli poetici Umberto Saba, Ritratto della mia bambina 47 Giorgio Caproni, Battendo a macchina 49 Eugenio Montale, Perché tardi? 51 Francesco Petrarca, Zephiro torna, e l bel tempo rimena 53 Giovanni Pascoli, Patria 55 Giuseppe Ungaretti, Veglia 57 Unità 3 Gli effetti fonico-musicali 59 Strumenti di analisi 1. La funzione espressiva del suono Le figure di suono Il fonosimbolismo 62 Verifica delle conoscenze 64

9 7 Modelli poetici Giovan Battista Marino, Ai biondi capelli della sua donna 65 Gabriele D Annunzio, La pioggia nel pineto 67 Aldo Palazzeschi, La fontana malata 71 Eugenio Montale, Meriggiare pallido e assorto 75 Unità 4 La disposizione delle parole 77 Strumenti di analisi 1. La connotazione del lessico attraverso i costrutti sintattici Le figure di ordine La semplificazione della sintassi 82 Verifica delle conoscenze 83 Modelli poetici Giosue Carducci, Traversando la Maremma toscana 84 Ugo Foscolo, A Zacinto 86 Giovanni Pascoli, Novembre 89 Eugenio Montale, Spesso il male di vivere 91 Giovanni Giudici, Tempo libero 93 Unità 5 Il linguaggio figurato 95 Strumenti di analisi 1. Il livello connotativo del significato Le figure retoriche di significato Il procedimento analogico 99 Verifica delle conoscenze 100 Modelli poetici Constantinos Kavafis, Candele 101 Giosue Carducci, Pianto antico 103 Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici 106 Giacomo Leopardi, Il sabato del villaggio 108 Giovanni Pascoli, L assiuolo 111 Patrizia Valduga, Mi dispero perché non ho parole 114 Eugenio Montale, L anguilla 116 Unità 6 L analisi del testo poetico 119 Strumenti di analisi 1. Il saggio analitico-interpretativo Lo schema organizzativo 124 Tecniche di scrittura Rispondere a un questionario 125 Scrivere un commento 127 Modelli poetici Alfonso Gatto, Un alba 130 Vittorio Sereni, Un ritorno 133 VERIFICA FINALE Ugo Foscolo, Alla sera 135

10 8 Indice Percorso di lettura Temi, generi, autori della poesia Unità 7 Paesaggi e oggetti 137 STRUMENTI PER CAPIRE La natura in poesia 138 L interpretazione poetica Alcmane, Dormono le cime dei monti 139 Catullo, A Sirmione 143 Francesco d Assisi, Cantico delle creature 148 Gaspara Stampa, La mia vita è un mar 153 STRUMENTI PER CAPIRE Il sonetto 157 Charles Baudelaire, Corrispondenze 158 Giacomo Leopardi, L infinito 163 A PROPOSITO DI Il parco Giacomo Leopardi 169 Marino Moretti, La prima pioggia 171 Giovanni Pascoli, Lavandare 174 Emily Dickinson, Tempesta 179 Umberto Saba, Trieste 184 Federico García Lorca, Paesaggio 188 Vincenzo Cardarelli, Estiva 193 Eugenio Montale, I limoni 197 Confronti L INTERPRETAZIONE NARRATIVA Cesare Pavese, Ritorno al paese 202 MESSAGGI IN CORNICE Vincent van Gogh, Campo di grano con corvi 205 Unità 8 L amore e gli affetti 207 STRUMENTI PER CAPIRE La poesia dell amore e degli affetti 208 L interpretazione poetica Saffo, A me pare uguale agli dei 209 A PROPOSITO DI L intertestualità 213 Catullo, Viviamo e amiamo 214 Dante Alighieri, Tanto gentile e tanto onesta pare 217 Francesco Petrarca, Erano i capei d oro a l aura sparsi 222 Torquato Tasso, Qual rugiada o qual pianto 226 STRUMENTI PER CAPIRE Il madrigale 229 Giovanni Pascoli, Il gelsomino notturno 230 Rabindranath Tagore, Mio amore 234 Pablo Neruda, Ormai sei mia 237 Camillo Sbarbaro, Ora che sei venuta 240 Giorgio Caproni, Per lei 243 Patrizia Cavalli, Io per guarirmi dei miei noiosi amori 246 Mario Luzi, Come tu vuoi 249 Ugo Foscolo, In morte del fratello Giovanni 252 A PROPOSITO DI L intertestualità Catullo-Foscolo 256

11 9 Umberto Saba, A mia moglie 257 Patrizia Valduga, Sul bianco della brina a lenti fiocchi 262 Confronti MESSAGGI IN MUSICA Luciano Ligabue, L amore conta 265 L INTERPRETAZIONE NARRATIVA Giovanni Boccaccio, Lisabetta da Messina 267 Unità 9 Il sentimento della vita e della morte 271 STRUMENTI PER CAPIRE La tematica esistenziale 272 L interpretazione poetica Mimnermo, Al modo delle foglie 273 A PROPOSITO DI La vita è un soffio 277 Dante Alighieri, Ulisse 279 A PROPOSITO DI Roberto Benigni legge Dante 283 Giacomo Leopardi, A Silvia 284 STRUMENTI PER CAPIRE La canzone 290 Dino Campana, L invetriata 291 A PROPOSITO DI Quando la poesia va al cinema 296 Mario Luzi, Nell imminenza dei miei quarant anni 298 Alda Merini, L uccello di fuoco 303 Attilio Bertolucci, Dalla finestra aperta 305 Camillo Sbarbaro, Taci, anima stanca di godere 309 A PROPOSITO DI I poeti della linea ligure 314 Salvatore Quasimodo, Ed è subito sera 315 Giovanni Giudici, Le ore migliori 318 Umberto Saba, La capra 323 Sandro Penna, La vita... è ricordarsi di un risveglio 326 Franco Fortini, La gronda 329 Anna Achmatova, Io ho appreso a vivere 332 Andrea Zanzotto, Al mondo 335 Confronti MESSAGGI IN MUSICA Claudio Baglioni, Poster 340 L INTERPRETAZIONE NARRATIVA Italo Calvino, L avventura di due sposi 342 Unità 10 L impegno civile e morale 345 STRUMENTI PER CAPIRE La poesia come impegno civile 346 L interpretazione poetica Francesco Petrarca, Italia mia 347 Alessandro Manzoni, Il cinque maggio 351 STRUMENTI PER CAPIRE L ode 359 Salvatore Quasimodo, Milano, agosto A PROPOSITO DI In casa di Salvatore Quasimodo 364 Bertolt Brecht, Lode della dialettica 365 Abū l-qāsim al-shābbī, Voler vivere 369 Clemente Rebora, Viatico 373

12 10 Indice Paul Éluard, Non verremo alla meta ad uno ad uno 377 Pablo Neruda, I nemici 380 Giovanni Raboni, Per nessuna ragione 385 Vittorio Sereni, Non sa più nulla, è alto sulle ali 388 Alda Merini, Io come voi sono stata sorpresa 392 A PROPOSITO DI La poesia al femminile 396 Gianni D Elia, Questa è un aria che tira dai Balcani 398 Fabrizio De André, La guerra di Piero 402 Confronti IL DIBATTITO DELLE IDEE Stefano Giovanardi, Poesia e impegno civile 407 L ESPRESSIVITÀ DELLE IMMAGINI Poesia e impegno sociale 410 Unità 11 I poeti e le loro opere 411 Un percorso nell opera Umberto Saba: Canzoniere 412 Amai 414 Città vecchia 417 A PROPOSITO DI Trieste con gli occhi di Saba 420 Il fanciullo e l averla 421 Ulisse 425 Un percorso nell opera Eugenio Montale: Ossi di seppia 428 Non chiederci la parola 431 La casa dei doganieri 436 A PROPOSITO DI Nelle Cinque Terre, sulle tracce di Montale 440 Gloria del disteso mezzogiorno 441 Ho sceso, dandoti il braccio 444 Un percorso nell opera Giuseppe Ungaretti: L Allegria 447 San Martino del Carso 449 Fratelli 452 Agonia 455 I fiumi 458 Confronti Tre saggi sulla figura del poeta Umberto Saba, Il poeta è un bambino 463 Eugenio Montale, Ho scritto poesie 464 Giuseppe Ungaretti, Uomo di pena 466

13 11 Parte2 IL TEATRO Percorso di metodo Conoscenze, abilità, competenze di lettura Unità12 Il testo teatrale 471 Strumenti di analisi 1. Il teatro: uno spettacolo da vedere e da sentire Il testo narrativo e il testo teatrale L autore, il regista, l attore, lo spettatore Breve storia del teatro Il testo teatrale 480 Verifica delle conoscenze 484 Tecniche di scrittura La recensione di uno spettacolo teatrale 485 Modelli teatrali William Shakespeare, Romeo e Giulietta 487 Luigi Pirandello, Liolà 493 Luigi Pirandello, Sei personaggi in cerca d autore 496 Eduardo De Filippo, Napoli milionaria 503 Dario Fo, Mistero buffo 508 Percorso di lettura Temi, generi, autori del teatro Unità 13 L universo femminile 511 STRUMENTI PER CAPIRE La tragedia 512 Donne in scena Euripide, Medea 513 STRUMENTI PER CAPIRE La commedia 520 Carlo Goldoni, La locandiera 522 STRUMENTI PER CAPIRE Il dramma borghese 529 Henrik Ibsen, Casa di bambola 530 STRUMENTI PER CAPIRE Il teatro moderno 539 Bertolt Brecht, Madre Courage e i suoi figli 540 Confronti L INTERPRETAZIONE POETICA Umberto Saba, Teatro degli Artigianelli 546 MESSAGGI DAL GRANDE SCHERMO Kenneth Branagh, Nel bel mezzo di un gelido inverno 548

14 12 Indice LA POESIA DAL MEDIOEVO AL DUEMILA Scenari storici e culturali, mappe visive Il Duecento Gli scenari dell epoca 552 ATLANTE 1 L Italia e il Sacro Romano Impero 552 Le esperienze poetiche 553 ATLANTE 2 La poesia nel Duecento 553 Il Trecento Gli scenari dell epoca 554 ATLANTE 1 L Italia nel Trecento 554 Una nuova cultura 555 ATLANTE 2 Le università nel Trecento 555 L importanza del volgare fiorentino 555 Il Quattrocento e il Cinquecento Gli scenari dell epoca 556 L Umanesimo e il Rinascimento 557 ATLANTE 1 L Italia dopo la pace di Cateau Cambrésis 557 Le esperienze letterarie, artistiche e poetiche in Italia 558 ATLANTE 2 I centri, le istituzioni culturali e i protagonisti dell Umanesimo 558 ATLANTE 3 La cultura delle corti italiane nel Cinquecento 559 Il Seicento Gli scenari dell epoca 560 ATLANTE 1 L apogeo della potenza spagnola in Europa 560 Nuovo pensiero e nuova scienza 561 La cultura barocca 561 Il Settecento Gli scenari dell epoca 562 ATLANTE 1 L Italia dopo il L Illuminismo 562 Le esperienze letterarie in Italia 563 ATLANTE 2 La cultura italiana nel Settecento 563 L Ottocento Gli scenari del primo Ottocento 564 ATLANTE 1 L Europa nel La poesia romantica 565 ATLANTE 2 Gli autori europei della poesia romantica 565 Gli scenari del secondo Ottocento 566 ATLANTE 3 La spartizione dell Africa 566 Le esperienze poetiche 567 Il Novecento e il Duemila Gli scenari del primo Novecento 568 ATLANTE 1 L Europa delle dittature 568 La poesia agli inizi del secolo 569 Futurismo, Crepuscolarismo, Ermetismo 570 ATLANTE 2 La poesia in Europa e in America 571 Gli scenari del secondo Novecento 572 Le esperienze poetiche e artistiche 574 ATLANTE 3 Poeti italiani del secondo Novecento e del Duemila 575

15 13 Indice degli autori Achmatova Anna, 332 Alcmane, 139 Alighieri Dante, 217, 279 Al-Shābbī Abū l-qāsim, 369 Anedda Antonella, 397 Baglioni Claudio, 340 Baudelaire Charles, 158 Benigni Roberto, 283 Bertolucci Attilio, 305 Bisutti Donatella, 131 Boccaccio Giovanni, 267 Brecht Bertolt, 365, 540 Calvino Italo, 342 Campana Dino, 291, 296 Caproni Giorgio, 49, 243 Cardarelli Vincenzo, 18, 21, 193, 196 Carducci Giosue, 84, 103 Catullo Gaio Valerio, 143, 213, 214, 256, 424 Cavalcanti Guido, 221 Cavalli Patrizia, 246, 248 Cima Annalisa, 397 Conte Giuseppe, 82 D Annunzio Gabriele, 67, 196, 229 D Elia Gianni, 398 De André Fabrizio, 402 De Filippo Eduardo, 503 Dickinson Emily, 179, 183 Éluard Paul, 377 Euripide, 513 Fo Dario, 508 Fortini Franco, 329 Foscolo Ugo, 86, 135, 252, 256 Francesco d Assisi, 148 García Lorca Federico, 188, 192 Gatto Alfonso, 130 Giovanardi Stefano, 407 Giudici Giovanni, 93, 318 Goldoni Carlo, 522 Govoni Corrado, 125 Guidacci Margherita, 397 Ibsen Henrik, 530 Isella Dante, 134 Kavafis Constantinos, 101, 102 Lamarque Vivian, 397 Leopardi Giacomo, 108, 163, 284 Ligabue Luciano, 265 Luzi Mario, 249, 298 Manzoni Alessandro, 351 Marino Giovan Battista, 65 Merini Alda, 303, 304, 392 Mimnermo, 273 Montale Eugenio, 51, 75, 91, 116, 196, 197, 245, 428, 431, 436, 441, 444, 464 Moretti Marino, 171 Neruda Pablo, 237, 380 Palazzeschi Aldo, 71 Pascoli Giovanni, 19, 29, 55, 56, 60, 89, 111, 127, 174, 230 Pavese Cesare, 202 Penna Sandro, 23, 326, 328 Petrarca Francesco, 53, 157, 222, 229, 290, 347 Pierattini Loris, 239 Pirandello Luigi, 493, 496 Pozzi Antonia, 397 Quasimodo Salvatore, 106, 315, 360 Raboni Giovanni, 385 Rebora Clemente, 20, 373 Rimbaud Arthur, 406 Saba Umberto, 47, 48, 99, 157, 184, 257, 323, 412, 414, 417, 421, 425, 463, 546 Saffo, 209, 212 Sanguineti Edoardo, 45 Sbarbaro Camillo, 240, 309 Sereni Vittorio, 27, 79, 133, 388 Shakespeare William, 487 Stampa Gaspara, 153 Tagore Rabindranath, 234, 236 Tasso Torquato, 226, 228 Ungaretti Giuseppe, 57, 58, 96, 99, 105, 447, 449, 452, 455, 458, 466 Valduga Patrizia, 114, 262, Zanzotto Andrea, 335

16 14 parte 1 La poesia

17 Percorso di metodo Conoscenze, abilità, competenze di lettura Percorso di lettura Temi, generi, autori della poesia

18 16 La poesia L esperienza poetica PERCHÉ LEGGERE POESIA? Stai per iniziare il tuo percorso di lettura fra le pagine dedicate alla poesia. Prima di cominciare, vogliamo porci insieme a te la domanda: perché leggere un testo poetico? Alcune possibili risposte sono: perché la poesia è stata la prima forma letteraria scritta; perché in un testo poetico l autore può esprimere se stesso con maggiore libertà e creatività che in prosa; perché la poesia è un universo millenario, comune a tutte le civiltà, rispecchiandosi nel quale l uomo può imparare a conoscersi meglio. Sarai comunque tu a trovare la tua risposta alla fine di questa sezione dedicata alla poesia. Per il momento vogliamo fissare alcuni punti fondamentali, che troverai utili per migliorare le tue conoscenze in questo campo. LA NASCITA DELLA POESIA LIRICA La poesia lirica, intesa come componimento di carattere personale, in cui l autore esprime riflessioni, emozioni e sensazioni descrivendo ciò che vede o immagina, ha origini antichissime. Il nostro patrimonio lirico occidentale affonda le radici nella cultura greca antica, dove questo genere fu molto praticato e apprezzato. Espressione degli affetti e dei sentimenti particolari del poeta su argomenti come la patria, l amore, la natura, questa poesia era accompagnata con il suono della lira (donde il suo nome) e non può pertanto essere disgiunta dalla musica. Essa assunse caratteristiche particolari secondo la formazione personale dell autore e la cultura sociale in cui venne creata. Ancor oggi, quanto al contenuto, la lirica può essere amorosa, patriottica, religiosa, civile, morale, satirica, burlesca, umoristica. Tutti gli affetti e le passioni trovano in essa uno sfogo. Mai come nella lirica, infatti, il poeta comunica direttamente con il lettore, facendolo partecipe di ciò che egli ama, spera, desidera, odia, soffre. L EVOLUZIONE DELLA POESIA LIRICA Dal mondo greco la poesia lirica passò alla cultura latina, dove trovò nuovi grandi interpreti come Sesto Properzio e Gaio Valerio Catullo. In seguito, fu la prima forma di componimento poetico della nostra letteratura nazionale. I primi esempi di produzione letteraria in italiano furono infatti testi lirici, scritti dagli autori del Duecento prima in Sicilia, poi in Toscana e nell Italia centrale. Massimi eredi e interpreti di questa tradizione nel XIV secolo furono Dante Alighieri, con le liriche della raccolta Vita nova, e Francesco Petrarca, con il Canzoniere. Nei secoli successivi la poesia lirica divenne la forma più praticata e apprezzata grazie al merito di grandi autori come Angelo Poliziano (XV sec.), Gabriello Chiabrera e Giovan Battista Marino (XVII sec.), Giuseppe Parini, Vittorio Alfieri e Ugo Foscolo (XVIII sec.), Giacomo Leopardi, Giosue Carducci e Giovanni Pascoli (XIX sec.), Umberto Saba, Eugenio Montale, Giovanni Caproni, Vittorio Sereni, Mario Luzi, Giuseppe Conte (XX sec.) e alcune poetesse contemporanee, come Alda Merini, Patrizia Cavalli, Patrizia Valduga e altre.

19 Percorso di metodo Conoscenze, abilità, competenze di lettura Unità1 Il testo poetico Strumenti di analisi 1. Che cos è la poesia? Vincenzo Cardarelli, Sera di Liguria 2. Le caratteristiche del testo poetico Giovanni Pascoli, Il lampo Clemente Rebora, Il turbine Vincenzo Cardarelli, Autunno Verifica delle conoscenze Sandro Penna, Sul molo il vento soffia forte Tecniche di scrittura La parafrasi Modelli poetici Vittorio Sereni, Settembre Giovanni Pascoli, Rio Salto Son forse un poeta? No, certo. [ ] Io metto una lente davanti al mio cuore per farlo vedere alla gente. Chi sono? Il saltimbanco dell anima mia Aldo Palazzeschi, Chi sono?, in Tutte le poesie, Milano, A. Mondadori, I Meridiani, 2002

20 18 Unità Il testo poetico 1 Strumenti di analisi 1. Che cos è la poesia Il verso Sera di Liguria Lenta e rosata sale su dal mare la sera di Liguria, perdizione di cuori amanti e di cose lontane. Indugiano le coppie nei giardini, s accendon le finestre ad una ad una come tanti teatri. Sepolto nella bruma il mare odora. Le chiese sulla riva paion navi che stanno per salpare. (Vincenzo Cardarelli, Poesie, Milano, A. Mondadori, 1942) A una prima lettura ci accorgiamo che il testo poetico differisce da quello in prosa innanzi tutto per il suo aspetto grafico: il testo è scritto in versi, cioè in righe disposte sulla pagina in modo del tutto particolare, creando così effetti suggestivi. Il verso rappresenta la forma espressiva che connota con tratti particolari il testo poetico. Per esempio, nella precedente poesia di Vincenzo Cardarelli gli elementi del paesaggio non descrivono realisticamente l ambiente ma esprimono la soggettività del poeta: predominano la sospensione del tempo, il senso di smarrimento (perdizione) al quale sono sottomessi uomini e cose, l atmosfera vaga e indeterminata in cui tutto si confonde. Il poeta, infatti, immagina di trovarsi in un paese della Liguria e di osservare la sera che, tingendo l orizzonte di rosa, lentamente «sale» dal mare. L oscurità comincia a farsi più intensa proprio sull acqua e questo magico momento accresce lo smarrimento nei cuori innamorati e la nostalgia per le cose passate. Le coppie si fermano ancora ad amoreggiare nei giardini, mentre le finestre s illuminano poco per volta, evocando lo scenario di uno spettacolo teatrale. La foschia si infittisce e con un velo di nebbia ricopre il mare, che spande il suo odore di salsedine. Anche le chiese, che si protendono a picco sulla costa, perdono la loro reale dimensione e, come navi, sembrano pronte a scivolare lentamente nell acqua. La funzione Il verso è l unità di misura del testo poetico; esso, come vedremo meglio in seguito, risponde a precise regole che riguardano la metrica, cioè la disposizione delle parole secondo regole di accentazione, sillabazione e ritmo.

21 Percorso di metodo 19 Il verso ha una stretta somiglianza con il rigo musicale; d altra parte, nell antichità, verso e musica erano sempre uniti e per ogni genere di testo poetico era previsto l accompagnamento musicale. Nel corso del XX secolo le rigide regole delle metriche sono state in parte abbandonate da molti autori, che hanno preferito il cosiddetto verso libero (cfr. p. 44). Ma si tratta di un esperienza recente, anche se fortemente innovativa e significativa. La storia della poesia è dominata invece dal rispetto per le regole di versificazione: tremila anni di versi definiti e regolati e soltanto un centinaio d anni di versi liberi. Mentre i testi in prosa rispondono a una precisa richiesta (narrare, esporre un opinione ecc.), il testo poetico ha principalmente la funzione di evocare, grazie alla sua particolare struttura e musicalità. La poesia instaura così con il lettore una specie di gioco in cui autore e lettore sottoscrivono convenzionalmente la regola del facciamo finta che per poter entrare in una dimensione diversa da quella concreta, quotidiana. Possiamo dunque concludere che il testo poetico ha una funzione immaginativa ed emotiva. In sintesi (par. 1) Il verso di una poesia si può definire in questo modo:... La funzione di una poesia è quella di Le caratteristiche del testo poetico Il valore polisemico e connotativo delle parole La poesia è una forma espressiva straordinariamente ricca di significati: grazie alla particolare scelta delle parole essa diviene una inesauribile fonte di messaggi. Il lampo E cielo e terra si mostrò qual era: la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, tragico, disfatto: bianca bianca nel tacito tumulto una casa apparì sparì d un tratto; come un occhio, che, largo, esterrefatto, s aprì si chiuse, nella notte nera. (Giovanni Pascoli, Poesie, Milano, A. Mondadori, 1968)

22 20 Unità Il testo poetico 1 Il primo significato che possiamo attribuire a una poesia è quello letterale, che emerge da ciascuna parola; ma esso è solo uno dei significati possibili, perché alcune parole hanno un valore polisemico, cioè suggeriscono più significati. Per esempio, nel secondo verso de Il lampo, la terra è definita «ansante»: letteralmente questo aggettivo, che deriva dal verbo ansare (cioè respirare con affanno), indica agitazione e fatica. Lo stesso vale per «sussulto», che indica uno scatto improvviso dovuto a una forte e inattesa emozione. Il poeta suggerisce al lettore di osservare la terra con uno sguardo nuovo e di scoprire che essa respira e si emoziona realmente, rivelando di essere viva, di conoscere la paura: Pascoli ha personificato la terra. La maggior parte delle espressioni di questa lirica assume dunque un significato aggiuntivo, detto connotativo, che costituisce l elemento caratterizzante del testo poetico. Il significato connotativo va al di là del puro significato denotativo (cioè letterale e oggettivo), suggerendo aspetti soggettivi e allusivi che il lettore coglie attraverso l interpretazione del testo. Ogni lettore, prendendo avvio dal significato letterale (cioè di base) di un componimento poetico, può cogliere in esso tanti altri significati, anche molto diversi fra loro, che dipendono dalla sensibilità, dalla cultura o dall ideologia personali. Gli effetti fonici e la costruzione del discorso Il turbine Dall intensa nuvolaglia giù brunita la corazza, con guizzi di lucido giallo, con suono che scoppia e si scaglia piomba il turbine e scorrazza sul vento proteso a cavallo campi e ville, e dà battaglia; ma quand urta una città si scardina in ogni maglia, s inombra come un occhiaia, e guizzi e suono e vento tramuta in ansietà d affollate faccende in tormento: e senza combattere ammazza. (Clemente Rebora, L opera in versi e in prosa, Milano, Garzanti, 1985) Leggendo questa poesia ci rendiamo conto che il modo in cui è scritta non è affatto indipendente dal contenuto che comunica. Il senso di ciascuna parola è rafforzato sia dal suo particolare suono, sia da quello che produce in combinazione con le altre parole nel verso. Il linguaggio, così, risulta fortemente espressivo perché il poeta carica ogni parola di suoni aspri e stridenti: in questo modo dà voce alla propria condizione interiore. Nel testo predominano i verbi, tra i quali si trovano in posizione dominante «scorrazza» e «ammazza». Parole come «nuvolaglia», «scaglia», «battaglia», «maglia», disposte in modo da richiamarsi fonicamente l una con l altra, producono un effetto di drammatica lotta.

23 Percorso di metodo 21 In questa poesia il significante, qui valorizzato specialmente dalle scelte che riguardano i suoni (aspetto fonico), e il significato collaborano alla creazione di un messaggio che va molto al di là di quello letterale. L autore utilizza così le potenzialità foniche (del suono) date anche dal ritmo, cioè dalla cadenza da cui deriva l armonia poetica, per caricarle di significati ulteriori e differenziarle dall uso tipico del linguaggio comune. Se, infine, notiamo la costruzione della frase, possiamo renderci conto che essa si discosta da quella utilizzata nella lingua comune: innanzitutto la poesia di Rebora è composta da un unico periodo, in modo da conferire un andamento mosso e concitato; inoltre l ordine sintattico delle parole è spesso capovolto: per esempio, il soggetto «il turbine» compare solo nel quinto verso e non in principio di frase come vorrebbe la lingua standard. Le possibilità della poesia, infatti, offrono molte opportunità di anticipazioni o rinvii, perché il poeta possa intrecciare i termini in modo nuovo e creativo, accrescendo il potere evocativo delle parole. Il valore universale del messaggio Autunno Autunno. Già lo sentimmo venire nel vento d agosto, nelle pioggie di settembre torrenziali e piangenti, e un brivido percorse la terra che ora, nuda e triste, accoglie un sole smarrito. Ora passa e declina, in quest autunno che incede con lentezza indicibile, il miglior tempo della nostra vita e lungamente ci dice addio. (Vincenzo Cardarelli, Poesie, Milano, A. Mondadori, 1958)

24 22 Unità Il testo poetico 1 In una poesia le situazioni o gli elementi descritti acquistano un significato più ampio, che va oltre i fatti contingenti rappresentati: il poeta, infatti, esprime un messaggio perenne che, pur essendo espressione dell epoca cui l autore appartiene, non si logora con il tempo ma, anzi, rimane un messaggio universale. Quindi, il tema della poesia di Cardarelli è solo apparentemente l autunno: in realtà l autore vuole istituire una analogia tra le stagioni dell anno e le stagioni della vita umana. Il trascorrere della vita è introdotto attraverso l identificazione tra uomo e natura: come le piogge autunnali, le cui gocce sembrano lacrime che esprimono il dolore della natura e preannunciano i rigori dell inverno, così l uomo si avvia verso il grigiore e il freddo della vecchiaia. La stagione più bella dell anno (l estate, cioè «il miglior tempo della nostra vita») è trascorsa in fretta e ne rimane solo il ricordo, che però non basta a dare vitalità al presente: esso trascorre lentamente, perché privo degli slanci giovanili e incupito dal presentimento della vecchiaia. Tale poesia esprime un messaggio che vale, perenne e immutabile, nei secoli. In sintesi (par. 2) Una parola si definisce polisemica quando... Una parola ha valore connotativo quando... Il suono delle parole rafforza il significato dei versi perché... Riguardo all ordine sintattico delle parole, il poeta è libero di... Una poesia esprime un messaggio universale, cioè...

25 VERIFICA a b c d delle conoscenze 1 Qual è la funzione della poesia? Trasmettere un messaggio. Suscitare emozioni nel lettore, evocando immagini. Non prefiggersi uno scopo pratico. Cambiare l aspetto grafico del testo. Percorso di metodo 23 a b c d 2 Quando un termine ha valore polisemico? Quando ha un solo significato letterale. Quando trasmette il messaggio dell autore. Quando ha più significati. Quando crea un effetto ritmico-musicale. a b c d 3 Che cosa significa valore connotativo di una parola? La parola assume un significato aggiuntivo e metaforico, non letterale. La parola assume un significato triste e drammatico. La parola assume un significato poetico espresso in rima. La parola comunica un effetto di musicalità che potenzia il significato. a b c d 4 Perché in poesia il suono delle parole è importante come il loro significato? Perché allude a un identificazione tra uomo e natura. Perché crea ambiguità nell interpretazione. Perché varia il ritmo e la struttura della poesia. Perché la ripetizione e la variazione di suoni creano effetti di musicalità e potenziano il significato. 5 Leggi la seguente poesia di Sandro Penna, poi rispondi alle domande. Sul molo il vento soffia forte Sul molo il vento soffia forte. Gli occhi hanno un calmo spettacolo di luce. Va una vela piegata, e nel silenzio la guida un uomo quasi orizzontale. Silenzioso vola dalla testa di un ragazzo un berretto, e tocca il mare come un pallone il cielo. Fiamma resta entro il freddo spettacolo di luce la sua testa arruffata. (Sandro Penna, Tutte le poesie, Milano, Garzanti, 1970) a) Quali impressioni uditive e visive suscita la poesia? b) Quale suono richiama la presenza delle consonanti v («vento», «vela», «va», «vola») e f («soffia», «forte», «fiamma», «arruffata»)? c) Quali parole, secondo te, assumono valore connotativo? d) La poesia descrive una scena marina. Nella presentazione delle immagini, quale diversità rilevi rispetto a un testo in prosa? Ti sembra che la poesia abbia saputo condensare un maggior numero di immagini o di informazioni? Esprimi le tue osservazioni in proposito.

26 24 Unità Il testo poetico 1 Tecniche di scrittura La parafrasi Il linguaggio poetico spesso non coincide con la lingua della comunicazione quotidiana e le scelte lessicali e sintattiche ne rendono talvolta poco agevole la comprensione. È allora utile un lavoro di parafrasi (dal greco paráphrasis, frase posta vicino ) del testo poetico, che consiste nel trasformarlo in prosa senza modificarne il significato, usando parole ed espressioni della lingua comune. TESTO DI RIFERIMENTO Clemente Rebora Il turbine p. 20 Come si procede 1. La lettura e la comprensione del testo La prima cosa da fare è leggere la poesia. La prima lettura deve essere orientativa, utile a ricavare impressioni e informazioni sommarie sul titolo, sulla lunghezza del componimento, sul senso generale della poesia e sui punti in cui la comprensione appare più difficoltosa. Questa prima lettura è fondamentale in quanto permette di formulare le prime ipotesi in base alle quali sarà possibile ritornare sul testo per indagarlo in modo più preciso e approfondito. La seconda lettura deve essere selettiva e approfondita, più attenta e dettagliata, perché mirata a: individuare vocaboli sconosciuti; comprendere il senso letterale di tutte le parole; ricostruire l ordine naturale della sintassi. Lo strumento prezioso che permette di penetrare i significati più complessi del testo sono le note esplicative, di solito riportate a piè di pagina. Se le note non sono sufficienti bisogna ricorrere al dizionario: sicuramente esso è utile per scoprire il significato delle parole, anche di quelle meno comuni, o per avere chiarimenti sulla costruzione particolare di alcuni verbi. Inoltre, di molte parole esso registra il significato connotativo. 2. La ricostruzione della sintassi La libertà espressiva del poeta può modificare il normale ordine sintattico (soggetto + verbo + complemento; nome + specificazione) e creare espressioni linguistiche originali, che aggiungono alle parole nuovi significati, ma richiedono anche uno sforzo di ricostruzione da parte di chi legge. Tale artificio retorico è definito iperbato (cfr. p. 81).

27 Percorso di metodo 25 Per esempio, Clemente Rebora nella poesia Il turbine (vv. 1-5) scrive: Dall intensa nuvolaglia giù brunita la corazza, con guizzi di lucido giallo, con suono che scoppia e si scaglia piomba il turbine e scorrazza Il soggetto della frase principale («il turbine») e i relativi predicati («piomba» e «scorrazza») sono disposti in fondo al periodo: in questo modo complicano la costruzione, ma intensificano il significato delle parole. Per comprendere bene il significato del testo, è pertanto indispensabile disporre le parole secondo l ordine naturale della sintassi: Il turbine, con la corazza brunita, con guizzi di giallo lucido, con suono che scoppia e si scaglia, piomba giù dall intensa nuvolaglia e scorrazza. Strategie compositive Un esempio di parafrasi Ti presentiamo una possibile ricostruzione della poesia Il turbine di Clemente Rebora. Il turbine, con la corazza brunita, con guizzi di giallo lucido, con suono che scoppia e si scaglia, piomba giù dalla nuvolaglia intensa e, proteso a cavallo sul vento, scorrazza campi e ville, e dà battaglia; ma quand urta una città si scardina in ogni maglia, s inombra come un occhiaia, e tramuta guizzi e suono e vento in ansietà di affollate faccende in tormento: e ammazza senza combattere. La parafrasi del testo può essere la seguente. Il turbine, rivestito d una armatura lucida, con lampi d un giallo sfolgorante, con suono che esplode e assale, si scaglia giù dalle fitte e nere nubi e, portato dal vento come da un destriero, attraversa con furia campi e ville, e combatte con violenza; ma quando cozza contro una città si rompe in ogni pezzo, s incupisce come uno sguardo oscurato dalle occhiaie e trasforma i lampi, il rumore e il vento in motivo d affanno per la gente della città, intralciata nei propri pressanti affanni: e distrugge senza neanche combattere. È facile osservare come la parafrasi richieda spesso più parole del testo originale, perché il suo scopo è quello di spiegare, e la spiegazione richiede integrazioni, limitate ma necessarie. 3. La riscrittura L ultima fase consiste nel riscrivere la poesia, compiendo le seguenti operazioni: seguire fedelmente il testo del componimento senza saltare parole; modificare, se necessario, l ordine delle parole per adeguarle alla costruzione logica della prosa; spiegare i concetti espressi in modo sintetico dal poeta in modo da rendere comprensibile il messaggio con un linguaggio comune; spiegare sinteticamente i significati connotativi della poesia; non aggiungere commenti o giudizi. Ricorda infatti che la parafrasi è la trascrizione in prosa del testo poetico, mentre il commento (cfr. p. 127) ne è la sua interpretazione personale. Caratteristica fondamentale della poesia è quella di ricorrere a immagini figurate, di cui la parafrasi deve spiegare il significato letterale: il significato profondo e la relativa interpretazione saranno affrontati più specificamente nel commento. In questo caso le note sono preziose, soprattutto quando il poeta ricorre a immagini inusuali. Considera che dobbiamo sempre cogliere e comprendere il valore connotativo del testo poetico e che per fare questo è necessario conoscere la funzione delle figure retoriche, che consentono di ampliare il significato di un espressione ben oltre la sua spiegazione letterale.

28 26 Unità Il testo poetico 1 Facciamo un altro esempio: Giovanni Pascoli scrive nella lirica Il gelsomino notturno (vv. 5-8): [...] Da un pezzo si tacquero i gridi: là sola una casa bisbiglia. Sotto l ali dormono i nidi, come gli occhi sotto le ciglia [...] Nel testo alcune parole assumono valore connotativo perché ciascuna di esse rimanda a un significato simbolico: i «gridi» sono i versi degli uccelli che, calata la sera, cessano di cantare; la frase evoca quindi l atmosfera di silenzio e intimità che avvolge il paesaggio; il verbo «bisbiglia» significa parla sottovoce : è chiaro che una casa non può bisbigliare, ma chi vi abita sì (è una figura retorica che consiste nella sostituzione del contenuto con il contenente: metonimia); significa che nella casa c è qualcuno ancora sveglio che parla sommessamente; i «nidi» rappresentano gli uccellini che dormono nel nido (si tratta un altra metonimia); le «ciglia» richiamano le palpebre (la parte rappresenta il tutto: questa figura retorica si chiama sineddoche). Quindi, la parafrasi del testo può essere la seguente: Da tempo sono cessati i canti degli uccelli: soltanto là, in una casa, si parla sottovoce. Gli uccellini nei nidi dormono con il capo sotto le ali, così come gli occhi degli uomini sotto le palpebre chiuse. Lavoro sul testo Parafrasa le seguenti espressioni poetiche dal significato connotativo. a) Il mare in certi giorni è un giardino fiorito (Vincenzo Cardarelli) b) Si devono aprire le stelle nel cielo sì tenero e vivo (Giovanni Pascoli) c) Scende la bella neve sonnolenta (Guido Gozzano) d) Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade (Giuseppe Ungaretti) e) Il tuono rimbombò con voce d orco (Corrado Govoni) f) Il cielo s apre a una gran pace azzurra (Diego Valeri) g) Una rete di sole si smaglia sui muri (Salvatore Quasimodo) h) Con minuto fiorire, gialla irrompe la mimosa (Giuseppe Ungaretti) i) È l ora che si vede la gente mareggiare nelle strade (Umberto Saba) l) Posa il meriggio su la prateria. Non ala orma ombra nell azzurro e verde (Giovanni Pascoli)

29 Percorso di metodo 27 Modelli poetici Vittorio Sereni Settembre Analisi del valore polisemico e connotativo delle parole Interpretazione dell universalità del messaggio INQUADRIAMO IL TESTO Il linguaggio della poesia di Sereni è carico di una straordinaria forza espressiva, tesa a esprimere le emozioni e le intuizioni del cuore: gli elementi del paesaggio, infatti, non descrivono realisticamente l ambiente, ma esprimono la soggettività del poeta. Per questo nella lirica cogliamo forti componenti suggestive: la malinconia dell autunno che avanza sul lago evoca l ombra della morte Già l òlea fragrante 1 nei giardini d amarezza ci punge 2 : il lago un poco si ritira da noi, scopre una spiaggia d aride cose, di remi infranti, di reti strappate 3. E il vento che illumina le vigne già volge ai giorni fermi queste plaghe da una dubbiosa brulicante estate 4. Nella morte già certa cammineremo con più coraggio, andremo a lento guado coi cani nell onda che rotola minuta 5. (Vittorio Sereni, Poesie, a cura di Dante Isella, Torino, Einaudi, 2002) 1. òlea fragrante: si tratta di una pianta che vive sulle sponde di alcuni laghi, i cui fiori emanano un intenso profumo (fragrante). Sereni, in una prosa intitolata Luino scrive: «Emana e si diffonde per il paese da quelle ville e giardini l aroma dolciastro dell òlea fragrante cui è legato il ricordo della Luino di fine estate». 2. d amarezza ci punge: ci comunica un senso di tristezza, perché ci ricorda che è finita l estate. 3. il lago strappate: le acque del lago sono in secca dopo la calura estiva e prima delle ristoratrici piogge autunnali; ritirandosi lasciano la spiaggia ingombra di detriti. Le aride cose che restano lungo la riva del lago insieme ai remi infranti e alle reti strappate sono ciò che resta, anche in senso metaforico, dell estate. 4. volge estate: il clima ventoso prelude ai giorni della stagione invernale definiti fermi in contrapposizione alle incertezze (dubbiosa) e ai mobili fervori dell estate (brulicante estate); la parola plaghe significa terre. 5. Nella morte minuta: la malinconia della stagione evoca il presagio di una fine imminente che si esprime in un immagine tipica dell autunno: alcuni cacciatori in compagnia dei loro cani guadano le acque di un lago mosso da lievi onde.

30 28 Unità Il testo poetico 1 Applicare gli strumenti Percorso di analisi 1. Trascrivi in prosa la poesia, effettuando la parafrasi del testo. La sintassi è stata già ricostruita secondo l ordine logico delle parole. Già l òlea fragrante nei giardini ci punge d amarezza: il lago si ritira un poco da noi, scopre una spiaggia [cosparsa] d aride cose, di remi infranti, di reti strappate. E il vento che illumina le vigne volge già queste plaghe ai giorni fermi da una dubbiosa brulicante estate. Cammineremo con più coraggio nella morte certa, andremo coi cani a lento guado nell onda che rotola minuta. 2. La poesia esprime la malinconia dell autunno imminente sul lago. a) Metti in evidenza i particolari descrittivi che a livello denotativo preannunciano l arrivo della stagione autunnale. b) Spiega quale relazione sussiste fra il titolo della poesia e il tema. 3. La riflessione di Vittorio Sereni trae spesso ispirazione dal luogo natale, rappresentato soprattutto negli elementi del paesaggio lacustre, la cui natura potenzialmente serena è turbata da minacciose presenze, che insinuano inquietudine negli uomini e nelle cose. Si tratta di segnali minimi, come il ritirarsi del lago che lascia affiorare poveri oggetti infranti. Individua nel testo parole o espressioni che hanno una funzione suggestiva ed evocativa e spiega che cosa esse descrivono e a che cosa, nello stesso tempo, alludono (cfr. la biografia dell autore a p. 389). 4. La forma espressiva della poesia è spesso indeterminata e quindi ambigua. Prendi in considerazione, ad esempio, le parole dei due versi iniziali. Le espressioni «I òlea fragrante» e «d amarezza ci punge» sono in relazione di somiglianza o di contrapposizione? Perché? Il valore denotativo e connotativo delle parole (es ) Il lessico (es. 5) Il messaggio (es. 6) Il confronto e l interpretazione (es. 7) 5. Nel testo ci sono parole che appartengono al registro letterario della lingua e parole che appartengono invece alla lingua d uso. Accanto ai seguenti termini di registro letterario, scrivi almeno due sinonimi di registro più comune. Termini tratti dalla poesia Sinonimi Fragrante... Infranti... Plaghe... Brulicante... Minuta La seconda strofa ha un significato decisamente simbolico, evocato nella visione di quell andare «a lento guado» di uomini e cani, in un lago appena increspato dalle onde. Quale significato si cela dietro questa immagine? Scrittura finalizzata 7. Confrontare e commentare. Leggi i versi iniziali di Un altra estate. Quali affinità tematiche e stilistiche ritrovi con Settembre? Lunga furente estate. La solca ora un brivido sottile alle foci del Tresa sì che alcuno ne trema dei volti già ridenti, ora presaghi. (Vittorio Sereni, Poesie, a cura di Dante Isella, Torino, Einaudi, 2002)

31 Percorso di metodo 29 Giovanni Pascoli Rio Salto Ricostruzione della sintassi INQUADRIAMO IL TESTO Per Giovanni Pascoli le vicende della prima giovinezza Parafrasi furono determinanti nello sviluppo creativo della maturità. Il mondo agreste in cui era vissuto da bambino (era nato a San Mauro di Romagna nel 1855) appare nei suoi testi come un paradiso perduto e anche in questa poesia l autore fantastica sui cavalieri erranti che popolavano le sponde del Rio Salto, il piccolo ruscello che scorreva nella sua terra natale. Lo so: non era nella valle fonda suon che s udia di palafreni 1 andanti: era l acqua che giù dalle stillanti tegole a furia percotea la gronda 2. Lettura e comprensione del testo Analisi degli effetti fonici e ritmici 5 10 Pur via e via per l infinita sponda passar vedevo i cavalieri erranti; scorgevo le corazze luccicanti, scorgevo l ombra galoppar sull onda. Cessato il vento poi, non di galoppi il suono udivo, né vedea tremando fughe remote al dubitoso lume 3 ; ma voi solo vedevo, amici pioppi! Brusivano soave 4 tentennando lungo la sponda del mio dolce fiume. (Giovanni Pascoli, Myricae, in Poesie, Milano, Garzanti, 1974) 1. palafreni: cavalli usati dai cavalieri medievali soprattutto durante gli spostamenti. 2. a furia gronda: batteva con violenza sulla grondaia. 3. dubitoso lume: luce incerta. 4. Brusivano soave: frusciavano dolcemente (soave è aggettivo con valore di avverbio), facendo un dolce brusio.

32 30 Unità Il testo poetico 1 Applicare gli strumenti I contenuti del testo (es. 1) Il ritmo e gli effetti fonici (es. 2) La ricostruzione dell ordine della sintassi (es. 3) La parafrasi (es. 4) L interpretazione (es. 5-6) La rielaborazione personale (es. 7) Percorso di analisi 1. In Rio Salto il tema è quello di un dolce ricordo d infanzia. Se nella produzione di Pascoli uno dei filoni più sviluppati è quello autobiografico, legato spesso ad avvenimenti dolorosi dell adolescenza e della giovinezza, in questo caso il ricordo è più dolce, anche se il poeta è costretto a prendere coscienza che le sue fantasie di ragazzo erano soltanto un sogno. a) Che cos è il «Rio Salto»? Dove si trova? b) Chi sono i «cavalieri erranti»? c) Esistono davvero? 2. Se provi a leggere a voce alta la poesia noterai che le prime due strofe sono caratterizzate da un ritmo veloce; inoltre c è una ripetuta insistenza sui suoni «nd», «nt»; nelle ultime due strofe, dove il ritmo è più lento, c è una ripetizione dei suoni «ve», «va», «s». a) Perché nelle prime strofe il ritmo è veloce? Quale realtà vuole imitare l autore? b) Perché nelle ultime strofe il ritmo è più pacato? Quale sentimento vuole comunicare l autore? c) Quale effetto crea la sonorità squillante dei gruppi «nd», «nt»? d) Quale effetto crea la sonorità pacata dei gruppi «ve», «va», «s»? 3. Le prime due strofe della poesia sono già state riscritte seguendo l ordine naturale della sintassi. Riscrivi tu le ultime due strofe. Prima strofa: Lo so: [il] suono che s udia nella valle fonda non era di palafreni andanti: era l acqua che [cadendo] giù dalle tegole stillanti percotea a furia la gronda. Seconda strofa: Pur vedevo i cavalieri erranti passar via e via per l infinita sponda; scorgevo le corazze luccicanti, scorgevo l ombra galoppar sull onda. Terza strofa: Scrittura finalizzata e creativa 4. Parafrasare. Scrivi la parafrasi dell intera poesia. L esercizio è avviato. Lo so: il suono che si udiva nella valle profonda non era quello di cavalli lanciati al galoppo: era l acqua che gocciolando dalle tegole bagnate di poggia percuoteva con forza la grondaia. 5. Interpretare. Pascoli scrive al verso 12: «ma voi solo vedevo, amici pioppi!» Quale sentimento del poeta cogli nell aggettivo amici riferito ai pioppi? Si può dire che nella sensibilità del poeta gli alberi assumono atteggiamenti umani? 6. Interpretare. Leggi i seguenti versi tratti da Speranze e memorie di Giovanni Pascoli. Anche in questo testo gli elementi del paesaggio non descrivono realisticamente l ambiente ma esprimono la soggettività del poeta. Come? Perché? Paranzelle 1 in alto mare bianche bianche io vedeva palpitare come stanche: o speranze, ale di sogni 2 per il mare. (Giovanni Pascoli, Myricae cit.) 1. Paranzelle: piccole barche da pesca. 2. ale di sogni: perché le speranze danno impulso alle nostre illusioni. 7. Interpretare e rielaborare in modo personale. Hai anche tu un ricordo d infanzia simile a quello di Pascoli? Hai conosciuto un luogo magico o segreto in cui la tua fantasia vedeva cose immaginarie o in cui giocavi con particolare piacere? Descrivi e racconta.... Quarta strofa:

33 Percorso di metodo Conoscenze, abilità, competenze di lettura Unità2 La metrica e il ritmo Strumenti di analisi 1. La metrica 2. Il verso e la sua divisione in sillabe 3. Gli accenti ritmici e i vari tipi di verso 4. L enjambement 5. La cesura 6. La rima 7. La strofa 8. Il verso libero Edoardo Sanguineti, La poesia è ancora praticabile Verifica delle conoscenze Modelli poetici Umberto Saba, Ritratto della mia bambina Giorgio Caproni, Battendo a macchina Eugenio Montale, Perché tardi? Francesco Petrarca, Zephiro torna, e l bel tempo rimena Giovanni Pascoli, Patria Giuseppe Ungaretti, Veglia Le rime sono più noiose delle dame di San Vincenzo: battono alla porta e insistono. Respingerle è impossibile e purché stiano fuori si sopportano. Il poeta decente le allontana (le rime), le nasconde, bara, tenta il contrabbando. Ma le pinzochere ardono di zelo e prima o poi (rime e vecchiarde) bussano ancora e sono sempre quelle. Eugenio Montale, Le rime, in Tutte le poesie, Milano, A. Mondadori, I Meridiani, 2005

34 32 Unità La metrica e il ritmo 2 Strumenti di analisi 1. La metrica Musica e ritmo La poesia comunica il proprio messaggio affidandosi non solo al significato delle parole ma anche al suono e al ritmo che queste imprimono alla frase; la poesia ha quindi in sé alcune qualità della musica e riesce a trasmettere emozioni e stati d animo ricorrendo a particolari elementi espressivi quali il tipo di verso, la sua lunghezza, gli accenti ritmici, le cesure, le rime, la suddivisione in strofe, gli accostamenti di suoni. Tali elementi sono oggetto di studio della metrica (dal greco métron, misura e in particolare misura del verso ), cioè la disciplina che studia le regole convenzionali che, nel corso del tempo, sono state stabilite a proposito della struttura di un testo poetico. La metrica: dal vincolo alla libertà Fino a quasi tutto l Ottocento le regole della metrica erano molto rigide e legate alla corrispondenza tra genere e struttura metrica: per esempio gli endecasillabi (versi di undici sillabe) organizzati in un sonetto (composizione poetica formata da quattro strofe: due quartine e due terzine) rappresentavano i versi della lirica pura; gli autori di poesia epico-cavalleresca, invece, adottavano l endecasillabo organizzato in ottave (strofe di otto versi). La tradizione letteraria, infatti, aveva fissato regole vincolanti e, salvo rare eccezioni, i poeti si attenevano ai modelli imposti. Con la fine dell Ottocento, però, gli schemi tradizionali furono modificati o addirittura abbandonati: gli autori del Novecento preferirono il verso libero e adattarono la struttura del testo alle personali esigenze espressive. In ogni caso i versi, le strofe e le rime rimangono ancora importanti perché, a seconda delle scelte effettuate, il poeta con questi artifici tecnici ottiene effetti diversi, che occorre approfondire. 2. Il verso e la sua divisione in sillabe Che cos è un verso Il verso è una riga di una poesia, la sua unità ritmica minima, di lunghezza variabile. Il termine deriva dal verbo latino vertere ( girare, tornare indietro ); nel caso della poesia si riferisce all andare a capo alla fine del verso, anche se lo spazio disponibile sulla pagina non è finito. Il verso è formato da sillabe, il cui numero dà convenzionalmente origine al nome del verso stesso. Per esempio, i versi seguenti di Giovanni Pascoli sono costituiti da nove sillabe e pertanto sono detti novenari:

35 Simonetta Damele, Tiziano Franzi SAO KO KELLE TERRE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DELLE ORIGINI

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015 Programma di ITALIANO classe VB a.s. 2014/2015 GRAMMATICA: La frase complessa o periodo La struttura del periodo:proposizioni principali, coordinate e subordinate La proposizione principale I vari tipi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Giovanni Pascoli (1855-1912)

Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli: la vita 1855: nasce a S. Mauro di Romagna 10 agosto 1867: muore il padre, assassinato 1873: borsa di studio, frequenta la facoltà di lettere a Bologna. Aderisce

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO Pagina 1 di 6 ANNO SCOLASTICO 2012/13 CLASSE 2PA DOCENTE: Giovanni De Nardus DISCIPLINA ITALIANO LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE: N: BOTTA TITOLO: Galeotto fu il libro (Il testo narrativo, Il testo

Dettagli

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16 Giacomo Leopardi dedica i versi della poesia A Silvia ad una ragazza in cui si può riconoscere Teresa Fattorini, vicina di casa dello scrittore e morta giovanissima di tubercolosi. Questo poema, che si

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO STATALE "Ettore Majorana" CALTAGIRONE PROGRAMMA DI ITALIANO Anno scolastico 2013/2014 CLASSE II SEZIONE C IL TESTO POETICO La differenza tra poesia e prosa. Cos è la poesia; il poeta.

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Il Decadentismo Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Movimento culturale nato in Francia nel 1880 e ben presto diffuso in tutta Europa. Prende il nome dalla rivista transalpina «Le Décadent». I caratteri

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Verona: rifugio del Sommo Poeta

Verona: rifugio del Sommo Poeta Verona: rifugio del Sommo Poeta La nostra fantastica avventura in Veneto incomincia a Verona, importante centro d arte e letteratura italiana. Appena arrivati, dopo un introduzione da parte della guida

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: ELISABETTA PILLASTRINI CLASSE: III B MATERIA: ITALIANO PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

TRACCIA PER L ANALISI DELLA POESIA

TRACCIA PER L ANALISI DELLA POESIA TRACCIA PER L ANALISI DELLA POESIA Con esempi relativi alla poesia San Martino di Giosuè Carducci Materiale prodotto da Luisa Vantini per alunni della scuola secondaria di primo grado SAN MARTINO di Giosue'

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13

SIAMO TUTTI POETI. Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning. Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 SIAMO TUTTI POETI Percorso alla scoperta del testo poetico in cooperative learning Classe IV A Maria Immacolata a.s. 2012-13 Docente Anna Maria Pirisi Premessa La poesia è un tipo di testo a misura dei

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

Ricordi trasposti in poesia

Ricordi trasposti in poesia Alessandra Proietti De Nicola Ricordi trasposti in poesia lungo il viale del tramonto Alessandra Proietti De Nicola "Ricordi trasposti in poesia lungo il viale del tramonto" Proprietà letteraria riservata

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Lettere. Anno Accademico 2009/2010

Corso di Laurea Triennale in Lettere. Anno Accademico 2009/2010 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Triennale in Lettere Anno Accademico 2009/2010 Docente: Caterina Verbaro email: caterina.verbaro@unina2.it Titolo

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Diego e Ilaria 26 Luglio 2013

Diego e Ilaria 26 Luglio 2013 Diego e Ilaria 26 Luglio 2013 Musica J.Pachelbel, Canone R. Wagner, Marcia Nuziale da Lohengrin Poesia di: Alan Douar Quando ti chiedo cos è l amore, immagina due mani ardenti che si incontrano, due sguardi

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T. I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.GATTANELLA Libro di testo: AA.VV. Liberamente G.B.Palumbo Editore - volumi

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO V. MUZIO - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1 Anno Scolastico 2013/2014 Classe: 2^B Disciplina: Italiano Docente: Prof.ssa Pasqua Barbone PIANO DI LAVORO ANNUALE Criterio

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano L2

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CORSO SERALE SECONDO PERIODO

CORSO SERALE SECONDO PERIODO Centro Provinciale per l'istruzione degli Adulti di Ravenna I.T.C. G. Ginanni CORSO SERALE SECONDO PERIODO MATERIALE DI SUPPORTO ALLE LEZIONI DI ITALIANO DOCENTE: CHIARA MINGHETTI SUPPORTO TECNICO: FOSCHERI

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli