Alcune indicazioni per la stesura della tesi di Laurea in: Storia del teatro e dello spettacolo Organizzazione ed economia dello spettacolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcune indicazioni per la stesura della tesi di Laurea in: Storia del teatro e dello spettacolo Organizzazione ed economia dello spettacolo"

Transcript

1 Alcune indicazioni per la stesura della tesi di Laurea in: Storia del teatro e dello spettacolo Organizzazione ed economia dello spettacolo versione 23 settembre 2013 La tesi conclude il percorso formativo triennale, che può anche preludere a una futura laurea specialistica oppure a un master di primo livello. Ciò premesso, la prova finale mantiene la struttura di un elaborato fine a se stesso, le cui peculiarità non devono tradire quelle previste dalla tesi intesa come vero e proprio genere letterario che prevede, oltre alla scontata correttezza ortografica, grammaticale e lessicale, anche caratteristiche di uniformità stilistica e redazionale (vedi Indicazioni editoriali nella seconda parte di questo documento). La tesi non serve solo a laurearsi e, se viene vista solo in quest ottica, diventa presto un esperienza noiosa. Scrivere l elaborato finale significa: 1) individuare un argomento preciso; 2) raccogliere documenti su quell argomento; 3) mettere in ordine questi documenti; 4) riesaminare di prima mano l argomento alla luce dei documenti raccolti; 5) dare una forma organica a tutte le riflessioni precedenti; 6) fare in modo che chi legge capisca cosa si voleva dire e sia in grado eventualmente di risalire agli stessi documenti per riprendere l argomento per conto suo. Significa quindi imparare a mettere ordine nelle proprie idee e ordinare dei dati. La tesi di laurea rappresenta insomma un esperienza di lavoro metodico: non importa solo l argomento della tesi, ma anche l esperienza di lavoro che essa comporta. Lo studente deve dimostrare di avere preso criticamente visione della maggior parte della letteratura esistente (cioè degli scritti pubblicati su quell argomento) e di essere capace di esporla in modo chiaro, cercando di collegare i vari punti di vista ed eventualmente provando a esporne uno proprio. Inoltre lo studente può dimostrare di essere stato capace di trovare materiali nuovi, inediti, che possono gettare nuova luce su quell argomento. 1. La ricerca del materiale Le fonti Attraverso l elaborato, lo studente studia e analizza un oggetto (uno spettacolo teatrale, un regista, un attore, un testo, un fenomeno culturale, una categoria estetica ) avvalendosi di determinati strumenti, che chiamiamo fonti. Il concetto di fonte, che in linea di massima indica qualunque testimonianza su un epoca passata, abbraccia una vastissima gamma di realtà. Convenzionalmente, si usa distinguere le fonti in diverse categorie sulla base di differenti criteri. Per prima cosa, distinguiamo tra fonti primarie e fonti secondarie (o letteratura critica). La fonte primaria è l oggetto su cui lavoriamo, con tutto il materiale coevo a esso connesso in maniera stretta (Esempi: se lavoriamo su uno spettacolo teatrale, saranno fonti primarie il copione, la videoregistrazione dello spettacolo, la partitura, i bozzetti della scenografia, le note di regia, il programma di sala ecc.; se lavoriamo su un testo teatrale, la fonte primaria è l edizione originale o un edizione critica dell opera in questione). Le fonti secondarie invece trattano dell oggetto di cui stiamo parlando e sono in genere prodotte successivamente (per esempio: recensioni, ricostruzioni storiografiche, saggi critici, 1

2 interviste ecc.). Spesso la fonte secondaria riporta brani delle nostre fonti primarie, ma queste ultime sono citazioni, cioè fonti di seconda mano. Un altra distinzione per noi utile è fondata sulla forma delle fonti e sulla natura del supporto che veicola le informazioni. Avremo pertanto: Fonti scritte: fonti inedite (carte d archivio, manoscritti, scritture private); fonti a stampa (libri, articoli di giornali e riviste, opuscoli, manifesti, locandine). Fonti digitali: documenti informatici, pagine web. Fonti iconografiche: dipinti, fotografie, disegni, bozzetti. Fonti materiali: spettacoli dal vivo, costumi, scenografie, utensili da lavoro, oggetti di uso quotidiano, edifici. Fonti sonore e audiovisive: videoregistrazioni, film, audioregistrazioni, dischi, fonti orali (interviste audio o videoregistrate). Infine, non dimentichiamo che lo studente stesso può creare delle fonti nuove e originali come, ad esempio, le interviste o le statistiche di dati reperiti originalmente. Le fonti devono essere da noi reperibili, facilmente accessibili e dobbiamo essere in grado di maneggiarle. Da questo problema non si esce decidendo di lavorare solo su quello che si ha, perché bisogna avvicinare direttamente le fonti primarie e della letteratura critica si deve leggere, se non tutto, almeno tutto ciò che conta. Le fonti devono in ogni caso essere sempre di prima mano. Un elaborato serio non dovrebbe mai citare da una citazione, poiché nessuno mi assicura che chi scrive non abbia fatto dei tagli o commesso errori. In particolare, non posso mai citare il mio autore attraverso la citazione fatta da un altro. Se cito da una fonte di seconda mano perché non posso fare altrimenti, non devo mai fingere di citare dall originale: devo fare una citazione indiretta, cioè spiegare che sto citando da una citazione. Lo stesso problema si pone per la bibliografia in appendice. Se, dovendo terminare in fretta la tesi, metto in bibliografia anche cose che non ho letto, rischio di fare figure meschine (magari è lo stesso saggio ripubblicato altrove!). NB: copiare una fonte (cartacea o su internet) senza citarla (cioè far passare per parole proprie parole scritte da un altro) è un plagio. 2. La ricerca bibliografica Ormai quasi ogni singola biblioteca ha il proprio catalogo on-line. Esistono però meta-opac che permettono di ricercare contemporaneamente in più biblioteche. (riunisce le biblioteche di tutto l ateneo e i Sistemi Bibliotecari Integrati del Comune di Genova, cioè le biblioteche civiche della città di Genova. Preferire l accesso con identificazione) (Fa capo alla Biblioteca Universitaria di Genova, via Balbi 3 e riunisce tutte le biblioteche liguri aderenti al Polo Ligure del Servizio Bibliotecario Nazionale (S.B.N.). Permette di accedere ai servizi di consultazione e prestito dei documenti) (riunisce tutte le biblioteche che aderiscono a SBN ed è un ottimo strumento per reperire libri in tutt Italia. Permette l accesso agli OPAC delle singole biblioteche). 2

3 Se il libro o la rivista individuati si trovano in una biblioteca troppo lontana, esiste il servizio di prestito interbibliotecario. Opere di consultazione, libri antichi (prima del 1950) e riviste non vanno generalmente in prestito; sono però ammesse al prestito interbibliotecario e potrete consultarle nella vostra biblioteca. NB: 1) non tutto il patrimonio librario retrospettivo può essere su OPAC, soprattutto nel caso di biblioteche molto grandi e antiche, che hanno in corso progetti di recupero del catalogo cartaceo. Controllate perciò sempre a partire da quale anno la biblioteca assicura la presenza in OPAC dei libri, per evitare di perdere pubblicazioni importanti (per esempio il Museo Biblioteca dell Attore ha messo on-line solo i titoli dal 1995). 2) problema della catalogazione e del diritto d autore: spesso per documenti audio e video esistono cataloghi cartacei separati e non consultabili on-line. 3. La sezione di consultazione In ogni biblioteca c è una sezione o una sala detta di consultazione (cons.), che raccoglie le enciclopedie, le storie generali, i repertori bibliografici, i dizionari tutte opere che generalmente non vanno in prestito. Queste opere mi possono dare le prime informazioni di base e possono contenere bibliografie, che mi possono orientare nella prima ricerca. Se poi, consultando i cataloghi, ho preso nota di un numero molto alto di titoli, le opere generali mi possono orientare in merito a quali opere consultare per prime. Enciclopedia italiana [Treccani], Enciclopedia europea [Garzanti, UTET], Enciclopedie delle varie nazioni AA. VV., Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, Le biblioteche digitali Molte biblioteche, soprattutto le nazionali, hanno in corso la digitalizzazione di testi (rari e molto consultati). 5. Google e altri motori di ricerca Alcune cautele: utilizzate gli operatori boleiani, utilizzate la ricerca avanzata. Sappiate distinguere il valore e la credibilità della fonte: in internet si trovano miniere di cose interessanti e valide, ma anche montagne di spazzatura. Se usate fonti da internet: indicate con precisione il sito e la data di accesso; parafrasate, citate, ma non copiate. 6. La bibliografia finale Ogni elaborato deve contenere una bibliografia finale, che rappresenta l elenco (possibilmente ragionato) di tutte le fonti consultate. L impostazione della bibliografia cambia a seconda del tipo di tesi; occorre in ogni modo sapere organizzare una bibliografia che permetta di distinguere fonti primarie e secondarie, studi rigorosi e materiale meno attendibile. I fini della bibliografia sono: 1) rendere riconoscibile l opera a cui ci si riferisce; 2) facilitarne la reperibilità; 3) dimostrare familiarità con gli usi della disciplina in cui ci si laurea. L ordine di elencazione può essere alfabetico o cronologico, a seconda dei casi. È importante che sia rispettato. 3

4 Appunti tratti da: Umberto Eco, Come si fa una tesi di laurea, Milano, Bompiani, 1977 (numerose ristampe e riedizioni fino a oggi); Bruno Bonomo, Voci della memoria. L uso delle fonti orali nella ricerca storica, Roma, Carocci, Indicazioni editoriali Impostazioni tipografiche Impostare e uniformare margini, interlinea, capoversi, font, sia per il testo che per le note. Giustificare sia il testo, che le note. Attenzione a doppi, tripli spazi ecc. Nel caso di capitoli o paragrafi che prevedano un salto alla pagina successiva, sostituire gli a capo ripetuti con una interruzione di pagina o di sezione (a seconda della struttura delle note). In fase di revisione utilizzare il comando che mostra tutti i segni tipografici ( ). Titoli e paragrafi Indicare sempre un titolo per ogni capitolo; non dare titoli a caso, ma fare in modo che essi abbiano un rapporto diretto con quanto analizzato e studiato in quel capitolo. Scrivere i titoli in grassetto tutto maiuscolo e centrato. Dopo il titolo del capitolo o del paragrafo non si mette mai il punto. CAPITOLO I IL TEATRO DI LUIGI PIRANDELLO Ogni capitolo può essere suddiviso a sua volta in una serie di paragrafi. Il titolo dei paragrafi va scritto con il carattere maiuscolo/minuscolo in grassetto. Numerare i paragrafi: 1.1, 1.2., etc. 1.1 Paolo Grassi o il sale della cultura Punteggiatura I puntini di sospensione, se si usano, sono sempre e solo tre ( ). Non mettere mai la virgola prima della parentesi tonda o quadra. I trattini - - hanno lo stesso scopo della parentesi; vanno usati in coppia, lasciando uno spazio prima e dopo il trattino. Usare le virgole in modo appropriato: nelle enumerazioni, dopo un richiamo, prima di un pronome relativo, per introdurre una subordinata, per staccare due frasi tra loro, etc. etc. MAI tra soggetto e verbo. Virgolette si usano per le citazioni brevi e per i titoli di riviste e quotidiani Esempio 1: Come ricorda Benedetto Marcello, i protettori del teatro andranno incontro alle virtuose. Esempio 2: La Perseveranza ; Sipario ; la Repubblica 4

5 si usano quando all'interno di un testo citato vi sia un altra citazione. si usano per sottolineare la valenza particolare che si vuole attribuire a una parola. Pertanto, non si deve utilizzare il corsivo o il sottolineato per mettere in evidenza un termine. In generale, una costante si può cogliere nell uso dell arte nel corso dei secoli. si usano quando dobbiamo completare una citazione introducendo qualche cosa di nostro. Ed ecco tra noi riaprirsi i passaggi pubblici e riaprirsi i teatri. Dopo l I. R. teatro alla Scala, ieri sera si riaperse il R. teatro della Canobbiana e il Carcano. Entrambi erano affollati di ufficiali austriaci malgrado il cattivo tempo. Numeri Citare i secoli per esteso: scrivere l'ottocento (con la maiuscola), non l'800. Citare le date per esteso: scrivere 2 dicembre 1996, non Accenti Attenzione ai due tipi di accento: grave (per esempio: è); acuto (per esempio: affinché, poiché, benché, né). Ricordarsi che alcune voci verbali hanno l accento (dà: III pers. singolare verbo dare) altre no (fa: III persona singolare verbo fare). Indicazioni di atto e scena La cifra romana indica l atto; la cifra in numero arabo indica la scena. Per indicare un verso (solo quando è necessario) si usa ancora la cifra araba. Ogni numero va separato da una virgola. Vittorio Alfieri, Bruto secondo, II, 1, 11 sta a indicare atto II, scena 1, verso 11. Le citazioni Le citazioni devono essere sempre di prima mano e devono essere tratte da edizioni importanti, filologicamente valide, non da edizioni economiche, spesso altrettanto valide, ma meno attendibili. Bisognerà quindi recarsi in biblioteca. Se la citazione non supera le due/tre righe si può inserire nel corpo del testo, mettendola fra virgolette. La Canobbiana necessita e ottiene numerose riparazioni, di cui è difficile precisare l entità, in quanto, genericamente definite, in un documento datato luglio 1852, [ ] opere di riparazione e miglioramento proposte nell I. R. Teatro alla Canobbiana. Quando la citazione è più lunga, essa va a capo, rientrata rispetto al testo a destra e a sinistra e scritta con interlinea e carattere minore. Noi, dunque, giovani studenti eravamo assai male collocati così: fra un teatro, che non ci toccava di entrarci se non cinque o sei sere in tutto il carnovale; fra paggi, che atteso il servizio 5

6 di corte, le cacce, le cavalcate, ci pareano godere di una vita tanto più libera e divagata della nostra. Per citare un testo teatrale: scrivere il nome del personaggio che pronuncia la battuta in tutto maiuscolo, la didascalia va scritta in corsivo fra parentesi tonde (le parentesi non vanno scritte in corsivo), poi scrivere la citazione. NORA (senza lasciarsi interrompere): Voglio dire che dalle mani di mio padre, sono passata nelle tue. Tu hai sistemato tutto secondo i tuoi gusti, e io li condividevo, o almeno facevo finta di accettarli. Non lo so. Forse un po una cosa, e un po l altra. I versi vanno staccati con / senza andare a capo alla fine del verso. MEFISTOFELE: Passato! Che parola sciocca! Perché passato? / Passato e puro nulla: identità completa. / Questo perpetuo creare, allora, perché? / Per travolgere nel nulla quel che è stato creato? / È passato! Come dobbiamo intenderla / questa parola? È come non fosse mai stato / eppure s agita in cerchio, come esistesse. / Preferirei, fossi io, il vuoto eterno. In una citazione si usa [...] quando si omette qualcosa (una parola, una frase) o quando una citazione piuttosto lunga principia con la lettera minuscola perché se ne omette la prima parte. Esempio 1: Peculiare è il modo in cui Kleist tende a cancellare [ ] i confini tra tragedia e commedia nelle sue opere più mature. Esempio 2: Pur ammettendo che [ ] il testo fu di frequente rimaneggiato. Le note a piè di pagina Citazioni e riferimenti necessitano una convalida in nota: la nota a piè pagina permette infatti di legittimare la fondatezza di ciò che si sta scrivendo. L'esponente di nota va messo, senza spazi né prima né dopo, sempre prima del segno di punteggiatura (punto, virgola) e dopo le virgolette e parentesi. L esasperazione lo porta a esclamare: non ce la faccio più, lascio! 1. Verificare che alla fine di ogni nota sia sempre presente la punteggiatura. Esistono vari tipi di note: 1) note esplicative: servono a chiarire qualcosa del testo. Savinio ricorda di avere conosciuto uno degli ultimi esemplari del dotto di stampo antico : il suo professore di latino 1. 1 Savinio si riferisce a Domenico Fava, di cui è allievo nel ) note bibliografiche: indicano la fonte da cui è stata tratta la citazione. Savino afferma: Il Ricordi mi ha promesso di far di tutto per darla alle scene 1. 6

7 1 Sandro Franchi Il compositore quindicenne, in Corriere della Sera, 19 ottobre ) note biografiche: contengono dati biografici o, nel caso di personaggi di grande notorietà, rimandi bibliografici relativi al personaggio in questione. Esempio 1: Ella stessa ammette di essere cresciuta molto in seguito all incontro con Lea Padovani 1. 1 Lea Padovani (Montaldo di Castro 1920 Roma 1991), attrice, esordisce nel 1946, [ ] Esempio 2: Pirandello scopre le grandi capacità di Marta Abba 1 nel Sulla figura artistica di Marta Abba si veda [indicare alcuni rimandi bibliografici]. È inutile raccontare tutta la vita di Marta Abba, in quanto si presume che gli studiosi di teatro la conoscano. È utile indicare anno nascita e morte e gli studi più recenti a lei dedicati. Rimandi bibliografici 1) Per indicare un volume da cui abbiamo tratto una citazione o al quale abbiamo fatto riferimento: 1. nome e cognome dell'autore, 2. titolo completo in corsivo, 3. città di pubblicazione, 4. casa editrice, 5. anno di pubblicazione, 6. numero di pagina o pagine a cui si fa preciso riferimento Il tutto è separato da virgole. Paolo Bosisio, La parola e la scena. Studi sul teatro italiano tra Settecento e Novecento, Roma, Bulzoni, 1987, p. 35. p. 35 per indicare una pagina singola pp se si tratta di più pagine a cui si fa riferimento. Se gli autori sono due o tre, vanno citati tutti. Se gli autori sono numerosi (come nel caso degli atti di un convegno) si usa AA.VV. = Autori vari. Il curatore va sempre indicato. AA.VV., Massimo Castri e il suo teatro, a cura di Isabella Innamorati, Roma, Bulzoni, 1993, p. 76. Per indicare un opera in più volumi: dopo l'anno si indica: vol. IV; se si tratta di più volumi si scriverà: voll. IV-VII. Se l autore si ripete, usare idem al maschile ed eadem al femminile: Eugenio Buonaccorsi, Tommaso Salvini e il Risorgimento, in AA. VV., Tommaso Salvini. Un attore patriota nel teatro italiano dell Ottocento, a cura di Idem, Bari, edizioni di pagina, 2011, p. 15 [non ripetere a cura di Eugenio Buonaccorsi ] 2) Per indicare un saggio, articolo o recensione all interno di volume: 7

8 Mariagabriella Cambiaghi, Le serve di Castri o dell'immaginario femminile, in AA.VV., Massimo Castri e il suo teatro, a cura di Isabella Innamorati, Roma, Bulzoni, 1993, pp ) In dizionari biografici ed enciclopedie, in cui è previsto un ordine alfabetico, è sufficiente indicare il compilatore della voce. Si veda la voce curata da Silvio d Amico per l Enciclopedia dello spettacolo, Roma, Le maschere, 1961, s. v. (s. v. significa sub vocem e va in corsivo perché parola straniera). 4) Se un testo è citato più volte, dopo la prima volta, si può abbreviarne l indicazione: Paolo Bosisio, La parola e la scena. Studi sul teatro italiano tra Settecento e Novecento, cit., p O anche: Paolo Bosisio, La parola e la scena, cit., p ) Per citare un saggio che compare in una rivista: autore, titolo, in "Annali di storia del teatro", anno, numero, data, pp Non si indica editore e luogo di edizione. I titoli delle riviste e dei quotidiani vanno sempre scritti fra virgolette non in corsivo. Per i quotidiani, non si indica il numero della pagina ma la data di pubblicazione. Tommaso Chiaretti, L unico sano è il matto, cioè l attore, in La Repubblica", 27 ottobre ) Ibidem: va scritto in corsivo, significa nello stesso luogo e si usa quando la nota viene dalla stessa fonte della nota immediatamente precedente. Se cambia la pagina, si scrive: Ivi, p Abbreviazioni Cfr. significa confronta, si veda al proposito e va posto davanti all indicazione bibliografica per indicare: sull'argomento si veda anche... Varia I personaggi che via via compaiono nelle pagine della tesi, vanno sempre tutti indicati con il nome e il cognome almeno la prima volta che ricorrono. Non usare il verbo venire come ausiliare, ma usare essere. Non: I testi che vengono presi in esame. Ma: I testi che sono presi in esame. Quando è possibile, non separare il soggetto dal verbo: Esempio 1: Bentoglio, purtroppo, non completa l informazione. Meglio: Purtroppo, Bentoglio non completa l informazione. Esempio 2: Alonge, nel pubblicare le due lettere citate, le accompagna da una nota. Meglio: Nel pubblicare le due lettere citate, Alonge le accompagna da una nota 8

9 9 Infine: 1. Consegnare capitoli completi e redazioni considerate definitive: la lettura e correzione di ogni capitolo, salvo casi eccezionali (= lavori insufficienti), avviene una sola volta. 2. Prima di consegnare il capitolo della tesi, rileggerlo con attenzione, parola per parola. Consegnare una tesi piena di errori di battitura (o, peggio, di ortografia) è segno di mancanza di rispetto verso chi deve leggere e correggere il lavoro. È inoltre una inutile perdita di tempo per tutti. 3. Numerare sempre le pagine e ricordarsi di apporre il proprio nome, cognome e recapito telefonico, sulla prima pagina.

10 Riferimenti bibliografici Enciclopedie e dizionari AA. VV., Enciclopedia dello spettacolo, a cura di SILVIO D AMICO, Roma, Le Maschere, , 11 voll. (con volume Indice-repertorio di titoli citati (con una fitta rete di rimandi). Propone voci circa con ampie bibliografie e ricca documentazione iconografica, relative a persone, generi, città, nazioni AA. VV., Enciclopedia del teatro del 900, a cura di Antonio Attisani, Milano, Feltrinelli, AA. VV., Dizionario dello Spettacolo del 900, a cura di Felice Cappa e Piero Gelli, Baldini e Castoldi: Teatro, Danza, Rivista, Varietà, Musical, Cabaret, Circo, Performance (consultabile on line: Patrice Pavis, Dizionario del teatro; edizione italiana a cura di Paolo Bosisio, Bologna, Zanichelli, 1998 Storie AA. VV., Storia del teatro moderno e contemporaneo, a cura di ROBERTO ALONGE e GUIDO DAVICO BONINO, Torino, Einaudi, , 4 voll. Annuari Il Patalogo (1979-), diretto da Franco Quadri: informa criticamente degli eventi di teatro nel mondo, con materiali documentari, schede critiche, discussioni di problemi, registi. Repertorio di tutto il teatro prodotto in quell anno. Riviste La stampa specializzata sullo spettacolo comprende: le cronache nei giornali, nei mensili, nelle riviste di cultura (imparare a distinguere presentazioni da recensioni); riviste di informazione teatrale: per esempio, Hystrio ; Sipario ; Giornale dello spettacolo ; Teatri delle diversità ; riviste di studi: per esempio, il castello di elsinore ; Teatro e storia ; Biblioteca teatrale ; Culture teatrali ; Prove di drammaturgia ; Acting archives (http://www.actingarchives.it/); Mimesis Journal (http://www.ojs.unito.it/index.php/mj). Siti di informazione teatrale 10

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina (adattatto da: http://it.wikipedia.org/wiki/bibliografia, ultimo accesso: 16/9/2013) Caterina Ferrario, 16/9/2013 1. Definizione: Per bibliografia

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari

Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Storia contemporanea 1 Prof. Tommaso Detti Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari Dato che dovrete scrivere delle

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE

GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE STRUTTURA DELL ELABORATO Frontespizio In Appendice è riportato un facsimile di frontespizio. Indice La definizione dell INDICE costituisce il punto di partenza e non

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

COME SI FA UNA TESI DI LAUREA O UN ELABORATO FINALE NELLA FACOLTA DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE

COME SI FA UNA TESI DI LAUREA O UN ELABORATO FINALE NELLA FACOLTA DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE COME SI FA UNA TESI DI LAUREA O UN ELABORATO FINALE NELLA FACOLTA DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE A cura di Raffaele Mantegazza Responsabile ufficio orientamento tesi NB: si danno per scontate e per acquisite

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

COME SI SCRIVE UNA TESINA

COME SI SCRIVE UNA TESINA UNIVERSITÀ DI STOCCOLMA Dipartimento di francese, italiano e lingue classiche Luminiţa Beiu-Paladi COME SI SCRIVE UNA TESINA COMPENDIO AGOSTO 2012 0. INTRODUZIONE... 2 1. IL LAVORO SPECIALE PER KANDIDATEXAMEN...

Dettagli

GUIDA alla stesura finale della TESI

GUIDA alla stesura finale della TESI GUIDA alla stesura finale della TESI qualche consiglio utile Ascoltando da più di trent anni le Vostre domande relative all impaginazione della tesi, abbiamo pensato che la nostra professionalità acquisita

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

Taranto in short. Bando

Taranto in short. Bando Taranto in short Bando L Associazione culturale Mente Acrobatica con il sostegno dell Associazione Palio di Taranto e del Castello Spagnolo di Statte, organizza per il mese di Luglio 2015 la seconda edizione

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

" Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA!

 Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! ALL OUR YESTERDAYS Scene di vita in Europa attraverso gli occhi dei primi fotografi (1839-1939) 11 aprile - 2 giugno 2014 Pisa, Museo della Grafica, Palazzo Lanfranchi LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! Ognuno

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CIRCOLARE PER L APPLICAZIONE DELLE REICAT IN SBN

CIRCOLARE PER L APPLICAZIONE DELLE REICAT IN SBN Parte I: Descrizione bibliografica e dell esemplare CIRCOLARE PER L APPLICAZIONE DELLE REICAT IN SBN La maggior parte delle regole presenti nelle REICAT possono essere applicate e va sottolineato anzi

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

edizionidipagina norme redazionali

edizionidipagina norme redazionali edizionidipagina ( norme redazionali Abbiamo raccolto le seguenti Norme allo scopo di unificare i criteri di composizione delle nostre edizioni. Per agevolare il lavoro redazionale e tipografico, è opportuno

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Guida alla Tesi di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale N. O., in Educatore Professionale e Scienze dell Educazione V. O.

Guida alla Tesi di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale N. O., in Educatore Professionale e Scienze dell Educazione V. O. Guida alla Tesi di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale N. O., in Educatore Professionale e Scienze dell Educazione V. O. 1. Introduzione generale La Tesi di Laurea 1 costituisce per lo studente/ssa

Dettagli